Indici compositi per il BES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indici compositi per il BES"

Transcript

1 GIORNATE DELLA RICERCA IN ITAT 0- NOVEMBRE 204 EIONE IV METODOLOGIE DI INTEI E ANALII DEL TERRITORIO Indici coposi per il BE Pierpaolo Massoli, Matteo Maiotta, Adriano Pareto e Claudia Rinaldelli

2 GIORNATE DELLA RICERCA 0- NOVEMBRE 204 Indici coposi per il BE Pierpaolo Massoli, Matteo Maiotta, Adriano Pareto, Claudia Rinaldelli Istat oario In questo lavoro si descrive il percorso di studio che è stato seguo per la costruione degli indici coposi dei doini o diensioni del BE (Benessere Equo e ostenibile. In particolare, si presenta un confronto tra sei etodologie di sintesi alternative, basato sui requisi richiesti per l indice coposo, e si illustra il software che è stato prodotto per condurre le sperientaioni. Parole chiave: indice sintetico, aggregaione, noraliaione, software Abstract The paper describes the analyses followed for the construction of the copose indicators representing each doain (diension of the so-called Benessere Equo e olidale BE (Fair and ustainable Well-Being. The focus is about a coparison aong si different ethodologies for aggregating individual indicators, based on the desirable requireents for the copose inde. We also illustrate a specific software developed to carry out the eperients. Key words: copose indicator, aggregation, noraliation, software. Il percorso di studio e lo sviluppo degli indici coposi Nel Maro del 203 e a Giugno 204 sono stati presentati, al cospetto delle più alte cariche dello tato, rispettivaente il prio e il secondo rapporto sul Benessere Equo e ostenibile (BE. Coe orai è noto, il progetto è nato da un iniiativa del Cnel e dell Istat e si inquadra nel dibatto internaionale denoinato Beyond GDP. L idea di base si fonda sulla convinione che i paraetri sui quali valutare il progresso di una società non debbano essere solo di carattere econoico, a anche sociale e abientale e, pertanto, debbano essere presenti anche isure di disuguagliana e sostenibilà. È cosciena coune che nuerosi fenoeni socio-econoici non possano più essere isurati da un solo indicatore descrtivo e che, invece, essi debbano essere rappresentati su più diensioni. Fenoeni quali lo sviluppo, il progresso, la povertà, la disuguagliana sociale, il benessere, la qualà della va, la dotaione infrastrutturale, ecc. richiedono, per essere isurati, la cobinaione di diensioni diverse, da considerarsi congiuntaente coe delle proy del fenoeno; tale cobinaione può essere ottenuta applicando etodologie di sintesi note coe indici sintetici. La isura del BE è attualente articolata in 2 diensioni e 34 indicatori eleentari. La sintesi degli indicatori eleentari del BE è stato uno dei tei di discussione della ITITUTO NAZIONALE DI TATITICA

3 GIORNATE DELLA RICERCA 0- NOVEMBRE 204 Coissione Istat per la isuraione del benessere; il percorso di studio e sperientaione delle sintesi si è svolto a partire dalla fine dell anno 200, prendendo in particolare coe riferiento il volue Handbook on Constructing Copose Indicators. Methodology and user guide (OECD, 2008 e una serie di etodi di sintesi (sperientali e non applicati a livello internaionale. Varie tappe si sono sussegue nel percorso di studio e di sperientaione, sia all interno dell Istat che in abo scientifico-accadeico; in particolare, si ricordano gli incontri tra i ricercatori Istat e i ricercatori del JRC (Joint Research Centre of European Coission, ossia l organiaione che, nel corso degli ultii anni, è divenuta un indiscusso punto di riferiento internaionale sul tea, da cui sono scaturi una serie di esperienti di sintesi su alcuni doini pilota del BE. Tuttavia dalle discussioni svolte in Coissione, è eerso che le principali etodologie di sintesi proposte in letteratura non godono di alcune proprietà iportanti di cui Istat, facendo statistica ufficiale, deve tener conto. A partire da giugno 202, sono stati quindi esplorati altri etodi di sintesi che godono di una serie di requisi, sia teorici, che pratici; in particolare, è stata individuata una etodologia che possa ben sintetiare tutti i doini del BE, consentendo confronti teporali e spaiali tra le regioni aliane; una etodologia che possa, da un lato, rispettare gran parte delle proprietà desiderabili di un indice sintetico e dall altro antenere un livello di seplicà tale da poterne agevolare la counicaione e la diffusione tra addetti ai lavori e non solo. La diffusione di un indice sintetico, infatti, deve il suo successo alla cobinaione tra rigore statistico ed elevato livello di counicabilà; non è un caso che tra gli indici sintetici più noti ci siano lo Huan Developent Inde (HDI e lo Huan Poverty Inde (HPI che si basano su un nuero esiguo di indicatori, non sostuibili, aggregati tra loro attraverso edie di potene. Per questo otivo, sono state studiate e sperientate differenti etodologie di sintesi (sia di natura copensativa che non-copensativa e i risultati sono stati accopagnati dall analisi di influena che, in questi casi, risulta assolutaente indispensabile al fine di valutare la perforance del etodo testato. I requisi richiesti e i etodi utiliati sono descrti nel par. 2, entre la forulaione ateatica degli indici coposi è riportata nel par. 3. Al fine di realiare la sperientaione, è stato sviluppato un software che consente di applicare agevolente questo ventaglio di tecniche ai doini del BE. Il software, denoinato COMIC (COMpose Indices Creator è descrto nel par. 4. I risultati delle sperientaioni sono stati presentati in diversi contesti scientifici (Massoli et al., 203a; 203b. 2. I requisi degli indici coposi: etodi a confronto Coe introdotto nel par., i possibili etodi di sintesi per il BE (in quanto statistica ufficiale devono possedere una serie di requisi, di seguo riportati: a la coparabilà spaiale, ossia la possibilà di confrontare valori di sintesi tra unà terroriali; b la coparabilà teporale, ossia la possibilà di confrontare valori di sintesi nel tepo; c la nonsostuibilà degli indicatori eleentari, ossia l attribuione dello stesso peso agli indicatori eleentari e l ipossibilà di copensare il valore di uno con quello di un altro; d la seplicà e trasparena di calcolo; e l iediata fruiione e interpretaione dei risultati di output; f la robustea dei risultati ottenuti. ono stati quindi studiati e essi a confronto i seguenti etodi di sintesi: Media indici 0-, che consiste nella standardiaione con etodo in-a degli indicatori eleentari e aggregaione con la edia aretica; 2 Media -scores, che consiste nella trasforaione in scarti standardiati degli indica- ITITUTO NAZIONALE DI TATITICA 2

4 GIORNATE DELLA RICERCA 0- NOVEMBRE 204 tori eleentari e aggregaione con la edia aretica; 3 Maiotta-Pareto Inde (MPI, che consiste nella trasforaione degli indicatori eleentari in variabili con edia 00 e scostaento quadratico edio 0 e aggregaione con la edia aretica penaliata dalla variabilà «oriontale» degli indicatori edesii; 4 Indice di Jevons, che consiste nella trasforaione degli indicatori eleentari in nueri indici con base Italia (indice statico o nueri indici con base anno precedente (indice dinaico e aggregaione con la edia geoetrica; 5 Indice Media Geoetrica (IMG, che consiste nella standardiaione in-a degli indicatori eleentari e aggregaione con la edia geoetrica; 6 Indice MPI corretto, che consiste nella standardiaione in-a degli indicatori eleentari e aggregaione con la edia aretica penaliata dalla variabilà «oriontale» degli indicatori edesii. Naturalente, non sono stati considerati nelle sperientaioni altri approcci, olto noti in letteratura, coe l Analisi in Coponenti Principali, il etodo di Wroclaw o l Analisi Multicreria, poiché disattendono uno o più dei requisi richiesti. i noti, tuttavia, che anche alcuni dei sei etodi testati hanno delle caratteristiche che non consentono il rispetto di tutti i requisi. Per un analisi dettagliata, si veda la tavola. Tavola Metodi di sintesi e requisi richiesti Requisi a b c d e f Metodi sperientati I I NO I NO I 2 I NO NO I NO I 3 I NO I I I I 4 I I I I NO NO 5 I I I I I NO 6 I I I I I I Le caratteristiche etodologiche dell indice MPI corretto (Maiotta e Pareto, 203 consentono di rispettare tutte le proprietà sopra elencate, secondo quanto risulta dagli esperienti esegui sui doini pilota del BE. 3. Forulaione degli indici coposi 3.. Media indici 0- Data la atrice X={ } di n righe (unà statistiche, colonne (indicatori e p strati (anni, si calcola la atrice trasforata R={r }, con: ( (Ma (Ma Min j j Min Min j se l'indicatore j ha polarà posiva; j j r ( (Ma j se l'indicatore j ha polarà negativa; ITITUTO NAZIONALE DI TATITICA 3

5 GIORNATE DELLA RICERCA 0- NOVEMBRE 204 Min e j j Ma sono, rispettivaente, il inio e il assio dell indicatore j, tra le n unà statistiche, nei p anni considerati o dei valori forni dall esterno. L indice sintetico, per l unà i al tepo t, è dato dalla forula: r 0- j M. ( Media -scores Data la atrice X={ } di n righe (unà statistiche, colonne (indicatori e p strati (anni, si calcola la atrice trasforata Z={ }, con: ( ( M se l'indicatore j ha polarà posiva; (3 M M e se l'indicatore j ha polarà negativa; sono, rispettivaente, la edia e lo scostaento quadratico edio dell indicatore j al tepo t. L indice sintetico, per l unà i al tepo t, è dato dalla forula: j M. ( Maiotta-Pareto inde (MPI Data la atrice X={ } di n righe (unà statistiche, colonne (indicatori e p strati (anni, si calcola la atrice trasforata Z={ }, con: ( 00 ( 00 M 0 0 se l'indicatore j ha polarà posiva; (5 M M e se l'indicatore j ha polarà negativa; sono, rispettivaente, la edia e lo scostaento quadratico edio dell indicatore j al tepo t. L indice sintetico, per l unà i al tepo t, è dato dalla forula : E una fora generaliata, poiché include due indici in uno. e l indicatore è di tipo crescente o posivo, ossia se a variaioni crescenti dell indicatore corrispondono variaioni posive del fenoeno (per esepio, il benessere, si utilia MPI -.Viceversa, se l indicatore è di tipo decrescente o negativo, ossia se a variaioni crescenti dell indicatore corrispondono variaioni negative del fenoeno (per esepio, il alessere, si utilia MPI +. ITITUTO NAZIONALE DI TATITICA 4

6 GIORNATE DELLA RICERCA 0- NOVEMBRE 204 MPI - / M cv (6 j M ; 2 ( j M ; cv. (7 M 3.4. Indice di Jevons Data la atrice X={ } di n righe (unà statistiche, colonne (indicatori e p strati (anni, l indice sintetico statico, per l unà i al tepo t, è dato dalla forula: J 00 (8 j b b è il valore base dell indicatore j al tepo t (nel caso delle regioni aliane, è la edia naionale nell anno di riferiento. L indice sintetico dinaico, per l unà i al tepo t, è dato dalla forula: JD 00 (9 j ij( t ij( t è il valore dell indicatore j, per l unà i al tepo t Indice Media Geoetrica (IMG Data la atrice X={ } di n righe (unà statistiche, colonne (indicatori e p strati (anni, si calcola la atrice trasforata R={r }, con: ( Min 98 se l'indicatore j ha polarà posiva; (Ma Min r (0 (Ma j 98 se l'indicatore j ha polarà negativa; (Ma Min Min e Ma sono, rispettivaente, il inio e il assio dell indicatore j, tra le n unà statistiche, nei p anni considerati o dei valori forni dall esterno. Tali valori possono essere calcolati in odo da porre uguale a 00 un valore di riferiento (nel caso delle regioni aliane, la edia naionale nell anno base. L indice sintetico, per l unà i al tepo t, è dato dalla forula: IMG. ( r j ITITUTO NAZIONALE DI TATITICA 5

7 GIORNATE DELLA RICERCA 0- NOVEMBRE Indice MPI corretto Data la atrice X={ } di n righe (unà statistiche, colonne (indicatori e p strati (anni, si calcola la atrice trasforata R={r }, con: ( Min se l'indicatore j ha polarà posiva; (Ma Min r (2 (Ma j se l'indicatore j ha polarà negativa; (Ma Min Min e Ma sono, rispettivaente, il inio e il assio dell indicatore j, tra le n unà statistiche, nei p anni considerati o dei valori forni dall esterno. Tali valori possono essere calcolati in odo da porre uguale a 00 un valore di riferiento (nel caso delle regioni aliane, la edia naionale nell anno base. L indice sintetico, per l unà i al tepo t, è dato dalla forula: MPI /- M r r cv (3 r j r M ; 2 ( r j Mr r ; r cv. (4 M r 4. Coic: un software generaliato per la sintesi degli indicatori Il software COMIC nasce dall esigena di calcolare ed eventualente confrontare gli indici coposi prodotti ediante i etodi descrti nel par. 3, in odo agevole, sena r ricorrere a prograi inforatici scrti ad hoc. COMIC è scrto in A ed è seplice da usare, poiché consente all utente, attraverso una serie di enù user-friendly, di applicare uno o più etodi di sintesi agli indicatori eleentari specificati dall esterno. Il software fornisce in output una reportistica efficace; in particolare, produce le sintesi secondo il etodo scelto, le relative graduatorie per unà geografica specificata, le appe geografiche e le serie storiche degli indici coposi, grafici, confronti tra etodi (correlaione di pearan tra graduatorie e differena edia assoluta di rango, ecc. Infine, COMIC consente di effettuare un analisi di influena delle sintesi calcolate. In particolare, è possibile valutare se, e con quale intensà, le graduatorie delle unà geografiche cabiano a seguo dell eliinaione di un indicatore eleentare dall insiee di partena. ITITUTO NAZIONALE DI TATITICA 6

8 GIORNATE DELLA RICERCA 0- NOVEMBRE 204 Bibliografia Maiotta, M., Pareto, A. (203. A Non-copensatory Copose Inde for Measuring Well-being over Tie. Cogo. Multidisciplinary Research Journal, Vol. V, 4. Massoli, P., Maiotta, M., Pareto, A., Rinaldelli, C. (203. La isura del BE una sperientaione per l'aggregaione degli indicatori dell'istruione e della foraione. Prio Convegno Naionale dell AIQUAV, Luglio 203. Massoli, P., Maiotta, M., Pareto, A., Rinaldelli, C. (203. Metodologie di sintesi sperientali per i doini del BE. XXXIV Conferena Italiana di ciene Regionali (AIRE, Agosto 203. OECD (2008. Handbook on Constructing Copose Indicators. Methodology and user guide. OECD Publications, Paris. ITITUTO NAZIONALE DI TATITICA 7

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d inforazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel ondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

Lezione n.15. Doppi bipoli

Lezione n.15. Doppi bipoli Lezione 5 Doppi bipoli Lezione n.5 Doppi bipoli. Definizione di N-polo. Definizione di doppio-bipolo 3. Doppi-bipoli in regie stazionario (doppi-bipoli di resistenze 4. Problei di analisi 5. Problei di

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION Regolaento del fondo interno Flexible Sunrise Protection A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Flexible Sunrise Protection è un fondo interno di tipo N (vale a dire accessibile a una pluralità

Dettagli

Centro di formazione professionale Don Bosco

Centro di formazione professionale Don Bosco Centro di forazione professionale Don Bosco Settore elettrico ELETTROTECNICA Eserciziario A.S. 204 205 CIRCUITI ELETTRICI, CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI e MACCHINE ELETTRICHE Fabio PANOZZO Indice Elettrostatica

Dettagli

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo L equilibrio finanziario, patrioniale e onetario nei gruppi aziendali L apprezzaento dell equilibrio nelle iprese e nelle controllate di gruppo Eleenti di rilievo nell apprezzaento degli equilibri finanziari

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

PIANO REGIONALE DEL TRASPORTO MERCI E DELLA LOGISTICA

PIANO REGIONALE DEL TRASPORTO MERCI E DELLA LOGISTICA Assessore On. Franco Dalia Direttore Dott.ssa Arcangela Galluzzo PIANO REGIONALE DEL TRASPORTO MERCI E DELLA LOGISTICA Direttore Ing. Antonio Mallao Segretario del Piano PRMTL Dott. Elio Mensurati Francesco

Dettagli

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006 LAVORO ED ENERGIA INTRODUZIONE L introduzione dei concetto di lavoro, energia cinetica ed energia potenziale ci perettono di affrontare i problei della dinaica in un odo nuovo In particolare enuncereo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica nei conduttori. La corrente elettrica Connettendo due conduttori a diverso potenziale si ha un oto di cariche fino a quando si raggiunge una condizione di uilibrio. Questo oto terina

Dettagli

UTILIZZO GEODETICO E IN TEMPO REALE DI RICEVITORI GPS DI BASSO COSTO

UTILIZZO GEODETICO E IN TEMPO REALE DI RICEVITORI GPS DI BASSO COSTO UTILIZZO GEODETICO E IN TEMPO REALE DI RICEVITORI GPS DI BASSO COSTO Marco BALDO (**), Alberto CINA (*), Abrogio MANZINO (*), Marco ROGGERO (*) (*) Politecnico di Torino DIGET, C.so Duca degli Abruzzi,

Dettagli

Un indice per la misura dell intensità della singola rapina. Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat

Un indice per la misura dell intensità della singola rapina. Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat Introduzione Fonte dei dati Il data-base di ABI-OSSIF raccoglie dati e informazioni su: rapine; furti; sistemi di difesa; spese anticrimine. I dati riguardano segnalazioni

Dettagli

Dominio nello spazio

Dominio nello spazio Filtraggio (parte1) Ringraziaenti: Alcuni lucidi sono stati presi dalle lezioni di Mubarak Shah alcune iagini sono state prese dal testo di Trucco e Verri Doinio nello spazio La distanza fra due pixel

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 Versione integrata e odificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA APPUNTI DL CORSO DI SISTMI IMPIANTISTICI SICURZZA RGIMI DI FUNZIONAMNTO DI CIRCUITI LTTRICI: CORRNT CONTINUA SOLO ALCUNI SMPI DI ANALISI DI UN CIRCUITO LTTRICO FUNZIONANTI IN CORRNT CONTINUA APPUNTI DL

Dettagli

IL LABORATORIO DIDATTICO

IL LABORATORIO DIDATTICO IL LABORATORIO DIDATTICO Prof. ing. Italo GORINI (1), Prof. ing. Serio SARTORI (2) (1)Politecnico di Torino Dipartiento di Elettronica (2)Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Metrologia "Gustavo

Dettagli

1. Introduzione al calcolo automatico delle antenne

1. Introduzione al calcolo automatico delle antenne Corso di Progettazione di Antenne a Microonde 1. Introduzione al calcolo autoatico delle antenne Gaetano Marrocco Calcolo Elettroagnetico La progettazione di coplessi sistei elettroagnetici può avvalersi

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM Regolaento del fondo interno Flexible Sunrise Protection Double Preiu A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Flexible Sunrise

Dettagli

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a:

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a: COPYRIGHT Tutto il ateriale contenuto nella confezione (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright, nonché

Dettagli

Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie. Organizzazione Mondiale della Sanità

Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie. Organizzazione Mondiale della Sanità Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie Organizzazione Mondiale della Sanità WHO/EIP/SPO/QPS/07. Organizzazione Mondiale della Sanità 2007 Tutti i diritti sono riservati. Le pubblicazioni

Dettagli

Il vortice a superficie libera in quanto instabilità

Il vortice a superficie libera in quanto instabilità Unione Europea Università degli Studi di Salerno DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA Dottorato di Ricerca in Ingegneria Meccanica VI Ciclo N.S. (004-007) Ecole Doctoral : Dynaique des Fluides, Energétique,Procédés

Dettagli

Catalogo TEC Formazione Tecnologica

Catalogo TEC Formazione Tecnologica TEC Bosch Training Esperienze Copetenze Robert Bosch S.p.A. Via M.A. Colonna, 35 20149 Milano tel +39 02 3696 2830 fax +39 02 3696 2397 tec@it.bosch.co www.bosch-tec.it Catalogo TEC Forazione Tecnologica

Dettagli

SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2015

SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2015 SCIEZE: Copiti delle vacanze Estate 2015 Classe I a Per agevolare lo svolgiento degli esercizi ho realizzato questa breve dispensa che, se ben utilizzata, ti peretterà di ripassare tutti gli argoenti svolti

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGAOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 FONDO DI ROAZIONE PER IL SEORE PRIMARIO Regolaento recante la definizione dei coparti produttivi di intervento, i criteri

Dettagli

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas:

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas: Lezione XXIII - 0/04/00 ora 8:0-0:0 - Esercizi tiraggio e sorbona - Originale di Marco Sisto. Esercizio Si consideri un ipianto di riscaldaento a caino caratterizzato dai seguenti dati: T T Sezione ati

Dettagli

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Claudia Rinaldelli ISTAT Direzione Centrale per le indagini su condizioni e qualità della vita Introduzione al

Dettagli

2. Dario Ianes Voglio fare l insegnante, specializzarmi e far carriera!

2. Dario Ianes Voglio fare l insegnante, specializzarmi e far carriera! 2. Dario Ianes Voglio fare l insegnante, specializzari e far carriera! Al tavolino di un bar vicino all Università. Alcune atricole stanno raccontandosi la attinata. Enrico: Ero a Scienze della Forazione

Dettagli

etallurgico Anno 24 - n 1

etallurgico Anno 24 - n 1 il etallurgico Anno 24 - n 1 Luglio 2009 ilano oviento anifestazioni iglioraenti ondo olteplicità odalità otivazioni estieri eoria etodi utaenti Bollettino della Fio Cgil di Milano, fondato nel 1898. Nuova

Dettagli

M A C C H I N E A F L U I D O

M A C C H I N E A F L U I D O 1 M A C C I N E A F L U I D O MACCINA: è n sistea di organi fissi e obili vincolati gli ni agli altri da legai definiti cineaticaente e disposti in odo tale da copiere, ovendosi sotto l azione di forze

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI

TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI I L T U O S I S T E M A I D R O T E R M I C O Caratteristiche Carattereistiche tubo tubo WELCO-Flex - WELCO-Teck *Quando, nelle descrizioni che seguono, il tubo

Dettagli

Contratti indicizzati a tassi di interesse

Contratti indicizzati a tassi di interesse MEBS Lecture 1 Contratti indicizzati a tassi di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 1.1 Introduzione Abiente di lavoro: i contratti su tassi di interesse (bond arket). Contratti standard:

Dettagli

Un modello probabilistico per quantificare i risultati delle ricerche sulla Sindone di Torino

Un modello probabilistico per quantificare i risultati delle ricerche sulla Sindone di Torino Congresso nternazionale di Studi sulla Sindone, Torino, 5-7 giugno 998 Un odello probabilistico per quantificare i risultati delle ricerche sulla Sindone di Torino Giulio Fanti, Eanuela Marinelli + CSAS

Dettagli

INDICE. Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING. Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN

INDICE. Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING. Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN INDICE Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN Il funzionaento della Macchina di Von Neuann 1 Macchine Teoriche e Architettura di base

Dettagli

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura Dipartiento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Abienti di Lavoro UNI EN 12215 Ipianti di verniciatura Cabine di verniciatura per l applicazione prodotti vernicianti liquidi Requisiti di sicurezza

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Coo via El Alaein 11/b - Coo Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

D E S C R I Z I O N E

D E S C R I Z I O N E Pag. 1 N.E.P. Codice Voci Finite senza Analisi 1 1.1.1.1 Scavo di sbancaento per qualsiasi finalità, per lavori da eseguirsi in abito extraurbano, eseguito con ezzo eccanico, anche in presenza d acqua

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica

Modulo 1 Test di verifica Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory.co Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono eorie di assa? o o

Dettagli

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA - La presenza di cavi elettrici scaldanti interrati deve essere chiaraente segnalata (nora CEI 11-17) e una copia della geoetria di posa deve essere in possesso del responsabile della anutenzione dell

Dettagli

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su...

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su... MODULAZIONE ANALOGICA UNITÀ VERIFICA Copleta: a) Per odulazione lineare si intende la... dello spettro del... intorno alla frequenza... b) La odulazione di apiezza consiste nel... del segnale portante...

Dettagli

Come funziona un accordo collusivo

Come funziona un accordo collusivo Collusione Introduzione Nel odello di Bertrand con beni oogenei, il prezzo di equilibrio coincide con quello di concorrenza perfetta anche se nel ercato ci sono solo due iprese (paradosso di Bertrand).

Dettagli

FISCAL. N. 3 Anno XVI - Marzo 2009. normativo minacciava di stoppare

FISCAL. N. 3 Anno XVI - Marzo 2009. normativo minacciava di stoppare FISCAL flash N. 3 Anno XVI - Marzo 2009 Rispario energetico: per la detrazione del 55% serve la counicazione La doanda preventiva va presentata alle Entrate di Oliviero Franceschi Cabiano le carte in tavola

Dettagli

InterProcess Communication (IPC)

InterProcess Communication (IPC) CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 04-05 corso di Sistei Distribuiti 5. IPC (Inter Process Counication) (parte ): counicazione M.O., pub_sub, sincronizzazione e ulticasting Prof. S.Pizzutilo InterProcess

Dettagli

Environment 10 gennaio 2014. Progetto di rimozione del prodotto surnatante la falda acquifera. Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro

Environment 10 gennaio 2014. Progetto di rimozione del prodotto surnatante la falda acquifera. Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro Environent 10 gennaio 2014 Progetto di riozione del prodotto surnatante la falda acquifera Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro Il presente Docuento è stato preparato da AECOM ITALY Srl (nel

Dettagli

DINAMICA delle STRUTTURE. università Degli Studi di cagliari - facoltà di ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Civile percorso Strutture

DINAMICA delle STRUTTURE. università Degli Studi di cagliari - facoltà di ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Civile percorso Strutture università Degli Studi di cagliari - facoltà di ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Civile percorso Strutture DINAMICA delle STRUTTURE Docente: Maria Cristina Porcu 1 EFFETTI DINAMICI DOVUTI AL

Dettagli

GRAFITI ELLOR. Per la lavorazione mediante elettroerosione. MERSEN Esperti al vostro servizio

GRAFITI ELLOR. Per la lavorazione mediante elettroerosione. MERSEN Esperti al vostro servizio GRAFITI ELLOR Per la lavorazione ediante elettroerosione MERSEN Esperti al vostro servizio 2 Una gaa copleta di grafiti per la lavorazione ediante elettroerosione Applicazioni olto diversificate Fabbricazione

Dettagli

L esempio di applicazione di text mining che segue percorre le fasi classiche di un processo di estrazione di conoscenza.

L esempio di applicazione di text mining che segue percorre le fasi classiche di un processo di estrazione di conoscenza. Text Mining: aspetti applicativi in capo bio-edico Introduzione Nel seguito approfondireo l apporto che tecniche di text ining possono dare all analisi della letteratura bioedica. Le osservazioni che seguono

Dettagli

PERICOLOSITA SISMICA DI BASE INTRODUZIONE PROCEDURA DI CALCOLO La procedura di calcolo adoperata da RSL per la valutazione della funzione di trasferiento presuppone coe base di partenza uno o più accelerograi,

Dettagli

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148)

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) D.M. 16 aggio 1987, n. 246 Nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) Sono approvate le nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile

Dettagli

Innovativo manufatto in laterocemento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geometrie dei laterizi e la presenza dei tralicci.

Innovativo manufatto in laterocemento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geometrie dei laterizi e la presenza dei tralicci. 1 Solaio a pannelli tralicciati in lateroceento Trigon Prodotto Innovativo anufatto in lateroceento, le cui caratteristiche distintive sono le nuove geoetrie dei laterizi e la presenza dei tralicci. I

Dettagli

Volume 2.2 LISTINO DEI PREZZI. per l esecuzione di opere pubbliche e manutenzioni. COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI e MECCANICI

Volume 2.2 LISTINO DEI PREZZI. per l esecuzione di opere pubbliche e manutenzioni. COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI e MECCANICI DEI PREZZI 2012 AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE OO.PP. E CENTRALE UNICA APPALTI DIREZIONE CENTRALE TECNICA per l esecuzione di opere pubbliche e anutenzioni Volue 2.2 COSTI UNITARI e PICCOLA MANUTENZIONE

Dettagli

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 A cura del Coune di Milano AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA A AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi

Dettagli

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA

AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi 1 gennaio 2014 A cura del Coune di Milano AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA A AREA TERRITORIO DIREZIONE CENTRALE TECNICA Coune di Milano - Listino dei Prezzi

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI FLASH MACRO TTL PER REFLEX DIGITALI Nissin Japan Ltd, Tokyo http://wwwnissin-japanco Nissin Marketing Ltd, Hong Kong http://wwwnissindigitalco MANUALE DI ISTRUZIONI Tipo C/N Disegno e caratteristiche tecniche

Dettagli

A2 LUGLIO 2011 RELAZIONE GEOLOGICA AMPLIAMENTO CON ACCORPAMENTO DEGLI ACCESSORI DI PERTINENZA L.R.19/10 (PIANO CASA) STUDIO GEOLOGICO

A2 LUGLIO 2011 RELAZIONE GEOLOGICA AMPLIAMENTO CON ACCORPAMENTO DEGLI ACCESSORI DI PERTINENZA L.R.19/10 (PIANO CASA) STUDIO GEOLOGICO AMPLIAMENTO CON ACCORPAMENTO DEGLI ACCESSORI DI PERTINENZA L.R.19/10 (PIANO CASA) COMMITTENTE: LOCALITA : PIETRALACROCE COMUNE A N C O N A STUDIO GEOLOGICO MARIA LODOVICA CESARONI Dott. Geol. FRANCO CHIELLI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE TESI DI LAUREA POLITICHE DI WORK LIFE BALANCE: LA SITUAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE

Dettagli

progetto formativo la gestione del rischio clinico m c q

progetto formativo la gestione del rischio clinico m c q progetto forativo la gestione del rishio linio identifiazione del rishio valutazione o analisi del rishio gestione o ontrollo del rishio Valutazione dei rishi Freuenza Gravità: lesioni ortali o gravi Stia

Dettagli

A4 INGEGNERIA STUDIO TECNICO ASSOCIATO INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4.

A4 INGEGNERIA STUDIO TECNICO ASSOCIATO INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4. INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4.3 COMPATIBILITA1 IDRAULICA DELLE OPERE IDRAULICHE PREVISTE NEL PMU 4.3 CON LE OPERE COMPRESE NEL

Dettagli

PD 42. Printed: 07.07.2013 Doc-Nr: PUB / 5140866 / 000 / 00

PD 42. Printed: 07.07.2013 Doc-Nr: PUB / 5140866 / 000 / 00 PD 42 Bedienungsanleung Operating instructions Mode d eploi Istruzioni d uso Manual de instrucciones Manual de instruções Gebruiksaanwijzing Οδηγιες χρησεως Kulllana Taliatı de en fr es pt nl el tr ar

Dettagli

Matrici OD Interregionali

Matrici OD Interregionali Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroa2.it/didattica/lt DOCETE prof. ing. Agostino uzzolo Matrici OD Interregionali Modello Input/Output Multi-Regionale La zona j di consuo della produzione interedia

Dettagli

ENERGINDUSTRIA. Il mercato dell energia elettrica e la. Vicenza, 18 maggio 2012

ENERGINDUSTRIA. Il mercato dell energia elettrica e la. Vicenza, 18 maggio 2012 ENERGINDUSTRIA Il ercato dell energia elettrica e la contrattualistica Vicenza, 18 aggio 2012 IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO LA STRUTTURA DEL MERCATO ELETTRICO IN ITALIA Produttori di energia elettrica/

Dettagli

COMPLESSO SAN BENIGNO

COMPLESSO SAN BENIGNO COMPLESSO SAN BENIGNO Studio per una infrastruttura di condizionaento del coplesso attraverso l uso dell acqua di are Introduzione Lo studio riporta alcune idee di assia ed una valutazione costi benefici

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 2

1^A - Esercitazione recupero n 2 1^A - Esercitazione recupero n 2 1. Un cavo di nylon si coporta coe una olla di costante elastica 5,0 10 4 N /. Con questo cavo, trasciniao sul paviento una cassa di 280 kg a velocità costante. Il coefficiente

Dettagli

Depliant di progettazione GARDENA 2012

Depliant di progettazione GARDENA 2012 Depliant di progettazione GARDENA 2012 GARDENA Sistea di irrigazione Se siete interessati a servizi di progettazione e installazione? Vi preghiao di rivolgervi direttaente alla nostra sedo www.gardena.ch

Dettagli

ESAME DI MATEMATICA FINANZIARIA Z. Marino Appello maggio 2004 Nuovo ordinamento 3 CFU

ESAME DI MATEMATICA FINANZIARIA Z. Marino Appello maggio 2004 Nuovo ordinamento 3 CFU Nuovo ordinaento 3 CFU Dato il tasso di sconto seestrale d ½ =0,05 si deterini il valore di 1000 euro tra un anno e ezzo, nei seguenti regii finanziari: 1. interesse seplice; 2. interesse coposto; 3. sconto

Dettagli

LG Air Conditioning Professional 2011 GUIDA PRODOTTI LINEA MULTISPLIT

LG Air Conditioning Professional 2011 GUIDA PRODOTTI LINEA MULTISPLIT LG Air Conditioning Professional 11 GUIDA PRODOTTI LINEA MULTISPLIT CLIMATIZZATORI LG EFFICIENZA E DESIGN LG è tra le aziende più iportanti al ondo per la produzione di condizionatori d aria. La gaa dei

Dettagli

BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE

BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE Misurare e valutare il progresso della società Italiana A che punto siamo? Linda Laura Sabbadini Direttore del dipartimento statistiche sociali e ambientali Roma, 12 luglio 2012 Benessere Equo e Sostenibile

Dettagli

Prodotti in polistirene estruso per l'isolamento termico nell'edilizia

Prodotti in polistirene estruso per l'isolamento termico nell'edilizia Prodotti in polistirene estruso per l'isolaento terico nell'edilizia 2 Direzione generale URSA INTRNATIONAL Uffici coerciali Siti produttivi (Glasswool) Siti produttivi (XPS) URSA la nuova forza isolante

Dettagli

Città Metropolitana di Genova. Relazione Tecnica

Città Metropolitana di Genova. Relazione Tecnica Città Metropolitana di Genova Valutazioni tecnico-econoiche delle diverse proposte di localizzazione del sistea depurativo a servizio del bacino dell Entella Relazione Tecnica Genova, luglio 2015 Dott.

Dettagli

Zurich. Zurich Segna Contratto index linked

Zurich. Zurich Segna Contratto index linked Zurich Zurich Segna Contratto index linked Il presente Fascicolo Inforativo, contenente: Scheda sintetica Nota inforativa Condizioni contrattuali Glossio Modulo di Proposta deve essere consegnato al Contraente

Dettagli

Insieme di bilancio. Capitolo Due. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio

Insieme di bilancio. Capitolo Due. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio Insiee di bilancio Capitolo Due Il vincolo di bilancio L insiee di bilancio è l insiee delle coinazioni di consuo disponibili per un consuatore. Cosa vincola la scelta di un consuatore? Il suo budget,

Dettagli

Proprietà meccaniche. Caratteristiche elastiche: Vetro di silicato sodicocalcico

Proprietà meccaniche. Caratteristiche elastiche: Vetro di silicato sodicocalcico Proprietà eccaniche Caratteristiche elastiche: Vetro di silicato sodicocalcico (EN-572) Vetro di borosilicato (EN-1748) Modulo di Young 70 GPa 60-70 GPa Rapporto di Poisson 0.2 0.2 Durezza P profilo ipronta

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO Servizio Edilizia Scolastica FABBRICATI DEL CIRCONDARIO DI IMOLA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE

Dettagli

DISPENSA DI PROGETTO DEL TELAIO www.tecnicadacorsa.it

DISPENSA DI PROGETTO DEL TELAIO www.tecnicadacorsa.it DISPENSA DI PROGETTO DEL TELAIO www.teniadaorsa.it Capitolo 7 Analisi Dinaia Analitia e Nueria 7. - Introduzione La gran parte delle strutture reali è soggetta a eitazioni vibratorie. Gli senari appliativi

Dettagli

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3 Leica Lino L360, L25, L2+, L2, 5, 3 Manuale d'uso Versione 757665g Italiano Congratulazioni per aver acquistato Leica Lino. Le ore di sicurezza sono allegate al Manuale d'uso. Leggere attentaente le ore

Dettagli

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7 Econoia dell Abiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7 SCELTA INTERTEMPORALE Modello di scelta del consuatore che abbiao studiato solo periodo beni: flusso reddito: flusso FLUSSO Grandezza per isurare

Dettagli

TRASMISSIONE DELLA POTENZA

TRASMISSIONE DELLA POTENZA TRASMISSIOE DELLA POTEZA (Distillazione verticale) Conoscenza del principio di fnzionaento dei principali sistei di trasissione e trasforazione del oto. Sapere effettare calcoli si principali sistei di

Dettagli

RECINZIONI GIGAN DRAGON WORKING TORPEDO AREA CANT. GRIFON PLUS TRAFFIC. Recinzioni cantieri edili LIMIT 1 LIMIT 2

RECINZIONI GIGAN DRAGON WORKING TORPEDO AREA CANT. GRIFON PLUS TRAFFIC. Recinzioni cantieri edili LIMIT 1 LIMIT 2 6 7 E Grazie all elevata qualità dei polieri e del know how di produzione, la rete arancio è diventata il sibolo dei cantieri e TENAX il punto di riferiento per l intero settore. TENAX inoltre offre sistei

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

Spirometria. Catalogo. Soluzioni per la Spirometria dalla A alla Z!

Spirometria. Catalogo. Soluzioni per la Spirometria dalla A alla Z! Spiroetria Catalogo Soluzioni per la Spiroetria dalla A alla Z! Profilo Aziendale Fondata nel 1980, la COSMED è un azienda leader nella diagnostica cardiopolonare e nella isura del etaboliso. Fin dalla

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

Punteggio per Area del Sapere Area Matematica

Punteggio per Area del Sapere Area Matematica Graduatoria simulazione test di accesso per l ammissione ai corsi di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale Economia e Finanza Statistica per l analisi dei dati Pos. per del Sapere 1 0004544 43,75

Dettagli

GRUPPI POMPE ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 12845

GRUPPI POMPE ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 12845 GRUI OME ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 5 DATI GENERALI Gruppi pope antincendio realizzati secondo le specifiche della nora europea UNI EN 5 Installazioni fisse antincendio - Sistei autoatici a sprinkler CENNI

Dettagli

eo io/vid d avi au C

eo io/vid d avi au C Cavi audio/video indice Cavi audio/video Pagina INTRODUZIONE 4 Soluzioni affidabili per audio/video 6 CAVI IN FIBRE OTTICHE 7 AUDIO Cavi per icrofoni 8-9 Cavi per la connessione di ipianti audio analogici

Dettagli

Il questo sezione vengono trattati dati riguardanti i trasporti di diverso tipo (aereo, marittimo, ferroviario, su strada) e un breve cenno agli

Il questo sezione vengono trattati dati riguardanti i trasporti di diverso tipo (aereo, marittimo, ferroviario, su strada) e un breve cenno agli 8 TRASPORTI Il questo sezione vengono trattati dati riguardanti i trasporti di diverso tipo (aereo, arittio, ferroviario, su strada) e un breve cenno agli incidenti stradali. L'analisi del trasporto aereo

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Residenziale - Monosplit Eleganti, dalle linee semplici e di classe, disegnati per inserirsi armoniosamente in ogni ambiente.

Residenziale - Monosplit Eleganti, dalle linee semplici e di classe, disegnati per inserirsi armoniosamente in ogni ambiente. Residenziale - Eleganti, dalle linee seplici e di classe, disegnati per inserirsi aroniosaente in ogni abiente. Efficienti, progettati per assicurare aria pura e il assio del cofort in ogni oento della

Dettagli

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate Malgrado l occupazione femminile abbia registrato a partire dall inizio del 2000 un forte incremento, segnando tassi di crescita annui

Dettagli

primo piano anno 35 - numero 316 aprile-maggio 2010 ISSN 0394-3453 RIVISTA BIMESTRALE PER LʼINDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA

primo piano anno 35 - numero 316 aprile-maggio 2010 ISSN 0394-3453 RIVISTA BIMESTRALE PER LʼINDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA ISSN 0394-3453 EDITRICE: PROMAPLAST SRL - CENTRO DIREZIONALE MILANOFIORI - PALAZZO F/3-20090 ASSAGO (MILANO) RIVISTA BIMESTRALE PER LʼINDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA prio piano CONFEZIONAMENTO

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

CLIMATIZZATORI RESIDENZIALI // SISTEMI DI RISCALDAMENTO E RAFFREDDAMENTO NUOVA GAMMA ETHEREA MAGGIORE EFFICIENZA MAGGIORI RISPARMI

CLIMATIZZATORI RESIDENZIALI // SISTEMI DI RISCALDAMENTO E RAFFREDDAMENTO NUOVA GAMMA ETHEREA MAGGIORE EFFICIENZA MAGGIORI RISPARMI // SISTEMI DI RISCALDAMENTO E RAFFREDDAMENTO NUOVA GAMMA ETHEREA MAGGIORE EFFICIENZA MAGGIORI RISPARMI EDITORIALE ECO IDEAS PER GLI STILI DI VITA: PROMUOVEREMO STILI DI VITA CHE AZZERANO VIRTUALMENTE LE

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI

APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI LA TEORIA SEMIPROBABILISTICA ED IL CALCOLO AGLI STATI LIMITE STRUTTURE IN LEGNO (Autore: Ing. Mario Zaonte) INDICE. Introuzione... 4. Metoi i isura ella sicurezza nelle

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

guida prodotti professional 2010 air conditioning

guida prodotti professional 2010 air conditioning guida prodotti professional 10 air conditioning 6residenziale 34 ultisplit 112 78 coerciale e accessori 122 LG è tra le aziende più iportanti al ondo per la produzione di condizionatori d aria. Ha sviluppato

Dettagli