Macelleria Grassi, Musterlingen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Macelleria Grassi, Musterlingen"

Transcript

1 Concetto di autocontrollo per piccole aziende Nome dell'azienda Macelleria Grassi, Musterlingen Indice 1. Organizzazione 1.1 Descrizione dell'azienda 1.2 Numeri di telefono importanti 1.3 Elenco dei fornitori 1.4 Locali aziendali 1.5 Piano corografico approvvigionamento idrico (modulo complementare) 2. Analisi dei rischi 2.1 Accettazione degli animali da macello / fornitura della merce 2.2 Produzione (macellazione / lavorazione) 2.3 Stoccaggio delle merci 2.4 Consegna delle merci 2.5 Procedura pratica (cervelat) (modulo complementare) 3. Direttive 3.1 Piano di pulizia 3.2 Direttive di lavoro

2 4. Ricette 4.1 Cervelat 5. Fogli di controllo 5.1 Smaltimento dei rifiuti e lotta ai parassiti 5.2 Controllo delle carcasse non soggette a un controllo ufficiale 5.3 Controlli del magazzino 5.4 Controlli microbiologici della pulizia 5.5 Controlli sanitari / Istruzione dei collaboratori 5.6 Controlli della pulizia, dell'attività e del funzionamento 5.7 Controllo delle carcasse (al termine della giornata di macellazione) 5.8 Controlli microbiologici delle carcasse 5.9 Archivio documenti di accompagnamento

3 1. Organizzazione

4 1. Organizzazione 1.1 Descrizione dell'azienda Nome dell'azienda Macelleria Grassi Responsabile Nome: Max Cognome: Grassi Telefono: Cellulare: Sostituto Nome: Valentin Cognome: Flütsch N. BDTA: N. RIS: (N. del registro delle imprese e degli stabilimenti) frequenza di macellazione settimanale Ø: Bovini: 2-4 Suini: 5-8 Telefono: Cellulare: Altro: ca. 5 pecore Assortimento Carne fresca (consegna diretta ad alberghi, ristoranti, case di cura, ospedali e negozi) Salsicce stagionate: salame nostrano Salsicce scottate: cervelat, salsicce di vitello Merce commerciabile varia

5 Numero di impiegati (incl. quelli in formazione) Lavorazione/macellazione Grassi Max (maestro macellaio salumiere), Flütsch Valentin (macellaio salumiere diplomato) e Peter Meier, ausiliario di pulizia e per le consegne Vendita: Grassi Dora (venditrice con diploma di commercio), Müller Sarah (ausiliaria negozio) 1.2 Numeri di telefono importanti Medico di famiglia Ospedale Chiamata d'emergenza sanitaria 144 Polizia 117 Pompieri 118 Avvelenamenti (centro tossicologico) 145 REGA (elisoccorso) 1414 Responsabile approvvigionamento idrico Fritz Losli IDA Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute degli animali Dr. Fritz Beeli (controllore delle carni) Sarah Müller (ausiliaria) Filiale

6 1.3 Elenco dei fornitori Ditta: Telefono: Prodotti: Commercio di carne Meister Vari derivati della carne Vis à vis Fornitore principale negozi Tutto Pulito SA Detergenti 1.4 Locali aziendali Descrizione Azienda principale: L'azienda principale si trova nella Mustergasse 6, 7708 Musterlingen ed è composta da un locale di macellazione, un locale di sezionamento e di lavorazione, nonché da un negozio di vendita. Magazzini esterni: nessuno Aziende accessorie / filiali: In via della Chiesa si trova una piccola filiale, che vende esclusivamente specialità a base di carne e altri prodotti indigeni.

7 Pianta: settore di macellazione Depilazione Lavandino Cella di stoccaggio Scarico nel pavimento Montacarichi / rullo trasportatore Entrata animali Spogliatoio Sterilizzazion e coltelli Sezionatura Pianta: sezionamento / lavorazione Macellazione Cella di stoccaggio Spogliatoio WC Salumeria Rullo trasportatore Tavolo di lavoro Entrata clienti Cella frigorifera lavorazione Locale di vendita Cella frigorifera vendita Cella di surgelazione vendita Sciacquatoio / lavandino vendita Affumicato io

8 Pianta: negozio filiale Vendita di merce sfusa Cella Deposito merce / fornitura Spogliatoio WC Pianta:....

9 2. Analisi dei rischi

10 2. Analisi dei rischi 2.1 Accettazione degli animali da macello / fornitura della merce Rischi Animali malati, sudici o malnutriti vengono accettati per la macellazione. Fornitura di merce commerciabile di qualità scadente o con una dichiarazione insufficiente. La catena del freddo della merce fornita è stata interrotta. Scadenze troppo brevi per le derrate alimentari fornite. Le quantità fornite non corrispondono alle quantità indicate sul bollettino di consegna. Misure per gestire i rischi Controllo dei documenti di accompagnamento Controllo degli animali da macello da parte di un controllore delle carni con titolo veterinario Ogni consegna di merce viene controllata per quanto riguarda la qualità dei prodotti, l'imballaggio, il contenitore, la caratterizzazione, la data e la quantità della merce fornita Periodicamente vengono effettuati controlli della temperatura Documentazione Documenti di accompagnamento e modulo "controllo degli animali da macello" Modulo "controllo delle merci all'arrivo" Provvedimenti in caso di mancato rispetto delle prescrizioni In caso vengano accertate delle irregolarità Max Grassi informa immediatamente il fornitore o il controllore delle carni. (nome del responsabile)

11 Prodotti che presentano irregolarità vengono immediatamente ritornati al fornitore 2.2 Produzione (macellazione / lavorazione) Rischi Diffusione di malattie tramite la carne di animali malati Carcasse contaminate da batteri fecali Contaminazione delle derrate alimentari con germi patogeni a causa di superfici di lavoro e macchine non pulite a dovere Acqua potabile contaminata (enterobatteri) Inosservanza delle condizioni CCP nella produzione di cervelat (sopravvivenza di germi patogeni, in particolare di enterobatteri e campylobacter) Misure per gestire i rischi Svolgimento del controllo delle carni da parte di un controllore delle carni Se il controllore delle carni dispone controlli supplementari, la carcassa viene conservata separatamente (dispositivo di separazione) fino a quando giungono i risultati. La carne di carcasse non soggette a un controllo ufficiale (selvaggina, coniglio) viene controllata da Max Grassi o dal suo sostituto. Controllo delle carcasse alla fine della giornata di macellazione Effettuare le pulizie secondo il piano di pulizia e le direttive per le pulizie Controlli visivi della pulizia, dell'attività e del funzionamento in tutta l'azienda Il rispetto delle condizioni CCP nella produzione di cervelat è garantito attraverso la stampa dei dati del termometro di controllo. Svolgimento dei lavori di manutenzione dell'approvvigionamento idrico secondo la direttiva di lavoro Analisi batteriologiche annuali dell'acqua potabile

12 Controlli microbiologici periodici della pulizia nel settore macellazione e lavorazione, nonché in negozio Documentazione Carcasse idonee al consumo vengono marchiate dal controllore delle carni. Foglio di controllo delle carcasse Foglio per l'autocontrollo di carcasse di selvaggina e conigli Piano di pulizia Fogli dei controlli settimanali dell'igiene, dell'attività e del funzionamento Le stampe dei dati del termometro di controllo della produzione di cervelat vengono conservate per almeno 3 mesi nell'ufficio dell'azienda. Fogli dei controlli microbiologici della pulizia Rapporti delle analisi dell'acqua potabile Foglio di controllo "Elenco delle irregolarità/correttivi approvvigionamento idrico" Provvedimenti in caso di mancato rispetto delle prescrizioni Se dai controlli emergono delle irregolarità, queste devono immediatamente essere comunicate a Max Grassi o al suo sostituto.

13 2.3 Stoccaggio delle merci Rischi stoccaggio eccessivamente lungo di derrate alimentari interruzione della catena del freddo per derrate alimentari facilmente deperibili presenza di parassiti Misure per gestire i rischi controlli della temperatura 2x alla settimana controllo settimanale dei magazzini Documentazione iscrizione sul foglio di controllo delle temperature di stoccaggio negli impianti di refrigerazione iscrizione sul foglio di controllo dei controlli dei magazzini Provvedimenti in caso di mancato rispetto delle prescrizioni Se emergono delle irregolarità, queste devono immediatamente essere comunicate a Max Grassi o al suo sostituto. Immediata correzione delle temperature dei frigoriferi, ev. predisporre un servizio di manutenzione (in accordo con il capo!)

14 2.4 Consegna delle merci Rischi vendita di derrate alimentari di qualità scadente interruzione della catena del freddo durante il trasporto per la consegna contaminazione dei derivati della carne con salmonella o campylobacter derivanti da pollame Misure per gestire i rischi I prodotti finiti vengono periodicamente sottoposti a controlli Dora Grassi è responsabile per la gestione della vetrina di vendita La carne viene macinata ogni giorno e in seguito conservata al fresco (<2 C) Le derrate alimentari facilmente deperibili vengono consegnate con il furgone frigorifero. Nel furgone frigorifero si trova un termometro di controllo. La temperatura viene costantemente tenuta sotto controllo dall'autista. Chiara separazione con una lastra in plexiglas del pollame dall'altra carne fresca e dai prodotti derivati. Documentazione Rapporti d'analisi del laboratorio Iscrizione almeno settimanale delle temperature di refrigerazione sul foglio di controllo della temperatura Provvedimenti in caso di mancato rispetto delle prescrizioni Le irregolarità vengono immediatamente comunicate a Dora o Max Grassi

15 3. Direttive

16 Pagina di titolo e indice Versione Piano di pulizia reparto Locale macellazione Cosa si pulisce? q s m Come si pulisce? Con cosa si pulisce? (detergente) Soffitto / pareti / impiant x Insaponare, lasciar agire, sciacquare con acqua fredda Schaumi 4 Acqua calda con sapone di potassa pulire Pavimenti / scarichi x con lo spazzolone svuotare gli scarichi Sapone di potassa smaltire i resti di carne con i rifiuti R1 Coltelli / acciaio / ganci x Pulire a fondo con una spazzola dopo l'uso Alka 1 / Disi 3 disinfettare prima dell'uso Staccare la corrente pulire a fondo con un Seghe / spacchini x spazzola dopo l'uso disinfettare prima dell'uso Alka 1 / Disi 3 Sterilizzazione coltelli Vasche di scottatura / macchine per depilazione x x x Lasciar defluire l'acqua, pulire con la spazzol Alka 1 sciacquare Lasciar defluire l'acqua spruzzare insaponare 1x settimana risciacquare Schaumi 4 Cella di stoccaggio x Ogni venerdì, quando la cella è vuota insaponare e risciacquare Schaumi 4 Piazzale x Risciacquare quotidianamente con acqua fredda --- q = quotidianamente; s = settimanalmente; m = mensilmente

17 3.2 Direttive di lavoro Tritacarne Messa in esercizio dell'apparecchio: 1. Inserire la coclea nel corpo del tritacarne con l'ingranaggio in avanti. Infilare il coltello sulla coclea. (le lame devono guardare in avanti, verso la trafila). Inserire ora la trafila media o grossa (a seconda della grana desiderata) sulla coclea e avvitate la ghiera sul corpo del tritacarne. (badate a che la sporgenza dell'involucro combaci con l'apertura nella trafila) 2. Montare ora la spirale sul motore, inserendola nel raccordo e girando in senso antiorario fino a quando si sente lo scatto. 3. Posare la tramoggia sul tubo verticale della spirale. 4. L'apparecchio è ora pronto all'uso. Funzionamento quale tritacarne: tagliare la carne a strisce di circa 10 cm di lunghezza e 2 cm di spessore. Rimuovere per quanto possibile ossa, cartilagini e tendini. (non utilizzare mai carne congelata!) Mettere la carne nella tramoggia. Utilizzare l'alimentatore per fare entrare la carne speditamente, ma non troppo in fretta, nel corpo del tritacarne. Per la carne alla tartara far passare la carne due volte attraverso la trafila media. Esercizio: Produzione di salsicce 1. Passare la carne al tritacarne. 2. Inserire la coclea nel corpo del tritacarne con l'ingranaggio di plastica in avanti. Inserire nel corpo del tritacarne il separatore e l'insaccatore. (badate a che la sporgenza dell'involucro combaci con l'apertura nel separatore) Montare ora la spirale sul motore, inserendola nel raccordo e girando in senso antiorario fino a quando si sente lo scatto. 3. Posare la tramoggia sul tubo verticale della spirale.

18 4. L'apparecchio è ora pronto per preparare insaccati. Preparazione di insaccati Mettere gli ingredienti nella tramoggia. Utilizzare l'alimentatore per fare entrare l'impasto speditamente, ma non troppo in fretta, nel corpo del tritacarne. Fare ammorbidire il budello per circa 10 minuti in acqua tiepida. Poi infilare il budello ammorbidito sull'insaccatore. In seguito far passare la carne (condita) attraverso il corpo del tritacarne premendo sull'alimentatore. Se il budello dovesse incollarsi all'insaccatore inumidirlo con un po' di acqua tiepida. Pulizia dell'apparecchio 1. Riempire la vasca di lavaggio con acqua possibilmente calda. Aggiungere un bicchiere (2dl) di Alka Smontare tutte le parti smontabili e posarle nella vasca. 3. Pulire con la spazzola le singole parti e l'insaccatore. 4. 1x settimana, dopo la pulizia alcalina, pulire una seconda volta con il detergente acido Sauer Disporre gli elementi sul piano di lavoro. Far asciugare l'apparecchio e gli elementi.

19 4. Ricette

20 4. Ricette Cervelat Carne per salsiccia 10 kg (30g di sale nitrato per kg) Lardo 5 kg (20g di sale per kg) Cotenne 5 kg (20g di sale per kg) Ghiaccio 10 kg (ev. 1 2 l plasma) Pepe / noce moscata / cardamomo (5g ciascuno per kg di carne) E 452 polifosfati (per kg = 5g) Mettere la carne nel cutter. Aggiungere circa 3/4 del ghiaccio e il sale. Appena si forma un impasto ben legato, aggiungere il lardo e le cotenne. Dopo alcuni giri aggiungere il resto del ghiaccio e portare a termine la lavorazione dell'impasto. L'impasto che non viene subito lavorato ulteriormente, deve avere una temperatura di C quando esce dal cutter. L'impasto che subisce subito un' ulteriore elaborazione, può raggiungere i C.

21 5. Fogli di controllo

22 5.1 Smaltimento dei rifiuti e lotta ai parassiti Del: 15 gennaio 2007 Visto: mg Smaltimento dei rifiuti: da compilare annualmente sì no Tutti i rifiuti di macellazione vengono smaltiti come rifiuti rossi. se No sì no Si procede a una separazione dei rifiuti di carne pericolosi (rossi) e poco pericolosi (verdi)? sì no L'Ufficio veterinario ha rilasciato un'autorizzazione? Provvedimenti:... sì no I contenitori di raccolta sono puliti, impermeabili e adeguatamente contrassegnati? Provvedimenti:... sì no I contenitori di raccolta sono inaccessibili ai non addetti? Provvedimenti:... sì no I rifiuti di carne e di macellazione impuri, nonché i sottoprodotti della macellazione vengono conservati separatamente da ossa, grasso e tagli di carne che servono alla produzione di derrate alimentari? Provvedimenti:... sì no I rifiuti di carne e di macellazione vengono stoccati al fresco oppure si procede allo smaltimento dopo ogni giorno di macellazione? Provvedimenti:... sì no È stato stipulato un contratto di smaltimento con un ente di smaltimento approvato dalla Confederazione? Provvedimenti:... Lotta ai parassiti: sì no Agli uccelli e ai roditori viene efficacemente impedito l'accesso ai locali aziendali? Provvedimenti: Provvedimenti da parte della ditta Steiner sì no Nell'azienda sono presenti e funzionanti dispositivi adeguati come zanzariere o lampade cattura insetti per la lotta preventiva agli insetti? Provvedimenti: Provvedimenti da parte della ditta Steiner

23 5.2 Autocontrollo di carcasse non soggette a un controllo ufficiale della carne (p. es. selvaggina, coniglio, pollame) DAL 1 settembre 2006 AL 15 settembre 2006 L'autocontrollo interessa le carcasse e le parti di animali macellati non soggette al controllo sistematico della carne. Data Carcasse / parti Numero Decisione Motivazione Visto commestibil non se non commestibile 1.9 Conigli 3 mg 9.9. Cervi 2 mg 9.9. Caprioli 3 mg Cervo 1 Tagliato via molto tiro cattivo mg 11.9 Camosci 2 mg Cervo 1 Ricerca dell'animale ferito in accordo con controllore carni Cervo 1 mg Caprioli 2 mg Camoscio 1 mg Camosci non commestibile, gravi ferite da Cervo 1 mg Capriolo 1 mg mg FB (controllore delle carni) mg

24 Ufficio per la sicu rezza delle derrate alimentari Pagina di titolo e indice Versione Controllo del magazzino Mese: settembre Anno: 2006 Magazzino prodotti ausiliari e imballaggi Impianti frigoriferi e di surgelazione Controlli della temperatura Giorno Pulizia/ordine Stato del locale Stato alim. Imballaggio/iscrizione Data/tracciabilità Stoccaggio/FIFO Parassiti Pulizia/ordine Stato/impianti Stato alim. Imballaggio/iscrizione Data/tracciabilità Stoccaggio/FIFO Parassiti Locale frollatura Cella frigorifera sezionamento Cella frigorifera negozio Locale surgelazione Visto Ideale <7 C Ideale <7 C Ideale <2 C Ideale <-18 C Ideale... Ideale... Ideale... Ideale m m m. Abbreviazioni: alim. = alimentari FIFO = First in / First out = in ordine o = non in ordine Divergenze e provvedimenti adottati:

25 Analisi dei rischi Versione Controlli microbiologici della pulizia settore macellazione 2 x anno ca. 10 campioni Determinazione dei germi totali e degli enterobatteri Campione dopo controllo visivo della pulizia ELENCO DEI CAMPIONI Camp. n. Punti di prelievo Data 5. sett. 06 Giudizio (allegare referti laboratorio) LOCALE MACELLAZIONE 1 Parete vicino all'ascensore + 2 Coltello per scuoiare - 3 Acciaio + 4 Lama sega sterno ++ 5 Lama sega per carcasse / spacchini ++ 6 Maniglia ascensore - 7 Maniglia porta - CELLA DI STOCCAGGIO 8 Parete sotto refrigerazione +/- 9 Superficie interna porta +/ Visto mg Giudizio: +++ molto buono/ ++ buono/ + sufficiente/ +/- lacunoso/ - insufficiente Misure in caso di esito lacunoso o insufficiente: La cella di stoccaggio viene ora pulita con Schiumi 4 1x settimana Da subito nel locale di macellazione si lavora con la tecnica dei 2 coltelli (1 coltello nella vasca sterile, con il 2 si lavora / cambio regolare dei coltelli) Pulizia quotidiana delle maniglie

26 Analisi dei rischi Versione Controlli microbiologici della pulizia elaborazione, vendita, personale Raccomandazione 2 x anno ca. 10 campioni Determinazione dei germi totali e degli enterobatteri Campione dopo controllo visivo della pulizia ELENCO DEI CAMPIONI Camp. n. Punti di prelievo Data 5. sett. 06 Giudizio (allegare referti laboratorio) Sezionamento / elaborazione 11 Parete vicino al lift + 12 Superfici di lavoro Fresa per ossa Superficie per il sezionamento delle carni +/- Vendita 17 Taglieri Superfici di lavoro Affettatrice +/- 20 Parete del refrigerante +/- 21 Personale 22 Palmo delle mani (Sarah) ++ Visto Giudizio: +++ molto buono/ ++ buono/ + sufficiente/ +/- lacunoso/ - insufficiente Misure in caso di esito lacunoso o insufficiente: vf

27 Analisi dei rischi Versione Controlli sanitari e istruzione dei collaboratori Controlli sanitari: Del: 28 settembre 2006 Visto: mg + da svolgere 1 x anno Sì No I collaboratori comunicano se soffrono di diarrea, vomito, febbre o lesioni purulente? Sì No I collaboratori con tali sintomi vengono mandati dal medico? Sì No Sono stati sospesi dal lavoro collaboratori con tali sintomi? Misure: nessun caso di malattia noto Istruzione dei collaboratori: Principio: l'istruzione si svolge con regolarità. Vengono annotati il nome dei partecipanti, il tipo di istruzione, la pianificazione, la data dell'istruzione e il nome dell'istruttore. Partecipante Istruzione (interna o esterna) Prevista per: mese / anno Istruzione avvenuta il Max Grassi Controlli microbiologici della pulizia (esterno) Sarah Müller Corso sull'igiene (esterno) 2 sem. 07 Istruttore Fritz Meier Laboratorio Weiss

28 Analisi dei rischi Versione Controlli della pulizia, dell'attività e del funzionamento (visivi) Mese: settembre Anno: 2006 ogni GIORNO DI MACELLAZIONE prima dell'inizio del lavoro in ordine necessità di pulizia / misura di miglioramento Data del controllo Locale macellazione Soffitto, impianti Pareti, porte, cancelletti Pavimenti, scarichi, griglie Tavoli, bilance Doccia, tubi, maniglie 0 Rubinetteria, maniglie 0 Lavandino per le mani e per la sterilizzazione dei coltelli Controllo del funzionamento Vasche di scottatura / macchine per depilazione Controllo del funzionamento Cavalletto per maiali Seghe, spacchini Pinza elettrica Controllo del funzionamento Coltelli, acciaio, piccoli attrezzi, ganci 0 Coltello per scuoiare Contenitori Ambienti limitrofi Fornitura animali, nicchie d'attesa Cella di stoccaggio / frigorifero sanitario Pavimento Pareti, porte Soffitto, impianti, rullo trasportatore Contenitori, merce Separazione sottoprodotti Cella frigorifera rifiuti di macellazione Pulizia, ordine Visto mg vf mg

29 Analisi dei rischi Versione 1.0 Mese: settembre Anno: 2006 controlli settimanali dell'igiene, dell'attività e del funzionamento (visivi) in ordine necessità di pulizia / misura di miglioramento Data del controllo Sezionamento / elaborazione carne Pareti, soffitto, porte, passaggi Pavimenti, scarichi, griglie Impianti, rulli trasportatori Superfici di lavoro 0 Rubinetteria, maniglie, pressostati Impianto per lavarsi le mani (dispenser sapone e asciugamani) Controllo del funzionamento Cutter 0 Tino Insaccatore di carni 0 Miscelatore Clipper Affumicatoio Superficie per il sezionamento delle carni Fresa per ossa Locali di refrigerazione Pulizia, ordine Iscrizioni / tracciabilità Separazione prodotti crudi / prodotti finiti Magazzini Magazzino materiale ausiliario (pavimento, tavoli, ripiani, armadi) Deposito materiale, deposito apparecchi Materiale d'imballaggio Recipienti vuoti 0 Detergenti / apparecchi di pulizia Deposito rifiuti Lubrificanti Spogliatoio / WC / locale pausa Pulizia, ordine Impianto per lavarsi le mani (dispenser sapone e asciugamani) Controllo del funzionamento 0 Toilette Visto vf vf mg

30 Analisi dei rischi Versione 1.0 Mese: settembre Anno: 2006 controlli settimanali dell'igiene, dell'attività e del funzionamento (visivi) in ordine necessità di pulizia / misura di miglioramento Data del controllo Vendita Pareti, soffitto, porte, incl. maniglie Pavimenti / scarichi Superfici di lavoro / taglieri Rubinetteria, maniglie, pressostati Impianto per lavarsi le mani (dispenser sapone e asciugamani) Controllo del funzionamento Vetrine di vendita 0 Dichiarazioni / tracciabilità Separazione prodotti crudi / prodotti finiti Bilancia Spugne, panni per pulizia, ecc. 0 Contenitore rifiuti (pulizia / svuotamento) Visto dg sm sm

31 Analisi dei rischi Versione Controllo delle carcasse Al termine di ogni giornata di macellazione Data Specie animale / numero Vacche Maiali Vacca Bovini 3 Inquinamento Vizi di macellazione MRS presente (MS / DM, TN)? Provvedimenti / osservazioni o MRS rimosso in seguito o Parti sporche tagliate via Visto mg mg mg mg mg Abbreviazioni: MRS = materiale a rischio specifico TN = tessuto nervoso MS = midollo spinale DM = dura mater (membrana che avvolge il midollo spinale)

32 Analisi dei rischi Versione Controlli microbiologici delle carcasse Test da contatto di 5 carcasse 4 x anno (bestiame grosso e maiali al termine della macellazione) Determinazione dei germi totali e degli enterobatteri Punti di prelievo dei campioni: coscia Bestiame grosso: A collo interno B sottospalla C petto D Maiale: A collo interno B collo esterno C spalla D pancia (per i punti di prelievo dei campioni vedi prossima pagina) ELENCO DEI CAMPIONI Del: 10 settembre 2006 Visto: mg N animale Specie animale Bovino (germi) Bovino (Eb.) Suino (germi) Suino (Eb) Campione Giudizio (allegare referti laboratorio) A B C D Visto mg mg mg mg Giudizio (secondo Reg. CE 2073/2005 e ILS ZH 2007): Log 10 UFC cm 2 Soddisfacente Accettabile Insoddisfacente Bovino Suino Bovino Suino Bovino Suino Germi totali <3,5 4,0 <5,0 <5,0 5,0 >5,0 Enterobatteri <1,5 2,0 <2,5 <3,0 >2,5 >3,0 Misure in caso di esito lacunoso o insufficiente: Analizzata procedura di macellazione maiale e adottate diverse misure igieniche campioni verranno ripetuti

33 Analisi dei rischi Versione 1.0 Punti di prelievo dei campioni dalla carcassa per l'esame microbiologico della contaminazione superficiale: BOVINO SUINO

34 Analisi dei rischi Versione Fornitura merce Controllo a campione Criteri - Quantità fornita - controllo periodico della temperatura per alimentari facilmente deperibili - Qualità dei prodotti (aspetto) - Imballaggio/ tracciabilità - Pulizia contenitore Data Fornitore Merce esaminata Temperatura C Irregolarità Macelleria Meister Vari derivati della carne Caseificio Latte per sanguinacci 6 i.o. 11 Temperatura Tutto Pulito SA Detergenti i.o.

35 Analisi dei rischi Versione Documenti di accompagnamento

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Ristorante della Posta, Musterlingen

Ristorante della Posta, Musterlingen Concetto di autocontrollo per piccole aziende Nome dell'azienda Ristorante della Posta, Musterlingen Indice 1. Organizzazione 1.1 Descrizione dell'azienda 1.2 Numeri di telefono importanti 1.3 Elenco dei

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria.

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria. ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA sezione 1

RELAZIONE TECNICA sezione 1 RELAZIONE TECNICA sezione 1 Identificazione dello stabilimento (esercizio) Ragione sociale Sede operativa CAP via/piazza Numero addetti previsti Tipologia di attività Lavorazioni particolari Macelleria:

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

La pulizia delle attrezzature da cucina

La pulizia delle attrezzature da cucina La pulizia delle attrezzature da cucina La cucina è e sarà il nostro ambiente di lavoro, per questo dobbiamo sapere come prendercene cura anche per non compromettere la nostra salute e quella dei nostri

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute La sicurezza degli alimenti Luigi Cazzola Dip. Prevenzione ULSS 2 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI POPOLARI SICURE Feltre, 11 giugno 2014 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Pulizia e disinfezione ambienti e attrezzature PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE Pag. 1 di 17 PULIZIA E DISINFEZIONE AMBIENTI E ATTREZZATURE INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

KIT ISTRUZIONI OPERATIVE FORNI ALIMENTARI MACELLERIE ROSTICCERIE BAR

KIT ISTRUZIONI OPERATIVE FORNI ALIMENTARI MACELLERIE ROSTICCERIE BAR KIT ISTRUZIONI OPERATIVE o FORNI ALIMENTARI o MACELLERIE ROSTICCERIE o BAR BAR Interventi sulle seguenti superfici: - Bancone Bar - Tavoli / Sedie - Lavastoviglie - Vetrine esposizione - Pavimenti - Toilette

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Maggio 2012 Questo documento è organizzato in base ai capitoli del corso online di sicurezza alimentare ServSafe. Indica le differenze tra il contenuto del

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

La gamma dei prodotti della LINEA INDUSTRIALE permette di operare in ogni tipo di Azienda per soddisfare qualsiasi necessità tecnica: Trattamento

La gamma dei prodotti della LINEA INDUSTRIALE permette di operare in ogni tipo di Azienda per soddisfare qualsiasi necessità tecnica: Trattamento La gamma dei prodotti della LINEA INDUSTRIALE permette di operare in ogni tipo di Azienda per soddisfare qualsiasi necessità tecnica: Trattamento Scarichi - Disinfettanti - Battericidi - Protettivi per

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

Controlli veterinari in aziende agricole: nuova strategia dal 1 gennaio 2014

Controlli veterinari in aziende agricole: nuova strategia dal 1 gennaio 2014 Amt für Lebensmittelsicherheit und Tiergesundheit Graubünden Uffizi per la segirezza da victualias e per la sanadad d animals dal Grischun Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE

LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE manuale H.A.C.C.P. maggio 2013 rev.0/ pag. 1 LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE dell Istituto agrario G. Penna - Loc. Viatosto, 54-14100- Asti Responsabile H.A.C.C.P e laboratorio Prof.ssa Cantatore

Dettagli

Che cosa è un CAPITOLATO?

Che cosa è un CAPITOLATO? Che cosa è un CAPITOLATO? 1 - è una parte di un contratto di fornitura di beni o servizi 2 - il capitolato contiene indicazioni specifiche in merito a: - tipologia del prodotto (quantità, qualità) - modalità

Dettagli

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti A. Requisiti degli automezzi non soggetti ad Autorizzazione sanitaria (art., D.P.R. n. 7/980) Il trasporto di qualsiasi sostanza alimentare avviene con

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA. Allegato n.

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA. Allegato n. Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico GAETANO MARTINO Messina SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDICE - 1 Definizione

Dettagli

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP Autocontrollo alimentare Il sistema HACCP 1 Obiettivi principali dell AUTOCONTROLLO Salvaguardare la SALUTE del CONSUMATORE Produrre, somministrare e vendere alimenti SANI 2 L autocontrollo aziendale prevede

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti

Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti 4 C (39 F) -21 C (-5 F) -21 C (-5 F) 4 C (39 F) 4 C (39 F) -21 C (-5 F) 4 C (39 F) -21 C (-5 F) Quando il pesce entra

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

PROTOCOLLO di PULIZIA e DISINFEZIONE

PROTOCOLLO di PULIZIA e DISINFEZIONE PROTOCOLLO di PULIZIA e DISINFEZIONE PRINCIPI GENERALI L'applicazione corretta del protocollo di pulizia e disinfezione (buone pratiche di sanificazione) nell'ambito di: RISTORAZIONE COLLETTIVA PESCHERIE

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD05U ATTIVITÀ 10.11.00 PRODUZIONE DI CARNE NON DI VOLATILI E DI PRODOTTI DELLA MACELLAZIONE (ATTIVITÀ DEI MATTATOI) ATTIVITÀ 10.12.00 PRODUZIONE DI CARNE DI VOLATILI E PRODOTTI DELLA

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Ordinanza concernente l assicurazione della qualità nella trasformazione artigianale del latte

Ordinanza concernente l assicurazione della qualità nella trasformazione artigianale del latte Ordinanza concernente l assicurazione della qualità nella trasformazione artigianale del latte del 13 aprile 1999 Il Dipartimento federale dell economia visto l articolo 4 dell ordinanza del 7 dicembre

Dettagli

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN PROVA SCRITTA CONCORSO PUBBLICO PER N. 1 POSTO DI ADDETTO ALLA CUCINA PROVA N. 2 (Crocettare la risposta esatta delle domande dalla n. 1 alla n. 20 e fornire una risposta sintetica ed esauriente alle domande

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

RELAZIONE SUL CICLO DI PRODUZIONE

RELAZIONE SUL CICLO DI PRODUZIONE RELAZIONE SUL CICLO DI PRODUZIONE Oggetto: Costruzione di nuovo laboratorio per la lavorazione di carni avicole Committente: GOBBI-FRATTINI s.r.l. Località Venga Bertani, 12 25015 Desenzano del Garda (BS)

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità di Marco Bernabè IDEATURISMO S.R.L. Riva del Garda 29.01.2013 Meno imballaggi, stessa igiene Imballaggi e igiene: due facce della stessa

Dettagli

H 2 O srl Sede Operativa: Via Enrico Medi, 14 00149 Roma Via del Bel Poggio, 375 00143 Roma Capitale Sociale 10.000 tel. 06 5010699 fax 06 5000386

H 2 O srl Sede Operativa: Via Enrico Medi, 14 00149 Roma Via del Bel Poggio, 375 00143 Roma Capitale Sociale 10.000 tel. 06 5010699 fax 06 5000386 PROCEDURA DI SANIFICAZIONE EROGATORE ALLACCIATO ALLA RETE IDRICA CON SISTEMA EVERPURE MATERIALE NECESSARIO Liquido detergente (alimentare), per la pulizia esterna dell erogatore (es: Cif) Liquido disincrostante

Dettagli

Concetto di autocontrollo per piccoli approvvigionamenti idrici

Concetto di autocontrollo per piccoli approvvigionamenti idrici Pagina di titolo e indice Versione 1.0 Concetto di autocontrollo per piccoli approvvigionamenti idrici Nome dell'azienda Approvvigionamento idrico xy Indice 1. Organizzazione 1.1 Descrizione dell'azienda

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore Dott. Valter Dini Piazzale Amburgo, 1 17100 SAVONA Tel.: 019/862303 fax: 019/861265 e-mail: veterinaria.sv@asl2.liguria.it

Dettagli

L.R. 22/2010, art. 8, c. 40 e 41 B.U.R. 5/3/2014, n. 10. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 21 febbraio 2014, n. 023/Pres.

L.R. 22/2010, art. 8, c. 40 e 41 B.U.R. 5/3/2014, n. 10. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 21 febbraio 2014, n. 023/Pres. L.R. 22/2010, art. 8, c. 40 e 41 B.U.R. 5/3/2014, n. 10 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 21 febbraio 2014, n. 023/Pres. Regolamento per la disciplina e l esercizio delle Piccole produzioni locali di

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

CIRCOLO VIA N. COMUNE

CIRCOLO VIA N. COMUNE PIANO DI AUTOCONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 26 maggio 1997, n.155: CIRCOLO VIA N. COMUNE Responsabile del piano di autocontrollo: Redazione del: 1 ALCUNE DEFINIZIONI IMPORTANTI 1. pericolo

Dettagli

Controllo della sicurezza alimentare. Controllo della sicurezza alimentare La cucina di casa propria, Autocontrollo, Controllo ufficiale, Consumatori

Controllo della sicurezza alimentare. Controllo della sicurezza alimentare La cucina di casa propria, Autocontrollo, Controllo ufficiale, Consumatori Controllo della sicurezza alimentare La cucina di casa propria, Autocontrollo, Controllo ufficiale, Consumatori 1 livello: la cucina di casa propria Igiene nelle cucine domestiche Uno studio svolto dal

Dettagli

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC INDICE Paragrafo Istruzioni per l'installazione 1 Rispondenza

Dettagli

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad ,'- - -~~_._,--~ -_... ~-------;~-----'--'-'~-~_._' --- - - - -), Minislero della Salule 0009028-P-30/03/2009 ( DGSAN, " " \....... _--_._---._.~" '._-"-'.., I -.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE Ufficio IX Regioni

Dettagli

Comune di Padova. Piano analisi. Settore Servizi Scolastici. Capitolato speciale per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica ALLEGATO E

Comune di Padova. Piano analisi. Settore Servizi Scolastici. Capitolato speciale per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica ALLEGATO E Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Capitolato speciale per l affidamento del servizio di ristorazione scolastica ALLEGATO E Piano analisi 1 Gennaio 2012-31 Dicembre 2012 INTRODUZIONE Lo scopo

Dettagli

-Zumpe GmbH. Solarcheck Mobilcenter P80. Betriebsanleitung Operating Instructions Notice technique Istruzioni per l uso Manual. Pumps and Sprayers

-Zumpe GmbH. Solarcheck Mobilcenter P80. Betriebsanleitung Operating Instructions Notice technique Istruzioni per l uso Manual. Pumps and Sprayers -Zumpe GmbH Pumps and Sprayers Betriebsanleitung Operating Instructions Notice technique Istruzioni per l uso Manual Solarcheck Mobilcenter P80 Istruzioni per l'uso SOLARCHECK MOBILCENTER P80 1. Dichiarazione

Dettagli

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L.

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. 'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR Azienda Sede azienda Farmacia Dott. Via Attività svolta Consulenza Farmacia Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. tel 0585/250783

Dettagli

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi LA NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Regolamento (CE) n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012

PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012 PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012 PREMESSA La U.O. Veterinaria ha disposto nel 2011 il piano

Dettagli

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate CUCINE PROFESSIONALI Normativa di riferimento in materia di igiene caratteristiche e dotazione delle aree in funzione delle lavorazioni normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali M.C.Valerio -

Dettagli

Descrizione delle modalità di gestione ambientale

Descrizione delle modalità di gestione ambientale E 3 Descrizione delle modalità di gestione ambientale La seguente relazione ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione degli aspetti ambientali relativi all impianto della ditta Puddu Luca sita

Dettagli

AUTOCONTROLLO SEMPLIFICATO MICROIMPRESE

AUTOCONTROLLO SEMPLIFICATO MICROIMPRESE AUTOCONTROLLO SEMPLIFICATO MICROIMPRESE Definizione di microimpresa fornita dal Reg. 800/08/CE: un'impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione A cura dei Medici di Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della ASL di Carbonia: Gian Mauro Vinci, Gabriella Carta, Cesare Gradoli, Gabriella Pitzalis,. Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli

Dettagli

Rimanendo a Vostra disposizione per ulteriori chiarimenti, colgo personalmente l occasione per porgervi i nostri più cordiali saluti.

Rimanendo a Vostra disposizione per ulteriori chiarimenti, colgo personalmente l occasione per porgervi i nostri più cordiali saluti. A tutti i SIGNORI CLIENTI Loro sedi Oggetto: Attuazione dei Regolamenti Comunitari concernenti l igiene dei prodotti alimentari e i criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari e certificazioni

Dettagli

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE Gli esercizi di produzione possono iniziare l attività con notifica di Inizio Attività ai sensi dell articolo 6 Regolamento CE 852/2004

Dettagli

Modelli da Compilare, Firmare e Allegare alla procedura OnLine.

Modelli da Compilare, Firmare e Allegare alla procedura OnLine. Modelli da Compilare, Firmare e Allegare alla procedura OnLine. RTl - RELAZIONE TECNICA - GENERALE - Che la struttura ottempera alle norme in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (D.L.vo 81/08) e

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

Trasloco per aziende

Trasloco per aziende Trasloco per aziende Lista di controllo per un perfetto trasloco aziendale Pianificazione a 360 Definire il team che si occupa del progetto, distribuire i compiti e redigere una tabella dettagliata dei

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO LINEE GUIDA PER LA L ESECUZIONE DEI CONTROLLI TESI A GARANTIRE LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL AMBITO DELLA PRODUZIONE E IMMISSIONE SUL MERCATO DEL LATTE DESTINATO AL TRATTAMENTO TERMICO E ALLA TRASFORMAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Settore Alberghiero 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar) ad una temperatura fino a 160 C possiede

Dettagli

Manuale di buone pratiche di igiene

Manuale di buone pratiche di igiene Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Bruno Ubertini Manuale di buone pratiche di igiene per le microimprese alimentari Progetto di semplificazione dell autocontrollo

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE Al Ministero della Sanità Ufficio Veterinario per gli Adempimenti Comunitari Compartimento: VENETO RICHIESTA DI REGISTRAZIONE In data odierna, presso l'ufficio per gli Adempimenti Comunitari del Compartimento

Dettagli

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100%

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% Rubino (Coscia d'oca stagionata), Convivio (Salame tradizionale d'oca), Castellano (Cotto d'oca). Inoltre, tagli freschi e congelati d oca

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA SISTEMA HACCP PREDISPOSTO AI SENSI DEL Reg. CE 178/2002 e del Reg. CE 852/2004 Elaborato in data: 19 Novembre 2012 AMITALIA S.r.l VIA COMO, 47 20020 - SOLARO (MI) INDICE

Dettagli

Nella gamma é presente anche il lava-mani con comando femorale. Ampia gamma : distributore di sapone manuale, elettronico, pompa di sapone.

Nella gamma é presente anche il lava-mani con comando femorale. Ampia gamma : distributore di sapone manuale, elettronico, pompa di sapone. I vantaggi Tournus Design e novazione : rubetto con fotocellula ad frarossi di fabbricazione francese. Consumo d acqua ridotto ritraendo le mani l erogazione d acqua si ferma immediatamente. Ampia gamma

Dettagli

DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA

DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA Le misure degli arredi e delle attrezzature riportate

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Istituti Scolastici e Strutture per la Prima Infanzia

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Istituti Scolastici e Strutture per la Prima Infanzia PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Istituti Scolastici e Strutture per la Prima Infanzia 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar)

Dettagli

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini

Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini Normativa sull HACCP: definizioni Enrico Casalini HACCP: La Storia La Storia Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point) è nato circa 50 anni fa per una esigenza operativa diversa da

Dettagli

Il pacchetto igiene dell UE

Il pacchetto igiene dell UE Il pacchetto igiene dell UE Il primo gennaio 2006 è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto igiene dell Unione Europea, mettendo finalmente ordine nella normativa sull igiene alimentare che, fino a quel

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI TORINO CIG [355481]

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI TORINO CIG [355481] PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI TORINO CIG [355481] ALLEGATO N. 6 al Capitolato Speciale d Appalto SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE

23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 23.2.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 LA GIUNTA REGIONALE 69 Visto il Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modifiche ed integrazioni; Vista la L.R. n.22 del

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Regole di igiene per la ristorazione collettiva

Regole di igiene per la ristorazione collettiva INFORMAZIONE Regole di igiene per la ristorazione collettiva Ogni anno in Germania vengono riportati oltre 100.000 casi di malattie causate dalla presenza negli alimenti di microorganismi, in particolare,

Dettagli

Manuale d uso Macinacaffè. Kaffeemühle CM 80-Serie

Manuale d uso Macinacaffè. Kaffeemühle CM 80-Serie IT Manuale d uso Macinacaffè Kaffeemühle CM 80-Serie Indice Avvertenze di sicurezza... 3 Prima del primo utilizzo... 4 Apertura dell imballaggio... 4 Criteri per il collocamento dell apparecchio... 5 Impostazione

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

Ristorazione collettiva ed assistenziale

Ristorazione collettiva ed assistenziale Ristorazione collettiva ed assistenziale DEFINIZIONE Sono considerate attività di ristorazione collettiva la preparazione e/o la somministrazione di pasti in: Mense di Ospedali e Case di Cura; Case di

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto

Obiettivo. procedure per l attuazione di un piano di autocontrollo applicato alle fasi di trasporto MANUALE di AUTOCONTROLLO redatto secondo il METODO HACCP per le fasi di TRASPORTO e DISTRIBUZIONE del VITTO ai degenti della Istituto Clinico Riabilitativo Villa delle Querce di Nemi UOC di Riabilitazione

Dettagli