CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI. Ospedale S. Martino - Belluno. Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI. Ospedale S. Martino - Belluno. Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI Ospedale San Martino Belluno Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Struttura Ospedale S. Martino - Belluno Unità operativa/servizio Nefrologia e Dialisi Dipartimento Cardio-Nefro-Infettivo- Pneumologico Direttore Pierluigi Di Loreto Documento emesso il 19 dicembre 2013 Rev. 1 Iter di approvazione Redazione Verifica Approvazione Gruppo lavoro Renata Elena De Battista Lidia Lizza Renza Minute Francesca Parissenti Servizio qualità Asmara Da Ronchi URP Patrizia Milani Direzione di Struttura Raffaele Zanella Direttore Unità Pierluigi Di Loreto Pagina 1 di 16

2 INDICE Pag. Premessa 3 Presentazione - Mission e valori fondamentali 3 3 Di cosa ci occupiamo 4 - Attività di assistenza 4 - Attività di didattica e di ricerca 5 Caratteristiche dell unità operativa 5 Degenza ordinaria (ricovero) 5 - Accesso al reparto 5 - Orari di visita ai degenti 6 - Orari di ricevimento 6 La dimissione 7 Il Centro di Dialisi 7 Il Servizio di Emodialisi 7 - Il Servizio di Emodialisi di Belluno (Centro di Riferimento) 8 - Il Servizio di Emodialisi di Agordo (Centro ad Assistenza Limitata) 9 - Il Servizio di Emodialisi di Pieve di Cadore (Centro ad Assistenza Limitata) 9 L Ambulatorio di Dialisi Peritoneale 10 Gli ambulatori divisionali 10 - Ambulatorio Divisionale 10 - Ambulatorio per insufficienza renale pre-dialisi (pre-uremico) 11 - Ambulatorio Trapiantati 12 Come contattarci 13 Operatori 13 Come arrivare alla struttura 14 Segnalazioni 15 Riservatezza 15 Aggiornamenti 16 Diritti e doveri dei pazienti 16 Sintesi delle modifiche 16 Pagina 2 di 16

3 PREMESSA La presente carta dei servizi, redatta in coerenza con i principi e i contenuti definiti nella Carta dei Servizi dell Azienda ULSS n. 1 (si veda è rivolta agli utenti allo scopo di fornire loro indicazioni relativamente a servizi erogati, modalità di accesso alle prestazioni, riferimenti logistici, personale dell'unità Operativa, modalità per la segnalazione di eventuali reclami e/o suggerimenti e altro. PRESENTAZIONE L unità operativa complessa di Nefrologia e Dialisi afferisce al Dipartimento Cardio-Nefro- Infettivo-Pneumologico dell ULSS n. 1 Belluno. È la struttura di riferimento, per le patologie di interesse nefrologico, di tutta la popolazione residente ( dato del 2006) nei 51 comuni che compongono l Azienda. L Unità Operativa complessa di Nefrologia e Dialisi comprende: Degenza ordinaria (ricovero) Terapia sostitutiva: Emodialisi Terapia sostitutiva: Dialisi Peritoneale Terapia sostitutiva: Trapianto di rene Servizi Ambulatoriali L unità operativa con sede presso l Ospedale San Martino di Belluno, è Centro di Riferimento per i Centri di Emodialisi ad assistenza limitata (CAL) degli ospedali di Agordo e di Pieve di Cadore nei quali la terapia emodialitica viene erogata, dal personale infermieristico, su prescrizione del personale medico della Nefrologia di riferimento. L unità operativa di Nefrologia e Dialisi opera tendendo al miglioramento continuo delle prestazioni erogate in termini sia qualitativi che quantitativi. Ciò allo scopo di soddisfare nel miglior modo possibile, la domanda di assistenza nel territorio dell U.L.S.S. n. 1 della provincia di Belluno, riguardo sia alla prevenzione delle malattie renali che alla loro diagnosi e terapia, nonché alle implicazioni sociali correlate. È in atto, anche per tale motivo, un programma di educazione sanitaria rivolto soprattutto ai pazienti in fase di uremia terminale e un programma di Formazione Permanente per gli operatori sanitari, comprendente anche iniziative di sensibilizzazione alla donazione degli organi al trapianto, di gestione del rischio clinico con metodologia non solo reattiva, ma soprattutto proattiva (mappatura del rischio), di educazione terapeutica all autogestione rivolta al paziente in emodialisi. La qualità delle prestazioni erogate viene perseguita adottando Linee Guida nazionali ed internazionali e Protocolli di lavoro, Percorsi assistenziali, Procedure operative e gestionali prodotti dal personale sanitario del Centro Dialisi. Presso l Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi è rappresentata l ANED (Associazione Nazionale, Emodializzati e Trapiantati) che può disporre di uno spazio espositivo per comunicati informativi. Tale spazio è situato presso il Centro di Dialisi area ambulatoriale. MISSION E VALORI FONDAMENTALI L unità operativa di Nefrologia e Dialisi, ha come Mission la diagnosi precoce, la prevenzione e la terapia della malattie renali evolutive, il rallentamento della progressione dell insufficienza renale, il trattamento sostitutivo dell insufficienza renale acuta e cronica, il follow-up diagnostico/terapeutico dei pazienti trapiantati di rene. Pagina 3 di 16

4 I valori fondamentali perseguiti dall unità operativa di Nefrologia e Dialisi, sono: promozione e tutela della salute quale bene collettivo e individuale attraverso interventi educativi e valutativi mirati; raggiungimento del miglior risultato di salute ponendo al centro dell attenzione il paziente, valutando i suoi bisogni fisici, psicologici, intellettuali e spirituali e rispondendo a tali bisogni attraverso una assistenza personalizzata; garanzia di equità di accesso ai servizi rapportandosi all utente nel rispetto della sua dignità e libertà, indipendentemente da religione, razza o censo; tensione verso il miglioramento continuo dell appropriatezza e della qualità dell assistenza per soddisfare i bisogni sempre più complessi degli utenti, avvalendosi dell evoluzione della tecnologia e delle conoscenze. DI COSA CI OCCUPIAMO ATTIVITÀ DI ASSISTENZA Le patologie che impegnano l équipe medico infermieristica dell unità operativa di Nefrologia e Dialisi, comprendono l ipertensione, il diabete mellito e altre patologie sistemiche con interessamento renale, la sindrome metabolica, tutte le nefropatie dalle glomerulonefriti alle nefropatie iatrogene, congenite, interstiziali, professionali, siano esse acute o croniche, in terapia conservativa o dialitica o si tratti di portatori di trapianto d organo (rene) in terapia immunosoppressiva. L utenza che vi afferisce, quindi, è altamente differenziata per il tipo di patologia e per la gravità della stessa. La notevole varietà delle patologie trattate e delle terapie proposte, richiede una alta differenziazione nella specializzazione, nelle competenze richieste e una profonda integrazione tra i servizi interni sia all unità operativa stessa che all Azienda. Le attività correlate ai processi diagnostici, terapeutici e assistenziali della specialità di nefrologia, vengono erogate nelle aree organizzative di: degenza, ambulatorio, emodialisi extracorporea, emodialisi peritoneale, follow-up pazienti trapiantati. L attività del nefrologo si esplica anche nella consulenza nefrologica per tutte le patologie renali nei diversi reparti di degenza. ATTIVITÀ DI DIDATTICA E DI RICERCA L unità operativa di Nefrologia e Dialisi, partecipa alla attività di ricerca e studio della Società Italiana di Nefrologia e della Società Italiana di Trapianto d organo. Sono stati prodotti lavori scientifici che sono stati illustrati ai convegni della Società Italiana di Nefrologia, della Società Europea di Dialisi e Trapianto, della Società Europea di Trapianto d organo e della Società Americana di Nefrologia. Inoltre collabora con i Corsi di Laurea in Scienze Infermieristiche della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Padova. Il servizio, quindi, è sede di tirocinio di formazione e di preparazione della tesi di laurea per gli studenti infermieri. Le tesi prodotte hanno consentito sia di effettuare un analisi dettagliata di alcuni aspetti assistenziali di rilevante interesse sia di implementare progetti di miglioramento nell ambito del centro dialisi stesso. I temi principalmente trattati che hanno dato origine a interventi di miglioramento continuo operativo sono stati: Infezioni da e del catetere venoso centrale in Emodialisi. Rischio di infezioni in Dialisi Peritoneale. Gestione dei casi di ipoglicemia durante il trattamento emodialitico. Rischio di ridotta o mancata compliance della persona in trattamento emodialitico. Pagina 4 di 16

5 Continuità dell assistenza del paziente emodializzato negli altri reparti di degenza e nel territorio. La relazione d aiuto nel paziente in emodialisi. Valutazione della percezione della qualità di vita nel soggetto in emodialisi e individuazione di interventi medici e infermieristici possibili per modificarla. Gestione del paziente emodializzato con incremento ponderale interdialitico eccessivo. L Incident Reporting in emodialisi, uno strumento per coordinare la sicurezza. Rischio di malnutrizione: la presa in carico dal punto di vista dietetico della persona in trattamento sostitutivo Dialisi Peritoneale: inserimento di nuovi strumenti. L unità operativa collabora con il Registro Regionale di Dialisi e Trapianto Renale, con il Registro Triveneto delle Biopsie Renali e cura il Registro Provinciale di Nefrologia e Trapianto Renale, finalizzati alla raccolta ed elaborazione di dati statistico-epidemiologici e clinici per una migliore conoscenza della diffusione delle malattie renali in provincia di Belluno. È in atto un Progetto Aziendale di prevenzione dell insufficienza renale cronica progressiva (SPIRP) che ha lo scopo di coordinare l azione preventiva con i Medici di Medicina Generale. LE CARATTERISTICHE DELL UNITÀ OPERATIVA L unità operativa di Nefrologia e Dialisi è strutturalmente composta dal Reparto di Degenza, dal Centro di Dialisi di Belluno e dai CAL di Agordo e di Pieve di Cadore. Il Reparto di Degenza è collocato al 1 piano dell Ospedale San Martino di Belluno Viale Europa n. 22. Vi si accede dalla Portineria Centrale. Comprende n. 5 posti letto. Vi si svolgono attività di degenza ordinaria, di studio e di trattamento delle nefropatie acute, croniche e delle loro complicanze; inoltre, si provvede al trattamento delle complicanze dei nefropatici in emodialisi, in dialisi peritoneale e dei pazienti trapiantati di rene e all allestimento degli accessi per dialisi. Il Centro di Dialisi di Belluno, con sede presso l Ospedale San Martino di Belluno, è situato al 1 piano del padiglione Medico, raggiungibile sia dalla Portineria Centrale sia dalle scale esterne situate a sinistra, 50 metri prima dell ingresso principale e di fronte al parcheggio esterno. L ingresso è evidenziato da apposita segnaletica. Il Centro comprende: il Servizio di Emodialisi e gli Ambulatori dedicati all attività nefrologica. Il CAL di Agordo è situato al piano terra dell ospedale di Agordo in Via Fontana n. 36. Il suo ingresso è situato alla sinistra della Portineria. Il CAL di Pieve di Cadore è ubicato al piano terra dell ospedale, accanto alla piazzola dell eliporto con entrata indipendente senza barriere architettoniche. DEGENZA ORDINARIA (RICOVERO) Accesso al reparto: I pazienti accedono presso i locali di degenza in regime di ricovero su proposta del Medico Curante, del Medico dell Unità Operativa o per trasferimento concordato con altro Ospedale o altra unità operativa. I pazienti con ricovero programmato accedono al reparto alle ore 7.30/8.00 a digiuno per eventuali prelievi ematici. Pagina 5 di 16

6 Devono essere in possesso di tutta la documentazione clinica disponibile relativa sia al problema attuale sia alle patologie pregresse. La documentazione consiste in referti di esami ematici e strumentali, cartelle cliniche di ricovero, radiografie ecc. I pazienti che assumono terapia farmacologia o una dieta speciale a domicilio, devono renderle note al Medico o all Infermiere preferibilmente consegnando l elenco dettagliato dei farmaci, la loro posologia, via e ora di somministrazione, nonché l eventuale dieta assunta. Se presenti situazioni di allergia ai farmaci o di intolleranze alimentari, i pazienti, o chi per essi, devono comunicare tempestivamente tali situazioni. Viene chiesto al paziente la persona di riferimento a cui rivolgersi per avere o fornire informazioni nel caso si presenti la necessità (consenso scritto da allegare alla cartella clinica). Il personale infermieristico individua i bisogni di assistenza di ogni ricoverato e predispone un piano di assistenza infermieristico personalizzato ponendo attenzione alla continuità nell assistenza. In casi particolari è consentita, o richiesta, la presenza continuativa di un familiare durante la degenza, regolamentata dalla coordinatrice infermieristica (caposala). Tale presenza deve rispettare la privacy degli altri degenti e il regolare svolgimento delle attività assistenziali. Orari di visita ai degenti: Le situazioni cliniche dei pazienti ricoverati, il loro stato immunitario, l ambiente e il ricovero stesso, nonché il loro bisogno di riposo e tranquillità richiedono particolari attenzioni. La presenza di un numero eccessivo di visitatori, il non rispetto delle fasce orarie stabilite può facilitare la trasmissione di agenti patogeni che possono causare malattie infettive, quindi peggiorare le condizioni del paziente. Inoltre, viene resa più difficoltosa l attività del personale sanitario. Viene richiesto, quindi, il rigoroso rispetto degli orari di visita con la raccomandazione che, di fronte a situazioni particolari, si concordi con il Medico e l Infermiere responsabili. Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Orari di ricevimento: I familiari ed i Medici di Medicina Generale potranno essere ricevuti dal Direttore e dai Medici del reparto abitualmente nei seguenti giorni e orari: Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica // I medici del reparto, sono disponibili al colloquio con i parenti e i familiari in ogni altro momento, su richiesta presentata alla segreteria del reparto. Le informazioni sullo stato di salute del paziente vengono fornite allo stesso e/o alla persona da lui indicata: al momento del ricovero dopo la valutazione effettuata dal medico sulla base dei dati in possesso e/o degli esami ematici effettuati. al termine della visita effettuata quotidianamente il paziente o il familiare indicato possono chiedere informazioni al medico responsabile. Se ciò non fosse possibile nell immediato, verrà concordato, con il medico stesso luogo e orario di ricevimento. Pagina 6 di 16

7 il ricevimento dei familiari avviene in apposita sala presso il Reparto di degenza, presso gli studi medici oppure in Sala riunioni. LA DIMISSIONE Al momento della dimissione viene consegnata una relazione clinica (lettera di dimissione) indirizzata al Medico Curante. Questa relazione contiene i principali dati clinici che hanno caratterizzato il ricovero, le indicazioni sul modello di vita e sulla dieta da seguire, i suggerimenti terapeutici, lo schema di follow-up previsto e gli appuntamenti per esami e controlli già programmati. La lettera di dimissione viene consegnata a mano al paziente da parte del personale medico al momento della dimissione dal reparto e previa valutazione delle sue condizioni cliniche che consentono l invio a domicilio del paziente. È attiva la distribuzione diretta dei farmaci presso i locali della Farmacia interna. Per le modalità e gli orari di accesso, seguire le indicazioni dell infermiere del reparto di Nefrologia, in servizio. Viene attivata la dimissione protetta per pazienti con particolari condizioni socio-ambientali e sanitarie che necessitano di una particolare assistenza domiciliare Se sono necessari chiarimenti è possibile contattare il reparto ai numeri telefonici indicati nell apposito spazio (come contattarci) I controlli nefrologici post ricovero (entro un mese dalla dimissione) e i follow-up vengono effettuati presso gli ambulatori situati nel Centro di Dialisi e, in rapporto alle diverse situazioni cliniche e alla decisione medica, vengono stabiliti alla dimissione. L appuntamento per il controllo, è indicato in lettera di dimissione. Il CENTRO DI DIALISI Il Centro di Dialisi comprende: il Servizio di Emodialisi di Belluno, i CAL di Agordo e di Pieve di Cadore, l Ambulatorio di Dialisi Peritoneale e gli Ambulatori Divisionali. Il SERVIZIO DI EMODIALISI EXTRACORPOREA Accedono a questo servizio, pazienti affetti da uremia cronica o acuta che necessitano di trattamento sostitutivo extracorporeo della funzione renale. I Centri sono dotati di apparecchiature per il trattamento emodialitico di ultima generazione, di dispositivi elettromedicali conformi alla normativa vigente e di impianti di produzione e distribuzione di acqua ultrapura con processi sequenziali di clorazione, declorazione, addolcimento e osmosi inversa. I suddetti impianti sono sottoposti a periodici controlli chimici, fisici e microbiologici come da linee guida SIN (Società Italiana di Nefrologia), di cui viene prodotta documentazione. L intera documentazione dei processi organizzativi e delle sedute dialitiche è gestita con sistema informatizzato, che prevede flussi di dati in ingresso in buona parte automatizzati. L équipe medica prescrive e registra il programma dialitico in tempo reale mediante il sistema informatico in rete WAN (Sined Medware) utilizzabile per prescrizione e per consultazione da ogni postazione informatica di ogni centro dialisi. Inoltre, il centro di Belluno può consultare in tempo reale il sistema, collegandosi direttamente dalla postazione di Belluno, con i CAL di Agordo e Pieve di Cadore. Gli utenti vengono indirizzati verso il Servizio di emodialisi extracorporea, al termine di un periodo di follow-up clinico ambulatoriale di durata variabile a seconda della patologia e della situazione clinica del singolo paziente, dopo creazione di accesso vascolare adeguato al trattamento dialitico Pagina 7 di 16

8 o come esito di valutazione clinica in corso di ricovero ospedaliero. I pazienti possono rivolgersi ai coordinatori infermieristici dei tre centri al fine di attivare il necessario servizio di trasporto che viene scelto in rapporto alla situazione clinica del paziente. L ufficio Convenzioni dell ULSS n. 1 provvede agli eventuali rimborsi delle spese sostenute per il trasporto dell utente. Per poter fruire di tale rimborso, al paziente verrà consegnata l apposita documentazione attestante sia le date delle sedute emodialitiche effettuate, sia il mezzo di trasporto utilizzato e la motivazione d uso. Presso i tre Centri di Dialisi Extracorporea, vengono ospitati pazienti che desiderano trascorrere un periodo di vacanza. A tal fine, il paziente deve inviare una richiesta scritta via posta, via mail o via fax al numero o agli indirizzi indicati nell apposito spazio (come contattarci), specificando i propri dati anagrafici e numero di telefono, il proprio indirizzo, il periodo di vacanza, numero di dialisi richieste, turno di dialisi nel proprio centro. La disponibilità verrà valutata dalla coordinatrice infermieristica e dal medico responsabile dell emodialisi e verrà data comunicazione positiva o meno al paziente richiedente. In caso di accettazione, all utente sarà richiesto l invio di una relazione clinica scritta dal medico nefrologo del centro dialisi di appartenenza, della scheda dialitica, del risultato dei markers HIV, HCV, HBV, degli esami ematochimici e strumentali recenti, dello schema terapeutico e della certificazione della idoneità al trattamento qualora venga effettuato presso uno dei due CAL. IL SERVIZIO DI EMODIALISI EXTRACORPOREA DI BELLUNO (CENTRO DI RIFERIMENTO) Il Servizio è dotato complessivamente di 13 postazione dialitiche ogni una delle quali dotata di letto articolato elettricamente e apparecchiatura di dialisi che consente l esecuzione di diverse tecniche dialitiche. Un posto dialisi, dei tredici complessivi, è dedicato all esecuzione di trattamenti emodialitici in regime d urgenza (posto per acuti). Il Servizio dispone di uno spogliatoio per uomini, uno spogliatoio per donne con relativi servizi igienici e armadietti personali e di una sala d attesa comune. Per il confort dei pazienti, ogni postazione di dialisi è dotata di apparecchio televisivo con impianto di filodiffusione per l ascolto individuale in cuffia. I trattamenti emodialitici sono erogati sei giorni la settimana su due turni. I pazienti vi accedono mediamente tre volte la settimana a giorni alterni. Il turno del mattino ha inizio alle 7.30, il turno del pomeriggio alle L accettazione degli utenti avviene a partire dalle ore 7.15 per il turno mattutino e alle ore per il turno pomeridiano. Gli orari sono suscettibili di variazioni in occasione di particolari situazioni cliniche e necessità dei pazienti e/o particolari esigenze organizzative di servizio, secondo indicazione dell infermiera coordinatrice responsabile e prescrizione dei medici. Ad ogni paziente è garantito il trattamento con la massima professionalità, diligenza e cura da parte del personale infermieristico altamente qualificato e assistenza medica continuativa. Il servizio di emodialisi è, comunque aperto dal lunedì al sabato dalle ore 7.30 alle ore e garantisce la presenza continuativa del medico. La domenica e durante le ore notturne, il servizio d urgenza è garantito con la reperibilità di un medico nefrologo e di un infermiera di emodialisi. Il personale dell emodialisi extracorporea, inoltre, esegue trattamenti emodialitici in pazienti ricoverati nell U.O. di Rianimazione e trattamenti veno-venosi continui (CVVH-CVVHD-CVVHDF) in pazienti ricoverati nell U.O. di Rianimazione e in Unità Coronarica. Tipologia di trattamenti erogati: - HD (dialisi bicarbonato standard) - HDF on line (emodiafiltrazione on line) - HFD (high flux dialysis) - AFB (acetate free biofiltration) - HFR (emodiafiltrazione on line a reinfusione endogena) Pagina 8 di 16

9 IL SERVIZIO DI EMODIALISI EXTRACORPOREA DI AGORDO (CENTRO ASSISTENZA LIMITATA) Il Servizio è dotato di due sale con sette postazioni per emodialisi, dotate di letto poltrona manovrabile elettricamente e monitor per l esecuzione della terapia dialitica; in ogni sala ci sono due televisori. A disposizione degli utenti ci sono: uno spogliatoio in comune, due piccoli camerini e due bagni, uno per le donne e uno per gli uomini. Il Servizio è aperto dalle ore 6.30 alle ore dal lunedì al sabato. L accettazione degli utenti avviene a partire dalle ore Al d fuori di questi orari è possibile rivolgersi al Centro Dialisi dell ospedale San Martino di Belluno. Il Servizio ha competenza sulla terapia emodialitica di: pazienti cronici stabilizzati di pertinenza per criterio territoriale e turisti che ne facciano espressa richiesta L assistenza è assicurata da personale infermieristico qualificato. Tutti i monitors per emodialisi sono collegati con il Centro Dialisi di Belluno; da quella sede il nefrologo può, in tempo reale, controllare l andamento della seduta dialitica Il personale medico del Centro Dialisi di Belluno, effettua accessi periodici presso il suddetto Cal. In tale accesso, il medico nefrologo risponde anche alle richieste di consulenza interna all ospedale di Agordo. Tipologia di trattamenti erogati: - HD (dialisi bicarbonato standard). - AFB (acetate free biofiltration). IL SERVIZIO DI EMODIALISI EXTRACORPOREA DI PIEVE DI CADORE (CENTRO ASSISTENZA LIMITATA) Il Servizio è dotato di 8 postazioni per emodialisi ogni una delle quali dotata di letto articolato elettricamente e apparecchiatura di dialisi che consente l esecuzione di diverse tecniche dialitiche. Le postazioni sono suddivise in 2 sale rispettivamente da 6 e 2 postazioni. Il Servizio dispone di quattro spogliatoi, ognuno dotato di servizio igienico di cui uno per disabili. Nella sala da 6 sono disponibili 2 apparecchi televisivi e in quella da 2 un apparecchio. I trattamenti emodialitici vengono erogati in due turni giornalieri, per sei giorni la settimana. I pazienti vi accedono mediamente tre volte la settimana a giorni alterni. Il turno di emodialisi mattutino ha inizio alle ore 7.30, mentre quello pomeridiano alle ore L accettazione degli utenti avviene a partire dalle ore 7.00 per il turno mattutino e alle ore per il turno pomeridiano. Il Servizio è operativo dalle ore 7.00 alle ore dal lunedì al sabato, al di fuori di questi orari è possibile rivolgersi al Centro Dialisi dell ospedale San Martino di Belluno. Ad ogni paziente è garantito il trattamento con la massima professionalità, diligenza e cura da parte del personale infermieristico altamente qualificato. Il personale medico del Centro Dialisi di Belluno, effettua accessi periodici presso il suddetto Cal. In tale accesso, il medico nefrologo risponde anche alle richieste di consulenza interna all ospedale di Agordo. Tipologia di trattamenti erogati: - HD (dialisi bicarbonato standard) - AFB (acetate free biofiltration) - HDF on line (emodiafiltrazione on line) - HFD (high flux dialysis) Pagina 9 di 16

10 L AMBULATORIO DI EMODIALISI PERITONEALE Viene svolto dal Lunedì al Venerdì dalle ore alle ore Accedono a questo servizio, i pazienti affetti da uremia cronica per i quali è indicato il trattamento dialitico peritoneale. Il loro ingresso è conseguente ad un periodo di attenta valutazione, educazione e follow-up in apposito ambulatorio e a seguito di impianto di catetere per dialisi peritoneale. La dialisi peritoneale può essere manuale (CAPD) o automatizzata (APD) che prevede l utilizzo di una apparecchiatura particolare personalizzata. L ingresso alla dialisi peritoneale è determinato dalla valutazione medica che deve escludere la presenza di controindicazioni cliniche alla metodica, dalla valutazione medico/infermieristica della capacità cognitiva del paziente, della sua abilità manuale e della capacità di mantenere una condizione igienica personale e ambientale adeguata. È prevista la valutazione dell idoneità ambientale prima dell ingresso del paziente alla dialisi peritoneale e periodicamente durante il trattamento. Tale valutazione deve considerare gli aspetti igienici ambientali e personali. Sarà cura del paziente fornire certificazione di idoneità dell impianto elettrico (messa a terra) per l utilizzo dell apparecchiatura per APD. Oltre al personale medico dedicato alla Dialisi Peritoneale, è presente personale infermieristico che si occupa per quanto di competenza. L addestramento alla metodica emodialitica peritoneale, avviene a cura del personale infermieristico e medico; al termine della procedura, viene certificata l idoneità del paziente alla terapia dialitica peritoneale. I pazienti sono soggetti a follow-up medico-infermieristico a cadenze personalizzate alle esigenze del paziente. Tutto il materiale per la dialisi e l apparecchiatura eventualmente utilizzata, vengono forniti dal Centro di Dialisi. Al paziente vengono forniti i numeri telefonici a cui rivolgersi in caso di necessità. GLI AMBULATORI DIVISIONALI AMBULATORIO NEFROLOGICO GENERALE Vi accedono i pazienti con priorità indicata dal medico curante che si presentano per la prima volta al Centro (prima visita) e i pazienti già presi in carico ambulatorialmente, in follow up per nefropatia cronica con o senza insufficienza renale. Si accede a tale ambulatorio per la prima volta rivolgendosi alla CUP. Le visite successive di follow up vengono stabilite dal medico nefrologo che indica nel referto la data della visita successiva. Le visite prenotate dal CUP vengono eseguite dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore Il follow up viene effettuato dal lunedì al venerdì dalle ore 14. alle ore Alla visita nefrologica il paziente deve presentarsi con impegnativa rilasciata dal medico richiedente. In occasione della prima visita è necessario, che il paziente rechi con sé relazione clinica del medico curante ove devono essere indicati i dati anamnestici, le problematiche lamentate, la terapia in atto. Inoltre, va portata in visione tutta la documentazione clinica e gli esami ematico/strumentali relativi alla patologia in corso. Prima di accedere all ambulatorio, se non indicato il numero di esenzione, il paziente deve rivolgersi all ufficio cassa per il pagamento del ticket o per apporre la firma in caso di esenzione per reddito/età. Se il paziente non disdice la prenotazione almeno 3 giorni feriali prima della data dell appuntamento, viene attivata la procedura di richiesta pagamento ticket anche se esente. Il paziente riceverà a casa la notifica di pagamento. Pagina 10 di 16

11 AMBULATORIO PREDIALISI EXTRACOROPOREA Viene svolto dal Lunedì al Venerdì dalle ore 15,30 alle ore 16,30. In questo ambulatorio vengono seguiti pazienti con insufficienza renale cronica non ancora in dialisi ma indirizzati verso il trattamento dialitico extracorporeo. L attività di tale ambulatorio prevede uno stretto monitoraggio dei pazienti in uremia pre terminale attraverso visite mediche e controlli ematici con cadenza variabile a seconda della gravità dell uremia. I prelievi per i controlli ematici vengono effettuati dalle ore 8.00 alle ore 9.00 previa decisione del medico e programmazione da parte dell infermiera dedicata agli ambulatori. In particolare presso l ambulatorio vengono svolte le seguenti attività: gestione clinica dell insufficienza renale cronica: tale attività comprende la visita medica, la programmazione ed esecuzione degli esami biochimici, la programmazione di esami strumentali e delle consulenze specialistiche non nefrologiche per il follow-up, la valutazione dello stato nutrizionale e la programmazione della dieta appropriata, in collaborazione con il dietista intervento educativo personalizzato e mirato al rallentamento della progressione della patologia, al miglioramento delle condizioni generali del soggetto attraverso il contenimento della sintomatologia uremica con dieta e comportamenti adeguati e posticipazione dell entrata in trattamento sostitutivo preparazione alla dialisi: confezionamento dell accesso vascolare per emodialisi extracorporea. programmazione dell inizio della metodica dialitica. Le attività sopradescritte vengono effettuate previa programmazione da parte del medico e dell infermiere. Orario e frequenza variano a seconda della necessità clinica, organizzativa e del paziente stesso. N.B.: tali attività vengono svolte in stretta collaborazione tra personale medico e infermiere dedicato. Quest ultimo, effettua principalmente l attività educativa e valutativa delle conoscenze acquisiste dal paziente e dei comportamenti adottati. AMBULATORIO PREDIALISI PERITONEALE Viene svolto dal Lunedì al Venerdì dalle ore alle ore In questo ambulatorio vengono seguiti pazienti con insufficienza renale cronica non ancora in dialisi ma indirizzati verso il trattamento dialitico peritoneale L attività di tale ambulatorio prevede uno stretto monitoraggio dei pazienti in uremia pre terminale attraverso visite mediche e controlli ematici con cadenza variabile a seconda della gravità dell uremia. I prelievi per i controlli ematici vengono effettuati dalle ore 8.00 alle ore 9.00 previa decisione del medico e programmazione da parte dell infermiera dedicata agli ambulatori. In particolare presso l ambulatorio vengono svolte le seguenti attività: gestione clinica dell insufficienza renale cronica: tale attività comprende la visita medica, la programmazione ed esecuzione degli esami biochimici, la programmazione di esami strumentali e delle consulenze specialistiche non nefrologiche per il follow-up, la valutazione dello stato nutrizionale e la programmazione della dieta appropriata, in collaborazione con il dietista intervento educativo personalizzato e mirato al rallentamento della progressione della patologia, al miglioramento delle condizioni generali del soggetto attraverso il contenimento della sintomatologia uremica con dieta e comportamenti adeguati e posticipazione dell entrata in trattamento sostitutivo preparazione alla dialisi: posizionamento del catetere per terapia dialitica peritoneale Pagina 11 di 16

12 programmazione dell inizio della metodica dialitica. Le attività sopradescritte vengono effettuate previa programmazione da parte del medico e dell infermiere. Orario e frequenza variano a seconda della necessità clinica, organizzativa e del paziente stesso. N.B.: tali attività vengono svolte in stretta collaborazione tra personale medico e infermiere dedicato. Quest ultimo, effettua principalmente l attività educativa e valutativa delle conoscenze acquisiste dal paziente e dei comportamenti adottati. AMBULATORIO CONTROLLI FOLLOW UP POST TRAPIANTO Afferiscono a questo ambulatorio i pazienti portatori di trapianto renale. Vengono effettuate visite nefrologiche di controllo ad intervalli programmati. In tale occasione vengono valutati gli esami che monitorano la funzione renale, la terapia immunosoppressiva e lo stato generale del paziente. La visita nefrologica avviene dal lunedì al giovedì dalle ore alle ore I farmaci immunosopressori, vengono distribuiti direttamente dall infermiera dell ambulatorio. La programmazione degli esami e delle visite, viene effettuata dall infermiera dedicata all ambulatorio previa indicazione del medico nefrologo. Il monitoraggio dei pazienti neo trapiantati è molto più stretto e varia a seconda delle necessità cliniche. In media due volta la settimana per il primo mese dopo la dimissione dal Centro Trapianti, una volta la settimana per un ulteriore mese, ogni quindici giorni per un altro mese per poi passare al controllo mensile. La gestione del paziente trapiantato, avviene in stretta collaborazione con i Centri di Trapianto AMBULATORIO PER LA DIAGNOSI E CURA DELL ANEMIA SECONDARIA Viene effettuato dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore L ambulatorio si fa carico di controllare l adeguatezza della terapia con Eritropoietina ai pazienti in trattamento modificando di conseguenza il Piano Terapeutico. AMBULATORIO PER LE NEFROPATIE GLOMERULARI Viene effettuato dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore Afferiscono tutti i pazienti affetti da nefropatia glomerulare per uno specifico follow up clinico e terapeutico AMBULATORIO RENE E GRAVIDANZA Viene effettuato il venerdì dalle ore alle ore Questo ambulatorio offre uno specifico aiuto nefrologico a tutte le pazienti che intendono iniziare una gravidanza, che siano reduci dalla stessa con problemi oppure che siano attualmente in gravidanza e venga ritenuto opportuno un controllo della funzione renale e della situazione clinica durante la gestazione. Pagina 12 di 16

13 AMBULATORIO PER LA DIAGNOSI E CURA DELL IPERTENSIONE ARTERIOSA Viene effettuato il giovedì dalle ore alle ore L attività comprende oltre che l approccio clinico e terapeutico anche il monitoraggio pressorio delle 24 ore. AMBULATORIO PER LA DIAGNOSI E CURA DELLA NEFROLITIASI Viene effettuato il giovedì dalle ore alle ore L attività comprende lo studio metabolico e la terapia della calcolosi renale. COME CONTATTARCI Segreteria Dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore Il sabato dalle ore 8.00 alle ore Telefono segreteria Telefono dialisi peritoneale Fax Reparto di degenza Nefrologia Telefono Fax Emodialisi Belluno Telefono Fax Emodialisi Agordo Telefono Fax Emodialisi Pieve di Cadore Tel. coordinatore infermieristico Telefono sale dialisi Telefono sale dialisi Fax OPERATORI Nominativo Pierluigi Di Loreto Giovanni Tarroni Direttore Dirigente Medico Funzione Linda de Silvestro Vicario Giordano Pastori Dirigente Medico Cristina Tessarin Dirigente Medico Renata Elena De Battista Infermiere con Funzioni di coordinamento (caposala) - Belluno Renza Minute Infermiere con Funzioni di coordinamento (caposala) - CAL Pieve di Cadore Francesca Parissenti Infermiere Referente - CAL Agordo Ornella Slongo Infermiere con Funzioni di coordinamento (caposala) Pagina 13 di 16

14 Roberta Da Canal Sonia De Moliner Lidia Lizza Degenza Nefrologia Infermiere Referente Dialisi Peritoneale Infermiere Referente Ambulatorio Trapiantati Infermiere Referente Ambulatorio Pre-uremico COME ARRIVARE ALLA STRUTTURA Presidio Ospedaliero "San Martino Belluno Sede: viale Europa N.22, Belluno In automobile Dal Cadore SS 51 Alemagna Dall Agordino SR Dal Feltrino SS 50 Da Venezia Autostrada A27 uscita a Pian di Vedova In autobus La linea R urbana collega la locale stazione ferroviaria all'azienda Ospedaliera In treno La stazione ferroviaria più vicina è quella di Belluno a circa 3 km, con collegamenti continui tramite corriere e autobus Posteggio taxi di fronte all'ingresso principale telefono taxi Fermata Autobus di fronte all'ingresso principale Posteggio Auto fronte Ospedale Pagina 14 di 16

15 SEGNALAZIONI L'Unità Operativa (o il Servizio) garantisce la funzione di tutela nei confronti del cittadino anche attraverso la possibilità di presentare osservazioni, opposizioni e reclami (segnalazioni) che rilevano situazioni di disservizio e atti o comportamenti con i quali si nega o si limita la fruibilità delle prestazioni, anche rispetto a quanto contenuto nella presente Guida ai servizi. Il cittadino che intenda inoltrare una segnalazione (compresi i suggerimenti, le proposte e gli apprezzamenti) può procedere nei seguenti modi: Segnalazione scritta È possibile compilare l'apposita scheda (disponibile presso tutte le Unità Operative e i Servizi ) oppure scrivere una lettera. La scheda o la lettera possono essere spedite per posta: Al Direttore Generale dell'ulss 1 - via Feltre, Belluno", oppure consegnate direttamente al personale dell'unità Operativa (o del Servizio), che provvederà all inoltro alla Direzione Generale. Le segnalazioni possono anche essere inviate via fax allo o via all indirizzo: È anche possibile recarsi di persona all Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) per compilare, con l assistenza di un operatore, la scheda di segnalazione. L'URP provvederà a gestire la procedura di reclamo e a darne riscontro all'interessato. Segnalazione orale È possibile contattare l'urp telefonando al numero verde oppure allo / 98. Regolamentazione La procedura e le modalità di presentazione delle segnalazioni sono definiti dal Regolamento di Pubblica Tutela, disponibile presso l'ufficio Relazioni con il Pubblico e contenuto nella Carta dei Servizi dell'ulss 1 Belluno consultabile all'indirizzo Internet RISERVATEZZA Tutela dei dati personali Ai sensi D.Lgs. 196/2003 il Direttore di questa Unità Operativa è il responsabile del trattamento dei dati personali su delega del titolare; garantisce di rispettare e far rispettare le regole di segretezza e riservatezza dei dati sensibili relativi ai destinatari della prestazione e dei servizi erogati. Per ulteriori informazioni relativamente alle modalità di trattamento dei dati personali è possibile rivolgersi al Servizio Convenzioni della ULSS n. 1 di Belluno (via Feltre, Belluno - tel / Fax ). Pagina 15 di 16

16 AGGIORNAMENTI e REVISIONI La versione più aggiornata di questa Carta dei Servizi è disponibile sul sito Internet aziendale: DIRITTI E DOVERI DEI PAZIENTI La Carta dei diritti e dei doveri dei pazienti e dei loro congiunti è disponibile a questo indirizzo: SINTESI DELLE MODIFICHE Rev Data Descrizione modifiche 0 15/04/2011 Prima Emissione 1 19/12/2013 Variazione orari di ricevimento modifica nominativi operatori adeguamento al format aziendale Pagina 16 di 16

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio Azienda Ospedaliera di Padova Medicina Generale AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio IL REPARTO Telefono: 049 8212675 CARTA DI ACCOGLIENZA PER IL PAZIENTE

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli