INDICE a b a b a b

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 7.1 7.2 8.1 8.1.1 8.1.2 8.2 8.2.1 8.2.2 8.3 8.3.1 8.3.1 a 8.3.1 b 8.3.2 8.3.2 a 8.3.2 b 8.4 8.4.1 8.4.1 a 8.4.1 b"

Transcript

1

2 INDICE 1. PREMESSA pag OBIETTIVI.. pag DEFINIZIONI. pag CAMPO DI APPLICAZIONE. pag RISORSE UMANE E RESPONSABILITÀ.. pag STRUMENTI PER ENDOSCOPIA pag AREE STRUTTURALI. pag Sala endoscopica pag Locali per il ricondizionamento. pag FASI PER IL RICONDIZIONAMENTO DEGLI STRUMENTI ENDOSCOPICI..pag Disconnessione e decontaminazione.. pag Descrizione della procedura... pag Materiale occorrente. pag Lavaggio pag Lavaggio manuale. pag Materiale occorrente..pag Disinfezione di alto livello pag Disinfezione manuale di alto livello con glutaraldeide (GTA) al 2% o ortoftalaldeide 0,55% pag a Descrizione della procedura.. pag b Stoccaggio pag Lavaggio/disinfezione ad alto livello meccanica (con macchina lavaendoscopi). pag a Descrizione della procedura..pag b Stoccaggio pag Sterilizzazione...pag Sterilizzazione con acido peracetico pag a Descrizione della procedura...pag b Stoccaggio.. pag.18 2

3 8.4.2 Sterilizzazione con vapore saturo sotto pressione.pag a Descrizione della procedura.pag b Stoccaggio e durata della sterilità..pag Sterilizzazione con ossido di etilene (Et.O.)..pag a Descrizione della procedura..pag b Stoccaggio e durata della sterilità.. pag SCELTA DEL METODO PER IL TRATTAMENTO DEGLI ENDOSCOPI PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERA S.CAMILLO-FORLANINI.pag CONTROLLI pag Disinfezione alto livello.. pag Sterilizzazione acido peracetico in lavaendoscopi..pag Sterilizzazione vapore. pag Sterilizzazione Et.O... pag TENUTA DELLA DOCUMENTAZIONE. pag Registrazione degli interventi pag Conservazione della documentazione pag BIBLIOGRAFIA pag.29 3

4 1. PREMESSA Negli anni le procedure endoscopiche e microinvasive hanno registrato un progressivo incremento in termini di numero e di complessità, con l inserimento delle tecniche endoscopiche in settori come la chirurgia e branche specialistiche come l urologia, l ortopedia e l otorinolaringoiatria. Gli strumenti e le attrezzature per lo più riutilizzabili e gli accessori quando multiuso, pongono all Igiene Ospedaliera molteplici e variate problematiche di sicurezza sia per il paziente che per l operatore sanitario. I principali rischi che si evidenziano sono di tipo infettivo, di tipo chimico e di tipo elettrico a tutela dei quali risulta ineludibile l esplicazione di modalità operative integrate e condivise tra gli operatori che intervengono a vario titolo sul ciclo di ricondizionamento degli strumenti dopo l uso. 2. OBIETTIVI OBIETTIVI GENERALI - Prevenire l insorgenza di infezioni ospedaliere. - Standardizzare la corretta modalità di esecuzione delle procedure di disinfezione e sterilizzazione. - Condividere tra operatori sanitari la corretta modalità di esecuzione delle procedure di disinfezione e sterilizzazione. - Garantire la disinfezione ad alto livello / sterilizzazione degli strumenti. OBIETTIVO SPECIFICO Allontanare i microrganismi presenti sullo strumento in tempi stretti ed adeguati, mediante l uso di sostanze chimiche e/o metodi fisici, utilizzando regole di comprovata efficacia, integrate tra i vari professionisti e condivise tra i medesimi. 4

5 3. DEFINIZIONI Decontaminazione: rimozione della maggior parte dei microrganismi presenti sugli oggetti, superfici, ecc. mediante l uso di soluzione disinfettante, da effettuare prima di procedere alle operazioni di detersione. Detersione: rimozione accurata, manuale o mediante apparecchiature, del materiale organico e dei germi, tramite l uso di acqua, azione meccanica e sostanze tensioattive e/o enzimatiche. Disinfezione: eliminazione dagli oggetti inanimati di molti, o tutti i microrganismi patogeni ad eccezione delle spore. E distinta in alto, medio e basso livello 1. Alto livello: inattivazione di tutti i batteri, i virus; inattiva solo un numero limitato di spore. 2. Medio livello: inattivazione di forme vegetative di tutti i batteri, della gran parte dei virus e dei funghi, il micobatterio tubercolare, ma non le spore. 3. Basso livello: inattivazione della maggioranza di batteri, alcuni virus e funghi ma non i micobatteri e le spore. Sterilizzazione: si intende il processo di completa eliminazione di tutte le forme di vita microbica e di tutte le spore. Sterilità: condizione in cui la sopravvivenza di un microrganismo è altamente improbabile (probabilità teorica della presenza di un microrganismo vitale sul dispositivo stesso uguale a minore di 1X 10 6 UNI EN 556). Sterilizzato: oggetto sottoposto all azione di un agente sterilizzante. Sterile: oggetto sottoposto all azione di un agente sterilizzante e mantenuto sterile fino al momento del suo impiego. 5

6 4. CAMPO DI APPLICAZIONE Tutte le aree assistenziali dove viene eseguita attività di endoscopia a scopo diagnostico e/o terapeutico. MICROORGANISMI (in ordine di crescente ingravescenza-indicativo) Virus intermedi o lipofilici (HIV, HBV, HCV, Herpes) Batteri in forma vegetativa Funghi Virus piccoli o non lipofilici (poliovirus) Micobatteri (terrae, tubercolosis) Spore batteriche e fungine 5. RISORSE UMANE E RESPONSABILITA Le responsabilità nell ambito delle rispettive funzioni professionali sono attribuite al personale infermieristico e al medico utilizzatore. L infermiere ha la responsabilità dell esecuzione di decontaminazione, pulizia e disinfezione delle attrezzature. Il Coordinatore Infermieristico dell unità operativa ha responsabilità della verifica sulla corretta applicazione della procedura. Il medico che utilizza l endoscopio, prima dell esecuzione dell esame è tenuto a controllare che lo strumento sia visibilmente trattato e/o confezionato. ATTIVITA Disconnessione e decontaminazione Lavaggio Disinfezione manuale Trattamento con lavaendoscopi Stoccaggio Verifica corretta applicazione procedura Riutilizzo endoscopio Infermiere R R R R R Coordinatore Infermieristico R Medico R 6

7 6. STRUMENTI PER ENDOSCOPIA Gli strumenti endoscopici utilizzati in Azienda sono i seguenti: Fibroendoscopi flessibili Endoscopi rigidi Laparoscopi Fibrolaringoscopi Classificazione secondo E.H. Spaulding (1968) CRITICO SEMICRITICO Trattasi di oggetti o strumenti che vengono introdotti in tessuti, lumi o cavità dell organismo normalmente sterili (es.: strumentario chirurgico, cateteri, artroscopi, laparoscopi, ecc.) DEVE ESSERE EFFETTUATA LA STERILIZZAZIONE Trattasi di oggetti e strumenti che entrano in contatto con mucose integre non sterili, non interrompendo la continuità (es.: gastroscopio, rettoscopio, coloscopio,ecc.) PUÒ ESSERE SUFFICIENTE UNA DISINFEZIONE DI ALTO LIVELLO Laparoscopi Laringoscopio Tutti gli endoscopi se usati sul campo operatorio Pinze bioptiche Broncoscopio Gastroscopio Cistoscopio Sonda trans-esofagea N.B.: uno strumento semicritico può divenire critico se il paziente è esso stesso critico AREE STRUTTURALI 7.1. SALA ENDOSCOPICA Trattasi dell area in cui viene effettuato l esame endoscopico. Le superfici utilizzate (ripiani e lettino endoscopico) devono essere pulite e disinfettate tra un esame e l altro. La sanificazione deve essere effettuata con acqua e detergente. La disinfezione deve essere effettuata con ipoclorito di sodio o polifenoli. 7

8 E necessario ridurre al minino la presenza di persone nelle sale endoscopiche al fine di ottenere un reale ed efficace abbassamento della carica microbica ambientale. 7.2 LOCALI PER IL RICONDIZIONAMENTO La zona in cui si conduce il ricondizionamento dello strumento endoscopico deve essere diversa da quella in cui si effettua l esame endoscopico stesso e dal deposito materiali. L area in cui si conduce il trattamento di ricondizionamento deve essere rigorosamente distinta in una zona sporca (decontaminazione e lavaggio dello strumento) ed una zona pulita (disinfezione e/o sterilizzazione dello strumento). 8. FASI PER IL RICONDIZIONAMENTO DEGLI STRUMENTI ENDOSCOPICI a) Disconnessione dello strumento b) Controllo dello strumento c) Decontaminazione d) Smontaggio dello strumento e) Pulizia e risciacquo f) Disinfezione con GTA o sterilizzazione con acido peracetico g) Asciugatura h) Confezionamento i) Stoccaggio Altre metodiche che possono essere utilizzate per la sterilizzazione degli endoscopi sono: Vapore saturo sotto pressione Ossido di etilene (Et.O.) queste permettono il mantenimento della sterilità ottenuta grazie ad un accurata asciugatura e un idoneo confezionamento effettuato prima di subire il processo di sterilizzazione. 8

9 8.1 DISCONNESSIONE E DECONTAMINAZIONE La decontaminazione è una misura di sicurezza di tipo collettivo e deve essere effettuata prima del lavaggio mediante immersione in idoneo mezzo come previsto dal D.Lgs n.626/94 e ancor prima in base al Decreto del Ministero della Sanità del 28 settembre 1990, art. 2 che stabiliva: I presidi riutilizzabili devono, dopo l uso, essere immediatamente immersi in un disinfettante chimico di riconosciuta efficacia sull HIV prima delle operazioni di smontaggio o pulizia da effettuare come preparazione per la sterilizzazione Descrizione della procedura 1. Indossare i dispositivi di protezione individuale. 2. Immediatamente dopo l esecuzione dell esame endoscopico, quando lo strumento è ancora collegato alla torre endoscopica, al fine di rimuovere i residui organici dai canali bioptici dello strumento, procedere al lavaggio mediante aspirazione e insufflazione di acqua e detergente enzimatico. 3. Staccare lo strumento dalla torre endoscopica, decontaminare esternamente lo strumento con una garza imbibita di alcool a Trasportare lo strumento ed il materiale multiuso correlato dall area di utilizzo all area di trattamento (area sporca) con l ausilio di contenitori in modo tale da evitare l eventuale contatto con personale o dell ambiente circostante. 5. Separare immediatamente le parti riutilizzabili dai presidi monouso subito dopo l esecuzione dell esame/intervento. Le parti monouso verranno immediatamente allontanate nei contenitori dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. 6. Controllare lo strumento: prima di effettuare la pulizia dell endoscopio verificare, mediante ispezione visiva, che non abbia subito danni durante l utilizzo e procedere al test di tenuta se lo strumento deve essere avviato a disinfezione di alto livello manuale o meccanica quando la lavaendoscopi non prevede tale test. In caso di 9

10 rottura, lesione o malfunzionamento di qualche componente dello strumento, inviarlo in riparazione. 7. Immergere gli strumenti in una soluzione disinfettante a base di polifenoli alla concentrazione di 0,4% per 30 minuti oppure di 1% per 10 minuti. La soluzione deve essere allestita al momento dell utilizzo, onde evitare contaminazioni. 8. Rimuovere le valvole di aspirazione, insufflazione e del canale bioptico, inserire i vari adattatori previsti dalla casa costruttrice ed irrorare con il disinfettante i canali operativi e non. 9. Risciacquare con acqua corrente ed avviare al lavaggio / disinfezione / sterilizzazione. N.B. 1. E tassativo che materiali le cui caratteristiche tecniche impongono uno smontaggio o manipolazione, debbano essere sottoposti a decontaminazione chimica manuale prima di qualsiasi manipolazione. 2. Gli strumenti vanno trattati tempestivamente dopo l uso in quanto se vengono lasciati asciutti per un lungo periodo, i residui possono seccarsi nello strumento determinando incrostazioni fino all occlusione del lume e danno agli strumenti stessi. 3. Se gli strumenti vengono lasciati immersi in liquidi per un lungo periodo, le guarnizioni dello strumento possono deteriorarsi. 4. Gli strumenti non vanno mai immersi in soluzione fisiologica. 5. Gli strumenti devono essere avviati al lavaggio entro e non oltre un ora dalla decontaminazione. 6. Il lavaggio deve sempre essere effettuato con acqua fredda. 10

11 8.1.2 MATERIALE OCCORRENTE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE o Guanti monouso in gomma o Camice o Mascherina con visiera o Occhiali protettivi o Grembiule impermeabile DETERGENTI E DISINFETTANTI o Detergente enzimatico o Alcool a 70 o Soluzione a base di polifenoli ALTRI MATERIALI o Telini sterili e materiali di consumo o Contenitori rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo 8.2 LAVAGGIO Il lavaggio ha lo scopo di rimuovere i residui di sostanze organiche e inorganiche ed i microrganismi. Il risultato di una buona azione di detersione porta ad una riduzione quali-quantitativa della contaminazione microbica (bioburden), che è il prerequisito per il successo della disinfezione e della sterilizzazione dello strumento Lavaggio manuale 1. Indossare i dispositivi di protezione individuale. 2. Immergere per il tempo previsto tutte le parti smontate in una soluzione detergente a base enzimatica rispettando rigorosamente le indicazioni del fabbricante relative a concentrazione, temperatura e tempo d azione. 3. Pulire il canale bioptico con specifico scovolino passando per tre volte all interno e pulendo ogni volta lo scovolino prima di reinserirlo nel canale. 4. Irrorare i canali con acqua e detergente enzimatico utilizzando una siringa da 50cc adeguata per garantire un buon flusso per secondi, ciò al fine di eliminare eventuali residui biologici refluiti all interno; se disponibile, collegare l eventuale raccordo ad Y fornito dalla casa 11

12 produttrice (ricordare che questo è multiuso e deve essere trattato come l endoscopio). 5. Spazzolare puntale e sbocco dei canali. 6. Qualora si rendesse necessario, per pulire le cavità, utilizzare una pistola apposita, spazzole e filo metallico. 7. Detergere ogni valvola; 8. Passare con una garza imbevuta di detergente enzimatico sullo strumento nella sua parte esterna; 9. Eseguire le precedenti manovre, fino a che i residui siano stati completamente rimossi. 10. Risciacquare tutti i canali, l endoscopio, le valvole ed ogni parte smontabile dello strumento con abbondante acqua corrente per rimuovere ogni traccia di detergente come descritto al punto Utilizzare per le operazioni di risciacquo l acqua deionizzata (distillata) ogniqualvolta la casa produttrice dello strumento lo raccomandi. 12. Lasciare sgocciolare tutti i componenti onde evitare diluizioni successive del disinfettante. 13. Pulire impugnatura e manopole non immergibili con alcool 70 ed asciugare con un panno MATERIALE OCCORRENTE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE o Guanti monouso in gomma o Camice o Mascherina con visiera o Occhiali protettivi o Grembiule impermeabile DETERGENTI E DISINFETTANTI o Detergente enzimatico o Alcool a 70 ALTRI MATERIALI o Scovolino e raccordo dei canali operativi o Telini puliti e materiali di consumo 12

13 8.3 DISINFEZIONE DI ALTO LIVELLO La disinfezione di alto livello è il processo minimo richiesto per gli strumenti semicritici. Garantisce la possibilità di riutilizzo dello strumento in tempi stretti. Può essere compiuta preferibilmente utilizzando il disinfettante con macchine lavaendoscopi automatiche, oppure anche manualmente mediante immersione degli strumenti in un recipiente ampio contenente una soluzione disinfettante idonea. La disinfezione di alto livello in Azienda viene effettuata con GTA alcalina. Il ciclo di disinfezione dello strumento può avvenire con metodo: a) manuale; b) meccanico Disinfezione manuale di alto livello con glutaraldeide (GTA) al 2% o ortoftalaldeide 0,55% La procedura di disinfezione manuale con GTA al 2% o ortoftalaldeide allo 0,55%, deve essere eseguita sotto cappa chimica aspirante dotata di filtri, dopo aver effettuato la decontaminazione e la pulizia dell endoscopio come sopra descritto. La GTA prima dell utilizzo deve essere attivata, tramite l aggiunta di un tampone e di un tensioattivo per raggiungere un ph di ; la soluzione rimarrà stabile per circa 14 giorni, (al termine di tale periodo deve essere smaltita considerandola un rifiuto tossico). La ortoftaraldeide allo 0,55% non richiede attivazione e la soluzione è pronta all uso; la soluzione, una volta posta nella vasca di lavaggio, può essere utilizzata per 14 giorni. 13

14 8.3.1 a Descrizione della procedura 1. Indossare i dispositivi di protezione individuale: facciale filtrante dotato di filtro al carbone attivo, che sia di classe almeno FFP1, (conforme al 89/686/CEE secondo il DL.vo 475/1992) occhiali protettivi con ripari laterali, visiera facciale trasparente, guanti monouso in vinile (o doppio paio in lattice), camice idrorepellente, grembiule impermeabile, cuffia, calzature chiuse e soprascarpe. 2. Immergere l endoscopio, le valvole, gli accessori, in una soluzione di GTA alcalina attivata al 2% o ortoftalaldeide allo 0,55%. Lo strumento deve essere posto in posizione inclinata in modo che le bolle di aria, presenti nelle cavità, fuoriescano per garantire un trattamento su tutta la superficie. 3. Riempire con la soluzione disinfettante i canali operativi. 4. Chiudere il recipiente con coperchio a tenuta e lasciare immersi gli strumenti per un tempo minimo di immersione di 20 minuti per l inattivazione di tutte le forme vegetative. Per quanto riguarda il broncoscopio è necessario un tempo minimo di immersione di 30 minuti al fine di inattivare il Mycobacterium tubercolosis. Al termine del tempo di immersione 1. Indossare guanti sterili 2. Risciacquare abbondantemente ed accuratamente con soluzione sterile, sia le parti esterne che i canali operativi, sia le valvole, sia gli accessori; 3. Asciugare i canali interni irrigandoli con alcool 70 aspirare o insufflare aria compressa, tamponare l endoscopio esternamente con una garza o un telino sterili che non lasci residui di fibre. L asciugatura con alcool ed aria compressa deve essere praticata dopo l impiego su ciascun paziente al fine di evitare la proliferazione di microrganismi nei canali dell endoscopio. 4. Rimontare l endoscopio utilizzando telini sterili per non contaminare lo strumento e procedere al riutilizzo o allo stoccaggio. 14

15 8.3.1 b Stoccaggio Se l endoscopio non viene immediatamente riutilizzato è necessario procedere alla corretta conservazione dello strumento negli appositi armadi, in posizione verticale, dopo aver provveduto all instillazione di alcool a 70 nei canali interni. In caso di impossibilità di riporlo nell apposito armadio, confezionare lo strumento avvolgendolo in un telino sterile, inserendolo in una busta chiusa e riporlo all interno di un armadio chiuso. In caso di trasporto per utilizzo in altra unità operativa lo strumento deve essere avvolto in telino sterile, inserito in una doppia busta e poi riposto nella apposita valigia. Dopo l utilizzo lo strumento sporco va inserito nella stessa busta usata per il trasporto iniziale, posizionato nella valigia e trasportato fino all area per il trattamento degli endoscopi Lavaggio/disinfezione ad alto livello meccanica (con macchina lavaendoscopi) In azienda esistono macchine lavaendoscopi che utilizzano GTA per la disinfezione di alto livello a Descrizione della procedura Da eseguire solo dopo aver effettuato la decontaminazione dell endoscopio come descritto al punto Indossare i dispositivi di protezione individuale 2. Utilizzare solo disinfettanti appositamente indicati dal produttore della macchina lavaendoscopi e compatibili con gli strumenti endoscopici. 3. Posizionare lo strumento nell apposito cestello/vaschetta. Raccordare i canali operativi alla macchina lavaendoscopi secondo le istruzioni riportate nel manuale d uso. 4. Mettere nel cestello gli accessori e le valvole. 15

16 5. Assicurarsi che tutti gli strumenti siano ben fissati alla vaschetta, che non si tocchino l uno con l altro, che sia favorito il risciacquo. 6. Aprire i morsi degli strumenti manuali. 7. Scegliere, ove la macchina lo consenta, un programma ottimizzato per il trattamento degli endoscopi ricordando di non utilizzare temperature alte per il ciclo di prelavaggio e lavaggio poiché le alte temperature causano una denaturazione delle proteine e dei residui, che inibiscono la pulizia effettiva. 8. Se la macchina lo prevede procedere sempre al ciclo di asciugatura. Al termine del ciclo di trattamento 1. Indossare guanti sterili 2. Asciugare (se la macchina non prevede il ciclo di asciugatura) i canali interni irrigandoli con alcool 70 aspirare o insufflare aria compressa, tamponare l endoscopio esternamente con una garza o un telino sterile che non lasci residui di fibre. L asciugatura con aria compressa deve essere praticata dopo il trattamento dello strumento per ciascun paziente al fine di evitare la proliferazione di microrganismi nei canali dell endoscopio. 3. Rimontare l endoscopio utilizzando telini sterili per non contaminare lo strumento e procedere al riutilizzo o allo stoccaggio b Stoccaggio Se l endoscopio non viene immediatamente riutilizzato è necessario procedere alla corretta conservazione dello strumento negli appositi armadi, in posizione verticale, dopo aver provveduto all instillazione di alcool a 70 nei canali interni. In caso di impossibilità di riporlo nell apposito armadio, confezionare lo strumento avvolgendolo in un telino sterile, inserendolo in una busta chiusa e riporlo all interno di un armadio chiuso. In caso di trasporto per utilizzo in altra unità operativa lo strumento deve essere avvolto in telino sterile, inserito in una doppia busta e poi riposto nella apposita valigia. Dopo l utilizzo lo strumento sporco va inserito nella stessa 16

17 busta usata per il trasporto iniziale, posizionato nella valigia e trasportato fino all area per il trattamento degli endoscopi. 8.4 STERILIZZAZIONE Un processo di sterilizzazione deve essere obbligatoriamente eseguito per gli strumenti considerati critici (es.: pinze bioptiche, valvole e laparoscopi), ed è consigliabile anche per gli strumenti semicritici. In Azienda per gli endoscopi si utilizzano i seguenti metodi di sterilizzazione: a) acido peracetico; b) vapore saturo sotto pressione; c) ossido di etilene Sterilizzazione con acido peracetico E un sistema automatico che si avvale necessariamente di una macchina lavaendoscopi e che utilizza una miscela tamponata di acido peracetico a temperature di esercizio comprese tra 50 C e 55 C. Garantisce la possibilità di riutilizzo dello strumento in tempi stretti. In Azienda esistono diverse macchine lavaendoscopi che utilizzano questo mezzo di sterilizzazione; nella gestione del sistema è necessario attenersi scrupolosamente a quanto indicato dal fabbricante a Descrizione della procedura Da eseguire solo dopo aver effettuato la decontaminazione dell endoscopio come descritto al punto Indossare i dispositivi di protezione individuale con particolare attenzione per i dispositivi per la protezione degli occhi. 2. Utilizzare solo disinfettanti appositamente indicati dal produttore della macchina lavaendoscopi e compatibili con gli strumenti endoscopici. 17

18 3. Posizionare lo strumento nell apposito cestello/vaschetta. Raccordare i canali operativi alla macchina lavaendoscopi secondo le istruzioni riportate nel manuale d uso. 4. Mettere nel cestello gli accessori e le valvole. 5. Assicurarsi che gli strumenti siano ben fissati alla vaschetta. 6. Scegliere un programma ottimizzato per il trattamento degli endoscopi ricordando di non utilizzare temperature alte per il ciclo di prelavaggio e lavaggio poiché le alte temperature causano una denaturazione delle proteine e dei residui, che inibiscono la pulizia effettiva. Se la macchina lo prevede procedere sempre al ciclo di asciugatura. Al termine del ciclo di trattamento 1. Indossare guanti sterili. 2. Asciugare (se la macchina non prevede il ciclo di asciugatura) i canali interni irrigandoli con alcool 70 aspirare o insufflare aria compressa, tamponare l endoscopio esternamente con una garza o un telino sterili che non lasci residui di fibre. L asciugatura con aria compressa deve essere praticata dopo il trattamento dello strumento per ciascun paziente al fine di evitare la proliferazione di microrganismi nei canali dell endoscopio. 3. Rimontare l endoscopio utilizzando telini sterili per non contaminare lo strumento e procedere al riutilizzo o allo stoccaggio b Stoccaggio Lo strumento trattato con questa metodica raggiunge il requisito di sterilità, ma non lo conserva nel tempo. Se l endoscopio non viene immediatamente riutilizzato è necessario procedere alla corretta conservazione dello strumento negli appositi armadi, in posizione verticale, dopo aver provveduto all instillazione di alcool a 70 nei canali interni. 18

19 In caso di impossibilità di riporlo nell apposito armadio, confezionare lo strumento avvolgendolo in un telino sterile, inserendolo in una busta chiusa e riporlo all interno di un armadio chiuso. In caso di trasporto per utilizzo in altra unità operativa lo strumento deve essere avvolto in telino sterile, inserito in una doppia busta e poi riposto nella apposita valigia. Dopo l utilizzo lo strumento sporco va inserito nella stessa busta usata per il trasporto iniziale, posizionato nella valigia e trasportato fino all area per il trattamento degli endoscopi Sterilizzazione con vapore saturo sotto pressione Questo metodo di sterilizzazione, che utilizza il vapore saturo sotto pressione (alle temperature di esercizio di 121 o 134 C), è considerato il metodo di elezione per tutti gli strumenti e gli accessori costruiti in modo da non venire danneggiati dal calore e dall umidità (es.: broncoscopio rigido, laparoscopio, strumenti per toracoscopia, pinze bioptiche). Non possono essere trattati con questo metodo gli strumenti costituiti da materiale termolabile. Ha il vantaggio della efficacia, rapidità, facilità, atossicità e basso costo; deve essere sempre utilizzato quando è possibile a Descrizione della procedura 1. Decontaminare l endoscopio procedendo come descritto al punto Lavare l endoscopio procedendo come descritto al punto Asciugare i canali interni, aspirando o insufflando aria e tamponare l endoscopio esternamente con una garza o un telino sterili che non lasci residui di fibre. L asciugatura è una fase fondamentale poiché residui di acqua o umidità sullo strumentario possono compromettere l azione dell agente sterilizzante. 4. Rimontare l endoscopio utilizzando telini sterili per non contaminare lo strumento. Confezionamento 19

20 Il corretto confezionamento dell endoscopio è indispensabile per mantenere il requisito di sterilità, oltre a permettere una buona penetrazione dell agente sterilizzante. Le eventuali parti acuminate devono essere sempre protette per evitare che l integrità della confezione venga alterata invalidando il requisito di sterilità. I materiali più comunemente usati per il confezionamento sono: fogli in carta fogli in TNT (tessuto non tessuto) o polipropilene accoppiato carta polipropilene containers con filtri a valvola. Tutte le confezioni in polipropilene devono essere chiuse mediante termosaldatura, elemento fondamentale che impedisce la contaminazione e che garantisce il mantenimento del requisito di sterilità nel tempo. I dati relativi alla data di confezionamento e alla unità operativa di provenienza non devono essere scritte direttamente sul pacco con penna ad inchiostro, ma impostati e stampati dalla termosaldatrice stessa o apposti su etichetta adesiva b Stoccaggio e durata della sterilità L endoscopio sterile deve essere conservato in ambienti chiusi e puliti, il cui accesso deve essere limitato a poche persone, il locale adibito a deposito non deve essere in una zona di passaggio continuo o contiguo a locali sporchi. Il deposito in armadi chiusi è da considerarsi il più idoneo per la protezione da polveri e fonti di luce e di calore. Le mani degli operatori che manipolano confezioni sterili devono essere pulite e asciutte. Le confezioni venute a contatto con materiale sporco, cadute a terra, accidentalmente bagnate o lacerate devono essere considerate non sterili e nuovamente sottoposte a ciclo di sterilizzazione. La durata della sterilità dipende da due variabili essenziali: corretto confezionamento 20

21 adeguata conservazione in appositi spazi; quando queste vengono rispettate, la durata varia secondo il tipo di confezionamento effettuato (vedi tabella). Tipologia confezionamento Durata della sterilità 1 Fogli in carta gg se ben conservati 2 Fogli in TNT/polipropilene 30 gg se ben conservati 3 Accoppiato carta polipropilene 30 gg in busta singola 60 gg in busta doppia 4 Containers a filtri o a valvole 30 gg se ben conservati Sterilizzazione con ossido di etilene (Et.O.) E un sistema che si avvale di autoclavi a gas Et.O.; data l infiammabilità ed esplosività del gas, le autoclavi utilizzate in questo tipo di sterilizzazione devono essere installate in locali adibiti esclusivamente a tale impiego, l utilizzo è regolamentato dalla Circolare Ministero della Sanità n.56/1983 e riservato ad operatori in possesso di specifica abilitazione,. In questa Azienda la sterilizzazione ad Et.O. è stata affidata a ditta appaltatrice. L indicazione di questo tipo di sterilizzazione è rappresentata dalla possibilità di sterilizzare materiali termolabili; è necessario considerare sempre che il tempo medio di riconsegna dello strumento è di 48 ore dal momento dell invio a Descrizione della procedura Procedere come descritto al punto a b Stoccaggio e durata della sterilità Procedere come descritto al punto b 21

22 9. SCELTA del METODO per il trattamento degli endoscopi presso l Azienda S.Camillo-Forlanini STRUMENTO Broncoscopio Gastroscopio Cistoscopio METODO DA UTILIZZARE Disinfezione alto livello Sterilizzazione GTA Ac. Peracetico 30 minuti GTA 20 minuti GTA 20 minuti Et.O. Ac. Peracetico Et.O. Ac. Peracetico Et.O. Artroscopio NO Vapore s.s.p. Isteroscopio NO Ac. Peracetico Et.O. Laparoscopio NO Vapore s.s.p. Et.O. Fibrolaringoscopio NO Ac. Peracetico Et.O Laringoscopio NO Vapore s.s.p. Et.O. Ogni endoscopio Vapore s.s.p. utilizzato nel NO Et.O. campo operatorio Leggenda GTA: glutaraldeide Et.O.: ossido di etilene s.s.p.: saturo sotto pressione (autoclave a vapore) 22

Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti

Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Corso di formazione TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI IGIENE E SICUREZZA Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Dott. Cagarelli Roberto Dipartimento sanità pubblica di Modena Modena, 22

Dettagli

STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE TERMICA E/O CHIMICA

STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE TERMICA E/O CHIMICA STERILIZZAZIONE La necessità di operare in un ambiente ambulatoriale protetto che garantisca la corretta sterilizzazione degli strumenti è un problema attuale e urgente. L odontoiatria è una branca operativa

Dettagli

Gentile paziente, Il personale dello studio è a tua disposizione per ulteriori delucidazioni in merito all argomento.

Gentile paziente, Il personale dello studio è a tua disposizione per ulteriori delucidazioni in merito all argomento. Gentile paziente, Desideriamo informarti circa i rigorosi protocolli di disinfezione e sterilizzazione che vengono routinariamente adottati nel nostro studio, nell interesse tuo e di tutto il personale,

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione Procedure di disinfezione e sterilizzazione Opuscolo informativo per il paziente Gentili pazienti, lo scopo di questo opuscolo è quello di informarvi sulle rigorose procedure di disinfezione e sterilizzazione

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA CORRETTA PROCEDURA DI STERILIZZAZIONE A VAPORE

LINEE GUIDA PER UNA CORRETTA PROCEDURA DI STERILIZZAZIONE A VAPORE LINEE GUIDA PER UNA CORRETTA PROCEDURA DI STERILIZZAZIONE A VAPORE Principali norme di riferimento: Norma Italiana Guida alla progettazione, allo sviluppo e al controllo del processo di ricondizionamento

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

Dott.ssa Alessandra Palmieri

Dott.ssa Alessandra Palmieri Università degli Studi di Sassari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dott.ssa Alessandra Palmieri Istituto di Igiene e Medicina Preventiva PROFILASSI Tutte quelle attività che hanno l obiettivo di impedire

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE LA DISINFEZIONE La lotta alle malattie infettive passa necessariamente dalle procedure di disinfezione Fulvio MARSILIO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo LA SCELTA Sul mercato

Dettagli

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE PREVENZIONE complesso delle misure di profilassi volte ad evitare l insorgenza di una malattia in una popolazione. PROFILASSI complesso delle misure utili a prevenire la comparsa

Dettagli

Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente alle voci previste nel capitolo Requisiti generali, in particolare i punti:

Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente alle voci previste nel capitolo Requisiti generali, in particolare i punti: Requisiti richiesti agli studi odontoiatrici, per ottemperare a quanto previsto dalla Delibera della Giunta Regionale dell Emilia-Romagna n. 327 del 23/02/04 Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE Dott. Mauro Verna Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione A.S.U.R. Zona Territoriale 7 Ancona Dott.

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA RICONDIZIONAMENTO FIBROSCOPI FLESSIBILI ED ACCESSORI

ISTRUZIONE OPERATIVA RICONDIZIONAMENTO FIBROSCOPI FLESSIBILI ED ACCESSORI E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA ISTRUZIONE OPERATIVA RICONDIZIONAMENTO FIBROSCOPI FLESSIBILI PREPARATO VERIFICATO APPROVATO M.Grazia Tagliafico M.Angela Picetti Giacomo Robello Francesca Taddeo Maria Ferretti

Dettagli

ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA

ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA FARMACIA XXXXXX del dott. XXXXXX Via xxxxx, xx xxxxxx yyyyyyy PROCEDURA 3 - ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA Rev. 0 del 04/03/2015 ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Perché l esigenza delle linee guida: dati statistici In Italia su circa 9.500.000 pazienti ricoverati

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015 RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO A.I.S.O 17 aprile 2015 Sterilizzazione : lo stato di fatto Momento fondamentale di prevenzione nel controllo del rischio infettivo Direttiva CEE 42/93 Norme UNI-EN

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI : OGPRO07/d MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE

Dettagli

Profilassi delle malattie infettive

Profilassi delle malattie infettive Profilassi delle malattie infettive SPECIFICA DIRETTA INDIRETTA Soggetto suscettibile IMMUNOPROFILASSI Sorgente/serbatoio di infezione Veicoli, Vettori NOTIFICA, INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA ISOLAMENTO DISINFEZIONE

Dettagli

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O.

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN 3 maggio 2012 AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. NAPOLI 2012 N. 1 SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AMBIENTALE NELLE

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE MATERIALE NON CRITICO Strumenti che vengono in contatto con la cute intatta ed hanno basso rischio di trasmissione delle infezioni. Garze Letterecci Stetoscopi Stoviglie,

Dettagli

Test di stabilità: applicazione della norma R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS

Test di stabilità: applicazione della norma R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS Test di stabilità: applicazione della norma UNI EN ISO 11607 R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS LO STOCCAGGIO DEI DISPOSITIVI MEDICI IN UN BLOCCO OPERATORIO!!! PROBLEMA SPESSO DIMENTICATO DAI

Dettagli

Il Manuale della STERILIZZAZIONE

Il Manuale della STERILIZZAZIONE Il Manuale della STERILIZZAZIONE A Cura: Direzione Sanitaria Servizi Infermieristici: Oltrepò - Lomellina Specialistica Ambulatoriale Dipartimento di Salute Mentale Revisione Dicembre 2003-1 - IL MANUALE

Dettagli

La sterilizzazione dei dispositivi medici : cosa c è di nuovo

La sterilizzazione dei dispositivi medici : cosa c è di nuovo II Congresso Internazionale per Infermieri di Camera Operatoria Nursing Peri Operatorio, Tecniche Chirurgiche e Management Infermieristico 28-29 settembre 2012 Centro Congressi Hotel Palace Repubblica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA. Servizio di Prevenzione e Protezione. Elenco dei DPI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA. Servizio di Prevenzione e Protezione. Elenco dei DPI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA Servizio di Prevenzione e Protezione Elenco dei DPI 1 Caratteristiche dei DPI INDICE 1. PREMESSA 3 2. DPI PER LA PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE 5 3. DPI PER LA PROTEZIONE

Dettagli

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 CALORE COME MEZZO STERILIZZANTE IL CALORE E IL MEZZO PIU USATO PER LA STERILIZZAZIONE, LIMITATAMENTE

Dettagli

Destinatari della procedura Infermieri, Ostetriche OSS

Destinatari della procedura Infermieri, Ostetriche OSS AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93271 Fax 06 93273866 PROCEDURA AZIENDALE DI STERILIZZAZIONE ELABORAZIONE VERIFICA EMANAZIONE DATA REVISIONE PREVISTA CC.PP.SS.EE.

Dettagli

Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1

Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1 Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1 Obiettivi Evitare che vi facciate del male, o peggio, durante la vostra futura attività di Croce Rossa. Per oggi ci limiteremo a: Illustrare

Dettagli

L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida

L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida System 1 Express Sistema di sterilizzazione L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida Per una rapida rotazione Eccellenza ed efficienza: SYSTEM 1 EXPRESS rispetta la tradizione SYSTEM 1 Efficienza

Dettagli

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE Il D.S.G.A. dovrà produrre l Elenco delle Sostanze Utilizzate (prodotti per la pulizia, l igiene, ecc.). L originale del

Dettagli

PROCEDURA AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI MONALDI COTUGNO - CTO. Titolo. Il Monitoraggio Microbiologico Ambientale

PROCEDURA AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI MONALDI COTUGNO - CTO. Titolo. Il Monitoraggio Microbiologico Ambientale Pagina 1 di 9 PROCEDURA Modalità di trasmissione alle UU.OO. Invio copia cartacea Pubblicazione sul sito aziendale Rev. Data Motivo Revisione Approvazione: CIO 01 Aprile 2011 Recepimento Nuove Linee Guida

Dettagli

RICONDIZIONAMENTO IGIENICO DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA

RICONDIZIONAMENTO IGIENICO DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA E.O. OSPEDALI GALLIEA - GENOVA ICONDIZIONAMENTO IGIENICO DELLA VASCA PE IL TAVAGLIO ED IL PATO IN ACQUA PEPAATO VEIFICATO APPOVATO ACHIVIATO Nadia Cenderello Paola Fabbri Carla Fraguglia Mauro Nelli Ufficio

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

0.1. Registrazione dei processi di sterilizzazione 4 0.2. Verifica del ciclo di sterilizzazione 4

0.1. Registrazione dei processi di sterilizzazione 4 0.2. Verifica del ciclo di sterilizzazione 4 Pagina 1 di 1 0.1. Registrazione dei processi di sterilizzazione 4 0.2. Verifica del ciclo di sterilizzazione 4 REVISIONI N REV DATA Rif. APPROV DESCRIZIONE PARAGR. Rif. PAGINA NOTE 00 01/07/05 1ª Emissione

Dettagli

STERILIZZAZIONE: STATO DELL ARTE

STERILIZZAZIONE: STATO DELL ARTE STERILIZZAZIONE: STATO DELL ARTE Roberto Bruschi SAN MARINO 23-24 SETTEMBRE 2011 La situazione normativa esistente riguardante il settore della sterilizzazione ha subito una piccola rivoluzione. Numerose

Dettagli

RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE

RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEFINIZIONI Per pulizia si intende la rimozione meccanica dello sporco da superfici ed oggetti. Di norma viene eseguita con l impiego di acqua e detergenti diluiti

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy & ECOLAB F&B Agri Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando Dott. D. Borella Application Manager F&B Italy Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando La mastite in sala mungitura Agenti

Dettagli

LA MISURA DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA

LA MISURA DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA LA MISURA DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA Corso teorico pratico Modulo I LA SPIROMETRIA Torino, 9-10 novembre 2012 Gli spirometri: calibrazione, manutenzione e controllo delle contaminazioni Vincenza Glave

Dettagli

Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI IN OPEDALE

Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI IN OPEDALE AA Z I EE NN DD AA OO S P EE DD AA L I EE RR AA SS A NN CC A MM I L L OO FF O RR L AA NN I NN I Via Portuense, 332-00149 ROMA Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI

Dettagli

Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici

Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici Sterilizzatrici per uso medico - Sterilizzazione UNI EN 285 Sterilizzazione

Dettagli

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE IGIENE E SICUREZZA DEI CIRCUITI IDRICI DEI RIUNITI L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE TRATTAMENTO E DISINFEZIONE ACQUE PERCHE TRATTARE E DISINFETTARE L ACQUA IN AMBITO ODONTOIATRICO? INFEZIONE

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Presso l Ospedale Manzoni di. Confezionamento dei dispositivi medici da sterilizzare: revisione critica delle istruzioni operative.

Presso l Ospedale Manzoni di. Confezionamento dei dispositivi medici da sterilizzare: revisione critica delle istruzioni operative. 01 Confezionamento dei dispositivi:il dolore da procedura nel bamb 28/06/11 11:04 Pagina 185 ARGOMENTI VARI Confezionamento dei dispositivi medici da sterilizzare: revisione critica delle istruzioni operative

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera U.O. PROVVEDITORATO ECONOMATO Tel 0372 405565 Fax 0372 405650 E-mail economato@ospedale.cremona.it ALLEGATO TECNICO PRODOTTI PER STERILIZZAZIONE I prodotti

Dettagli

marcatura Il S.G.Q. aziendale DE LAMA è certificato: ISO 9001: 2000 - Cert. n 0351 ISO - UNI CEI EN 13485 - Cert. n 1275

marcatura Il S.G.Q. aziendale DE LAMA è certificato: ISO 9001: 2000 - Cert. n 0351 ISO - UNI CEI EN 13485 - Cert. n 1275 marcatura Il S.G.Q. aziendale DE LAMA è certificato: ISO 9001: 2000 - Cert. n 0351 ISO - UNI CEI EN 13485 - Cert. n 1275 Autoclavi di sterilizzazione a vapore saturo DE LAMA DLOH Le autoclavi di sterilizzazione

Dettagli

Igiene delle mani negli ambienti sanitari

Igiene delle mani negli ambienti sanitari LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori UU.OO. Servizio Infermieristico Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev Causale Redazione Verifica Approv. DG 01 14.02.2012 Revisione Gruppo

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Raccomandazioni per la pulizia, decontaminazione e sterilizzazione dei dispositivi ortopedici di Medacta

Raccomandazioni per la pulizia, decontaminazione e sterilizzazione dei dispositivi ortopedici di Medacta Raccomandazioni per la pulizia, decontaminazione e sterilizzazione dei dispositivi ortopedici di Medacta INTERNATIONAL 1 Questo documento è stato redatto per fornire istruzioni relative alla pulizia, decontaminazione

Dettagli

LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO. Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4

LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO. Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4 LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4 IMPORTANZA DELLA COMPONENTE TECNICA DISINFEZIONE DEL MONITOR OGNI SEDUTA DIALITICA

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

IL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE

IL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE IL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE L adozione di una corretta procedura di sterilizzazione non solo rende sicuro l uso degli strumenti ma garantisce l intera operatività dello Studio, prevenendo rischi di

Dettagli

IL PROCESSO DI RICONDIZIONAMENTO DEI DISPOSITIVI MEDICI RIUTILIZZABILI IN AMBITO ODONTOIATRICO

IL PROCESSO DI RICONDIZIONAMENTO DEI DISPOSITIVI MEDICI RIUTILIZZABILI IN AMBITO ODONTOIATRICO IL PROCESSO DI RICONDIZIONAMENTO DEI DISPOSITIVI MEDICI RIUTILIZZABILI IN AMBITO ODONTOIATRICO INDICE Presentazione Pag. 1 Obiettivi 2 Ambiti di applicazione 2 Progetto 3 Analisi del rischio clinico 5

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Rev Data Causale Verifica Approvazione Destinatari 0 20/10/2007 Prima emissione Comitato Infezioni Ospedaliere 1 06/09/2010 Aggiornamento Comitato Infezioni Ospedaliere 2 20/09/2012

Dettagli

Procedura aziendale per la gestione della sterilizzazione e della tracciabilità dei dispositivi medici riutilizzabili nell Azienda USL 3 di Pistoia.

Procedura aziendale per la gestione della sterilizzazione e della tracciabilità dei dispositivi medici riutilizzabili nell Azienda USL 3 di Pistoia. Pagina 1 di 31 Procedura aziendale per la gestione della sterilizzazione e della tracciabilità dei dispositivi medici riutilizzabili nell Azienda USL 3 di Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione

Dettagli

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 11 Documento Codice documento TFA01 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 11 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI DEI LOCALI I locali nei quali sono eseguite le attività di tatuaggio e di piercing devono essere in possesso

Dettagli

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 Area igienico sanitaria 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 SALUTE SICUREZZA 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 2 Cosa intendiamo per sicurezza. Sicurezza: situazione certa e costante

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione PROCEDURA Procedure di disinfezione e sterilizzazione Paola Tomao Metodica di lavoro riguardante l insieme delle azioni da organizzare in uno spazio temporale definito e in cui si riconoscono le responsabilità,

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto RISCHIO BIOLOGICO DEFINIZIONE: Il rischio biologico è la possibilità di contrarre una malattia infettiva nel corso delle

Dettagli

ESECUZIONE DEL PROCESSO DI MANTENIMENTO QUALITATIVO AMBIENTALE MEDIANTE IMPIEGO DEL SISTEMA METROlOGIKA

ESECUZIONE DEL PROCESSO DI MANTENIMENTO QUALITATIVO AMBIENTALE MEDIANTE IMPIEGO DEL SISTEMA METROlOGIKA C/O BIOINDUSTRY PARK SILVANO FUMERO S.P.A. I T A L I A TEL. + 39 0125 53 80 01 VIA RIBES 5-10100 FAX + 39 0125 53 80 01 COLLERETTO GIACOSA (TO) MLBIOTECH @ PEC. IT P. I. / C. F. 10 586 73 00 11 REGISTRO

Dettagli

NUOVE NORME EMESSE (inserite in elenco) e RITIRATE (inserite in elenco)

NUOVE NORME EMESSE (inserite in elenco) e RITIRATE (inserite in elenco) NOTE RISPETTO ALLA REVISIONE PRECEDENTE NUOVE NORME EMESSE (inserite in elenco) e RITIRATE (inserite in elenco) UNI EN ISO 11607-1:2014 09.10.2014 UNI EN ISO 11607-2:2014 09.10.2014 EN ISO 11140-1:2014

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE Pag. 1 di 17 PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli

Disinfezione Fornitura Lavaggio. Versione 1.0i / aprile 2010. QM-Ident: RN202_00_001d_AL / V01 / wma / wdm / 01.05.10 1 / 37

Disinfezione Fornitura Lavaggio. Versione 1.0i / aprile 2010. QM-Ident: RN202_00_001d_AL / V01 / wma / wdm / 01.05.10 1 / 37 Buona prassi di approntamento di dispositivi medici per gli studi medici e odontoiatrici nonché altri utilizzatori di piccole sterilizzatrici a vapore saturo Disinfezione Fornitura Lavaggio Utilizzo Manutenzione/

Dettagli

Il vapore. che disinfetta. LA PREVENZIONE

Il vapore. che disinfetta. LA PREVENZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE: - Sistema elettronico di gestione e controllo delle funzioni. - 4 programmi di sanificazione preimpostati. - Sistema di riconoscimento utente tramite card RFID - Stampante termica

Dettagli

easyclean La ringraziamo per avere scelto il nuovo tiologic

easyclean La ringraziamo per avere scelto il nuovo tiologic ripristino del tiologic easyclean it Ripristino del tiologic Lo sperimentato tiologic può essere pulito eccellentemente senza prelavaggio meccanico. * *Validazione rilasciata da: 2 ripristino del tiologic

Dettagli

Data elaborazione: 1 marzo 2006 Data revisione: 1 marzo 2008. Gruppo di lavoro: Coordinamento e supervisione metodologica

Data elaborazione: 1 marzo 2006 Data revisione: 1 marzo 2008. Gruppo di lavoro: Coordinamento e supervisione metodologica Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca Granda L ALTA DISINFEZIONE per la prevenzione e la sorveglianza delle infezioni trasmissibili attraverso l uso di strumenti endoscopici linee guida evidence based

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto RISCHIO CHIMICO DEFINIZIONE Per Rischio Chimico si intende la probabilità che una sostanza o un preparato sia esso solido,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI 1 di 7 REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI I laboratori dovranno essere lasciati chiusi a chiave. Dispongono di una chiave personale: gli Insegnanti di Scienze l Assistente. Copie della chiavi sono

Dettagli

SCHEDA TECNICA HY CARE 2.0 CETIC. Dispositivo Medico di classe II B

SCHEDA TECNICA HY CARE 2.0 CETIC. Dispositivo Medico di classe II B HY CARE 2.0 CETIC Dispositivo Medico di classe II B 0546 Nome Commerciale HY CARE 2.0 CETIC Dispositivo medico disinfettante di classe II B Marcatura: CE dell organismo notificato n.0546 Certiquality Prodotto

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica sede di

Corso di Laurea in Infermieristica sede di Corso di Laurea in Infermieristica sede di ABILITA PRATICHE( SKILLS ) Igiene delle mani: lavaggio sociale Fasi e sequenza operativa Corretto Non IRR Materiale occorrente: detergente in flacone con dispenser,

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

LA SANIFICAZIONE DELLE SALE OPERATORIE:QUALI STRATEGIE PER UN AMBIENTE SICURO. Sandra Pratesi Cinzia Bettinati

LA SANIFICAZIONE DELLE SALE OPERATORIE:QUALI STRATEGIE PER UN AMBIENTE SICURO. Sandra Pratesi Cinzia Bettinati LA SANIFICAZIONE DELLE SALE OPERATORIE:QUALI STRATEGIE PER UN AMBIENTE SICURO Sandra Pratesi Cinzia Bettinati PERCHE? INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO Rappresentano la terza infezione ospedaliera per frequenza

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

COMUNE DI ZAVATTARELLO

COMUNE DI ZAVATTARELLO M COMUNE DI ZAVATTARELLO PROVINCIA DI PAVIA MANUALE DI ESERCIZIO E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE 1 INDICE Premessa e richiami normativi 3 Criteri di potabilità 4 Interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

Cura e pulizia dei trasduttori e del sistema. 2013 Koninklijke Philips N.V. Tutti i diritti riservati. Pubblicato negli Stati Uniti.

Cura e pulizia dei trasduttori e del sistema. 2013 Koninklijke Philips N.V. Tutti i diritti riservati. Pubblicato negli Stati Uniti. l Cura e pulizia dei trasduttori e del sistema 4535 617 44391 Rev A Dicembre 2013 2013 Koninklijke Philips N.V. Tutti i diritti riservati. Pubblicato negli Stati Uniti. Philips Ultrasound 22100 Bothell-Everett

Dettagli

Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA

Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA Scopri i prodotti LG che ti offrono: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA FAMIGLIA LG: PIÙ IGIENE E PIÙ SALUTE PER LA TUA FAMIGLIA ASPIRAPOLVERE KOMPRESSOR LAVABIANCHERIA DIRECT DRIVE A VAPORE Da sempre LG è

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto D.P.I. (DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE) DPI cosa sono? DEFINIZIONE: per dispositivo di protezione individuale,

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE N

GUIDA ALLA MANUTENZIONE N N 4 dei parquet oliati DI LEGNO finitura sbiancata Per mantenere il vostro pavimento Di Legno luminoso nel tempo PERCHÈ QUESTA GUIDA? Benvenuti tra i felici possessori dei pavimenti Di Legno, i pavimenti

Dettagli

Sterilizzazione in ambito sanitario e socio-sanitario

Sterilizzazione in ambito sanitario e socio-sanitario Sterilizzazione in ambito sanitario e socio-sanitario 5 Sterilizzazione in ambito sanitario e socio-sanitario 5 La redazione della Guida è stata curata da Veronica Cappelli Maria Mongardi Maria Luisa

Dettagli

Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale

Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale «Listeria monocytogenes: Le nicchie negli impianti industriali e loro gestione» Langhirano

Dettagli

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI Denominazione struttura Indirizzo Gestita da Direttore sanitario Autorizzazione rilasciata dal Comune di in data atto n. REQUISITI GENERALI REQUISITI STRUTTURALI SICUREZZA

Dettagli

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Allegato n. 6 alla Delib.G.R. n. 47/15 del 29.9.2015 REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Scheda È la struttura dove si esegue il riscontro autoptico, ovvero una serie di procedure volte alla identificazione

Dettagli