IL MANGIARBENE GUIDA AL CONSUMO DEI MOLLUSCHI MARINI COZZE & VONGOLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MANGIARBENE GUIDA AL CONSUMO DEI MOLLUSCHI MARINI COZZE & VONGOLE"

Transcript

1

2

3 IL MANGIARBENE GUIDA AL CONSUMO DEI MOLLUSCHI MARINI COZZE & VONGOLE Sommario pag. Presentazione 4 Introduzione 5 I molluschi bivalvi: generalità 6 Pericoli sanitari 8 Caratteristiche e valori nutrizionali 11 Allevamento, raccolta, centro di depurazione e trasporto 14 Controlli veterinari 19 Attività di controllo Azienda Ulss 14 - Chioggia 25 Attività di controllo Azienda Ulss 6 - Vicenza 27 Controllo del prodotto, confezione e cartellini 28 Consigli per il consumatore 32 Ricette dello Chef 35 Danilo Baratto 36 Amedeo Sandri 44 Gianluca Tomasi 48 Ivo Zorzo 52 3

4 IL MANGIARBENE GUIDA AL CONSUMO DEI MOLLUSCHI MARINI COZZE & VONGOLE PRESENTAZIONE Fino a poco più di un decennio addietro, il consumo di vongole e mitili (o cozze), nell entroterra veneto, era limitato principalmente ad esclusivi ristoranti di pesce. I supermercati nemmeno prendevano in considerazione la possibilità di inserire nel punto vendita uno spazio per i prodotti ittici, le pescherie si contavano sulle dita di una mano e gli spacci per la vendita ambulante di pesce quasi non si conoscevano. Poi le cose sono cambiate in modo radicale. Ora, quasi ogni supermercato possiede il proprio punto pesce, le pescherie si sono moltiplicate e il commercio ambulante si è sviluppato, inoltre sono aumentati in maniera sostanziale i locali (ristoranti, trattorie, pizzerie ) che nei propri menù prevedono la somministrazione di pesce e molluschi. Il consumo di prodotti della pesca è entrato nelle consuetudini delle nostre tavole e, di conseguenza, è aumentata la responsabilità da parte del personale addetto ai controlli alimentari delle Aziende Ulss, al fine di garantire al consumatore un prodotto sicuro. Sono pertanto incrementati i controlli nei punti vendita, ristoranti, allevamenti, mercati, impianti di depurazione e mezzi di trasporto, ma abbiamo ritenuto non del tutto esaustivo il nostro lavoro, senza aver prima fornito un adeguata serie di informazioni al consumatore. I prodotti ittici che prendiamo in considerazione nel presente lavoro sono i molluschi eduli lamellibranchi e, in particolar modo, le vongole e le cozze, i più consumati, ma in un prossimo futuro è nostra intenzione rivolgere l attenzione anche ad altri prodotti della pesca. 4

5 INTRODUZIONE I molluschi costituiscono il prodotto della pesca più consumato nel nostro paese, tuttavia il loro utilizzo può rappresentare un pericolo per la salute del consumatore a causa della possibile presenza di microrganismi patogeni, o di loro metaboliti, e di biotossine di origine algale, che possono causare tossinfezioni alimentari. Nella Comunità Europea, la preponderanza dell acquacoltura si rivolge alla produzione di molluschi e incide per circa il 54%. In particolare, in Italia si allevano principalmente vongole, tartufi (zona di Marano lagunare), cozze del tipo Mytilus galloprovincialis (Veneto, Emilia Romagna, Sardegna e Puglia) e pure ostriche concave nelle zone lagunari; in Spagna le cozze atlantiche e in Francia le ostriche. Fra questi, i molluschi che con maggiore frequenza sono presenti nella nostra dieta sono le vongole e le cozze o mitili. Il più grave rischio di contaminazione dei molluschi dipende dalla qualità delle acque. Nel nostro caso, trattandosi di filtratori, i molluschi si cibano di particelle sospese in acqua, pertanto dove non esiste un idoneo trattamento delle acque reflue il rischio di contaminazione microbica è alto, ma anche in zone con corrette pratiche igieniche il pericolo è presente, pur se in misura decisamente inferiore. Scopo del presente lavoro è di fornire al consumatore un quadro d insieme su produzione e commercializzazione dei molluschi, sui controlli sanitari che gli operatori del settore e delle Aziende Sanitarie Locali eseguono continuativamente, sia sul prodotto, sia sulle acque di produzione durante l allevamento, nonché su commercializzazione e corretto utilizzo da parte della cittadinanza al momento dell acquisto, fino al consumo del prodotto. Proporremo, infine, una serie di ricette sicure e appetitose, suggerite da famosi chef che operano sul nostro territorio. 5

6 I MOLLUSCHI BIVALVI: GENERALITA I bivalvi sono molluschi caratterizzati da una conchiglia costituita da due valve articolate dorsalmente con un sistema a cerniera, ripiegate ad astuccio e collegate saldamente da una struttura muscolo-elastica, i muscoli adduttori, con funzione di proteggere il corpo racchiudendolo completamente. L acqua marina fornisce il carbonato di calcio (CaCO3) di cui è prevalentemente composta la conchiglia. La respirazione e la nutrizione avvengono tramite aspirazione attraverso un sifone inalante ed uno esalante. Le branchie, con funzione respiratoria, servono anche per trattenere il cibo, captato attraverso il sifone inalante, costituito soprattutto da alghe unicellulari ed altri microrganismi marini. Il cibo viene quindi sospinto fino ai palpi labiali e da lì verso lo stomaco che è circondato da una ghiandola digestiva Tapes semidecussatus (vongola verace) 1 Mantello 2 Sifone 3 Branchie 4 Muscoli adduttori Mytilus galloprovincialis (cozza) 1 Piede 2 Branchie 3 Palpi labiali 4 Muscoli adduttori 6

7 Vongola verace o Tapes philippinarum - Tapes semidecussatus Il dettaglio più significativo è dato dalla superficie della conchiglia, da cui deriva il nome della specie nostrana: in latino decussatus significa incrociato e fa riferimento ai rilievi concentrici e radiali della superficie esterna che si intrecciano sulla superficie della conchiglia. Nei primi anni 8, la bassa resa della pesca sui banchi naturali di vongole autoctone ha spinto gli operatori del settore a prendere in considerazione una nuova specie, già introdotta e allevata con buoni risultati in altre nazioni europee. Pionieri in questo furono i tecnici del Co.S.P.A.V (Consorzio per lo sviluppo della pesca e dell acquacoltura nel Veneto) che nel marzo del 1983 importarono da uno schiuditoio inglese 3 kg di seme costituito da 2. esemplari di 3 mm di lunghezza di Tapes philippinarum nella laguna di Venezia. Le buone capacità di adattamento della specie, l elevata resistenza alle malattie e alle variazioni di salinità, l accrescimento rapido e l alta capacità riproduttiva favorirono una veloce diffusione in aree costiere non soggette a semina volontaria, sino a registrarne la presenza in tutto il nord Adriatico fino a Cattolica e Fano. La vongola predilige terreni di tipo sabbioso-fangoso soffice o sabbiososiltoso (il silt è un sedimento sciolto, granulare) perché facilitano l infossamento del mollusco. La crescita della vongola è massima durante il periodo primaverile e autunnale e rallenta sensibilmente durante il periodo invernale ed estivo. Cozza o Mytilus galloprovincialis - Mytilus edulis La conchiglia di questo mollusco, denominato anche cozza, si presenta di colore nero o nero tendente al violaceo con rilievi concentrici e radiali che ne indicano l accrescimento. Come nel caso della vongola, i muscoli adduttori saldano tra loro le due valve della conchiglia. Il Mytilus galloprovincialis è la cozza comune dei nostri mari, mentre il Mytilus edulis proviene dalle coste atlantiche. La crescita della cozza è massima durante il periodo primaverile. 7

8 PERICOLI SANITARI Biologici Salmonella In passato, le malattie contratte dal consumo di bivalvi più diffuse in Europa erano la febbre tifoidea e paratifoide causate da Salmonella typhi e S. paratyphi, oggi molto rare grazie alle migliorate condizioni igieniche. Permangono invece segnalazioni, peraltro sporadiche, di positività per salmonelle non tifoidee, come la Salmonella enteritidis e la S. tiphymurium che rientrano tra i sierotipi più patogeni. Le salmonelle sono segno di contaminazione fecale umana o animale delle acque. Sintomi: nausea, vomito, diarrea, febbre, prostrazione. Poiché i molluschi bivalvi a volte sono consumati anche crudi, la presenza di questo patogeno deve essere assolutamente evitata, così come previsto dal Reg. 273/25: assenza di salmonelle in 25 g in 5 unità campionarie. Escherichia coli E un batterio che costituisce la normale flora enterica degli animali a sangue caldo, uomo compreso, e svolge un azione regolatrice delle funzioni intestinali. Alcuni ceppi possiedono delle caratteristiche di virulenza che li rendono patogeni (ceppi enterotossici/enteroemorragici), ma le segnalazioni di questi ceppi in ambiente acqueo sono molto scarse. Vibrio parahaemolyticus Fa parte della microflora autoctona delle acque marine costiere e per questo i prodotti ittici sono i maggiori responsabili dei casi di tossinfezione. Non è presente in acque con temperatura inferiore a 1 C. I normali processi impiegati per la depurazione dei bivalvi non sono efficaci. Una cottura dei cibi a 7 C per 15 minuti (temperatura misurata al cuore del prodotto) assicura l inattivazione del germe. Sintomi: gastroenterite (debolezza, mal di testa, diarrea anche con sangue, vomito, crampi addominali). 8

9 Epatite A Ha maggiore incidenza nei paesi in via di sviluppo, dove il trattamento dei reflui urbani spesso non è adeguato. In Italia l incidenza è relativamente bassa, non superando i 1-15 casi ogni 1. abitanti/anno. Va però considerato che spesso l infezione è asintomatica e si stima che oltre il 9% della popolazione italiana con età superiore a 6 anni abbia anticorpi di classe IgG anti HAV. Soprattutto nel sud Italia sono segnalati casi per consumo di mitili crudi. Sintomi: nella prima infanzia l epatite A è spesso asintomatica, nell adulto la sintomatologia è quasi sempre presente. Anoressia, nausea, astenia, indisposizione generale. Norovirus Virus enterici. Soprattutto nel periodo invernale (sindrome invernale da vomito). Può essere considerato il principale agente di malattia gastroenterica infettiva virale nei paesi sviluppati in grado di causare epidemie in bambini ed anziani, soprattutto in strutture di degenza o comunità. Sintomi: gastroenterite con vomito, diarrea, crampi addominali, cefalea, mialgia. Chimici Piombo I molluschi bivalvi tendono a concentrare maggiormente questo metallo. Caratterizzato da una forte affinità per i componenti tissutali, la sua tossicità si esplica nell uomo sotto due forme: Avvelenamento acuto, in cui prevalgono disturbi a carico del sistema nervoso e dell apparato gastro-enterico; Avvelenamento cronico, detto anche saturnismo, con disturbi dell apparato scheletrico ed alterazione della crasi ematica (rapporto tra i componenti del sangue), con anemia dovuta ad interferenza del piombo sugli enzimi implicati nella sintesi dell eme ed emolisi per danno diretto sugli eritrociti. 9

10 Cadmio Il cadmio non è presente nell organismo umano alla nascita, ma vi si accumula nel tempo fino a raggiungere la concentrazione massima verso il 5 anno di età (2-3 per individuo). La sua preoccupante tossicità tocca, seguendo la via di assunzione alimentare, i reni e il fegato in conseguenza della sua forte affinità per i componenti tissutali. Sintomi: le manifestazioni più note attribuite al cadmio sono costituite da proteinuria (eliminazione di proteine con le urine), aminoaciduria, glicosuria e diminuzione del riassorbimento tubulare dei fosfati, oltre ad alterazioni epatiche, lesioni dell apparato riproduttivo maschile e danni a carico dell embrione e del feto. Mercurio Sintomi: l esposizione acuta produce manifestazioni neurologiche quali tremori ed ipereccitabilità, mentre l intossicazione cronica si manifesta con segni a carico del sistema nervoso centrale (neurologici e psichiatrici) accompagnati da stomatite e gengivite. Biotossine algali Il rischio di intossicazione da biotossine algali è principalmente legato al consumo di molluschi bivalvi filtratori (soprattutto i mitili) che possono accumulare tali sostanze a seguito del proliferare nell acqua di particolari generi di alghe unicellulari tossiche (dinoflagellati e diatomee). Le vongole in generale non rappresentano un rischio per il consumatore in quanto essendo dei molluschi fossori (che scavano, attaccati al substrato) difficilmente hanno la possibilità di filtrare le alghe tossiche. Attualmente tale problema sta assumendo dimensioni preoccupanti nel settore della miticoltura per l aumento di numero delle alghe tossiche, dovuto da un lato all eutrofizzazione delle aree marine costiere e dall altro alla progressiva diffusione di fitoplancton in nuove aree geografiche, attraverso ad esempio l acqua di zavorra trasportata dalle navi da carico. Tale fenomeno è pertanto in continua evoluzione. Possono essere idro o liposolubili. 1

11 CARATTERISTICHE E VALORI NUTRIZIONALI Per caratteristiche nutrizionali i molluschi bivalvi sono paragonabili a carni e pesce e nel caso di alcuni minerali sono addirittura superiori. Possiedono quindi un elevato valore nutrizionale, contenendo proteine nobili, buone percentuali di minerali quali fosforo, ferro, zinco, selenio e potassio, vitamine, in particolare la B12, grassi polinsaturi a lunga catena, vale a dire gli omega 3, utili nel ridurre il rischio di malattie infiammatorie e degenerative. Il contenuto in proteine è simile a quello delle uova, mentre il ferro nelle cozze è tre volte superiore a quello della carne. Nella cozza vi è abbondanza di selenio, del quale è ricca pure la vongola, minerale importante come antiossidante e per favorire crescita e fertilità. Buona nella vongola e ancor più nella cozza la quantità di zinco, importante per la crescita e per il sistema immunitario. Le vongole sono ricche di vitamina A, la cui carenza può incidere negativamente sulla crescita e causare deformazioni ossee, degli organi riproduttivi e visivi. Nella vongola si segnala l assenza di vitamina C la quale, tuttavia, può essere compensata con qualche goccia di limone al momento del consumo. Nei casi di ipertensione arteriosa, è bene non eccedere nel consumo dei molluschi bivalvi. 11

12 COZZE Valori nutrizionali e composizione (Per 1 grammi) Calorie kcal 86 Vitamina A, RAE mcg_rae 48 Calorie kj 36 Tiamina (Vit. B1).16 Grassi g 2.24 Riboflavina (Vit. B2).21 Carboidrati g 3.69 Niacina (Vit. B3) 1.6 Proteine g 11.9 Acido Pantotenico (Vit.B5).5 Acqua g 8.58 Piridossina (Vit. B6).5 Ceneri g 1.59 Folato alimentare mcg 42 Calcio 26 Folato, DFE mcg_dfe 42 Sodio 286 Folati, totali mcg 42 Fosforo 197 Cobalamina (Vit. B12) mcg 12 Potassio 32 Acido ascorbico (Vit. C) 8 Ferro 3.95 Alpha-tocoferolo (Vit. E).55 Magnesio 34 Fillochinone (Vit. K) mcg.1 Zinco 1.6 Colina totale (Vit. J) 65 Rame.94 Colesterolo 28 Manganese 3.4 Acidi Grassi Monoinsaturi g.57 Selenio mcg 44.8 Acidi Grassi Polinsaturi g.66 Retinolo (Vit. A) mcg 48 Acidi Grassi Saturi g.425 Vitamina A, IU IU 16 12

13 VONGOLE Valori nutrizionali e composizione (Per 1 grammi) Calorie kcal 86 Tiamina (Vit. B1).15 Calorie kj 36 Riboflavina (Vit. B2).4 Grassi g.96 Niacina (Vit. B3).35 Carboidrati g 3.57 Acido Pantotenico (Vit. B5).148 Proteine g Piridossina (Vit. B6).1 Acqua g Folato alimentare mcg 5 Amido g 1.4 Folato DFE mcg_dfe 5 Ceneri g 1.82 Folati totali mcg 5 Calcio 39 Cobalamina (Vit. B12) mcg Sodio 61 Colecalcifenolo (Vit. D) IU 1 Fosforo 198 Alpha-tocoferolo (Vit. E).68 Potassio 46 Fillochinone (Vit. K) mcg.2 Ferro 1.62 Colina totale (Vit. J) 65 Magnesio 19 Tocoferolo beta.2 Zinco.51 Tocoferolo gamma.89 Rame.53 Tocoferolo delta.38 Manganese.85 Acidi grassi monoinsaturi g.12 Selenio mcg 3.6 Acidi grassi polinsaturi g.192 Retinolo (Vit. A) mcg 9 Acidi grassi saturi g.187 Vitamina A, IU IU 3 Colesterolo 3 Vitamina A, RAE mcg_rae 9 13

14 ALLEVAMENTO, RACCOLTA, CENTRO DI DEPURAZIONE e TRASPORTO Allevamento della vongola verace (Tapes philippinarum) La vongola verace (Tapes philippinarum), di origine asiatica, fu introdotta in Europa nel 197. Prima della sua introduzione, si produceva esclusivamente la vongola verace autoctona (Tapes decussatus) che, tuttavia, non era allevata, bensì pescata. L allevamento della Tapes philippinarum prevede 4 fasi: riproduzione, allevamento delle larve, preingrasso e ingrasso. Nella prima fase sono scelti i riproduttori, immessi in una vasca e alimentati con fitoplancton per un mese e mezzo o due, quando avviene la riproduzione, grazie ad una escursione termica di 1 C che stimola l emissione dei gameti i quali vengono fecondati con lo sperma. Durante la fase successiva, che dura una ventina di giorni, le uova fecondate rilasciano le larve che, dopo i periodi di pre-ingrasso (6-8 settimane) e ingrasso, sono pronte per la semina in mare. La primavera, quando la temperatura dell acqua si attesta sopra ai 14 C, è il periodo migliore per la semina, che tuttavia può avvenire anche nei mesi successivi, fino a settembre. Dopo poco più di un anno per la taglia media e un anno e mezzo o due per la grossa, le vongole sono pronte per la raccolta. Allevamento della cozza atlantica (Mitylus edulis) e della cozza nostrana (Mitylus galloprovincialis) Nel nostro paese, l allevamento della cozza inizia negli anni 6. Al fondo marino viene ancorata una fune parallela al fondale, sospesa mediante boe galleggianti, alla quale sono appese delle calze o reste che contengono i mitili. Ogni 3-4 mesi sono sostituite e i molluschi divisi per taglia. Dopo 9-12 mesi i mitili raggiungono la taglia commerciale. Le cozze si riproducono in primavera. Raggiunta la taglia desiderata, avviene la raccolta dei molluschi tramite draghe idrauliche o turbo soffianti, rastrelli e attrezzi da traino. 14

15 Raccolta dei molluschi Durante questa fase e le successive, gli operatori del settore devono porre grande attenzione per evitare danni alle conchiglie e ai tessuti, eliminando ogni rischio di contaminazione dei molluschi. In particolare, i molluschi non devono essere sottoposti ad eccessivi sbalzi di temperatura. Durante le fasi di raccolta, selezionatura, cernita e trasporto a bordo dell imbarcazione deve essere mantenuta, per quanto possibile, una temperatura prossima a quella dell acqua dove i molluschi sono stati raccolti. Non devono essere posti a contatto col ghiaccio. Il rispetto della catena del freddo risulta fondamentale da un lato per impedire o quantomeno rallentare la moltiplicazione microbica e dall altro per prolungare la vita commerciale del prodotto. 15

16 L attuale normativa non fissa un limite ben definito delle temperature da rispettare, anche se dai dati scientifici disponibili emerge che la temperatura ideale per la conservazione dei molluschi bivalvi si attesta intorno ai 6 C e comunque mai superiore ai 1 C. Appena raccolti, i molluschi sono portati allo stabilimento per i successivi passaggi. Le zone di raccolta sono classificate in A, B e C. I molluschi raccolti in zone di classe A (con meno di 23 Escherichia coli per 1 grammi di carne e liquido intravalvare) possono andare direttamente al consumo umano, passando per un centro di spedizione. Nel caso di zone classe B (con meno di 4.6 E. coli) il prodotto deve essere destinato ad un centro di depurazione per il trattamento. Infine, nel caso di classe C (con meno di 46. E. coli) i molluschi devono essere stabulati per almeno due mesi. Allo stato attuale nella Regione Veneto gli ambiti lagunari destinati alla produzione e raccolta di vongole rientrano tutti nella tipologia B, fatta eccezione per alcuni ambiti non classificati, perché il livello di contaminazione risulta elevato. Non esistono ambiti classificati come zona C. Pertanto il prodotto proveniente dalle aree di raccolta deve essere destinato a un centro di depurazione. Gli ambiti classificati per la raccolta di vongole sono soggetti costantemente a monitoraggio da parte del Servizio Veterinario delle Aziende ULSS territorialmente competenti con l obiettivo di verificare la persistenza dei requisiti sanitari. La frequenza e la distribuzione del campionamento viene fatta in relazione ai pericoli e a un attenta valutazione dei rischi in maniera da avere costantemente sotto controllo la situazione sanitaria. I Centri di depurazione molluschi (C.D.M.) Prima della depurazione, i molluschi bivalvi vivi devono essere liberati, con acqua pulita, dal fango e dai detriti accumulati. I Centri di Depurazione possono essere a circuito aperto o chiuso. Quelli a circuito aperto, detti anche tradizionali, sono alimentati con 16

17 acqua di mare pulita, filtrata e trattata con sostanze disinfettanti. Di norma viene utilizzato il biossido di cloro. Il ricambio dell acqua è continuo e la quantità in eccesso viene eliminata con scarico a mare. Il valore ph dell acqua ottimale è compreso tra 8 e 8,4. Questo sistema di depurazione che utilizza acqua di mare e/o lagunare ha indubbi vantaggi in quanto il mollusco si trova nelle stesse condizioni di vita naturale e mantiene inalterata la sua attività filtratoria. Gli impianti con bins a circuito chiuso sono costituiti da particolari cassoni in plastica sovrapposti (colonne di 3 bins max.) dove l acqua viene fatta circolare a 5 metri cubi/ora e con temperatura compresa fra 11 e 2 C. In questa maniera viene ottimizzata l attività filtrante del mollusco. L acqua viene filtrata su letti di sabbia, su filtri a carboni attivi e su filtri biologici per abbattere i livelli ammoniacali e ridurre il carico di nitriti. L effetto battericida viene esercitato dall ozono che ha anche una potente azione ossidante sul materiale organico. Completa l azione battericida l uso di lampade a raggi UV. La temperatura ottimale per l attività biologica delle vongole è compresa tra 11 e 2 C. A questa temperatura è massima l attività filtrante e di depurazione del mollusco. Negli impianti con bins si cerca di creare condizioni ottimali di temperatura con scambiatori di calore che riscaldano o raffreddano l acqua a seconda dei casi. E fondamentale però agire in maniera graduale per evitare uno shock termico al mollusco che produrrebbe un rallentamento dell attività filtratoria. I Centri di depurazione molluschi (C.D.M.) con bins 17

18 Etichettatura dei molluschi e confezionamento Sulle confezioni dei molluschi devono apparire etichette impermeabili che riportano i seguenti dati: marchio di identificazione denominazione comune e denominazione scientifica del bivalve data di imballaggio, con indicazione almeno del giorno e del mese termine minimo di conservazione (TMC) completato dall indicazione del periodo in cui il prodotto può essere conservato presso il consumatore. Il TMC indica da consumarsi preferibilmente entro ; in deroga alla direttiva 2/13/CE, il TMC può essere sostituito dalla menzione Questi animali devono essere vivi al momento dell acquisto. Oltre alle confezioni tradizionali in reti di plastica e alla cassette di legno per le ostriche, i molluschi bivalvi possono essere confezionati sottovuoto e in atmosfera protetta, metodi che garantiscono una buona sopravvivenza del prodotto. Etichetta (parte anteriore) Etichetta (parte posteriore) Trasporto Al fine di garantire le migliori condizioni di sopravvivenza e di sicurezza igienicosanitaria, gli operatori del settore alimentare devono conservare e trasportare i molluschi ad una temperatura idonea al mantenimento della vitalità. La temperatura ottimale per la conservazione dei molluschi bivalvi è compresa fra i 6 e gli 8 C, senza mai scendere al di sotto dei 4 C. Il limite di criticità è la permanenza dei molluschi per più di 4 ore a temperatura superiore a 1 C. 18

19 CONTROLLI VETERINARI La produzione ufficiale di vongole veraci in Laguna Sud e Centrale di Venezia si è attestata, al 3/9/211, sui Kg così ripartita: Tabella n. 1 LIBERA RACCOLTA ALLEVAMENTO TOTALE kg kg kg Grafico n. 1 La produzione ufficiale di mitili in laguna è stata di Kg così ripartita: Tabella n. 2 LIBERA RACCOLTA ALLEVAMENTO kg kg Nel corso del secondo semestre dell anno 211 sono stati regolarizzati altri quattro allevamenti di mitili in laguna sud portando la superficie destinata a questa molluschicoltura a circa 35. mq suddivisa in pergolati in legno tipici dell ambiente lagunare. 19

20 Grafico n. 2 Da parte del Servizio Veterinario sono stati effettuati nel corso dell anno 211 controlli periodici con l obiettivo di valutare lo stato sanitario dei molluschi allevati e delle acque lagunari, identificare eventuali mortalità anomale e possibili fonti di inquinamento, nonché controllare la corretta compilazione dei documenti di trasporto lotti di molluschi bivalvi vivi e del registro di carico/scarico lotti di molluschi bivalvi vivi al fine della reimmersione. Programma di campionamento Nelle singole aree di produzione è stato istituito un programma di campionamento in attuazione ai Regolamenti CE n. 854/24. Allegato II, 852/24 art.41, DGRV n e DGRV 87/211 che prevedono un Monitoraggio per Ambito (vedi tabella n.3), in particolare: valutando le fonti di inquinamento di origine umana o animale; valutando i quantitativi di inquinanti organici emessi nei diversi periodi dell anno in funzione delle variazioni stagionali della popolazione umana e animale del bacino idrografico; valutando i fenomeni delle precipitazioni, del trattamento delle acque di scarico sia naturali sia antropiche (riferite all uomo) che si immettono nella gronda lagunare ed in relazione al ciclo delle maree e all andamento della corrente. 2

21 Sono stati eseguiti controlli microbiologici, chimici, fisici, biotossicologici, esami istologici e colturali con cadenza programmata secondo le direttive impartite dalla Direzione Regionale per la Prevenzione al fine di un monitoraggio costante degli ambiti lagunari. Programmazione dell attività di monitoraggio di un Ambito anno 211. Tabella n. 3 CONTROLLO MICROBIOLOGICO: E. COLI - SALMONELLA CONTROLLO CHIMICO. CADMIO MERCURIO - PIOMBO CONTROLLO RADIOATTIVITÀ: RADIONUCLIDI CONTROLLO BIOTOSSICOLOGICI: BIOTOSSINE ALGALI IDROSOLUBILI E LIPOSOLUBILI (PER I MITILI) ESAMI ISTOLOGICI E COLTURALI BIMESTRALE QUADRIMESTRALE ANNUALE QUINDICINALE SEMESTRALE Inoltre nella tabella n. 4 sono riportati i campioni eseguiti per ogni singola specie. Tabella n. 4 Micro- Chimico Fisico Istolog. Biotossina Diossina Positività Mollusco biologico Colturale Alga T. Philippinarum-Vongole Veraci M. Galloprovincialis-Mitili In Laguna M. Galloprovincialis-Mitili A Mare Venus Gallina-Vongola Di Mare Solen Vagina-Cannolicchi Murex Brandaris -Bulli P. Jacobaeus-Capasanta Canestrelli Cardium Cuore Crassostrea Gigas - Ostrica Concava Callista Chione - Fasolari Totale

22 Dall analisi dei risultati riscontrati durante l attività di monitoraggio in laguna e mare svolta nel corso dell anno 211, emerge una situazione ambientale particolarmente favorevole: i valori medi riscontrati sia per quanto riguarda gli aspetti microbiologici sia chimici che biotossicologici sono indicativi di una condizione ottimale delle acque del compartimento lagunare di Chioggia. Si sottolinea che la positività microbiologica verificatasi nel mese di marzo 211 è stata riscontrata durante la fase di classificazione dei canali di Chioggia, ma non ha comportato alcun provvedimento restrittivo in quanto il valore complessivo del protocollo di classificazione rientrava nei parametri previsti dalla normativa. L analisi del grafico n. 3 evidenzia i valori di Escherichia Coli rilevati nelle vongole veraci prelevate dagli allevamenti dell area lagunare di Chioggia nell anno 211. Nella tabella sono indicati i valori di riferimento della classe A e della classe B (classe A: meno di 23 E. Coli per 1 gr e classe B: meno di 4.6 E. Coli per 1 gr). Grafico n. 3 22

23 Grafico n. 4 Dall esame di questi dati emerge che, come si può vedere nel grafico n. 4, il 57,7% dei prelievi rientra nei limiti fissati per la zona A (mare aperto) il 4,38% rientra nei limiti fissati per la zona B e l 1,92% rientra nei limiti fissati per la zona C. Questa situazione ottimale delle acque lagunari di Chioggia viene anche attestata dai valori delle analisi chimiche su metalli pesanti: mercurio, piombo, cadmio. Il grafico n. 5 evidenzia i valori riscontrati per il mercurio definiti dal Regolamento (CE) N. 1881/26 per i molluschi destinati al consumo umano diretto (,5 p.p.m.). Grafico n. 5 23

24 Grafico n. 6 Il grafico n. 6 evidenzia i valori riscontrati per il cadmio definiti dal Regolamento (CE) N. 1881/26 per i molluschi destinati al consumo umano diretto (1, p.p.m.). Grafico n. 7 Il grafico N. 7 evidenzia i valori riscontrati per il piombo definiti dal Regolamento (CE) N. 1881/26 per i molluschi destinati al consumo umano diretto (1,5 p.p.m.). 24

25 Attivita di controllo Az. U.l.ss. n. 14 Chioggia L attività del Servizio Veterinario è rivolta a un rigido controllo sia di tutti i documenti di registrazione che, una volta compilati, sono consegnati al Servizio Veterinario, sia dei registri di carico-scarico dei lotti di molluschi bivalvi destinati alla re-immersione, garantendo in tal modo anche quanto espressamente previsto dal Regolamento n.178/22 in materia di rintracciabilità di filiera. Attraverso un sistema informatico con una banca dati in cui sono inseriti tutti gli addetti alla pesca, in particolare pescatori professionali, motopescherecci, centri di depurazione/spedizione e centri di spedizione galleggianti, ogni singolo documento di trasporto consegnato giornalmente al Servizio Veterinario viene inserito nella banca dati e in qualsiasi momento si è in grado di riassumere l attività di ogni singolo soggetto esercente l attività di pesca. Questo ha portato ad individuare tutta una serie di irregolarità che, a seconda della specificità, sono state oggetto di richiami, diffide, sanzioni amministrative, comunicazioni alla Provincia, al Comando dei Carabinieri di Chioggia, al Comando della Squadriglia Navale di Ravenna, all Ufficio Agricoltura, Caccia e Pesca della Provincia di Rovigo e alla Direzione Regionale per la Prevenzione della Regione Veneto. Sono stati effettuati anche numerosi controlli incrociati tra la documentazione presente nell ufficio veterinario Ulss e quella consegnata ai Centri di Spedizione e Depurazione. Anche in questo caso le irregolarità sono state oggetto di specifici provvedimenti. In particolare, l attenzione del Servizio Veterinario è rivolta principalmente a: potenziamento del sistema di tracciabilità di filiera messa a punto delle buone pratiche di allevamento piano di autocontrollo del produttore primario riguardante gli aspetti microbiologici, chimici e fisici, nonché il benessere degli animali e le problematiche delle mortalità anomale. 25

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario CUCINARE SUPERFACILE cucinaresuperfacile.com BioStory: Il mio nome è Antonella. Sono fatta di esperienza e buonsenso, voglia di vivere e tenacia, il buon cibo è la mia

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!!

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! Kitchen Cri OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! 10 Ricette per aumentare Grassi e Colesterolo Ecco l'indice delle ricette: 1. Cordonbleu di pollo e prosciutto 2. Gamberi in panatura di patate 3. Mozzarella in carrozza

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara Prologo Se vi domandate il perchè di questo mio curioso documento è presto detto: il 17 Gennaio è stato festeggiato il Carbonara Day. Quel giorno tutti i ristoranti

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli FRANCO NOBILE GIORGIA ROMEO LA SALUTE VIEN MANGIANDO La qualità dei cibi per la qualità della vita Prefazione di Francesco Schittulli Agli amici paracadutisti della Brigata Folgore Layout e impaginazione

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Quelli che non abboccano

Quelli che non abboccano Quelli che non abboccano Cose da sapere prima di acquistare pesci, molluschi e crostacei d allevamento Indice Perché una guida? 1 Che cos è l acquacoltura? 2 Quanto pesa l acquacoltura sull ambiente? 4

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli