PRIME CLASSI PRIMO ANNO ( primo biennio)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIME CLASSI PRIMO ANNO ( primo biennio)"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO DEI SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E DELL OSPITALITA ALBERGHIERA BRINDISI LABORATORIO DI SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA SETTORE SALA E VENDITA INNOVAZIONE DIDATTICA E METODOLOGICA PRIME CLASSI PRIMO ANNO ( primo biennio) ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO cagi

2 CONTENUTI DELLE U.d.A. PER E.BOOK RELATIVO ALLE PRIME CLASSI (primo biennio) U.C. 1 UDA 1.1 L organizzazione del personale Le figure manageriali Gli addetti dei reparti di sala e caffetteria Gli addetti del reparto bar Gli addetti del reparto cucina Comportamento ed etica professionale U.C. 1 UDA 1.2 La struttura del reparto di sala e del locale bar Le attrezzature di sala Le attrezzature del bar U.C. 1 UDA 1.3 L igiene del personale L igiene degli ambienti e delle attrezzature L igiene degli alimenti L autocontrollo alimentare La prevenzione degli infortuni Le regole generali di primo soccorso U.C. 2 UDA 2.1 La mise en place della sala Il servizio di sala Il servizio della prima colazione Il servizio delle insalate Il servizio dei dessert U.C. 5 UDA 5.1 Il caffe Il cappuccino Il te e gli altri infusi La cioccolata U.C. 5 UDA 5.2 Il servizio di bar Le acque minerali Le bevande analcoliche

3 U.C.1 U.D.A.1.1 CONTENUTI: L ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE LE FIGURE MANAGERIALI GLI ADDETTI DEI REPARTI DI SALA E CAFFETTERIA GLI ADDETTI DEL REPARTO BAR GLI ADDETTI DEL REPARTO CUCINA (organigramma) COMPORTAMENTO ED ETICA PROFESSIONALE

4 L ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE DI SALA Ogni azienda ha bisogno di definire chiaramente come strutturare l attività, adottando soluzioni organizzative tali da permettere il raggiungimento degli obiettivi. L organizzazione è uno strumento per affrontare in maniera corretta la gestione, consentendo una equilibrata collocazione delle persone,una valida distribuzione delle funzioni e di operare in maniera efficace. L attività alberghiera ristorativa offre un prodotto particolare e complesso, le prestazioni del personale in questa attività sono fondamentali per cui è necessario tener conto quanto sia importante la valorizzazione delle risorse umane che vi operano, nei loro compiti e nelle specifiche professionalità. L organizzazione in un albergo e/o ristorante viene divisa in servizi di contatto e servizi interni nel senso che vi sono prestazioni a stretto contatto con la clientela, come quella dei camerieri, e servizi non visibili come quella dei cuochi, ma non per questo meno importanti. Un elemento che influenza e determina il livello organizzativo è la dimensione dell impresa, per cui un piccolo albergo o ristorante presenta caratteristiche organizzative completamente diverse da strutture di medie o grandi dimensioni.

5 LE FIGURE MANAGERIALI Nell organizzazione del lavoro, il compito di prendere decisioni è affidato ad un numero limitato di persone, responsabili della direzione e degli orientamenti generali di un attività. L impresa turistica, maggiormente quella alberghiera - ristorativa, presenta delle notevoli difficoltà rispetto ad altri tipi di attività, perché il know-how, la professionalità e i poteri, presentano caratteristiche molto diverse rispetto alle altre aziende. Al manager sono richieste intuizione, inventiva, capacità di comunicazione, formazione culturale adeguata, creatività e capacità di combinare diverse metodologie; tutte componenti determinanti per raggiungere il successo auspicato. Le figure manageriali più importanti in un azienda ristorativa di grandi dimensioni sono: food and beverage manager restaurant manager banqueting manager.

6 ORGANIGRAMMA DI SALA DI UN GRANDE ALBERGO Food and beverage Manager Banqueting Manager Restaurant Manager Maitre ai banchetti 1 Maitre Chef de rang 2 Maitre Sommelier Receptionist (Hostess di sala) Commis de rang Servizio breakfast e caffetteria Chef de rang Chef d ètage Commis Sommelier Demi Chef de rang Commis d ètage Commis de rang

7 BRIGATA DI CUCINA IN UN RISTORANTE DI GRANDI DIMENSIONI Food and beverage Manager Executive chef Chef de cuisine Assistant chef Souce chef Chef gardemanger Chef saucier Chef entremetier Chef patissier Commis de cuisine Commis de cuisine Commis de cuisine Commis de cuisine

8 BRIGATA DI SALA IN UN RISTORANTE DI MEDIE DIMENSIONI Food and beverage Manager 1 Maitre Receptionist (Hostess di sala) 2 Maitre Sommelier Chef de rang Commis sommelier Commis de rang

9 IL FOOD AND BEVERAGE MANAGER È il responsabile di tutti i reparti del food and beverage quindi delle attività inerenti all acquisto, all elaborazione e al servizio di cibi e bevande. Ne consegue che questa figura analizza i costi, i ricavi, i guadagni, cura pubbliche relazioni e pubblicità; provvede alla selezione, assunzione e formazione dei capi servizio. I requisiti principali sono: esperienza, vasta cultura, spiccate doti organizzative, intuito e autorevolezza. RESTAURANT MANAGER ( DIRETTORE DI SALA) Figura presente in alberghi e ristoranti di grandi dimensioni con all interno diverse sale, ognuna con caratteristiche diverse: (es. sala con cucina mediterranea, ristorante con menù internazionale, sala con servizio self service, ecc). Il restaurant manager è il coordinatore delle varie sale e collabora con i vari maitre. Persona abile, di cultura e di esperienza; possiede validissime capacità relazionali e organizzative. Lavora a stretto contatto con il food and beverage manager.

10 BANQUETING & CONVENTION MANAGER È una figura polivalente che si occupa di gestire il servizio banchetti ed eventi, attività centrali per l economia di molti ristoranti. Egli provvede ai contratti, alla scelta del menù e delle bevande; definisce tutti i particolari atti a soddisfare l esigenze del cliente. Requisiti principali sono: capacità organizzativa, gusto estetico, attitudine al contatto umano, vasta cultura di base, conoscenze tecniche, padronanza delle lingue e competenze amministrative. GLI ADDETTI DEL REPARTO DI SALA PRIMO MAITRE Dirige il servizio di ristorazione e rappresenta il principale punto di riferimento per il personale e per i clienti. Conoscitore della cucina nazionale ed internazionale, delle principali abitudini e usi dei Paesi esteri, ha perfetta padronanza delle principali lingue straniere. È compito del primo maitre programmare col F&B manager e con lo chef di cucina L attività di preparazione e vendita delle portate da inserire nel menu. Ha doti organizzative e provvede alla definizione dei turni di servizio del personale subalterno, all attribuzione dei ranghi e allo svolgimento di servizi specifici. Molto educato, signorile ed elegante, egli riceve i clienti, li accompagna al tavolo e prende le ordinazioni.

11 SECONDO MAITRE È il diretto collaboratore del primo maitre; controlla e coordina il lavoro del reparto, verifica i turni di servizio, controlla la pulizia dei locali e delle attrezzature. Persona addetta alle preparazioni della cucina di sala (flambage). Svolge tutti i compiti del primo maitre, in sua assenza CHEF DE RANG Responsabile di un rango, esegue il servizio e cura i rapporti con i propri clienti. È un cameriere professionista, ha buone conoscenze delle lingue straniere, capacità tecniche, doti personali e culturali. È un valido collaboratore del secondo maitre. COMMIS DE RANG Apprendista cameriere e occupa il primo gradino della scala gerarchica, svolgendo le mansioni più semplici, osservando direttamente coloro che svolgono la professione da molti anni. Deve possedere alcune qualità che gli permetteranno di crescere nella professionalità e di progredire nella carriera. Aiuta lo chef de rang dal quale riceve istruzioni necessarie a svolgere al meglio il lavoro, correggendone gli inevitabili errori. Sbarazza i tavoli, cura la pulizia e il riordino della sala e del materiale usato.

12 SOMMELIER In sala ristorante, compito del sommelier è quello di consigliare il cliente a scegliere il vino giusto per le portate ordinate, trovandone la giusta combinazione. Il sommelier ha una vasta cultura enologica, una conoscenza generale della produzione vinicola mondiale, grazie a studi specializzati e a continui aggiornamenti. Esperto della tecnica di degustazione, sa riconoscere le caratteristiche organolettiche di un vino valutandone la qualità; padrone dei criteri di abbinamento cibo-vini. COMMIS SOMMELIER Aiuta e collabora col sommelier, dedicandosi quasi esclusivamente al servizio e alla mescita di acqua e bibite durante i pasti. HOSTESS DI SALA Svolge diversi compiti quali l accoglienza della clientela, registra le prenotazioni e comunicazioni telefoniche, collabora al servizio guardaroba. Quando è necessario aiuta il maitre ricevendo i clienti e accompagnandoli ai tavoli. È una donna di stile, bella presenza, eleganza, cortesia nei modi e conosce le principali lingue straniere.

13 CHEF D ETAGE (CAMERIERE AI PIANI) È il cameriere che opera specialmente nei grandi alberghi dove il servizio dei pasti in camera è assicurato tutto il giorno. Il momento più faticoso della giornata è al mattino, quando molti clienti chiedono di consumare la prima colazione in camera. Il cameriere ai piani opera quasi sempre nell office, dove riceve telefonicamente le ordinazioni degli ospiti. Deve avere gli stessi requisiti di uno chef de rang. COMMIS D ETAGE Aiuta lo chef preparando carrelli e vassoi per il servizio in camera. Ha il compito di tenere pulito e in ordine tutto il materiale usato ed il posto di lavoro. GLI ADDETTI DEL REPARTO DI CAFFETTERIA La prima colazione è svolta quasi sempre negli alberghi, per cui si possono usare diversi stili di servizio: al tavolo, al buffet, misto e con menu. Il classico stile è il servizio al tavolo, particolarmente raffinato che permette al cliente di essere servito. Il numero delle persone che vi lavorano dipende anche dal tipo di colazione che si offre (english o continental breakfast). Elenchiamo di seguito il personale addetto alle prime colazioni in un albergo che effettua un servizio classico, con menu. CAPO CAFFETTIERE Responsabile dell office da cui partono le bevande calde, attrezzature ed utensileria per le prime colazioni. È presente al lavoro un ora prima del servizio del breakfast e provvede ad accendere la macchina del caffè, a preparare le bevande calde, spremute, succhi di frutta e a sistemare sul passe i bricchi e vassoi per il servizio delle prime colazioni.

14 MAITRE (BREAKFAST HEAD WAITER) Il compito principale del maitre alle prime colazioni è quello di ricevere e assegnare i posti ai clienti. Egli prende le ordinazioni delle bevande calde, controlla il buffet, facendo rimpiazzare i prodotti esauriti; riporta su un apposito registro i clienti alloggiati che hanno usufruito della colazione. CAMERIERE (BREAKFAST WAITER) Cameriere professionista con la funzione di realizzare il servizio delle prime colazioni. In molte strutture alberghiere lo spazio riservato al breakfast room è limitato, per cui accade che sullo stesso tavolo i camerieri dispongono una nuova mise en place per altri clienti. GLI ADDETTI DEL REPARTO BAR PRIMO BARMAN Egli dirige e controlla il personale ed il servizio. Elemento di stile ed eleganza, cura in particolare il rapporto con la clientela. Esperto di bevande miscelate, stabilisce prodotti da acquistare e le preparazioni da vendere; organizza in alcuni casi rinfreschi, cocktail party e coffee break. Ha una spiccata dote nei rapporti umani, un fine senso dell umorismo e predisposizione all ascolto. Possiede la conoscenza delle principali lingue straniere.

15 SECONDO BARMAN Collabora strettamente con il suo superiore e lo sostituisce in sua assenza; svolge in modo completo le diverse mansioni del primo. COMMIS DI BAR Giovane cameriere con le stesse qualità del commis di sala; aiuta il barman, provvede alla cura dei locali e delle attrezzature; è addetto al lavaggio, pulizia di tazze bicchieri ed utensileria. CAMERIERE AI TAVOLI Egli cura il servizio ai tavoli e provvede a prendere le ordinazioni e ad incassare le consumazioni. Elemento di buona memoria e senso organizzativo, collabora strettamente con il primo barman. LA CLASSICA DIVISA DEL PERSONALE DEL BAR Primo barman: Camicia bianca, cravatta lunga blu, smoking color crema con distintivo AIBES all occhiello; pantaloni, scarpe e calzini neri. Secondo barman: come il primo, ad eccezione della giacca che è di colore blu. Commis di bar: camicia e papillon bianchi; pantaloni, fascia elastica, scarpe e calzini neri; spencer sciallato bianco. Cameriere ai tavoli: come il commis, ad eccezione del papillon che è nero.

16 LA DIVISA DEL PERSONALE DI SALA In quasi tutte le strutture alberghiero ristorative, il personale indossa divise personalizzate con il logo del locale; inoltre le nuove tendenze della moda hanno contribuito a cambiare ciò che era considerata la classica divisa della brigata di sala. L abbigliamento permette di distinguere le mansioni di chi l indossa e questo aiuta i clienti ad individuare più facilmente le varie figure professionali; è anche un elemento fondamentale per definire la classe e lo stile dell azienda. Il personale femminile indossa la divisa simile a quella maschile fatta eccezione della gonna, dei collant color carne e di scarpe nere con tacco basso, ma in alcune aziende anche le donne indossano i pantaloni. LA DIVISA CLASSICA DEI COMPONENTI LA BRIGATA DI SALA Restaurant manager : completo scuro con camicia bianca,cravatta o papillon, calze e scarpe nere. In occasioni importanti smoking o tait. Maitre : al breakfast e al lunch, giacca color crema con collo a scialle, camicia bianca, papillon nero, fascia nera, pantaloni neri con bande di raso, calze e scarpe nere. Per il dinner o cene importanti indossa lo smoking nero. Sommelier : giacca bordeaux o blu scuro con il logo A.I.S. ( Associazione Italiana Sommelier ), camicia bianca, cravatta o foulard ; pantaloni, calze e scarpe nere. Chef de rang : solitamente al breakfast indossa una coreana con bordi alla greca dorati sulle spalle. Per il lunch e il dinner, giacca bianca ad un bottone, camicia bianca; papillon, pantaloni, calze e scarpe nere. Commis di sala : giacca ad un bottone, camicia e papillon bianco; pantaloni, calze e scarpe nere.

17 ALCUNI INDISPENSABILI ACCESSORI CHE COMPLETANO LA DIVISA DEL PERSONALE DI SALA SONO: Tovagliolo di servizio Fiammiferi Cavatappi professionale Penna e blocchetto per le ordinazioni

18 COMPORTAMENTO ED ETICA PROFESSIONALE REQUISITI DEL CAMERIERE Per riuscire nel suo lavoro, il cameriere deve possedere specifiche attitudini fisiche ed intellettuali. Deve sapersi esprimere senza difficoltà, deve avere vista e udito normali, buon portamento ed una naturale eleganza nei modi; occorrono puntualità, precisione, intuito, prontezza, capacità logistica e buona memoria. Sono richieste conoscenza delle principali lingue straniere, capacità tecniche, gentilezza, disponibilità, buona educazione e forza di volontà. Senza queste doti anche il cameriere più preparato sul piano tecnico non riuscirà mai a diventare un buon professionista. Bisogna ricordare che il successo di una azienda di ristorazione si basa principalmente su due fattori: la cucina ed il servizio. Il cameriere ha una grossa responsabilità perché ha un contatto diretto con il cliente e deve essere in grado di capirne il carattere, i gusti e le esigenze, mettendolo a proprio agio; il sorriso non deve mai mancare sul viso di un addetto alla sala e bar; solo così contribuisce a valorizzare l immagine del locale. ETICA PROFESSIONALE I principi etici da osservare nel rapporto con i clienti e con i propri colleghi di lavoro vengono garantiti dall onestà: il bene più prezioso per un dipendente è ottenere fiducia da parte del cliente, dei colleghi e del datore di lavoro; tradire questa fiducia attraverso un furto o un atto disonesto significa perdere credibilità sul piano etico, morale e professionale, bruciandosi irrimediabilmente la carriera e segnare per sempre la propria vita.

19 TOLLERANZA Il rapporto con i clienti a volte è complicato a causa di ospiti difficili ed esigenti che spesso inducono a discussioni. In questo caso il personale del ristorante deve dimostrare professionalità, assumendo un comportamento diplomatico che sia di soddisfazione per il cliente e non causi danno al locale e disturbo al resto della clientela. Si consiglia la massima tolleranza e discrezione in situazioni imbarazzanti che possono venirsi a creare. LEALTA Essere leali significa assumersi le proprie responsabilità senza alimentare invidie e atteggiamenti contro producenti nei confronti dei propri colleghi di lavoro; è necessario assumere un corretto comportamento nel lavoro di equipe cercando di aiutare i colleghi in difficoltà. UMILTA E SENSO DELLA DISCIPLINA Altre norme semplici da seguire ma sempre importanti sono: riconoscere la gerarchia, rispettare i superiori e i subalterni, svolgere con scrupolo i propri compiti ed essere sempre disponibili ad imparare. Uno dei mali dal quale è bene guardarsi è la presunzione; bisogna convincersi che durante tutto l arco della propria vita non finiremo mai di imparare.

20 IGIENE PERSONALE La cura della propria persona rientra a pieno titolo fra i principi etici da osservare poiché è una forma di rispetto nei confronti di se stessi e del prossimo. È un elemento importante sotto il profilo dell igiene che deve essere estesa sia sulla divisa che nei locali e alle attrezzature.

21 PRINCIPALI REGOLE DI COMPORTAMENTO VERSO IL CLIENTE: Mettere a proprio agio il cliente facendogli capire che è il benvenuto; il cliente va trattato sempre come un ospite; il cliente deve essere assistito con garbo e cortesia; non comportarsi in maniera confidenziale né mostrare un freddo distacco; fornire al cliente tutte le informazioni che vengono richieste; non dimostrare insofferenza, nervosismo o rabbia con il semplice sguardo, smorfie o parole; parlare rivolgendo lo sguardo verso l interlocutore; usare un linguaggio appropriato; memorizzare i nomi, i gusti e le preferenze della clientela abituale; riservare ai bambini, agli anziani e agli ammalati, i necessari riguardi; assecondare il cliente nervoso e impaziente; se si effettua il servizio ai piani prima di entrare attendiamo il consenso del cliente.

22 COMPORTAMENTO DEL PERSONALE DI SALA DURANTE IL SERVIZIO : Non dimostrare mai svogliatezza; essere calmi anche in situazioni difficili e complicate; evitare di far rumore con piatti e stoviglie; parlare con i colleghi a bassa voce e solo per ragioni di servizio; non fare commenti inopportuni ed evitare pettegolezzi sia con colleghi che con ospiti; evitare di unirsi in gruppo ma restare sempre sul proprio rango; non tenere le mani in tasca, non sedersi, non appoggiarsi al muro, non masticare chewing-gum, non grattarsi, non toccarsi i capelli; uscire dalla sala per soffiarsi il naso o asciugarsi il sudore; non mangiare e non bere alcolici durante il servizio; avvisare sempre un superiore o un collega prima di abbandonare il posto di lavoro; consegnare al proprio superiore ogni oggetto dimenticato dal cliente; non gesticolare, non indicare e non correre; non indossare anelli, braccialetti o collane (è consentito solo orecchini per le donne e fedi nuziali); tenere raccolti i capelli lunghi e non usare profumi pungenti, il cliente preferisce essere servito da personale senza barba e baffi.

23 U.C.1 U.D.A.1.2 CONTENUTI: LA STRUTTURA DEL REPARTO DI SALA LA STRUTTURA DEL BAR LE ATTREZZATURE DI SALA (mobili-arredi-utensileria) LE ATTREZZATURE DEL BAR (arredi-macchinari-utensileria)

24 LA STRUTTURA DEL REPARTO DI SALA In un ristorante si distinguono principalmente due grandi aree: la cucina, reparto impegnato nella preparazione, cottura e distribuzione delle vivande e la sala, settore destinato al servizio e consumo dei cibi. Altri spazi attigui alla sala e alla cucina sono poi l office, la caffetteria, la dispensa, il passe il magazzino, la plonge e la lavastoviglie. La sala ristorante è l area che più caratterizza l immagine del locale dove è molto curato l arredamento, la scelta dei materiali di rivestimento, la pavimentazione e gli impianti. E importante che la sala risulti spaziosa, facilmente accessibile, ben collegata con gli altri reparti, accogliente e confortevole. Le dimensioni della sala sono proporzionate al numero dei coperti e allo stile di servizio; si calcola che in un locale di lusso lo spazio relativo a un posto a tavola è di ca. 2,5-3,0 mq., mentre per le categorie inferiori è di 1,0-1,5 mq., senza l ingombro dei mobili. I LOCALI ATTIGUI ALLA SALA LA CUCINA: è organizzata in varie partite dove gli chefs de partie elaborano le varie portate, dall antipasto al dessert. Annessa alla cucina vi è la plonge, zona di lavaggio delle pentole, attrezzature e utensileria di cucina. L OFFICE: è un area che assolve a diverse funzioni; è situata tra la sala e la cucina e funge da deposito di bevande e alimenti di uso quotidiano oltre alle stoviglie, tovagliato, frigoriferi, ice maker (produttori di ghiaccio), scaffali, credenze, armadi per la biancheria, lavelli e banchi di lavoro. Uno spazio dell office è occupato dall ufficio del maitre dove vi è una bacheca con esposti ordini di servizio e comunicazioni varie per il personale.

25 LA CAFFETTERIA: presente solo negli alberghi e destinata al servizio delle prime colazioni e del room service. Nella caffetteria si trova tutta l attrezzatura, utensileria e prodotti necessari per la preparazione e il servizio delle bevande calde. LA DISPENSA: è l area adibita alla preparazione dei cestini per il pane, del servizio dei formaggi, della frutta, della macedonia e del menage. Qui si trovano anche lavelli, banchi da lavoro e la cave du jour ( zona di stoccaggio per i vini e bevande da consumare durante il giorno). IL PASSE: è il punto d incontro tra il reparto sala e cucina. Qui i camerieri consegnano la commande (l ordinazione) e i cuochi passano le vivande. in molte strutture il passe è costituito da un rechaud (banco riscaldato nel quale i piatti sono tenuti al caldo). IL MAGAZZINO: zona dove si conservano alimenti non deperibili, secchi, in scatola e sottovuoto. I prodotti congelati e surgelati vengono conservati nelle celle frigorifere. L ECONOMATO: ufficio per la gestione dei fornitori e di tutti i prodotti. Tutti i capi servizio affidano la nota dei consumi e la copia dei buoni di prelevamento, per reintegrare giornalmente tutto il necessario per i vari servizi. LAVASTOVIGLIE : zona destinata al lavaggio di piatti, bicchieri, posate, vassoi, etc..

26 LA STRUTTURA DEL LOCALE BAR Il bar è un locale pubblico dove si possono consumare bevande calde e fredde, analcolici, alcolici, superalcolici e cibi leggeri. A differenza delle cantine e locande del secolo scorso, oggi questo locale ha un aspetto decoroso, dispone di arredamento e impianti moderni, usa attrezzature e macchinari tecnologicamente avanzati, ha tavolini e poltroncine, office, magazzino e toilettes. I bar vengono classificati per tipologie, in base alla funzione che svolgono e al servizio offerto. Il bar, come altri locali pubblici, è composto da diverse aree di lavoro dove vengono svolte le attività quotidiane; esse sono: il banco, l office e la zona esterna. IL BANCO: è la più importante area di lavoro ed è composto dal sottobanco (dove si trovano frigoriferi, cassetti, macchina per il ghiaccio e lavabicchieri), dal piano di lavoro ( area destinata alla preparazione delle bevande, dei cocktail e degli snacks), dal piano mescita ( di solito più alto del piano di lavoro e dove vengono servite le ordinazioni) e dal retro-banco ( composto da mensole e scaffalature per la bottiglieria in genere. E installata anche la macchina del caffè e il macinadosatore).

27 L OFFICE: è un area di lavoro dove vengono effettuate alcune preparazioni e dove trovano posto diverse attrezzature e macchinari quali il frullatore, la tostiera, lo spremiagrumi, la centrifuga, il frigorifero etc in questa zona vi sono anche lavelli, banchi da lavoro, armadi e mensole per stipare cibi, bevande e materiale generico. LA ZONA ESTERNA: area a disposizione della clientela in cui si trova l accesso al bar, la cassa, e la zona per il servizio ai tavoli.

28 LE ATTREZZATURE DI SALA I TAVOLI I tavoli per i clienti posso essere di forma diversa, quadrati, rotondi, ovali e rettangolari. Le prolunghe o rallonges vengono usate per aumentare la disponibilità dei posti a tavola. La dimensione standard di un tavolo quadrato, più pratico e maneggevole, è di 80cm x 80cm; un tavolo tondo per quattro posti misura invece 120cm di diametro. A seconda delle esigenze e dell occasione conviviale, i tavoli posso assumere forme diverse ( reali, imperiali, etc.. ). I TAVOLI DI SERVIZIO I tavoli di servizio sono quadrati o rettangolari e vengono distribuiti nei vari ranghi per poter tenere a portata di mano tutto l occorrente durante il servizio. LE SEDIE Hanno lo stesso stile dei tavoli e dell arredamento del ristorante, comode e confortevoli. Le sedie devono essere leggere, eleganti, facili da pulire e adatte alle diverse disposizioni dei tavoli. Nei ristoranti di classe sono molto usate le poltroncine con braccioli. CONSOLLE E PANADORA Sono mobili di servizio dotati di cassettiere e ripiani per le scorte di posateria, biancheria e menage. Anche i mobili-frigo con vetrina fanno parte dell attrezzatura fissa di sala e possono essere usati come espositori di vini.

29 IL CARRELLO Fornito di ruote, facilmente trasportabile, è usato per effettuare il decoupage e altri servizi che permettono al cliente di seguire le preparazioni e porzionature stando comodamente seduto al proprio tavolo. Vi sono diversi tipi di carrelli adatti alle varie esigenze (carrello per antipasti, per insalate, per bolliti, per dolci, per formaggi, per flambè e per il servizio bar in sala). IL GUERIDON Piccolo carrello su ruote, di forma rettangolare, che il cameriere accosta al tavolo del cliente per appoggiare i piatti di portata e sporzionare le pietanze. LE ATTREZZATURE DI SERVIZIO La dotazione della sala, oltre ai mobili e agli arredi, prevede altri elementi essenziali per lo svolgimento del lavoro. Essi sono : La biancheria da tavola Il mollettone,con elastico o senza, in panno felpato; è usato come copritavolo ed evita che la tovaglia scivoli, attutisce i rumori provocati da oggetti posati sul tavolo, assorbe eventuali liquidi versati e limita i possibili danni al tavolo. La tovaglia:di dimensioni varie in funzione del tipo di tavolo. In locali di classe, la tovaglia avvolge il tavolo fino al pavimento dandogli un aspetto solenne ed elegante. Il coprimacchia: ha un misura poco maggiore di quella del tavolo e si sovrappone alla tovaglia per nascondere macchie indelebili; può essere dello stesso colore o comunque ben coordinato alla tovaglia. Il tovagliolo: di almeno 45cm per lato si abbina al resto del tovagliato. Il frangino: è un piccolo tovagliolo con frange ai lati che viene utilizzato come copri vassoio e copri cestino. La biancheria di servizio : è formata da torcioni, panni e asciughini. Di tessuto resistente, permette la pulizia a fondo dei materiali in uso.

30 La posateria La dotazione base della posateria da tavola comprende : Forchette, cucchiai e coltelli grandi per primi e secondi piatti Forchette,cucchiai, coltelli medi per piatti di mezzo Forchette e coltelli per pesce Forchette, cucchiai e coltelli piccoli per formaggi, insalate, contorni, dessert e piccola colazione. Cucchiaini a palette per gelati Palettine spalmaburro Cucchiaini da tè e caffè Forchettine per ostriche Forchettine e molla per lumache Pinze e forchettine per aragoste e astice Inoltre vi è una dotazione di posateria per il servizio che comprende coltelli di varia misura e filettatura usati per sporzionare, trinciare e sfilettare le diverse preparazioni in sala. Mestoli e forchettoni di varia misura e palette per formaggi e dolci.

31 Le porcellane la dotazione base della porcellana comprende: Piatti segnaposto, usati ormai da tutti i ristoranti per dare alla tavola un tocco di raffinatezza e prestigio. Esso deve essere bello, resistente, possibilmente personalizzato e coordinato con il servizio di porcellane in uso. In alcuni locali sono in argento o in metallo lucido. Piatti fondi per minestre e zuppe Piatti piani grandi, per primi piatti asciutti, per alcuni antipasti e per secondi. Piatti piani piccoli per contorni, dessert e formaggi Piattini da pane Piatti a mezzaluna per insalate Piatti da portata ovali e tondi Portaburro a bordo basso Ciotoline per confetture e creme Completo porta-uovo alla coque Sotto tazze e tazze da consommé Zuccheriere, saliere e pepiere Vasetti portafiori.

32 La cristalleria Fanno parte della cristalleria: bicchieri, bottiglie, caraffe, bowls, coppe per macedonie e gelati, ampolle per l olio e l aceto, saliere, pepiere e formaggiere. I bicchieri per il servizio a tavola sono: Bicchieri per acqua Bicchiere per vino bianco, bicchiere per vino rosato Bicchiere per vino rosso, bicchiere per vino rosso d annata Coppa per spumanti dolci Flute per champagne e spumanti secchi Bicchieri per liquori e amari

33 I corredi di supporto Fanno parte dei corredi di supporto. Cavatappi semplici e a spirale Cestino versavino e decanter Glacette ( portabottiglie termico) Seau à glace ( secchiello del ghiaccio per una o più bottiglie ) Stander ( alzata per il secchiello del ghiaccio ) Vassoi di vari misure e di vari metalli Morsa ferma-prosciutto, taglieri, salsiere Finger bowl (coppetta lavadita) Piatti per lumache; completo per fondue, lampada per il flambage. Macinapepe in legno Spazzole e palettine in argento, raccoglibriciole Cloche per piatti e vassoi Pressa in acciaio (per preparazioni particolari quali canard à la presse )

34 LE ATTREZZATURE DEL BAR Macchinari : Macchina del caffè espresso e depuratore Macinadosatore Impianto di spillatura Cioccolatiera Frullatore, spremi agrumi, tritaghiaccio (o gruppo multiplo ) Distributori di granite e bibite fredde Produttore di ghiaccio a cubetti Lavastoviglie Vetrinette refrigerate o calde Espositori da banco Affettatrice, tostiera, piastra elettrica, forno microonde.

35 Principali bicchieri del bar: Tumbler basso, medio, alto; ballon, calici, bicchieri a pipa, coppa martini, doblet, flute, boccale, tulipano, old fashioned, copita, coppe gelato, caraffe, bowls, ect. )

L importanza del servizio

L importanza del servizio Il servizio di sala Le piccole colazioni (livello base) www.webalice.it/stefano_sancassani 1 L importanza del servizio Nella quotidianità Rappresenta il primo contatto con i servizi che offre l albergo

Dettagli

RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE ADDETTO SALA

RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE ADDETTO SALA MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE ADDETTO SALA 1 ADDETTO SALA COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 UNITA FORMATIVA CAPITALIZZABILE La pre-accoglienza e l organizzazione

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente BRESSAN SONIA Classi 1 sezione/i F Identificare le attrezzature, definire gli ambienti. Le aree di lavoro e la suddivisione degli spazi. Applicare regole igieniche e antinfortunistiche, l'igiene

Dettagli

Profilo professionale: CAMERIERE/BARISTA Livello: 2

Profilo professionale: CAMERIERE/BARISTA Livello: 2 Profilo professionale: CAMERIERE/BARISTA Livello: 2 Competenze C1 PREPARARE L AREA DI LAVORO PER IL SERVIZIO M1 Materie INFORMATICA DI BASE, GESTIONE DATI ED INTERNET Competenze associate C6, C30, C31,

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Industria dell ospitalità. Prodotti e servizi per chi è fuori casa

Industria dell ospitalità. Prodotti e servizi per chi è fuori casa Industria dell ospitalità Prodotti e servizi per chi è fuori casa Il Personale Professionalità Capacità di coordinare il proprio lavoro con tutto lo staff Attitudine a soddisfare le esigenze del cliente

Dettagli

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno conoscenze capacità UF n. Denominazione UF Durata UF (h) Contenuti formativi Discipline comuni e di indirizzo UC 1707 CURA DEGLI

Dettagli

Regolamento di pasticceria

Regolamento di pasticceria Regolamento di pasticceria Norme igieniche Della persona Non si possono portare orecchini, bracciali, collane e anelli in laboratorio. Avere sempre le mani pulite con unghie corte e senza smalto. Non mettere

Dettagli

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT H.A.C.C.P. HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT 1998 D.Lgs 155/97 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) A CHI E RIVOLTO Aziende di trasformazione degli alimenti (confetture latte verdure in

Dettagli

I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI

I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 Per accedere alle attività didattiche nei laboratori di CUCINA, studentesse e studenti devono indossare le seguenti divise: Giacca bianca

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -OPERATORE SALA BAR - L

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ENOGASTRONOMIA Docente CARBONELLI PASQUALE Classi 1 sezione/i C PROGRAMMA PRIME 1. La ristorazione e la gastronomia: l evoluzione storica della gastronomia e della ristorazione,

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO F MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Allegato F Modalità operative per la gestione del servizio 1 1 Indicazioni relative all approvvigionamento e alla preparazione dei pasti 1.1 Approvvigionamento

Dettagli

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità di Marco Bernabè IDEATURISMO S.R.L. Riva del Garda 29.01.2013 Meno imballaggi, stessa igiene Imballaggi e igiene: due facce della stessa

Dettagli

Allegato N 2. Contenuti minimi ed obiettivi minimi classi prime IPSEOA

Allegato N 2. Contenuti minimi ed obiettivi minimi classi prime IPSEOA Allegato N 2 Contenuti minimi ed obiettivi minimi classi prime IPSEOA Conoscenze da raggiungere 1. Elementi di deontologia professionale 2. Igiene personale, dei prodotti, dei processi di lavoro e pulizia

Dettagli

PROGRAMMA. Anno Scolastico 2015 2016. CLASSE: Prima Sezioni C D F - G. DISCIPLINA : Laboratorio Sala e Vendita DOCENTE: VINCENZO OLEASTRO

PROGRAMMA. Anno Scolastico 2015 2016. CLASSE: Prima Sezioni C D F - G. DISCIPLINA : Laboratorio Sala e Vendita DOCENTE: VINCENZO OLEASTRO Istituto Professionale di Stato Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Bernardo Buontalenti Sede e Segreteria: Via di San Bartolo a Cintoia 19/a 50142 Firenze Tel. 055 462781 Fax: 055

Dettagli

Programmazione 2 Anno Laboratorio dei servizi Enogastronomici: settore sala e vendite

Programmazione 2 Anno Laboratorio dei servizi Enogastronomici: settore sala e vendite ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE A.PEROTTI Via Niceforo n 8- BARI Programmazione 2 Anno Laboratorio dei servizi Enogastronomici: settore sala e vendite Classe

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI Enogastronomia pasticceria, sala vendita E BAR

REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI Enogastronomia pasticceria, sala vendita E BAR REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI pasticceria, sala vendita E BAR In ossequio alle vigenti normative in materia d igiene e alla acquisizione di comportamenti professionalmente corretti, tutti gli studenti

Dettagli

Cuoco/Cuoca. Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto. Delibera n. 748 del 24.06.2014

Cuoco/Cuoca. Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto. Delibera n. 748 del 24.06.2014 Delibera n. 748 del 24.06.2014 Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto Cuoco/Cuoca 1. Il profilo professionale 2. Durata ed esame di fine apprendistato 3. Referenziazioni del profilo

Dettagli

Le pagine di Sala bar

Le pagine di Sala bar Le pagine di Sala bar Classi Prime IPSSAR Paolo Borsellino Sez. Pagliarelli * PALERMO * A cura del Prof. Fabio G. Casà INDICE La Ristorazione e le sue Tipologie... pag. 3 Le aree operative della sala ristorante

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SOMMARIO 1 - Stoccaggio delle derrate 2 - Tecnologie di manipolazione e di cottura 3 - Operazioni

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

Cameriere/a. Ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato. Allegato 2

Cameriere/a. Ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato. Allegato 2 Allegato 2 Ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato Cameriere/a Il profilo professionale Durata e titolo conseguibile Referenziazioni del profilo professionale Quadro formativo

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 09 SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di

Dettagli

IPSEO Sandro Pertini Brindisi

IPSEO Sandro Pertini Brindisi IPSEO Sandro Pertini Brindisi C-5-FSE-2011-161 Apprendimento on the job 1 Costa Mediterranea 24.07.12 06.08.12 Ristorazione itinerante su nave crociera Il gruppo di lavoro Cognome Nome Valentini Roberta

Dettagli

CAMERIERE di sala COMMIS di sala

CAMERIERE di sala COMMIS di sala Progetto TRANSALP Lavoro senza frontiere Scheda di intervista profilo professionale: CAMERIERE di sala COMMIS di sala Rilevazione a cura di Stefania Fosseret Data AGOSTO 2006 Azienda: HOTEL LA GENZIANELLA

Dettagli

Servizio Sala Bar Ai Piani

Servizio Sala Bar Ai Piani Servizio Sala Bar Ai Piani 1. COMPARTO: ALBERGHIERO 2. FASE DI LAVORAZIONE: SERVIZIO AI PIANI BAR - SALA 3. COD.INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO: STRUTTURE MACCHINE IMPIANTI ELETTRICI 5. CODICE DI RISCHIO

Dettagli

Accoglierli al ristorante

Accoglierli al ristorante 8 Accoglierli al ristorante Osservando i comportamenti dei turisti cinesi in Italia negli ultimi dieci anni si vede chiaramente come la maggior parte di loro sia diventata disponibile, ed anzi interessata

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI

Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI DISCIPLINA LABORATORIO DI SERVIZI ENOGASTRONOMICI SETTORE SALA E VENDITA

Dettagli

PREZZI NOLEGGIO MATERIALE ANNO 2015

PREZZI NOLEGGIO MATERIALE ANNO 2015 PREZZI NOLEGGIO MATERIALE ANNO 2015 TIPOLOGIA ARTICOLO SEDIE E TAVOLI 1 Sedia Campanina Oro con battuta Oro 2 Fodera cuscino 0,60 3 Sedia Thonet 2,70 4 Sedia Vimini/midollino con cuscino 5 Seggiolone bambini

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

Definizione di albergo

Definizione di albergo ORGANIZZAZIONE DELL AZIENDA ALBERGHIERA L albergo è una macchina che richiede un organizzazione complessa e personale qualificato: tutto deve girare come un orologio per garantire un servizio all altezza

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione Collettiva ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE)

Gara per la fornitura del Servizio di Ristorazione Collettiva ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) ALLEGATO 4 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA' OPERATIVE PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO Allegato 4 al Capitolato di gestione Capitolato di gestione Pagina 1 di 7 SOMMARIO

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA - DIDATTICA Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera - indirizzo servizi di sala e vendita

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA - DIDATTICA Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera - indirizzo servizi di sala e vendita Istituto d Istruzione Superiore CHINO CHINI Corso Matteotti, 233-50032 Borgo San Lorenzo (Fi) Tel. 055-8459268 Fax 055-8495131 Sito Web: www.chinochini.it E-mail: chino chini@tin.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

Dati relativi al percorso 1 ANNO

Dati relativi al percorso 1 ANNO Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO B.1 Informazioni generali sulla qualifica B.1.1 Indicazioni relative alla figura professionale nazionale di cui all Accordo Stato/Regioni del 29 aprile 2010 Denominazione

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI GRUGLIASCO CIG [ 4 4 4 7 2 8 9 2 F B ]

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI GRUGLIASCO CIG [ 4 4 4 7 2 8 9 2 F B ] PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI RISTORANTI UNIVERSITARI DI GRUGLIASCO CIG [ 4 4 4 7 2 8 9 2 F B ] ALLEGATO N. 1 al Capitolato Speciale d Appalto SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

TARTUFI FRESCHI E SURGELATI

TARTUFI FRESCHI E SURGELATI TARTUFI FRESCHI E SURGELATI tartufi freschi e surgelati Tartufi freschi Disponibili tutto l anno nelle diverse tipologie, in relazione ai diversi periodi di raccolta, i tartufi bianchi, neri, estivi e

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

Regolamento per la partecipazione alle esercitazioni pratiche di laboratorio di Enogastronomia, Sala e Vendita e Accoglienza Turistica

Regolamento per la partecipazione alle esercitazioni pratiche di laboratorio di Enogastronomia, Sala e Vendita e Accoglienza Turistica I.P.S.A.R. LE STREGHE Sede Centrale, Presidenza, Uff. di Segreteria: Via S. Colomba 52/A - 82100 Benevento 0824-363486 Fax 0824-363487 Succursale: Via S. Colomba, 50-0824-362579 0824-361657 Fax 0824-362572

Dettagli

Architettura del Progetto CORSO ENOGASTRONOMIA INDIRIZZO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA

Architettura del Progetto CORSO ENOGASTRONOMIA INDIRIZZO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA Architettura del Progetto CORSO ENOGASTRONOMIA INDIRIZZO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA L indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha lo scopo di far acquisire

Dettagli

TEL: +390108311595 MOBILE: +393393117702 EMAIL: tuttobargenova@gmail.com - info@tuttobargenova.it

TEL: +390108311595 MOBILE: +393393117702 EMAIL: tuttobargenova@gmail.com - info@tuttobargenova.it A TUTTO IL PERSONALE E COLLABORATORI VOUCHER DELL AZIENDA Genova, 1 aprile 2016 Norme di comportamento da tenere sul posto di lavoro per una corretta applicazione delle norme HACCP, per l igiene degli

Dettagli

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 30/11/2002 La Commissione Mensa, viene istituita per esercitare, nell interesse dell utenza e di concerto con l Amministrazione

Dettagli

Libri di base. Pietro Pilotti. SALA, bar MURSIA

Libri di base. Pietro Pilotti. SALA, bar MURSIA Libri di base Pietro Pilotti SALA, bar E vendita MURSIA indice introduzione... 3 SaLa La ristorazione... 5 Cenni di storia della ristorazione... 5 Categorie e tipi di ristorazione... 5 Catering e banqueting...

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*)

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) MESE ANNO G I O R N O 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 REGIONE SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) T C 1 T C 2 T C

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA di Francesca Tammaccaro, Paolo Torresan Sequenza di suoni 1 bollire 2 friggere 3 mescolare 4 accendere il gas 5 versare 6 tagliare 38 Livello principiante Obiettivi: comprendere

Dettagli

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Il cibo può essere "usato" talvolta per allietare i momenti conviviali o per soddisfare il palato. Ma al di fuori di queste occasioni, è importante

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO Schweizerischer Bauernverband Union Suisse des Paysans Unione Svizzera dei Contadini Uniun purila Svizra Laurstrasse 10 5201 Brugg AGORA Association des groupements et organisations romands de l'agriculture

Dettagli

CATALOGO ATTREZZATURE NOLEGGIO 2010. edizione 2010. MONDOEVENTI SNC, VIA MALAGODI 9/A, FANO (PU) info: 338.34.12.011

CATALOGO ATTREZZATURE NOLEGGIO 2010. edizione 2010. MONDOEVENTI SNC, VIA MALAGODI 9/A, FANO (PU) info: 338.34.12.011 edizione 2010 CATALOGO ATTREZZATURE NOLEGGIO 2010 Tutto per la banchettistica, gli allestimenti e la realizzazione di spazi per eventi e ricevimenti MONDOEVENTI SNC, VIA MALAGODI 9/A, FANO (PU) info: 338.34.12.011

Dettagli

agli accessori per tutti i giorni alle occasioni speciali, la lista nozze per essere sempre circondata da cose belle S

agli accessori per tutti i giorni alle occasioni speciali, la lista nozze per essere sempre circondata da cose belle S D agli accessori per tutti i giorni alle occasioni speciali, la lista nozze per essere sempre circondata da cose belle S ERVIZIO PER LE OCCASIONI e non solo in PORCELLANA o BONE CHINA Servizio di piatti

Dettagli

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI Tecnico della Prevenzione Azienda Ulss7 Dott.ssa Carola Lanzilotti Il sistema

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

30.01.01 - Cuochi e assimilati 30.01.02 - Pizzaioli e assimilati

30.01.01 - Cuochi e assimilati 30.01.02 - Pizzaioli e assimilati REGIONE TOSCANA SETTORE FSE E SISTEMA DELLA FORMAZIONE E DELL'ORIENTAMENTO REPERTORIO REGIONALE DELLE FIGURE PROFESSIONALI (RRFP) DETTAGLIO SCHEDA FIGURA PROFESSIONALE Denominazione Figura Addetto all'approvvigionamento

Dettagli

Ricetta Spaghetti al Caffè

Ricetta Spaghetti al Caffè Ricetta Spaghetti al Caffè Per gli appassionati del caffè e della pasta, ecco un accoppiata vincente: gli spaghetti al caffè. Ingredienti per preparare gli spaghetti al caffè: DOSI PER 4/5 PERSONE 400

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

Il Manuale degli Sposi

Il Manuale degli Sposi Il Manuale degli Sposi La guida necessaria, in quattro domande, per organizzare e conoscere tutti i segreti del proprio ricevimento di nozze in Villa Privata. Cosa distingue la Villa Privata da un Ristorante?

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio Istituto Professionale di Stato per i Servizi per l Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Aurelio Saffi Firenze DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA

Dettagli

PACETTI Genova. Proposta di welcome coffee. Caffè espresso Cappuccino Caffè americano Caffè d orzo Latte caldo e freddo

PACETTI Genova. Proposta di welcome coffee. Caffè espresso Cappuccino Caffè americano Caffè d orzo Latte caldo e freddo li 11 giugno 2010 Gentili Signori, a due mesi dalla nostra apertura siamo lieti di inviarvi alcune delle nostre proposte sia per quanto riguarda il servizio di catering presso i Vostri uffici sia per quanto

Dettagli

COLAZIONE TURCA COLAZIONE

COLAZIONE TURCA COLAZIONE COLAZIONE TURCA Descrizione della tradizionale colazione turca. Noi diamo grande importanza alla prima colazione, soprattutto il fine settimana. Una tipica colazione turca è costituita da fette di formaggio

Dettagli

PIEMONTE RISTORANTE UNIVERSITARIO DI VIA PARMA 36, ALESSANDRIA. SERVIZIO DI RISTORAZIONE PER STUDENTI, DOCENTI E DIPENDENTI DEGLI ATENEI

PIEMONTE RISTORANTE UNIVERSITARIO DI VIA PARMA 36, ALESSANDRIA. SERVIZIO DI RISTORAZIONE PER STUDENTI, DOCENTI E DIPENDENTI DEGLI ATENEI PIEMONTE RISTORANTE UNIVERSITARIO DI VIA PARMA 36, ALESSANDRIA. SERVIZIO DI RISTORAZIONE PER STUDENTI, DOCENTI E DIPENDENTI DEGLI ATENEI ALLEGATO N. 7 Al Capitolato Speciale d Oneri Specifiche relative

Dettagli

C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina

C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina DOCENTE: Maria Fatigati Quadro riassuntivo

Dettagli

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N. 5 Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature 1 1 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SALA BAR / ASSE: SCIENTIFICO - TECNOLOGICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MONOENNIO (3 anno) 2009/2 010

DIPARTIMENTO DI SALA BAR / ASSE: SCIENTIFICO - TECNOLOGICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MONOENNIO (3 anno) 2009/2 010 DIPARTIMENTO DI SALA BAR / ASSE: SCIENTIFICO - TECNOLOGICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MONOENNIO (3 anno) 2009/2 010 Competenze L alunno dimostra di saper agire all interno dei reparti di Sala e Bar applicando

Dettagli

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LAGESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato 2 Specifiche tecniche relative alle operazioni di pulizia ordinaria ANNO

Dettagli

Profilo professionale: CAPO CUOCO Livello: 3

Profilo professionale: CAPO CUOCO Livello: 3 Profilo professionale: CAPO CUOCO Livello: 3 C1 C2 C3 C4 C5 C6 C7 Competenze COORDINARE, SUPERVISIONARE E PIANIFICARE TUTTE LE ATTIVITÀ NELL AREA CUCINA. ORGANIZZARE, GUIDARE E COORDINARE I COMPITI PIANIFICARE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE SETTORE: SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE SETTORE: SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE SETTORE: SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA Fonti di legittimazione: D.P.R. 15 marzo 2010, n.87, art. 8, comma 6 L indirizzo Servizi per l enogastronomia

Dettagli

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com HOT DRINKS Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com Prendere & preparare a casa Tè aromatici Tè alle arance e menta Ingredienti per 1 tazza di tè: V arancia 1 rametto di menta fresca 2.5 dl di

Dettagli

La pulizia avviene alla chiusura della giornata. Dopo aver svuotato tutta la vetrina si fa partire lo sbrinamento.

La pulizia avviene alla chiusura della giornata. Dopo aver svuotato tutta la vetrina si fa partire lo sbrinamento. MANUALE OPERATIVO 1) PULIZIA LOCALE VENDITA E LABORATORIO 2) PRODUZIONE CON DESCRIZIONE MACCHINARI 3) MAGAZZINO ( STOCCAGGIO E RICEZIONE ) 4) VENDITA 5) UTILIZZO FREEZER 6) MATERIALE OPERATIVO 7) ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

il Self-Service Fit System

il Self-Service Fit System il Self-Service Fit System 2 Fit System soluzioni per la ristorazione alimentare moderna Il mondo della ristorazione moderna si è evoluto anche grazie al contributo del Sistema Zanussi Professional. Tutti

Dettagli

Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio

Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio 1)i prodotti alimentari L approviggionamento a) la qualità dei prodotti alimentari la qualità certificata b) i nuovi prodotti

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Associazione Italiana Barmen E Sostenitori. Regolamento Concorso Nazionale 2012 PUNTO 1

Associazione Italiana Barmen E Sostenitori. Regolamento Concorso Nazionale 2012 PUNTO 1 Associazione Italiana Barmen E Sostenitori Regolamento Concorso Nazionale 2012 PUNTO 1 Ogni concorrente dovrà inviare la propria ricetta in tempo utile, comunque entro e non oltre il 30 Agosto 2012, pena

Dettagli

In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino.

In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino. In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino. La collaborazione inizia all'imbarco, l'equipaggio sarà infatti chiamato

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni La prevenzione in ambiente domestico NOVARA, 29 settembre 2012 BORGOMANERO, 13 ottobre 2012 Dott.ssa Silvana Pitrolo SIAN ASL NO Ricadute sulla

Dettagli

l lavoro del bar si caratterizza per lo stretto contatto con la clientela, e ciò richiede una particolare predisposizione e sensibilità nel trattare

l lavoro del bar si caratterizza per lo stretto contatto con la clientela, e ciò richiede una particolare predisposizione e sensibilità nel trattare Lavorare nel bar l lavoro del bar si caratterizza per lo stretto contatto con la clientela, e ciò richiede una particolare predisposizione e sensibilità nel trattare le persone. Requisito essenziale del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI ENOGASTRONOMIA E SALA

REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI ENOGASTRONOMIA E SALA ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, DELL ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA Luigi Einaudi 88046 LAMEZIA TERME CZ partner REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI ENOGASTRONOMIA E SALA

Dettagli

Le ricette dell I.I.S. B. Scappi di Castel S. Pietro Terme (BO)

Le ricette dell I.I.S. B. Scappi di Castel S. Pietro Terme (BO) 1 Allievi e insegnanti dell Istituto Alberghiero Bartolomeo Scappi di Castel S. Pietro Terme (BO) hanno elaborato per questa dispensa il fascicoletto di ricette senza fuoco che di seguito si riporta. Un

Dettagli

IIS E. RUFFINI - AICARDI

IIS E. RUFFINI - AICARDI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE Anno scolastico 2015/2016 DOCENTE Stefano Sancassani PREMESSA Il presente elaborato rappresenta un estratto della relazione sulla programmazione quinquennale della materia di

Dettagli

W Üx Âf ÄÉ iézä ÉÊ tä ctü~ [ÉàxÄ \ÅÑxÜtàÉÜx TwÜ tçé

W Üx Âf ÄÉ iézä ÉÊ tä ctü~ [ÉàxÄ \ÅÑxÜtàÉÜx TwÜ tçé W Üx Âf ÄÉ iézä ÉÊ tä ctü~ [ÉàxÄ \ÅÑxÜtàÉÜx TwÜ tçé Il Vostro ricevimento nuziale classico ed elegante, nel segno della migliore tradizione culinaria, grazie ad un Servizio da sempre vicino alle esigenze

Dettagli

ANTIPASTI. Prendere & gustare. Antipasti italiani da preparare in casa. marche-restaurants.com

ANTIPASTI. Prendere & gustare. Antipasti italiani da preparare in casa. marche-restaurants.com ANTIPASTI Antipasti italiani da preparare in casa Prendere & gustare marche-restaurants.com Funghi ripieni 200 gr. Champignon giganti, marroni o bianchi 10 gr. Prezzemolo in foglia 1 Uovo fresco 25 gr.

Dettagli

INVENTARIO PRESUNTIVO DELLE ATTREZZATURE ESISTENTI PRESSO LA CUCINA DELL ASILO NIDO COMUNALE ALDO MORO DI CADONEGHE

INVENTARIO PRESUNTIVO DELLE ATTREZZATURE ESISTENTI PRESSO LA CUCINA DELL ASILO NIDO COMUNALE ALDO MORO DI CADONEGHE INVENTARIO PRESUNTIVO DELLE ATTREZZATURE ESISTENTI PRESSO LA CUCINA DELL ASILO NIDO COMUNALE ALDO MORO DI CADONEGHE ARREDI N. 1 cucina a gas Luxia, 6 fuochi, 120x90 + 1 forno con 1 griglia 2 piastre cottura

Dettagli

MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia

MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia Mattonella di puro Sale dolce di Cervia ideale per la cottura a caldo o per preparazioni a freddo delle pietanze. Il sale della millenaria Salina di Cervia

Dettagli

Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA

Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA GRUPPO DI LAVORO Alberto Luca Somaschini Luca Mussi Ulmini Nicola DOSI E INGREDIENTI PER 4 PERSONE 250 gr di yogurt naturale biologico (n 2 vasetti piccoli) 100 gr di

Dettagli

COGNOME: NOME: cittadinanza: nato a ( ) il / / residente nel comune di ( ) CAP via/piazza n codice fiscale tel. fax e-mail

COGNOME: NOME: cittadinanza: nato a ( ) il / / residente nel comune di ( ) CAP via/piazza n codice fiscale tel. fax e-mail Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per l Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE per conoscenza al Comune di. triplice copia Oggetto: comunicazione manifestazione

Dettagli

asciugatura. e il corretto uso 1. Come fare e organizzare il Classario 2. La professione del settore cucina e principali sbocchi professionali.

asciugatura. e il corretto uso 1. Come fare e organizzare il Classario 2. La professione del settore cucina e principali sbocchi professionali. 1. Come fare e organizzare il Classario 2. La professione del settore cucina e principali sbocchi professionali. 3. Etica professionale e buone regole di comportamento professionale e non professionale.

Dettagli

VetrinaLavoro. Esempi annunci lavoro nel settore turistico

VetrinaLavoro. Esempi annunci lavoro nel settore turistico Esempi annunci lavoro nel settore turistico vembre 2015 Premessa Ad integrazione della Guida alla pubblicazione degli annunci sulla Vetrina Lavoro dell Agenzia regionale per il lavoro si propongono a titolo

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli