LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI"

Transcript

1 LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI Francesca Pirani Spoleto, 30 Marzo

2 COSTI PER ATTREZZATURE DUREVOLI Le attrezzature durevoli sono beni che: non esauriscono la propria utilità dopo un utilizzo protratto per più anni; sono considerati beni inventariabili dalla disciplina interna. 2

3 BENI PATRIMONIALI I beni patrimoniali si suddividono in: IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI; IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI; IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE. 3

4 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le Immobilizzazioni Materiali si suddividono in: BENI MOBILI; BENI IMMOBILI. I beni considerati inventariabili dalla disciplina interna degli Atenei sono le immobilizzazioni materiali; quasi tutti i Regolamenti dell Inventario degli Atenei disciplinano in maniera dettagliata solo i beni mobili. 4

5 PRINCIPI PER LA RENDICONTAZIONE DEI BENI ATTUALITA. ECONOMICITA. NECESSARIETA. DUREVOLI RISPETTO DEI PRINCIPI CONTABILI DEL CONTRAENTE. RISPETTO DEL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA TEMPORALE. RISPETTO DEL PRINCIPIO DEL COSTO STORICO. 5

6 REGOLAMENTAZIONE DEGLI ATENEI IN MATERIA PATRIMONIALE 1. Regolamento dell Inventario. 2. Regolamento della Contabilità Economico Patrimoniale. 6

7 QUALI SONO I BENI INVENTARIABILI Sono soggetti ad inventario i beni MATERIALI, MOBILI e DUREVOLI di proprietà dell Ateneo. I beni inventariabili sono distinti nelle seguenti categorie: 1. Mobili, arredi, macchine da ufficio. 2. Materiale bibliografico. 3. Collezioni scientifiche e storiche. 4. Strumenti tecnici e attrezzature in genere. 5. Automezzi e altri mezzi di trasporto. 6. Fondi pubblici e privati. 7. Altri beni mobili. 7

8 BENI MOBILI ESCLUSI DALL INVENTARIO Limiti intrinseci al bene. E escluso dall inventario il materiale di consumo, cioè tutti quei beni che, per la loro intrinseca composizione, per la loro fragilità e per la facile usura, sono destinati ad essere utilizzati in tempi limitati. Limiti di valore del bene. Sono soggetti ad inventario i beni con valore unitario significativo. 8

9 QUAL E IL VALORE DI INVENTARIAZIONE DEI BENI Il valore del bene ai fini dell inventario è calcolato sulla base del principio del COSTO STORICO. Costo storico = complesso degli oneri finanziari che un soggetto ha effettivamente sostenuto per procurarsi un bene o un servizio = Costo di acquisto + costi direttamente attribuibili, così come prevedono le norme legislative ed i principi contabili. Nel valore del bene vanno sempre comprese: spese di spedizione, trasporto, installazione, eccetera. 9

10 QUAL E IL MOMENTO DI INVENTARIAZIONE DEI BENI Momento della consegna del bene da parte del fornitore; Firma del verbale di collaudo del bene. 10

11 QUAL E IL COSTO RENDICONTABILE Le Linee Guida Finanziarie del VI P.Q. prevedono che il costo dell apparecchiatura può includere tutti i costi necessari per portare il bene nella condizione di essere utilizzato (prezzo d acquisto, costi dell allestimento, costi di trasporto e consegna, costi di installazione, onorari di liberi professionisti). Il costo deve essere determinato secondo le pratiche abituali di contabilità del contraente. Ogni contraente deve applicare il proprio sistema usuale di ammortamento. 11

12 COS E L AMMORTAMENTO L ammortamento = meccanismo di calcolo contabile: il costo di acquisto delle immobilizzazioni viene suddiviso per il numero di anni di vita utile. Scopo di questo meccanismo è determinare la quota di ammortamento, cioè il valore del deprezzamento fisico, tecnologico e commerciale del bene. Sotto il profilo contabile, in ogni periodo amministrativo bisogna rilevare fra i costi la quota di ammortamento e fra le passività dello Stato Patrimoniale un fondo ammortamento che rettifica indirettamente il costo pluriennale del bene da ammortizzare. 12

13 L AMMORTAMENTO NELL AMBITO DELLA RENDICONTAZIONE. Per l Unione Europea il costo ammissibile per le attrezzature durevoli è basato sull applicazione del meccanismo dell ammortamento. Esso è stabilito in relazione alla vita utile del bene e alla misura in cui il bene è utilizzato ai fini del progetto. L ammortamento può essere calcolato sul bene acquistato prima della data di inizio del contratto purché utilizzato nel progetto e limitatamente alle quote non ancora ammortizzate. La percentuale e il tempo di utilizzo del bene devono essere verificabili. 13

14 I METODI DI AMMORTAMENTO Il costo va rendicontato secondo l usuale sistema di ammortamento che può essere: Lineare (a quote costanti); Digressivo (a quote decrescenti). Il metodo lineare si applica dividendo il valore da ammortizzare per gli anni di vita utile del bene. Il metodo digressivo prevede l applicazione di quote d ammortamento decrescenti nell ipotesi di beni strumentali che diano una maggiore utilità nei primi anni di utilizzo. 14

15 COSTO RENDICONTABILE METODO D AMMORTAMENTO LINEARE (A/B) x C x D dove C = costo storico; B = periodo di ammortamento. A = periodo di utilizzo per lo svolgimento dell attività di ricerca. D = percentuale di utilizzo delle apparecchiature per lo specifico progetto. 15

16 COSTO RENDICONTABILE METODO D AMMORTAMENTO DIGRESSIVO (A/B) x C x D dove C = quota d ammortamento digressiva; B = periodo da rendicontare; A = periodo di utilizzo durante il periodo da rendicontare; D = percentuale di utilizzo delle apparecchiature per lo specifico progetto. 16

17 ESEMPIO 1 METODO D AMMORTAMENTO LINEARE Bene durevole: attrezzatura scientifica per ricerca. Aliquota d ammortamento = 25%. Costo d acquisto: ,00 Euro. Data di acquisto: 01/01/2008. Durata Progetto di Ricerca: 01/01/07 31/12/10 (4 anni). % di utilizzo per lo specifico Progetto: 100%. (36/48) x x 100% = ,00 = costo ammissibile per la rendicontazione. 17

18 ESEMPIO 2 METODO D AMMORTAMENTO LINEARE (aliquota del 1 anno ridotta della metà) Bene durevole: attrezzatura scientifica per ricerca. Aliquota d ammortamento = 25% (1 anno = 12,5%). Costo d acquisto: ,00 Euro. Quota d ammortamento 1 anno = ( * 12,5%) = 6.250,00. Quota d ammortamento anni successivi = ( * 25%) = ,00. Data di acquisto: 01/01/2008. Durata Progetto di Ricerca: 01/01/07 31/12/10 (4 anni). % di utilizzo per lo specifico Progetto: 100%. [(12/12) x 6.250,00 x 100%] + [(24/12) x ,00 x 100%] = ,00 = costo ammissibile per la rendicontazione. 18

19 LE ALIQUOTE DI AMMORTAMENTO Aliquota di ammortamento = percentuale annuale di deprezzamento dell attrezzatura. % 19

20 TABELLA DELLE ALIQUOTE DI AMMORTAMENTO La tabella delle aliquote di ammortamento in vigore per l Ateneo di Modena e Reggio Emilia è la seguente: Tipo di immobilizzazione Mobili e arredi Macchine da ufficio Attrezzature informatiche Strumentazioni scientifiche Attrezzature e apparecchiature per la ricerca scientifica Attrezzature didattiche Strumentazioni varie Automezzi e altri mezzi di trasporto Altri beni mobili Aliquote d ammortamento 15% 15% 40% 15% 25% 15% 15% 20% 20% 20

21 ATTREZZATURE E APPARECCHIATURE PER LA RICERCA SCIENTIFICA: L ALIQUOTA D AMMORTAMENTO. Ateneo di Modena e Reggio Emilia Consiglio di Amministrazione del 27/07/2006 Introduzione di un nuovo tipo di immobilizzazione: Attrezzature e apparecchiature per la ricerca scientifica. Per questa categoria si sono constatate: durata economico tecnica inferiore rispetto alle normali strumentazioni scientifiche; necessità di mantenimento di elevati standard tecnologici; veloce grado di obsolescenza; veloce superamento tecnologico. 21

22 DOCUMENTI PER LA RENDICONTAZIONE (1) Ordini ai fornitori; Documenti di trasporto; Eventuali verbali di collaudo; Fatture; Contabili bancarie e/o estratti conto bancari da cui risultino i pagamenti; 22

23 DOCUMENTI PER LA RENDICONTAZIONE (2) Prova dell iscrizione dei beni nel registro delle immobilizzazioni materiali; Dettaglio del calcolo effettuato ai fini della determinazione del costo ammissibile di ogni singolo cespite (sulla base della formula ((A/B)xCxD); Dichiarazione firmata dal responsabile del progetto dalla quale risultino evidenti le motivazioni che giustificano la percentuale di utilizzazione applicata al progetto; Qualora le attrezzature non siano presenti, dichiarazione che motivi la circostanza a firma del responsabile del progetto; 23

24 DOCUMENTI PER LA RENDICONTAZIONE (3) Riepilogo dei dati relativi alla spesa come segue: Attrezzatura durevole N Inv. Descrizione Costo (C) Periodo di ammortamento (B) Periodo di utilizzo (A) % di utilizzo nel progetto (D) Totale costo = (A/B)*C*D 24

25 DOCUMENTI PER LA RENDICONTAZIONE (4) Al fine di documentare la percentuale di utilizzazione dichiarata, è importante istituire un apposito schema di rilevazione/rendicontazione. Carta intestata Dipartimento PROGETTO X G e n. F e b. M a r. Firma del Responsabile Scientifico 25

26 DOCUMENTI PER LA RENDICONTAZIONE (5) Fatture disciplina IVA Le operazioni compiute nell ambito dei contratti di ricerca sottoscritti con la Commissione Europea dal punto di vista IVA sono disciplinate dall art. 72, c. 3, n 3 del DPR 633/72. Non imponibilità IVA : vale per cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate alle Comunità Europee, nell esercizio delle proprie funzioni istituzionali, anche se effettuate ad imprese o Enti per l esecuzione di contratti di ricerca e di associazione conclusi con le dette Comunità.. Requisito essenziale = sussistenza di un vero e proprio contratto con l Unione Europea. La non imponibilità è totale o parziale in linea con la percentuale di partecipazione della Commissione alle spese. 26

27 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Beni acquisiti in leasing (1). Contratto di leasing = contratto atipico che attua un'operazione finanziaria in cui una parte concede all'altra il godimento di un bene verso il corrispettivo di un canone periodico per un certo periodo di tempo. Alla scadenza del contratto la parte che ha ricevuto in godimento il bene potrà decidere se restituire il bene, acquistarlo ovvero optare per altra soluzione prevista dal contratto. 27

28 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Beni acquisiti in leasing (2). Il Leasing si distingue tra: LEASING OPERATIVO LEASING FINANZIARIO 28

29 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Beni acquisiti in leasing (3). Metodi di contabilizzazione del Leasing: METODO PATRIMONIALE METODO FINANZIARIO 29

30 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Beni acquisiti in leasing (4). Per l Unione Europea il leasing va rendicontato nella voce equipment. Occorre tenere presente che: il totale dei canoni pagati non deve essere superiore all importo che si sarebbe rendicontato se il bene fosse stato acquistato. Pertanto bisogna applicare la classica formula A/BxCxD per stabilire, in ogni periodo da rendicontare e per l intero progetto, il limite massimo per la rendicontazione dei canoni. I canoni comprendono una parte di interessi passivi che va detratta, in quanto gli interessi passivi sono ineleggibili. 30

31 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Beni acquisiti in leasing (5). Bene durevole: attrezzatura scientifica per ricerca. Aliquota d ammortamento = 25%. Costo d acquisto: ,00 Euro. Data di stipula del contratto di leasing: 01/01/2008. Durata del contratto di leasing: 01/01/ /12/2010 (3 anni). Canone leasing annuale: ,00 Euro (15.000,00 quota capitale; 2.000,00 quota interessi). Prezzo di riscatto: 8.000,00 Euro (5.000,00 quota capitale; 3.000,00 quota interessi). Durata Progetto di Ricerca: 01/01/ /12/2010 (4 anni). % di utilizzo per lo specifico Progetto: 100%. Costo massimo rendicontabile sulla base dell ammortamento = (36/48) x x 100% = ,00 = costo ammissibile per la rendicontazione. Canoni di leasing rientranti nella durata del progetto = (15.000,00 x 3) ,00 = ,00. Canoni di leasing imputabili alla voce equipment =37.500,00. 31

32 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Prototipi. Qualora un attrezzatura o un software vadano ad integrare un prototipo, l attrezzatura o il software pur essendo per natura beni durevoli sulla base della destinazione specifica vanno rendicontati all interno del materiale di consumo. 32

33 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Materiale bibliografico. Qualora l acquisto di un libro sia strettamente inerente il progetto di ricerca, in linea teorica è possibile inserire il costo relativo all interno degli equipment ; bisogna però sottolineare che nel caso del materiale bibliografico è molto difficile dimostrare la percentuale di utilizzo del bene per lo specifico progetto. 33

34 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Manutenzioni ordinarie e straordinarie (1). Costi di manutenzione ordinaria = quelli sostenuti per mantenere in efficienza le immobilizzazioni materiali al fine di ripristinarne il normale funzionamento senza migliorare le prestazioni, né aumentare la vita utile. Le spese di manutenzione ordinaria costituiscono costi dell esercizio in cui sono state sostenute. 34

35 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Manutenzioni ordinarie e straordinarie (2). Costi di manutenzione straordinaria = quelli che comportano un aumento significativo di produttività o di vita utile del cespite. I costi di manutenzione straordinaria vanno capitalizzati. Nel caso specifico in cui l intervento di manutenzione preveda la sostituzione di una parte rilevante del bene stesso con una nuova che ne migliora le prestazioni o ne aumenta la vita utile, si rende necessario: procedere allo scarico parziale per il valore della parte vecchia sostituita; procedere all aumento di valore per il valore della parte nuova. 35

36 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI INVENTARIABILI: Manutenzioni ordinarie e straordinarie (3). Per quanto riguarda le regole di rendicontazione di questi costi, vale il principio generale dell applicazione delle regole contabili del contraente, purché non in contrasto con quelle dell Unione Europea. Pertanto i costi di manutenzione ordinaria rientrano fra le spese generali, quelli di manutenzione straordinaria rientrano fra gli equipment. 36

37 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI NON INVENTARIABILI: Il software (1). Il software viene distinto in: a) software di base costituito dall'insieme delle istruzioni indispensabili per il funzionamento dell'elaboratore (Sistemi operativi ad esempio: Windows e applicativi standard ad esempio: Office); b) software applicativo costituito dall'insieme delle istruzioni che consentono l'utilizzo di funzioni del software di base al fine di soddisfare specifiche esigenze dell'utente. 37

38 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI NON INVENTARIABILI: Il software (2). I costi per la produzione o l'acquisto del software di base vanno capitalizzati insieme al bene materiale (hardware). Per quanto riguarda il software applicativo, l'iscrizione dei relativi costi deve essere così articolata: b.1) Software applicativo acquistato a titolo di proprietà: costi iscritti fra le Immobilizzazioni immateriali Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno". b.2) Software applicativo acquistato a titolo di licenza d'uso a tempo indeterminato: costi iscritti fra le Immobilizzazioni immateriali Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno". 38

39 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI NON INVENTARIABILI: Il software (3). b.3) Software applicativo acquistato a titolo di licenza d'uso a tempo determinato. b.3.1) Contratto di licenza d'uso con pagamento di un corrispettivo periodico: costi imputati a conto economico. b.3.2) Contratto di licenza d uso con pagamento di un corrispettivo "una tantum": costi iscritti fra le Immobilizzazioni immateriali Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno". 39

40 ALCUNI CASI SPECIFICI DI RENDICONTAZIONE DI BENI NON INVENTARIABILI: Il software (4). b.4) Software applicativo prodotto per uso interno "tutelato": costi iscritti fra le Immobilizzazioni immateriali Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno". b.5) Software applicativo prodotto per uso interno "non tutelato": i relativi costi possono essere o imputati a costi nel periodo di sostenimento o, se hanno dato luogo a programmi utilizzabili per un certo numero di anni all'interno dell'impresa, capitalizzati ed iscritti fra le "Altre immobilizzazioni immateriali". Ai fini della rendicontazione, le spese per software rientranti fra i costi di esercizio vanno indicate fra le spese di consumo, quelle per software rientranti fra le immobilizzazioni vanno indicate fra gli equipment. 40

RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI. Francesca Pirani 1. Spoleto, 30 Marzo 2007

RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI. Francesca Pirani 1. Spoleto, 30 Marzo 2007 RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI Francesca Pirani 1 Spoleto, 30 Marzo 2007 Introduzione. [Innanzitutto bisogna premettere che poiché ancora non sono state predisposte le Linee Guida Finanziarie

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario 1 modulo Classificazione codice civile La classe B-I dell art. 2424 C.C. individua 7 categorie di immobilizzazioni

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Le immobilizzazioni immateriali

Le immobilizzazioni immateriali Le immobilizzazioni immateriali B) IMMOBILIZZAZIONI I - Immobilizzazioni immateriali 1) costi di impianto e di ampliamento; 2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità; 3) diritti di brevetto industriale

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI sono: FATTORI PRODUTTIVI AD UTILIZZO PLURIENNALE «STRUMENTI» DEL PROCESSO PRODUTTIVO Le immobilizzazioni incorporano

Dettagli

Vademecum per l inventariazione dei beni (A cura dei settori Finanza e contabilità e Gestione amministrativa del patrimonio )

Vademecum per l inventariazione dei beni (A cura dei settori Finanza e contabilità e Gestione amministrativa del patrimonio ) Vademecum per l inventariazione dei beni (A cura dei settori Finanza e contabilità e Gestione amministrativa del patrimonio ) Allegato 6 Ai sensi dell art. 36 del Regolamento per l Amministrazione, la

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DI ATENEO Emanato con D.R. n. 10792 del 8.1.2007. Ultime modifiche apportate con D.R. n. 14650 del 15.05.2009. Entrato in vigore il 30.05.2009 1 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO

Dettagli

METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO

METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO ALLEGATO I METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO DEI CESPITI 1 Introduzione, finalità ed ambito di applicazione Il presente manuale è rivolto al Gestore del S.I.I. con lo scopo di fornire le

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 IMPORTO DEL PLAFOND ASSEGNATO AD ITALIA-COMFIDI IMPORTO

Dettagli

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari Il Patrimonio Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari 6 e 22 febbraio 2007 a cura di Noemi Rossi 1 Inventario I beni immobili

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ PROCEDURALI PER L IMPUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ PROCEDURALI PER L IMPUTAZIONE REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ PROCEDURALI PER L IMPUTAZIONE E LA RENDICONTAZIONE DEI COSTI RELATIVI AI PROGETTI EUROPEI FINANZIATI NELL AMBITO DELLA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 Art. 1 Finalità Il

Dettagli

La gestione dei beni strumentali

La gestione dei beni strumentali Albez edutainment production La gestione dei beni strumentali Classe IV ITC 1 In questo modulo: Le modalità di acquisizione dei beni strumentali; Beni strumentali e bilancio; Ammortamento dei beni strumentali

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

Il Passaggio dal VI al VII Programma Quadro: elementi di gestione e di rendicontazione

Il Passaggio dal VI al VII Programma Quadro: elementi di gestione e di rendicontazione Il Passaggio dal VI al VII Programma Quadro: elementi di gestione e di rendicontazione Roberta Chellini Area Sistema Contabile Ufficio Progetti di Ricerca Internazionali 1 RENDICONTAZIONE DEL 6 PROGRAMMA

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali BENI MOBILI DUREVOLI IMPIANTI E MACCHINARI ATTREZZATURE Industriali / Commerciali MACCHINE Elettriche

Dettagli

Nota integrativa al 31 dicembre 2014

Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Premessa Sig.ri Associati, nell che si è appena concluso la Vostra Associazione ha mantenuto la qualifica di ONLUS ricorrendone tutti i requisiti di legge. Nel corso

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali a.a. 2010-2011 Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali 1 IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

INFORMAZIONI SUL LEASING

INFORMAZIONI SUL LEASING INFORMAZIONI SUL LEASING CHE COS'È IL LEASING Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare

Dettagli

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi pluriennali

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi pluriennali I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi pluriennali azienda/fornitori circuiti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore fisico-tecnico

Dettagli

Il Leasing Finanziario.

Il Leasing Finanziario. Leasing Finanziario e Leasing Operativo: elementi distintivi e principali differenze. di Pietro Bottani e Massimiliano Meoni Dottori Commercialisti in Prato Premessa. La formula del finanziamento in leasing,

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DEI COSTI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DEI COSTI 1. Forma delle dichiarazioni di spesa Le dichiarazioni di spesa e le rendicontazioni dovranno essere redatte in conformità allo schema

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad LEASING Il codice civile non menziona esplicitamente fra i singoli contratti la locazione finanziaria per cui quest ultima si configura come un contratto atipico È un contratto mediante il quale una parte

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ART. 1 GESTIONE DEL PATRIMONIO La gestione del patrimonio

Dettagli

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Allegato 9 Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Nuova Generazione di Idee. Le politiche e le Linee di intervento di Regione Lombardia per i Giovani SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI

Dettagli

LUCOS ALTERNATIVE ENERGIES SPA

LUCOS ALTERNATIVE ENERGIES SPA LUCOS ALTERNATIVE ENERGIES SPA Sede Legale STRADA DELLO STABILIMENTO 1 NARNI TR Iscritta al Registro Imprese di TERNI - C.F. e n. iscrizione 09822071008 Iscritta al R.E.A. di TERNI al n. 100193 Capitale

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA BILANCIO: A.85 - DIPARTIMENTO DI MATEMATICA PREVENTIVO FINANZIARIO ANNO 2011 Chiave iniziali F.E ENTRATE F.E.0 AVANZO 823.279,82 823.279,82 F.E.1 ENTRATE PROPRIE

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Misura 3.14 Erogazioni in acconto e Rendicontazione dello stato di avanzamento e finale

Misura 3.14 Erogazioni in acconto e Rendicontazione dello stato di avanzamento e finale Messina, 27 Aprile 2006 Misura 3.14 Erogazioni in acconto e Rendicontazione dello stato di avanzamento e finale Alessandro Sblandi Banca Nuova SpA Prima quota in acconto Per contributi in conto capitale

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA Approvato dal Consiglio Generale con deliberazione n. 555. del 14/05/2007 CAPO I ART. 1 FINALITA E PRINCIPI Principi generali L attività amministrativa del

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Azienda Territoriale Energia e Servizi A.T.E.S. SRL Via Padre Benigno Calvi n.3, Trezzo sull Adda (MI) Capitale sociale 73.450 i.v. Registro delle imprese di Milano n.05064840969 REA 1793521 Nota integrativa

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 11/2015

NOTA OPERATIVA N. 11/2015 NOTA OPERATIVA N. 11/2015 OGGETTO: Il trattamento contabile e fiscale di software e siti web aziendali - Premessa La presente nota operativa riguarda un tema complesso e di non facile applicazione pratica:

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L.

AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L. AZIENDA TERRITORIALE ENERGIA E SERVIZI A.T.E.S. S.R.L. Sede in VIA ROMA 1 20056 TREZZO SULL'ADDA MI Codice Fiscale 05064840969 - Numero Rea Milano 1793521 P.I.: 05064840969 Capitale Sociale Euro 80.000

Dettagli

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI ALLEGATO 2.1 PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI Premessa Nella predisposizione del presente documento si è tenuto conto dei risultati emersi durante la prima fase del nostro lavoro che è consistita

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

Comune di Bologna Area Vivibilità Urbana

Comune di Bologna Area Vivibilità Urbana Comune di Bologna Area Vivibilità Urbana "Manuale per la rendicontazione dei progetti d impresa beneficiari delle agevolazioni finanziarie nell'ambito del bando pubblico approvato con determinazione dirigenziale

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE LA PRIMULA ONLUS. Bilancio al 31/12/2011

SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE LA PRIMULA ONLUS. Bilancio al 31/12/2011 Reg. Imp. 03076710262 Rea 219063 Albo Nazionale Cooperative a Mutualità Prevalente n. A151631 Sede in VIA BASSE 2-31030 CASIER (TV) Capitale sociale variabile Bilancio al 31/12/2011 Stato patrimoniale

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

B) partner nello svolgimento del progetto

B) partner nello svolgimento del progetto L IVA sui progetti di ricerca finanziati dall Unione Europea L'art. 72 del DPR 633/72, come regola generale, prevede che siano non imponibili le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese alle Comunità

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it è disponibile un semplice ed utilissimo software sull analisi di bilancio predisposto dall autore in vendita

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

Le costruzioni in economia

Le costruzioni in economia 1 L acquisizione delle immobilizzazioni MODALITÀ DI ACQUISIZIONE Le immobilizzazioni possono essere acquisite: in proprietà in godimento 2 ACQUISIZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI (IN PROPRIETÀ) Acquisti da

Dettagli

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile.

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile. NOTA DI RICLASSIFICAZIONE Come si evince dai prospetti di bilancio, l'azienda è proprietaria di un appezzamento di terreno: per il 50% è adibito ad uso industriale, mentre la restante parte ha destinazione

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 05, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

Linee Guida per l ammissibilità delle spese

Linee Guida per l ammissibilità delle spese Regione Puglia Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Politiche Giovanili e Sport PRINCIPI ATTIVI Giovani idee per una Puglia migliore Linee Guida per l ammissibilità delle spese Con

Dettagli

ALLEGATO 2. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

ALLEGATO 2. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione ALLEGATO 2 BANDO RICERCA, INNOVAZIONE E CRESCITA Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione delle spese sostenute

Dettagli

PROCEDURA GENERALE. Nominativo Funzione Data. Dirigente Amm.vo Resp. f.f. S.C.

PROCEDURA GENERALE. Nominativo Funzione Data. Dirigente Amm.vo Resp. f.f. S.C. PROCEDURA GENERALE Acquisizione cespiti (CEF.PG.1458.00).doc pag1/12 Individuazione separata dei cespiti acquisiti con contributi in conto capitale, i cespiti acquistati con contributi in conto esercizio,

Dettagli

Disposizioni generali

Disposizioni generali Disposizioni generali Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve aver realizzato gli investimenti oggetto di finanziamento presso una unità locale in Toscana. Tutti i giustificativi di spesa

Dettagli

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012 FIARC FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154 Bilancio al 31/12/2012 Stato patrimoniale attivo 31/12/2012 31/12/2011 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

La gestione di beni strumentali

La gestione di beni strumentali La gestione di beni strumentali Obiettivi Conoscenza - Saper classificare le immobilizzazioni - Conoscere le problematiche relative all acquisizione, gestione e dismissione dei beni strumentali sotto il

Dettagli

Associazione 21 Luglio Onlus

Associazione 21 Luglio Onlus Associazione 21 Luglio Onlus Sede in Roma, Via Bassano del Grappa n.24 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 Criteri di formazione Il bilancio è redatto in forma abbreviata ed è composto da

Dettagli

TESTO VIGENTE TESTO MODIFICATO Commenti ASSIREVI. dell'assemblea. conto economico, dal rendiconto finanziario e dalla nota integrativa.

TESTO VIGENTE TESTO MODIFICATO Commenti ASSIREVI. dell'assemblea. conto economico, dal rendiconto finanziario e dalla nota integrativa. Allegato 2 2 1. Codice Civile: prospetto di comparazione tra disposizioni vigenti e le modifiche proposte dallo schema di decreto legislativo. Art. 2357-ter (Disciplina delle proprie azioni). 1. Gli amministratori

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni

La valutazione delle immobilizzazioni Bilancio d esercizio - Valutazione delle Immobilizzazioni Art. 2426, Co. 1, punto 1 Criterio del costo di acquisto (costi accessori) Criterio del costo di produzione Lezione 19 1 B-II Immobilizzazioni

Dettagli

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO 4 COSTI DI RICERCA E SVILUPPO Attivo SP B.I.2 Prassi Documento OIC 12; Documento OIC 16; Documento OIC 24; Guida all applicazione dell impairment test dello IAS 36 1 PREMESSA La voce B.I.2 dello Stato

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE

DISCIPLINARE DI CONCESSIONE Allegato 3B INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO INIZIATIVA COFINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 DELLA REGIONE MOLISE DISCIPLINARE DI CONCESSIONE conforme allo

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

Ricevimento della fattura di acquisto dell impianto: FORNITORI A + DEBITI VF - IMPIANTI D COSTO PLURIENNALE VE - IVA NS CREDITO D + CREDITI VF +

Ricevimento della fattura di acquisto dell impianto: FORNITORI A + DEBITI VF - IMPIANTI D COSTO PLURIENNALE VE - IVA NS CREDITO D + CREDITI VF + ESERCIZIO IMMOBILIZZAZIONI 09/11/200N - Ricevuta fattura di acquisto di un IMPIANTO al prezzo di Euro 60.000 + IVA 20%. 14/11/200N - Ricevuta fattura relativa al trasporto e al montaggio dell impianto

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE Relazione Conto economico e stato patrimoniale Maggio 2014 1 Relazione economica 2014 Il D.Leg.vo n. 77/1995 ha introdotto

Dettagli

allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014

allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014 allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO IN COLLABORAZIONE

Dettagli

Tipologia 1 Progetti di ricerca e sviluppo delle PMI

Tipologia 1 Progetti di ricerca e sviluppo delle PMI ALLEGATO 3 Interventi a favore della ricerca industriale delle imprese operanti nelle filiere maggiormente coinvolte dagli eventi sismici del maggio 2012 Tipologia 1 Progetti di ricerca e sviluppo delle

Dettagli

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI MANUTENZIONE E a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Ai fini della chiusura del Bilancio d'esercizio il tema oggetto

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

FONDAZIONE SLALA Iscritta nel registro delle persone giuridiche presso la Prefettura di Alessandria al n 33/2008

FONDAZIONE SLALA Iscritta nel registro delle persone giuridiche presso la Prefettura di Alessandria al n 33/2008 FONDAZIONE SLALA Iscritta nel registro delle persone giuridiche presso la Prefettura di Alessandria al n 33/2008 Sede in CORSO LAMARMORA 31-15100 ALESSANDRIA (AL) Nota integrativa al bilancio al 31/12/2008

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

Le imposte d atto La cessione del contratto

Le imposte d atto La cessione del contratto TORINO 28 febbraio 2014 Le imposte d atto La cessione del contratto Stefano Spina Dottore Commercialista LE IMPOSTE D ATTO MOMENTI DEL CONTRATTO ACQUISTO DELL IMMOBILE DA PARTE DELLA SOCIETA DI LEASING

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 441 CAPITOLO VII Immobilizzazioni materiali SOMMARIO SEZIONE I Definizione ed elementi costitutivi I. Nozione di immobilizzazione 2601 II. Elementi

Dettagli

PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE PARTE I - ENTRATA ANNO FINANZIARIO 2016 ANNO FINANZIARIO N - 1

PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE PARTE I - ENTRATA ANNO FINANZIARIO 2016 ANNO FINANZIARIO N - 1 PARTE I - ENTRATA ANNO FINANZIARIO 2016 ANNO FINANZIARIO N - 1 fine dell'anno in corso (iniziali anno N) cassa cassa Avanzo di amministrazione presunto 10.000,00 Fondo iniziale di cassa presunto 1 CENTRO

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5/2015

NOTA OPERATIVA N. 5/2015 NOTA OPERATIVA N. 5/2015 OGGETTO: Le immobilizzazioni materiali: definizione, classificazione e scritture contabili alla luce dei nuovi principi contabili. - Introduzione Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LE A.S.P.

MANUALE OPERATIVO PER LE A.S.P. REGIONE EMILIA ROMAGNA MANUALE OPERATIVO PER LE A.S.P. I criteri di valutazione delle poste del Bilancio d esercizio delle Aziende Pubbliche di Servizi alla Persona a cura del gruppo di lavoro regionale

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita C) VARIAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE -Riserve tecniche rami danni -Riserve

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 A. PROVENTI OPERATIVI Sede Amministrativa Dipartimenti Totali Ateneo CA.PO.10 PROVENTI PROPRI EER RICAVI ES 22.159.400,00 1.374.400,00 23.533.800,00

Dettagli