LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA Prot. n. Genova, 3/10/2013 Circolare n. 35 A TUTTI I DOCENTI AL PERSONALE ATA A TUTTI GLI STUDENTI Sede e Succursali APPLICAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO n.81/2008 ISTRUZIONI SULLE EMERGENZE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE DISPOSIZIONI PERMANENTI Il Dirigente Scolastico impartisce le seguenti disposizioni che attraverso i docenti (in particolare i Coordinatori) devono essere trasmesse agli studenti i quali, durante lo svolgimento dell'attività didattica, acquisiscono quella mentalità orientata alla sicurezza e di assunzione di responsabilità indispensabile in ogni ambito della loro esistenza di lavoro e di svago. 1) Disposizioni generali Ricordare agli allievi le norme in materia di comportamento ai fini della sicurezza ed inserite negli opuscoli informativi distribuiti all inizio dell anno scolastico. Verificare che gli allievi si attengano ai comportamenti previsti in caso di emergenza e siano a conoscenza dei punti di ritrovo in caso di abbandono dell edificio; adoperarsi affinché l attrezzatura antincendio sia facilmente raggiungibile senza ostacoli ed il percorso verso l esterno sia sgombro da qualsiasi ostacolo (banchi, zaini, ecc.); rispettare e far rispettare il divieto di mangiare e bere in ogni aula o laboratorio dell istituto; rispettare e far rispettare il divieto di fumare in ogni locale scolastico; Fornire specifiche norme di comportamento nei laboratori o nelle aule speciali. Tali norme devono anche essere esposte nel locale; Portare a conoscenza del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) e/o del Dirigente Scolastico, ogni eventuale disservizio o incidente (ad esempio: bagni inagibili, porte rotte, allagamenti, ecc.), segno premonitore di infortunio, da annotare nello specifico registro a cura del competente Ufficio di Segreteria ; Verificare l idoneità degli strumenti, degli utensili, degli attrezzi, delle macchine e delle apparecchiature utilizzate per le esercitazioni; Dare specifiche istruzioni agli allievi affinché eseguano le esercitazioni in sicurezza. Consegnare, ove necessario i mezzi di protezione individuali (DPI) e verificarne la pulizia e l efficienza; Organizzare ogni attività affinché gli spazi siano sufficienti a garantire la sicurezza dei movimenti di ogni operatore. Si fa presente che i lavoratori devono eleggere il Rappresentante per la Sicurezza nella RSU. 1

2 2) Registro delle verifiche periodiche e sua tenuta e compilazione La legge prescrive la tenuta e la regolare compilazione del Registro delle verifiche periodiche. I controlli da effettuare sono indicati nelle singole schede che compongono detto registro. Il registro va compilato e firmato secondo la periodicità riportata sulle singole schede illustranti le verifiche da effettuare e componenti detto registro. La compilazione del registro è a carico dell unità di personale indicata successivamente nei fogli di incarico. Si ricorda la responsabilità penale prevista dalla legge a carico dei designati conseguente alla omessa o irregolare compilazione di detto registro. Periodicamente ( ogni 3 mesi) tutti i registri delle verifiche periodiche esistenti ( in Sede, nelle Succursali di Largo Giardino e di via Allende e nelle Palestre Fieschine, ove attivate ) devono essere controllati dall unità di personale amministrativo addetta al servizio Protocollo, la quale informerà tempestivamente il Dirigente Scolastico delle eventuali omissioni e/o irregolarità riscontrate nella compilazione di detti registri. 3)La gestione dell emergenza L art. 4 del D.Lgs. n.626/94 come novellato dal D.Lgs. n. 81 del 9/4/2008 impone al Dirigente Scolastico di adottare una serie di misure necessarie per la tutela e la sicurezza dei lavoratori tra le quali la designazione dei lavoratori componenti del Servizio di Prevenzione e Sicurezza, dei lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e comunque, di gestione dell emergenza (art.4 c.5 lettere a, h). In questo istituto, oltre alle designazioni specifiche di seguito riportate, sono con la presente a tale scopo designati i docenti che sono presenti nella classe o durante la vigilanza degli allievi. Il loro comportamento si conformerà alle indicazioni di cui alla presente circolare ed alle specifiche istruzioni affisse nei locali ed inserite nei Registri di Classe. Le due prove annuali (dicembre e maggio) di evacuazione dell edificio scolastico consentiranno a tutti di familiarizzare con le situazioni di rischio abituando ciascuno all abbandono del posto di lavoro o della zona pericolosa in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile. 2

3 ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI EMERGENZA Il segnale di abbandono rapido dell edificio è costituito dalla sirena dell impianto antincendio oppure da tre suoni corti seguiti da un suono lungo della campanella. Il segnale visivo è dato dal lampeggio delle specifiche lampade, ove installate. Gli insegnanti presenti hanno il compito di seguire le operazioni di evacuazione. Un rappresentante di classe come apri fila e l altro rappresentante come chiudi fila (in ordine alfabetico per cognome) dovranno collaborare con l insegnante nel movimento verso l area di raduno. Le istruzioni del piano di evacuazione ed il comportamento da tenersi in caso di incendio o altre calamità sono obbligatorie per tutti. ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCIDENTE E/O INFORTUNIO Riferire esattamente e con la massima tempestività le circostanze che hanno provocato l evento al fine di facilitare la ricerca delle cause. Per una corretta chiamata di soccorso attenersi scrupolosamente agli accorgimenti di seguito indicati. La Segreteria segnalerà sempre sul registro di classe e sugli altri specifici registri l accaduto e compilerà il Registro degli infortuni. Accorgimenti per una corretta CHIAMATA DI SOCCORSO Precisare il tipo di istituto Dire cosa è accaduto (malore, ustione, trauma, scarica elettrica, inalazione, ingestione, spruzzi, ecc.) Quando è successo (è importante prendere nota dell orario) Quante persone sono coinvolte e quali sono le loro condizioni Luogo esatto in cui far giungere i soccorsi (predisporre sempre una vedetta che orienti ed accompagni). Sapere con chi si è parlato. 3

4 ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCENDIO Qualora si verificasse un principio di incendio, chi se ne accorge deve dare subito l allarme, affinché le persone che possono usare gli estintori possano intervenire immediatamente e chiedere l intervento dei Vigili del Fuoco; Se non fosse possibile domare l incendio sul nascere o si verificasse qualunque altra situazione di pericolo imminente è necessario: - mantenere la calma - informare la Dirigenza o l'addetto con ogni rapido mezzo - seguire le indicazioni del docente e concordare l area di raduno - lasciare l aula portando con sé solo il registro di classe, aprire una finestra e chiudere la porta dietro di sé - spegnere le luci e disattivare i centri di pericolo (es: gas) - raggiungere l uscita seguendo i segnali indicatori - non usare gli ascensori - evitare di gridare e correre - se fosse necessario abbandonare lo stabile, la campanella e/o un megafono provvederanno ad avvertire tutti i presenti in istituto - per evitare lo sgombero caotico e quindi pericoloso, ciascuno dovrà attenersi alle direttive impartite dall insegnante - le classi si serviranno delle scale e delle uscite previste dal piano di evacuazione - ogni classe avrà un punto di raduno sia per mantenere i contatti con il proprio insegnante, sia per consentire di verificare se vi sono eventuali persone mancanti o infortunate (si farà l appello utilizzando il registro di classe e la specifica modulistica ivi contenuta) - in nessun caso, salvo precise disposizioni in merito, si dovrà uscire dal perimetro esterno della scuola e tanto meno avviare i veicoli per tentare di uscire - se il fumo rende impraticabile il corridoio e/o le scale, rimanere in aula (una porta chiusa bagnata e con fessure ben tappate può resistere molto tempo) andare alla finestra, chiedere aiuto e sdraiarsi al più presto per terra. 4

5 ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI TERREMOTO Cercare riparo all interno di una porta in un muro portante o sotto una trave. Se si rimane al centro della stanza ci si potrebbe ferire a seguito della caduta di vetri, intonaco o altri oggetti Non precipitarsi fuori per le scale: sono la parte più debole dell edificio. Non usare l ascensore: si può bloccare. In strada si potrebbe essere colpiti da vasi, tegole ed altri materiali che cadono. Chiudere gli interruttori generali del gas e della corrente elettrica, alla fine della scossa, per evitare possibili incendi. Uscire alla fine della scossa. Indossare le scarpe: in strada ci si potrebbe ferire con vetri rotti. raggiungere uno spazio aperto, lontano dagli edifici e dalle linee elettriche. Non bloccare le strade. servono per i mezzi di soccorso. 5

6 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Generalità Si raccomanda al personale Collaboratore Scolastico di controllare quotidianamente che: - tutte le uscite delle aule verso i corridoi e gli atri e da questi verso l esterno siano totalmente sgombre; - durante l attività didattica siano facilmente agibili le porte di accesso diretto all esterno Segnale Il segnale di sgombero sarà dato dal personale Collaboratore Scolastico su disposizione del Capo di Istituto o suo/suoi legittimo/i sostituto/i nel seguente modo: tre suoni brevi della campanella seguiti da un suono prolungato. Il suono della sirena dell impianto antincendio, ove presente, costituisce anch esso segnale di sgombero immediato. Compiti del personale Al segnale di sgombero il personale Docente e Collaboratore Scolastico indirizzerà rapidamente gli studenti verso le uscite. Inoltre tutto il personale dovrà abbandonare sollecitamente l Istituto. I portatori di handicap verranno soccorsi dal personale Collaboratore scolastico addetto al medesimo piano in cui si trova la persona interessata o in mancanza da quello addetto al piano immediatamente superiore. Percorsi Lo sgombero dei piani superiori avverrà attraverso le scale secondo il percorso più rapido. Avvisi e raccomandazioni - Il piano deve essere conosciuto da tutti gli studenti - Il piano di sgombero è affisso sul retro di ogni porta di aula, aula speciale, laboratorio, officina, uffici; una copia deve essere affissa presso ogni posto occupato da unita di personale ausiliario; copie sono affisse: - all Albo 1 docenti - all Albo Personale A.T.A - all Albo Alunni Individuazione dei responsabili dello sgombero In caso di assenza del Dirigente scolastico sono responsabili dello sgombero, nell ordine: COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: per l anno scolastico 2013/2014 SEDE: (secondo orario di servizio) prof. MARTINELLI Lorenza (escluso giorno libero), prof. OLIVIERI Rosanna (escluso giorno libero); FIDUCIARI RESPONSABILI ED ADDETTI ALLA VIGILANZA DELLE SUCCURSALI :per l anno scolastico 2013/2014 (escluso sabato, chiuse) SUCCURSALE Largo Giardino: (secondo orario di servizio, fuori detto orario docente più anziano di età fra i presenti in servizio) prof. RUGAI Elisabetta SUCCURSALE Via Allende: (secondo orario di servizio, fuori detto orario docente più anziano di età fra i presenti in servizio) prof. ZANELLI Silvana (mercoledì, giovedì. venerdì); prof. BO Lorenzo (lunedì parz., mercoledì) prof. GIORDANO Chiara (martedì) R.S.P.P.: Incaricato esterno: Dott. BOCCA Laura A.S.P.P. : Sig. ARMOCIDA Antonio R.L.S.: Sig.ra ROSSI Franca 6

7 ADDETTI ANTINCENDIO: Sig. MASOTTI Roberto (Sede); Sig.ra FURLANET Emilia (Succursale Largo Giardino o suo sostituto); Sig.ra MONTEVERDE Giulia (Succursale via Allende o suo sostituto); Sig.ra GIZZI Veneranda (Sede o sostituto Succursale Largo Giardino; Sig. VISCIOLA Carlo (Sede); Sig.ra CORMONS Angela (Sede o sostituto Palestre Fieschine); Sig. PANINI Salvatore (Sede o sostituto Succursale via Allende),Sig.ra ISOLA Emilia (Sede); Sig. ARZIGOGOLO Giuseppe (Palestre Fieschine o suo sostituto) ADDETTI PRIMO SOCCORSO: Prof.ssa RUGAI Elisabetta (Succursale Largo Giardino); Sig.ra SODDU Maria Grazia (Sede); Sig.ra ISOLA Emilia (Sede); Sig.ra BONGIORNI Maura (Succursale Largo Giardino); Sig.ra GRANELLI Gabriella (Sede) Sig.ra TONARELLI Daniela (Succursale via Allende); Prof.ssa SENAREGA Daniela (Palestre Fieschine). LUOGHI SICURI SEDE via Arecco,2: a) Area esterna ex campi da tennis b) Area esterna posteggio superiore via alla stazione di Casella c) Area esterna posteggio inferiore via alla stazione di Casella SUCCURSALE Largo Giardino,12: a) Area esterna presso cancello uscita su corso Montegrappa b) Area esterna presso cancello uscita su largo Giardino SUCCURSALE Via Alllende,44 : a) Area esterna piazzale privato PALESTRE FIESCHINE Salita delle Fieschine,23: Area esterna salita delle Fieschine; area esterna ex campo sportivo all aperto) 7

8 INCARICHI SEDE VIA ARECCO, 2 Nomine RESPONSABILI DELL ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE DELLE AREE DI RACCOLTA Martinelli Lorenza; Olivieri Rosanna PERSONALE INCARICATO DELLA DIFFUSIONE DELL ORDINE DI EVACUAZIONE Masotti Roberto; Visciola Carlo; Soddu Maria Grazia PERSONALE DI PIANO O DI SETTORE RESPONSABILE DEL CONTROLLO DELLE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E ADDETTI ALL EMERGENZA Piano Terra e Palestra interna: Isola Emilia Piano 2 : Masotti Roberto Piano 3 : Soddu Maria Grazia Piano 4 : Panini Salvatore Piano 5 : Gizzi Veneranda PERSONALE INCARICATO DI EFFETTUARE LE CHIAMATE DI SOCCORSO: Masotti Roberto; Soddu Maria Grazia PERSONALE INCARICATO DELL INTERRUZIONE DELL EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA,DEL GAS E DELL ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE TERMICA Armocida Antonio; Masotti Roberto PERSONALE INCARICATO DEL CONTROLLO PERIODICO DELL EFFICIENZA DEGLI ESTINTORI E IDRANTI Visciola Carlo; Cormons Angela PERSONALE ADDETTO AL CONTROLLO DELLA PRATICABILITA DELLE USCITE DI SICUREZZA Piano Terra e Palestra interna: Isola Emilia Piano 2 : Masotti Roberto Piano 3 : Visciola Carlo Piano 4 : Panini Salvatore Piano 5 : Gizzi veneranda TENUTA E COMPILAZIONE DEL REGISTRO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Cormons Angela Giosuè Margiotti 8

9 INCARICHI SUCCURSALE LARGO GIARDINO,12 Nomine RESPONSABILI DELL ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE DELLE AREE DI RACCOLTA Rugai Elisabetta o docente vigilante individuato come sostituto PERSONALE INCARICATO DELLA DIFFUSIONE DELL ORDINE DI EVACUAZIONE Bongiorni Maura; Furlanet Emilia PERSONALE DI PIANO O DI SETTORE RESPONSABILE DEL CONTROLLO DELLE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E ADDETTI ALL EMERGENZA Bongiorni Maura; Furlanet Emilia PERSONALE INCARICATO DI EFFETTUARE LE CHIAMATE DI SOCCORSO: Bongiorni Maura; Furlanet Emilia PERSONALE INCARICATO DELL INTERRUZIONE DELL EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA,DEL GAS E DELL ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE TERMICA Bongiorni Maura; Furlanet Emilia PERSONALE INCARICATO DEL CONTROLLO PERIODICO DELL EFFICIENZA DEGLI ESTINTORI E IDRANTI Furlanet Emilia PERSONALE ADDETTO AL CONTROLLO DELLA PRATICABILITA DELLE USCITE DI SICUREZZA Furlanet Emilia; Panini Salvatore (solo se in sostituzione) TENUTA E COMPILAZIONE DEL REGISTRO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Furlanet Emilia Giosuè Margiotti 9

10 INCARICHI SUCCURSALE VIA ALLENDE,44 Nomine RESPONSABILI DELL ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE DELLE AREE DI RACCOLTA Zanelli Silvana, Bo Lorenzo, Giordano Chiara (secondo orario di servizio) o docente vigilante individuato come sostituto PERSONALE INCARICATO DELLA DIFFUSIONE DELL ORDINE DI EVACUAZIONE Monteverde Giulia; Tonarelli Daniela PERSONALE DI PIANO O DI SETTORE RESPONSABILE DEL CONTROLLO DELLE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E ADDETTI ALL EMERGENZA Piano 3 : Monteverde Giulia Piano 4 : Tonarelli Daniela PERSONALE INCARICATO DI EFFETTUARE LE CHIAMATE DI SOCCORSO: Monteverde Giulia; Tonarelli Daniela PERSONALE INCARICATO DELL INTERRUZIONE DELL EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA,DEL GAS E DELL ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE TERMICA Monteverde Giulia PERSONALE INCARICATO DEL CONTROLLO PERIODICO DELL EFFICIENZA DEGLI ESTINTORI E IDRANTI Monteverde Giulia; Tonarelli Daniela PERSONALE ADDETTO AL CONTROLLO DELLA PRATICABILITA DELLE USCITE DI SICUREZZA Monteverde Giulia TENUTA E COMPILAZIONE DEL REGISTRO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Monteverde Giulia Giosuè Margiotti 10

11 INCARICHI SUCCURSALE SALITA FIESCHINE (PALESTRE) Nomine RESPONSABILI DELL ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE DELLE AREE DI RACCOLTA Arzigogolo Giuseppe PERSONALE INCARICATO DELLA DIFFUSIONE DELL ORDINE DI EVACUAZIONE Arzigogolo Giuseppe PERSONALE DI PIANO O DI SETTORE RESPONSABILE DEL CONTROLLO DELLE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E ADDETTI ALL EMERGENZA Arzigogolo Giuseppe PERSONALE INCARICATO DI EFFETTUARE LE CHIAMATE DI SOCCORSO: Arzigogolo Giuseppe PERSONALE INCARICATO DELL INTERRUZIONE DELL EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA,DEL GAS E DELL ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE TERMICA Arzigogolo Giuseppe PERSONALE INCARICATO DEL CONTROLLO PERIODICO DELL EFFICIENZA DEGLI ESTINTORI E IDRANTI Arzigogolo Giuseppe PERSONALE ADDETTO AL CONTROLLO DELLA PRATICABILITA DELLE USCITE DI SICUREZZA Arzigogolo Giuseppe TENUTA E COMPILAZIONE DEL REGISTRO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Arzigogolo Giuseppe Giosuè Margiotti 11

12 Altre norme L accesso alla cabina elettrica ed alla centrale termica devono essere sempre mantenuti sgombri e le chiavi delle relative porte prontamente disponibili In caso di principio di incendio azionare immediatamente gli estintori più vicini indirizzando il getto alla base delle fiamme e non direttamente sulle persone L emergenza dovrà essere comunicata tramite le vie più brevi anche alle altre scuole o altri soggetti ospitati negli edifici. I soccorsi pubblici necessari dovranno essere immediatamente avvisati. Telefoni SOCCORSO PUBBLICO DI EMERGENZA: 113 VIGILI DEL FUOCO: 115 PRONTO SOCCORSO AMBULANZE:118 CARABINIERI:112 GUARDIA MEDICA: (Notturno dalle ore 20 alle ore 8;sabato e prefestivi dalle ore 10 alle ore 8 del giorno feriale successivo a quello feriale) 12

13 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE (ulteriori indicazioni) Il piano di sfollamento, definito sulla base di specifico progetto e delle indicazioni dei VV.FF., è illustrato dalle planimetrie generali,dalle piantine poste nei singoli locali e relativi allegati. In relazione alla situazione edilizia delle palestre Fieschine il numero di persone presenti in detti locali dovrà essere non superiore a cinquanta. Pertanto l avvicendamento della classi in detti locali dovrà essere effettuato in modo da rispettare tale prescrizione. L allarme e l inizio della prova di evacuazione saranno segnalati con tre suoni corti ed uno lungo della campanella o dal suono della sirena dell impianto antincendio. Si segnala il ruolo fondamentale del Docente che nel momento dello sfollamento,simulato o obbligato, si trova in servizio in un locale dell istituto. Egli guiderà verso l uscita gli allievi, con passo svelto ma senza correre, secondo il percorso previsto dal piano. A cura dei docenti dovranno essere responsabilizzati i Rappresentanti di Classe eletti apri e chiudi fila affinché collaborino con l insegnante nel movimento verso l area di raduno impegnandosi in particolare a: - aprire una finestra - non dimenticare il registro di classe - spegnere le luci - chiudere la porta dell aula vuota - richiamare l area di raduno. Nell area di raduno l insegnante farà l appello e valuterà la situazione. In caso di simulazione di incidente grave, dopo 5/10 minuti si rientrerà in aula in modo ordinato. In caso di vera emergenza invece occorrerà sgombrare le vie di uscita e radunarsi in modo da non ostacolare l arrivo dei mezzi di soccorso; in questo caso, qualora si valutasse l opportunità di allontanare gli studenti per il resto della giornata, l insegnante effettuato l appello avrà cura del registro accertandosi che sia restituito alla scuola. Qualora il fumo rendesse impraticabili il corridoio e/o le scale, potrà essere più opportuno rimanere nell aula, chiedere aiuto dalla finestra e sdraiarsi al più presto in terra. L uso degli estintori portatili verrà illustrato anche tramite audiovisivi o altri metodi validi. Vigilanza sulle aree esterne di posteggio Il personale addetto alla vigilanza degli ingressi da via Arecco, 2 e dal posteggio superiore di via alla Stazione di Casella, provveda a verificare, quotidianamente ed entro le ore 8,30, il corretto posteggio di motocicli/ciclomotori, provvedendo a richiedere, utilizzando l apparecchiatura interfono,lo spostamento dei mezzi che eventualmente dovessero ingombrare l uscita della scala di sicurezza metallica esterna,. Il primo soccorso Si segnalano i punti dell istituto in cui è possibile trovare l occorrente per un primo soccorso (disinfettante, cerotti, ghiaccio secco, materiali di pronto soccorso in genere): Sala Medica (Sede) Locale adiacente Atrio c.d. bidelleria (Succursale Largo Giardino) Locale Collaboratori Scolastici (Succursale via Allende) Locale Collaboratore Scolastico (Palestre Fieschine) L istituto non può fornire medicinali. 13

14 DISPOSIZIONI PARTICOLARI Segnalare al Dirigente Scolastico o suo legittimo sostituto ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature. Durante ogni attività svolta in aule speciali e laboratori devono essere rispettate le disposizioni contenute nei D.P.R. n.547/55 e n.303/56 e nei D.Lgs.n.277/90, n.626/94 e n.242/96. Il D.Lgs. n.626/94 come modificato dal D.Lgs. n. 81 del 9/4/2008 definisce attrezzatura qualsiasi macchina, apparecchio, utensile od impianto destinato ad essere usato durante il lavoro e prevede che le attrezzature messe a disposizione siano adeguate all attività da svolgere ed idonee ai fini della sicurezza e della salute. In caso di pioggia è obbligatorio predisporre sul pavimento ( zona atrio sottostante ingresso da via Arecco,2 e zona atrio superiore al termine dello scalone di fronte alla guardiola di custodia) i tappeti raccogli liquidi e antipioggia in numero di 2 per ogni zona indicata. Analogamente si opererà per le zone di ingresso delle Succursali di largo Giardino e di via Allende) In tutti i casi di lavaggio o comunque di presenza di pavimento bagnato, è obbligatorio posizionare lo specifico totem indicativo nelle zone interessate. Ciò premesso si elencano i requisiti minimi di sicurezza in alcune situazioni specifiche. Per quanto riguarda gli Allerta Meteo (forti piogge, nevicate, vento, ecc.), è necessario consultare immediatamente il seguente link del Servizio Protezione Civile del Comune di Genova seguendo esattamente le prescrizioni date. 14

15 Laboratori di fisica, chimica, scienze Verificare, prima di ogni esercitazione, l efficienza dell impianto di aspirazione, ove presente Tenere sempre in efficienza l impianto lavaocchi, ove presente. In caso di mancanza usare lo specifico kit. Prestare specifica attenzione durante le esercitazioni agli allievi portatori di lenti a contatto Esigere che gli allievi indossino un idoneo camice e raccolgano con retina i capelli lunghi Ricordare agli allievi l uso dei mezzi di protezione individuale, della coperta antincendio, ecc. Durante le esercitazioni utilizzare sempre le sostanze in quantità minima Per la raccolta degli scarti e dei rifiuti va tenuta in considerazione l incompatibilità chimica fra le sostanze e con il materiale del recipiente raccoglitore. Vietare e rendere inaccessibile l accesso al magazzino. Non immagazzinare sostanze chimiche incompatibili. Non svolgere esperienze di diverso tipo in contemporanea con la stessa classe o con classi diverse, a causa della complessa vigilanza sugli studenti specie se minorenni. Si ritiene opportuno non far svolgere esperienze dirette agli studenti delle classi 1^ e limitare le esperienze dirette agli studenti delle classi 2^. L eventuale immagazzinamento dei prodotti pericolosi (all. B D.P.R. 175/88) deve avvenire separando gli infiammabili ed esplosivi da quelli tossici, asfissianti, infettanti e corrosivi Predisporre bacinelle di contenimento intorno ai recipienti contenenti sostanze pericolose Nella zona magazzino devono essere predisposte e mantenute le sole quantità di prodotto utilizzabili in un anno scolastico. Per i prodotti chimici confezionati è necessaria la relativa scheda tecnica. E fatto divieto di utilizzo di composti potenzialmente pericolosi o tossici (quali tricloroetilene, tossico e potenzialmente cancerogeno e ove presente, obbligatoriamente da smaltire con regolare procedura), etere di petrolio e cicloesano (facilmente infiammabili) e in ogni caso ogni tipo di composto classificato R45 (obbligatoriamente da smaltire con regolare procedura) o facilmente infiammabile o tossico. La scuola non ha la possibilità di smaltire correttamente ed in ossequio alle norme di legge in materia di tutela ambientale i materiali biologici derivanti da operazioni di dissezione anatomica; pertanto tali attività non sono autorizzate. Per i lavoratori addetti sono previsti controlli medici a cura del Medico competente. Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 15

16 Laboratori e reparti che utilizzano attrezzature Per l utilizzo e la manutenzione attenersi alle istruzioni del manuale, ove presente, a corredo della macchina Verificare la presenza delle protezioni fisse che impediscono l accesso alle parti mobili Esporre avvisi che fanno esplicito divieto di pulire, oliare, ingrassare, riparare o registrare a mano gli organi e gli elementi delle macchine durante il moto Verificare che le protezioni mobili, in caso di apertura, restino collegate alla macchina e siano associate a meccanismi che controllano l arresto e la messa in marcia in condizioni di sicurezza Verificare che le protezioni regolabili elimino il rischio di proiezione degli oggetti Verificare che l interruzione e il successivo ritorno dell energia elettrica non comporti il riavviamento automatico della macchina Verificare l accessibilità facile ed immediata delle apparecchiature d arresto di emergenza e la loro efficienza Verificare l esistenza del collegamento a terra delle parti metalliche(ove è visibile) Verificare il buono stato d uso degli apparecchi estintori portatili Verificare periodicamente (tasto di prova) l efficienza degli interruttori differenziali Mantenere le macchine pulite da residui di lavorazioni e/o oleosi, accertarsi periodicamente della pulizia dei contenitori dei residui oleosi e/o emulsioni La manipolazione di oggetti o residui che comportano rischi di tagli va eseguita con guanti idonei Transennare e segnalare in modo opportuno le macchine e le apparecchiature in riparazione o manutenzione; è fatto divieto di far funzionare, perché non rispondenti a norme di sicurezza, quelle fuori uso e presenti in reparto a scopo didattico-dimostrativo Segnalare sempre con cartelli di divieto, di prescrizione e di avvertimento, ogni condizione di pericolo Controllare periodicamente lo stato d uso e la scadenza delle tubazioni degli impianti alimentati a gas Prima di utilizzare impianti a pressione richiedere il collaudo e la verifica Provvedere a far spostare dal reparto le batterie di accumulatori non più utilizzabili ed altro materiale non più idoneo all attività Controllare che le derivazioni a spina siano provviste di interruttori a monte Usare lampade elettriche portatili solo se protette da gabbia e con impugnatura isolante Quando si effettuano lavori su macchine elettriche aprire sempre preventivamente il circuito di alimentazione ed esporre apposita segnaletica Le bombole di ossigeno ed acetilene devono essere corredate di valvola di arresto fiamma e facilmente identificabili dalla fascia colorata Prima di saldare elettricamente verificare l efficienza dei dispositivi di protezione individuale (guanti isolanti, schermi di protezione, pedane e calzature isolanti) Nelle saldature a gas verificare l efficienza dell impianto di aspirazione fumi Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 16

17 Uso dei videoterminali Tutto il personale (insegnanti, assistenti amministrativi e tecnici, allievi) devono obbligatoriamente utilizzare l attrezzatura munita di videoterminale per un tempo inferiore a due ore consecutive giornaliere L immagine sullo schermo deve essere stabile, esente da sfarfallamento o da altre forme di instabilità; i caratteri devono avere una buona definizione, essere di grandezza sufficiente e chiari Lo schermo deve essere orientabile ed inclinabile liberamente e facilmente per adeguarsi alle esigenze dell utilizzatore; non deve avere riflessi e riverberi che possono causare molestia E necessario uno spazio sufficiente che permetta all operatore una posizione comoda, il piano di lavoro deve avere una superficie poco riflettente ed essere di dimensioni sufficienti Per i lavoratori addetti sono previsti controlli medici a cura del Medico competente. Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza e di comfort 17

18 La didattica nei laboratori Ai singoli laboratori sono abilitati ad accedere insegnanti e classi nei momenti indicati dall orario settimanale delle lezioni. Accedendo al laboratorio, gli insegnanti si assumono la responsabilità del corretto comportamento e della conservazione di tutto il materiale in esso contenuto e, in particolare, della strumentazione e della documentazione. Annualmente a cura del Docente Responsabile del laboratorio sono aggiornate le specifiche norme di comportamento Gli allievi entreranno nel locale indicato nell orario soltanto in presenza di almeno un insegnante della classe che eviterà tassativamente di lasciare la classe sola nel laboratorio L attività didattica deve esplicarsi nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dal Sistema di Prevenzione e Protezione di istituto. In conformità ad esso ciascun insegnante dovrà: - portare a conoscenza degli alunni le norme essenziali di prevenzione degli infortuni - rendere edotti gli alunni dei rischi specifici cui sono esposti durante le esperienze di laboratorio - esigere che i singoli alunni osservino le misure di prevenzione, sicurezza e comportamentali. I Responsabili dei Laboratori e Reparti e gli insegnanti operanti negli stessi, equiparati dalla normativa ai preposti, tengono uno stretto rapporto con il Dirigente Scolastico per definire gli interventi necessari per rendere i laboratori ed i gabinetti scientifici più rispondenti alle esigenze di sicurezza e salubrità Preliminarmente ad ogni pratica applicazione i docenti illustreranno e richiameranno agli studenti l osservanza della normativa specifica di prevenzione, sicurezza e comportamentale Gli insegnanti provvederanno a segnalare tempestivamente all Assistente tecnico o comunque al Dirigente Scolastico, le esigenze di urgente manutenzione e le anomalie riscontrate nel materiale in dotazione al laboratorio, in particolare quelle provocate dagli allievi e da loro stessi durante l uso. Analoga segnalazione sarà fatta al docente responsabile del laboratorio. Al termine di ogni anno scolastico, gli insegnanti faranno sì che il reparto frequentato sia lasciato ordinato come all inizio d anno provvederanno pertanto: - alla formale ricognizione inventariale delle attrezzature prese in carico dal DSGA con regolare processo verbale all inizio dell attività didattica; - a predisporre un piano di lavoro estivo per gli Assistenti Tecnici (revisione delle attrezzature che lo richiedono, interventi particolari sulle medesime, ecc.) - alla restituzione delle esercitazioni terminate indicando le modalità di conservazione (al macero, tra i prodotti finiti da inventariare, ecc.) - a tutti quegli adempimenti professionali che permettono un avvio regolare delle esercitazioni nell anno scolastico successivo. Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 18

19 Altre disposizioni specifiche di sicurezza Rischio elettrico Il lavoratore deve utilizzare tutte le precauzioni necessarie per evitare che possano sussistere dei pericoli quando utilizza, pulisce, ecc. macchine o altri elementi che per loro natura possono essere collegati all elettricità. Il lavoratore deve ricordare di: Non manomettere o modificare parti di impianti elettrici o di macchine collegate ad esso (se si notano dei fatti anomali deve subito avvisare il diretto superiore e sospendere l operazione). Assicurarsi che non vi sia tensione in rete durante l esecuzione delle seguenti operazioni: pulizia di lampade, sostituzioni di lampadine, pulizia di prese, ecc. In tali casi non basta spegnere l interruttore della corrente ma bisogna disattivare l intero impianto elettrico. Rivolgersi immediatamente al diretto superiore, se nell immettere o togliere delle prese nelle spine si formano delle fiamme o scintille, sospendendo subito l uso dell apparecchio che della presa in questione. Non utilizzare apparecchi che abbiano fili elettrici scoperti anche parzialmente o che abbiano prese non perfettamente funzionanti, ad esempio quando si può notare che la presa ha subito un surriscaldamento. Non tirare mai il cavo di un apparecchio elettrico quando si disinserisce la sua spina dalla presa a muro, ma procedere all operazione tirando direttamente la spina e mantenendo accuratamente la presa a muro. Non usare in nessun caso apparecchi elettrici fuori norma,vecchi e desueti, con spine irregolari e senza marchio CE-CEI. Il lavoratore deve rivolgersi al suo diretto superiore quando ritiene che nelle operazioni che sta compiendo possano sussistere pericoli per la propria salute e per quella di altri lavoratori. Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 19

20 La movimentazione manuale dei carichi Le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, disporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico possono provocare delle lesioni dorso-addominali ai lavoratori. La movimentazione manuale dei carichi può essere effettuata alle seguenti condizioni: il carico deve essere inferiore ai 30 Kg. Il carico non deve essere ingombrante o difficile da afferrare Il carico non deve essere in equilibrio instabile Il carico non deve essere collocato in modo tale che per essere maneggiato il corpo del lavoratore debba assumere posizioni non naturali, ad esempio in seguito a contorsioni od inclinazioni del tronco La struttura esterna e/o la consistenza del carico non devono comportare lesioni per il lavoratore, ad esempio in caso d urto. Lo sforzo fisico richiesto può rappresentare un pericolo se: - è eccessivo - può essere effettuato soltanto con un movimento di torsione del tronco - può comportare un movimento brusco del carico - è compiuto con il corpo in posizione instabile - per la Biblioteca/l'Aula Magna si applicano le medesime disposizioni generali di cui alla presente circolare. Il lavoratore deve rivolgersi al suo diretto superiore quando ritiene che nelle operazioni che sta compiendo possano sussistere pericoli per la propria salute e per quella di altri lavoratori Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 20

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

GENERALITA Le misure di sicurezza e le cautele da adottarsi per la prevenzione contro il rischio elettrico sono prescritte dal D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 titolo VII. Di seguito si riportano le principali

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza HDQ 2K40 Manuale per la sicurezza R5905304IT/02 02/03/2015 Barco nv Noordlaan 5, B-8520 Kuurne Phone: +32 56.36.82.11 Fax: +32 56.36.883.86 Supporto: www.barco.com/en/support Visitate il web: www.barco.com

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli