Giancarlo Marcari. Giovanni Fabbrocino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giancarlo Marcari. Giovanni Fabbrocino"

Transcript

1 Structural assessment of historical urbanized areas in Molise Giovanni Fabbrocino University of Molise - Engineering Faculty Structural and Geotechnical Dynamic Lab StreGa

2 OUTLINE State-of-art of forms for post-earthquake damage and safety assessment of ordinary masonry buildings. Implementation of a new survey form for aggregate of buildings Data collection for a group of buildings surveyed in the historic centre of Oratino, in Molise Region.

3 State-of-art of forms for post-earthquake damage and safety assessment of ordinary masonry buildings From 1980 s through 1996, post-earthquake surveys have been carried out using vulnerability forms prepared by the National Group for the Defence against Earthquakes (GNDT) (Irpinia 80, Abruzzo 84, Basilicata 90, Reggio Emilia 96). Two levels of knowledge. Particular structural types excluded. Vulnerability and damage, whithout any concern for building usability. Detailed typolgical classification of the structural componenets based on a descriptive approach.

4 State-of-art of forms for post-earthquake damage and safety assessment of ordinary masonry buildings GNDT I level form GNDT II level form

5 State-of-art of forms for post-earthquake damage and safety assessment of ordinary masonry buildings In the years 1996/7, a joint working group of the National Seismic Survey (SSN) and GNDT created a specific tool (AeDES) (Umbria-Marche 1997, Molise 2002). Aimed at surveying vulnerability, damage and usability characteristics of ordinary buildings (aggregates and monumental buildings are excluded). Optimised form in order to limit the time required for each survey. Detailed typological classification of structural components.

6 State-of-art of forms for post-earthquake damage and safety assessment of ordinary masonry buildings The AeDES form release (05/2000) Modified version of the AeDES form 05/2000 (Dolce, Masi, Vona, 2003) Definition of damage grades is based on EMS98 scale and is referred to the whole building

7 State-of-art of forms for post-earthquake damage and safety assessment of ordinary masonry buildings MEDEA Form Relevant collapse mechanisms described by abacus, notes and photos

8 State-of-art of forms for post-earthquake damage and safety assessment of ordinary masonry buildings FORM both for ordinary buildings and aggregates (D.C. Molise Region n. 35/2005) C CARENZA DI COLLEGAMENTI TRA GLI ELEMENTI STRUTTURALI (carenza n. 10) Carenza di collegamenti tra gli elementi strutturali (in particolare tra le pareti ortogonali e tra pareti ed orizzontamenti). Verificare la presenza della carenza compilando la tabella sottostante. La carenza n. 10 è presente se si verifica almeno una delle condizioni riportate in tabella ad un livello dell'edificio per una estensione pari almeno ad una maglia strutturale. INDIVIDUAZIONE DELLE CARENZA Ammorsamento non efficace tra muri portanti ortogonali Presenza di grandi aperture (larghezza > 1 m ed altezza > 2m) in prossimità di incroci tra muri ortogonali (distanza dell'estremità dell'apertura dal filo interno del muro ortogonale, < 50 cm) Assenza di collegamenti tra le pareti e gli elementi strutturali degli orizzontamenti (assenza di collegamento tra le pareti e le travi del solaio che risultano non vincolate e soggette a sfilamento) Orizzontamenti deformabili senza collegamenti di piano (cordoli, catene, altro) Presenza PRESENZA DELLA CARENZA N. 10 (Collegamenti tra gli elementi strutturali) SI 1 NO TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE CARENZE COSTRUTTIVE GRAVI SI NO C APPARECCHIO MURARIO (carenza n. 1) Carenze dell apparecchio murario delle pareti portanti per: mancanza di collegamento trasversale tra i paramenti murari della stessa parete, mancanza di organizzazione dell apparecchio (ad esempio nel caso di muratura costituita da elementi lapidei arrotondati in una matrice di malta di scarsa qualità) Verificare la presenza della carenza n.1 compilando la tabella sottostante. Indicativamente la carenza n. 1 è presente se almeno 5 delle caratteristiche sottostanti presentano carenze. CARATTERISTICA Tipo di malta CARATTERISTICA PRESENZA DELLA CARENZA Lavorazione degli elementi lapidei Assente aerea idraulica cementizia altro Dimensioni degli elementi lapidei Piccole (mediamente < 15 cm) Grandi (mediamente > 15 cm) Qualità della malta Incoerente - friabile Apparecchiatura degli elementi lapidei Disordinata DESCRIZIONE Buona o discreta Tenace ASSENZA DELLA CARENZA Corsi regolari, orizzontali Posa in opera degli elementi lapidei Casuale A lisca di pesce, orizzontali Carenze dell apparecchio murario delle pareti portanti per: mancanza di collegamento trasversale tra i paramenti murari della stessa parete, mancanza di organizzazione dell apparecchio Presenza di murature portanti in forati con percentuale di vuoti superiore al 70% ed estesa per oltre il 30% delle superfici resistenti di uno stesso livello Murature portanti insistenti in falso su solai, in percentuale superiore al 10% del totale anche ad un solo livello Irregolarità di geometria in pianta di forte entità (distanza tra baricentro delle rigidezze e delle masse al di sopra del livello in esame superiore al 20% della dimensione massima dell edificio nella direzione ortogonale all azione) Irregolarità della maglia muraria in elevazione (variazione dei rapporti tra massa al di sopra del livello in esame e rigidezza e tra massa e resistenza superiore al 30% passando da un livello al successivo); Coperture e/o solai di calpestio, eventualmente a piani sfalsati, realizzati con orditura principale priva di collegamento trasversale, e dunque molto deformabili nel loro piano e facilmente soggetti a disconnessioni e crolli. 7 Cattivo stato di conservazione e/o manutenzione con evidenti riflessi sull efficienza delle strutture Presenza di ricorsi o listatura Assenti Presenti: in mattoni, altro 8 Elevata distanza tra pareti portanti parallele successive (superiore a 7 m) Presenza di zeppe o scaglie Assenti Presenti Connessioni trasversali (diatoni, tirantini..) Assenti Presenti 9 Presenza di spinte non efficacemente contrastate Caratteristiche della sezione muraria Paramenti accostati a sacco, paramento aggiunto non collegato Paramento unico, paramenti ben collegati (pietra, acciaio, legno, altro) 10 Carenza di collegamenti fra gli elementi strutturali PRESENZA DELLA CARENZA N. 1 (Apparecchio murario) SI NO 0 11 Carenza di collegamenti degli elementi non strutturali con la struttura

9 Implementation of a new survey form for aggregate of buildings Variability of typologies within the same aggregate Variability of the seismic behaviour of typologies The form comes from the optimization of different survey forms (GNDT, AEDES, Medea etc.. ). Recognizing the difficulty of properly quantifying all parameters involved in the definition of vulnerability, the form is based on as objective as possible data on vulnerability and damage easy to quantify during a visual inspection. Leads the surveyor towards a knowledge of the aggregate, highlighting the vulnerability indicators which may influence the structural behavior under seismic actions. Relevant collapse mechanisms are described by abacus Vulnerability assessment of aggregates through new mechanics-based procedures

10 Implementation of a new survey form for aggregate of buildings The form is composed of the following sections SECTION A1 Survay and aggregate identification; characteristics of soil, seimic risk and exposure data SECTION A2 Metrical data SECTION A3 Vertical structures SECTION A4 Catalogue of masonry types SECTION A5 Horizontal structures SECTION A6 Structural connections SECTION A7 Type and geometry of roof systems SECTION A8 Foundations SECTION A9 Non structural elements SECTION A10 Short term countermeasures carried out SECTION A11 Structural irregularities APPENDI A Damage to non structural and structural elements

11 Implementation of a new survey form for aggregate of buildings Two levels of knowledge can be obtained: General about the whole aggregate Detailed for each structural Unit (U.S.) Structural aggregate is intended as a set of buildings (Structural Units U.S.), in contact or connected in a more or less effective way, which can interact in case of earthquake or, more in general, in case of any dynamic action. The U.S. is generally distinguishable from adjacent buildings for structural typology, different height, age of construction, different storeys height, etc..

12 SECTION A1 - Survey identification Implementation of a new survey form for aggregate of buildings Team Form n. Date /12/2022 Identification of existing PEU projects or PES projects Type of project PEU Identification code of the PEU/PES project Underprojects N. Identification code of the underproject Criteria to identify the aggregate Homogeneity of the vertical bearing elements Homogeneity in terms of epoch of building construction Homogeneity in terms of horizontal structures Different height Substantial alignment of the floor levels Isolated aggregate Aggregate partially linked with adjacent building Other SECTION A1-1 - Aggregate identification Region Molise Region Istat Aggregate n. Monumental building (1089/39) no Province Municipality Campobasso Oratino Province Istat Municipality Istat Type of monumental building Structural Units (U.S.) No. Age of construction (only for ordinary buildings) Cadastral data Sheet Type of map Parcels 1 2 Istat Census Code Epoch of construction (only for munumental buildings) Typology of structural aggregate Block <Secolo VII Geographic Coordinate of the aggregate (ED50 - UTM) Northings Eastings Zone Use Residential Public services Utilisation Utilised Urbanistic identification Zone F Piano Attuativo Restrictions 1 5

13 Implementation of a new survey form for aggregate of buildings Survey accuracy Only from outside Partial Complete (>2/3) Levels of Knowledge in accordance with OPCM 3274/2003 LC1: Limited knowledge LC2: Normal knowledge LC3: Full knowledge Geometry Available documents (i.e. original projects) Structural survey Craking pattern survey Façades Structural details Limited knowledge through visual observation Full knowledge thorugh field survey Lack of knowledge Material properties Limited knowledge through visual observation Normal knowledge Full knowledge Lack of knowledge Site amplification factors (OPCM 3274/2003) S-factor St-factor Site morphology Plain (<10%) Slope instability Absent Section A1-3 - Seismic risk Earthquakes events (if known) Seismic zone (3274/2003 e s.m.i.) II PGA values 1 1) ) ) ) 1913 Section A1-2 - Soil and foundation PGA provided by OPCM 3274/2003) 0.25g PGA provided by Ordinanza Commissariale n /5/03 - Molise Region 0.206g Type of soil (OPCM 3431) A Metodology for soil characterization (OPCM 3431/2005) Field investigation Seismic retrofitting intervention (if known) 1) 2) 3) Seismic reftrofitting with FRP of the U.S.002

14 Section A1-4 - Exposure data No. of occupants Implementation of a new survey form for aggregate of buildings Structural Units Cadastral parcels Use of the ground level Use of other levels No. of apartments Utilisation residential residential 1 Daily SECTION A2 - METRICAL DATA Average cover surface (m2) Average number of stories Average storey height (m) Average storey height Structural Units No. of stories over the ground level Difference in the height of adjacent buildings U.S. position PT PR P1 P2 P3 P4 P5 P6 Staggered ceilings within the U.S. Staggered ceilings with adajcent U.S. Structural Units Average cover surface (m2) Maximum height from the ground Minimum height from the ground Entry road width (m) Ratio between the area of the windows and the total area of the façade (%) Structural Units PT P1 P2 P3 P4 P5 P6 Mean value

15 SECTION A3 - Vertical structures Implementation of a new survey form for aggregate of buildings I Level of knowledge Masonry Yes Quality of masonry arrangement Type of masonry Irregular layout Good Mixed No Strengthened No information II Level of knowledge Vertical structures Structural Units PT PR P1 P2 P3 P4 P5 P Quality of masonry arrangement R.c. frames R.c. shear walls Steel frames Tie beams over the openings in the wall SECTION A5 - Horizontal structures I Level of knowledge Vaults and arches with tie rods Vaults and arches without tie rods Beams with flexible slabs Beams with semirigid slabs Beams with rigid slabs Quality of flat floors II Level of knowledge Flat floor typologies Structural Units PT PR P1 P2 P3 P4 P5 P6 Quality of flat floors

16 Implementation of a new survey form for aggregate of buildings SECTION A4 - Catalogue of masonry type 1 Rilievo tipologie in muratura Osservazioni La muratura è relativa all' U.S Il paramento è ubicato al piano terra ed è relativa al prospetto su Via Chiesa Tipologia della muratura A help CARATTERISTICHE DELLA MURATURA Materiale Materiale Dimensione media dell' elemento Lavorazione Stato di conservazione Malta Tipo Stato di conservazione Intonaco Stato di conservazione Presente Posa in opera degli elementi Apparecchiatura Posa in opera degli elementi Zeppe o scaglie Listatura in mattoni o di altro materiale Tipologia della sezione trasversale A sacco Paramento esterno Paramento interno Compatta Accessibile Non accessibile Dimensioni della sezione trasversale Spessore totale (cm) Paramento esterno Paramento interno Presenza di vuoti significativi Presenza di diatoni Stato di conservazione della muratura Collegamento strutturale tra pareti in muratura Tipologia Qualità ammorsamento Martelli Tipologia Qualità ammorsamento Angolate EVENTUALI CARATTERISTICHE MIGLIORATIVE Muratura Sono presenti? Malta buona Ricorsi o listature Connessione trasversale Iniezioni di malta Intonaco armato Altro Qualità della caratteristica migliorativa Dei collegamenti Sono presenti? Cuci e scuci Sostituzione di elementi con mattoni/pietre Altro Qualità della caratteristica migliorativa

17 Implementation of a new survey form for aggregate of buildings SECTION A6 - Structural connections I Level of knowledge Characteristics of structural connection between masonry panels Quality of structural connections between masonry panels Characteristics of structural connection between masonry panels and flat floors SECTION A7 - Geometry and type of roofs I Level of knowledge Type of roofs Geometry Quality of roofs Quality of structural connections between masonry panels and flat floors II Level of knowledge II Level of knowledge Structural Units Characteristics of structural connection between masonry panels Quality of structural connections between masonry panels Structural Units Type of roofs Geometry Quality of roofs Characteristics of structural connection between masonry panels and flat floors Quality of structural connections between masonry panels and flat floors

18 SECTION A8 A7 - Foundations Implementation of a new survey form for aggregate of buildings I Level of knowledge Continue in muratura A pozzo in muratura In cemento armato Non collegate, su quote diverse Su piani di posa inclinati Lack of structural foundation SECTION A9 A8 - Non structural elements (chimneys, parapets, external stairs, etc. etc. ) ) I Level of knowledge Chimneys, parapets, tiles, eaves External stairs Porticato II Level of knowledge Structural Units Chimneys, parapets, tiles, eaves External stairs Porticato SECTION A10 A9 - Short term countermeasures II Level of knowledge Structural Units Tie rods Structural elements between aggregates Other short term countermeasures

19 Implementation of a new survey form for aggregate of buildings SECTION A11 - Structural irregularities I Level of knowledge I Level of knowledge Structural Units Fuori piombo pareti 12 Distanza tra pareti portanti parallele successive maggiore di 5 m 13 Pareti portanti in falso 14 Assenza di irregolarità 15 Altro (specificare)

20 APPENDI A - Damage to non structural and structural elements Damage to non structural elements Damage Level of damage Falling of plastes, coverinf, false ceilings Yes Heavy Falling of tiles, chimneys No Falling of eaves, parapets No Falling of other internal or external objects No Damage to hydraulic system No Damage to electric or gas system No Damage to structural elements Level of damage Damage Cracks on the facades Yes Low Cracks on the vaults No Cracks through the flat floors No Cracking through the roofs No Damages to vertical structures Mechanisms V1 V2 V3 V4 V5 V6 V7 V8 V9 V10 V11 V12 V13 V14 V15 V16 V17 V18 V19 V20 V21 V22 V23 M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7 M8 M9 M11 M12 M13 M14 M15 M16 Other Damages to horizontal structures Mechanisms H1 H2 H3 H4 H5 H6 H7 H8 H9 H10 H11 H12 H13 M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7 M8 M9 M11 M12 M13 M14 M15 M16 Other

21 Data collection for a group of buildings surveyed in the historic centre of Oratino, in Molise Region Oratino: inhabitants n (ISTAT 2001)

22 Seismic zone II ag=0.25g (OPCM 3274/2003) PGA=0.206g - Ordinanza Commissariale n. 13 del 27/5/03 - Molise Region Danno nullo Danno significativo Danno grave Historical centre (sec. III-VII) Espansion area (sec. VIII) Contemporary urbanism Is Year Epicentral area MOLISE CAMPOBASSO Molise MATESE Appennino abruzzese MATESE NF 1990 POTENTINO NF 1991 POTENTINO NF 1998 APPENNINO UMBRO-MARCHIGIANO Catalogue of the earthquakes, (CPTI04), INGV, 2004, Bologna. Map of damage of Oratino historical centre after Molise earthquake (2002) Danno grandissimo Danno presistente Edificio non censito

23 Urban zone: Zone A Aggregate N 004 Cadastral sheet n.29 Parcels n Identification of the structural units

24

25

26 !!"

27 Some results U.S. Parcels Maximum No. of stories Average storey height (m) Maximum eaves height (m) Minumum eaves height (m) Average covered area (m2) Maximum ratio between the area of the windows and the total area of the façade (%) Mean Ratio between the area of the windows and the total area of the façade (%) Ratio between the area of the windows and the total area of the façade (%) U.S. Prospect Pt 1p 2p 3p Mean value Prospect Pt 1p 2p 3p Mean value 1 piazza chiesa via acquedotto vico forno via acquedotto Via acquedotto vico forno vico forno vico forno Via acquedotto Via acquedotto via pieddisanti via pieddisanti via pieddisanti via pieddisanti vico campanile via campanile vico campanile vico forno piazza chiesa vico forno vico forno vico forno vico forno Mean

28 Conclusions The procedures for the technical survey have been collected in an electronic form, in which few types of behaviours are accounted for. This simplification determines a higher reliability of the data, so that the synthesis requested to the surveyor can be well guided. A correct use of the form requires understanding of the expected seismic behaviour of different structural components. Further developments Optimization and validation of the survey form Vulnerability assessment of aggregates through new mechanics-based procedures

29 Thank you for your attention!

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere

Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere prof. dr. eng. Ario Ceccotti Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree CNR IVALSA Il LEGNO è la sola risorsa fondamentale rinnovabile

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades ISOLAMENTI ACUSTICI DEI SILENZIATORI ACUSTICI DI FACCIATA PER ENTRATA ED ESPULSIONE ARIA CERTIFICATI DAL CSI Modello: TUBO PIUMA 100 L = 300 mm L = 400 mm Dn,e,w = 41 db Dn,e,w = 47 db L Passaggio aria

Dettagli

Linee Guida per la salvaguardia del patrimonio tutelato

Linee Guida per la salvaguardia del patrimonio tutelato CONSOLIDAMENTO DEGLI EDIFICI STORICI prof PAOLO FACCIO (Università IUAV di Venezia ) A.A. 2014-2015 Linee Guida per la salvaguardia del patrimonio tutelato DPCM 09.02.2011 Linee Guida per la valutazione

Dettagli

COMMERCIAL TIGNÉ POINT SHOPPING CENTRE CENTRO COMMERCIALE TIGNÉ POINT

COMMERCIAL TIGNÉ POINT SHOPPING CENTRE CENTRO COMMERCIALE TIGNÉ POINT TIGNÉ POINT SHOPPING CENTRE CENTRO E TIGNÉ POINT The project is related to a roofed area of 50,000 m², with approximately 100,000 m³ of retail space, a supermarket, a football court on the roof terrace

Dettagli

Metti al centro il tuo business

Metti al centro il tuo business Metti al centro il tuo business Focus on your business Logistic Center Bagni di Tivoli Via Martellona, Bagni di Tivoli - Roma I numeri Il complesso immobiliare è costituito da 2 edifici ad uso magazzino

Dettagli

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA (COMPUTER ANALYSIS POSTURE BED AND SITTING) FT. Costante Emaldi FT. Rita Raccagni Will you care for me in my old age? SISTEMA a rilevazione di pressione

Dettagli

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS I sistemi mod. i-léd SOLAR permettono di alimentare un carico sia in bassa tensione 12-24V DC, sia a 230v AC, tramite alimentazione

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DELLE CARENZE

EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DELLE CARENZE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI SETTORE SERVIZIO SISMICO REGIONALE EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA

Dettagli

WITTUR SPA LIST OF POSSIBLE CONFIGURATIONS FOR REFURBISHMENTS ELENCO DELLE CONFIGURAZIONI DISPONIBILI PER LE MODERNIZZAZIONI / / / / / / / / / / / / /

WITTUR SPA LIST OF POSSIBLE CONFIGURATIONS FOR REFURBISHMENTS ELENCO DELLE CONFIGURAZIONI DISPONIBILI PER LE MODERNIZZAZIONI / / / / / / / / / / / / / LIST OF POSSIBLE CONFIGURATIONS FOR REFURBISHMENTS ELENCO DELLE CONFIGURAZIONI DISPONIBILI PER LE MODERNIZZAZIONI Landing entrances replaceable parts Porte di piano parti sostituibili Car doors replaceable

Dettagli

UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI

UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI M. Lualdi Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI Riassunto. Le indagini Georadar sono

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

Ino-x. design Romano Adolini

Ino-x. design Romano Adolini Ino-x design Romano Adolini Nuovo programma placche Ino-x design Romano Adolini OLI, importante azienda nel panorama nella produzione di cassette di risciacquamento, apre al mondo del Design. Dalla collaborazione

Dettagli

1 2 intestatura - facing smussatura - bevelling

1 2 intestatura - facing smussatura - bevelling MULTIEDGE Range w.t. 6-60 mm (2/8 2 3/8 ) Macchina compatta e versatile, dalle poliedriche funzionalità, quali splaccatura, intestatura e smussatura di lamiere. Compact and versatile machine with a wide

Dettagli

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI Il presente documento contiene due schede (e relativi allegati e istruzioni) predisposte per un "rilievo a vista" dei materiali

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

d) Età e) Codice Fiscale Fiscal Code

d) Età e) Codice Fiscale Fiscal Code PRIMA DI RISPONDERE A UNA QUALUNQUE DI QUESTE DOMANDE, LEGGETE ATTENTAMENTE LA DICHIARAZIONE IN CALCE ALLA PROPOSTA CHE SIETE TENUTI A FIRMARE. RISPONDERE IN MODO ESAURIENTE A TUTTE LE DOMANDE. BEFORE

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Assicurazione della Responsabilità Civile di Enti Locali

Assicurazione della Responsabilità Civile di Enti Locali LONDON Assicurazione della Responsabilità Civile di Enti Locali Proposta/Questionario di QBE Insurance (Europe) Limited AVVISO IMPORTANTE E nel Vostro interesse dichiarare nella presente Proposta/Questionario

Dettagli

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente Normativa Flavio Mosele*, Lorenzo Bari* Strutture miste e fondazioni negli edifici in muratura portante L entrata in vigore del Dm 14/01/2008, «Norme tecniche per le costruzioni» (Ntc 2008), ha portato

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli

RAPPORTO DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICATION REPORT 0614\DC\REA\12_5

RAPPORTO DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICATION REPORT 0614\DC\REA\12_5 RAPPORTO DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICATION REPORT 014\DC\REA\12_5 Rapporto di classificazione di reazione al fuoco del prodotto : Reaction to fire classification report of product 4W Descrizione : Description

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia ortolani@dicea.unifi.it PISTOIA 28/09/2012 ASPETTI GENERALI Malta: acqua

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

PRESIDENTE DELLA REGIONE MOLISE COMMISSARIO DELEGATO PER LE ATTIVITA POST SISMA Legge del 27 Dicembre 2002 n.286

PRESIDENTE DELLA REGIONE MOLISE COMMISSARIO DELEGATO PER LE ATTIVITA POST SISMA Legge del 27 Dicembre 2002 n.286 PRESIDENTE DELLA REGIONE MOLISE COMMISSARIO DELEGATO PER LE ATTIVITA POST SISMA Legge del 27 Dicembre 2002 n.286 Decreti n. 76/2005 e n.10/2006 Protocollo di Progettazione per gli Interventi su Immobili

Dettagli

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans 3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans La modellazione del territorio 3D a supporto dei piani di Contenimento e Abbattimento del Rumore European and National laws Legge

Dettagli

ARTICOLI PER L AVVENTURA ADVENTURE EQUIPMENT

ARTICOLI PER L AVVENTURA ADVENTURE EQUIPMENT ARTICOLI PER L AVVENTURA ADVENTURE EQUIPMENT Legnolandia fornisce una gamma completa di elementi in legno certificato PEFC/FSC, ricavato a chilometri zero e trattato in autoclave, per la costruzione di

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE VSM VULNERABILITA SISMICA DI EDIFICI IN MURATURA

PROGRAMMA REGIONALE VSM VULNERABILITA SISMICA DI EDIFICI IN MURATURA Allegato 1 Regione Toscana Giunta Regionale PROGRAMMA REGIONALE VSM VULNERABILITA SISMICA DI EDIFICI IN MURATURA CRITERI PER L ESECUZIONE DELLE INDAGINI SUGLI EDIFICI IN MURATURA, LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

nero Leonardo Corso d Italia, 83-00198 Roma Tel. +39 06 47824802 - Fax +39 06 483778 www.dtz.com/it Commercializzato da: Consulenti Immob Inte

nero Leonardo Corso d Italia, 83-00198 Roma Tel. +39 06 47824802 - Fax +39 06 483778 www.dtz.com/it Commercializzato da: Consulenti Immob Inte nero Leonardo Commercializzato da: Corso d Italia, 83-00198 Roma Tel. +39 06 47824802 - Fax +39 06 483778 www.dtz.com/it Consulenti Immob Inte Nero Leonardo Parco Leonardo Edificio direzionale, progettato

Dettagli

GrAPHicA. GrAPHicA Alalda design

GrAPHicA. GrAPHicA Alalda design oggetti objects GrAPHicA Alalda design GrAPHicA Alalda design GrAPHicA dall accostamento di singoli elementi in metallo dalla forma semplice e stilizzata, nasce un sistema modulare di pareti divisorie

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

MANUALE UTENTE MODULO ESPANSIONE TASTI MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Descrizione Il modulo fornisce al telefono VOIspeed V-605 flessibilità e adattabilità, mediante l aggiunta di trenta tasti memoria facilmente

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

ADEGUAMENTO SISMICO DELLE MURATURE STORICHE

ADEGUAMENTO SISMICO DELLE MURATURE STORICHE ADEGUAMENTO SISMICO DELLE MURATURE STORICHE SEISMIC ADJUSTMENT OF HISTORIC MASONRY IL CONSOLIDAMENTO MURARIO MASONRY CONSOLIDATION Relatore/Speaker: Ing. Dalpiaz Michele Responsabile del Laboratorio Ricerca

Dettagli

PROGETTO SISMICO DEGLI EDIFICI CON PIANI INTERRATI IN C.A. (NTC, EC8)

PROGETTO SISMICO DEGLI EDIFICI CON PIANI INTERRATI IN C.A. (NTC, EC8) 1/10 Con questo contributo, si anticipa in via introduttiva e sintetica, uno degli argomenti che verranno approfonditi nel corso. PROGETTO SISMICO DEGLI EDIFICI CON PIANI INTERRATI IN C.A. (NTC, EC8) INDICE

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture Gli interventi strutturali previsti sul Bastione delle Forche sono i seguenti: realizzazione di una nuova scala di accesso al Bastione in prossimità della scala esistente; realizzazione del parapetto lungo

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

Freni idraulici multidisco serie F Hydraulic Multidisc Brakes F Series

Freni idraulici multidisco serie F Hydraulic Multidisc Brakes F Series HYDRAULIC COMPONENTS HYDROSTATIC TRANSMISSIONS GEARBOXES - ACCESSORIES Via M.L. King, 6-41122 MODENA (ITALY) Tel: +39 059 415 711 Fax: +39 059 415 729 / 059 415 730 INTERNET: http://www.hansatmp.it E-MAIL:

Dettagli

L. Landi SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI

L. Landi SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI SICUREZZA FUNZIONALE E «MODI OPERATIVI SICURI», SVILUPPI NELLE NORMATIVE PER LE MACCHINE UTENSILI L. Landi a Department of Engineering, University of Perugia, e-mail: luca.landi@unipg.it Panoramica Progettazione

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

MONTEFIORI s.n.c - COSTRUZIONE MECC. METALLURGICA E COMMERCIO di Montefiori Gino & C.

MONTEFIORI s.n.c - COSTRUZIONE MECC. METALLURGICA E COMMERCIO di Montefiori Gino & C. Towed grader mod. MONTEFIORI ROMA 700 for horse power tractors from 350 to 600 HP ALSO TRACKED OR ARTICULATED VEHICLES CHASSIS PLANNED, BUILT E CALCULATED UNTIL 700 HP General information: Towed grader

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

Sede legale: Via Fiastra, 36L - 00138 Roma Uffici: V.le Marx, 117/2-00137 Roma Tel.: 06.8819624 fax: 06.82083595 www.gemmaappalti.

Sede legale: Via Fiastra, 36L - 00138 Roma Uffici: V.le Marx, 117/2-00137 Roma Tel.: 06.8819624 fax: 06.82083595 www.gemmaappalti. w o r k b o o k Sede legale: Via Fiastra, 36L - 00138 Roma Uffici: V.le Marx, 117/2-00137 Roma Tel.: 06.8819624 fax: 06.82083595 www.gemmaappalti.it info@gemmaappalti.it PROFESSIONALITA Siamo un gruppo

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

Valutare il rischio simico

Valutare il rischio simico Valutare il rischio simico Franco BRAGA Presidente ANIdIS Ordinario di Costruzioni in Zona Sismica «La Sapienza» Facoltà di Ingegneria ROMA Milano, 19 marzo 2015 IL RISCHIO SISMICO Il terremoto emiliano

Dettagli

Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED)

Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED) Alimentatori per LED di segnalazione (MINILED) Power supply units for Signal LEDs (MINILED) Alimentatori elettronici con tensione di uscita stabilizzata per moduli LED di segnalazione. Led driver with

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

RICERCHE GEOFISICHE DI RESTI ARCHEOLOGICI SOTTO LA CATTEDRALE DI TARRAGONA (SPAGNA)

RICERCHE GEOFISICHE DI RESTI ARCHEOLOGICI SOTTO LA CATTEDRALE DI TARRAGONA (SPAGNA) GNGTS 26 Convegno Nazionale - Roma, 13 15 Novembre 2007 RICERCHE GEOFISICHE DI RESTI ARCHEOLOGICI SOTTO LA CATTEDRALE DI TARRAGONA (SPAGNA) TOMOGRAFIA GEOELETTRICA (2D E FULL-3D) E GPR A. Casas 1 P. Cosentino

Dettagli

E01. edilizia scolastica E 0.01. su misura. scuole elementari e medie, asili, e palestre primary/secondary shool, nursery and scholastic gym

E01. edilizia scolastica E 0.01. su misura. scuole elementari e medie, asili, e palestre primary/secondary shool, nursery and scholastic gym edilizia scolastica E 0.01 scuole elementari e medie, asili, e palestre primary/secondary shool, nursery and scholastic gym Qualità mirata al comfort degli ambienti, alla percezione dei materiali e dei

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

SISTEMA COMPLETO DI ILLUMINAZIONE VANO LAMPADA A LED TIPO ILV24 s. COMPARTMENT SYSTEM LIGHTING COMPLETE LED LAMP TYPE ILV24 s

SISTEMA COMPLETO DI ILLUMINAZIONE VANO LAMPADA A LED TIPO ILV24 s. COMPARTMENT SYSTEM LIGHTING COMPLETE LED LAMP TYPE ILV24 s SISTEMA COMPLETO DI ILLUMINAZIONE VANO LAMPADA A LED TIPO ILV24 s COMPARTMENT SYSTEM LIGHTING COMPLETE LED LAMP TYPE ILV24 s Caratteristiche generali Mean features Lampade a bassa tensione (24Vcc) Lamps

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Posta elettronica per gli studenti Email for the students

Posta elettronica per gli studenti Email for the students http://www.uninettunouniverstiy.net Posta elettronica per gli studenti Email for the students Ver. 1.0 Ultimo aggiornamento (last update): 10/09/2008 13.47 Informazioni sul Documento / Information on the

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda parte seconda VOLTA A CROCIERA LE VOLTE abaco LE VOLTE a struttura muraria a botte volta a botte retta volta a botte lunettata a filari longitudinali a filari trasversali geometria, apparecchiature costruttive

Dettagli

componenti per Magazzini dinamici components for Material handling

componenti per Magazzini dinamici components for Material handling componenti per Magazzini dinamici components for Material handling Dispositivo separatore Separator System 294-295 296-298 Ruote deceleranti Brake wheels 300-303 Rulli deceleranti tipo 80 Type 80 brake

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

ref. 1 Star A Cabina doccia angolare a 4 ante, 2 scorrevoli e 2 fi sse / Corner entry

ref. 1 Star A Cabina doccia angolare a 4 ante, 2 scorrevoli e 2 fi sse / Corner entry ref. 1 Star A Cabina doccia angolare a 4 ante, 2 scorrevoli e 2 fi sse / Corner entry 436 ref. 9 Star P Porta doccia a 3 ante scorrevoli / Three section sliding door + ref. 10 Star F Parete fi ssa / Side

Dettagli

How to use the WPA2 encrypted connection

How to use the WPA2 encrypted connection How to use the WPA2 encrypted connection At every Alohawifi hotspot you can use the WPA2 Enterprise encrypted connection (the highest security standard for wireless networks nowadays available) simply

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 User satisfaction survey Technology Innovation 2010 Survey results Ricordiamo che l intervallo di valutazione

Dettagli

ITALTRONIC CBOX CBOX

ITALTRONIC CBOX CBOX 61 Contenitori per la Building Automation Materiale: PC/ABS autoestinguente Colore: Grigio scuro È un nuovo sistema PER L EQUIPAGGIAMENTO DI APPARECCHIATURE ELETTRONICHE su scatole elettriche a parete

Dettagli

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS Elevatore elettrico electric lifting trolley 175 kg Art. -CEAC041 Lifting trolley with rolls Il carrello elevatore elettrico viene utilizzato sia per il trasporto delle salme su barelle, sia in abbinamento

Dettagli

http://www-5.unipv.it/eduroam/

http://www-5.unipv.it/eduroam/ EduRoam - UniPv http://www-5.unipv.it/eduroam/ Page 1 of 1 30/01/2014 EduRoam è un servizio internazionale che permette l'accesso alla rete wireless agli utenti mobili (roaming users) in tutte le organizzazioni

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Descrizione In questo corso viene descritto PL/SQL e vengono illustrati i vantaggi derivanti dall'uso di questo potente linguaggio di programmazione. Viene spiegato come creare blocchi di codice PL/SQL

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti COMITATO TECNICO SCIENTIFICO in materia di rischio sismico (istituito con Delibera Giunta Regionale n. 606 del 21/6/2010) Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici

Dettagli

C.B.Ferrari Via Stazione, 116-21020 Mornago (VA) Tel. 0331 903524 Fax. 0331 903642 e-mail cbferrari@cbferrari.com 1. Cause di squilibrio a) Asimmetrie di carattere geometrico per necessità di progetto

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

Armadi per Automazione e Distribuzione - Cabinets for automation and distribution. Struttura Base Base Structure. KIT Sismico Bellcore 4

Armadi per Automazione e Distribuzione - Cabinets for automation and distribution. Struttura Base Base Structure. KIT Sismico Bellcore 4 Armadi per Automazione e Distribuzione - Cabinets for automation and distribution Serie BTDA - BTDA series KIT Sismico bellcore 4 Seismic KIT Bellcore 4 Descrizione / Description HSS KSB-bellcore4 API-bellcore4

Dettagli

La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile

La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile La revisione delle NTC08 proposte per una progettazione sismica sostenibile Giuseppe Scarpelli 23 Maggio 2013 GES Geotechnical Engineering Services S.r.l. Academic spin off UNIVERSITA POLITECNICA DELLE

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti Premessa Le NTC 2008 hanno introdotto alcuni nuovi concetti che nelle precedenti norme non erano presenti

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on 1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on LETTERHEAD PAPER of the applicant 2. Elenco documenti che

Dettagli

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI La nostra azienda opera da oltre 25 anni sul mercato della tranciatura lamierini magnetid e pressofusione rotori per motori elettrici: un lungo arco di tempo che ci ha visto

Dettagli

Partition walls a new concept for working spaces

Partition walls a new concept for working spaces LE PARETI UN SPAZIO DI LAVORO TUTTO NUOVO Partition walls a new concept for working spaces LAEZZA INDUSTRIA MOBILI UFFICIO Progettare in libertà: libertà nella scelta dei colori, libertà nella scelta della

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

ROVERE OAK Alfa Decapè Ice Naturale. TEAK Verniciato Naturale

ROVERE OAK Alfa Decapè Ice Naturale. TEAK Verniciato Naturale Alfa Decapè Ice Naturale TEAK Verniciato Naturale 02 tradizione subalpina Con la collezione Slim Parital ha voluto accontentare quella clientela che ha problemi di spessore sui pavimenti, ma che non vuole

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT

NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT GRID S.p.A. SESTO SAN GIOVANNI (MILANO) - ITALY CONCEPTUAL VIEWS AND ELEVATION FOR BUILDING B: FACADE STUDIES 26.02.2014 INDICE INDEX 1. INTRODUZIONE INTRODUCTION

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

NOBILITATI MELAMINE. Nobilitati standard. Standard melamines. Nobilitati speciali. Special melamines. Nobilitati speciali. Special melamines.

NOBILITATI MELAMINE. Nobilitati standard. Standard melamines. Nobilitati speciali. Special melamines. Nobilitati speciali. Special melamines. NOBILITATI MELAMINE SHELLS Nobilitati standard. Standard melamines. SHELLS AND SHELLS AND Nobilitati speciali. Special melamines. Nobilitati speciali. Special melamines. LACQUERED FINISHES SHELLS AND MATT

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Sommario della lezione:

Sommario della lezione: Sommario della lezione: 0. Programma delle esercitazioni 1. Concetti generali sulla prefabbricazione 2. I casi in cui il progettista deve considerare la prefabbricazione come tecnologia costruttiva 3.

Dettagli