Macelleria Grassi, Musterlingen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Macelleria Grassi, Musterlingen"

Transcript

1 Concetto di autocontrollo per piccole aziende Nome dell'azienda Macelleria Grassi, Musterlingen Indice 1. Organizzazione 1.1 Descrizione dell'azienda 1.2 Numeri di telefono importanti 1.3 Elenco dei fornitori 1.4 Locali aziendali 1.5 Piano corografico approvvigionamento idrico (modulo complementare) 2. Analisi dei rischi 2.1 Accettazione degli animali da macello / fornitura della merce 2.2 Produzione (macellazione / lavorazione) 2.3 Stoccaggio delle merci 2.4 Consegna delle merci 2.5 Procedura pratica (cervelat) (modulo complementare) 3. Direttive 3.1 Piano di pulizia 3.2 Direttive di lavoro

2 4. Ricette 4.1 Cervelat 5. Fogli di controllo 5.1 Smaltimento dei rifiuti e lotta ai parassiti 5.2 Controllo delle carcasse non soggette a un controllo ufficiale 5.3 Controlli del magazzino 5.4 Controlli microbiologici della pulizia 5.5 Controlli sanitari / Istruzione dei collaboratori 5.6 Controlli della pulizia, dell'attività e del funzionamento 5.7 Controllo delle carcasse (al termine della giornata di macellazione) 5.8 Controlli microbiologici delle carcasse 5.9 Archivio documenti di accompagnamento

3 1. Organizzazione

4 1. Organizzazione 1.1 Descrizione dell'azienda Nome dell'azienda Macelleria Grassi Responsabile Nome: Max Cognome: Grassi Telefono: Cellulare: Sostituto Nome: Valentin Cognome: Flütsch N. BDTA: N. RIS: (N. del registro delle imprese e degli stabilimenti) frequenza di macellazione settimanale Ø: Bovini: 2-4 Suini: 5-8 Telefono: Cellulare: Altro: ca. 5 pecore Assortimento Carne fresca (consegna diretta ad alberghi, ristoranti, case di cura, ospedali e negozi) Salsicce stagionate: salame nostrano Salsicce scottate: cervelat, salsicce di vitello Merce commerciabile varia

5 Numero di impiegati (incl. quelli in formazione) Lavorazione/macellazione Grassi Max (maestro macellaio salumiere), Flütsch Valentin (macellaio salumiere diplomato) e Peter Meier, ausiliario di pulizia e per le consegne Vendita: Grassi Dora (venditrice con diploma di commercio), Müller Sarah (ausiliaria negozio) 1.2 Numeri di telefono importanti Medico di famiglia Ospedale Chiamata d'emergenza sanitaria 144 Polizia 117 Pompieri 118 Avvelenamenti (centro tossicologico) 145 REGA (elisoccorso) 1414 Responsabile approvvigionamento idrico Fritz Losli IDA Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute degli animali Dr. Fritz Beeli (controllore delle carni) Sarah Müller (ausiliaria) Filiale

6 1.3 Elenco dei fornitori Ditta: Telefono: Prodotti: Commercio di carne Meister Vari derivati della carne Vis à vis Fornitore principale negozi Tutto Pulito SA Detergenti 1.4 Locali aziendali Descrizione Azienda principale: L'azienda principale si trova nella Mustergasse 6, 7708 Musterlingen ed è composta da un locale di macellazione, un locale di sezionamento e di lavorazione, nonché da un negozio di vendita. Magazzini esterni: nessuno Aziende accessorie / filiali: In via della Chiesa si trova una piccola filiale, che vende esclusivamente specialità a base di carne e altri prodotti indigeni.

