Configuratore di Prodotto Diapason

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Configuratore di Prodotto Diapason"

Transcript

1 Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei prossimi rilasci...9 Versione ottobre Versione 1.1 Gennaio Versione 1.2 Aprile Scopo di questo documento Questo documento descrive il nuovo modulo Diapason denominato Configuratore Commerciale di Prodotto. Non viene descritta una specifica versione ma la struttura complessiva del progetto. L ultimo capitolo contiene una specifica delle funzioni disponibili nella prima versione e il piano di rilasci successivi. La versione è da considerare in controlled release. Il prodotto è infatti in uso presso due clienti pilota. Ringrazio in particolare Paolo Calzolari e Stefano Colombani di Meccanica Nova che hanno collaborato al raffinamento delle specifiche del prodotto e al test del prototipo. Questo documento contiene riferimenti al sistema di gestione offerta: per i dettagli si rimanda al relativo documento specifico. elab/mm&ls 1 di 9 Configuratore di Prodotto

2 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto Diapason è da tempo dotato di un sottosistema di configurazione commerciale. Raccogliendo le esperienze di uso del parco clienti Formula ha deciso di svilupparne una nuova versione che mantenga i punti positivi della versione attuale, elimini i punti di debolezza e permetta di sostenere adeguatamente le nuove modalità di esecuzione del processo di vendita sia nella fase di emissione e aggiustamento dell offerta che nella fase di esecuzione dell ordine. Gli obiettivi principali che ci siamo dati sono: 1. Mantenere una forte integrazione con Diapason evitando la replica di dati e parametrazioni. 2. Fornire una interfaccia di configurazione semplice ed intuitiva, che permetta di cambiare in qualunque momento le scelte fatte in precedenza. 3. Permettere ad utenti diversi di passarsi l un l altro una configurazione in corso, riprendendola sempre dallo stato in cui è stata lasciata in precedenza. 4. Facilitare il reperimento, il riuso, la copia delle configurazioni simili già prodotte in precedenza. 5. Gestire le versioni della configurazione e dell offerta. 6. Permettere di usare il configuratore sia per la preparazione e il controllo di prodotti complessi che per la ricerca di prodotti sulla base delle loro caratteristiche di configurazione. 7. Produrre i documenti necessari durante il processo in modo facilmente personalizzabile. 8. Gestire sia la lingua dell operatore che la lingua del cliente. 9. Realizzare una architettura che permetta di utilizzare il configuratore via Internet, in modalità client server o in modalità client disconnessa, quindi sia all interno dell azienda che da parte di funzionari sul territorio che eventualmente da clienti. elab/mm&ls 2 di 9 Configuratore di Prodotto

3 Il configuratore di prodotto Quando il prodotto venduto non è pronto ma viene definito precisamente in base a necessità e preferenze del cliente, è necessario che il sistema ERP accetti l ordine di prodotti configurati aiutare le persone che gestiscono il processo commerciale a formulare correttamente e velocemente la descrizione del prodotto venduto e la produzione e alla gestione del documento offerta che deve essere inviato al cliente. La gestione dell offerta deve naturalmente permettere di includere prodotti configurati e/o prodotti non configurati (ad esempio ricambi). Naturalmente si presentano parecchi scenari nei quali è richiesto l uso di un sistema di Configurazione del Prodotto a seconda del tipo di prodotto e del processo di produzione. Lo scenario di riferimento per il progetto è quello dei macchinari complessi, ma le caratteristiche di ricerca di prodotti simili che sono state incluse lo rendono utile anche in situazione di produzioni semplici dove tuttavia le caratteristiche del prodotto ordinato sono scelte dal cliente. Il processo di configurazione si svolge in più passi: Acquisizione e controllo delle specifiche del cliente nell ambito delle opzioni possibili da parte del funzionario commerciale. Il processo può essere limitato ai soli dati necessari alla determinazione dell offerta commerciale (In qualunque momento si può chiedere al sistema di verificare se esistono già configurazioni di prodotto che soddisfano alle risposte date fino ad ora). Produzione dell offerta e flusso di approvazione e invio al cliente (o immissione diretta dell ordine del cliente). Completamento della configurazione con i dati di competenza tecnica. Produzione della scheda tecnica di prodotto (opzionale) Generazione della distinta base di produzione da parte del sistema ERP (Diapason). I passi si svolgono in fasi diverse del processo e nell ambito di responsabilità diverse, ma devono essere adeguatamente integrati. In altri scenari di produzioni più semplici, le fasi non sono distinte o alcune sono mancanti o trasparenti all utente. Dal punto di vista commerciale il configuratore è costituito da due moduli: il Configuratore di Prodotto (CP), che permette di configurare un singolo prodotto complesso. Il modulo di gestione dell Offerta (GO), che permette di gestire la produzione del documento di offerta che include più prodotti configurati o meno. Questo modulo di può essere utilizzato anche in mancanza del modulo CP, ovvero per la gestione di offerte di referenze non soggette a configurazione. Il configuratore di prodotto è costituito da due applicazioni distinte e da un insieme di funzioni accessorie: Programmazione Configurazioni (Designer): serve per scrivere il programma specializzato che serve per configurare un certo modello di macchina. E usato solo all interno dell azienda e ha tutte le caratteristiche di un ambiente di sviluppo, anche se fortemente specializzato. Il suo output è il programma, comunque sia codificato, che serve per preparare correttamente una elab/mm&ls 3 di 9 Configuratore di Prodotto

4 configurazione per il prodotto per cui è stato predisposto. Il programma è soggetto a versione, e sono disponibili le funzioni per tenerla sotto controllo. Preparazione configurazione (Configuratore): con il programma generato dal Designer uno o più funzionari commerciale e tecnici interni o esterni all azienda configurano il prodotto, predispongono l ordine o l offerta e i documenti tecnici necessari ad avviare il processo produttivo. Funzioni accessorie: o gestione delle variabili del configuratore tecnico e altre tabelle accessorie o gestione delle versioni (di programma e di configurazione) o allineamento delle funzioni client (quando non utilizzato on line via internet) o gestione del flusso o stampa della scheda tecnica del prodotto configurato L esecuzione di una configurazione si sviluppa normalmente attraverso la proposta di una serie di scelte (domande) la cui logica è determinata dal programma di configurazione definito via Designer. La risposta alle domande porta alla corretta costruzione degli output cercati: un insieme di informazioni che servono a chiudere la distinta base produttiva, l elenco delle righe d ordine opportunamente suddivise per potere essere incorporate nell offerta e determinare il prezzo i dati atti ad identificare in seguito le caratteristiche della configurazione stessa per possibili riutilizzi. Il configuratore di prodotto è integrato in Diapason: utilizza direttamente le tabelle del data base effettivo e non richiede alcuna replica di dati o di logiche. Figura 1: lo scenario di uso del configuratore 1 Un caso particolare è la determinazione di caratteristiche che sono a listino per fasce. elab/mm&ls 4 di 9 Configuratore di Prodotto

5 Architettura e impostazione tecnica Il tipo di funzionalità e il tipo di utilizzo hanno suggerito lo sviluppo di un sistema misto, ovvero con funzionalità che possono essere fruite in modalità stand-alone e funzioni che richiedono invece la disponibilità via Internet del sistema centrale. Concettualmente il sistema di configurazione è molto simile ad un sistema software e il ciclo di vita è identico. Di fatto il configuratore di un prodotto/modello è un programma, che deve essere sviluppato, testato e distribuito agli utenti per poi essere utilizzato per configurare il prodotto stesso per gestire il processo di vendita. Inoltre è importante tenere traccia delle versioni del programma di configurazione e delle offerte che vengono prodotte. L ambiente di sviluppo dei programmi di configurazione, che chiamiamo Designer, il cui scopo è creare e mantenere i programmi di configurazione è quindi un sistema di sviluppo di software a dominio ristretto, ovvero specializzato per costruire solo un certo tipo di programmi, appunto quelli di configurazione di prodotto. Il programma di configurazione descrive la struttura dell albero di configurazione, gli oggetti che devono essere inclusi e le regole che condizionano la navigazione e le scelte degli oggetti da includere. Abbiamo deciso di scegliere Java come linguaggio per la scrittura delle regole, naturalmente mettendo a disposizione un ampio insieme di oggetti che permettono di semplificare la scrittura del codice. Questa scelta, a fronte di una sintassi un po complessa ma totalmente standard, mette a disposizione del programmatore di configurazioni tutta la potenza del linguaggio, sia in termini di calcolo che di librerie e di accesso al data base. Il designer, come qualunque applicazione IDE, è un sistema client/server. Può tuttavia operare sia in modo connesso al data base (in linea), in questo caso tutti gli elementi immessi vengono immediatamente controllati, che fuori linea: in questo caso il programma viene classificato come dirty, ossia potenzialmente con errori, e verrà ricontrollato completamente la prima volta che il programma sarà aperto con connessione attiva. L ambiente di esecuzione dei programmi creati con il Designer, il configuratore vero e proprio, usato dal personale commerciale per creare offerte ed ordini, è disponibile in diverse modalità: 1. Direttamente nell ambiente di sviluppo (designer) per la verifica immediata dei programmi in corso di sviluppo 2. In modalità client-server connesso al sistema Diapason. 3. In modalità client disconnesso con trasferimento differito delle configurazione generata. 4. Via web per potere essere incluso in specifiche applicazioni di e-commerce e comunque basate su interfaccia Internet (come SalesCentral e Diapason Web). Le scelte di architettura sono funzione con questi requisiti: Il linguaggio di sviluppo è Java quindi il nucleo del prodotto è completamente portabile. Per lo sviluppo del designer abbiamo scelto un framework Open Source disegnato per sostenere ambienti di sviluppo software e sofisticate applicazioni client-server: NetBeans. Così l aspetto e le funzioni del designer elab/mm&ls 5 di 9 Configuratore di Prodotto

6 sono conformi a quelle attese da un moderno ambiente di sviluppo interattivo (IDE). Figura 2: Il Designer del configuratore di prodotto Il Designer contiene: Uno specifico ambiente di editing grafico che permette di mantenere il sorgente del programma di configurazione, memorizzato in forma di file XML. L editing può essere indifferentemente fatto direttamente sulla forma XML o sulla forma grafica: in entrambi i casi sono attivati gli stessi controlli di correttezza. Un editor contestuale per la definizione delle regole; queste sono espresse direttamente in grammatica Java avvalendosi di apposite macro che ne semplificano la scrittura. Un compilatore, o meglio un traduttore, che trasforma il sorgente XML è e genera un programma Java. Un sistema di supporto delle traduzioni che permette di predisporre e gestire le versioni multilingua dei programmi di configurazione generati. elab/mm&ls 6 di 9 Configuratore di Prodotto

7 Il supporto alla traduzione dei testi immessi nel programma di configurazione per potere generare configuratori multilingua. La versione 1.0 supporta la traduzione in italiano, francese, inglese e tedesco.questa funzione permette di preparare configuratori che parlano nella lingua del funzionario che lo utilizza per preparare l offerta. Il problema delle lingue in questa specifica applicazione è interessante e si sviluppa su tre piani distinti: 1- La lingua del tecnico che prepara la configurazione (Il designer è fornito solamente in Italiano nella versione 1.0) 2- La lingua del funzionario che prepara la configurazione (e questa è la traduzione di cui stiamo parlando) 3- La lingua del cliente cui è destinata l offerta. E il modulo di gestione offerte estrarrà dal data base le informazioni nella lingua giusta in funzione della lingua del cliente. Figura 3: : il supporto alle traduzioni dei programmi di configurazione Le funzioni di gestione del check-in e check-out dei programmi di configurazione (eseguibili e relativi sorgenti) e della relativa gestione delle versioni. elab/mm&ls 7 di 9 Configuratore di Prodotto

8 Il Configuratore (ambiente di esecuzione) contiene: un motore che viene specializzato dal programma generato dal Designer per operare esattamente le funzionalità richieste dallo specifico prodotto/modello. Il motore, basato su interfaccia grafica, gestisce le funzioni di Undo e di Refresh, che permettono di modificare le scelte fatte in precedenza. La funzione di refresh permette di modificare una risposta e rivalutare tutte le altre risposte date in precedenza a fronte del nuovo valore: il configuratore richiederà solo le risposte che risultano ora non coerenti rispetto ai nuovi valori immessi. Il sistema di gestione di check-in, check-out delle configurazioni generate e delle relative versioni. I meccanismi di collegamento alle funzioni di immissione e modifica degli ordini e delle offerte di Diapason e di SalesCentral. Le funzioni di ricerca delle configurazioni simili e di copia di una configurazione preesistente. I programmi di configurazione e le offerte prodotte sono mantenute sotto controllo di versione utilizzando apposite strutture di tabelle relazionali sul data base di Diapason. Figura 4: l'interfaccia c/s del configuratore elab/mm&ls 8 di 9 Configuratore di Prodotto

9 Piano dei prossimi rilasci Versione ottobre 2003 Tutte le funzionalità descritte in precedenza, escluse: 1. Check-in dei programmi di configurazione 2. Interfaccia Internet del Configuratore 3. Versione client disconnessa 4. Integrazione con SalesCentral (order entry e funzioni di controllo) 5. Stampa scheda tecnica Versione 1.1 Gennaio 2004 Requisiti aggiuntivi (open source) Echo 1.0: versione HTML Struts dell interfaccia di configurazione EchoPoint 0.5: estensione di Echo J2EE o superiori Tomcat: application server Netbeans Platform 3.5: Interactive Development Environment Contenuti funzionali Come la 1.0 e inoltre: 1. Check-in/out programmi di configurazione 2. Interfaccia Internet per la componente di esecuzione 3. Integrazione Diapason Web Edition (Dnow) 4. Integrazione con Sales Central 5. Stampa scheda tecnica 6. Funzioni di aiuto al Debugging dei programmi di configurazione 7. Integrazione della gestione offerte Versione 1.2 Aprile 2004 Contenuti funzionali 1. Versione client disconnessa 2. Altre funzioni da definire 2 Ad esempio nella scelta di una autovettura un certo insieme di accessori (kit inverno e simili) è un articolo commerciale, che ha un prezzo ma non un riflesso uno a uno nella distinta base produttiva. elab/mm&ls 9 di 9 Configuratore di Prodotto

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

JSIS JSIS L architettura JSIS

JSIS JSIS L architettura JSIS JSIS JSIS L architettura JSIS La piattaforma JSIS Java Solution Integrated Suites, interamente realizzata dai nostri laboratori di sviluppo software, è una soluzione che integra la gestione di diverse

Dettagli

Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento

Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento Tecnologie per lo sviluppo di applicazioni La tendenza attuale dell'ingegneria è quella dell'integrazione di componenti

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Diapason SalesCentral. A cura della Direzione Offering

Diapason SalesCentral. A cura della Direzione Offering Il portale commerciale di Diapason A cura della Direzione Offering Per maggiori informazioni sui benefici di SalesCentral e su come può essere utilizzato nella Sua azienda, si può mettere in contatto con

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web White Paper 1 Gennaio 2005 White Paper Pag. 1 1/1/2005 L automazione della Forza Vendita Le aziende commerciali che che sviluppano e alimentano il proprio

Dettagli

Code Architects S.r.l. SWOP Semantic Web-service Oriented Platform B2SO201

Code Architects S.r.l. SWOP Semantic Web-service Oriented Platform B2SO201 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Modello M14 Allegati RTA POR PUGLIA 2007-2013 - Asse I Linea 1.1 Azione 1.1.2

Dettagli

Content Development e Open Source Pierluigi Boda Università La Sapienza di Roma

Content Development e Open Source Pierluigi Boda Università La Sapienza di Roma Content Development e Open Source Università La Sapienza di Roma Contenuti: Cos è il content management Aspetti critici nello sviluppo dei CMS Opzioni tecnologiche per il CM Peculiarità dell opzione open

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

SalesCentral 3.0. Scheda Tecnica

SalesCentral 3.0. Scheda Tecnica SalesCentral 3.0 Scheda Tecnica Indice Indice... 2 Introduzione Generale... 3 Scopo del documento... 3 I moduli di cui è composto... 3 Caratteristiche generali... 3 Modalità di distribuzione... 4 Prerequisiti

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli

Soluzioni open source integrate. per le aziende: case study. Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 29 novembre 2003

Soluzioni open source integrate. per le aziende: case study. Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 29 novembre 2003 Soluzioni open source integrate 29 novembre 2003 per le aziende: case study Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 1. Sintesi dell intervento Presentazione Case Study odierno: Intranet Moroso S.P.A. Ingredienti

Dettagli

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML Introduzione L applicazione EXPLOit gestisce i contenuti dei documenti strutturati in SGML o XML, utilizzando il prodotto Adobe FrameMaker per

Dettagli

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise Framework di Middleware per Architetture Enterprise Corso di Ingegneria del Software A.A.2011-2012 Un po di storia 1998: Sun Microsystem comprende l importanza del World Wide Web come possibile interfaccia

Dettagli

Modulo Gestione Interventi Tecnici. Il prezioso assistente che mancava alla tua impresa. www.sit-web.it

Modulo Gestione Interventi Tecnici. Il prezioso assistente che mancava alla tua impresa. www.sit-web.it Modulo Gestione Interventi Tecnici Il prezioso assistente che mancava alla tua impresa via Supporta i seguenti browser: Internet Explorer 6 e seguenti Opera 8 e seguenti Mozilla Firefox 0.8x Mozilla Firefox

Dettagli

Linee guida progetto IS. Linee guida progetto IS

Linee guida progetto IS. Linee guida progetto IS Linee guida progetto IS Linee guida progetto IS STORICO REVISIONI Data Revisione Descrizione Redatto Verificato Approvato Prima stesura Progetto Ingegneria del Software 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. ATTIVITÀ

Dettagli

Content Management Systems

Content Management Systems Content Management Systems L o Guido Porruvecchio Tecnologia e Applicazioni della Rete Internet Definizione Un Content Management System (CMS) è letteralmente un sistema per la gestione dei contenuti Definisce

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 3-Compilatori e interpreti 1 Prerequisiti Principi di programmazione Utilizzo di un compilatore 2 1 Introduzione Una volta progettato un algoritmo codificato in un linguaggio

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE Framework per il Modello 2 it.unibas.pinco versione 3.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools )

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) SCOPO : Ambiente per lo sviluppo di applicazioni WEB multimediali basate su Data Base Relazionale e strutturate secondo il modello a tre livelli: Presentazione

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com

Corso App modulo Android. Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Corso App modulo Android Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Strumentazione: PC + smartphone Android + cavo micro USB per connessione Framework Phonegap SDK di Android JDK (Java) Eclipse (opzionale)

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni: Amministrativo/Contabile Applicazione: SAI Sistema di Audit Interno Amministrazione: Agenzia delle Entrate Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Linguaggi 2 e laboratorio

Linguaggi 2 e laboratorio Linguaggi 2 e laboratorio Docente: Leonardo Badia Contatti: leonardo.badia@gmail.com Pagina web del corso: www.unife.it/scienze/informatica/ insegnamenti/linguaggi-2-laboratorio Argomenti del corso: Java

Dettagli

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072 Provincia di Lucca Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro. Sviluppo Economico SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Nuove funzionalità Max 4i

Nuove funzionalità Max 4i Nuove funzionalità Max 4i Caratteristiche operative principali del nuovo prodotto: Nuovi metodi di navigazione nell applicativo tramite albero gerarchico e tramite pop up menu: nuove modalità di ricerca

Dettagli

Applicazione: Servizio periferico per l'invio telematico delle domande di nulla osta al lavoro

Applicazione: Servizio periferico per l'invio telematico delle domande di nulla osta al lavoro Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Appl_vo/Verticale Applicazione: Servizio periferico per l'invio telematico delle domande di nulla osta al lavoro Amministrazione: Ministero dell Interno

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA0 0 Linguaggio Java 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un pc Utilizzo di Internet per il downloading di file 2 1 Introduzione In questa lezione si descrivono gli

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO

BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO Un'azienda moderna necessita di strumenti informatici efficienti ed efficaci, in grado di fornire architetture informative sempre più complete che consentano da

Dettagli

OFFERTA SOFTWARE WINPARC - FEPA e FCT WINPARC - FEPA

OFFERTA SOFTWARE WINPARC - FEPA e FCT WINPARC - FEPA OFFERTA SOFTWARE WINPARC - FEPA e FCT WINPARC - FEPA FEPA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FATTURAZIONE CONTO TERZI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COS E LA FATTURA ELETTRONICA

Dettagli

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione Personale Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei

Dettagli

Model Driven Software Development con Eclipse, StatechartUMC

Model Driven Software Development con Eclipse, StatechartUMC Model Driven Software Development con Eclipse, StatechartUMC Aldi Sulova Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione A. Faedo - CNR Via G. Moruzzi 1, 56124 Pisa, Italy aldi.sulova@isti.cnr.it Abstract.

Dettagli

come utility con la finalità di creare pagine WEB dinamiche.

come utility con la finalità di creare pagine WEB dinamiche. Il PHP nasce nel 1995 come utility con la finalità di creare pagine WEB dinamiche. In quel periodo la stragrande maggioranza delle pagine erano statiche e quindi già create e non personalizzabili per i

Dettagli

map Master Accounting Platform map map map Versioni del software MAP ERP ONE

map Master Accounting Platform map map map Versioni del software MAP ERP ONE PIATTAFORMA GESTIONALE Master Accounting Platform La piattaforma MAP è composta da software gestionali di ultima generazione, che combinano la logica, le funzionalità e le caratteristiche di un sistema

Dettagli

Registratori di Cassa

Registratori di Cassa modulo Registratori di Cassa Interfacciamento con Registratore di Cassa RCH Nucleo@light GDO BREVE GUIDA ( su logiche di funzionamento e modalità d uso ) www.impresa24.ilsole24ore.com 1 Sommario Introduzione...

Dettagli

esales Forza Ordini per Abbigliamento

esales Forza Ordini per Abbigliamento esales Rel. 2012 Forza Ordini per Abbigliamento Scopo di questo documento è fornire la descrizione di una piattaforma di Raccolta Ordini via Web e la successiva loro elaborazione in ambiente ERP Aziendale.

Dettagli

Panoramica: che cosa è necessario

Panoramica: che cosa è necessario Scheda 02 L installazione dell SDK G IOVANNI PULITI Panoramica: che cosa è necessario Per poter lavorare con applicazioni Java o crearne di nuove, il programmatore deve disporre di un ambiente di sviluppo

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

Il progetto di ricerca Ellade

Il progetto di ricerca Ellade Il progetto di ricerca Ellade Ellade ELectronic Live ADaptive Learning Gruppo di lavoro Università degli Studi della Calabria, Dipartimento di Matematica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria,

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Strumenti per la programmazione

Strumenti per la programmazione Editing del programma Il programma deve essere memorizzato in uno o più files di testo editing codice sorgente 25 Traduzione del programma Compilazione: è la traduzione effettuata da un compilatore Un

Dettagli

Transit NXT Traduzione e localizzazione contestuali

Transit NXT Traduzione e localizzazione contestuali Transit NXT Traduzione e localizzazione contestuali Design ergonomico nuove funzioni interfacce ottimizzate in base ai processi STAR Group Your single-source provider for corporate product communication

Dettagli

Indice. Introduzione PARTE PRIMA IL FRAMEWORK DI JAVASERVER FACES 1

Indice. Introduzione PARTE PRIMA IL FRAMEWORK DI JAVASERVER FACES 1 Indice Introduzione XI PARTE PRIMA IL FRAMEWORK DI JAVASERVER FACES 1 Capitolo 1 Introduzione a JavaServer Faces 3 1.1 Che cos è JavaServer Faces 3 1.2 La storia di JavaServer Faces 4 1.3 Gli obiettivi

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Architetture Software Giulio Destri Ing. del Sw: Architettura - 1 Scopo del modulo

Dettagli

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Qualifica: INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità italiana Data di nascita 08/10/1974 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Da Settembre

Dettagli

SIAB 190 MANUALE UTENTE

SIAB 190 MANUALE UTENTE SIAB 190 Servizio ausiliario web per la compilazione e pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Legge anticorruzione MANUALE UTENTE Manuale aggiornato il 09/12/2013 Sommario:

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E.

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Bologna, 08/02/2010 Outline Da applicazioni concentrate a distribuite Modello

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

APPENDICE 8 AL CAPITOLATO TECNICO. Strumenti, standard e modalità d uso per la gestione configurazione

APPENDICE 8 AL CAPITOLATO TECNICO. Strumenti, standard e modalità d uso per la gestione configurazione CONSIP S.p.A. APPENDICE 8 AL CAPITOLATO TECNICO Strumenti, standard e modalità d uso per la gestione configurazione Capitolato relativo all affidamento dei servizi di Sviluppo, Manutenzione e Gestione

Dettagli

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java Ing. Luca Ferrari ferrari.luca@unimore.it Tel. 0592056142 Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java 1 Il Compilatore

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

ListinoWX. Versione 2010 Estratto Dal Manuale. Depliant illustrativo. ListinoWX ScriptLab vers.2010 Depliant illustrativo

ListinoWX. Versione 2010 Estratto Dal Manuale. Depliant illustrativo. ListinoWX ScriptLab vers.2010 Depliant illustrativo ListinoWX Depliant illustrativo Versione 2010 Estratto Dal Manuale 1 ListinoWX Framework gestionale ERP nato dalla collaborazione con aziende del settore agroalimentare, adattabile a tutte quelle imprese

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Il modello di gestione documentale per la CN-ER

Il modello di gestione documentale per la CN-ER Il modello di gestione documentale per la CN-ER Cos è GeDoc GeDoc è un modello concettuale per la Regione Emilia-Romagna. È stato elaborato sulla base della normativa di riferimento e nel rispetto di standard

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 4 Linguaggi di programmazione

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 4 Linguaggi di programmazione Università Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 4 Linguaggi di programmazione Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Seminario. Metodologia multistep per la realizzazione di siti web

Seminario. Metodologia multistep per la realizzazione di siti web Seminario Metodologia multistep per la realizzazione di siti web Sommario 1. Introduzione: Scopo Metodologia (macrofasi) Perché è stata introdotta 2. Esposizione della metodologia: Illustrazione delle

Dettagli

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse Prova Finale a.a. 2011/2012 Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse 1 Java 6 Standard Edition Linguaggio Java (... (javac, Tool di sviluppo Librerie per l'interfaccia grafica Librerie di base Macchina

Dettagli

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1 Presentazione della famiglia 2.2 4/30/2003 Infosquare.com 1 La piattaforma Un ambiente completo e versatile per la costruzione di portali aziendali Una piattaforma integrata di content management per raccogliere,

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione Tesi di laurea Reingegnerizzazione ed estensione di uno strumento per la generazione di siti Web Relatore Prof. P.Atzeni Università

Dettagli

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management)

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management) Thea PDM Il PDM (Product Data Management) Nell'industria manifatturiera il PDM è un software per la raccolta ed organizzazione dei file nelle divere fasi di ideazione, progettazione, produzione ed obsolescenza

Dettagli

Linguaggi e Tecnologie Multimediali TV interattiva e Mobile TV

Linguaggi e Tecnologie Multimediali TV interattiva e Mobile TV Linguaggi e Tecnologie Multimediali TV interattiva e Mobile TV CMS Personalizzazione pagine web, sistema di gestione contenti (CMS) finalizzata all ottimizzazione del flusso di acquisizione e promozione

Dettagli

Manuale utente Volta Control

Manuale utente Volta Control Manuale utente Volta Control www.satellitevolta.com 1 www.satellitevolta.com 2 Volta Control è un tool che permette la progettazione, l implementazione e la gestione di database Cassandra tramite interfaccia

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

APPENDICE. Appendice. Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java

APPENDICE. Appendice. Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java APPENDICE Appendice Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java Per imparare a programmare non è sufficiente leggere gli esempi del testo, ma è necessario scrivere ed eseguire realmente i programmi. Tutti

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE

LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE San Benedetto PIANO DI LAVORO Docente Stefano Maggi Disciplina INFORMATICA Libro di testo INFORMATICA 2 di Gallo Sirsi ed. Minerva Scuola Classe/Sezione Terza Anno scolastico

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

ECDL Base. Moduli compresi: Descrizione.

ECDL Base. Moduli compresi: Descrizione. ECDL Base Com'è facilmente deducibile anche dal nome, la certificazione ECDL Base attesta il livello essenziale di competenze informatiche e web del suo titolare, aggiornate alle funzionalità introdotte

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

Ministero della Difesa/ Stato Maggiore della Difesa

Ministero della Difesa/ Stato Maggiore della Difesa Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Verticale Applicazione: CMS/CMD - Card Management System - Carta Multiservizi della Difesa Amministrazione: Ministero della Difesa/ Stato Maggiore

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB Avviso Pubblico PROV-BR 02/2013 PO FSE 2007/2013 ASSE II OCCUPABILITA' Formazione per Inserimento-Reinserimento Lavorativo Approvato con D.D. n.85 del 24/01/2014, pubblicata sul BURP n. 17 del 06/02/2014

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Gli elaboratori utilizzano memoria per Dati da elaborare Istruzioni eseguite dall elaboratore software differenti risoluzione problemi differenti Algoritmo

Dettagli

SITAT 190 MANUALE UTENTE

SITAT 190 MANUALE UTENTE OSSERVATORIO REGIONALE CONTRATTI PUBBLICI (L.R. 38/07) SEZIONE REGIONALE OSSERVATORIO CONTRATTI PUBBLICI (D.Lgs. 163/06) SITAT 190 Servizio ausiliario web per la compilazione e pubblicazione dei dati ai

Dettagli

Architetture per la comunicazione nel Web

Architetture per la comunicazione nel Web 1 Architetture per la comunicazione nel Web 1.1 Principi di base Su Web, le comunicazioni si caratterizzano per un paradigma di funzionamento dell interazione noto con il nome di client-server. A ciò si

Dettagli

Il linguaggio di programmazione JAVA

Il linguaggio di programmazione JAVA Introduzione a JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione alle ASP

Corso basi di dati Introduzione alle ASP Corso basi di dati Introduzione alle ASP Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre Web statico e Web interattivo In principio il Web era una semplice collezione di pagine

Dettagli

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Candidato Izzo Giovanni, Matr. 41/1305 Relatore Prof. Porfirio Tramontana 1 Panoramica su contesto ed obiettivi Il contesto della tesi è legato

Dettagli

Passaggio dei dati tra HTML e PHP : array superglobali $_GET e $_POST

Passaggio dei dati tra HTML e PHP : array superglobali $_GET e $_POST Passaggio dei dati tra HTML e PHP : array superglobali $_GET e $_POST I valori inviati da un modulo (con metodo post o get), sono automaticamente memorizzati da PHP sia in variabili di ambiente associate

Dettagli