Stima speditiva degli scenari di danno sismico atteso per edifici in muratura mediante l utilizzo di curve di Probit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stima speditiva degli scenari di danno sismico atteso per edifici in muratura mediante l utilizzo di curve di Probit"

Transcript

1 Stim speditiv degli scenri di dnno sismico tteso per edifici in murtur medinte l utilizzo di curve di obit Fusto Brzz, Stefno Grimz, Petr Mlisn, Enrico Del Pin Diprtimento di Georisorse e Territorio, Università degli Studi di Udine. Vi Cotonificio 114, Udine. Fbrizio Meroni Istituto Nzionle di Geofisic e Vulcnologi- Sezione di Milno vi Bssini 15 - Milno Keywords: obit, dnno sismico, previsione, scenri di dnno ABSTRACT Nel presente lvoro si presentno le curve di vulnerbilità degli edifici in murtur ricvte dll nlisi dei dti del terremoto del Friuli del In prticolre le curve sono ricvte trmite l nlisi di obit, un tecnic sttistic lrgmente in uso nel cmpo delle nlisi di rischio industrile e più in generle nei settori in cui si studino fenomeni governti d un legge dose-effetto di tipo sigmoidle. Nell rticolo si mostr come tli curve possono essere direttmente impiegte per vlutzioni previsionli di dnno tteso su scl territorile in qunto consentono di ricvre in modo reltivmente semplice e rpido l percentule di edifici che, sottoposti d un determint zione sismic, subiscono un determinto livello di dnno strutturle espresso nell scl EMS-98. Nel lvoro si propone inoltre un metodologi di stim più mpi dello scenrio di dnno, bst sull uso di un mtrice di correlzione che leg l indice di dnno EMS-98 gli effetti indiretti in termini di giudizio di gibilità, riprbilità e probbilità di vittime ssocite. Tle mtrice, nch ess mess punto sull bse dei dti del terremoto del Friuli, è stt vlidt e clibrt sui dti dlle schede AeDES compilte in occsione del terremoto Umbri-Mrche. 1 INTRODUZIONE Il problem di relzionre l severità di un zione gli effetti prodotti in termini di dnno, è presente in molti cmpi dell nlisi del rischio. Spesso, come vviene nel settore dell sicurezz industrile e nell tossicologi, queste relzioni sono derivte d un nlisi di tipo sttistico sulle osservzioni degli effetti posteriori. Un vlido strumento per un tle tipo di nlisi è il obit. Si trtt di un tecnic che permette di ricvre delle relzioni di tipo sttistico che consentono di ssocire d un dose l percentule dell popolzione che subisce un determinto effetto. Anche nell ingegneri sismic c è l necessità di disporre di modelli che consentno di stimre l distribuzione di probbilità del dnno tteso not l entità dell zione sismic. L impiego di tli modelli, unito ll geo-referenzizione delle tipologie edilizie, dà utili informzioni sullo scenrio di dnno tteso, e quindi permettere l stim non solo dei dnni diretti, m nche dei possibili senztetto e delle vittime potenzili. In questo rticolo, in prticolre, si presentno le curve di vulnerbilità derivte con l tecnic del obit prtire di dti del terremoto del 1976 in Friuli e un loro ppliczione per l stim degli scenri di dnno tteso. LO STRUMENTO DI ANALISI: IL PROBIT L nlisi obit (Finney, 1971; Aldrich e Nelson, 1984) è un tecnic sttistic di regressione non linere utilizzt per modellre l relzione esistente tr uno stimolo (chimto dose o zione ) ed il mnifestrsi o meno di un determinto effetto espresso in termini dicotomici (si/no, 0/1, oppure vero/flso). Amplimente utilizzt nel cmpo del rischio industrile e nell biologi, nsce di ftto nel cmpo dell tossicologi. L nlisi obit ssume un legme zione-effetto non linere ed in prticolre ipotizz che per zioni deboli si bbi un rispost pressoché null, mentre

2 ll umentre dell zione ci si un incremento proporzionle dell effetto, m solo fino l rggiungimento di un determint sogli, dett di sturzione. In sostnz l curv dose-effetto ssume l form di un sigmoide, curv che nell nlisi obit si ssume essere l curv di probbilità cumult normle. Medinte l introduzione di un trsformzione di scl ttrverso un opportun vribile è possibile ricondurre il problem d non linere linere. Tle vribile è dett per l ppunto vribile di obit ed indict nel seguito come Y. In prtic, si può dire che l vribile di obit Y è un misur dell percentule P dell popolzione bersglio che subirà un determinto effetto, un volt che quest si espost d un zione (o dose) V. Y è definit in modo tle d soddisfre le relzioni che seguono: Y u P = exp du (1) π e in modo equivlente 1 Y 5 Y 5 P = 0 1+ erf () Y 5 dove P indic l percentule espress nell intervllo [0,0] e u è sostnzilmente l devizione equivlente normlizzt ll vrinz (indict nche con N.E.D.: Norml Equivlent Devite). Teoricmente l vribile di obit Y ssume vlori su tutto l sse rele, m in prtic i vlori utilizzti sono compresi tr e 8. Le relzioni (1) e () sono costruite in modo tle che un vlore Y = 5 indichi che il 50 dell popolzione investit dll zione (o sottopost ll dose) h subito l effetto. In problemi dose-effetto, per clcolre l vribile di obit ( Y ), Finney (1971) propone di utilizzre il logritmo dell dose, per cui generlmente si ssume l seguente relzione tr vribile di obit e dose: Y = + b log V (3) dove e b sono costnti d determinrsi sperimentlmente dlle informzioni sugli effetti osservti. Poiché l Eq. (3) è linere nel logritmo dell dose, il pssggio dll percentule dell popolzione che h subito l effetto ( P ) l corrispondente vlore obit ( Y ) consente di ricondurre il problem dell regressione non linere d un linere e pertnto di determinre le costnti e b del modello obit medinte regressione linere. Si osservi che nel cso in cui l curv di probbilità cumult si proprio l normle, llor il coefficiente di correlzione R ssocito ll rett di regressione (3) è pri uno. Quindi, con quest tecnic il coefficiente di correlzione è nche indice di qunto il cmpione effettivmente soddisfi l ipotesi di distribuzione normle. Come si vedrà nel prgrfo 4, l nlisi obit può essere pplict nche l cmpo sismico. In questo cso l dose, o zione, può essere rppresentt d uno dei prmetri ground-motion (quli PGA, PGV, AI, intensità di Housner ecc.) mentre l effetto può essere espresso in termini di percentule di edifici che subiscono un dnno superiore d un sogli prefisst. Ovvimente ffinché i prmetri del modello obit si possno ritenere sttisticmente significtivi, devono essere stimti su un numero sufficientemente elevto di dti. 3 I DATI: IL DATABASE FR.E.D. Dopo il terremoto del Friuli del 6 mggio 1976, come richiesto dll LR. 17/76, sono stti ispezionti circ edifici e un pri numero di verbli di ccertmento dnni sono stti compilti e rccolti. L obiettivo di tle censimento er quello di definire il numero di edifici non più bitbili dopo il terremoto e vlutre i costi di riprzione. L insieme dei dti rccolti trmite le schede consentono di vere informzioni si sul livello dei dnni che sulle crtteristiche dell costruzione. Studi effettuti immeditmente dopo il terremoto (Giorgetti, 1976) hnno portto ll definizione dei livelli di intensità mcrosismic (MSK) risentit nell re colpit dl terremoto. All inizio del 1990, un gruppo di ricerc dell Università degli Studi di Udine h cquisito tutte le schede rccolte nel 1976 e le h orgnizzte in un bnc di dti denomint Fr.E.D. (Friuli Erthquke Dmge; Di Cecc e Grimz, 008). Sull bse di questi dti, sono stti effettuti degli studi sull vulnerbilità sismic (Grimz, 1993; Grimz et l., 1997) ed in prticolre Riuscetti et l. (1997) e Crniel et l. (001) hnno nlizzto le informzioni contenute nel dtbse Fr.E.D. e hnno definito

3 Tbell 1. Tipologie di Vulnerbilità derivte dl dtbse Fr.E.D.. Mterile mur tur pietr pietr /mtton i Dt di construz. < Crtteristiche Contesto strutturle pini Edifici isolti o edifici in ggregto Edifici isolti o edifici in ggregto Vulnerbilità Tipologi < 5 T1 sei clssi di vulnerbilità significtivmente diverse, corrispondenti lle sei diverse tipologie di edifici in murtur riportte in Tbell 1. Visto il crttere di emergenz dell operzione di compilzione e rccolt delle schede postterremoto, il dtbse Fr.E.D. non contiene i dti di tutti gli edifici ed in prticolre di quelli che hnno subito dnni molto lievi o nulli, oppure in qulche cso di quelli completmente distrutti. Questo ftto incide sull distribuzione delle frequenze dei grdi di dnno, soprttutto nei centri urbni con intensità inferiore VII, e quindi con un mggior numero di edifici non censiti. Ciò rende difficile un nlisi sttistic su ogni livello di dnno, e quindi l ppliczione di metodi come quello delle Mtrici di obbilità di Dnno (Dmge Mtrix obbility DPM). Tle incompletezz, vicevers, non infici l possibilità di utilizzo dell nlisi obit. L numerosità, l qulità e l tipologi dei dti contenuti nel dtbse Fr.E.D. si prestno quindi d essere nlizzte con l tecnic del obit l fine di estrpolre le curve di rispost sismic per le diverse tipologie di edifici. I livelli di dnno previsti nei verbli di ccertmento dnni possono essere direttmente correlti con i grdi dell scl EMS98 (tbell ). Nell corrispondenz mostrt in tbell è stto introdotto un grdo di dnno (G5+) con lo 3-5 <5 T Edifici isolti 1- T3 >1950 Edifici isolti o edifici in ggregto 3-5 T4 >1950 edifici in ggregto 1- T5 > 1950 Edifici isolti 1- T6 scopo di distinguere l prte superiore del grdo G5 dell scl EMS-98, corrispondente gli edifici completmente distrutti. In tl modo si riesce stbilire, per i livelli di dnno superiori l G3 dell scl EMS-98, un corrispondenz prticmente biunivoc tr le due scle. Ai fini dell nlisi obit e del loro impegno previsionle, possono essere definire due soglie di dnno: dnni di livello G3, edifici dnneggiti dl sism e che quindi sono stti giudicti ingibili, e dnni di livello G5, edifici che hnno subito dei dnni grvi e pertnto sono stti giudicti non ripristinbili (NR) o, nell peggiore delle ipotesi, distrutti (D). Tbell. Corrispondenz tr il grdo di dnno Fr.E.D. ed il grdo di dnno EMS-98. Dnno Fr.E.D. RN TR PR NR D Dnno EMS-98 G1 G G3 G4 G5 G5+ RN Ripristinbilità non necessri TR Totlmente Ripristinbile PR Przilmente Ripristinbile NR Non Ripristinbile D Distrutto 4 APPLICAZIONE DELL ANALISI PROBIT Come ccennto in precedenz, l nlisi obit ssume che se l dose è espress in un determint scl (dett Metmetric Scle of Dose o MSD) l probbilità di rggiungimento di un certo livello di dnno per un determint tipologi edilizi, si normlmente distribuit. Si pone quindi il problem di individure qule prmetro poss essere ssunto come dose. Tenendo conto delle osservzioni formulte d Spence et l. (1991) sull distribuzione dei dnni sismici si h che un corrett scelt dell MSD è: MSD = log (3) V g. m. dove V g.m. è un prmetro dose di groundmotion. D ltr prte si osserv che l intensità mcrosismic I è tipicmente correlt linermente l logritmo di un prmetro di ground-motion V g.m., cioè un relzione del tipo I = + b log (4) V g. m. Confrontndo l (3) e l (4) è pertnto rgionevole considerre come MSD un indice

4 continuo direttmente derivnte dl grdo di intensità mcrosismic (che invece è un prmetro discreto), e quindi porre I = g. m. + blog V = + b MSD (5) In questo modo d un intensità mcrosismic del VII grdo è ssocito un vlore MSD=7, d un del VIII è ssocit un vlore MSD=8 e così vi. In prticolre nell nlisi obit l MSD è stt considert come vribile indipendente, ed è stt collegt direttmente l grdo di intensità mcrosismic secondo l scl MSK. Inftti, nche se l conversione dirett tr le scle di intensità non dovrebbe mi essere ftt, il rpporto tr le principli scle (come MSK, MMI e MCS) e EMS-98 si può ritenere circ 1:1 (Musson et l. 006). L Tbell 3 mostr l corrispondenz tr l MSD e l intensità MSK. Si noti che spesso il cmpo di ppliczione di tli formule è limitto ben definiti intervlli di MSD. Tbell 3. Corrispondenz tr Metmetric Seismic Dose (MSD), grdo di intensità mcrosismic I MSK, grdo di intensità mcrosismic EMS-98. MSD I MSK VI- VII VII VII- VIII VIII VIII- IX EMS Anziché esprimere le relzioni di obit in termini di dose (e quindi di prmetri groundmotion) è possibile esprimerle direttmente in termini di MSD, per poi eventulmente utilizzre ltre relzioni che esprimno l MSD in termini del prmetro ground-motion di interesse (Tbell 4). È utile però fre qulche considerzione sul prmetro ground-motion che è più opportuno utilizzre. Ad esempio l mggior prte degli edifici compresi nel dtbse Fr.E.D. sono rppresentti d edifici in murtur. Il comportmento isteretico di questo tipo di edificio suggerisce di porre in relzione il dnno principlmente con l energi mess in gioco dl sism, e quindi con un prmetro che si legto ll velocità. Questo ftto suggerirebbe di utilizzre d esempio l PGV piuttosto che l PGA. Tuttvi, in questo lvoro nche PGA è stt considert. Il motivo è d ttribuire l ftto IX X che le mppe dell pericolosità forniscono vlori di PGA, e non di PGV. Ad ogni modo, note le correlzioni, le equzioni derivnti dll nlisi obit possono essere utilizzte per l vlutzione predittiv utilizzndo vlori MSD derivnti si dll PGA (riportti nell mpp di pericolosità) che dll PGV come pure di qulsisi ltro prmetro ground-motion, qulor noto. Tbell 4. incipli correlzioni tr MSD e prmetri ground-motion. Slejko et l., (008): vlidità:.5 = MSD = 8.5 MSD = log mx R = 0.74 mx ( cm/ s ) Fccioli e Cuzzi (006): vlidità: 4.5 = MSD = 9 log v = MSD R log mx = 0.61 mx v mx ( m/ s) = MSD R = 0.38 mx ( m / s ) Cbns et. l. (1997) ln AI = MSD ( cm/ s) R = 0.9 AI lncav = MSD ( cm/ s) R = 0.91 CAV Decnini et. l. (00) log PGA = MSD log log PGV = MSD I = 0.64 H + 0.9MSD PGA( cm/ s PGV ( cm/ s) I H ( cm) È nche utile osservre che nell utilizzre le correlzioni tr prmetri ground-motion e MSD si introduce un ulteriore grdo di incertezz, che è inversmente proporzionle l coefficiente di correlzione riportto nell Tbell 4. Conviene quindi utilizzre non solo l relzione che h un mggiore grdo di correlzione, m nche quell che si ritiene riferit l prmetro ground-motion mggiormente correlto l dnno. 5 EQUAZIONI DI PROBIT DAI DATI FR.E.D. L nlisi obit è stt pplict sull intero set dei dti presenti nell bnc dti Fr.E.D. di quli però sono stti esclusi quelli reltivi comuni, utilizzti poi come siti-test nell impiego delle curve di obit come strumenti previsionli. L Tbell 5 mostr i risultti delle nlisi obit per le sei clssi tipologiche di vulnerbilità individute in Tbell 1, reltive diverse soglie di dnno, mentre l Figur 1 rissume )

5 grficmente i risultti per un indice di dnno G3 (Grimz, 009). In prticolre, l Tbell 5 fornisce per ogni cso esminto i coefficienti delle curve obit riferiti d un determint sogli di dnno e, nche se i risultti nscondono l incertezz dovut d eventuli effetti di sito, i coefficienti di correlzione ottenuti indicno che l ipotesi sull distribuzione normle cumultiv è generlmente soddisftt. Fnno eccezione i csi evidenziti con sfondo grigio, per i quli si ottiene un coefficiente di correlzione inferiore d un determint sogli, fisst d un vlore di 0.7. regione. L Figur mostr d esempio, per l tipologi edilizi T1 e per un livello di dnno G3, il confronto tr le rette di regressione ottenute per tutt l regione (in rncione) e per l sub regione pedemontn-collinre e montn rispettivmente (in rosso). Tbell 5 Coefficienti delle equzioni obit derivte per ogni tipologi e per ogni livello di sogli di dnno (in grigio le curve con correlzione R ) d Grimz, 009 Sogli di Dnno Fr.ED: TR-D Y EMS-98: G3 Y G3 = + blog ( V ) = + b MSD for 6.5= MSD= (6) obit Coeff. T1 T T3 T4 T5 T6 b R Figur 1. Rette di regressione obit per le diverse clssi di vulnerbilità tipologic per un livello di dnno >=G T1. Confronto regionle - pedemontn/collinre Dnno = G3 T1 - regionle y = 0,3977x +,8185 R = 0,8986 Fr.ED: PR-D Y PR T1 - collinre y = 0,4011x +,758 R = 0,874 EMS-98: G4 Y G4 b R Fr.ED: NR-D EMS-98: G5 Y G5 b R MSD T1. Confronto regionle - montno Dnno = G3 Fr.ED: D EMS-98: G5 + Y G5 + b R In grigio le equzioni con R < 0.7 Y PR T1 - regionle y = 0,3977x +,8185 R = 0,8986 T1 - montno y = 0,449x +,649 R = 0,8016 L ppliczione di un test-t di Student con intervllo di fiduci del 95 h confermto che le relzioni ottenute sono significtivmente diverse per le 6 tipologie. Le serie di dti sono stte nlizzte nche seprtmente per diverse zone omogenee (zon montn, zon pedemontn-collinre e zon di pinur), m in seguito lle verifiche si è osservto che i risultti ottenuti non presentno differenze sttisticmente significtive rispetto lle equzioni obit clcolte per l inter MSD Figur. Confronto tr le rette di regressione ottenute per tutt le regione, e per l sol zon montn. 6 PREVISIONE DI SCENARI POST- TERREMOTO ATTRAVERSO LE EQUAZIONI DI PROBIT Le equzioni di obit derivte di dti di Fr.E.D. possono essere uste come strumento di previsione del dnno sismico. Inftti, conoscendo

6 o ipotizzndo l severità dell zione sismic in termini di MSD, l funzione obit reltiv l livello di dnno cumultivo per ogni tipologi di edilizi (T1, T ecc.) può essere clcolt utilizzndo l Eq. (6) dell Tbell 5. L percentule cumultiv di ogni sogli di dnno può essere ottenut dlle rispettive unità obit ( Y ) utilizzndo le Eq. (1) oppure (). L percentule di ogni singolo grdo di dnno dell scl EMS-98 ( GK ), si può stimre come segue (Grimz, 009): P ( Gk ) = P Tj Y P Y Gk G + Tj k 1 Tj (7) per k = 3, 4 P( G = k ) P Tj Y Gk Tj (8) per k = 5 e 5+ dove: P è l percentule di edifici venti un grdo di dnno G k Y G k T j è l sogli di dnno obit G k per l tipologi edilizi T j. L percentule di edifici venti un dnno di grdo minore o ugule G3 può essere ottenuto dll Eq. (7). 5 = P k 4 Y Gk Tj P ( G 3 ) = 0 (9) Tj L Eq. (9) può essere dunque utilizzt per un rpid stim degli edifici che rgionevolmente mntengno l loro utilizzbilità o che sino rpidmente ripristinbili dopo il terremoto. Altrimenti l Eq. (8) può essere utilizzt per stimre l percentule di edifici con medi e lt probbilità di provocre vittime, ponendo k = 5 e k = 5+ rispettivmente. 7 TEST DI VALUTAZIONE PREDITTIVA DEI DANNI PRIMARI (O DIRETTI) Al fine di testre l possibilità dell impiego delle equzioni obit per scopi predittivi, due comuni sono stti considerti come test-sites: Tipn (UD) (zon montn) e Pordenone (PN) (zon di pinur) (Figur 3). L scelt dei comuni test è stt ftt in modo tle che questi presentssero un numero sufficiente di edifici dnneggiti per ciscun tipologi edilizi, l fine di grntire l significtività del test (Tbell 6). Le equzioni obit sono stte pplicte d entrmbi i comuni derivndo le percentuli di dnneggimento per le diverse tipologie esistenti, utilizzndo come zione di riferimento quell effettivmente registrt nel terremoto del Al fine di grntire l significtività sono stte nlizzte solmente le tipologie con più di 30 edifici dnneggiti (cmpi non evidenziti in grigio, Tbell 6). Figur 3. Comuni utilizzti come siti test per l ppliczione dell stim degli scenri di dnni nell nlisi obit. Tbell 6. Numero di edifici per ctegori, per i due comuni test. Comuni I MSK MSD Tipn (UD) G k è il k-mo grdo di dnno nell scl EMS- 98 T j è l tipologi (j=1..6) VIII- IX T1 pietrme lterizio T T3 T4 T5 T6 totle Pordenone (PN) VII In grigio le tipologie con meno di 30 edifici I risultti ottenuti sono riportti in Tbell 7 per le tipologie in murtur di pietrme, e in Tbell 8 per le tipologie in lterizio. Le tbelle mostrno devizioni tr scenrio di dnno osservto e previsto inferiori l, dimostrndo che lo strumento può essere un vlido supporto di previsione dei dnni strutturli (o diretti) su scl territorile.

7 Tbell 7. Confronto tr dnno osservto su edifici in pietrme e reltiv previsione medinte modello obit. Tipologi T1 T T3 Grdo EMS 98 Osservti Edifici in murtur di pietrme Tipn evisione Deviz. comuni Osservti Pordenone evisione Deviz. G G G dei quli (1.9) (1.9) 0.0 (0.5) (0.3) -0. G5 + G G G dei quli (0.8) (1.0) 0. 0 (0.3) 0.3 G5 + G G G dei quli 0 (0.9) (0.) 0. G5 + Tbell 8. Confronto tr dnno osservto su edifici in murtur di lterizio e reltiv previsione medinte modello obit. Tipologi T4 T6 Edifici in murtur di lterizio Grdo EMS 98 Pordenone Osservti evisione Deviz. G G G dei quli (G5 + ) 0 (0.) 0. G G G dei quil (G5 + ) 0 (0 ) TEST DI VALUTAZIONE PREDITTIVA DEI DANNI SECONDARI (O INDIRETTI) Le previsioni ftte con l nlisi obit (utilizzndo l scl EMS-98) per qunto rigurd lo scenrio di dnno diretto possono consentire di fre previsioni nche sul dnno indiretto, cioè sull gibilità, sull ripristinbilità, e sull possibilità di registrre delle vittime ecc. Grimz et l. (1996) hnno inizilmente clibrto sul terremoto del Friuli del 1976 un metodo di stim dei suddetti dnni. In prticolre, è stto sviluppto un sistem esperto per l vlutzione dei dnni di edifici in zon sismic bsto su criteri funzionli e su un scl di Giudizio Sintetico del Dnno (GSD). Tle scl permette di correlre il dnno fisico con le conseguenze indirette, inoltre può nche essere mess in relzione i livelli di dnno ssegnto nel corso delle ispezioni dopo il terremoto del Friuli del 1976 (clssificzione dei dnni Fr.ED), e ll scl di dnno EMS-98 (Grünthl, 1998). In seguito l terremoto Umbri Mrche 1997 (Di Fnt, 006) il metodo è stto successivmente vlidto su un più mpio set di dti reltivo lle schede AeDES. Questo h permesso di ricvre l mtrice di correlzione riportt in Figur 4 che consente, prtendo dl dnno fisico tteso, di fre un proiezione sui dnni indiretti. Applicndo quest mtrice, prtire di dnni diretti stimti con le curve di obit per Pordenone e Tipn si sono ftte delle proiezioni sui dnni indiretti. Al rigurdo si è osservto che dopo il terremoto, nel Comune di Tipn sono stti registrti 984 senztetto vs 115 bitnti, corrispondenti d un percentule di circ il 79 dell popolzione locle. Non sono stte registrte vittime. Le previsioni ottenute dl modello obit, utilizzndo l scl delle correlzioni GSD, stim un percentule di circ il 94 di edifici ingibile. Considerndo che circ il 1 degli edifici di Tipn non erno bitti, l previsione è in ottimo ccordo con qunto osservto (si ved Tbell 7). Per qunto rigurd Pordenone le previsioni del modello obit (Tbell 8) mostrno che l totlità dei livelli di dnno previsto sono entro i livelli G3, quindi, l qusi totlità degli edifici è rpidmente ristrutturbile e non c è lcun senztetto. evisioni confermte di dti delle registrzioni.

8 Le previsioni sono pertnto in buon ccordo con qunto è stto effettivmente osservto, lmeno per qunto rigurd i dnni indiretti. I buoni risultti ottenuti nei test e l reltiv semplicità di clcolo indicno che questo tipo di strumento potrebbe essere implementto in un GIS come un tool che consent in modo reltivmente rpido di formulre previsioni di scenri di dnno su scl territorile. L vribile MSD, rispetto ll qule sono espresse le equzioni di obit può essere direttmente derivt di prmetri ground-motion forniti dlle mppe di pericolosità sismic disponibili. L uso combinto delle scle GSD ed EMS-98 consente l rpid previsione degli scenri di dnno nche in termini di conseguenze indirette. Queste metodologie si cndidno quindi come utile strumento per l stim degli scenri di dnno diretti ed indiretti, prtendo d un bse dti nche riferit d mbiti territorili, come è il cso dei dti ISTAT. Allo stto ttule il obit unitmente ll impiego dell scl GSD, sono utilizzti per l ggiornmento dell mpp del rischio del Friuli Venezi Giuli per conto dell Direzione Regionle dell otezione Civile dell Regione Friuli Venezi Giuli. RINGRAZIAMENTI Si ringrzino l Regione per i dti Fr.E.D., E. Di Fnt per l elborzione di prte dei dti e il prof. M. Riuscetti per le utili discussioni. Figur 4. Giudizio sintetico dello scenrio di dnno su edifici in murtur scl GSD (d Grimz et l., 1996 mod.) 9 CONCLUSIONI Dll serie di dti rccolti dopo il terremoto del 1976 in Friuli, è stt derivt un serie di equzioni obit, che definiscono le curve di vulnerbilità per vrie tipologie di edifici in murtur. Le equzioni di obit ricvte livello regionle sono stte testte in termini predittivi su siti-test. I risultti ottenuti indicno che tli equzioni possono essere utilizzte per un rpid vlutzione del rischio sismico in ree che presentno tipologie di edifici in murtur simili quelle esminte. Tuttvi, l vribilità delle tipologie di costruzione sul territorio è grnde e potrebbe essere opportuno studire ltre serie di dti l fine di ricvre un modello obit per ltre tipologie costruttive. BIBBLIOGRAFIA Aldrich J.H e Nelson, F.D., Liner probbility, Logit nd obit models. Quntittive pplictions in the socil sciences. SAGE University pper, 45, SAGE Pubbliction Inc. USA. Cbns L., Belen B., Herràiz M., An Approch to the potentil structurl dmge of erthquke ground motion. Erthquke engineering nd dynmics, 1(6), pg Crniel. R., Cecotti C., Chirndini A., Grimz S., Picco E., e Riuscetti M., 001. A definition of seismic vulnerbility on regionl scle: the structurl typology s significnt prmeter. Boll. Geof. Teor. Appl., 4, 1-, pp CCPS, 000. Effect models in Guidelines for chemicl process quntittive risk nlysis. Americn Institute of chemicl Engineers, nd Ed., New York pp Di Cecc M., Grimz S The new Friuli Erthquke Dmge Dtbse (Fr.E.D.). Boll. Geof. Teor. Appl. In fse di pubbliczione. Di Fnt E., 006. Vlutzione degli scenri did nno e di gibilità di centri urbni, finlizzti ll pinificzione e gestione dell emergenz post sismic, in bse llo studio dei dti del terremoto Umbri Mrche Università degli Studi di Udine. Tesi di Lure. Reltore S. Grimz

9 Fccioli, E. e Cuzzi, C.; 006. Mcroseismic intensities for seismic scenrios, estimted from instrumentlly bsed correltions, 1st Europen Conference on Erthquke Engineering nd Seismology, September 3-8, 006, Genev, Switzerlnd Finney D.J., obit Anlysis. Cmbridge University ess. Giovinzzi S., Lgomrsino S., 006. Vulnerbility Methods nd Dmge Scenrio for Seismic Risk Anlysis s Support to Retrofit Strtegies: n Europen Perspective. Pper 14, NZSEE Conference 006 Giorgetti F., Isoseisml mp of the My 6, 1976 Friuli Erthquke. Boll. Geof. Teor. Appl., 19, pp Grimz S., Vlutzione dell vulnerbilità sismic di edifici in murtur pprtenenti d ggregti strutturli sull bse di nlisi posteriori. Ingegneri Sismic n. 3/93 Ptron, Bologn, pp. 1-. Grimz S., Meroni F., Petrini V., Rnù G., Tomsoni R., e Zonno G., Expert system for Dmge ssessment of buildings in seismic res. Chiers du Centre Européen de Géodynmique et de Séismologie Volume 1. Luxembourg. Grimz S., Meroni F., Petrini V., Tomsoni R., Zonno G., Il ruolo dei dti di dnneggimento del terremoto del Friuli nello studio di modelli di vulnerbilità sismic degli edifici in murtur. in L scienz e i terremoti Forum editore, Udine, pp Grimz S., 009. Seismic dmge curves of msonry buildings from obit nlysis on the dt of the 1976 Friuli erthquke (NE of Itly). Boll. Geof. Teor. Appl. Accettto. Grünthl G., 1998 (editor). Europen Mcroseismic Scle Chiers du Centre Européen de Géodynmique et de Séismologie Volume 15. Luxembourg Lgomrsino S., Dmge survey of ncient churches: The Umbri-Mrche experience. In Seismic Dmge to Msonry Buildings. Bernrdini A. Editor Blkem, Rotterdm. pp Lees, F.P., Loss prevention in the process industries, nd Edition Oxford, UK, Butterworth-Heinemnn Musson R.M., Grünthl G. e Stucchi M.; 006. Conversion between older intensity scles nd EMS-98. First Europen Conference on Erthquke Engineering nd Seismology, Abstrct Book, EHT, Zuerich, p.9. Riuscetti M., Crniel R., e Cecotti C., Seismic vulnerbility ssessment of msonry buildings in region of moderte seismicity. Annli di Geofisic, 40, pp Slejko D., Rebez A. e Sntulin M., 008. Seismic hzrd estimted for Vittorio Veneto Broder re. in Seismic dmge scenrios in the Veneti-Friulin re. Boll. Geof. Appl., 49, pp Spence, R., Coburn, A., Ski, S. e Pomonis, A., A prmetreless sle of seismic intensity for use in seismic risk nlysis nd vulnerbility ssessment. In SECED (ed), Erthquke, Blst nd Impct, Elsevier, pp Vilchez, J. A., Montinel, H., Csl, J., Arnldos, J., 001. Anlyticl expression for the clcultion of dmge percentge using the obit methodology. Journl of Loss evention in the ocess Industries, 14, pp

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE:

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: DAI MODELLI TRADIZIONALI AI NUOVI APPROCCI REAL-TIME TEMPERATURE MINIMUM PREDICTION: FROM TRADITIONAL MODELS TO NEW APPROACHES Stefno Dll Nor 1, Emnuele

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0 Ctlogo generle Process Het 2014 /15 L soluzione giust per ogni ppliczione. Versione 4.0 We know how. Leister Technologies AG, Corporte Center, Kegiswil, Schweiz Leister Technologies AG, Stilimento di produzione,

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale Biliotec Tecnic Knuf 05/2006 L cutic con Knuf Indice 1. Introduzione...4 2. Suoni e rumori...5 Glorio...5 Rumori erei...5 Rumori impttivi...6 Tempo di rivererzione (T60)...6 Fonoiolmento e fonoorimento...7

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL Libro di Mormon RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER MANO DI MORMON TRATTO DALLE TAVOLE DI NEFI

Dettagli

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE CATTEDRA DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I RELATORE: TESI DI LAUREA Valutazione della capacità sismica

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni Memorie >> Titnio e ue leghe INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni I. Rmpin, K. Brunelli, M. Dlà In queto lvoro ono tti ottenuti rivetimenti di Ni

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

ALLEGATO I PERIZIA DI STIMA RELATIVA AL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DELL IMMOBILIE OGGETTO DI DISMISSIONE SITO IN

ALLEGATO I PERIZIA DI STIMA RELATIVA AL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DELL IMMOBILIE OGGETTO DI DISMISSIONE SITO IN ISTITUTO NZIONLE PER L SSICURZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LVORO CONSULENZ TECNIC PER L EDILIZI SETTORE II COSTRUZIONI D USO DIREZIONLE!! PERIZI DI STIM RELTIV L PIU PROILE VLORE DI MERCTO DELL IMMOILIE

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI. ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ERCIZI SURUFFINI

ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI. ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ERCIZI SURUFFINI Esercii dell leione di Alger di se ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ES ES ERCIZI SURUFFINI ERCIZI SULLE SEMPLIFICAZIONI DI FRAZIONI

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Da molti anni si discute

Da molti anni si discute LA DIFESA DAI TERREMOTI E IL PROGRESSO SCIENTIFICO di Maurizio Leggeri BASILICATA REGIONE Notizie Da molti anni si discute sulla situazione italiana molto precaria nel settore del rischio sismico che è,

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)?

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)? 1. Qule ei metoi ell eleno è ppliile ll ossizione ell iio? Menio Iniezione Chimio A sintill 2. Qule elle seguenti frsi rigur l punzontur? È un lvorzione lo he non inue grne eformzione el pezzo È un lvorzione

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli