L approfondimento Fine anno: è tempo di bilanci di Giuliano Deimichei. 29 Gli auguri del Direttivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L approfondimento Fine anno: è tempo di bilanci di Giuliano Deimichei. 29 Gli auguri del Direttivo"

Transcript

1

2

3 incontro n.54 Copertina: In piazza della Chiesa a Bosco Chiesanuova Editrice: Cassa Rurale Bassa Vallagarina Direttore responsabile: Walter Liber Coordinatore: Gianni Debiasi Redazione: Assunta Azzolini, Mauro Canteri, Andrea Fracchetti, Francesco Gondola, Francesca Simonetti, Serena Zomer. Hanno collaborato: Gianpaolo Armani, Greta Campostrini, Silvia Ceschini, Walter José Debiasi, Giuliano Deimichei, Diego Gamberoni, Alberto Poli, Marco Reggio, Primo Vicentini Segreteria di redazione: Ufficio Soci Cassa Rurale Bassa Vallagarina Tel Stampa e progettazione grafica: Grafiche Fontanari, S. Margherita di Ala (TN) Iscrizione registro stampa: Tribunale di Rovereto n 205 del 29/12/1995 L Editoriale Buon Natale e Felice Anno Nuovo di Primo Vicentini L approfondimento Fine anno: è tempo di bilanci di Giuliano Deimichei In primo piano 4 Gli auguri di Natale da Orleans 10 Nasce Amici di Orleans 12 Premi allo studio Finanziamento a tasso 0 per i Soci della Cantina di Avio 16 La strenna natalizia 2009 Musica dalle chiese alle piazze Novità in Cassa 18 La nuova carta In Cooperazione A Bosco lo sportello sarà aperto anche il sabato mattina Nuovi impegni e nuove opportunità per le associazioni locali 20 Servizio 730 e Unico: al via la campagna di adesioni Consulenza previdenziale e successioni: due nuovi servizi per i Soci SOMMARIO dicembre 2009 Focus Cooperazione 24 Abruzzo: un rintocco per ripartire 26 Vicini e Concreti a fianco dei terremotati d Abruzzo Spazio ASSeT 28 Verso un maggior sviluppo dell imprenditorialità cooperativa 29 Gli auguri del Direttivo Rubriche 30 I.AS.M.A. Cambio della guardia ai vertici dell Istituto, e non solo... Dal territorio 32 Avis Valdadige nella cultura del dono 34 Donare il sangue informazioni e curiosità 36 Discesa e sci di fondo in Lessinia: le novità della stagione La Finestra, uno sguardo sul territorio Il concerto di Antonio Maria Fracchetti and Friends Attivita autunnali di ASSeT Il convegno di Confedilizia La castagnata della famiglia cooperativa La Simo a NY! La cellulosa per la produzione di questa rivista è sbiancata senza utilizzo di cloro (EFC) e proviene da foreste amministrate. 1

4 L Editoriale di Primo Vicentini Presidente BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO! Le festività natalizie e l arrivo del nuovo anno rappresentano bene il periodo nel quale ciascuno di noi avverte il desiderio - e insieme la necessità - di essere non soltanto individuo ma piuttosto persona appartenente a una comunità. La differenza può forse sembrare sottile, ma è invece sostanziale ed estremamente importante. Mentre l individuo ritiene di poter vivere nella società semplicemente tutelando la propria libertà e il proprio interesse, la persona al contrario appartiene alla comunità e si mette in relazione con il prossimo e da senso alla propria vita costruendo interessi comuni, condivisi e partecipati. Gli individui, e non le persone, sono al centro del modello che rischia di determinare lo sviluppo delle società del nostro tempo, caratterizzato dal predominio assoluto dell economia materiale dove ognuno persegue il suo egoistico interesse, dentro logiche di scambio im-personali. Però, a ben guardare, questo 2009 che sta per chiudersi ci ha mostrato numerosi altri segnali che vanno in una direzione ben diversa. Segnali che ci dicono che la storia non è prigioniera inerme dell economia materiale e che ciascuna comunità (fatta da persone ) ha la possibilità di concorrere liberamente al proprio destino. Abbiamo celebrato da poco il ventennale della caduta del Muro di Berlino, che ci ha dimostrato come i sentimenti di fratellanza e il desiderio di pace e di libertà siano capaci di sgretolare anche gli imperi più potenti. Abbiamo poi potuto toccare con mano come i ponti di una solidarietà autentica ed immediata, proveniente da ogni parte del mondo, abbiano saputo ridare speranza, nuova fiducia e nuova serenità alla gente d Abruzzo, colpita dalla tragedia del terremoto. Per quanto ci riguarda più direttamente, credo vadano ricordati gli esempi dello splendido rapporto di collaborazione - esempio illuminante di scambio relazionale che si pone al di sopra di ogni interesse economico - consolidatosi con gli amici di Orleans, discendenti dei nostri compaesani emigrati in Brasile. E ancora la solidarietà e la vicinanza dimostrate ai soci della Cantina di Avio per i recenti accidenti occorsi. La stessa volontà di apertura della nostra filiale di Cerro ha motivazioni del tutto estranee alla logica del guadagno o dello scambio im-personale per un interesse materiale. Sono dunque tanti i segnali, tutti diversi e tutti importanti, che ci portano a guardare al nuovo anno con fiducia. Anch io, come tutti, a Capodanno aspetterò con ansia gli auguri e le riflessioni del nostro Presidente della Repubblica. Sono certo che da galantuomo quale egli è, ancora una volta saprà richiamare tutti al dovere comune, esortando rinnovate volontà relazionali per un futuro migliore, per noi e i nostri figli. E il mio primo augurio per il nuovo anno, come Egli stesso ha avuto modo di precisare in questi giorni, è che la politica per prima sappia far crescere in tutti il gusto dell impegno e della responsabilità nell agire per l interesse generale e il bene comune; e sappia guardare al di là degli attuali vincoli, sempre più fatiscenti, della economia materiale e delle convenzioni con cui vengono misurate e percepite le sue variazioni. 2

5 L Approfondimento Nel rinnovare a tutti i soci e ai lettori della nostra rivista i più sinceri e affettuosi auguri di buone feste, subito il pensiero corre ai tanti impegni che ci attendono nel prossimo anno 2010, ed alle tante difficoltà che hanno accompagnato il presente anno. Un anno che rappresenta un vero e proprio spartiacque, tanto nel modo di concepire lo sviluppo quanto nei rapporti di forza nel nostro pianeta. E se da un lato la timida ripresa di questi mesi può farci sperare che anche il nostro Trentino ne possa prontamente trarre beneficio, in primo luogo in riferimento all imminente avvio della stagione turistica invernale, certamente i fondamentali continuano a preoccupare. Il modo di produrre, di consumare e di misurare la ricchezza a livello globale sono infatti, ancora oggi, gli stessi delle recenti catastrofi: si osservi solo, a titolo di esempio, come la speculazione è allegramente ed impunemente tornata a far da padrona sui mercati finanziari e delle materie prime, e come i grandi manager siano tornati a beneficiare impunemente di bonus faraonici collegati a risultati effimeri, di troppo breve termine. Da tempo diciamo che tutto questo non può stare in piedi, perché non è possibile che a pagare davvero siano solo coloro che vivono del loro lavoro (senza parlare di quanti, ancora più svantaggiati, rimangono ai margini delle nostre società)! di Giuliano Deimichei Direttore FINE ANNO: È TEMPO DI BILANCI Le ricadute dei dissesti finanziari globali già da tempo si fanno sentire sulla economia reale, anche trentina: se ne è accorto in modo pesante il comparto vitivinicolo, che soprattutto nelle nostre zone rappresenta una fonte di reddito primaria. Se ne sono accorti anche i nostri artigiani, e il mondo locale della imprenditoria, dipendenti da una domanda esterna che già da tempo ha ridotto all osso, usando tutte le leve a disposizione, ogni centro di costo: annullando ordinazioni e contraendo le richieste di beni e servizi. A questo proposito, e prospettando necessariamente logiche di lungo periodo per poter ragionevolmente pensare -e sperare- di poter un giorno uscire positivamente da questo certo non lusinghiero contesto, credo sia necessaria una riflessione. Da molte parti si sentono prospettare ulteriori inasprimenti dei parametri patrimoniali e di bilancio delle Banche per la erogazione del credito. Vincoli maggiori possono forse aiutare a non ripetere gli errori del passato; ma hanno ragione da vendere quanti dicono che nel caso delle Banche territoriali (e questo vale ancora di più nel caso delle Banche cooperative) si finirebbe per strozzare il dinamismo proprio di coloro che più di tutti hanno dimostrato di coniugare con efficacia le aspettative di credito della clientela con le proprie necessità di stabilità. Auguriamoci davvero, per il prossimo futuro, che la storia e la specificità di queste tipologie di banche che vivono all interno e in funzione della propria comunità di appartenenza sia adeguatamente considerata, e che sia consentito loro di continuare di operare al meglio. In questo 2009 la nostra Cassa è stata davvero vicina alla sua gente, ai suoi soci e clienti. E la sua aspirazione più forte è di poter continuare a farlo! A tale proposito mi sia consentito di ringraziare di cuore tutto il personale aziendale, dal più giovane al più anziano, per la dedizione dimostrata e per la piena condivisione del nostro modo di far banca. 3

6 Gli auguri di Natale da Orleans di Walter José Debiasi E con grande piacere e con onore che in occasione del Santo Natale ospitiamo il saluto dei discendenti dei migranti alensi nella città brasiliana di Orleans, affidato a Walter José Debiasi fondatore e presidente di Sodeala (Sociedade dos descendentes de Ala). Walter, conosciuto ed apprezzato ormai da tempo anche dai cittadini alensi, è laureato in Museologia (storia dell umanità e delle sue diverse culture) e dirige ad Orleans una serigrafia di proprietà a conduzione familiare. Ha da poco compiuto i 45 anni di età. pelo manto natalino que ora cobre a humanidade, movido por Envolto sentimentos de amor e laços de pertencimento gerado e construido por gerações ao longo dos séculos, me permitam vos saudar em nome dos descendentes alenses e amigos de Orleans com os ensejos de um Feliz Natal e venturoso Quem vos escreve é um filho dos filhos das montanhas Trentinas. (Nella ricorrenza del Natale, che con il suo mantello ricopre la intera umanità, mosso dai sentimenti di amore e dai nodi di appartenenza costruiti dalle generazioni nel corso dei secoli, vi saluto in nome dei discendenti alensi e di tutti gli abitanti di Orleans, e vi esprimo l augurio di un Felice Natale e fortunato Chi vi scrive è un figlio dei figli delle montagne del Trentino) Scrivo questo augurio in portoghese, lingua ufficiale del Brasile, terra che ospitò i nostri nonni alensi nella fine di Racconto una saga (una storia) dei nostri bravi avi che nell anno 1883 hanno passato il Natale e il Capodanno in mare, avendo la 4 Walter José Debiasi Monumento agli Immigrati e particolare

7 speranza di un futuro fatto di giorni migliori. E una storia che ha bisogno di essere riscoperta, riallacciata e amata. Onorati vi diciamo che raccontare questo nei giorni vicini alla importante data della nascita di Gesù suona come riflessione del vero sentiero del tempo del Natale, come rinascita della memoria dei nostri avi. Nei loro cuori vi era un sentimento che non si può misurare con nessuno strumento fatto dall uomo, ma che noi discendenti possiamo ancora sentire perché loro lo hanno tramandato dentro di noi. Questo sentimento è l amore che portiamo nel cuore per la terra di origine e l orgoglio di appartenenza, e la gioia di guardare nel tempo presente quello che loro prima di noi hanno costruito e lasciato. GLI ALENSI COLONIZZATORI Nel 15 di novembre 1881, il nobile Joaquim Caetano Pinto Junior, stipulò un contratto e ottenne dalla monarchia che amministrava il Brasile la autorizzazione per colonizzare terre nuove. Fece una grande pubblicità in Europa, e così tanta gente partì verso il Brasile. Tra essi, come puntualmente è narrato nel recente libro di don Giampaolo Giovanazzi Gli ultimi testimoni di due grandi guerre vi erano anche 117 alensi, di ogni età, che partirono dal porto di Genova a fine dell anno 1883, e giunsero nei primi mesi del 1884 alla loro destinazione nello Stato di Santa Catarina in Brasile, e precisamente nella colonia Grão-Para che comprendeva il paese Rio dos Pinheiros (primo insediamento italiano nella colonia). I colonizzatori, appena arrivati, venivano accolti da una sorta di centro di accoglienza e di smistamento, per andare presto nei barracão (grandi capannoni), una sorta di campi base da dove gli uomini partivano per disboscare la proprietà (tutta a bosco) consegnata dalla colônia Grão-Para. Secondo il libro Orleans 2000 di Jucely Lottin (maritato Cleusa Pizzolato, discendente alense) il centro di smistamento faceva distribuzione di semenza, e ai coloni veniva donato un poco di denaro per comperare le principali necessità, e funzionava un servizio per la salute delle persone. Le semenze avevano le istruzioni per come dovevano essere piantate e per la raccolta. Coltivavano cereali (mais, fagioli, patate, canna di zucchero, riso). Era incentivata anche la piantagione di alberi da frutto. Le cronache del tempo ci dicono che i coloni erano comandati con regole rigide, e va sottolineato che questa parte di terra era abitata dai selvaggi (gli indios) e dalle bestie cattive (la tigre e la onça -il giaguaro- e da serpenti diversi). La ammini- 5 La chiesetta di Rio Pinheiros: foto 1902 Rio Pinheiros oggi

8 strazione centrale della colonia si incaricava di spaventare e spesso di ammazzare questi indios. Purtroppo anche qua il dialogo non è mai stato avviato. Le storie della nostra gente ci dicono che alcuni dei nostri coloni furono ammazzati dai selvaggi. E anche da sottolineare questa forma di abitare e lavorare insieme negli anni della colonizzazione: tutti si aiutavano nel disboscare e nel fare la casa, e finito il primo lavoro si iniziava ancora insieme al secondo e così avanti! E in questo modo che è rimasto impresso nella nostra gente, e anche a noi discendenti, il DNA di cooperare insieme. Anche la costruzione della chiesa di Rio dos Pinheiros è stata per la nostra gente un altro momento grandissimo di far convergere gli sforzi di tutti per il bene comune. ORLEANS OGGI Oggi molti discendenti degli avi alensi che hanno colonizzato Rio dos Pinheiros vivono a Orleans, un comune di 550 km.² dove vivono circa abitanti, anche di etnie diverse: tedesca, polacca, lettone e portoghese. Orleans dista 185 km. da Florianopolis, capitale dello Stato di Santa Catarina. Orleans ha una sua università (UNIBAVE, Universidade Barriga Verde) con più di 18 facoltà e specializzazioni. La sua economia oggi ha come motore di sviluppo l agricoltura (tabacco, fagioli, granoturco, allevamenti di maiale, polli e mucche per il latte), l industria (prodotti della plastica, rimorchi per autotrazione) e il commercio (supermercati, agroalimentari, alberghi, edilizia). La più grande ditta di Orleans è la Zomer Industria plastica (PLASZOM), con circa 1000 dipendenti. Il proprietario è Francisco Zomer, nipote che porta lo stesso nome di Francisco Zomer nato ad Ala e emigrato in Brasile nell anno Come gente oriunda degli Alensi, ancora oggi vivono a Orleans 3 discendenti di prima generazione: Silvio Debiasi ( di 96 anni) dal capofamiglia Stefano uscito da Ala all età di 4 anni, Benicio Debiasi (di 85 anni, il papà Rafaelle è uscito da Ala all età di 3 anni) e Newton Pizzolatto (di 84 anni, il papà Luigi è partito anche lui all età di 3 anni). C è anche una particolarità storica che è importante ricordare: il cittadino alense Luigi Pizzolato è stato sindaco di Orleans dal 25/02/1934 fino al 05/06/1935. Orleans, dunque, è stata governata da un cittadino 6 Silvio Debiasi, Benicio Debiasi e Newton Pizzolato Orleans

9 alense, perchè Luigi Pizzolato non è stato mai naturalizzato brasiliano! MULINI E ATTREZZI Al lungo del fiume Rio dos Pinheiros i nostri avi hanno costruito più di una decina di mulini a ruota che funzionavano con la forza dell acqua. Possiamo dire che la ruota fu il principale motore dello sviluppo della nostra gente contadina: con la ruota d acqua si macinavano i cereali e il granoturco, per fare anche la farina di polenta. In seguito, a partire dai primi anni del 1900 già si è avviata la costruzione delle prime segherie per tagliare il legno, per costruire case e per fare i mobili: armadi, sedie e credenze, letti e anche carri da trasporto. Questi venivano tirati dai buoi che per tantissimo tempo sono stati il principale mezzo di trasporto; erano ancora i buoi che tiravano le macine che venivano usate per spremere la canna da zucchero e ottenere il Chado da cui si fabbrica anche la Cachaca, tipica bevanda alcolica del Brasile. Richelme, chiedendo l invio di un Padre Italiano. E stato così che è arrivato nella nostra comunità di alensi Don Vittorio Emmanuele Pozzo di origini piemontesi. Il museo è stato creato negli anni 90, per commemorare al meglio la festa dei contadini che ogni anno in luglio si fa nelle diverse frazioni di Orleans, creando un apposito spazio della memoria. Il museo Pozzo contiene le fotografie degli emigranti, i quadri dei Santi di devozione della gente, le macchine di legno e di ferro del 1900, gli attrezzi usati nei campi e nelle case. Oggetti speciali sono anche quelli che fanno riferimento a Don Vittorio Pozzo, morto annegato misteriosamente nel 1902: le sue vesti di sacerdote e gli utensili dalla chiesa. DUE FRAMMENTI DELLA MEMORIA In modo particolare il museo contiene una piccola statua di nostra Signora della Assunzione. La statua è molto antica, e nessuno sa con precisione come sia arrivata a Rio dos Pinheiros. La credenza popolare ci dice però che essa è stata portata con sé direttamente dai migranti La città di Orleans è anche famosa per il suo Museo all aria aperta, il più famoso dell intera America latina per i suoi mulini e le numerose altre macchine usate nei primi tempi dell emigrazione. Il museo, con tutti i macchinari perfettamente funzionanti, è stato voluto dopo la grande alluvione del 1974 da Don Giovanni Dall Alba IL MUSEO POZZO Il nostro Museo è intitolato a Don Vittorio Pozzo, la cui storia si unisce alla storia della nostra gente. Nei finali di settimana la alta fede e la preghiera sono sempre stati punto di riferimento dei nostri avi. Per la assistenza religiosa nella colonia, nei primi tempi era a disposizione un Padre tedesco, ed allora Matteo Debiasi subito scrisse al Cardinale 7 Museo all aria aperta Piccolo oratorio di Ns. Signora dell Assunzione

10 alensi, in ricordo di S. Maria Assunta a cui Ala è devota e ha titolato la sua Chiesa Parrocchiale. Tutti noi qui lo crediamo fermamente, perché la devozione dei nostri padri era davvero grande e continua anche oggi per le attuali generazioni. Il Museo ospita anche la gárgula (la bocca) dalla quale l acqua dei monti sgorgava nella casa del capostipite Matteo Debiasi. Noi sappiamo che Ala era conosciuta da tempo come città delle fontane e questa scultura ci avvicina sempre alla vostra (e alla nostra) città trentina. ha ristrutturato una antica scuola degli anni 90. Adesso ospitiamo una sessantina di allievi, adulti e bambini, che studiano la lingua dei loro avi, sotto la guida di Don Cornélio Dall Alba. Gli allievi provengono dalla valle di Rio Pinheiros che comprende le comunità di Rio Pinheiros, Vila Nova, Barracão. La scuola è utilizzata anche per gli insegnamenti e le riunioni del progetto cooperativista, e la gente di ogni età può imparare come funziona il modello cooperativista e la Carta dei Valori di Don Lorenzo Guetti. LA SCUOLA DI ITALIANO La scuola di italiano era un sogno della nostra associazione SODEALA, perché in generale oggi soltanto ancora pochi nonni parlano il dialetto (mescolanza di italiano/portoghese), e per rafforzare i vincoli con il Trentino vi è la necessita di parlare Italiano. Abbiamo avuto la spinta dal decano di Ala Don Giampaolo Giovanazzi, che ci ha aiutato a realizzare la scuola anche con le offerte del concerto di Natale in La comunità di Rio Pinheiros, con l aiuto del Comune di Orleans 8 Gargula della casa di Matteo Debiasi Lezione di italiano di Don Cornelio Dall Alba Orleans - Cattedrale

11 IL NATALE E CAPODANNO IN ORLEANS Nel tempo di Natale e Capodanno a Orleans siamo in estate, e le temperature superano facilmente i 30. Una volta quando non c erano tante automobili le persone restavano più in città; adesso con la modernità moltissime famiglie fanno una corsa alla spiaggia ( che dista circa 45 km da Orleans ) e là commemorano il Natale e Capodanno in famiglia. La città rimane un po deserta. In ogni caso il presepio e le feste in famiglia e con i colleghi di lavoro sono molto sentite. Le tradizioni portate dai nostri avi e il senso del Natale, (mescolanza di momenti di riflessione religiosa e scambio di auguri e di regali fra la gente) continua come una volta. Per noi di Sodeala, il regalo di Natale più bello è stata la nascita della Associazione AMICI DI ORLEANS, perché la vediamo come un segno divino di amore corrispondente di gente fra la stessa gente. Con questi stessi sentimenti salutiamo tutti gli alensi e i soci della Cassa Rurale, e facciamo a tutti voi e alle vostre famiglie gli auguri di buon natale e felice anno, in un unico abbraccio fraterno. Perché la gioia che hai viene dalla gioia che dai. Dopo l arrivo dei coloni alensi sono state diverse altre le migrazioni italiane nei territori vicini a Rio dos Pinheiros. Anche i discendenti di queste successive migrazioni, di cognome Brighenti, Hanoff, Coradello, Maffei, Bombazaro, Simonetti, Cordini, Castagnel, Tison, Rigon, Longo, Delai e Vicentini, vedendo i risultati del lavoro degli alensi di Sodeala, si stanno organizzando al meglio per riprendere i contatti con i loro paesi di origine. 9 Gruppo di famiglie: Orben, Mattei, Baggio, Pizzolato, Debiasi, Eccheli, Zomer, Del Castagnel, Coan

12 Nasce Amici di Orleans di Gianni Debiasi La serata di sabato 24 ottobre resterà certamente impressa nella memoria degli oltre 150 partecipanti alla cerimonia di presentazione della Associazione Amici di Orleans. Molte le autorità presenti, coinvolte anch esse in un clima di autentica partecipazione, contrassegnato da un collegamento in tempo reale di oltre 45 minuti con gli amici orleanensi di Sodeala. per questo dono. siamo orgogliosi di crescere insieme. Grazie Questa frase, riportata su un grande tabellone che capeggiava sullo sfondo della sala convegni del Municipio di Orleans, ha aperto il collegamento web che ha coronato il successo della cerimonia di presentazione alla comunità alense del nuovo sodalizio Amici di Orleans, del quale abbiamo parlato diffusamente già sul precedente numero di Incontro. La neo costituita Associazione rappresenta l alter ego di Sodeala, la società no-profit creata dai discendenti alensi oggi residenti a Orleans nello stato brasiliano di Santa Catarina, e con i quali da anni ha preso avvio un cammino di collaborazione che vede protagonisti la Parrocchia di Ala, l Amministrazione Comunale e la Cassa Rurale. Quanti lavorano a questo prezioso progetto stando all altro lato del mondo erano invece radunati in attesa del collegamento 10 Fine serata - in fila per le iscrizioni

13 in diretta nel municipio di Orleans: l attuale Sindaco Jacinto Redivo accompagnato dal suo predecessore Valmir Bratti, l assessore all agricoltura Renato Debiasi, lo storiografo Juceli Lottin, numerose altre autorità e amici brasiliani, e naturalmente i tanti discendenti alensi soci di Sodeala. Tra questi ricordiamo in particolare Walter Debiasi Presidente della Associazione e, pur se assente per motivi indipendenti dalla sua volontà, Francesco Zomer, artefice fondamentale del processo di avvicinamento delle due comunità. La serata ha preso avvio al Teatro Sartori con la bella e coinvolgente presentazione di Mauro Vareschi, Presidente pro-tempore del nuovo sodalizio, il quale ha ricordato le varie tappe della collaborazione tra Ala e Orleans - che si sviluppa ormai da più di 5 anni - e la storia della emigrazione trentina in terra brasiliana. A seguire il Coro Città di Ala ha ulteriormente contribuito a far entrare al meglio nella giusta atmosfera della serata il pubblico presente, cantando magistralmente alcuni brani a tema. Come detto il collegamento via web è risultato poi particolarmente importante e coinvolgente: ed è toccato al Sindaco di Ala Giuliana Tomasoni porgere agli amici brasiliani i saluti per conto della intera comunità alense, ricambiata dai Sindaci di Orleans Redivo e Bratti; il contatto in diretta tra le due istituzioni ha rafforzato ulteriormente - con affidamenti reciproci - quel ponte avviato ormai da tempo che dovrà presto portare alla definizione di un gemellaggio tra le due comunità. E stata poi la volta dell Assessore provinciale alla cooperazione Franco Panizza e di Iva Berasi sottolineare la importanza della serata e il plauso per la concretezza e la positiva delle attività portate fino ad ora a compimento. Da ricordare infine i saluti di due giovani orleanensi presenti in teatro e quello di Oscar Lenzi, Consigliere del Centro di Formazione cooperativa Don Lorenzo Guetti di Florianopolis, capitale dello Stato di Santa Catarina, anch egli presente in sala e in quegli stessi giorni in visita di lavoro in Trentino. Davvero emozionanti i brani Merica, Merica e Inno al Trentino cantati in chiusura e in diretta web dal Coro di Città di Ala in omaggio agli amici orleanensi, i quali hanno contraccambiato con la canzone Tanti auguri, appositamente adattata dagli allievi della Scuola di Italiano di Orleans, presenti numerosi all appuntamento. 11 Il Coro Città di Ala In teatro

14 I premi allo studio 2010 di Francesca Simonetti Resi pubblici i bandi di concorso aziendali per i premi allo studio relativi all anno scolastico ed accademico 2008/2009. E per i giovani che si affacciano per la prima volta sul mondo del lavoro, la Cassa ha pensato a due specifici finanziamenti a tasso agevolato: Costruisco il lavoro e Orizzonte lavoro. IL NUOVO BANDO 2010 Si conferma, anche in questo periodo di non facili congiunture economiche, l attenzione che la Cassa da sempre riserva ai giovani dei territori di competenza impegnati in un percorso di studio e di formazione che farà di loro le colonne portanti delle nostre comunità nel prossimo futuro. Sono, infatti, stati stanziati i fondi per l assegnazione dei premi agli studenti più meritevoli delle nostre comunità euro in tutto, così suddivisi: 30 premi allo studio del valore di 250 euro per studenti delle scuole superiori; 50 premi allo studio di 500 euro riservati agli studenti universitari e 3 premi di euro per altrettanti corsi di specializzazione post-lauream. Per presentare la propria candidatura è sufficiente essere BORSE DI STUDIO 2010: CRITERI DI ACCESSO E TEMPI DI PRESENTAZIONE DESTINATARI: soci e figli di soci, nonché clienti e figli di clienti, residenti nei comuni di Ala, Avio, Bosco Chiesanuova, Brentino Belluno, Cerro Veronese, Caprino, Sant Anna d Alfaedo. REQUISITI: - Scuole superiori: è richiesta una media finale per l anno scolastico 2008/2009 non inferiore a 8/10. Quanti si sono diplomati nell anno scolastico 2008/2009 dovranno aver conseguito un punteggio finale non inferiore ad 80/100; - Università o Accademie: i premi sono riservati a studenti che siano clienti della Cassa. Sono inoltre richiesti il rispetto del piano di studi ed un punteggio medio non inferiore a 25/30 per le facoltà scientifiche e 28/30 per le facoltà umanistiche. Il candidato non deve avere superato il 28esimo anno di età. - Corsi di specializzazione post-lauream: premi sono riservati a studenti che siano clienti della Cassa e sono erogati a titolo di rimborso spese per percorsi di specializzazione. I candidati non devono avere superato il 28esimo anno di età. 12

15 in possesso dei requisiti definiti nei bandi e consegnare la domanda, corredata dalla documentazione richiesta, presso gli sportelli della Cassa entro il 31 gennaio Le graduatorie verranno stilate, ad insindacabile giudizio, dal Consiglio di Amministrazione della Cassa. LE ALTRE INIZIATIVE Numerosi sono i prodotti e servizi che la Cassa offre in via esclusiva ai giovani delle nostre comunità. Due in particolare sono rivolti a quanti sono in procinto di entrare nel mondo del lavoro con un attività in proprio: si tratta di due finanziamenti che rientrano nella linea chiamata Orizzonte Lavoro e che sono finalizzati rispettivamente ad attività di formazione, il primo, e al sostegno delle spese di avviamento dell attività lavorativa vera e propria, il secondo. CONTO UNIVERSITÀ Conto corrente a costo zero, comprensivo di carta bancomat gratuita e con collegate, sempre a titolo gratuito, una polizza responsabilità civile verso terzi e una polizza per invalidità permanente da infortunio. VALORE STUDIO Per studenti universitari e specializzandi, è un finanziamento di euro per ogni anno di studio, rimborsabile a partire dall inizio dell attività lavorativa o, comunque, dal compimento del 29 anno di età al tasso Eur 1 mese per i Soci, Eur 1 mese +2,00% fisso per i non soci. FINANZIAMENTO ORIZZONTE LAVORO Che cos è: è un finanziamento fino a euro concesso per finanziare progetti ed attività (viaggi di studio, corsi professionalizzanti, periodi di stage, ) finalizzati all acquisizione di conoscenze e competenze utili per l attività lavorativa che si vorrà intraprendere. Destinatari: i giovani fino a 24 anni di età. La concessione del finanziamento sarà subordinata alla presentazione del progetto formativo che il giovane intende seguire. Tasso: Eur 1 mese per i soci / Eur 1 mese + 2,00% fisso per i non soci Rimborso: il rimborso del finanziamento potrà avvenire in un tempo massimo di 5 anni, a partire dall inizio dell attività lavorativa del richiedente o, comunque, dal compimento del 24 anno di età. FINANZIAMENTO COSTRUISCO IL LAVORO Che cos è: si tratta di un finanziamento fino a euro attinto ad uno specifico plafond di euro e destinato a finanziare i costi connessi con l avviamento di un attività lavorativa autonoma. Destinatari: i giovani fino a 32 anni di età, che abbiano già individuato un loro possibile percorso professionale e necessitano delle risorse economiche per concretizzare il loro progetto. Tasso: Eur 1 mese + 1,00% fisso Rimborso: è possibile rimborsare il prestito in un tempo massimo di 5 anni. 13

16 Finanziamento a tasso zero per i Soci della Cantina di Avio di Gianni Debiasi Deliberato a metà ottobre un plafond di 2 milioni di euro per i soci della Cantina Viticoltori in Avio, finalizzato a salvaguardare i redditi familiari. Istituito per fronteggiare gli accadimenti eccezionali di questi mesi e in una logica di solidarietà intercooperativa, il prestito è offerto a tasso zero per la durata di 24 mesi e con un massimale di euro per ettaro di vigneto coltivato. Con il precedente significativo di un analogo intervento del 1950, deliberato per fronteggiare le eccezionali grandinate estive. Oggi il nuovo intervento aziendale è invece destinato ai viticoltori, e più specificatamente ai viticoltori soci della Cantina aviense che si trovano in questi mesi in una situazione di particolare difficoltà, come ampiamente riportato dagli organi di stampa e come emerso in occasione delle riunioni frazionali di zona dello scorso ottobre ad Avio, Sabbionara e Rivalta Veronese, e confermati nell Assemblea informativa del 16 ottobre. Per molti versi la decisione con la quale il Consiglio di Amministrazione ha deciso di intervenire a sostegno dei redditi dei soci della Cantina Viticoltori in Avio può essere assimilata agli interventi attivati lo scorso gennaio in favore dei lavoratori dipendenti. Anche in quella occasione infatti, per salvaguardare soci e clienti che si fossero trovati in una situazione di difficoltà per la perdita del posto di lavoro, per l attivazione della cassa integrazione o per altre cause similari, la Cassa aveva istituito uno specifico plafond in grado di fare fronte alla minore capacità di reddito che ne sarebbe derivata. IL FINANZIAMENTO Per fare dunque fronte alla improvvisa minore remunerazione del conferito della vendemmia 2008, ulteriormente aggravata dal complessivo ristagno del mercato, la Cassa Rurale ha attivato una specifica linea di credito di complessivi 2 milioni di euro. E stata individuata in euro per ettaro coltivato la cifra idonea ad un recupero, seppur parziale, dei bilanci familiari dei singoli soci. L intervento consiste, in favore di quanti vorranno richiederlo, in un prestito a tasso zero per la durata di due anni. Prestito per il quale naturalmente non verrà richiesta alcuna spesa, né in fase di istruttoria né in alcun momento successivo. In buona sostanza questo significa che soltanto dopo due anni dal momento dell incasso del finanziamento il richiedente restituirà gli importi concessi. Senza alcuna maggiorazione. A quella data ed ovviamente in alternativa, egli potrà peraltro richiedere che il pagamento venga rateizzato, attraverso un 14 Cantina Sociale di Avio - Ingresso

17 piano di ammortamento. In questo caso la durata del piano, il tasso applicato e le altre condizioni verranno definite al momento. Va da sé però che ancora una volta esse sapranno riscontrare nel modo migliore le necessità del socio richiedente. L importo massimo che può essere concesso al singolo socio è di euro (corrispondente a oltre sei ettari di terreno vitato). Anche in questo caso la motivazione che ha portato alla fissazione di tale limite risponde ad una logica di matrice prettamente cooperativistica: favorire in primo luogo le necessità della media e piccola azienda familiare senza disperdere risorse preziose a vantaggio di quanti, con ogni probabilità, non hanno reali necessità di ulteriori sostegni ed aiuti. ANDANDO INDIETRO NEL TEMPO Tante volte su queste pagine sono stati ricordati i valori ed i principi che stanno alla base della logica del nostro essere impresa cooperativa, ed è stata sottolineata anche l importanza e la utilità, per tutti, di avviare e consolidare la cultura della intercooperazione, per favorire le buone pratiche di collaborazione tra cooperative diverse. La iniziativa deliberata in questi mesi a favore degli amici soci della cooperativa aviense si colloca indubbiamente all interno di questo quadro di riferimento e trova, nella storia della nostra Cassa, due importanti precedenti. Il primo, relativamente vicino ai nostri giorni (è datato infatti 5 aprile 2001), riguarda la firma di specifici Protocolli di collaborazione tra la Cassa Rurale e le Cantine sociali locali - tra cui la Cantina aviense - nei quali è fissato l impegno congiunto ad azioni di tutela, valorizzazione e difesa delle rispettive basi sociali. Il secondo ci rimanda invece più lontano nel tempo. Sul verbale della Assemblea Ordinaria dei Soci del marzo 1951 si legge infatti:.l annata agricola scorsa, una delle più disastrose che memoria d uomo ricordi, con le grandinate di maggio e agosto e la persistente siccità, hanno rovinato, specie nella zona di Avio, Ala e Marani, i campi con danni enormi specie alle viti, danni che purtroppo si manifesteranno anche nella presente annata. Per questo fedeli al principio cooperativo, il nostro Istituto è subito intervenuto, mettendo a disposizione degli agricoltori più colpiti e bisognosi una rilevante somma senza interessi fino al prossimo San Martino, somma suddivisa in piccoli finanziamenti perché molti ne avessero a beneficiare. Tornare indietro nel tempo e recuperare frammenti di memoria collettiva è sempre un esercizio entusiasmante e coinvolgente, ma nel nostro caso a tale considerazione pare doveroso aggiungerne un altra: vedere con i fatti in un mondo in cui tutto cambia che il nostro istituto cooperativo dopo quasi 60 anni sa rimanere in tutto e per tutto fedele a sé stesso è certamente motivo di legittimo orgoglio e soddisfazione per tutti. 15 Serbatoi in acciaio per la vinificazione Verbale assemblea Libro verbale delle adunanze dei Soci

18 La strenna natalizia 2009 Musica dalle chiese alle piazze di Gianpaolo Armani Musica dalle chiese alle piazze è il volume che inaugura la nuova collana di pubblicazioni che la Cassa Rurale tradizionalmente riserva ai suoi soci in occasione del Natale. Il tema sul quale si impernia il nuovo ciclo editoriale è quello della musica sacra e profana così come sono state sentite, vissute e prodotte nel tempo nei territori della Val Lagarina, del Caprinese e della Lessinia. Completa l opera un CD curato dal Maestro Luigi Azzolini. Anche quest anno la Cassa Rurale Bassa Vallagarina edita un nuovo libro dal titolo Musica dalle chiese alle piazze, curato da Gianpaolo Armani; il volume va ad arricchire la già vasta produzione editoriale che il nostro Istituto di Credito propone da oltre venticinque anni. La pubblicazione, che parla di musica sacra e profana, rappresenta un interessante e originale tentativo di coniugare la ricerca storica con la proposta musicale, tradotta quest ultima in un CD, frutto di un singolare e avvincente progetto del M Luigi Azzolini. La musica, al pari della storia, si è evoluta e trasformata nel tempo, accompagnando il cammino delle nostre comunità, occupando sempre maggior spazio e assumendo sempre più valore e importanza. La musica sacra e quella profana, che hanno sempre mantenuto un rapporto fertile con la tradizione, continuano a svolgere una funzione essenziale all interno della società. Il libro e l allegato CD vogliono dare testimonianza del vasto patrimonio musicale di cui sono ricchi i territori della Val Lagarina, del Caprinese e della Lessinia. Così, accanto ai contributi scritti, proposti da Innocenzo Bertoletti, Vasco Senatore Gondola, Giorgio Lucchini, Laura Ragnolini, Ugo Sauro, Matteo Valbusa, Walter Valbusa e Giada Vicenzi, e che raccontano della storia della musica delle tre comunità esaminate, di cori polifonici, di organi, di bande e di musicisti, troviamo brani musicali, per lo più inediti o poco conosciuti, di artisti locali di grande pregio. Questo dialogo tra parola scritta ed espressione musicale, tra musica sacra e musica 16 Coro Castelbarco Corale Ecclesia Nova

19 popolare, ha favorito l incontro e la conoscenza di scrittori, di maestri, di strumentisti e coristi di realtà diverse, tutti accomunati da una grande passione per la ricerca e per la musica. L iniziativa è riuscita a coinvolgere un gran numero di persone ed ha richiesto competenza e impegno da parte di tutti, specie durante le varie fasi della registrazione del CD, nelle quali gli esecutori hanno dimostrato doti di interpretazione e di sensibilità musicale nonché grande spirito di collaborazione, disponibilità e partecipazione gioiosa. Il fotografo Giulio Malfer ha ritratto i cori e le bande sia durante le loro prove che le esibizioni, riuscendo a cogliere e riprodurre in modo efficace situazioni d insieme e di dettaglio e creando un vero e coloratissimo percorso fotografico. Crediamo sia uscito un libro bello, prezioso e ricco di materiale inedito e di utili notizie, capace di rappresentare, anche se non in maniera completa, il patrimonio musicale delle nostre comunità, un patrimonio che merita di essere conosciuto, goduto - e l allegato CD è un importante strumento - ma soprattutto salvaguardato. NUOVE MODALI- TÀ PER IL RITIRO DELL OMAGGIO NATALIZIO. Al fine di contenere gli onerosi costi di spedizione e di ridurre al minimo gli inevitabili disguidi legati alla consegna a mezzo posta, da quest anno la pubblicazione sarà messa a disposizione dei Soci interessati direttamente presso tutti gli sportelli della Cassa Rurale Bassa Vallagarina. Il ritiro del volume avverrà, dunque, su iniziativa del Socio che è invitato a farne richiesta direttamente alla sua filiale di riferimento, in orario d ufficio a partire dal 7 gennaio SERATE DI PRESENTAZIONE DEL VOLUME MUSICA DALLE CHIESE ALLE PIAZZE Come già avvenuto in occasione delle altre pubblicazioni, sono state previste alcune serate per la presentazione al pubblico del volume Musica dalle chiese alle piazze. Il primo incontro è stato programmato per venerdì 4 dicembre nella Chiesa di Pilcante. Gli altri appuntamenti in programma sono previsti, salvo variazioni dell ultima ora, nelle seguenti date: - A Bosco Chiesanuova nel Teatro Vittoria in data 4 gennaio A Valdiporro nella Chiesa Parrocchiale in data 16 gennaio A Pazzon (Caprino) nella Chiesa di Pazzon in data 30 gennaio 2010 Per la prima cerimonia di presentazione di data 4 dicembre è prevista la partecipazione del maestro Rattini (organista del Duomo di Trento) e della Corale Ecclesia Nova, mentre la programmazione delle successive serate nel momento in cui andiamo in stampa non è ancora stabilita in dettaglio. 17 Banda di Dolcè

20 LE COOPERATIVE LOCALI LAVORANO ALACREMENTE AD UNA NUOVA CARTA IN COOPERAZIONE I soci delle Famiglie Cooperative trentine hanno imparato in questi anni a conoscere perfettamente le opportunità offerte dalla tessera In Cooperazione, attraverso la quale essi possono beneficiare sia degli innumerevoli sconti messi a disposizione dalla loro cooperativa sia degli ulteriori sconti (cosiddetti di sistema ) fruibili indistintamente presso tutte le altre Famiglie Cooperative trentine. Attraverso un apposito servizio a rete coordinato e gestito direttamente dalla Federazione Trentina essi possono beneficiare inoltre di un numero sempre crescente di ulteriori servizi, forniti generalmente tramite convenzioni. Ormai ben testata, questa rete di sinergie si allargherà presto alla logica intercooperativa, portando l uso e i vantaggi della tessera In Cooperazione ad un più elevato livello di sistema, in modo da ricomprendere in questa logica tutti gli altri settori del Movimento trentino: quello del credito, il settore agricolo, quello delle cooperative sociali, lavoro e varie. In questo contesto la ottima qualità delle collaborazioni che si sono instaurate ormai da tempo tra le diverse cooperative della nostra zona ha fatto si che le Cantine sociali di Ala ed Avio, il Caseificio di Sabbionara, la Cassa Rurale e la stessa Famiglia Cooperativa Bassa Vallagarina abbiano costituito lo scorso ottobre un apposito gruppo di lavoro congiunto, con lo scopo di attivare e rendere concreto questo progetto di Nuova Carta Intercooperativa. I diffusi e condivisi vantaggi che ne dovranno derivare a tutti i soci sono facilmente ed immediatamente comprensibili ed immaginabili! Altrettanto immaginabile e comprensibile è anche la soddisfazione e insieme la coscienza della forte responsabilità assunta da parte del neo costituito gruppo di lavoro, che in questi mesi si è ritrovato più volte con grande entusiasmo e impegno per dare gambe, concretezza e solidità al progetto. Allo stato i lavori risultano ad un stadio piuttosto avanzato di attuazione e poggiano sulla condivisa convinzione che la Nuova Carta debba nascere in tempi rapidi i più rapidi possibili - e con servizi semplici, di immediato apprendimento e di facile utilizzazione. Appena ultimata la fase della sperimentazione locale, tra gli obbiettivi di più lungo termine va sottolineato quello del progressivo allargamento del numero dei soggetti partecipanti, fino a ricomprendere la totalità delle cooperative trentine. Anche per questo motivo, in relazione alla importanza e alla valenza strategica del progetto, i lavori sono seguiti e coordinati con grande attenzione da parte della Federazione Trentina della Cooperazione: tanto a livello politico quanto a livello tecnico e specialistico. 18

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Madre Mazzarello. Scuola dell Infanzia Anno formativo 2013-2014

Scuola dell Infanzia Madre Mazzarello. Scuola dell Infanzia Anno formativo 2013-2014 Scuola dell Infanzia Anno formativo 2013-2014 Scuola dell Infanzia Paritaria Madre Mazzarello La mia giornata scolastica La nostra giornata scolastica è Suddivisa nei seguenti momenti: - accoglienza, gioco

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 «VITA NOSTRA» Il periodico «Vita Nostra» venne istituito, con delibera del Consiglio di amministrazione, per celebrare il 60 anniversario della

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI LA SCUOLA La Scuola di specializzazione per le professioni legali nasce nel 2001 su iniziativa dell Università degli Studi di Pavia e dell Università

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana Parrocchia Santi Giacomo - Schema per la catechesi dei Fanciulli: Tappa 11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre 30 novembre I segni di Primo Anno Ci accoglie

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Martedì 10 e mercoledì 11 aprile 2007 è programmato il Servizio Fiscale a Sardagna DALLE ORE 20.00 IN ORATORIO

Martedì 10 e mercoledì 11 aprile 2007 è programmato il Servizio Fiscale a Sardagna DALLE ORE 20.00 IN ORATORIO CIRCOLO A.C.L.I. SARDAGNA SI INFORMA CHE Martedì 10 e mercoledì 11 aprile 2007 è programmato il Servizio Fiscale a Sardagna DALLE ORE 20.00 IN ORATORIO ASSISTENZA FISCALE 2007 E arrivato il tempo delle

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale-

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale- COSTRUIRE PREVIDENZA Diamo Dignità alla Nostra Pensione -Programma elettorale- Una risposta alla crisi Negli ultimi anni il calo dei redditi dei professionisti è stato di significativo. Il risultato è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 CENTRO PARROCCHIALE OSNAGO PROGRAMMA DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 È Natale È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Una nuova generazione per l albergo di domani

Una nuova generazione per l albergo di domani I Una nuova generazione per l albergo di domani Indagine su come i giovanni vedono il proprio futuro professionale. Lettura assai utile anche ai senior Il Gruppo Giovani Albergatori sta vivendo una stagione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 L anno scolastico si e concluso,ed è giunto il momento di fare una verifica sul lavoro svolto e sui risultati conseguiti. Il percorso

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME!

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME! C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME! 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella

Dettagli

VI CONCORSO NAZIONALE. JACOPONE DA TODI - Nuove musiche per la scuola. Todi 8-9-10 maggio 2014

VI CONCORSO NAZIONALE. JACOPONE DA TODI - Nuove musiche per la scuola. Todi 8-9-10 maggio 2014 VI CONCORSO NAZIONALE JACOPONE DA TODI - Nuove musiche per la scuola Todi 8-9-10 maggio 2014 Nell ambito dei concorsi rivolti alle Scuole Medie ad Indirizzo Musicale, il Concorso Nazionale Jacopone da

Dettagli

Notiziario CIRCOLO ACLI GARDOLO Febbraio 2006

Notiziario CIRCOLO ACLI GARDOLO Febbraio 2006 Notiziario CIRCOLO ACLI GARDOLO Febbraio 2006 SOMMARIO Pag. 1 Il saluto del Presidente Pag. 2 Le iniziative 2005 e il programma 2006 Pag. 3 Tesseramento ACLI 2006 Pag. 4 Gite Sociali in Ungheria (Budapest,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Il CREDITO COOPERATIVO in convenzione con il CAF ACLI e con il CAF CNA Servizi di consulenza per soci e clienti delle Banche a tariffe agevolate

Il CREDITO COOPERATIVO in convenzione con il CAF ACLI e con il CAF CNA Servizi di consulenza per soci e clienti delle Banche a tariffe agevolate Ufficio Comunicazione e relazioni con la stampa COMUNICATO STAMPA Il CREDITO COOPERATIVO in convenzione con il CAF ACLI e con il CAF CNA Servizi di consulenza per soci e clienti delle Banche a tariffe

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE E importante la capacità della scuola di accogliere i bambini in modo personalizzato e di farsi carico delle emozioni loro e dei loro familiari nei delicati momenti dei

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Il percorso dell educatore

Il percorso dell educatore Il percorso dell educatore 1. IL RUOLO DELL EDUCATORE Il servizio educativo è innanzitutto una vocazione, una chiamata da parte del Signore alla quale ognuno di noi ha scelto di rispondere sì; un si libero,

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA a.s.2015/2016 PREMESSA Insegnare Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia significa

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica PROGETTO dell ORATORIO di Zanica Gennaio 2015 2 Premessa a. Comunità cristiana e oratorio L oratorio è il luogo in cui la comunità cristiana esprime l attenzione e la cura per l accoglienza, l educazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 FESTA DI PRIMAVERA Il 29 marzo la Casa di Riposo Gallazzi Vismara ha dato ufficialmente il benvenuto alla primavera, una stagione

Dettagli

Cerisano sala Consiglio Comunale 5 Gennaio 2014

Cerisano sala Consiglio Comunale 5 Gennaio 2014 Presentazione dell avvio del servizio trasporto Cerisano sala Consiglio Comunale 5 Gennaio 2014 Carissimi amici, benvenuti a questa manifestazione e prima di ogni cosa foglio formulare gli auguri di felice

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

CONCORSO NAZIONALE JACOPONE DA TODI Nuove musiche per la scuola - Quarta edizione Todi, 4-5 maggio 2012

CONCORSO NAZIONALE JACOPONE DA TODI Nuove musiche per la scuola - Quarta edizione Todi, 4-5 maggio 2012 CONCORSO NAZIONALE JACOPONE DA TODI Nuove musiche per la scuola - Quarta edizione Todi, 4-5 maggio 2012 Nell ambito dei concorsi rivolti alle Scuole Medie ad Indirizzo Musicale, il Concorso Nazionale Jacopone

Dettagli

e s a i b d za n e id v re P

e s a i b d za n e id v re P Previdenza di base INTRODUZIONE ALLA PREVIDENZA DI BASE Spesso si usa il termine previdenziale per indicare il sistema pensionistico, tuttavia previdenza ha un significato, più ampio poiché ricomprende

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Il laboratorio di musica

Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica si inserisce nei laboratori facoltativi pomeridiani e a differenza degli altri laboratori, che hanno una durata quadrimestrale, dura per tutto l anno.

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

UFFICIO SINDACALE SERVIZIO LIBRI PAGA NOTIZIE FLASH CONGUAGLIO DI FINE ANNO LAVORATORI CON PIÚ RAPPORTI DI LAVORO

UFFICIO SINDACALE SERVIZIO LIBRI PAGA NOTIZIE FLASH CONGUAGLIO DI FINE ANNO LAVORATORI CON PIÚ RAPPORTI DI LAVORO I precedenti numeri del Notiziario Paghe sono scaricabili dal sito www.acaweb.it/archivio_notiziari.asp Piazza San Paolo 3 ALBA Tel. 0173/226611 fax 0173/362139 http://www.acaweb.it E-mail: ascom.alba@acaweb.it

Dettagli