HERA HERA HERA. periodico di informazione per i clienti. in questo numero: > la bolletta del gas > il risparmio idrico > le fonti rinnovabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HERA HERA HERA. periodico di informazione per i clienti. in questo numero: > la bolletta del gas > il risparmio idrico > le fonti rinnovabili"

Transcript

1 HERA periodico di informazione per i clienti numero due maggio 2006 HERA HERA Poste Italiane Tassa pagata Invii senza indirizzo DC/ER/BOLOGNA/ISI/3184 del 20/02/2003 alle famiglie Poste Italiane Tassa pagata Invii senza indirizzo DC/ER/BOLOGNA/ISI/3184 del 20/02/2003 in questo numero: > la bolletta del gas > il risparmio idrico > le fonti rinnovabili

2 sommario Edizione Bologna Editoriale 3 AREA CLIENTI Suggerimenti utili 4/7 > viaggio nel mondo delle bollette > forse non tutti sanno che...il caro gas > verso un gas più sicuro > evitiamo gli sprechi: consigli per risparmiare acqua > dietro al rubinetto > cara acqua...minerale! Hera risponde: la posta dei lettori 6 Iniziative speciali 8 > luce in casa: ecologica ed economica NEWS Attualità 9/11 > per fare un tavolo ci vuole il legno...e il tuo impegno > Hera in onda > rusco : un sacco di buoni motivi > perché la certificazione ambientale? > Hera e l arte moderna UNA NUOVA ERA:SCIENZA E TECNOLOGIE INNOVATIVE Focus 12/13 > da esigenza ambientale a bisogno energetico: le fonti rinnovabili FINANZA E MERCATO Panorama Economico 14/15 > prospettive nel settore delle utility > Hera lancia un eurobond > approvato il bilancio d esercizio 2005 Lavoro 15 > cerchiamo Business Partner Hera in Borsa 15 > sintesi dell andamento trimestrale i numeri per comunicare con Hera Numero del Servizio Clienti: Chiamata gratuita. Dai cellulari il numero del Servizio Clienti Hera è: (telefonata a pagamento; costo come da contratto telefonico scelto dal cliente) Numero del Servizio Clienti Business: Chiamata gratuita.

3 caro lettore EDITORIALE Da questo numero HERApiù cambia veste grafica ed editoriale. Molte le novità. Innanzi tutto quella più visibile, il formato, con una veste del tutto rinnovata, che crediamo aiuti maggiormente la nostra impresa comunicativa. Sul piano dei contenuti, augurandoci di offrire un servizio più completo ai nostri clienti, l obiettivo che ci poniamo è di informare, dando più spazio agli approfondimenti. Introdurremo anche notizie su eventi di particolare interesse che avvengono nella nostra regione. Speriamo di farlo in modo accessibile e cercando di non tralasciare niente che meriti la vostra attenzione. Ma soprattutto, consci che il contributo dei lettori è essenziale per costruire un prodotto editoriale più vivo e stimolante, proponiamo una serie di nuove rubriche, che possiamo definire di scambio e confronto di opinioni. Dalla rubrica della posta, dove cercheremo con i nostri esperti di rispondere ai quesiti più ricorrenti che ci sottoporrete, alle notizie sul territorio che mirano ad approfondire le tematiche più vicine a ciascuno di noi, alla rubrica clienti ricca di informazioni utili sui servizi, le offerte, suggerimenti di vario tipo come, per esempio, il risparmio idrico ed energetico. Chi fosse poi interessato agli argomenti di natura finanziaria legati al settore delle utility, potrà trovare articoli sul panorama economico, i mercati e la finanza. Pur rendendoci conto che fare comunicazione oggi non è facile, perchè numerosi e vari gli stimoli e le proposte dei media, così come gli interessi e le aspettative del pubblico, con HERApiù ci auguriamo di offrirvi uno strumento di informazione valido e da tenere sempre a portata di mano. In quanto tempo leggo gli articoli di HERApiù? il tempo di lettura di ogni articolo è indicato nel riquadro 2 HERApiù protegge l ambiente In linea con la nostra filosofia di sostenibilità ambientale, stampiamo HERApiù senza tagliare un solo albero perché utilizziamo la carta Cyclus Offset con fibre riciclate e sbiancate senza uso di cloro. L imballaggio è realizzato in Cartene, un materiale biodegradabile. Tutte le fotografie sono state realizzate in digitale: le pellicole fotografiche non sono riciclabili. numero due-maggio 2006 periodico di informazione per i clienti del Gruppo Hera Tribunale di Bologna n 7563 del Progetto di: Hera S.p.A. Relazioni Esterne, responsabile_giuseppe Gagliano In redazione: Giacomo Battara, Marina Bellei, Cristina Boschini, Ivan Buccolieri, Isabella Data, Marzia Camerani, Monica Guidi, Leonarda Maresta Direttore responsabile: Virna Gioiellieri Progetto e coordinamento editoriale: Koan moltimedia Fotografie: Ippolito Alfieri, Cesare Ciccardini 3

4 AREA CLIENTI SUGGERIMENTI UTILI viaggio nel mondo delle bollette Come leggere quella del gas 2 50 Il gas, prima di arrivare nelle nostre case, segue un percorso che coinvolge più aziende. Questi, in breve, sono i passaggi fondamentali: Produzione: il gas, estratto nei giacimenti dai produttori, arriva via nave o metanodotto sulle reti di trasporto nazionale. Trasporto: attraverso la rete nazionale viene trasportato sino alle reti locali. Distribuzione: le reti locali, gestite dalle società di distribuzione, permettono il trasporto del gas al cliente finale. I distributori garantiscono la sicurezza e il pronto intervento in caso di guasti sulla rete. Vendita: le società di vendita acquistano il gas dai produttori e lo rivendono fatturando ai propri clienti i costi sostenuti (produzione, trasporto, distribuzione) e le imposte di legge. Le attività di distribuzione e vendita, che fino a qualche anno fa potevano essere svolte da un unica azienda, ora con la nuova normativa vengono effettuate da due società diverse. Nel caso del Gruppo Hera, Hera S.p.A. è il distributore, Hera Comm, invece, è la società che si occupa della vendita. Ecco il significato di alcune voci che compongono la bolletta: Corrispettivi di vendita: sono espressi in metri cubi (mc) e riguardano i costi di produzione e trasporto del gas sulla rete nazionale e delle necessarie attività commerciali (lettura contatore, fatturazione, invio bolletta, ecc.). Sostenuti dalle società di vendita del gas i corrispettivi di vendita variano ogni 3 mesi in quanto la componente materia prima subisce variazioni stabilite dall Autorità per l Energia Elettrica e per il Gas uguali per tutte le società di vendita. Corrispettivi di distribuzione: coprono i costi sostenuti dalla società di vendita del gas per l utilizzo delle reti di distribuzione locale. Sono di due tipi: - una quota fissa, espressa in /anno, unica a livello nazionale e indipendente dai livelli di consumo; - una quota variabile, espressa in /mc, articolata in 7 scaglioni di consumo, ai quali corrisponde una tariffa che diminuisce all aumentare dei consumi. Imposte: sono dovute allo Stato e alle Regioni e comprendono: imposta erariale, addizionale regionale e IVA. 1 2 Altri dettagli sulla nuova bolletta multiservizi si possono leggere sul sito: 3

5 ! ARRIVA LA BOLLETTA OGNI DUE MESI Puntualità, trasparenza e pianificazione della spesa: obiettivi che intendiamo raggiungere per essere più vicini alle esigenze dei clienti, soprattutto dopo una fase di avvio che ha visto l'unificazione di tredici sistemi informativi differenti. La bolletta, a partire da maggio, sarà inviata ai clienti con cadenza bimestrale e indicherà la data di recapito delle successive fatturazioni. Per i servizi che lo prevedono, saranno indicati i giorni in cui effettuare l'autolettura. In questo modo i clienti potranno comunicarci i loro consumi reali. forse non tutti sanno che... il caro gas 1 20 All aumento del costo del gas avvenuto negli ultimi tempi hanno contribuito diverse dinamiche, non dipendenti da Hera, prima tra tutte l aumento vertiginoso del costo del petrolio. Per chiarire meglio tali dinamiche, riportiamo come esempio una tabella con i costi sostenuti da una famiglia residente nel Comune di Bologna che ha un consumo di mc/anno: le quote in rosso rappresentano le competenze di Hera e si riferiscono al margine sulle vendite (3,3% del totale) e alla tariffa di distribuzione che è stata ridotta dall Authority nazionale dell Energia e del Gas tra l annata termica 2003/2004 e quella 2004/2005, passando dal 16% al 14%. Come si può vedere l incidenza maggiore sul costo finale per il cliente (nel 2004/2005 quasi l 83%) è rappresentata dal costo della materia prima, il gas (38%), e da varie tasse (45%) per le quali Hera agisce da esattore per l ENI e per il Fisco. Al contrario la quota di Hera (tariffa distribuzione, quota fissa + variabile) è diminuita, ma purtroppo questa diminuzione è stata più che assorbita dall aumento del costo del gas e delle tasse! Il nostro Paese con le scelte effettuate nel settore dell energia sta scontando la dipendenza dall estero per le materie energetiche e una politica di tassazione indiretta eccessiva % % Componente materia prima gas 258,61 281,65 Quota variabile di vendita 24,27 24,27 3,3 3,3 Tariffa di distribuzione, quota fissa + variab. 116,74 104,36 16,0 14,0 Imposta di consumo 174,54 174,63 Addizionale regionale 34,43 34,43 IVA al 20% 121,72 123,87 Totale in euro 730,31 743,21 19,3 17,3 verso un gas più sicuro Nuove regole per l installazione degli impianti 1 Le novità interessano per ora solo gli impianti di nuova installazione. L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ha integrato la precedente normativa con una delibera (la Delibera 40) il cui obiettivo è una maggiore sicurezza dell impianto. Oltre ai precedenti certificati devono essere compilati 2 moduli ulteriori, uno a cura del cittadino, l altro a cura dell installatore. Solo in presenza di questi documenti, la fornitura viene attivata, entro 10 giorni lavorativi dalla richiesta di apertura del gas. L ultima documentazione, necessaria perché il nuovo impianto sia in regola, è la dichiarazione di conformità rilasciata dall installatore: il cittadino deve farla pervenire alla società entro 40 giorni dall attivazione della fornitura. I moduli si possono anche scaricare dal sito Hera digitando 5

6 AREA CLIENTI SUGGERIMENTI UTILI evitiamo gli sprechi: consigli per risparmiare acqua Come è vero che l acqua dei nostri rubinetti è buona da bere e ci fa risparmiare, è anche vero che ogni giorno ne sprechiamo quantità notevoli. In Italia si stima un consumo annuo pro capite di litri. Ora pensate: un rubinetto che gocciola può arrivare a perdere anche litri all anno, mentre se ne possono risparmiare fino a se la cassetta del wc è a erogazione differenziata (con doppio tasto per la scelta della quantità d acqua da scaricare). Il bagno in vasca è sicuramente rilassante: ma con una doccia consumiamo 100 litri in meno, senza contare che applicare ai rubinetti un miscelatore aria-acqua favorisce il risparmio idrico del 50%. Sono solo alcuni dei numeri in cui si traducono le nostre abitudini e i gesti più comuni, proprio quelli che così spesso ci consentirebbero di arginare non solo lo spreco di acqua e denaro, ma anche dell energia necessaria a portare l acqua nelle case....e PER RISPARMIARE ENERGIA Il risparmio d energia elettrica consente un immediato taglio della spesa in bolletta meno spandi, meno spendi! Riscaldamento Per scaldare l acqua Illuminazione Elettrodomestici Frigorifero Lavatrice Lavastoviglie Forno Condizionatori d aria Apparecchiature elettroniche installiamo valvole termostatiche sui termosifoni per regolarne la temperatura. regoliamo lo scaldabagno su temperature intermedie (non più di 55 C): riscaldare maggiormente l'acqua per poi doverla miscelare con acqua fredda è inutile. utilizziamo lampade a risparmio energetico. scegliamo elettrodomestici di classe energetica A. non abbassiamo la temperatura del frigorifero sotto i 3 C. Sbriniamo regolarmete il congelatore: lo strato di ghiaccio funziona da isolante e fa aumentare i consumi. non laviamo a temperature superiori a 60 C: è inutile e rovina i tessuti. usiamo cicli di lavaggio a basse temperature e utilizziamola solo a pieno carico (il consiglio vale anche per la lavatrice). spegniamo il forno qualche minuto prima della fine della cottura per sfruttare il calore residuo. utilizziamo la funzione "deumidificazione". Sottraendo umidità potremo ottenere benessere anche senza raffreddare. non lasciarle in stand-by quando non vengono usate, poiché continuano a consumare elettricità. HERA RISPONDE: LA POSTA DEI LETTORI Nel prossimo numero daremo spazio alle vostre lettere. Quindi se avete domande, reclami o suggerimenti da porre a Hera, inviate una lettera: Hera, Relazioni Esterne viale Berti Pichat 2/ Bologna, o compilare il modulo sul sito

7 dietro al rubinetto C è un lavoro complesso, costoso, continuo di centinaia di persone 1 30 Un gesto semplice quello di aprire il rubinetto, è scontato poi che ne esca acqua. Ma perché l acqua arrivi, sempre, occorre un lavoro complesso e costoso. Nel nostro territorio il prelievo avviene da falda per circa il 55% e da superficie per il rimanente 45%. Quanto prelevato va filtrato, potabilizzato, analizzato, immesso in condotta per essere distribuito. Poi l acqua usata va in fognatura, depurata e reimmessa nell ambiente. Centinaia di persone che quotidianamente lavorano perché l acqua sia potabile, non manchi, perché le condotte siano manutentate, le riparazioni eseguite il più rapidamente possibile. La rete idrica che serve Bologna e provincia è estesa per km, vi sono 13 campi pozzi di prelievo da falda, 11 impianti di potabilizzazione di acque superficiali e il principale è posto in Val di Setta, km di fognature e 129 impianti di depurazione. Nel 2005 sono stati distribuiti 69 milioni di metri cubi di acqua, e altrettanti depurati. Il personale che lavora nel settore idrico è di circa 360 unità Impianto di captazione Hera. A TUTTA BIRRA! La birra artigianale deriva da un processo creativo che miscela acqua, malto d'orzo, luppolo e lievito. È una birra cruda, cioè non pastorizzata, integra e senza aggiunta di conservanti: per questo la scelta delle materie prime è fondamentale. Un birrificio di Bologna che produce appunto birra artigianale utilizza l'acqua di Hera per miscelare gli ingredienti. Questo grazie alle sue qualità organolettiche. Non possiamo che essere contenti dell'informazione fornitaci dal mastro birraio in questione. E comunque...provare per credere, la degustazione è aperta a tutti. cara acqua minerale! Fate i conti e vedrete quanto costa ,2 euro per litri: è quanto costa l acqua del rubinetto. Vale a dire 0,0012 euro al litro, una cifra che ormai non rientra nemmeno più nell immaginario di ciascuno. Quest acqua è sottoposta a ben controlli all anno dai nostri laboratori e periodicamente ricontrollata dall ASL. I parametri indagati sono circa 34. Eppure ancora tanta gente non si fida e consuma acqua minerale. Non vogliamo "forzare" nessuno verso una scelta piuttosto che un'altra ma ci preme assicurare che quanto esce dal rubinetto, oltre che costare infinitamente meno dell'acqua imbottigliata, è anche rigorosamente e costantemente controllata. Un accusa che frequentemente viene mossa all acqua del rubinetto, e che spesso porta all'acquisto di acqua minerale, è che sa di cloro. Possibilissimo, perché è il cloro che la garantisce ulteriormente contro batteri, però basta poco per ovviare al problema: raccoglierla in un contenitore trasparente che non deve essere chiuso con il tappo. Così il cloro evapora e l acqua avrà un buon sapore. 7

8 AREA CLIENTI INIZIATIVE SPECIALI luce in casa: ecologica ed economica Hera ti regala le lampade ecologiche CFL a basso consumo 1 20 piccoli gesti per risparmiare risorse In questo numero di HERApiù, troverete allegata una lettera contenente un buono omaggio che, presentato presso i punti vendita COMET aderenti all iniziativa, dà diritto al ritiro di una lampada CFL. Il Gruppo Hera, da sempre attento alle problematiche ambientali, ha avviato un importante progetto di sensibilizzazione e informazione sul risparmio energetico. La finalità dell iniziativa è fare in modo che tutti partecipino alla tutela dell ambiente con piccoli gesti attraverso facili cambiamenti delle proprie abitudini quotidiane. Intervenire in modo consapevole sull uso dell energia elettrica in casa può aiutare a ridurre i propri consumi a beneficio di se stessi e degli altri senza dover rinunciare ai comfort domestici. A tal fine, Hera ha realizzato una campagna per la distribuzione gratuita di lampade CFL a basso consumo in grado di associare il risparmio a un uso più intelligente dell energia. Il Gruppo Hera ha scelto un prodotto eccellente con caratteristiche tecnico-qualitative tra le migliori del mercato (lampada CFL di classe A - 21 Watt - durata ore). Con la lampada verrà consegnato un opuscolo informativo che illustra in modo completo i vantaggi economici conseguibili con il suo uso e fornisce suggerimenti pratici per un efficiente e corretto utilizzo. È molto importante ai fini della consegna delle lampade compilare il buono con i propri dati. info Cosa sono le lampade CFL? sono lampade fluorescenti compatte che offrono due importanti vantaggi: consumano il 75% in meno e durano fino a 10 volte di più rispetto alle vecchie lampadine a incandescenza.

9 NEWS per fare un tavolo ci vuole il legno... e il tuo impegno Il Consorzio Rilegno 1 ATTUALITÀ Cassette rotte, pallet non più utilizzabili, mobili vecchi e porte da cambiare, oggetti che ogni giorno diventano rifiuto, perché non più in grado di svolgere le funzioni originarie. Avviare correttamente alla raccolta differenziata e al riciclo: questa è la mission di Rilegno, il Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclaggio degli imballaggi di legno, con cui Hera ha stretto una convenzione per la raccolta del legno nelle province di sua competenza. Cosa accade ai rifiuti di legno raccolti? Rilegno ritira il materiale legnoso e lo porta agli impianti di riciclaggio, dove viene sminuzzato in piccole schegge - dette chips - che servono per la realizzazione dei pannelli truciolari, materia prima di gran parte di nuovi mobili e arredi. Frusco il feligno è la simpatica mascotte del Progetto Scuole del Consorzio Rilegno, da anni impegnato a informare i ragazzi sul corretto recupero della materia prima legno. Kit per insegnanti, manuali didattici, fumetti, cartelloni, giochi multimediali sono alcuni dei tanti strumenti pensati apposta per comunicare in maniera chiara ed efficace con i ragazzi e il mondo della scuola. info Per ulteriori informazioni visita i siti: e Hera in onda Per parlare a tutti, di notizie utili Hera da leggere, ma se preferite la radio, anche da ascoltare. Siamo con voi ogni 4 mesi sulle pagine di HERApiù e ogni 15 giorni sulle frequenze di 5 emittenti locali. Da febbraio infatti andiamo in onda con Hera Bologna: la voce dei tuoi servizi. Una rubrica di 4 minuti, in cui diamo informazioni utili e raccontiamo, in pillole, quello che è il nostro lavoro di tutti i giorni. Oltre a portare l acqua nelle vostre case, vi forniamo buoni consigli per evitare di sprecarla; oltre a distribuire il gas, vi ricordiamo come usarlo in tutta sicurezza; oltre ad aprire le Stazioni ecologiche è importante per noi dirvi a cosa servono, dove sono e come funzionano La radio diventa quindi una strada in più per avvicinare i nostri servizi alle vostre esigenze. Le frequenze su cui potete ascoltarci sono quelle di Radio International, Radio Città del Capo, Radio Nettuno, Radio Budrio, Radio Italia Anni 60, il mercoledì, due volte al mese. 1 brevi Diffidate degli sconosciuti! Falsi operatori nell'ambito dei servizi gas e acqua prendono di mira soprattutto gli anziani, ma non solo. Nessun operatore è stato incaricato da Hera a incassare soldi a domicilio, proporre sconti, vendere apparecchi per l'impianto gas o per la sicurezza domestica. Per maggiori dettagli consultate il sito web diffida 9

10 rusco : un sacco di buoni motivi Vediamo alcuni numeri della raccolta differenziata VADO ALLA STAZIONE ECOLOGICA PER SMALTIRE I CHILI DI TROPPO. Maria, 45 anni, dietologa R come rifiuti, ma anche come raccolta, riciclo, risparmio. Non un gioco di parole, ma una grande risorsa, quella che c è dietro i nostri scarti. Ogni giorno Bologna ne produce oltre 600 tonnellate, potenziale materia prima di un ciclo produttivo sorprendente: 70 kg di carta producono altra carta evitando di abbattere un albero, dalla plastica derivano imballaggi e fibre tessili, dal vetro altro vetro risparmiando 2 / 3 dell energia per lavorarlo, dagli scarti organici concime per l agricoltura, energia e calore dai rifiuti non riciclabili. Il vincolo per far funzionare questo ciclo è uno solo e dipende da noi: raccogliere in modo differenziato i rifiuti per dargli nuova vita. A Bologna è possibile farlo, perché per ogni materiale c è un cassonetto apposito: azzurra la campana per la carta, il cassonetto giallo per plastica, carte e lattine, vetro nella campana verde, stesso colore del cassonetto per il materiale organico, infine grigio quello per gli scarti indifferenziati. I risultati già ci sono, ma si può fare di più: a cominciare dalle SEA. Le Stazioni Ecologiche Attrezzate accolgono infatti tutti gli altri materiali e rifiuti ingombranti che non trovano posto in campane e cassonetti. Sono: in via Tolmino 54, aperta martedì e giovedì dalle 14 alle 18 e sabato dalle 9 alle 13 e in via Strabelli Guelfi 73/a, operativa mercoledì, venerdì e sabato dalle 9 alle 13. VADO ALLA STAZIONE ECOLOGICA PERCHÉ MI LIBERO DELLE PRESENZE INGOMBRANTI. Moira, 60 anni, medium raccolta differenziata 2005 tipologia rifiuti tonnellate Carta Imballaggi in plastica Lattine e barattoli 160 Multimateriale (carta, plastica, metalli) Organico Vetro Totale complessivo raccolta differenziata 2005 tipologia rifiuti da stazioni ecologiche tonnellate Carta/cartone 732,630 Vetro 350,087 Legno 2.157,010 Ingombranti 2.430,930 Imballaggi in plastica 67,310 Medicinali 8,172 Oli minerali/vegetali/animali 35,121 Pneumatici 120,768 Apparecchiature elettroniche 306,080 Scarti vegetali triturati, potature, sfalci 3.689,520 Apparecchiature CFC 221,750 Accumulatori al piombo 193,814 Rifiuti misti 1.650,575 Rottami metallici 979,810 Totale complessivo ,577

11 perché la certificazione ambientale? Hera sta lavorando per ottenere la certificazione ambientale ISO 14001: ci sono vantaggi? 1 45 L azienda in possesso di certificazione ambientale è migliore di quella non certificata: banale, ma è vero? Quali vantaggi questa certificazione porta al cittadino che abita vicino a un impianto di Hera, che vede passare un nostro autocompattatore o che ci chiama al pronto intervento per una rottura dell acquedotto? L azienda ISO non si limita a produrre, ma è attenta a ridurre o tenere sotto controllo i propri impatti ambientali. Quando si acquista un camion si cerca di prenderlo alimentato a metano, se si fa rumore per vuotare il cassonetto ci si organizza per dare meno fastidio possibile a chi abita lì vicino privilegiando alcune fasce orarie e insegnando all addetto a come rispettare queste regole comportamentali. Gli scarichi dei depuratori e i fumi delle centrali termiche sono dotati di moderni dispositivi di abbattimento degli inquinanti, ma non basta. Bisogna controllare che operino al meglio in ogni momento e far scattare le immediate contromisure. Persone che osservano, complessi sistemi di telesorveglianza con trasmissione remota, con telefonini che ricevono sms e da cui fermare una macchina e avviarne un altra in sua sostituzione. Quando serve, di continuo o a cadenza giornaliera o anche settimanale, si fanno controlli di laboratorio, pensando sia ai limiti di legge sia alla sensibilità dell ambiente su cui si scaricano le emissioni. Questo significa lavorare in qualità. Hera e Cefa insieme per la solidarietà È una precisa volontà della nostra azienda esercitare un ruolo importante nel sostegno ai progetti in favore dell infanzia e delle popolazioni del terzo mondo. Per questo sosteniamo varie associazioni che si occupano di solidarietà. IL TUO 5 x IL SUO PRIMO ASILO. CODICE FISCALE: Senza spendere niente puoi fare molto per chi non ha nulla. Destina il 5 per mille della tua imposta sul reddito al Cefa indicando nell apposito spazio sui modelli di dichiarazione dei redditi il codice fiscale: Grazie a te, gli 850 bimbi di Ikondo e Igumbilo in Tanzania avranno il loro primo asilo. Per maggiori informazioni visita il sito di Cefa Hera e l arte moderna Turner Monet Pollock. Dal Romanticismo all'informale. Omaggio a Francesco Arcangeli Hera sostiene, in qualità di sponsor, un omaggio al grande storico dell arte Francesco Arcangeli. Negli spazi della rinascimentale Loggetta Lombardesca a Ravenna è esposta una selezione, circa 130 opere, di una trentina di artisti che, dal romanticismo inglese di Turner e Constable giunge attraverso Courbet, Monet, Morandi, Klee, all'informale di Pollock e De Kooning. 1. J.M. William Turner, Sidmouth, The Whitworth Art Gallery, Manchester. 30 info 1 Periodo: dal 19 marzo al 23 luglio Luogo: MAR - Museo d'arte della città di Ravenna - Via di Roma 13 - Ravenna Orari: martedì-domenica 9-19, venerdì Lunedì chiuso. Ingresso: intero 8,00 ridotto 6,00 studenti 3,00 Info: - 11

12 UNA NUOVA ERA: SCIENZE E TECNOLOGIE INNOVATIVE FOCUS da esigenza ambientale a bisogno energetico: le fonti rinnovabili 3 40 L esigenza di sviluppare fonti energetiche rinnovabili nasce dalla necessità di diminuire la dipendenza dalle fonti fossili e di ridurre l impatto ambientale. Attualmente le fonti rinnovabili contribuiscono per il 7% al fabbisogno energetico nazionale, ma gli obblighi derivanti dal protocollo di Kyoto e il recente incremento dei prezzi delle fonti fossili primarie hanno dato ulteriore spinta in questa direzione. Oggi circa l 85% della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili deriva dalle filiere idroelettrica e geotermoelettrica che hanno già saturato la quasi totalità delle opportunità disponibili. Diversa è la situazione per l energia prodotta da rifiuti, da biomasse, l eolico e il solare che rappresentano oggi solo il 15% della produzione. L Italia dovrebbe puntare su queste fonti per migliorare la propria posizione, ma con alcune considerazioni. L eolico, ad esempio, pur presentando una tecnologia matura non trova in Italia grandi potenzialità di siti ventosi, al contrario il fotovoltaico presenterebbe buone potenzialità, ma il notevole gap tecnologico, che rende la produzione troppo costosa rispetto agli attuali sistemi d incentivazione italiani, ne rende insostenibile lo sviluppo. L utilizzo di rifiuti per la produzione di energia elettrica è oggi, invece, un opportunità per il nostro paese, consentendo di risolvere contestualmente sia il problema energetico che quello dello smaltimento. Le biomasse fino a oggi non hanno avuto grandi sviluppi, anche a causa delle difficoltà di reperimento della materia prima a costi competitivi, ma potrebbero trarre impulso dal riassetto del sistema agricolo europeo e da un adeguato sistema di incentivazione. Il livello italiano di copertura del fabbisogno energetico con fonti rinnovabili è in linea con la media europea. Ma i livelli massimi europei, rappresentati da Germania, Danimarca e Spagna, difficilmente potranno essere raggiunti senza ipotizzare un potenziamento del sistema di incentivazione per la produzione, lo snellimento delle procedure autorizzative per la costruzione degli impianti e una mag- I COMBUSTIBILI FOSSILI: petrolio, carbone, gas naturale. Sono fonti non rinnovabili, in via di esaurimento e dal costo crescente Impianto del Fossolo, Imola

13 giore stabilità nel contesto normativo. Le autorità hanno recentemente intrapreso iniziative importanti in questa direzione che, però, richiedono di essere rafforzate nei prossimi anni. I risultati migliori si vedono dove, com è accaduto per il fotovoltaico in Germania, gli elevati incentivi riconosciuti ai produttori di energia solare hanno indotto una forte domanda di pannelli solari favorendo i programmi di prodotti tecnologici e sviluppando un nuovo contesto industriale con un indotto significativo in termini economici e occupazionali. Il Gruppo Hera, come tutti i principali operatori, ha posto da tempo un attenzione particolare alle fonti rinnovabili individuando nella sostenibilità ambientale, ovvero l utilizzo efficiente e a basso impatto delle risorse, uno dei suoi obiettivi strategici. Il Gruppo dispone già di alcuni impianti che producono energia da fonti rinnovabili, ma per il futuro si pone l obiettivo di consolidare ulteriormente la propria posizione a livello internazionale producendo per il 2008 quasi 2 TWh di energia elettrica e termica da fonti rinnovabili e assimilate: il 30% della nostra produzione. Tali obiettivi potranno essere raggiunti incrementando il numero e le potenzialità degli impianti di termovalorizzazione dei rifiuti, cogenerativi, a biomasse e a biogas e sviluppando nuovi impianti eolici e sperimentazioni sul fotovoltaico. La spinta a sviluppare produzioni energetiche da fonti rinnovabili, però può solo attenuare un disagio strutturale per il nostro paese che ha fatto la scelta di legarsi in forma consistente alle fonti fossili. È importante, quindi, che la nostra classe politica e i cittadini stessi maturino questa convinzione e rifuggendo da affascinanti soluzioni ideologiche che vedono le fonti rinnovabili come la soluzione del problema energetico italiano. È necessario quindi che, parallelamente allo sviluppo delle fonti rinnovabili, si dia corpo a interventi che consentano di ridurre la struttura di costo della filiera di produzione da fonti fossili, incrementando la disponibilità di impianti di produzione di energia elettrica e la disponibilità a basso costo della fonte fossile per eccellenza: il gas naturale. 2 3 LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, maremotrice, idraulica, biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas. In particolare, per biomasse si intende: la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall'agricoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani. 2. I tubi del biogas, S.Agata Bolognese (BO). 3. Dinamo dell impianto che trasforma il biogas in energia elettrica. 13

14 FINANZA E MERCATO PANORAMA ECONOMICO prospettive nel settore delle utility Lo scenario resta positivo anche per il Dopo un 2005 molto positivo (con un apprezzamento complessivo del settore del 25%), sono stati identificati le principali sfide e opportunità per il settore nel L ottima prestazione delle azioni del settore energetico (soprattutto di quelle impegnate nella generazione dell elettricità), va ascritta agli alti livelli di prezzo registrati per il petrolio e il gas durante il L aumento di questi prezzi ha portato grandi benefici ai generatori di energia con altri combustibili o energie rinnovabili. Gli ultimi mesi del 2005 hanno visto le avvisaglie di un nuovo ciclo di fusioni e acquisizioni che hanno riguardato le più importanti aziende europee. Il 2006 sarà un anno di intensa attività nel settore: in Spagna si combatte per la conquista di Endesa. In Francia nel mirino, anche di Enel, c'è Suez. Così la spartizione delle aziende è diventata un affare che impensierisce i governi e infiamma i listini. UTILITY: ex aziende municipalizzate trasformate in società per azioni i cui servizi spaziano dalla distribuzione di energia elettrica, gas e acqua, ai servizi ambientali e trasporti locali. Hera lancia un eurobond 1 30 info Cos è un bond? Il bond è uno strumento di debito, che consente alle imprese di raccogliere fondi presso i risparmiatori sottoscriventi. Le obbligazioni sono caratterizzate da una scadenza, da un rendimento derivante dal prezzo di emissione e di quotazione, e dalle cedole cui il titolo può dare diritto. Il 26 gennaio Hera ha lanciato sul mercato internazionale il suo primo bond, emesso per finanziare lo sviluppo dell azienda e per migliorare il proprio debito. Il bond, a differenza di un prestito bancario, consente di pagare tassi d interesse più bassi agli investitori istituzionali. Gli investitori hanno giudicato Hera affidabile, e cioè hanno ritenuto contenuto il livello di rischio cui è soggetta l azienda e questo ha fatto sì che la loro domanda di bond superasse di oltre 4 volte l offerta. Il bond emesso ha un valore complessivo di 500 milioni di euro e scadrà il 16 febbraio 2016, corrispondendo un interesse (cedola) annuale fisso del 4,125%. Hera ha rivolto l offerta del bond a un pubblico composto esclusivamente da investitori istituzionali quali banche, assicurazioni, fondi pensioni e altri investitori ai quali i privati si rivolgono per affidare la gestione dei loro risparmi. È possibile seguire l andamento delle quotazioni alla pagina:

15 approvato il bilancio d esercizio 2005 Utile Netto a 108,8 milioni di euro (+26%) 1 15 L'assemblea degli Azionisti ha approvato, il 27 aprile scorso, il bilancio d esercizio 2005 e la proposta del Consiglio di Amministrazione di distribuire un dividendo di 7 centesimi di euro per azione. Il dividendo, in crescita del 16,7% rispetto a quello del 2004, sarà in pagamento a partire dall 8 giugno 2006, con stacco della cedola in data 5 giugno Si tratta di risultati piuttosto positivi, alla luce soprattutto del fatto che l Azienda è stata impegnata ad assorbire operazioni straordinarie relative all integrazione di Agea Ferrara, all avvio dell operazione con Meta di Modena e alla realizzazione del nuovo sistema di fatturazione integrato. Tali risultati acquistano un valore ancora più significativo, in quanto sono stati raggiunti in un mercato in forte evoluzione caratterizzato da complessità del contesto normativo e dall avvio di alcuni processi competitivi. cerchiamo Business Partner 30 LAVORO Nata nel 2002, Hera Comm è la società di vendita di gas metano, energia elettrica e gestione rifiuti speciali del Gruppo Hera, ed è strutturata per raggiungere in modo capillare tutte le classi di clienti. Stiamo cercando Agenti/Agenzie capaci di: > relazionarsi con il mercato in maniera dinamica e competente; > garantire l'acquisizione di elevati volumi di clienti; > abbiano esperienza nella vendita di servizi e prodotti alle aziende; > conoscano bene il mercato locale e il settore delle TLC. Per compilare il modulo di adesione accedi a: sintesi dell andamento trimestrale gare e appalti Sono consultabili nella sezione Fornitori del sito internet: HERA IN BORSA titolo Hera Settore: utility Segmento di mercato: Blue Chips ISIN: IT DATI SINTETICI Performance del titolo negli ultimi 3 mesi: +12,15% rispetto al mercato: +3,35% Prezzo max 52 week: 2,5380 Distanza dal max: +1,10% Prezzo min 52 week: 2,0150 Distanza dal min: +24,54% dati aggiornati al 15 aprile

16

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 23-2 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli