AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 "MEDIO FRIULI" PROCEDURE OPERATIVE FARMACI ANTIBLASTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 "MEDIO FRIULI" PROCEDURE OPERATIVE FARMACI ANTIBLASTICI"

Transcript

1 s.o.c. Prevenzione, Protezione e Gestione Ambientale Aziendale Via Pozzuolo, Udine ~ ~ PROCEDURE OPERATIVE FARMACI ANTIBLASTICI P12/0PER REDAZIONE APPROVAZIONE RSPP (Responsabile Servizio Prevenzione e Redazione/ Protezione) Verifica MC (Medico Competente) FIRMA A.S.S. Ii!; f.o<"",.:,'., "':.111 Il R... ':':Jor ',~,-"""':' S.O.C. DATA o 9 SE I o 9 SEI Approvazione DG (Direttore Generale) PRESA VISIONE DS (Direttore Sanitario) DA (Direttore Amministrativo) DATA SET SEI CSS (Coordinatore Socio sanitario ) RLS (Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza) La Presente Procedura è inviata per conoscenza, tramite pubblicazione sul sito aziendale: - Tutti i Responsabili di CdA - SOC Servizio Farmaceutico Aziendale - SOC Approvvigionamenti - CoordinatorilPreposti Rev. N. O DESCRIZIONE EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE VERIFICA APPROV AZIONE DATA Firma del redattore Firma del verificato re Firma /08/201 3 Data 09/09/201 3 Rev. O Pagina 1/13

2 Via Pozzuolo, Udine INDICE 1. SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE TERMINI ED ABBREVIAZIONI DESTINATARI DELLA PROCEDURA MODALITA OPERATIVE MODALITA DI STOCCAGGIO E TRASPORTO LA PREPARAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Procedure di sicurezza prima di iniziare la preparazione Dispositivi di protezione individuale Procedure di sicurezza durante la preparazione Procedure di sicurezza al termine della preparazione Indicazioni per la pulizia settimanale della cappa (eseguita a cura del personale infermieristico addetto alla preparazione) Indicazioni per la pulizia e decontaminazione ambientale ordinaria (a cura del personale dell appalto pulizie) SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Dispositivi di protezione individuale Somministrazione intravenosa di antiblastici (FLEBOCLISI E BOLO) Somministrazione per via orale di farmaci antiblastici Somministrazione di farmaci per via intravescicale La prevenzione dello stravaso dei farmaci antiblastici RACCOLTA ED ELIMINAZIONE DEGLI ESCRETI DEI PAZIENTI Dispositivi di protezione individuale Procedure di sicurezza SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CON ANTIBLASTICI Smaltimento del materiale utilizzato e o avviato alle fasi di preparazione sotto cappa Smaltimento del materiale utilizzato nella somministrazione dei farmaci antiblastici Smaltimento dei farmaci scaduti PROCEDURE DI EMERGENZA - CONTAMINAZIONE PERSONALE Contatto con mucose e cute Puntura accidentale della cute con aghi contaminati Contatto con gli occhi PROCEDURE DI EMERGENZA - CONTAMINAZIONE AMBIENTALE Procedura generale di emergenza da adottare in caso di contaminazione ambientale UTILIZZAZIONE FARMACI ANTIBLASTICI A DOMICILIO MANUTENZIONE: la sostituzione del filtro della cappa RIFERIMENTI NORMATIVI STORIA DEL PROTOCOLLO INDICATORI DI MONITORAGGIO DEL PROCESSO (per CdA) ALLEGATI MODALITA DI ARCHIVIAZIONE ALLEGATO 1 IO01/P12/OPER - Il kit per le emergenze ambientali ALLEGATO 2 MO01/P12/OPER - Modulo di segnalazione contaminazione personale/ ambientale ALLEGATO 3 IO02/P12/OPER - DPI e Durata precauzioni ALLEGATO 4 MO02/P12/OPER - Modulo di verifica Procedure operative farmaci antiblastici Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 2/13

3 Via Pozzuolo, Udine SCOPO La presente procedura, elaborata congiuntamente a: - Farmacia Ospedaliera dell ospedale di San Daniele; - Day Hospital Oncologico dell ospedale di San Daniele; - Direzione Sanitaria dell ospedale di San Daniele; ha lo scopo di aggiornare ed uniformare i comportamenti degli operatori al fine di garantire la manipolazione in sicurezza dei farmaci antiblastici (Conservazione, Trasporto, Preparazione, Somministrazione, Gestione incidenti, Pulizie, Smaltimento rifiuti). 2. CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura, per quanto applicabile, si adotta in tutte le unità operative e servizi dove sono previsti protocolli con l utilizzo di farmaci antiblastici, sia nella struttura sanitaria che a domicilio. 3. TERMINI ED ABBREVIAZIONI ASS4: Azienda per i Servizi Sanitari n 4 Medio Friuli DL: datore di lavoro in ASS4 corrisponde al Direttore Generale DPI: dispositivi di protezione individuale (da indossare) FFP3: Fattore di filtrazione di un facciale filtrante, dispositivo di protezione individuale che protegge le vie aeree da polveri, fumi, nebbie in ragione del 99%, massimo in una scala da 1 a 3 MC: medico competente CdA: Centro di Attività Unità con autonomia decisionale, cosi definita dall Atto Aziendale ASS4 RESPONSABILE DI REPARTO (Direttore di CdA) : Figura cui sono assegnati i compiti di Dirigente in materia di Sicurezza dei Lavoratori, come elencati nell Atto Aziendale ASS4 e in art. 18 D.Lgs. 81/08 COORDINATORE DI REPARTO: Figura cui sono assegnati i compiti di Preposto in materia di Sicurezza dei Lavoratori, come elencati in art. 19 D.Lgs. 81/08 RLS: rappresentante dei lavoratori per la sicurezza RSPP: responsabile del servizio di prevenzione e protezione MC/MA: Medico Competente Medico Autorizzato SOA: struttura operativa aziendale SOS: struttura operativa semplice SOC: struttura operativa complessa U.O.: unità operativa SPP: servizio di prevenzione e protezione 4. DESTINATARI DELLA PROCEDURA Il Datore di Lavoro che adotta tutte le misure preventive e protettive per la manipolazione in sicurezza dei farmaci antiblastici. La Direzione Sanitaria, la Dirigenza Medica, il Servizio Infermieristico ed il Servizio di Prevenzione e Protezione aziendali che assumono le funzioni di indirizzo e coordinamento per quanto riguarda gli aspetti organizzativi e gestionali per la manipolazione in sicurezza dei farmaci antiblastici e la dotazione dell organico. Il Responsabile dell Unità Operativa (CdA) che ha la responsabilità di: far sottoporre il lavoratore alla sorveglianza sanitaria specifica prima dell esposizione al rischio; assegnare alla destinazione funzionale solo il personale risultato idoneo a giudizio del Medico Competente rispetto all esposizione al rischio specifico; trasmettere al SPP, prima di assegnare un operatore ad attività con uso, manipolazione, o semplice esposizione accidentale a farmaci antiblastici, il nominativo dello stesso e parimenti comunicare tempestivamente la sua cessazione da tali circostanze; assegnare alla destinazione funzionale solo il personale che ha effettuato la formazione e un periodo di addestramento in affiancamento a personale esperto già formato, e ricevuto le istruzioni sulle procedure di sicurezza trattate nel presente documento; ciò in particolare per quanto attiene all Unita Operativa di Oncologia dell Ospedale di SD, ove l assetto organizzativo attuale prevede, con diversi profili orari, la presenza di un infermiere in sala preparazione, 2 infermieri e 1 OSS in somministrazione-reparto; fornire copia del documento Manuale di Informazione e formazione: prevenzione e tutela dai rischi per i lavoratori esposti a chemioterapici antiblastici, al personale di nuovo inserimento; garantire l addestramento del personale e favorire la diffusione delle disposizioni contenute nella presente procedura, avviando il personale alla frequenza degli specifici Corsi di Informazione e formazione: prevenzione e tutela dai rischi per i lavoratori esposti a chemioterapici antiblastici ; Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 3/13

4 Via Pozzuolo, Udine nell assegnare alla destinazione funzionale il personale, evitare che personale non compreso nell organico stabile (specializzandi, borsisti, tirocinanti, etc. ) dell Unità Operativa allestisca farmaci citostatici; garantire il rispetto del giudizio di idoneità espresso dal Medico Competente comunicando il nominativo di nuovi addetti alle attività di preparazione e somministrazione al SPP; trasmettere, per quanto attiene alla preparazione di farmaci antiblastici, i dati annuali in formato excel (nominativo preparatore, principio attivo, quantità preparata, data) al SPP; Il/la Caposala (COORDINATORE DI REPARTO) ha la responsabilità di controllare l approvvigionamento del materiale, di verificare la corretta applicazione della procedura ed di provvedere alla pianificazione dei turni escludendo da tali procedure le operatrici in gravidanza o allattamento e quelli risultati non idonei Tutti gli operatori hanno la responsabilità di: attuare i comportamenti suggeriti per la tutela della salute; utilizzare correttamente i dispositivi di protezione individuale (DPI) e collettivi forniti e di assicurarne la cura; smaltire secondo modalità stabilite i materiali residui e i DPI derivanti dalla manipolazione dei farmaci antiblastici. Al Responsabile e al Coordinatore (Caposala) dell U.O. (CdA), è demandato inoltre di verificare periodicamente, tramite la compilazione del modulo in allegato, che il personale si attenga alle disposizioni contenute nella Procedura. 5. MODALITA OPERATIVE 5.1 MODALITA DI STOCCAGGIO E TRASPORTO Lo stoccaggio dei chemioterapici deve avvenire in spazi (scaffali, armadi, contenitori, frigoriferi, ecc ) esclusivi e segnalati (pericolo farmaci citotossici). L accesso a queste zone deve essere limitato al solo personale autorizzato (es. chiusura con chiave). Gli antiblastici vanno conservati separatamente dagli altri farmaci su scaffali muniti di adeguati dispositivi di contenimento per evitare sia le cadute del materiale contenuto, sia eventuali spandimenti nel caso di rotture accidentali. E consentito utilizzare scaffali fino ad un altezza di 1,60 metri circa (altezza degli occhi dell operatore). I farmaci conservati in frigorifero o a basse temperature devono essere conservati in luoghi (contenitori a tenuta ermetica posti in frigorifero) separati dagli altri farmaci e segnalati per la presenza di sostanze citotossiche. Ogni locale di stoccaggio deve risultare provvisto di idoneo sistema di areazione e con pavimento in materiale plastico, impermeabile, facilmente lavabile, senza soluzioni di continuità e con un risvolto lungo le pareti con funzioni di contenimento in caso di spandimenti. Le superfici delle pareti devono essere sanificabili (es. tinteggiatura sanificabile). Dall ultimo luogo di stoccaggio è consentito il prelievo della sola quantità destinata alla preparazione giornaliera. Nel luogo di stoccaggio deve esserci un kit per le emergenze da utilizzarsi in caso di spandimenti accidentali di preparati citotossici. Il trasporto dei chemioterapici dalla zona di stoccaggio alla zona di preparazione, deve avvenire con modalità e mezzi tali da non provocare rotture o perdite dalle confezioni, mediante l uso di appositi contenitori resistenti agli urti e con chiusura ermetica. I contenitori utilizzati nel trasporto devono essere etichettanti e ad uso esclusivo per questa attività. Durante il trasporto tra diverse sedi operative l operatore deve avere con sé un Kit per le emergenze. Il personale addetto allo stoccaggio e al trasporto degli antiblastici deve essere adeguatamente formato sia sulle procedure lavorative, sia sulle procedure da tenere in caso di emergenza. Durante le fasi di stoccaggio e trasporto il personale deve indossare i guanti. Questi dispositivi di protezione individuale saranno successivamente descritti nella fase di preparazione. Per il trasporto dalla preparazione verso la zona di somministrazione bisognerà ricordarsi che ogni sacca o flacone di fleboclisi deve essere identificato con l'etichetta scritta dal preparatore recante i dati e codici identificativi del paziente, dosaggio del preparato con il diluente utilizzato, ciclo di terapia, data e registrazione. Anche questo breve trasporto deve avvenire con procedure e mezzi tali da evitare rotture o perdite dalle confezioni. 5.2 LA PREPARAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Procedure di sicurezza prima di iniziare la preparazione La preparazione di farmaci antiblastici deve essere eseguita solo ed esclusivamente nella sala appositamente realizzata presso l Ospedale di San Daniele. Per la preparazione dei farmaci antiblastici vanno rispettate le regole di asepsi previste per le diverse tipologie di farmaco e impiegata sempre la specifica cappa aspirante. Durante la preparazione dei farmaci antiblastici, le finestre non devono mai essere aperte. Per limitare l esposizione dovrà essere evitata, per quanto possibile, la presenza contemporanea di più operatori all interno del locale preparazione e andrà vietato l accesso al personale non autorizzato (segnalato sulla porta). Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 4/13

5 Via Pozzuolo, Udine Il personale infermieristico addetto alla preparazione dei farmaci deve sempre: prima dell avviamento della cappa, verificare il funzionamento della stessa controllando che non sia acceso nessun segnale di allarme dei vari parametri controllati dai sensori della cappa (es.: flussi in entrata ed in uscita, corretta chiusura del vetro di protezione, ecc.); accendere la cappa almeno 20 minuti prima di iniziare a preparare i farmaci per permettere la stabilizzazione del flusso di ventilazione; non usare cosmetici, orologi, anelli, braccialetti Dispositivi di protezione individuale Prima di iniziare la preparazione l addetto, dopo aver proceduto al lavaggio delle mani, deve indossare, nel locale filtro, i seguenti dispositivi di protezione individuale, forniti conformemente al D.Lgs. 475/92 e di taglia idonea: camice monouso in TNT (tessuto non tessuto), lungo, allacciato posteriormente, con polsini in maglina, idrorepellente e con rinforzi impermeabili davanti e sugli avambracci, preferibilmente testato per la resistenza alla permeazione di antiblastici. In mancanza di questo particolare tipo indossare camice di tipo chirurgico in TNT idrorepellente; cuffia monouso idrorepellente in TNT, che contenga tutti i capelli; guanti sterili monouso, in lattice o altro materiale, non talcati e sufficientemente lunghi (devono superare i polsini del camice), testati per la resistenza alla permeazione di antiblastici. Sostituire i guanti in via cautelativa ogni 30 minuti di lavoro ed ogni volta che presentano lesioni o contaminazioni (ripetendo sempre il lavaggio delle mani); soprascarpe monouso di tipologia simile a quella utilizzata per le sale operatorie; l utilizzo del facciale filtrante e degli occhiali non è necessario solo nel caso in cui tutte le operazioni manuali vengano condotte correttamente sotto cappa ponendosi in modo tale che il vetro della cappa protegga occhi e viso, DIVERSAMENTE ADRA UTILIZZATO UN FACCIALE FFP3 e gli occhiali di protezione. A preparazione conclusa togliersi e smaltire tutti i DPI e, comunque, sostituirli in caso di contaminazione (è vietato indossare i DPI impiegati durante la preparazione al di fuori del locale di preparazione) Procedure di sicurezza durante la preparazione preparare in prossimità della cappa un carrello con telino monouso su cui posizionare un vassoio contenente tutto il necessario per ogni singola preparazione; stendere sul piano della cappa un telino monouso sterile, assorbente nella parte superiore, impermeabile nella parte inferiore, facendo attenzione a non ostruire le griglie di ripresa dell aria (grandezza utile del telino non superiore a un quarto della superficie interna e posto al centro del piano di lavoro). Il telino deve essere cambiato alla fine della preparazione e dopo ogni eventuale sversamento accidentale; evitare il trasferimento interno/esterno e viceversa sotto cappa di cartelle, fogli, istruzioni, ecc. e porre sul piano solo l occorrente strettamente necessario alla preparazione, ovvero: i contenitori per fleboclisi e i farmaci necessari alla preparazione di un ciclo; le garze; se necessaria, la carta d alluminio per rivestire i flaconi se il farmaco è fotosensibile; se necessario, il contenitore con il disinfettante; il contenitore rigido per i rifiuti sanitari a rischio infettivo taglienti-pungenti; lavorare al centro della cappa, a non meno di 15 cm dall apertura della stessa poiché, fino a 15 cm circa dall ingresso frontale, l aspirazione prodotta è meno efficiente; muovere le braccia lentamente sul piano di lavoro non interponendo le mani o un oggetto tra il filtro sovrastante e il materiale. Per evitare turbolenze muovere le braccia parallelamente al piano di lavoro; dopo ogni spandimento, pulire immediatamente il piano di lavoro con materiale monouso accertandosi di non lasciare residui o filamenti; tutte le procedure devono garantire il mantenimento delle regole di asepsi previste nella preparazione di ogni farmaco; è vietato, durante le manovre di allestimento, assumere cibo (anche caramelle e gomme), bevande. Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 5/13

6 Via Pozzuolo, Udine Diluizione dei farmaci antiblastici in flaconi disinfettare con alcool i tappi di gomma dei flaconcini e flebo prima di inserire o estrarre aghi; non riempire la siringa utilizzata per diluire il farmaco in polvere per più di ¾ del suo volume, aspirare il solvente secondo tecnica asettica; perforare il tappo di gomma e introdurre il solvente nel flacone molto lentamente e dirigendo il flusso del solvente lungo le pareti della fiala con leggero movimento rotatorio per permettere la completa dissoluzione del farmaco. Durante la diluizione, per evitare accidentali fuoriuscite di farmaco, mantenere all interno del flacone una leggera pressione negativa; a tale scopo, iniettare il diluente a piccoli volumi, ritirando volta per volta volumi uguali di aria dal flacone oppure compensando attraverso una siringa con ago da insulina. Questa manovra (che può generare nebulizzazioni) può essere evitata se si dispone di aghi con filtro idrofobico e di equalizzatori di pressione (da preferire). Per evitare spandimenti è opportuno utilizzare siringhe con attacco luer lock; aspirare la quantità di soluzione di farmaco necessaria scambiando sempre volumi uguali di aria e di soluzione. Lo stesso dicasi per l introduzione del farmaco in fleboclisi; usare garze di protezione durante l espulsione di aria dalle siringhe; Identificare i flaconi pronti per la somministrazione con etichette adesive che riportano i dati anagrafici del paziente, il farmaco contenuto con il relativo dosaggio, il numero progressivo di somministrazione ed il tempo di somministrazione e la data Utilizzo di farmaci antiblastici in fiala accertarsi, prima di aprire la fiala, che il collo non contenga liquido in modo da evitare spandimenti accidentali; tenere tra le dita, con una garza, il collo della fiala per evitare spandimenti e ferite accidentali e quindi aprire la fiala usando garza sterile imbevuta di alcol, attuando movimenti delle mani rivolti verso l esterno; aspirare il farmaco diluito nella quantità necessaria utilizzando un ago sottile, rimuovere dal flacone la siringa con l'ago innestato; espellere lentamente l aria eventualmente presente nella siringa posizionando una garza sterile imbevuta di alcol all estremità superiore dell ago, per evitare la contaminazione dell operatore in caso di fuoriuscita accidentale del farmaco; La stessa accortezza va attuata nella fase di dosaggio del farmaco nella siringa. rimuovere successivamente l ago con l ausilio di una garza inserendolo nel contenitore per pungenti e chiudere la siringa con tappo luer lock; trasferire il farmaco in un flacone per infusione perforandone il tappo nella parte centrale del tappo in gomma, oppure somministrarlo come bolo; rendere riconoscibili tutte le siringhe e i flaconi contenenti farmaci antiblastici con le apposite etichette e/o con iscrizione diretta con pennarello indelebile; schermare con fogli di alluminio le siringhe e i flaconi contenenti farmaci antiblastici fotosensibili, garantendo la visibilità dei dati identificativi Preparazione dei deflussori per infusione è opportuno che le siringhe e i deflussori per infusione abbiano attacchi luer lock perché hanno minore probabilità di staccarsi accidentalmente; scegliere i deflussori utilizzati per la somministrazione dei farmaci in base alle caratteristiche dell antiblastico (fotosensibilità, incompatibilità con PVC, a più vie con regolatori di flusso unidirezionali); Riempire il deflussore con soluzione compatibile con il farmaco tenendo chiusa l estremità a valle con un dispositivo luer lock, onde evitare lo spandimento del farmaco Procedure di sicurezza al termine della preparazione La decontaminazione della cappa deve essere effettuata dalla persona che ha allestito i chemioterapici antiblastici indipendentemente dal ruolo e dal livello che occupa. L'ambiente dev'essere completamente chiuso; l'operatore deve indossare indumenti e DPI che non abbiano alcuna parte del corpo esposta già indicati per la fase di preparazione. smaltire i rifiuti prodotti come indicato nella specifica sezione; pulire il piano della cappa, la parte sottostante il piano amovibile e le pareti interne, utilizzando telini monouso imbevuti con alcool etilico a 70. Procedere alla pulizia nel senso del flusso dell aria, iniziando dal vetro interno passando poi alla parete posteriore, pareti laterali e piano di lavoro sul lato superiore (dalla Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 6/13

7 Via Pozzuolo, Udine periferia al centro) e lato inferiore. Durante la pulizia della cappa l impianto di aspirazione deve essere sempre tenuto acceso; risciacquare con acqua e asciugare con materiali monouso; spegnere la cappa almeno 30 minuti dopo aver terminato la pulizia; chiudere il vano di lavoro con l eventuale sportello di chiusura amovibile Indicazioni per la pulizia settimanale della cappa (eseguita a cura del personale infermieristico addetto alla preparazione) La carpenteria esterna della cappa, essendo in lamiera di acciaio ferro-carbonio verniciata, dovrà essere pulita con un panno umido imbevuto di acqua saponata o con prodotti specifici per superfici metalliche verniciate, facilmente reperibili sul mercato. Pulire il piano della cappa, la parte sottostante il piano amovibile (vasca) e le pareti interne, utilizzando telini monouso imbevuti con soluzione di alcol 70. Procedere alla pulizia nel senso del flusso dell aria, iniziando dal vetro interno passando poi alla parete posteriore, pareti laterali e piano di lavoro sul lato superiore (dalla periferia al centro) e lato inferiore. Durante la pulizia della cappa l impianto di aspirazione deve essere sempre tenuto acceso. Le fasi di pulizia devono garantire il mantenimento della trasparenza degli schermi di protezione della cappa. Per detergere e disinfettare altri piani di appoggio utilizzare prodotti non corrosivi per le superfici indicati dal costruttore (es. soluzioni cloroossidanti, alcol 70, soluzione saponata a ph alcalino, Soluzione Polifenolica allo 0,4% ) Indicazioni per la pulizia e decontaminazione ambientale ordinaria (a cura del personale dell appalto pulizie) L eliminazione di farmaci antiblastici, tramite gli escreti da parte dei pazienti, comporta la possibile contaminazione delle superfici dei servizi igienici e quindi la necessità di adottare specifiche manovre e materiali per le operazioni di pulizia. Gli addetti alla sanificazione ambientale, in particolare quelli delle ditte in appalto, devono conoscere e rispettare le presenti indicazioni per salvaguardare la sicurezza personale e per limitare la dispersione ambientale. La procedura deve essere messa in atto in tutte le operazioni finalizzate alla sanificazione/decontaminazione dei locali di preparazione e somministrazione e dei servizi igienici del Day Hospital Oncologico e nelle UU.OO. in cui si eseguono trattamenti chemioterapici. L attività di pulizia deve iniziare quando l attività medico-infermieristica è terminata al fine di limitare il più possibile al personale in appalto esposizioni accidentali e/o incidenti. E VIETATO al personale in appalto: intervenire nelle operazioni di pulizia a seguito di spandimenti accidentali di chemioterapici antiblastici. In questi casi gli interventi di pulizia devono essere preceduti dalla neutralizzazione chimica a cura del personale infermieristico con la collaborazione del personale ausiliario/ota/oss della U.O. secondo le indicazioni da attuare in caso di contaminazione ambientale; intervenire sulla cappa aspirante collocata nel locale preparazione. E OBBLIGATORIO per il personale in appalto: l impiego dei dispositivi di protezione individuale (DPI) prima di eseguire le operazioni di sanificazione, in particolare dovranno essere indossati guanti e soprascarpe monouso prima di accedere e lavorare nel locale preparazione e WC pazienti; usare soluzioni di ipoclorito di sodio al 10 % ( 900 cc di acqua e 100 cc di disinfettante); utilizzare materiale di pulizia monouso. MISURE IGIENICHE DA RISPETTARE Nel locale preparazione si dovrà procedere alla pulizia dalla periferia del locale verso la zona della cappa. Smaltire nei contenitori per rifiuti sanitari il materiale monouso di pulizia utilizzato nelle zone di somministrazione. Smaltire nel contenitore per rifiuti sanitari chemioterapici (contenitore rosso) il materiale monouso di pulizia impiegato nel locale preparazione (vds procedura P11/OPER). Al termine delle operazioni di pulizia: Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 7/13

8 Via Pozzuolo, Udine togliere prima i soprascarpe monouso sfilandoli con le mani ancora protette dai guanti e procedere alla loro eliminazione nel contenitore apposito, come sopra indicato; Rimuovere quindi i DPI ed eliminarli nel contenitore apposito, come sopra indicato; Procedere ad un accurato lavaggio delle mani con acqua e detergente al termine delle operazioni di pulizia. Gli accessori e il materiale per la pulizia non monouso devono essere utilizzati solo nell area del DH oncologico. 5.3 SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Dispositivi di protezione individuale Prima di iniziare la somministrazione l addetto deve effettuare lavaggio antisettico delle mani, indossare i seguenti dispositivi di protezione individuale, forniti conformemente al D.Lgs. 475/92 e di taglia idonea secondo le indicazioni in allegato 3: cuffia monouso in TNT (tessuto non tessuto); schermo facciale o occhiali; camice monouso di tipo chirurgico, lungo, in TNT; guanti monouso (non necessaria la sterilità) in lattice o altro materiale, non talcati e sufficientemente lunghi (devono superare i polsini del camice), testati per la resistenza alla permeazione di antiblastici. Sostituire i guanti in via cautelativa ogni 30 minuti di lavoro ed ogni volta che presentano lesioni o contaminazioni Somministrazione intravenosa di antiblastici (FLEBOCLISI E BOLO) accertarsi che il paziente abbia ricevuto adeguate informazioni relative alla chemioterapia e agli eventuali effetti collaterali; disporre il telino monouso assorbente impermeabile sotto l avambraccio del paziente; scegliere vene idonee; accertarsi del corretto posizionamento dell ago; utilizzare aghi cannula muniti di dispositivo di sicurezza per i pazienti sprovvisti di accesso venoso tipo IAP o CVC; utilizzare un raccordo a tre vie luer lock nel caso siano previste somministrazioni in bolo o somministrazioni plurime, frapponendo una garza tra tale dispositivo e la cute del paziente; sorvegliare l infusione; istruire il paziente perché informi il personale in caso di bruciori, prurito ecc., quale misura preventiva contro eventuali stravasi di farmaco; lavare la vena con soluzione fisiologica al termine della somministrazione dei farmaci antiblastici Somministrazione per via orale di farmaci antiblastici accertarsi che il paziente abbia ricevuto adeguate informazioni relative alla chemioterapia e agli eventuali effetti collaterali; per estrarre una compressa da un flacone contenente più dosi del farmaco, far scivolare il farmaco nel coperchio della confezione e dal coperchio direttamente nel contenitore del paziente; nell eventualità di dover rompere una compressa, per la somministrazione di una parte di essa, eseguire questa manovra sotto la cappa a flusso laminare usando le stesse precauzioni adottate per i farmaci iniettabili; se le manovre vengono eseguite correttamente non esistono possibilità di contatto del farmaco con la cute e pertanto non è obbligatorio, ma ugualmente consigliabile, l utilizzo dei guanti di protezione Somministrazione di farmaci per via intravescicale all inizio della terapia, consegnare al paziente un promemoria contenente tutte le informazioni riguardanti la terapia stessa e le indicazioni comportamentali che dovrà seguire; accertarsi che il paziente abbia ricevuto adeguate informazioni relative alla chemioterapia e agli eventuali effetti collaterali; diluire il farmaco, secondo le modalità sopra descritte, in una siringa da 60 cc luer lock, tenendo raccordato l ago e facendo fuoriuscire l aria all interno del cappuccio; Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 8/13

9 Via Pozzuolo, Udine cateterizzare il paziente, con tecnica sterile, usando gli specifici cateteri da instillazione (con terminale luer lock), avendo l accortezza di posizionare una garza sterile intorno al catetere stesso per assorbire eventuali spandimenti periuretrali di farmaco; dopo aver svuotato la vescica, raccordare la siringa al catetere, per ridurre al minimo il rischio di spandimento al momento della rimozione del catetere stesso; estrarre il catetere senza disinnestare la siringa. può succedere che il farmaco provochi immediatamente una minzione involontaria, quindi è opportuno proteggere il paziente con un telino assorbente ma impermeabile, al di sopra del quale si posiziona la reniforme La prevenzione dello stravaso dei farmaci antiblastici Lo stravaso è una infiltrazione non intenzionale di farmaco, somministrato per via venosa, nei tessuti sottocutanei che circondano la sede di iniezione. Se il farmaco non ha un azione vescicante, il risultato (dolore localizzato ed edema) è solo temporaneo, se invece il farmaco in questione è vescicante lo stravaso causa grave distruzione tissutale. Comportamenti preventivi allo stravaso dei farmaci apporre su ogni preparazione un etichetta con le generalità del paziente e il tipo di farmaco; coinvolgere il paziente all atto della somministrazione in modo tale che possa segnalare sin dall inizio un eventuale stravaso; individuare un sito di infusione ottimale, valutando l avambraccio, quindi il dorso della mano, il polso e infine la fossa antecubitale; utilizzare gli aghi cannula di piccolo calibro in modo da evitare un abbondante fuoriuscita di soluzione dal letto vascolare; evitare, ove possibile, di occludere il sito di infusione con cerotti o materiali che ne rendano difficile la visualizzazione; accertarsi della pervietà del vaso prescelto prima dell inizio dell infusione del citostatico; alla fine dell infusione rimuovere delicatamente l ago cannula ed evitare spandimenti di liquidi biologici del paziente o di gocce di farmaco; nel caso in cui si evidenzi uno stravaso è necessario intervenire tempestivamente. Procedura da adottare in caso di stravaso di antiblastici interrompere immediatamente la somministrazione del farmaco antiblastico senza rimuovere l ago o il catetere; aspirare se possibile 3-5 ml di sangue nel tentativo di rimuovere la soluzione stravasata (con cautela al fine di evitare punture accidentali, con una siringa da 10 ml raccordata ad un ago da insulina aspirare in più punti la zona circostante lo stravaso), chiamare il medico, che darà disposizioni per il trattamento necessario; rimuovere l ago o il catetere; elevare l arto del paziente per favorire il deflusso venoso; somministrare gli eventuali antidoti prescritti; applicare nella zona dello stravaso una borsa di ghiaccio ogni 4-6 ore per minuti nei tre giorni successivi; usare impacchi di acqua calda solo per gli alcaloidi della Vinca; documentare lo stravaso in cartella clinica ed infermieristica; tenere sotto controllo il paziente per 1-2 settimane documentando l evoluzione dei fenomeni successivi allo stravaso. 5.4 RACCOLTA ED ELIMINAZIONE DEGLI ESCRETI DEI PAZIENTI Dispositivi di protezione individuale I residui di materiale biologico (es. escreti, vomito, deiezioni, urine) di pazienti trattati con farmaci antiblastici dovrebbero essere inattivati con ipoclorito di sodio al 10%., ma va premesso che non esiste un inattivatore universale. I prodotti più pericolosi sono : platino, ciclofosfamide, methotrexate, antracicline. Il personale addetto alle operazioni di decontaminazione dei residui di materiale biologico di questi pazienti deve indossare i seguenti dispositivi di protezione individuale, forniti conformemente al D.Lgs. 475/92 e di taglia idonea: occhiali o visiera di protezione; Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 9/13

10 AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 "MEDIO FRIULI" Via Pozzuolo, Udine camice monouso in TNT (tessuto non tessuto), lungo, allacciato posteriormente, con polsini in maglina, idrorepellente e con rinforzi impermeabile davanti e sugli avambracci, preferibilmente testato per la resistenza alla permeazione di antiblastici. In mancanza di questo particolare tipo indossare camice di tipo chirurgico in TNT idrorepellente; soprascarpe monouso in TNT; guanti monouso, in lattice o altro materiale, non talcati e sufficientemente lunghi (devono superare i polsini del camice), testati per la resistenza alla permeazione di antiblastici. Sostituire i guanti in via cautelativa ogni 30 minuti di lavoro ed ogni volta che presentano lesioni o contaminazioni; Nella tabella in allegato 3 è riportato, per alcuni farmaci, il tempo per cui è necessario adottare le opportune precauzioni durante il trattamento dei materiali biologici sopra indicati Procedure di sicurezza L operatore deve: indossare gli idonei dpi; raccogliere i residui di materiale biologico (es. escreti e vomito) tramite idoneo materiale a perdere (es. telini, assorbenti chimici, gel solidificante, ecc.) e gettare il tutto negli appositi contenitori per rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo; considerata la bassa frequenza con cui accadono episodi di contaminazione di lenzuola o altro materiale che deve essere riutilizzato, raccogliere il tutto in un apposito contenitore e destinarlo a rifiuto sanitario pericoloso a rischio infettivo. 5.5 SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CON ANTIBLASTICI Smaltimento del materiale utilizzato e o avviato alle fasi di preparazione sotto cappa porre i rifiuti speciali taglienti (siringhe, aghi, fiale) nell apposito contenitore a pareti rigide posto all interno della cappa; porre nell apposito sacchetto sigillabile tutto il resto del materiale utilizzato (guanti, cotone, garze, telini, DPI); chiudere all interno della cappa il sacchetto sigillabile e il contenitore per i rifiuti taglienti quando questi sono riempiti per ¾ e, comunque, a fine utilizzo della cappa; porre quindi il sacchetto e il contenitore rigido nello specifico contenitore (rosso) per citotossici e citostatici collocato nei pressi della cappa Smaltimento del materiale utilizzato nella somministrazione dei farmaci antiblastici porre i flaconi per fleboclisi i deflussori e gli altri materiali utilizzati per la somministrazione dei farmaci antiblastici negli appositi sacchetti sigillabili, lasciando al loro interno eventuali residui di farmaco; porre i rifiuti speciali taglienti (siringhe, aghi, fiale) nell apposito contenitore a pareti rigide; porre i sacchetti sigillabili e il contenitore a pareti rigide per taglienti nel contenitore per i rifiuti sanitari a rischio infettivo; anche i rifiuti derivanti dalle operazioni di pulizia dei locali di somministrazione vanno smaltiti come rifiuti sanitari a rischio infettivo Smaltimento dei farmaci scaduti lo smaltimento dei farmaci scaduti/avariati/sperimentali deve essere effettuato secondo quanto descritto nel Protocollo aziendale Procedura P11/OPER raccolta e confezionamento dei rifiuti prodotti nelle strutture sanitarie e assistenziali dell Azienda per i Servizi Sanitari n. 4 Medio Friuli. Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 10/13

11 Via Pozzuolo, Udine PROCEDURE DI EMERGENZA - CONTAMINAZIONE PERSONALE Contatto con mucose e cute se indossati, rimuovere immediatamente i guanti. Questa operazione se c è una cabina, deve avvenire sotto cabina per evitare la contaminazione dell ambiente circostante; lavare abbondantemente con acqua corrente e successivamente, per la cute, con acqua e sapone per alcuni minuti; sottoporsi a visita medica di controllo presso il Pronto Soccorso; denunciare l incidente e dare comunicazione alla Direzione Sanitaria di SOA e per conoscenza al Medico Competente e al Servizio di Prevenzione e Protezione (vedi modello allegato); eliminare i guanti contaminati come rifiuto sanitario pericoloso a rischio infettivo Puntura accidentale della cute con aghi contaminati In questo caso: se indossati, rimuovere immediatamente i guanti. Questa operazione se c è una cabina, deve avvenire sotto cabina per evitare la contaminazione dell ambiente circostante; far fuoriuscire del sangue dalla zona interessata del sangue e pulire bene con un getto di acqua corrente trattare l area interessata dalla puntura come se fosse avvenuto uno stravaso; sottoporsi a visita medica di controllo presso il Pronto Soccorso ; Denunciare l incidente e dare comunicazione alla Direzione Sanitaria di SOA e per conoscenza al Medico Competente e al Servizio di Prevenzione e Protezione (vedi modello allegato) Contatto con gli occhi In caso di contatto con gli occhi: lavare abbondantemente con acqua corrente per almeno 15 minuti o utilizzare dove presente l apposito flacone lavaocchi ; sottoporsi a visita di controllo presso il Pronto Soccorso. Denunciare l incidente e dare comunicazione alla Direzione Sanitaria di SOA e per conoscenza al Medico Competente e al Servizio di Prevenzione e Protezione (vedi modello allegato). In caso di contaminazione di uno qualsiasi dei dispositivi di protezione individuale utilizzati (camice, guanto, mascherina, visiera, soprascarpe) provvedere alla immediata rimozione e procedere, se monouso, al suo smaltimento come rifiuto sanitario pericoloso. 5.7 PROCEDURE DI EMERGENZA - CONTAMINAZIONE AMBIENTALE Procedura generale di emergenza da adottare in caso di contaminazione ambientale In caso di incidenti che comportino una contaminazione ambientale accidentale (es. rottura di una fiala, vomito e altri escreti), è necessario adottare immediatamente delle procedure di sicurezza. Tali procedure vengono di seguito indicativamente riportate: Fornirsi del Kit per l emergenza; Indossare i dispositivi di protezione individuale necessari per quell evento contenuti nel Kit per l emergenza (guanti, camice, maschera, soprascarpe, occhiali, cuffia); Delimitare la zona, dove necessario con il nastro adesivo bicolore; Consultare la scheda del farmaco per eventuali interventi di neutralizzazione dello stesso; Provvedere a raccogliere con telini assorbenti gli spandimenti liquidi, le polveri vanno raccolte con garze o telini assorbenti inumiditi con acqua; Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 11/13

12 Via Pozzuolo, Udine La bonifica andrà eseguita rimuovendo tutto il materiale procedendo dalla periferia verso il centro dell area interessata dallo spandimento; Provvedere all eliminazione in contenitore rigido dei materiali taglienti, raccolti con l apposita paletta a perdere, e in sacchetti di plastica tutti gli altri materiali utilizzati; Tutto il materiale andrà eliminato come rifiuto sanitario pericoloso a rischio infettivo; Nella zona dello spandimento vanno eseguiti almeno tre lavaggi acqua e con soluzione di ipoclorito di sodio al 10% e successivo risciacquo. Denunciare l incidente dandone comunicazione alla Direzione Sanitaria e per conoscenza al Medico Competente e al Servizio di Prevenzione e Protezione (vedi modello allegato) 5.8 UTILIZZAZIONE FARMACI ANTIBLASTICI A DOMICILIO La maggior parte dei farmaci antiblastici si conservano per almeno due ore se adeguatamente custoditi in borse refrigeranti a 4 C ed al riparo dalla luce. Ne deriva che la terapia domiciliare deve prevedere la preparazione del farmaco in strutture sanitarie adeguatamente attrezzate e protette, stabilito che allo stato non sono disponibili in ASS4 altri presidi, quali ad esempio idonee cappe portatili. Solo in casi eccezionali, giustificati da documenti prodotti dal medico oncologo e/o ematologo, in cui non fosse possibile la preparazione in ambiente ospedaliero e/o con cappa portatile a domicilio, si potrà previo accordo con il SPP per la definizione puntuale dei DPI da impiegare, effettuare la preparazione al domicilio dei paziente osservando le seguenti precauzioni: scegliere per la preparazione una stanza facilmente aerabile durante e dopo la manipolazione (non la cucina, meglio il bagno se disponibile un piano d appoggio); con le protezioni personali (vedi fase di preparazione), pulire all'inizio ed alla fine delle operazioni il piano di lavoro con ipoclorito di sodio al 10% e ricoprirlo con un telino assorbente monouso; seguire le istruzioni espresse per la somministrazione; riportare ogni residuo di preparazione e di somministrazione (bacinelle, garze, cotone, deflussori, raccordi, telini monouso, mezzi protettivi individuali) in contenitori chiusi per rifiuto sanitario pericoloso a rischio infettivo muniti di sacchi di raccolta, porre invece tutto il materiale tagliente (fiale, flaconi, siringhe con ago innestato) nei contenitori rigidi a chiusura ermetica per rifiuto sanitario pericoloso a rischio infettivo. Si dovrà sottoporre il materiale alle procedure di smaltimento nelle strutture ospedaliere. E' necessario inattivare con ipoclorito di sodio al 10% le urine dei pazienti in terapia, soprattutto di quelli sottoposti ad installazione endovescicale di chemioterapici antiblastici, in quanto contengono elevate concentrazioni del principio attivo. Qualora non sia possibile inattivare i liquidi biologici di pazienti in chemioterapia, è necessario porre i loro escreti e vomito in recipienti ermeticamente chiusi e identificati con etichetta, da smaltirsi come rifiuto sanitario pericoloso a rischio infettivo. Il paziente trattato con chemioterapici antiblastici (terapia iniettiva, endovescicale, orale, aerosol) dovrà essere avvertito a provvedere ad inattivare domiciliarmente i propri escreti (urine, feci, vomito) con ipoclorito di sodio o, quantomeno, a versare al bisogno dell ipoclorito nel WC. L operatore e l ambiente devono essere tutelati con idonea inattivazione degli escreti dei pazienti. 5.9 MANUTENZIONE: la sostituzione del filtro della cappa Il filtro della cappa del locale preparazione dell Ospedale di San Daniele deve essere sostituito ogni 8000 ore di lavoro o secondo indicazioni del costruttore. Il locale al momento della sostituzione dei filtri, dovrà essere completamente isolato e con il sistema di condizionamento spento. L'operatore dovrà essere dotato di tuta monouso con cappuccio in TNT, maschera facciale a cartuccia o con aspirazione forzata di aria filtrata su carbone, guanti, soprascarpe monouso. Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 12/13

13 Via Pozzuolo, Udine Il filtro, che dovrà essere smontato, possibilmente in modo da permettere nella rimozione la tecnica del Bag-Out (filtro insaccato), verrà messo in sicurezza con un sistema a doppio sacco chiuso ermeticamente e inviato a smaltimento a cura della ditta appaltatrice della manutenzione. Terminata l'operazione potrà essere riattivato il sistema di condizionamento e la stanza dovrà restare chiusa per almeno 30 minuti in modo da garantire un efficace ricambio d'aria nell'ambiente. 6. RIFERIMENTI NORMATIVI D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni ISPESL Dipartimento di Igiene del Lavoro Le indicazioni per la tutela dell operatore sanitario per il rischio di esposizione ad antiblastici, 2010 A.S.S. n. 4 Medio Friuli, Raccolta e confezionamento dei rifiuti prodotti dalle strutture sanitarie e assistenziali dell ASS4, P011/OPER, STORIA DEL PROTOCOLLO A.S.S. n. 4 Medio Friuli, Farmaci antiblastici: procedure operative, INDICATORI DI MONITORAGGIO DEL PROCESSO (per CdA) STRUTTURA INDICATORE STANDARD DH Oncologico n. camici x operatore/die 1 DH Oncologico e U.O. che effettuano somministrazione di antiblastici UU.OO. ove prevista manipolazione, stoccaggio farmaci antiblastici 9. ALLEGATI n. schede di verifica PROCEDURE OPERATIVE FARMACI ANTIBLASTICI (MO02/P12/OPER) compilate Comunicazione entro 5 gg. a SPP variazione numero e nominativo esposti 2 n. ingressi-uscite / n. comunicazioni ALL.N CODICE TITOLO 1 IO01/P12/OPER Il kit per le emergenze ambientali 2 MO01/P12/OPER Modulo di segnalazione contaminazione personale/ ambientale 3 IO02/P12/OPER - Tabella dei Dispositivi di Protezione Individuale da impiegare nelle varie fasi dell attività - Durata precauzioni durante la manipolazione di urine e feci di pazienti trattati con farmaci antiblastici 4 MO02/P12/OPER Scheda di verifica PROCEDURE OPERATIVE FARMACI ANTIBLASTICI DH 10. MODALITA DI ARCHIVIAZIONE Il presente documento, originale in forma cartacea, è custodito presso la SOC Prevenzione, Protezione e Gestione Ambientale Aziendale. Tale documento deve essere riesaminato periodicamente (o in ogni situazione in cui fosse ritenuto necessario). Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 13/13

14 Via Pozzuolo, Udine P12/OPER ALLEGATO 1 IO01/P12/OPER alle Procedure operative farmaci antiblastici Il kit per le emergenze ambientali Il contenitore composto come sotto indicato deve essere tenuto, ben segnalato e in luoghi noti a tutti gli operatori, nelle seguenti situazioni: - Locali di stoccaggio dei farmaci antiblastici; - Con l operatore durante le fasi di trasporto degli antiblastici dal magazzino della Farmacia Ospedaliera al DH Oncologico e da DH oncologico verso altre unità operative; - Locale di preparazione; - Unità Operative dove viene effettuata la somministrazione; - Per trattamenti a domicilio uno per ogni mezzo di trasporto utilizzato; - Squadra trasporto rifiuti; Il Kit dovrà risultare costituito da: DPI monouso: 1 facciale filtrante FFP3; 1 paio occhiali di protezione; 2 paia di guanti in latice non talcato per la manipolazione di antiblastici; 1 paio di guanti in gomma; 1 camice chirurgico monouso di tipo idrorepellente a chiusura posteriore; 1 cuffia monouso 1 paio di soprascarpe; 4 telini assorbenti e/o altro materiale assorbente; 1 contenitore con ipoclorito di sodio al 10% (attualmente in uso BIONIL GRANULI) 1 contenitore rigido per rifiuti ospedalieri taglienti; 2 palette a perdere; 1 scopino a perdere; 1 sacchetto in PVC; Numero telefonico del Servizio di Prevenzione e Protezione e, dove presente, della squadra aziendale di pronto intervento per le emergenze; Istruzioni scritte sulle modalità di impiego del Kit secondi quanto indicato in queste Linee Guida Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 1/1

15 Via Pozzuolo, Udine P12/OPER ALLEGATO 2 MO01/P12/OPER alle Procedure operative farmaci antiblastici Modulo di segnalazione contaminazione personale/ ambientale Lì,Luogo OGGETTO: Segnalazione di contaminazione personale accidentale con farmaco antiblastico Segnalazione di spandimento accidentale di farmaco antiblastico AL MEDICO COMPETENTE AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE e p.c. ALLA DIREZIONE SANITARIA di riferimento LORO SEDI Unità Operativa: data dell incidente: Certificato I.N.A.I.L. SI NO ora dell incidente: Cognome e nome dell operatore: Qualifica: data di nascita: Tipo di incidente: Incidente da contatto diretto con cute e mucose Puntura accidentale Contaminazione degli occhi Incidente senza contaminazione di personale (es. spandimento) Altro Modalità dell incidente, tempi di esposizione: Nome del/i farmaco/i antiblastico/i e quantità: Provvedimenti adottati: D.P.I. utilizzati: camice monouso di tipo idrorepellente in TNT guanti in lattice pesante respiratore a protezione del naso e della bocca di tipo FFP3 soprascarpe monouso visiera trasparente (schermo facciale) cuffia monouso L operatore sanitario Il Coordinatore o il Referente se non di reparto Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 1/1

16 Via Pozzuolo, Udine P12/OPER ALLEGATO 3 IO02/P12/OPER alle Procedure operative farmaci antiblastici DPI e Durata precauzioni Tabella dei Dispositivi di Protezione Individuale da impiegare nelle varie fasi dell attività DPI FASE PREPARAZIONE SOMMINISTRAZIONE INCIDENTE o MANIPOLAZIONE ESCRETI PULIZIA LOCALI ENDOVENOSA INFUSIONE CON SOSTITUZIONE FLEBO INFUSIONE CON CIRCUITO CHIUSO INTRAMUSCOLO CAMICE GUANTI FACCIALE FILTRANTE OCCHIALI/VISIERA CUFFIA SOPRASCARPE SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI Con cappa non indispensabile Con cappa non indispensabile SI SI SI SI SI SI SI SI SI in locali preparazione WC pazienti SI SI Durata precauzioni durante la manipolazione di urine e feci di pazienti trattati con farmaci antiblastici Farmaco Via di somministrazione Durata (gg) dopo terapia per cui sono necessarie precauzioni durante la manipolazione urine feci bleomicina parenterale 3 cisplatino e.v. 7 ciclofosfamide tutte 3 5 dactinomicina e.v. 5 7 daunorubicina e.v. 2 7 doxorubicina e.v. 6 7 epirubicina e.v. 7 5 etoposide tutte 4 7 melphalan orale 2 7 mercaptopurina orale 3 metotrexate tutte 3 7 mitoxantrone e.v. 6 7 thiotepa parenterale 3? alcaloidi della vinca e.v. 4 7 Le deiezioni dei pazienti, se raccolte, devono essere inattivate, prima di essere eliminate, con ipoclorito di sodio al 10%. Quando l inattivazione non è possibile le deiezioni devono essere poste in recipienti rigidi, ermeticamente chiusi e poi smaltiti come rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 1/1

17 Via Pozzuolo, Udine P12/OPER ALLEGATO 4 MO02/P12/OPER alle Procedure operative farmaci antiblastici Modulo di verifica Procedure operative farmaci antiblastici UNITA OPERATIVA DIRETTORE/DIRIGENTE COORDINATORE/REFERENTE DATA 1 semestre Firma Firma 2 semestre METODOLOGIA UTILIZZATA OSSERVAZIONE DIRETTA N INTERVISTA N ALTRO (specificare) N LA PROCEDURA/ISTRUZIONE OPERATIVA E DA CONSIDERARSI: TOTALMENTE RISPETTATA PER QUANTO APPLICABILE PARZIALMENTE RISPETTATA motivazione: NON RISPETTATA motivazione: PUNTI CRITICI RILEVATI NELL APPLICAZIONE Il presente modulo, compilato in ogni sua parte, deve essere trasmesso al Servizio di Prevenzione e Protezione almeno 2 volte all anno (entro il 31 agosto, 31 dicembre) Data 09/09/2013 Rev. 0 Pagina 1/1

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE

PROTOCOLLO EMOCOLTURE E.O. OSPEDALI GALLIEA - GENOVA POTOCOLLO EMOCOLTUE PEPAATO VEIFICATO APPOVATO ACHIVIATO Bavestrello L., Brenta M., Cangi., Costa M., Crinoldi F., D'Antonio S., Della Monica E., Drago D., Fiorellino D.,

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE. -Listino prezzi-

FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE. -Listino prezzi- LOTTO 1: SIRINGHE SENZ'AGO LUER LOCK FORNITORE: BECTON DICKINSON S.P.A. FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE -Listino prezzi- 300910 Siringhe cono luer lock senza ago ml 2,5-3 0,05190

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI 1 INDICE Premessa Art. 1 Inquadramento giuridico del Responsabile della Farmacia Art. 2 Compiti Art. 3 Smaltimento

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI ISTRUZIONE OPERATIVA n 4/2007 Revisione 2 PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI (Aggiornato nei nomi commerciali e nelle concentrazioni d uso dal Gruppo di Lavoro a maggio 2008)

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli