Tecniche per la produzione igienica di carni fresche di ungulati domestici (animali da macello)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche per la produzione igienica di carni fresche di ungulati domestici (animali da macello)"

Transcript

1 La macellazione Tecniche per la produzione igienica di carni fresche di ungulati domestici (animali da macello) Prof. M. Trevisani Corso Igiene e Tecnologie alimentari Anno Produzione igienica delle carni Finalità: ricavare le carni (parti edibili del corpo degli animali sani) in modo igienico Eliminare i materiali specifici a rischio e le parti infette e contaminate Evitare inutili sofferenze agli animali Impianti e strutture In rapporto alla produttività meccanizzazione Lavoro 1

2 Principali tecniche della macellazione Animali che vengono scuoiati (bovini, bufalini, equidi, ovini, caprini) Animali che non sono scuoiati (suini) Le carcasse devono essere ridotti in mezzene (eccezione ovini e caprini, suini per la produzione della porchetta) Esigenza di linee separate per bovini, equini, bufalini Suini Ovini e caprini Principali fasi della macellazione Sosta degli animali Stordimento Sospensione Dissanguamento Rimozione della cute/setole, parte terminale degli arti, testa Rimozione dei visceri (pelvi, addome, torace) Divisione in mezzene Tolettatura e lavaggio Raffreddamento 2

3 Problematiche igieniche trasporto e sosta degli animali Stato sanitario in allevamento Influenza del trasporto (specie se a lunga distanza) Possibilità di escrezione/contaminazion e patogeni con le feci Stato di pulizia del mantello Danni da trasporto/stress Scarico suini puliti 3

4 Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause Animali non correttamente identificati non danno garanzie sulla situazione epidemiologica dell allevamento di provenienza e la normativa specifica sulla prevenzione delle encefalopatia spongiforme bovina ne limita l uso. (B) Animali affaticati e defedati possono produrre carni meno conservabili DFD in quanto soggette ad una maggiore proliferazione microbica. (B) Animali sporchi (in particolare se imbrattati di feci) compromettono la possibilità di prevenire adeguatamente la contaminazione delle carni. (B/F) Animali con segni d iniezioni ed anomalie del comportamento e delle caratteristiche sono sospetti di trattamenti illecito con ormoni. Anomalie neurologiche possono indurre un sospetto di BSE, listeriosi o intossicazione. Segni d iniezione sono indicativi di trattamenti recenti o formazioni sottocutanee/muscolari di depositi di farmaci (C) Scarico e sosta degli animali Misure di controllo Osservazione, identificazione e verifica delle informazioni sulla filiera alimentare. Riposo degli animali affaticati o macellazione immediata degli animali sofferenti. Differimento della macellazione (al termine della giornata) ed ammonimento degli allevatori che hanno fornito animali sporchi. Segnalazione al veterinario di anomalie e segni sospetti e controllare le dichiarazioni dell allevatore relative a trattamenti o le informazioni relative agli esiti di monitoraggi in allevamento Registrazioni Note Identificare i capi e l età presunta (bovini con/senza un incisivo permanente). Raccogliere i passaporti ed i documenti ufficiali di accompagnamento. Registrare la provenienza, l ora d inizio del trasporto e di arrivo. Far annotare sul registro veterinario i dati relativi alle partite sporche ed inviare una lettera di monito in cui si rammenta che non sarà accettata dall allevatore una ulteriore partita sporca. Layout macello per bovini 4

5 Stalle di sosta e recinti Suini sporchi 5

6 Stordimento degli animali Contenimento Rituali religiosi Disseminazione materiali specifici a rischio Influenza sull efficacia del dissanguamento Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause Il trauma cranico può produrre contaminazione dei tessuti edibili (cervello dei vitelli e degli agnelli) e formare emboli pericolosi per la disseminazione di materiale a rischio specifico. Stordimento Misure di controllo Corretto impiego della pistola che deve essere munita di cariche appropriate per la specie e posizionata opportunamente. La formazione del personale addetto deve essere fatta e documentata Registrazioni Note Documentazione della formazione del personale addetto 6

7 Stordimento animali 7

8 Sistemi di contenzione Dissanguamento e raccolta del sangue Per ottenere la completa fuoriuscita del sangue occorrono tempi tra i 7 minuti (bovini adulti); 4-5 minuti (suini pesanti) ed i 3-4 minuti (ovini e caprini) Taglio con coltello sterile dei grossi vasi sanguigni del collo (contaminazione, infarcimento emorragico della ferita), possibilità aspirazione sangue nei polmoni rischio diffusione col circolo di microrganismi Contrattura muscolare e spasmi (dipendenti dalla tecnica di stordimento) possono determinare ipertensione e rotture capillari 8

9 Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause Il dissanguamento comporta il rischio di contaminare il sangue e la ferita di taglio con sporco.o imbrattamenti dovuti alla recisione dell esofago. Se animali condannati all ispezione post-mortem per segni di batteriemia sono stati dissanguati con un coltello che è stato utilizzato anche per altri animali si deve ritenere questi ultimi potenzialmente contaminati Dissanguamento Misure di controllo Cambiare il coltello ad ogni animale e sterilizzare nell apposita vaschetta con acqua a T 82 C per almeno 3 minuti il coltello lavato dopo ogni utilizzo. Registrazioni Note Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla il funzionamento degli sterilizzatori e la disponibilità di almeno 2 coltelli nel punto di dissanguamento. La registrazione delle non conformità può essere annotata sul registro tenuto per lo stesso scopo dal veterinario ufficiale. Sospensione degli animali 9

10 Dissanguamento e trasferimento bovini sulla catena principale Ogni operatore deve avere almeno due coltelli con un coltello si incide la pelle, poi lo si ripone nello sterilizzatore, quindi si prende un altro coltello per recidere i grossi vasi I coltelli dopo ogni utilizzo devono essere riposti nella sterilizzatrice Rimozione parte terminale arti, testa e scuoiamento Rimozione cute ed annessi (mammella, pene, vagina, coda) Rischio di contaminazione tramite contatto diretto o mediato (coltelli, mani e braccia, aria, spruzzi, capelli, indumenti) tra le superfici contaminate ed il sottocute Suddivisione delle operazioni con intervento di diversi operatori, cura dell igiene personale e degli strumenti di lavoro Uso accorto dell acqua, controllo delle polveri nell ambiente, illuminazione, accessibilità, meccanizzazione 10

11 Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause Le tonsille dei bovini ed ovini ed il cervello ed il tronco spinale dei bovini sopra i 12 mesi di età e degli ovini adulti sono materiale pericoloso per la diffusione del prione della BSE anche in bovini che risultano negativi al test diagnostico rapido sui campioni presi dall obex. Il coltello utilizzato per disarticolare le vertebre del collo e tagliare il midollo spinale può disseminare materiale a rischio per la BSE. La sala di macellazione non consente di prevenire il contatto con il pavimento della testa dei cavalli. Rimozione della testa Misure di controllo La testa è rimossa dal corpo dell animale subito dopo il dissanguamento e, dopo l ispezione post-mortem e l asportazione dei muscoli mandibolari, deve essere smaltita nell apposito contenitore per rifiuti di classe 1 (da incenerire). Il coltello utilizzato per rimuovere la testa deve essere pulito e sterilizzato dopo ogni utilizzo. Registrazioni Note Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla il funzionamento degli sterilizzatori e la disponibilità di almeno 2 coltelli nel punto di dissanguamento. La registrazione delle non conformità può essere annotata sul registro tenuto per lo stesso scopo dal veterinario ufficiale. Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause L incisione della cute integra, particolarmente nelle zone imbrattate, comporta il rischio di contaminare le carni. Nel caso sia stata disposta la macellazione di capi sporchi la lavorazione rallenta, necessariamente. In ogni caso i coltelli devono essere puliti e sterilizzati dopo ogni uso e le mani degli operatori lavate frequentemente. La mammella delle vacche non deve essere incisa per evitare la contaminazione con i microrganismi potenzialmente pericolosi (Listeria monocytogenes, Coxiella brunetti, Brucella abortus...). I sottoprodotti della macellazione sono fonti potenziali di contaminazione e bisogna che siano disposti negli appositi contenitori, che vanno periodicamente sostituiti con contenitori vuoti Incisione della cute, asportazione dei genitali, della mammella, della coda e della parte terminale degli arti Misure di controllo Le procedure di macellazione devono essere eseguite in modo idoneo. I coltelli e le mani che toccano le carni devono essere puliti ed i coltelli devono essere lavati e sterilizzati ogni volta che siano imbrattati. L abbigliamento degli operatori deve essere mantenuto in condizioni igieniche accettabili ed eventualmente cambiato (i grembiuli in gomma possono esser lavati, ma non sul posto di lavoro in prossimità delle carcasse). I sottoprodotti devono essere messi negli appositi contenitori e non lanciati sul pavimento. I contenitori (per sottoprodotti di classe 3) devono essere periodicamente sostituiti con contenitori vuoti. Registrazioni Note Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla il funzionamento degli sterilizzatori e l igiene del personale. La registrazione delle non conformità può essere annotata sul registro tenuto per lo stesso scopo dal veterinario ufficiale. 11

12 scuoiamento Tecniche di scuoiamento Finalità: separare la cute dal sottocute senza danneggiarli (deprezzamento), evitando le contaminazioni delle carni (riduzione shelf life, rischio aumento prevalenza patogeni) Realizzando una produttività oraria economicamente conveniente Linea di macellazione semicontinua/continua Manuale Automatizzata (impiego di macchine scuoiatrici) Linea a posta fissa abbandonata (rischiosa) 12

13 Tecniche di scuoiamento scuoiamento 13

14 Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause La trazione meccanica assistita da un operatore con il taglio del sottocute non comporta rischi rilevanti se la pelle non è incisa e se non si sollevano polveri o schizzi d acqua in prossimità delle carni esposte. In questa fase possono essere evidenziati segni di infiammazioni e depositi di materiali patologici segni di iniezioni, infestazioni o maltrattamento. Rimozione della cute Misure di controllo Le procedure di macellazione devono essere eseguite in modo idoneo. I coltelli e le mani che toccano le carni devono essere puliti ed i coltelli devono essere lavati e sterilizzati ogni volta che siano imbrattati. L abbigliamento degli operatori deve essere mantenuto in condizioni igieniche accettabili ed eventualmente cambiato (i grembiuli in gomma possono esser lavati, ma non sul posto di lavoro in prossimità delle carcasse). Le pelli devono messe negli appositi contenitori e non lasciate sul pavimento. I contenitori (per sottoprodotti di classe 3) devono essere periodicamente sostituiti con contenitori vuoti. Le anomalie rilevate devono essere segnalate al veterinario ufficiale. Note Registrazioni Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla il funzionamento degli sterilizzatori e l igiene del personale. La registrazione delle non conformità può essere annotata sul registro tenuto per lo stesso scopo dal veterinario ufficiale. Scuoiatura ovini 14

15 Depilazione suini Immersione in acqua a C per 3-4 minuti (sistemi a trascinamento o a box) Spazzolatura in depilatrici meccaniche Flambatura setole residue Spazzolatura e lavaggio Temperatura acqua inadeguata a ridurre la contaminazione (carico organico), rischio contaminazione crociata e diffusione patogeni Flambatura efficace, ma necessariamente breve durata Danni alla cute /deprezzamento Depilazione suini 15

16 Depilazione suini Finalità rimozione completa delle setole senza danneggiamenti della cute Preparazione della cute: Immersione in vasche contenenti acqua a C Sistemi di movimentazione a catena, a box Pelatrice meccanica (1 o più alberi meccanici che muovono spatole metalliche ancorate da supporti in gomma) Flambatrice Spazzolatrice/lavatrice Depilazione suini 16

17 Rischi connessi alla depilazione Contaminazioni crociate in vasca, pelatrice, spazzolatrice Inserimento di cicli di pulizia/lavaggio, manutenzione macchine aerosol contaminante Rimozione setole Lesioni cutanee (temperatura acqua, azione meccanica energica) Eviscerazione Bovini e ovi-caprini adulti: estrazione delle trippe e poi del pacco intestinale Suini, equini e agnelli/capretti: estrazione del pacco intestinale Ispezione ed invio in tripperia mediante scivoli, condutture (eventualmente pressurizzate) Meccanizzazione svuotamento, lavaggio stomaci suini (trippini) 17

18 Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause L eviscerazione comporta il rischio d imbrattare le carni con il contenuto intestinale, particolarmente rilevante se si ha la fuoriuscita del contenuto ruminale. In caso d imbrattamento più o meno esteso il veterinario deve essere informato e le carni contaminate devono essere identificate. Eviscerazione Misure di controllo Le operazioni di eviscerazione devono essere eseguite in modo idoneo ed è consigliata la legatura dell esofago. In ogni modo va evitata la brusca trazione o la pressione con i piedi per estrarre il rumine. Il rumine deve essere fatto scivolare (non cadere bruscamente) nella vaschetta sottostante, per l ispezione veterinaria. Solo dopo l allontanamento della carcassa il rumine e l intero pacco intestinale sono scaricati nel contenitore apposito (per rifiuti di classe 1). Va evitata la rottura accidentale della cistifellea. I coltelli e le mani che toccano le carni devono essere puliti ed i coltelli devono essere lavati e sterilizzati ogni volta che siano imbrattati. Le carni imbrattate devono essere identificate per poterle toelettare, sottoporle a indagini o per distruggerle.. Note Registrazioni Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla il funzionamento degli sterilizzatori e l igiene del personale. La registrazione delle non conformità può essere annotata sul registro tenuto per lo stesso scopo dal veterinario ufficiale. Eviscerazione 18

19 Eviscerazione Eviscerazione suini 19

20 Eviscerazione ovini Eviscerazione Legatura (protezione) retto ed esofago per evitare contaminazioni ispezione veterinaria prima dell allontanamento delle frattaglie bianche (linea parallela per visceri e carcasse) Postazioni lavoro al riparo da spruzzi e materiali contaminanti 20

21 Divisione in mezzene e toelettatura Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause La divisione in mezzene può comportare rischi particolari nel caso si disperda il tessuto nervoso spinale o si taglino accidentalmente ascessi vertebrali Divisione in mezzene Misure di controllo Le operazioni di taglio della colonna deve essere fatto in modo idoneo e devono essere individuati segni di infiammazioni (particolarmente ascessi vertebrali). Fendiosterno e ascia impiagati per dividere la carcassa in due mezzene devono essere puliti e sanificati prima dell inizio dell attività di macellazione e poi mantenuti puliti. Le carni imbrattate devono essere identificate per poterle toelettare, sottoporle a indagini o per distruggerle.. Note Registrazioni Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla la pulizia del fendisterno e dell ascia e l igiene del personale. La registrazione delle non conformità può essere annotata sul registro tenuto per lo stesso scopo dal veterinario ufficiale. 21

22 Pulizia delle mezzene e toelettatura Pulizia con coltello Richiesta Tolleranza Zero Risultati variabili per quanto riguarda la riduzione microbica Rischio di diffusione e cross-contaminazione Necessaria ed importante per l estetica Steam-vacuuming Decontaminazione circoscritta ( 2.5 cm) Risultati variabili Manutenzione attrezzature Diligenza degli operatori Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause La presenza di carni imbrattate (per contatto con superfici sporche, con bile, latte, contenuto intestinale) dei tessuti infarciti di sangue (es. nella zona della ferita fatta per dissanguare l animale) e di materiale specifico a rischio devono essere esclusa perchè costituisce un pericolo per la presenza di una flora microbica abbondante e potenzialmente patogena o per la presenza di tessuti a rischio per la BSE. Toelettatura e rimozione del midollo spinale Misure di controllo Le carcasse devono essere accuratamente controllate e le parti imbrattate tagliate via con un escissione non profonda, ma adeguatamente ampia per evitare di contaminare con il contatto della lama anche i tessuti circostanti. Il midollo spinale deve essere rimosso e devono essere marcate opportunamente le colonne degli animali con più di 24 mesi. Tessuti non carnei devono essere eliminati. Note Registrazioni Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla l igiene del personale, il funzionamento degli sterilizzatori e la disponibilità di coltelli puliti. La registrazione delle non conformità può essere annotata sul registro tenuto per lo stesso scopo dal veterinario ufficiale. 22

23 I COLTELLI Devono essere ben puliti e disinfettati Il manico non dev essere in legno Ogni operatore deve avere almeno due coltelli: quello eventualmente imbrattato rimane nello sterilizzatore il tempo sufficiente Devono essere lavati e disinfettati almeno dopo ogni carcassa e se sono venuti in contatto con: pelle, feci, urina, contenuto di ascessi, contenuto gastrointestinale Al termine del lavoro lavare, disinfettare e riporre in un luogo pulito ed asciutto i coltelli Controllo dei patogeni negli impianti di lavorazione delle carni 23

24 Decontaminazione prima dell eviscerazione Spraying/Risciacquo Prevenzione dell adesione batterica Soluzioni di acidi organici (non autorizzato in EU) Limitazioni nella pressione preoccupazioni circa l assorbimento di acqua (aumento peso) Temperatura dell acqua Problemi di condensazione Reduzione della contaminazione alla macellazione Effetto del tempo sulla riduzione batterica Reduction in Escherichia coli (log CFU/cm²) Water (74 C) Hydrogen Peroxide (5%) Water (35 C) Acetic Acid (2%) TSP (18%) Time (h) * Cabedo et al. (1996) 24

25 Riduzione della contaminazione al macello Decontaminazione con il calore Acqua calda (>74 o C) Vapore pressurizato Riduzione della contaminazione al macello Commercial Beef Carcass Decontamination Control ± a Trim/Wash No Trim/Hot Water Rinse (77 C, 2.5 sec) Trim/Hot Water Rinse (77 C, 2.5 sec) No Trim/Hot Water Rinse (77 C, 8 sec) Trim/Hot Water Rinse (77 C, 8 sec) ±0.1 ±0.4 ±0.5 ±0.4 ± e 0.3d 0.3de 0.5c 0.6b N = 96 carcasses per treatment abcdep < TCC (log CFU/cm²) Graves Delmore et al. (1997)) 25

26 Celle frigo Direzione e flusso dell aria 26

27 Durata del raffreddamento (temperatura a cuore) Variabili relative al prodotto (mezzene, quarti) Spessore (a livello della coscia lo spessore tra fesa esterna ed interna arriva anche a 45 cm) Conducibilità termica dei tessuti (muscolo/carne, capacità di evaporazione) Superficie esposta a contatto col mezzo raffreddante (aria) Variabili relative all ambiente Differenza di temperatura tra mezzo raffreddante (aria ) e corpo da raffreddare (carni) Coefficiente di adduzione termica del mezzo refrigerante (alpha) alla superficie della carne: aumenta con la velocità dell aria, ma questa è fortemente influenzata dai flussi che si creano nella cella di refrigerazione Effetto della velocità dell aria sul tempo di raffreddamento delle carni 27

28 Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause Il ritardato o insufficiente raffreddamento delle carni comporta il rischio di proliferazione dei microrganismi, comprese alcune specie patogene ed alteranti. Raffreddamento delle carni Misure di controllo Deve essere controllata la temperatura delle celle prima del carico, la chiusura delle porte subito dopo l immissione di ciascuna carcassa, la spaziatura delle carcasse, il carico complessivo della cella ed il tempo di stoccaggio prima della spedizione. Note Registrazioni Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla la temperatura delle celle. Nei controlli operativi deve esser invece annotata l eventuale disposizione inappropriata (mezzene con meno di 30 cm di distanza dalle altre e dalle pareti). 28

29 Sterilità dei tessuti Molti tessuti degli animali contengono un numero rilevante di m.o. (> 10 2 /g) alcuni tessuti (fegato, milza e linfonodi) contengono un piccolo numero di clostridi (1/g) i tessuti profondi sono generalmente sterili e l invasione è limitata da meccanismi di difesa naturale solo occasionalmente sono contaminati da microrganismi specifici (salmonelle e spore di clostridi) che hanno raggiunto i tessuti (visceri e linfonodi) nell animale in vita 29

30 Rigor mortis Modificazione dello stato dei muscoli che si manifesta dopo la morte (generalmente entro le 24 ore) Potenziale redox da +250 a -150 mv temperatura interna iniziale 38 C C superficiale ore profonda Prova raffreddamento carcasse C Carcassa superficie (*C) (1) Carcassa profondità (*C) (3) /27/08 09:15: /27/08 11:30: /27/08 13:45: /27/08 16:00: /27/08 18:15: /27/08 20:30: /27/08 22:45: /28/08 01:00: /28/08 03:15: /28/08 05:30: /28/08 07:45: /28/08 10:00: /28/08 12:15: /28/08 14:30: /28/08 16:45: /28/08 19:00: /28/08 21:15: /28/08 23:30: /29/08 01:45: /29/08 04:00: /29/08 06:15:00.0 Temperature (*C) (Cella1) 06/29/08 08:30: /29/08 10:45: /29/08 13:00: /29/08 15:15: /29/08 17:30: /29/08 19:45: /29/08 22:00: /30/08 00:15: /30/08 02:30: tempo C 10 8 Temperature (*C) (1) /27/08 09:00: /27/08 11:00: /27/08 13:00: /27/08 15:00: /27/08 17:00: /27/08 19:00: /27/08 21:00: /27/08 23:00: /28/08 01:00: /28/08 03:00: /28/08 05:00: /28/08 07:00: /28/08 09:00: /28/08 11:00: /28/08 13:00: /28/08 15:00: /28/08 17:00: /28/08 19:00: /28/08 21:00: /28/08 23:00: /29/08 01:00: /29/08 03:00: /29/08 05:00: /29/08 07:00: /29/08 09:00: /29/08 11:00: /29/08 13:00: /29/08 15:00: /29/08 17:00: /29/08 19:00: /29/08 21:00:00.0 tempo 30

31 Sistemi di raffreddamento Sistemi continui (tunnel di raffreddamento) /movimentazione automatica o continua Sistemi discontinui (celle di refrigerazione) /ventilazione convenzionale/forzata blast chillers (fino a 1-2 m/s, α 20 Wm -2 C -1 ) /la ventilazione forzata riduce i tempi di raffreddamento, ma aumenta le perdite da evaporazione Fattori che influenzano il raffreddamento di carcasse bovine in una cella ventilata coeff. regressione peso carcassa 0,47 adiposità(1-5) 0,10 carnosità (1-5) 0,04 ordine ingresso in cella 0,14 posizione nella cella 0,46 variazione: T24 carcasse tra 7 e 18 C 31

32 Sistemi di sospensione per lo stoccaggio in cella e divisione in quarti 32

33 Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause I visceri devono essere opportunamente confezionati ed imballati per prevenire le contaminazioni durante il trasporto laddove questi non siano trasportati appesi. L automezzo di trasporto non permette il carico di mezzene di bovini ed equini, che devono perciò essere tagliati in quarti. Quest operazione è di regola fatta subito prima della spedizione per cui con le carni già fredde. I quarti non devono sostare per più di 15 minuti fuori dalla cella, prima del carico. Coltelli e fendisterno utilizzati per il taglio devono essere puliti e sterilizzati prima dell uso per evitare contaminazioni. Confezionamento ed imballaggio delle frattaglie e divisione in quarti Misure di controllo Deve essere controllata la temperatura delle celle e la spaziatura dei quarti ed il carico complessivo della cella. Deve essere controllato l uso di coltelli e seghe puliti e sanificati prima dell uso. I quarti devono essere stoccati in cella o spediti entro 15 minuti. Note Registrazioni Formazione del personale addetto e registrazione controlli pre-operativi in cui si controlla la temperatura delle celle. Nei controlli operativi deve esser invece annotata l eventuale disposizione inappropriata o il prolungarsi della sosta delle carni fuori dalle celle frigo Fase del processo Pericoli per la sicurezza alimentare e cause Il mancato raggiungimento a cuore delle temperature prescritte fa si che le carni si riscaldino durante il trasporto perchè la potenza frigorifera dell automezzo è in grado di mantenere la temperatura, ma non di raffreddare le carni in profondità. Il vano di carico dell automezzo deve essere adeguatamete pulito e sanificato e le autorizzazioni al trasporto delle carni devono essere in regola. Un insufficiente capacità frigorifera può causare il riscaldamento delle carni se il viaggio è troppo lungo o se l automezzo giunge alla porta di carico non pre-raffreddato. Le carcasse devono essere appese e le frattaglie confezionate in appositi imballaggi. Il vano di carico non pulito può causare gravi contaminazioni (es. da Listeria o da altri patogeni veicolati da mosche ed altri insetti se lasciato aperto) Spedizione delle carni Misure di controllo Deve essere controllato il tempo di stoccaggio in cella, che in base a prove effettuate non deve essere inferiore a 48 ore con celle mantenute costantemente a T 2 C. a condizione che le mezzene o i quarti siano ben separati tra loro. Gli automezzi che devono caricare le carni se dotati di gruppo frigo devono arrivare già freddi e non devono trascorre più di 30 minuti tra l estrazione dalle celle frigo al carico..il vano di carico dell automezzo deve essere adeguatamete pulito e sanificato e le autorizzazioni al trasporto delle carni devono essere in regola. Note Registrazioni Formazione del personale addetto e registrazione controlli preoperativi in cui si controlla la temperatura delle celle e dell automezzo di trasporto. Nei controlli operativi deve esser invece annotata l eventuale disposizione inappropriata o il prolungarsi della sosta delle carni fuori dalle celle frigo. 33

34 Sezionamento e confezionamento 34

35 LAVAGGIO AUTOMEZZI TRASPORTO ANIMALI SPOGLIATOI ZONA SPORCA RACCOLTA PELLI ZOCCOLI LAVORAZIONE TESTE TRIPPERIA SPORCA TRIPPERIA PULITA CELLA TESTE FRATTAGLIE INGRESSO CAMION STALLE DI SOSTA TRAPPOLA STORDIMENTO AGGANCIO ANIMALE DISSANGUAMENTO FASE INIZIALE SCUOIATURA COMPLETAMENTO SCUOIATURA EVISCERAZIONE ADDOMINALE EVISCERAZIONE TORACICA SPACCATURA MEZZENE ISPEZIONE VETERINARIA PRERAFFREDDAMENTO MEZZENE ANTICELLA SPEDIZIONE STALLA SOSPETTI CONCIMAIA ZONA SPORCA SPOGLIATOI ZONA PULITA CELLA SOSPETTI ZONA PULITA Prevenzione delle contaminazioni Evitare errori in eviscerazione Evitare errori nello scuoiamento Evitare contatti tra l'animale (scuoiato o meno) e pedane o abiti dell operatore 4 5 Lavare e sterilizzare frequentemente gli attrezzi Lavare accuratamente le mani Almeno ad ogni animale 35

36 FUNZIONALITÀ DELL IMPIANTO INDUSTRIALE Caratteristiche stalle, scarico e camminamenti bestiame Ricambio aria ed eliminazione vapori Disponibilità spazio nei punti critici Rivestimenti idonei (igiene ed antinfortunistica) Pendenze pavimenti e deflusso acque Regolare funzionamento delle attrezzature Sufficiente disponibilità di acqua potabile FUNZIONALITÀ DELL IMPIANTO Raccolta e canalizzazione dei reflui Disponibilità gas, acqua calda, vapore, energia elettrica Assenza d incroci tra circuito sporco/pulito Facilità d accesso alle postazioni di lavoro ed alle attrezzature igieniche Assenza d ingorghi (flussi costanti e regolari) Sistema di raccolta ed eliminazione di sottoprodotti e rifiuti 36

37 Operazioni in catena Nelle operazioni di macellazione, ogni operazione deve essere considerata più pulita della precedente il movimento delle persone, degli utensili, il flusso d aria, devono procedere in senso contrario rispetto a quello degli animali, ossia dal più pulito al meno pulito Sono da evitare incroci trasporti a ritroso inversioni di percorso attraversamenti della linea di macellazione di carrelli, contenitori, ganciere con frattaglie, teste, sequestri passaggio di persone dall ambiente più pulito al più sporco andirivieni di individui estranei alle aree di lavoro Durante la macellazione È vietato l ingresso di estranei nel macello e le porte del macello devono rimanere sempre chiuse L utilizzo di doccette deve essere il più limitato possibile, ma è consentito il lavaggio della carcassa a fine macellazione Eliminare progressivamente gli scarti di lavorazione Nei locali di macellazione è vietato svuotare o pulire stomaci e intestini Non è consentito depositare i sottoprodotti nei locali destinati alla conservazione delle carni E vietato piantare coltelli nelle carni E vietato pulire i coltelli passandoli sopra la pelle dell animale E vietato utilizzare panni per la ripulitura delle carcasse E vietato immergere la corata nell acqua prima della visita veterinaria E vietato asportare qualsiasi parte dell animale prima della visita veterinaria 37

38 Contaminazione microbica delle carcasse La contaminazione delle carcasse durante la macellazione è il risultato indesiderabile (ma inevitabile) della conversione degli animali vivi in carni per il consumo Essa è conseguente in primo luogo al trasferimento sulla superficie delle carcasse della flora microbica dalla cute e dallo sporco su essa accumulato 38

39 Aspetti igienico sanitari Adesione e crescita batterica sulle carni prevalenza dei microrganismi sulle carni e loro significato igienico sanitario segni di contaminazione fecale e toelettatura delle carni contaminazione dell ambiente di macellazione Adesione batterica 1a fase - reversibile - contatto dei batteri con le superfici (intrappolamento nel film acquoso a contatto con la superficie) 2a fase - irreversibile - legame fisico più stabile velocità di adesione 39

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 4 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina,

Dettagli

b) Requisiti strutturali generali Pavimenti

b) Requisiti strutturali generali Pavimenti Allegato 2 alla D.G.R. n 4-9933 del 3/11/2008 Indicazioni relative ai requisiti minimi per gli stabilimenti soggetti a riconoscimento ai sensi del Regolamento CE/853/2004 e per talune tipologie di impianti

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

M.S.U.: dal macello all esito

M.S.U.: dal macello all esito Corso di formazione La sicurezza alimentare in Piemonte: vecchie istituzioni e nuovi compiti M.S.U.: dal macello all esito 25 settembre 2015 Dr. Mauro NEGRO Dr.ssa Adriana GIRALDO Dalla produzione primaria

Dettagli

Il rischio biologico nella lavorazione delle carni

Il rischio biologico nella lavorazione delle carni Il rischio biologico nella lavorazione delle carni Allevamento- macellazione degli animali a rischio zoonosi. zoonosi malattie trasmissibili dagli animali Competenza Servizi Veterinari: prevenzione alla

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

4. acqua potabile, calda e fredda, erogata con comando non azionabile a mano nè a

4. acqua potabile, calda e fredda, erogata con comando non azionabile a mano nè a DIRETTIVA INTERASSESSORIALE DELL ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE DI CONCERTO CON L ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E ASSISTENZA SOCIALE 5 aprile 2000, prot. n. 6369. Disciplina delle

Dettagli

Dott.ssa Selene Marozzi

Dott.ssa Selene Marozzi La filiera della carne: dall allevamento al consumo Dott.ssa Selene Marozzi Filiera: insieme delle fasi che concorrono alla formazione, distribuzione, commercializzazione di un prodotto alimentare ( dal

Dettagli

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore Dott. Valter Dini Piazzale Amburgo, 1 17100 SAVONA Tel.: 019/862303 fax: 019/861265 e-mail: veterinaria.sv@asl2.liguria.it

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Aviagen Brief - Optimizing Broiler FCR, June 2011. Gestione della pre-macellazione dei Broilers TRASPORTO. Zona di sosta

Aviagen Brief - Optimizing Broiler FCR, June 2011. Gestione della pre-macellazione dei Broilers TRASPORTO. Zona di sosta Aviagen Brief - Optimizing Broiler FCR, June 2011 AviagenBrief Gestione della pre-macellazione dei Broilers Dr. Rafael Monleon, Aviagen Veterinarian, Asia Region Ottobre 2012 SOMMARIO Catturare i polli

Dettagli

LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE

LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE Obiettivi e sequenze operative prodotti chimici idonei Assicurare la sicurezza dei prodotti alimentari: a) eliminando i microrganismi patogeni potenzialmente

Dettagli

AM5 INDIVIDUAZIONE DEI CCP SEZIONAMENTO E CONSERVAZIONI CARNI

AM5 INDIVIDUAZIONE DEI CCP SEZIONAMENTO E CONSERVAZIONI CARNI AM5 INDIVIDUAZIONE DEI Pagina 1 di 21? SEZIONAMENTO E CONSERVAZIONI CARNI RICEVIMENTO CARNI FICI imballaggio Presenza corpi estranei metallici Enterobatteriacee, Listeria monocytogenes, campylobacter,

Dettagli

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche Incontro aggiornamento professionale ODAF di Caserta Torcino-Ciorlano/Presenzano 20-XII-2014 Laboratorio Analisi Zootecniche srl Via Volturno snc 81012 Alvignano - Caserta tel/fax: 0823865131-3383238263

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

Modalità di esecuzione dell autocontrollo nei macelli

Modalità di esecuzione dell autocontrollo nei macelli Modalità di esecuzione dell autocontrollo nei macelli IGIENE DELLA MACELLAZIONE DEL BOVINO: CONTROLLO DEI PREREQUISITI Dr. Elisabetta Gullo SADVET srl SADVET srl 1 Prerequisito: Qualifica dei fornitori

Dettagli

Analisi aspetti ambientali

Analisi aspetti ambientali Analisi aspetti ambientali Carburante dei mezzi di trasporto del fornitore Consumo di energia elettrica per utilizzo pedana carico/scarico Consumo di energia per uso muletto elettrico Sale per salatura

Dettagli

Cenni di Legislazione sanitaria della selvaggina. Valerio Giaccone

Cenni di Legislazione sanitaria della selvaggina. Valerio Giaccone Cenni di Legislazione sanitaria della selvaggina Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria, Università Padova Le regole contenute nel Regolamento CE 853

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati

Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati (OPeA) 1 817.190.4 del 3 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2011) Il Dipartimento federale dell economia (DFE) 2, visto l articolo 43 dell ordinanza del

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE. CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009

REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE. CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009 REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009 DEFINIZIONI CRITERIO MICROBIOLOGICO: CRITERIO CHE DEFINISCE L ACCETTABILITA

Dettagli

Trattamento della selvaggina cacciata e commercializzazione delle carni

Trattamento della selvaggina cacciata e commercializzazione delle carni Trattamento della selvaggina cacciata e commercializzazione delle carni Disposizioni legislative ed amministrative nel campo dell igiene e della sanità della selvaggina abbattuta Regione Piemonte - Gianfranco

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente l igiene nella macellazione

Ordinanza del DFI concernente l igiene nella macellazione Ordinanza del DFI concernente l igiene nella macellazione (OIgM) 817.190.1 del 23 novembre 2005 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale dell interno (DFI) 1, visti gli articoli 4 capoverso 4, 6

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

1. Cucine agrituristiche, locali polivalenti e sale per la somministrazione... 2. 1.1. Requisiti generali... 3. 1.2. Servizi Igienici...

1. Cucine agrituristiche, locali polivalenti e sale per la somministrazione... 2. 1.1. Requisiti generali... 3. 1.2. Servizi Igienici... Allegato B Disposizioni sanitarie per l impresa multifunzionale agricola Allegato alla Delib.G.R. n. 32/4 del 31.5.2016 Sommario 1. Cucine agrituristiche, locali polivalenti e sale per la somministrazione...

Dettagli

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità FABIO PASINI Consigliere AIISA 1) Sopralluogo e Ispezione Visiva (UTA e condotte) (ex035158) Primo sopralluogo, oppure ispezione

Dettagli

6 - CONTAMINAZIONE DELLE CARNI. docente Patrizia Cattaneo

6 - CONTAMINAZIONE DELLE CARNI. docente Patrizia Cattaneo AGR-VET 6 - CONTAMINAZIONE DELLE CARNI docente Patrizia Cattaneo Bibliografia: Meat and Meat products, Varnam & Sutherland, Chapman & Hall, 1995 (3/217, 3511) The manual of manifacturing meat quality,

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA. Mantova, 29 ottobre 2012, problematiche SOA

Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA. Mantova, 29 ottobre 2012, problematiche SOA Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA Perché la normativa sui sottoprodotti? Prima dei regolamenti comunitari 1774/2002 e 1069/2009 l utilizzo dei sottoprodotti era

Dettagli

Le strutture appaiono pulite, sottoposte a manutenzione e in buone

Le strutture appaiono pulite, sottoposte a manutenzione e in buone SERVIZIO VETERINARIO AREA B U.O.C. IGIENE ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE CHECK LIST M Regione Lazio Azienda U.S.L. RM/F Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario area b VIGILANZA NEGLI ESERCIZI AL

Dettagli

Macellazione per il consumo familiare di animali di allevamento delle varie specie ai sensi dell art. 4 della L.R. 27 ottobre 2010, n.

Macellazione per il consumo familiare di animali di allevamento delle varie specie ai sensi dell art. 4 della L.R. 27 ottobre 2010, n. Macellazione per il consumo familiare di animali di allevamento delle varie specie ai sensi dell art. 4 della L.R. 27 ottobre 2010, n. 45 Art. 1 (Campo d applicazione e finalità) 1. Il presente regolamento,

Dettagli

Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione

Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione Rassegna di Patologia dell Apparato Respiratorio 2003, 18 (5) 376-390 Le Linee Guida rappresentano gli standard minimi

Dettagli

Collaborazione tra il servizio

Collaborazione tra il servizio Collaborazione tra il servizio veterinario pubblico e l autocontrollo aziendale in un macello suinicolo piemontese Contributi pratici Giulio Minola ASL 13 Novara Marco Crivelli Come conseguenza degli scandali

Dettagli

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Premessa: Le indicazioni di seguito riportate non vogliono essere una aggiunta al complesso sistema di norme vigenti, ma uno strumento utile a chi vuole intraprendere e/o modificare significativamente

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO Pag. 1 di 5 PRELIEVO Il campione portato in laboratorio deve essere RAPPRESENTATIVO dell intera massa da cui è tratto. Esistono al riguardo, a seconda dei prodotti e delle finalità per cui vengono effettuate

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

Descrizione delle modalità di gestione ambientale

Descrizione delle modalità di gestione ambientale E 3 Descrizione delle modalità di gestione ambientale La seguente relazione ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione degli aspetti ambientali relativi all impianto della ditta Puddu Luca sita

Dettagli

«Il LOCALE POLIFUNZIONALE» (D.G.R. 1286/2012)

«Il LOCALE POLIFUNZIONALE» (D.G.R. 1286/2012) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA SETTORE PREVENZIONE, SANITÀ PUBBLICA, FASCE DEBOLI, SICUREZZA ALIMENTARE E SANITÀ ANIMALE «Il LOCALE POLIFUNZIONALE» (D.G.R. 1286/2012) UN ESEMPIO DI SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA Art. 1 Denominazione Il nome Latte fresco della Valtellina è attribuito esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Dr. Pasquale Albano, con la collaborazione della Dr. Donatella Laganà Autocontrollo: risorsa occupazionale? Sepino (CB), 30 ottobre 2010

Dettagli

LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione

LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione SANA 14 settembre 2015 Dott.ssa M.Chiara Venturini tecnologo alimentare ORDINE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI DELL EMILIA ROMAGNA

Dettagli

Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale

Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale «Listeria monocytogenes: Le nicchie negli impianti industriali e loro gestione» Langhirano

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

PULIZIA E DISINFEZIONE

PULIZIA E DISINFEZIONE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica PULIZIA E DISINFEZIONE 1 riduzione della contaminazione batterica OBIETTIVI eliminazione completa dei germi patogeni Un corretto sistema di pulizia si articola

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Legge Regionale 24 gennaio 2006, n. 1 Deliberazione di Consiglio Regionale 23 dicembre 2008, n. 98

Legge Regionale 24 gennaio 2006, n. 1 Deliberazione di Consiglio Regionale 23 dicembre 2008, n. 98 Legge Regionale 24 gennaio 2006, n. 1 Deliberazione di Consiglio Regionale 23 dicembre 2008, n. 98 PIANO AGRICOLO REGIONALE 2008-2010 Misura 6.1.14 Azione b) Manifestazione di interesse per la selezione

Dettagli

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina Corso CUOCO Centro Studi La Base Via dei Pucci, 11 -Firenze Relatore: Geom. Enrico Clarelli www.geoclarelli.it

Dettagli

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie?

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Silvana Barbuti Dipartimento Microbiologia SSICA Tel. 0521 795 262 Mail: silvana.barbuti@ssica.it

Dettagli

REGOLE PER LA LAVORAZIONE

REGOLE PER LA LAVORAZIONE REGOLE PER LA LAVORAZIONE La manipolazione degli alimenti deve essere ridotta al minimo indispensabile Usare piani di lavoro ed utensili differenti per carni rosse e pollame carni e verdure crude prodotti

Dettagli

BRUCELLOSI BOVINA / BUFALINA / OVICAPRINA PRELIEVO CAMPIONI AL MATTATOIO. Recapito telefonico... A.S.L. n... Data.../.../... MACELLO... N TEL...

BRUCELLOSI BOVINA / BUFALINA / OVICAPRINA PRELIEVO CAMPIONI AL MATTATOIO. Recapito telefonico... A.S.L. n... Data.../.../... MACELLO... N TEL... ALLEGATO E BRUCELLOSI BOVINA / BUFALINA / OVICAPRINA PRELIEVO CAMPIONI AL MATTATOIO Alla Sezione I.Z.S. di DR... Recapito telefonico. A.S.L. n... Data.../.../... MACELLO... N TEL... VIA... COMUNE...PROV.....

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP UOC di Riabilitazione Metabolico Nutrizionale Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E. Castellaneta, C. Civale, P. Ceccarelli, S. Passaretti,

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

Applicazione del sistema HACCP e dei sistemi di qualità nelle strutture di macellazione dei bovini

Applicazione del sistema HACCP e dei sistemi di qualità nelle strutture di macellazione dei bovini Pietro Piccarolo, Remigio Berruto, Paolo Gay, Cristina Tortia D.E.I.A.F.A. Sezione di Meccanica Università di Torino Simona Del Treppo, Gianluca Grazzini ASPROCARNE PIEMONTE Applicazione del sistema HACCP

Dettagli

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione Materiale Didattico Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione a cura della D.Ssa Ylenia Esposito Regolamento CE 2073/2005 I controlli microbiologici i i sui prodotti alimentari Legislazione sulla

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO (Reg. CE 852/04) Fino a tempi relativamente recenti si riteneva, da parte dei produttori di alimenti e degli organi preposti alla vigilanza, che il controllo della qualità e

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI Dipartimento di Prevenzione S.S. Tutela Igienico Sanitaria Alimenti di Origine Animale REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI REQUISITI IGIENICO SANITARI

Dettagli

MEDICINA VETERINARIA PREVENTIVA

MEDICINA VETERINARIA PREVENTIVA Speciale 2004 MEDICINA VETERINARIA PREVENTIVA Notiziario tecnico scientifico dei Servizi Veterinari del Piemonte REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità - Direzione Sanità Pubblica LINEE GUIDA PER GLI

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE ASL CITTA DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via Statuto n 5-MILANO LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE da: Linee Guida per una sana Alimentazione degli

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

IL VETERINARIO UFFICALE NEI MACELLI Responsabilità e competenze a tutela della salute del consumatore

IL VETERINARIO UFFICALE NEI MACELLI Responsabilità e competenze a tutela della salute del consumatore IL VETERINARIO UFFICALE NEI MACELLI Responsabilità e competenze a tutela della salute del consumatore INTRODUZIONE Il Veterinario della ASL, definito Veterinario Ufficiale dalla normativa sanitaria vigente,

Dettagli

Autocontrollo nei macelli di carni rosse. Dr Alessandro Francesca

Autocontrollo nei macelli di carni rosse. Dr Alessandro Francesca Autocontrollo nei macelli di carni rosse Dr Alessandro Francesca RINGRAZIAMENTI Si ringrazia in particolare, per la opportunità conferitami,la dr.ssa Carlucci,già Responsabile del Servizio Veterinario

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti

Le malattie trasmesse da alimenti Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo

Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo Rosalba Lanciotti Alma Mater Studiorum, Università di Bologna Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

MANUALE DI AUTOCONTROLLO

MANUALE DI AUTOCONTROLLO MANUALE DI AUTOCONTROLLO IN CONFORMITA AL DECRETO LEGISLATIVO 286/94 PER LE AZIENDE PRODUTTRICI DI CARNI FRESCHE REG CE 178/02- REG.CE 852/04 - REG.CE 853/04 - REG.CE 854/04 REG. CE 2075/05 REG. CE 2073/05

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO LAB N 1301 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO UNI EN ISO 9001:2008 IL DIRETTORE LSP

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE - S.O.C. SERVIZIO VETERINARIO AREA C Dr.

Dettagli

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE La cute (pelle) è il tessuto che è posto a delimitare i confini del nostro corpo e a mediare gli scambi con l'ambiente esterno; è un tessuto estremamente vitale e in

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE SETTORIE

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE SETTORIE UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

MODALITA DI PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ACQUA SOMMARIO

MODALITA DI PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ACQUA SOMMARIO Pag. 1/8 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...2 4. MODALITA OPERATIVE...2 4.1 PRELIEVO PER ANALISI MICROBIOLOGICHE...3 4.1.1 Quantità

Dettagli

Dott.ssa Riu Raffaela

Dott.ssa Riu Raffaela Dott.ssa Riu Raffaela MINISTERO DELLA SALUTE Il riconoscimento degli animali quali esseri senzienti, e quindi portatori di diritto, è uno dei Europea La sicurezza della catena alimentare è indirettamente

Dettagli

I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino

I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Produzione primaria di prodotti di origine animale 1. Carni Equini

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

ISPEZIONE DELLE CARNI FRESCHE IN BASE AI REQUISITI DELLA CUSTOM UNION Reg.27/12/83 Linea guida 4086/86 Linea guida 3228/85

ISPEZIONE DELLE CARNI FRESCHE IN BASE AI REQUISITI DELLA CUSTOM UNION Reg.27/12/83 Linea guida 4086/86 Linea guida 3228/85 ISPEZIONE DELLE CARNI FRESCHE IN BASE AI REQUISITI DELLA CUSTOM UNION Reg.27/12/83 Linea guida 4086/86 Linea guida 3228/85 Requisiti strutturali e gestionali Visita Ante e Post mortem Requisiti strutturali

Dettagli