LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA Prot. n. Genova, 3/10/2013 Circolare n. 35 A TUTTI I DOCENTI AL PERSONALE ATA A TUTTI GLI STUDENTI Sede e Succursali APPLICAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO n.81/2008 ISTRUZIONI SULLE EMERGENZE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE DISPOSIZIONI PERMANENTI Il Dirigente Scolastico impartisce le seguenti disposizioni che attraverso i docenti (in particolare i Coordinatori) devono essere trasmesse agli studenti i quali, durante lo svolgimento dell'attività didattica, acquisiscono quella mentalità orientata alla sicurezza e di assunzione di responsabilità indispensabile in ogni ambito della loro esistenza di lavoro e di svago. 1) Disposizioni generali Ricordare agli allievi le norme in materia di comportamento ai fini della sicurezza ed inserite negli opuscoli informativi distribuiti all inizio dell anno scolastico. Verificare che gli allievi si attengano ai comportamenti previsti in caso di emergenza e siano a conoscenza dei punti di ritrovo in caso di abbandono dell edificio; adoperarsi affinché l attrezzatura antincendio sia facilmente raggiungibile senza ostacoli ed il percorso verso l esterno sia sgombro da qualsiasi ostacolo (banchi, zaini, ecc.); rispettare e far rispettare il divieto di mangiare e bere in ogni aula o laboratorio dell istituto; rispettare e far rispettare il divieto di fumare in ogni locale scolastico; Fornire specifiche norme di comportamento nei laboratori o nelle aule speciali. Tali norme devono anche essere esposte nel locale; Portare a conoscenza del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) e/o del Dirigente Scolastico, ogni eventuale disservizio o incidente (ad esempio: bagni inagibili, porte rotte, allagamenti, ecc.), segno premonitore di infortunio, da annotare nello specifico registro a cura del competente Ufficio di Segreteria ; Verificare l idoneità degli strumenti, degli utensili, degli attrezzi, delle macchine e delle apparecchiature utilizzate per le esercitazioni; Dare specifiche istruzioni agli allievi affinché eseguano le esercitazioni in sicurezza. Consegnare, ove necessario i mezzi di protezione individuali (DPI) e verificarne la pulizia e l efficienza; Organizzare ogni attività affinché gli spazi siano sufficienti a garantire la sicurezza dei movimenti di ogni operatore. Si fa presente che i lavoratori devono eleggere il Rappresentante per la Sicurezza nella RSU. 1

2 2) Registro delle verifiche periodiche e sua tenuta e compilazione La legge prescrive la tenuta e la regolare compilazione del Registro delle verifiche periodiche. I controlli da effettuare sono indicati nelle singole schede che compongono detto registro. Il registro va compilato e firmato secondo la periodicità riportata sulle singole schede illustranti le verifiche da effettuare e componenti detto registro. La compilazione del registro è a carico dell unità di personale indicata successivamente nei fogli di incarico. Si ricorda la responsabilità penale prevista dalla legge a carico dei designati conseguente alla omessa o irregolare compilazione di detto registro. Periodicamente ( ogni 3 mesi) tutti i registri delle verifiche periodiche esistenti ( in Sede, nelle Succursali di Largo Giardino e di via Allende e nelle Palestre Fieschine, ove attivate ) devono essere controllati dall unità di personale amministrativo addetta al servizio Protocollo, la quale informerà tempestivamente il Dirigente Scolastico delle eventuali omissioni e/o irregolarità riscontrate nella compilazione di detti registri. 3)La gestione dell emergenza L art. 4 del D.Lgs. n.626/94 come novellato dal D.Lgs. n. 81 del 9/4/2008 impone al Dirigente Scolastico di adottare una serie di misure necessarie per la tutela e la sicurezza dei lavoratori tra le quali la designazione dei lavoratori componenti del Servizio di Prevenzione e Sicurezza, dei lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e comunque, di gestione dell emergenza (art.4 c.5 lettere a, h). In questo istituto, oltre alle designazioni specifiche di seguito riportate, sono con la presente a tale scopo designati i docenti che sono presenti nella classe o durante la vigilanza degli allievi. Il loro comportamento si conformerà alle indicazioni di cui alla presente circolare ed alle specifiche istruzioni affisse nei locali ed inserite nei Registri di Classe. Le due prove annuali (dicembre e maggio) di evacuazione dell edificio scolastico consentiranno a tutti di familiarizzare con le situazioni di rischio abituando ciascuno all abbandono del posto di lavoro o della zona pericolosa in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile. 2

3 ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI EMERGENZA Il segnale di abbandono rapido dell edificio è costituito dalla sirena dell impianto antincendio oppure da tre suoni corti seguiti da un suono lungo della campanella. Il segnale visivo è dato dal lampeggio delle specifiche lampade, ove installate. Gli insegnanti presenti hanno il compito di seguire le operazioni di evacuazione. Un rappresentante di classe come apri fila e l altro rappresentante come chiudi fila (in ordine alfabetico per cognome) dovranno collaborare con l insegnante nel movimento verso l area di raduno. Le istruzioni del piano di evacuazione ed il comportamento da tenersi in caso di incendio o altre calamità sono obbligatorie per tutti. ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCIDENTE E/O INFORTUNIO Riferire esattamente e con la massima tempestività le circostanze che hanno provocato l evento al fine di facilitare la ricerca delle cause. Per una corretta chiamata di soccorso attenersi scrupolosamente agli accorgimenti di seguito indicati. La Segreteria segnalerà sempre sul registro di classe e sugli altri specifici registri l accaduto e compilerà il Registro degli infortuni. Accorgimenti per una corretta CHIAMATA DI SOCCORSO Precisare il tipo di istituto Dire cosa è accaduto (malore, ustione, trauma, scarica elettrica, inalazione, ingestione, spruzzi, ecc.) Quando è successo (è importante prendere nota dell orario) Quante persone sono coinvolte e quali sono le loro condizioni Luogo esatto in cui far giungere i soccorsi (predisporre sempre una vedetta che orienti ed accompagni). Sapere con chi si è parlato. 3

4 ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCENDIO Qualora si verificasse un principio di incendio, chi se ne accorge deve dare subito l allarme, affinché le persone che possono usare gli estintori possano intervenire immediatamente e chiedere l intervento dei Vigili del Fuoco; Se non fosse possibile domare l incendio sul nascere o si verificasse qualunque altra situazione di pericolo imminente è necessario: - mantenere la calma - informare la Dirigenza o l'addetto con ogni rapido mezzo - seguire le indicazioni del docente e concordare l area di raduno - lasciare l aula portando con sé solo il registro di classe, aprire una finestra e chiudere la porta dietro di sé - spegnere le luci e disattivare i centri di pericolo (es: gas) - raggiungere l uscita seguendo i segnali indicatori - non usare gli ascensori - evitare di gridare e correre - se fosse necessario abbandonare lo stabile, la campanella e/o un megafono provvederanno ad avvertire tutti i presenti in istituto - per evitare lo sgombero caotico e quindi pericoloso, ciascuno dovrà attenersi alle direttive impartite dall insegnante - le classi si serviranno delle scale e delle uscite previste dal piano di evacuazione - ogni classe avrà un punto di raduno sia per mantenere i contatti con il proprio insegnante, sia per consentire di verificare se vi sono eventuali persone mancanti o infortunate (si farà l appello utilizzando il registro di classe e la specifica modulistica ivi contenuta) - in nessun caso, salvo precise disposizioni in merito, si dovrà uscire dal perimetro esterno della scuola e tanto meno avviare i veicoli per tentare di uscire - se il fumo rende impraticabile il corridoio e/o le scale, rimanere in aula (una porta chiusa bagnata e con fessure ben tappate può resistere molto tempo) andare alla finestra, chiedere aiuto e sdraiarsi al più presto per terra. 4

5 ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI TERREMOTO Cercare riparo all interno di una porta in un muro portante o sotto una trave. Se si rimane al centro della stanza ci si potrebbe ferire a seguito della caduta di vetri, intonaco o altri oggetti Non precipitarsi fuori per le scale: sono la parte più debole dell edificio. Non usare l ascensore: si può bloccare. In strada si potrebbe essere colpiti da vasi, tegole ed altri materiali che cadono. Chiudere gli interruttori generali del gas e della corrente elettrica, alla fine della scossa, per evitare possibili incendi. Uscire alla fine della scossa. Indossare le scarpe: in strada ci si potrebbe ferire con vetri rotti. raggiungere uno spazio aperto, lontano dagli edifici e dalle linee elettriche. Non bloccare le strade. servono per i mezzi di soccorso. 5

6 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Generalità Si raccomanda al personale Collaboratore Scolastico di controllare quotidianamente che: - tutte le uscite delle aule verso i corridoi e gli atri e da questi verso l esterno siano totalmente sgombre; - durante l attività didattica siano facilmente agibili le porte di accesso diretto all esterno Segnale Il segnale di sgombero sarà dato dal personale Collaboratore Scolastico su disposizione del Capo di Istituto o suo/suoi legittimo/i sostituto/i nel seguente modo: tre suoni brevi della campanella seguiti da un suono prolungato. Il suono della sirena dell impianto antincendio, ove presente, costituisce anch esso segnale di sgombero immediato. Compiti del personale Al segnale di sgombero il personale Docente e Collaboratore Scolastico indirizzerà rapidamente gli studenti verso le uscite. Inoltre tutto il personale dovrà abbandonare sollecitamente l Istituto. I portatori di handicap verranno soccorsi dal personale Collaboratore scolastico addetto al medesimo piano in cui si trova la persona interessata o in mancanza da quello addetto al piano immediatamente superiore. Percorsi Lo sgombero dei piani superiori avverrà attraverso le scale secondo il percorso più rapido. Avvisi e raccomandazioni - Il piano deve essere conosciuto da tutti gli studenti - Il piano di sgombero è affisso sul retro di ogni porta di aula, aula speciale, laboratorio, officina, uffici; una copia deve essere affissa presso ogni posto occupato da unita di personale ausiliario; copie sono affisse: - all Albo 1 docenti - all Albo Personale A.T.A - all Albo Alunni Individuazione dei responsabili dello sgombero In caso di assenza del Dirigente scolastico sono responsabili dello sgombero, nell ordine: COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO: per l anno scolastico 2013/2014 SEDE: (secondo orario di servizio) prof. MARTINELLI Lorenza (escluso giorno libero), prof. OLIVIERI Rosanna (escluso giorno libero); FIDUCIARI RESPONSABILI ED ADDETTI ALLA VIGILANZA DELLE SUCCURSALI :per l anno scolastico 2013/2014 (escluso sabato, chiuse) SUCCURSALE Largo Giardino: (secondo orario di servizio, fuori detto orario docente più anziano di età fra i presenti in servizio) prof. RUGAI Elisabetta SUCCURSALE Via Allende: (secondo orario di servizio, fuori detto orario docente più anziano di età fra i presenti in servizio) prof. ZANELLI Silvana (mercoledì, giovedì. venerdì); prof. BO Lorenzo (lunedì parz., mercoledì) prof. GIORDANO Chiara (martedì) R.S.P.P.: Incaricato esterno: Dott. BOCCA Laura A.S.P.P. : Sig. ARMOCIDA Antonio R.L.S.: Sig.ra ROSSI Franca 6

7 ADDETTI ANTINCENDIO: Sig. MASOTTI Roberto (Sede); Sig.ra FURLANET Emilia (Succursale Largo Giardino o suo sostituto); Sig.ra MONTEVERDE Giulia (Succursale via Allende o suo sostituto); Sig.ra GIZZI Veneranda (Sede o sostituto Succursale Largo Giardino; Sig. VISCIOLA Carlo (Sede); Sig.ra CORMONS Angela (Sede o sostituto Palestre Fieschine); Sig. PANINI Salvatore (Sede o sostituto Succursale via Allende),Sig.ra ISOLA Emilia (Sede); Sig. ARZIGOGOLO Giuseppe (Palestre Fieschine o suo sostituto) ADDETTI PRIMO SOCCORSO: Prof.ssa RUGAI Elisabetta (Succursale Largo Giardino); Sig.ra SODDU Maria Grazia (Sede); Sig.ra ISOLA Emilia (Sede); Sig.ra BONGIORNI Maura (Succursale Largo Giardino); Sig.ra GRANELLI Gabriella (Sede) Sig.ra TONARELLI Daniela (Succursale via Allende); Prof.ssa SENAREGA Daniela (Palestre Fieschine). LUOGHI SICURI SEDE via Arecco,2: a) Area esterna ex campi da tennis b) Area esterna posteggio superiore via alla stazione di Casella c) Area esterna posteggio inferiore via alla stazione di Casella SUCCURSALE Largo Giardino,12: a) Area esterna presso cancello uscita su corso Montegrappa b) Area esterna presso cancello uscita su largo Giardino SUCCURSALE Via Alllende,44 : a) Area esterna piazzale privato PALESTRE FIESCHINE Salita delle Fieschine,23: Area esterna salita delle Fieschine; area esterna ex campo sportivo all aperto) 7

8 INCARICHI SEDE VIA ARECCO, 2 Nomine RESPONSABILI DELL ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE DELLE AREE DI RACCOLTA Martinelli Lorenza; Olivieri Rosanna PERSONALE INCARICATO DELLA DIFFUSIONE DELL ORDINE DI EVACUAZIONE Masotti Roberto; Visciola Carlo; Soddu Maria Grazia PERSONALE DI PIANO O DI SETTORE RESPONSABILE DEL CONTROLLO DELLE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E ADDETTI ALL EMERGENZA Piano Terra e Palestra interna: Isola Emilia Piano 2 : Masotti Roberto Piano 3 : Soddu Maria Grazia Piano 4 : Panini Salvatore Piano 5 : Gizzi Veneranda PERSONALE INCARICATO DI EFFETTUARE LE CHIAMATE DI SOCCORSO: Masotti Roberto; Soddu Maria Grazia PERSONALE INCARICATO DELL INTERRUZIONE DELL EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA,DEL GAS E DELL ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE TERMICA Armocida Antonio; Masotti Roberto PERSONALE INCARICATO DEL CONTROLLO PERIODICO DELL EFFICIENZA DEGLI ESTINTORI E IDRANTI Visciola Carlo; Cormons Angela PERSONALE ADDETTO AL CONTROLLO DELLA PRATICABILITA DELLE USCITE DI SICUREZZA Piano Terra e Palestra interna: Isola Emilia Piano 2 : Masotti Roberto Piano 3 : Visciola Carlo Piano 4 : Panini Salvatore Piano 5 : Gizzi veneranda TENUTA E COMPILAZIONE DEL REGISTRO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Cormons Angela Giosuè Margiotti 8

9 INCARICHI SUCCURSALE LARGO GIARDINO,12 Nomine RESPONSABILI DELL ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE DELLE AREE DI RACCOLTA Rugai Elisabetta o docente vigilante individuato come sostituto PERSONALE INCARICATO DELLA DIFFUSIONE DELL ORDINE DI EVACUAZIONE Bongiorni Maura; Furlanet Emilia PERSONALE DI PIANO O DI SETTORE RESPONSABILE DEL CONTROLLO DELLE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E ADDETTI ALL EMERGENZA Bongiorni Maura; Furlanet Emilia PERSONALE INCARICATO DI EFFETTUARE LE CHIAMATE DI SOCCORSO: Bongiorni Maura; Furlanet Emilia PERSONALE INCARICATO DELL INTERRUZIONE DELL EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA,DEL GAS E DELL ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE TERMICA Bongiorni Maura; Furlanet Emilia PERSONALE INCARICATO DEL CONTROLLO PERIODICO DELL EFFICIENZA DEGLI ESTINTORI E IDRANTI Furlanet Emilia PERSONALE ADDETTO AL CONTROLLO DELLA PRATICABILITA DELLE USCITE DI SICUREZZA Furlanet Emilia; Panini Salvatore (solo se in sostituzione) TENUTA E COMPILAZIONE DEL REGISTRO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Furlanet Emilia Giosuè Margiotti 9

10 INCARICHI SUCCURSALE VIA ALLENDE,44 Nomine RESPONSABILI DELL ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE DELLE AREE DI RACCOLTA Zanelli Silvana, Bo Lorenzo, Giordano Chiara (secondo orario di servizio) o docente vigilante individuato come sostituto PERSONALE INCARICATO DELLA DIFFUSIONE DELL ORDINE DI EVACUAZIONE Monteverde Giulia; Tonarelli Daniela PERSONALE DI PIANO O DI SETTORE RESPONSABILE DEL CONTROLLO DELLE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E ADDETTI ALL EMERGENZA Piano 3 : Monteverde Giulia Piano 4 : Tonarelli Daniela PERSONALE INCARICATO DI EFFETTUARE LE CHIAMATE DI SOCCORSO: Monteverde Giulia; Tonarelli Daniela PERSONALE INCARICATO DELL INTERRUZIONE DELL EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA,DEL GAS E DELL ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE TERMICA Monteverde Giulia PERSONALE INCARICATO DEL CONTROLLO PERIODICO DELL EFFICIENZA DEGLI ESTINTORI E IDRANTI Monteverde Giulia; Tonarelli Daniela PERSONALE ADDETTO AL CONTROLLO DELLA PRATICABILITA DELLE USCITE DI SICUREZZA Monteverde Giulia TENUTA E COMPILAZIONE DEL REGISTRO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Monteverde Giulia Giosuè Margiotti 10

11 INCARICHI SUCCURSALE SALITA FIESCHINE (PALESTRE) Nomine RESPONSABILI DELL ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE DELLE AREE DI RACCOLTA Arzigogolo Giuseppe PERSONALE INCARICATO DELLA DIFFUSIONE DELL ORDINE DI EVACUAZIONE Arzigogolo Giuseppe PERSONALE DI PIANO O DI SETTORE RESPONSABILE DEL CONTROLLO DELLE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E ADDETTI ALL EMERGENZA Arzigogolo Giuseppe PERSONALE INCARICATO DI EFFETTUARE LE CHIAMATE DI SOCCORSO: Arzigogolo Giuseppe PERSONALE INCARICATO DELL INTERRUZIONE DELL EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA,DEL GAS E DELL ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE TERMICA Arzigogolo Giuseppe PERSONALE INCARICATO DEL CONTROLLO PERIODICO DELL EFFICIENZA DEGLI ESTINTORI E IDRANTI Arzigogolo Giuseppe PERSONALE ADDETTO AL CONTROLLO DELLA PRATICABILITA DELLE USCITE DI SICUREZZA Arzigogolo Giuseppe TENUTA E COMPILAZIONE DEL REGISTRO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Arzigogolo Giuseppe Giosuè Margiotti 11

12 Altre norme L accesso alla cabina elettrica ed alla centrale termica devono essere sempre mantenuti sgombri e le chiavi delle relative porte prontamente disponibili In caso di principio di incendio azionare immediatamente gli estintori più vicini indirizzando il getto alla base delle fiamme e non direttamente sulle persone L emergenza dovrà essere comunicata tramite le vie più brevi anche alle altre scuole o altri soggetti ospitati negli edifici. I soccorsi pubblici necessari dovranno essere immediatamente avvisati. Telefoni SOCCORSO PUBBLICO DI EMERGENZA: 113 VIGILI DEL FUOCO: 115 PRONTO SOCCORSO AMBULANZE:118 CARABINIERI:112 GUARDIA MEDICA: (Notturno dalle ore 20 alle ore 8;sabato e prefestivi dalle ore 10 alle ore 8 del giorno feriale successivo a quello feriale) 12

13 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE (ulteriori indicazioni) Il piano di sfollamento, definito sulla base di specifico progetto e delle indicazioni dei VV.FF., è illustrato dalle planimetrie generali,dalle piantine poste nei singoli locali e relativi allegati. In relazione alla situazione edilizia delle palestre Fieschine il numero di persone presenti in detti locali dovrà essere non superiore a cinquanta. Pertanto l avvicendamento della classi in detti locali dovrà essere effettuato in modo da rispettare tale prescrizione. L allarme e l inizio della prova di evacuazione saranno segnalati con tre suoni corti ed uno lungo della campanella o dal suono della sirena dell impianto antincendio. Si segnala il ruolo fondamentale del Docente che nel momento dello sfollamento,simulato o obbligato, si trova in servizio in un locale dell istituto. Egli guiderà verso l uscita gli allievi, con passo svelto ma senza correre, secondo il percorso previsto dal piano. A cura dei docenti dovranno essere responsabilizzati i Rappresentanti di Classe eletti apri e chiudi fila affinché collaborino con l insegnante nel movimento verso l area di raduno impegnandosi in particolare a: - aprire una finestra - non dimenticare il registro di classe - spegnere le luci - chiudere la porta dell aula vuota - richiamare l area di raduno. Nell area di raduno l insegnante farà l appello e valuterà la situazione. In caso di simulazione di incidente grave, dopo 5/10 minuti si rientrerà in aula in modo ordinato. In caso di vera emergenza invece occorrerà sgombrare le vie di uscita e radunarsi in modo da non ostacolare l arrivo dei mezzi di soccorso; in questo caso, qualora si valutasse l opportunità di allontanare gli studenti per il resto della giornata, l insegnante effettuato l appello avrà cura del registro accertandosi che sia restituito alla scuola. Qualora il fumo rendesse impraticabili il corridoio e/o le scale, potrà essere più opportuno rimanere nell aula, chiedere aiuto dalla finestra e sdraiarsi al più presto in terra. L uso degli estintori portatili verrà illustrato anche tramite audiovisivi o altri metodi validi. Vigilanza sulle aree esterne di posteggio Il personale addetto alla vigilanza degli ingressi da via Arecco, 2 e dal posteggio superiore di via alla Stazione di Casella, provveda a verificare, quotidianamente ed entro le ore 8,30, il corretto posteggio di motocicli/ciclomotori, provvedendo a richiedere, utilizzando l apparecchiatura interfono,lo spostamento dei mezzi che eventualmente dovessero ingombrare l uscita della scala di sicurezza metallica esterna,. Il primo soccorso Si segnalano i punti dell istituto in cui è possibile trovare l occorrente per un primo soccorso (disinfettante, cerotti, ghiaccio secco, materiali di pronto soccorso in genere): Sala Medica (Sede) Locale adiacente Atrio c.d. bidelleria (Succursale Largo Giardino) Locale Collaboratori Scolastici (Succursale via Allende) Locale Collaboratore Scolastico (Palestre Fieschine) L istituto non può fornire medicinali. 13

14 DISPOSIZIONI PARTICOLARI Segnalare al Dirigente Scolastico o suo legittimo sostituto ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature. Durante ogni attività svolta in aule speciali e laboratori devono essere rispettate le disposizioni contenute nei D.P.R. n.547/55 e n.303/56 e nei D.Lgs.n.277/90, n.626/94 e n.242/96. Il D.Lgs. n.626/94 come modificato dal D.Lgs. n. 81 del 9/4/2008 definisce attrezzatura qualsiasi macchina, apparecchio, utensile od impianto destinato ad essere usato durante il lavoro e prevede che le attrezzature messe a disposizione siano adeguate all attività da svolgere ed idonee ai fini della sicurezza e della salute. In caso di pioggia è obbligatorio predisporre sul pavimento ( zona atrio sottostante ingresso da via Arecco,2 e zona atrio superiore al termine dello scalone di fronte alla guardiola di custodia) i tappeti raccogli liquidi e antipioggia in numero di 2 per ogni zona indicata. Analogamente si opererà per le zone di ingresso delle Succursali di largo Giardino e di via Allende) In tutti i casi di lavaggio o comunque di presenza di pavimento bagnato, è obbligatorio posizionare lo specifico totem indicativo nelle zone interessate. Ciò premesso si elencano i requisiti minimi di sicurezza in alcune situazioni specifiche. Per quanto riguarda gli Allerta Meteo (forti piogge, nevicate, vento, ecc.), è necessario consultare immediatamente il seguente link del Servizio Protezione Civile del Comune di Genova seguendo esattamente le prescrizioni date. 14

15 Laboratori di fisica, chimica, scienze Verificare, prima di ogni esercitazione, l efficienza dell impianto di aspirazione, ove presente Tenere sempre in efficienza l impianto lavaocchi, ove presente. In caso di mancanza usare lo specifico kit. Prestare specifica attenzione durante le esercitazioni agli allievi portatori di lenti a contatto Esigere che gli allievi indossino un idoneo camice e raccolgano con retina i capelli lunghi Ricordare agli allievi l uso dei mezzi di protezione individuale, della coperta antincendio, ecc. Durante le esercitazioni utilizzare sempre le sostanze in quantità minima Per la raccolta degli scarti e dei rifiuti va tenuta in considerazione l incompatibilità chimica fra le sostanze e con il materiale del recipiente raccoglitore. Vietare e rendere inaccessibile l accesso al magazzino. Non immagazzinare sostanze chimiche incompatibili. Non svolgere esperienze di diverso tipo in contemporanea con la stessa classe o con classi diverse, a causa della complessa vigilanza sugli studenti specie se minorenni. Si ritiene opportuno non far svolgere esperienze dirette agli studenti delle classi 1^ e limitare le esperienze dirette agli studenti delle classi 2^. L eventuale immagazzinamento dei prodotti pericolosi (all. B D.P.R. 175/88) deve avvenire separando gli infiammabili ed esplosivi da quelli tossici, asfissianti, infettanti e corrosivi Predisporre bacinelle di contenimento intorno ai recipienti contenenti sostanze pericolose Nella zona magazzino devono essere predisposte e mantenute le sole quantità di prodotto utilizzabili in un anno scolastico. Per i prodotti chimici confezionati è necessaria la relativa scheda tecnica. E fatto divieto di utilizzo di composti potenzialmente pericolosi o tossici (quali tricloroetilene, tossico e potenzialmente cancerogeno e ove presente, obbligatoriamente da smaltire con regolare procedura), etere di petrolio e cicloesano (facilmente infiammabili) e in ogni caso ogni tipo di composto classificato R45 (obbligatoriamente da smaltire con regolare procedura) o facilmente infiammabile o tossico. La scuola non ha la possibilità di smaltire correttamente ed in ossequio alle norme di legge in materia di tutela ambientale i materiali biologici derivanti da operazioni di dissezione anatomica; pertanto tali attività non sono autorizzate. Per i lavoratori addetti sono previsti controlli medici a cura del Medico competente. Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 15

16 Laboratori e reparti che utilizzano attrezzature Per l utilizzo e la manutenzione attenersi alle istruzioni del manuale, ove presente, a corredo della macchina Verificare la presenza delle protezioni fisse che impediscono l accesso alle parti mobili Esporre avvisi che fanno esplicito divieto di pulire, oliare, ingrassare, riparare o registrare a mano gli organi e gli elementi delle macchine durante il moto Verificare che le protezioni mobili, in caso di apertura, restino collegate alla macchina e siano associate a meccanismi che controllano l arresto e la messa in marcia in condizioni di sicurezza Verificare che le protezioni regolabili elimino il rischio di proiezione degli oggetti Verificare che l interruzione e il successivo ritorno dell energia elettrica non comporti il riavviamento automatico della macchina Verificare l accessibilità facile ed immediata delle apparecchiature d arresto di emergenza e la loro efficienza Verificare l esistenza del collegamento a terra delle parti metalliche(ove è visibile) Verificare il buono stato d uso degli apparecchi estintori portatili Verificare periodicamente (tasto di prova) l efficienza degli interruttori differenziali Mantenere le macchine pulite da residui di lavorazioni e/o oleosi, accertarsi periodicamente della pulizia dei contenitori dei residui oleosi e/o emulsioni La manipolazione di oggetti o residui che comportano rischi di tagli va eseguita con guanti idonei Transennare e segnalare in modo opportuno le macchine e le apparecchiature in riparazione o manutenzione; è fatto divieto di far funzionare, perché non rispondenti a norme di sicurezza, quelle fuori uso e presenti in reparto a scopo didattico-dimostrativo Segnalare sempre con cartelli di divieto, di prescrizione e di avvertimento, ogni condizione di pericolo Controllare periodicamente lo stato d uso e la scadenza delle tubazioni degli impianti alimentati a gas Prima di utilizzare impianti a pressione richiedere il collaudo e la verifica Provvedere a far spostare dal reparto le batterie di accumulatori non più utilizzabili ed altro materiale non più idoneo all attività Controllare che le derivazioni a spina siano provviste di interruttori a monte Usare lampade elettriche portatili solo se protette da gabbia e con impugnatura isolante Quando si effettuano lavori su macchine elettriche aprire sempre preventivamente il circuito di alimentazione ed esporre apposita segnaletica Le bombole di ossigeno ed acetilene devono essere corredate di valvola di arresto fiamma e facilmente identificabili dalla fascia colorata Prima di saldare elettricamente verificare l efficienza dei dispositivi di protezione individuale (guanti isolanti, schermi di protezione, pedane e calzature isolanti) Nelle saldature a gas verificare l efficienza dell impianto di aspirazione fumi Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 16

17 Uso dei videoterminali Tutto il personale (insegnanti, assistenti amministrativi e tecnici, allievi) devono obbligatoriamente utilizzare l attrezzatura munita di videoterminale per un tempo inferiore a due ore consecutive giornaliere L immagine sullo schermo deve essere stabile, esente da sfarfallamento o da altre forme di instabilità; i caratteri devono avere una buona definizione, essere di grandezza sufficiente e chiari Lo schermo deve essere orientabile ed inclinabile liberamente e facilmente per adeguarsi alle esigenze dell utilizzatore; non deve avere riflessi e riverberi che possono causare molestia E necessario uno spazio sufficiente che permetta all operatore una posizione comoda, il piano di lavoro deve avere una superficie poco riflettente ed essere di dimensioni sufficienti Per i lavoratori addetti sono previsti controlli medici a cura del Medico competente. Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza e di comfort 17

18 La didattica nei laboratori Ai singoli laboratori sono abilitati ad accedere insegnanti e classi nei momenti indicati dall orario settimanale delle lezioni. Accedendo al laboratorio, gli insegnanti si assumono la responsabilità del corretto comportamento e della conservazione di tutto il materiale in esso contenuto e, in particolare, della strumentazione e della documentazione. Annualmente a cura del Docente Responsabile del laboratorio sono aggiornate le specifiche norme di comportamento Gli allievi entreranno nel locale indicato nell orario soltanto in presenza di almeno un insegnante della classe che eviterà tassativamente di lasciare la classe sola nel laboratorio L attività didattica deve esplicarsi nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dal Sistema di Prevenzione e Protezione di istituto. In conformità ad esso ciascun insegnante dovrà: - portare a conoscenza degli alunni le norme essenziali di prevenzione degli infortuni - rendere edotti gli alunni dei rischi specifici cui sono esposti durante le esperienze di laboratorio - esigere che i singoli alunni osservino le misure di prevenzione, sicurezza e comportamentali. I Responsabili dei Laboratori e Reparti e gli insegnanti operanti negli stessi, equiparati dalla normativa ai preposti, tengono uno stretto rapporto con il Dirigente Scolastico per definire gli interventi necessari per rendere i laboratori ed i gabinetti scientifici più rispondenti alle esigenze di sicurezza e salubrità Preliminarmente ad ogni pratica applicazione i docenti illustreranno e richiameranno agli studenti l osservanza della normativa specifica di prevenzione, sicurezza e comportamentale Gli insegnanti provvederanno a segnalare tempestivamente all Assistente tecnico o comunque al Dirigente Scolastico, le esigenze di urgente manutenzione e le anomalie riscontrate nel materiale in dotazione al laboratorio, in particolare quelle provocate dagli allievi e da loro stessi durante l uso. Analoga segnalazione sarà fatta al docente responsabile del laboratorio. Al termine di ogni anno scolastico, gli insegnanti faranno sì che il reparto frequentato sia lasciato ordinato come all inizio d anno provvederanno pertanto: - alla formale ricognizione inventariale delle attrezzature prese in carico dal DSGA con regolare processo verbale all inizio dell attività didattica; - a predisporre un piano di lavoro estivo per gli Assistenti Tecnici (revisione delle attrezzature che lo richiedono, interventi particolari sulle medesime, ecc.) - alla restituzione delle esercitazioni terminate indicando le modalità di conservazione (al macero, tra i prodotti finiti da inventariare, ecc.) - a tutti quegli adempimenti professionali che permettono un avvio regolare delle esercitazioni nell anno scolastico successivo. Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 18

19 Altre disposizioni specifiche di sicurezza Rischio elettrico Il lavoratore deve utilizzare tutte le precauzioni necessarie per evitare che possano sussistere dei pericoli quando utilizza, pulisce, ecc. macchine o altri elementi che per loro natura possono essere collegati all elettricità. Il lavoratore deve ricordare di: Non manomettere o modificare parti di impianti elettrici o di macchine collegate ad esso (se si notano dei fatti anomali deve subito avvisare il diretto superiore e sospendere l operazione). Assicurarsi che non vi sia tensione in rete durante l esecuzione delle seguenti operazioni: pulizia di lampade, sostituzioni di lampadine, pulizia di prese, ecc. In tali casi non basta spegnere l interruttore della corrente ma bisogna disattivare l intero impianto elettrico. Rivolgersi immediatamente al diretto superiore, se nell immettere o togliere delle prese nelle spine si formano delle fiamme o scintille, sospendendo subito l uso dell apparecchio che della presa in questione. Non utilizzare apparecchi che abbiano fili elettrici scoperti anche parzialmente o che abbiano prese non perfettamente funzionanti, ad esempio quando si può notare che la presa ha subito un surriscaldamento. Non tirare mai il cavo di un apparecchio elettrico quando si disinserisce la sua spina dalla presa a muro, ma procedere all operazione tirando direttamente la spina e mantenendo accuratamente la presa a muro. Non usare in nessun caso apparecchi elettrici fuori norma,vecchi e desueti, con spine irregolari e senza marchio CE-CEI. Il lavoratore deve rivolgersi al suo diretto superiore quando ritiene che nelle operazioni che sta compiendo possano sussistere pericoli per la propria salute e per quella di altri lavoratori. Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 19

20 La movimentazione manuale dei carichi Le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, disporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico possono provocare delle lesioni dorso-addominali ai lavoratori. La movimentazione manuale dei carichi può essere effettuata alle seguenti condizioni: il carico deve essere inferiore ai 30 Kg. Il carico non deve essere ingombrante o difficile da afferrare Il carico non deve essere in equilibrio instabile Il carico non deve essere collocato in modo tale che per essere maneggiato il corpo del lavoratore debba assumere posizioni non naturali, ad esempio in seguito a contorsioni od inclinazioni del tronco La struttura esterna e/o la consistenza del carico non devono comportare lesioni per il lavoratore, ad esempio in caso d urto. Lo sforzo fisico richiesto può rappresentare un pericolo se: - è eccessivo - può essere effettuato soltanto con un movimento di torsione del tronco - può comportare un movimento brusco del carico - è compiuto con il corpo in posizione instabile - per la Biblioteca/l'Aula Magna si applicano le medesime disposizioni generali di cui alla presente circolare. Il lavoratore deve rivolgersi al suo diretto superiore quando ritiene che nelle operazioni che sta compiendo possano sussistere pericoli per la propria salute e per quella di altri lavoratori Segnalare alla Dirigenza ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature 20

JANNUZZI MONS. DI DONNA

JANNUZZI MONS. DI DONNA Prot. n. 5137/A23 del 21/11/2014 REGOLAMENTO SULLA SICUREZZA E PREVENZIONE Informazioni al personale in applicazione dell art. 36 del D.Lgs. 81/08 PRESENTAZIONE Anche nella scuola, come negli altri luoghi

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA SCUOLA. INFORMAZIONI AL PERSONALE in applicazione del D. Lgs. 81/2008 Testo Unico della Sicurezza sul lavoro

LA SICUREZZA NELLA SCUOLA. INFORMAZIONI AL PERSONALE in applicazione del D. Lgs. 81/2008 Testo Unico della Sicurezza sul lavoro LA SICUREZZA NELLA SCUOLA INFORMAZIONI AL PERSONALE in applicazione del D. Lgs. 81/2008 Testo Unico della Sicurezza sul lavoro 1 PRESENTAZIONE Nella scuola, come in ogni altro luogo di lavoro, devono essere

Dettagli

(ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/08)

(ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/08) SICUREZZA E SALUTE NEGLI ISTITUTI D ISTRUZIONE INFORMAZIONE AL PERSONALE DOCENTE E ATA (ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/08) PRESENTAZIONE...1 OBBLIGHI DEL PERSONALE...1 DIRITTI DEL PERSONALE IN CASO

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

NORME di SICUREZZA Disposizioni di inizio anno scolastico (Dlgs. 81/08).

NORME di SICUREZZA Disposizioni di inizio anno scolastico (Dlgs. 81/08). via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 C. F. 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI Certificato n.14 NORME di SICUREZZA Disposizioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO Via Giulia, 38 - Roma SICUREZZA NELLA SCUOLA (Opuscolo informativo per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

(ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/08)

(ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/08) SICUREZZA E SALUTE NEGLI ISTITUTI D ISTRUZIONE INFORMAZIONE AL PERSONALE DOCENTE E ATA (ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/08) PRESENTAZIONE...1 OBBLIGHI DEL PERSONALE...1 DIRITTI DEL PERSONALE IN CASO

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ***

PIANO DI EMERGENZA *** OTTI *** PREMESSA DEL REGISTRO DEI REGISTRO DEI Con l entrata in vigore del DPR 12 gennaio 1998 n. 37 regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, ai sensi dell art.

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Scopo e campo di applicazione INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA La presente procedura ha lo scopo di informare tutto il personale interno ed esterno all Amministrazione nonché gli allievi, i genitori

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

Torino, 2 settembre 2014 ANNO SCOLASTICO 2014/2015. NORME di SICUREZZA. Disposizioni di inizio anno scolastico ( T.U. D.lgvo 81/2008).

Torino, 2 settembre 2014 ANNO SCOLASTICO 2014/2015. NORME di SICUREZZA. Disposizioni di inizio anno scolastico ( T.U. D.lgvo 81/2008). ISTITUTO COMPRENSIVO Alessandro MANZONI Corso Marconi, 28 10125 Torino (TO) Tel. 011/669 9446 fax. 011/ 669 0069 TOIC81900C@istruzione.it toic81900c@pec.istruzione.it Sito: www.icmanzoni.org Codice Fiscale

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE A. GRAMSCI Via Allende 1 - tel./. 0118211152 fax 0118211405 10036 SETTIMO TORINESE

SCUOLA MEDIA STATALE A. GRAMSCI Via Allende 1 - tel./. 0118211152 fax 0118211405 10036 SETTIMO TORINESE SCUOLA MEDIA STATALE A. GRAMSCI Via Allende 1 - tel./. 0118211152 fax 0118211405 10036 SETTIMO TORINESE ISTRUZIONI E INFORMAZIONI AL PERSONALE DOCENTE E ATA SULLA SICUREZZA E SALUTE NELL ISTITUTO (ai sensi

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08)

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) SICUREZZA E SALUTE NEGLI ISTITUTI D ISTRUZIONE INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) La normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ad oggi vigente è quella

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 Arch. Cristina Maiolati Salute e I.I.S Via delle Sette Chiese Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 LA PREVENZIONE DEI RISCHI È volta a fornire alcune brevi indicazioni

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA

ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA D.LGS. 626/94 APPLICAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA PROCEDURE E PROTOCOLLI DI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

LICEO ARTISTICO SELLO - UDINE

LICEO ARTISTICO SELLO - UDINE LICEO ARTISTICO SELLO - UDINE APPLICAZIONE DEL DECRETO 626/94 Il D.lgs. 81/2008 è subentrato al D.L.gs 626/1994 modificato dal D.Lgs. 242/1996 che recepiva in Italia otto direttive della Unione Europea

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

SICUREZZA NELLE SCUOLE Decreto Legislativo 81/2008 e norme correlate Relatore: GAETANO GRIECO AMBROSTUDIO S.R.L. Milano Consulenze e servizi per le Scuole La tutela nelle scuole riguarda: Il personale

Dettagli

prot.n. 2415/A22 GENOVA, 12/11/2015 PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI E SCUOLA INFANZIA PICCOLO PRINCIPE DOCENTI

prot.n. 2415/A22 GENOVA, 12/11/2015 PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI E SCUOLA INFANZIA PICCOLO PRINCIPE DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova Tel. 010352712 fax 0105220210 e-mail: geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it prot.n. 2415/A22 GENOVA,

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E PER GEOMETRI LEONARO DA VINCI FOLIGNO PIANO DI EVACUAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 AI SENSI DEL D.Lgs 81/08 e 106/09-1 - Premessa Il piano di evacuazione è uno strumento

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

La sicurezza. Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015

La sicurezza. Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015 La sicurezza Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015 La gestione delle situazioni di emergenza nella scuola, che possono nascere da un incendio, da un terremoto, o da altri pericoli

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA

PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA DOCENTI 1. ADEMPIMENTI PREPARATORI AL PIANO DI EVACUAZIONE A CUI TUTTI I DOCENTI SONO TENUTI AD ATTENERSI Tutti devono conoscere

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA SCUOLA SICURA a.s. 2014-2015 Non correre Non spingere i compagni Non mangiare o bere: potresti distrarti, inoltre le briciole ti faranno scivolare Guarda bene i gradini nel salire e nello scendere Non

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

Via E. De Amicis n 50-71100. Codice meccanografico FGIC86000Q Codice fiscale 94090770713 SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ALUNNI INDICE

Via E. De Amicis n 50-71100. Codice meccanografico FGIC86000Q Codice fiscale 94090770713 SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ALUNNI INDICE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Scuola Dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado E. De Amicis - S. Altamura Via E. De Amicis n 50-71100 F O G G

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

LA SICUREZZA NELLA SCUOLA LA SICUREZZA NELLA SCUOLA Il problema della eliminazione o almeno della riduzione dei rischi nella scuola, soprattutto di quelli personali è sempre stato oggetto di attenzione da parte del Capo d istituto

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

Norme generali e compiti dell insegnante

Norme generali e compiti dell insegnante Prot. n. 6389 C/14 Potenza, 15 novembre 2012 REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE, DELLA SALA FITNESS E DELLE ATTREZZATURE IN ESSE PRESENTI (Delibera del Consiglio d Istituto del 13 novembre

Dettagli

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA DIPARTIMENTO DI FISICA, CHIMICA E SCIENZE NATURALI in ottemperanza al D.lgs. 81/2008 NORME DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE SULLA SICUREZZA E SALUTE NEL LABORATORIO DI SCIENZE

Dettagli

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA ! Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA FIRME PRESA VISIONE LABORATORIO DI FISICA NORME DI SICUREZZA Premessa Nel laboratorio di fisica, per il particolare tipo di operazioni che vi si eseguono

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

Prot. 139 Nocera Inferiore 20/01/2014

Prot. 139 Nocera Inferiore 20/01/2014 Scuola Secondaria I grado Solimena De Lorenzo Via Nola N. 1 Nocera Inferiore 84014 (SA) 0815176356-Fax 081-3615856 e-mail: samm12100a@istruzione.it e-mail certificata: samm12100a@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

ALLEGATO 12. Manuale degli. Studenti

ALLEGATO 12. Manuale degli. Studenti Pagina 1 di 8 IIS EMILIO ALESSANDRINI - Abbiategrasso ALLEGATO 12 Manuale degli Studenti Pagina 2 di 8 I.T.I.S. - L.S. Via Einaudi, 3-20081 Abbiategrasso Tel. 029466306 - Fax 0294967188 I.P.S. Via Vivaldi,

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SENIGALLIA SUD - BELARDI Via Marche, 42-60019 Senigallia C.F. 83004490427 Tel. 071/7924522 Fax 071/7912480 WEB: www.senigalliasud.it

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO PROT. N. 00001341/A.5.0. NAPOLI, 26 MARZO 2015 Docenti SEDE Personale

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Pavia, 25/01/2006 Prot. n. 2892 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 14-2006 Allegati n. 1 Ai Direttori/Responsabili Strutture universitarie Ai Dirigenti Ai Direttori dei Centri: - CNR Sezioni ospitate - INFN

Dettagli

PROCEDURE PER IL MANTENIMENTO ED IL MIGLIORAMENTO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

PROCEDURE PER IL MANTENIMENTO ED IL MIGLIORAMENTO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DISPOSIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE D. Lgs. 81/08 e s.m.i. (D. Lgs. 81/08) PROCEDURE PER IL MANTENIMENTO ED IL MIGLIORAMENTO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 1/9 IL PIANO DI EVACUAZIONE DELLA

Dettagli

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione Introduzione Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle corrette modalità di gestione delle sostanze pericolose ed è indirizzato ai lavoratori dei diversi comparti produttivi. Esso

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli