Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A. 2013-2014 Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio"

Transcript

1 Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Frane Prof. ing. Michele Calvello Gestione del rischio da frana (inquadramento, definizioni e teoria)

2 Gestione del rischio da frana > Dispense Articoli principali Il rischio da frana. Ferlisi S. (2004). Non pubblicato. Glossary of Risk Assessment Terms. ISSMGE TC32 - Technical Committee on Risk Assessment and Management (2004). Web (http://www.engmath.dal.ca/tc32/publications.html). A framework for landslide risk assessment and management. Fell R., Ho K.K.S., Lacasse S., Leroi E. (2005). In: Landslide Risk Management, Taylor & Francis, ISBN-13:

3 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Fell & Hartford (1997) fonte: Ferlisi (2004). Appunti del corso di Frane Fell &Hartford (1997). Landslide risk management. In: Landslide risk assessment, Balkema,

4 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Ho et al. (2000) Ho et al. (2000). Quantitative risk assessment application, myths and future direction. Proc. Int. Conf. Geotechnical and Geological Engineering, GEOENG 2000, Melbourne, Australia, 1:

5 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Fell et al. (2005) Fell et al. (2005). A framework for landslide risk assessment and management. In: Landslide Risk Management, ISBN-13:

6 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Prof. Michele Calvello (2013). Corso di Frane, A.A , Università di Salerno, ITALY

7 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Prof. Michele Calvello (2013). Corso di Frane, A.A , Università di Salerno, ITALY

8 Gestione del rischio da frana (Landslide risk management) Prof. Michele Calvello (2013). Corso di Frane, A.A , Università di Salerno, ITALY

9 Analisi del rischio da frana: fattori da considerare Fonte: Ho et al. (2000)

10 Analisi del rischio da frana: formule di calcolo R = H x V x E = R S x E (Varnes 1978) Hazard o Pericolosità (H): probabilità di accadimento, all interno di una certa area e in un certo intervallo di tempo, di un fenomeno naturale di assegnata intensità. Elementi a Rischio (E): persone e/o beni (abitazioni, strutture, infrastrutture, ecc.) e/o attività (economiche, sociali, ecc.) esposte a rischio in una certa area. Vulnerabilità (V): grado di perdita di un certo elemento o insiemi di elementi esposti a rischio, derivante dal verificarsi di un fenomeno naturale di assegnata intensità, espresso in una scala che va da 0 (nessuna perdita) a 1 (perdita totale). Rischio specifico (R S ): grado previsto di perdita a seguito di un particolare fenomeno naturale. Può essere espresso come prodotto di H x V. Rischio totale (R): numero atteso di vittime, persone ferite, danni a proprietà, distruzione o interruzione di attività economiche, in conseguenze di un fenomeno naturale di assegnata intensità. Varnes (1978). Slope movement types and processes. In: Special Report 176: Landslides: Analysis and Control, Transportation and Road Research Board, National Academy of Science,

11 Analisi del rischio da frana: formule di calcolo R = H x V x E = R S x E (Varnes 1978) Einstein (1988) RISK = HAZARD x POTENTIAL WORTH OF LOSS Fell (1994) R = ( E x R s ) = ( E x H x V ) Leroi (1997) R = f [P e, P t, P e (MVT, I, X, Y, Z, t, D, V, a, %, C)] Einstein (1988). Landslide risk assessment procedure. Proc. V Int. Sym. on Landslides, ISL, 1: Fell (1994). Landsldie risk assessment and acceptable risk. Canadian Geotechnical Journal, 31: Leroi (1997). Landslide Risk Mapping: Problems, Limitation and Developments. In: Landslide Risk Assessment, Balkema,

12 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso R = H x V x E I La severità di una frana dipende da una serie di parametri, quantitativi o qualitativi spazialmente distribuiti, spesso di non facile valutazione. A seconda del tipo di frana, i parametri che caratterizzano l intensità di un fenomeno franoso possono includere: la velocità degli spostamenti (movimenti), la profondità, lo spessore dei depositi, il volume della massa spostata, le pressioni d impatto, la profondità d erosione, i movimenti differenziali, etc. fonte: Ferlisi (2004). Appunti del corso di Frane

13 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso R = H x V x E I Velocità e.g. CRUDEN & VARNES (1996) Classe Descrizione velocità 7 Estr. rapida 5 m/s 6 Molto rapida 3 m/min 5 Rapida 1.8 m/hr 4 Moderata 13 m/mese 3 Lenta 1.6 m/anno 2 Molto lenta 16 mm/anno 1 Estr. lenta <16 mm/anno Volume e.g. FELL (1994) Magnitudo Descrizione Volume (m 3 ) 7 Estrem. grande > Molto grande Da media a grande Media Piccola Molto piccola Estr. piccola < h T 1 q f a Potential energy u=h Energia e.g. SASSA 1988 x Energy loss w = x tanf a Kinetic energy k = v 2 /2g Energy line Topographic line Center of gravity Cruden and Varnes (1996). Landslide types and processes. In Landslides. Investigation and Mitigation, Washington TRB, Special Report 247: Sassa (1988). Geotechnical model for the motion of landslides. Proc. V Int. Sym. on Landslides, ISL, 1: T 2

14 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (velocità) Velocità attuale Massima velocità attesa V~0 V~0 V max V~0 Pre-rottura Post-rottura La velocità di una frana cambia con il tempo in funzione del suo stadio evolutivo Fonte: Cascini (LARAM School) LARAM School. International School on "LAndslide Risk Assessment and Mitigation" of the University of Salerno.

15 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (volume) Frane di piccole dimensioni Weymouth, UK Laguna Beach, USA (frana causata da un sistema di irrigazione malfunzionante) VOLUME = 300 m 3 VOLUME = 800 m 3 modificato da Cascini (LARAM School)

16 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (volume) Frane di grandi dimensioni The site is the Slumgullion landslide, a large mass movement in the San Juan Mountains of Colorado. It consists of a younger, active movement (3.9 km long) with an estimated volume of about m 3, which moves on and over an older, much larger (6.8 km long), inactive landslide. Overall, the volume of the complete landslide system is estimated at about m 3 (Parise and Guzzi, 1992). 7 km Parise & Guzzi (1992). Volume and shape of the active and inactive parts of the Slumgullion landslide, Hinsdale County, Colorado, U.S. Geological Survey Open-File Report , 29p.

17 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (energia cinetica) Crolli in roccia Le barriere paramassi sono progettate considerando l energia cinetica dei blocchi che devono intercettare modificato da Cascini (LARAM School)

18 Analisi del rischio da frana: intensità di un fenomeno franoso (energia cinetica) Crolli in roccia TRAJECTORIES ENERGIES >=2000 kj kj kj kj kj Rockfall area of the Solà d Andorra, Spain (Corominas et al. 2003) Trajectories (left) and kinetic energy distribution (right) (Copons et al. 2005) Corominas et al. (2003). Integrated Landslide Susceptibility Analysis and Hazard Assessment in the Principality of Andorra. Natural Hazards, 30(3): Copons et al. (2005). Rockfall hazard management policy in urban areas: the Andorran experience. In: Landslide Hazard and Risk, John Wiley&Sons,

19 Zonazione del rischio da frana (i.e. produzione di mappe di rischio) Quale fenomeno? Dove? Quando? Quali conseguenze? modificato da Cascini (LARAM School)

20 Framework generale per la zonazione della pericolosità e del rischio da frana Cascini et al. (2005) Caratterizzazione del fenomeno (Aree suscettibili, Intensità, Data sets) Mappe di Suscettibilità Stima della frequenza Mappe di Pericolosità Mappe del Rischio Analisi della probabilità e della severità delle conseguenza Scenari di conseguenze (Elementi a rischio, Vulnerabilità) Cascini et al. (2005). Landslide hazard and risk zoning for urban planning and development. In: Landslide Risk Management, Balkema,

21 Caratterizzazione del fenomeno franoso Area suscettibile Area di versante propensa alla instabilità o area all interno della quale un fenomeno franoso può propagarsi o può retrogredire. Per un frana esistente, la suscettibilità esprime la sua potenzialità alla riattivazione. Intensità della frana E data da un insieme di parametri, spazialmente distribuiti, che consentono di descrivere, in termini geometrici e meccanici, la severità di un fenomeno Dataset Insieme di dati che può consentire una chiara identificazione della suscettibilità di un versante ad essere sede di ben precise tipologie di frana. modificato da Cascini (LARAM School)

22 Inventario dei fenomeni Prof. Michele Calvello (2013). Corso di Frane, A.A , Università di Salerno, ITALY Suscettibilità Le aree suscettibili alla franosità dovrebbero segnalare: localizzazione classificazione estensione areale e volume aree in creep stato di attività l area in cui la frana potrebbe propagarsi retrogredire espandersi modificato da Cascini (LARAM School)

23 Suscettibilità Classificazione: scorrimento di terra Estenzione areale: 6 ha Volume: m 3 Frana di Lioni (Cotecchia et al. 1992) Cotecchia et al. (2005). Comportamento geotecnico delle unità sicilidi e irpine affioranti nelle alte valli dei fiumisele ed Ofanto ad elevato rischio sismotettonico. Geologia Applicata ed Idrogeologia, 27:1-49.

24 Suscettibilità Area in cui la frana può propagarsi a) b) Nakaba (Luglio, 1983) Quindici (Maggio, 1998) modificato da Cascini (LARAM School)

25 Pericolosità (H) R = H x E x V Tipi di frequenze fonte: Corominas (LARAM School)

26 Pericolosità (H) R = H x E x V Metodi impiegati per la stima della frequenza 1. Stima diretta basata sul giudizio di esperti. 2. Metodi empirici basati su correlazioni 3. Evidenze di tipo geomorfologico (congiunte a dati storici o basate sull esperienza) 4. Dati storici concernenti l area di studio, o aree di caratteristiche geologiche e geomorfologiche simili. 5. Correlazioni con la frequenza di accadimento delle cause di innesco (piogge, sisma, ) di fissata intensità 6. Modellazione fisicamente basata del legame funzionale tra pressioni neutre e piogge, in combinazione con informazioni legate alla geometria del sistema e ai valori di resistenza al taglio (mobilitata e disponibile) 7. Applicazione di metodi probabilistici, basati su analisi di affidabilità, in grado di tenere conto delle incertezze nella geometria del sistema, nella resistenza al taglio disponibile, nei meccanismi di scorrimento e nel regime delle pressioni neutre. 8. Combinazioni dei metodi precedenti. Fonte: IUGS Working Group on Landslides, Commitee on Risk Assessment, Proc. on Landslide Risk Assessment, Honululu (1997)

27 Pericolosità (H) R = H x E x V Dati storici Crolli in roccia T = 1 f (i) log F = A + b log M Volume Frequenza cumulata HUNGR et al. (1999) A costante dipendente dalla lunghezza della strada e dalla suscettibilità relativa delle diverse porzioni di versante all instabilità. b caratterizza la distribuzione delle frequenze dei crolli nell area di studio e all interno di suoi subdomini. Hungr et al. (2009). Magnitude and frequency of rock falls and rock slides along the main transportation corridors of southwestern British Columbia. Canadian Geotechnical Journal, 36(2): , DOI: /t98-106

28 Pericolosità (H) R = H x E x V Metodi probabilistici (1/2) Haneberg (2004). A Rational Probabilistic Method for Spatially Distributed Landslide Hazard Assessment. Environmental & Engineering Geoscience, 10(1):

29 Pericolosità (H) R = H x E x V Metodi probabilistici (2/2) Annual exceedance probability (P E ) P E 1 T R T R return period of the event ( average # of years between two events equally or exceeding magnitude M) Poisson probability models t P N( t) 1 1 e m N(t) number of landslide (or landslide clusters) o a given magnitude expected to occur during a specified time interval (t) m future mean recurrence interval modificato da Corominas (LARAM School)

30 Pericolosità (H) R = H x E x V Modelli fisicamente basati (su area vasta) Topografia Vegetazione Idrologia Stabilità del pendio Analisi topografica di un area Influenza della vegetazione sui processi idrologici e la stabilità del pendio Pressioni neutre Coefficiente di sicurezza ground surface land cover z water table h slip surface land cover bedrock bedrock fonte: Cascini (LARAM School)

31 Pericolosità (H) R = H x E x V Modelli fisicamente basati (su area vasta) Uncoupled Slope Stability Analysis Distributed Physically Based Models KINEMATIC WAVE MODELS STEADY STATE MODELS STEADY STATE ANALYTICAL MODELS TRANSIENT ANALYTICAL MODELS SHALSTAB (Montgomery & Dietrich, 1994) GROUNDWATER MODELS (Richards Equation) UNSATURATED MODELS SATURATED DIFFUSION MODELS COUPLED SATURATED/ UNSATURATED MODELS TRIGRS-unsaturated (Savage et al., 2004; 2008) TRANSIENT MODELS PISTON FLOW MODELS TRIGRS (Baum et al., 2002) TRANSIENT NUMERICAL MODELS Pore water pressures Factor of Safety LIMIT EQUILIBRIUM METHODS INFINITE SLOPE MODEL fonte: Sorbino (LARAM School)

32 Elementi a Rischio (E) R = H x E x V Un casa di campagna (poche persone) Un piccolo villaggio (decine di persone) Una grande città (centinaia di persone) fonte: Cascini (LARAM School)

33 Elementi a Rischio (E) R = H x E x V Abitazioni Edifici pubblici Sito di interesse storico-archeologico Patrimonio mondiale UNESCO fonte: Cascini (LARAM School)

34 Vulnerabilità (V) R = H x E x V La vulnerabilità degli elementi esposti a rischio dipende dalla tipologia dell elemento (e quindi dalla sua resistenza) e dall intensità del fenomeno franoso con cui interagisce. Vulnerabilità FISICA Vulnerabilità SOCIALE Strutture, infrastrutture, reti di servizio, strutture di interesse strategico Popolazione Vulnerabilità ECONOMICA Attività economiche Vulnerabilità AMBIENTALE Danni all ambiente naturale e.g. Leone et al. (1996) Leone et al. (1996). Vulnerability assessment of elements exposed to mass moving: working towards a better risk perception. In: Landslides, Balkema,

35 Vulnerabilità (V) R = H x E x V Diversi approcci per la valutazione della Vulnerabilità: (Wong et al. 1997) Direct approach. L approccio diretto coinvolge la valutazione diretta delle conseguenze basata sull esperienza e sul giudizio di un esperto senza tener presente quelle che sono le componenti dello scenario coinvolto. The event tree approach. L approccio è basato sulla logica ad albero e del ragionamento induttivo per traslare le differenti componenti dello scenario in un range di possibili soluzioni. The consequence model. Il modello coinvolge l uso di una struttura razionale basata sulla considerazione dei fattori chiave riguardanti i danni da rottura, come la distanza di propagazione del fenomeno franoso, il tipo e la vicinanza delle strutture colpite, la distribuzione spaziale e temporale della popolazione a rischio. Wong et al. (1997). Assessment of consequence of landslides. In: Landslide Risk Assessment. Balkema,

36 Valutazione del Rischio Criteri di accettabilità e tollerabilità del Rischio adottati nel territorio di Hong Kong (ERM 1988). ERM (1988). Landslides and Boulder Falls from Natural Terrain: Interim Risk Guidelines. GEO Report No. 75, Hong Kong, 183p.

37 Mitigazione del Rischio La mitigazione del rischio può essere attuata secondo due strategie: 1) Riducendo uno o più dei fattori che concorrono alla definizione del Rischio Riducendo la pericolosità (H) L incidenza dei fenomeni franosi in una data area può essere ridotta in due modi: - intervenendo sulle cause dei fenomeni franosi, per esempio mediante opere di bonifica e di sistemazione idrologica del territorio, oppure attraverso la razionalizzazione delle pratiche agricole o di utilizzo del suolo. - intervenendo direttamente sui fenomeni franosi esistenti al fine di prevenire la loro riattivazione o limitare la loro evoluzione.

38 Mitigazione del Rischio La mitigazione del rischio può essere attuata secondo due strategie: 1) Riducendo uno o più dei fattori che concorrono alla definizione del Rischio Riducendo gli elementi a rischio (E) Tale strategia si esplica soprattutto in sede di pianificazione territoriale e di normativa, nell ambito delle quali possono essere programmate le seguenti azioni: - evacuazione di aree instabili e trasferimento dei centri abitati soggetti a pericolo; - interdizione o limitazione dell espansione urbanistica in zone pericolose; - definizione dell utilizzo del suolo più consono per le aree pericolose (es. prato-pascolo, parchi, etc.)

39 Mitigazione del Rischio La mitigazione del rischio può essere attuata secondo due strategie: 1) Riducendo uno o più dei fattori che concorrono alla definizione del Rischio Riducendo la vulnerabilità (V) La vulnerabilità può essere ridotta mediante interventi di tipo tecnico oppure intervenendo sull organizzazione sociale del territorio: - consolidamento degli edifici, che determina una riduzione della probabilità di danneggiamento dell elemento interessato dalla frana; - installazione di misure di protezione quali reti o strutture paramassi (parapetti,, gallerie, rilevati o trincee), in modo da determinare una riduzione della probabilità che l elemento a rischio venga interessato dalla frana (senza tuttavia limitare la probabilità di occorrenza di questa).

40 Mitigazione del Rischio La mitigazione del rischio può essere attuata secondo due strategie: 2) Aumentando le soglie di Rischio accettabile/tollerabile fonte: Sorbino (LARAM School)

41 Teoria del rischio e gestione del rischio da frana R = H x V x E = R S x E Risk theory and risk factors have a clear meaning Evaluation of risk factors calls for many difficulties VARNES (1984) Institutional progress Scientific advances International Decade for Natural Disaster Reduction (UN) created in 1999 Int. Conf. on Landslide Risk Management, Vancouver, Canada (2005) (2008) ISL (International Symposium on Landslides) LARAM School, University of Salerno (2006-ongoing) (2012) EU funded research projects

42 Landslide Risk Management (2005) Proceedings of the International Conference on Landslide Risk Management (May 31 - June 3, Vancouver, Canada) Editors: O. Hungr, R. Fell, R. Couture, E. Eberhardt 1 st Part (state-of-the-art and invited lectures) SOA 1. A framework for landslide risk assessment and management (Fell, Ho, Lacasse, Leroi) SOA 2. Hazard characterization and quantification (Picarelli, Oboni, Evans, Mostyn, Fell) SOA 3. Probabilistic stability analysis for individual slopes in soil and rock (Nadim, Einstein, Roberds) SOA 4. Estimating landslide motion mechanism, travel distance and velocity (Hungr, Corominas, Eberhardt) SOA 5. Estimating temporal and spatial variability and vulnerability (Roberds) SOA 6. Risk assessment and management (Leroi, Bonnard, Fell, McInnes) SOA 7. Landslide hazard and risk zoning for urban planning and development (Cascini, Bonnard, Corominas, Jibson, Montero-Olarte) SOA 8. Landslide risk assessment for individual facilities (Wong) 2 nd Part (selection of papers submitted to the conference)

43 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Terminology Danger (Threat). The natural phenomenon that could lead to damage, described in terms of its geometry, mechanical and other characteristics. The danger can be an existing one (such as a creeping slope) or a potential one (such as a rockfall). The characterisation of a danger or threat does not include any forecasting. Hazard. Probability that a particular danger (threat) occurs within a given period of time. Likelihood. Conditional probability of an outcome given a set of data, assumptions and information. Also used as a qualitative description of probability and frequency. Probability. A measure of the degree of certainty. This measure has a value between zero (impossibility) and 1.0 (certainty). It is an estimate of the likelihood of the magnitude of the uncertain quantity, or the likelihood of the occurrence of the uncertain future event. Risk. Measure of the probability and severity of an adverse effect to life, health, property, or the environment. Quantitatively, Risk = Hazard x Potential Worth of Loss. This can be also expressed as Probability of an adverse event times the consequences if the event occurs.

44 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Terminology Risk analysis. The use of available information to estimate the risk to individuals or populations, property or the environment, from hazards. Risk analyses generally contain the following steps: definition of scope, danger (threat) identification, estimation of probability of occurrence to estimate hazard, evaluation of the vulnerability of the element(s) at risk, consequence identification, and risk estimation. Consistent with the common dictionary definition of analysis, viz. A detailed examination of anything complex made in order to understand its nature or to determine its essential features, risk analysis involves the disaggregation or decomposition of the system and sources of risk into their fundamental parts.

45 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Terminology Risk assessment. The process of making a decision recommendation on whether existing risks are tolerable and present risk control measures are adequate, and if not, whether alternative risk control measures are justified or will be implemented. Risk assessment incorporates the risk analysis and risk evaluation phases. Risk management. The systematic application of management policies, procedures and practices to the tasks of identifying, analysing, assessing, mitigating and monitoring risk.

46 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk analysis Scope definition To ensure that the risk analysis addresses the relevant issues, satisfies the needs of those concerned, and to avoid misunderstandings, it is important to define the scope of the risk analysis. Hazard analysis 1. Landslide (Danger) characterisation 2. Frequency analysis There are several ways of calculating frequency (IUGS 1997): (1) Historic data within the area of study, or areas with similar characteristics, e.g. geology, geomorphology. (2) Empirical methods based on correlations in accordance with slope instability ranking systems. (3) Use of geomorphological evidence (coupled with historical data), or based on expert judgement. (4) Relationship to the frequency and intensity of the triggering event, e.g. rainfall, earthquake. (5) Direct assessment based on expert judgement, which may be undertaken with reference to a conceptual model, e.g. use of a fault tree methodology. (6) Modelling the primary variable, e.g. piezometric pressures versus the triggering event, coupled with varying levels of knowledge of geometry and shear strength. (7) Application of probabilistic methods, taking into account the uncertainty in slope geometry, shear strength, failure mechanism, and piezometric pressures. This may be done either in a reliability framework, or taking into account the frequency of failure (for example by considering pore pressures on a frequency basis). (8) Combinations of the above methods.

47 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk analysis Scope definition To ensure that the risk analysis addresses the relevant issues, satisfies the needs of those concerned, and to avoid misunderstandings, it is important to define the scope of the risk analysis. Consequence analysis 1. Elements at risk 2. Probability of landslide reaching the element at risk (P T:L ) 3. Temporal spatial probability (P S:T ) 4. Vulnerability (V prop:t and V D:T ) The probability of the landslide reaching the element at risk (P T:L ) depends on the relative location of the element at risk and the landslide source, together with the path the landslide is likely to travel below the source. The temporal spatial probability (P S:T ) is the probability that the element at risk is in the area affected by the hazard at the time of its occurrence. It is a conditional probability, given the landslide occurs and the element at risk is on or in the path of the landslide (V prop:t = vulnerability of the element at risk to the landslide event, V D:T = vulnerability of the person to the landslide event).

48 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk analysis Risk estimation Risk calculation Annual Risk for property (annual loss of property value) R (prop) = P (L) x P (T:L) x P (S:T) x V (prop:t) x E P(L) is the frequency of the landsliding P(T:L) is the probability of the landslide reaching the element at risk P(S:T) is the temporal spatial probability of the element at risk V(prop,T) is the vulnerability of the element at risk to the landslide event E is the element at risk (e.g. the value or net present value of the property) Annual probability that a particular person may lose his/her life P (LOL) = P (L) x P (T:L) x P (S:T) x V (D:T) V(D:T) is the vulnerability of the person to the landslide event

49 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk analysis Risk estimation Multiple landslide hazards R (prop) = i [ P (L) x P (T:L) x P (S:T) x V (prop:t) x E ] i Uncertainty and sensitivity analysis Qualitative risk estimation

50 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk assessment Property or financial loss Annualised risk cost Financial capability Impact on corporate reputations Indirect costs (e.g. loss of road access).. Loss of life Individual risk to life Societal risk (frequency versus number of deaths (known as f - N) or cumulative frequency versus number of deaths (known as F - N) criteria) Annualised potential loss of life Cost per statistical life saved (when mitigation measures are being considered)

51 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk assessment Risk acceptance criteria Acceptable risk. A risk which everyone impacted is prepared to accept. Tolerable Risk. A risk within a range that society can live with so as to secure certain net benefits. Factors that affect an individual's attitude to acceptable or tolerable risk (Resources available to reduce the risk, individual's commitment to the property, age and character, ) General principles that can be applied when considering tolerable risk to loss of life criteria (IUGS 1997): The incremental risk from a hazard to an individual should not be significant compared to other risks to which a person is exposed in everyday life. The incremental risk from a hazard should, wherever reasonably practicable, be reduced: As Low As Reasonably Practicable (ALARP) principle should apply. Higher risks are likely to be tolerated for existing slopes than for planned projects, and for workers in industries with hazardous slopes, e.g. mines, than for society as a whole.

52 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Landslide risk management The outcomes of the Risk Assessent will be either: (a) The risks are tolerable, or even acceptable and no mitigation options need be considered (b) The risks are intolerable, and risk mitigation options need to be considered. The risk management process is iterative, requiring consideration of the risk mitigation options and the results of the implementation of the mitigation measures and of the monitoring. Examples of options for mitigation of risks for a slope or group of slopes: Reduce the frequency of landsliding Reduce the probability of the landslide reaching the element at risk Reduce the temporal spatial probability of the element at risk Avoid the risk Transfer the risk Postpone the decision if there is sufficient uncertainty (this would usually only be a temporary measure)

53 A framework for landslide risk assessment and management (Fell et al. 2005) Benefits and limitations of landslide risk management BENEFITS It encourages a rational, systematic approach to assessing the safety of natural and engineered slopes. It can be applied to situations which are not amenable to conventional deterministic analysis. It allows comparison of risks. The process requires consideration of risks for all levels of loading, rather than relying on "extreme event" loadings. It focuses attention or what happens if the slope fails. It provides a framework to put uncertainties and engineering judgement into a system. It provides an open and transparent process on the nature and key contributors of landslide risk. LIMITATIONS The potential uncertainty in estimating frequencies, travel distance and vulnerability. The variety of approaches, and the need for expert judgement to assess frequency of landsliding in many cases. Poor estimates of risk because significant hazards have been overlooked. Acceptable and tolerable loss of life criteria for slopes and landslides are not well established. There is still a lack of general acceptance of the method by the profession.

54 Governo del territorio e gestione del rischio da frana Risk analysis Risk assessment Risk management Fell et al. (2005). A framework for landslide risk assessment and management. In: Landslide Risk Management, ISBN-13:

55 Governo del territorio e gestione del rischio da frana Because the territory is a global system Landslide RISK MANAGEMENT LAND-USE MANAGEMENT SUSTAINABLE DEVELOPMENT all the solutions have to be included in this global process Source: Leroi (LARAM School 2013)

56 Governo del territorio e gestione del rischio da frana Source: Ammann, Global Risk Forum, Davos, 2009 (adapted from Leroi, LARAM School 2013)

57 Governo del territorio e gestione del rischio da frana ISO (2009) Risk no longer "chance or probability of loss but "the effect of uncertainty on objectives ISO 31000:2009 (2009). Risk management - Principles and guidelines. International Organization for Standardization, 24pp.

LA STIMA QUANTITATIVA DEL RISCHIO DA FRANA (QRA): IL CASO DI STUDIO DI MONTE ALBINO (NOCERA INFERIORE)

LA STIMA QUANTITATIVA DEL RISCHIO DA FRANA (QRA): IL CASO DI STUDIO DI MONTE ALBINO (NOCERA INFERIORE) LA STIMA QUANTITATIVA DEL RISCHIO DA FRANA (QRA): IL CASO DI STUDIO DI MONTE ALBINO (NOCERA INFERIORE) Leonardo Cascini, Settimio Ferlisi, Giovanna De Chiara, Sabrina Mastroianni Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A. 2013-2014 Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio

Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A. 2013-2014 Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Università degli Studi di Salerno - Facoltà di Ingegneria A.A. 2013-2014 Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Frane Prof. ing. Michele Calvello Modello geotecnico di

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2)

Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2) Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2) (1) I.M.A.A. CNR, Tito Scalo (Potenza) (2) D.I.S.G.G. Università

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Saie Built Academy: scienze e tecnologie per costruire città e territorio Bologna 22 Ottobre 2014 Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Matteo Berti Dipartimento BIGEA -

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico.

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico. L A R E S E N E R G Y Minieolico 2013 Lares Energy Chi siamo Minieolico Lares Energy per il Minieolico La Tecnologia Vantaggi di un impianto Minieolico Contact DISCLAIMER This document may include the

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

USO CONGIUNTO DEI DATI DINSAR E DEI DANNI AL COSTRUITO PER L AGGIORNAMENTO DELLE CARTE INVENTARIO DEI FENOMENI FRANOSI A CINEMATICA LENTA

USO CONGIUNTO DEI DATI DINSAR E DEI DANNI AL COSTRUITO PER L AGGIORNAMENTO DELLE CARTE INVENTARIO DEI FENOMENI FRANOSI A CINEMATICA LENTA USO CONGIUNTO DEI DATI DINSAR E DEI DANNI AL COSTRUITO PER L AGGIORNAMENTO DELLE CARTE INVENTARIO DEI FENOMENI FRANOSI A CINEMATICA LENTA Dario Peduto, Leonardo Cascini, Livia Arena, Settimio Ferlisi Dipartimento

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

E-mail melania.defalco@unina.it melaniadefalco@yahoo.it. Valutazione del fattore di copertura del suolo per stima erosione sul Gran Cono del Vesuvio

E-mail melania.defalco@unina.it melaniadefalco@yahoo.it. Valutazione del fattore di copertura del suolo per stima erosione sul Gran Cono del Vesuvio CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome/Nome Codice fiscale DFLMLN76H59L259X E-mail melania.defalco@unina.it melaniadefalco@yahoo.it Cittadinanza Italiana Data di nascita 19/06/1976 Luogo di nascita

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000

La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000 Risk Management and Business Continuity: gli strumenti a disposizione La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000 Antonio Moschitta Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Elettronica

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi 17/07/2012 1 Dott.ssa Francesca Leonardi RSPP-RSGSSL Istituti Clinici Zucchi. ORGANISMO AZIENDA SANITARIA : COGENZA

Dettagli

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA?

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Qualità 4-2013 CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Giovanni Mattana IL CONTESTO Scrivevamo due anni fa che il Risk Management porta a fattor comune molti aspetti finora trattati

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Dr. Geologo Luca Dei Cas Dirigente U.O. Centro Monitoraggio Geologico di ARPA Lombardia The Geologic Monitoring Center (CMG) started

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

L. Landi SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI

L. Landi SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI L. Landi a Department of Engineering, University of Perugia, e-mail: luca.landi@unipg.it Panoramica Progettazione

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

Agenda. IT Governance e SOA. Strumenti di supporto alla governance. Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo.

Agenda. IT Governance e SOA. Strumenti di supporto alla governance. Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo. SOA Governance Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo.it Agenda IT Governance e SOA Strumenti di supporto alla governance 2 Importanza della Governance Service Oriented Architecture

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management Software Project Management Software Project Planning The overall goal of project planning is to establish a pragmatic strategy for controlling, tracking, and monitoring a complex technical project. Why?

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

Risk Management in pratica

Risk Management in pratica Risk Management in pratica Antonio Baldassarre I 50 anni di SSFA e la ricerca clinica in Italia Roma, 1 aprile 2014 Risk Management Plans: Regulatory Milestones March 2003 Nov 2004/Mar 2005 Nov 2005/Mar

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile

La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile Giuseppe Scarpelli 23 Maggio 2013 GES Geotechnical Engineering Services S.r.l. Academic spin off UNIVERSITA POLITECNICA DELLE

Dettagli

AGLI INSIEMI DI MACCHINE

AGLI INSIEMI DI MACCHINE Ernesto Cappelletti (ErnestoCappelletti) APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE AGLI INSIEMI DI MACCHINE 6 October 2010 Gli insiemi di macchine o le installazioni complesse normalmente chiamati anche

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

Chieti (Italy), 26th, 27th May 2011 Campus universitario. Workshop 2: Environmental Struggles and Energy Governance

Chieti (Italy), 26th, 27th May 2011 Campus universitario. Workshop 2: Environmental Struggles and Energy Governance International Conference Social Aspects of the Energetic Issues. Sustainable Development, Social Organization and Acceptance of Energetic Alternative Sources. Chieti (Italy), 26th, 27th May 2011 Campus

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Prova : 2002-2003 F 03 Definire i metodi per risolvere DUE degli esercizi.

Prova : 2002-2003 F 03 Definire i metodi per risolvere DUE degli esercizi. QUALITÀ e CULTURA d'impresa Politecnico di Torino DATA... NOME... Prova : 2002-2003 F 03 Definire i metodi per risolvere DUE degli esercizi. Esercizio n. 1 Recentemente sono state lanciate due "sonde spaziali"

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Giornata di studio Applicazione del Quality by Design (QbD) ai processi farmaceutici 22 Aprile 2013 Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Paolo Mazzoni Agenda Cosa è il Quality

Dettagli

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007)

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) PROJECT DOCUMENT FORMAT EXECUTIVE SUMMARY Project title Sistemi Innovativi e di Ricerca per la Salvaguardia

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Ricerca di criteri condivisi per la validazione dei modelli idraulici

Ricerca di criteri condivisi per la validazione dei modelli idraulici Bologna, 21 Ottobre 2011 Ricerca di criteri condivisi per la validazione dei modelli idraulici Tullio Tucciarelli e Costanza Aricò Gruppo di lavoro: Massimo Greco, Alessandro Valiani, Luigi Fraccarollo,

Dettagli

Pentair ensures that all of its pumps (see Annex) affected by the above mentioned Regulation meet the 0,1 MEI rating.

Pentair ensures that all of its pumps (see Annex) affected by the above mentioned Regulation meet the 0,1 MEI rating. DIRECTIVE 29/125/EC - REGULATION EU 547/212 Pentair informs you about the new requirements set by Directive 29/125/EC and its Regulation EU 547/212 regarding pumps for water. Here below you find a brief

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

The Effect of Manual Techniques on Cervical Kinematic. An Innovative Approach using Helical Axis

The Effect of Manual Techniques on Cervical Kinematic. An Innovative Approach using Helical Axis 1 XI Congresso Nazionale Gruppo di Terapia Manuale «The role of Manipulations in the treatment of Neuromusculoskeletal Disorders» 9 Novembre 213. Firenze, Hotel Londra The Effect of Manual Techniques on

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO 1 Perché l alleanza è vincente Per prevenire le frodi occorre avere un corretto controllo interno che è realizzabile anche grazie al supporto dell

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Elsag Datamat. Soluzioni di Cyber Security

Elsag Datamat. Soluzioni di Cyber Security Elsag Datamat Soluzioni di Cyber Security CYBER SECURITY Cyber Security - Lo scenario La minaccia di un attacco informatico catastrofico è reale. Il problema non è se ma piuttosto quando l attacco ci sarà.

Dettagli

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO)

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) INSTITUTION PRESENTING THE PROJECT (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE):

Dettagli

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering European Union University of Salerno University of Salerno Department of Industrial Engineering Ph.D. Thesis in Mechanical Engineering Cycle XII (2011-2013) Dry clutch for automated manual transmissions

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Dolomi& Patrimonio UNESCO: obie6vo mobilità Pozza di Fassa, 23 03 2012

Dolomi& Patrimonio UNESCO: obie6vo mobilità Pozza di Fassa, 23 03 2012 Ferrovie dolomi&che, un percorso di ricerca dell Università Urbanis=ca Laboratorio Corso di laurea in Ingegneria edile & architecura Facoltà di ingegneria Università di Trento Pozza di Fassa, 23 03 2012

Dettagli

FG5 Rischi emergenti (emerging

FG5 Rischi emergenti (emerging PTISI FG5 Rischi emergenti (emerging cross-cutting risks) Coordinari: Giuseppe Maschio - Università di Padova Ernes Salzano IRC CNR Napoli 28 Febbraio 2006, BOLOGNA DEFINIZIONI Rischi emergenti = Rischi

Dettagli

Sistema Gestione dei Rischi

Sistema Gestione dei Rischi Sistema Gestione dei Rischi Applicazioni in Farmacovigilanza Annamaria Paparella Quality Assurance Manager General Management Takeda Italia Farmaceutici S.p.A Congresso GIQAR 4-5 Giugno 2009 Rischio e

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012 Testi del Syllabus Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

Definizione di segnale

Definizione di segnale Signal detection Laura Sottosanti Ugo Moretti Definizione di segnale Information that arises from one or multiple sources (including observations and experiments), which suggests a new potentially causal

Dettagli

Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia

Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia Sicurezza del paziente e rischio clinico in Radioterapia U.L.S.S. n. 9 TREVISO, 10 Dicembre 2014 Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia Marie Claire Cantone Universitàdegli Studi

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione,

Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione, Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione, ecc. OBIETTIVI SECONDA PARTE 1) Comprendere le principali implicazioni organizzative di un progetto PH 2) Imparare ad organizzare le attività

Dettagli