7 Pianta: settore di macellazione Depilazione Lavandino Cella di stoccaggio Scarico nel pavimento Montacarichi / rullo trasportatore Entrata animali Spogliatoio Sterilizzazion e coltelli Sezionatura Pianta: sezionamento / lavorazione Macellazione Cella di stoccaggio Spogliatoio WC Salumeria Rullo trasportatore Tavolo di lavoro Entrata clienti Cella frigorifera lavorazione Locale di vendita Cella frigorifera vendita Cella di surgelazione vendita Sciacquatoio / lavandino vendita Affumicato io

8 Pianta: negozio filiale Vendita di merce sfusa Cella Deposito merce / fornitura Spogliatoio WC Pianta:....

9 2. Analisi dei rischi

10 2. Analisi dei rischi 2.1 Accettazione degli animali da macello / fornitura della merce Rischi Animali malati, sudici o malnutriti vengono accettati per la macellazione. Fornitura di merce commerciabile di qualità scadente o con una dichiarazione insufficiente. La catena del freddo della merce fornita è stata interrotta. Scadenze troppo brevi per le derrate alimentari fornite. Le quantità fornite non corrispondono alle quantità indicate sul bollettino di consegna. Misure per gestire i rischi Controllo dei documenti di accompagnamento Controllo degli animali da macello da parte di un controllore delle carni con titolo veterinario Ogni consegna di merce viene controllata per quanto riguarda la qualità dei prodotti, l'imballaggio, il contenitore, la caratterizzazione, la data e la quantità della merce fornita Periodicamente vengono effettuati controlli della temperatura Documentazione Documenti di accompagnamento e modulo "controllo degli animali da macello" Modulo "controllo delle merci all'arrivo" Provvedimenti in caso di mancato rispetto delle prescrizioni In caso vengano accertate delle irregolarità Max Grassi informa immediatamente il fornitore o il controllore delle carni. (nome del responsabile)

11 Prodotti che presentano irregolarità vengono immediatamente ritornati al fornitore 2.2 Produzione (macellazione / lavorazione) Rischi Diffusione di malattie tramite la carne di animali malati Carcasse contaminate da batteri fecali Contaminazione delle derrate alimentari con germi patogeni a causa di superfici di lavoro e macchine non pulite a dovere Acqua potabile contaminata (enterobatteri) Inosservanza delle condizioni CCP nella produzione di cervelat (sopravvivenza di germi patogeni, in particolare di enterobatteri e campylobacter) Misure per gestire i rischi Svolgimento del controllo delle carni da parte di un controllore delle carni Se il controllore delle carni dispone controlli supplementari, la carcassa viene conservata separatamente (dispositivo di separazione) fino a quando giungono i risultati. La carne di carcasse non soggette a un controllo ufficiale (selvaggina, coniglio) viene controllata da Max Grassi o dal suo sostituto. Controllo delle carcasse alla fine della giornata di macellazione Effettuare le pulizie secondo il piano di pulizia e le direttive per le pulizie Controlli visivi della pulizia, dell'attività e del funzionamento in tutta l'azienda Il rispetto delle condizioni CCP nella produzione di cervelat è garantito attraverso la stampa dei dati del termometro di controllo. Svolgimento dei lavori di manutenzione dell'approvvigionamento idrico secondo la direttiva di lavoro Analisi batteriologiche annuali dell'acqua potabile

12 Controlli microbiologici periodici della pulizia nel settore macellazione e lavorazione, nonché in negozio Documentazione Carcasse idonee al consumo vengono marchiate dal controllore delle carni. Foglio di controllo delle carcasse Foglio per l'autocontrollo di carcasse di selvaggina e conigli Piano di pulizia Fogli dei controlli settimanali dell'igiene, dell'attività e del funzionamento Le stampe dei dati del termometro di controllo della produzione di cervelat vengono conservate per almeno 3 mesi nell'ufficio dell'azienda. Fogli dei controlli microbiologici della pulizia Rapporti delle analisi dell'acqua potabile Foglio di controllo "Elenco delle irregolarità/correttivi approvvigionamento idrico" Provvedimenti in caso di mancato rispetto delle prescrizioni Se dai controlli emergono delle irregolarità, queste devono immediatamente essere comunicate a Max Grassi o al suo sostituto.

13 2.3 Stoccaggio delle merci Rischi stoccaggio eccessivamente lungo di derrate alimentari interruzione della catena del freddo per derrate alimentari facilmente deperibili presenza di parassiti Misure per gestire i rischi controlli della temperatura 2x alla settimana controllo settimanale dei magazzini Documentazione iscrizione sul foglio di controllo delle temperature di stoccaggio negli impianti di refrigerazione iscrizione sul foglio di controllo dei controlli dei magazzini Provvedimenti in caso di mancato rispetto delle prescrizioni Se emergono delle irregolarità, queste devono immediatamente essere comunicate a Max Grassi o al suo sostituto. Immediata correzione delle temperature dei frigoriferi, ev. predisporre un servizio di manutenzione (in accordo con il capo!)

14 2.4 Consegna delle merci Rischi vendita di derrate alimentari di qualità scadente interruzione della catena del freddo durante il trasporto per la consegna contaminazione dei derivati della carne con salmonella o campylobacter derivanti da pollame Misure per gestire i rischi I prodotti finiti vengono periodicamente sottoposti a controlli Dora Grassi è responsabile per la gestione della vetrina di vendita La carne viene macinata ogni giorno e in seguito conservata al fresco (<2 C) Le derrate alimentari facilmente deperibili vengono consegnate con il furgone frigorifero. Nel furgone frigorifero si trova un termometro di controllo. La temperatura viene costantemente tenuta sotto controllo dall'autista. Chiara separazione con una lastra in plexiglas del pollame dall'altra carne fresca e dai prodotti derivati. Documentazione Rapporti d'analisi del laboratorio Iscrizione almeno settimanale delle temperature di refrigerazione sul foglio di controllo della temperatura Provvedimenti in caso di mancato rispetto delle prescrizioni Le irregolarità vengono immediatamente comunicate a Dora o Max Grassi

15 3. Direttive

16 Pagina di titolo e indice Versione Piano di pulizia reparto Locale macellazione Cosa si pulisce? q s m Come si pulisce? Con cosa si pulisce? (detergente) Soffitto / pareti / impiant x Insaponare, lasciar agire, sciacquare con acqua fredda Schaumi 4 Acqua calda con sapone di potassa pulire Pavimenti / scarichi x con lo spazzolone svuotare gli scarichi Sapone di potassa smaltire i resti di carne con i rifiuti R1 Coltelli / acciaio / ganci x Pulire a fondo con una spazzola dopo l'uso Alka 1 / Disi 3 disinfettare prima dell'uso Staccare la corrente pulire a fondo con un Seghe / spacchini x spazzola dopo l'uso disinfettare prima dell'uso Alka 1 / Disi 3 Sterilizzazione coltelli Vasche di scottatura / macchine per depilazione x x x Lasciar defluire l'acqua, pulire con la spazzol Alka 1 sciacquare Lasciar defluire l'acqua spruzzare insaponare 1x settimana risciacquare Schaumi 4 Cella di stoccaggio x Ogni venerdì, quando la cella è vuota insaponare e risciacquare Schaumi 4 Piazzale x Risciacquare quotidianamente con acqua fredda --- q = quotidianamente; s = settimanalmente; m = mensilmente

17 3.2 Direttive di lavoro Tritacarne Messa in esercizio dell'apparecchio: 1. Inserire la coclea nel corpo del tritacarne con l'ingranaggio in avanti. Infilare il coltello sulla coclea. (le lame devono guardare in avanti, verso la trafila). Inserire ora la trafila media o grossa (a seconda della grana desiderata) sulla coclea e avvitate la ghiera sul corpo del tritacarne. (badate a che la sporgenza dell'involucro combaci con l'apertura nella trafila) 2. Montare ora la spirale sul motore, inserendola nel raccordo e girando in senso antiorario fino a quando si sente lo scatto. 3. Posare la tramoggia sul tubo verticale della spirale. 4. L'apparecchio è ora pronto all'uso. Funzionamento quale tritacarne: tagliare la carne a strisce di circa 10 cm di lunghezza e 2 cm di spessore. Rimuovere per quanto possibile ossa, cartilagini e tendini. (non utilizzare mai carne congelata!) Mettere la carne nella tramoggia. Utilizzare l'alimentatore per fare entrare la carne speditamente, ma non troppo in fretta, nel corpo del tritacarne. Per la carne alla tartara far passare la carne due volte attraverso la trafila media. Esercizio: Produzione di salsicce 1. Passare la carne al tritacarne. 2. Inserire la coclea nel corpo del tritacarne con l'ingranaggio di plastica in avanti. Inserire nel corpo del tritacarne il separatore e l'insaccatore. (badate a che la sporgenza dell'involucro combaci con l'apertura nel separatore) Montare ora la spirale sul motore, inserendola nel raccordo e girando in senso antiorario fino a quando si sente lo scatto. 3. Posare la tramoggia sul tubo verticale della spirale.

18 4. L'apparecchio è ora pronto per preparare insaccati. Preparazione di insaccati Mettere gli ingredienti nella tramoggia. Utilizzare l'alimentatore per fare entrare l'impasto speditamente, ma non troppo in fretta, nel corpo del tritacarne. Fare ammorbidire il budello per circa 10 minuti in acqua tiepida. Poi infilare il budello ammorbidito sull'insaccatore. In seguito far passare la carne (condita) attraverso il corpo del tritacarne premendo sull'alimentatore. Se il budello dovesse incollarsi all'insaccatore inumidirlo con un po' di acqua tiepida. Pulizia dell'apparecchio 1. Riempire la vasca di lavaggio con acqua possibilmente calda. Aggiungere un bicchiere (2dl) di Alka Smontare tutte le parti smontabili e posarle nella vasca. 3. Pulire con la spazzola le singole parti e l'insaccatore. 4. 1x settimana, dopo la pulizia alcalina, pulire una seconda volta con il detergente acido Sauer Disporre gli elementi sul piano di lavoro. Far asciugare l'apparecchio e gli elementi.

19 4. Ricette

20 4. Ricette Cervelat Carne per salsiccia 10 kg (30g di sale nitrato per kg) Lardo 5 kg (20g di sale per kg) Cotenne 5 kg (20g di sale per kg) Ghiaccio 10 kg (ev. 1 2 l plasma) Pepe / noce moscata / cardamomo (5g ciascuno per kg di carne) E 452 polifosfati (per kg = 5g) Mettere la carne nel cutter. Aggiungere circa 3/4 del ghiaccio e il sale. Appena si forma un impasto ben legato, aggiungere il lardo e le cotenne. Dopo alcuni giri aggiungere il resto del ghiaccio e portare a termine la lavorazione dell'impasto. L'impasto che non viene subito lavorato ulteriormente, deve avere una temperatura di C quando esce dal cutter. L'impasto che subisce subito un' ulteriore elaborazione, può raggiungere i C.

21 5. Fogli di controllo

22 5.1 Smaltimento dei rifiuti e lotta ai parassiti Del: 15 gennaio 2007 Visto: mg Smaltimento dei rifiuti: da compilare annualmente sì no Tutti i rifiuti di macellazione vengono smaltiti come rifiuti rossi. se No sì no Si procede a una separazione dei rifiuti di carne pericolosi (rossi) e poco pericolosi (verdi)? sì no L'Ufficio veterinario ha rilasciato un'autorizzazione? Provvedimenti:... sì no I contenitori di raccolta sono puliti, impermeabili e adeguatamente contrassegnati? Provvedimenti:... sì no I contenitori di raccolta sono inaccessibili ai non addetti? Provvedimenti:... sì no I rifiuti di carne e di macellazione impuri, nonché i sottoprodotti della macellazione vengono conservati separatamente da ossa, grasso e tagli di carne che servono alla produzione di derrate alimentari? Provvedimenti:... sì no I rifiuti di carne e di macellazione vengono stoccati al fresco oppure si procede allo smaltimento dopo ogni giorno di macellazione? Provvedimenti:... sì no È stato stipulato un contratto di smaltimento con un ente di smaltimento approvato dalla Confederazione? Provvedimenti:... Lotta ai parassiti: sì no Agli uccelli e ai roditori viene efficacemente impedito l'accesso ai locali aziendali? Provvedimenti: Provvedimenti da parte della ditta Steiner sì no Nell'azienda sono presenti e funzionanti dispositivi adeguati come zanzariere o lampade cattura insetti per la lotta preventiva agli insetti? Provvedimenti: Provvedimenti da parte della ditta Steiner

23 5.2 Autocontrollo di carcasse non soggette a un controllo ufficiale della carne (p. es. selvaggina, coniglio, pollame) DAL 1 settembre 2006 AL 15 settembre 2006 L'autocontrollo interessa le carcasse e le parti di animali macellati non soggette al controllo sistematico della carne. Data Carcasse / parti Numero Decisione Motivazione Visto commestibil non se non commestibile 1.9 Conigli 3 mg 9.9. Cervi 2 mg 9.9. Caprioli 3 mg Cervo 1 Tagliato via molto tiro cattivo mg 11.9 Camosci 2 mg Cervo 1 Ricerca dell'animale ferito in accordo con controllore carni Cervo 1 mg Caprioli 2 mg Camoscio 1 mg Camosci non commestibile, gravi ferite da Cervo 1 mg Capriolo 1 mg mg FB (controllore delle carni) mg

24 Ufficio per la sicu rezza delle derrate alimentari Pagina di titolo e indice Versione Controllo del magazzino Mese: settembre Anno: 2006 Magazzino prodotti ausiliari e imballaggi Impianti frigoriferi e di surgelazione Controlli della temperatura Giorno Pulizia/ordine Stato del locale Stato alim. Imballaggio/iscrizione Data/tracciabilità Stoccaggio/FIFO Parassiti Pulizia/ordine Stato/impianti Stato alim. Imballaggio/iscrizione Data/tracciabilità Stoccaggio/FIFO Parassiti Locale frollatura Cella frigorifera sezionamento Cella frigorifera negozio Locale surgelazione Visto Ideale <7 C Ideale <7 C Ideale <2 C Ideale <-18 C Ideale... Ideale... Ideale... Ideale m m m. Abbreviazioni: alim. = alimentari FIFO = First in / First out = in ordine o = non in ordine Divergenze e provvedimenti adottati:

25 Analisi dei rischi Versione Controlli microbiologici della pulizia settore macellazione 2 x anno ca. 10 campioni Determinazione dei germi totali e degli enterobatteri Campione dopo controllo visivo della pulizia ELENCO DEI CAMPIONI Camp. n. Punti di prelievo Data 5. sett. 06 Giudizio (allegare referti laboratorio) LOCALE MACELLAZIONE 1 Parete vicino all'ascensore + 2 Coltello per scuoiare - 3 Acciaio + 4 Lama sega sterno ++ 5 Lama sega per carcasse / spacchini ++ 6 Maniglia ascensore - 7 Maniglia porta - CELLA DI STOCCAGGIO 8 Parete sotto refrigerazione +/- 9 Superficie interna porta +/ Visto mg Giudizio: +++ molto buono/ ++ buono/ + sufficiente/ +/- lacunoso/ - insufficiente Misure in caso di esito lacunoso o insufficiente: La cella di stoccaggio viene ora pulita con Schiumi 4 1x settimana Da subito nel locale di macellazione si lavora con la tecnica dei 2 coltelli (1 coltello nella vasca sterile, con il 2 si lavora / cambio regolare dei coltelli) Pulizia quotidiana delle maniglie

26 Analisi dei rischi Versione Controlli microbiologici della pulizia elaborazione, vendita, personale Raccomandazione 2 x anno ca. 10 campioni Determinazione dei germi totali e degli enterobatteri Campione dopo controllo visivo della pulizia ELENCO DEI CAMPIONI Camp. n. Punti di prelievo Data 5. sett. 06 Giudizio (allegare referti laboratorio) Sezionamento / elaborazione 11 Parete vicino al lift + 12 Superfici di lavoro Fresa per ossa Superficie per il sezionamento delle carni +/- Vendita 17 Taglieri Superfici di lavoro Affettatrice +/- 20 Parete del refrigerante +/- 21 Personale 22 Palmo delle mani (Sarah) ++ Visto Giudizio: +++ molto buono/ ++ buono/ + sufficiente/ +/- lacunoso/ - insufficiente Misure in caso di esito lacunoso o insufficiente: vf

27 Analisi dei rischi Versione Controlli sanitari e istruzione dei collaboratori Controlli sanitari: Del: 28 settembre 2006 Visto: mg + da svolgere 1 x anno Sì No I collaboratori comunicano se soffrono di diarrea, vomito, febbre o lesioni purulente? Sì No I collaboratori con tali sintomi vengono mandati dal medico? Sì No Sono stati sospesi dal lavoro collaboratori con tali sintomi? Misure: nessun caso di malattia noto Istruzione dei collaboratori: Principio: l'istruzione si svolge con regolarità. Vengono annotati il nome dei partecipanti, il tipo di istruzione, la pianificazione, la data dell'istruzione e il nome dell'istruttore. Partecipante Istruzione (interna o esterna) Prevista per: mese / anno Istruzione avvenuta il Max Grassi Controlli microbiologici della pulizia (esterno) Sarah Müller Corso sull'igiene (esterno) 2 sem. 07 Istruttore Fritz Meier Laboratorio Weiss

28 Analisi dei rischi Versione Controlli della pulizia, dell'attività e del funzionamento (visivi) Mese: settembre Anno: 2006 ogni GIORNO DI MACELLAZIONE prima dell'inizio del lavoro in ordine necessità di pulizia / misura di miglioramento Data del controllo Locale macellazione Soffitto, impianti Pareti, porte, cancelletti Pavimenti, scarichi, griglie Tavoli, bilance Doccia, tubi, maniglie 0 Rubinetteria, maniglie 0 Lavandino per le mani e per la sterilizzazione dei coltelli Controllo del funzionamento Vasche di scottatura / macchine per depilazione Controllo del funzionamento Cavalletto per maiali Seghe, spacchini Pinza elettrica Controllo del funzionamento Coltelli, acciaio, piccoli attrezzi, ganci 0 Coltello per scuoiare Contenitori Ambienti limitrofi Fornitura animali, nicchie d'attesa Cella di stoccaggio / frigorifero sanitario Pavimento Pareti, porte Soffitto, impianti, rullo trasportatore Contenitori, merce Separazione sottoprodotti Cella frigorifera rifiuti di macellazione Pulizia, ordine Visto mg vf mg

29 Analisi dei rischi Versione 1.0 Mese: settembre Anno: 2006 controlli settimanali dell'igiene, dell'attività e del funzionamento (visivi) in ordine necessità di pulizia / misura di miglioramento Data del controllo Sezionamento / elaborazione carne Pareti, soffitto, porte, passaggi Pavimenti, scarichi, griglie Impianti, rulli trasportatori Superfici di lavoro 0 Rubinetteria, maniglie, pressostati Impianto per lavarsi le mani (dispenser sapone e asciugamani) Controllo del funzionamento Cutter 0 Tino Insaccatore di carni 0 Miscelatore Clipper Affumicatoio Superficie per il sezionamento delle carni Fresa per ossa Locali di refrigerazione Pulizia, ordine Iscrizioni / tracciabilità Separazione prodotti crudi / prodotti finiti Magazzini Magazzino materiale ausiliario (pavimento, tavoli, ripiani, armadi) Deposito materiale, deposito apparecchi Materiale d'imballaggio Recipienti vuoti 0 Detergenti / apparecchi di pulizia Deposito rifiuti Lubrificanti Spogliatoio / WC / locale pausa Pulizia, ordine Impianto per lavarsi le mani (dispenser sapone e asciugamani) Controllo del funzionamento 0 Toilette Visto vf vf mg

30 Analisi dei rischi Versione 1.0 Mese: settembre Anno: 2006 controlli settimanali dell'igiene, dell'attività e del funzionamento (visivi) in ordine necessità di pulizia / misura di miglioramento Data del controllo Vendita Pareti, soffitto, porte, incl. maniglie Pavimenti / scarichi Superfici di lavoro / taglieri Rubinetteria, maniglie, pressostati Impianto per lavarsi le mani (dispenser sapone e asciugamani) Controllo del funzionamento Vetrine di vendita 0 Dichiarazioni / tracciabilità Separazione prodotti crudi / prodotti finiti Bilancia Spugne, panni per pulizia, ecc. 0 Contenitore rifiuti (pulizia / svuotamento) Visto dg sm sm

31 Analisi dei rischi Versione Controllo delle carcasse Al termine di ogni giornata di macellazione Data Specie animale / numero Vacche Maiali Vacca Bovini 3 Inquinamento Vizi di macellazione MRS presente (MS / DM, TN)? Provvedimenti / osservazioni o MRS rimosso in seguito o Parti sporche tagliate via Visto mg mg mg mg mg Abbreviazioni: MRS = materiale a rischio specifico TN = tessuto nervoso MS = midollo spinale DM = dura mater (membrana che avvolge il midollo spinale)

32 Analisi dei rischi Versione Controlli microbiologici delle carcasse Test da contatto di 5 carcasse 4 x anno (bestiame grosso e maiali al termine della macellazione) Determinazione dei germi totali e degli enterobatteri Punti di prelievo dei campioni: coscia Bestiame grosso: A collo interno B sottospalla C petto D Maiale: A collo interno B collo esterno C spalla D pancia (per i punti di prelievo dei campioni vedi prossima pagina) ELENCO DEI CAMPIONI Del: 10 settembre 2006 Visto: mg N animale Specie animale Bovino (germi) Bovino (Eb.) Suino (germi) Suino (Eb) Campione Giudizio (allegare referti laboratorio) A B C D Visto mg mg mg mg Giudizio (secondo Reg. CE 2073/2005 e ILS ZH 2007): Log 10 UFC cm 2 Soddisfacente Accettabile Insoddisfacente Bovino Suino Bovino Suino Bovino Suino Germi totali <3,5 4,0 <5,0 <5,0 5,0 >5,0 Enterobatteri <1,5 2,0 <2,5 <3,0 >2,5 >3,0 Misure in caso di esito lacunoso o insufficiente: Analizzata procedura di macellazione maiale e adottate diverse misure igieniche campioni verranno ripetuti

33 Analisi dei rischi Versione 1.0 Punti di prelievo dei campioni dalla carcassa per l'esame microbiologico della contaminazione superficiale: BOVINO SUINO

34 Analisi dei rischi Versione Fornitura merce Controllo a campione Criteri - Quantità fornita - controllo periodico della temperatura per alimentari facilmente deperibili - Qualità dei prodotti (aspetto) - Imballaggio/ tracciabilità - Pulizia contenitore Data Fornitore Merce esaminata Temperatura C Irregolarità Macelleria Meister Vari derivati della carne Caseificio Latte per sanguinacci 6 i.o. 11 Temperatura Tutto Pulito SA Detergenti i.o.

35 Analisi dei rischi Versione Documenti di accompagnamento

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

Il pacchetto igiene dell UE

Il pacchetto igiene dell UE Il pacchetto igiene dell UE Il primo gennaio 2006 è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto igiene dell Unione Europea, mettendo finalmente ordine nella normativa sull igiene alimentare che, fino a quel

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

Industria della carne Le Soluzioni inox

Industria della carne Le Soluzioni inox Industria della carne Le Soluzioni inox Le qualità adatte per ogni strumento Materiale Mercato finale Pezzo in inox Temperatura C ph Ambiente chimico Coltelleria e strumenti di sezionamento in generale

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

manuale di buone pratiche di igiene

manuale di buone pratiche di igiene ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE Istituto Zooprofilattico Sperimentale DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA della Lombardia e dell Emilia BRUNO UBERTINI Romagna Bruno Ubertini ENTE SANITARIO DI DIRITTO

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Disposizioni generali

Disposizioni generali IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLE BEVANDE CAPITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Ambiti e organi di vigilanza I Servizi o Unità Operative di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione e Igiene degli Alimenti

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E INTERVENTI DI PREVENZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA Responsabile: dott.

REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E INTERVENTI DI PREVENZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA Responsabile: dott. LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE, NELL AMBITO DELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE, DELLA NORMATIVA COMUNITARIA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI

CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI MANUALE DEPARTMENT OF FOOD SAFETY, ZOONOSES AND FOODBORNE DISEASES A.S.L. TO5 Ce.I.R.S.A. Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione per la Sicurezza

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica PULIRE SEPARARE CUOCERE CONSERVARE a cura di Maria Rita Fontana - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Michele Pupillo - Servizio Igiene degli Alimenti e della

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole. TIMBRO AZIENDA Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 R I J G 2 L B K A 5 3 2A C 1 M D 6 4 R S Q F O H E T 5 7 6 4 21 9 9 12 15 22 9 8 10 13 17 16 16 14 18 19 20 23 24 Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 ITALIANO Vaporetto Eco Pro

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Sicurezza del Cibo Se rimanete senza corrente per meno di 2 ore, il cibo nel vostro frigorifero e congelatore si potrà consumare con sicurezza.

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Industria dei prodotti lattiero caseari Le soluzioni inox

Industria dei prodotti lattiero caseari Le soluzioni inox Industria dei prodotti lattiero caseari Le soluzioni inox Che acciaio scegliere per ogni applicazione? Materiale Mercato finale Pezzi in inox Temperatura ( C) Serbatoio con agitatore Tutti i prodotti caseari

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO Congratulazioni per aver acquistato LUNA for MEN, il dispositivo

Dettagli

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Piazzale San Lorenzo Giustiniani 11/D 30174 Zelarino Venezia tel. 041 2607135 8486-8465 fax 041 2607145 REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari 30.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 139/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Il servizio di disinfezione e disinfestazione sarà eseguito dal Comune con personale assunto

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER IL SETTORE DELLA PANIFICAZIONE INDUSTRIALE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER IL SETTORE DELLA PANIFICAZIONE INDUSTRIALE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER IL SETTORE DELLA PANIFICAZIONE INDUSTRIALE Versione Febbraio 2008 2 Indice 1. Introduzione Pag. 4 2. Definizione e terminologia di riferimento Pag. 5 3. Riferimenti

Dettagli

(Comunicazioni) COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA ALTRI ATTI

(Comunicazioni) COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA ALTRI ATTI 8.3.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 68/1 II (Comunicazioni) COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA ALTRI ATTI Linee guida del 7 marzo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Scheda tecnica StoColor Puran Satin

Scheda tecnica StoColor Puran Satin Pittura bicomponente poliuretanica ad elevata resistenza, classe 1 resistenza all abrasione umida, classe 2 di potere coprente secondo EN 13300 Caratteristiche Applicazione Caratteristiche interni per

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli