INDICE a b a b a b

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 7.1 7.2 8.1 8.1.1 8.1.2 8.2 8.2.1 8.2.2 8.3 8.3.1 8.3.1 a 8.3.1 b 8.3.2 8.3.2 a 8.3.2 b 8.4 8.4.1 8.4.1 a 8.4.1 b"

Transcript

1

2 INDICE 1. PREMESSA pag OBIETTIVI.. pag DEFINIZIONI. pag CAMPO DI APPLICAZIONE. pag RISORSE UMANE E RESPONSABILITÀ.. pag STRUMENTI PER ENDOSCOPIA pag AREE STRUTTURALI. pag Sala endoscopica pag Locali per il ricondizionamento. pag FASI PER IL RICONDIZIONAMENTO DEGLI STRUMENTI ENDOSCOPICI..pag Disconnessione e decontaminazione.. pag Descrizione della procedura... pag Materiale occorrente. pag Lavaggio pag Lavaggio manuale. pag Materiale occorrente..pag Disinfezione di alto livello pag Disinfezione manuale di alto livello con glutaraldeide (GTA) al 2% o ortoftalaldeide 0,55% pag a Descrizione della procedura.. pag b Stoccaggio pag Lavaggio/disinfezione ad alto livello meccanica (con macchina lavaendoscopi). pag a Descrizione della procedura..pag b Stoccaggio pag Sterilizzazione...pag Sterilizzazione con acido peracetico pag a Descrizione della procedura...pag b Stoccaggio.. pag.18 2

3 8.4.2 Sterilizzazione con vapore saturo sotto pressione.pag a Descrizione della procedura.pag b Stoccaggio e durata della sterilità..pag Sterilizzazione con ossido di etilene (Et.O.)..pag a Descrizione della procedura..pag b Stoccaggio e durata della sterilità.. pag SCELTA DEL METODO PER IL TRATTAMENTO DEGLI ENDOSCOPI PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERA S.CAMILLO-FORLANINI.pag CONTROLLI pag Disinfezione alto livello.. pag Sterilizzazione acido peracetico in lavaendoscopi..pag Sterilizzazione vapore. pag Sterilizzazione Et.O... pag TENUTA DELLA DOCUMENTAZIONE. pag Registrazione degli interventi pag Conservazione della documentazione pag BIBLIOGRAFIA pag.29 3

4 1. PREMESSA Negli anni le procedure endoscopiche e microinvasive hanno registrato un progressivo incremento in termini di numero e di complessità, con l inserimento delle tecniche endoscopiche in settori come la chirurgia e branche specialistiche come l urologia, l ortopedia e l otorinolaringoiatria. Gli strumenti e le attrezzature per lo più riutilizzabili e gli accessori quando multiuso, pongono all Igiene Ospedaliera molteplici e variate problematiche di sicurezza sia per il paziente che per l operatore sanitario. I principali rischi che si evidenziano sono di tipo infettivo, di tipo chimico e di tipo elettrico a tutela dei quali risulta ineludibile l esplicazione di modalità operative integrate e condivise tra gli operatori che intervengono a vario titolo sul ciclo di ricondizionamento degli strumenti dopo l uso. 2. OBIETTIVI OBIETTIVI GENERALI - Prevenire l insorgenza di infezioni ospedaliere. - Standardizzare la corretta modalità di esecuzione delle procedure di disinfezione e sterilizzazione. - Condividere tra operatori sanitari la corretta modalità di esecuzione delle procedure di disinfezione e sterilizzazione. - Garantire la disinfezione ad alto livello / sterilizzazione degli strumenti. OBIETTIVO SPECIFICO Allontanare i microrganismi presenti sullo strumento in tempi stretti ed adeguati, mediante l uso di sostanze chimiche e/o metodi fisici, utilizzando regole di comprovata efficacia, integrate tra i vari professionisti e condivise tra i medesimi. 4

5 3. DEFINIZIONI Decontaminazione: rimozione della maggior parte dei microrganismi presenti sugli oggetti, superfici, ecc. mediante l uso di soluzione disinfettante, da effettuare prima di procedere alle operazioni di detersione. Detersione: rimozione accurata, manuale o mediante apparecchiature, del materiale organico e dei germi, tramite l uso di acqua, azione meccanica e sostanze tensioattive e/o enzimatiche. Disinfezione: eliminazione dagli oggetti inanimati di molti, o tutti i microrganismi patogeni ad eccezione delle spore. E distinta in alto, medio e basso livello 1. Alto livello: inattivazione di tutti i batteri, i virus; inattiva solo un numero limitato di spore. 2. Medio livello: inattivazione di forme vegetative di tutti i batteri, della gran parte dei virus e dei funghi, il micobatterio tubercolare, ma non le spore. 3. Basso livello: inattivazione della maggioranza di batteri, alcuni virus e funghi ma non i micobatteri e le spore. Sterilizzazione: si intende il processo di completa eliminazione di tutte le forme di vita microbica e di tutte le spore. Sterilità: condizione in cui la sopravvivenza di un microrganismo è altamente improbabile (probabilità teorica della presenza di un microrganismo vitale sul dispositivo stesso uguale a minore di 1X 10 6 UNI EN 556). Sterilizzato: oggetto sottoposto all azione di un agente sterilizzante. Sterile: oggetto sottoposto all azione di un agente sterilizzante e mantenuto sterile fino al momento del suo impiego. 5

6 4. CAMPO DI APPLICAZIONE Tutte le aree assistenziali dove viene eseguita attività di endoscopia a scopo diagnostico e/o terapeutico. MICROORGANISMI (in ordine di crescente ingravescenza-indicativo) Virus intermedi o lipofilici (HIV, HBV, HCV, Herpes) Batteri in forma vegetativa Funghi Virus piccoli o non lipofilici (poliovirus) Micobatteri (terrae, tubercolosis) Spore batteriche e fungine 5. RISORSE UMANE E RESPONSABILITA Le responsabilità nell ambito delle rispettive funzioni professionali sono attribuite al personale infermieristico e al medico utilizzatore. L infermiere ha la responsabilità dell esecuzione di decontaminazione, pulizia e disinfezione delle attrezzature. Il Coordinatore Infermieristico dell unità operativa ha responsabilità della verifica sulla corretta applicazione della procedura. Il medico che utilizza l endoscopio, prima dell esecuzione dell esame è tenuto a controllare che lo strumento sia visibilmente trattato e/o confezionato. ATTIVITA Disconnessione e decontaminazione Lavaggio Disinfezione manuale Trattamento con lavaendoscopi Stoccaggio Verifica corretta applicazione procedura Riutilizzo endoscopio Infermiere R R R R R Coordinatore Infermieristico R Medico R 6

7 6. STRUMENTI PER ENDOSCOPIA Gli strumenti endoscopici utilizzati in Azienda sono i seguenti: Fibroendoscopi flessibili Endoscopi rigidi Laparoscopi Fibrolaringoscopi Classificazione secondo E.H. Spaulding (1968) CRITICO SEMICRITICO Trattasi di oggetti o strumenti che vengono introdotti in tessuti, lumi o cavità dell organismo normalmente sterili (es.: strumentario chirurgico, cateteri, artroscopi, laparoscopi, ecc.) DEVE ESSERE EFFETTUATA LA STERILIZZAZIONE Trattasi di oggetti e strumenti che entrano in contatto con mucose integre non sterili, non interrompendo la continuità (es.: gastroscopio, rettoscopio, coloscopio,ecc.) PUÒ ESSERE SUFFICIENTE UNA DISINFEZIONE DI ALTO LIVELLO Laparoscopi Laringoscopio Tutti gli endoscopi se usati sul campo operatorio Pinze bioptiche Broncoscopio Gastroscopio Cistoscopio Sonda trans-esofagea N.B.: uno strumento semicritico può divenire critico se il paziente è esso stesso critico AREE STRUTTURALI 7.1. SALA ENDOSCOPICA Trattasi dell area in cui viene effettuato l esame endoscopico. Le superfici utilizzate (ripiani e lettino endoscopico) devono essere pulite e disinfettate tra un esame e l altro. La sanificazione deve essere effettuata con acqua e detergente. La disinfezione deve essere effettuata con ipoclorito di sodio o polifenoli. 7

8 E necessario ridurre al minino la presenza di persone nelle sale endoscopiche al fine di ottenere un reale ed efficace abbassamento della carica microbica ambientale. 7.2 LOCALI PER IL RICONDIZIONAMENTO La zona in cui si conduce il ricondizionamento dello strumento endoscopico deve essere diversa da quella in cui si effettua l esame endoscopico stesso e dal deposito materiali. L area in cui si conduce il trattamento di ricondizionamento deve essere rigorosamente distinta in una zona sporca (decontaminazione e lavaggio dello strumento) ed una zona pulita (disinfezione e/o sterilizzazione dello strumento). 8. FASI PER IL RICONDIZIONAMENTO DEGLI STRUMENTI ENDOSCOPICI a) Disconnessione dello strumento b) Controllo dello strumento c) Decontaminazione d) Smontaggio dello strumento e) Pulizia e risciacquo f) Disinfezione con GTA o sterilizzazione con acido peracetico g) Asciugatura h) Confezionamento i) Stoccaggio Altre metodiche che possono essere utilizzate per la sterilizzazione degli endoscopi sono: Vapore saturo sotto pressione Ossido di etilene (Et.O.) queste permettono il mantenimento della sterilità ottenuta grazie ad un accurata asciugatura e un idoneo confezionamento effettuato prima di subire il processo di sterilizzazione. 8

9 8.1 DISCONNESSIONE E DECONTAMINAZIONE La decontaminazione è una misura di sicurezza di tipo collettivo e deve essere effettuata prima del lavaggio mediante immersione in idoneo mezzo come previsto dal D.Lgs n.626/94 e ancor prima in base al Decreto del Ministero della Sanità del 28 settembre 1990, art. 2 che stabiliva: I presidi riutilizzabili devono, dopo l uso, essere immediatamente immersi in un disinfettante chimico di riconosciuta efficacia sull HIV prima delle operazioni di smontaggio o pulizia da effettuare come preparazione per la sterilizzazione Descrizione della procedura 1. Indossare i dispositivi di protezione individuale. 2. Immediatamente dopo l esecuzione dell esame endoscopico, quando lo strumento è ancora collegato alla torre endoscopica, al fine di rimuovere i residui organici dai canali bioptici dello strumento, procedere al lavaggio mediante aspirazione e insufflazione di acqua e detergente enzimatico. 3. Staccare lo strumento dalla torre endoscopica, decontaminare esternamente lo strumento con una garza imbibita di alcool a Trasportare lo strumento ed il materiale multiuso correlato dall area di utilizzo all area di trattamento (area sporca) con l ausilio di contenitori in modo tale da evitare l eventuale contatto con personale o dell ambiente circostante. 5. Separare immediatamente le parti riutilizzabili dai presidi monouso subito dopo l esecuzione dell esame/intervento. Le parti monouso verranno immediatamente allontanate nei contenitori dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. 6. Controllare lo strumento: prima di effettuare la pulizia dell endoscopio verificare, mediante ispezione visiva, che non abbia subito danni durante l utilizzo e procedere al test di tenuta se lo strumento deve essere avviato a disinfezione di alto livello manuale o meccanica quando la lavaendoscopi non prevede tale test. In caso di 9

10 rottura, lesione o malfunzionamento di qualche componente dello strumento, inviarlo in riparazione. 7. Immergere gli strumenti in una soluzione disinfettante a base di polifenoli alla concentrazione di 0,4% per 30 minuti oppure di 1% per 10 minuti. La soluzione deve essere allestita al momento dell utilizzo, onde evitare contaminazioni. 8. Rimuovere le valvole di aspirazione, insufflazione e del canale bioptico, inserire i vari adattatori previsti dalla casa costruttrice ed irrorare con il disinfettante i canali operativi e non. 9. Risciacquare con acqua corrente ed avviare al lavaggio / disinfezione / sterilizzazione. N.B. 1. E tassativo che materiali le cui caratteristiche tecniche impongono uno smontaggio o manipolazione, debbano essere sottoposti a decontaminazione chimica manuale prima di qualsiasi manipolazione. 2. Gli strumenti vanno trattati tempestivamente dopo l uso in quanto se vengono lasciati asciutti per un lungo periodo, i residui possono seccarsi nello strumento determinando incrostazioni fino all occlusione del lume e danno agli strumenti stessi. 3. Se gli strumenti vengono lasciati immersi in liquidi per un lungo periodo, le guarnizioni dello strumento possono deteriorarsi. 4. Gli strumenti non vanno mai immersi in soluzione fisiologica. 5. Gli strumenti devono essere avviati al lavaggio entro e non oltre un ora dalla decontaminazione. 6. Il lavaggio deve sempre essere effettuato con acqua fredda. 10

11 8.1.2 MATERIALE OCCORRENTE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE o Guanti monouso in gomma o Camice o Mascherina con visiera o Occhiali protettivi o Grembiule impermeabile DETERGENTI E DISINFETTANTI o Detergente enzimatico o Alcool a 70 o Soluzione a base di polifenoli ALTRI MATERIALI o Telini sterili e materiali di consumo o Contenitori rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo 8.2 LAVAGGIO Il lavaggio ha lo scopo di rimuovere i residui di sostanze organiche e inorganiche ed i microrganismi. Il risultato di una buona azione di detersione porta ad una riduzione quali-quantitativa della contaminazione microbica (bioburden), che è il prerequisito per il successo della disinfezione e della sterilizzazione dello strumento Lavaggio manuale 1. Indossare i dispositivi di protezione individuale. 2. Immergere per il tempo previsto tutte le parti smontate in una soluzione detergente a base enzimatica rispettando rigorosamente le indicazioni del fabbricante relative a concentrazione, temperatura e tempo d azione. 3. Pulire il canale bioptico con specifico scovolino passando per tre volte all interno e pulendo ogni volta lo scovolino prima di reinserirlo nel canale. 4. Irrorare i canali con acqua e detergente enzimatico utilizzando una siringa da 50cc adeguata per garantire un buon flusso per secondi, ciò al fine di eliminare eventuali residui biologici refluiti all interno; se disponibile, collegare l eventuale raccordo ad Y fornito dalla casa 11

12 produttrice (ricordare che questo è multiuso e deve essere trattato come l endoscopio). 5. Spazzolare puntale e sbocco dei canali. 6. Qualora si rendesse necessario, per pulire le cavità, utilizzare una pistola apposita, spazzole e filo metallico. 7. Detergere ogni valvola; 8. Passare con una garza imbevuta di detergente enzimatico sullo strumento nella sua parte esterna; 9. Eseguire le precedenti manovre, fino a che i residui siano stati completamente rimossi. 10. Risciacquare tutti i canali, l endoscopio, le valvole ed ogni parte smontabile dello strumento con abbondante acqua corrente per rimuovere ogni traccia di detergente come descritto al punto Utilizzare per le operazioni di risciacquo l acqua deionizzata (distillata) ogniqualvolta la casa produttrice dello strumento lo raccomandi. 12. Lasciare sgocciolare tutti i componenti onde evitare diluizioni successive del disinfettante. 13. Pulire impugnatura e manopole non immergibili con alcool 70 ed asciugare con un panno MATERIALE OCCORRENTE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE o Guanti monouso in gomma o Camice o Mascherina con visiera o Occhiali protettivi o Grembiule impermeabile DETERGENTI E DISINFETTANTI o Detergente enzimatico o Alcool a 70 ALTRI MATERIALI o Scovolino e raccordo dei canali operativi o Telini puliti e materiali di consumo 12

13 8.3 DISINFEZIONE DI ALTO LIVELLO La disinfezione di alto livello è il processo minimo richiesto per gli strumenti semicritici. Garantisce la possibilità di riutilizzo dello strumento in tempi stretti. Può essere compiuta preferibilmente utilizzando il disinfettante con macchine lavaendoscopi automatiche, oppure anche manualmente mediante immersione degli strumenti in un recipiente ampio contenente una soluzione disinfettante idonea. La disinfezione di alto livello in Azienda viene effettuata con GTA alcalina. Il ciclo di disinfezione dello strumento può avvenire con metodo: a) manuale; b) meccanico Disinfezione manuale di alto livello con glutaraldeide (GTA) al 2% o ortoftalaldeide 0,55% La procedura di disinfezione manuale con GTA al 2% o ortoftalaldeide allo 0,55%, deve essere eseguita sotto cappa chimica aspirante dotata di filtri, dopo aver effettuato la decontaminazione e la pulizia dell endoscopio come sopra descritto. La GTA prima dell utilizzo deve essere attivata, tramite l aggiunta di un tampone e di un tensioattivo per raggiungere un ph di ; la soluzione rimarrà stabile per circa 14 giorni, (al termine di tale periodo deve essere smaltita considerandola un rifiuto tossico). La ortoftaraldeide allo 0,55% non richiede attivazione e la soluzione è pronta all uso; la soluzione, una volta posta nella vasca di lavaggio, può essere utilizzata per 14 giorni. 13

14 8.3.1 a Descrizione della procedura 1. Indossare i dispositivi di protezione individuale: facciale filtrante dotato di filtro al carbone attivo, che sia di classe almeno FFP1, (conforme al 89/686/CEE secondo il DL.vo 475/1992) occhiali protettivi con ripari laterali, visiera facciale trasparente, guanti monouso in vinile (o doppio paio in lattice), camice idrorepellente, grembiule impermeabile, cuffia, calzature chiuse e soprascarpe. 2. Immergere l endoscopio, le valvole, gli accessori, in una soluzione di GTA alcalina attivata al 2% o ortoftalaldeide allo 0,55%. Lo strumento deve essere posto in posizione inclinata in modo che le bolle di aria, presenti nelle cavità, fuoriescano per garantire un trattamento su tutta la superficie. 3. Riempire con la soluzione disinfettante i canali operativi. 4. Chiudere il recipiente con coperchio a tenuta e lasciare immersi gli strumenti per un tempo minimo di immersione di 20 minuti per l inattivazione di tutte le forme vegetative. Per quanto riguarda il broncoscopio è necessario un tempo minimo di immersione di 30 minuti al fine di inattivare il Mycobacterium tubercolosis. Al termine del tempo di immersione 1. Indossare guanti sterili 2. Risciacquare abbondantemente ed accuratamente con soluzione sterile, sia le parti esterne che i canali operativi, sia le valvole, sia gli accessori; 3. Asciugare i canali interni irrigandoli con alcool 70 aspirare o insufflare aria compressa, tamponare l endoscopio esternamente con una garza o un telino sterili che non lasci residui di fibre. L asciugatura con alcool ed aria compressa deve essere praticata dopo l impiego su ciascun paziente al fine di evitare la proliferazione di microrganismi nei canali dell endoscopio. 4. Rimontare l endoscopio utilizzando telini sterili per non contaminare lo strumento e procedere al riutilizzo o allo stoccaggio. 14

15 8.3.1 b Stoccaggio Se l endoscopio non viene immediatamente riutilizzato è necessario procedere alla corretta conservazione dello strumento negli appositi armadi, in posizione verticale, dopo aver provveduto all instillazione di alcool a 70 nei canali interni. In caso di impossibilità di riporlo nell apposito armadio, confezionare lo strumento avvolgendolo in un telino sterile, inserendolo in una busta chiusa e riporlo all interno di un armadio chiuso. In caso di trasporto per utilizzo in altra unità operativa lo strumento deve essere avvolto in telino sterile, inserito in una doppia busta e poi riposto nella apposita valigia. Dopo l utilizzo lo strumento sporco va inserito nella stessa busta usata per il trasporto iniziale, posizionato nella valigia e trasportato fino all area per il trattamento degli endoscopi Lavaggio/disinfezione ad alto livello meccanica (con macchina lavaendoscopi) In azienda esistono macchine lavaendoscopi che utilizzano GTA per la disinfezione di alto livello a Descrizione della procedura Da eseguire solo dopo aver effettuato la decontaminazione dell endoscopio come descritto al punto Indossare i dispositivi di protezione individuale 2. Utilizzare solo disinfettanti appositamente indicati dal produttore della macchina lavaendoscopi e compatibili con gli strumenti endoscopici. 3. Posizionare lo strumento nell apposito cestello/vaschetta. Raccordare i canali operativi alla macchina lavaendoscopi secondo le istruzioni riportate nel manuale d uso. 4. Mettere nel cestello gli accessori e le valvole. 15

16 5. Assicurarsi che tutti gli strumenti siano ben fissati alla vaschetta, che non si tocchino l uno con l altro, che sia favorito il risciacquo. 6. Aprire i morsi degli strumenti manuali. 7. Scegliere, ove la macchina lo consenta, un programma ottimizzato per il trattamento degli endoscopi ricordando di non utilizzare temperature alte per il ciclo di prelavaggio e lavaggio poiché le alte temperature causano una denaturazione delle proteine e dei residui, che inibiscono la pulizia effettiva. 8. Se la macchina lo prevede procedere sempre al ciclo di asciugatura. Al termine del ciclo di trattamento 1. Indossare guanti sterili 2. Asciugare (se la macchina non prevede il ciclo di asciugatura) i canali interni irrigandoli con alcool 70 aspirare o insufflare aria compressa, tamponare l endoscopio esternamente con una garza o un telino sterile che non lasci residui di fibre. L asciugatura con aria compressa deve essere praticata dopo il trattamento dello strumento per ciascun paziente al fine di evitare la proliferazione di microrganismi nei canali dell endoscopio. 3. Rimontare l endoscopio utilizzando telini sterili per non contaminare lo strumento e procedere al riutilizzo o allo stoccaggio b Stoccaggio Se l endoscopio non viene immediatamente riutilizzato è necessario procedere alla corretta conservazione dello strumento negli appositi armadi, in posizione verticale, dopo aver provveduto all instillazione di alcool a 70 nei canali interni. In caso di impossibilità di riporlo nell apposito armadio, confezionare lo strumento avvolgendolo in un telino sterile, inserendolo in una busta chiusa e riporlo all interno di un armadio chiuso. In caso di trasporto per utilizzo in altra unità operativa lo strumento deve essere avvolto in telino sterile, inserito in una doppia busta e poi riposto nella apposita valigia. Dopo l utilizzo lo strumento sporco va inserito nella stessa 16

17 busta usata per il trasporto iniziale, posizionato nella valigia e trasportato fino all area per il trattamento degli endoscopi. 8.4 STERILIZZAZIONE Un processo di sterilizzazione deve essere obbligatoriamente eseguito per gli strumenti considerati critici (es.: pinze bioptiche, valvole e laparoscopi), ed è consigliabile anche per gli strumenti semicritici. In Azienda per gli endoscopi si utilizzano i seguenti metodi di sterilizzazione: a) acido peracetico; b) vapore saturo sotto pressione; c) ossido di etilene Sterilizzazione con acido peracetico E un sistema automatico che si avvale necessariamente di una macchina lavaendoscopi e che utilizza una miscela tamponata di acido peracetico a temperature di esercizio comprese tra 50 C e 55 C. Garantisce la possibilità di riutilizzo dello strumento in tempi stretti. In Azienda esistono diverse macchine lavaendoscopi che utilizzano questo mezzo di sterilizzazione; nella gestione del sistema è necessario attenersi scrupolosamente a quanto indicato dal fabbricante a Descrizione della procedura Da eseguire solo dopo aver effettuato la decontaminazione dell endoscopio come descritto al punto Indossare i dispositivi di protezione individuale con particolare attenzione per i dispositivi per la protezione degli occhi. 2. Utilizzare solo disinfettanti appositamente indicati dal produttore della macchina lavaendoscopi e compatibili con gli strumenti endoscopici. 17

18 3. Posizionare lo strumento nell apposito cestello/vaschetta. Raccordare i canali operativi alla macchina lavaendoscopi secondo le istruzioni riportate nel manuale d uso. 4. Mettere nel cestello gli accessori e le valvole. 5. Assicurarsi che gli strumenti siano ben fissati alla vaschetta. 6. Scegliere un programma ottimizzato per il trattamento degli endoscopi ricordando di non utilizzare temperature alte per il ciclo di prelavaggio e lavaggio poiché le alte temperature causano una denaturazione delle proteine e dei residui, che inibiscono la pulizia effettiva. Se la macchina lo prevede procedere sempre al ciclo di asciugatura. Al termine del ciclo di trattamento 1. Indossare guanti sterili. 2. Asciugare (se la macchina non prevede il ciclo di asciugatura) i canali interni irrigandoli con alcool 70 aspirare o insufflare aria compressa, tamponare l endoscopio esternamente con una garza o un telino sterili che non lasci residui di fibre. L asciugatura con aria compressa deve essere praticata dopo il trattamento dello strumento per ciascun paziente al fine di evitare la proliferazione di microrganismi nei canali dell endoscopio. 3. Rimontare l endoscopio utilizzando telini sterili per non contaminare lo strumento e procedere al riutilizzo o allo stoccaggio b Stoccaggio Lo strumento trattato con questa metodica raggiunge il requisito di sterilità, ma non lo conserva nel tempo. Se l endoscopio non viene immediatamente riutilizzato è necessario procedere alla corretta conservazione dello strumento negli appositi armadi, in posizione verticale, dopo aver provveduto all instillazione di alcool a 70 nei canali interni. 18

19 In caso di impossibilità di riporlo nell apposito armadio, confezionare lo strumento avvolgendolo in un telino sterile, inserendolo in una busta chiusa e riporlo all interno di un armadio chiuso. In caso di trasporto per utilizzo in altra unità operativa lo strumento deve essere avvolto in telino sterile, inserito in una doppia busta e poi riposto nella apposita valigia. Dopo l utilizzo lo strumento sporco va inserito nella stessa busta usata per il trasporto iniziale, posizionato nella valigia e trasportato fino all area per il trattamento degli endoscopi Sterilizzazione con vapore saturo sotto pressione Questo metodo di sterilizzazione, che utilizza il vapore saturo sotto pressione (alle temperature di esercizio di 121 o 134 C), è considerato il metodo di elezione per tutti gli strumenti e gli accessori costruiti in modo da non venire danneggiati dal calore e dall umidità (es.: broncoscopio rigido, laparoscopio, strumenti per toracoscopia, pinze bioptiche). Non possono essere trattati con questo metodo gli strumenti costituiti da materiale termolabile. Ha il vantaggio della efficacia, rapidità, facilità, atossicità e basso costo; deve essere sempre utilizzato quando è possibile a Descrizione della procedura 1. Decontaminare l endoscopio procedendo come descritto al punto Lavare l endoscopio procedendo come descritto al punto Asciugare i canali interni, aspirando o insufflando aria e tamponare l endoscopio esternamente con una garza o un telino sterili che non lasci residui di fibre. L asciugatura è una fase fondamentale poiché residui di acqua o umidità sullo strumentario possono compromettere l azione dell agente sterilizzante. 4. Rimontare l endoscopio utilizzando telini sterili per non contaminare lo strumento. Confezionamento 19

20 Il corretto confezionamento dell endoscopio è indispensabile per mantenere il requisito di sterilità, oltre a permettere una buona penetrazione dell agente sterilizzante. Le eventuali parti acuminate devono essere sempre protette per evitare che l integrità della confezione venga alterata invalidando il requisito di sterilità. I materiali più comunemente usati per il confezionamento sono: fogli in carta fogli in TNT (tessuto non tessuto) o polipropilene accoppiato carta polipropilene containers con filtri a valvola. Tutte le confezioni in polipropilene devono essere chiuse mediante termosaldatura, elemento fondamentale che impedisce la contaminazione e che garantisce il mantenimento del requisito di sterilità nel tempo. I dati relativi alla data di confezionamento e alla unità operativa di provenienza non devono essere scritte direttamente sul pacco con penna ad inchiostro, ma impostati e stampati dalla termosaldatrice stessa o apposti su etichetta adesiva b Stoccaggio e durata della sterilità L endoscopio sterile deve essere conservato in ambienti chiusi e puliti, il cui accesso deve essere limitato a poche persone, il locale adibito a deposito non deve essere in una zona di passaggio continuo o contiguo a locali sporchi. Il deposito in armadi chiusi è da considerarsi il più idoneo per la protezione da polveri e fonti di luce e di calore. Le mani degli operatori che manipolano confezioni sterili devono essere pulite e asciutte. Le confezioni venute a contatto con materiale sporco, cadute a terra, accidentalmente bagnate o lacerate devono essere considerate non sterili e nuovamente sottoposte a ciclo di sterilizzazione. La durata della sterilità dipende da due variabili essenziali: corretto confezionamento 20

21 adeguata conservazione in appositi spazi; quando queste vengono rispettate, la durata varia secondo il tipo di confezionamento effettuato (vedi tabella). Tipologia confezionamento Durata della sterilità 1 Fogli in carta gg se ben conservati 2 Fogli in TNT/polipropilene 30 gg se ben conservati 3 Accoppiato carta polipropilene 30 gg in busta singola 60 gg in busta doppia 4 Containers a filtri o a valvole 30 gg se ben conservati Sterilizzazione con ossido di etilene (Et.O.) E un sistema che si avvale di autoclavi a gas Et.O.; data l infiammabilità ed esplosività del gas, le autoclavi utilizzate in questo tipo di sterilizzazione devono essere installate in locali adibiti esclusivamente a tale impiego, l utilizzo è regolamentato dalla Circolare Ministero della Sanità n.56/1983 e riservato ad operatori in possesso di specifica abilitazione,. In questa Azienda la sterilizzazione ad Et.O. è stata affidata a ditta appaltatrice. L indicazione di questo tipo di sterilizzazione è rappresentata dalla possibilità di sterilizzare materiali termolabili; è necessario considerare sempre che il tempo medio di riconsegna dello strumento è di 48 ore dal momento dell invio a Descrizione della procedura Procedere come descritto al punto a b Stoccaggio e durata della sterilità Procedere come descritto al punto b 21

22 9. SCELTA del METODO per il trattamento degli endoscopi presso l Azienda S.Camillo-Forlanini STRUMENTO Broncoscopio Gastroscopio Cistoscopio METODO DA UTILIZZARE Disinfezione alto livello Sterilizzazione GTA Ac. Peracetico 30 minuti GTA 20 minuti GTA 20 minuti Et.O. Ac. Peracetico Et.O. Ac. Peracetico Et.O. Artroscopio NO Vapore s.s.p. Isteroscopio NO Ac. Peracetico Et.O. Laparoscopio NO Vapore s.s.p. Et.O. Fibrolaringoscopio NO Ac. Peracetico Et.O Laringoscopio NO Vapore s.s.p. Et.O. Ogni endoscopio Vapore s.s.p. utilizzato nel NO Et.O. campo operatorio Leggenda GTA: glutaraldeide Et.O.: ossido di etilene s.s.p.: saturo sotto pressione (autoclave a vapore) 22

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI ISTRUZIONE OPERATIVA n 4/2007 Revisione 2 PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI (Aggiornato nei nomi commerciali e nelle concentrazioni d uso dal Gruppo di Lavoro a maggio 2008)

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE NELLE STRUTTURE SANITARIE

LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE NELLE STRUTTURE SANITARIE Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento Igiene del Lavoro LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

infospot numero1 www.tecnogaz.com Numero Speciale Sterilizzazione PERCHè SCEGLIERE UN AUTOCLAVE DI TIPO B? IL LEGALE RISPONDE

infospot numero1 www.tecnogaz.com Numero Speciale Sterilizzazione PERCHè SCEGLIERE UN AUTOCLAVE DI TIPO B? IL LEGALE RISPONDE numero1 Tecno-Gaz S.p.A. Strada Cavalli, 4 43038 Sala Baganza (PR) FEBBRAIO 2008 Tel./Ph +39 0521 8380 Fax +39 0521 833391 info@tecnogaz.com infospot Organo di informazione aziendale realizzato da GraphoServiceParma

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE

PROTOCOLLO EMOCOLTURE E.O. OSPEDALI GALLIEA - GENOVA POTOCOLLO EMOCOLTUE PEPAATO VEIFICATO APPOVATO ACHIVIATO Bavestrello L., Brenta M., Cangi., Costa M., Crinoldi F., D'Antonio S., Della Monica E., Drago D., Fiorellino D.,

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro

NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro line GREY NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro 5 buoni motivi per scegliere la serie NE MR 1 Economia Tutte le lavastoviglie della serie NE MULTIRINSE sono dotate del sistema rivoluzionario MULTIRINSE,

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC]

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Elaborata il:

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Esempio di posizione dell incisione

Esempio di posizione dell incisione Grazie per avere acquistato questo orologio Citizen. Prima di usarlo le raccomandiamo di leggere con attenzione questo manuale d uso in modo da procedere nel modo corretto. Dopo la lettura del manuale

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Lavastoviglie a nastro

Lavastoviglie a nastro NE ECO2 Lavastoviglie a nastro 5 buoni motivi per scegliere la serie NE ECO2 1 Igiene Le vasche stampate con gli spigoli arrotondati garantiscono una pulizia accurata della macchina. 2 Affidabilità La

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Rossana Prola Valter Rapizzi LA MANUTENZIONE DELLE PISCINE PUBBLICHE E PRIVATE Dario Flaccovio Editore A mio padre, che crede ancora che io abbia sprecato una laurea per fare l idraulico. Rossana Prola

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI Edizione in lingua italiana Terza edizione Supplemento di Prevenzione Oggi numero 2 anno 2005 - Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale 70% - DCB - Roma

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli