Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici"

Transcript

1 Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici Sede legale Roma Via Luigi Calamatta 16 tel fax

2 Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici INDICE 1) INTRODUZIONE 2) STANDARDS DI RIFERIMENTO 3) SCOPO DEL LAVORO 3.1. Obiettivo 4) QUANDO E NECESSARIO PULIRE E RIPRISTINARE UN SISTEMA HVAC 5) LE FASI OPERATIVE 5.1 Sopralluogo 5.2 Ispezione tecnica 5.3 Individuazione anomalie impiantistiche 5.4 Condizioni che richiedono la pulizia 5.5 Stesura Disciplinare di bonifica 5.6 controlli ed opere di ingegneria ambientale 5.7 Operazioni di bonifica Sequenze operative Condotte Fan coils ed unità interne ad espansione diretta Unità di Trattamento Aria Condotte flessibili Porte d ispezione Igienizzanti Incapsulanti 5.8 Ispezione tecnica finale 5.9 Controllo del particolato residuo dopo la bonifica 5.10 Documentazione finale A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 1

3 1. INTRODUZIONE Diritti di AIISA: Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, elettronicamente o fotocopiata, senza il permesso scritto di AIISA. Queste specifiche generali sono state preparate dalla A.I.I.S.A - Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici e descrivono i requisiti necessari per ottenere risultati positivi in un progetto di pulizia e sanificazione di un sistema aeraulico. Esse sono ispirate a quanto previsto dagli standard adottati dalla NADCA (National Air Duct Cleaners Association) ed in particolare alle ACR 2005 (Assessment, Cleaning, & Restoration of HVAC Systems), in quanto assente uno standard procedurale nazionale Di seguito indicheremo con il termine appaltatore la ditta esecutrice dell intervento di bonifica e con il termine appaltante la sua committente. In questo documento non ci si occupa di particolari tecnologie di intervento e/o di eventuali accordi specifici tra appaltatore ed appaltante. In questo documento, altresì, non sono elencate tutte le leggi locali (Regionali, Provinciali ecc.) che possono essere e restare coercitive nei confronti dell appaltatore. In particolare A.I.I.S.A, rifacendosi alla raccomandazioni operative NADCA, sottolinea che il personale impiegato dall appaltatore dovrà includere tecnici qualificati con una documentata esperienza negli interventi di pulizia ed igienizzazione delle condotte, maturata negli ultimi due anni o A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 2

4 che abbiano documentata professionalità nell ambito delle attività di installatori e/o manutentori di impianti di condizionamento. In particolare l appaltatore deve attenersi a quanto segue: A) Membro di Associazione: L appaltatore della pulizia del sistema HVAC deve avere il certificato di membro della NADCA o essere membro di una associazione riconosciuta a livello nazionale, no-profit, il cui scopo sia la pulizia dei sistemi di HVAC B) Esperienza: L appaltatore della pulizia del sistema HVAC deve trasmettere le proprie referenze sui lavori effettuati ed in particolare deve certificare la coerenza tra il progetto di bonifica antecedente l intervento e l efficace riuscita dello stesso. C) Obblighi dell appaltatore : L appaltatore della pulizia del sistema HVAC deve possedere e fornire tutto il necessario equipaggiamento, materiali e lavori per eseguire i servizi menzionati. L appaltatore deve essere sicuro che gli operatori utilizzati abbiano ricevuto la formazione sull equipaggiamento di sicurezza, il programma di sorveglianza medica, le misure individuali di protezione, i manuali di istruzione predisposti dal produttore dei materiali utilizzati. L appaltatore deve tenere una copia di tutte le documentazioni tecniche e dei certificati di sicurezza presso il cantiere durante tutto il periodo di lavoro, in conformità con tutte le altre documentazioni richieste dalle ASL applicabili a questa specifica. L appaltatore deve fornire all appaltante tutte le schede tecniche e di sicurezza per tutti i prodotti chimici proposti ed usati nel processo di pulizia. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 3

5 2. STANDARDS DI RIFERIMENTO - Standard NADCA: L appaltatore della pulizia del sistema HVAC deve provvedere alla esecuzione dei servizi specificati in accordo con le pubblicazioni correnti della NADCA - UNI, e laddove esistenti, SMACNA - Normative di sicurezza nazionali - Normative regionali - Asl - ISPESL - Ministero della Salute - Istituto Superiore di Sanità - ASHRAE A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 4

6 3. SCOPO DEL LAVORO Queste specifiche definiscono le procedure per valutare il grado di pulizia di un sistema HVAC e determinare quando un intervento di bonifica è necessario. Esse stabiliscono criteri accettabili per la sicurezza e la effettiva pulizia e ripristino di componenti di un sistema HVAC, definendo alcuni principi di ingegneria ambientale necessari al controllo della migrazione del particolato del sistema. Queste specifiche forniscono metodi di verifica della pulizia dei componenti del sistema HVAC dopo la pulizia. Si stabiliscono indirizzi per la pulizia, per l uso dell edificio, per i tipi di contaminante, per la sicurezza e la salute dei lavoratori e degli occupanti, e per il monitoraggio del progetto 3.1 Obiettivo E intenzione di questo documento fornire sia ai fruitori dei servizi che a chi stila le specifiche sulla pulizia ed il ripristino dei sistemi HVAC, le informazioni utili ad assicurare che la pulizia è perseguita con standard accettabili ed in modo che il servizio contribuisca ad implementare la pulizia del sistema e/o il funzionamento dello stesso. 4. QUANDO E NECESSARIO PULIRE E RIPRISTINARE UN SISTEMA HVAC Si raccomanda che il sistema HVAC sia pulito ogni volta che l ispezione sulla pulizia medesima indichi che ci sia un significativo accumulo di particolato o di contaminazione microbica di Condizione 2 o 3 come di seguito definito. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 5

7 Si raccomanda la pulizia anche quando la funzionalità dei componenti del sistema HVAC è compromessa a causa di un aumento della contaminazione. Tale operazione di pulizia deve essere effettuata anche dopo la costruzione o l ristrutturazione di un sistema HVAC. Da un punto di vista di condizioni ambientali interne relativi alle muffe si definiscono : Condizione 1: Un ambiente interno che contiene spore, frammenti di funghi, o loro sviluppo in essere la cui identità, posizione e quantità riflettono una condizione normale di salubrità per ambienti interni. Condizione 2: (spore presenti e tracce in crescita). Un ambiente interno che ha una contaminazione incipiente con spore presenti che sono disperse direttamente o indirettamente da un area caratterizzata da una Condizione 3. Condizione 3: (sviluppo in atto). Un ambiente interno contaminato dalla presenza di muffe in crescita con spore associate. La crescita presente può essere sia attiva che latente, sia visibile che occulta. Ogni edificio servito da un sistema HVAC deve essere sottoposto ad una ispezione scadenzata sullo stato di pulizia secondo la seguente Tabella Tabella per le ispezioni in un sistema HVAC (intervalli raccomandati) Classificazione dell edificio UTA Canali di mandata Canali di ripresa/espulsione Industriale 1 anno 1 anno 1 anno Residenziale 1 anno 2 anni 2 anni Commerciale leggero 1 anno 2 anni 2 anni Commerciale 1 anno 2 anni 2 anni Ospedali 1 anno 1 anno 1 anno Marino 1 anno 2 anni 2 anni A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 6

8 Gli edifici vengono classificati secondo il loro utilizzo: Industriale: gli edifici per utilizzo di fabbricazione o stoccaggio di materiali Residenziale: gli edifici abitati da persone (case appartamenti, condomini..) Commerciale leggero: gli edifici assistiti da sistemi HVAC a portata costante fino 35 kw o con una portata fino a 6800 m 3 /h, prendendo la condizione maggiore delle due. Commerciale: gli edifici assistiti da un sistema HVAC con più 35 kw ( o capacità di riscaldamento equivalente), o con una portata maggiore di 6800 m 3 /h, considerando la condizione maggiore tra le due. Ristoranti: sono considerati come commerciali, tranne le cucine per le quali queste specifiche non sono valide. Ospedali: comprendono tutti gli edifici ed ambienti frequentati da persone con un sistema immunitario compromesso. Marino: comprendono le navi con passeggeri o cabine per equipaggio. Aree con utilizzo speciale: camere bianche, laboratori o altre aree con specifici requisiti per il controllo ambientale Edifici ad utilizzo promiscuo: edifici caratterizzati da una combinazione delle precedenti definizioni. Ove non sia possibile una separazione controllata delle aree durante la pulizia e bonifica, bisogna scegliere l approccio più incisivo. Il sistema di HVAC include ogni superficie interna del circuito aeraulico di distribuzione dell aria a servizio degli spazi condizionati e/o delle zone occupate. Esso comprende l intero sistema aeraulico, niente escluso, dalla presa dell aria esterna all immissione dell aria in ambiente. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 7

9 5. LE FASI OPERATIVE In sintesi, in qualunque intervento di bonifica, si possono riconoscere le seguenti fasi: Sopralluogo Ispezione tecnica con telecamera Individuazione di eventuali anomalie impiantistiche Stesura del disciplinare di bonifica Operazioni di bonifica dell impianto Ispezione tecnica finale Analisi della quantità di particolato residuo nelle condotte dopo l azione di bonifica Documentazione finale 5.1 Sopralluogo Il sopralluogo dovrebbe essere parte integrante di un programma di controllo della salubrità dell aria negli ambienti confinati (IAQ Indoor Air Quality Management) L intervento viene effettuato sulla base della documentazione tecnica dell impianto fornita dall utente o dal Responsabile della manutenzione dell impianto stesso. In questa fase l elemento più importante è la verifica della documentazione tecnica rispetto alla realtà costruttiva dell impianto, prima che la documentazione stessa sia presa a base della redazione dell offerta economica. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 8

10 In mancanza di disegni o di schemi di impianto, si procede durante il sopralluogo ad una ricognizione visiva del circuito aeraulico allo scopo di definirne quanto più correttamente possibile la configurazione. In questa fase ci si limita soltanto alla valutazione del circuito, lasciando all ispezione tecnica successiva l approfondimento degli aspetti igienici. Inoltre, il sopralluogo serve a prendere visione dell area di lavoro per verificare eventuali fattori che potrebbero condizionare l esecuzione a regola d arte dell intervento, nonché ad eseguire una stima di massima sulle reali condizioni dell impianto ed, infine, a riscontrarne lo stato funzionale e le eventuali anomalie impiantistiche. Tali anomalie, qualora presenti, vengono riportate in una relazione indicante le relative azioni correttive raccomandate. 5.2 Ispezione tecnica Prima dell'inizio di tutto il lavoro di pulizia, l'appaltatore realizza un video per il controllo del sistema aeraulico in modo da determinare i metodi adatti e le attrezzature più opportune per soddisfare quanto richiesto. Nei sistemi di HVAC che includono più unità di trattamento aria, deve essere controllato un campione rappresentativo di ogni circuito. Le operazioni di ispezione sono attuate senza avere effetto negativo sull'ambiente lavorativo ed evitando la contaminazione indotta. Nei casi in cui la contaminazione sia ritenuta sospetta e/o negli ambienti sensibili in cui persino piccoli quantitativi dell'agente inquinante possano essere preoccupanti, debbono essere effettuate opportune verifiche di controllo ambientale. L utilizzo della telecamera, in grado di penetrare all interno della condotta, è consigliata per una rapida presa visione delle condizioni A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 9

11 igieniche del sistema aeraulico. A questo scopo, potrebbe essere sufficiente una ispezione visiva in prossimità delle aperture dovute alle bocchette e/o ai diffusori, ma l utilizzo della telecamera, attivata in più tratti lungo il circuito aeraulico, consente di: Individuare più facilmente se vi sono dei punti in cui l accumulo di sporco è maggiore. Verificare se i componenti dell impianto mantengono intatte le loro caratteristiche (serrande tagliafuoco) Verificare se le caratteristiche costruttive del sistema aeraulico siano adeguate ai sistemi di pulizia che si intendono adottare (presenza di deflettori in lamiera nelle curve o nelle diramazioni). L appaltante e l appaltatore stabiliscono uno specifico programma coordinato che deve dettagliare come ogni zona dell edificio sarà protetta durante le varie fasi di attuazione del progetto. L ispezione deve interessare tutti i componenti del sistema e, se necessario, deve essere coadiuvata da uno specialista che ha abbia professionalità certificata nel trattamento di muffe o contaminanti pericolosi. Tale operazione implica la raccolta, l analisi ed un sommario di informazioni atte ad identificare le aree dove può essere presente un accumulo di condensato, e quindi un eventuale accumulo di muffe Va posta attenzione particolare alla contaminazione da muffe ed alla definizione della contaminazione eventualmente presente ( Condizioni 1,2,3 ) Va presa una decisione preliminare sull approccio di verifica e stabilito uno schema operativo atto a determinare lo stato di diffusione e sviluppo delle muffe e il loro trattamento ( crescita non allarmante ed isolata, crescita visibile ma limitata ad aree specifiche, crescita diffusa e non solo visibile). A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 10

12 5.3 Individuazione di anomalie impiantistiche E importante accertare le cause che hanno prodotto la mancata pulizia del sistema aeraulico. Spesso le cause possono essere diverse e/o concomitanti: errato posizionamento della presa di aria esterna; efficienza di filtrazione non adatta al luogo di installazione; modalità costruttive del sistema aeraulico non conformi all utilizzo dello stesso; logoramento del materiale dovuto al tempo; malfunzionamento del sistema di regolazione generale dell impianto. In questi casi, è indispensabile segnalare le anomalie riscontrate e proporre le azioni correttive adeguate. 5.4 Condizioni che richiedono la pulizia Si raccomanda di eseguire la pulizia di un sistema HVAC quando, durante le ispezioni,si accerta una delle seguenti situazioni: quando un significativo accumulo di contaminanti o detriti sono visibili entro il sistema HVAC, come ad esempio una colonia attiva di funghi quando venga accertata una delle Condizioni 2 e 3 precedentemente descritte quando il sistema HVAC scarica particelle visibili nello spazio occupato o viene accertato uno sviluppo di polveri all interno dell ambiente occupato causato dal sistema HVAC quando i diversi componenti del sistema aeraulico denunciano un malfunzionamento o se qualche deposito di contaminanti causa inefficienze nel mantenimento dei parametri progettuali. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 11

13 5.5 Stesura del Disciplinare di bonifica Il disciplinare di bonifica presuppone l attuazione di tre fasi preliminari: 1) classificazione del tipo di edificio per tipo di utilizzo ; 2) determinazione del tipo di contaminante presente nel sistema HVAC, 3) conduzione di un sopralluogo per verificare un possibile impatto ambientale durante le operazioni di bonifica. La stesura del Disciplinare di bonifica consiste nella vera e propria progettazione dell intervento manutentivo che ha per oggetto il ripristino delle condizioni di pulizia, igienicità ed efficienza dell impianto, qualora ne ricorrano le necessità. Il Disciplinare di bonifica, specifico per ogni singolo impianto (sistema HVAC), consiste nell assunzione di responsabilità da parte dell appaltatore dell intervento di bonifica in merito a: Raggiungimento delle migliori condizioni possibili di qualità dell aria all interno delle condotte; Determinazione delle tecniche operative più idonee per l intervento in ciascuna sezione dell impianto; Determinazione di eventuali modifiche da proporre all appaltante e da apportare all impianto aeraulico al fine di ottenere il miglior risultato ad operazione di bonifica terminata. In nessun caso la ditta esecutrice dell intervento di bonifica (appaltatore) può essere responsabile delle condizioni termoigrometriche fornite dall impianto stesso, in quanto non responsabile della sua progettazione termotecnica. L esecuzione dell intervento deve avvenire tenendo presente che la ditta esecutrice (appaltatore) deve fornire una indicazione dettagliata delle A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 12

14 procedure che intende seguire fin dalla fase di presentazione del preventivo. Ogni scostamento dalle tecniche o dalle metodiche di rimozione concordate deve essere approvato dal Responsabile della manutenzione. La pianificazione dell intervento di bonifica, in sintesi, deve indirizzarsi a: Monitoraggio strategico Scopo dell intervento Aziende eventualmente coinvolte nella bonifica Numero e qualifica del personale da utilizzare Pianificazione delle attività in luoghi e tempi di intervento Controlli ed opere di ingegneria ambientale Individuazione e certificazione delle attrezzature da utilizzare Metodi di pulizia previsti Piani di sicurezza Materiali particolari e loro schede di sicurezza La ditta esecutrice dell intervento (appaltatore) deve essere in grado di segnalare le condizioni in cui versa un eventuale isolamento posto all interno delle condotte sin dal momento del sopralluogo e dell ispezione. Il trattamento di pulizia non deve essere effettuato su condotte provviste di isolamento interno che, per le condizioni di particolare degrado (sfaldamento eccessivo, collassamento, ecc.), possa essere ulteriormente danneggiato dalla tecnica utilizzata. 5.6 Controlli ed opere di ingegneria ambientale Tali controlli e misure precauzionali di ingegneria ambientale devono essere utilizzati per assicurare la salute e la sicurezza degli operatorie per prevenire la contaminazione trasversale. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 13

15 L efficacia di detti controlli può essere dimostrata attraverso l uso di apparecchiature di monitoraggio quali controlli di particelle al laser, manometri digitali per la pressione differenziale ed altre apparecchiature di analisi e di misura. Le misure principali dono le seguenti: - Requisiti di pressione differenziale - Contenimento del luogo di lavoro - Decontaminazione delle apparecchiature - Apparecchiature di rivelatori di fumi - Controllo dell emissione di prodotti - Rimozione, raccolta ed impacchettamento dei materiali contaminanti Requisiti di pressione differenziale. I canali del sistema HVAC devono essere mantenuti ad una appropriata pressione differenziale in relazione agli spazi circostanti occupati durante tutte le procedure di pulizia. Tale pressione differenziale può essere ottenuta tramite una aspiratore dotato di filtri HEPA Contenimento del luogo di lavoro. Le attività fisiche all interno di un ambiente possono causare un temporaneo aumento delle particelle sospese in aria. Il contenimento del luogo di lavoro deve essere usato per creare una barriera tra il luogo di lavoro ed il resto dell edificio, riducendo la possibilità che le particelle possano migrare e contaminare altre aree. L estensione del contenimento del luogo di lavoro dipende dal tipo di edificio, dalla valutazione del tipo di contaminazione e del sopralluogo effettuato per l impatto ambientale. NADCA ha elaborato una linea guida che descrive diversi tipi di sistemi di contenimento. E comunque importante che la cabina di contenimento del luogo di lavoro venga mantenuta in depressione rispetto al resto dell edificio. Decontaminazione delle apparecchiature. Tutto il materiale previsto per la utilizzazione nel progetto di bonifica deve essere efficiente e debitamente pulito prima del suo trasporto sul luogo di utilizzo, così come A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 14

16 deve essere prontamente pulito ed immagazzinato prima del suo riutilizzo nello stesso progetto. Va posta particolare cura alla integrità ed efficienza dei sistemi di raccolta specialmente quando ci si trova in una grave Condizione 3 per crescita microbica o negli ospedali. In questi casi il coinvolgimento conoscitivo da parte dei responsabili della conduzione degli ospedali è fortemente raccomandato. Apparecchiature di rivelatori di fumi. Il coinvolgimento dei responsabili della manutenzione è particolarmente importante quando sono previsti interventi che interessano l eventuale messa a riposo temporanea di sistemi di allarme generici ed in particolare di quelli relativi agli impianti di rivelamento fumi o incendi. Con gli stessi va eventualmente studiato un piano di sicurezza per eventuali incidenti dovuti ai motivi prima citati. Controllo dell emissione di prodotti. I prodotti chimici usati nei progetti di pulizia e ripristino devono essere in accordo con gli standard stabiliti da leggi regionali e/o nazionali. Essi devono essere applicati come prescritto dalle raccomandazioni del produttore ed in modo tale da prevenire una esposizione non controllata da parte degli operatori e degli occupanti, nonché una contaminazione trasversale. Rimozione,raccolta ed impacchettamento dei materiali contaminanti. Tutti i materiali contaminanti rimossi da un sistema HVAC devono essere debitamente contenuti per prevenire una contaminazione trasversale. I detriti rimossi devono essere contenuti in doppi sacchi di polietilene di spessore di 0,6 mm. Si raccomanda il trasporto di detti materiali a discariche specifiche dopo la rimozione dall edificio. Si raccomanda inoltre il trasporto con cautela di detti sacchi sia all interno che all esterno dell edificio. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 15

17 5.7 Operazioni di bonifica Il trattamento di bonifica riguarda la pulizia e la sanificazione dei seguenti componenti dell impianto: A) Unità di Trattamento dell Aria (UTA): Porte di ispezione dell unità Batterie di raffreddamento e di riscaldamento Gruppo ventilatori Vasche di raccolta condensa Umidificatori e separatori di gocce Filtri e sezione filtrante Plenums di miscela dell aria Prese d aria esterna B) Tutte le condotte di mandata e di ripresa, rivestite e non, inclusi i plenums, le derivazioni ed i tratti verticali C) Tutti i terminali aeraulici, quali diffusori di mandata, griglie di ripresa o di espulsione D) Tutti i componenti di linea, quali serrande di taratura della portata, serrande tagliafuoco, regolatori di portata E) Batterie di pre o post riscaldamento e/o raffreddamento posizionate lungo il circuito aeraulico F) Silenziatori G) Estrattori d aria e relative serrande I residui rimossi durante la pulizia sono raccolti e devono essere prese precauzioni per accertarsi che i residui non siano dispersi fuori del sistema di HVAC durante il processo di pulizia. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 16

18 Il sistema di HVAC viene pulito usando metodi di pulizia meccanici di rimozione di residui solidi per estrarre gli agenti inquinanti dal sistema e per rimuoverli in modo inconfutabile. È responsabilità dell'appaltatore quella di selezionare i metodi di rimozione di residui che renderanno il sistema di HVAC visibilmente pulito e capace di superare tutti i test previsti dallo standard NADCA. Nessun metodo di pulizia, o combinazione di metodi, deve essere usato in modo da danneggiare i componenti del sistema di HVAC o alterare negativamente l'integrità del sistema. Tutti i metodi impiegati comprendono l'uso di dispositivi di vuoto che funzionano senza interruzione durante la pulizia. Un dispositivo di vuoto viene collegato all'estremità della sezione che è da pulire con un'apertura predeterminata. Il dispositivo di vuoto deve essere di potenza adeguata a mantenere tutte le zone sottoposte a pulizia sotto pressione negativa, in modo tale che il contenimento di residui e la protezione dell'ambiente interno siano assicurati. La velocità a cui le apparecchiature di aspirazione devono operare dipendono dal tipo di contaminante da rimuovere, secondo quanto prescritto dalle NADCA e da ACGIH (Industrial Ventilation: A Manual of Recommended Practice, 23 edizione). Esse variano da 13 a 23 m/s. Nella scelta dell apparecchiatura vanno tenute presenti le seguenti prescrizioni: L utilizzazione del solo aspiratore, sia pure di elevata capacità e potenza, non è considerata sufficiente. L attrezzatura utilizzata deve essere trasportabile e di dimensioni tali da consentirne l accesso agevole nelle aree d intervento. Il sistema di raccolta dei depositi asportati deve essere a ciclo chiuso, compatto ed a perfetta tenuta, dotato di componenti adeguati alla A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 17

19 raccolta ed al trattamento del materiale distaccato dalle pareti interne delle condotte, senza spargimenti di alcun genere ed entità. Dove l apparecchiatura di raccolta di particolato espelle l aria all interno dell edificio, si dovrà usare una apparecchiatura apposita munita di filtro HEPA con efficienza non inferiore al 99.97%, in grado di filtrare particelle uguali o più grandi di 0,3 micron. Quando invece l apparecchiatura di raccolta espelle l aria fuori dall edificio, tutte le operazioni di pulizia meccanica devono essere eseguite con le apparecchiature di filtraggio posizionate in modo da contenere i detriti rimossi dal sistema HVAC e devono essere prese precauzioni per collocare l apparecchiatura sotto vento e lontana dalle prese d aria o da altri ingressi all edificio. I residui rimossi durante il trattamento di pulizia debbono essere convogliati, raccolti e selezionati all interno del sistema di aspirazione, secondo la loro consistenza e natura, e smaltiti in osservanza della normativa vigente in materia di smaltimento dei rifiuti. Tutte le condotte provviste d isolamento interno che potrebbe rilasciare microfibre debbono essere trattate con un prodotto incapsulante ed inertizzante. L eventuale utilizzo di ogni tipo di composto chimico ( es. antiruggine o antimicotico ) deve prevedere sempre preliminarmente una pulizia meccanica della superficie coinvolta. Se c è la prova di danni sulla superficie del materiale isolante posto all interno delle condotte, di deterioramento, dello sviluppo di funghi, muffe o umidità, e/o friabilità tali che i materiali (ad esempio in fibra di vetro) non possono essere riabilitati pulendo o ripristinando la superficie con un rivestimento accettabile di riparazione dell'isolamento, questi devono essere completamente sostituiti. In particolare se siamo in presenza di una significante crescita di funghi (Condizione 3) ogni materiale poroso ( permeabile a liquido o aria ) A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 18

20 presente deve essere rimosso e la superficie metallica sottostante deve essere pulita. Una volta richiesto o specificato e approvato dall appaltante, l'appaltatore deve essere qualificato a riparare l'isolamento danneggiato nelle unità di trattamento aria e/o nelle condotte. Nel caso in cui il materiale che rilascia microfibre debba essere sostituito, si deve valutare, caso per caso, il materiale e la soluzione tecnica più adeguati anche ai fini della rumorosità dell impianto. La ditta esecutrice (appaltatore) deve provvedere al ripristino dei terminali e dei componenti di linea per il corretto bilanciamento dell aria nella loro posizione originale, se manomessi durante l esecuzione del trattamento, in modo da assicurarne la rispondenza ai requisiti di efficienza richiesti. A tale scopo si provvede alla marcatura della posizione originale, in modo tale da poter facilmente riposizionare correttamente i componenti durante l ispezione finale Sequenze operative Il progetto di pulizia (Disciplinare di bonifica) deve prevedere oltre alla suddivisione in porzioni dell impianto aeraulico a partire dall ultima bocchetta di ripresa e seguendo il percorso dell aria, anche la tempistica e la tecnologia meccanica da doversi utilizzare per ogni singola porzione del circuito (spazzole, lame d aria etc.). Una volta stabilito quanto sopra, si procede alla fase operativa dedicata ad ogni sezione del circuito aeraulico Condotte Contenimento della zona di lavoro: ogni tratto del circuito o apparecchiatura presente nel circuito dovrà essere racchiusa in una cabina A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 19

21 costituita da modulo continuo in plastica trasparente di spessore minimo di 0,6 mm., dotato di idonee aperture a chiusura rapida (zip). Tale cabina dove risultare in depressione rispetto al resto dell ambiente mediante idonee apparecchiature. Sezionamento del tratto di lavoro con palloncini gonfiabili posti all interno delle condotte Foratura della condotta per l aspirazione dei detriti Chiusura delle bocchette ad eccezione di quella d entrata Pulizia meccanica della condotta Controllo visivo della pulizia effettuata Smontaggio e pulizia dei diffusori e delle bocchette Sanificazione della condotta e dei diffusori Chiusura dell apertura effettuata sulla condotta mediante portina d ispezione Fan coils (a pavimento e/o a soffitto) ed unità interne ad espansione diretta Contenimento della zona di lavoro (vedi capitolo precedente) Apertura dei fan coils o delle unità Spazzolatura con aspirazione effettuata con apparecchiature dotate di filtro HEPA, che trattenga tutte le particelle asportate sino a 0.3 µm, sia delle batterie che di tutte le zone ove avviene il passaggio dell aria Pulizia dell apparecchiatura con detergente registrato EPA e/o dall Istituto Superiore della Sanità ed ulteriore sanificazione con prodotto approvato dagli stessi enti per l uso specifico Pulizia e sanificazione dei filtri Pulizia e lavaggio dell imbocco dello scarico condensa A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 20

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità FABIO PASINI Consigliere AIISA 1) Sopralluogo e Ispezione Visiva (UTA e condotte) (ex035158) Primo sopralluogo, oppure ispezione

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI-ALLEGATI 15/ CDO/ 2344/11

CAPITOLATO D ONERI-ALLEGATI 15/ CDO/ 2344/11 ventilazione Data: 27/05/2011 INDICE Premessa... 2 Allegato A: Consistenza degli Impianti... 3 Allegato B: Piano degli interventi... 6 Ispezioni... 7 Manutenzione... 8 Analisi... 10 Rev. Data Natura della

Dettagli

Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione

Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione Gli enti di controllo italiani fanno generalmente riferimento alla norma UNI 10339,

Dettagli

Gli aspetti tecnico-operativi della manutenzione degli impianti aeraulici. Fabio Pasini Consigliere AIISA

Gli aspetti tecnico-operativi della manutenzione degli impianti aeraulici. Fabio Pasini Consigliere AIISA Gli aspetti tecnico-operativi 0 della manutenzione degli impianti aeraulici Fabio Pasini Consigliere AIISA AIISA (Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici) Perché e da chi viene fondata Perché

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è FRIABILE c è il pericolo di inalarne fibre. COMPATTO, materiale

Dettagli

1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO

1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO 1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO 1.01 Fornitura e posa ventilconvettori ribassato tipo EURAPO modello RIBASSATI CVR-EST 216 o similare: - Potenza termica riscaldamento = 4,59 kw - Potenza termica raffrescamento

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DEL SERVIZIO DI BONIFICA, PULIZIA e SANIFICAZIONE del SISTEMA AERAULICO.EDIFICIO..-

SPECIFICHE TECNICHE DEL SERVIZIO DI BONIFICA, PULIZIA e SANIFICAZIONE del SISTEMA AERAULICO.EDIFICIO..- SPECIFICHE TECNICHE DEL SERVIZIO DI BONIFICA, PULIZIA e SANIFICAZIONE del SISTEMA AERAULICO.EDIFICIO..- 1.0 GENERALE Le Specifiche d intervento qui di seguito descritte devono essere adottate per effettuare

Dettagli

AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013. Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L.

AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013. Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L. AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013 Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L. 5 di Pisa Procedura di classificazione M.C.A. Localizzazione e caratterizzazione

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Lezione di Enzo Lo Cascio Amianto: quando è pericoloso? Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è

Dettagli

IGIENICITA E PREVENZIONE DELLA CONTAMINAZIONE NEI SISTEMI AERAULICI OSPEDALIERI

IGIENICITA E PREVENZIONE DELLA CONTAMINAZIONE NEI SISTEMI AERAULICI OSPEDALIERI IGIENICITA E PREVENZIONE DELLA CONTAMINAZIONE NEI SISTEMI AERAULICI OSPEDALIERI Dott. Andrea Casa Presidente AIISA (Associazione Italiana Igienisti dei Sistemi Aeraulici) INDICE 1. DEFINIZIONE DI IMPIANTO

Dettagli

SEZIONE AMIANTO - METODI DI GESTIONE CAMPIONAMENTO

SEZIONE AMIANTO - METODI DI GESTIONE CAMPIONAMENTO CAMPIONAMENTO Per valutare la quantità di fibre aerodisperse nell ambiente circostante i materiali MCA si deve fare ricorso a: Preliminare valutazione visiva delle condizioni generali di friabilità dei

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza del Lavoro ASL n 8 di Cagliari

Servizio Prevenzione e Sicurezza del Lavoro ASL n 8 di Cagliari 1 Servizio Prevenzione e Sicurezza del Lavoro ASL n 8 di Cagliari GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO. A) Informazioni generali : 1) Ditta esecutrice

Dettagli

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema SEMINARIO Contaminazione indoor: sicurezza, ambiente e sostenibilità Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema BRUNO MARCHESINI 3 maggio 2011 S a l a B o l e r o Ambiente

Dettagli

Le procedure e gli adempimenti per la bonifica dell amianto in matrice friabile

Le procedure e gli adempimenti per la bonifica dell amianto in matrice friabile Castello Chiaramonte Favara, 23 Maggio 2014 Seminario di aggiornamento professionale GESTIONE RISCHIO AMIANTO: ADEMPIMENTI E PROCEDURE Le procedure e gli adempimenti per la bonifica dell amianto in matrice

Dettagli

SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE...3 1.1. SCOPO DELLA MANUTENZIONE... 3 1.2. FREQUENZA DEGLI INTERVENTI... 4 1.3. DOCUMENTAZIONE...

SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE...3 1.1. SCOPO DELLA MANUTENZIONE... 3 1.2. FREQUENZA DEGLI INTERVENTI... 4 1.3. DOCUMENTAZIONE... SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE...3 1.1. SCOPO DELLA MANUTENZIONE... 3 1.2. FREQUENZA DEGLI INTERVENTI... 4 1.3. DOCUMENTAZIONE... 4 1.4. SCELTA DELLE MODALITA D INTERVENTO... 4 1.5. MANUTENZIONE

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati AMIANTO L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati L'amianto resiste al fuoco e al calore, all'azione di agenti biologici, agenti chimici, all abrasione e usura fonoassorbente

Dettagli

www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto

www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto The Italian Association of Asbestos Remediation and Disposal Contractors & Consultants www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto Sedi: MILANO - CIVATE (LECCO)

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PROCEDURE PER LE ATTIVITÀ DI CUSTODIA E DI MANUTENZIONE Decreto Ministeriale 6 settembre 1994 1.00 IDENTIFICAZIONE DELL IMMOBILE: Comune... Prov...

Dettagli

La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione

La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione Dott. Andrea Casa - Dott. Vincenzo Vargiu Quali sono le procedure e le metodologie di analisi

Dettagli

www.pianidisicurezza.it

www.pianidisicurezza.it Rischio amianto Lavori di demolizione o rimozione dell'amianto I lavori di demolizione o di rimozione dell'amianto possono essere effettuati solo da imprese rispondenti ai requisiti di cui all'articolo

Dettagli

zona C porzione di corridoio di distribuzione piano seminterrato corrente parallelamente a Via Valperga Caluso (zona C1) e a Via Belfiore (zona C2):

zona C porzione di corridoio di distribuzione piano seminterrato corrente parallelamente a Via Valperga Caluso (zona C1) e a Via Belfiore (zona C2): La presente relazione accompagna il progetto di bonifica delle coibentazioni contenenti amianto presenti su alcune delle dorsali principali dell impianto di riscaldamento a servizio del complesso scolastico

Dettagli

La bonifica dei materiali con amianto Incontro rivolto ai Tecnici dei Comuni

La bonifica dei materiali con amianto Incontro rivolto ai Tecnici dei Comuni La bonifica dei materiali con amianto Incontro rivolto ai Tecnici dei Comuni Piacenza, 13 novembre 2014 A cura di Marco De Marzo Dipartimento Sanità Pubblica AUSL di Piacenza La bonifica RIMOZIONE il manufatto

Dettagli

Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso

Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso 1. Lo sviluppo del sistema GIF si è basato su una serie di problemi riscontrati nei seguenti campi: A. Tecnologie dell aria e del condizionamento

Dettagli

"GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali

GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali Convegno sul tema: "GESTIONE RISCHIO AMIANTO: procedure e adempimenti nazionali e regionali CASI APPLICATIVI DI BONIFICA DA AMIANTO GEOM. ROBERTO RAFFAELE - Operations Manager Bonifiche Amianto, Teseco

Dettagli

Preliminarmente all allestimento della zona confinata, il materiale viene incapsulato e confinato

Preliminarmente all allestimento della zona confinata, il materiale viene incapsulato e confinato Preliminarmente all allestimento della zona confinata, il materiale viene incapsulato e confinato L aria del confinamento è costantemente ricambiata mediante estrazione e filtrata con grado di filtrazione

Dettagli

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246.

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. Campo di applicazione 1. Fermo restando quanto previsto dalla legge 27 marzo 1992, n. 257,

Dettagli

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione Classificazione

Dettagli

Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM

Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM dopo la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale n. 11 del 24 luglio 2002 della legge

Dettagli

Climatizzatori per grandi superfici AUSTRO

Climatizzatori per grandi superfici AUSTRO Climatizzatori per grandi superfici AUSTRO Nemesis è novità, innovazione, flessibilità. Nemesis è un azienda italiana nata dall esperienza maturata in molti anni di attività nel settore del condizionamento

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello SEMINARIO TECNICO Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14 Ing. Sergio Sanfratello Scopo e campo di applicazione La presente Norma descrive

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti

Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti Categoria 10: Bonifica dei beni contenenti AMIANTO Dott.ssa Anna Bosi Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL di Piacenza

Dettagli

modulo II.1 S3-M1 Piano di lavoro per la rimozione di amianto in matrice compatta

modulo II.1 S3-M1 Piano di lavoro per la rimozione di amianto in matrice compatta PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 DLgs 81/2008 ) (versione 2008) Spett.le S.P.S.A.L. Distretto dell A.U.S.L. di Via Comune Presentato dal Sig.,

Dettagli

LA BONIFICA DEL TEATRO COMUNALE DI ALESSANDRIA. www.3isrl.it

LA BONIFICA DEL TEATRO COMUNALE DI ALESSANDRIA. www.3isrl.it LA BONIFICA DEL TEATRO COMUNALE DI ALESSANDRIA La bonifica del Teatro di Alessandria 1 ANALISI ARPA del 5 ottobre 2010 e 14 aprile 2011 PALCOSCENICO DA 5 A 10 FF/L PLATEA MAGGIORE DI FF/L PALCO SALA FERRERO

Dettagli

Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia

Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia La nostra esperienza per la salute della collettività S.R.L. è nata per soddisfare la crescente richiesta di interventi di bonifica ambientale in campo

Dettagli

Contenuto e obiettivi

Contenuto e obiettivi Aiuto all applicazione EN-4 Impianti di ventilazione Contenuto e obiettivi Il presente aiuto all applicazione tratta delle esigenze da rispettare per la progettazione, la messa in opera e la sostituzione

Dettagli

CAPS Srl VIDEOISPEZIONE, PULIZIA, BONIFICA E SANIFICAZIONE DELLE CONDOTTE AERAULICHE

CAPS Srl VIDEOISPEZIONE, PULIZIA, BONIFICA E SANIFICAZIONE DELLE CONDOTTE AERAULICHE VIDEOISPEZIONE, PULIZIA, BONIFICA E SANIFICAZIONE DELLE CONDOTTE AERAULICHE Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM dopo

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

Lista di controllo CFSL Manutenzione degli impianti di condizionamento dell aria

Lista di controllo CFSL Manutenzione degli impianti di condizionamento dell aria Sicurezza e tutela della salute sul posto di lavoro Lista di controllo CFSL Manutenzione degli impianti di condizionamento dell aria Vi siete assicurati che gli impianti di condizionamento n contamini

Dettagli

AMIANTO. a cura di Regonesi Antonella. Università degli Studi di Dalmine Maggio 2007

AMIANTO. a cura di Regonesi Antonella. Università degli Studi di Dalmine Maggio 2007 AMIANTO a cura di Regonesi Antonella Università degli Studi di Dalmine Maggio 2007 AMIANTO: Tipologie di amianto Friabile: : materiale che può essere facilmente sbriciolato o ridotto in polvere con la

Dettagli

A seguire le Osservazioni metodologiche prodotte al riguardo dalla Commissione Consultiva permanente presso il Ministero del Lavoro.

A seguire le Osservazioni metodologiche prodotte al riguardo dalla Commissione Consultiva permanente presso il Ministero del Lavoro. SALUTE E SICUREZZA Esposizione sporadica e di debole intensità all amianto Considerando che, in particolare in materia di DUVRI e di valutazione dei rischi connessi, problematiche relative anche a sporadiche

Dettagli

ANCOR PRIMER. Scheda Tecnica

ANCOR PRIMER. Scheda Tecnica Rev. A ANCOR PRIMER Descrizione Caratteristiche generali Campi di applicazione Proprietà fisiche Preparazione Applicazione Confezioni Conservazione Precauzioni e avvertenze DESCRIZIONE Primer inertizzante

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA ED EMILIA ROMAGNA SEDE DI BRESCIA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA ED EMILIA ROMAGNA SEDE DI BRESCIA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA ED EMILIA ROMAGNA SEDE DI BRESCIA (Ente Sanitario di Diritto Pubblico) INTERVENTI DI BONIFICA MATERIALI CONTENENTI AMIANTO E RIPRISTINO ISOLAMENTI

Dettagli

CENSIMENTO AMIANTO IMPRESE ED EDIFICI

CENSIMENTO AMIANTO IMPRESE ED EDIFICI Regione Regione Marche Marche Azienda Azienda Sanitaria Sanitaria U.S.L. U.S.L. n.13 n.13 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI PREVENZIONE PREVENZIONE Servizio Servizio d Igiene dd Igiene e e Sanità SanitàPubblica

Dettagli

Gli aspetti tecnico-operativi del Protocollo AIISA. Dott. FRANCO INNOCENZI Consigliere AIISA

Gli aspetti tecnico-operativi del Protocollo AIISA. Dott. FRANCO INNOCENZI Consigliere AIISA Gli aspetti tecnico-operativi del Protocollo AIISA Dott. FRANCO INNOCENZI Consigliere AIISA Indice: Definizioni A chi si rivolge Il glossario I requisiti dell operatore Requisiti tecnici Requisiti legislativi

Dettagli

COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A.

COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A. COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A. 1 INTRODUZIONE Il sito localizzato nel comune di Angolo Terme (BS), in Viale Terme ed adibito a imbottigliamento si estende per una superficie

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

Semiconduttori e microelettronica

Semiconduttori e microelettronica Settore Semiconduttori e microelettronica CONTROLL0 TECNOLOGICO DELLA CONTAMINAZIONE SEMICONDUTTORI... E MICROELETTRONICA Qual è il posto più pulito del mondo? Una sala operatoria? La cima dell Annapurna?

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 DLgs 81/08 )

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 DLgs 81/08 ) PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 DLgs 81/08 ) Spett.le S.P.S.A.L. Distretto dell A.U.S.L. di Parma Via Comune Presentato dal Sig., nato a,

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

IN BASSO PIANTA ARREDI

IN BASSO PIANTA ARREDI SISTEMAZIONE ED ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA VIGENTE DEL BLOCCO OPERATORIO DELL ISTITUTO: CRITERI E SCELTE PROGETTUALI DELL IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA LA PROGETTAZIONE DEL COMPLESSO

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 - D. Lgs. 81/2008)

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 - D. Lgs. 81/2008) Timbro/Carta intestata della Ditta All Azienda ASL AL.. SPRESAL Dipartimento di Prevenzione Via Venezia 6 15121 Alessandria PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO IN MATRICE COMPATTA

Dettagli

CONTROLLI TECNICI VALIDAZIONI QUALIFICHE ISPEZIONI VERIFICHE IMPIANTI BUILDING MANAGEMENT SYSTEM

CONTROLLI TECNICI VALIDAZIONI QUALIFICHE ISPEZIONI VERIFICHE IMPIANTI BUILDING MANAGEMENT SYSTEM VALIDAZIONE AMBIENTI A CONTAMINAZIONE CONTROLLATA Gli ambienti a contaminazione controllata quali le sale operatorie, le camere bianche i locali di manipolazione e preparazione chemioterapici UFA-UMACA,

Dettagli

S30. Spazzatrice con uomo a bordo di medie dimensioni

S30. Spazzatrice con uomo a bordo di medie dimensioni S30 Spazzatrice con uomo a bordo di medie dimensioni Garantisce prestazioni di pulizia senza rivali e controllo della polvere a secco, grazie al sistema SweepSmart a 3 stadi Pulisce gli spazi interni ed

Dettagli

Dati identificativi del piano di lavoro Committente

Dati identificativi del piano di lavoro Committente REGIONE MARCHE - AZIENDA SANITARIA U.S.L. N.13 ASCOLI PICENO ACQUASANTA TERME - AMANDOLA - APPIGNANO DEL TRONTO ARQUATA DEL TRONTO - ASCOLI PICENO CASTEL DI LAMA - CASTIGNANO - CASTORANO - COLLI DEL TRONTO

Dettagli

PROMEMORIA ANTINCENDIO

PROMEMORIA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Installazione di sistemi di filtri

Dettagli

Titolo IX Capo III Protezione dei lavoratori dai rischi connessi all esposizione ad amianto

Titolo IX Capo III Protezione dei lavoratori dai rischi connessi all esposizione ad amianto Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica CORSO DI FORMAZIONE /AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

TCF - CENTRALI TRATTAMENTO ARIA Serie AZV

TCF - CENTRALI TRATTAMENTO ARIA Serie AZV Rappresentanze Termotecniche Rubano-Padova, Veneto Agenzia esclusiva di apparecchiature termotecniche civili ed industriali Aggiornamento: 03/2014 TCF - CENTRALI TRATTAMENTO ARIA Serie AZV ACCESSORI DI

Dettagli

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE AMBIENTE, SALUTE E QUALITA DELLA VITA COMUNE DI TARANTO. Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE AMBIENTE, SALUTE E QUALITA DELLA VITA COMUNE DI TARANTO. Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita COMUNE DI TARANTO Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI ABBANDONATI IN AREE DI PROPRIETA COMUNALE SPECIFICHE TECNICHE Pag. 1 Titolo 1 Norme generali

Dettagli

Sensore di fumo analogico indirizzato mod. ST-P-AS MANUALE TECNICO

Sensore di fumo analogico indirizzato mod. ST-P-AS MANUALE TECNICO 041c/09 Sensore di fumo analogico indirizzato mod. ST-P-AS MANUALE TECNICO ST-P-AS - MANUALE TECNICO AVVERTENZE PER L INSTALLATORE: Attenersi scrupolosamente alle norme operanti sulla realizzazione di

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Uffici

PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Uffici PROTOCOLLO DI PULIZIA A VAPORE E SANIFICAZIONE Uffici 1. PRINCIPIO: PER LA PULIZIA : Il vapore saturo secco generato da una caldaia sotto pressione (da 4 a 7 bar) ad una temperatura fino a 160 C possiede

Dettagli

Amianto: La sicurezza nei cantieri e nelle operazioni di bonifica

Amianto: La sicurezza nei cantieri e nelle operazioni di bonifica Amianto: La sicurezza nei cantieri e nelle operazioni di bonifica Programma del Modulo Didattico La sicurezza nei Cantieri e nelle operazioni di Bonifica Allestimento del cantiere e realizzazione del confinamento;

Dettagli

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO Come ormai risaputo, l amianto che si disperde nell aria costituisce un reale pericolo cancerogeno per coloro che si trovano a inalarne le

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO Sede Legale: Via Nissolina, 2-25043 - Breno (BS) - Tel. 0364/329.1 - Fax 0364/329310 www.aslvallecamonicasebino.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio

Dettagli

UNITÀ TERMOVENTILANTI 3VB

UNITÀ TERMOVENTILANTI 3VB UNITÀ TERMOVENTILANTI 3VB TERMOVENTILAZIONE E UNITÀ TERMOVENTILANTI 3VB Un sistema moderno ed economico per il riscaldamento ambientale La termoventilazione consente il riscaldamento degli ambienti mediante

Dettagli

Tecnologia di filtrazione fine CJC TM

Tecnologia di filtrazione fine CJC TM Tecnologia di filtrazione fine CJC TM Pulizia dei sistemi di olio diatermico (per trasmissione del calore) Settori di applicazione : Industria alimentare Raffinerie Industria del legno e della carta Industria

Dettagli

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 246 Campo di applicazione 1. Fermo restando quanto previsto dalla legge 27 marzo 1992, n. 257,

Dettagli

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun steam mop Unifica il potere di pulizia del vapore con la tecnologia delle microfibre, capaci di catturare sporco e polvere grazie alla carica elettrostatica. Steam mop offre una pratica soluzione per un

Dettagli

Allegato II Schede Offerta parte impiantistica

Allegato II Schede Offerta parte impiantistica NOTE GENERALI ALLA COMPILAZIONE: Allegato II Schede Offerta parte impiantistica L Allegato II comprende tutte le Schede Offerta relative alle parti impiantistiche, che dovranno essere compilate. Di seguito

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Sistemi a basse temperature (< Tambiente) Sistemi ad alte temperature (T ambiente)

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO Metodo VERSAR Azienda ESEMPIO Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO Datore di lavoro Ciciriello Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Bellini Giuseppe

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

AMIANTO-SCHEDA INFORMATIVA 2 Testi di posizioni per offerte complementari

AMIANTO-SCHEDA INFORMATIVA 2 Testi di posizioni per offerte complementari Scheda informativa AMIANTO-SCHEDA INFORMATIVA 2 Testi di posizioni per offerte complementari Le offerte complementari possono essere presentate se gli accertamenti effettuati secondo la procedura operativa

Dettagli

CABINA DI VERNICIATURA A POLVERE CON SPRUZZATURA MANUALE

CABINA DI VERNICIATURA A POLVERE CON SPRUZZATURA MANUALE Controlli ispettivi della ASL su cabine e impianti di verniciatura. Esempi di non conformità alla marcatura CE: sistemi di comando elettronico, monitoraggio e misurazione che dovrebbero essere utilizzati

Dettagli

PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO

PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO La Regione Lombardia, attraverso l'approvazione del Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL), avvenuta con Decreto di Giunta Regionale n. 8/1526 del 22/12/2005, si è posta

Dettagli

ARAM 2006-Rome December 4-6

ARAM 2006-Rome December 4-6 ARAM 2006-Rome December 4-6 Restitution procedures in the course of friable asbestos reclamation: experience in a Thermo-electric station Unità Operativa di Prevenzione, Igiene e Sicurezza degli Ambienti

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Realizzazione di urbanizzazioni primarie nel piano di zona della nuova 167, 2 e 3 triennio.

COMUNE DI BARLETTA. Realizzazione di urbanizzazioni primarie nel piano di zona della nuova 167, 2 e 3 triennio. INDICE 1. IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 2 2. PROCESSO DI FUNZIONAMENTO... 4 ~ 1 ~ 1. IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Le specifiche di progetto sono le seguenti

Dettagli

ELABORATI PROGETTUALI

ELABORATI PROGETTUALI ELABORATI PROGETTUALI PROGETTO ESECUTIVO "POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL' ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO" IL PROGETTISTA

Dettagli

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi SALE OPERATORIE Roberto Bruschi UNI EN 13795-1 GIUGNO 2004 Teli chirurgici, camici e tute per blocchi operatori, utilizzati come dispositivi medici, per pazienti, personale clinico e attrezzature Requisiti

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D

Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D Gattocel Italia S.p.A. www.gattocel.com Total Quality Management ISO 9001 ISO 14001 IL PROBLEMA Per

Dettagli

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso.

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso. Istruzioni per la pulizia e la conservazione dei pavimenti PANDOMO Terrazzo Indicazioni preliminari Una cura periodica e adeguata, così come una protezione specifica dei pavimenti pandomo TerrazzoBasic,

Dettagli

Scheda tecnica. Plafoni filtranti a soffitto a flusso verticale. Aghito Tecnologie ALTA TECNOLOGIA OSPEDALIERA. advanced air diffusion

Scheda tecnica. Plafoni filtranti a soffitto a flusso verticale. Aghito Tecnologie ALTA TECNOLOGIA OSPEDALIERA. advanced air diffusion Scheda tecnica Plafoni filtranti a soffitto a flusso verticale Aghito Tecnologie ALTA TECNOLOGIA OSPEDALIERA advanced air diffusion 1 L unione fa la forza L azienda MP3 nel proprio settore ricerca e sviluppo

Dettagli

AMIANTO-SCHEDA INFORMATIVA 2 Testi di posizioni per offerte complementari

AMIANTO-SCHEDA INFORMATIVA 2 Testi di posizioni per offerte complementari Scheda informativa AMIANTO-SCHEDA INFORMATIVA 2 Testi di posizioni per offerte complementari Le offerte complementari possono essere presentate se gli accertamenti effettuati secondo la procedura operativa

Dettagli

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI TABELLA 2 CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI ORGANIZZAZIONE: SITO DELLA CENTRALE DATA DELL AUDIT TIPO DI AUDIT VERIFICA VALUTATIVA FASE 2 VERIFICA SORVEGLIANZA 1 VERIFICA SORVEGLIANZA

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

Un materiale compatto

Un materiale compatto IL PERICOLO AMIANTO Un materiale compatto è meno pericoloso di un materiale friabile Può essere ridotto in polvere solo con l impiego l di attrezzi meccanici La percentuale di amianto presente è minima

Dettagli

www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto

www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto The Italian Association of Asbestos Remediation and Disposal Contractors & Consultants www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto Sedi: MILANO - CIVATE (LECCO)

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI SEDE DI BRESCIA Via Bianchi n 9 BRESCIA (BS) INTERVENTI DI BONIFICA MATERIALI CONTENENTI AMIANTO E RIPRISTINO

Dettagli

SQUADRA SPECIALE BONIFICHE AMBIENTALI. 4 Qui vengono fatti i prelievi per valutare la salubrità dell aria in cantiere. dell intero edificio.

SQUADRA SPECIALE BONIFICHE AMBIENTALI. 4 Qui vengono fatti i prelievi per valutare la salubrità dell aria in cantiere. dell intero edificio. SQUADRA SPECIALE Confinamento 2 1 statico dell intero edificio. Prese d aria passive sigillate con pre filtri per il corretto flusso d aria interno. Estrattore d aria da 50.000 m 3 per il confinamento

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade di DAΦNE

Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade di DAΦNE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI FRASCATI Frascati, 28 febbraio 2007 Divisione Acceleratori Via E. Fermi, 40 Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade

Dettagli