Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A. 2013-2014 Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio"

Transcript

1 Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Frane Prof. ing. Michele Calvello Gestione del rischio da frana (inquadramento, definizioni e teoria)

2 Gestione del rischio da frana > Dispense Articoli principali Il rischio da frana. Ferlisi S. (2004). Non pubblicato. Glossary of Risk Assessment Terms. ISSMGE TC32 - Technical Committee on Risk Assessment and Management (2004). Web (http://www.engmath.dal.ca/tc32/publications.html). A framework for landslide risk assessment and management. Fell R., Ho K.K.S., Lacasse S., Leroi E. (2005). In: Landslide Risk Management, Taylor & Francis, ISBN-13:

3 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Fell & Hartford (1997) fonte: Ferlisi (2004). Appunti del corso di Frane Fell &Hartford (1997). Landslide risk management. In: Landslide risk assessment, Balkema,

4 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Ho et al. (2000) Ho et al. (2000). Quantitative risk assessment application, myths and future direction. Proc. Int. Conf. Geotechnical and Geological Engineering, GEOENG 2000, Melbourne, Australia, 1:

5 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Fell et al. (2005) Fell et al. (2005). A framework for landslide risk assessment and management. In: Landslide Risk Management, ISBN-13:

6 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Prof. Michele Calvello (2013). Corso di Frane, A.A , Università di Salerno, ITALY

7 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Prof. Michele Calvello (2013). Corso di Frane, A.A , Università di Salerno, ITALY

8 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Prof. Michele Calvello (2013). Corso di Frane, A.A , Università di Salerno, ITALY

9 Analisi del rischio da frana: fattori da considerare Fonte: Ho et al. (2000)

10 Analisi del rischio da frana: formule di calcolo R = H x V x E = R S x E (Varnes 1978) Hazard o Pericolosità (H): probabilità di accadimento, all interno di una certa area e in un certo intervallo di tempo, di un fenomeno naturale di assegnata intensità. Elementi a Rischio (E): persone e/o beni (abitazioni, strutture, infrastrutture, ecc.) e/o attività (economiche, sociali, ecc.) esposte a rischio in una certa area. Vulnerabilità (V): grado di perdita di un certo elemento o insiemi di elementi esposti a rischio, derivante dal verificarsi di un fenomeno naturale di assegnata intensità, espresso in una scala che va da 0 (nessuna perdita) a 1 (perdita totale). Rischio specifico (R S ): grado previsto di perdita a seguito di un particolare fenomeno naturale. Può essere espresso come prodotto di H x V. Rischio totale (R): numero atteso di vittime, persone ferite, danni a proprietà, distruzione o interruzione di attività economiche, in conseguenze di un fenomeno naturale di assegnata intensità. Varnes (1978). Slope movement types and processes. In: Special Report 176: Landslides: Analysis and Control, Transportation and Road Research Board, National Academy of Science,

11 Analisi del rischio da frana: formule di calcolo R = H x V x E = R S x E (Varnes 1978) Einstein (1988) RISK = HAZARD x POTENTIAL WORTH OF LOSS Fell (1994) R = ( E x R s ) = ( E x H x V ) Leroi (1997) R = f [P e, P t, P e (MVT, I, X, Y, Z, t, D, V, a, %, C)] Einstein (1988). Landslide risk assessment procedure. Proc. V Int. Sym. on Landslides, ISL, 1: Fell (1994). Landsldie risk assessment and acceptable risk. Canadian Geotechnical Journal, 31: Leroi (1997). Landslide Risk Mapping: Problems, Limitation and Developments. In: Landslide Risk Assessment, Balkema,

12 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso R = H x V x E I La severità di una frana dipende da una serie di parametri, quantitativi o qualitativi spazialmente distribuiti, spesso di non facile valutazione. A seconda del tipo di frana, i parametri che caratterizzano l intensità di un fenomeno franoso possono includere: la velocità degli spostamenti (movimenti), la profondità, lo spessore dei depositi, il volume della massa spostata, le pressioni d impatto, la profondità d erosione, i movimenti differenziali, etc. fonte: Ferlisi (2004). Appunti del corso di Frane

13 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso R = H x V x E I Velocità e.g. CRUDEN & VARNES (1996) Classe Descrizione velocità 7 Estr. rapida 5 m/s 6 Molto rapida 3 m/min 5 Rapida 1.8 m/hr 4 Moderata 13 m/mese 3 Lenta 1.6 m/anno 2 Molto lenta 16 mm/anno 1 Estr. lenta <16 mm/anno Volume e.g. FELL (1994) Magnitudo Descrizione Volume (m 3 ) 7 Estrem. grande > Molto grande Da media a grande Media Piccola Molto piccola Estr. piccola < h T 1 q f a Potential energy u=h Energia e.g. SASSA 1988 x Energy loss w = x tanf a Kinetic energy k = v 2 /2g Energy line Topographic line Center of gravity Cruden and Varnes (1996). Landslide types and processes. In Landslides. Investigation and Mitigation, Washington TRB, Special Report 247: Sassa (1988). Geotechnical model for the motion of landslides. Proc. V Int. Sym. on Landslides, ISL, 1: T 2

14 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (velocità) Velocità attuale Massima velocità attesa V~0 V~0 V max V~0 Pre-rottura Post-rottura La velocità di una frana cambia con il tempo in funzione del suo stadio evolutivo Fonte: Cascini (LARAM School) LARAM School. International School on "LAndslide Risk Assessment and Mitigation" of the University of Salerno.

15 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (volume) Frane di piccole dimensioni Weymouth, UK Laguna Beach, USA (frana causata da un sistema di irrigazione malfunzionante) VOLUME = 300 m 3 VOLUME = 800 m 3 modificato da Cascini (LARAM School)

16 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (volume) Frane di grandi dimensioni The site is the Slumgullion landslide, a large mass movement in the San Juan Mountains of Colorado. It consists of a younger, active movement (3.9 km long) with an estimated volume of about m 3, which moves on and over an older, much larger (6.8 km long), inactive landslide. Overall, the volume of the complete landslide system is estimated at about m 3 (Parise and Guzzi, 1992). 7 km Parise & Guzzi (1992). Volume and shape of the active and inactive parts of the Slumgullion landslide, Hinsdale County, Colorado, U.S. Geological Survey Open-File Report , 29p.

17 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (energia cinetica) Crolli in roccia Le barriere paramassi sono progettate considerando l energia cinetica dei blocchi che devono intercettare modificato da Cascini (LARAM School)

18 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (energia cinetica) Crolli in roccia TRAJECTORIES ENERGIES >=2000 kj kj kj kj kj Rockfall area of the Solà d Andorra, Spain (Corominas et al. 2003) Trajectories (left) and kinetic energy distribution (right) (Copons et al. 2005) Corominas et al. (2003). Integrated Landslide Susceptibility Analysis and Hazard Assessment in the Principality of Andorra. Natural Hazards, 30(3): Copons et al. (2005). Rockfall hazard management policy in urban areas: the Andorran experience. In: Landslide Hazard and Risk, John Wiley&Sons,

19 Zonazione del rischio da frana (i.e. produzione di mappe di rischio) Quale fenomeno? Dove? Quando? Quali conseguenze? modificato da Cascini (LARAM School)

20 Framework generale per la zonazione della pericolosità e del rischio da frana Cascini et al. (2005) Caratterizzazione del fenomeno (Aree suscettibili, Intensità, Data sets) Mappe di Suscettibilità Stima della frequenza Mappe di Pericolosità Mappe del Rischio Analisi della probabilità e della severità delle conseguenza Scenari di conseguenze (Elementi a rischio, Vulnerabilità) Cascini et al. (2005). Landslide hazard and risk zoning for urban planning and development. In: Landslide Risk Management, Balkema,

21 Caratterizzazione del fenomeno franoso Area suscettibile Area di versante propensa alla instabilità o area all interno della quale un fenomeno franoso può propagarsi o può retrogredire. Per un frana esistente, la suscettibilità esprime la sua potenzialità alla riattivazione. Intensità della frana E data da un insieme di parametri, spazialmente distribuiti, che consentono di descrivere, in termini geometrici e meccanici, la severità di un fenomeno Dataset Insieme di dati che può consentire una chiara identificazione della suscettibilità di un versante ad essere sede di ben precise tipologie di frana. modificato da Cascini (LARAM School)

22 Inventario dei fenomeni Prof. Michele Calvello (2013). Corso di Frane, A.A , Università di Salerno, ITALY Suscettibilità Le aree suscettibili alla franosità dovrebbero segnalare: localizzazione classificazione estensione areale e volume aree in creep stato di attività l area in cui la frana potrebbe propagarsi retrogredire espandersi modificato da Cascini (LARAM School)

23 Suscettibilità Classificazione: scorrimento di terra Estenzione areale: 6 ha Volume: m 3 Frana di Lioni (Cotecchia et al. 1992) Cotecchia et al. (2005). Comportamento geotecnico delle unità sicilidi e irpine affioranti nelle alte valli dei fiumisele ed Ofanto ad elevato rischio sismotettonico. Geologia Applicata ed Idrogeologia, 27:1-49.

24 Suscettibilità Area in cui la frana può propagarsi a) b) Nakaba (Luglio, 1983) Quindici (Maggio, 1998) modificato da Cascini (LARAM School)

25 Pericolosità (H) R = H x E x V Tipi di frequenze fonte: Corominas (LARAM School)

26 Pericolosità (H) R = H x E x V Metodi impiegati per la stima della frequenza 1. Stima diretta basata sul giudizio di esperti. 2. Metodi empirici basati su correlazioni 3. Evidenze di tipo geomorfologico (congiunte a dati storici o basate sull esperienza) 4. Dati storici concernenti l area di studio, o aree di caratteristiche geologiche e geomorfologiche simili. 5. Correlazioni con la frequenza di accadimento delle cause di innesco (piogge, sisma, ) di fissata intensità 6. Modellazione fisicamente basata del legame funzionale tra pressioni neutre e piogge, in combinazione con informazioni legate alla geometria del sistema e ai valori di resistenza al taglio (mobilitata e disponibile) 7. Applicazione di metodi probabilistici, basati su analisi di affidabilità, in grado di tenere conto delle incertezze nella geometria del sistema, nella resistenza al taglio disponibile, nei meccanismi di scorrimento e nel regime delle pressioni neutre. 8. Combinazioni dei metodi precedenti. Fonte: IUGS Working Group on Landslides, Commitee on Risk Assessment, Proc. on Landslide Risk Assessment, Honululu (1997)

27 Pericolosità (H) R = H x E x V Dati storici Crolli in roccia T = 1 f (i) log F = A + b log M Volume Frequenza cumulata HUNGR et al. (1999) A costante dipendente dalla lunghezza della strada e dalla suscettibilità relativa delle diverse porzioni di versante all instabilità. b caratterizza la distribuzione delle frequenze dei crolli nell area di studio e all interno di suoi subdomini. Hungr et al. (2009). Magnitude and frequency of rock falls and rock slides along the main transportation corridors of southwestern British Columbia. Canadian Geotechnical Journal, 36(2): , DOI: /t98-106

28 Pericolosità (H) R = H x E x V Metodi probabilistici (1/2) Haneberg (2004). A Rational Probabilistic Method for Spatially Distributed Landslide Hazard Assessment. Environmental & Engineering Geoscience, 10(1):

29 Pericolosità (H) R = H x E x V Metodi probabilistici (2/2) Annual exceedance probability (P E ) P E 1 T R T R return period of the event ( average # of years between two events equally or exceeding magnitude M) Poisson probability models t P N( t) 1 1 e m N(t) number of landslide (or landslide clusters) o a given magnitude expected to occur during a specified time interval (t) m future mean recurrence interval modificato da Corominas (LARAM School)

30 Pericolosità (H) R = H x E x V Modelli fisicamente basati (su area vasta) Topografia Vegetazione Idrologia Stabilità del pendio Analisi topografica di un area Influenza della vegetazione sui processi idrologici e la stabilità del pendio Pressioni neutre Coefficiente di sicurezza ground surface land cover z water table h slip surface land cover bedrock bedrock fonte: Cascini (LARAM School)

31 Pericolosità (H) R = H x E x V Modelli fisicamente basati (su area vasta) Uncoupled Slope Stability Analysis Distributed Physically Based Models KINEMATIC WAVE MODELS STEADY STATE MODELS STEADY STATE ANALYTICAL MODELS TRANSIENT ANALYTICAL MODELS SHALSTAB (Montgomery & Dietrich, 1994) GROUNDWATER MODELS (Richards Equation) UNSATURATED MODELS SATURATED DIFFUSION MODELS COUPLED SATURATED/ UNSATURATED MODELS TRIGRS-unsaturated (Savage et al., 2004; 2008) TRANSIENT MODELS PISTON FLOW MODELS TRIGRS (Baum et al., 2002) TRANSIENT NUMERICAL MODELS Pore water pressures Factor of Safety LIMIT EQUILIBRIUM METHODS INFINITE SLOPE MODEL fonte: Sorbino (LARAM School)

32 Elementi a Rischio (E) R = H x E x V Un casa di campagna (poche persone) Un piccolo villaggio (decine di persone) Una grande città (centinaia di persone) fonte: Cascini (LARAM School)

33 Elementi a Rischio (E) R = H x E x V Abitazioni Edifici pubblici Sito di interesse storico-archeologico Patrimonio mondiale UNESCO fonte: Cascini (LARAM School)

34 Vulnerabilità (V) R = H x E x V La vulnerabilità degli elementi esposti a rischio dipende dalla tipologia dell elemento (e quindi dalla sua resistenza) e dall intensità del fenomeno franoso con cui interagisce. Vulnerabilità FISICA Vulnerabilità SOCIALE Strutture, infrastrutture, reti di servizio, strutture di interesse strategico Popolazione Vulnerabilità ECONOMICA Attività economiche Vulnerabilità AMBIENTALE Danni all ambiente naturale e.g. Leone et al. (1996) Leone et al. (1996). Vulnerability assessment of elements exposed to mass moving: working towards a better risk perception. In: Landslides, Balkema,

35 Vulnerabilità (V) R = H x E x V Diversi approcci per la valutazione della Vulnerabilità: (Wong et al. 1997) Direct approach. L approccio diretto coinvolge la valutazione diretta delle conseguenze basata sull esperienza e sul giudizio di un esperto senza tener presente quelle che sono le componenti dello scenario coinvolto. The event tree approach. L approccio è basato sulla logica ad albero e del ragionamento induttivo per traslare le differenti componenti dello scenario in un range di possibili soluzioni. The consequence model. Il modello coinvolge l uso di una struttura razionale basata sulla considerazione dei fattori chiave riguardanti i danni da rottura, come la distanza di propagazione del fenomeno franoso, il tipo e la vicinanza delle strutture colpite, la distribuzione spaziale e temporale della popolazione a rischio. Wong et al. (1997). Assessment of consequence of landslides. In: Landslide Risk Assessment. Balkema,

36 Valutazione del Rischio Criteri di accettabilità e tollerabilità del Rischio adottati nel territorio di Hong Kong (ERM 1988). ERM (1988). Landslides and Boulder Falls from Natural Terrain: Interim Risk Guidelines. GEO Report No. 75, Hong Kong, 183p.

37 Mitigazione del Rischio La mitigazione del rischio può essere attuata secondo due strategie: 1) Riducendo uno o più dei fattori che concorrono alla definizione del Rischio Riducendo la pericolosità (H) L incidenza dei fenomeni franosi in una data area può essere ridotta in due modi: - intervenendo sulle cause dei fenomeni franosi, per esempio mediante opere di bonifica e di sistemazione idrologica del territorio, oppure attraverso la razionalizzazione delle pratiche agricole o di utilizzo del suolo. - intervenendo direttamente sui fenomeni franosi esistenti al fine di prevenire la loro riattivazione o limitare la loro evoluzione.

38 Mitigazione del Rischio La mitigazione del rischio può essere attuata secondo due strategie: 1) Riducendo uno o più dei fattori che concorrono alla definizione del Rischio Riducendo gli elementi a rischio (E) Tale strategia si esplica soprattutto in sede di pianificazione territoriale e di normativa, nell ambito delle quali possono essere programmate le seguenti azioni: - evacuazione di aree instabili e trasferimento dei centri abitati soggetti a pericolo; - interdizione o limitazione dell espansione urbanistica in zone pericolose; - definizione dell utilizzo del suolo più consono per le aree pericolose (es. prato-pascolo, parchi, etc.)

39 Mitigazione del Rischio La mitigazione del rischio può essere attuata secondo due strategie: 1) Riducendo uno o più dei fattori che concorrono alla definizione del Rischio Riducendo la vulnerabilità (V) La vulnerabilità può essere ridotta mediante interventi di tipo tecnico oppure intervenendo sull organizzazione sociale del territorio: - consolidamento degli edifici, che determina una riduzione della probabilità di danneggiamento dell elemento interessato dalla frana; - installazione di misure di protezione quali reti o strutture paramassi (parapetti,, gallerie, rilevati o trincee), in modo da determinare una riduzione della probabilità che l elemento a rischio venga interessato dalla frana (senza tuttavia limitare la probabilità di occorrenza di questa).

40 Mitigazione del Rischio La mitigazione del rischio può essere attuata secondo due strategie: 2) Aumentando le soglie di Rischio accettabile/tollerabile fonte: Sorbino (LARAM School)

41 Teoria del rischio e gestione del rischio da frana R = H x V x E = R S x E Risk theory and risk factors have a clear meaning Evaluation of risk factors calls for many difficulties VARNES (1984) Institutional progress Scientific advances International Decade for Natural Disaster Reduction (UN) created in 1999 Int. Conf. on Landslide Risk Management, Vancouver, Canada (2005) (2008) ISL (International Symposium on Landslides) LARAM School, University of Salerno (2006-ongoing) (2012) EU funded research projects

42 Landslide Risk Management (2005) Proceedings of the International Conference on Landslide Risk Management (May 31 - June 3, Vancouver, Canada) Editors: O. Hungr, R. Fell, R. Couture, E. Eberhardt 1 st Part (state-of-the-art and invited lectures) SOA 1. A framework for landslide risk assessment and management (Fell, Ho, Lacasse, Leroi) SOA 2. Hazard characterization and quantification (Picarelli, Oboni, Evans, Mostyn, Fell) SOA 3. Probabilistic stability analysis for individual slopes in soil and rock (Nadim, Einstein, Roberds) SOA 4. Estimating landslide motion mechanism, travel distance and velocity (Hungr, Corominas, Eberhardt) SOA 5. Estimating temporal and spatial variability and vulnerability (Roberds) SOA 6. Risk assessment and management (Leroi, Bonnard, Fell, McInnes) SOA 7. Landslide hazard and risk zoning for urban planning and development (Cascini, Bonnard, Corominas, Jibson, Montero-Olarte) SOA 8. Landslide risk assessment for individual facilities (Wong) 2 nd Part (selection of papers submitted to the conference)

43 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Terminology Danger (Threat). The natural phenomenon that could lead to damage, described in terms of its geometry, mechanical and other characteristics. The danger can be an existing one (such as a creeping slope) or a potential one (such as a rockfall). The characterisation of a danger or threat does not include any forecasting. Hazard. Probability that a particular danger (threat) occurs within a given period of time. Likelihood. Conditional probability of an outcome given a set of data, assumptions and information. Also used as a qualitative description of probability and frequency. Probability. A measure of the degree of certainty. This measure has a value between zero (impossibility) and 1.0 (certainty). It is an estimate of the likelihood of the magnitude of the uncertain quantity, or the likelihood of the occurrence of the uncertain future event. Risk. Measure of the probability and severity of an adverse effect to life, health, property, or the environment. Quantitatively, Risk = Hazard x Potential Worth of Loss. This can be also expressed as Probability of an adverse event times the consequences if the event occurs.

44 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Terminology Risk analysis. The use of available information to estimate the risk to individuals or populations, property or the environment, from hazards. Risk analyses generally contain the following steps: definition of scope, danger (threat) identification, estimation of probability of occurrence to estimate hazard, evaluation of the vulnerability of the element(s) at risk, consequence identification, and risk estimation. Consistent with the common dictionary definition of analysis, viz. A detailed examination of anything complex made in order to understand its nature or to determine its essential features, risk analysis involves the disaggregation or decomposition of the system and sources of risk into their fundamental parts.

45 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Terminology Risk assessment. The process of making a decision recommendation on whether existing risks are tolerable and present risk control measures are adequate, and if not, whether alternative risk control measures are justified or will be implemented. Risk assessment incorporates the risk analysis and risk evaluation phases. Risk management. The systematic application of management policies, procedures and practices to the tasks of identifying, analysing, assessing, mitigating and monitoring risk.

46 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk analysis Scope definition To ensure that the risk analysis addresses the relevant issues, satisfies the needs of those concerned, and to avoid misunderstandings, it is important to define the scope of the risk analysis. Hazard analysis 1. Landslide (Danger) characterisation 2. Frequency analysis There are several ways of calculating frequency (IUGS 1997): (1) Historic data within the area of study, or areas with similar characteristics, e.g. geology, geomorphology. (2) Empirical methods based on correlations in accordance with slope instability ranking systems. (3) Use of geomorphological evidence (coupled with historical data), or based on expert judgement. (4) Relationship to the frequency and intensity of the triggering event, e.g. rainfall, earthquake. (5) Direct assessment based on expert judgement, which may be undertaken with reference to a conceptual model, e.g. use of a fault tree methodology. (6) Modelling the primary variable, e.g. piezometric pressures versus the triggering event, coupled with varying levels of knowledge of geometry and shear strength. (7) Application of probabilistic methods, taking into account the uncertainty in slope geometry, shear strength, failure mechanism, and piezometric pressures. This may be done either in a reliability framework, or taking into account the frequency of failure (for example by considering pore pressures on a frequency basis). (8) Combinations of the above methods.

47 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk analysis Scope definition To ensure that the risk analysis addresses the relevant issues, satisfies the needs of those concerned, and to avoid misunderstandings, it is important to define the scope of the risk analysis. Consequence analysis 1. Elements at risk 2. Probability of landslide reaching the element at risk (P T:L ) 3. Temporal spatial probability (P S:T ) 4. Vulnerability (V prop:t and V D:T ) The probability of the landslide reaching the element at risk (P T:L ) depends on the relative location of the element at risk and the landslide source, together with the path the landslide is likely to travel below the source. The temporal spatial probability (P S:T ) is the probability that the element at risk is in the area affected by the hazard at the time of its occurrence. It is a conditional probability, given the landslide occurs and the element at risk is on or in the path of the landslide (V prop:t = vulnerability of the element at risk to the landslide event, V D:T = vulnerability of the person to the landslide event).

48 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk analysis Risk estimation Risk calculation Annual Risk for property (annual loss of property value) R (prop) = P (L) x P (T:L) x P (S:T) x V (prop:t) x E P(L) is the frequency of the landsliding P(T:L) is the probability of the landslide reaching the element at risk P(S:T) is the temporal spatial probability of the element at risk V(prop,T) is the vulnerability of the element at risk to the landslide event E is the element at risk (e.g. the value or net present value of the property) Annual probability that a particular person may lose his/her life P (LOL) = P (L) x P (T:L) x P (S:T) x V (D:T) V(D:T) is the vulnerability of the person to the landslide event

49 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk analysis Risk estimation Multiple landslide hazards R (prop) = i [ P (L) x P (T:L) x P (S:T) x V (prop:t) x E ] i Uncertainty and sensitivity analysis Qualitative risk estimation

50 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk assessment Property or financial loss Annualised risk cost Financial capability Impact on corporate reputations Indirect costs (e.g. loss of road access).. Loss of life Individual risk to life Societal risk (frequency versus number of deaths (known as f - N) or cumulative frequency versus number of deaths (known as F - N) criteria) Annualised potential loss of life Cost per statistical life saved (when mitigation measures are being considered)

51 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk assessment Risk acceptance criteria Acceptable risk. A risk which everyone impacted is prepared to accept. Tolerable Risk. A risk within a range that society can live with so as to secure certain net benefits. Factors that affect an individual's attitude to acceptable or tolerable risk (Resources available to reduce the risk, individual's commitment to the property, age and character, ) General principles that can be applied when considering tolerable risk to loss of life criteria (IUGS 1997): The incremental risk from a hazard to an individual should not be significant compared to other risks to which a person is exposed in everyday life. The incremental risk from a hazard should, wherever reasonably practicable, be reduced: As Low As Reasonably Practicable (ALARP) principle should apply. Higher risks are likely to be tolerated for existing slopes than for planned projects, and for workers in industries with hazardous slopes, e.g. mines, than for society as a whole.

52 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk management The outcomes of the Risk Assessent will be either: (a) The risks are tolerable, or even acceptable and no mitigation options need be considered (b) The risks are intolerable, and risk mitigation options need to be considered. The risk management process is iterative, requiring consideration of the risk mitigation options and the results of the implementation of the mitigation measures and of the monitoring. Examples of options for mitigation of risks for a slope or group of slopes: Reduce the frequency of landsliding Reduce the probability of the landslide reaching the element at risk Reduce the temporal spatial probability of the element at risk Avoid the risk Transfer the risk Postpone the decision if there is sufficient uncertainty (this would usually only be a temporary measure)

53 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Benefits and limitations of landslide risk management BENEFITS It encourages a rational, systematic approach to assessing the safety of natural and engineered slopes. It can be applied to situations which are not amenable to conventional deterministic analysis. It allows comparison of risks. The process requires consideration of risks for all levels of loading, rather than relying on "extreme event" loadings. It focuses attention or what happens if the slope fails. It provides a framework to put uncertainties and engineering judgement into a system. It provides an open and transparent process on the nature and key contributors of landslide risk. LIMITATIONS The potential uncertainty in estimating frequencies, travel distance and vulnerability. The variety of approaches, and the need for expert judgement to assess frequency of landsliding in many cases. Poor estimates of risk because significant hazards have been overlooked. Acceptable and tolerable loss of life criteria for slopes and landslides are not well established. There is still a lack of general acceptance of the method by the profession.

54 Governo del territorio e gestione del rischio da frana Risk analysis Risk assessment Risk management Fell et al. (2005). A framework for landslide risk assessment and management. In: Landslide Risk Management, ISBN-13:

55 Governo del territorio e gestione del rischio da frana Because the territory is a global system Landslide RISK MANAGEMENT LAND-USE MANAGEMENT SUSTAINABLE DEVELOPMENT all the solutions have to be included in this global process Source: Leroi (LARAM School 2013)

56 Governo del territorio e gestione del rischio da frana Source: Ammann, Global Risk Forum, Davos, 2009 (adapted from Leroi, LARAM School 2013)

57 Governo del territorio e gestione del rischio da frana ISO (2009) Risk no longer "chance or probability of loss but "the effect of uncertainty on objectives ISO 31000:2009 (2009). Risk management - Principles and guidelines. International Organization for Standardization, 24pp.

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Il VaR: Metodi quantitativi basilari. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2

Il VaR: Metodi quantitativi basilari. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2 Il VaR: Metodi quantitativi basilari Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2 Distribuzione futura del rendimento di un asset/portafoglio Il calcolo del VaR richiede la conoscenza

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Claudio Cecchi Lezioni di Ecoomia del Turismo Roma, 26 novembre 2012 Dall agire al governo delle azioni nella sostenibilità I soggetti che agiscono Individui

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING Innovazione nei contenuti e nelle modalità della formazione: il BIM per l integrazione dei diversi aspetti progettuali e oltre gli aspetti manageriali, gestionali, progettuali e costruttivi con strumento

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems.

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems. IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale Requisiti IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements

Dettagli