RASSEGNA STAMPA 03_08_2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA 03_08_2006"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA 03_08_2006

2 LA MARGHERITA TOSCANA Casa dolce casa Per il problema abitazione va diversificata l offerta Lunedì 31 luglio 2006 Giovanni Pecchioli Presidente Casa Spa - Firenze Il tema della casa ha dominato, come non succedeva da parecchio tempo, l ultima campagna elettorale. Il dibattito ha assunto anche toni molto accesi, pur rimanendo il più delle volte ad un livello di approfondimento non eccezionale. In particolare la proposta Brunetta sulla vendita, o meglio, sulla svendita del patrimonio di edilizia residenziale pubblica appartenente allo Stato, aldilà della sua valenza chiaramente elettoralistica, ha posto da un lato la questione in primo piano, e dall altro ha dato anche l idea dell approssimazione con cui alcuni la trattano. Tanto per dare un idea in moltissime regioni il patrimonio residenziale pubblico appartiene non allo stato bensì alle regioni o addirittura, come nel caso della Toscana, ai comuni. Ma aldilà di dispute più o meno formali è chiaro che il tema del diritto alla casa è drammaticamente di attualità: in un paese dove, se per fortuna, il numero dei proprietari del loro alloggio è molto alto, oltre l 80%, inevitabilmente si ha un offerta di locazioni assolutamente insufficiente e soggetta in maniera pesante alla speculazione. I dati sul livello degli affitti, soprattutto in città come le nostre, interessata da fenomeni come quello degli immigrati o degli studenti fuori sede sono sempre più allarmanti. E come succede sempre, a problemi complessi bisogna rispondere in maniera articolata, cercando di individuare tutti i possibili fattori critici. In un recente studio realizzato insieme alle più importanti centrali cooperative a livello nazionale, Federcasa ha individuato in circa il numero degli alloggi in affitto da immettere sul mercato per calmierare lo stesso e per rispondere in maniera adeguata alla nuova e vecchia domanda. Chiunque capisce che si tratta di numeri molto significativi. Per quanto mi riguarda sono convinto che l offerta debba essere diversificata: molto importanti sono gli interventi e i finanziamenti statali e regionali in materia di affitti agevolati, mirati in particolare a quella fascia di popolazione indicata ormai abitualmente come grigia fatta di coloro che non sono così poveri da poter ambire ad un alloggio popolare, ma che nello stesso tempo non sono neanche così ricchi da stare sul mercato. Fondamentale è anche che a questo compito si dedichino tutti i soggetti che possono fare in modo che l offerta sia adeguata: privati, mondo della cooperazione, soggetti gestori pubblici variamente denominati. Altrettanto fondamentale e inderogabile è la realizzazione di nuova edilizia residenziale pubblica, le case popolari per intendersi. Forse non tutti sanno che il patrimonio residenziale pubblico esistente in Italia è uno dei più bassi fra tutti i paesi della Comunità

3 Europea. Il dato è già di per sé significativo ma lo diventa ancora di più in una situazione come quella odierna in cui i fenomeni di disagio di cui si parlava prima, sono sempre più presenti e chiedono un intervento pubblico capace di dare risposte convincenti, anche a coloro che sfortunatamente sono fuori da qualsiasi fascia e da qualsiasi colore. C è un problema di risorse, inutile nasconderlo, ma il compito della politica è anche quello di individuare le priorità e di conseguenza agire su di esse. Da questo punto di vista il nostro impegno è stato e sarà quello di sollecitare il governo a mantenere quello che in campagna elettorale era stato indicato e che è riportato, seppur in maniera non del tutto soddisfacente, all interno del Dpef. Bisogna che certi indirizzi siano meglio specificati e soprattutto bisognerà poi che i provvedimenti della Finanziaria siano proporzionati alla gravità e all urgenza del problema. Un ultimo accenno in particolare sulla Toscana: la riforma attuata per ora solo nella nostra regione ha sicuramente molti pregi ed è di riferimento anche per le altre regioni che stanno valutando come ripensare i propri soggetti gestori. Da parte nostra c è una sola esigenza, quella di essere sempre di più attori al servizio dei comuni per le politiche abitative. Parecchio è stato fatto, qualcosa resta sicuramente da fare, in particolare il compimento della riforma stessa che altrimenti rischia di non produrre tutti gli effetti positivi che in essa sono contenuti e favoriti.

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010 NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI Torino, 4 febbraio 2010 LA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: FRENO ALLO SVILUPPO DISTORSIONE DEL MERCATO DELLE

Dettagli

SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA

SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA 9 Incontro Finanziario dell Autonomia Locale SOCIAL HOUSING: RIORDINO URBANO E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA Giuseppe Roma direttore CENSIS IL RITORNO D ATTENZIONE

Dettagli

CGIL. L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA

CGIL. L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA CGIL L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA Roma 10 febbraio 2009 CGIL SUNIA L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane L indagine effettuata sull offerta del

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI. Mario Breglia. Presidente di Scenari Immobiliari

SCENARI IMMOBILIARI. Mario Breglia. Presidente di Scenari Immobiliari Mario Breglia Presidente di Scenari Immobiliari Firenze, 19 maggio 2016 Fatturato immobiliare europeo: andamento e previsioni (milioni di euro, valori nominali) Paese 2012 2013 2014 2015 2016* Var % 2015/2014

Dettagli

abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi

abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi 4. abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi 1. 2. 3. 4. 5. 6. CHE COS E L

Dettagli

Smart Pisa. BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa

Smart Pisa. BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa Smart Pisa BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa Ylenia Zambito Assessore all'urbanistica Recupero e Riuso del Patrimonio Edilizio Esistente

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 39 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 39 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 39 del 11-4-2016 18067 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 marzo 2016, n. 315 Approvazione schema di Protocollo di Intesa tra Regione Puglia, ANCI Puglia

Dettagli

PIANO CASA. Bando F555 Pietralata

PIANO CASA. Bando F555 Pietralata PIANO CASA Bando F555 Pietralata Bando per la realizzazione di un quartiere di Housing Sociale nell area F di Pietralata ATTUAZIONE MISURE PIANO CASA Delibera di Consiglio 23/2010: approvazione degli indirizzi

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.06/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DEL VENETO - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO Sostegno regionale ai lavori pubblici

Dettagli

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER IL TRIENNIO 2014/2016 E

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER IL TRIENNIO 2014/2016 E COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER IL TRIENNIO 2014/2016 E DELLA DETRAZIONE PER L ABITAZIONE PRINCIPALE ( SE A/1,

Dettagli

Nuovo regolamento IMU. Comune di Asti

Nuovo regolamento IMU. Comune di Asti Nuovo regolamento IMU Comune di Asti Prima casa L aliquota per la prima casa rimane invariata. Ad esempio, una prima casa con tre pertinenze (garage, tettoia, magazzino) continua a pagare l aliquota dello

Dettagli

BUONE PRASSI DELLO SPRAR

BUONE PRASSI DELLO SPRAR BUONE PRASSI DELLO SPRAR INSERIMENTO ABITATIVO Creazione di un Fondo di rotazione per la ricerca di una soluzione alloggiativa (comune di Borgo San Lorenzo) Costituzione di un Fondo di garanzia a favore

Dettagli

LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA

LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA Sabrina Iommi LIVORNO, 27 GIUGNO 2011 STRUTTURA DELLA RELAZIONE L INTERVENTO TRATTA I SEGUENTI ASPETTI: condizioni abitative dei toscani (confronti

Dettagli

ESCLUSA 2,2 per mille ESCLUSA 2,2 per mille 3958

ESCLUSA 2,2 per mille ESCLUSA 2,2 per mille 3958 1 Unità immobiliare (categorie catastali da A/2 ad A/7 ) adibita ad abitazione principale e relative pertinenze limitatamente ad una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6

Dettagli

Comune di Villa Guardia Provincia di Como

Comune di Villa Guardia Provincia di Como FONDO SOSTEGNO AFFITTO GRAVE DISAGIO ECONOMICO D.G.R. - Lombardia - n. X/3495 del 30/04/2015, - D.G.C. n. 55 del 13.05.2015. Il Fondo, costituito da risorse Regionali e risorse Comunali, sostiene coloro

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Tecnoborsa torna ad affrontare i temi dell ultimo Censimento

Dettagli

Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa

Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Andamento mercato Immobiliare

Andamento mercato Immobiliare Il 2012 è stato caratterizzato da un restringimento del credito immobiliare da parte delle banche anche a parità di garanzie prestate. La capacità di indebitarsi delle giovani generazioni (e anche di coloro

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE EFFICIENZA ENERGETICA DICEMBRE 2013

RAPPORTO ANNUALE EFFICIENZA ENERGETICA DICEMBRE 2013 RAPPORTO ANNUALE EFFICIENZA ENERGETICA 2012 DICEMBRE 2013 Il Rapporto Annuale sull Efficienza Energetica è statocurato dall UnitàTecnicaEfficienza Energetica dell ENEA sulla basedelleinformazioniedeidatidisponibilial31dicembre2013.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL REGIONE SICILIA Legge 1994018 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 7-06-1994 REGIONE SICILIA Fissazione dei canoni di locazione per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Integrazioni alla legge regionale 31

Dettagli

ALIQUOTE IMU ABITAZIONI DI LUSSO

ALIQUOTE IMU ABITAZIONI DI LUSSO ALIQUOTE IMU ABITAZIONI DI LUSSO Abitazione principale categorie di lusso A1, A8, A9 e relative pertinenze nel limite di uno per categoria tra C2, C6, C7 Detrazione 200,00 (ai sensi dell art. 13 c. 2 D.L.

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU GUIDA ALL ACCONTO 2013

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU GUIDA ALL ACCONTO 2013 COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU GUIDA ALL ACCONTO 2013 La disciplina dell Imposta Municipale Propria (IMU), introdotta in via sperimentale dal 01 gennaio 2012 dal Decreto Legge

Dettagli

IMU acconto comune.scalea.cs.it Giovedì 20 Giugno :46 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Dicembre :33

IMU acconto comune.scalea.cs.it Giovedì 20 Giugno :46 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Dicembre :33 Aliquote: - Ordinaria 1,06 %; - Abitazione principale 0,4 % La rata d acconto per l anno 2013 è pari al 50% dell imposta complessivamente dovuta, calcolata applicando le aliquote deliberate dal Comune

Dettagli

IMU, IVA, acconti: conferme e novità di fine estate

IMU, IVA, acconti: conferme e novità di fine estate IMU, IVA, acconti: conferme e novità di fine estate Con la conversione in legge del DL n. 76/2013 (legge n. 99/2013) e con la pubblicazione del DL n. 102/2013 il Governo, dopo la pausa estiva: i) ha confermato

Dettagli

Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763

Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763 Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763 HOUSING SOCIALE La domanda di housing sociale riguarda nuove fasce sociali con esigenze specifiche: - GIOVANI COPPIE - ANZIANI

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 6.2 Contrasto al disagio abitativo SOTTOMISURA 6.2 Contrasto al disagio abitativo Contrasto al disagio abitativo Integrazione totale

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA 5 Maggio 2015 INDICE SINTESI... 3 ABITAZIONI... 4 ABITAZIONI OCCUPATE DA PERSONE RESIDENTI... 6 POPOLAZIONE E FAMIGLIE... 9 ABITAZIONI

Dettagli

Legge 8 febbraio 2007, n. 9. "Interventi per la riduzione del disagio abitativo per particolari categorie sociali "

Legge 8 febbraio 2007, n. 9. Interventi per la riduzione del disagio abitativo per particolari categorie sociali Indici delle leggi Legge 8 febbraio 2007, n. 9 "Interventi per la riduzione del disagio abitativo per particolari categorie sociali " pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14 febbraio 2007 Art.

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Assessorato all'edilizia e urbanistica IL FABBISOGNO ABITATIVO SOCIALE Ricerca realizzata con la collaborazione del Censis

Regione Emilia-Romagna Assessorato all'edilizia e urbanistica IL FABBISOGNO ABITATIVO SOCIALE Ricerca realizzata con la collaborazione del Censis Regione Emilia-Romagna Assessorato all'edilizia e urbanistica IL FABBISOGNO ABITATIVO SOCIALE Ricerca realizzata con la collaborazione del Censis 1 7 I----+.-- 16 - -t--t--t---t--t---1----i 1511---t---+--l---1---+---ll--l----l

Dettagli

a cura di Marco Righetti Dottore Commercialista in Verona

a cura di Marco Righetti Dottore Commercialista in Verona a cura di Marco Righetti Dottore Commercialista in Verona 1 VENDITA DI FABBRICATO ABITATIVO A UN PRIVATO tabella 1 Descrizione Prima Casa *** Abitazione non di lusso *** Abitazione di lusso *** entro 4

Dettagli

I PROGRAMMI DI INTERVENTO NEL SETTORE DELLE POLITICHE ABITATIVE

I PROGRAMMI DI INTERVENTO NEL SETTORE DELLE POLITICHE ABITATIVE I PROGRAMMI DI INTERVENTO NEL SETTORE DELLE POLITICHE ABITATIVE 3.000 case per l affitto e la prima casa di proprietà Per la realizzazione del programma la regione ha stanziato 145 milioni di euro per

Dettagli

Incontro. OTRANTO 28 ottobre pubblico

Incontro. OTRANTO 28 ottobre pubblico Incontro OTRANTO 28 ottobre 2011 pubblico Incontro pubblico Il disagio abitativo (definizioni ORCA) Disagio Estremo: esclusione abitativa in senso stretto; è la condizione dei senza dimora, di chi non

Dettagli

LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE

LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE arch. STEFANIA FALLETTI Osservatorio Sistema Insediativo Residenziale Città Metropolitana di Torino Membro ANCI commissione regionale assegnazione

Dettagli

fondo housing toscano

fondo housing toscano fondo housing toscano Società di Gestione del Risparmio Gestore Sociale housing sociale_ definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare

Dettagli

Piano di intervento per il sostegno abitativo

Piano di intervento per il sostegno abitativo Piano di intervento per il sostegno abitativo Conferenza stampa 23 maggio 2014 La Delibera approvata ieri dalla Giunta capitolina dà il via libera al nuovo Piano di intervento per il sostegno abitativo

Dettagli

Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica

Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica Presentazione della Nota Informativa n. 19 al Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione seduta del 7 luglio 2011 Servizio Studi e Valutazione

Dettagli

La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie

La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie Milano, 15 settembre 2015 Condizioni abitative delle famiglie italiane Milano, 15 settembre 2015 1 L Italia è, insieme

Dettagli

Nel 2016 tengono i canoni di locazione

Nel 2016 tengono i canoni di locazione Nel 2016 tengono i canoni di locazione Il prezzo medio di un affitto in Italia si attesta a 8,4 euro, lo stesso valore di un anno fa Differenze marcate da mercato a mercato: canoni su a Firenze (9,1%),

Dettagli

Consigliera Vaisitti La delibera che ci è stata illustrata rappresenta un atto dovuto per il rispetto 1

Consigliera Vaisitti La delibera che ci è stata illustrata rappresenta un atto dovuto per il rispetto 1 CONSIGLIO COMUNALE DEL 10.02.2014 Interventi dei Sigg.ri Comsiglieri Modifica ed integrazione convenzione Rep. N. 4994 del 10/01/2000 stipulata tra la Monte Bianco Società Cooperativa Edilizia a proprietà

Dettagli

Lavoratori mobili e residenze in movimento

Lavoratori mobili e residenze in movimento Lavoratori mobili e residenze in movimento a cura di Irene Ponzo (ponzo@fieri.it) Il progetto Il progetto di ricerca Lavoratori mobili e residenze in movimento è stato promosso da FIERI (Forum Internazionale

Dettagli

Prot. N. 716 del 12 febbraio 2009. DOMANDA n. 1

Prot. N. 716 del 12 febbraio 2009. DOMANDA n. 1 exz ÉÇx VtÄtuÜ t DIPARTIMENTO 9 INFRASTRUTTURE - LAVORI PUBBLICI - POLITICA DELLA CASA E.R.P. A.B.R. RISORSE IDRICHE CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE UOA Politiche della Casa Prot. N. 716 del 12 febbraio 2009

Dettagli

IMU SALDO INFORMAZIONI PER I CONTRIBUENTI

IMU SALDO INFORMAZIONI PER I CONTRIBUENTI COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA IMU SALDO 2016 - INFORMAZIONI PER I CONTRIBUENTI La Legge Regionale Toscana n. 70 del 22.11.2013 ha istituito il Comune di Pratovecchio Stia, per fusione dei Comuni di Pratovecchio

Dettagli

POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia

POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia Milano, 15 aprile 2016 LA SITUAZIONE ATTUALE Rapporto annuale sulle politiche abitative in Regione Lombardia (Delibera regionale 4949/21.03.2016)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO G.E. PORTALE J2EE PER LA GESTIONE DI GARE D APPALTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO G.E. PORTALE J2EE PER LA GESTIONE DI GARE D APPALTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica G.E. PORTALE J2EE PER LA GESTIONE DI GARE D APPALTO Relatore: Chiar.mo Prof. Raffaele

Dettagli

COD. PRATICA: Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 586 DEL 22/03/2010

COD. PRATICA: Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 586 DEL 22/03/2010 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 586 DEL 22/03/2010 OGGETTO: L.R. 28.11.2003 n. 23 - Piani triennali 2004/2006 e 2008/2010 - Modalità e procedure per la concessione

Dettagli

CITTA DI CAPRIATE SAN GERVASIO

CITTA DI CAPRIATE SAN GERVASIO CITTA DI CAPRIATE SAN GERVASIO PREMESSA novità 2013 rispetto al 2012 - novita 2013 in sintesi : 1) per l anno 2013 il versamento della prima rata dell imposta municipale propria di cui all articolo 13

Dettagli

INFORMATIVA IMU 2013

INFORMATIVA IMU 2013 Comune di Mandela Provincia di Roma Piazza Europa Unita 1 INFORMATIVA IMU 2013 Imposta Municipale Propria (testo aggiornato al-dl n. 35 del 8 aprile 2013 ed al -Decreto Legge n.54/2013) a cura di : Geom.

Dettagli

Comune di Perugia. 23 ottobre 2012. (dati provvisori) Ufficio Toponomastica Geom. Massimo Crocioni

Comune di Perugia. 23 ottobre 2012. (dati provvisori) Ufficio Toponomastica Geom. Massimo Crocioni Dal Censimento 2011, Perugiaa a confronto Le abitazioni e gli altri tipi di alloggio Ufficio Toponomastica Geom. Massimo Crocioni Perugia a confronto con le città di Cagliari, Firenze, Livorno, Messina

Dettagli

L ITALIA MERITA ANCORA DI ESSERE UN SORVEGLIATO SPECIALE

L ITALIA MERITA ANCORA DI ESSERE UN SORVEGLIATO SPECIALE OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI L ITALIA MERITA ANCORA DI ESSERE UN SORVEGLIATO SPECIALE Siamo usciti dalla procedura di infrazione riportando il rapporto deficit/pil al 3%

Dettagli

Affitti, i canoni di locazione tornano a salire del 2,1% nel I trimestre 2017

Affitti, i canoni di locazione tornano a salire del 2,1% nel I trimestre 2017 Affitti, i canoni di locazione tornano a salire del 2,1% nel I trimestre 2017 Il prezzo medio di un affitto in Italia si attesta a 8,6 euro, +0,6% rispetto a un anno fa Le regioni del Nord trainano la

Dettagli

DECRETO "CASA" : QUALCHE ANTICIPAZIONE

DECRETO CASA : QUALCHE ANTICIPAZIONE Sara Acerbi Anna Giacomoni mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare DECRETO "CASA" : QUALCHE ANTICIPAZIONE INDICE NOVITA IN MATERIA DI IMU REGIME FISCALE PER I PROGRAMMI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL REGIONE PIEMONTE Legge 1980021 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 14-04-1980 REGIONE PIEMONTE Ulteriori modifiche ed integrazioni alla legge regionale 17 maggio 1976, n. 28, modificata dalla legge regionale 18 febbraio

Dettagli

Deliberazione di Giunta Regionale n. 594 del 24 giugno 2005

Deliberazione di Giunta Regionale n. 594 del 24 giugno 2005 Deliberazione di Giunta Regionale n. 594 del 24 giugno 2005 OGGETTO:Approvazione con integrazioni e modificazioni del Protocollo d intesa tra la Regione Lazio e il Comune di Roma sull emergenza casa. Modificazioni

Dettagli

1) Costituzione del servizio

1) Costituzione del servizio BOZZA DI PROTOCOLLO DI INTESA FRA IL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI, LA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SESTO SAN GIOVANNI E L ASSOCIAZIONE UNA CASA PER PER FAVORIRE L INCONTRO FRA DOMANDA ED OFFERTA DI

Dettagli

SCHEDA STAMPA a cura dell ufficio Comunicazione e Stampa FRENA LA CRISI MA PER CRESCERE SERVE L ACCELERATORE

SCHEDA STAMPA a cura dell ufficio Comunicazione e Stampa FRENA LA CRISI MA PER CRESCERE SERVE L ACCELERATORE SCHEDA STAMPA a cura dell ufficio Comunicazione e Stampa FRENA LA CRISI MA PER CRESCERE SERVE L ACCELERATORE EDILIZIA: 2015, SI ATTENUA LA CADUTA MA IL SETTORE NON E ANCORA FUORI DALLA CRISI La crisi continua

Dettagli

- COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno

- COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno - COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE (Approvato con delibera di C.C. n. 23 del 06/09/2007) Indice Art. 1 Tipologia

Dettagli

Unimc: la nostra Opera, campagna immatricolazioni a concorso

Unimc: la nostra Opera, campagna immatricolazioni a concorso RASSEGNA STAMPA 02/03/2013 04/03/13 Unimc: la nostra Opera, campagna immatricolazioni a concorso Cronache Maceratesi cronachemaceratesi.it http://www.cronachemaceratesi.it/2013/03/01/unimc- la- nostra-

Dettagli

DALL AGENZIA DELLE ENTRATE, CHIARIMENTI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI PREVISTE DALL ART. 32 D.P.R. N. 601/1973 AI TRASFERIMENTI DI AREE PEEP

DALL AGENZIA DELLE ENTRATE, CHIARIMENTI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI PREVISTE DALL ART. 32 D.P.R. N. 601/1973 AI TRASFERIMENTI DI AREE PEEP DALL AGENZIA DELLE ENTRATE, CHIARIMENTI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI PREVISTE DALL ART. 32 D.P.R. N. 601/1973 AI TRASFERIMENTI DI AREE PEEP Si pubblica di seguito la Risoluzione dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

Roma, 22 aprile 2015 CIRCOLARE N. 33 / 2015

Roma, 22 aprile 2015 CIRCOLARE N. 33 / 2015 in evidenza Roma, 22 aprile 2015 CIRCOLARE N. 33 / 2015 Prot. 682 CDAA Ai Presidenti e Direttori Generali degli Enti Associati FINANZIAMENTI ENTI PUBBLICI ECONOMICI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI OGGETTO:

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI CHE DISCIPLINANO I CONTRATTI DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO:

PRINCIPI FONDAMENTALI CHE DISCIPLINANO I CONTRATTI DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO: PRINCIPI FONDAMENTALI CHE DISCIPLINANO I CONTRATTI DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO: 1) OBBLIGATORIETÀ DEL CONTRATTO SCRITTO I contratti di affitto sono validi soltanto se sono scritti. Se il proprietario

Dettagli

i dossier IMU L impatto della sospensione per la prima casa a cura di Renato Brunetta

i dossier IMU L impatto della sospensione per la prima casa   a cura di Renato Brunetta 398 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IMU L impatto della sospensione per la prima casa 17 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 IMU/BRUNETTA: DA GIUGNO 2,1 MILIARDI IN PIÙ NELLE

Dettagli

Credito ed Assicurazione

Credito ed Assicurazione Paolo Sospiro Dipartimento degli Studi sullo Sviluppo Economico Facoltà di Scienze Politiche Università di Macerata paolo.sospiro@unimc.it Credito ed Assicurazione Macerata 26 Ottobre 2015 Economia dello

Dettagli

ABOLIZIONE DELLA SECONDA RATA IMU

ABOLIZIONE DELLA SECONDA RATA IMU Con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che in materia di ACCONTI IMPOSTE È stata disposta la proroga (come preannunciato) del pagamento delle imposte

Dettagli

INDICE PREMESSA DEFINIZIONI... 11

INDICE PREMESSA DEFINIZIONI... 11 INDICE PREMESSA... 9 1. DEFINIZIONI... 11 1. Introduzione... 11 2. Tipologie di immobili... 11 2.1 Fabbricati abitativi e strumentali... 11 2.2 Immobili di lusso... 13 2.3 Fabbricati Tupini... 15 2.4 Pertinenze...

Dettagli

Unità immobiliari oggetto di assegnazione in caso di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;

Unità immobiliari oggetto di assegnazione in caso di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio; 22/05/2013 - Il Dipartimento Risorse Economiche ha emanato una circolare esplicativa sulla sospensione dell'acconto Imu. In base a quanto disposto in sede di Consiglio dei Ministri il 17 maggio u.s. e

Dettagli

C O M U N E DI P I A N O R O

C O M U N E DI P I A N O R O C O M U N E DI P I A N O R O IMU (Imposta Municipale Propria) Art. 8 e 9 del Decreto legislativo n.23 del 14 marzo 2011 e Art.13 del Decreto Legge n.201 del 6 dicembre 2011 convertito in Legge n.214 del

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 4 novembre 2013, n. 901

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 4 novembre 2013, n. 901 DELIBERAZIONE 4 novembre 2013, n. 901 Approvazione Schema di Protocollo d Intesa tra la Regione Toscana, i Comuni di Massa e Fivizzano e E.R.P. Massa Carrara per la predisposizione di una proposta di intervento

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2008 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE Transazioni e mutui

L INDAGINE TECNOBORSA 2008 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE Transazioni e mutui L INDAGINE TECNOBORSA 2008 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE Transazioni e mutui Dopo la crescita proliferante del ciclo 1998/2007, il settore residenziale italiano registra un sensibile calo

Dettagli

Politiche abitative. Competenze del Settore

Politiche abitative. Competenze del Settore Politiche abitative La questione abitativa a Bologna tende, da un lato, a rafforzare le stesse caratteristiche strutturali osservabili su scala nazionale e sovranazionale legate in particolare alle difficoltà

Dettagli

DISTRIBUZIONE DELLE FAMIGLIE PER NUMERO DI COMPONENTI

DISTRIBUZIONE DELLE FAMIGLIE PER NUMERO DI COMPONENTI LA DOMANDA ABITATIVA Ufficio Studi del Sunia Elaborazioni su dati Banca d Italia (I bilanci delle famiglie italiane nell anno 2004) e Istat (Censimento 2001) Dagli ultimi dati relativi al Censimento 2001

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N.685 DEL 18/10/2016 SETTORE SVILUPPO SERVIZI ALLA PERSONA Ufficio Politiche della Casa OGGETTO:Approvazione della proposta di Convenzione tra

Dettagli

Disagio e benessere economico a Bologna: la variabilità dei redditi dei bolognesi nel 2013. novembre 2015

Disagio e benessere economico a Bologna: la variabilità dei redditi dei bolognesi nel 2013. novembre 2015 Disagio e benessere economico a Bologna: la variabilità dei redditi dei bolognesi nel 2013 novembre 2015 Questa breve nota costituisce un approfondimento del consueto studio annuale sui redditi dei bolognesi,

Dettagli

CITTÀ DI ORIO AL SERIO PROVINCIA DI BERGAMO Via Locatelli, Orio al Serio

CITTÀ DI ORIO AL SERIO PROVINCIA DI BERGAMO Via Locatelli, Orio al Serio BANDO PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DELL EMERGENZA ABITATIVA E AZIONI VOLTE AL SOSTEGNO DEL MANTENIMENTO DELL ABITAZIONE IN LOCAZIONE DGR N. X/5450 del 25 luglio 2016. L ASSESSORE

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema (Casa Collettiva) Il

Dettagli

Il tuo rapporto con il mondo "social"

Il tuo rapporto con il mondo social a cura del centro formativo di Tortona Il tuo rapporto con il mondo "social" Indagine effettuata su un campione di più di 200 ragazzi e ragazze dai 14 ai 18 anni frequentanti corsi di formazione professionale

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE PER IL COMUNE DI GUDONIA MONTECELIO

ACCORDO TERRITORIALE PER IL COMUNE DI GUDONIA MONTECELIO ACCORDO TERRITORIALE PER IL COMUNE DI GUDONIA MONTECELIO IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N.431 E DEL DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DI CONCERTO CON IL MINISTERO DELL

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 21 novembre 2016

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 21 novembre 2016 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 21 novembre 2016 Argomento Testata Titolo Pag. Università Scuola24 No tax area da rivedere e super borse bocciate: gli studenti critici

Dettagli

Tra i momenti di speranza celebrata e vissuta, il battesimo del piccolo Agostino. Ha perso la mamma proprio quando e' nato. Una famiglia lo ha preso

Tra i momenti di speranza celebrata e vissuta, il battesimo del piccolo Agostino. Ha perso la mamma proprio quando e' nato. Una famiglia lo ha preso DalMalawidoveitamburicantanolavita,anchelavitasofferta,viraccontiamoalcunimomentidiun Natalechenonvuoleterminare. Abbiamobisognodiquestafestaechesiapertutti.Ilpaesestavivendomomentidiprovachevanno daunapoliticasemprepiu'involuta,allapioggiacheritardaeparladicentinaiadimigliaiadifamiglie

Dettagli

Deliberazioni della Giunta regionale n. 758 del 27 agosto 2012 e n. 194 del 25 marzo 2013 TESTO COORDINATO

Deliberazioni della Giunta regionale n. 758 del 27 agosto 2012 e n. 194 del 25 marzo 2013 TESTO COORDINATO Legge regionale 29 dicembre 2010, n. 65 (Legge finanziaria per l anno 2011) - articoli 118 bis e 118 ter - Misure a sostegno dell autonomia abitativa dei giovani. Intervento di sostegno al pagamento del

Dettagli

Progetto per la costituzione del Nuovo Ufficio di Piano

Progetto per la costituzione del Nuovo Ufficio di Piano Prot. Gen.le n ORGANIZZAZIONE DELLA GOVERNANCE DISTRETTUALE PER LA SALUTE ED IL BENESSERE SOCIALE Progetto per la costituzione del Nuovo Ufficio di Piano 1. Strutture esistenti e di prospettiva 1. L assetto

Dettagli

SERVIZIO CALCOLO IMU E TASI 2017

SERVIZIO CALCOLO IMU E TASI 2017 CAF INTERREGIONALE DIPENDENTI SRL Via Ontani 48, Vicenza Mod730@cafinterregionale.it ABITAZIONE PRINCIPALE SERVIZIO CALCOLO IMU E TASI 2017 Riservato solo a chi ha presentato il modello 730 2017 tramite

Dettagli

COMUNE DI PECETTO TORINESE IMU 2013

COMUNE DI PECETTO TORINESE IMU 2013 COMUNE DI PECETTO TORINESE IMU 2013 VERSAMENTO SALDO IMU 2013 16 DICEMBRE 2013 Le aliquote per il Comune di Pecetto Torinese, da utilizzare per il pagamento del SALDO dell IMU 2013 con scadenza il 16 dicembre

Dettagli

PRS Venaria Ass. Esperienza e Mappe Grezze 1

PRS Venaria Ass. Esperienza e Mappe Grezze 1 Metodologia PRS Venaria Ass. Esperienza e Mappe Grezze 1 siamo l Associazione Esperienza & Mappe Grezze nata nel 1988 ad opera del Prof. Ivar Oddone e di 22 altri soci: sindacalisti, medici, psicologi,

Dettagli

RAPPORTO OSSERVATORIO UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI GLI IMMOBILI E L IMU: TUTTI I NUMERI TUTTI I NUMERI DELL IMU

RAPPORTO OSSERVATORIO UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI GLI IMMOBILI E L IMU: TUTTI I NUMERI TUTTI I NUMERI DELL IMU ALLEGATO 1 RAPPORTO OSSERVATORIO UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI GLI IMMOBILI E L IMU: TUTTI I NUMERI TUTTI I NUMERI DELL IMU IMU TOTALE I versamenti IMU totali ammontano a circa 23,7 miliardi di euro,

Dettagli

Il mio intervento farà una panoramica dei contenuti del progetto di valorizzazione del paesaggio della provincia di Milano con alcuni approfondimenti

Il mio intervento farà una panoramica dei contenuti del progetto di valorizzazione del paesaggio della provincia di Milano con alcuni approfondimenti Il mio intervento farà una panoramica dei contenuti del progetto di valorizzazione del paesaggio della provincia di Milano con alcuni approfondimenti su alcuni progetti specifici in corso di definizione

Dettagli

10.Ricerca: la qualità percepita del sistema dei servizi sociali e sociosanitari del territorio cesenate

10.Ricerca: la qualità percepita del sistema dei servizi sociali e sociosanitari del territorio cesenate 10.Ricerca: la qualità percepita del sistema dei servizi sociali e sociosanitari del territorio cesenate Premessa La ricerca è basata su un totale di 53 questionari compilati correttamente. Considerando

Dettagli

OGGETTO: Circolare 7a.2017 Seregno, 5 aprile 2017

OGGETTO: Circolare 7a.2017 Seregno, 5 aprile 2017 OGGETTO: Circolare 7a.2017 Seregno, 5 aprile 2017 PROMEMORIA ONERI DETRAIBILI MOD 730 UNICO 2017 PER ANNO 2016 Dichiarazione dei redditi anno 2017 per anno 2016 Cognome Nome Oneri detraibili Oneri per

Dettagli

GIUNTA REGIONALE LEGGE DI STABILITÀ

GIUNTA REGIONALE LEGGE DI STABILITÀ T R I E S T E 1 3 N O V E M B R E 2 0 1 5 GIUNTA REGIONALE LEGGE DI STABILITÀ 2016 G I U N T A R E G I O N A L E 3,4mld Per le politiche regionali nei diversi settori di intervento 2 S A N I T À E P O

Dettagli

Gli accordi locali per il canone concordato

Gli accordi locali per il canone concordato Gli accordi locali per il canone concordato COS E IL CANONE CONCORDATO? Il canone concordato, introdotto dalla legge 431/98,è un canone di affitto più basso di quello a canone libero (di mercato). Consente

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VI a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VI a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VI. 1971-1975 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota per la Giunta esecutiva del Mfe (20 dicembre 1975) Nella situazione politica c è un elemento

Dettagli

COMUNE DI CAPO D ORLANDO

COMUNE DI CAPO D ORLANDO COMUNE DI CAPO D ORLANDO Imposta Municipale Propria ANNO 2013 Art.13 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011 n. 214) Decreto Legislativo 14 marzo 2011 n. 23 Decreto

Dettagli

RAPPORTO CISL SULLA TASSAZIONE IN PIEMONTE

RAPPORTO CISL SULLA TASSAZIONE IN PIEMONTE UFFICIO STAMPA ROCCO ZAGARIA cellulare 348-70.77.030 Telefono 011.65.48.297 Fax 011.65.05.791 E-mail: uffstampa.piemonte@cisl.it web: www.cislpiemonte.it Torino, 29 marzo 2016 NOTA STAMPA RAPPORTO CISL

Dettagli

SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE

SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE Servizio AREE URBANE CASA Politiche abitative IX Rapporto UIL SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE 54.829 provvedimenti di sfratto per morosità Canone medio mensile di 605 euro Incidenza

Dettagli

Le Qualità della Città 13 Marzo 2007

Le Qualità della Città 13 Marzo 2007 Le Qualità della Città 13 Marzo 2007 Politiche dell Abitare Il Bisogno Casa: Vecchi e Nuovi Soggetti Ceti medio-bassi con le punte di bisogno delle famiglie monoreddito tra cui: lavoratori precari, giovani

Dettagli

IMU: LA PROPOSTA DEL PD? UN ESPROPRIO PROLETARIO!

IMU: LA PROPOSTA DEL PD? UN ESPROPRIO PROLETARIO! IMU: LA PROPOSTA DEL PD? UN ESPROPRIO PROLETARIO! FEBBRAIO 2012 La proposta del PD sull IMU 2 Dal programma ufficiale del Partito Democratico: la ricchezza finanziaria e immobiliare è diventata sempre

Dettagli

Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia

Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia R e g g i o E m i l i a 28 Settembre 2007 C o n f e r e n z a d i P i a n i f i c a z i o n e Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia Dati desunti dal Rapporto 2006 dell Osservatorio Regionale

Dettagli

Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio.

Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio. Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio. Con questo calo le case toccano i 2.006 euro/m 2 Soffrono anche i grandi mercati cittadini, primi fra tutti Napoli (-3,9%) e Roma (-3%). Giù anche a

Dettagli

5 per mille per le abitazioni principali e relative pertinenze classificate come A1, A8 e A9 con una detrazione pari a euro 200 annui;

5 per mille per le abitazioni principali e relative pertinenze classificate come A1, A8 e A9 con una detrazione pari a euro 200 annui; 2015 - Info utili sul versamento acconto e saldo IMU e TASI 2015 ACCONTO Si ricorda che il 16 giugno p.v. scade il termine per il pagamento dell acconto IMU e TASI 2015. Sono confermate, sia per l IMU

Dettagli

Tavola 1 Dettaglio territoriale comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Nord-Milano Quadro di sintesi della domanda abitativa

Tavola 1 Dettaglio territoriale comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Nord-Milano Quadro di sintesi della domanda abitativa La domanda abitativa nei comuni del Tavolo Interistituzionale Nei comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Nord-Milano gli scenari della domanda abitativa definiscono una stima oscillante tra le

Dettagli

CIRCOLARE N gennaio 2016 LEGGE FINANZIARIA 2016 LE NOVITA PER GLI IMMOBILI

CIRCOLARE N gennaio 2016 LEGGE FINANZIARIA 2016 LE NOVITA PER GLI IMMOBILI CIRCOLARE N. 1 29 gennaio 2016 LEGGE FINANZIARIA 2016 LE NOVITA PER GLI IMMOBILI Dopo l approvazione definitiva da parte del Parlamento è stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30.12.2015,

Dettagli