Sviluppo e validazione di un modello CFD avanzato per la combustione del polverino di carbone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo e validazione di un modello CFD avanzato per la combustione del polverino di carbone"

Transcript

1 luglio - agosto 11 Combustione 67 di M. Vascellari, G. Cau Sviluppo e validazione di un modello CFD avanzato per la combustione del polverino di carbone In questo articolo è presentato un modello CFD avanzato per la combustione del polverino di carbone, realizzato con il software commerciale Fluent. La combustione del carbone è caratterizzata da complessi fenomeni chimico-fisici, che richiedono di essere descritti attraverso specifici modelli matematici. Si considerano due differenti approcci per la simulazione della combustione del carbone. Il primo approccio, definito, si basa su un semplice modello di volatilizzazione empirico ad una velocità (single rate SR) e sul modello EDM per l interazione tra il flusso turbolento e le reazioni chimiche, basato sull ipotesi di reazioni chimiche infinitamente veloci. Esso rappresenta l approccio standard utilizzato per la modellazione della conversione termo-fisica dei combustibili solidi. Il secondo approccio si basa sul modello avanzato di volatilizzazione CPD, e sul modello EDC per l interazione tra chimica e turbolenza. I due approcci sono validati considerando i dati della fornace IFRF no.1. Dal confronto dei risultati numerici con quelli risulta che il secondo approccio fornisce delle previsioni maggiormente accurate in termini di velocità, temperature e concentrazione delle specie chimiche. Il suo utilizzo è quindi fortemente consigliato, nonostante richieda delle risorse ed un tempo di calcolo notevolmente superiori. Development of an Advanced CFD Model for Pulverised Coal Combustion This wor reports the development of an advanced CFD model for pulverised coal combustion, performed with the commercial CFD code Fluent. Coal combustion is characterized by complex chemical-physical phenomena, that require to be modeled through an advanced mathematical approach. Two different approaches are considered. The first one, defined as, is based on a simple single-rate (SR) empirical devolatilization model and on the Eddy Dissipation Model (EDM) for chemical-turbulence interactions, considering initely fast chemical reactions. It represents a standard approach used for pulverised coal combustion simulations. The second approach, defined as, is based on advanced Chemical Percolation Devolatilization (CPD) model, and on Eddy Dissipation Concet (EDC) for chemical-turbulence interactions. The results are compared with experimental data performed on IFRF no.1 furnace. The approach shows the best agreement with experimental data in terms of velocities, temperature and species concentrations. The use of this approach is therefore more suitable for modeling pulverised coal combustion, nevertheless the higher CPU time required. Le emissioni di NOx provenienti dalla combustione del carbone rappresentano uno dei maggiori problemi ambientali, in quanto esse contribuiscono alla formazione delle pioggie acide e allo smog fotochimico [1]. Poiché non esiste una correlazione diretta tra il contenuto in azoto del carbone e gli NOx, la loro formazione dipende dalle condizioni in cui avviene il processo di combustione. Lo sviluppo di sistemi innovativi per la riduzione degli NOx, richiede quindi lo sviluppo di strumenti di calcolo e di previsione avanzati, che permettano un efficiente caratterizzazione dei complessi fenomeni chimico-fisici, che hanno luogo durante la combustione del carbone. La maggior parte dei modelli matematici per la combustione del carbone sono basati sulla soluzione delle equazioni di bilancio della massa, delle specie chimiche, della quantità di moto e dell energia per il flusso multifase. Mentre la descrizione matematica dei flussi turbolenti bifase ha raggiunto un elevato grado di maturità, la modellazione delle interazioni tra il carbone e la fase gassosa circostante è ben lungi da avere raggiunto un livello soddisfacente di affidabilità. Risulta quindi necessario un approccio di calcolo che permetta di tenere conto in maniera dettagliata di queste interazioni, con particolare attenzione alla volatilizzazione e alla reazioni chimiche omogenee ed eterogenee. Lo stato dell arte della modellazione dei combustibili fossili è stato revisionato in dettaglio da Eaton et al. []. Esempi di modellazione Dott. ing. Michele Vascellari, prof. ing. Giorgio Cau, Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Università degli Studi di Cagliari. Questo lavoro è stato sviluppato nell ambito del progetto di ricerca Sviluppo e Validazione di modellistica di processi di gassificazione e combustione con ricircolo dei prodotti in diverse tipologie di reattori finanziato dall ENEA-Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l Ambiente

2 68 Combustione luglio - agosto 11 Tabella 1 - Costanti cinetiche delle reazioni definite dalle Eq. 8-1 [16]81 principale è alternato al calcolo della fase solida discreta, fino al raggiungimento di una soluzione convergente. La dispersione delle particelle dovuta al flusso gassoso turbolento è definito attraverso il tracciamento stocastico delle traiettorie, includendo l effetto della fluttuazione istantanea della velocità del gas. Approccio della combustione del carbone sono riportati nei seguenti lavori [3-9]. Un approccio avanzato per la combustione del polverino di carbone è stato messo a punto, basandosi su modelli avanzati per volatilizzazione e le reazioni chimiche in regime turbolento. I risultati ottenuti con questo approccio sono stati infine confrontati con i risultati ottenuti attraverso un approccio semplificato e validati attraverso dei dati disponibili in letteratura. Modelli matematici per la combustione del polverino di carbone La combustione del polverino di carbone è modellata considerando due differenti approcci. Essi sono caratterizzati dagli stessi metodi numerici, e dagli stessi modelli matematici per la schematizzazione della turbolenza, della radiazione termica e del flusso bifase. I due approcci si differenziano per la modellazione delle interazioni gassolido e delle reazioni chimiche in regime turbolento. Le simulazioni CFD della combustione del carbone sono svolte considerando la versione 6.3 del codice di calcolo commerciale Fluent [1]. Esso si basa sulla discretizzazione secondo il metodo dei volumi finiti delle equazioni di Navier Stoes su un dominio di calcolo ibrido nonstrutturato. Si è considerata la versione bidimensionale con simmetria assiale e componente tangenziale. L accoppiamento tra le equazioni della velocità e della pressione è realizzato attraverso l algoritmo SIMPLE [11]. I flussi convettivi sono discretizzati attraverso lo schema upwind del secondo ordine [1] e i gradienti della pressione attraverso lo schema PRESTO! [13]. La chiusura delle equazioni RANS è effettuata attraverso il modello standard -ε [14]. Lo scambio termico per radiazione è definito attraverso il modello P-1 [15]. La fase solida discreta è modellata considerando un approccio Euleriano-Lagrangiano. Le equazioni di conservazione della fase gassosa sono risolte in un sistema di riferimento Euleriano, mentre il moto delle particelle solide di carbone è definito attraverso un punto di vista Lagrangiano. Le traiettorie delle particelle sono definite attraverso l integrazione in funzione del tempo del bilancio delle forze agenti su di esse. Le due fasi interagiscono tra loro attraverso lo scambio di materia, quantità di moto ed energia. Quindi il calcolo della fase Il primo approccio utilizzato per la modellazione della combustione del polverino di carbone è definito, in quanto è basato sul modello Eddy Dissipation (EDM) [17] per la combustione in regime turbolento. e su un modello cinetico ad una velocità (single rate, SR) [18] per la devolatilizzazione del carbone. La velocità di volatilizzazione nel modello single rate è definita attraverso una relazione pseudo-cinetica di tipo Arrhenius, che deve essere tarata in base alle caratteristiche del carbone e alle condizioni operative. I prodotti della volatilizzazione sono definiti attraverso un unica specie equivalente C x H y O z ottenuta in base all analisi immediata ed elementare. La velocità di volatilizzazione è quindi espressa dalla seguente relazione: dm p dt E = A vol exp vol R gas T m Y p vol p Dove Y vol è la frazione in massa di volatili ancora presente nella particella. La specie equivalente C x H y O z, rilasciata nella fase gassosa durante la volatilizzazione, reagisce secondo il seguente meccanismo di reazione semplificato: C x H y O z +ν O O ν CO CO +ν CO CO+ν H O H O CO +.5O CO Il rapporto molare tra CO e CO nella reazione Eq. è definito in modo tale da ottimizzare il meccanismo di reazione. In questo lavoro si è considerato un rapporto pari a 3.48 [9]. La velocità di reazione è definita attraverso il modello di combustione turbolenta EDM [17]. Questo modello si basa sull ipotesi che la le reazioni chimiche siano infinitamente veloci rispetto al miscelamento dei reagenti nel flusso turbolento. La velocità di reazione complessiva dipende solo dalla dissipazione dei vortici turbolenti. Risulta quindi impossibile definire dei meccanismi cinetici complessi, in quanto il modello EDM non è in grado di discriminare la cinetica delle differenti reazioni, in quanto la velocità di reazione dipende solo dalle caratteristiche del flusso turbolento. Le reazioni eterogenee sono governate dalla diffusione delle specie ossidanti attraverso lo strato (1) () (3)

3 luglio - agosto 11 Combustione 69 limite attorno alla particella di carbone e dalla cinetica intrinseca della reazione superficiale [19]. La velocità complessiva delle reazioni superficiali è espressa della seguente equazione: R r, j = A p η r p r, j d, j j r, j + d, j Dove d,j e r,j sono rispettivamente la velocità di diffusione e di reazione, Ap la superficie della particella, ηr è l effectiveness factor, che tiene conto della effettiva superficie porosa della particella, pj è la pressione parziale della specie gassosa reagente. La velocità di diffusione è espressa da []: d, j = C j d p T p+ +T g.75 dove Cj è la costante di diffusione per la specie ossidante. Le velocità cinetiche sono espresse dalla seguente espressione: r, j = A r, j exp( E r, j / R gas T s ) (4) (5) (6) veloce, che ha luogo nella fase gassosa. Il TAR è generalmente rappresentato come una specie CnHm, il cui peso molecolare è definito dal modello CPD con un rapporto molare tra C e di 1.1 [5]. Il TAR generalmente si converte in parte in soot e in parte si ossida secondo la seguente reazione: C m H n + n O r1 nco + m H La cinetica della reazione di decomposizione del TAR (Eq. 8) è modellata attraverso una reazione del primo ordine, mentre la formazione del soot è trascurata. I gas leggeri, rilasciati durante la volatilizzazione, reagiscano secondo il modello cinetico semplificato di Jones and Lindstedt [6], ottimizzato per il modello EDC da Kim et al. [16]: CH 4 +.5O r CO+H CH 4 + H O r 3 CO+3H CO +.5O r 4 CO H +.5O r 5 H O (8) (9) (1) (11) (1) Nell approccio si considera l ossidazione del char con l O : C s ( ) + O CO Si assume un coefficiente di diffusione dell O (Eq. 5) di C=5.1-1, il fattore pre-esponenziale Ar=6.7 g/m Pa.5 e l energia di attivazione Er= J/mol (Eq. 6) [9]. Approccio Il secondo approccio utilizzato per la modellazione della combustione del polverino di carbone è definito, in quanto si basa sul modello Eddy Dissipation Concept (EDC) [1] per la combustione in regime turbolento, e sul modello Chemical Percolation Devolatilization (CPD) [-4] per la devolatilizzazione del carbone. Il modello CPD descrive le caratteristiche del processo di volatilizzazione in termini di velocità e composizione delle specie volatili (gas leggeri e TAR) in base a delle caratteristiche della struttura molecolare del carbone che possono essere direttamente misurate dalla spettroscopia 13C-NMR. Il modello CPD è implementato in Fluent, ma permette di calcolare solamente la velocità di volatilizzazione, in quanto è possibile considerare un unica specie prodotta dalla volatilizzazione. Si definisce quindi una specie equivalente prodotta durante la volatilizzazione CxHyOz, in maniera analoga all approccio, la quale si decompone successivamente in TAR, CO, CO, H O e CH 4, secondo quanto previsto dal modello CPD, attraverso una reazione fittizia infinitamente (7) Le costanti cinetiche delle reazioni definite dalle Eq. 8-1 sono riportate in Tabella 1. Le interazioni tra il flusso turbolento e le reazioni chimiche sono definite attraverso il modello Eddy Dissipation Concept (EDC) di Magnussen [1]. Esso rappresenta un estensione del modello EDM per tenere conto dell influenza della cinetica chimica delle reazioni, qualora l ipotesi di reazioni infinitamente veloci non sia valida. Il modello suddivide il dominio di calcolo in delle cosidette fine structures, corrispondenti ai volumi del dominio. Ognuna di queste fine structures è considerata come un reattore perfettamente miscelato, dove le reazioni avanzano per un certo tempo definito in base alle condizioni del flusso turbolento. Le reazioni eterogenee sono modellate attraverso lo stesso meccanismo cinetico-diffusivo, già descritto nell approccio. Si considerano le seguenti reazioni eterogenee del char con i gas circostanti: C s ( ) +.5O r 6 CO C s ( ) + CO r 7 CO C s ( ) + H O r 8 CO+H (13) (14) (15) Considerando la combustione con aria atmosferica, la reazione definita dall Eq. 13 è predominante rispetto alle altre, le quali diventano rilevanti in particolari condizioni di lavoro, come nella ossicombustione con ricircolo dei gas di scarico o gassificazione. Le costanti cinetiche delle reazioni, espresse dalle Eq sono definite in Tabella. Tabella - Velocità cinetiche delle reazioni superficiali (Eq ) Reaction A rj, g/s m Pa E rj, J/mol Order n Reference Field [7] Smoot [8] Smoot [8]

4 7 Combustione luglio - agosto 11 Modellazione della formazione degli NO La formazione degli NO x è generalmente modellata considerando tre differenti meccanismi: thermal-no x, prompt-no x e fuel-no x [9]. La formazione dei thermal-no x segue il meccanismo di Zeldovich et al. [3], favorita dalle elevate temperature di fiamma e dalla concentrazione di N ed è anche influenzato dalla concentrazione di radicali OH e O. Generalmente il calcolo degli NO x viene eseguito durante il postprocessing, in quanto la formazione non influisce sui bilanci di materia e di energia. Considerando meccanismi cinetici semplificati, come avviene con il modello EDM, o con il meccanismo di Jones and Lindstedt [6] utilizzato assieme al modello EDC, la concentrazione dei radicali O e OH non è disponibile, ed è quindi stimata attraverso l ipotesi di equilibrio chimico. Considerando il modello EDC è però possibile definire meccanismi cinetici complessi, che includano anche i meccanismi della formazione degli NO x [31]. I prompt-no x si formano per la reazione dell azoto presente in aria con i radicali idrocarburici che si formano in corrispondenza del fronte di fiamma [3]. I fuel-no x sono formati attraverso l ossidazione dell azoto contenuto nel combustibile. Generalmente è il principale meccanismo di formazione degli NO x nella la combustione del carbone. L azoto contenuto nel carbone in parte è rilasciato durante la volatilizzazione (volatile-n) sotto forma di NH 3 e di HCN, che va poi a formare NO reagendo con l O. L azoto contenuto nel char (char-n) reagisce in parte con l O durante la combustione del char, producendo NO. Figura 1 - a) Geometria della fornace IFRF no.1; b) Dettaglio del bruciatore [9] (a) (b) Tabella 3 - Composizione elementare ed immediata del carbone Göttelborn hvbp Validazione dei modelli matematici I due approcci per la simulazione della combustione del polverino di carbone definiti nel paragrafo precedente sono stati validati attraverso i dati relativi alla combustione del polverino di carbone nella fornace IFRF no.1 da.4 MW [33]. Geometria e caratteristiche del test-case La Figura 1(a) mostra la geometria e le dimensioni della fornace IFRF no.1 [9,33]. Il particolare della geometria del bruciatore è mostrato in Figura 1(b). La fiamma è stabilizzata attraverso lo swirl dell aria secondaria, mentre il carbone polverizzato è trasportato attraverso l aria primaria. La fornace è alimentata con carbone Saar di qualità Göttelborn hvbp, cui dati dell analisi elementare e immediata sono riportati in Tabella 3 [9]. Ulteriori proprietà del carbone sono riportate in Tabella 4 [9]. La composizione dei volatili riportata in Tabella 4 è calcolata attraverso il modello CPD. Non essendo disponibili in letteratura i dati relativi alla struttura molecolare del carbone Göttelborn, richiesti dal modello, si è considerata la correlazione di Genetti et al. [34] per determinare le caratteristiche molecolari del carbone in funzione della composizione immediata ed elementare. I volatili prodotti ad alta temperatura stimati dal modello CPD corrispondono al 48.17% del contenuto privo di ceneri del carbone (daf), valore superiore a quello fornito dall analisi immediata. Il modello CPD permette di stimare anche la formazione dei composti contenenti azoto durante la volatilizzazione [35]: del contenuto di azoto Tabella 4 - Proprietà chimico-fisiche del carbone Göttelborn hvbp [Peters and Weber, 1997]

5 luglio - agosto 11 Combustione 71 figura 3 - Profili radiali della velocità assiale per diverse posizioni assiali nel carbone (char-n), corrispondente a circa il 1.45% daf, il 5.7% rimane nel char (si suppone che di questo solo il 3% contribuisca a formare i fuel-no), il 5.57% è rilasciato nel TAR, mentre il rimanente.14% è rilasciato come HXN. Nell approccio la volatilizzazione è modellata attraverso la velocità empirica espressa in Eq. 1, e si assume Avol=*15 s-1 e Evol=1.14*18 J/mol [9] per il carbone Göttleborn hvbp. Tabella 5 - Proprietà chimico-fisiche del carbone Göttelborn hvbp [Peters and Weber, 1997] Velocita assiale, m/s figura 4 - Profili radiali della velocità tangenziale per diverse posizioni assiali Velocita assiale, m/s Velocita tangenziale, m/s 3 1 Velocita tangenziale, m/s figura 5 - Profili radiali della temperatura per diverse posizioni assiali 5 ED-SR 5 ED-SR Temperatura, K 15 1 Temperatura, K 15 1 Le condizioni all ingresso della fornace sono riportate in Tab. 5. In Fig. 1(b) è riportato il particolare dell ingresso del combustore. 5 5 Griglia di calcolo figura 6 - Profili radiali della concentrazione di COper diverse posizioni assiali 1e+6 1 1e Figura - Griglia di calcolo utilizzato per le simulazioni della fornace IFRF no. 1 CO ppm secco CO ppm secco Le simulazioni sono state svolte considerando una griglia di calcolo bidimensionale. Il diametro della fornace è definito in modo tale da mantenere costante la sezione trasversale della sezione quadrata della fornace IFRF no.1. La mesh è costituita da 18, celle rettangolari. Le celle in prossimità della pareti sono definite in modo da avere valori della prossimi a 3 come raccomandato nell utilizzo delle wall-function. Validazione dei risultati numerici figura 7 - Profili radiali della concentrazione di NOper diverse posizioni assiali 45 NO ppm secco NO ppm secco I risultati numerici, ottenuti considerando i due approcci descritti in precedenza, sono confrontati con i risultati

6 7 Combustione luglio - agosto 11 [9], considerando la distribuzione radiale della velocità assiale, tangenziale, della temperatura, della concentrazione di CO e di NO per due posizioni assiali, distanti rispettivamente.5 e.85 m dalla fine del bruciatore. Considerando la velocità assiale (Figura 3) si vede che entambi gli approcci tendono a stimare correttamente la posizione del picco di velocità per x=.5m. L approccio tende a sovrastimare la velocità massima, ma sovrastima la formazione degli NO a causa delle elevate temperature di fiamma che favoriscono il meccanismo dei thermal-no. Il secondo approccio invece predice in maniera corretta la formazione dei thermal-no, per via della temperatura di fiamma simile a quella misurata sperimentalmente. La formazione di NOè leggermente sottostimata per via dell ipotesi arbitraria di considerare una conversione del char-n del 3%. Le Figure 8-1 mostrano le mappe rispettivamente della velcoità assiale, temperatura, della concentrazione di CO in ppmv sul secco, della velocità di volatilizzazione e della combustione del char in una sezione assiale della fornace per i risultati dell approccio e. Dal confronto delle mappe si vede chiaramente come i risultati ottenuti con i due modelli sono fortemente contrastanti per tutte le grandezze fisiche considerate. figura 8 - Mappa della velocità assiale su una sezione assiale per i risultati numerici ottenuti attraverso l approccio e figura 9 - Mappa della temperatura su una sezione assiale per i risultati numerici ottenuti attraverso l approccio e Conclusioni In questo lavoro sono stati analizzati due differenti approcci per la combustione del carbone polverizzato, e i loro risultati sono stati validati attraverso il confronto con le delle misure effettuate sulla fornace IFRF no.1 da.4 MW [9]. Il primo approccio () si basa sul modello EDM [17] per l interazione tra la turbolenza e la chimica del processo e su un modello pseudo-cinetico ad una velocità (single rate, SR) per la volatilizzazione [18]. Il secondo approccio () si basa sul modello avanzato EDC [36] per l interazione turbolenza-chimica e sul modello CPD [] per la volatilizzazione. L approccio si adatta in modo migliore ai risultati, specialmente per quanto riguarda la definizione della temperatura di fiamma, che è sovrastimata di circa 4 C dal primo approccio, che quindi risulta inadeguato per la modellazione dei fenomeni chimico-fisici considerati, in particolare modo per l ipotesi di reazioni infinitamente veloci. Migliori risultati possono essere ottenuti attraverso una calibrazione dei suoi parametri in base ai dati, sia per quanto riguarda le reazioni chimiche sia la volatilizzazione. Questa calibrazione richiede però la conoscenza a priori delle caratteristiche della fiamma, e risulta quindi inadeguato agli scopi di questo lavoro, che si prefigge di valutare le potenzialità dei due approcci considerati. L approccio, di contro, richiede un maggiore costo computazionale, dovuto soprattutto alle difficoltosa convergenza numerica del problema. Tuttavia la modellazione della combustione del polverino di carbone richiede l utilizzo di modello avanzati in grado di tenere conto della complessità dei fenomeni. L approccio può essere impiegato anche per la modellazione di processi di conversione del polverino di carbone non convenzionali, come la combustione flameless, l ossicombustione con ricircolo dei gas di scarico e la gassificazione. L approccio sviluppato può infine essere ulteriormente perfezionato considerando modelli di turbolenza avanzati al posto dello standard -ε modelli avanzati per lo scambio termico per radiazione, e meccanismi cinetici più complessi. figura 1 - Mappa della concentrazione di CO(ppm su base secca) su una sezione assiale per i risultati numerici ottenuti attraverso l approccio e figura 11 - Mappa della velocità di volatilizzazione su una sezione assiale per i risultati numerici ottenuti attraverso l approccio e figura 1 - Mappa della combustione del char su una sezione assiale per i risultati numerici ottenuti attraverso l approccio e Bibliografia [1] G. Cau and D. Cocco, L impatto ambientale dei sistemi energetici. Servizi Grafici Editoriali SNC, Padova, edition,. ISBN [] A Eaton, L Smoot, S Hill, and C Eatough, Components, formulations, solutions, evaluation, and application of comprehensive combustion models, Progress in Energy

7 luglio - agosto 11 Combustione 73 and Combustion Science, Jan [3] R Bacreedy, L Fletcher, L Ma, and M Pourashanian, Modelling pulverised coal combustion using a detailed coal combustion model, Combustion Science and Technology, Jan 6. [4] C.R Choi and CN Kim, Numerical investigation on the flow, combustion and nox emission characteristics in a 5 MWe tangentially fired pulverized-coal boiler. Fuel, in press, 9. [5] L Zhou, L Qiao, X Chen, and J Zhang, A usm turbulence-chemistry model for simulating nox formation in turbulent combustion. Fuel, Jan. [6] L Zhou, Simulation of swirling combustion and NO formation using a USM turbulence-chemistry model. Fuel, page 8, May /S16-361(3)89-9. [7] T Le Bris, F Cadavid, S Caillat, and S Pietrzy, Coal combustion modelling of large power plant, for NOx abatement. Fuel, Jan 7. [8] D Förtsch, F Kluger, U Schnell, H Spliethoff, and KRG Hein, A inetic model for the prediction of NO emissions from staged combustion of pulverized coal. Proceedings of the 7th Symposium (Intl.) on Combustion, The Combustion Institute, Pittsburgh, : , [9] AF Peters and R Weber, Mathematical Modeling of a.4 MW Swirling Pulverized Coal Flame. Combustion Science and Technology, 1 (1-6):131-18, Jan info:doi/1.18/ [1] VVAA. Fluent 6.3 User s Guide, 6. [11] S Patanar and D Spalding, A calculation procedure for heat, mass and momentum transfer in three-dimensional parabolic flows. International Journal of Heat and Mass Transfer, 15 (1): , 197. [1] TJ Barth and D Jespersen, The design and application of upwind schemes on unstructured meshes. Technical Report AIAA , AIAA, 7th Aerospace Sciences Meeting, Reno, Nevada, [13] S Patanar, A Calculation Procedure for Two-Dimensional Elliptic Situations. Numerical Heat Transfer, Part A: Applications, 4 (4):49-45, [14] B Launder and B Sharma, Application of the energy-dissipation model of turbulence to the calculation of flow near a spinning disc. Letters in Heat and Mass Transfer, 1: , Jan [15] P Cheng, Two-dimensional radiating gas flow by a moment method. AIAA Journal, (9): , Jan [16] JP Kim, U Schnell, and G Scheffnecht, Comparison of Different Global Reaction Mechanisms for MILD Combustion of Natural Gas. Combustion Science and Technology, 18(4): , Apr / [17] B Magnussen and B Hjertager, On mathematical modeling of turbulent combustion with special emphasis on soot formation and combustion. Symposium (International) on Combustion, 16 (1):719-79, Jan /S8-784(77) [18] S Badzioch and P Hawsley, Kinetics of Thermal Decomposition of Pulverized Coal Particles. Ind. Eng. Chem. Proc. Des. Dev., Jan 197. [19] IW Smith, The combustion rates of coal chars: A review. Symposium (International) on Combustion, 19 (1): , S8-784(8) [] M Baum and P Street, Predicting the Combustion Behaviour of Coal Particles. Combustion Science and Technology, 3(5): 31-43, Jan [1] IR Gran and BF Magnussen, A numerical study of a bluff-body stabilized diffusion flame. Part 1. Influence of turbulence modeling and boundary conditions. Combust Sci Technol, 119(1-6):171-19, Jan 1996a. [] D Grant, R Pugmire, T Fletcher, and A Kerstein, Chemical model of coal devolatilization using percolation lattice statistics. Energy & Fuels, 3(): , Jan [3] TH Fletcher, AR Kerstein, RJ Pugmire, and DM Grant, Chemical percolation model for devolatilization.. Temperature and heating rate effects on product yields. Energy & Fuels, 4(1):54-6, 199. [4] TH Fletcher, AR Kerstein, RJ Pugmire, MS Solum, and DM Grant, Chemical percolation model for devolatilization. 3. Direct use of carbon-13 NMR data to predict effects of coal type. Energy & Fuels, 6(4): , 199. [5] JC Chen and S Nisa, Coal devolatilization during rapid transient heating. 1. Primary devolatilization. Energy & Fuels, 6(3):54-64, 199. [6] WP Jones and RP Lindstedt, Global reaction schemes for hydrocarbon combustion. Combustion and Flame, 73(3):33-5, Jan [7] M Field, Rate of combustion of size-graded fractions of char from a low-ran coal between 1K and K. Combustion and Flame, 13(3):37-5, [8] L Smoot, A decade of combustion research. Progress in Energy and Combustion Science, Jan [9] SC Hill and LD Smoot, Modeling of nitrogen oxides formation and destruction in combustion systems, Jan. [3] Y Zeldovich, D Fran-Kamenetsii, and P Sadovniov, Oxidation of nitrogen in combustion. Publ. House of the Acad of Sciences of USSR, Jan [31] J Kim, Comparison of different global reaction mechanisms for mild combustion of natural gas. Combustion Science and Technology, Jan 8. [3] C. Fenimore, Formation of nitric oxide in premixed hydrocarbon flames. Symposium (International) on Combustion, 13 (1):373-38, ISSN [33] R. Weber, J. Dugué, A. Sayre, and B. Visser, Measurements and Computations of Quarl Zone Fluid Flow and Chemistry of Swirling Pulverized Coal Flames. Technical Report Doc. No. F36/y/, IFRF, 199. [34] D Genetti, TH Fletcher, and RJ Pugmire, Development and application of a correlation of C-13 NMR chemical structural analyses of coal based on elemental composition and volatile matter content. Energy & Fuels, 13(1):6-68, Jan [35] ST Perry, A Global Free-Radical Mechanism for Nitrogen Releases During Coal Devolatilization Based On Chemical Structure. PhD thesis, Brigham Young University, December [36] IR Gran and BF Magnussen, A numerical study of a bluff-body stabilized diffusion flame. Part. Influence of combustion modeling and finite-rate chemistry. Combust Sci Technol, 119(1-6):191-17, Jan 1996b. Nomenclatura A p Superficie della particella, m A r Coefficiente pre-esponenziale, mol/s m 3 E r d r p Energia di attivazione, J/mol Costante della velocità di diffusione Costante della velocità cinetica Pressione R gas Costante ideale dei gas, T Temperatura η r Fattore di efficacia Acronimi ASU Air Separation Unit CFD Computational Fluid Dynamic CPD Chemical Percolation Devolatilization ECBM Enhanced Coal-Bed Methane EDC Eddy Dissipation Concept EOR Enhanced Oil Recovery IFRF International Flame Research Fundation NMR Nuclear Magnetic Resonance PRESTO! PREssure STaggering Options SIMPLE Semi-Implicit Method for Pressure-Lined Equations

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Valutazione modellistica dell esposizione invernale a pm10 in Lombardia

Valutazione modellistica dell esposizione invernale a pm10 in Lombardia Valutazione modellistica dell esposizione invernale a pm10 in Lombardia Claudio Carnevale, Marialuisa Volta La stima dell esposizione di popolazione e materiali agli inquinanti può essere valutata mediante

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Claudio Tamagnini Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS Maggiore flessibilità operativa e miglior ritorno economico L. Mancuso - Foster Wheeler Italiana - Power Division N. Ferrari - Foster Wheeler Italiana - Power Division J. Davison - IEA Greenhouse Gas R&D

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3 Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3.1 Introduzione Uno dei gas serra derivanti dall attività dell uomo è il CO 2, che proviene principalmente dalla combustione di combustibili

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Biomedica EFFETTI DELLA DISCRETIZZAZIONE SPAZIO- TEMPORALE NELLA VALUTAZIONE COMPUTAZIONALE DELLA TROMBOGENICITÀ

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Cogenerazione con minigeneratore termo-elettrico

Cogenerazione con minigeneratore termo-elettrico Cogenerazione con minigeneratore termo-elettrico All'interno di Progetto Fuoco Stefan Aigenbauer, Günther Friedl (Coord.), Walter Haslinger, Matthias Heckmann, Wilhelm Moser Austrian Bioenergy Centre GmbH

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Valutazione dell'applicazione dei condensatori elettrolitici nei microinverter Enphase J. S. Shaffer 20-31 marzo 2009

Valutazione dell'applicazione dei condensatori elettrolitici nei microinverter Enphase J. S. Shaffer 20-31 marzo 2009 Valutazione dell'applicazione dei condensatori elettrolitici nei microinverter Enphase J. S. Shaffer 20-31 marzo 2009 Riepilogo Il presente rapporto è stato stilato su commissione dei potenziali investitori

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale

Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale Milano 09 Aprile 2008 Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale Ing. S. Zannier WtE Unit Manager Tabella di confronto rifiuti RSU CDR * P.C.I. tal quale (MJ/kg) Frazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

Diss. ETH No. 20918. Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design. for the degree of Doctor of Sciences

Diss. ETH No. 20918. Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design. for the degree of Doctor of Sciences Diss. ETH No. 20918 Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design A dissertation submitted to ETH Zurich for the degree of Doctor of Sciences presented by Alberto

Dettagli

Alberto Maurizi, Francesco Tampieri, CNR ISAC

Alberto Maurizi, Francesco Tampieri, CNR ISAC Contributi locali e non locali agli inquinanti nella Pianura Padana: dal caso particolare a una discussione generale sui modelli di composizione dell atmosfera Alberto Maurizi, Francesco Tampieri, CNR

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

PEP Pompe centrifughe di processo a norme API 610 - XI edizione Centrifugal process pumps according to API 610 - XI edition Norms

PEP Pompe centrifughe di processo a norme API 610 - XI edizione Centrifugal process pumps according to API 610 - XI edition Norms PEP Pompe centrifughe di processo a norme API 610 - XI edizione Centrifugal process pumps according to API 610 - XI edition Norms Campo di selezione - 50 Hz Selection chart - 50 Hz 2950 rpm 1475 rpm Campo

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli