Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici"

Transcript

1 Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici Sede legale Roma Via Luigi Calamatta 16 tel fax

2 Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici INDICE 1) INTRODUZIONE 2) STANDARDS DI RIFERIMENTO 3) SCOPO DEL LAVORO 3.1. Obiettivo 4) QUANDO E NECESSARIO PULIRE E RIPRISTINARE UN SISTEMA HVAC 5) LE FASI OPERATIVE 5.1 Sopralluogo 5.2 Ispezione tecnica 5.3 Individuazione anomalie impiantistiche 5.4 Condizioni che richiedono la pulizia 5.5 Stesura Disciplinare di bonifica 5.6 controlli ed opere di ingegneria ambientale 5.7 Operazioni di bonifica Sequenze operative Condotte Fan coils ed unità interne ad espansione diretta Unità di Trattamento Aria Condotte flessibili Porte d ispezione Igienizzanti Incapsulanti 5.8 Ispezione tecnica finale 5.9 Controllo del particolato residuo dopo la bonifica 5.10 Documentazione finale A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 1

3 1. INTRODUZIONE Diritti di AIISA: Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, elettronicamente o fotocopiata, senza il permesso scritto di AIISA. Queste specifiche generali sono state preparate dalla A.I.I.S.A - Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici e descrivono i requisiti necessari per ottenere risultati positivi in un progetto di pulizia e sanificazione di un sistema aeraulico. Esse sono ispirate a quanto previsto dagli standard adottati dalla NADCA (National Air Duct Cleaners Association) ed in particolare alle ACR 2005 (Assessment, Cleaning, & Restoration of HVAC Systems), in quanto assente uno standard procedurale nazionale Di seguito indicheremo con il termine appaltatore la ditta esecutrice dell intervento di bonifica e con il termine appaltante la sua committente. In questo documento non ci si occupa di particolari tecnologie di intervento e/o di eventuali accordi specifici tra appaltatore ed appaltante. In questo documento, altresì, non sono elencate tutte le leggi locali (Regionali, Provinciali ecc.) che possono essere e restare coercitive nei confronti dell appaltatore. In particolare A.I.I.S.A, rifacendosi alla raccomandazioni operative NADCA, sottolinea che il personale impiegato dall appaltatore dovrà includere tecnici qualificati con una documentata esperienza negli interventi di pulizia ed igienizzazione delle condotte, maturata negli ultimi due anni o A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 2

4 che abbiano documentata professionalità nell ambito delle attività di installatori e/o manutentori di impianti di condizionamento. In particolare l appaltatore deve attenersi a quanto segue: A) Membro di Associazione: L appaltatore della pulizia del sistema HVAC deve avere il certificato di membro della NADCA o essere membro di una associazione riconosciuta a livello nazionale, no-profit, il cui scopo sia la pulizia dei sistemi di HVAC B) Esperienza: L appaltatore della pulizia del sistema HVAC deve trasmettere le proprie referenze sui lavori effettuati ed in particolare deve certificare la coerenza tra il progetto di bonifica antecedente l intervento e l efficace riuscita dello stesso. C) Obblighi dell appaltatore : L appaltatore della pulizia del sistema HVAC deve possedere e fornire tutto il necessario equipaggiamento, materiali e lavori per eseguire i servizi menzionati. L appaltatore deve essere sicuro che gli operatori utilizzati abbiano ricevuto la formazione sull equipaggiamento di sicurezza, il programma di sorveglianza medica, le misure individuali di protezione, i manuali di istruzione predisposti dal produttore dei materiali utilizzati. L appaltatore deve tenere una copia di tutte le documentazioni tecniche e dei certificati di sicurezza presso il cantiere durante tutto il periodo di lavoro, in conformità con tutte le altre documentazioni richieste dalle ASL applicabili a questa specifica. L appaltatore deve fornire all appaltante tutte le schede tecniche e di sicurezza per tutti i prodotti chimici proposti ed usati nel processo di pulizia. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 3

5 2. STANDARDS DI RIFERIMENTO - Standard NADCA: L appaltatore della pulizia del sistema HVAC deve provvedere alla esecuzione dei servizi specificati in accordo con le pubblicazioni correnti della NADCA - UNI, e laddove esistenti, SMACNA - Normative di sicurezza nazionali - Normative regionali - Asl - ISPESL - Ministero della Salute - Istituto Superiore di Sanità - ASHRAE A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 4

6 3. SCOPO DEL LAVORO Queste specifiche definiscono le procedure per valutare il grado di pulizia di un sistema HVAC e determinare quando un intervento di bonifica è necessario. Esse stabiliscono criteri accettabili per la sicurezza e la effettiva pulizia e ripristino di componenti di un sistema HVAC, definendo alcuni principi di ingegneria ambientale necessari al controllo della migrazione del particolato del sistema. Queste specifiche forniscono metodi di verifica della pulizia dei componenti del sistema HVAC dopo la pulizia. Si stabiliscono indirizzi per la pulizia, per l uso dell edificio, per i tipi di contaminante, per la sicurezza e la salute dei lavoratori e degli occupanti, e per il monitoraggio del progetto 3.1 Obiettivo E intenzione di questo documento fornire sia ai fruitori dei servizi che a chi stila le specifiche sulla pulizia ed il ripristino dei sistemi HVAC, le informazioni utili ad assicurare che la pulizia è perseguita con standard accettabili ed in modo che il servizio contribuisca ad implementare la pulizia del sistema e/o il funzionamento dello stesso. 4. QUANDO E NECESSARIO PULIRE E RIPRISTINARE UN SISTEMA HVAC Si raccomanda che il sistema HVAC sia pulito ogni volta che l ispezione sulla pulizia medesima indichi che ci sia un significativo accumulo di particolato o di contaminazione microbica di Condizione 2 o 3 come di seguito definito. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 5

7 Si raccomanda la pulizia anche quando la funzionalità dei componenti del sistema HVAC è compromessa a causa di un aumento della contaminazione. Tale operazione di pulizia deve essere effettuata anche dopo la costruzione o l ristrutturazione di un sistema HVAC. Da un punto di vista di condizioni ambientali interne relativi alle muffe si definiscono : Condizione 1: Un ambiente interno che contiene spore, frammenti di funghi, o loro sviluppo in essere la cui identità, posizione e quantità riflettono una condizione normale di salubrità per ambienti interni. Condizione 2: (spore presenti e tracce in crescita). Un ambiente interno che ha una contaminazione incipiente con spore presenti che sono disperse direttamente o indirettamente da un area caratterizzata da una Condizione 3. Condizione 3: (sviluppo in atto). Un ambiente interno contaminato dalla presenza di muffe in crescita con spore associate. La crescita presente può essere sia attiva che latente, sia visibile che occulta. Ogni edificio servito da un sistema HVAC deve essere sottoposto ad una ispezione scadenzata sullo stato di pulizia secondo la seguente Tabella Tabella per le ispezioni in un sistema HVAC (intervalli raccomandati) Classificazione dell edificio UTA Canali di mandata Canali di ripresa/espulsione Industriale 1 anno 1 anno 1 anno Residenziale 1 anno 2 anni 2 anni Commerciale leggero 1 anno 2 anni 2 anni Commerciale 1 anno 2 anni 2 anni Ospedali 1 anno 1 anno 1 anno Marino 1 anno 2 anni 2 anni A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 6

8 Gli edifici vengono classificati secondo il loro utilizzo: Industriale: gli edifici per utilizzo di fabbricazione o stoccaggio di materiali Residenziale: gli edifici abitati da persone (case appartamenti, condomini..) Commerciale leggero: gli edifici assistiti da sistemi HVAC a portata costante fino 35 kw o con una portata fino a 6800 m 3 /h, prendendo la condizione maggiore delle due. Commerciale: gli edifici assistiti da un sistema HVAC con più 35 kw ( o capacità di riscaldamento equivalente), o con una portata maggiore di 6800 m 3 /h, considerando la condizione maggiore tra le due. Ristoranti: sono considerati come commerciali, tranne le cucine per le quali queste specifiche non sono valide. Ospedali: comprendono tutti gli edifici ed ambienti frequentati da persone con un sistema immunitario compromesso. Marino: comprendono le navi con passeggeri o cabine per equipaggio. Aree con utilizzo speciale: camere bianche, laboratori o altre aree con specifici requisiti per il controllo ambientale Edifici ad utilizzo promiscuo: edifici caratterizzati da una combinazione delle precedenti definizioni. Ove non sia possibile una separazione controllata delle aree durante la pulizia e bonifica, bisogna scegliere l approccio più incisivo. Il sistema di HVAC include ogni superficie interna del circuito aeraulico di distribuzione dell aria a servizio degli spazi condizionati e/o delle zone occupate. Esso comprende l intero sistema aeraulico, niente escluso, dalla presa dell aria esterna all immissione dell aria in ambiente. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 7

9 5. LE FASI OPERATIVE In sintesi, in qualunque intervento di bonifica, si possono riconoscere le seguenti fasi: Sopralluogo Ispezione tecnica con telecamera Individuazione di eventuali anomalie impiantistiche Stesura del disciplinare di bonifica Operazioni di bonifica dell impianto Ispezione tecnica finale Analisi della quantità di particolato residuo nelle condotte dopo l azione di bonifica Documentazione finale 5.1 Sopralluogo Il sopralluogo dovrebbe essere parte integrante di un programma di controllo della salubrità dell aria negli ambienti confinati (IAQ Indoor Air Quality Management) L intervento viene effettuato sulla base della documentazione tecnica dell impianto fornita dall utente o dal Responsabile della manutenzione dell impianto stesso. In questa fase l elemento più importante è la verifica della documentazione tecnica rispetto alla realtà costruttiva dell impianto, prima che la documentazione stessa sia presa a base della redazione dell offerta economica. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 8

10 In mancanza di disegni o di schemi di impianto, si procede durante il sopralluogo ad una ricognizione visiva del circuito aeraulico allo scopo di definirne quanto più correttamente possibile la configurazione. In questa fase ci si limita soltanto alla valutazione del circuito, lasciando all ispezione tecnica successiva l approfondimento degli aspetti igienici. Inoltre, il sopralluogo serve a prendere visione dell area di lavoro per verificare eventuali fattori che potrebbero condizionare l esecuzione a regola d arte dell intervento, nonché ad eseguire una stima di massima sulle reali condizioni dell impianto ed, infine, a riscontrarne lo stato funzionale e le eventuali anomalie impiantistiche. Tali anomalie, qualora presenti, vengono riportate in una relazione indicante le relative azioni correttive raccomandate. 5.2 Ispezione tecnica Prima dell'inizio di tutto il lavoro di pulizia, l'appaltatore realizza un video per il controllo del sistema aeraulico in modo da determinare i metodi adatti e le attrezzature più opportune per soddisfare quanto richiesto. Nei sistemi di HVAC che includono più unità di trattamento aria, deve essere controllato un campione rappresentativo di ogni circuito. Le operazioni di ispezione sono attuate senza avere effetto negativo sull'ambiente lavorativo ed evitando la contaminazione indotta. Nei casi in cui la contaminazione sia ritenuta sospetta e/o negli ambienti sensibili in cui persino piccoli quantitativi dell'agente inquinante possano essere preoccupanti, debbono essere effettuate opportune verifiche di controllo ambientale. L utilizzo della telecamera, in grado di penetrare all interno della condotta, è consigliata per una rapida presa visione delle condizioni A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 9

11 igieniche del sistema aeraulico. A questo scopo, potrebbe essere sufficiente una ispezione visiva in prossimità delle aperture dovute alle bocchette e/o ai diffusori, ma l utilizzo della telecamera, attivata in più tratti lungo il circuito aeraulico, consente di: Individuare più facilmente se vi sono dei punti in cui l accumulo di sporco è maggiore. Verificare se i componenti dell impianto mantengono intatte le loro caratteristiche (serrande tagliafuoco) Verificare se le caratteristiche costruttive del sistema aeraulico siano adeguate ai sistemi di pulizia che si intendono adottare (presenza di deflettori in lamiera nelle curve o nelle diramazioni). L appaltante e l appaltatore stabiliscono uno specifico programma coordinato che deve dettagliare come ogni zona dell edificio sarà protetta durante le varie fasi di attuazione del progetto. L ispezione deve interessare tutti i componenti del sistema e, se necessario, deve essere coadiuvata da uno specialista che ha abbia professionalità certificata nel trattamento di muffe o contaminanti pericolosi. Tale operazione implica la raccolta, l analisi ed un sommario di informazioni atte ad identificare le aree dove può essere presente un accumulo di condensato, e quindi un eventuale accumulo di muffe Va posta attenzione particolare alla contaminazione da muffe ed alla definizione della contaminazione eventualmente presente ( Condizioni 1,2,3 ) Va presa una decisione preliminare sull approccio di verifica e stabilito uno schema operativo atto a determinare lo stato di diffusione e sviluppo delle muffe e il loro trattamento ( crescita non allarmante ed isolata, crescita visibile ma limitata ad aree specifiche, crescita diffusa e non solo visibile). A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 10

12 5.3 Individuazione di anomalie impiantistiche E importante accertare le cause che hanno prodotto la mancata pulizia del sistema aeraulico. Spesso le cause possono essere diverse e/o concomitanti: errato posizionamento della presa di aria esterna; efficienza di filtrazione non adatta al luogo di installazione; modalità costruttive del sistema aeraulico non conformi all utilizzo dello stesso; logoramento del materiale dovuto al tempo; malfunzionamento del sistema di regolazione generale dell impianto. In questi casi, è indispensabile segnalare le anomalie riscontrate e proporre le azioni correttive adeguate. 5.4 Condizioni che richiedono la pulizia Si raccomanda di eseguire la pulizia di un sistema HVAC quando, durante le ispezioni,si accerta una delle seguenti situazioni: quando un significativo accumulo di contaminanti o detriti sono visibili entro il sistema HVAC, come ad esempio una colonia attiva di funghi quando venga accertata una delle Condizioni 2 e 3 precedentemente descritte quando il sistema HVAC scarica particelle visibili nello spazio occupato o viene accertato uno sviluppo di polveri all interno dell ambiente occupato causato dal sistema HVAC quando i diversi componenti del sistema aeraulico denunciano un malfunzionamento o se qualche deposito di contaminanti causa inefficienze nel mantenimento dei parametri progettuali. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 11

13 5.5 Stesura del Disciplinare di bonifica Il disciplinare di bonifica presuppone l attuazione di tre fasi preliminari: 1) classificazione del tipo di edificio per tipo di utilizzo ; 2) determinazione del tipo di contaminante presente nel sistema HVAC, 3) conduzione di un sopralluogo per verificare un possibile impatto ambientale durante le operazioni di bonifica. La stesura del Disciplinare di bonifica consiste nella vera e propria progettazione dell intervento manutentivo che ha per oggetto il ripristino delle condizioni di pulizia, igienicità ed efficienza dell impianto, qualora ne ricorrano le necessità. Il Disciplinare di bonifica, specifico per ogni singolo impianto (sistema HVAC), consiste nell assunzione di responsabilità da parte dell appaltatore dell intervento di bonifica in merito a: Raggiungimento delle migliori condizioni possibili di qualità dell aria all interno delle condotte; Determinazione delle tecniche operative più idonee per l intervento in ciascuna sezione dell impianto; Determinazione di eventuali modifiche da proporre all appaltante e da apportare all impianto aeraulico al fine di ottenere il miglior risultato ad operazione di bonifica terminata. In nessun caso la ditta esecutrice dell intervento di bonifica (appaltatore) può essere responsabile delle condizioni termoigrometriche fornite dall impianto stesso, in quanto non responsabile della sua progettazione termotecnica. L esecuzione dell intervento deve avvenire tenendo presente che la ditta esecutrice (appaltatore) deve fornire una indicazione dettagliata delle A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 12

14 procedure che intende seguire fin dalla fase di presentazione del preventivo. Ogni scostamento dalle tecniche o dalle metodiche di rimozione concordate deve essere approvato dal Responsabile della manutenzione. La pianificazione dell intervento di bonifica, in sintesi, deve indirizzarsi a: Monitoraggio strategico Scopo dell intervento Aziende eventualmente coinvolte nella bonifica Numero e qualifica del personale da utilizzare Pianificazione delle attività in luoghi e tempi di intervento Controlli ed opere di ingegneria ambientale Individuazione e certificazione delle attrezzature da utilizzare Metodi di pulizia previsti Piani di sicurezza Materiali particolari e loro schede di sicurezza La ditta esecutrice dell intervento (appaltatore) deve essere in grado di segnalare le condizioni in cui versa un eventuale isolamento posto all interno delle condotte sin dal momento del sopralluogo e dell ispezione. Il trattamento di pulizia non deve essere effettuato su condotte provviste di isolamento interno che, per le condizioni di particolare degrado (sfaldamento eccessivo, collassamento, ecc.), possa essere ulteriormente danneggiato dalla tecnica utilizzata. 5.6 Controlli ed opere di ingegneria ambientale Tali controlli e misure precauzionali di ingegneria ambientale devono essere utilizzati per assicurare la salute e la sicurezza degli operatorie per prevenire la contaminazione trasversale. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 13

15 L efficacia di detti controlli può essere dimostrata attraverso l uso di apparecchiature di monitoraggio quali controlli di particelle al laser, manometri digitali per la pressione differenziale ed altre apparecchiature di analisi e di misura. Le misure principali dono le seguenti: - Requisiti di pressione differenziale - Contenimento del luogo di lavoro - Decontaminazione delle apparecchiature - Apparecchiature di rivelatori di fumi - Controllo dell emissione di prodotti - Rimozione, raccolta ed impacchettamento dei materiali contaminanti Requisiti di pressione differenziale. I canali del sistema HVAC devono essere mantenuti ad una appropriata pressione differenziale in relazione agli spazi circostanti occupati durante tutte le procedure di pulizia. Tale pressione differenziale può essere ottenuta tramite una aspiratore dotato di filtri HEPA Contenimento del luogo di lavoro. Le attività fisiche all interno di un ambiente possono causare un temporaneo aumento delle particelle sospese in aria. Il contenimento del luogo di lavoro deve essere usato per creare una barriera tra il luogo di lavoro ed il resto dell edificio, riducendo la possibilità che le particelle possano migrare e contaminare altre aree. L estensione del contenimento del luogo di lavoro dipende dal tipo di edificio, dalla valutazione del tipo di contaminazione e del sopralluogo effettuato per l impatto ambientale. NADCA ha elaborato una linea guida che descrive diversi tipi di sistemi di contenimento. E comunque importante che la cabina di contenimento del luogo di lavoro venga mantenuta in depressione rispetto al resto dell edificio. Decontaminazione delle apparecchiature. Tutto il materiale previsto per la utilizzazione nel progetto di bonifica deve essere efficiente e debitamente pulito prima del suo trasporto sul luogo di utilizzo, così come A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 14

16 deve essere prontamente pulito ed immagazzinato prima del suo riutilizzo nello stesso progetto. Va posta particolare cura alla integrità ed efficienza dei sistemi di raccolta specialmente quando ci si trova in una grave Condizione 3 per crescita microbica o negli ospedali. In questi casi il coinvolgimento conoscitivo da parte dei responsabili della conduzione degli ospedali è fortemente raccomandato. Apparecchiature di rivelatori di fumi. Il coinvolgimento dei responsabili della manutenzione è particolarmente importante quando sono previsti interventi che interessano l eventuale messa a riposo temporanea di sistemi di allarme generici ed in particolare di quelli relativi agli impianti di rivelamento fumi o incendi. Con gli stessi va eventualmente studiato un piano di sicurezza per eventuali incidenti dovuti ai motivi prima citati. Controllo dell emissione di prodotti. I prodotti chimici usati nei progetti di pulizia e ripristino devono essere in accordo con gli standard stabiliti da leggi regionali e/o nazionali. Essi devono essere applicati come prescritto dalle raccomandazioni del produttore ed in modo tale da prevenire una esposizione non controllata da parte degli operatori e degli occupanti, nonché una contaminazione trasversale. Rimozione,raccolta ed impacchettamento dei materiali contaminanti. Tutti i materiali contaminanti rimossi da un sistema HVAC devono essere debitamente contenuti per prevenire una contaminazione trasversale. I detriti rimossi devono essere contenuti in doppi sacchi di polietilene di spessore di 0,6 mm. Si raccomanda il trasporto di detti materiali a discariche specifiche dopo la rimozione dall edificio. Si raccomanda inoltre il trasporto con cautela di detti sacchi sia all interno che all esterno dell edificio. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 15

17 5.7 Operazioni di bonifica Il trattamento di bonifica riguarda la pulizia e la sanificazione dei seguenti componenti dell impianto: A) Unità di Trattamento dell Aria (UTA): Porte di ispezione dell unità Batterie di raffreddamento e di riscaldamento Gruppo ventilatori Vasche di raccolta condensa Umidificatori e separatori di gocce Filtri e sezione filtrante Plenums di miscela dell aria Prese d aria esterna B) Tutte le condotte di mandata e di ripresa, rivestite e non, inclusi i plenums, le derivazioni ed i tratti verticali C) Tutti i terminali aeraulici, quali diffusori di mandata, griglie di ripresa o di espulsione D) Tutti i componenti di linea, quali serrande di taratura della portata, serrande tagliafuoco, regolatori di portata E) Batterie di pre o post riscaldamento e/o raffreddamento posizionate lungo il circuito aeraulico F) Silenziatori G) Estrattori d aria e relative serrande I residui rimossi durante la pulizia sono raccolti e devono essere prese precauzioni per accertarsi che i residui non siano dispersi fuori del sistema di HVAC durante il processo di pulizia. A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 16

18 Il sistema di HVAC viene pulito usando metodi di pulizia meccanici di rimozione di residui solidi per estrarre gli agenti inquinanti dal sistema e per rimuoverli in modo inconfutabile. È responsabilità dell'appaltatore quella di selezionare i metodi di rimozione di residui che renderanno il sistema di HVAC visibilmente pulito e capace di superare tutti i test previsti dallo standard NADCA. Nessun metodo di pulizia, o combinazione di metodi, deve essere usato in modo da danneggiare i componenti del sistema di HVAC o alterare negativamente l'integrità del sistema. Tutti i metodi impiegati comprendono l'uso di dispositivi di vuoto che funzionano senza interruzione durante la pulizia. Un dispositivo di vuoto viene collegato all'estremità della sezione che è da pulire con un'apertura predeterminata. Il dispositivo di vuoto deve essere di potenza adeguata a mantenere tutte le zone sottoposte a pulizia sotto pressione negativa, in modo tale che il contenimento di residui e la protezione dell'ambiente interno siano assicurati. La velocità a cui le apparecchiature di aspirazione devono operare dipendono dal tipo di contaminante da rimuovere, secondo quanto prescritto dalle NADCA e da ACGIH (Industrial Ventilation: A Manual of Recommended Practice, 23 edizione). Esse variano da 13 a 23 m/s. Nella scelta dell apparecchiatura vanno tenute presenti le seguenti prescrizioni: L utilizzazione del solo aspiratore, sia pure di elevata capacità e potenza, non è considerata sufficiente. L attrezzatura utilizzata deve essere trasportabile e di dimensioni tali da consentirne l accesso agevole nelle aree d intervento. Il sistema di raccolta dei depositi asportati deve essere a ciclo chiuso, compatto ed a perfetta tenuta, dotato di componenti adeguati alla A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 17

19 raccolta ed al trattamento del materiale distaccato dalle pareti interne delle condotte, senza spargimenti di alcun genere ed entità. Dove l apparecchiatura di raccolta di particolato espelle l aria all interno dell edificio, si dovrà usare una apparecchiatura apposita munita di filtro HEPA con efficienza non inferiore al 99.97%, in grado di filtrare particelle uguali o più grandi di 0,3 micron. Quando invece l apparecchiatura di raccolta espelle l aria fuori dall edificio, tutte le operazioni di pulizia meccanica devono essere eseguite con le apparecchiature di filtraggio posizionate in modo da contenere i detriti rimossi dal sistema HVAC e devono essere prese precauzioni per collocare l apparecchiatura sotto vento e lontana dalle prese d aria o da altri ingressi all edificio. I residui rimossi durante il trattamento di pulizia debbono essere convogliati, raccolti e selezionati all interno del sistema di aspirazione, secondo la loro consistenza e natura, e smaltiti in osservanza della normativa vigente in materia di smaltimento dei rifiuti. Tutte le condotte provviste d isolamento interno che potrebbe rilasciare microfibre debbono essere trattate con un prodotto incapsulante ed inertizzante. L eventuale utilizzo di ogni tipo di composto chimico ( es. antiruggine o antimicotico ) deve prevedere sempre preliminarmente una pulizia meccanica della superficie coinvolta. Se c è la prova di danni sulla superficie del materiale isolante posto all interno delle condotte, di deterioramento, dello sviluppo di funghi, muffe o umidità, e/o friabilità tali che i materiali (ad esempio in fibra di vetro) non possono essere riabilitati pulendo o ripristinando la superficie con un rivestimento accettabile di riparazione dell'isolamento, questi devono essere completamente sostituiti. In particolare se siamo in presenza di una significante crescita di funghi (Condizione 3) ogni materiale poroso ( permeabile a liquido o aria ) A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 18

20 presente deve essere rimosso e la superficie metallica sottostante deve essere pulita. Una volta richiesto o specificato e approvato dall appaltante, l'appaltatore deve essere qualificato a riparare l'isolamento danneggiato nelle unità di trattamento aria e/o nelle condotte. Nel caso in cui il materiale che rilascia microfibre debba essere sostituito, si deve valutare, caso per caso, il materiale e la soluzione tecnica più adeguati anche ai fini della rumorosità dell impianto. La ditta esecutrice (appaltatore) deve provvedere al ripristino dei terminali e dei componenti di linea per il corretto bilanciamento dell aria nella loro posizione originale, se manomessi durante l esecuzione del trattamento, in modo da assicurarne la rispondenza ai requisiti di efficienza richiesti. A tale scopo si provvede alla marcatura della posizione originale, in modo tale da poter facilmente riposizionare correttamente i componenti durante l ispezione finale Sequenze operative Il progetto di pulizia (Disciplinare di bonifica) deve prevedere oltre alla suddivisione in porzioni dell impianto aeraulico a partire dall ultima bocchetta di ripresa e seguendo il percorso dell aria, anche la tempistica e la tecnologia meccanica da doversi utilizzare per ogni singola porzione del circuito (spazzole, lame d aria etc.). Una volta stabilito quanto sopra, si procede alla fase operativa dedicata ad ogni sezione del circuito aeraulico Condotte Contenimento della zona di lavoro: ogni tratto del circuito o apparecchiatura presente nel circuito dovrà essere racchiusa in una cabina A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 19

21 costituita da modulo continuo in plastica trasparente di spessore minimo di 0,6 mm., dotato di idonee aperture a chiusura rapida (zip). Tale cabina dove risultare in depressione rispetto al resto dell ambiente mediante idonee apparecchiature. Sezionamento del tratto di lavoro con palloncini gonfiabili posti all interno delle condotte Foratura della condotta per l aspirazione dei detriti Chiusura delle bocchette ad eccezione di quella d entrata Pulizia meccanica della condotta Controllo visivo della pulizia effettuata Smontaggio e pulizia dei diffusori e delle bocchette Sanificazione della condotta e dei diffusori Chiusura dell apertura effettuata sulla condotta mediante portina d ispezione Fan coils (a pavimento e/o a soffitto) ed unità interne ad espansione diretta Contenimento della zona di lavoro (vedi capitolo precedente) Apertura dei fan coils o delle unità Spazzolatura con aspirazione effettuata con apparecchiature dotate di filtro HEPA, che trattenga tutte le particelle asportate sino a 0.3 µm, sia delle batterie che di tutte le zone ove avviene il passaggio dell aria Pulizia dell apparecchiatura con detergente registrato EPA e/o dall Istituto Superiore della Sanità ed ulteriore sanificazione con prodotto approvato dagli stessi enti per l uso specifico Pulizia e sanificazione dei filtri Pulizia e lavaggio dell imbocco dello scarico condensa A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici 20

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI

TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI IL PROBLEMA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEGLI AMBIENTI CHIUSI L argomento, di

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

trattamento aria PORTATA ARIA DA 1.100 A 124.000 m 3 /h

trattamento aria PORTATA ARIA DA 1.100 A 124.000 m 3 /h unità trattamento aria PORTATA ARIA DA 1.100 A 124.000 m 3 /h CHI SIAMO Con più di 80 anni di esperienza al suo attivo, Daikin è leader affermato di fama mondiale nella produzione di sistemi di condizionamento

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti Di quanto spazio necess sita l aria? Corso d approfondimento di Relatore Milton Generelli, SUPSI, Agenzia MINERGIE Svizzera Italiana, Canobbio Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli