Sistemi per l apprendimento orientato al problem solving con valutazione automatica di risposte aperte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi per l apprendimento orientato al problem solving con valutazione automatica di risposte aperte"

Transcript

1 Maggio Convegno Nazionale di Information Sistems Auditing Accademia Navale - Livorno Sistemi per l apprendimento l orientato al problem solving con valutazione automatica di risposte aperte Annalina Fabrizio -Accademia Navale

2 L esigenza Nell insegnamento dell informatica, in particolare se si introduce uno strumento software specifico, bisogna sfruttare al meglio i tempi della didattica, stimolando la partecipazione attiva degli studenti fronteggiare la rapidità dell evoluzione evoluzione degli strumenti software. Quali contenuti trasmettere? Affrontare e risolvere i problemi che con quello strumento è possibile risolvere.

3 Apprendimento del Problem Solving Come si può imparare a risolvere i problemi? attraverso lo studio di buone soluzioni per esempi di problemi opportunamente selezionati Il sistema che abbiamo realizzato assiste il docente nella preparazione di esercizi nella presentazione di problemi e delle loro soluzioni aiuta lo studente durante la ricerca della sua soluzione

4 Sistema software di aiuto all apprendimento apprendimento Il sistema presenta allo studente il problema in una forma già predisposta all'origine Evita i tempi morti d'impostazione dell'ambiente di lavoro Consente allo studente di concentrare l'attenzione su problema e sua soluzione Favorisce la conquista personale dello studente che scaturisce naturalmente da un uso finalizzato dello strumento software

5 Problema: dati soluzione risultati Si ha un problema quando, a partire da certi dati già disponibili, si vogliono ricavare dei risultati, che soddisfano opportune esigenze pratiche. Per esempio: PROBLEMA Determinare il vincitore di una gara che si articola su più prove. DATI Ordine di arrivo di ciascun concorrente in ciascuna prova SOLUZIONE Applicazione delle regole stabilite per l assegnazione l delle posizioni RISULTATI Una tabella, che riporta per ogni concorrente la sua posizione nella classifica finale, con designazione del vincitore.

6 Una soluzione con Excel

7 Soluzione informatica Descrizione del processo risolutivo scritta in una forma eseguibile attraverso lo strumento software scelto La forma della soluzione cambia in dipendenza dello strumento software utilizzato in Excel collezione di formule in un linguaggio di programmazione tradizionale (C, VBA) una sequenza di istruzioni in Access una o più query in formalismo QBE Partendo dai dati produce ogni volta i risultati attesi Deve continuare a ben operare al cambiare dei dati

8 Problemi e sottoproblemi L insegnante sceglie un problema e elabora una sua soluzione utilizzando il linguaggio o formalismo scelto (in( Access o Excel), di solito riducendo il problema originale a una collezione di sottoproblemi logicamente dipendenti e correlati. Il problema viene proposto allo studente come un insieme, eventualmente incompleto, di sottoproblemi, le relazioni e le dipendenze tra i quali possono essere lasciate (parzialmente) non specificate.

9 Disponibilità dei risultati I risultati che la soluzione del docente produce per i diversi sottoproblemi sono forniti allo studente (solo i risultati, non le soluzioni, che sono tenute nascoste). Compito dello studente è realizzare la sua soluzione personale in modo da riprodurre i medesimi risultati del docente.

10 L esercizio PSWelcome Dati Zona Studente Quesiti Replica dei Zona Risultati Docente Dati Risultati

11 Dipendenze tra sottoproblemi La giusta interpretazione delle dipendenze tra i sottoproblemi è affidata allo studente. Lo studente può sfruttare concretamente i risultati del docente per risolvere uno qualsiasi dei sottoproblemi, astraendo da quali risultati egli ha già ottenuto per gli altri. La dipendenza non si traduce in una propagazione dell'incapacità di risolvere un sottoproblema da cui altri dipendono.

12 I risultati cambiano al cambiare dei dati Lo studente può variare i dati a suo piacimento e osservare subito i cambiamenti nei risultati del docente per orientare la sua soluzione. Il problema si presenta corredato da una serie di campioni di dati, opportunamente scelti e predisposti dal docente, in modo da evidenziare variazioni significative nei risultati dei sotto-problemi.

13 Soluzione di uno studente Quesito non svolto Non formula-unica Formula corretta Uso dei risultati docente Formula non corretta I risultati Risultati cambiano differenti con per un la altro formula campione non corretta di dati

14 Aiuti all apprendimento apprendimento Alcune imprecisioni nella soluzione dello studente rilevate dal sistema sono comunicate, offrendo spunti allo studente per auto-correggersi. Il docente può predisporre suggerimenti che lo studente potrà richiedere al sistema durante i tentativi di soluzione. Vari tipi di suggerimenti sono generati automaticamente dal sistema.

15 Valutazione Il sistema valuta la soluzione sulla base della corrispondenza dei risultati che lo studente ottiene rispetto a quelli del docente. La valutazione è effettuata per tutti i campioni di dati tiene conto dei suggerimenti richiesti tollera alcune imprecisioni della soluzione

16 Un rapporto di valutazione

17 Risposte aperte Rispetto ai consueti sistemi di valutazione automatica l'aspetto innovativo di questo consiste nel fatto che le soluzioni fornite dallo studente sono sostanzialmente assimilabili a risposte aperte È considerata corretta qualsiasi soluzione dello studente capace di riprodurre gli stessi risultati del docente.

18 I sistemi di apprendimento ATM e PSWelcome Sono stati sviluppati due sistemi di autoapprendimento: PSWelcome per Excel e Access Test Manager per le basi di dati. Il primo prototipo dei sue sistemi è stato sviluppato e sperimentato in Accademia Navale. I sistemi sono stati ampliati all'interno del progetto "Information Technology for Problem Solving" " (IT4PS) promosso dalla Fondazione CRUI per le Università Italiane con il patrocinio dell'associazione Italiana per il Calcolo Automatico (AICA). Dal 2002 i due sistemi vengono utilizzati e sperimentati in corsi universitari e professionali dell Accademia Navale. Ampia descrizione dei due sistemi si trova in I Sistemi Autore PSWelcome e Access Test Manager, McGraw Hill - Collana Information Technology for Problem Solving (IT4PS) (A. Fabrizio, G. Fiorentino e G. Pacini, 2006)

19 Sperimentazione in Accademia Navale Gli allievi dell Accademia Navale sperimentano il sistema PSWelcome nel primo anno. PSWelcome è utilizzato dal docente nelle lezioni e dagli studenti durante le esercitazioni in laboratorio o nelle ore di studio personale. Gli allievi del corso di laurea "Scienze Marittime e Navali a.a hanno risposto a un questionario di valutazione di PSWelcome Sono stati loro distribuiti almeno sedici esercizi PSWelcome in formato elettronico dispensa sulle principali funzioni del foglio elettronico dispensa con dieci problemi, risolti, in ordine progressivo di difficoltà

20 * sono stati considerati 62 questionari Questionario di valutazione di PSWelcome

21 PSWelcome P Problem Solving S W With automatic EvaLuation of E L C O M E Creative Open Machine-executable Exercises

di Giuseppe Fiorentino fiorent@dm.unipi.it Introduzione

di Giuseppe Fiorentino fiorent@dm.unipi.it Introduzione di Giuseppe Fiorentino fiorent@dm.unipi.it Introduzione Mini Access Test Manager è una versione ridotta del sistema di autoapprendimento Access Test Manager descritto nel testo I sistemi Autore PSWelcome

Dettagli

10 anni di Certificazioni Informatiche

10 anni di Certificazioni Informatiche Osservatorio su Formazione e Certificazione Informatica nell Università e nella Scuola 10 anni di Certificazioni Informatiche nelle Università Italiane Luisa Mich Didamatica - Trento, 22 aprile 2009 Schema

Dettagli

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori matnet.unibg.it, matnet@unibg.it XXX CONVEGNO UMI - CIIM BERGAMO 25-27 OTTOBRE

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica lllo Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Orientamento Universitario

Orientamento Universitario 1 Orientamento Universitario Moduli di Orientamento Simulazioni e Test per l accesso alle Facoltà a numero chiuso Corsi di Preparazione ai Test di ammissione la chiave per il numero chiuso 2 Indice Orientamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

Programmazione. Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione. Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V I Docenti della Disciplina Salerno, lì... ottobre 2014 Finalità della

Dettagli

Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze. PISA 3 dicembre 2008

Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze. PISA 3 dicembre 2008 Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze PISA 3 dicembre 2008 SOMMARIO Il documento ufficiale Esempio di test I punti del documento ufficiale della Conferenza delle Facoltà di Scienze Necessità di

Dettagli

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in DIREZIONE AZIENDALE Anno Accademico 2015/16 STATISTICA PER IL BUSINESS o BUSINESS STATISTICS (2015/16, semestre

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

European Financial Advisor Program certificato

European Financial Advisor Program certificato European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE PADOVA 2014 Con il contributo di L Università degli Studi di Padova, fondata nel 1222, è tra i più antichi atenei in Europa e il primo in Italia,

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

European Financial Advisor Program

European Financial Advisor Program European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE PADOVA 2014 In collaborazione con Partner 2 3 Gli obiettivi del percorso formativo Il programma proposto mira a: Elevare il grado di preparazione

Dettagli

Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita,

Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita, Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita, UnidTest ha sviluppato Servizi e Strumenti di Orientamento pensati per studenti, scuole, università, enti pubblici e privati.

Dettagli

Risoluzione di situazioni/problema nella Scuola Primaria: ruolo del linguaggio naturale per la comprensione di strategie risolutive

Risoluzione di situazioni/problema nella Scuola Primaria: ruolo del linguaggio naturale per la comprensione di strategie risolutive Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze della Formazione C.d.L in Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Risoluzione di situazioni/problema nella Scuola Primaria: ruolo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecnologie e progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Classe: 3BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è mista e costituita

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE

DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE Profilo - Competenze - Certificazioni Perché definire un profilo? Perché descriverne le competenze e certificarle?

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2010/2011) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2010/2011) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2010/2011)

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4^ ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. minimi Telefono 0445-361773 - Email: itt@chilesotti.it - Internet: www.chilesotti.gov.

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. minimi Telefono 0445-361773 - Email: itt@chilesotti.it - Internet: www.chilesotti.gov. PIANO DI MATERIA 1. Dati generali Indirizzo logistica Materia Logistica Classe quinta Anno scolastico: 2015/2016 2. : Conoscenza (titolo) 1 Processo di approvvigionamento Conoscenze/Contenuti 2 Tempistica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: PROFESSORE: Valerio Mandarino CLASSE: 4 A ISTITUTO TECNICO ECONOMICO A.S.: 2015/2016 AMMINISTRAZIONE FINANZA

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

Introduzione al corso. Informatica (12BHD) A.A. 2011/2012

Introduzione al corso. Informatica (12BHD) A.A. 2011/2012 Introduzione al corso Corso di Insegnamento obbligatorio, 8 crediti, 2 Semestre Corso n. 7 Studenti con cognomi compresi tra DILB e FIOU Docenti: Fulvio Corno (lezioni, esercitazioni in aula) Sandro Cumani

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Relazione sull Opinione degli Studenti sulla didattica A.A. 2009-2010 Premessa Ai sensi dell art. 1, comma 1 e 2, della Legge 19 ottobre 1999, n.370 le università adottano un sistema di valutazione interna

Dettagli

Fashion Global Design

Fashion Global Design Fashion Global Design Modellista e Stilista Donna corso triennale in settimana Obiettivi del corso Il sistema moda è un mondo in continuo movimento socioculturale, economico e industriale. Una realtà che

Dettagli

Dipartimento ICEM. Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica. 2 dicembre 2014

Dipartimento ICEM. Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica. 2 dicembre 2014 Dipartimento ICEM Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica 2 dicembre 2014 Documento generato automaticamente dal software statistico STATAR per L A TEX Fonte dati: GOMP - Anno Accademico 2013/14 Indice

Dettagli

COME LE TECNOLOGIE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE SOCIALSOFTWARE. Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi

COME LE TECNOLOGIE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE SOCIALSOFTWARE. Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi COME LE TECNOLOGIE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE I SOCIALSOFTWARE Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi Università di Padova Seminario di contatto Cl@ssi 2.0 Gruppo di lavoro

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica Corso di Laurea Triennale in Storia, Scienze e Tecniche dell Industria Culturale sede di Brindisi Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08 Materiale didattico Testo adottato D.P. Curtin, K. Foley, K. Suen,

Dettagli

ShellExcel. Una domanda contiene i riferimenti (#A, #B, #C) alle celle che contengono i dati numerici del

ShellExcel. Una domanda contiene i riferimenti (#A, #B, #C) alle celle che contengono i dati numerici del Progetto Software to Fit - ShellExcel Pagina 1 Manuale d'uso ShellExcel ShellExcel è una interfaccia per disabili che permette ad un alunno con difficoltà di apprendimento di esercitarsi ripetitivamente

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE corsi per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aula, Training on the job, e-learning

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE corsi per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aula, Training on the job, e-learning SCUOLA SUPERIORE AIFOS DI FORMAZIONE DEI FORMATORI CON METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE corsi per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aula, Training on the job, e-learning

Dettagli

COME LE TECNOLOGIE I SOCIALSOFTWARE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE. Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi

COME LE TECNOLOGIE I SOCIALSOFTWARE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE. Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi COME LE TECNOLOGIE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE I SOCIALSOFTWARE Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi Università di Padova Seminario Montecatini Ottobre 2010 - Cl@ssi 2.0 Gruppo

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Patrizia

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014

European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014 European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014 TESEO, da oltre dieci anni, opera quale ente di ricerca e sviluppo di didattica applicata e quale centro di cultura finanziaria indipendente,

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

PROGETTO PLURIENNALE MATEMATICA & COMPUTER: dalla scuola Primaria alla scuola secondaria di II grado

PROGETTO PLURIENNALE MATEMATICA & COMPUTER: dalla scuola Primaria alla scuola secondaria di II grado Università della Calabria - Via Ponte P. Bucci, Cubo 30/A CAMPUS DI ARCAVACATA - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. e Fax +39 0984 496492 496493 WEB SITE URL: http://cird.unical.it. mail: cird@unical.it PROGETTO

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: 1 di 8 21/11/2013 10.41 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA INFORMATICA DOCENTI : ANDREELLA TERESA,

Dettagli

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35 DOCENTE PROF. DOMENICO DI DONATO

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I Dipartimenti Disciplinari, costituiti dai docenti della stessa disciplina, rappresentano, in base alla legge sull autonomia scolastica, una suddivisione del Collegio dei docenti

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

AICA per la Scuola e l Università

AICA per la Scuola e l Università AICA per la Scuola e l Università AICA è da sempre vicina al mondo della Scuola e dell Università con importanti iniziative e progetti che si inseriscono nel più ampio obiettivo di: favorire e diffondere

Dettagli

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Presentazione dell attività svolta nelle classi delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado degli Istituti Comprensivi di Reggio Emilia: Pertini

Dettagli

Il valore formativo della matematica nella scuola di oggi

Il valore formativo della matematica nella scuola di oggi XXXI CONVEGNO UMI-CIIM Livorno, 16-18 Ottobre 2014 Il valore formativo della matematica nella scuola di oggi ARCIPELAGHI Un esempio di ambiente di apprendimento Annalisa Sodi Monia Bianchi COSA È UN AMBIENTE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

creazione di oggetti

creazione di oggetti La stampa 3D (conosciuta nel mondo anche nella versione inglese del termine come 3D printing) è una nuova tecnologia sviluppata a negli ultimi anni che costituisce una vera e propria evoluzione della stampa

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2014/2015

catalogo corsi di formazione 2014/2015 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

INSEGNANTE NORMALE. mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili

INSEGNANTE NORMALE. mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili INSEGNANTE NORMALE mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili il mio mestiere è condurre e favorire apprendimento, crescita e autonomia, attraverso opportune mediazioni didattiche,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS PROTOCOLLI ATTIVITA PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA DI LETTURA E COMPRENSIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS PROTOCOLLI ATTIVITA PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA DI LETTURA E COMPRENSIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS PROTOCOLLI ATTIVITA PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA DI LETTURA E COMPRENSIONE ORDINE SCOLASTICO scuola dell INFANZIA Protocollo delle pratiche di lettura e comprensione

Dettagli

Provider esclusivo in Puglia e Calabria di

Provider esclusivo in Puglia e Calabria di Provider esclusivo in Puglia e Calabria di Prof. Piera Schiavone 1 PER FORMARE I DOCENTI E PROGETTARE L INNOVAZIONE A SCUOLA Animatore digitale Formazione interna: stimolare la formazione interna alla

Dettagli

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Imparo giocando: videogiochi e apprendimento Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Proprietà intellettuale. Di chi è questo rapporto di ricerca? Della comunità dei docenti sperimentatori,

Dettagli

Il Master in Didattica delle Scienze per Insegnanti di Scuola Primaria dell Università di Torino

Il Master in Didattica delle Scienze per Insegnanti di Scuola Primaria dell Università di Torino La qualità nell'insegnamento delle scienze Convegno conclusivo del Master sulla Didattica delle scienze Università degli Studi di Milano-Bicocca, 9-10 novembre 2009 Il Master in Didattica delle Scienze

Dettagli

Logica e geometria con il linguaggio Logo

Logica e geometria con il linguaggio Logo Logica e geometria con il linguaggio Logo Classe: III, IV e V primaria Argomento: geometria e logica Autori: Guido Gottardi e Alberto Battaini Introduzione: senza la pretesa di redigere un trattato sul

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO DELLE PROVE FINALI PER I CORSI DI LAUREA EX DM 270/04 (Approvato CDF 9-3-2011) 1. Riferimenti normativi. 1.1. Decreto Ministeriale 22-10-2004 n. 270, art. 10 (Obiettivi ed attività

Dettagli

Dal volantino ufficiale della manifestazione

Dal volantino ufficiale della manifestazione Dal volantino ufficiale della manifestazione La Matematica non è un gioco, ma i giochi possono rivelarsi preziosi per: COINVOLGERE gli studenti che si trovano in difficoltà con il programma o ne ricavano

Dettagli

Attività PQM matematica 2012/13: Diario di bordo del tutor

Attività PQM matematica 2012/13: Diario di bordo del tutor Attività PQM matematica 2012/13: Diario di bordo del tutor Scheda n 1 iniziale Tutor di istituto:prof.ssa Mezzina Lucia Data 4.04.2013 Classe 12 alunni della classe III^ B Ambito: Relazioni e funzioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE

PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE LICEO GIOTTO ULIVI CLASSE 1 Costruzioni 2 ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Prof. Cosimo Marco Parlangeli Prof. Claudio Santoro ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA La

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU?

NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU? NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU? Iscriviti all ITS della Spezia. Il collegamento diretto con il mondo del lavoro! 1 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L INNOVAZIONE DI PROCESSI E PRODOTTI

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale

28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2015/2016 Docente Patrizia Gioia patrizia.gioia@uniroma1.it 28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale CULTURA E FORMAZIONE I musei rappresentano una straordinaria

Dettagli

Imparare è una esperienza, tutto il resto è solo informazione automatizzata. Albert Einstein

Imparare è una esperienza, tutto il resto è solo informazione automatizzata. Albert Einstein Imparare è una esperienza, tutto il resto è solo informazione automatizzata Albert Einstein MISSION Sosteniamo la Cultura Digitale (corretto approccio alle nuove tecnologie e internet) sviluppando le I-Competence

Dettagli

Anno Scolastico Classe Tutor scolastico. 2008/2009 IV A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno. 2009/2010 V A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno

Anno Scolastico Classe Tutor scolastico. 2008/2009 IV A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno. 2009/2010 V A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno PROGETTTTO FFORMATTI IVO DII QUALLI IFFI ICAZZI IONE PROFFESSI IONALLE DII SECONDO LLI IVELLLLO TECNICO INFORMATII ICO E COMMERCIALE DII PRODOTTII MODA Anno Scolastico Classe Tutor scolastico 2008/2009

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 6 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 competenze

Dettagli

La Pianificazione Operativa o Master Budget

La Pianificazione Operativa o Master Budget La Pianificazione Operativa o Master Budget Questo corso è destinato ai vari imprenditori e manager delle piccole e medie imprese, che desiderano conoscere un sistema pratico e semplice per fare il piano

Dettagli

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003)

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Dirigente Scolastico

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE SCUOLA SUPERIORE AIFOS DI FORMAZIONE DEI FORMATORI CON METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE corsi per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aula, Training on the job, e

Dettagli

PROGETTAZIONE. Premessa. Caratteristiche dei destinatari

PROGETTAZIONE. Premessa. Caratteristiche dei destinatari Via Matteotti, 86/a - 84036 SALA CONSILINA (SA) Codice di Circolo SAEE12400V - codice fiscale 83002360655 Distretto Scolastico n. 61 Tel. 0975 520 289 / Fax 0975 527 058 e mail saee12400v@istruzione.it

Dettagli

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO:

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: ALL.1 e ALL..2 D.M. N 139 del 22/08/2007 D.P.R. N 122 art. 8 del 22/06/ 2009

Dettagli

NAVIGARE VERSO L ISOLA DEL TESORO: CORSO DI RICERCA BIBLIOGRAFICA

NAVIGARE VERSO L ISOLA DEL TESORO: CORSO DI RICERCA BIBLIOGRAFICA Perché questo corso NAVIGARE VERSO L ISOLA DEL TESORO: CORSO DI RICERCA BIBLIOGRAFICA Effettuare una ricerca bibliografica richiede dei passaggi obbligati che sfuggono facilmente alla memoria se non sono

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA

PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA LICEO GIOTTO ULIVI CLASSE II G ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Prof. Cosimo Marco Parlangeli ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA La classe II G risulta costituita da 25 alunni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE VALUTAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004.

AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE VALUTAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004. UMACROAREA RISORSE UMANE AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004. Nel corso dei mesi di novembre e dicembre dello scorso anno

Dettagli

ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A.

ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A. 2013 Divisione I Servizio Affari Generali e Risorse Umane Ufficio Personale T.A. ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A. ATTIVITÀ SVOLTE NELL ANNO 2013 RISULTATI DEL QUESTIONARIO DI ORIENTAMENTO SUI

Dettagli

Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto

Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto master ISIA DI PRIMO LIVELLO - 2011 A PORDENONE Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto MasteR DI PRIMO LIVELLO - 2011 Progetto Il Master si rivolge

Dettagli

Registro delle Lezioni

Registro delle Lezioni Di seguito è descritta la procedura per la gestione del on line. Area docente Per accedere alla compilazione del Registro, selezionare la voce Lezioni presente nell area Registro, dopo il login al sistema

Dettagli

I social network nella didattica

I social network nella didattica Professore di Linguaggi dei media e competenze Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Convegno Università degli Studi Link Campus University Social Media Week - Roma, 11 giugno 2015

Dettagli

Cos è il Software Didattico

Cos è il Software Didattico Cos è il Software Didattico Per poter utilizzare efficacemente il software didattico è necessario innanzitutto capire che cosa si intende con questo termine e quali sono le sue principali caratteristiche.

Dettagli