STUFE E CUCINE A LEGNA STOVES AND WOOD-COOKERS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUFE E CUCINE A LEGNA STOVES AND WOOD-COOKERS"

Transcript

1 STUFE E CUCINE A LEGNA STOVES AND WOOD-COOKERS INDICAZIONI UTILI PER IL BUON FUNZIONAMENTO DI UN PRODOTTO PER RISCALDAMENTO A LEGNA USEFUL INDICATIONS FOR PROPER WORKING OF A WOOD-BURNING HEATING PRODUCT

2 I INDICAZIONI UTILI PER IL BUON FUNZIONAMENTO DI UN PRODOTTO PER RISCALDAMENTO A LEGNA Gentile cliente, desideriamo innanzitutto ringraziarla per averci scelto. La stufa o cucina che Lei ha acquistato è una Sua preziosa proprietà; La invitiamo pertanto a spendere qualche minuto per leggere questo piccolo manuale e poter quindi sfruttare al meglio le potenzialità che l apparecchiatura che ha acquistato le offre. GB USEFUL INDICATIONS FOR PROPER WORKING OF A WOOD-BURNING HEATING PRODUCT Dear customer, First of all we would like to thank you for having chosen us. The stove and/or cooker you have purchased are your precious property. We would therefore invite you to spend a few minutes reading this little manual in order to get the best from the potentiality offered by the appliance. I Pag. 1 GB Pag. 21

3 INTRODUZIONE I Il buon funzionamento di una stufa o di una cucina per riscaldamento a legna - carbone è subordinato ad una corretta installazione della stessa che deve essere eseguita da un professionista a regola d arte e rispettando le norme di sicurezza attualmente in essere. Di seguito riportiamo alcuni consigli e norme che è bene rispettare, tenendo sempre presente però che ogni installazione ha una sua specificità. Il luogo dove si intende installare la stufa o cucina deve avere caratteristiche ignifughe, per cui il pavimento e le pareti circostanti devono essere di materiale non infiammabile. Eventuali oggetti e suppellettili devono essere di materiali che sopportino un aumento della temperatura di almeno 80 rispetto a quella dell ambiente circostante, restando quindi intatti senza subire nessuna modifica. La stufa o cucina necessita di un giro d aria tutt intorno di almeno 20 cm. per garantire un buon raffreddamento della stessa ed una omogenea diffusione dell aria calda nell ambiente circostante. In presenza di una pavimentazione infiammabile (es. parquet, moquette, ecc.) bisogna proteggere la stessa con una piastra isolante (acciaio, ottone, marmo, pietra, ecc.) che sporga frontalmente di almeno 50 cm. e lateralmente di almeno 15 cm.. Non posizionare poltrone, sedie o qualsiasi materiale infiammabile a meno di 80 cm. dalla stufa. 1

4 INDICE Pag. FUNZIONAMENTO DI UNA STUFA 0 CUCINA A LEGNA 1.Principio di funzionamento Installazione La canna fumaria Il tiraggio della canna fumaria Canna fumaria e comignoli Caratteristiche Generali..4 Altezza e sezioni di una Canna Fumaria Collegamento della stufa o cucina alla canna fumaria.7 Collegamento ad un caminetto Pulizia dei tubi e della canna fumaria Combustibili QUALCHE INFORMAZIONE UTILE SUL LEGNO Norme generali per la pulizia delle stufe, cucine, maioliche La Nordica 6. L accensione L azione termica L aerazione dell ambiente ove è installata una stufe o cucina Materiali d usura Fermo estivo Soluzione dei problemi

5 FUNZIONAMENTO DI UNA STUFA A O CUCINA A LEGNA 1. Principio di funzionamento Le stufe e le cucine a legna o legna-carbone sono apparecchi concepiti per funzionare unicamente a porta chiusa. La diffusione del calore avviene contemporaneamente attraverso il vetro per irraggiamento (dove questo particolare esiste) e per convezione attorno al focolare. Nei modelli dove è presente, la regolazione della combustione si effettua con la messa in circolo dell aria primaria che si ottiene aprendo l apposito dispositivo situato sulla porta del vano raccogli cenere. 2. Installazione L installazione di una stufa o cucina che necessita di legno o carbone come combustibile deve essere eseguita da personale competente e consapevole del rispetto delle regole di sicurezza. Una stufa installata male può essere causa di gravi incidenti ( incendi del camino, dei materiali isolanti, etc.etc.) LA RESPONSABILITÀ DEL COSTRUTTORE È LIMITATA ALLA FORNITURA DEL MATERIALE 3. La canna fumaria La canna fumaria è di primaria importanza per il buon funzionamento di una stufa o cucina a legna o carbone. E pertanto fondamentale che la sua costruzione sia eseguita a regola d arte e che una corretta manutenzione la mantenga costantemente in buono stato. Il tiraggio della canna fumaria La maggior parte dei reclami per il cattivo funzionamento delle stufe o cucine sono dovute esclusivamente ad un tiraggio inadeguato! Leggete attentamente questa parte dei consigli perché è importantissima! Il tiraggio ottimale per le stufe o cucine LA NORDICA varia da 1 a 2 mm colonna d acqua, (nei prodotti dove son presenti, 3

6 controllate nella scheda tecnica del prodotti o nel libretto di istruzione quale valore è indicato come ottimale). Un valore inferiore non consentirebbe una buona combustione con conseguente formazione di depositi carbonici, eccessiva produzione di fumo che non riuscendo a defluire verso l esterno uscirà dai cerchi o dalle porte durante la fase di accensione. Potrà inoltre verificarsi un eccessivo ristagno dei fumi che aumenterebbe inesorabilmente la temperatura a tal punto da arrecare danni, anche molto gravi, alle componenti strutturali delle stufe o cucine. Un valore superiore consentirà una combustione troppo rapida con conseguente dispersione del calore attraverso la canna fumaria e un cattiva autonomia del fuoco. Sintomi di un tiraggio non ottimale si possono manifestare nei seguenti modi: - vetro sporco, maniglia bollente (per le stufe e cucine panoramiche); - infiltrazioni di fumo nel forno (per le stufe e cucine dotate di forno); - uscite di fumo da sotto il cappello superiore (per modelli di stufe tipo Mignon, Junior, e simili). Canna fumaria e comignoli - Caratteristiche Generali Il condotto del fumo deve essere compatibile con il suo utilizzo. Per agevolare il tiraggio della canna fumaria il comignolo dovrà essere sempre in pieno vento, superando il colmo del tetto di almeno un metro. Il camino deve sovrastare il punto più alto del tetto. 2,5 MT 2,5 MT 1,1 MT NON CORRETTO CORRETTO 4

7 La grandezza del comignolo varierà a seconda del modello di canna fumaria, comunque per garantire un buon smaltimento dei fumi, la sezione di passaggio uscita fumi dovrà sempre essere doppia rispetto alla sezione della canna fumaria stessa, ed inoltre il cappello del camino non dovrà in nessun modo ostacolare il tiraggio. NON CORRETTO CORRETTO h = ø del camino Il comignolo del tipo antivento con profili alari garantisce il convogliamento verso l esterno dei fumi anche in presenza di forti venti orizzontali impedendo così il ritorno in canna degli stessi. Una installazione approssimativa od una cattiva manutenzione della canna fumaria e del comignolo sono solitamente la causa di ostruzioni della canna fumaria stessa dovute a rottura e distacco di intonaci, mattoni refrattari ecc.. Per evitare simili problemi, all atto della costruzione della canna fumaria conviene sempre acquistare comignoli di produzione industriale in quanto solitamente la progettazione e la esecuzione di questi comignoli privilegia più la parte tecnica e funzionale che la parte estetica. E comunque importante curare anche la forma del camino per agevolarne l efficacia. Importante è anche la forma del camino Il condotto del fumo deve avere un isolamento termico sufficiente: un condotto con le pareti interne fredde rende impossibile il tiraggio ad effetto termico e può provocare condense. E bene che la parte interna dell intera canna fumaria abbia una superficie liscia, che il materiale usato sia refrattario e resistente sia alla temperatura raggiunta dai fumi combusti che al loro grado di acidità e che sia impermeabile ai gas. 5

8 La parte esterna della canna fumaria si può costruire con elementi prefabbricati in vibrocemento formando una canna fumaria con camera d aria da riempire con uno strato di lana di roccia di circa 3,5 cm di spessore ottenendo così un migliore isolamento dagli agenti esterni. QUESTI SONO I PRINCIPALI DIFETTI DA CORREGGERE SUL CAMINO Stufa e altro apparato nel medesimo condotto Camino più basso della somità del tetto Altezza minore di 5 metri Uscita fumi di piccola sezione Inclinazione eccssiva Restringimento Fessura Tubo orizzontale che parzializza il tiraggio Zona impossibile da pulire Sportello per pulizia mai chiuso Cappa nel medesimo condotto Tubo con sezione minore di quella prescritta Scarico fumi parzialmente ostruito Ostruzioni per acumulo materiale Tubo che ostacola il passaggio del fumo Tubo che ostacola il passaggio del fumo Impossibilità d estrazione residui. 6

