PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo"

Transcript

1 Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ASSISTENTE STUDIO ODONTOIATRICO A.S.O.- DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE L Assistente studio odontoiatrico collabora e coadiuva l odontoiatra in tutte le attività concernenti le diverse prestazioni cliniche predisponendo e porgendo gli strumenti e gli apparecchi necessari durante la sua attività. Nello specifico, predispone, sterilizza e decontamina gli ambienti di lavoro e gli strumenti dello studio odontoiatrico. Si occupa inoltre dell accoglienza, assistenza e congedo dei pazienti nonché della gestione degli appuntamenti. Fornisce le informazioni in merito agli eventuali trattamenti necessari dopo averle concordate con l odontoiatra. Assume la responsabilità della gestione del magazzino, provvedendo all ordinativo e stoccaggio di tutti i materiali e della segreteria. Gestisce la parte amministrativa nonché i rapporti con i fornitori, i collaboratori esterni e i pazienti. CONTESTO L assistente studio odontoiatrico svolge la sua attività prevalentemente presso studi odontoiatrici privati con la possibilità di collocarsi anche in strutture cliniche private o pubbliche dove si effettuano prestazioni odontoiatriche. COMPLESSITÀ L'assistente studio odontoiatrico interviene a livello esecutivo nell'affiancamento all'odontoiatra durante la cura del paziente, mantenendo attenzione e precisione nell'assistenza, per giungere a prevedere materiali e strumenti necessari per le diverse tipologie di intervento. Questa figura assume d'altro canto precise responsabilità pur nel rispetto di linee guida e procedure definite - nelle fasi di sterilizzazione e decontaminazione di ambienti, strumenti e apparecchiature. La sua azione è volta ad assicurare il buon funzionamento strutturale dello studio per le diverse funzioni e attività che vi si svolgono e per questo collabora in maniera attiva e dinamica con l'odontoiatra. La complessità del suo lavoro è riconducibile alla varietà delle attività di cui si occupa. Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 1

2 ATTITUDINI All'assistente studio odontoiatrico è richiesta precisione ed abilità manuale, pazienza, intuito, predisposizione alla gestione delle relazioni e cordialità. Puntualità, oltre ad una buona capacità org anizzativa sono ulteriori aspetti che, insieme alla disponibilità al lavoro di squadra, compongono le attitudini di questa Figura professionale. REFERENZIAZIONI (Istat 2001) NUP Igienista dentale (Ateco 2007) Attività degli studi odontoiatrici Ospedali e case di cura LIVELLO EQF IV - V AREE DI ATTIVITÀ ( A.D.A.) E ATTIVITÀ SVOLTE Elenco aree di attività 1. Operazioni nell'ambito clinico 2. Operazioni tecniche extra cliniche in ambito operativo 3. Operazioni nell'ambito della sterilizzazione 4. Operazioni nell ambito della segreteria 5. Operazioni nell ambito della contabilità 6. Operazioni nell'ambito della gestione del magazzino 1. Operazioni nell'ambito clinico Predisporre la poltrona, il materiale monouso, gli strumenti e lo strumentario di base Montare i manipoli sterilizzati Proteggere con fogli di plastica le aree di difficile disinfezione (maniglie e faretra) Rinnovare i materiali monouso Impiegare i dispositivi di protezione individuale (DPI ) Trascrivere (sotto dettatura) le cartelle cliniche Impiegare specifica strumentazione per operazioni di assistenza: aspirazione e divaricazione Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 2

3 Preparare materiali d'uso per interventi Sviluppare radiografie e immagini Pulire l ambiente di lavoro 2. Operazioni tecniche extra cliniche in ambito operativo Riordinare gli spazi operativi Manutenere le attrezzature elettromedicali Segnalare malfunzionamenti Cambiare periodicamente i liquidi di sviluppo radiografie Archiviare radiografie, immagini e materiale diagnostico Controllare la valigia di pronto soccorso e le scadenze di materiali e farmaci di uso corrente Differenziare i rifiuti Pulire l ambiente di lavoro 3. Operazioni nell'ambito della sterilizzazione Predisporre i liquidi disinfettanti Predisporre materiali e apparecchiature Disinfettare ambienti, superfici, strumenti Disinfettare impronte e manufatti protesici Sterilizzare gli strumenti Confezionare gli strumenti Stoccare gli strumenti Compilare la documentazione per la rintracciabilità Differenziare i rifiuti sanitari Controllare l avvenuta sterilità (tests) 4. Operazioni nell ambito della segreteria Far accomodare il paziente Aprire lo studio Chiudere lo studio Gestire gli appuntamenti Predispore il planning giornaliero Archiviare documenti e cartelle cliniche Raccogliere le dichiarazioni del paziente su privacy e consenso informato Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 3

4 Effettuare il back up giornaliero Manutenere l attrezzatura d ufficio Segnalare malfunzionamenti Conferire i rifiuti sanitari Ricordare al paziente la data dell'appuntamento successivo Rilevare lo stato di salute/benessere del paziente al suo arrivo, durante la cura e al suo termine 5. Operazioni nell ambito della contabilità Emettere parcelle Aggiornare la situazione contabile dei pazienti Gestire i rapporti con i fornitori di beni e servizi non clinici Raccogliere i documenti contabili per il commercialista/consulente Stendere la prima nota 6. Operazione nell'ambito della gestione del magazzino Effettuare ordinazioni di materiale di consumo (in accordo con il dottore) Controllare la congruenza dei colli e della merce ordinata - ricevuta presente nei documenti di trasporto Gestire il carico e scarico del magazzino Stoccare la merce a magazzino Movimentare i materiali del magazzino Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 4

5 STANDARD DELLE COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI CARATTERIZZANTI IL PROFILO PROFESSIONALE A.D.A. E ATTIVITÀ 1. Operazioni nell'ambito clinico Predisporre la poltrona, il materiale monouso, gli strumenti e lo strumentario di base Montare i manipoli sterilizzati Proteggere con fogli di plastica le aree di difficile disinfezione (maniglie e faretra) Rinnovare i materiali monouso Utilizzare i dispositivi di protezione individuale (DPI ) Trascrivere (sotto dettatura) le cartelle cliniche Utilizzare specifica strumentazione per operazioni di assistenza: aspirazione e divaricazione Preparare materiali d'uso per interventi Sviluppare radiografie e immagini Pulire l ambiente di lavoro Allestire e mantenere l idoneità dell ambiente di lavoro per ciascuna tipologia di intervento nel rispetto della sicurezza e dell'igiene complessiva Interpretare le informazioni contenute nella scheda paziente Contenuti, terminologia, acronimi e simbologia della scheda paziente Garantire la privacy del paziente in relazione alle terapie Norma sulla privacy e relativi adempimenti effettuate e ad eventuali malattie Elementi di anatomia e patologia dentale e orale Attrezzare gli spazi clinici per ciascuna tipologia di intervento Nozioni di base sulla trasmissione delle infezioni Monitorare l'ambiente di lavoro Tipologie e funzionamento di attrezzature elettromedicali nello studio Riportare l ambiente di lavoro in condizioni ottimali odontoiatrico Individuare i DPI necessari Procedure standard per le fasi di pulizia degli spazi operativi Adottare procedure codificate di pulizia Strumentario di base per chirurgia, implantologia, conservativa, endodonzia, pedodonzia, ortodontia Nozioni di primo soccorso Normativa 81/08 sulla sicurezza degli ambienti di lavoro in ambito odontoiatrico Procedure standard per le fasi di pulizia degli spazi operativi Anticipare e coadiuvare il dentista nelle operazioni di ambito clinico abituali e straordinarie porgendo attrezzatura e materiali idonei Individuare il materiale e lo strumentario per ciascuna tipologia di intervento Verificare l adeguatezza di materiali anche complessi relativi a terapie specifiche Porgere in sequenza gli strumenti idonei per ciascuna tipologia di intervento Utilizzare strumenti e prodotti per lo sviluppo delle radiografie Adeguare azioni e strumenti in corso d opera Aggiornare le cartelle cliniche Strumentario di base per chirurgia, implantologia, conservativa, endodonzia, pedodonzia, ortodontia Nomenclatura e funzione dello strumentario più complesso Caratteristiche e tipologie di materiali dentali Anatomia e patologia dentale e orale Nozioni di base sulla trasmissione delle infezioni Regole per lo sviluppo e fissaggio di radiografie Software dedicati al trasferimento delle immagini radiografiche Contenuti, terminologia, acronimi e simbologia della scheda paziente Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 5

6 2. Operazioni tecniche extra cliniche in ambito operativo Riordinare gli spazi operativi Manutenere le attrezzature elettromedicali Segnalare malfunzionamenti Cambiare periodicamente i liquidi di sviluppo radiografie Archiviare radiografie, immagini e materiale diagnostico Controllare la valigia di pronto soccorso e le scadenze di materiali e farmaci di uso corrente Differenziare i rifiuti Pulire l ambiente di lavoro Gestire l'operatività di routine dello spazio clinico in assenza del paziente assicurando la rotazione di magazzino dei materiali e farmaci soggetti a scadenza Eseguire le operazioni di riordino Elementi dei protocolli di gestione e della normativa nell'ambito Eseguire le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria dell'igiene e sicurezza degli spazi clinici degli apparecchi elettromedicali Procedure standard per le fasi di pulizia degli spazi operativi Assicurare il funzionamento delle attrezzature e apparecchiature elettromedicali Aspetti normativi (D.Lsg. 81/08), procedure e sequenze per la manutenzione delle attrezzature e apparecchiature elettromedicali Adottare criteri e procedure per la differenziazione dei rifiuti Sequenze e modalità per la manutenzione della valigetta di primo Adottare procedure codificate di pulizia soccorso Utilizzare modalità per il controllo delle condizioni e scadenza Criteri e normative per la gestione dei rifiuti tossici dei materiali e farmaci Procedure standard per le fasi di pulizia degli spazi operativi Tipologia dei materiali e dei farmaci impiegati ed indicazioni per la loro corretta gestione (riordino e scadenze) Assicurare la rintracciabilità della documentazione radiografica, delle cartelle cliniche e altro materiale diagnostico Applicare criteri e procedure per l'archiviazione di radiografie, immagini e materiale diagnostico Facilitare la rintracciabilità di radiografie, immagini e materiale diagnostico Rispettare la privacy Criteri di archiviazione di radiografie, immagini e materiale diagnostico Norma sulla privacy e relativi adempimenti Elementi di utilizzo di software di gestione di radiografie, immagini e materiale diagnostico Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 6

7 3. Operazioni nell'ambito della sterilizzazione Predisporre i liquidi disinfettanti Predisporre materiali e apparecchiature Disinfettare ambienti, superfici, strumenti Disinfettare impronte e manufatti protesici Sterilizzare gli strumenti Confezionare gli strumenti Stoccare gli strumenti Compilare la documentazione per la rintracciabilità Differenziare i rifiuti sanitari Controllare l avvenuta sterilità (tests) Gestire il ciclo di disinfezione e sterilizzazione di ambienti e strumenti giungendo alla verifica finale Applicare procedure e sequenze di disinfezione e sterilizzazione Procedure e sequenze previste dalle linee guida/manuale della Utilizzare l'attrezzatura e le apparecchiature secondo le qualità e sicurezza sequenze e procedure previste Tipologie, componenti e utilizzo delle sostanze per la Adottare comporta menti e abbigliamento coerente con le sterilizzazione procedure e le norme per la sicurezza personale e collettiva Tipologie e procedure di utilizzo delle apparecchiature per la Adottare criteri e procedure per la differenziazione dei rifiuti sterilizzazione sanitari Tempi e sequenze del ciclo di sterilizzazione e disinfezione Eseguire test per la verifica della sterilità per ogni strumento e Sistemi di controllo della sterilità e disinfezione superficie Test per la verifica della sterilità Normativa 81/08 sulla sicurezza degli ambienti di lavoro DPI e misure di sicurezza individuale Assicurare la rintracciabilità della documentazione prevista dalle linee guida per la fase di sterilizzazione e disinfezione Applicare criteri e procedure per la compilazione della documentazione Eseguire l'archiviazione (anche informatizzata) della documentazione prevista Criteri e procedure per la compilazione e conservazione della documentazione prevista nella fase di fase di sterilizzazione e disinfezione Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 7

8 4. Operazioni nell ambito della segreteria Far accomodare il paziente Aprire lo studio Chiudere lo studio Gestire gli appuntamenti Predispore il planning giornaliero Archiviare documenti e cartelle cliniche Raccogliere le dichiarazioni del paziente su privacy e consenso informato Eseguire il back up giornaliero Manutenere l attrezzatura d ufficio Segnalare malfunzionamenti Conferire i rifiuti sanitari Ricordare al paziente la data dell'appuntamento successivo Rilevare lo stato di salute/benessere del paziente al suo arrivo, durante la cura e al suo termine Gestire (anche in relazione al possesso delle chiavi) l'apertura e chiusura dello studio garantendone la sicurezza e il corretto funzionamento quotidiano Assicurare il funzionamento della struttura Verificare il funzionamento di tutte le attrezzature e/o dispositivi Affrontare impedimenti o mal funzionamenti di attrezzature e/o dispositivi previsti dalle norme Applicare le sequenze operative per l'apertura e la chiusura Sequenza delle operazione di verifica e controllo per il funzionamento all'atto dell'apertura quotidiana Sistemi di sicurezza e loro attivazione e disattivazione Tecniche e strumenti di problem solving in ambito organizzativo e operativo Tecniche di gestione dello stress Gestire agenda e planning giornaliero con le variazioni in corso d opera - in relazione alle diverse lavorazioni e alle necessità/disponibilità di pazienti, dottore/i e collaboratori/fornitori Adottare strategie di comunicazione Individuare soluzioni in caso di sovrapposizioni e buchi nell'agenda Associare tipologie di servizio a tempi e sequenze Indicare e modificare gli appuntamenti in agenda nel rispetto dei tempi delle sequenze delle lavorazioni e delle effettive presenze dei pazienti Coordinarsi con i/l dottore/i e con altri colleghi e/o collaboratori/fornitori Individuare soluzioni alle richieste di variazioni di appuntamenti e/o di tipologie di lavorazioni Elementi di comunicazione verbale e non verbale (sguardo, tono, postura, ecc ) Elementi di comunicazione assertiva Stili e strategie comunicative (anche telefoniche) Tecniche di negoziazione Tecniche di gestione del tempo Tempi di lavoro di ciascuna lavorazione e fase Tecniche di problem solving Normativa sulla privacy e conseguente gestione dati personali Ruoli, funzioni dei collaboratori esterni Software gestionali di settore Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 8

9 Gestire il funzionamento dello studio nelle sue componenti strutturali e di segreteria Utilizzare le diverse attrezzature d'ufficio (PC, stampante, scanner, fotocopiatrice, centralino, ) Utilizzare procedure di salvataggio dati formalizzate Manutenere l'attrezzatura attraverso azioni di monitoraggio e il supporto dei servizi di assistenza Attivare l'assistenza delle apparecchiature Aggiornare i dati del paziente Applicare sequenze e procedure per l'archiviazione di documenti Rispettare la privacy del paziente Adottare misure di sicurezza personale e collettiva Garantire il corretto conferimento dei rifiuti Tipologie, funzionamento e manutenzione delle attrezzature d'ufficio (PC, stampante, scanner, fotocopiatrice, centralino,...) Funzioni, modalità di utilizzo e salvataggio dei software (anche di settore) Normativa sulla privacy e conseguente gestione dei dati Tecniche e procedure per l archiviazione (anche informatizzata) delle cartelle cliniche e altri documenti Normativa 81/08 sulla sicurezza degli ambienti di lavoro Normative per la gestione dei rifiuti tossici Gestire l accoglienza, il commiato e la relazione anche telefonica- con il cliente favorendone il benessere e la tranquillità Utilizzare tecniche e strategie di comunicazione e ascolto Adottare modalità verbali e non verbali di linguaggio assertivo Adottare strategie di rassicurazione Applicare tecniche di negoziazione in caso di ritardi e/o disguidi Tecniche e strategie di comunicazione verbale e non verbale (sguardo, tono, postura, ecc ) Tecniche e strategie di linguaggio assertivo ed ascolto Tecniche e strategie di comunicazione telefonica Tecniche e strategie di rassicurazione Tipologie di pazienti e indicatori per riconoscerli Tecniche di negoziazione Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 9

10 5. Operazioni nell ambito della contabilità Emettere parcelle Aggiornare la situazione contabile dei pazienti Gestire i rapporti con i fornitori di beni e servizi non clinici Raccogliere i documenti contabili per il commercialista/consulente Stendere la prima nota Gestire le operazioni base di contabilità fiscale interna (prima nota, predisposizione dei documenti fiscali per il service esterno, ecc...) e l'esecuzione dei pagamenti dei fornitori Applicare tecniche di registrazione contabile di fatture, pagamenti e situazione contabile dei pazienti Valutare le congruenze delle tracce contabili Verificare l esattezza delle registrazioni Tecniche di registrazione contabile (prima nota, scheda magazzino, bollettario, ecc.) ABC sulle normative fiscali Le tecniche di registrazione contabile (elementi) I collaboratori dello studio L informatica applicata (approfondimento e apprendimento di nuovi programmi) Gestire la parte contabile e finanziaria del rapporto con il cliente: dall'emissione delle parcelle al loro incasso Aggiornare la cartella contabile del paziente Riportare sulla cartella le voci di costo delle lavorazioni interne, esterne e dei materiali Eseguire l'emissione e l'incasso della parcella secondo le indicazione del dottore Costi delle lavorazioni interne, esterne, materiali e altri servizi e loro attribuzione alla cartella contabile del paziente Forme e tipologie di pagamenti e strumenti di incasso Tecniche e strategie di comunicazione verbale e non verbale (sguardo, tono, postura, ecc ) Tecniche e strategie di linguaggio assertivo ed ascolto Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 10

11 6. Operazioni nell'ambito della gestione del magazzino Effettuare ordinazioni di materiale di consumo (in accordo con il dottore) Controllare la congruenza dei colli e della merce ordinata - ricevuta presente nei documenti di trasporto Gestire il carico e scarico del magazzino Stoccare la merce a magazzino Movimentare i materiali del magazzino Gestire la programmazione del magazzino - in accordo con il dottore - garantendo l'equilibrio tra scorte, consumi e nuovi ordini Individuare gli indici di rotazione dei principali (numericamente e/o economicamente) componenti del magazzino Valutare la durata dei materiali e dei farmaci in giacenza Formulare proposte di riordino al dottore Garantire equilibrio tra scorte, consumi e nuovi ordini Formule e modalità degli indici di magazzino ricavati dai dati di contabilità fiscale Funzioni di calcolo di software (anche contabili) per la gestione dello studio Gestire il carico e scarico di magazzino utilizzando attrezzature (anche informatiche) e procedure indicate completando l'attività con lo stoccaggio Aggiornare il magazzino (anche informatizzato) con il carico e scarico dei prodotti e delle attrezzature Utilizzare procedure per l ordinazione dei materiali Adottare tecniche di stoccaggio Criteri di gestione del magazzino e codifica dei materiali e dei prodotti Procedure per il ricevimento e l ordinazione dei materiali Tecniche di stoccaggio Software gestionali del magazzino Normativa 81/08 sulla sicurezza degli ambienti di lavoro (interpretazione etichette ) Profili apprendistato 2011 Agenzia del Lavoro di Trento Assistente studio odontoiatrico A.S.O. 11

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

BusinessK s.r.l. Via Ruggero da Parma, 7-43126 Parma Codice fiscale e p.iva: 02595730348 info@businessk.it IL PRODOTTO

BusinessK s.r.l. Via Ruggero da Parma, 7-43126 Parma Codice fiscale e p.iva: 02595730348 info@businessk.it IL PRODOTTO BusinessK s.r.l. Via Ruggero da Parma, 7-43126 Parma Codice fiscale e p.iva: 02595730348 info@businessk.it IL PRODOTTO Puntas è un software sviluppato per la gestione di saloni di parrucchieri, centri

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DOMICILIATA DI ACCERTAMENTO DOGANALE (IMPORTAZIONE-ESPORTAZIONE) PRESSO IL SITO DELL OPERATORE ECONOMICO. VANTAGGI OPERATIVI EXPORT

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli