Accade all UE. n 264. settimana dall 1 al 5 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l 26 a l 29 g i u g n o

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accade all UE. n 264. settimana dall 1 al 5 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l 26 a l 29 g i u g n o 2 0 1 5"

Transcript

1 Accade all UE n 264 B o l l e t t i n o d i n f o r m a z i o n e s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e settimana dall 1 al 5 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l 26 a l 29 g i u g n o

2 L Editoriale Entro venerdì la Commissione renderà nota la sua prima valutazione sul disegno di legge di stabilità italiano, ma ci si aspetta anche un intervento, per una volta, sui conti tedeschi che fa già molto rumore a Berlino. Del giudizio di Bruxelles sul testo del governo Letta sono già uscite alcune anticipazioni sulla stampa che parlano forse in modo eccessivamente ottimistico - di un parere "sostanzialmente positivo" sulla manovra, a condizione che si mantengano la traiettoria e i saldi di quanto mandato a Bruxelles, cioè del testo varato da Letta e Saccomanni. Naturalmente, in mezzo, ci sono i tremila e passa emendamenti ed è chiaro quindi che l esercizio è estremamente difficile perché dall Europa verrà un monito a chiudere la partita a saldi invariati, mentre non è certo che questa sia la linea delle forze politiche, specie nella fase convulsa che stiamo vivendo. Molto probabilmente, la Commissione metterà in rilievo l impegno del governo a tenere la barra del limite del 3% sul quale si è già espressa la scorsa settimana e farà capire che solo rispettando scrupolosamente le tabelle di marcia annunciate (cioè un deficit nel 2014 al 2,7%) può aprirsi concretamente la possibilità di attivare i meccanismi di flessibilità previsti dal sistema di governance europeo che ci consentirebbe di scorporare somme (due o tre miliardi per esempio) per investimenti senza intaccare i limiti stabiliti. E questo senza dubbio lo scenario al quale pensa Letta quando chiede che il suo governo sia giudicato "a fine 2014". Vedremo nelle prossime due/tre settimane se questo scenario sarà U l t i m a c h i a m a t a p e r l a G r e c i a Lunedì a Berlino si è tenuto l ennesimo vertice sulla situazione greca alla presenza di Angela Merkel, padrona di casa, François Hollande, Jean-Claude Juncker, Mario Draghi e Christine Lagarde. Obiettivo: salvare il soldato Tsipras, ma non ad ogni costo. La posta in gioco è sempre la stessa, da una parte la richiesta di una lunga serie di riforme, dall altra lo sblocco immediato dei finanziamenti che permettano alla Grecia di far fronte ai suoi bisogni e rilanciare la crescita nonché, magari, un ipotesi di ristrutturazione del debito. Vedremo come andrà a finire con Tsipras, che proprio oggi ha presentato un ennesimo piano, alle prese da un lato con questa sorta di ultimatum e dall altro con la sua base elettorale, che di ultimatum europei non ne vuol sapere. Naturalmente quanto è accaduto ieri è importante anche per altri motivi. Innanzitutto il vertice, informale o meno, si è tenuto come altri in precedenza a Berlino e non a Bruxelles o Francoforte; e poi perché, naturalmente, e come direbbe Nanni Moretti, ci sono occasioni in cui le assenze si notano almeno quanto le presenze. M a d e I n, a n c o r a u n n o d a l f r o n t e d e i p a e s i c o n t r a r i. M a q u a l c o s a s i m u o v e Ennesimo scontro frontale sul Made In al Consiglio Competitività tenutosi giovedì 28 maggio a Bruxelles. Il fronte dei Paesi pervicacemente contrario al Made In, non solo alla proposta iniziale della Commissione europea dell obbligo di indicazione d origine per l insieme dei prodotti non alimentari, ma anche alla proposta di mediazione di limitarlo a cinque settori e financo allo striminzito compromesso lettone di ridurne l applicazione al settore delle calzature e a parte della ceramica, ha cercato fino in fondo di imporre lo stralcio del concetto stesso di Made In dalla proposta di regolamento sulla sicurezza dei prodotti discussa giovedì. 2

3 L Editoriale Entro venerdì la Commissione renderà nota la sua prima valutazione sul disegno di legge di stabilità italiano, ma ci si aspetta anche un intervento, per una volta, sui conti tedeschi che fa già molto rumore a Berlino. Del giudizio di Bruxelles sul testo del governo Letta sono già uscite alcune anticipazioni sulla stampa che parlano forse in modo eccessivamente ottimistico - di un parere "sostanzialmente positivo" sulla manovra, a condizione che si mantengano la traiettoria e i saldi di quanto mandato a Bruxelles, cioè del testo varato da Letta e Saccomanni. Naturalmente, in mezzo, ci sono i tremila e passa emendamenti ed è chiaro quindi che l esercizio è estremamente difficile perché dall Europa verrà un monito a chiudere la partita a saldi invariati, mentre non è certo che questa sia la linea delle forze politiche, specie nella fase convulsa che stiamo vivendo. Molto probabilmente, la Commissione metterà in rilievo l impegno del governo a tenere la barra del limite del 3% sul quale si è già espressa la scorsa settimana e farà capire che solo rispettando scrupolosamente le tabelle di marcia annunciate (cioè un deficit nel 2014 al 2,7%) può aprirsi concretamente la possibilità di attivare i meccanismi di flessibilità previsti dal sistema di governance europeo che ci consentirebbe di scorporare somme (due o tre miliardi per esempio) per investimenti senza intaccare i limiti stabiliti. E questo senza dubbio lo scenario al quale pensa Letta quando chiede che il suo governo sia Questo tentativo è stato però respinto dal gruppo dei Paesi capitanati da Italia e Francia, i cosiddetti Amici del Made In, che hanno appunto contrapposto, sulla base del recente studio commissionato dall Unione europea, la proposta di limitare l ambito di applicazione della norma a tessili, calzature, ceramiche, mobili e gioielli, aggiungendo anche, dopo tre o cinque anni, una clausola di revisione. Proposte estremamente misurate specie se confrontate alla situazione in vigore nelle altre aree economiche mondiali, ma che non sono bastate a convincere il fronte dei Paesi più intransigenti. Tutto quindi è ancora una volta rinviato (ed ampiamente commentato, per Confindustria, dalla Vice Presidente per l Europa Lisa Ferrarini). Ma il lungo dibattito, tenutosi giovedì, ha permesso di far emergere qualche distinguo nel fronte dei Paesi contrari, in particolare da parte della Polonia, e di registrare l irritazione della Commissione per la totale rigidità dimostrata dal fronte del no. Non è molto, ma è qualcosa. G i a n f r a n c o D e l l A l b a 3

4 settimana dall 1 al 5 giugno novembre L a S e t t i m a n a A giudicare dalle agende delle riunioni ufficiali delle istituzioni europee, la settimana che si è aperta ieri sarà una settimana tranquilla, oltre che fredda: niente da segnalare per quanto riguarda Commissione e Consiglio, mentre in Parlamento si riuniranno i gruppi politici, per preparare la sessione plenaria di Strasburgo di settimana prossima. In aggiunta, si riuniscono anche alcune commissioni parlamentari, tra le quali segnaliamo la commissione LIBE, dove si terrà un dibattito sull immigrazione e sulla situazione nel mare Mediterraneo. A livello informale, invece, la situazione è più complessa: lunedì si sono riuniti a Berlino, dalla Cancelliera Merkel, il Presidente francese Hollande e il Presidente della Commissione Juncker, ai quali si sono aggiunti il Presidente Draghi e la Direttrice Generale del Fondo Monetario Internazionale Lagarde, per alcune discussioni informali che, secondo molti, hanno riguardato soprattutto la situazione greca. Martedì invece, in una riunione che certo susciterà molto meno interesse da parte dei media, il relatore sulla proposta di Direttiva sui diritti degli azionisti, Sergio Cofferati, si riunirà con gli shadow rapporteur dei gruppi politici, per vedere se è possibile trovare un accordo globale in vista del voto, previsto per settimana prossima a Strasburgo. M a t t e o B o r s a n i 4

5 settimana dall 1 al 5 giugno novembre 1. C OMITATO DELLE REGIONI S e s s i o n e p l e n a r i a d e l C o m i t a t o d e l l e R e g i o n i 2. B ANDI E FINANZIAM ENTI P r o g r a m m i e b a n d i Resoconto della settimana dal 26 al 29 maggio

6 1. C OMITATO DELLE REGIONI S E S S I O N E P L E N A R I A D E L C O M I T A T O D E L L E R E G I O NI Il 4 giugno durante la sessione plenaria del Comitato delle regioni ( 3-4 giugno), il Presidente della Commissione Jean Claude Juncker discuterà del ruolo delle autorità locali e regionali nel nuovo piano di investimento per l Europa. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido [Torna su] 6

7 2. B ANDI E FINANZIAM ENTI P R O G R A M M I E B A N D I Il 1 Giugno 2015, nel quadro del Programma di lavoro del programma LIFE per il periodo , la Commissione europea ha pubblicato i nuovi bandi per l'annualità I bandi finanzieranno diverse tipologie di progetti nell ambito dei due sottoprogrammi previsti dal Programma: il Sottoprogramma per l Ambiente e il Sottoprogramma Azione per il clima. In particolare, le sovvenzioni finanzieranno le seguenti tipologie di progetti: Progetti tradizionali, progetti preparatori, progetti integrati, progetti di assistenza tecnica e progetti di capacity building. Il sottoprogramma Ambiente è costituito da 3 settori prioritari: A M B I E N T E Ambiente ed uso efficiente delle risorse; Natura e biodiversità ; Governance ed informazione in materia ambientale. Il sottoprogramma Azione per il clima si focalizza invece solo sui seguenti settori prioritari: C L I M A Mitigazione dei cambiamenti climatici ; Adattamento ai cambiamenti climatici ; Governance ed informazione in materia di clima. Il bilancio complessivo per le sovvenzioni delle azioni previste per progetti nell ambito del bandi 2015 è di Euro. Di questi, Euro sono previsti per il sottoprogramma Ambiente e Euro per il sottoprogramma Azione per il clima. Almeno il 55% delle risorse di bilancio destinate ai progetti finanziati nell ambito del sottoprogramma Ambiente saranno dedicate ai progetti a sostegno della conservazione della natura e della biodiversità. Il tasso massimo di cofinanziamento comunitario per i progetti sarà fino al 60 % dei costi ammissibili. Fanno eccezione i seguenti i progetti incentrati su specie e habitat prioritari di cui al settore Natura e Biodiversità del sottoprogramma Ambiente per i 7

8 quali è previsto un tasso di cofinanziamento pari al 75% e i progetti di capacity building che beneficiano di un tasso pari al 100%. La scadenza per la presentazione delle domande per i progetti tradizionali è prevista per: Titolo Data di apertura Data chiusura di Mitigazione dei cambiamenti 1 giugno settembre climatici 2015 Adattamento Cambiamenti 1 giugno settembre Climatici 2015 Clima Governance & 1 giugno settembre Informazione 2015 Ambiente & Resource Efficiency 1 giugno ottobre 2015 Natura & Biodiversità 1 giugno ottobre 2015 Governance e Informazione Ambientale 1 giugno ottobre 2015 Le scadenze per la presentazione delle domande relative alle altre tipologie di progetti sono previste per: Tipologia di sovvenzione Data di apertura Data chiusura di Progetti preparatori 1 giugno ottobre 2015 Progetti integrati Progetti di assistenza tecnica Progetti di capacity building 1 giugno ottobre giugno settembre giugno settembre

9 È possibile scaricare qui i documenti relativi al bando. Per maggiori informazioni: Leonardo Pinna Stefano Arciprete Ed Ilaria Giannico [Torna su] 9

10 Resoconto della settimana dal 26 al 29 maggio 10

11 settimana dal 26 al 29 maggio ovembre 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I B i l a n c i I n d u s t r i a, R i c e r c a e d E n e r g i a L i b e r t à c i v i l i, g i u s t i z i a e A f f a r i i n t e r n i M e r c a t o i n t e r n o e P r o t e z i o n e d e i c o n s u m a t o r i P r o b l e m i e c o n o m i c i e m o n e t a r i 2. A C C ADE IN CONSIGLIO C o n s i g l i o c o m p e t i t i v i t à A c c o r d o t r a C o n s i g l i o e P a r l a m e n t o e u r o p e o s u l F o n d o e u r o p e o p e r g l i i n v e s t i m e n t i s t r a t e g i c i 11

12 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I B I L A N C I Il 27 maggio, i deputati della commissione parlamentare per i Bilanci (BUDG) hanno accolto con favore il progetto di bilancio UE per il 2016, presentato dalla Vicepresidente della Commissione Kristalina Georgieva subito dopo la riunione del Collegio dei Commissari. Si tratta di una proposta che, seppur ristretta, sembra essere ben e meglio focalizzata sulle priorità espresse dal Parlamento europeo nella risoluzione approvata a larghissima maggioranza lo scorso marzo: misure a sostegno della creazione di lavoro e alla crescita, solidarietà tra i Paesi dell'unione europea e con le regioni in difficoltà. Il Progetto prevede impegni per 153,5 miliardi di euro (1,04% del RNL UE; - 5,2% rispetto al 2014 considerando la riprogrammazione del QFP) e pagamenti per 143,5 miliardi di euro (0,98% del RNL UE; +1,6% rispetto al 2015). Il documento sarà esaminato dal Consiglio (entro luglio) e dal Parlamento Europeo (in ottobre). Nelle prossime settimane, la commissione BUDG predisporrà il mandato per la delegazione che dovrà negoziare il progetto con il Consiglio. Entrambe le autorità di bilancio vi apporteranno gli emendamenti di competenza. Seguirà la conciliazione interistituzionale volta all adozione definitiva del bilancio a fine novembre. A partire da questa settimana inizierà il dibattito al Comitato bilancio del Consiglio. Per maggiori informazioni: Maria Cristina Scarfia [Torna su] 12

13 I N D U S T R I A, R I C E R C A E D E N E R G I A S C A M B I O D I O P I N I O N I C O N I L C O M M I S S A R I O P E R L E C O N O M I A E S O C I E T À D I G I T A L I G Ü N T H E R O E T T I N G E R Il 28 maggio, in commissione parlamentare ITRE ha avuto luogo uno scambio di opinioni con il Commissario per l economia e società digitali Günther Oettinger, per discutere della tabella di marcia per il completamento del mercato unico digitale. Il Commissario Oettinger ha ricordato come la strategia europea per il mercato unico digitale miri ad accelerare lo sviluppo digitale e la competitività europea, sottolineando l importanza delle infrastrutture, il valore economico dei dati e della sicurezza di questi e la conseguente importanza della Direttiva NIS (Network and Information Security) della quale si occuperanno in particolare la DG CONNECT E DIGIT. Quanto all industria europea, Oettinger ha sottolineato l importanza, specie per il settore meccanico, chimico e bancario, di una trasformazione digitale con l obiettivo di aumentare la competitività industriale, attrarre gli investimenti e creare nuovi posti di lavoro. Inoltre, Oettinger ha ribadito la volontà di voler creare un level playing field per i fornitori di contenuto, in particolare, nella riforma della Direttiva sui servizi dove potrebbero essere introdotti degli obblighi per gli OTT. Il dibattito in aula ha trattato vari temi, come: l importanza dei fondi europei per le infrastrutture, la promozione e lo sviluppo delle competenze digitali, la conclusione dei negoziati sul mercato unico delle telecomunicazioni con particolare riferimento al roaming e alla validità delle ragioni economiche che impediscono la riduzione di tali tariffe e agli interessi economici dei governi sulla questione. Inoltre, si è discussa la possibilità di creare delle certificazioni che indichino i livelli di sicurezza fornita dai providers.inoltre è stata ribadita l importanza dell'industria 4.0 per il completamento della strategia ed è stato messo in evidenza il fatto che nelle azioni previste dalla strategia manchi un chiaro riferimento alla definizione di economia industriale. L On Salini (PPE) si è concentrato sul legame tra agricoltura e industria 4.0 e sull impatto che la tecnologia può avere su questo settore. Tuttavia, secondo l Onorevole non bisogna eccedere con le regolamentazioni rischiando di bloccare l innovazione. Inoltre, particolare attenzione è stata riservata alle tempistiche per l adozione degli atti legislativi a livello europeo, che spesso, per varie ed ovvie ragioni, si bloccano in Consiglio. Per ridurre i tempi lunghi del iter legislativo il commissario Oettinger ha 13

14 invitato il Parlamento a conferire il mandato a negoziare al relatore nel minor tempo possibile. Riguardo ai chiarimenti richiesti sulle somme del FEIS destinate al digitale, il Commissario ha riferito dei requisiti di accesso alla garanzia e dei criteri di finanziamento che saranno stabiliti nei prossimi giorni col fine di attrarre gli investimenti privati anche nelle zone rurali. Infine, quanto al roaming e alla neutralità della rete si terrá tra due settimane una colazione di lavoro in Consiglio al fine di adottare una possibile decisione prima della fine della Presidenza lettone. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido [Torna su] L I B E R T À C I V I L I, G I U S T I Z I A E A F F A R I I N T E R N I D I A L O G O S T R U T T U R A T O C O N V Ĕ R A J O U R O V Á, C O M M I S S A R I O P E R L A G I U S T I Z I A, I C O N S U M A T O R I E L A P A R I T À D I G E N E R E, E D I M I T R I S A V R A M O P O U L O S, C O M M I S S A R I O P E R L A M I G R A Z I O N E, G L I A F F A R I I N T E R N I E L A C I T T A D I N A N Z A Il 26 maggio, durante la riunione della commissione parlamentare LIBE a Bruxelles, si è tenuto il dialogo strutturato con Vĕra Jourová, Commissario europeo per la giustizia, la tutela dei consumatori e l'uguaglianza di genere. Il Commissario Jourová è intervenuta sulle iniziative che la Commissione ha intrapreso nel 2015 e sui fascicoli ancora aperti, mentre riguardo al programma di lavoro della Commissione per il 2016, ha chiesto alla commissione parlamentare LIBE proposte e suggerimenti in materia di diritto penale e diritti fondamentali, anche in riferimento al programma del 2016 per le carceri. Le priorità della Commissione, indicate dal Commissario, riguardano la chiusura dei fascicoli aperti, come la Riforma della protezione dei dati (e i relativi negoziati con gli USA), la Direttiva sull ufficio del procuratore europeo, sui diritti procedurali e sull agenzia Eurojust. Allo stesso tempo, tra le nuove iniziative, ci sono l estensione del registro ECRIS ai paesi terzi e la questione della radicalizzazione nelle carceri, nell ambito dell agenda europea per la sicurezza. Riguardo al registro ECRIS, il Commissario Jourová ha fatto presente che il sistema non funziona in modo efficace per i cittadini di paesi terzi e che, a tal proposito, la Commissione intende trovare una soluzione che consideri la protezione dei dati e garantisca i diritti fondamentali. 14

15 Sulla Direttiva Anti-frode, il Commissario Jourová ha indicato la necessità di trovare un compromesso sulle questioni dell inclusione dell Iva e sulle norme e le sanzioni per i casi di frodi gravi, nell obiettivo di rafforzare il quadro giuridico per proteggere gli interessi finanziari dell Unione. Sul tema del Procuratore europeo (EPPO), la Commissione è d accordo con il Parlamento nell auspicare una procura europea efficiente e indipendente. Per questo, la Commissione vuole che l EPPO lavori come un organo unico e indivisibile, con un regime specifico per le indagini transfrontaliere applicato dai procuratori delegati europei. Nei prossimi mesi, la Commissione concentrerà i propri sforzi sull EPPO per renderlo operativo entro il Rispetto al fenomeno della radicalizzazione nelle carceri, il Commissario ha ribadito che nell ambito dell agenda per la sicurezza, l elevato rischio di radicalizzazione e reclutamento di terroristi nei siti di detenzione richiede un azione a livello europeo. Per questo, il 18 e 19 ottobre verrà organizzata una conferenza di alto livello con la Presidenza del Consiglio lussemburghese per uno scambio di best practices in materia. Le domande dei coordinatori dei gruppi politici in seno alla commissione si sono concentrate sulla protezione dei dati e l abbandono del Safe Harbour, sulle misure per rafforzare i diritti fondamentali negli Stati Membri (SM), specialmente riguardo all integrazione dei rom in alcuni paesi e riguardo la roadmap per diritti LGBT. Inoltre, gli interventi hanno anche sottolineato l importanza di procedere con le politiche antiterrorismo attraverso un armonizzazione delle definizioni giuridiche. Il coordinatore dell EFDD, l On. Ferrara (Italia), ha presentato l intenzione della commissione LIBE di lavorare a un report d iniziativa sulla lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione, chiedendo al Commissario Jourová se la Commissione abbia intenzione di intraprendere iniziative per fissare norme minime comuni o di armonizzazione sulle definizioni giuridiche di criminalità organizzata e sul reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, o se ci siano proposte della Commissione riguardo l armonizzazione delle norme sui reati ambientali. L On. Ferrara ha evidenziato la necessità di prevedere strumenti preventivi per la lotta alla corruzione e di prendere in considerazione misure alternative alla detenzione per far fronte al problema della radicalizzazione nelle carceri. Intervenendo sulla riforma della Protezione dei dati, il Commissario Jourová ha detto che a giugno il Consiglio potrà formulare una proposta generale in materia e si è detta fiduciosa che il dialogo con gli Stati Uniti si concluda presto sia per il principio del Safe Harbour che per l Accordo Ombrello, anche se dato che le raccomandazioni che riguardano l utilizzo dei dati da parte della NSA sono molto delicate dal punto di vista politico, è improbabile che i negoziati possano concludersi entro la fine di maggio. La Commissione, comunque, deciderà se abbandonare o meno il principio del Safe 15

16 Harbour dopo la conferenza straordinaria di Riga, nel caso le garanzie degli Stati Uniti non fossero sufficienti. In ogni caso, il Commissario si è detto contrario a mantenere questo principio attivo. Per l Accordo Ombrello, invece, la Commissione ha già un progetto di testo, con il solo punto in sospeso dei dati che passano dal livello federale a quello statale e la conseguente questione della responsabilità per questi dati. Infine, riguardo al Regolamento per la protezione dei dati, il Commissario ha spiegato che si tratterà ancora di un pacchetto, ma che i negoziati saranno probabilmente lunghi. Il 24 giugno ci sarà il primo trilogo, mentre il secondo sarà il 16 luglio. Per maggiori informazioni: Matteo Carlo Borsani [Torna su] M E R C A T O I N T E R N O E P R O T E Z I O N E D E I C O N S U M A T O R I R I U N I O N E D E L G R U P P O D I L A V O R O S U L M E R C A T O U N I C O D I G I T A LE Martedì 26 maggio ha avuto luogo la terza riunione del gruppo di lavoro sul mercato unico digitale in commissione parlamentare Mercato Interno e protezione dei consumatori (IMCO), sulla strategia The Digital Single Market stategy for Europe, presentata dalla Commissione europea il 6 maggio. All incontro hanno partecipato i rappresentanti del Parlamento, della Commissione e delle rappresentanze permanenti del Regno Unito e dell Estonia. L On. Róża Gräfin von Thun und Hohenstein (PPE, Polonia), presidente del gruppo di lavoro, nel suo discorso introduttivo, ha sottolineato l importanza del confronto tra stakeholder e istituzioni nonché la necessità di coordinamento tra quest ultime. Mentre, l On Vicky Ford (S&D,Regno Unito), presidente della commissione parlamentare IMCO, ha sottolineato che la relazione d'iniziativa legislativa del PE sulla strategia europea per il mercato unico digitale sarà redatta in collaborazione con diverse commissioni parlamentari che saranno competenti per diverse aree e azioni della strategia. Ad esempio, la commissione JURI si concentrerà principalmente sul copyright e il geo-blocking, la LIBE sulla protezione dei dati, l IMCO sul e-commerce. Claire Bury della DG GROW si è concentrata principalmente su tre azioni della strategia per il mercato unico digitale: il sistema di spedizione dei pacchi, il geo-blocking, e il ruolo delle piattaforme. Quanto al primo, la Commissione ha già avviato due consultazioni e a giugno è previsto un incontro con gli stakeholder. Con riferimento al geo-blocking, è stato precisato che non dovranno sussistere discriminazioni in base alla nazionalità o al principio di residenza, mentre si dovrà intervenire sul applicazione dell art. 20 della Direttiva sui servizi. Secondo Bury sarà anche necessario uno studio del ruolo delle piattaforme che si concentri in particolar modo sulle relazioni B2B. 16

17 L obiettivo finale sarà quello di assicurare un level playing field per tutti gli attori coinvolti e una maggiore trasparenza per favorire lo sviluppo delle PMI. La DG GROW si concentrerà, tra le altre cose, sulle azioni di e-governement, standardizzazione, big data e diritti d autore. Despina Spanou della DG JUST ha ribadito che le azioni riguardo al sistema di spedizione dei pacchi devono essere mirate e tenere in conto le due maggiori preoccupazioni dei consumatori europei ovvero: i tempi di consegna e i prezzi. Martin Bailey, capo unità dell unità F1 della DG CNECT, ha ribadito con riferimento al geo-blocking - che questo non riguarda solo i contenuti ma anche aspetti commerciali come ad esempio il noleggio di autovetture o la prenotazione di pernottamenti in hotel. Inoltre, una regolamentazione delle piattaforme sarà contemplata solo se ci sarà la necessità di garantire un accesso equo al mercato. Il dibattito parlamentare che ha fatto seguito si è concentrato sugli altri aspetti della strategia, in particolare, sull e-government, sull adozione di standard per la fornitura di contenuti digitali, sulla necessità di definizioni chiare e precise, sulla mancata attenzione alla sharing economy nella strategia europea per il mercato unico digitale e sulla necessità di creare un level playing field tra i creatori di contenuti. Dal fronte del Consiglio, è stato invece sottolineato il lavoro difficile che spetterà agli Stati membri per rispettare gli obiettivi contenuti nella strategia che potrebbero essere complicati in sede di negoziato. Tra gli aspetti più controversi il copyright e il geoblocking e nello specifico la questione del principio di territorialità, della spedizione transfrontaliera dei pacchi e infine, la definizione del ruolo delle piattaforme. Il prossimo incontro del gruppo di lavoro si terrà il 13 luglio. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido [Torna su] P R O B L E M I E C O N O M I C I E M O N E T A R I Durante la riunione della commissione per i problemi economici e monetari (ECON) dello scorso 26 maggio, gli eurodeputati hanno rigettato (con 30 voti contrari e 29 a favore ed 1 astenuto) il progetto di relazione dell On. Gunnar Hökmark (PPE, Svezia) sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulle misure strutturali volte ad accrescere la resilienza degli enti creditizi dell'ue. 17

18 Si ricorda che tale proposta, presentata all inizio del 2014 dall ex Commissario Michel Barnier sulla base del rapporto Liikanen, proponeva la separazione tra le attività di trading tipiche delle banche d'affari e le attività di banca commerciale che riguardano i servizi al cittadino o alle imprese (depositi, prestiti e pagamenti). Si tratta di un voto che era stato già rimandato di diversi mesi a causa di divergenze inconciliabili tra la posizione del relatore popolare e del relatore ombra per parte socialista, l On. Jakob von Weizsäcker (Germania). In particolare, mentre i deputati socialisti supportavano un certo livello di obbligatorietà basato sulla dimensione delle banche, l On. Hökmark voleva inserire elementi di discrezionalità che avrebbero permesso al supervisore di agire nella maniera ritenuta più appropriata sulla base di un approccio basato sul rischio. Il futuro del progetto della relazione sarà ora deciso dai coordinatori dei diversi partiti nel corso della consueta riunione con il presidente della commissione ECON, l On. Roberto Gualtieri, che si terrà a Strasburgo. Le alternative possibili sono o di dare più tempo al relatore al fine di ottenere un consenso più ampio sugli emendamenti di compromesso (opzione che avrebbe il vantaggio di permettere alla commissione ECON di finalizzare la propria posizione prima che il Consiglio raggiunga un approccio generale previsto per il mese di giugno/luglio) o di riniziare tutto il processo a partire dalla nomina di un nuovo relatore e di un nuovo team di relatori ombra opzione, quest ultima, menzionata anche dalla coordinatrice del gruppo S&D, l On. Elisa Ferreira (Portogallo) al termine del voto. Per maggiori informazioni: Viviana Padelli [Torna su] 2. A C C ADE IN CONSIGLIO C O N S I G L I O C O M P E T I T I V I TÀ Il 27 e 28 maggio, si è tenuto a Bruxelles il Consiglio Competitività sotto la guida della Presidenza lettone dell UE. Il primo giorno, i ministri dell industria dei 28 hanno discusso la Strategia per il Mercato Unico Digitale per l Europa, presentata dalla Commissione europea il 6 maggio scorso, e adottato le conclusioni sul tema Digital Transformation of European industry. Le conclusioni evidenziano la necessità di mettere in campo specifiche azioni per la trasformazione digitale dell'industria e di sostenere lo sviluppo dell imprenditorialità digitale e delle start-up innovative. 18

19 Il Consiglio ha riconosciuto i vantaggi della digitalizzazione dell'industria e il suo potenziale per la crescita, la creazione di nuovi posti di lavoro e la competitività europea e sottolineato come sia necessario un quadro normativo coerente e stabile per favorire l innovazione e la digitalizzazione dell industria. I Ministri hanno quindi invitato la Commissione a: (I) proporre un piano d azione per la digitalizzazione dell industria, alla luce del fatto che solo il 2% delle PMI europee si avvale dell uso di internet per la commercializzazione dei prodotti online e che il 40% non fa uso di tecnologie digitali; (II) a introdurre la dimensione digitale come parte integrante del processo di valutazione d'impatto e adattare la legislazione esistente all era digitale nel quadro del processo di REFIT e (III) ad informare il Consiglio dei progressi entro la fine del Inoltre, entro la stessa data, il Consiglio invita la Commissione a sviluppare un modello europeo di best practices per la trasformazione digitale delle industrie negli Stati membri. I Ministri hanno inoltre riconosciuto la necessità di adottare, in collaborazione con gli stakeholders e le industrie, degli standard di interoperabilità al fine di assicurare servizi e prodotti di qualità, sicuri ed affidabili. A tal proposito, il Consiglio invita la Commissione a presentare al Consiglio un piano per l uso coerente degli standards - conformi a quelli riconosciuti a livello internazionale - entro la prima metà del Tali standards serviranno nel campo dei Big Data, dell IoT e delle comunicazioni wireless 5G. Nelle conclusioni si ribadisce più volte l importanza di un dialogo tra stakeholders, industrie e istituzioni, cosi' come avvenuto nella multi-stakeholder partnership Grand Coalition for Digital Jobs", che pertanto dovrebbe proseguire anche durante il mandato della nuova Commissione. Inoltre, al fine di massimizzare il potenziale delle PMI e delle start-up, le conclusioni del Consiglio mettono in evidenza la necessità di favorire l accesso ai finanziamenti e il ruolo che il Fondo Strategico per gli investimenti (FEIS) potrebbe avere nella trasformazione digitale delle industrie. I Ministri invitano poi la Commissione a promuovere l uso di strumenti digitali interoperabili per ridurre gli oneri amministrativi e burocratici delle PMI. Le conclusioni, evidenziano, tra le altre cose, le diverse conseguenze che la trasformazione digitale delle industrie avrà sui lavori tradizionali e sulla formazione del capitale umano; per tale ragione si invitano gli Stati membri ad assicurare la formazione di competenze digitali e la Commissione a favorire il riconoscimento di queste competenze in tutti gli Stati europei, per facilitare la mobilità dei lavoratori. 19

20 Infine, con l obiettivo di monitorare i progressi nell implementazione della strategia per il mercato unico digitale, i Ministri hanno invitato la Commissione a presentare una relazione annuale sull implementazione della strategia a partire da maggio Durante la giornata del 29 maggio, dedicata alla parte ricerca, i Ministri competenti hanno adottato delle conclusioni in merito alla strategia per uno Spazio Europeo della Ricerca (SER). Nel febbraio 2014, il Consiglio Competitività aveva invitato gli Stati membri a collaborare con il Comitato per lo Spazio europeo della ricerca (ERAC) al fine di predisporre entro la metà del 2015 una strategia per la costituzione dell area. Rispondendo a tale richiesta era stato realizzato un documento che identificava un numero limitato di priorità destinate ad avere un impatto sui sistemi di ricerca ed innovazione europei. Nelle conclusioni del 29 maggio, il Consiglio ha nuovamente sottolineato l importanza del SER quale pilastro essenziale della Strategia Europa 2020 e riaffermato l impegno a renderlo pienamente operativo grazie a sforzi coordinati sia a livello nazionale che a livello europeo. I Ministri competenti hanno inoltre invitato l ERAC a proporre entro la fine del 2015 una serie di indicatori e metodi tramite i quali monitorarne lo stato di avanzamento. Il Consiglio ha ugualmente evidenziato l importanza di inserire la strategia per la costituzione del SER in un contesto più ampio che comprenda anche la strategia per il Mercato unico digitale e l Unione dell Innovazione e ha richiesto agli Stati membri di includere, laddove appropriato, le misure tese all implementazione della strategia all interno dei rispettivi Piani nazionali di ricerca. Con specifico riguardo alle priorità indicate all interno della strategia per il SER il Consiglio ha richiesto agli Stati membri di : Iniziare la fase d implementazione delle azioni prioritarie indicate all interno della strategia; Rafforzare la valutazione delle politiche di innovazione cercando altresì complementarietà tra gli strumenti esistenti a livello nazionale ed europeo ; Migliorare l allineamento tra le iniziative di Joint programming (JPI) Fare un uso ottimale degli investimenti pubblici nelle infrastrutture per la ricerca attraverso la predisposizione di priorità nazionali che siano compatibili con quelle individuate dal forum europeo per le infrastrutture per la ricerca Utilizzare procedure di selezione aperte e trasparenti e fondate sul merito con riferimento ai temi della ricerca Implementare politiche a sostegno della disseminazione della conoscenza al fine di massimizzare l appropriazione dei risultati della ricerca. I ministri hanno poi affrontato il tema della ricerca aperta e ad alta intensità di dati come motore per l innovazione e ricordato la necessità di sostenere lo sviluppo di conoscenze nel campo degli strumenti legati al mondo digitale. I Ministri competenti hanno inoltre riconosciuto l importanza di un economia basata sui dati, il bisogno di rafforzare il flusso dei dati in Europa nonché l importanza del digitale come motore per 20

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI Un piano di investimenti per l Europa IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI REG2015/1017 Audizione presso la XIV Commissione del Senato Politiche dell Unione europea Roma, 22 luglio 2015 Adozione

Dettagli

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE TITOLO APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE L idea sottostante al Piano d investimenti per l Europa, meglio conosciuto come Piano Juncker, è che le difficoltà dell economia europea

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

11. Scambio di opinioni con Elżbieta Bieńkowska, Commissario responsabile per il Mercato interno, l industria, l imprenditoria e le PMI

11. Scambio di opinioni con Elżbieta Bieńkowska, Commissario responsabile per il Mercato interno, l industria, l imprenditoria e le PMI TITOLO Riunione Commissione IMCO LUOGO E DATA 6 Maggio 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles Commissione per il Mercato Interno e la ORGANIZZATORE Protezione dei Consumatori (IMCO) RELAZIONE

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Generalsekretariat des Landes Amt für Gesetzgebung Segreteria generale della Provincia Ufficio Legislativo REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 25 giugno relativo al Fondo

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

L innovazione tecnologica dell industria italiana verso la visione europea del prossimo futuro

L innovazione tecnologica dell industria italiana verso la visione europea del prossimo futuro L innovazione tecnologica dell industria italiana verso la visione europea del prossimo futuro Mercoledì 2 Aprile 2014 Cristina Piai, Intesa Sanpaolo S.p.A. Strumenti finanziari nell ambito di Horizon

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE Le reti transeuropee (RTE) sono in parte finanziate dall'unione europea e in parte dagli Stati membri. L'aiuto finanziario dell'unione funge da catalizzatore, poiché

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

Gli strumenti finanziari nella politica di coesione 2014-2020: opzioni, condizionalità e prospettive di impiego

Gli strumenti finanziari nella politica di coesione 2014-2020: opzioni, condizionalità e prospettive di impiego Gli strumenti finanziari nella politica di coesione 2014-2020: opzioni, condizionalità e prospettive di impiego Bruxelles, 25 settembre 2013 Pasquale D'Alessandro DG Regionale e Urbana Presentazione Brevi

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35 Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali Lente sull UE n. 35 5 ottobre 2015 Background Il 30 settembre 2015, la Commissione europea ha presentato il suo piano d azione per creare un Unione

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Bando: Horizon 2020 dedicated SME Instrument Phase 1, 2014-2015- H2020-SMEINST-1-2015 Strumento dedicato alle PMI

Bando: Horizon 2020 dedicated SME Instrument Phase 1, 2014-2015- H2020-SMEINST-1-2015 Strumento dedicato alle PMI Bandi Pilastro Sfide della società I bandi del pilastro Sfide della società riguardano le sfide sociali identificate nella strategia Europa 2020 e concentrano i finanziamenti su tematiche come: la salute,

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Risoluzione n. 1/2015

Risoluzione n. 1/2015 X Legislatura Risoluzione n. 1/2015 Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che modifica i regolamenti (UE) nn. 1291/2013

Dettagli

PACCHETTO REVISIONE MARCHI

PACCHETTO REVISIONE MARCHI DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO MARCHI E BREVETTI PACCHETTO REVISIONE MARCHI PROPOSTO DALLA COMMISSIONE EUROPEA www.uibm.gov.it

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello 6. Istituzioni dell'unione europea La Corte dei conti dell'ue e la Banca europea degli investimenti

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Strumenti Finanziari NCFF e PF4EE

Strumenti Finanziari NCFF e PF4EE Strumenti Finanziari NCFF e PF4EE Roma 22 Giugno 2015 Dott.ssa Stefania Betti Punto di Contatto Nazionale LIFE Strumenti Finanziari LIFE Attualmente è difficile attrarre investimenti a favore di alcuni

Dettagli

IX COMMISSIONE PERMANENTE

IX COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 16 settembre 2015 166 Commissione IX IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni) S O M M A R I O SEDE CONSULTIVA: Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Nuovo testo

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento per finanziare la rete europea di trasporto

La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento per finanziare la rete europea di trasporto EUROPEAN COMMISSION COMMISSION EUROPEENNE EUROPÄISCHE KOMMISSION BEI/08/5 Bruxelles-Lussemburgo, 11 gennaio 2008 La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento

Dettagli

Piano di Investimenti per l Europa. Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI)

Piano di Investimenti per l Europa. Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) Piano di Investimenti per l Europa Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) Dario Scannapieco Vicepresidente Banca europea per gli investimenti Presidente

Dettagli

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue ACCADE AL PE n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue SETTIMANA DAL 14 AL 18 GIUGNO Questa settimana hanno inviato i propri contributi: Anita, Assica

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Il ruolo dei Parlamenti nazionali in materia di libertà, sicurezza e giustizia e in materia di adesione

Dettagli

Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano

Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano - 5 marzo 2015 - Il Consiglio dei Ministri ha approvato la Strategia italiana per la banda ultralarga e per la crescita digitale 2014-2020. Le due strategie

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Servizio Segreteria Assemblea Legislativa REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ASSEMBLEA LEGISLATIVA ATTO DI INDIRIZZO RISOLUZIONE - Oggetto n. 512 - Risoluzione proposta dal Presidente della I Commissione, su mandato

Dettagli

Un piano di investimenti per l'europa

Un piano di investimenti per l'europa Un piano di investimenti per l'europa Il "triangolo virtuoso" INVESTIMENTI RIFORME STRUTTURALI RESPONSABILITÀ DI BILANCIO 1 Un piano di investimenti per l'europa MOBILITARE I FINANZIAMENTI PER GLI INVESTIMENTI

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Nuove opportunita di crescita per le imprese orientate all innovazione Le linee di credito dedicate alle PMI e alle Midcap Anna Fusari 17 luglio 2013

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

L accesso al credito delle Pmi nel CIP 2007-2013

L accesso al credito delle Pmi nel CIP 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 11 di Gilberto Crialesi - Dottore commercialista, Pubblicista, Confcooperative Competitività e innovazione L accesso al credito delle Pmi nel CIP 2007-2013 Il 6 aprile 2005 la

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908

34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908 34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908 Prestiti d onore alta formazione. Approvazione linee guida e individuazione soggetto attuatore. LA

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott.ssa Angela Ferruzza Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott.ssa Angela Ferruzza Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle statistiche europee in tema di gas naturale ed energia elettrica e che abroga la Direttiva 2008/92/CE del Parlamento europeo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS)

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Art. 1 Costituzione del Network Viene costituito, su iniziativa del Gruppo di Lavoro ICT operante all interno del Distretto Toscano Scienze della Vita,

Dettagli

MARKT/2513/02 IT Orig. EN. PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI

MARKT/2513/02 IT Orig. EN. PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI MARKT/2513/02 IT Orig. EN PROGETTO DI PUNTI DI DECISIONE E DI CONCLUSIONI DELLA 30a RIUNIONE DEL COMITATO DELLE ASSICURAZIONI Bruxelles, 16 aprile 2002 1. Ordine del giorno L'ordine del giorno della riunione

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE La BEI per le Piccole e Medie Imprese Anna Fusari 25 novembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo termine

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 29 m a r z o 2016 P a g. 1 di 5. Sostegno finanziario alle PMI: i fondi BEI e FEI. Contenuto

C i r c o l a r e d e l 29 m a r z o 2016 P a g. 1 di 5. Sostegno finanziario alle PMI: i fondi BEI e FEI. Contenuto C i r c o l a r e d e l 29 m a r z o 2016 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 8/2016 Oggetto Sostegno finanziario alle PMI: i fondi BEI e FEI. Sommario Lo scorso autunno la Commissione Europea ha varato il

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici. Introduzione Stefano Micossi. LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014

Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici. Introduzione Stefano Micossi. LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014 Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici Introduzione Stefano Micossi LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014 Nascita e obiettivi dell unione bancaria Giugno 2012:

Dettagli

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante Publication: Key4Biz Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante La Reding ribadisce la necessità di un'authority europea e di un'agenzia Ue per lo spettro. La liberalizzazione

Dettagli

GRUPPO. guida ai reclami

GRUPPO. guida ai reclami GRUPPO guida ai reclami Aggiornamento febbraio 2012 La Guida è stata redatta in collaborazione con 1. L importanza dei Reclami in BPER La sopravvivenza e il successo di ogni azienda dipendono dalla propria

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli