REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001)"

Transcript

1 REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001) INDICE Art.1 Definizioni Art.2 Finalità TITOLO I Corsi di studio e strutture didattiche Art.3 Titoli e Corsi di studio Art.4 Strutture didattiche Art.5 Regolamenti didattici di Facoltà Art.6 Ordinamenti didattici dei Corsi di studio Art.7 Regolamenti didattici dei Corsi di studio Art.8 Le Facoltà e i Consigli di Facoltà Art.9 I Corsi di studio e i Consigli dei Corsi di studio Art.10 Istituzione, attivazione e disattivazione delle Strutture didattiche Art.11 Crediti formativi universitari Art.12 Requisiti di ammissione ai Corsi di studio, attività formative propedeutiche e? integrative Art.13 Manifesto degli studi, curricula e piani di studio Art.14 Orientamento e tutorato Art.15 Commissioni didattiche di vigilanza TITOLO II Tipologia e regolamentazione dei Corsi di studio e delle attività didattiche Art.16 Corsi di Laurea Art.17 Corsi di Laurea specialistica Art.18 Corsi di Specializzazione Art.19 Corsi di Dottorato di Ricerca Art.20 Master universitari Art.21 Trasferimenti, passaggi di Corso e di Facoltà, ammissione a prove singole Art.22 Mobilità studentesca e riconoscimento di studi compiuti all estero Art.23 Calendario didattico Art.24 Tipologia e articolazione degli insegnamenti Art.25 Esami e verifiche del profitto? Art.26 Studenti impegnati a tempo pieno e studenti non frequentanti, studenti fuori corso e?ripetenti, interruzione degli studi? Art.27 Doveri didattici dei Professori e dei Ricercatori? Art.28 Promozione e pubblicità dell'offerta didattica.? Art.29 Prove finali e conseguimento dei titoli di studio. TITOLO III Diritti e doveri degli studenti? Art.30 Immatricolazioni e iscrizioni? Art.31 Certificazioni

2 ? Art.32 Tutela dei diritti degli studenti TITOLO IV Norme transitorie e finali? Art.33 Allegati e approvazione del Regolamento didattico di Ateneo?? Art.34 Norme transitorie. Articolo 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Regolamento Generale sull Autonomia (RGA), il Regolamento recante norme concernenti l Autonomia Didattica degli Atenei di cui al D.M. del 3 novembre 1999, n. 509; b) per Corsi di studio, i Corsi di Laurea, di Laurea specialistica, di Specializzazione, di Dottorato di Ricerca e di Master universitario come individuati dall art.2; c) per titoli di studio, la Laurea, la Laurea specialistica, il Diploma di Specializzazione, il Dottorato di Ricerca e il Master, come individuati dall art.2; d) per Decreti ministeriali, i decreti emanati ai sensi e secondo le procedure di cui all articolo 17, comma 95, della legge del 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni, e recanti la definizione delle Classi di appartenenza dei Corsi di studio, dei relativi obiettivi formativi qualificanti, delle attività formative indispensabili per conseguirli e del numero minimo di crediti per attività formativa e per ambito disciplinare; e) per Classi di appartenenza dei Corsi di studio (o più brevemente Classi di Corsi di studio), l insieme dei Corsi di studio, comunque denominati, raggruppati ai sensi dell art.5 e determinati dai Decreti ministeriali; f) per Regolamenti didattici dei Corsi di studio, i Regolamenti di cui all articolo 11, comma 2, della legge del 19 novembre 1990, n. 341, nonché all art.12 del RGA, come specificato dall art.8; g) per Ordinamenti didattici dei Corsi di studio, l insieme delle norme che regolano i curricula dei Corsi di studio, come specificato dall art.6; h) per i settori scientifico-disciplinari, quelli indicati al D.M. 4 ottobre 2000, e successive modifiche; i) per ambito disciplinare, un insieme di settori scientifico-disciplinari culturalmente e professionalmente affini, definito dai decreti ministeriali; j) per credito formativo universitario, la misura del volume di lavoro di apprendimento, compreso lo studio individuale, richiesto ad uno studente in possesso di adeguata preparazione iniziale per l acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dagli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio, come specificato dall art. 9; k) per obiettivi formativi, l insieme di conoscenze e abilità che caratterizzano il profilo culturale e professionale al conseguimento delle quali il Corso di studio è finalizzato, come precisati dai Decreti ministeriali;

3 l) per attività formativa, ogni attività organizzata o prevista dall'università al fine di assicurare la formazione culturale e professionale degli studenti, con riferimento, tra l altro, ai corsi di insegnamento, ai seminari, alle esercitazioni pratiche o di laboratorio, alle attività didattiche a piccoli gruppi, al tutorato, all orientamento, ai tirocini, ai progetti, alle tesi, alle attività di studio individuale e di autoapprendimento; m) per curriculum, l insieme delle attività formative universitarie ed extrauniversitarie specificate nel Regolamento didattico del Corso di studio al fine del conseguimento del relativo titolo; n) per Regolamento per l incentivazione dell impegno didattico dei Professori e dei Ricercatori universitari, il Regolamento approvato dall Ateneo ai sensi dell art.4 della Legge 370 del 19 ottobre Articolo 2 Finalità 1. Il presente Regolamento didattico di Ateneo, previsto dall'art.11 della legge 341/90 e dall'art.31 dello Statuto di autonomia, di seguito denominato "Statuto", dell'università di Messina, di seguito denominata "Università": a) disciplina gli ordinamenti didattici dei Corsi di studio svolti nell'università per il conseguimento dei titoli universitari aventi valore legale in conformità con le disposizioni di cui al D.M. 3 novembre 1999, n. 509; b) detta i principi generali e fornisce le direttive cui devono conformarsi i regolamenti delle strutture didattiche previsti dall'art.11, comma 2, della legge n. 341/90; 2. Gli ordinamenti didattici di riferimento dei Corsi di studio dell'università di Messina sono riportati in allegato al presente Regolamento.

4 TITOLO I Corsi di studio e strutture didattiche Articolo 3 Titoli e Corsi di studio 1. L Università di Messina rilascia titoli di studio di primo livello o Laurea, di secondo livello o Laurea specialistica, nonché Diplomi di Specializzazione, Dottorati di Ricerca, Master universitari. L istituzione di nuove facoltà avviene secondo le modalità fissate dall art. 2 del D.P.R. 27 gennaio 1998 n La Laurea, la Laurea specialistica, il Diploma di Specializzazione, il Dottorato di Ricerca e il Master universitario sono conseguiti al termine dei rispettivi Corsi di studio, ossia dei Corsi di Laurea, di Laurea specialistica, di Specializzazione, di Dottorato di Ricerca e di Master attivati dall Ateneo in osservanza dei Decreti Ministeriali e nell ambito delle Classi di appartenenza in essi individuate. 3. I titoli di studio rilasciati dall Ateneo al termine di Corsi di studio appartenenti alla medesima Classe sono sotto tutti gli aspetti giuridici equivalenti. Essi sono tuttavia contrassegnati da denominazioni specifiche oltre che dall indicazione numerica della Classe di appartenenza. 4. Tipologia, durata, numero dei crediti necessari e criteri generali per l organizzazione strutturale dei diversi Corsi di studio sono determinati dalle disposizioni delle Leggi e dei Decreti in vigore e in particolare del RGA e successive modifiche, e sono disciplinati dai relativi Ordinamenti didattici, autonomamente approvati dall Ateneo in conformità con tali disposizioni. 5. Il Senato Accademico, previo parere del Nucleo di Valutazione, assicura almeno ogni tre anni, in base ad un preciso sistema di valutazione interna delle attività didattiche definito da un apposito Regolamento, la revisione dell elenco dei Corsi di studio attivati dall Ateneo e la verifica del conseguimento effettivo dei relativi obiettivi qualificanti. 6. I requisiti di ammissione ai diversi Corsi di studio, l elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative, le modalità di conseguimento dei crediti nell ambito dei diversi curricula, nonché le forme di verifica periodica dei crediti acquisiti sono fissati nei rispettivi Ordinamenti e Regolamenti didattici, nei limiti delle leggi vigenti. 7. Il conseguimento dei titoli di studio avviene secondo le modalità previste dalle Leggi e Decreti in vigore e viene regolamentato dall art.30 del presente Regolamento. 8. Sulla base di apposite convenzioni, l Ateneo può rilasciare i titoli di cui al presente articolo anche congiuntamente con altri Atenei italiani e esteri. Nelle suddette convenzioni devono essere stabilite le modalità specifiche dei percorsi formativi e dei procedimenti amministrativi orientati al rilascio di titoli congiunti. In ogni caso, il Consiglio di Facoltà competente deve attestare il raggiungimento degli obiettivi formativi qualificanti richiesti dal corrispondente Ordinamento didattico. 9. L Ateneo può attivare, ai sensi delle Leggi in vigore e secondo la disciplina fissata dall art.12 del presente Regolamento, servizi didattici propedeutici o integrativi finalizzati al completamento della formazione richiesta dai diversi livelli e Corsi di studio.

5 Articolo 4 Strutture didattiche 1. Le Strutture didattiche dell Università di Messina sono, nell ordine: a) le Facoltà; b) i Corsi di studio, articolati in Corsi di Laurea, Corsi di Laurea specialistica, Corsi di Specializzazione, Corsi di Dottorato di ricerca, Corsi di Master universitario; c) le eventuali Strutture didattiche speciali che erogano servizi didattici integrativi, ai sensi dell art Le attività di ciascuna Struttura didattica sono disciplinate da un relativo ed apposito Regolamento didattico. 3. Ogni Struttura didattica è retta da un Consiglio costituito dai Professori di prima e di seconda fascia, dai Ricercatori afferenti nonché da una rappresentanza degli studenti, secondo le modalità previste dallo Statuto. Articolo 5 Regolamenti di Facoltà 1. I Regolamenti delle Facoltà sono emanati dal Rettore, su delibera, a maggioranza dei componenti, del Consiglio di Facoltà, dietro parere dei Consigli dei Corsi di studio ed in seguito ad approvazione del Senato Accademico. 2. Nel rispetto di quanto stabilito nello Statuto e dal presente Regolamento, i Regolamenti di Facoltà determinano le norme generali cui devono attenersi i Regolamenti delle strutture didattiche attivate al loro interno, salve le competenze di cui all art.8, comma 4. Articolo 6 Ordinamenti didattici dei corsi di studio 1. Gli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio sono approvati dal Senato Accademico, su proposta del Consiglio di Facoltà con delibera adottata a maggioranza dai componenti; gli stessi sono emanati dal Rettore. Gli ordinamenti didattici dei corsi di studio fanno parte del regolamento didattico di Ateneo e sono soggetti alla procedura di cui all art. 11 del D.M. 3 novembre 1999 n In caso di attivazione di Corsi di studio interfacoltà, ai sensi dell'art.9, comma 2, del presente Regolamento, i relativi ordinamenti didattici sono approvati ed emanati secondo la procedura prevista al comma Ciascun ordinamento didattico, nel rispetto dei Decreti ministeriali, disciplina in particolare: a) la denominazione del Corso di studi, la Classe di appartenenza e la Facoltà o le Facoltà di afferenza;

6 b) l'indicazione degli obiettivi formativi specifici del Corso di studio, in conformità agli obiettivi generali della Classe di appartenenza, con riferimento alla laurea triennale ed alla laurea specialistica; c) l'elenco delle attività formative istituzionali con indicazione dei settori scientifico disciplinari di riferimento; d) le articolazioni e la tipologia delle attività formative: corsi di insegnamento, esercitazioni pratiche o di laboratorio, seminari, attività didattiche a piccoli gruppi ed altre possibili tipologie; e) l'assegnazione dei crediti formativi universitari alle diverse attività formative; f) la tipologia e le modalità formali che regolano la prova finale per il conseguimento del titolo di studio. 5. L insieme degli ordinamenti didattici dei Corsi di studio attivati all''interno di una Facoltà o dei Corsi di studio interfacoltà confluiscono annualmente, entro i tempi stabiliti dal Senato accademico, nel manifesto didattico di Facoltà o nei manifesti delle Facoltà interessate, ai sensi dell'art.13, comma 1, del presente Regolamento. Articolo 7 Regolamenti didattici dei Corsi di studio 1. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio sono regolamenti interni dell'ateneo e determinano le specifiche modalità di organizzazione delle attività didattiche all'interno dei singoli Corsi di studio; 2. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio sono approvati dal Senato Accademico, su proposta del Consiglio del Corso di studio e su delibera del Consiglio di Facoltà o dei Consigli di facoltà interessati, ove si verifichi la fattispecie di cui all'art.6, comma 2; gli stessi sono emanati dal Rettore. 3. Ciascun Regolamento didattico determina in particolare: a) l'elenco delle attività formative, con la denominazione specifica delle discipline oggetto di insegnamento, nonché delle altre attività formative contemplate dai Decreti ministeriali, nel rispetto dell ordinamento del corso di studio; b) la descrizione degli obiettivi da raggiungere in relazione alle conoscenze ed alle abilità che devono essere acquisite dagli studenti, con riferimento al singolo insegnamento, nel rispetto dell ordinamento del corso di studio; c) la individuazione delle eventuali propedeuticità degli insegnamenti; d) l'articolazione dei curricula perseguibili nell'ambito del Corso e l'eventuale possibilità, da parte dello studente, della formulazione di un piano di studi corrispondente ad un curriculum individuale e le relative modalità di presentazione, nel rispetto dell ordinamento del corso di studio; e) l'indicazione delle forme di organizzazione temporale - annuale o semestrale - degli insegnamenti in relazione agli obiettivi da raggiungere, nel rispetto delle delibere del

7 Consiglio di Facoltà sulla articolazione temporale dell'anno accademico, ai sensi dell'art. 21, comma 2. g) l'attivazione di specifiche modalità organizzative di attività sostitutive della frequenza obbligatoria per studenti lavoratori o disabili, con eventuale previsione di supporti formativi integrativi a distanza per studenti non frequentanti o non impegnati a tempo pieno ai sensi dell'art. 26 del presente Regolamento e dell'art. 11, comma 7.h del Regolamento Generale sull'autonomia; h) la regolamentazione della corrispondenza tra i crediti formativi universitari previsti dal Corso e quelli acquisibili presso altre istituzioni universitarie nazionali e della Unione Europea, nel quadro delle convenzioni stipulate dall Università di Messina; i) l'individuazione, all'interno dei crediti assegnati dall'ordinamento didattico ai singoli insegnamenti, delle frazioni dell'impegno orario complessivo riservate allo studio o ad altre attività individuali secondo quanto previsto dal successivo art.11; j) i requisiti di ammissione al Corso di studio e le eventuali disposizioni relative ad attività propedeutiche o integrative istituite allo scopo di consentire l'assolvimento del debito formativo ai sensi dell'art.12 del presente Regolamento. Articolo 8 Le Facoltà e i Consigli di Facoltà 1. La Facoltà è la struttura fondamentale di appartenenza dei Professori di prima e di seconda fascia e dei Ricercatori. Il numero e la denominazione delle Facoltà che costituiscono l Ateneo vengono stabiliti dal Rettore su delibera del Senato Accademico, in osservanza delle leggi vigenti in materia. 2. Il Consiglio di Facoltà assicura il coordinamento e l armonia degli obiettivi formativi di tutte le attività didattiche, di tutorato e di orientamento promosse dalla Facoltà medesima e da tutte le Strutture didattiche attivate al suo interno. 3. Il Regolamento di Facoltà disciplina le forme e i tempi entro cui il Consiglio di Facoltà è invitato a deliberare, in particolare: a) sul calendario didattico (eventualmente entro termini di massima fissati dal presente Regolamento di Ateneo) e sull eventuale articolazione dell anno accademico in semestri; b) sulla distribuzione temporale dell impegno didattico dei Professori e dei Ricercatori (entro i termini di massima fissati dalla Legge e eventualmente dal presente Regolamento di Ateneo), in relazione agli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio che li vedono coinvolti ed agli impegni didattici da ciascuno complessivamente assunti in tale quadro; c) sulla compilazione del Manifesto didattico di Facoltà, ai sensi dell art.13 del presente Regolamento; d) sull istituzione delle Commissioni didattiche di vigilanza, ai sensi dell art.15; e) sull istituzione e l attivazione dei Corsi di studio, ai sensi dell art.10, comma 1;

8 f) sull attivazione, proposta dai Consigli dei Corsi di studio, di moduli didattici di ogni tipologia, mediante supplenze, affidamenti o contratti, e sulla loro disattivazione; g) sull approvazione di progetti di sperimentazione didattica, proposta dai Consigli dei Corsi di studio. 4. Il Preside ha il dovere di verificare, nei modi, nei tempi e secondo le procedure da lui ritenuti più opportuni, lo svolgimento dell impegno didattico e tutoriale obbligatori da parte dei Professori e dei Ricercatori della Facoltà e la corretta compilazione dei registri didattici personali, secondo la disciplina stabilita dai Regolamenti didattici. Il Preside ha quindi il dovere di comunicare eventuali inadempienze da parte di Professori e Ricercatori nello svolgimento del loro impegno didattico e tutoriale al Rettore, che delibera eventuali interventi e/o sanzioni nei loro confronti. 5. Il Preside autorizza le assenze motivate dei Professori e dei Ricercatori che incidono in modo significativo sull'attività didattica e provvede alla loro eventuale sostituzione per lo svolgimento dell attività didattica dandone comunicazione al Consiglio di Facoltà. 6. Il Consiglio di Facoltà, sentite eventualmente le Strutture didattiche interne e i Dipartimenti competenti, delibera in merito alle procedure di affidamento e supplenze di insegnamenti e all assegnazione di contratti. Articolo 9 I Corsi di studio e i Consigli dei Corsi di studio 1. I Corsi di studio, al termine dei quali, previo superamento dell esame finale, vengono rilasciati i titoli di studio di cui all art.3, comma 2, raggruppati in Classi di appartenenza in base alle definizioni stabilite dai Decreti ministeriali, sono contrassegnati da denominazioni particolari, indicative di specifiche competenze scientifiche e professionali, che sono deliberate, su proposta delle Facoltà, dal Senato Accademico. Tali denominazioni vengono indicate, ai sensi dei Decreti ministeriali, dal titolo di studio corrispondente accanto all indicazione numerica della Classe di appartenenza. La denominazione deve coincidere con quella prevista nel Regolamento didattico di Ateneo. 2. I Corsi di studio possono anche essere attivati mediante accordi tra diverse Facoltà dell Ateneo (Corsi di Studio interfacoltà) o convenzioni tra diversi Atenei (Corsi di Studio interuniversitari). I Regolamenti didattici dei Corsi di studio interfacoltà e interuniversitari determinano le particolari norme organizzative che ne regolano il funzionamento sul piano della didattica e attribuiscono ad una tra le Facoltà o ad uno tra gli Atenei convenzionati l iscrizione degli studenti relativi e la responsabilità amministrativa del Corso, salvo eccezioni previste dagli accordi o dalle convenzioni. 3. I Corsi di Studio sono retti da un Consiglio di Corso di studio costituito ai sensi dell'art.4 comma 3. Alle riunioni del Consiglio partecipano tutti i Professori a contratto, con voto consultivo. 4. Il Consiglio di Corso di studio è presieduto da un Coordinatore, eletto in base al Regolamento didattico di Corso tra i Professori di ruolo che ne fanno parte. Il Coordinatore ha la responsabilità del funzionamento del Consiglio, ne convoca le riunioni ordinarie e straordinarie e relaziona in Consiglio di Facoltà sulle attività didattiche e tutoriali svolte all interno del Corso.

9 5. Il Consiglio del Corso di studio svolge i seguenti compiti: a) elabora e sottopone al Consiglio di Facoltà l Ordinamento didattico del Corso, comprensivo della precisazione dei curricula e dell attribuzione di crediti alle diverse attività formative, in pieno rispetto degli obiettivi formativi qualificanti indicati dai Decreti ministeriali per la Classe; b) formula gli obiettivi formativi specifici del Corso, indica i percorsi formativi adeguati a conseguirli e assicura la coerenza scientifica ed organizzativa dei vari curricula proposti dall Ordinamento; c) determina e sottopone al Consiglio di Facoltà di appartenenza i requisiti di ammissione ai Corsi di studio, quantificandoli in debiti formativi e progettando l istituzione da parte della Facoltà di attività formative propedeutiche e integrative finalizzate al relativo recupero, ai sensi dell art.12; d) assicura lo svolgimento delle attività didattiche e tutoriali fissate dall Ordinamento e ne propone annualmente modifiche e precisazioni al Consiglio di Facoltà; individua, per ogni attività di cui all art. 10 del D.M. n. 509/99, la struttura o la persona fisica che ne assume la responsabilità; e) provvede al coordinamento di eventuali attività didattiche svolte in collaborazione da più di un docente; f) predispone con la collaborazione dei Dipartimenti la fruizione da parte degli studenti degli strumenti tecnici e scientifici essenziali per lo svolgimento di determinate attività formative previste dall Ordinamento; g) studia nelle forme adeguate un equilibrata gestione dell offerta didattica, in particolare con un attento controllo della regolamentazione degli orari e della fruizione delle strutture per evitare dannose sovrapposizioni delle lezioni e delle altre attività formative; h) esamina ed approva i piani di studio proposti dagli studenti entro le normative degli Ordinamenti didattici; i) provvede a quanto previsto dagli artt.21 e 22; j) valuta le domande di iscrizione ad anni di corso successivi al primo ai sensi dell art.30, comma 4; k) cura la corrispondenza tra la durata legale e quella reale degli studi, assicurando attraverso adeguate attività tutoriali, la risposta degli studenti all offerta didattica e controllando l entità del lavoro di apprendimento a carico dello studente in relazione alle finalità formative previste dall Ordinamento; l) determina le forme di verifica dei crediti acquisiti dagli studenti in periodi di tempo superiori a quelli stabiliti dall Ordinamento e ne stabilisce l eventuale obsolescenza sul piano dei contenuti culturali e professionali, ai sensi dell art.11, comma 7, proponendone l annullamento o la riduzione al Consiglio di Facoltà; m) indice almeno una riunione l anno per la programmazione didattica ed almeno una riunione l anno per la valutazione dei risultati degli esami e delle altre prove di verifica e, nel

10 complesso, della produttività della didattica, allo scopo di progettare eventuali interventi di recupero ed assistenza didattica nelle forme previste dall art.12, comma 3; n) determina le modalità, proponendole all approvazione del Consiglio di Facoltà, dell eventuale riconoscimento di crediti formativi universitari per attività formative non direttamente dipendenti dall Università, ai sensi dell art.11, comma In base ad apposite convenzioni tra Università, ratificate dai Consigli di Facoltà e approvate dal Senato Accademico, i Corsi di studio possono prevedere accordi con Corsi di studio attivati presso altri Atenei per il riconoscimento di crediti universitari ivi acquisiti dagli studenti, allo scopo di realizzare percorsi formativi integrati. Articolo 10 Istituzione, attivazione e disattivazione delle Strutture didattiche 1. Il Senato Accademico attiva o disattiva i Corsi di studio con autonome deliberazioni nel rispetto delle Leggi vigenti (in particolare del D.P.R. 27 gennaio 1998, n. 25) secondo le procedure indicate nel successivo comma 2, dandone comunicazione al Ministero. L istituzione dei Corsi di Laurea specialistica è disciplinata dall art.17, comma L istituzione di un nuovo Corso di studio interno ad una Classe di Corsi di studio già attivata nell Ateneo, con l approvazione del relativo Ordinamento didattico contenente precise disposizioni in materia di obiettivi formativi qualificanti e di corrispondenti attività formative, la modifica degli Regolamenti didattici vigenti e la disattivazione di Corsi di studio già attivati sono deliberati dai Consigli di Facoltà o delle Facoltà interessate (nel caso di Corsi di studio interfacoltà), nel rispetto dei Decreti ministeriali e delle Leggi vigenti, su proposta del Consiglio di Corso di studio interessato,fatto salvo quanto disposto dall art.19, comma 2. Tale proposta, corredata da un progetto elaborato da un gruppo di Professori e Ricercatori in numero adeguato e dotati delle competenze specialistiche necessarie nonché dal testo suddiviso in articoli dell Ordinamento corrispondente, viene sottoposta, sentito il parere del Consiglio di Amministrazione e del Nucleo di valutazione nonché del Consiglio degli Studenti, ad approvazione da parte del Senato Accademico, che ne valuta l applicabilità e la produttività. Il progetto approvato entra in vigore con decreto rettorale a partire dall inizio del successivo anno accademico. 3. L istituzione di una nuova Facoltà dell Ateneo è regolata dalla legislazione vigente ed è subordinata all istituzione di almeno una Classe di Corsi di studio ad essa afferente. 4. Nel caso di disattivazioni di Corsi di studio, l Ateneo assicura la possibilità per gli studenti già iscritti di concludere gli studi e di conseguire il relativo titolo, delegando ai Consigli di Facoltà la disciplina degli Ordinamenti didattici in tal senso, comprensiva anche della possibilità di optare per il passaggio ad altri Corsi di Studio attivati con il riconoscimento dei crediti fino a quel momento acquisiti. Articolo 11 Crediti formativi universitari 1. L unità di misura del lavoro richiesto allo studente per l espletamento di ogni attività formativa prescritta dagli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio per conseguire un titolo di studio universitario è il credito formativo universitario.

11 2. Al credito formativo universitario, di seguito denominato credito, corrispondono a norma dei Decreti ministeriali 25 ore di lavoro per studente, comprensive di ore di lezione, di esercitazione, di laboratorio, di seminario e di altre attività formative richieste dagli Ordinamenti didattici, oltre le ore di studio e comunque di impegno personale necessarie per completare la formazione per il superamento dell esame oppure per realizzare le attività formative non direttamente subordinate alla didattica universitaria (tesi, progetti, tirocini, competenza linguistica e informatica, ecc.). Ai sensi dell art. 5 comma 1 del RGA, eventuali variazioni in aumento o in diminuzione delle predette ore per singole classi, entro il limite del 20 per cento, sono possibili, su richiesta delle Facoltà, esclusivamente in seguito a Decreto ministeriale. 3. Ai sensi dell art. 5, comma 2 del RGA, la quantità di lavoro medio svolto in un anno da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari è fissata in 60 crediti. Gli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio stabiliscono i crediti corrispondenti all interno di ogni tipologia di attività formativa contemplata dalla Classe corrispondente tenendo presenti le quantificazioni del numero minimo di crediti che dovrà essere riservato a ciascun tipo di attività. 4. La frazione dell impegno orario complessivo riservata allo studio personale o ad altre attività formative di tipo individuale è determinata per ciascuna attività formativa nel Regolamento didattico del Corso di studio. 5. I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti dallo studente con il superamento dell esame o di altra forma di verifica del profitto stabilita dai Regolamenti dei Corsi di Studio, ferma restando la quantificazione in trentesimi per la votazione degli esami e in centodecimi per la prova finale, con eventuale lode. 6. Il Senato Accademico, sentito il Consiglio di Amministrazione, delibera e cura la realizzazione della strumentazione pratica necessaria per il riconoscimento dei crediti acquisiti dagli studenti e delle effettive frequenze delle attività formative previste dal Corso di studi (registri didattici con verifica delle firme di presenza ove richieste, modelli dei verbali di esame, libretti curriculari personali dello studente, moduli per la certificazione rilasciati dalla Segreterie, ecc.). 7. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio possono stabilire il numero minimo di crediti da acquisire da parte dello studente in tempi determinati al fine di evitare l obsolescenza dei contenuti conoscitivi, e le forme di verifica periodica, in forme diversificate tra studenti impegnati a tempo pieno negli studi e studenti contestualmente impegnati nello svolgimento di altre attività lavorative, ai sensi dell art.26, comma I Regolamenti didattici dei Corsi di studio possono prevedere il riconoscimento, secondo criteri predeterminati dalla Facoltà, di crediti acquisiti dallo studente nel caso di documentata certificazione, nel rispetto della normativa vigente in materia, dell acquisizione di competenze e abilità professionali, nonché di altre competenze e abilità maturate in attività formative di livello post-secondario alla cui progettazione e realizzazione l Università abbia concorso. I crediti relativi alla conoscenza di una lingua dell Unione Europea possono essere riconosciuti, sempre in base ai Regolamenti didattici dei Corsi di studio, sulla base di certificazioni rilasciate da strutture, interne o esterne all Ateneo, specificamente competenti per ciascuna delle lingue. Le certificazioni devono essere conformi agli standard europei per ciascun livello di apprendimento della lingua.

12 9. Nel caso di trasferimenti o passaggi di Corso o di Facoltà, ai sensi dell art.21, il riconoscimento di crediti acquisiti dallo studente in altro Corso di studio dell Ateneo, ovvero nello stesso o in altro Corso di studio di altra Università, anche estera, ai sensi dell art.22, compete al Consiglio di Facoltà relativo su parere del Consiglio del Corso di studio cui lo studente si iscrive, che valuta l effettivo raggiungimento degli obiettivi formativi qualificanti richiesti dall Ordinamento. Articolo 12 Requisiti di ammissione ai Corsi di studio, attività formative propedeutiche e integrative 1. I titoli di studio richiesti per l ammissione ai Corsi di Studio e il riconoscimento delle eventuali equipollenze di titoli di studio conseguiti all estero sono determinati dalle Leggi in vigore e dai Decreti ministeriali. 2. I Regolamenti dei Corsi di studio - diversi da quelli ad accesso programmato - possono richiedere allo studente il possesso o l acquisizione di una adeguata preparazione iniziale, definendo in modo inequivocabile le conoscenze richieste per l accesso e determinandone, ove necessario, le modalità di verifica, anche a conclusione di attività formative propedeutiche di cui al comma seguente. La mancanza di tali pre-requisiti culturali determinati dai Regolamenti prende il nome di debito formativo. 3. Allo scopo di favorire l assolvimento del debito formativo, su proposta dei Consigli dei corsi di studio, i Consigli di Facoltà possono prevedere internamente a ciascun Corso l istituzione di attività formative propedeutiche. Tali attività propedeutiche possono essere svolte, in determinati periodi dell anno accademico favorevoli al tipo di impegno dello studente, anche in collaborazione con istituti di istruzione secondaria superiore o con altri enti pubblici o privati, sulla base di apposite convenzioni approvate dal Senato Accademico. Attività propedeutiche e attività formative integrative previste dal Regolamento didattico sempre allo scopo dell assolvimento del debito formativo possono essere anche svolte da Professori di prima e di seconda fascia o da Ricercatori facenti parte del Consiglio del Corso di studio, sulla base di un ampliamento dell impegno didattico e tutoriale nelle forme previste dai Regolamenti per l incentivazione dei Docenti. 4. Se la verifica dell assolvimento del debito formativo, nelle forme previste dai Regolamenti di Corso di studio, non è positiva, i Consigli di Corso di studio possono proporre all approvazione del Consiglio di Facoltà l indicazione di specifici obblighi formativi da soddisfare comunque entro il primo anno di corso. Tali obblighi formativi aggiuntivi sono assegnati anche agli studenti dei Corsi di studio ad accesso programmato, che siano stati ammessi con una votazione inferiore ad minimo prefissato. 5. Per l'ammissione ai Corsi di studio superiori alla Laurea, diversi da quelli oggetto di direttiva europea, i relativi ordinamenti didattici devono indicare in modo quantitativamente definito i crediti necessari per l'accesso. L'assolvimento del debito formativo così indicato potrà avvenire da parte dello studente: o con l'iscrizione a corsi singoli, ai sensi dell'art.21, comma 4, comunque attivati presso l'ateneo o presso altre Università italiane riconosciuti come apportatori di credito dal Consiglio del Corso di studio e con il superamento dei relativi esami; oppure concordando con il Consiglio del Corso di studio specifici percorsi formativi da soddisfare prima dell'inizio delle verifiche relative al curriculum del nuovo Corso di studio.

13 Articolo 13 Manifesto degli studi, curricula e piani di studio 1. Il Senato Accademico approva annualmente il Manifesto degli studi, risultante dall insieme coordinato dei diversi Manifesti di Facoltà, comprensivi degli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio interni o dei Corsi di studio interfacoltà, tenuto conto degli aggiornamenti proposti dalle Strutture didattiche competenti e approvati dai Consigli di Facoltà. 2. I Manifesti di Facoltà vengono pubblicati nella Guida dello Studente di ogni Facoltà, gratuitamente distribuita dagli uffici competenti ad ogni studente iscritto. 3. Nei Corsi di Laurea, di Laurea specialistica e di Specializzazione, lo studente può seguire uno dei curricula fissati nel Manifesto dall Ordinamento del Corso di studi cui è iscritto, oppure, secondo le modalità ivi indicate, chiedere l approvazione di un curriculum individuale, in entrambi i casi mediante la presentazione del proprio piano di studi alla Segreteria studenti entro i tempi fissati dal Senato Accademico. 4. I piani di studio contenenti la richiesta di approvazione di curricula individuali saranno vagliati, sulla base dei criteri indicati dal Regolamento del Corso di studio, da una apposita Commissione istituita dal Consiglio del Corso di studio e approvati dal Consiglio stesso. Detti curricula devono rientrare nella configurazione dei corsi di studio fissata nel Regolamento didattico di Ateneo. Articolo 14 Orientamento e tutorato 1. Al fine di rendere matura e consapevole la scelta degli studi universitari e di assicurare un servizio di tutorato ed assistenza per l accoglienza ed il sostegno degli studenti, di prevenirne la dispersione ed il ritardo negli studi e di promuovere una proficua partecipazione attiva alla vita universitaria in tutte le sue forme, il Senato Accademico provvede con un apposito Regolamento ad organizzare le attività di orientamento e tutorato previste dalle Leggi vigenti, articolate, in particolare, nelle tre fasi fondamentali della loro vita universitaria: scelta della Facoltà e del Corso di studio, percorso degli studi dall'immatricolazione alla Laurea, accesso al mondo del lavoro. 2. L Università di Messina prevede l istituzione di un Servizio di Ateneo per il coordinamento delle iniziative di orientamento e di tutorato di cui al comma precedente, eventualmente con il supporto di un apposito ufficio o Centro di Ateneo incaricato di assolvere agli aspetti organizzativi ed amministrativi di tali attività e da una Commissione di Ateneo per l orientamento e il tutorato. Tale Servizio, comunque allestito ed organizzato, può operare anche in collaborazione con gli istituti di istruzione secondaria superiore e di altri enti esterni, pubblici e privati. 3. Le attività di orientamento e tutorato sono organizzate e regolamentate dalle Strutture didattiche nell ambito della programmazione didattica. 4. In materia di orientamento alla scelta universitaria, le Facoltà e i Corsi di studio, eventualmente con il supporto organizzativo del Centro di Ateneo di cui al comma 2, con la consulenza di tecnici esterni e con convenzioni con i Provveditorati agli studi interessati, possono offrire:

14 a) attività didattico-orientative per gli studenti degli ultimi due anni di corso di Scuola Superiore, finalizzate soprattutto alla pre-iscrizione; b) corsi di formazione dei docenti di scuola superiore su temi relativi all orientamento; c) consulenze su temi relativi all orientamento inteso come attività formativa, in base alle richieste provenienti dalle scuole. 5. In materia di orientamento nel corso degli studi, le Facoltà diffondono mediante l attività di tutorato, informazioni sui percorsi formativi interni ai Corsi di studio, sul funzionamento dei servizi e sui benefici per gli studenti. 6. In materia di orientamento post-universitario, le Facoltà possono attivare, nell ambito dei servizi didattici integrativi di cui all art.31: a) corsi di orientamento all inserimento nel mondo del lavoro e delle professioni; b) corsi di preparazione agli esami di Stato; c) corsi di formazione professionale e di formazione permanente. Articolo 15 Commissioni didattiche di vigilanza 1. Presso ogni Facoltà, secondo le Leggi vigenti, è istituita una Commissione didattica paritetica di Facoltà o un organismo equivalente, quale osservatorio permanente delle attività didattiche. 2. La Commissione è presieduta dal Preside o da un suo Delegato ed è composta, secondo norme fissate dal Regolamento di Facoltà, da una rappresentanza paritetica di docenti e studenti scelti tra i membri del Consiglio di Facoltà e dei Consigli di corso di studio. 3. La Commissione didattica di Facoltà svolge i seguenti compiti: a) effettua valutazioni, verifiche e rilevazioni statistiche sui vari aspetti dell attività didattica, anche attraverso la predisposizione di specifici questionari valutativi da sottoporre agli studenti; b) propone al Consiglio di Facoltà iniziative di vario tipo atte a migliorare l organizzazione della didattica; c) esprime pareri al Consiglio di Facoltà sulla revisione dei Regolamenti didattici dei Corsi di studio e sulla effettiva coerenza tra i crediti assegnati alle varie attività formative e gli specifici obiettivi formativi programmati.

15 TITOLO II Tipologia e regolamentazione dei Corsi di studio e delle attività didattiche Articolo 16 Corsi di Laurea 1. Il Corso di Laurea ha l obiettivo di assicurare allo studente un adeguata padronanza di metodi e contenuti scientifici generali, nonché l acquisizione di specifiche conoscenze professionali. 2. Per essere ammessi ad un Corso di Laurea occorre essere in possesso di un Diploma di Scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all estero riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dall art.22, comma 4. Altri requisiti formativi e culturali possono essere richiesti per l accesso dai Regolamenti dei Corsi di studio secondo le normative prescritte dall art Per conseguire la Laurea lo studente deve avere acquisito 180 crediti. La durata normale del Corso di Laurea è di tre anni. 4. All atto dell istituzione di un Corso di Laurea, il Regolamento didattico corrispondente stabilisce quali crediti acquisiti saranno riconosciuti validi per l eventuale prosecuzione degli studi universitari in altri Corsi di studio attivati presso l Ateneo, nonché, sulla base di specifiche convenzioni, presso altre Università. Articolo 17 Corsi di Laurea specialistica 1. Il Corso di Laurea specialistica ha l obiettivo di fornire allo studente una formazione di livello avanzato per l esercizio di attività di elevata qualificazione in ambiti specifici. 2. Per essere ammessi ad un Corso di Laurea specialistica occorre essere in possesso della Laurea ovvero di altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dall art.22, comma 4. Altri requisiti curriculari indicativi di una adeguata preparazione personale possono essere richiesti dai Regolamenti didattici per l accesso ai Corsi di Laurea specialistica, secondo le normative prescritte dall art.12, comma In deroga al comma 2, i Decreti ministeriali possono prevedere l ammissione ad un Corso di Laurea specialistica con il possesso del Diploma di Scuola secondaria superiore, esclusivamente per Corsi di studio regolati da normative dell Unione Europea che non prevedano per essi titoli universitari di primo livello, fatta salva la verifica dell adeguata preparazione iniziale prevista dai Regolamenti dei Corsi di studio, ai sensi dell art Salvo le eccezioni previste dal comma 3, per conseguire la Laurea specialistica lo studente deve avere acquisito 300 crediti, ivi compresi quelli già acquisiti con il conseguimento del titolo di Laurea. La durata normale del Corso di Laurea specialistica è di due anni dopo la Laurea. 5. L Ateneo può istituire Corsi di Laurea specialistica solo se è già attivato un Corso di Laurea comprendente almeno un curriculum i cui crediti formativi universitari siano

16 integralmente riconosciuti, in base ai Regolamenti didattici, per il Corso di Laurea specialistica, con l eccezione dei Corsi di cui al comma 3, ovvero in seguito al riconoscimento equivalente, sulla base di una specifica convenzione, della validità di un Corso di Laurea attivato presso un'altra Università. Articolo 18 Corsi di Specializzazione 1. Il Corso di Specializzazione ha l obiettivo di fornire allo studente conoscenze e abilità per funzioni richieste nell esercizio di particolari attività professionali e può essere istituito esclusivamente in applicazione di specifiche norme di legge o di direttive dell Unione Europea. 2. Per essere ammessi ad un Corso di Specializzazione occorre essere in possesso almeno della Laurea, ovvero di altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dall art.22, comma 4. Altri specifici requisiti di ammissione nonché gli eventuali crediti formativi universitari aggiuntivi rispetto al titolo di studio già conseguito ritenuti necessari per l ammissione sono stabiliti dai Decreti ministeriali e, a norma di essi, dai Regolamenti didattici, ai sensi dell art Per conseguire il Diploma di Specializzazione lo studente deve avere conseguito un numero di crediti, compreso tra 300 e 360, comprensivi di quelli già acquisiti e riconosciuti validi per l ammissione al Corso, numero che viene precisato dai Decreti ministeriali, fatte salve le diverse disposizioni previste da specifiche norme di Legge o da direttive dell Unione Europea. La durata normale dei Corsi di Specializzazione oscilla quindi fra i due e i tre anni, e viene stabilita dai rispettivi Ordinamenti didattici. Articolo 19 Corsi di Dottorato di Ricerca 1. I Corsi di Dottorato di Ricerca hanno l obiettivo di fornire le competenze necessarie per esercitare, presso Università, enti pubblici o soggetti privati, attività di ricerca di alta qualificazione. 2. L istituzione da parte dell Ateneo dei Corsi di Dottorato di Ricerca, l approvazione dei relativi Ordinamenti didattici e le normative relative all assegnazione delle borse di studio sono disciplinati dall art. 4 della legge 3 luglio 1998, n. 210 e dal Decreto Ministeriale n. 224 del 30/4/1999. Sulla base di tale normativa, l attivazione di un Corso di Dottorato di Ricerca avviene su proposta di uno o più Consigli di Dipartimento, previa delibera del Senato Accademico, del Consiglio di Amministrazione e nulla osta del Nucleo di Valutazione. 3. I Dottorati di ricerca aventi sede amministrativa nell Ateneo possono essere istituiti anche in consorzio con altre Università italiane e mediante convenzioni con soggetti pubblici e privati in possesso di requisiti di elevata qualificazione culturale e scientifica e di personale, strutture ed attrezzature idonei. 4. Per essere ammessi ad un Corso di Dottorato di Ricerca occorre essere in possesso della Laurea specialistica conseguita entro un numero di Classi di Corsi di studio precisato dall Ordinamento didattico, o di analogo titolo accademico conseguito all estero ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dall art.22, comma 4. I Regolamenti didattici potranno prevedere, ai sensi delle Leggi vigenti, l accesso ai Corsi di Dottorato di ricerca anche ai possessori di Diplomi di Laurea conseguiti in base alle normative pre-vigenti.

17 5. L accesso ai Corsi di Dottorato di ricerca, i cui Regolamenti prevedono sempre un numero programmato di partecipanti, è subordinato al superamento di una prova di ammissione, disciplinata, ai sensi della normativa vigente, dai Regolamenti stessi. 6. Il numero dei laureati da ammettere a ciascun Corso di Dottorato, il numero di Dottorandi esonerati dai contributi per l accesso e la frequenza ai corsi e l ammontare e il numero, comunque non inferiore alla metà dei Dottorandi, delle borse da assegnare sono determinati annualmente con Decreti rettorali. 7. L Università di Messina può istituire in base ad accordi bilaterali o multilaterali di cooperazione interuniversitaria internazionale dei Corsi di Dottorato di Ricerca congiunti o Corsi di Dottorato internazionale. 8. La denominazione dei Corsi di Dottorato di Ricerca, il loro Regolamento didattico comprensivo dell eventuale articolazione in curricula, sono determinati dall'ordinamento didattico relativo, progettato dal Collegio dei Docenti e approvato dal Senato Accademico. La durata normale dei Corsi non è inferiore a tre anni. 9. L Università di Messina può prevedere in base ai Regolamenti didattici l affidamento ai Dottorandi di ricerca di una limitata attività didattica sussidiaria o integrativa che non deve in ogni caso compromettere l attività di formazione della ricerca. Le delibere relative alla determinazione e alla collocazione all interno degli Ordinamenti didattici di vario livello di tale attività didattica sono prese dalle Facoltà interessate, sentito il parere dei Consigli di Corso di studio interessati. Tale collaborazione didattica dei Dottorandi resta comunque facoltativa, non implica oneri finanziari per il bilancio dello Stato e non dà luogo a diritti in ordine all accesso ai ruoli delle Università. 10. Ai sensi dell art.22, parte delle attività formative previste dall Ordinamento didattico del Corso di Dottorato di Ricerca possono essere svolte anche all estero, presso Università estere o istituti equiparati, nell ambito dei programmi europei di mobilità studentesca, ed essere riconosciute come curriculari ai sensi delle Leggi vigenti e nelle forme previste dall art.22, comma 4. Articolo 20 Master universitari 1. In attuazione dell articolo 1, comma 15, della legge 14 gennaio 1999, n. 4, l Ateneo può attivare Corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente e aggiornamento professionale, successivi al conseguimento della Laurea o della Laurea specialistica, alla conclusione dei quali sono rilasciati i Master universitari. 2. I Master universitari possono essere di primo e di secondo livello. Per accedere ai Master di primo livello è necessario aver conseguito la Laurea. Per accedere ai Master di secondo livello è necessario aver conseguito la Laurea specialistica. 3. Per conseguire il Master universitario lo studente deve aver acquisito almeno 60 crediti oltre a quelli acquisiti per conseguire la Laurea o la Laurea specialistica. La durata normale dei Corsi di Master universitario è di un anno. 4. I Corsi di Master universitario possono essere attivati anche in collaborazione con enti esterni, pubblici o privati.

18 5. L offerta didattica dei Corsi di Master universitario deve essere specificamente finalizzata a rispondere a domande formative di cui, in base alla adeguata strumentazione di rilevazione attivata dall Ateneo, è stato possibile individuare l esistenza reale sul territorio nazionale. A tale scopo l impostazione degli Ordinamenti didattici relativi deve essere ispirata ad esigenze di flessibilità e adeguamento periodico al mutamento delle condizioni del mercato del lavoro. 6. L Ateneo può istituire in base ad accordi bilaterali o multilaterali di cooperazione interuniversitaria internazionale, Corsi di Master congiunti di primo e di secondo livello. Articolo 21 Trasferimenti, passaggi di Corso e di Facoltà, ammissione a corsi singoli 1. I trasferimenti presso l Ateneo di studenti provenienti da altra Università sono subordinati all accettazione della loro richiesta da parte del Consiglio di Facoltà, che valuta, sentito il parere dei Consigli dei Corsi di studio interessati, l eventuale riconoscimento della carriera di studio fino a quel momento seguita, ossia la convalida degli esami sostenuti e dei crediti acquisiti, e l indicazione dell anno di Corso al quale lo studente viene iscritto. 2. In casi specificamente previsti, i trasferimenti possono essere regolamentati da apposite convenzioni tra l Ateneo e le altre Università di provenienza. 3. I Regolamenti didattici possono prevedere in casi specifici la subordinazione dell accettazione di una pratica di trasferimento ad una prova di ammissione predeterminata. 4. I Consigli di Facoltà, sentito il parere dei Consigli dei Corsi di studio interessati, deliberano sull accettazione delle domande di passaggio di Corso di studi, valutando l eventuale riconoscimento della carriera di studio fino a quel momento seguita dallo studente, nelle forme previste dal comma I cittadini italiani, anche se già in possesso di un titolo di Laurea o di Laurea specialistica, e gli studenti iscritti a Corsi di studio presso Università estere, possono iscriversi, previo pagamento dei contributi stabiliti dagli Organi Accademici competenti, a singoli corsi attivati presso i Corsi di studio di ogni livello presenti in Ateneo, essere autorizzati a sostenere le prove d esame per il superamento delle annualità relative e ad averne dalla Segreteria studenti regolare attestazione utilizzabile per scopi professionali o concorsuali, per i quali sia richiesto un aggiornamento culturale e scientifico o un particolare perfezionamento delle competenze acquisite. Articolo 22 Mobilità studentesca e riconoscimento di studi compiuti all estero 1. Nel rispetto delle Leggi vigenti, l Università di Messina aderisce ai programmi di mobilità studentesca riconosciuti dalle Università della Comunità europea, a qualsiasi livello di Corso di studio. 2. L Università di Messina favorisce la mobilità studentesca secondo un principio di reciprocità, mettendo a disposizione degli studenti ospiti le proprie risorse didattiche e l assistenza tutoriale prevista dai regolamenti dei programmi di cui al comma 1, fornendo altresì un supporto organizzativo e logistico agli scambi.

19 3. Il riconoscimento degli studi compiuti all estero, della frequenza richiesta, del superamento degli esami e delle altre prove di verifica previste e del conseguimento dei relativi crediti formativi universitari da parte di studenti dell Ateneo è disciplinato dai regolamenti dei programmi di cui al comma 1 e diventa operante con approvazione o, nel caso di convenzioni bilaterali, con ratifica da parte del Consiglio di Facoltà interessato, ai sensi dell art.11, comma 9. In assenza di Convenzioni, lo studente può ottenere il riconoscimento preventivo della validità di uno o più corsi da frequentare presso Università straniere. 4. Il riconoscimento dell idoneità di titoli di studio conseguiti all estero ai fini dell ammissione a Corsi di Studio attivati presso l Ateneo, compresi i Corsi di Dottorato di Ricerca, è approvato, ai sensi dell art. 12, comma 1, su richiesta e previo parere delle Strutture didattiche interessate, dal Senato Accademico. Articolo 23 Calendario didattico 1. Il Calendario didattico viene approvato da ciascuna Facoltà nel rispetto di parametri generali stabiliti dal Senato Accademico per l intero Ateneo. 2. L anno accademico, differenziato dall anno amministrativo, ha inizio il 1 novembre ed ha termine il 31 ottobre di ogni anno solare. 3. Il Consiglio di Facoltà può deliberare l articolazione dell anno accademico in due o più periodi didattici non inferiori ai 4 mesi, fermi restando gli obblighi di presenza dei Professori e dei Ricercatori di cui all art.27, nonché l articolazione degli insegnamenti di qualsiasi tipologia, e a prescindere dalla rispettiva durata, in corsi annuali e/o semestrali. I Corsi non annuali possono iniziare anche prima dell inizio ufficiale dell anno accademico. 4. Il Calendario didattico dovrà prevedere la non sovrapposizione dei periodi dedicati alla didattica a quelli dedicati alle prove di esame e altre verifiche del profitto, con esclusione dei soli appelli straordinari di cui al comma seguente. 5. Il Consiglio di Facoltà delibera numero e articolazione delle sessioni di esame, compresa l eventuale programmazione di appelli straordinari riservati agli studenti fuori corso e agli studenti lavoratori. Il Calendario delle prove finali per il conseguimento dei titoli di studio è disciplinato dall art.29, comma 11. Articolo 24 Tipologia e articolazione degli insegnamenti 1. I Regolamenti didattici di qualsiasi Corso di studi possono prevedere l articolazione degli insegnamenti in moduli didattici di diversa durata, con attribuzione di diverso peso nell assegnazione dei crediti formativi universitari corrispondenti. 2. Oltre ai corsi di insegnamenti ufficiali, di varia durata, che terminano con il superamento delle relative prove di esame, gli Ordinamenti didattici possono prevedere l attivazione di: corsi di sostegno, seminari, esercitazioni in laboratorio e/o in biblioteca, esercitazioni di pratica testuale, esercitazioni di pratica informatica e altre tipologie di insegnamento ritenute adeguate al conseguimento degli obiettivi formativi del Corso. Per ciascuna di tali tipologie di insegnamento dovranno essere indicati negli Ordinamenti didattici:

20 a) l afferenza a un settore scientifico-disciplinare o a un ambito disciplinare definito, anche allo scopo di assicurare la corretta assegnazione di essi ad uno dei Professori o Ricercatori del Consiglio del Corso di studio interessato; b) l assegnazione di un adeguato numero di crediti formativi universitari; c) il tipo di verifica del profitto che consente nei vari casi il conseguimento dei relativi crediti. 3. Un solo corso di insegnamento può essere articolato in più moduli. In tal caso le prove di verifica finale dovranno accertare il profitto degli studenti nell ambito di ciascun modulo previsto. 4. I corsi di insegnamento di qualsiasi tipologia e durata potranno essere monodisciplinari o integrati (ossia intercattedra), ed essere affidati, in questo secondo caso, alla collaborazione di più Professori e/o Ricercatori, secondo precise indicazioni e norme contemplate dai Regolamenti didattici. 5. I Regolamenti didattici possono prevedere anche forme di insegnamento a distanza, specificando le modalità di frequenza e di verifica pratica ad esse connesse. 6. I Consigli dei Corsi di Studio possono chiedere al Consiglio di Facoltà di approvare che uno o più insegnamenti, di qualsiasi tipologia e durata, possano essere mutuati da un insegnamento di analoga denominazione e contenuto di un altro Corso di studi della stessa o di altra Facoltà, previo assenso della stessa, sentito il docente. 7. I Consigli dei Corsi di studio possono proporre al Consiglio di Facoltà di deliberare lo sdoppiamento dei corsi di insegnamento quando ricorrono i presupposti previsti dalla normativa vigente, tenendo presenti le particolari caratteristiche della tipologia di tali corsi. Il Consiglio di Facoltà attiva gli insegnamenti sdoppiati, fissa le modalità di suddivisione degli studenti e verifica annualmente la permanenza dei presupposti che hanno portato allo sdoppiamento. 8. Nel caso di insegnamenti sdoppiati all interno di un medesimo Corso di studi è compito della Commissione didattica di Facoltà verificare che i programmi didattici e le prove d esame siano equiparabili ai fini didattici e non creino disparità nell impegno di studio e nel conseguimento degli obiettivi formativi da parte degli studenti interessati. Articolo 25 Esami e verifiche del profitto 1. A seconda della tipologia e della durata degli insegnamenti impartiti, gli Ordinamenti didattici stabiliscono il tipo di prove di verifica che determinano per gli studenti il superamento del corso e l acquisizione dei crediti assegnati. Ai sensi dell art. 11, comma 5, tali prove potranno consistere in esami - orali o scritti - la cui votazione viene espressa in trentesimi, o nel superamento di altre prove di verifica - prove orali o scritte, pratiche, grafiche, tesine, colloqui, ecc.- appositamente studiate dal Consiglio del Corso di studio allo scopo di valutare il conseguimento degli obiettivi formativi previsti per ciascun insegnamento. 2. Il voto minimo per il superamento dell esame è di diciotto trentesimi. Come previsto dall art. 11, comma 5, la Commissione può, all unanimità, concedere al candidato il massimo dei voti con lode.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE Approvato con Decreto Ministeriale 15 aprile 2005 G.U. n. 106 del 09/05/2005

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Università del Salento Facoltà di Scienze della Formazione nome matricola Guida 2007-2008 Finito di stampare nel mese di novembre 2007 presso lo stabilimento tipolitografico della TorGraf di Galatina (Le)

Dettagli

Regolamento Didattico di Ateneo

Regolamento Didattico di Ateneo Regolamento Didattico di Ateneo Emanato con Decreto Rettorale n. 946 del 18.9.2001 Modifiche e integrazioni: Decreto Rettorale n. 990 del 10.9.2002 (All.A) - Decreto Rettorale n. 1130 del 2.10.2002 (All.A)

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

U niversità degli Studi di N apoli P arthenope

U niversità degli Studi di N apoli P arthenope U niversità degli Studi di N apoli P arthenope REGOLAMENTO DIDATTICO di ATENEO (emanato con D.R. n. 407 del 20.09.2001 e modificato con DD.RR. nn. 41 del 24.01.2003, 209 del 08.04.2003, 211 del 10.04.2003,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (Emanato con D.R. prot. n. 15141 I/3 - rep. D.R. n. 714-2015 del 19.06.2015) I termini relativi a persone che, nel presente Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM INDICE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM INDICE REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA TELEMATICA INDICE Premessa Definizioni...3 Titolo I - Titoli e corsi di studio...4 Art. 1 Autonomia didattica...4 Art. 2 Titoli di studio...4 Titolo II - Tipologia

Dettagli

ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO 1 Art. 1- Definizioni... 3 Art. 2 Finalità... 4 CAPO I... 4 Titoli e corsi di studio... 4 Art.3 Titoli di studio... 4 Art.4 Corso di Laurea...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - L'AQUILA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - L'AQUILA Repertorio n. 257-2009 Prot n. 4982 IL RETTORE VISTA la Legge 9 maggio 1989 n. 168; VISTO il vigente Statuto dell Università degli Studi dell Aquila, in particolare l art. 53 comma 2; VISTO il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Articolo 1 Definizioni 1.Ai sensi del presente Regolamento si intendono: a) per Regolamento Generale sull Autonomia, il Regolamento recante norme concernenti l Autonomia

Dettagli

Regolamento Didattico Generale

Regolamento Didattico Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI CATANIA Regolamento Didattico Generale Art. 1. Strutture didattiche 1. Sono strutture

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

Il regolamento didattico

Il regolamento didattico Il regolamento didattico dell Università telematica e-campus INDICE Art. 1 Finalità Titolo I DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI RICERCA Capo I TITOLI E CORSI Art. 2 Titoli Art. 3 Corsi di studio

Dettagli

Regolamento Didattico dell Università telematica e-campus

Regolamento Didattico dell Università telematica e-campus Art. 1 Finalità Regolamento Didattico dell Università telematica e-campus INDICE Titolo I DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI RICERCA Capo I TITOLI E CORSI Art. 2 Titoli Art. 3 Corsi di studio a

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DEFINIZIONI E FINALITA TITOLO I 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: ARTICOLO 1 DEFINIZIONI a) per Ministro, o Ministero, il Ministro o il Ministero competente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO 1 INDICE REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO T i t o l o I Principi Generali Articolo 1 Finalità Articolo 2 Titoli e corsi di studio Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012)

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012) INDICE REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012) PARTE PRIMA NORME GENERALI ART. 1 -Definizioni ART. 2 - Autonomia didattica ART. 3 - Titoli di studio ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340)

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340) REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 31 maggio 2011, n. 660 e confermato con Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340) Parte prima NORME GENERALI ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3 CAPO I - DEFINIZIONI...3 ART. 1 DEFINIZIONI...3 CAPO II - OFFERTA DIDATTICA...3 ART. 2 - ATTIVITÀ FORMATIVE...3 ART. 3 - TITOLI E CORSI DI STUDIO...3

Dettagli

Regolamento didattico dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento didattico dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento didattico dell Università degli Studi Link Campus University TITOLO I DEFINIZIONI E FINALITÀ Articolo 1 Autonomia didattica e obiettivi del regolamento 1. Il presente Regolamento dell Università

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Regolamento didattico di Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 e decreti successivi dicembre 2007 LUISS viale Pola 12 00198

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA DIPARTIMENTO DI ARTE COREUTICA Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI STUDIO CAPO I - Generalità,

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento didattico d Ateneo Senato Accademico 21 Giugno 2011 Consiglio di Amministrazione 28 Giugno 2011 Decreto Rettorale Rep. n 1054/2011 Prot.n 20791 del 7/10/2011

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1367 IL RETTORE

Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1367 IL RETTORE Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1367 VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; IL RETTORE VISTA la legge 19 novembre 1990, n. 341, ed in particolare l'art. 11; VISTO lo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO PARTE GENERALE Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento didattico di ateneo, in ottemperanza alla normativa vigente ed in particolare all art. 11 del decreto ministeriale

Dettagli

RUFA Rome University of Fine Arts Accademia di Belle Arti legalmente riconosciuta dal MIUR REGOLAMENTO DIDATTICO D'ACCADEMIA

RUFA Rome University of Fine Arts Accademia di Belle Arti legalmente riconosciuta dal MIUR REGOLAMENTO DIDATTICO D'ACCADEMIA RUFA Rome University of Fine Arts Accademia di Belle Arti legalmente riconosciuta dal MIUR REGOLAMENTO DIDATTICO D'ACCADEMIA Indice PARTE PRIMA - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità

Dettagli

Humanitas University

Humanitas University Humanitas University REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità TITOLO I Organizzazione dell attività didattica: corsi di studio e strutture Art. 3 Titoli e corsi di studio

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10) REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10) (Emanato con D.R. n. 227 del 18.02.2013, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.02.2013 pubblicato nel B.U. n. 103) - In vigore

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale)

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea nelle sedute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I OFFERTA FORMATIVA DELL ATENEO ART. 1 - AUTONOMIA DIDATTICA E REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO 1. Il presente regolamento didattico di Ateneo definisce e disciplina:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA afferisce

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA BASILICATA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Emanato con D.R. n. 530 dell'11 ottobre 2001 Testo coordinato con successive modifiche e integrazioni PARTE GENERALE Art. 1 Ambito

Dettagli

Regolamento didattico d Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Regolamento didattico d Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 Regolamento didattico d Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 D.R. 24 giugno 2008 n. 9018 - Emanazione D.R. 26 gennaio 2010 n. 919 Modifiche agli articoli 10,18,19,24 e 27 D.R 22 settembre 2011

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 Riformulazione complessiva approvata dal Senato Accademico nelle sedute del 28 febbraio 2013, 24 giugno 2013 e 24 ottobre 2013) Art. 1 Definizioni

Dettagli

Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia

Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia Università degli Studi di Brescia Facoltà di Economia Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 -

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 e decreti successivi con l ultima modifica dell articolo

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. Regolamento didattico Facoltà di Scienze Politiche

Università degli Studi di Sassari. Regolamento didattico Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Sassari Regolamento didattico Facoltà di Scienze Politiche 2008/ 2009 1 Regolamento didattico di Facoltà Indice art. 1 Fonti normative art. 2 Oggetto art. 3 Ordinamenti didattici

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Alta Formazione Artistica e Musicale ISTITUTO SUPERIORE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Alta Formazione Artistica e Musicale ISTITUTO SUPERIORE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale ISTITUTO SUPERIORE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE Regolamento Didattico Generale Firenze, 2014 2 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli studi di Padova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE

Dettagli

Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1365 IL RETTORE

Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1365 IL RETTORE Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1365 VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; IL RETTORE VISTA la legge 19 novembre 1990, n. 341, ed in particolare l'art. 11; VISTO lo

Dettagli

Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1345 IL RETTORE D E C R E T A

Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1345 IL RETTORE D E C R E T A Coord. Direz. Amm.va/Ufficio Statuto, Regolamenti ed Elezioni D.R. n. 1345 VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; IL RETTORE VISTA la legge 19 novembre 1990, n. 341, ed in particolare l'art. 11; VISTO lo

Dettagli

Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO Accademia di Belle Arti di Carrara Regolamento didattico Titolo I - Principi generali Art. 1 - Finalità Art. 2 - Corsi di studio e Titoli Art. 3 - Crediti Formativi Accademici

Dettagli

Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza

Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza Regolamento Didattico del Corsi di Laurea triennale in: Economia aziendale (Classe L 18 Classe delle lauree in Scienze dell'economia

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea in Consulente del

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ARCHEOLOGIA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea in ARCHEOLOGIA afferisce alla Classe delle lauree L-1

Dettagli

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere. Università degli Studi di Sassari. Regolamento didattico SOMMARIO

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere. Università degli Studi di Sassari. Regolamento didattico SOMMARIO Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università degli Studi di Sassari Regolamento didattico SOMMARIO TITOLO I. Scopo del regolamento e organizzazione generale della Facoltà Art. 1 - Scopo del regolamento

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A. REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A.TONELLI DI MODENA 1 PARTE PRIMA Premessa Art. 1. Generalità Art. 2. Definizioni

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale - L37 (ai sensi del D.M.270/04)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale - L37 (ai sensi del D.M.270/04) SCUOLA DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO-SOCIALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE, AZIENDALI E STATISTICHE Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO PARTE PRIMA ORGANIZZAZIONE E AUTONOMIA DIDATTICA TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270)

REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270) U N IVERSITÀ DEGLI STUDI DI P AVIA D IPARTIMENTO DI FISICA REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270) CORSO DI LAUREA IN FISICA Classe L-30 Coorte a.a. 2015/2016 PARTE PRIMA DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI P. MASCAGNI - LIVORNO REGOLAMENTO DIDATTICO Via G. Galilei, 40 57122 Livorno Tel. 0586 403724 Fax 0586 426089 www.istitutomascagni.it e-mail: segreteria @istitutomascagni.it

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41) Page 1 of 5 Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: 8415 - MEDICINA E CHIRURGIA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: MEDICINA E CHIRURGIA Testo: Scuola di Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. A.G Decreto n. 17 VISTA VISTO VISTO VISTI VISTO VISTO VISTO IL RETTORE la legge 19 novembre 1990 n. 341, art. 11 co.1; il decreto ministeriale 22 ottobre

Dettagli

D. R. n. 36/14 IL RETTORE

D. R. n. 36/14 IL RETTORE IL RETTORE D. R. n. 36/14 Vista la legge 9 maggio 1989 n. 168; Vista Visti Visti Vista Viste la legge 19 novembre 1990 n. 341 ed in particolare l art.11; l art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

Elementi qualificanti del regolamento: Assicurare la più ampia partecipazione

Elementi qualificanti del regolamento: Assicurare la più ampia partecipazione Elementi qualificanti del regolamento: Assicurare la più ampia partecipazione Progettazione della didattica dal basso verso l'alto: sono le strutture alla base che progettano e programmano la didattica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE SENATO ACCADEMICO 19/02/2008; 23/09/2008; 19/12/2008; 27/03/2009; CONSIGLIO

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI Art. 1. (Generalità) 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle norme di legge,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Adottato con D.R. n. 863 del 16/12/2013

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Adottato con D.R. n. 863 del 16/12/2013 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Adottato con D.R. n. 863 del 16/12/2013 Regolamento didattico di Ateneo ex D.M. n. 270/2004 1 INDICE Pag. TITOLO I Norme generali Articolo 1 Definizioni 4 Articolo 2 Autonomia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo (ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270) PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Definizioni TITOLO I ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R. n. 307 del 24/05/2002 D.R. n. 307 IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto di questo Politecnico; il Regolamento

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in MEDICINA E CHIRURGIA

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO) REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO) Approvato dal Consiglio Accademico nella seduta del 10 luglio 2007. Modificato in data 3 dicembre

Dettagli

Regolamento di SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (in progressiva attivazione dall'a.a. 2013/14)

Regolamento di SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (in progressiva attivazione dall'a.a. 2013/14) Regolamento di SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (in progressiva attivazione dall'a.a. 2013/14) INDICE Premessa Art. 1: Requisiti per l'accesso al corso Art. 2: Regole di mobilità fra i curricula del Corso

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri.

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER DI I LIVELLO IN DIDATTICA DELL ITALIANO A STRANIERI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D'ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO D'ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO D'ATENEO Art. 1 - Definizioni Art. 2 - Finalità TITOLO I TITOLI E CORSI DI STUDIO Art. 3 - Titoli di studio Art. 4 - Corsi di Laurea Art. 5 - Corsi di Laurea magistrale Art. 6 - Corsi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO INDICE PARTE I TITOLO I - Strutture didattiche e corsi di studio Art. 1 - Strutture didattiche Art. 2 - Commissioni paritetiche Art. 3 - Corsi di studio Art. 4 - Titoli

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240 REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240 Parte prima REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240) TITOLO I.

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli

POL I T E C N I C O D I M I L A N O

POL I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. N. 3798 Prot. n. 50089 Data 31 ottobre 2014 Titolo I Classe UOR AG POL I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Articolo 1 Definizioni e finalità Il presente regolamento, nel rispetto della libertà

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale Conservatorio Statale di Musica G. Verdi - T O R I N O - R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O D.D.G. Miur/Afam

Dettagli

*++$,#!#$$*%*& -%*!$$"%#&.! $$$#!$& + ' 2 3 44 %!!/%!!%+4& %!!/!"*5!$5%!!01+ +67. 89& : )%%!!# '+ 7 0 +49 8 67. 89 "! # ( $ %!

*++$,#!#$$*%*& -%*!$$%#&.! $$$#!$& + ' 2 3 44 %!!/%!!%+4& %!!/!*5!$5%!!01+ +67. 89& : )%%!!# '+ 7 0 +49 8 67. 89 ! # ( $ %! ' ' '!" #$%&!$!#$"$("& $$$! )& *++$,#!#$$*%*& -%*!$$"%#&.! $$$#!$& %!/!**$%!!01+ + ' 2 3 44 %!!/%!!%+4& %!!/!"*5!$5%!!01+ +67. 89& : )%%!!# '+ 7 0 +49 8 67. 89 +67* "! # ( $ %! + +4 " 27 $3& 8' ;++49 REGOLAMENTO

Dettagli