9 Altezza e sezioni di una Canna Fumaria L altezza e la sezione di una canna fumaria sono importantissimi per un buon tiraggio della stessa, la sua altezza non dovrà essere mai inferiore ai cinque metri lineari, mentre la sua sezione dovrà sempre tenere conto dell altezza della canna fumaria e della potenza calorica della stufa o cucina. Una canna fumaria con pareti interne lisce e con un diametro costante per tutta l altezza è necessaria per il buon funzionamento della stufa o cucina. E altrettanto importante che la canna fumaria sia perfettamente a tenuta stagna, infiltrazioni d aria causate da fessure nella canna fumaria o una portina di ispezione che non ha un perfetta tenuta abbassano di molto il tiraggio della stessa. Sezioni consigliate materassino isolante di lana blocco camino in cemento vibrato mattoni pieni camino interno in materiale refrattario blocco esterno prefabbricato isolante Altezza Sezione Sezione canna fumaria rotonda quadrata 5 mt. lineari cm. 20/22 cm. 20x20 10 mt. lineari cm. 18/20 cm. 18x18 15 mt. lineari cm. 15/16 cm. 16x16 Collegamento della stufa o cucina alla canna fumaria Il tubo metallico di collegamento tra stufa o cucina e canna fumaria non deve mai avere un diametro inferiore al foro di uscita della stufa o cucina stessa. Bisogna cercare di evitare le curve ed i tratti orizzontali e dove ciò non fosse possibile, bisogna dare sempre una pendenza di 2 / 3 cm per metro lineare a compensazione. 7

10 Ogni stufa o cucina o altra apparecchiatura che abbisogni di smaltire i fumi prodotti all esterno, deve avere una propria canna fumaria, non si deve mai utilizzare la stessa canna fumaria per più apparecchiature. CORRETTO NON CORRETTO I tubi che collegano la stufa o cucina alla canna fumaria devono essere accuratamente sigillati tra loro e, soprattutto, tra il collegamento della la stufa o cucina e la canna fumaria. Si consiglia l uso di tubi di alta qualità. Verificare che non ci siano infiltrazioni d aria causate da fessure nella canna fumaria o poca tenuta degli sportelli di ispezione. Collegamento ad un caminetto Se la stufa o cucina andrà a scaricare i fumi nella cappa di un caminetto già esistente controllare che la sezione del camino non sia troppo grande ed eventualmente chiudere a tenuta stagna la cappa del camino. Pulizia dei tubi e della canna fumaria E buona norma provvedere alla pulizia de tubi e della canna fumaria ogni volta che si dovesse notare un tiraggio difficoltoso. L asportazione della fuliggine e dei residui carboniosi deve essere fatta a regola d arte con gli idonei strumenti predisposti a tale utilizzo e prestando attenzione a non deteriorare le parti smaltate e le guarnizioni, tale attenzione è bene prestarla anche all atto del rimontaggio dei tubi, controllando anche la perfetta tenuta dei tubi stessi. 8

11 4. Combustibili Il buon funzionamento dei nostri prodotti è determinato anche dall utilizzo di combustibili di buona qualità. Si consiglia di utilizzare soprattutto legna stagionata e bene asciutta, questo oltre a permettere di ottenere dei buoni rendimenti calorici, evita lo sporcarsi velocemente dei vetri panoramici (ove ci siano) dei tubi e della canna fumaria. Per ottenere un fuoco di ridotta potenzialità calorica ma di lunga durata (necessario per esempio nelle ore notturne) si possono utilizzare mattonelle di lignite. E importante sapere che le prime accensioni bisognerà sempre farle con un fuoco moderato per consentire un buon assestamento di tutti i materiali e che bisogna assolutamente evitare legna sottile, scarti di imballaggio sia di cartone che di legno che producendo grandi fiammate possono causare danni gravi ed irreparabili ai nostri prodotti. QUALCHE INFORMAZIONE UTILE SUL LEGNO Bruciate del legno secco! Oltre alla selezione del legno di qualità, bisogna anche che sia secco al momento dell utilizzo. In un albero vivo, ancora piantato, il legno contiene dal 50 al 95% d acqua. E da tenere in considerazione che il potere calorico del legno diminuisce moltissimo in quanto la presenza di umidità costringe una grande parte del calore prodotto ad essere utilizzata per vaporizzare l acqua ed inoltre, in caso di condensazione dei vapori prodotti, nel condotto-fumi i rischi di ostruzione aumentano rapidamente. L ESSICAZIONE Il legno umido, non solo brucia male, ma danneggia l accensione del fuoco e il condotto-fumi. E stato riscontrato, infatti, che il vapore acqueo trasporta quei prodotti condensabili come l acido acetico, l alcool, l alcool metilico e dei catrami che favoriscono la formazione di incrostazioni dannose per il buon funzionamento della nostra stufa o cucina. Il legno tagliato fresco è inutilizzabile come combustibile. 9

12 Infatti, una grande parte dell energia prodotta è utilizzata per fare evaporare l acqua che, per esempio, nel legno giovane senza corteccia è presente fino al 75%. Per ottenere del legno secco (15/20% d umidità ) bisogna tagliare il legno debole (in inverno) nella lunghezza che si desidera e ritagliarlo in pezzi di 8-15 cm di diametro massimo. Bisogna in seguito riporlo in un riparo ventilato per 2 anni (4 anni la quercia il primo dei quali d esposizione alla pioggia per levare il tannino). Bisogna accatastare il legno senza comprimerlo per permettere la circolazione dell aria tra i ceppi che, circolando, si carica di umidità rimuovendola e procedendo all essiccazione. Ecco perché una cantina in calcestruzzo o un granaio moderno isolato non sono adatti, non sono infatti sufficientemente ventilati. Per evitare il contatto diretto con il suolo, la base della catasta dovrà essere costituita di legna incrociata o di grosse pietre. La durata minima del essiccazione deve essere di 18/24 mesi e quindi domandate sempre al Vs. fornitore di combustibile quanto tempo è passato dal taglio. Con un po di pratica potrete distinguere, semplicemente soppesandolo, un ceppo fresco (che è più pesante) da un ceppo secco (più leggero). Infine, sappiate che cozzando un ceppo contro l altro, un suono chiaro indica il legno secco, un rumore sordo, indica invece il legno umido. 10

13 COME SCEGLIERE IL LEGNO GIUSTO? Per ottenere una combustione ed un rendimento ottimale della vs. stufa o cucina, bisogna utilizzare legna da ardere tenendo conto di quanto riportiamo nella seguente lista. Qui di seguito troverete un tabella che, valutando 100 come valore massimo del calore reso per dm 3, si hanno delle esatte indicazioni sul tipo di legna ed il suo rendimento. TIPO DI LEGNA VALORE QUALITA DELLA RESA CARPINE 100 OTTIMA QUERCIA 99 OTTIMA FRASSINO 92 MOLTO BUONA ACERO 91 MOLTO BUONA BETULLA 89 BUONA OLMO 84 BUONA FAGGIO 80 BUONA SALICE 71 APPENA SUFFICENTE ABETE 70 APPENA SUFFICIENTE ONTANO PINO SIL.VESTRE 67 MEDIOCRE LARICE 66 MEDIOCRE TIGLIO 57 PESSIMA PIOPPO 50 PESSIMA E ASSOLUTAMENTE SCONSIGLIATO USARE: A. Legno verde: il legno verde o troppo umido diminuisce la resa termica dell apparecchio e provoca l incrostazione degli eventuali particolari in vetro delle porte, delle pareti interne e del condotto del fumo B. Legno recuperato: la combustione del legno trattato (traversine di rotaie, ritagli di compensato, legno verniciato etc. etc.), provoca rapidamente l incrostazione dei sistemi di scarico ed è causa di surriscaldamento. 11

14 Legno verde e legno recuperato possono essere causa di incendi del camino C. Litantrace a fiamma lunga: è assolutamente vietato l uso di questo combustibile D. Coke : Visto il suo elevatissimo potere calorifero. L UTILIZZO DEI MATERIALI SOPRA ELENCATI ED I DANNI DA ESSI PROVOCATI FANNO F DECLINARE A LA NORDICA OGNI RESPONSABILITÀ E FANNOF DECADERE OGNI FORMA DI GARANZIA. Sono consigliati invece ceppi di legno, mattonelle di torba e in carbone marrone 6-7. Devono comunque essere caricati due pezzi di legno alla volta oppure fino ad un massimo di 5 mattonelle di carbone marrone. I pezzi di legna devono avere una lunghezza di 1/3 di mt. 5. Norme generali per la pulizia delle Stufe/Cucine/Maioliche La Nordica E consigliabile togliere la cenere prodotta dalla combustione tutti i giorni e quando si usa il carbone (nei prodotti ove è possibile) due volte al giorno. Non lasciare mai che la cenere si accumuli nel cassetto fino a toccare la griglia, questa ostacolerebbe la circolazione dell aria primaria soffocando lentamente il fuoco; inoltre la griglia non verrebbe raffreddata sufficientemente e si deteriorerebbe rapidamente. E bene prestare sempre attenzione quando si esegue la pulizia delle nostre stufe o cucine per evitare di scheggiare, graffiare o rompere i componenti dei nostri prodotti. Tutti i profili in ottone devono essere puliti con detergenti specifici per l ottone e con un panno morbido, evitando prodotti abrasivi che oltre a raschiare, macchierebbero irreparabilmente l ottone. Per la pulizia delle parti in acciaio usare detergenti non abrasivi ed un panno morbido e provvedere ad un risciacquo accurato, per evitare che depositi di detersivo possano deteriorare i materiali. 12

15 Ove sia presente, la pulizia del vetro dovrà essere eseguita quando l apparecchio è freddo con un normale detergente per vetri. Nel caso di incrostazioni dure da rimuovere, consigliamo di usare detergenti in commercio ad uso apposito. Dopo la pulizia sciacquare con dell acqua pulita e se restassero delle condensazioni, non attendere che queste si secchino prima di asportarle. La porta con vetro ceramico resiste ad una temperatura di 750 C, in caso di rottura dovuta a qualche manovra maldestra, è sconsigliato sostituirlo con un altro vetro che non sia fornito da La Nordica. Le Maioliche La Nordica Le maioliche LA NORDICA sono prodotti di alta fattura artigianale e come tali possono presentare micropuntinature, cavillature ed imperfezioni cromatiche. Queste caratteristiche ne testimoniano la pregiata natura. Smalto e maiolica, per il loro diverso coefficiente di dilatazione, producono microscrepolature (cavillatura) che ne dimostrano l effettiva autenticità. Per la pulizia delle maioliche si consiglia di usare un panno morbido ed asciutto ; se si usa un qualsiasi detergente o liquido potrebbe,quest ultimo, penetrare all interno dei cavilli evidenziando gli stessi. 6. Accensione E inevitabile che al momento della prima accensione venga prodotto uno sgradevole odore, questo è dovuto all essiccamento dei collanti del cordone di guarnizione, ma tutto ciò sparisce dopo un breve periodo di funzionamento. E necessario garantire una regolare aerazione del locale e quindi consigliamo, alla prima accensione, di caricare pochissimo combustibile. Per l accensione sono consigliati piccoli listelli di legno con della carta di giornale, oppure altri mezzi di accensione presenti in commercio; non deve comunque essere usata alcuna sostanza liquida come alcool, benzina, petrolio o altro. Le prese d aria delle stufe o cucine sono da aprire assieme alla eventuale valvola a farfalla posta sul camino. 13

16 Nel momento in cui i listelli di legna sono accesi si può introdurre anche altro combustibile. Non sovraccaricare mai la stufa o cucina. Troppo combustibile o aria di combustione possono causare surriscaldamento e danneggiare la stufa. Per effettuare una corretta prima accensione dei prodotti trattati con vernici per alte temperature, occorre sapere quanto segue: - I materiali di costruzione dei prodotti in questione non sono omogenei, perché coesistono parti in ghisa, in acciaio, in refrattario e in maiolica. - La temperatura alla quale il corpo del prodotto è sottoposto non è omogenea: da zona a zona si registrano differenze di temperatura fino a 500 C - Durante la sua vita,il prodotto è sottoposto a cicli alternati di accensioni e di spegnimento durante la stessa giornata e a cicli di intenso utilizzo o di assoluto riposo al variare delle stagioni. - La stufa nuova, prima di potersi definire stagionata, dovrà essere sottoposta a diversi cicli di avviamento per poter consentire a tutti i materiali ed alla vernice di completare le varie sollecitazioni elastiche - In particolare si potrà notare l emissione di odori tipici dei metalli sottoposti a grande sollecitazione termica e di vernice ancora fresca.tale vernice, anche se in fase di costruzione è stata cotta a 250 per qualche ora, dovrà superare più volte e per una certa durata la temperatura di 350 prima di incorporarsi perfettamente con le superfici metalliche Diventa quindi importante seguire questi piccoli accorgimenti in fase di accensione 1. Assicuratevi che sia garantito un forte ricambio d'aria nel luogo dove è installato l'apparecchio 2. Nelle prime accensioni, caricare non eccessivamente la camera di combustione (circa metà della quantità indicata nel manuale d'istruzioni) e tenere il prodotto acceso per almeno 6-10 ore di continuo, con i registri meno aperti di quanto indicato nel manuale d'istruzioni 14

17 3. Ripetere questa operazione per almeno 4-5 o più volte, secondo la Vostra disponibilità 4. Successivamente caricare sempre più ( seguendo comunque quanto descritto sul libretto di istruzione relativamente al massimo carico) e tenere possibilmente lunghi i periodi di accensione evitando, almeno in questa fase iniziale, cicli di accensione-spegnimento di breve durata 5. Durante le prime accessioni nessun oggetto dovrebbe essere appoggiato sulla stufa ed in particolare sulle superfici laccate. Le superfici laccate non devono essere toccate durante il riscaldamento. 6. Una volta superato il "rodaggio" si potrà utilizzare il Vostro prodotto come il motore di un auto, evitando bruschi riscaldamenti con eccessivi carichi ATTENZIONE In caso di non osservanza delle indicazioni suddette, il costruttore declina ogni responsabilità e fa immediatamente decadere la garanzia sull apparecchio. 7. Azione termica La dove è presente, con la valvola dell aria primaria posta sotto al focolare, viene determinata la resa termica del focolare. Questa è da aprire a seconda del fabbisogno di calore e comunque si può effettuare tale regolazione solo dopo che la stufa è già ad un discreto regime di calore. Per le stufe o cucine dotate di focolare in ghisa, visto il grande rendimento di quest ultimo, si consigliano piccole cariche di legna onde evitare forti dilatazioni che possono causare la rottura delle parti in ghisa. 8. Aerazione dell ambiente ove è installata una stufa o cucina La buona aerazione dell ambiente è fondamentale per assicurare il buon funzionamento di una stufa o cucina e per garantire la sicurezza delle persone che utilizzano l ambiente in cui la stufa o cucina è installata. 15

18 Per cui è indispensabile dotare il suddetto ambiente di bocchette d aereazione con serrande parzializzatrici e in ogni caso contattare un tecnico specializzato del settore riscaldamento/climatizzazione. 9.Materiali d usura Sono esclusi da garanzia tutti i particolari soggetti ad usura. Fanno parte di questa categoria: le guarnizioni, il rivestimento del focolare, i vetri ceramici o temperati, la ceramica e le maniglie salvo casi di constatato danneggiamento dovuto al trasporto ( opportunamente appuntato nel D.D.T. al momento della consegna ). Variazioni cromatiche e lievi diversità dimensionali delle parti in ceramica non costituiscono motivo di contestazione, in quanto sono caratteristiche naturali dei materiali stessi. Non sono inoltre coperte da alcuna garanzia le parti danneggiate da errata installazione, da collegamenti non conformi a quanto specificato dalle istruzioni che accompagnano il prodotto o da manomissione da parte di personale non qualificato. 10. Fermo estivo Dopo aver effettuato la pulizia del focolare, del camino e della canna fumaria, provvedendo all eliminazione totale della cenere ed altri eventuali residui chiudere tutte le porte del focolare ed i relativi registri e nel caso in cui l apparecchio venga disconnesso dal camino, è necessario chiudere l'apertura dello stesso, in modo che eventuali altri apparecchi collegati alla stessa canna fumaria possano continuare a funzionare. L operazione di pulizia della canna fumaria è consigliabile effettuarla almeno una volta all anno; verificare nel frattempo l effettivo stato delle guarnizioni che se non perfettamente integre - cioè non più aderenti alla stufa - non garantiscono il buon funzionamento dell apparecchio! E quindi necessaria la sostituzione delle stesse. In caso di umidità del locale dove è posto l apparecchio, sistemare dei sali assorbenti all interno del focolare. Proteggere le parti in ghisa interne alla stufa, se si vuole mantenere inalterato nel tempo l aspetto estetico, con della vaselina neutra. 16

19 11. Soluzione ai problemi L APPARECCHIO NON FUNZIONA - Controllare che l imbocco del camino sia fatto a regola d arte. - Controllare che le dimensioni del camino siano corrette e appropriate all apparecchio utilizzato. - Controllare che la canna fumaria sia ben isolata termicamente. - Controllare che la canna fumaria non abbia aperture o portine d ispezione sigillate in maniera non adeguata. - Controllare che alla canna fumaria non siano collegati altri apparecchi. DIFFICOLTA DI ACCENSIONE DEL FUOCO - Aprire l aria primaria e il registro fumi. - Usare legna ben asciutta. - Arieggiare il locale in modo da avere aria ricca di ossigeno. - Verificare che la canna fumaria sia adeguata all apparecchio utilizzato. ESCE FUMO DALLA PIASTRA - Verificare che il registro aria primaria sia aperto. - Verificare che l imbocco del camino non abbia perdite. - Verificare che la cenere e i residui di combustione non ostruiscano il condotto di scarico o la griglia. - Tiraggio insufficiente. IL VETRO SI SPORCA TROPPO VELOCEMENTE - Legna umida : usare legna ben stagionata (15% di umidità relativa). - Materiale combustibile non adatto (vedi materiali permessi). - Troppo materiale combustibile (vedi quantitativi permessi). - Tiraggio insufficiente (vedi allacciamento e canna fumaria). - Regolazione non corretta dei registri: con il registro aria secondaria chiuso il vetro si sporca molto velocemente. 17

20 C E CONDENSA ALL INTERNO DELLA CAMERA DI COMBUSTIONE - Durante le prime accensioni è normale che si crei condensa in quanto i materiali di rivestimento contengono dell umidità. - Se il problema continua accertarsi che la legna utilizzata non sia umida o mal stagionata. - Verificare che il camino non sia difettoso e che raffreddi troppo velocemente i gas di scarico. - Verificare che il camino non sia troppo grande e che il fuoco non riesca a riscaldarlo fino in cima. IL FORNO NON RAGGIUNGE TEMPERATURE ELEVATE - Verificare che la porta sia ben chiusa. - Accertarsi che il registro fumi sia chiuso. - Il camino ha un uno scarso tiraggio ed il fuoco non è abbastanza vivo. - Riscaldare con fiamma viva e legna di buona qualità. GLI ELEMENTI DELL IMPIANTO DI RISCALDAMENTO NON IRRADIANO CALORE A SUFFICIENZA (PER TERMOCUCINE) - Controllare la temperatura dell acqua. - Sfiatare i radiatori. - Verificare che l impianto sia carico. - Verificare che la pompa di invio sia tarata sui C. - Verificare che la griglia porta legna sia posizionata in basso e che non sia montata alla rovescia. - Alzare il regolatore di tiraggio. C E CONDENSA ALLA BASE DELLA CALDAIA (PER TERMOCUCINE) - Verificare che il termostato della pompa sia impostato correttamente. - Controllare che il camino funzioni bene e che non si generi condensa a causa di un tiraggio imperfetto. 18

21 IMPORTANTE Uniformandoci al D.L.277/91 La Nordica NON fa uso ormai da parecchi anni di amianto o comunque altri materiali dannosi per la salute utilizzando quindi ESCLU- SIVAMENTE materiali NON pericolosi per la salute e nella fattispecie tutte le guarnizioni sono cordoni di FIBRA DI VETRO con guaina in calza. La ditta costruttrice si riserva di apporre, all occorrenza, modifiche di aspetto,di dimensioni o dei modelli senza preavviso. La responsabilità della ditta costruttrice è limitata alla fornitura dell apparecchio, il quale deve essere installato a regola d arte seguendo le prescrizioni contenute in questo libretto ed eventualmente in altri opuscoli in dotazione al prodotto acquistato e conformemente alle leggi in vigore. L installazione deve essere affidata a del personale qualificato il quale deve agire per conto di un impresa disposta ad assumersi l intera responsabilità dell installazione definitiva. Non vi sarà responsabilità da parte della ditta produttrice in caso di mancato rispetto di tali precauzioni. Gli impianti installati nei luoghi pubblici sono sottoposti ad una regolamentazione particolare

22 NOTE

23 INTRODUCTION GB The efficiency of a wood/coal-burning heating stove or cooker depends on its correct installation, which must be carried out by a professional man following the highest standards and in compliance with the safety regulations in force. We give some recommendations and rules below, which you must respect, bearing in mind, however, that every installation has specific features. The place you intend to install the stove and/or cooker in must be fireproof and therefore the floor and surrounding walls must be in a non-flammable material while the furnishings in the surroundings must be able to support a temperature increase of at least 80º C with respect to the surrounding environment without undergoing any modification. The stove and/or the cooker requires an air space of at least 20 cm all around to guarantee proper cooling and a uniform distribution of warm air in the surrounding environment. If there is a flammable floor (such as parquet, carpet, etc., for example) it must be protected by an insulating plate (in steel, brass, marble, stone, etc.), which extends at least 50 cm from the front and at least 15 cm from the sides. Do not place armchairs, seats or any flammable object within 80 cm from the stove. 21

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors

zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors ZANZAR SISTEM si congratula con lei per l acquisto della zanzariera Plissè. Questa guida le consentirà di apprezzare i vantaggi di questa zanzariera

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing.

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing. Delta PATENT PENDING Sistema di apertura per ante a ribalta senza alcun ingombro all interno del mobile. Lift system for doors with vertical opening: cabinet interior completely fittingless. Delta Centro

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini ACQUAVIVA

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini ACQUAVIVA design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini 56991/12 Bocca incasso da cm. 12 su piastra Built-in 12 cms. spout on plate 56991/18

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

BATTERIE ENERGA AL LITIO

BATTERIE ENERGA AL LITIO BATTERIE ENERGA AL LITIO Batterie avviamento ultraleggere - Extra-light starter batteries Le batterie con tecnologia al Litio di ENERGA sono circa 5 volte più leggere delle tradizionali al piombo. Ciò

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Gentile cliente, Bongioanni spa

Gentile cliente, Bongioanni spa GX NE Gentile cliente, La ringraziamo per aver acquistato un prodotto Bongioanni. Questo libretto è stato preparato per informarla, con avvertenze e consigli, sulla installazione, il corretto uso e la

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW

ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW Technical-scientific seminar on Analysis and design of tall building structures University of Patras 16 May 214 h. 11:-18: ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW OFFICE BUILDING IN MILAN (21-214) Structural

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat with cap. 3015001 with cap. 3900001 with connector 3900200 with cable A richiesta disponibile la versione certifi- Version available on request 124

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCO PROF SE 2 SeccoProf, SeccoProf EL, SeccoUltra, SeccoMust Tolgono l umidità dappertutto Removing humidity everywhere Un intera gamma professionale

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

Componenti per illuminazione LED. Components for LED lighting

Componenti per illuminazione LED. Components for LED lighting 2014 Componenti per illuminazione LED Components for LED lighting Legenda Scheda Prodotto Product sheet legend 1 6 3 7 4 10 5 2 8 9 13 11 15 14 12 16 1673/A 17 2P+T MORSETTO Corpo in poliammide Corpo serrafilo

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini A C Q U A V I V A ACQUAVIVA design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini 10 11 56991/12 Bocca incasso da cm. 12 su piastra. 12

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

valvole 18 mm ad azion. elettropneumatico solenoid actuated valves - 18 mm

valvole 18 mm ad azion. elettropneumatico solenoid actuated valves - 18 mm valvole 8 mm ad azion. elettropneumatico solenoid actuated valves - 8 mm Valvole a spola 3/2-5/2-5/3 con attacchi filettati G/8 3/2-5/2-5/3 spool valves with G/8 threaded ports Spessore della valvola:

Dettagli

Stud-EVO Designer Pino Montalti

Stud-EVO Designer Pino Montalti Designer Pino Montalti È l evoluzione di un prodotto che era già presente a catalogo. Un diffusore per arredo urbano realizzato in materiali pregiati e caratterizzato dal grado di protezione elevato e

Dettagli

INSTRUCTION MANUAL Air-Lock (AL)

INSTRUCTION MANUAL Air-Lock (AL) DESCRIZIONE Il dispositivo pressostatico viene applicato su attuatori pneumatici quando è richiesto l isolamento dell attuatore dai dispositivi di comando (posizionatore o distributori elettropneumatici),

Dettagli

GENERAL INFORMATION GENERAL INFORMATION

GENERAL INFORMATION GENERAL INFORMATION GENERAL INFORMATION GENERAL INFORMATION PRESCRIZIONI TECNICHE E MANUTENZIONE PRESCRIZIONI TECNICHE: 1) al fine di garantire una lunga durata del prodotto installare i rubinetti sottolavabo dotati di filtro,

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

OMEGA-P BY DAY BOLLARD DISSUASORE

OMEGA-P BY DAY BOLLARD DISSUASORE BOLLARD DISSUASORE dissuasori bollards materiali materials acciaio steel dimensioni dimensions SHORT BASE - 220 x 120 x h 840 mm LONG BASE - 400 x 120 x h 840 mm niture nishes struttura structure 74 75

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

VOLTA S.p.A. RETE = antivolatile e antitopo di protezione in acciaio elettrosaldato installata sul retro

VOLTA S.p.A. RETE = antivolatile e antitopo di protezione in acciaio elettrosaldato installata sul retro Caratteristiche costruttive A singolo ordine di alette fisse inclinate 45 a disegno aerodinamico con passo 20 mm e cornice perimetrale di 25 mm. Materiali e Finiture Standard: alluminio anodizzato naturale

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual.

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual. MANUALE CASALINI M10 A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even people who come from the same brand

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

24 TIRANTI - PULL STUDS - ANZUGSBOLZEN - TIRETTES

24 TIRANTI - PULL STUDS - ANZUGSBOLZEN - TIRETTES Pag. 339 DIN 69872 340 ISO 7388/2 A 341 ISO 7388/2 B 342 CAT - METRIC 343 MAS 403 BT 344 JS - B 6339 345 347 OTT - HURCO MITSUI - KITAMURA C.B. FERRARI CHIRON - CINCINNATI etc. etc. 348 CHIAVE DINAMOMETRICA

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

ATEX CERTIFIED. Iso 9001 - Cert. N 0633 DEX. Pompe per vuoto ad anello liquido monostadio Single stage liquid ring vacuum pumps

ATEX CERTIFIED. Iso 9001 - Cert. N 0633 DEX. Pompe per vuoto ad anello liquido monostadio Single stage liquid ring vacuum pumps Iso 9001 - Cert. N 0633 ATEX CERTIFIED DEX Pompe per vuoto ad anello liquido monostadio Single stage liquid ring vacuum pumps DESCRIZIONE CARATTERISTICHE Le pompe per vuoto ad anello liquido serie DEX

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

M16FA655A - Mark V. Manuale dell Utente - User Manual SIN.NT.002.8. Regolatore di Tensione per Generatori Sincroni Trifase

M16FA655A - Mark V. Manuale dell Utente - User Manual SIN.NT.002.8. Regolatore di Tensione per Generatori Sincroni Trifase M16FA655A - Mark V Manuale dell Utente - User Manual Regolatore di Tensione per Generatori Sincroni Trifase Automatic Voltage Regulator for Three-phase Synchronous Generators (Issued: 09.2010) SIN.NT.002.8

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Uninterruptible Power Supply EXA LCD 0.90. User s manual Manuale utente

Uninterruptible Power Supply EXA LCD 0.90. User s manual Manuale utente Uninterruptible Power Supply EXA LCD 0.90 User s manual Manuale utente Index Safety Warnings... 1 1 Introduction... 2 2 General Characteristics... 3 3 Receipt and site selection... 3 4 EXTERNAL DESCRIPTION...

Dettagli

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI MODAL VERBS PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI ----------------------------------------------- 3 2 di 15 1 Verbi modali: aspetti grammaticali e pragmatici

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli