Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL"

Transcript

1 Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL 1. Inseramo sulla prma rga l ttolo che defnsce l contenuto del foglo. Po nseramo su un altra rga valor spermental della x e su quella successva valor della y. OSSERVAZIONE Vedremo pù avant come nserre de dat memorzzat precedentemente n un fle.. Nel caso n cu dat della x e della y sano stat mmess su due rghe consecutve, l grafco può essere ottenuto semplcemente selezonando dapprma dat con l mouse (oppure facendo clc su numer che contraddstnguono le due rghe) e facendo po clc sull cona GRAFICO presente sotto l menù prncpale. Icona GRAFICO

2 Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL (segue) 3. Comparrà la seguente fnestra che c permetterà d sceglere l tpo d grafco. Selezonamo Dspersone (XY), po sceglamo d rappresentare dat con de smbol ed nfne faccamo clc su AVANTI.. Tpo d grafco Dvers mod con cu unre punt N.B. Nel caso d dat spermental affett da errore dat non vanno ma unt con delle lnee bensì solo rappresentat con de smbol

3 Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL (segue) 4. Comparrà una nuova fnestra che c darà un anteprma del grafco. Se tutto è OK contnuamo a fare clc su AVANTI.

4 Grafco n Excel (segue) 5. Comparrà la seguente fnestra che c permetterà d nserre le nformazon relatve a: ttolo del grafco, etchetta asse X ed etchetta asse Y. Inoltre possamo ntervenre su dvers parametr (es. ntervallo asse X o asse Y), selezonando una delle opzon present n alto. Per prosegure faccamo clc su AVANTI.

5 Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL (segue) 6. Comparrà un ultma fnestra che c permetterà d decdere se nserre l grafco n un nuovo foglo a parte oppure all nterno dello stesso foglo d lavoro contenente dat. Samo fnalmente arrvat n fondo!

6 Grafco d pù sere d dat Supponamo d voler rappresentare contemporaneamente n un grafco pù sere d dat, tutte legate alla stessa varable ndpendente X. Ad esempo, l seguente foglo contene dat relatv alle curve d dstrbuzone d H 3 PO 4 ovvero come varano le concentrazon delle vare spece present n soluzone n funzone del ph:

7 ph Grafco d pù sere d dat (segue) Per ottenere l grafco rportato nella seguente fgura, sarà suffcente selezonare col mouse la zona rettangolare contenente tutt dat e procedere n manera analoga a quanto vsto precedentemente. Curve d dstrbuzone H 3 PO [H3PO4] [HPO4-] [HPO4--] [PO43-] concentrazon

8 Grafco d dat dspost su rghe non contgue Può accadere che, n seguto a de calcol esegut su dat spermental valor della x e della y non sano su rghe contgue. In tal caso bsogna procedere n modo dverso. Supponamo, ad esempo che tra le x e le y c sano delle rghe vuote come mostrato nella seguente fgura. In tal caso è necessaro esegure la seguente procedura: 1. Selezonamo la prma rga (o colonna) contenente dat, po la seconda, tenendo contemporaneamente premuto l tasto CTRL; successvamente faccamo clc sull cona GRAFICO presente sotto l menù prncpale oppure selezonamo la voce GRAFICO presente all nterno del menù INSERISCI. Comparrà la seguente fnestra che c permetterà d sceglere l tpo d grafco.

9 Grafco d dat dspost su rghe non contgue (segue). Dopo aver selezonato l tpo d grafco (a dspersone) faccamo d nuovo clc su AVANTI. Comparrà la seguente fnestra che c darà un anteprma del grafco.

10 Grafco d dat dspost su rghe non contgue (segue) 3. Nel caso n cu le due rghe (o colonne) selezonate al punto 1) contengano, nell ordne, prma valor della X e po quell della Y, allora v sarà una corrspondenza tra dat relatv a X e l asse X e dat relatv a Y e l asse delle Y, per cu l grafco rappresenterà correttamente valor e potremo prosegure n manera analoga a quanto vsto precedentemente facendo clc su AVANTI. 4. Qualora l ordne sa nvertto, è necessaro clccare sulla lnguetta n alto denomnata SERIE. Comparrà la seguente fnestra d dalogo.

11 Grafco d dat dspost su rghe non contgue (segue) 5. Le caselle denomnate VALORI X e VALORI Y permettono d defnre le rghe (o le colonne) del foglo n cu sono stat nsert dat relatv alle X e alle Y. E suffcente fare clc sull cona presente a destra d cascuna casella e selezonare dat col mouse all nterno del foglo d lavoro. Possamo po prosegure n manera analoga a quanto vsto precedentemente, facendo clc su AVANTI.

12 Come aggungere una sere d dat a un grafco Molto spesso, quando s elaborano de dat spermental con EXCEL, la procedura da segure può essere rassunta così: S nserscono dat spermental S rappresentano grafcamente dat S elaborano dat spermental (es. con una regressone lneare) S rappresentano sullo stesso grafco sa dat spermental che quell ottenut col calcolo, n modo da valutare grafcamente la bontà del calcolo. E possble semplfcare tutta la procedura creando dapprma l grafco contenente dat spermental e po aggungendo drettamente ad esso la sere d dat ottenuta col calcolo. A tale scopo eseguamo seguent pass: 1. Rappresentamo n un grafco dat spermental. Ad esempo, seguent dat e l relatvo grafco mostrano come vara la tensone d vapore d un lqudo puro al varare d T.

13 lnp Come aggungere una sere d dat a un grafco (segue) Msura tensone d vapore d un lqudo /T (K) Sere1

14 Come aggungere una sere d dat a un grafco (segue). Supponamo d aver elaborato dat. La seguente fgura mostra un foglo n cu dat calcolat s trovano su una rga n basso. Selezonamo l grafco facendo clc all nterno d esso, po sceglamo l opzone DATI DI ORIGINE del menù GRAFICO. Comparrà la seguente fnestra d dalogo.

15 lnp Come aggungere una sere d dat a un grafco (segue) 3. Faccamo clc su AGGIUNGI e, tramte le caselle VALORI X e VALORI Y, defnamo l ntervallo d celle n cu s trovano le X e le Y. Inseramo qu l nome da dare alla nuova sere d dat Facendo clc qu defnamo l range d celle n cu s trovano le x Facendo clc qu defnamo l range d celle n cu s trovano le y Msura tensone d vapore d un lqudo Una volta che abbamo termnato d nserre le nformazon n questa fnestra, faccamo clc su AVANTI e, proseguendo n modo analogo a quanto vsto precedentemente negl altr cas, otterremo l grafco rportato d lato /T (K) Sere1 calc

16 Come aggungere le barre d errore a un grafco Il modo mglore per vsualzzare n un grafco le ncertezze assocate a dat spermental è quello d aggungere le barre d errore. La seguente fgura rporta un foglo contenente dat relatv alla msura della tensone d vapore vst precedentemente. Spermentalmente s osserva che valor delle presson hanno un ncertezza par a 10 mmhg, mentre l errore assocato alla lettura della temperatura è trascurable. Applcando la teora della propagazone degl error s ottengono le ncertezze rportate nella colonna E, relatve a slnp, che rsultano essere dverse, dato per dato, a causa della propagazone degl error.

17 Come aggungere le barre d errore a un grafco (segue) Eseguamo ora la seguente procedura per vsualzzare le barre d errore assocate con le ncertezze spermental ( slnp) legate a valor della Y (lnp). 1. Dopo aver creato l grafco, faccamo dapprma clc sulla sere de dat all nterno del grafco, po, tenendo premuto l pulsante destro del mouse e senza spostarlo n modo da lascare evdenzat dat, sceglamo l opzone FORMATO SERIE DATI. Comparrà la seguente fnestra d dalogo.

18 lnp Come aggungere le barre d errore a un grafco (segue). Facendo clc sulla lnguetta n alto denomnata BARRE DI ERRORE Y, verrà vsualzzata la seguente fnestra d dalogo, con cu possamo defnre sa l aspetto grafco con cu verranno vsualzzate le barre, sa l enttà dell errore. Se dat hanno tutt lo stesso errore, l enttà d quest ultmo può essere mmessa n uno de seguent mod: valore fsso, n percentuale oppure come devazone standard. Se nvece dat hanno ncertezze dverse (come nel nostro caso), allora è possble utlzzare l opzone PERSONALIZZA per defnre l ntervallo d celle contenent valor degl error. Tale opzone permette d mpostare sa l errore postvo che quello negatvo. Qualora fossero ugual, sarà suffcente mpostare lo stesso ntervallo d celle nelle due caselle + e -. Msura tensone d vapore d un lqudo Fa clc qu per defnre le celle che contengono gl error /T (K) Sere1

19 Insermento d un fle d dat n EXCEL Molto spesso capta d dover rappresentare ed elaborare de dat raccolt automatcamente da uno strumento d laboratoro (es. dat spettroscopc, dat potenzometrc, ecc.). In tal caso, nvece d mmettere a mano dat n EXCEL, è possble nserre velocemente dat spermental seguendo la seguente procedura: 1. Supponamo che dat sano stat memorzzat n un fle dat e n formato solo testo (o ASCII); noltre supponamo che sulla prma rga v sa la x, n cu sngol valor sono separat con de spaz (o da un TAB) e sulla rga successva la y, ancora con valor separat da spaz. La seguente fgura mostra l contenuto del fle dat all nterno d WORDPAD. N.B. Il separatore de decmal può essere una vrgola oppure un punto a seconda delle mpostazon nternazonal con cu è settato l computer tramte l pannello d controllo.

20 Insermento d un fle d dat n EXCEL (segue). Dopo aver carcato EXCEL s fa clc su APRI del menù FILE e s selezona l nome del fle dat precedentemente memorzzato, dopo aver scelto come tpo d fle, Fle d testo.

21 Insermento d un fle d dat(segue) : Al comparre della seguente fnestra d dalogo selezonamo l opzone Delmtat e proseguamo facendo clc su AVANTI.

22 Insermento d un fle d dat(segue) 3. Comparrà una nuova fnestra che c permetterà d modfcare l tpo d delmtatore. In basso v è un anteprma d come verranno nsert dat all nterno del foglo d EXCEL. Se è tutto Ok, faccamo ancora clc su AVANTI, qund, al comparre d un ennesma fnestra su FINE.

23 ANALISI DI REGRESSIONE La tecnca d REGRESSIONE c permette d rcavare la mglor curva passante attraverso punt spermental. Un esempo tpco è la rcerca d una funzone partendo da dat spermental affett da errore e s vuole rcavare la funzone che meglo approssma l andamento generale de dat (es. dat provenent dallo studo cnetco d una reazone chmca, oppure da msure d tensone d vapore d una sostanza n funzone della temperatura, oppure da dat d calbrazone d uno strumento: es. spettrofotometro UV-Vs, rfrattometro d Abbe, trasduttore d temperatura, ecc.). Un metodo per rcavare la mglore curva che approssm l andamento de dat è quello d applcare l metodo de mnm quadrat. Questa tecnca s basa sul prncpo che la mglor curva-modello che nterpola de dat spermental, sa quella per la quale valga la relazone : n 1 w ( y ^ y ) mn mo

24 ANALISI DI REGRESSIONE(segue) dove w sono dett pes de dat spermental (tengono conto della maggore o mnore ncertezza con la quale dat spermental stess sono not), e ^ y y è la dfferenza tra valor spermental y e quell calcolat ^ y REGRESSIONE LINEARE (SEMPLICE) L esempo pù semplce d applcazone de mnm quadrat è l adattamento d una lnea retta a un nseme d punt defnt da coppe d dat (x 1, y 1 ), (x, y ), ecc. Per semplfcare la nostra dscussone supporremo che, sebbene le nostre msure d y sano soggette a qualche ncertezza, l ncertezza nelle nostre msure d x è trascurable. Questa è spesso un potes ragonevole, poché le ncertezze n una varable sono spesso molto pù grand d quelle nell altra, che no possamo con scurezza gnorare. (Tuttava n laboratoro può captare che anche le x sano affette da errore.) Assumeremo noltre che le ncertezze n y abbano tutte lo stesso valore e sano dovute a error casual, che possono essere descrtt da una dstrbuzone gaussana. Anche questa è un potes ragonevole n molt esperment, ma se le ncertezze sono dverse, allora la nostra anals può essere generalzzata pesando le msure appropratamente, utlzzando, come vedremo pù avant, cosddett mnm quadrat pesat.

25 REGRESSIONE LINEARE (SEMPLICE)(segue) L espressone matematca che c serve è la seguente: y a bx dove a e b sono coeffcent che rappresentano, rspettvamente, l ntercetta e la pendenza della retta e è l errore, o resduo, tra l modello e l dato osservato. Rordnando termn, l errore può essere rappresentato come y a bx Qund l errore, o resduo, è la dfferenza tra l vero valore d y corrspondente a un dato x e l approssmazone a + bx dato dall equazone lneare. La stratega adottata applcando l metodo de mnm quadrat per determnare la retta che meglo approssma l andamento de dat, consste nel mnmzzare la somma de quadrat degl error S r, data da S r ( y a b x )

26 REGRESSIONE LINEARE (semplce)(segue) n cu w è stato posto uguale a 1 per tutt valor d y. Cò è una conseguenza del fatto che abbamo assunto l potes che le y abbano tutte la stessa ncertezza. Questo crtero comporta una sere d vantagg, ma la sua caratterstca pù mportante è che consente d determnare una sola lnea per ogn nseme d dat: n altre parole, porta a un rsultato unvoco. Vedamo ora come sa possble col suddetto metodo determnare valor d a e b che corrspondono al mnmo d S r. Volendo determnare valor d a e b, dervamo l equazone d S r, rspetto a cascuno de coeffcent: Sr a ( y a b x ) Sr b [( y a b x ) x ] I smbol d sommatora sono stat semplfcat; se non vene specfcato dversamente, s assume che tutte le sommatore vengano esegute per che va da 1 a n, dove n è l n. totale d coppe d dat.

27 REGRESSIONE LINEARE (semplce)(segue) Uguaglando a zero queste dervate, trovamo que valor che rendono mnma S r : le equazon vengono allora espresse come 0 y a b y x a x b 0 x x (1) Ora, tenendo conto che a n a dove n è l n. totale d coppe d dat, possamo esprmere le equazon come sstema d due equazon lnear nelle due ncognte a e b: n a x b y xa x b x y Queste equazon vengono dette EQUAZIONI NORMALI.

28 REGRESSIONE LINEARE (semplce)(segue) Rsolvendo le equazon rspetto a b, ottenamo b n x y x n x ( x ) y Questo rsultato, utlzzato nseme alla (1), dà a y b x () dove y e x sono, rspettvamente, valor med d y e d x. L equazone () c dce che la retta mglore passa per l punto ( x, y) detto centrode o centro d gravtà (valor medo de valor d x e y ).

29 REGRESSIONE LINEARE :stma delle ncertezze su parametr a e b Abbamo vsto come sa possble rcavare la mglor retta passante per de punt spermental adottando l metodo de mnm quadrat ovvero rendendo mnma la somma de quadrat degl error S r. Qualsas altra retta calcolata non applcando la suddetta relazone, senz altro avrebbe dato luogo a un S r maggore. Quello che voglamo vedere è d quantfcare come gl error casual present prevalentemente su valor spermental d y nfluenzno l ncertezza de valor calcolat d y e de parametr a e b. La devazone standard relatva alla regressone, s, (o devazone standard resdua della stma d y su x, detto anche errore standard n EXCEL) concde con la devazone standard della somma de quadrat de resdu. Il suo valore ha le setesse dmenson della varable dpendente y e vene rcavato tramte l equazone : s 1 n ( y a b x ) Pù è pccolo l suo valore è pù vcna è la retta calcolata a dat spermental.

30 REGRESSIONE LINEARE :stma delle ncertezze su parametr a e b (segue) 1 1 a x x n x s s Le ncertezze su parametr a e b sono rcavabl medante le seguent equazon ottenute applcando le regole per la propagazone degl error (e supponendo sempre che le ncertezze su y abbano lo stesso valore): 1 1 b x x n n s s

31 REGRESSIONE LINEARE :stma ntervallo d fduca su parametr a e b La mglor stma de valor d a e b, relatvamente ad un certo lvello d fduca (es. 95%), può essere ottenuta rcavando l ntervallo d fduca per ognuno d ess medante le seguent relazon: b b t X n s a a t %, b X %, n s a dove t X%,n è l parametro d Student corrspondente a un determnato lvello d fduca X% e a un certo numero d grad d lbertà, nn-.

32 REGRESSIONE LINEARE :stma d x 0 per un dato y 0 Una volta rcavat parametr a e b è possble determnare l valore ncognto d x, ndcato con x 0, corrspondente a un determnato valore msurato d y, ndcato con y 0. Supponamo, ad esempo, d voler determnare la composzone d una soluzone a concentrazone ncognta, costtuta da due lqud organc (es. toluene acetato etle), esprmendola n funzone della frazone molare del toluene. A tale scopo, dopo aver eseguto delle msure rfrattometrche con degl standard, abbamo calcolato la mglor retta passante per dat spermental, supponendo che le ncertezze assocate alla msura dell ndce d rfrazone sano: affette prevalentemente da error casual e abbano tutte lo stesso valore L ncertezza assocata con la preparazone delle soluzon standard a concentrazone nota è trascurable rspetto a quella dell ndce d rfrazone. Il valore della concentrazone della soluzone ncognta,x 0, per un dato valore dell ndce d rfrazone, y 0, sarà dato da x 0 y 0 a b

33 REGRESSIONE LINEARE :stma d x 0 per un dato y 0 (segue) Le ncertezze ottenute su parametr a e b faranno sì che v sa anche un ncertezza sul valore calcolato d x 0, ndcata con s x0 Applcando la teora d propagazone degl error, tenendo presente che le ncertezze assocate con parametr a e b non sono tra loro ndpendent, s può dmostrare che l ncertezza assocata col valore calcolato d x 0, è data da s x 0 s b 1 m 1 n b _ y0 y _ x x (3) n cu y 0 è l valore spermentale d y da cu s vuole determnare x 0, s è la devazone standard resdua, n è l n. totale d dat con cu s è costruta la retta, m è l n. d msure replcate d y 0 (m=1 per una sngola msura) e x e y sono valor med d x e d y.

34 REGRESSIONE LINEARE :stma d x 0 per un dato y 0 (segue) La mglor stma d x 0, relatvamente ad un certo lvello d fduca (es. 95%), può essere ottenuta rcavando l ntervallo d fduca tramte la seguente relazone: x 0 x0 t X %, n s x 0 (4) dove t X%,n è l parametro d Student corrspondente a un determnato lvello d fduca X% e a un certo numero d grad d lbertà, n=n-.

35 REGRESSIONE LINEARE :stma d y 0 per un dato x 0 0 x 0 b a y _ y x x n x x n n s s Una volta not coeffcent a e b della retta, è possble predre l valore d y 0 per un dato valore spermentale della varable ndpendente x ovvero x 0, tramte l equazone Applcando la teora d propagazone degl error, tenendo presente che le ncertezze assocate con parametr a e b non sono tra loro ndpendent, s può dmostrare che l ncertezza assocata col valore calcolato d y 0, è data da La mglor stma d y 0 sarà data da 0 %, 0 0 y t X y y s n (5) (6)

36 Regressone lneare semplce n EXCEL: un esempo d elaborazone d dat spermental Consderamo le seguent 3 sere d dat spermental e, prma d applcare l metodo de mnm quadrat, provamo a rappresentare dat grafcamente. 8 6,95 8 8,14 8 6, , , ,74 9 8,81 9 8,77 9 7, , ,6 11 7, , ,1 14 8,84 6 7,4 6 6,13 6 6,08 4 4,6 4 3,1 4 5, ,84 1 9,13 1 8,15 7 4,8 7 7,6 7 6,4 5 5,68 5 4,74 5 5,73 Sere N

37 y y y Sere N y I dat relatv alla sere N.1 possono essere rappresentat da una retta x Sere N x y I dat relatv alla sere N. possono essere rappresentat da una curva Sere N x y A parte l penultmo dato, anche la sere N. 3 può essere rappresentata da una retta

38 Regressone n EXCEL (segue) Se applchamo mnm quadrat alle 3 sere d dat non tenendo conto de grafc vst ed mponendo che tutte le sere d dat sano rappresentate da una retta, otterremo seguent dat statstc: sere 1 sere sere 3 a a1 0,5 0,5 0,5 sgmay 1,37 1,37 1,36 sgma0 1,15 1,15 1,14 sgma1 0,118 0,118 0,119 In altr termn, basandos soltanto su quest dat, possamo affermare tranqullamente che tutte le 3 sere d dat possono essere rappresentate da una retta d equazone y=a + bx. Tuttava se oltre a dat statstc osservamo grafc de resdu, possamo dedurre quanto segue:

39 resdu,500000, , , , , , , , , , sere n. 1 resdu I dat sono sparpaglat attorno all asse X resdu 1, , , , , , sere n. 1 resdu I dat non sono sparpaglat lungo l asse delle X bensì assumono un andamento partcolare (parabolco) -1, , , resdu 3, ,000000,500000, , , , , , , , sere n. 1 resdu A parte l penultmo dato che s trova sopra l asse delle X, gl altr dat non sono dstrbut casualmente attorno l asse X ma s trovano tutt sotto tale asse. (Il che fa pensare che sa presente un errore sstematco ne dat.)

40 Mnm quadrat n EXCEL: metod dsponbl EXCEL c mette a dsposzone 3 dvers mod d applcazone del metodo de mnm quadrat a de dat spermental: 1) Operando drettamente sul grafco ed utlzzando l comando AGGIUNGI LINEA DI TENDENZA. E suffcente selezonare dat sul grafco e, dopo aver premuto l pulsante destro, sceglere l opzone Aggung lnea d tendenza. Infne s selezona l tpo d regressone.

41 Mnm quadrat : Aggung lnea d tendenza Sul grafco vene traccata automatcamente la mglor retta passante per dat E possble vsualzzare l equazone della retta Come dato statstco s ha solo a dsposzone l coeffcente d correlazone R N.B. Per modfcare l n. d cfre decmal con cu vengono vsualzzat parametr all nterno dell equazone è suffcente fare dapprma clc col pulsante snstro sulla formula all nterno del grafco e po, dopo aver premuto l pulsante destro, selezonare la voce FORMATO ETICHETTE DATI.

42 Mnm quadrat : Funzone REGR.LIN La funzone REGR.LIN è dsponble tramte la voce FUNZIONE del menù INSERISCI. A dfferenza d AGGIUNGI LINEA DI TENDENZA, tale funzone resttusce alcun parametr statstc. UTILIZZAZIONE 1. Inseramo sul foglo dat spermental. Selezonamo un blocco d celle vuote costtuto da 5 rghe e due colonne

43 Funzone REGR.LIN (segue) 3. Faccamo clc su Funzone del menù INSERISCI e qund selezonamo la funzone REGR.LIN appartenente alla categora statstche. Comparrà la seguente fnestra che c chederà d defnre alcun parametr. Y_nota : ntervallo d celle contenent la y spermentale x_nota : ntervallo d celle contenent la x spermentale Cost : fa rfermento all ntercetta a 0 ovvero se la retta deve passare o meno per l orgne. Immettere VERO se non passa per l orgne e FALSO se passa per l orgne Stat : con VERO la funzone, oltre a coeffcent della retta, resttusce alcun dat statstc; con FALSO resttusce solo coeffcent della retta

44 Funzone REGR.LIN (segue) 4. Invece d fare clc su OK o d premere INVIO, s deve premere INVIO tenendo contemporaneamente premut tast CTRL e SHIFT. Solo così verranno rportat, sul blocco d celle selezonate precedentemente, rsultat del calcolo ovvero seguent dat relatv alla retta d equazone y= a + b x b a s b R Statstca F La somma della regressone de quadrat 0, , , , , , , ,51 13,7669 s a s Grad d lbertà La somma resdua de quadrat

45 Funzone REGR.LIN: grafco de resdu 5. Con dat statstc ottenut con la funzone REGR.LIN possamo ora traccare l grafco de resdu utlzzando la seguente procedura: Insermento d due rghe contenent le seguent nformazon: - y,calc =a + bx,sper - y,sper. - y,calc Insermento nel foglo del grafco de resdu (x=x sper. Y=y,sper. - y,calc )

46 Mnm quadrat con lo strumento REGRESSIONE Lo strumento REGRESSIONE è dsponble tramte STRUMENTI -> ANALISI DATI - > REGRESSIONE. A dfferenza d AGGIUNGI LINEA DI TENDENZA, tale funzone resttusce dvers parametr statstc. Inoltre permette anche d esegure mnm quadrat su una funzone Y che dpende da pù varabl ndpendent x (y=a 0 + a 1 x 1 + a x +. come pure su una funzone polnomale d grado superore a 1) UTILIZZAZIONE 1. Inseramo sul foglo dat spermental. Selezonamo la voce Anals Dat del menù STRUMENTI. Se la voce non dovesse essere presente nel menù, sgnfca che l pacchetto Anals Dat non è stato ancora nstallato.

47 Strumento REGRESSIONE (segue) 3. Comparrà la seguente fnestra che c mette a dsposzone numeros strument d anals. Sceglamo l opzone REGRESSIONE.

48 Strumento REGRESSIONE (segue) 4. Comparrà la seguente fnestra che c chederà d defnre alcun parametr. Impostamo solo seguent parametr d nput e d output: PARAMETRI DI INPUT Intervallo d nput Y : ntervallo d celle contenent la y spermentale Intervallo d nput X : ntervallo d celle contenent la x spermentale Lvello d confdenza: lvello d fduca con cu voglamo vengano espress valor de coeffcent a e b Passa per l orgne: ovvero se voglamo mporre nel calcolo che la retta pass per l orgne

49 Strumento REGRESSIONE (segue) PARAMETRI DI OUTPUT Intervallo d output : Intervallo d celle n cu verranno mostrat dat calcolat dallo strumento REGRESSIONE. Convene sceglere, come rfermento, un nuovo foglo d lavoro Resdu e Traccat de resdu: contrassegnare tal opzon n modo da vsualzzare anche l grafco de resdu.

50 Strumento REGRESSIONE (segue) Esempo d dat ottenut operando con lo strumento REGRESSIONE sulla prma sere d dat

51 Strumento REGRESSIONE (segue) Per comprendere meglo l sgnfcato e l uso de dat statstc rportat nella dapostva precedente provamo a consderare seguent esercz. ESERCIZIO 1 Una sere d soluzon standard d fluorescena sono state esamnate con uno spettrofotometro d fluorescenza, ottenendo dat rportat nella seguente tabella: Intenstà (u.a.) Concentrazone (pg/ml) a) Rcavare la mglor retta d taratura, supponendo che le ncertezze su y sano d tpo casuale e tutte ugual, mentre quelle su x sano trascurabl. b) Esprmere coeffcent a e b con un lvello d fduca del 95% c) Rportare n un grafco l ntervallo d fduca assocato a cascuna y d) Calcolare la mglor stma della concentrazone corrspondente alle seguent ntenstà msurate :.9 ; 5.6 ; 9.5 ; 13.5 e 3.0.

52 RISULTATI OTTENUTI Strumento REGRESSIONE (segue)

53 Strumento REGRESSIONE (segue) Analzzando dat rportat nel foglo d lavoro resttuto da EXCEL, possamo affermare quanto segue: a) I valor de coeffcent a (Intercetta) e b(varable X1) sono, rspettvamente (cella B17) e (cella B18). Pertanto la mglor retta d taratura è: y= x b) L errore standard s è uguale a (cella B7), mentre gl error standard d a e b sono, rspettvamente, (cella C17) e (cella C18). Sul foglo vene noltre rportata la mglor stma d a e b, relatvamente al lvello d fduca prescelto (95%) sotto forma d estrem d ntervallo (nferore 95%, superore 95% ). Per esprmere valor de parametr con assocata l ncertezza espressa come ±, basta sottrarre al valore corrspondente all estremo superore, quello del coeffcente, ottenendo: a = 1.5 ± 0.76 b=1.93 ± 0.11 N.B. S poteva ottenere lo stesso rsultato, applcando le formule

54 Strumento REGRESSIONE (segue) N.B. S poteva ottenere lo stesso rsultato, applcando le formule a a t95%, 5 s a b b t95%, 5 sb rcavando l parametro t 95%,5 tramte le relatve tabelle della dstrbuzone d Student, oppure utlzzando la funzone d EXCEL INV.T(probabltà;grad d lbertà) dove probabltà=(100-x%)/100; =0.05 per un lvello d fduca X%=95%. c) Per rportare n un grafco l ntervallo d fduca assocato a cascun valore calcolato d y 0 partendo da dat spermental d x 0, è stato dapprma rcavato l valore d y 0 utlzzando la retta ottenuta n a) ; successvamente, è stata utlzzata l equazone (6) per rcavare l ncertezza assocata a cascun valore d y0. Infne è stata espressa cascuna ncertezza con un lvello d fduca del 95%, utlzzando l equazone y0 y0 t X %, n s y0 La seguente fgura rporta l grafco ottenuto.

55 Strumento REGRESSIONE (segue)

56 Strumento REGRESSIONE (segue) d) La mglor stma della concentrazone corrspondente alle ntenstà msurate d.9 ; 5.6 ; 9.5 ; 13.5 e 3.0, è stata rcavata dapprma calcolando l ncertezza s x0 tramte l equazone 3) vsta precedentemente e successvamente applcando la formula x 0 x0 t X %, n s x 0 La seguente fgura rassume rsultat de calcol relatv all eserczo.

57 ELABORAZIONE DATI Strumento REGRESSIONE (segue)

58 Strumento REGRESSIONE (segue) La seguente fgura rporta, nfne le bande d fduca per var valor d x.

59 ESERCIZIO Strumento REGRESSIONE (segue) Uno spettrofotometro d assorbmento UV-VIS vene utlzzato per determnare la concentrazone dell arsenco n una soluzone. La seguente tabella rporta dat ottenut con delle soluzon d arsenco a concentrazone nota. C(ppm) A a) Calcolare la mglor retta con lo strumento REGRESSIONE. b) Utlzzare la retta d calbrazone per stmare un valore d C (x 0 ) corrspondente a una assorbanza d y 0 =0.350, ottenuta replcando la msura 3 volte e facendone una meda.

60 Strumento REGRESSIONE (segue) a) La relazone che lega l assorbanza d un pcco, msurata a una certa l e avente un coeffcente d estnzone molare, l, alla concentrazone della spece responsable dell assorbmento, è la Legge d Lambert Beer A l l t cl dove t è lo spessore della celletta contenente la soluzone da msurare. Ponendo y=a l, b= l t e x=c l, abbamo che l equazone, che potrebbe correlare dat rportat n tabella, è del tpo y = b x Tuttava, osservando soltanto dat rportat n tabella, non possamo affermare con certezza che, a concentrazone 0, l assorbanza sa nulla. Potrebbe non esserlo a causa d qualche nfluenza da parte della matrce ovvero della soluzone contenente l arsenco, oppure a un offset sstematco dovuto a una non perfetta calbrazone dello strumento. A tale scopo convene dapprma supporre che la curva che rappresenta meglo dat sa una retta che non pass per l orgne, ovvero y = a + b x

61 Strumento REGRESSIONE (segue) E po dscutere se è sgnfcatvo affermare che l valore dell ntercetta ottenuto con l calcolo sa nullo. Se sì, allora è gusto supporre che l equazone che meglo rproduce dat è y=b x, per cu possamo rpetere l calcolo mponendo che la retta pass per l orgne. La seguente fgura mostra rsultat ottenut con lo strumento REGRESSIONE supponendo che la retta non pass per l orgne e che l lvello d fduca con cu voglamo avere la mglore stma de coeffcent a e b sa del 95%. Osservando dat possamo dedurre quanto segue: 1) errore standard regressone s= grad d lbertà = n. dat (o osservazon) - = 3 Intercetta a= errore standard s a = Varable X1 (o pendenza) b= errore standard s b =

62 Strumento REGRESSIONE (segue)

63 Strumento REGRESSIONE (segue) )Il valore d a ottenuto è molto pccolo. E possble che l ncertezza assocata col dato (s a ) e dovuta alla presenza d sol error casual, sa l unca responsable del fatto che a non è esattamente uguale a 0. In effett, osservando valor INFERIORE 95% e SUPERIORE 95%, sembra propro che l valore d a oscll attorno allo 0. Tuttava, per essere ragonevolmente scur d affermare che a possa essere posto uguale a 0, è necessaro esegure l cosddetto test statstco d sgnfcatvtà, che va a vedere se una data potes (l porre a uguale a 0) sa sgnfcatvamente probable. Quando n un processo d msurazone sono present solo degl error casual e la msura vene replcata un numero lmtato d volte per ottenere la mglore stma d una grandezza relatvamente a un certo lvello d fduca par a X% (es. 95%), la dspersone de valor msurat attorno al valore medo può essere rappresentata medante la curva d _ dstrbuzone d Student, dove rappresenta la mglore stma del valore vero m, nf x _ t X %, n s _ x x ottenuta facendo la meda de valor e la coppa (nf, sup) rappresenta l ntervallo d fduca entro cu s ha una probabltà d X% che valor msurat cadano dentro questo ntervallo. I valor d nf e sup vengono rcavat medante le seguent relazon, dove t X%,n è l parametro d Student per un certo lvello d fduca X% e per numero d grad d lbertà n sup x _ t X %, n s _ x

64 Strumento REGRESSIONE (segue) Curva d dstrbuzone d Student La seguente fgura mostra la corrspondente curva d dstrbuzone normale d Student n funzone del parametro _ x m t s n Dove s è la devazone standard e n è l n. d replche.

65 Strumento REGRESSIONE (segue) Il valore d t delmta l area della curva entro cu v è una probabltà d X% che l valore msurato cada entro questo ntervallo. L area n charo è par a X%/100. D esempo, nel caso n cu X% sa uguale a 95%, l area è uguale a Se ndchamo con a/ cascuna delle due aree esterne all ntervallo (-t, t ) (s suppone che la curva che rappresent l campone d dat spermental sa smmetrca) e tenendo presente che l area totale è 1, avremo che a X % Ad esempo, se X%=95% a+0.95=1 e a=0.05 Se esprmamo la probabltà che un rsultato cada all nterno d un certo ntervallo, oppure al d fuor, con l parametro a, denomnato anche lvello d sgnfcatvtà, possamo dedurre quanto segue: se la msura vene replcata pù volte, la probabltà che essa cada all nterno dell ntervallo corrspondente al lvello d fduca par a 95%, deve essere maggore d 0.05, mentre cadrà al d fuor d esso se mnore d tale valore.

66 Strumento REGRESSIONE (segue) Oltre che per stablre se la meda d n msure cada all nterno d un certo ntervallo, l parametro a può anche essere utlzzato per controllare se l ntercetta a, ottenuta col calcolo de mnm quadrat, sa sgnfcatvamente uguale a 0. La procedura per esegure l test può essere rassunta nel seguente modo: Stablamo l potes che voglamo verfcare: è a uguale a 0? Indchamo questa potes con la smbologa : H 0 : a=0 Stablamo l potes alternatva : H 0 : a #0 Defnamo l lvello d sgnfcatvtà corrspondente ad un dato lvello d fduca X% Quando le potes alternatve corrspondono ad andare a vedere quanto è l area all nterno o al d fuor d un certo ntervallo, s parla d test a code e l valore d sgnfcatvtà sarà uguale a a 1 x% 100 Se nvece le potes consstono nel dscutere se un certo rsultato possa essere < o > d un certo valore, allora dobbamo consderare solo una delle aree esterne, per cu s parla d test a una coda e a 1 1 x% 100

67 Strumento REGRESSIONE (segue) Nel nostro caso l test è a code per cu a=0.05. Rcavamo l valore d t corrspondente al valore ottenuto oggetto del test. Nel caso d una retta, abbamo a t s a dove s a è l errore standard su a ottenuta col calcolo, supponendo che la retta non pass per l orgne. Nel nostro esempo s trova che t=1.6. Dalle tabelle che rportano valor crtc d t andamo a vedere quale è l lvello d sgnfcatvtà, tenendo presente se l test è a 1 coda oppure a code e che n=n-. Nel nostro caso n=3 e l valore d a corrspondente a t=1.6 è compreso tra 0.1 e 0.3. Essendo tale valore maggore d 0.05, sgnfca che l potes d consderare l ntercetta a uguale a 0 è sgnfcatva e va qund accettata. OSSERVAZIONE Per avere un valore pù precso basta usare la funzone d EXCEL DISTRIB.T(x;grad_lbertà ;coda) n cu x è l valore d t ottenuto uguale a 1.6, grad d lbertà=3 e coda=.

68

69 Strumento REGRESSIONE (segue) S poteva gungere allo stesso rsultato andando a confrontare l valore d t ottenuto con quello crtco rportato n tabella, corrspondente a un dato X% e n. Avremmo avuto possbltà: - - t t crtco Dalla fgura vsta precedentemente, che rporta la curva d dstrbuzone d Student n funzone d t, cò sgnfca che samo dentro l area, per cu v è una probabltà d X% che l rsultato ovvero che a sa uguale a 0 t t crtco Samo al d fuor dell area, per cu v è una probabltà d 100-X% (5% se X%=95) che a sa dversa da 0.

70 Strumento REGRESSIONE (segue) S poteva gungere allo stesso rsultato senza fare alcun calcolo, esamnando semplcemente valor resttut da EXCEL medante lo strumento REGRESSIONE, rportat precedentemente. Infatt, nelle colonne denomnate Stat t e valore d sgnfcatvtà, relatvamente alla rga ntercetta, vengono gà rportat valor d t e d a. Rpetendo l calcolo con EXCEL, dopo aver mposto che la retta pass per l orgne, ottenamo rsultat rportat nella seguente fgura, da cu possamo dedurre quanto segue: - Errore standard regressone : Grad d lbertà : 3 - a= 0 - b = s b = La mglore stma d b, con un lvello d fduca del 95% è b= ± = (.8 ± 0.08) x 10 -

71 Strumento REGRESSIONE (segue)

72 REGRESSIONE POLINOMIALE Nell elaborare dat spermental, v sono delle stuazon n cu ess sono meglo rappresentat da una curva puttosto che da una retta. Ad esempo, la dpendenza d alcune grandezze fsche da T (es. calor molar (ntervallo d T rstretto), resstenza d una lega, tensone d una termocoppa, ecc.) può essere rappresentata meglo da una equazone polnomale d o 3 grado puttosto che da una retta. La tecnca de mnm quadrat, vsta precedentemente per rcavare la mglore stma de coeffcent a e b d una retta, può essere utlzzata anche per rcavare coeffcent d una equazone polnomale ovvero rendendo mnma la relazone n 1 w ( y ^ y ) mn mo n cu y^ è uguale a ^ y a bx cx dx... mx 3 m dove m è l grado del polnomo.

73 REGRESSIONE POLINOMIALE(segue) Uguaglando a 0 le equazon e rordnando, ottenamo l seguente sstema d equazon: y x c x b n a y x x c x b x a 3 y x x c x b x a 4 3 dove tutte le sommatore vengono esegute per che va da 1 al n. totale d dat n. Excel permette d rcavare la mglor stma de parametr a,b e c n modo semplce utlzzando gl strument vst precedentemente per la retta, purchè le nostre msure soddsfno le seguent condzon: - Le ncertezze su y sano tutte ugual - le ncertezze su y sano normalmente dstrbute - le ncertezze sulle x sano trascurabl - gl error sstematc su x e y sano trascurabl

74 REGRESSIONE POLINOMIALE grado n Excel Supponamo, ad esempo, d voler applcare lo strumento REGRESSIONE d ANALISI DATI d Excel a seguent dat, che rportano valor spermental della resstenza d un trasduttore d temperatura RTD n funzone della temperatura:

75 REGRESSIONE POLINOMIALE grado n Excel Provamo ad nserre dat n un foglo d lavoro d Excel, secondo quanto mostrato nella seguente fgura, n cu a dat orgnal è stata aggunta una nuova colonna contenente la varable ndpendente x (ovvero T) elevata al quadrato.

76 REGRESSIONE POLINOMIALE grado n Excel Sceglamo l opzone REGRESSIONE dello strumento ANALISI DATI. Comparrà la seguente fnestra d dalogo gà dscussa precedentemente nel caso della retta, n cu l parametro Intervallo d nput X questa volta dovrà fare rfermento alle celle contenent valor d x e d x. OSSERVAZIONE. Il parametro ntervallo d nput X dpende pertanto dal grado del polnomale utlzzato per elaborare dat e lo strumento REGRESSIONE può essere usato per un polnomale d qualsas ordne. Basta nserre nel foglo le relatve colonne.( x, x 3, ecc.).

77 REGRESSIONE POLINOMIALE grado n Excel Esempo d dat ottenut eseguendo una regressone polnomale d grado su dat

78 REGRESSIONE LINEARE PESATA Abbamo vsto come, nel caso della regressone lneare semplce, le ncertezze assocate alle y abbano tutte lo stesso valore. Tuttava possono verfcars delle stuazon n cu, pur essendo l errore su y predomnante su quello presente su x, l ncertezza su cascun valore d y è dversa. Cò può, ad esempo, verfcars quando: -Le msure vengono rpetute ad un partcolare valore d x, rducendo così l ncertezza del corrspondente valore d y. -I dat vengono trasformat n modo da avere una relazone lneare. Ad es., nel caso d msure d tensone d vapore, la pressone parzale p del lqudo dpende da T secondo ln p a H vap R T Ponendo y=lnp, x=1/t e b=-h vap /R, l equazone della retta che meglo soddsfa dat è y=a + b x.

79 REGRESSIONE LINEARE PESATA (segue) I valor della pressone d vapore p msurat avranno tutt la stessa ncertezza, se la msurazone vene condotta sempre nello stesso modo. Tuttava, quando s fa la trasformazone logartmca, le ncertezza su y non sono pù tutte ugual. Infatt, applcando la teora della propagazone degl error avremo s y y s p p Mentre le s p hanno tutte lo stesso valore, le ncertezze s y dmnuranno all aumentare d p. In quest cas l calcolo della regressone lneare deve essere fatta ntroducendo de fattor peso che tengono conto del fatto che s ottene la mglor retta se damo pù peso a dat meno affett da errore. S ntroduce pertanto un fattore peso w nversamente proporzonale al quadrato delle ncertezze s y 1 p s p w s 1 y

80 REGRESSIONE LINEARE PESATA (segue) Nel caso della tensone d vapore avremo che w p s p dopodchè s deve mnmzzare l equazone S r ( y a b s 1 y x ) Qualora le ncertezze su valor msurat d y (es. s p ), sono note, è possble rcavare l valore esatto de pes w. Altrment l problema è ancora rsolvble, n quanto no samo nteressat, pù che al valore assoluto d w, ad avere un valore relatvo che c permetta d stmare l dverso peso da dare a cascun dato, ma che non altera l rapporto tra pes de dat. Ad esempo, ponendo s p =1, avremo che pes w saranno scalat tutt della stessa quanttà, per cu l rapporto tra pes relatv tra var dat non camba.

81 REGRESSIONE LINEARE PESATA (segue) D y x w x w y w x w a D y w x w y x w w b Applcando una procedura smle a quella vsta nel caso della regressone lneare semplce, s ottengono le seguent relazon che c permettono d rcavare la mglor stma de coeffcent a e b. x w x w w D

82 REGRESSIONE LINEARE PESATA (segue) D n x w w w a s s D n w w b s s 1 1 D y w x w y x w w y w y w w w n n s w Qualora non sano not sngol valor d s y, per cu pes w sono stat scalat tutt d una stessa quanttà, l errore standard su parametr a e b, può essere rcavato medante le seguent relazon: x w x w w D dove

83 Mnm quadrat lnear pesat Applcazone della macro Mnm qudrat pesat per l calcolo della mglor retta, attrbuendo a cascun dato un peso Esempo d funzone Y studata : D fatto la funzone studata è : statstco dverso. y y 0 e 1 L ntroduzone de pes w comporta una SRR (somma de quadrat s de resdu) nferore e anche una ncertezza mnore su coeffcent. ln y ln y0 kt kt w Per calcolare pes usamo qund l espressone Essendo Y=ln y, s y =d(lny)/dy = 1/y e qund w=y. 1 dy dy

84 Mnm quadrat lnear pesat Utlzzazone della MACRO Mnm quadrat pesat La macro Mnm quadrat pesat permette d esegure mnm quadrat lnear pesat su una funzone polnomale sa a una sola varable ndpendente y=a 0 + a 1 x + a x +., che a pù varabl ndpendent ( y = a 0 + a 1 x 1 + a x + ). Per poterla utlzzare è necessaro esegure le seguent operazon: Carcare n memora l foglo d lavoro allegato mnmpesat.xls Tale foglo rporta dat spermental relatv a una cnetca che segue la funzone y y 0 e kt

85 Mnm quadrat lnear pesat Uso della MACRO Mnm quadrat pesat y ln y w =y x 0, ,114 0, , ,1970 0, , ,89 0, , ,388 0, ,6386-0, , , ,6406 0, , , , , ,7759 0, , ,9709 0, , , , , ,151 0, ,875-1,638 0, ,6755-1, , ,3886-1, , , , , , ,6853 0, , ,737 0, , , , , ,9474 0, , ,0446 0,

86 y ln y w =y x 0, ,1307 0, ,143 -,0856 0, , , , , ,4073 0, , , , , , , , , , , ,470 0, , ,067 0, , ,7103 0, ,0895-3, , , ,0758 0, , , , ,0556 -, , ,0935-3,5839 0, ,0086-3,818 0, , , , , , , , ,5807 0, , , ,5E ,0081-4, ,56E , ,6111 9,88E , ,4681 0, , ,475 0, , ,9871 4,66E , ,4747 0,

87 Uso della MACRO Mnm quadrat pesat (contnua) Selezonare l comando Mnm quadrat pesat presente all nterno del menù STRUMENTI. Tale comando vene aggunto automatcamente al menù quando vene carcato un foglo che contene al suo nterno la macro. Comparrà una fnestra d dalogo che c chede d nserre le seguent nformazon: L ntervallo d celle che contengono valor della X. L ntervallo d celle che contengono valor della Y L ntervallo d celle che contengono valor calcolat de pes W In che modo sono dspost dat (tutt su rghe oppure tutt su colonne) Se la curva deve passare per l orgne oppure no Dopo aver nserto le nformazon e aver fatto clc su IMMETTI, comparrà n basso sotto dat, l rsultato del calcolo ovvero valor ottmzzat de parametr nclusa la relatva devazone standard ed noltre la devazone standard su Y, s y OSSERVAZIONE E possble utlzzare la MACRO per esegure calcol su altr dat, semplcente cancellando l contenuto del foglo ed mmettendo nuov dat da elaborare. La voce Mnm quadrat pesat scomparrà automatcamente dal menù STRUMENTI, una volta che abbamo chuso l foglo d lavoro mnmpesat.xls.

88 Mnm quadrat pesat: Elaborazone dat tensone d vapore La seguente fgura mostra l foglo d lavoro relatvo all elaborazone de dat con mnm quadrat lnear pesat. I pes sono stat rcavat n manera analoga al caso precedente.

89 lnp resdu Elaborazone dat tensone d vapore (segue) Msura tensone d vapore d un lqudo 6.8 Resdu sper calc /T Sere1 1/T (K) Grafco ottenuto aggungendo la lnea ottenuta col calcolo. Tale lnea cade dentro l area delmtata dalle barre d errore ottenute tramte s y

90 Utlzzazone dello strumento RISOLUTORE (solver) per l applcazone del metodo de mnm quadrat a funzon dverse da quelle polnomal Negl esemp vst precedentemente, la funzone che rspondeva meglo a dat spermental era lneare sa ne coeffcent che nella varable ndpendente X, ovvero la funzone venva espressa come una somma d termn cascuno moltplcato solo per un coeffcente Esemp: - y=a 0 +a 1 x y è lneare ne coeffcent a 0 e a 1 - y=a 0 +a 1 x+a x y è lneare ne coeffcent a 0, a 1 e a - y= a 0 + a 1 x 1 + a x + a 3 x 3 y è lneare ne coeffcent a 0, a 1 e a - Y=ln y = log a + (log b) x Y è lneare ne coeff. log a e log b L applcazone del metodo de mnm quadrat a tal funzon conssteva semplcemente nel rsolvere un sstema d equazon lnear. Tale sstema venva rsolto automatcamente con gl strument vst precedentemente : REGR.LIN, AGGIUNGI LINEA DI TENDENZA e REGRESSIONE.

91 Strumento Rsolutore (segue) Tuttava esstono dverse stuazon n cu la y può: Non essere pù lneare nella varable X, bensì solo ne coeffcent (es. Eq. Van Deemter : y= Ax+B/x+c) Non essere pù lneare ne coeffcent (tutt o n parte) (es. - y = a 1 sen( a x) la y è lneare n a 1 ma non n a - y = a 1 e k1 t + a e k t la y è lneare n a 1 e a ma non n k 1 e k - y = a 1 e -0.5((x-a)/a3)^) + a 4 + a 5 x + a 6 x Nel caso n cu la funzone sa lneare ne coeffcent ma non nella varable X, l applcazone de mnm quadrat che rende mnma la somma de quadrat de resdu SRR = c = S ( w (y y calc )) s rduce ancora nella rsoluzone d un sstema d equazon lnear, cu termn però sono dvers da quell che s ottengono nel caso d funzon polnomal. Pertanto la relatva applcazone può essere fatta, n EXCEL, soltanto utlzzando le matrc. Nel caso n cu la funzone non sa pù lneare ne coeffcent, la mnmzzazone d SRR rspetto a coeffcent non può pù essere rsolta con un sstema d equazon lnear, bensì con de metod matematc teratv. Lo strumento RISOLUTORE d Excel c permette, con semplctà, d rcavare mglor coeffcent d una funzone che non è rsolvble con metod standard vst precedentemente.

92 Strumento Rsolutore (segue) La funzone c dpende da coeffcent a 1, a, a 3, ecc. Nel caso d due coeffcent, la rappresentazone grafca della dpendenza d c da a 1 e a, può essere descrtta da una superfce a 3 dmenson, come mostra la seguente fgura: Le coordnate del punto d mnmo d tale superfce corrspondono a valor de coeffcent che rendono mnma c, ovvero quell che permettono d rappresentare, al meglo, dat spermental.

93 Strumento Rsolutore (segue) In pratca, gl algortm usat per rsolvere l metodo de mnm quadrat applcato a funzon non lnear, consste nell esegure seguent passagg: S parte con una stma nzale de coeffcent e s calcola c. S varano coeffcent sno a che c è mnmo. OSSERVAZIONI Nell applcare suddett passagg può verfcars che l mnmo trovato sa un mnmo relatvo e non assoluto. (La superfce multdmensonale rportata nella precedente fgura può avere dvers mnm relatv, d cu solo uno è quello assoluto.) Per essere scur d non arrvare a un mnmo locale, una volta raggunto l prmo valore pù basso d c, convene modfcare d poco valor d uno de coeffcent e provare a vedere se c dventa ancora pù pccolo. In altr cas convene dapprma ottmzzare c ntervenendo solo su alcun parametr mentre s mantengono fss gl altr ; dopodchè s ottmzza rspetto a tutt parametr. L ndvduazone del mnmo assoluto può rchedere pù o meno tempo, a seconda della stma nzale de parametr.

94 Strumento Rsolutore (segue) Esstono dvers algortm matematc pù o meno compless che permettono d applcare mnm quadrat a funzon non lnear. Tal algortm sono format da una sere d struzon che devono essere esegute n modo teratvo, per cu sono d dffcle applcazone all nterno d un fogletto elettronco, a meno che non vengano svluppate sotto forma d MACRO. Lo strumento RISOLUTORE d Excel mplementa uno de suddett algortm matematc e permette d applcare l metodo de mnm quadrat, n modo estremamente semplce.

95 Ottmzzazone de parametr dell equazone d Van Deemter con lo strumento RISOLUTORE L equazone d Van Deemter permette d correlare l altezza d un patto teorco d una colonna gascromatografca (e qund l effcenza nella rsoluzone de pcch) con la veloctà d flusso della fase moble gassosa : y A x B x C dove y è l altezza del patto teorco n mm X è la veloctà d flusso della fase gassosa n ml/mn A, B, C sono costant da ottmzzare col calcolo.

96 Eq. Van Deemter (segue) La seguente tabella rporta dat spermental relatv a un campone d -butanone, usando l elo come fase gassosa: Veloctà (ml/mn) Altezza patto (mm) 3,4000 9,59 7,1 5,9 16,1 3,63 0 3,4 3,1 3,46 34,4 3, ,5 44,7 3,31 65,9 3,5 78,9 3,86 96,8 4,4 115,4 4,6 10 4,67

97 Eq. Van Deemter n EXCEL (segue)

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA

ELEMENTI DI STATISTICA Pag 1 di 92 Francesco Sardo ELEMENTI DI STATISTICA PER VALUTATORI DI SISTEMI QUALITA AMBIENTE - SICUREZZA REV. 11 16/08/2009 Pag 2 di 92 Pag 3 di 92 0 Introduzione PARTE I 1 Statistica descrittiva 1.1

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli