SICUREZZA E CONSERVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA E CONSERVAZIONE"

Transcript

1 LA CHIESETTA DI SANTA MARIA DEGLI ANGELI A CIVITA DI BAGNO: EFFETTI DI VECCHI E NUOVI PRESIDII. Giulio Mirabella Roberti 1,2, Paolo Riva 1 e Alessio Cardaci 1 1 Dipartimento di Progettazione e Tecnologie, Università degli studi di Bergamo 2 Dipartimento di Storia dell'architettura, Università IUAV di Venezia 1 linea bianca 2 linee bianche SOMMARIO La chiesa campestre di S. Maria degli Angeli (anteriore al XVIII secolo, forse costruita su un precedente impianto) è costituita da un aula rettangolare a navata unica con copertura a capriate; In stato di abbandono, a metà degli anni ottanta la chiesa è stata restaurata ricostruendo completamente la copertura a capriate dell aula (su cordolo in c.a.). Dopo il sisma del 6 aprile 2009 evidenzia meccanismi di danno molto appariscenti, pur senza aver subito grossi crolli, legati sia alle vulnerabilità intrinseche dell edificio sia alle incompletezze dell intervento di presidio messo in atto nel restauro. ABSTRACT The rural church of St Mary of Angels (built before the 18 th century) is made by a rectangular room with a single nave covered by wood trusses. Once abandoned, in the 80 has been restored reconstructing entirely the roof and the upper part of lateral walls, completed by a concrete beam. After the 2009 earthquake some damage mechanisms clearly appeared, although collapses locally occurred, due to the limited efficiency of the previous restoration interventions. Figura 1. La chiesetta di S. Maria degli Angeli subito dopo il sisma del 6 aprile (Foto A. Marini)

2 Figura 2. Sezione longitudinale e pianta (dall Archivio Sopr. BBAA dell Aquila). 1. INQUADRAMENTO E CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE La chiesetta campestre di S. Maria degli Angeli (nota anche come Madonna Regina degli Angeli) si trova in prossimità dell incrocio tra la SR 5 bis (via Marsicana) e la via Mausonia, tra la città dell Aquila e l abitato di Civita di Bagno, in comune dell Aquila. La chiesa, di impianto molto semplice, è costituita da un aula rettangolare a navata unica con copertura a capriate; internamente sono presenti due nicchie per lato e un bell altare barocco sulla parete di fondo. Sul retro è addossato un volume con tetto a una falda adibito in origine a sagrestia ed abitazione. La facciata mostra una sobria matrice quadrata suddivisa da una semplice partizione orizzontale, con due paraste laterali e fregio di coronamento, in cui si aprono un occhio circolare e un portale architravato, entrambe con cornice lapidea; due piccole finestrelle alla quota della strada (più alta di quella interna) affiancano il portale. Non sono stati trovati elementi certi di datazione, ma sembra di poter affermare che la chiesetta sia databile almeno alla metà del XVIII secolo. Dai documenti che è stato possibile reperire nell archivio della Soprintendenza ai Beni Architettonici dell Aquila risulta un importante intervento di restauro eseguito a metà degli anni ottanta del secolo scorso, quando la chiesa si trovava in stato di completo abbandono; in tale occasione venne ricostruita completamente la copertura a capriate dell aula e della sagrestia insieme alla parte sommitale delle murature d ambito; dalla documentazione si desume che sia stato realizzato un cordolo in c.a. almeno sulle due murature laterali e sulla sagrestia, di cui non è stato possibile verificare direttamente la consistenza. La chiesetta, sconsacrata, era adibita a sala per spettacoli teatrali, mentre i locali retrostanti (originariamente sagrestia e abitazione) ospitavano un magazzino di vestiario e la sede di associazioni locali.

3 Figura 3. Sezioni dello stato di fatto prima dei restauri (dall Archivio Sopr. BBAA dell Aquila). 2. DANNI OSSERVATI E MECCANISMI DI ROTTURA 2.1. Osservazioni generali L osservazione sistematica e la catalogazione dei meccanismi di collasso riscontrati sugli edifici di culto trae origine dall esperienza svolta sul campo in occasione del disastroso terremoto del Friuli e riportata in [1], con considerazioni e sviluppi riportati in molti lavori successivi anche da altri autori [2,3]. Il meccanismo principale qui riscontrabile, molto evidente, è quello di rotazione della facciata, accompagnato dalla rotazione verso l esterno delle pareti laterali almeno in corrispondenza dell attacco alla facciata stessa; a questo è associato un ulteriore meccanismo parziale di rotazione delle due porzioni superiori laterali del frontone, con innesto in corrispondenza dell attacco delle pareti laterali. Lo spigolo superiore sinistro della facciata è andato completamente distrutto, mentre sul lato destro una lesione sottolinea chiaramente la formazione di tale meccanismo. All interno gli arcarecci della copertura risultano sfilati dalla muratura di facciata, causando il cedimento della copertura all attacco della facciata, dopo una probabile azione di martellamento dovuta all assenza di controventamenti efficaci nel piano di falda. Una caratteristica particolare di questo manufatto è che le due paraste angolari a conci squadrati di pietra sono quasi del tutto prive di ammorsamenti nelle murature in pietra irregolare delle pareti laterali e della facciata, assumendo quindi un comportamento autonomo, che porta alla loro separazione sia dalla muratura di facciata sia dalle murature laterali. Risulta infine particolarmente danneggiata la parete di fondo sulla sinistra dell altare principale, in corrispondenza a un apertura che presumibilmente permetteva l accesso a un ambone; è probabile un interazione con la copertura della sagrestia, con orditura principale ortogonale alla parete stessa, con effetti locali di martellamento; anche se

4 complessivamente il corpo di fabbrica della sagrestia sembra aver contribuito efficacemente a contrastare il ribaltamento della parete posteriore con un effetto positivo per la stabilità. Figura 4. I meccanismi di rottura evidenti sulla facciata, con la separazione delle pareti laterali e la rotazione delle parti sommitali (con crollo parziale della parte sinistra). Figura 5. Il dissesto della facciata visto dall interno con il distacco della copertura Figura 5. Il dissesto della facciata visto dall interno con il distacco della copertura e la separazione delle pareti laterali. la separazione delle pareti laterali.

5 2.2. Contributi dei presidi antisismici antichi e nuovi Per quanto riguarda i presidi antichi ancora conservati, non sono risultati efficaci (anche se è probabile un loro contributo nella fase iniziale dell azione sismica) gli incatenamenti presenti a due livelli sulla facciata, immediatamente sopra l occhio circolare e sopra l architrave del portale: in corrispondenza delle piccole chiavi metalliche visibili sulle due paraste laterali infatti è stata riscontrata la presenza di catene lignee (vedi figura 6), in cattive condizioni di conservazione -e per questo fuori servizio- probabilmente a causa dello stato di abbandono subito dall edificio prima del restauro. L uso di catene lignee come presidio resistente a trazione, incassate nella muratura in fase di costruzione e collegate in alcuni casi a capichiave metallici, è documentato in altri edifici dell area aquilana, e rappresenta una intenzionale strategia costruttiva, generalmente efficace fintanto che le murature rimangono protette dagli agenti atmosferici. Durante i sopralluoghi eseguiti su altri edifici è stato possibile osservare anche l uso di capichiave lignei per l ancoraggio delle strutture di copertura. Il comportamento resistente a taglio e l andamento delle lesioni delle due pareti laterali sembra invece confermare la presenza di un cordolo di sommità, risultato efficace sia per il mantenimento dell integrità delle pareti (pur con qualche danno localizzato, come in figura 7) sia per il vincolo offerto alle strutture di copertura, le quali però sono risultate libere di oscillare fuori dal loro piano, favorendo l azione di martellamento sulla facciata. Figura 6. I capichiave di attacco delle catene lignee Figura 7. Danno locale sulla muratura laterale in corrispondenza dell appoggio di una capriata. Figura 8. Particolare del cordolo di appoggio delle capriate (dal citato progetto della Sopr. BB.AA.) Figura 9. Tracce di cuciture armate nei blocchi caduti della cornice sommitale

6 Su alcuni conci della cornice in pietra sommitale di facciata, recuperati dalle macerie e conservati all interno, sono visibili i segni di cuciture armate che dovevano assicurare i blocchi alla muratura sottostante. Risulta evidente che tali interventi non hanno potuto impedire l insorgere del meccanismo locale di ribaltamento delle due porzioni libere del frontone, favorito dal contrasto parziale offerto dalla copertura a capanna dell aula. Tale meccanismo non mostra nessuna relazione con la presenza dell occhio, di dimensioni abbastanza contenute e molto vicino al centro geometrico della facciata, al contrario di quanto accade in casi apparentemente analoghi. 3. INTERPRETAZIONE DEI MECCANISMI Il meccanismo principale di ribaltamento delle pareti e della facciata, descritto in figura 10, è quello che desta maggiori preoccupazioni allo stato attuale, ma è anche quello previsto nella costruzione iniziale: la posizione e il tracciato delle catene lignee sono infatti quelle più idonee a riprendere e contenere le spinte. Le nuove catene dovranno altresì svolgere la funzione di opporsi alla separazione delle paraste angolari dalle murature incidenti, come erano chiamati a fare i capichiave metallici presenti intestati sui blocchi di pietra squadrata. Figura 10. A sinistra il meccanismo di separazione delle pareti, a destra il meccanismo di ribaltamento della facciata con l effetto di martellamento della copertura. Figura 11. Meccanismi di ribaltamento della facciata: totale (a sinistra) e parziale sommitale (a destra) in corrispondenza dell occhio.

7 Evidentemente tale previsione di comportamento atteso non è stata adeguatamente considerata in fase di rifacimento della copertura, poiché il supposto cordolo in c.a. di coronamento delle pareti laterali non risulta sicuramente collegato alla facciata. Ugualmente è stato trascurato l effetto di martellamento prodotto dalla deformabilità dei piani di falda, potenzialmente pericoloso anche per le pareti laterali a causa dello spostamento relativo delle capriate. 4. INTERVENTI SUGGERITI Un semplice intervento di irrigidimento della copertura con doppio tavolato incrociato, come proposto in [2], o con il piano di falda realizzato in pannelli di compensato opportunamente collegati tra loro da bandelle metalliche [4] potrebbe fornire il contributo aggiuntivo necessario a contenere la spinta fuori dal loro piano delle pareti laterali (figura 13), una volta ripristinata l efficienza delle catene orizzontali che legavano la facciata alle pareti laterali con nuovi elementi affiancati alla muratura sul lato interno (figura 12), essendo quelle esterne inefficaci per il contenimento del ribaltamento su pareti di queste proporzioni. Particolare attenzione dovrà essere posta al collegamento della sommità del frontone con il resto della facciata: le eventuali cuciture armate infatti dovranno essere prolungate fino alla porzione di facciata collegata alla falda del tetto retrostante ed essere associati a dispositivi in grado di impedire il ribaltamento parziale della sommità. Figura 12. Schema di disposizione di catene perimetrali: esterne (a sinistra) o all interno (a destra). Figura 13. Esempio di copertura scatolare e schema di funzionamento (da [4]).

8 RINGRAZIAMENTI Gli autori desiderano ringraziare il gruppo di lavoro dell Università di Brescia, coordinato dal prof. Ezio Giuriani, insieme a cui è stato svolto il sopralluogo all Aquila e con cui è avvenuto un proficuo scambio di osservazioni ed idee, e in particolare la prof. Alessandra Marini per i materiali messi a disposizione. BIBLIOGRAFIA [1] F. Doglioni, V. Petrini, A. Moretti: Le chiese e il terremoto, ed. LINT, Trieste, [2] F. Doglioni: Codice di pratica (linee guida) per la progettazione degli interventi di riparazione, miglioramento sismico e restauro dei beni architettonici danneggiati dal terremoto umbro-marchigiano del 1997, Bollettino Ufficiale della Regione Marche, suppl. str. n. 15, Ancona, [3] E. Giuriani, A. Marini Experiences from the Northern Italy 2004 earthquake: vulnerability assessment and strengthening of historic churches. Invited paper. VI International Conference on Structural Analysis of Historical Constructions SAHC July, Bath, England. pp Ed. Taylor and Francis, London, UK. ISBN [4] E. Giuriani, A. Marini Wooden roof box structure for the anti-seismic strengthening of historic buildings. Journal of Architectural Heritage: Conservation, Analysis and Restoration. ISSN Vol.2(3) pp

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE

INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE COMUNE DI CARPI INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE (A COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO POST-SISMA 2012) ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

COMPORTAMENTO E RINFORZO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI

COMPORTAMENTO E RINFORZO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI COMPORTAMENTO E RINFORZO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROBLEMATICHE DEGLI EDIFICI ESISTENTI SOGGETTI AL SISMA - Vulnerabilità degli edifici storici ; crolli e danni ricorrenti - Principali cinematismi

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012 CREVALCORE SCUOLA G. LODI Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012: Scuola G.Lodi - Crevalcore Corpo laterale

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43

Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43 INDICE Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43 BIBLIOGRAFIA Giovannetti Francesco (a cura di), Manuale del recupero del

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

PRESIDENTE DELLA REGIONE MOLISE COMMISSARIO DELEGATO PER LE ATTIVITA POST SISMA Legge del 27 Dicembre 2002 n.286

PRESIDENTE DELLA REGIONE MOLISE COMMISSARIO DELEGATO PER LE ATTIVITA POST SISMA Legge del 27 Dicembre 2002 n.286 PRESIDENTE DELLA REGIONE MOLISE COMMISSARIO DELEGATO PER LE ATTIVITA POST SISMA Legge del 27 Dicembre 2002 n.286 Decreti n. 76/2005 e n.10/2006 Protocollo di Progettazione per gli Interventi su Immobili

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI RELAZIONE TECNICA La presente relazione riguarda la proposta di riparazione dei danni derivanti dal terremoto del 20, 29 maggio 2012 per i fabbricati posti in via Larga n. 43, località Malafitto, a Cento

Dettagli

Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa

Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa REPORT Febbraio 2012 Analisi conoscitiva preliminare morfologia urbana percorsi e spazi pubblici stato di danno rilievo speditivo degli aggregati lessico

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM INFORMAZIONI Cognome e nome MONNI FRANCESCO Indirizzo di residenza VIA BAROCCO, 5 60010 OSTRA VETERE (AN) Telefono 3396088721 E-mail monni.f@gmail.com Nazionalità ITALIANA

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: IL PERCORSO DELLA CONOSCENZA. Un caso di studio: la chiesa di Santa Maria della Carità di Ascoli Piceno. ing.

IL QUADRO NORMATIVO: IL PERCORSO DELLA CONOSCENZA. Un caso di studio: la chiesa di Santa Maria della Carità di Ascoli Piceno. ing. IL QUADRO NORMATIVO: IL PERCORSO DELLA CONOSCENZA Un caso di studio: la chiesa di Santa Maria della Carità di Ascoli Piceno ing. Francesco Monni Le norme che attualmente regolano gli interventi su costruzioni

Dettagli

Durante i sopralluoghi sono state compilate le schede AeDES di 1 Livello di rilevamento del danno post-sisma, consegnate al DPC in data 28.04.09.

Durante i sopralluoghi sono state compilate le schede AeDES di 1 Livello di rilevamento del danno post-sisma, consegnate al DPC in data 28.04.09. Citare come: E. Nigro, A. Bilotta (2009), Rapporto sui danni subiti dagliiimpianti di depurazione per reflui civili a seguito dell evento sismico del 6 Aprile 2009 V1.00, disponibile su http://www.reluis.it

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

PARROCCHIA DI FORESTO SPARSO (BG) CHIESA DI SAN MICHELE

PARROCCHIA DI FORESTO SPARSO (BG) CHIESA DI SAN MICHELE PARROCCHIA DI FORESTO SPARSO (BG) CHIESA DI SAN MICHELE Compilatore: CALZANA / RODA Compilazione: 23 01 2014 Aggiornamenti: TABELLA DI SINTESI DEL DEGRADO Umidità di risalita Manto di copertura Fondazioni

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ministero per i Beni e le Attività Culturali GRUPPO DI LAVORO PER LA SALVAGUARDIA E LA PREVENZIONE DEI BENI CULTURALI DAI RISCHI

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA Restauro e ripristino con miglioramento sismico Responsabile unico del procedimento: Progetto architettonico: Progetto strutturale: Arch. Rossella Cadignani

Dettagli

Recupero e conservazione degli edifici Alessandra Marini alessandra.marini@unibg.it Orario di ricevimento: Mercoledì 14:30-16:30

Recupero e conservazione degli edifici Alessandra Marini alessandra.marini@unibg.it Orario di ricevimento: Mercoledì 14:30-16:30 Recupero e conservazione degli edifici Alessandra Marini alessandra.marini@unibg.it Orario di ricevimento: Mercoledì 14:30-16:30 Francesca Feroldi f.feroldi002@unibs.it Introduzione Premessa: L'Italia

Dettagli

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Guida Tecnica MEFA Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Rev.0 Marzo_2011 MEFA Italia S.r.l. Via G.B. Morgagni,

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

I TE N R TE V R EN E TI N TI RISPETTOS

I TE N R TE V R EN E TI N TI RISPETTOS INTERVENTI RISPETTOSI PER IL CONSOLIDAMENTO DI ARCHI, VOLTE E CUPOLE IN MURATURA Prof. Ing. POLITECNICO DI MILANO Dipartimento ABC ARCHI E VOLTE IN MURATURA Pseudo ARCO Ugarit, Syria Pont du Gard, Nimes,

Dettagli

Il consolidamento delle murature a faccia vista

Il consolidamento delle murature a faccia vista Il consolidamento delle murature a faccia vista Arch. Gianluigi Palmieri Presidente EDIL-CAM Introduzione Le murature con i paramenti esterni non protetti da intonaci rappresentano un importante percentuale

Dettagli

C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli

C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli interventi di consolidamento degli edifici in muratura, con

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ministero per i Beni e le Attività Culturali GRUPPO DI LAVORO PER LA SALVAGUARDIA E LA PREVENZIONE DEI BENI CULTURALI DAI RISCHI

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Sisma maggio 2012 Edifici di Culto Scheda sintetica di valutazione dei danni oggetto: Quadro economico riassuntivo (da allegare alla relazione tecnica) Noi sottoscritti

Dettagli

RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA NETTO STORICO A PALERMO Aula Magna Scuola Politecnica 8 novembre 2014 RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Prof. Ing. Liborio Cavaleri Scuola Politecnica Edifici a ridosso dell area all interno delle antiche

Dettagli

Effetti del sisma sulle costruzioni prefabbricate

Effetti del sisma sulle costruzioni prefabbricate Effetti del sisma sulle costruzioni prefabbricate Marco Savoia DICAM Università di Bologna CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE PREFABBRICATE ISOSTATICHE REALIZZATE SENZA CRITERI ANTISISMICI ISOSTATICITA

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI

INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI PREMESSA Il D.L. n. 74 del 6 giugno 2012 (in fase di conversione in Legge nel momento in cui si scrive)

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

Gli interventi previsti in progetto possono sostanzialmente essere ricondotti alle zone di intervento:

Gli interventi previsti in progetto possono sostanzialmente essere ricondotti alle zone di intervento: RELAZIONE GENERALE Il presente progetto esecutivo tratta dei lavori di miglioramento sismico dell edificio delle Scuole Medie Primarie del Comune di Martinengo. Precedenti valutazioni di vulnerabilità

Dettagli

Messa in sicurezza e consolidamento dei capannoni prefabbricati interessati dal sisma di maggio giugno 2012

Messa in sicurezza e consolidamento dei capannoni prefabbricati interessati dal sisma di maggio giugno 2012 Messa in sicurezza e consolidamento dei capannoni prefabbricati interessati dal sisma di maggio giugno 2012 Una caratteristica particolare evidenziata durante il terremoto è stato il crollo ed il collasso

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

3. DESTINAZIONE D USO DELL IMMOBILE Il fabbricato possiede una destinazione d uso attuale di tipo residenziale.

3. DESTINAZIONE D USO DELL IMMOBILE Il fabbricato possiede una destinazione d uso attuale di tipo residenziale. 1. INTRODUZIONE Il sisma del 6 aprile 2009 ha causato il danneggiamento strutturale di un edificio residenziale sito nel capoluogo del Comune di Xxxxxxxxxxx (TE). A seguito del sopralluogo effettuato dai

Dettagli

VALERIO INGEGNERE CURRICULUM PROFESSIONALE

VALERIO INGEGNERE CURRICULUM PROFESSIONALE VALERIO B O R G O INGEGNERE CURRICULUM PROFESSIONALE SEDE ELENCO SINTETICO DELLE ATTIVITÀ via Zanella, 18 36010 Zanè (VI) tel +39 0445 361433 fax +39 1782202407 cel +39 392 0731127 ATTIVITÀ PROFESSIONALE

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Studio di programmi agli elementi finiti per l analisi di strutture

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti.

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti. DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA UFFICIO DIFESA DEL SUOLO DI POTENZA Oggetto: Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti. 1. Premessa.

Dettagli

Costruzioni esistenti in muratura (Cap.8 delle NTC):

Costruzioni esistenti in muratura (Cap.8 delle NTC): Costruzioni esistenti in muratura (Cap.8 delle NTC): livelli di conoscenza e indagini in situ, interventi di consolidamento e collaudi RESTAURO 2010 venerdì 26 marzo 2010 Tecniche di ancoraggio e di incatenamento

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia VISTE ESTERNE Prima del restauro - Prospetto Ovest Dopo il restauro - Prospetto Ovest Prima del restauro - Prospetto Sud Sagrestia Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia Prima del restauro - Ingresso

Dettagli

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Cinque mesi dopo il sisma Tecniche innovative per una ripresa efficiente e sicura Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Prof. ing. Gennaro Magliulo ReLuis -

Dettagli

Comune di Monte Santa Maria Tiberina

Comune di Monte Santa Maria Tiberina Studio Tecnico Amantini Ing. Matteo ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- COMUNE di MONTE SANTA MARIA TIBERINA

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE SUL RECUPERO DI EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA

CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE SUL RECUPERO DI EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA BOLOGNA - PIAZZA ROOSEVELT, 4 - TEL. +39 05122.60.64 - FAX +39 05165.65.656 - C.F. 92042840378 sito web: www.assoinar.it e-mail: assoemiliaromagna@eur.it CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

RIPRISTINO DELLA MURATURA ATTRAVERSO LA TECNICA DEL CUCI-SCUCI

RIPRISTINO DELLA MURATURA ATTRAVERSO LA TECNICA DEL CUCI-SCUCI RIPRISTINO DELLA MURATURA ATTRAVERSO LA TECNICA DEL CUCI-SCUCI L intervento consiste nel ripristinare zone limitate di murature lesionate o degradate attraverso la rimozione degli elementi (lapidei o laterizi)

Dettagli

INDICE INDICE 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 2

INDICE INDICE 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 2 COMUNE DI SAN FELICE SUL PANARO Progetto strutturale per il ripristino dell agibilità della Chiesa della Natività di Maria Santissima danneggiata dal sisma del Maggio 2012 Committente: Curia Arcivescovile

Dettagli

3.3.5 - Indicazioni tecniche per gli interventi di miglioramento sismico nelle chiese a navata unica A.Lemme, S.Podestà

3.3.5 - Indicazioni tecniche per gli interventi di miglioramento sismico nelle chiese a navata unica A.Lemme, S.Podestà 3.3.5 - Indicazioni tecniche per gli interventi di miglioramento sismico nelle chiese a navata unica A.Lemme, S.Podestà La conoscenza del corpo di fabbrica e del suo comportamento sismico è un aspetto

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI ROMA

SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI ROMA Ministero per i beni e le attività culturali SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI ROMA VALUTAZIONE E MONITORAGGIO DELLO STATO DI CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO: INTERVENTI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Documentazione Fotografica FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12!

Documentazione Fotografica FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12! Documentazione Fotografica Indice FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12! FOTO SAGGI FABBRICATO STORICO 17! FOTO LESIONI FABBRICATO

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Il recupero energetico e sismico degli edifici

Il recupero energetico e sismico degli edifici Il recupero energetico e sismico degli edifici Interventi di adeguamento e miglioramento sismico delle murature Ing. Francesca da Porto Università di Padova Reggio Emilia, 14 gennaio 2014 Sommario GLI

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

8 COSTRUZIONI ESISTENTI

8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8.1 OGGETTO Il presente capitolo definisce i criteri generali per la valutazione della sicurezza e per la progettazione, l esecuzione ed il collaudo degli interventi sulle costruzioni

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

Il Progetto AnIMuS: miglioramento sismico di edifici in muratura mediante l uso di barre con ancoraggi iniettati

Il Progetto AnIMuS: miglioramento sismico di edifici in muratura mediante l uso di barre con ancoraggi iniettati Il Progetto AnIMuS: miglioramento sismico di edifici in muratura mediante l uso di barre con ancoraggi iniettati Prof. Paolo Riva, Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Bergamo Venerdì 29

Dettagli

CANTIERE ZINCOL ITALIA SPA San Felice sul Panaro (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA DEL CANTIERE. Pellizzari s.r.l.

CANTIERE ZINCOL ITALIA SPA San Felice sul Panaro (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA DEL CANTIERE. Pellizzari s.r.l. pag. 1/11 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL CANTIERE Pellizzari s.r.l. INTERVENTI DI RIPRISTINO DEGLI IMMOBILI E DEI BENI STRUMENTALI, A SEGUITO DEGLI EVENTI SISMICI DEL 20 E 29 MAGGIO 2012 Committente: ZINCOL

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11

1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11 Relazione descrittiva della demolizione parziale del Palazzo di Giustizia dell Aquila

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

Il rilievo ai fini del progetto di restauro

Il rilievo ai fini del progetto di restauro Il rilievo ai fini del progetto di restauro A. Rilievo Grafico 1. Cartografia a. Corografia in scala 1/25.000, 1/10.000 b. Planimetria urbana (pianta catastale) in scala 1/2.000, 1/1.000 c. Planimetria

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

R01 COMUNE DI PERUGIA

R01 COMUNE DI PERUGIA COMUNE DI PERUGIA COMMITTENTE FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI "PIETRO VANNUCCI" PERUGIA piazza San Francesco al Prato, 5 06123 Perugia C.F. 80054290541 Il Presidente Avv. Mario Rampini INTERVENTI DI

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti Premessa Le NTC 2008 hanno introdotto alcuni nuovi concetti che nelle precedenti norme non erano presenti

Dettagli

APPENDICE 2 SCHEDA PER LA RACCOLTA E LA VISUALIZZAZIONE DEI DATI RILEVATI E DELLE PROVE REALIZZATE IN SITU ED IN LABORATORIO

APPENDICE 2 SCHEDA PER LA RACCOLTA E LA VISUALIZZAZIONE DEI DATI RILEVATI E DELLE PROVE REALIZZATE IN SITU ED IN LABORATORIO APPENDICE 2 SCHEDA PER LA RACCOLTA E LA VISUALIZZAZIONE DEI DATI RILEVATI E DELLE PROVE REALIZZATE IN SITU ED IN LABORATORIO 37 38 SCHEDA PER IL RILIEVO TIPOLOGICO E DEI DANNI SISMICI AGLI EDIFICI SCHEDA

Dettagli

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Sergio LAGOMARSINO Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni,dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Genova sergio.lagomarsino@unige.it

Dettagli

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11 TOPONIMO: DATI CATASTALI 35/11 Edificio residenziale isolato, attualmente non abitato e in disuso, il cui stato di conservazione è tuttavia discreto. L'impianto planimetrico è a in linea, con cellule a

Dettagli

Interventi con moderne tecniche antisismiche su edifici storici in muratura

Interventi con moderne tecniche antisismiche su edifici storici in muratura Maurizio Indirli Tecnologia Interventi con moderne tecniche antisismiche su edifici storici in muratura Le moderne tecniche antisismiche possono fornire efficaci soluzioni per il consolidamento degli edifici

Dettagli

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per Impianti di Ventilazione

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per Impianti di Ventilazione Guida Tecnica MEFA Antisismica per Impianti di Ventilazione Rev.0 Marzo_2011 MEFA Italia S.r.l. Via G.B. Morgagni, 16/B I - 20010 Pogliano Milanese (MI) Tel.: 02.93540195 Fax: 02.93543208 www.mefaitalia.com

Dettagli

ROMA, 7 LUGLIO 2015 SEMINARIO FORMATIVO. EMERGENZA TERREMOTO Criteri di base LE OPERE PROVVISIONALI DI SOSTEGNO. Ing. Marco TUFI

ROMA, 7 LUGLIO 2015 SEMINARIO FORMATIVO. EMERGENZA TERREMOTO Criteri di base LE OPERE PROVVISIONALI DI SOSTEGNO. Ing. Marco TUFI ROMA, 7 LUGLIO 2015 SEMINARIO FORMATIVO EMERGENZA TERREMOTO Criteri di base LE OPERE PROVVISIONALI DI SOSTEGNO Ing. Marco TUFI Componente della Commissione Protezione CIVILE dell Ordine degli Ingegneri

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. ( intervento n 22 ). Relazione statico - strutturale

PROGETTO DEFINITIVO. ( intervento n 22 ). Relazione statico - strutturale Restauro e risanamento conservativo, compreso l adeguamento alle norme di sicurezza ed accessibilità di palazzo Morosini ex scuola media A. Vivaldi ora istituto tecnico A. Barbarigo, a Castello Venezia.

Dettagli

Ex Caserma Ottaviani a Brescia D6 Linee guida per la progettazione strutturale e geologico-geotecnica

Ex Caserma Ottaviani a Brescia D6 Linee guida per la progettazione strutturale e geologico-geotecnica INDICE 1 Premessa...2 2 Conoscenza dei manufatti...3 3 Tipologie di interventi...7 4 Tecniche di intervento sugli edifici esistenti...12 5 Realizzazione di garage interrati...15 6 Fattibilità geotecnica

Dettagli

Aggregato strutturale

Aggregato strutturale 1 ALLEGATO 8 CONSISTENZA STATICA - Indicazioni del Dipartimento della Protezione Civile PRINCIPI E DEFINIZIONI Carattere dell esame a vista I dati raccolti attraverso le schede del Fascicolo del Fabbricato

Dettagli

IN CASO DI SISMA. Prof. Ing. Stefano Grimaz. Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine

IN CASO DI SISMA. Prof. Ing. Stefano Grimaz. Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine LA CONTINUITÀ DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI IN CASO DI SISMA Prof. Ing. Stefano Grimaz Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine Per iniziare: il caso dell

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo Con l obiettivo di restituire all antico edificio le riserve di duttilità e di stabilità che i danni allora subiti le avevano fatto

Dettagli

Via Appia, contrada Campizze, -82011 - Airola (BN) Tel - Fax 0824 833578 //email: CarboneStudioTecnico@libero.it. fig. 1 foto del plesso Lato Sud

Via Appia, contrada Campizze, -82011 - Airola (BN) Tel - Fax 0824 833578 //email: CarboneStudioTecnico@libero.it. fig. 1 foto del plesso Lato Sud Plesso Scolastico Giovanni Pascoli, via Pietro Nenni in Rotondi (AV) PECULIARITA DELL EDIFICIO Edificio con struttura portante in muratura di tufo, con notevole estensione planimetrica (inscritto in un

Dettagli

SCENARI NELLE NUOVE COSTRUZIONI E NEL RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

SCENARI NELLE NUOVE COSTRUZIONI E NEL RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE SCENARI NELLE NUOVE COSTRUZIONI E NEL RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE ESEMPI APPLICATIVI DI UTILIZZO DI MATERIALI COMPOSITI ANCE COMO Como 25 settembre 2009 ore 14,00 Ing. Giancarlo Celestini

Dettagli