Tecnologie innovative per un utilizzo efficiente dell energia in serra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologie innovative per un utilizzo efficiente dell energia in serra"

Transcript

1 Review n. 7 Italus Hortus 15 (1), 2008: Tecnologie innovative per un utilizzo efficiente dell energia in serra Sjaak Bakker 1*, Steven Adams 2, Thierry Boulard 3, Juan Ignacio Montero 4 1 Wageningen UR Greenhouse Horticulture, P.O. Box 16, 6700 AA Wageningen (Olanda) 2 Warwick HRI, University of Warwick, Wellesbourne, Warwick, CV35 9EF (Regno Unito) 3 INRA-URIH, 400, Route des Chappes, BP 167, Sophia Antipolis (Francia) 4 IRTA, Centre de Cabrils, Ctra. Cabrils s/n, Barcelona (Spagna) Ricevuto 22 gennaio 2008; Accettato 29 febbraio 2008 Innovative technologies for an efficient use of energy Abstract. Efficient use of energy in greenhouses has been subject of research and development for decades. The final energy efficiency, e.g. the amount of energy used per unit of product, is the determined by improvements in energy conversion, reductions in energy use for environmental control and the efficiency of crop production. The new European targets on reduction of CO 2 emission have resulted in a renewed interest in innovative technologies to improve energy efficiency in greenhouses designed for North- as well as South European regions. In this paper an overview of the recent developments is presented from both the Northwest European as well as the Mediterranean perspective. The developments range from new modified covering materials, innovative and energy conservative climate control equipment and plant response based control systems, to integrated energy efficient greenhouse designs. Key words: greenhouse, energy consumption, energy efficiency, innovative technologies. Introduzione Dopo la prima crisi energetica, avvenuta tra il 1973 e il 1986, quando il calo degli approvvigionamenti causò il primo significativo incremento del prezzo del petrolio, l utilizzo dell energia in serra (fig. 1) è diventato nuovamente uno dei principali argomenti di ricerca. Ridurre i costi energetici torna ad essere una necessità primaria in quanto rappresentano una consistente quota del costo totale di produzione. Per l Italia è stato stimato che l energia utilizzata per il condizionamento delle serre incida già per il 20-30% del costo totale di produzione (De Pascale e Maggio, 2004), mentre in Francia risulti pari al 12-14% (Boulard, 2001) e, nel caso degli ortaggi, al 22%, dato comparabile con quello del nord Europa (van der Knijff et al., 2004). Poiché l obiettivo finale della produzione in serra è ottenere il massimo profitto economico, l utilizzo finale dell energia deve necessariamente tener conto del bilancio fra ricavi e costi, specifico di ogni regione: ad es., per la Finlandia il consumo totale di energia è stato stimato intorno a MJm -2 all anno (Olofsson et al., 2006), per l Olanda a MJ m -2 (van der Knijff et al., 2004) e per il sud dalla Francia a MJ m -2 (Vésine et al., 2007). Inoltre, con l attuale e spiccato interesse per il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici, l utilizzo di combustibili fossili è nuovamente all attenzione della comunità internazionale e del mondo politico, come testimoniato anche da Al Gore nel recente film An inconvenient truth (Una verità scomoda). In seguito al protocollo internazionale di Kyoto molti governi hanno fissato i livelli di emissioni massime di CO 2 per i diversi comparti industriali, ad esempio, in Olanda l obiettivo è di ridurre del 30% le emissioni di CO 2 nel 2020 rispetto al Di conseguenza, anche l industria serricola è di fronte a pressioni economiche, politiche e sociali tese alla riduzione dei consumi e all incremento dell efficienza energetica. Semplificando, ci sono due vie per migliorare l efficienza energetica in serra: ridurre l energia in ingresso nel sistema e incrementare la produzione per unità di energia. La prima soluzione prevede due strategie: l impiego di tecnologie per una più efficiente conversione delle sorgenti energetiche, al fine di massimizzare la quota parte di energia utile (per es. riscaldamento, raffrescamento, illuminazione), e la riduzione delle dispersioni energetiche nell ambiente. L incremento della produzione per unità di energia può essere raggiunto in molti modi, specialmente in condizioni di crescita sub-ottimali. Il miglioramento e la razionalizzazione dei sistemi di irrigazione, nutrizione, controllo di malattie e infestanti, ecc., nonché il migliore utilizzo dell area disponibile per la coltivazione in serra comportano di fatto un incremento della produzione e dell efficienza energetica. Concentrare l attenzione solamente sull efficienza energetica, senza considerare l energia totale utilizzata, potrebbe causare inaspettate e, da un punto di vista ambientale, indesiderate conseguenze. Nell area 25

2 Bakker et al. Fig. 1 - Uso dell energia nella serricoltura Europea. Fig. 1 - Energy use in European greenhouse horticultur. mediterranea, il riscaldamento è attualmente utilizzato anche per ottenere anticipi di produzione e raccolti costanti in termini quantitativi e qualitativi (Baudoin, 1999), portando da un lato, a un elevata efficienza energetica ma, dall altro, ad elevati consumi (Boulard, 2001, Vésine et al., 2007). In tali regioni, anche i programmi di produzione intensiva che prevedono il controllo di altri parametri climatici (esempio tramite erogazione di CO 2 o illuminazione supplementare) (Boulard, 2001), nonché l utilizzo di sistemi di raffrescamento per estendere il periodo di crescita nei periodi più caldi (De Pascale e Maggio, 2004), concorrono ad un incremento del consumo energetico. Queste stesse considerazioni sono valide per le regioni del nord Europa con particolare riferimento agli elevati livelli di illuminazione artificiale: esempio, oltre 200 Wm -2 in Finlandia (Olofsson et al., 2006) e più di 100 Wm -2 in Olanda. In Italia, Francia, Regno Unito e Olanda il consumo totale di energia e le relative emissioni di CO 2 evidenziano fluttuazioni poco significative nonostante gli sforzi attuati in campo serricolo per migliorare l efficienza energetica: esempio, in Olanda le emissioni di CO 2 nel 2004 sono state di 6,44 milioni di tonnellate, rispetto ai 6,76 del 1990 (van der Knijff et al., 2004). È da segnalare, tuttavia, che l efficienza energetica in serra è gradualmente migliorata, principalmente per effetto dell incremento delle produzioni. La sfida maggiore consiste nel trovare la strada che contemperi il miglioramento dell efficienza energetica con la riduzione del consumo di energia globale, da cui dipendono le emissioni di CO 2 dell industria serricola. Un sistema efficiente lo si ottiene attraverso un processo di ottimizzazione ed è il risultato di un continuo miglioramento e adattamento dei fattori produttivi alle condizioni limitanti che si possono verifi- 26

3 Energia in serra care in un determinato ambiente. In generale, gli obiettivi definiti da De Pascale e Maggio (2004) per l area mediterranea sono validi anche per le regioni settentrionali e sono i seguenti: durante il periodo autunno/inverno, massimizzare la quantità di radiazione (sia artificiale che naturale) e minimizzare le perdite di energia; durante il periodo primavera/estate, ridurre le alte temperature attraverso il raffrescamento. Sistemi di raffrescamento in serra sono stati introdotti perfino in Finlandia (Särkkä et al., 2006). Tutto questo permette di ottimizzare il livello di produzione e conseguentemente l efficienza energetica in serra per (quasi) tutto l anno. Poiché le tecnologie e le innovazioni nel campo dell efficienza energetica delle serre sono numerose, questo lavoro si concentrerà su diversi aspetti relativi alla progettazione di serre energeticamente efficienti, con particolare riguardo a componenti fondamentali come: materiali di copertura, sistemi per il controllo climatico e sistemi di controllo basati sulla risposta delle piante. Massimizzare e modificare la radiazione in entrata nelle serre Il primo passo per la creazione di serre energeticamente efficienti è di massimizzare l utilizzo della radiazione naturale incidente, sia per il positivo impatto sulla produzione che per la riduzione dell energia supplementare per il riscaldamento. Per la coltura di pomodoro in Olanda, l aumento del 10% della trasmittanza radiativa in serra provocherebbe un miglioramento dell efficienza pari all 8% (Elings et al., 2005). Un ulteriore miglioramento dell efficienza della serra si può ottenere sia mediante un aumento della trasmissione della luce da parte della struttura sia attraverso una minimizzazione delle perdite dovute alla riflessione, modificando la pendenza del tetto. Nell Europa meridionale un considerevole aumento della trasmissione luminosa è stato raggiunto aumentando l inclinazione del tetto da valori prossimi a 0 C, tipici di aree con bassa piovosità, a valori intorno a 30ºC, con effetti positivi sulle colture nei mesi invernali (Soriano et al., 2004). Nel Nord Europa, l adozione di componenti costruttive integrate che prevedono gronde di ridotte dimensioni, ampi pannelli di vetro (>1,7 m) e telai dipinti di bianco hanno consentito di ottenere strutture con limitata intercettazione luminosa (Janssen e t Hart, 2006). Considerando le limitazioni date dalle attuali tecnologie dei materiali e dalle norme costruttive internazionali, si possono prevedere solo ulteriori miglioramenti marginali della trasmissione delle strutture (2%), ad esempio dall utilizzo di colonne a traliccio. Al momento attuale, quindi, un incremento significativo della trasmissione luminosa è da attendersi principalmente dalle innovazioni nei materiali di copertura. Possiamo dividere i materiali di copertura approssimativamente in tre gruppi: vetro, film plastici e laminati di plastica rigida, ciascuno con le proprie caratteristiche rispettivamente per trasmissione della luce a differenti lunghezze d onda, capacità isolante, ma anche sostenibilità e costo. Per quanto concerne l efficienza energetica e l utilizzo ottimale della radiazione solare, si deve considerare la trasmissione della luce visibile (o radiazione foto-sinteticamente attiva, Photosynthetically Active Radiation - PAR) e dell infrarosso IR (Hemming et al., 2004a). Per il periodo invernale, si deve puntare a materiali che combinino un alta trasmissione della radiazione visibile con una bassa trasmittanza della radiazione IR e un alto livello d isolamento. In questo modo in serra entra la maggior quantità di energia solare utile per la produzione agricola ( energia verde ) e per l incremento di temperatura, mentre viene limitata la perdita di calore. Molti dei film plastici attualmente in uso sono al di sotto dei livelli considerati ottimali per serre energeticamente efficienti, dato che la loro trasmissione IR è elevata; fa eccezione la membrana ETFE di recente introduzione (Hemming, 2005; Waaijenberg, et al., 2005). Per migliorare ulteriormente la trasmittanza luminosa dei materiali, sono stati sviluppati, negli ultimi decenni, molti rivestimenti antiriflesso che permettono un incremento del 5-6% della trasmissione della luce (Hemming et al., 2006a). Tali materiali possono anche ridurre le perdite di luce causate dalla condensa, altrimenti considerevoli specialmente per i materiali plastici. Recenti innovazioni in questo campo riguardano modifiche della struttura superficiale, ad es. a forma di micro V, che sono state messe a punto per aumentare l efficienza dei pannelli solari ma che costituiscono una promettente tecnologia per la copertura delle serre (Sonneveld e Swinkels, 2005a). Benché la trasmissione della radiazione globale sia di primaria importanza, recenti studi dimostrano che la luce diffusa è in grado di penetrare più a fondo all interno della copertura vegetale rispetto alla luce diretta. I materiali di copertura che diffondono la luce in entrata, a parità di livelli di trasmissione globale e di coibenza, migliorano la produzione delle colture e l efficienza energetica (Pollet et al., 2000; Jongschaap et al., 2006; Hemming et al., 2006b). In condizioni di elevato irraggiamento solare, può essere considerato l impiego di lenti di Fresnel per separare la radiazione diretta da quella diffusa e utilizzare il surplus di radia- 27

4 Bakker et al. zione diretta per la produzione di elettricità (Souliotis et al., 2006). In ogni caso, l effetto positivo di tali innovazioni tecnologiche si ha solo se la copertura viene pulita regolarmente dato che la trasmissione del materiale si riduce notevolmente a causa della polvere. Minimizzare le perdite di energia tramite l utilizzo di schermi termici e di materiali di copertura isolanti Allo scopo di realizzare serre in grado di conservare l energia è fondamentale incrementare l isolamento e ridurre i ricambi d aria, poiché le perdite per convezione e irraggiamento dalle pareti della serra e il trasferimento di calore sensibile e latente attraverso la ventilazione sono i maggiori processi di perdita di energia nelle serre con sistema di ventilazione naturale. Uno schermo termico aggiunge una barriera addizionale fra l ambiente della serra e la zona circostante riducendo sia le perdite per ventilazione che per convezione. Inoltre se mobile, lo schermo presenta un minor impatto sulla trasmissione della luce rispetto a schermi fissi o a doppi strati di copertura. In Olanda il 79% dell area destinata a coltivazione serricola e in Francia il 33% delle serre riscaldate sono equipaggiate con schermi termici (Van der Knijff et al., 2004; Vésine et al., 2007). In teoria, gli schermi se rimangono chiusi quasi permanentemente possono ridurre l utilizzo di energia di oltre il 35-40% a seconda del materiale (Bakker e van Holsteijn, 1995). In pratica però, ciò non avviene essendoci delle restrizioni alla chiusura imposte dalle condizioni di umidità e luminosità, tanto che nelle pratiche commerciali il risparmio energetico è limitato al 20% (Dieleman e Kempkes, 2006). Bisogna considerare, inoltre, che la presenza degli schermi determina una riduzione della luce in entrata, più o meno marcata in funzione degli aspetti costruttivi e dei materiali utilizzati; di conseguenza l effetto sull efficienza energetica può essere ulteriormente ridotto. Nel campo della costruzione di schermi termici è stata indagata un ampia gamma di soluzioni, ma ad oggi i sistemi mobili a scorrimento sono i più diffusi in tutta Europa. Le innovazioni mirano a ridurre sempre più l intercettazione della luce provocata dai sistemi costruttivi e dagli schermi in posizione ripiegata (Van Staalduinen, 2007). Altre innovazioni riguardano le operazioni di controllo sulla base delle relazioni tra energia e produzione. Infatti, un uso energeticamente efficiente degli schermi termici richiede una compensazione fra risparmio energetico e gli eventuali effetti su quantità e qualità delle produzioni, determinati dall aumento di umidità e dalla riduzione di illuminazione conseguenti all impiego degli schermi. In questo campo, Dieleman e Kempkes (2006) hanno dimostrato che oltre ai risparmi energetici che si possono ottenere dalla chiusura degli schermi durante la notte, un ulteriore 4% di risparmio può essere conseguito senza perdite di produzione in pomodoro, ritardando l apertura degli schermi fino a che i livelli di radiazione solare non raggiunga valori di Wm -2. L evoluzione dei materiali di schermatura riguarda principalmente l isolamento termico e la trasmissione di vapore, sia mediante materiali tessuti o con l utilizzo di materiali con una specifica resistenza al vapore. Materiali di copertura Un aumento della capacità di isolamento termico delle coperture delle serre ha un elevato impatto sui consumi energetici, ma molte di queste presentano svantaggi che riguardano la riduzione della trasmissione della luce e l incremento d umidità. Lo sviluppo di materiali che combinano alti valori di isolamento con elevati valori di trasmissione della luce risulta essere una delle maggiori sfide. In pratica, il risparmio energetico che potenzialmente si potrebbe ottenere con materiali di copertura a doppio e triplo strato, non viene quasi mai raggiunto, dato che i serricoltori cercano di compensare gli effetti negativi modificando i parametri ambientali della serra aumentando ad esempio la deumidificazione (Sonneveld e Swinkels, 2005b). Il materiale di copertura per serra Lexan ZigZag è un esempio di materiale che combina un alto valore di trasmittanza (80% per luce diffusa) con un valore di resistenza termica pari a 3,4 Wm -2 K -1 (Swinkels et al., 2001). Rispetto all impiego del vetro singolo, con tale materiale si può arrivare a risparmi energetici momentanei del 45% e del 20-25% per periodi di un anno (Sonneveld e Swinkels, 2005b). Tuttavia, l applicazione pratica è ancora limitata a causa degli elevati costi. Alternative promettenti per il futuro sono i vetri a doppio strato antiriflesso (Hemming et al., 2006a), combinazioni di vetri a micro V (Sonneveld e Swinkels, 2005a) o sistemi di copertura a triplo strato (Bot et al., 2005). Un approfondito studio di simulazione ha dimostrato che i doppi vetri antiriflesso producono sia un alto valore di trasmissione della luce diffusa (82-86%), sia una riduzione dell energia del 26%, che porta ad un guadagno dell efficienza energetica del 40%. Con gli attuali livelli dei prezzi il tempo di ritorno dell investimento si aggira intorno ai 7 anni (Hemming et al., 2006a). 28

5 Energia in serra Minimizzare le perdite di energia per ventilazione e per calore latente Nell arco di un anno, l energia viene dispersa dalla serra all ambiente soprattutto a causa della ventilazione naturale. Molte prove finalizzate alla riduzione dei consumi energetici delle serre si sono quindi concentrate sui processi di ventilazione e sugli effetti del trasferimento di energia termica e di massa (Molina-Aiz et al., 2005; Valera et al., 2005; Baeza et al., 2005 e 2007; Sase, 2006) e sull utilizzo di queste conoscenze nelle operazioni di controllo dell efficienza energetica (Körner e Challa, 2003a). Durante i periodi caratterizzati da radiazione relativamente bassa e temperature ambientali moderate, la ventilazione naturale o forzata è generalmente utilizzata per prevenire livelli di umidità relativa (eccessivamente) alti e a questa operazione è legata una significativa frazione (dal 5 al 20%) dei consumi energetici (Campen et al., 2003a). Esistono numerose differenti modalità di riduzione dei consumi energetici connessi al controllo dell umidità relativa, ad es. utilizzando valori soglia di umidità più elevati (Elings et al., 2005), riducendo i livelli di traspirazione della coltura, o deumidificando con ricupero di energia (Campen e Bot, 2002; Rousse et al., 2000). L incremento dei valori soglia dell umidità permette di risparmiare energia: un 5% in più di umidità relativa consente di ridurre mediamente dal 5 al 6% l energia utilizzata (Elings et al., 2005). Sebbene alti livelli di umidità siano generalmente associati ad un incremento del rischio di attacchi fungini e ad una riduzione della qualità (ad es. Botrytis e marciumi apicali), l incremento di umidità può avere effetti positivi per la produzione e per la qualità delle coltivazioni, sia in condizioni di clima temperato che sub-tropicale (Bakker, 1991; Katsoulas et al., 2006; Montero, 2006). L incremento dei livelli di umidità può essere quindi considerato un efficace soluzione per il miglioramento dell efficienza energetica. Anche i primi esperimenti pratici condotti in serre chiuse hanno dimostrato che i coltivatori potevano aumentare gradualmente i valori di set-point verso livelli di temperatura ed umidità più elevate durante il giorno (in estate), e gli effetti positivi osservati su produzione ed efficienza energetica sono da attribuire, almeno in parte, a tale strategia (Raaphorst et al., 2005). Anche la riduzione della traspirazione ha effetti positivi sull efficienza energetica, in quanto le colture con ridotta traspirazione apportano meno umidità nell aria e pertanto richiedono una minor energia per il controllo dell umidità in condizioni di basso irraggiamento. La traspirazione delle colture si può anche ridurre del 10-30% tra l inverno e l inizio della primavera senza per questo modificare la produzione in frutti (Esmeijer, 1998). Differenti tecniche possono essere utilizzate quali, solo in inverno, l uso di antitraspiranti in concomitanza con elevati livelli di CO 2 che non influenzano significativamente la fotosintesi e la crescita. Le simulazioni mostrano che l energia risparmiata può essere del 5-10% per pomodori e peperoni, e del 2-5% per cetrioli (Dieleman et al., 2006). Una riduzione controllata dell area delle foglie per colture con un alto indice di area fogliare, tipo i peperoni, può portare ad una diminuzione dell energia utilizzata senza impatti sulla produttività (Dueck et al., 2006). La sistematica riduzione delle foglie inferiori per mantenere valori del LAI fra 6 e 3 provoca una riduzione della traspirazione del 10% e un risparmio energetico del 5%. Mentre, in pomodoro, dimezzando l area fogliare attraverso rimozione delle foglie senescenti, si ha una riduzione di traspirazione del 30% senza effetti nocivi sulla produttività delle piante (Adams et al., 2002). La riduzione del tasso di ventilazione, al fine di minimizzare le perdite di energia o anche l utilizzo di serre completamente chiuse prive di ventilazione naturale (Opdam et al., 2005), richiede soluzioni tecniche al fine di prevenire alti livelli di temperatura ed umidità. Sistemi di deumidificazione energeticamente efficienti sia per regioni con climi moderati che semiaridi sono basati su impianti di raffrescamento o deumidificazione a pompa di calore combinati con sistemi innovativi di scambiatori di calore e di recupero di calore (Campen e Bot, 2001; Yildiz e Stombaugh, 2006; Buchholz et al., 2006). L applicazione nella pratica commerciale è attualmente limitata in quanto i benefici economici in termini di produzione del raccolto e di risparmio energetico non compensano l ulteriore incremento dei costi. Sistemi e metodi di raffrescamento delle serre energeticamente efficienti In molte regioni europee e specialmente alle latitudini meridionali, c è un ampio surplus di energia solare su base annua. Tuttavia, l impiego del raffrescamento non si limita solamente a tali aree. Nel 2006 il primo Simposio sul raffreddamento delle serre raccoglieva presentazioni sia da regioni equatoriali che artiche. La tendenza verso un maggior controllo delle condizioni climatiche in serra e l estensione dei cicli produttivi per l intero arco dell anno, fanno sì che progettazione della serra e degli impianti di raffrescamento assumano oramai la stessa importanza per la riduzione delle perdite e per l efficienza energetica. 29

6 Bakker et al. La ventilazione naturale è ovviamente il primo metodo di raffrescamento della serra. Specialmente per le latitudini meridionali i metodi numerici (CFD) sono stati utilizzati sia per studiare le geometrie delle serre al fine del miglioramento della ventilazione naturale, sia per progettare sistemi di ventilazione naturale più efficienti. Alcuni recenti risultati in questo campo sono stati mostrati da Baeza (2007). La ventilazione sopra-vento risulta più efficiente della ventilazione sotto-vento, e pertanto le nuove costruzioni serricole presentano grandi aperture poste nella direzione dei venti dominanti. Sono inoltre già presenti realtà nelle quali l aria esterna può entrare e uscire dalla serra senza miscelarsi con l aria interna; in tali sistemi l utilizzo di deflettori per convogliare l aria entrante verso la zona coltivata è altamente raccomandato. La pendenza della copertura della serra ha un effetto significativo sul tasso di ventilazione, quindi i tradizionali tetti orizzontali si stanno sostituendo con serre simmetriche o asimmetriche aventi inclinazioni del tetto prossime ai 30 C. Sopra i 30 C d inclinazione, la simulazione CFD non ha riscontrato nessun ulteriore incremento della ventilazione. La ventilazione sopra-vento ha come controindicazione la formazione di un gradiente di temperatura ed umidità dal lato sopra-vento al lato sotto-vento. Per cui, le nuove serre in ambiente meridionale dovrebbero avere una larghezza limitata, idealmente minore di 50 m. La ventilazione sotto-vento può essere adeguata per serre di larghe dimensioni, ma in ambienti meridionali richiede ulteriori studi per diventare operativa. Alcune proposte in questo campo sono attualmente in corso di evoluzione (Montero et al., 2007). Per il Nord-Ovest dell Europa, Hamer et al. (2006) hanno confrontato diversi sistemi di raffrescamento per mantenere una temperatura in serra simile alle condizioni che si possono avere con la ventilazione naturale, mentre de Zwart (2006) ha progettato differenti sistemi di raffrescamento in grado di lasciare la serra completamente chiusa, anche con massimi livelli di radiazione. Il ritorno dell investimento è modesto eccetto che nel caso di raffrescamento evaporativo diretto e indiretto (Hammer et al., 2006; de Zwart, 2005). Anton et al. (2006) hanno confrontato diversi sistemi di raffrescamento e di ventilazione meccanica per le condizioni spagnole. La ventilazione meccanica richiedeva un consumo energetico annuale pari a 9,3 kwh m -2, mentre il raffrescamento evaporativo diretto per mezzo del sistema a nebulizzazione (fog) è apparso più conveniente in termini sia economici che ambientali. Ciò è verosimilmente il risultato dell effetto positivo delle basse temperature e dell elevata umidità, dato che l aumento di umidità in piccoli intervalli, generalmente, mostra effetti positivi sulla crescita e sulla produzione, come riscontrato nella maggior parte degli ortaggi da frutto (Bakker, 1991; Montero, 2006; Katsoulas et al., 2006). Questi risultati indicano che il raffrescamento ad evaporazione diretta per nebulizzazione e con pannelli umidi e ventilatori forniscono ancora i migliori risultati economici ed incrementano l efficienza energetica soprattutto attraverso gli effetti sulla produzione. La riduzione del flusso di energia solare entrante nella serra, durante i periodi caratterizzati da eccessiva radiazione, è una comune tecnica di raffrescamento passivo. I sistemi di ombreggiamento mobile montati all interno o all esterno hanno molti vantaggi, come il miglioramento della temperatura, dell umidità, della qualità delle produzioni (ad esempio nella riduzione del marciume apicale nella coltivazione di pomodoro) e un netto incremento di efficienza dell utilizzo dell acqua. Specialmente per le regioni meridionali i sistemi di ombreggiamento mobili esterni costituiscono mezzi di raffrescamento molto interessanti per l incremento dell efficienza energetica (Lorenzo et al., 2006). Materiali specifici che assorbono o riflettono differenti lunghezze d onda, che contengono pigmenti termo-cromatici o foto-pigmenti o per interferenza, possono essere utilizzati per abbassare il carico termico (Hoffmann e Waaijenberg, 2002), ma in genere questi materiali riducono anche il livello della PAR. Materiali in grado di riflettere parte dell energia solare non necessaria per la crescita delle piante (infrarosso corto, NIR) mostrano risultati promettenti (Runkle et al., 2002; Garcia-Alonso et al., 2006; Hemming et al., 2006c) e possono essere utilizzati sia come coperture per la serra o come schermi. L utilizzo dell energia dell infrarosso corto e la sua conversione in energia elettrica per alimentare sistemi di raffrescamento a pannelli evaporativi e ventilatori è un esempio di combinazione del raffrescamento passivo e attivo da utilizzare in futuro (Sonneveld et al., 2006). Impostazione energeticamente efficiente dei sistemi di controllo delle serre L efficiente controllo ambientale possiede un grosso potenziale per il miglioramento dell efficienza energetica della produzione in serra ed il continuo progredire delle conoscenze dei processi fisiologici e delle interazioni tra crescita delle piante e ambiente sta aprendo gradualmente nuove prospettive. Una via per ridurre sostanzialmente l utilizzo di energia consiste nel diminuire le temperature in serra; tuttavia, questo approccio generalmente ritarda lo svi- 30

7 Energia in serra luppo e riduce la qualità di alcune coltivazioni. Nel lungo periodo sarà possibile selezionare cultivar tolleranti alle basse temperature (van der Ploeg, 2007), ma attualmente lavorare sull integrale termico (TI) rappresenta probabilmente l opzione migliore per molte colture. Nel 1981 Cockshull et al. dimostrarono che gli effetti della temperatura sulle fasi fenologiche, ad esempio la fioritura, dipendono dalla temperatura media giornaliera piuttosto che dalle escursioni termiche diurne/notturne, mentre Hurd e Graves (1984) mostrarono che la produttività e la precocità nelle coltivazioni di pomodoro dipendevano più dall integrale termico che dalle variazioni giornaliere. Comunque ci sono dei limiti a questo approccio, in quanto possono sorgere problemi quando le piante crescono in condizioni di temperatura sia sub- che sovra-ottimali. Temperature sovra-ottimali, per esempio, non possono essere utilizzate per compensare periodi di esposizione a basse temperature. Langton e Horridge (2006) hanno dimostrato che, a parità di temperatura media, la fioritura del crisantemo viene ritardata dall alternanza fra temperature sub-ottimali (14 C) e sovra-ottimali (24 C) rispetto all esposizione a 19 C costanti. L integrale termico è stato utilizzato per la prima volta, ai fini del risparmio energetico, agendo sui setpoint del riscaldamento delle serre basati sulla velocità del vento (Hurd e Graves, 1984; Bailey, 1985). Poiché le dispersioni termiche dalla serra aumentano linearmente con la velocità del vento, si può risparmiare energia riducendo i set-point del riscaldamento in presenza di vento. L abbassamento termico può poi essere compensato in periodi più favorevoli. Con tale modo di operare, Bailey (1985) ha stimato un risparmio energetico del 5-10%, sebbene secondo Tantau (1998) appaia più realistico un risparmio del 4% per la coltivazione di piante ornamentali sotto schermi termici. Una comune strategia utilizzata per l integrale termico consiste nell impostare set-point per la ventilazione più alti del normale al fine di massimizzare il riscaldamento dovuto alla radiazione solare e compensare in tal modo le basse temperature che vengono mantenute in serra durante le ore notturne o nei giorni nuvolosi. Il risparmio energetico dipenderà dalla coltura e dalle fluttuazioni di temperatura che sono tollerate e applicabili su di essa. Si ritiene che nell arco di un anno sono possibili risparmi fino al 16% (Langton e Hamer, 2003). Risparmi del 5-15% sono stati osservati sia con simulazioni sia con prove sperimentali, senza conseguenze sulla crescita e lo sviluppo delle piante (Körner e Challa, 2003b; Dueck et al., 2004; Elings et al., 2005). In serre completamente chiuse questa strategia è utilizzata per ridurre il consumo di energia per il raffrescamento. Originariamente, in questi sistemi, durante l estate, venivano impostate temperature diurne relativamente basse (Opdam et al., 2005), ma successivamente ci si è orientati verso la combinazione di temperature diurne più alte e notturne più basse al fine di limitare il fabbisogno per il raffrescamento durante il giorno. L adozione di ventilazione naturale durante la notte (quando la CO 2 non è necessaria e l ermeticità della serra non è fondamentale), permette di ridurre le portate e quantità di acqua indispensabili per il raffrescamento diurno, rendendo il sistema più sostenibile in termini economici ed ambientali. Nell arco dell anno, la massimizzazione del risparmio energetico può essere raggiunta combinando gli elevati valori di set-point della ventilazione nei periodi caldi, a set-point di riscaldamento più bassi del normale durante il giorno e più elevati durante la notte (in presenza di schermi termici) durante i periodi freddi. Lo scopo è quello di sfruttare a pieno l apporto solare e usare il riscaldamento supplementare, se necessario, preferibilmente la notte quando le perdite di calore possono essere contenute dall utilizzo di schermi termici. In tal caso si può prevedere un risparmio energetico fino al 30% (Langton e Hamer, 2003). In una simulazione su crisantemo da fiore reciso, Körner (2003) ha stimato che adottando l integrale termico si può ridurre il consumo energetico settimanale fino al 60% e avere risparmi annuali di 8, 15 e 18% applicando, rispettivamente, fluttuazioni termiche giornaliere (ampiezze di banda) di 2, 4 e 6 C rispetto ai valori standard. Rijsdijk e Vogelezang (2000) hanno dimostrato un risparmio del 18% per coltivazioni di piante in vaso, di rose e di peperoni con un ampiezza di banda di 8 C. In ogni caso, quando si impostano le ampiezze di banda e, più in generale quando si adottano strategie basate sull integrale termico, è necessario fare un bilancio contemperando la massimizzazione del risparmio energetico con la minimizzazione di eventuali effetti negativi su quantità e/o qualità delle produzioni. Una riduzione della ventilazione e del riscaldamento, infatti, comporta un incremento dell umidità relativa all abbassarsi della temperatura. L impiego di schermi termici poi porta inevitabilmente a riduzione dell illuminazione. Di qui la necessità del controllo dell umidità relativa in serra. Ma le strategie di controllo dell umidità relativa possono influenzare considerevolmente l entità del risparmio energetico che può essere ottenuto in seguito all adozione dell integrale termico. Il risparmio di energia infatti può essere vanificato da un controllo troppo drastico dell umidità. Così, elevati set-point di umidità relativa e un controllo dinamico dell umidità possono ridurre significativamente l uti- 31

8 Bakker et al. lizzo di energia (Körner, 2003). Per quanto riguarda l impostazione dei set-point di umidità, de Braak et al. (1998) hanno dimostrato che è più efficiente dal punto di vista energetico intervenire su apertura/chiusura degli schermi termici piuttosto che su quella delle finestrature. Per ottenere il massimo profitto in termini di efficienza energetica, il controllo della serra non si deve basare esclusivamente sui fattori ambientali o su attuatori quali riscaldamento, ventilazione e arricchimento di CO 2, bensì sull efficienza energetica della produzione e sul controllo della qualità. Questo richiede sistemi di controllo basati su modelli matematici che tengano conto dell impatto che ogni singola azione di controllo ha sia sulla produzione delle piante che sul consumo energetico. Questo approccio è stato seguito per decenni da quando Challa e van de Vooren (1980) per primi descrissero una routine di ottimizzazione fra il consumo energetico e la precocità nella produzione in cetriolo. I successivi passi riguardarono l utilizzo di modelli relativamente semplici per la fotosintesi e la traspirazione delle piante, seguiti da modelli più sofisticati, sia fisici (Stanghellini, 1987; Van Henten, 1994) che della fotosintesi (Körner e van Ooteghem, 2003). Parte di questi modelli (specialmente la parte che considera il trasferimento di calore e di massa e la fotosintesi lorda) è utilizzata in sistemi commerciali di controllo ambientale, anche se il loro utilizzo principale è ancora nel campo della progettazione. Invece di essere utilizzati per il controllo on-line delle operazioni i modelli sono adoperati per valutare le nuove strategie di controllo ambientale, come il receding horizon optimal control system che costituisce una parte del sistema di progettazione integrata descritto da van Ooteghem et al. (2005). Anche la routine di ottimizzazione per la temperatura e la CO 2 sviluppata da Dieleman et al., (2005) sono state progettate utilizzando un modello di serra virtuale. Le prove sperimentali condotte con questa routine hanno mostrato un lieve ma significativo incremento dell efficienza energetica. Altri esempi di progressi verso sistemi di controllo più efficienti sono i modelli basati sul controllo dell umidità (Körner e Challa, 2003a) che migliorano la routine di ottimizzazione di umidità per evitare malattie fungine come la muffa grigia (Körner e Holst, 2005). I modelli attuali sono raramente utilizzati per il controllo on-line delle serre perché questo richiede un approccio totalmente differente dell utilizzatore finale rispetto alle pratiche correnti ed anche perché molti modelli esistenti non sono appropriati per un rigoroso controllo ottimale, in quanto questi solo raramente sono elaborati nella forma state-space (van Straten, 2006). Riducendo un modello complesso a poche o addirittura ad una singola condizione, il modello diventa efficace (Jones et al., 1999; Seginer e Ioslovich, 1998) e in accordo con van Straten et al. (2006) questo approccio è molto utile per migliorare l utilizzo dei modelli per un controllo energeticamente efficiente delle serre. Sebbene l introduzione di tecnologie innovative di controllo ambientale aumenti l efficienza energetica, ampi miglioramenti rispetto alla situazione attuale possono essere già raggiunti semplicemente migliorando il progetto delle attrezzature dei sistemi di ventilazione e di riscaldamento (Campen, 2004), controllando accuratamente e frequentemente la rete di sensori utilizzati (Bontsema et al., 2005) e verificando più regolarmente i valori di soglia impostati. Sviluppi innovativi in questo campo sono ad esempio i sistemi automatici di diagnosi dei difetti, i sistemi on-line di Decision Support System (DSS) per il settaggio della conservazione dell energia e la comparazione on-line del settaggio di controllo attraverso internet (Buwalda et al., 2007). Progetto integrato del sistema serra per un uso efficiente dell energia Sebbene lo sviluppo e l implementazione delle singole componenti per il risparmio energetico possano realmente produrre dei risparmi energetici, l unica via per raggiungere l ambizioso obiettivo di una riduzione del 30% di emissioni di CO 2 consiste nell integrazione di sistemi serricoli energeticamente conservativi che comprendano i materiali di copertura, impianti di riscaldamento e ventilazione/umidificazione, algoritmi di controllo e sistemi di conversione energetica. Per il progetto e l utilizzo operativo di sistemi serricoli energeticamente efficienti sono stati sviluppati numerosi sistemi di supporto decisionale come il SERRISTE in Francia (Tchamitchian et al., 2006) che aiuta sia i progettisti che i coltivatori con valutazioni affidabili e veloci sulle misure di risparmio energetico per le coltivazioni serricole. Il rapido cambiamento delle tecnologie e dei costi energetici richiede un approccio dinamico simile ai sistemi interattivi di supporto decisionale (DSS) elaborati da Swinkels (2006). In questo esempio di DSS si può selezionare un ampio spettro di componenti (dimensioni della serra, sistemi di riscaldamento, materiali di copertura, illuminazione, sistemi di conversione e conservazione...) tenendo conto dei costi dell energia e dei livelli di controllo delle operazioni. I risultati mostrano gli effetti economici ed energetici sia delle 32

9 Energia in serra scelte strategiche che operative. Un metodo di progettazione più generale ed ampio per il risparmio energetico in serra, basato sulle procedure metodologiche di progetto è stato proposto da van Henten et al., (2006). L obbiettivo è la progettazione concettuale di sistemi di coltivazione protetta per le diverse regioni del mondo. Questo strumento progettuale è stato definito la serra adattativa perché tutti i sistemi di coltivazione protetta, da quelli a bassa fino a quelli ad alta tecnologia, si può ritenere che siano basati sugli stessi componenti generici, come la struttura, i materiali di copertura, gli impianti, ecc., mentre la scelta del singolo sistema di coltivazione viene adattata alle condizioni locali della regione. Esempi nell Europa Nord-Occidentale Il concetto di serra solare sviluppato da Bot et al. (2005) è un perfetto esempio di un progetto integrale energeticamente efficiente dove tutti i componenti, incluse le tecnologie di conversione energetica e di controllo ottimale, sono incorporati. L obiettivo del progetto delle serre solari è lo sviluppo di sistemi serricoli che mantengano alti valori produttivi senza l uso di combustibili fossili. Lo studio concerne un sistema che durante l estate immagazzina la maggior parte di calore per bilanciare il fabbisogno energetico durante l inverno (Waaijenberg et al., 2005), combinato con gli algoritmi di controllo per sistemi dinamici di controllo (Van Ooteghem et al., 2005) da cui ne risulta un risparmio energetico totale di oltre il 60%. Ciò permette un fabbisogno sostenibile di energia per ettaro di serra di soli 600 kw, forniti attraverso turbine eoliche e pannelli fotovoltaici. Per serre completamente chiuse (Opdam, 2005) il passo successivo per un progetto integrato è di sottrarre il surplus di calore totale durante l estate e restituirlo durante il periodo invernale per il riscaldamento della serra stessa e anche delle serre o delle strutture vicine. Pertanto le prestazioni di queste serre, considerate come collettori solari, vengono massimizzate in virtù di un ulteriore riduzione delle perdite di calore, ottimizzando il calore immagazzinato attraverso scambiatori di calore molto efficienti (Bakker et al., 2006). Le simulazioni mostrano che con questi sistemi ci si può aspettare una produzione di calore annua teorica intorno a 800 MJ, comparabili a 25 m 3 di gas naturale (de Zwart e Campen, 2005). Le prime prove su una serra a scala commerciale, però, hanno mostrato che questa produzione di calore sarà di difficile realizzazione in quanto l output è limitato da vincoli sulle temperature impostate dai coltivatori, allo scopo di minimizzare gli effetti negativi sulle colture (de Zwart e van Noort, 2007). Un altro svantaggio di queste tecnologie si riscontra nel basso livello di energia fornita dal sistema (acqua a 40 o C). Nel tentativo di combinare la produzione serricola con la produzione di elettricità al posto della produzione di acqua calda, Sonneveld et al. (2006 e 2007) hanno descritto un sistema di coperture paraboliche per serre riflettenti l infrarosso corto. Queste coperture riflettono e focalizzano l infrarosso corto su specifiche celle fotovoltaiche o collettori solari al fine di generare sia vapore che elettricità. I risultati così raggiunti, tuttavia, mostrano che l energia elettrica che può essere generata non è sufficiente per soddisfare il fabbisogno di una pompa di calore per mantenere la serra completamente chiusa. D altra parte, il limitato carico termico della serra, dovuto a materiali di copertura riflettenti l infrarosso corto, riduce significativamente la richiesta di energia per il raffrescamento che, in combinazione con la limitata produzione di elettricità, potrebbe avere ancora un impatto significativo sull efficienza energetica. Tuttavia a causa del prezzo corrente dell energia, dell ancora limitato incremento della produzione vegetale e della complessa e costosa installazione, finora (per le condizioni olandesi) tutti i sistemi e le concezioni di serre completamente chiuse non sono risultate economicamente competitive. Attualmente (per il corrente prezzo di elettricità e gas), il concetto di serra tradizionale con una ventilazione normale, dotata di riscaldamento ed arricchimento di CO 2 derivanti da sistemi di cogenerazione di energia e calore (Combined Heat and Power, CHP), insieme alla vendita di elettricità verde auto-generata alla rete nazionale, risulta essere la miglior opzione economica. Sebbene ciò non si traduca in un risparmio energetico diretto della serra certamente si riducono le emissioni di CO 2 delle centrali elettriche a livello nazionale. Tuttavia, in altre regioni Europee del Nord Ovest la situazione può essere diversa. Ad esempio in Gran Bretagna, per anni non si sono installati impianti di cogenerazione CHP poiché, ad oggi, l economia dei CHP non ha avuto successo. Inoltre le caratteristiche geologiche delle differenti aree potrebbero limitare il potenziale di calore immagazzinato a lungo termine e conseguentemente la diffusione di serre chiuse. Perciò, si stanno introducendo diverse alternative per ridurre l utilizzo di combustibili fossili come i reflui termici, le biomasse, i sistemi di digestione anerobica e le sorgenti geotermiche. Esempi nell Europa meridionale Anche per le latitudini meridionali interessanti progetti di ricerca sono rivolti al progetto di serre innovative ed energeticamente efficienti che incorpo- 33

10 Bakker et al. rano alti livelli di tecnologia e che hanno come oggetto l adattamento del concetto di serra chiusa o semichiusa per queste regioni. Nel progetto Watergy, è stata sviluppata una serra completamente chiusa avente lo scopo di realizzare un ricircolo completo dell acqua basato su scambiatori di calore innovativi (Buchholz et al., 2005). L attuale prototipo mostra risultati promettenti, ma così come nel caso delle latitudini settentrionali, la fattibilità economica di serre completamente chiuse è ancora il maggior collo di bottiglia. L approccio meridionale prevalente per i futuri sviluppi dei sistemi serricoli è perciò ancora basato sull evoluzione delle serre passive, per quelle aree dove il riscaldamento può essere conveniente ma non strettamente necessario. Questo approccio normalmente conduce ad ottenere ridotti livelli di resa, ma conseguiti con bassi costi di investimento e di esercizio che lo rendono economicamente conveniente. Una produzione sostenibile in serra senza fitofarmaci è anche di primaria importanza ed è necessario cercare di conciliare l uso di nuove tecnologie, come gli studi sul CFD, la diffusione di reti antiafide con un sufficiente controllo climatico, particolarmente in condizioni estive (Boulard e Fatnassi, 2006; Fatnassi et al., 2006). Dato che in questa situazione, l input energetico per il condizionamento climatico è molto limitato, la riduzione di altri processi responsabili delle emissioni di CO 2 nella gestione delle serre passive sono tenute in conto mediante la analisi del ciclo di vita (LCA). La LCA viene applicata all intero processo di produzione per identificare quali parti del processo siano energeticamente più dispendiose e, a tale riguardo, è stata condotta da Antón (2004) un analisi generale dell impatto ambientale della produzione di pomodoro in serre non riscaldate in Europa meridionale. Questo studio ha considerato tutti gli input di materia ed energia nel processo di produzione del pomodoro, e le emissioni o gli output prodotti dal processo. Lo studio di Anton ha mostrato che le strutture serricole e gli impianti ausiliari (tubi d irrigazione, plastiche per pacciamature, componenti di supporto per le colture, ecc.) costituiscono il 51% delle emissioni totali di gas. Con riguardo alla struttura, le fondazioni e il cordolo perimetrale di calcestruzzo sono responsabili della maggior parte delle emissioni. Quindi gli sforzi devono essere volti alla riprogettazione del sistema di fondazione ed all utilizzo di calcestruzzo riciclabile al fine di ridurre l utilizzo di energia. La produzione e l utilizzo di fertilizzanti è un altro fattore con una forte influenza sul consumo di energia nella produzione di pomodoro (circa il 36% delle emissioni). Recentemente si stanno conducendo prove per ridurre significativamente i programmi di fertilizzazione, dato che è stato dimostrato che l attuale somministrazione di azoto sia usualmente superiore al bisogno effettivo. I risultati suggeriscono che la concentrazione di azoto nella soluzione nutritiva possa essere ridotta a 7 mm, portando ad una riduzione del 70% del nitrato percolato rispetto al controllo, senza riduzioni qualitative e quantitative della produzione (Muñoz et al., 2007). Conclusioni Sia per le condizioni dell Europa meridionale e nord occidentale, gli orientamenti verso la progettazione di serre energeticamente più efficienti hanno riguardato l ottimizzazione delle serre come collettori solari e hanno consentito di aumentare la produzione sia per mezzo di un miglior controllo, sia grazie all ampliamento del periodo di produzione. Nell Europa nord-occidentale si è riscontrato un incremento dell interesse verso serre a tenuta d aria con raffrescamento, recupero del calore ed ottimizzazione del controllo ambientale, mentre per le condizioni dell Europa meridionale c è grande attenzione nell utilizzo di un efficiente ventilazione naturale, del raffrescamento e della riduzione del flusso di energia solare entrante in serra durante l estate. Per serre passive in regioni meridionali, che non utilizzano combustibili fossili, l attenzione è rivolta alla riduzione dell energia spesa per le strutture serricole, per l irrigazione, per gli impianti ausiliari e per i fertilizzanti. Oltre alla riduzione dell utilizzo di energia, è aumentato nuovamente in tutta Europa l interesse verso fonti alternative ai combustibili fossili, come i reflui termici, le biomasse, i sistemi di digestione anerobica e le sorgenti geotermiche. Traduzione a cura del prof. Giacomo Scarascia Mugnozza e del dott. Alexandros Antifantis (Università di Bari) Riassunto L utilizzo efficiente dell energia in serra è stato un argomento di ricerca e sviluppo per decenni. L efficienza energetica totale, cioè la quantità di energia utilizzata per unità di prodotto, è determinata dal miglioramento della conversione energetica, dalla riduzione del consumo energetico per il controllo dei parametri ambientali e dall efficienza della produzione agronomica. I nuovi obiettivi europei sulla riduzione delle emissioni di CO 2 hanno generato un rinnova- 34

11 Energia in serra to interesse nelle tecnologie innovative volte a migliorare l efficienza energetica in serra sia per le regioni europee settentrionali che meridionali. In questo articolo è presentata una panoramica dei recenti sviluppi per entrambe le prospettive dell Europa Nord-occidentale e Mediterranea. Il campo di sviluppo riguarda i nuovi materiali di copertura, gli strumenti innovativi di controllo climatico per la conservazione dell energia, i sistemi di controllo basati sulla risposta delle piante, i progetti integrati di serre energeticamente efficienti. Parole chiave: serra, consumo energetico, efficienza energetica, innovazione tecnologica. Bibliografia ADAMS S.R., WOODWARD G.C., VALDES V.M., The effects of leaf removal and of modifying temperature set-points with solar radiation on tomato. J. Hort. Sci. Biotech., 77: ANTÓN A., Utilización del análisis del ciclo de vida en la evaluación del impacto ambiental del cultivo bajo invernadero mediterráneo. Thesis Doctoral, 235 pp., Universitat Politécnica de Catalunya. ANTON A., MONTERO J.I., MUNOZ P., PÉREZ-PARRA J., BAEZA E., 2006 Environmental and economic evaluation of greenhouse cooling systems in Southern Spain. Acta Hort., 719: BAEZA E.J., PÉREZ-PARRA J., LÓPEZ J.C., MONTERO J.I., CFD study of the natural ventilation performance of a parral type greenhouse with different numbers of spans and roof vent configurations. Acta Hort., 719: BAEZA E. J., Optimización del diseño de los sistemas de ventilación en invernadero tipo parral. Thesis Doctoral, 204 pp., Universidad de Almería. BAILEY B.J., Wind dependent control of greenhouse temperature. Acta Hort., 174: BAKKER J.C., VAN HOLSTEIJN G.P.A., Screens. In: Bakker J.C., Bot G.P.A., Challa H., van de Braak N.J. (Eds.). Greenhouse Climate Control, an Integrated Approach. Wageningen Press: BAKKER J.C., DE ZWART H.F., CAMPEN J., Greenhouse cooling and heat recovery using fine wire heat exchangers in a closed pot plant greenhouse: design of an energy producing greenhouse. Acta Hort., 719: BAUDOIN W.O., Protected cultivation in the mediterranean region. Acta Hort., 491: BONTSEMA JU., GIELING TH. H., KORNET J., RIJPSMA E., SWINKELS G.L.A.M., Effects of errors in measurements of light, temperature and CO 2 on energysaving in greenhouses (In Dutch). Report 510 Agrotechnology and Food Innovations, Wageningen, 145 pp. BOT G.P.A., VAN DE BRAAK N.J., CHALLA H., HEMMING S., RIESWIJK TH., VAN STRATEN G., VERLODT I., The Solar Greenhouse: State of the Art in Energy Saving and Sustainable Energy Supply. Acta Hort., 691: BOULARD T., Solar energy for horticulture in France: hopes and reality. Workshop on Renewable Energy in Agriculture, November 19th, Castello Utveggio- Palermo, EUROPEAN COMMISSION, Energy and Transport, Energy Framework programme BOULARD T., FATNASSI H., Greenhouse aeration and climate optimization based on CFD studies. Plasticulture, 121: BUCHHOLZ M., JOCHUM P., ZARAGOZA G., Concept for water, heat and food supply from a closed greenhouse. The Watergy project. Acta Hort., 691: BUWALDA F., SWINKELS G.L.A.M., DE ZWART H.F., KIPP J., KEMPKES F., VAN GASTEL T., VAN BOKHOVEN H., Promoting energy efficient production in horticulture - Exchange of knowledge between research and practice through the internet. Greensys 2007 Naples (Italy), Acta Hort., in press. CAMPEN J.B., Improved temperature distribution by controllable side wall heating. Report Agrotechnology and Food Innovations B.V., Wageningen (in Dutch), 132: 34 pp. CAMPEN J.B., BOT G.P.A., Design of a low-energy dehumidifying system for greenhouses. J. Agr. Eng. Res., 78(1): CAMPEN J.B., BOT G.P.A., Dehumidification in greenhouses by condensation on finned pipes. Biosystems Engineering, 82(2): CAMPEN J.B., BOT G.P.A., Determination of greenhouse specific aspects of ventilation using three dimensional Computational Fluid Dynamics. Biosystems Engineering, 84(1): CAMPEN J.B., BOT G.P.A., DE ZWART H.F., Dehumidification of Greenhouses at Northern Latitudes. Biosystems Engineering 86: CAMPEN J.B, SWINKELS G.L.A.M., VAN DE BRAAK N.J., SONNEVELD P.J., BOT G.P.A., Vapour transport from greenhouses with heat recovery (in Dutch). IMAG Report P , 39 pp. COCKSHULL K.E., HAND D.W., LANGTON F.A., The effects of day and night temperature on flower initiation and development in chrysanthemum. Acta Hort., 125: DE PASCALE S., MAGGIO A., Sustainable Protected Cultivation at Mediterranean Climate. Perspectives and Challanges. Acta Hort., 691: DE ZWART H.F., Evaluation of Roof Spraying as a Low Cost System for Sustainable Energy Collection. Acta Hort., 691: DE ZWART H.F., CAMPEN J.B., Yearround simulation of the Energy Producing Greenhouse. Report Agrotechnology and Food Innovations B.V., Wageningen (in Dutch), 24 pp. DE ZWART H.F., VAN NOORT F., Report Energy Producing Greenhouse: Status report 2007, Wageningen UR greenhouse Horticulture, in preparation. DIELEMAN A., KEMPKES F., Energy screens in tomato: determining the optimal opening strategy. Acta Hort., 718: DIELEMAN J.A, MARCELIS L.F.M., ELINGS A., DUECK T.A., MEINEN E., Energy Saving in Greenhouses: Optimal Use of Climate Conditions and Crop Management. Acta Hort., 718: DUECK,T., ELINGS A., KEMPKES F., KNIES P., VAN DE BRAAK N., GARCIA N., HEIJ G., JANSE J., KAARSEMAKER R., KORSTEN P., MAASWINKEL R., VAN NOORT F., RUIJS M., REIJNDERS C., VAN DER MEER R., Energie in kengetallen: op zoek naar een nieuwe balans(in Dutch). Nota 312, Plant Res. Int., 104 pp. ESMEIJER M., Minimal transpiration related to energy use, production and quality of greenhousecrops (In Dutch). Report PBG 154, Naaldwijk, 52 pp. FATNASSI H., BOULARD T., PONCET C., CHAVE M., Optimisation of Greenhouse Insect Screening with C F D, Biosystem Engineering, 93: GARCIÁ-ALONSO Y., ESPÍ E., SALMERÓN A., FONTECHA A., GONZÁLEZ A., LÓPEZ J., New Cool Plastic Films for Greenhouse Covering in Tropical and Subtropical Areas. Acta Hort., 719: 137. HAMER P.J.C., BAILEY B.J., FORD M.G., VIRK G.S., Novel methods of heating and cooling greenhouses: a feasibility study. Acta Hort., 719:

12 Bakker et al. HEMMING S., WAAIJENBERG D., BOT G., SONNEVELD P., DE ZWART F., DUECK T., VAN DIJK C., DIELEMAN A., MARISSEN N., VAN RIJSSEL E., HOUTER B., Optimal light conditions for the transition to an energy conservative greenhouse horticulture (In Dutch). Report Agrotechnology & Food Innovations, 100, pp Wageningen UR. HEMMING S.; EFTE: A high transmission covermaterial (in German). Gärtnerbörse 105: 6. HEMMING S., KEMPKES F., MOHAMMADKHANI V., STANGHELLINI C., SWINKELS G.J., HOLTERMAN. H.J., 2006a. Anti reflex coating for horticulture glass first practical experiences (In Dutch). Report 130, Wageningen UR Greenhouse Horticulture, 59 pp. HEMMING S., VAN DER BRAAK N., DUECK T., JONGSCHAAP R., MARISSEN N., 2006b. Filtering natural light by the greenhouse covering using model simulations More production and better plant quality by diffuse light? Acta Hort., 711: HEMMING S., KEMPKES F., VAN DER BRAAK N., DUECK T., MARISSEN N., 2006c. Filtering natural light at the greenhouse covering Better greenhouse climate and higher production by filtering out NIR? Acta Hort., 711: HOFFMANN S., WAAIJENBERG D., Tropical and Subtropical Greenhouses A Challenge for New Plastic Films. Acta Hort., 578: HURD R.G., GRAVES C.J., The influence of different temperature patterns having the same integral on the earliness and yield of tomatoes. Acta Hort., 148: JANSSEN E., T HART H., Light interception of Lighting Systems, Venlo and Wide Span Type Greenhouses. Acta Hort., 711: JONES J.W., KENIG A., VALLEJOS C.E., Reduced state-variable tomato growth model. Trans. ASAE, 42(1): JONGSCHAAP R.E.E., DUECK TH.A., MARISSEN N., HEMMING S., MARCELIS L.F.M., Simulating seasonal patterns of increased greenhouse crop production by conversion of direct radiation into diffuse radiation. Acta Hort., 718: KATSOULAS N., KITTA E., KITTAS C., TSIROGIANNIS I.L., STAMATI E., Greenhose Cooling by a Fog System: Effects on Microclimate and on Production and Quality of a Soilless Pepper Crop. Acta Hort., 719: KÖRNER O., Crop based climate regimes for energy saving in greenhouse cultivation. Ph.D. Thesis, Wageningen University, The Netherlands. KÖRNER, O AND H. CHALLA, 2003a. Process-based humidity control regime for greenhouse crops. Comp. Elect. Agric. 39: KÖRNER O., CHALLA H., 2003b. Design for an improved temperature integration concept in greenhouse cultivation, Computers and Electronics in Agriculture, 39: KÖRNER O., HOLST N., Model based humidity control of Botrytis in Greenhouse Cultivation. Acta Hort., 691: KÖRNER O., VAN OOTEGHEM R.J.C., Simulating crop gross photosynthesis at high temperatures, In: Crop based climate regimes for energy saving in greenhouse cultivation, Ph.D. Thesis, Wageningen University, Wageningen, The Netherlands, pp LANGTON F.A., HAMER P.J.C., Energy efficient production of high quality ornamental species. Final Report to Defra, project HH1330. LANGTON F.A., HORRIDGE J.S., The effect of averaging sub- and supra-optimal temperatures on the flowering of Chrysanthemum morifolium. J. Hort. Sci. Biotech., 81: LORENZO P., GARCÍA M.L., SANCHEZ-GUERRERO M.C., MEDRANO E., CAPARRÓS, I., GIMÉNEZ, M., Influence of mobile shading on yield, crop transpiration and water use efficiency. Acta Hort., 719: MOLINA-AIZ F.D., VALERA D.L., PEÑA A.A., GIL J.A., Optimisation of Almería-type greenhouse ventilation performance with computational fluid dynamics. Acta Hort., 691: MONTERO J.I., Evaporative Cooling in Greenhouses: Effects on Microclimate, Water Use Efficiency and Plant Response. Acta Hort.,719: MONTERO, J.I., ANTÓN, A., MELÉ M.,CID M.C, MUÑOZ,P., RAYA V Suggestions to improve leeward ventilation of large span greenhouses. Greensys 2007 Naples (Italy), Acta Hort., in press. MUÑOZ P., ANTÓN A., PARANJPE A., ARIÑO J., MONTERO J.I., Low Nitrogen Input Can Reduce Environmental Impact in the Mediterranean Region Without Reducing Greenhouse Tomato Yield. Agronomy for Sustainable Development (submitted). OLOFSSON T., MAJABACKA A., S. ENGBLOM, Evaluation of Energy Performance for Greenhouses Base don Multivariate Analysis Methodology. Acta Hort., 718: OPDAM J.J.G., SCHOONDERBEEK G.G., HELLER E.B.M., DE GELDER A., Closed greenhouse: a starting point for sustainable entrepreneurship in horticulture. Acta Hort., 691: PÉREZ-PARRA J.J., MONTERO J.I., BAILEY B.J., Acta Horticulturae, 719. Proceedings of the International Symposium on Greenhouse Cooling. Almeria, Spain. POLLET I.V., EYKENS P.G.M., PIETERS J.G., PAR Scattering by greenhouse covers and its effects on plant growth. Acta Hort., 534: ROUSSE D.R., MARTIN D.Y., THÉRIAULT R., LÉVEILÉE F., BOILY R., Heat recovery in greenhouses: a practical solution. Applied Thermal Engineering, 20: RAAPHORST M., Optimal crop cultivation in a closed greenhouse. Report crop growth in the closed greenhouse with Themato in 2004 (In Dutch). PPO report , 58 pp. RUNKLE E.S., HEINS R.D., JASTER P., THILL C., Environmental Conditions under an Experimental Near Infra- Red Reflecting Greenhouse Film. Acta Hort., 578: RIJSDIJK A.A., VOGELEZANG. J.V.M., Temperature integration on a 24-hour base: a more efficient climate control strategy. Acta Hort., 519: SÄRKKÄ L.E., HOVI-PEKKANEN T., KAUKORANTA T., TAHVONEN R., HUTTUNEN J., Greenhouse Cooling in Summer in Finland - Preliminary Results of Climate Control and Plant Response. Acta Hort., 719: SASE S., Air movement and Climate uniformity in Ventilated Greenhouses. Acta Hort., 719: SEGINER I., IOSLOVICH I., A single state variable model to mimic TOMGRO for control applications. Acta Hort., 456: SONNEVELD P.J., SWINKELS G.L.A.M., 2005a. Micro-V covering materials for photovoltaic cells. In: 20th European photovoltaic solar energy conference and exhibition, 6-10 June Barcelona, Spain : WIP-Renewable Energies, p. 5BV SONNEVELD P.J., SWINKELS G.L.A.M., 2005b. New Developments of Energy-saving Greenhouses with a High Light Transmittance. Acta Hort., 691: SONNEVELD P.J., SWINKELS G.L.A.M., KEMPKES F., CAMPEN J.B., BOT G.P.A., Greenhouse with Integrated NIR Filter and a Solar Cooling System. Acta Hort., 719: SONNEVELD P.J., SWINKELS G. L. A. M., BOT G. P. A., FLAMAND G., Conversion of NIR-radiation to Electric Power in a Solar Greenhouse. Thermovoltaic Generation of Electricity: TPV7: Seventh World Conference on Thermophotovoltaic Generation of Electricity. AIP Conference Proceedings, 890:

13 Energia in serra SORIANO T., MONTERO J.I., SÁNCHEZ-GUERRERO M.C., MEDRANO E., ANTÓN A., HERNÁNDEZ J., MORALES M.I., CASTILLA. N., Characterisation of Direct Radiation transmission in Asymetrical Multi-span Greenhouses using Scale Models and simulation Models. J. Biosystems Engineering, 88 (2): SOULIOTIS M., TRIPANAGNOSTOPOULOS Y., A. KAVGA, The Use of Fresnel Lenses to Reduce the Ventilation Needs of Greenhouses. Acta Hort., 719: STANGHELLINI C., Transpiration of greenhouse crops an aid to climate management, Ph.D. Thesis, Wageningen Agricultural University, The Netherlands. SWINKELS G.L.A.M., Software for calculating the effect of energy saving investments on greenhouses. Acta Hort., 718: SWINKELS G.L.A.M., SONNEVELD P.J, BOT, G.P.A., Improvement of greenhouse insulation with restricted transmission loss through zigzag covering material Source: J. Agr. Eng. Res., 79(1): TANTAU H.J., Energy saving potential of greenhouse climate control. Mathematics and Computers in Simulation, 48: TCHAMITCHIAN M., MARTIN-CLOUAIRE R., LAGIER J., JEANNEQUIN B., MERCIER S., SERRISTE: A daily set point determination software for glasshouse tomato production. Computers & Electronics in Agriculture, 50: VALERA D.L., MOLINA F.D., ÁLVAREZ A.J., LÓPEZ J.A., Contribution to Characterisation of Insect-Proof Screens: Experimental Measurements in Wind Tunnel and Cfd Simulation. Acta Hort., 691: VAN DE BRAAK N.J., KEMPKES F.L.K., BAKKER J.C., BREUER J.J.G., Application of simulation models to optimize the control of thermal screens. Acta Hort., 456: VAN DER KNIJFF A., BENNINGA J., REIJNDERS C., NIENHUIS J., Energy in greenhouse horticulture in The Netherlands. Developments in the sector and individual enterprises until 2004 (In Dutch). Report , LEI, Den Haag, 77 pp. VAN DER PLOEG A., Genotypic variation in energy efficiency in greenhouse crops: underlying physiological and morphological parameters. Ph.D. Thesis, Wageningen University, The Netherlands. VAN HENTEN E.J., Greenhouse climate management: an optimal control approach, Ph.D. thesis, Wageningen Agricultural University, Wageningen, The Netherlands. VAN OOTEGHEM R.J.C., VAN WILLIGENBURG L.G., VAN STRATEN G., Receding Horizon Optimal Control of a Solar Greenhouse. Acta Hort., 691: VAN STAALDUINEN J., New systems for smart screening (In Dutch). Onder Glas, 4 (6/7): VAN STRATEN G., VANTHOOR B., VAN WILLIGENBURG L.G., ELINGS A., State Space as Crop Modelling Paradigm A Big Leaf, Big Fruit, Big Substrate Model for Optimal Nutrient Control in Tomato Cultivation. Acta Hort., 691: VÉSINE E., GRISEY A., POMMIER F., CHANTRY N., PLASENTI J., CHASSÉRIAUX G., Utilisation Rationelle de L énergie dans les serres. Situation technico-économique en 2005 et leviers d action actuels et futures. Rapport complet. Report Département DPIA, Direction DABEE, ADEME Angers, France, 134 pp. WAAIJENBERG D., HEMMING S., CAMPEN J.B., The Solar Greenhouse: a Highly Insulated Greenhouse Design with an Inflated Roof System with PVDF or ETFE Membranes. Acta Hort., 691: YILIDIZ I., STOMBAUGH D.P., Dynamic Modelling of Microclimate and Environmental control Strategies in a Greenhouse Coupled with a Heat Pump System. Acta Hort., 718:

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici.

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici. Corso di laurea specialistica in architettura per la sostenibilità. AA 2003/04 LABORATORIO INTEGRATO 3. PRIMO SEMESTRE DEL SECONDO ANNO Corso di TECNICA DEL CONTROLLO AMBIENTALE Prof. Antonio Carbonari

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Studio sull efficienza degli edifici

Studio sull efficienza degli edifici Studio sull efficienza degli edifici Effetti dei comandi di luce e schermature antisolari sul consumo energetico di un complesso di uffici Gennaio 2012 I rilevamenti in tempo reale confermano che il risparmio

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce

Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce Guida ai Test di Prova I vostri prodotti resisteranno all esterno? Guida alle Prove Accelerate di Solidità alla Luce ed alle Intemperie I vostri prodotti

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

I VETRI ISOLANTI DI FINSTRAL. Una vasta gamma di soluzioni per le vostre esigenze!

I VETRI ISOLANTI DI FINSTRAL. Una vasta gamma di soluzioni per le vostre esigenze! I VETRI ISOLANTI DI FINSTRAL Una vasta gamma di soluzioni per le vostre esigenze! LA GAMMA VETRI DI FINSTRAL Plus-Valor La qualità è di serie Il vetro basso-emissivo Plus-Valor da noi è di serie. Questo

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE COSTRUISCI UN FORNO SOLARE Obiettivi: Realizzare un semplice forno solare al fine di mostrare come il sole può essere una fonte di energia rinnovabile. Illustrare l'effetto serra Descrizione generale:

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli