Linee guida e metodi di indagine e campionamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida e metodi di indagine e campionamento"

Transcript

1 Linee guida e metodi di indagine e campionamento Genzano 15 Marzo 2013 Maria Luisa Ricci Laboratorio Nazionale di Riferimento per legionelle Dipar9mento di Mala:e Infe:ve Parassitarie ed Immunomediate Is9tuto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità

2 Linee guida italiane Insieme di informazioni aggiornate su : Epidemiologia e sorveglianza Diagnosi clinica ed ambientale e rela2ve procedure Valutazione, ges2one e comunicazione del rischio Terapia Quasi tuc i paesi europei ed extraeuropei hanno emanato delle linee guida (in Italia la Lombardia, il Piemonte e l Emilia Romagna, Molise ne hanno prodoie anche di proprie). Consultabili nel sito nazionali/registro nazionale della legionellosi

3 Linee guida italiane In Italia, a tui oggi sono sta2 emana2 dal Ministero della Salute 3 documen2 : Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi G.U. N. 103 del 5 maggio 2000 Linee guida recan2 indicazioni per gestori di struiure turis2co- rececve e termali G.U. N. 28 del 4 febbraio 2005 Linee guida recan2 indicazioni ai laboratori con acvità di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi G.U. N. 29 del 5 febbraio 2005

4 Decreto no.81 del 9 Aprile 2008 e successive modifiche In questo decreto Legionella pneumophila e Legionella spp sono presen2 come rischio per i lavoratori, e sono classificate nel gruppo di rischio 2, ossia: Un agente che può causare malace in soggec umani e cos2tuire un rischio per i lavoratori; è poco probabile che si propaghi nella comunità; sono di norma disponibili efficaci misure profilacche o terapeu2che. Pertanto, sulla base di quanto definito all Art. 271, il Datore di Lavoro ha l obbligo di valutare il rischio legionellosi presso ciascun sito di sua responsabilità. Per l adozione delle misure protecve, preven2ve, tecniche, organizza2ve, procedurali ed igieniche idonee, si deve fare riferimento a quanto definito nelle presen2 Linee guida.

5 Linee Guida Italiane Linee guida per la definizione di protocolli tecnici di manutenzione predittiva sugli impianti di climatizzazione (G.U. n. 256 del 3 novembre del 2006).

6 Linee Guida Europee ed OMS European Guidelines for Control and Prevention of Travel Associated Legionnaires Disease Adottate dal 1 Luglio 2002 Approvate dalla EC nel Giugno 2003 AGGIORNATE NEL SETTEMBRE Pubblicate nel 2007

7 Obblighi e responsabilità L adempimento delle norme per la prevenzione ed il controllo della legionellosi, non sono un obbligo per i responsabile di una struiura, tuiavia non lo esime dalle responsabilità ineren9 alla tutela del diriho alla salute di chi frequenta il sito (lavoratore, cliente, paziente, etc) o da chi comunque può essere infehato da un disposi9vo non adeguatamente controllato (es infezioni causate da torri di raffreddamento, o altri disposi9vi) Infa:. In assenza di una norma9va tecnica specifica, una linea guida ha lo stesso valore di una legge. (R. Guariniello Lezione Magistrale al Convegno 30 anni di Legionella, Milano, 12 giugno 2007)

8 Come mantenere la struiura turis2co- rececva in buono stato di salute? LINEE GUIDA recan2 indicazioni sulla Legionellosi per i GESTORI DI STRUTTURE TURISTICO RICETTIVE E TERMALI G.U. N. 28 del 4 febbraio 2005 u Elementi di giudizio per la valutazione del Rischio u Norme di comportamento per la riduzione al minimo tale Rischio

9 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Misure di prevenzione per la riduzione del rischio. Strumento fondamentale da utilizzare per assicurare una riduzione del rischio di legionellosi, lo non e' il controllo di laboratorio routinario, ma l'adozione di misure preventive, basate sull'analisi del rischio costantemente aggiornata. Di conseguenza tutti i gestori di strutture recettive devono garantire l'attuazione delle seguenti misure di controllo, alcune delle quali devono essere effettuate da personale opportunamente addestrato, che indossi, soprattutto per quelle operazioni che generano aerosol, idonei dispositivi di protezione individuale:

10 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Nomina di un responsabile. Ogni struiura turis2co- rececva deve individuare una persona responsabile per l'iden2ficazione e la valutazione del rischio potenziale di infezione, che sia esperto* e che comprenda l'importanza della prevenzione e dell'applicazione delle misure di controllo. * Cosa vuol dire esperto?

11 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Ispezione della struttura. u Analisi di uno schema aggiornato (se disponibile) dell'impianto, per individuarne i punti critici. u Accuratezza dell ispezione per poter evidenziare eventuali fonti di rischio e valutare l'intero impianto, non solamente i singoli componenti. u Valutazione dell'uso delle varie sezioni o parti dell'impianto, alla ricerca di bracci morti o comunque soggetti a ristagno di acqua a un suo defluire intermittente. u Valutare l'utilizzo delle differenti aree o della struttura, in funzione di una loro possibile bassa occupazione, che potrebbe favorire la proliferazione del batterio.

12 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Fattori da considerare quando si effettua una valutazione del rischio: A. fonte di approvvigionamento dell'acqua dall'impianto; B. possibili punti di contaminazione dell'acqua all'interno dell'edificio; C. caratteristiche di normale funzionamento dell'impianto; D. condizioni di funzionamento non usuali, ma ragionevolmente prevedibili (es.: rotture); E. prese d'aria per gli edifici (che non dovrebbero essere situate vicino agli scarichi delle torri di raffreddamento).

13 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? FaIori di rischio. 1. la presenza e la carica di Legionella; 2. condizioni ideali per la mol2plicazione del microrganismo (ad esempio: temperatura compresa tra 20 e 50 C, presenza di una fonte di nutrimento come alghe, calcare, ruggine o altro materiale organico); 3. la presenza di tubature con flusso d'acqua minimo o assente; l'u2lizzo di gomma e fibre naturali per guarnizioni e disposi2vi di tenuta; 4. la presenza di impian2 in grado di formare un aerosol capace di veicolare la legionella (un rubineio, un nebulizzatore, una doccia, una torre di raffreddamento, ecc.); 5. la presenza (e il numero) di soggec sensibili per abitudini par2colari (es. fumatori) o caraieris2che peculiari (eta', patologie croniche, ecc.).

14 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Periodicità della valutazione del rischio L'analisi del rischio deve essere effeiuata regolarmente (almeno ogni 2 anni) e ogni volta che ci sia mo2vo di pensare che la situazione si sia modificata. L'analisi deve, comunque, essere rifaia ad ogni segnalazione di un possibile caso di legionellosi.

15 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Registro degli interven2. Ogni struiura turis2co- rececva deve is2tuire un registro per la documentazione degli interven2 di valutazione del rischio e di manutenzione, ordinari e straordinari, sugli impian2 idrici e di clima2zzazione. TuC gli interven2 devono essere approva2 e firma2 dal responsabile.

16 Misure di prevenzione per la riduzione del Rischio 1.Mantenere l acqua calda costantemente a temperatura > 50 C; 2.Mantenere l acqua fredda costantemente a temperatura < 20 C o usare un sistema di disinfezione.

17 3.Fare scorrere l acqua (calda e fredda) da rubine: e docce di camere non occupate, per alcuni minu9 1 VOLTA/ SETTIMANA (e sempre prima che le camere vengano occupate). 4.Mantenere puli9 e privi di incrostazioni: - DOCCE - DIFFUSORI - RUBINETTI

18 5. Pulire e disinfeiare almeno 2 VOLTE/ANNO le TORRI DI RAFFREDDAMENTO delle unità di condizionamento d aria

19 6. Svuotare, disincrostare e disinfettare i SERBATOI di accumulo dell acqua calda almeno 2 VOLTE/ANNO; 7.Disinfettare il circuito dell acqua calda con CLORO (50 ppm o 20 ppm) rispettivamente per 1 o 2 ore, dopo gli interventi sugli scambiatori di calore e all inizio della stagione turistica;

20 8. Pulire e DisinfeIare tuc i FILTRI dell acqua ogni 1-3 MESI; 9. Ispezionare mensilmente i serbatoi dell'acqua, le torri di raffreddamento e le tubature visibili. Accertarsi che tuie le coperture siano intaie e correiamente posizionate.

21 10. se possibile, ispezionare l'interno dei serbatoi d'acqua fredda, e comunque disinfettare almeno una volta l'anno con 50 mg/l di cloro per un'ora. Nel caso ci siano depositi o sporcizia, provvedere prima alla pulizia. La stessa operazione deve essere effettuata a fronte di lavori che possono aver dato luogo a contaminazioni o a un possibile ingresso di acqua non potabile;

22 11. Accertarsi che eventuali modifiche apportate all'impianto, oppure nuove installazioni, non creino bracci mor9 o tubature con assenza di flusso dell'acqua o flusso intermihente. 12. Ogni qualvolta si proceda a operazioni di bonifica, occorre accertarsi che subiscano il trahamento di bonifica anche: bracci mor9 cos9tui9 dalle tubazioni di spurgo o prelievo, le valvole di sovrappressione e i rubine: di bypass presen9 sugli impian9;

23 13. In presenza di attrezzature per idromassaggio, occorre assicurarsi che le stesse siano sottoposte al controllo da personale esperto, che deve provvedere alla effettuazione e alla registrazione delle operazioni di pulizia e di corretta prassi igienica come: sostituire almeno meta' della massa di acqua ogni giorno;trattare continuamente l'acqua con 2-3mg/l di cloro; Pulire e risciacquare giornalmente i filtri per la sabbia; controllare almeno tre volte al giorno la temperatura e la concentrazione del cloro; (ed anche il ph!) Assicurare una operazione di disinfezione accurata almeno una volta a secmana.

24 Misure da porre in aio in presenza di rischio. Se in una struttura turistico-recettiva si evidenzia la presenza di un potenziale rischio (es.: la temperatura dell'acqua calda e inferiore a quella raccomandata; la concentrazione di disinfettante non raggiunge il livello necessario per l'abbattimento della carica batterica; o altro).si deve effettuare un campionamento dell'acqua per la ricerca di Legionella, in un numero di siti che sia rappresentativo di tutto l'impianto idrico, e comunque non inferiore a sei.

25 Misure da porre in aio in presenza di rischio I SITI DA CAMPIONARE SONO: RETE ACQUA CALDA Base del serbatoio Ricircolo Almeno 2 siti di erogazione lontani dal serbatoio (docce, rubinetti) RETE ACQUA FREDDA Serbatoio, possibilmente alla base Punto più distale dal serbatoio

26 Esiti del campionamento Se nega9vo : e non è possibile adohare le misure di controllo, campionare ogni mese x 6 mesi Se posi2vo: MeHere in aho le misure di controllo

27 Tipi di intervento secondo la concentrazione di legionella in UFC/L IMPIANTI IDRICI < 100 NESSUN INTERVENTO Verificare che siano in atto misure di controllo (bonifica in caso di terme) In assenza di casi verificare le misure di controllo ed eseguire la valutazione del rischio In presenza di casi rivedere le misure di controllo ed eseguire BONIFICA >10000 Contaminazione importante!! BONIFICARE l efficacia. immediatamente verificandone periodicamente

28 TIPI DI INTERVENTO SECONDO LA CONCENTRAZIONE DI LEGIONELLA IN UFC/L TORRI DI RAFFREDDAMENTO < 1000 NESSUN INTERVENTO In assenza di casi verificare le misure di controllo ed eseguire valutazione del rischio In presenza di casi rivedere le misure di controllo ed eseguire BONIFICA >10000 Contaminazione importante!! BONIFICARE immediatamente verificandone periodicamente l efficacia.

29 STRUTTURE TERMALI 29 Sono tra i luoghi più favorevoli all insorgenza della Legionellosi: Ø Ø Ø frequentate da soggetti a rischio favoriscono l esposizione diretta di aerosol prodotti da piscine e vasche per idromassaggio le acque spesso sgorgano ad una temperatura ideale per la moltiplicazione della Legionella OGNI 6 MESI eseguire la ricerca di Legionella e ogni qual volta vi sia ripresa dell attività dopo la chiusura stagionale ESEGUIRE SEMPRE LE MISURE DI CONTROLLO ESEGUIRE SEMPRE LA BONIFICA se il campionamento ambientale rilevi concentrazione > 100 ufc/l

30 1.Attenersi alle misure di prevenzione 1.Effettuare interventi strutturali per rimuovere i FR 2.Eseguire bonifica (in base alla concentrazione!!!) 3.Valutare efficacia della bonifica 4.Attenersi alle misure di prevenzione 1.Effettuare interventi strutturali per rimuovere i FR 2.Atteneresi alle misure di prevenzione 3. Ripetere i campionamenti

31 Laboratori Regionali di Riferimento Linee guida recanti indicazioni per i laboratori con attività di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi. G.U. N. 29 del 5 febbraio 2005 Le linee guida europee sono state il grande input anche per la cos2tuzione di una rete di laboratori di riferimento regionali con lo scopo di assicurare qualità ed efficienza dei laboratori operan2 nel controllo ambientale della legionellosi 6/11/2010 Maria Luisa Ricci

32 Laboratori Regionali di Riferimento Cos9tuzione di una rete di laboratori di riferimento al fine di: 1. Tutelare la salute pubblica; 2. Tutelare l economia turis9ca del nostro Paese, ed evitare implicazioni legali ai responsabili delle struhure turis9co- rece:ve. 6/11/2010 Maria Luisa Ricci

33 Laboratori Regionali di Riferimento Presenti nella maggior parte delle regioni nelle ARPA, nei Laboratori Universitari e nei Laboratori di sanità pubblica.

34 LABORATORI CON ATTIVITÀ DI DIAGNOSI MICROBIOLOGICA Laboratori Regionali E CONTROLLO AMBIENTALE DELLA LEGIONELLOSI di Riferimento 1.Laboratori di Base 2.Laboratori Regionali di Riferimento 3. Laboratorio Nazionale di Riferimento 6/10/2010 Maria Luisa Ricci

35 Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi Il documento riunisce, aggiorna e integra in un unico testo tuie le indicazioni riportate nelle preceden2 linee guida nazionali pertanto esso, le sos2tuisce integralmente. Elaborate da un gruppo di lavoro mul2disciplinare convocato dal Dipar2mento di Prevenzione del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Poli2che Sociali. 1. Parte generale 2. Allegati

36 Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi Ø Ø Ø Ø Ø Ø Ø ASPETTI GENERALI; SORVEGLIANZA E INDAGINE EPIDEMIOLOGICA; VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO NELLE STRUTTURE TURISTICO-RECETTIVE; VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO NELLE STRUTTURE SANITARIE; METODI DI PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA CONTAMINAZIONE DEL SISTEMA IDRICO; INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE, LA REALIZZAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI; RISCHIO LEGIONELLOSI ASSOCIATO AD ATTIVITÀ PROFESSIONALE.

37 Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi nuovo u Allegato 1: Specie e sierogruppi di Legionellau u Allegato 2: Ricerca di Legionella in campioni di origine umana u Allegato 3: Campionamento di matrici ambientali per la ricerca di nuovo Legionella u Allegato 4: Ricerca e quantificazione di Legionella in campioni ambientali u Allegato 5: Identificazione e conservazione di Legionella nuovo u Allegato 6: Ricerca di Legionella in campioni ambientali mediante Real Time PCR u Allegato 7: Revisione Circolare 400.2/9/5708 del 29/12/93 e nuova scheda di sorveglianza nuovo u Allegato 8: Elenco dei laboratori di riferimento regionale nuovo u Allegato 9: Modulo A ELDSNet u Allegato 10: Modulo B ELSDNet u Allegato 11: Questionario per l indagine di focolai epidemici nuovo u Allegato 12: Lista di Controllo. Sopralluogo di Valutazione del rischio legionellosi

38 Conclusioni Il controllo della contaminazione da Legionella negli impian2 è il risultato di interven2 integra2 che coinvolgono progecs2, gestori, tecnici, manutentori, esper2 di microbiologia e sanità pubblica. Fondamentale è l informazione e la formazione degli operatori e la collaborazione tra competenze diverse, ma complementari.

39 Conclusioni Legionella è un microrganismo ubiquitario nell ambente e molto resistente a trattamenti di disinfezione. La sua eradicazione è quasi impossibile, considerando tutte le strategie che ha sviluppato per sfuggire alle avversità dell ambiente esterno. Si può tuttavia contenere la carica a livelli molto bassi di rischio, adottando le procedure indicate nelle linee guida. La prevenzione, in questa come in altre malattie infettive, è molto importante e questo è l approccio seguito del nostro Ministero della Salute per contenere il rischio di infezioni spesso fatali o invalidanti. In ultimo, fattore non trascurabile, sono da tener presenti anche gli aspetti negativi relativi alle possibili implicazioni legali, economiche e di immagine sia per i nosocomi che per le strutture turistico-recettive e termali.

40 Metodi di indagine e campionamento Una volta effettuato il sopralluogo della struttura, si può procedere al campionamento IMPORTANTE!!! Un campionamento corretto è di fondamentale importanza per ottenere l analisi corretta di un campione per la ricerca di Legionella. Istituto Superiore di Sanità

41 Metodi di indagine e campionamento Prima di iniziare un indagine ambientale si devono raccogliere informazioni sull impianto idrico e di climatizzazione Mappa dell impianto (quando esistente); conduttura principale di rifornimento dell acqua; serbatoi d acqua calda e fredda; bracci morti, zone con stagnazione, camere non utilizzate; Vetustà e composizione dell impianto; Collocazione dell impianto di climatizzazione e delle relative uscite; Si deve richiedere, al responsabile dell edificio, il registro di manutenzione con tutti gli interventi ordinari e straordinari effettuati sugli impianti. Se questo non dovesse esistere prendere informazioni su eventuali lavori svolti o su interventi di bonifica effettuati. Istituto Superiore di Sanità

42 Metodi di indagine e campionamento Quando campionare? Ø Se l analisi del rischio riporta un esito posi2vo (ad es quando la temperatura è inferiore al valore raccomandato che deve essere > di 50 C); Ø Impossibilità di adoiare misure di controllo; Ø Per controllare l efficacia di misure di controllo; Ø Per verificare l efficacia di un nuovo sistema di bonifica Ø Alla riapertura di struiura turis2co- rececva e termale; Ø Torri di raffreddamento che sono in esercizio (almeno 2-4 volte l anno); Ø Vasche di idromassaggio. Istituto Superiore di Sanità

43 Metodi di indagine e campionamento Chi deve fare il campionamento? Personale qualificato (elemento questo su cui concordano tuhe le linee guida) che: 1. Conosca l ecologia di legionella e dei fahori che ne favoriscono la sopravvivenza e la crescita; 2. Conosca come si effehua la valutazione del rischio; 3. Conosca gli elemen9 di base del campionamento microbiologico, in par9colare il conceho di sterilità. Istituto Superiore di Sanità

44 Metodi di indagine e campionamento Misure di sicurezza per gli operatori Il tecnico che raccoglie i campioni non dovrebbe appartenere ad una categoria a rischio (persone che sono soioposte a traiamento con cor2costeroidi,che abbiano affezioni croniche a carico dell apparato respiratorio, diabe2ci, etc) Indossare Disposi2vi di Protezione Individuale (guan2, maschere, occhiali protecvi); Minimizzare la formazione di aerosol facendo scorrere l acqua delicatamente; Evitare l esposizione ad aerosol; Le torri di raffreddamento dovrebbero essere spente 20 prima di effeiuare il campionamento. Istituto Superiore di Sanità

45 Metodi di indagine e campionamento Materiale occorrente Disposi9vi di protezione individuale Schema dove registrare i deiagli del campionamento effeiuato Bo:glie sterili (1-5 L) con 9osolfato di sodio allo 0,01%, o con EDTA a 10mg/L; Tamponi sterili; ProveHe con 2-5 ml di acqua sterile; DisinfeHante :etanolo al 70% v/v, propanolo al 70% v/v, ipoclorito di sodio al 10%; Termometro; Pennarelli resisten2 all acqua o e2cheie; Buste di plas2ca sterili; Pinze sterili; Elas9ci; Forbici; Borsa per il trasporto refrigerato dei campioni Macchina fotografica Istituto Superiore di Sanità

46 Metodi di indagine e campionamento Campionamento dell acqua fredda (quando è superiore ai 20 C) Pun2 più caldi (perché dispos2 vicino ad una fonte di calore o perché con2gui al sistema dell acqua calda);. In ogni caso nelle aree ad alto rischio in un ospedale. Quan9 campioni? Il campionamento dovrebbe essere rappresentativo di tutto il sistema in quel momento, il numero minimo è 6, come precedentemente indicato; Punti maggiormente colonizzati (come si evince dal sopralluogo effettuato e dalla conseguente analisi del rischio). Si dovrebbe inoltre campionare nelle condizioni in cui si sono verificati i casi (in genere le peggiori), ovvero: concentrazione minima di biocida e/o bassa temperatura dell acqua calda; Istituto Superiore di Sanità

47 Metodi di indagine e campionamento Cosa campionare? Acqua, del circuito dell acqua calda ed eventualmente anche fredda (quando la temperatura è superiore a 20 C); Acqua dei bacini di raccolta delle torri di raffreddamento; Acqua delle vasche idromassaggio; Acqua di condensa e filtri degli impianti di condizionamento; Acqua dei nebulizzatori e dei dispositivi della respirazione; assistita; Acqua di fontane, soprattutto quelle interne. Incrostazioni e biofilm, diffusori delle docce, rompigetto dei rubinetti,tubi flessibili delle docce, bacini di raccolta delle torri, serbatoi, vasche idromassaggio, filtri, fontane, etc; Depositi dei serbatoi di accumulo Istituto Superiore di Sanità

48 Metodi di indagine e campionamento Dove effettuare il campionamento nelle torri di raffreddamento Nei bacini di raccolta dell acqua tenendosi lontani dal punto di immissione dell acqua (galleggiante) Interfaccia acqua/aria (tamponi) Istituto Superiore di Sanità

49 Metodi di indagine e campionamento Come campionare Secondo il protocollo analitico delle linee guida del 2000: Senza flussaggio e senza flambare Per la ricerca di legionella in un impianto idrico in condizioni di utilizzo comune, prelevare preferibilmente dal circuito dell acqua calda, senza flambare al punto di sbocco senza far scorrere precedentemente l acqua. Con flussaggio e flambatura Per la ricerca quantitativa di legionella all interno dell impianto, flussare l acqua per 5-10 minuti, flambando allo sbocco. Misurare la temperatura mentre avviene il flussaggio dell acqua. Istituto Superiore di Sanità

50 Metodi di indagine e campionamento Importante! Evitare la cross-contaminazione cambiando guanti ad ogni prelievo; Sterilizzando i termometri ogni volta che viene effettuata una misurazione (con alcool propilico, etilico o ipoclorito di sodio) oppure, utilizzare un recipiente a parte per misurare la temperatura. Istituto Superiore di Sanità

51 Metodi di indagine e campionamento Conservazione dei campioni Nel trasporto i campioni devono essere protetti dalla luce e dal calore e mantenerli ad una temperatura di ambiente se analizzati entro le 24 h; Nel caso in cui non sia possibile eseguire l analisi entro 24 h, conservare a 5 ± 3 C per un tempo che non dovrebbe eccedere 2 gg. Ciò riduce il recupero di Legionella poiché può indurre lo stato di non-coltivabilità ma evita la moltiplicazione di altra flora microbica. Istituto Superiore di Sanità

52 Metodi di indagine e campionamento L aria non umidificata generalmente non è fonte di legionelle; Diversamente, l aria proveniente dalle torri di raffreddamento o dagli umidificatori adiabatici può contenere Legionella anche in elevate concentrazioni; Il campionamento in questi casi richiede il prelievo di almeno 1m 3, utilizzando il SAS (Surface Air System, PBI international), ed il risultato si esprimerà in UFC/m 3 Istituto Superiore di Sanità

53 Metodi di indagine e campionamento CONCLUSIONI La rilevazione di Legionella in campioni d acqua dovrebbe dare un indicazione del grado di contaminazione della matrice che si è andati a campionare. In relazione ai risultati ottenuti si devono adottare le più appropriate misure di controllo per evitare il rischio di diffusione di Legionella,.anche se la concentrazione ritenuta a rischio per l infezione nell uomo rimane ancora una questione dibattuta. Infatti la possibilità di contrarre l infezione dipende, a parità di dose, da molteplici fattori: la virulenza dello stipite batterico, la suscettibilità dell ospite,il tempo di esposizione, la distanza dalla fonte di trasmissione. Istituto Superiore di Sanità

DATI GENERALI DELL AZIENDA

DATI GENERALI DELL AZIENDA Dipartimento di Sanità Pubblica Area Dipartimentale Sanità Pubblica DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER ANZIANI Redatto sulla base

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE. Dott.ssa Laura Origone

ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE. Dott.ssa Laura Origone ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE Dott.ssa Laura Origone 1 Introduzione COSA DEVO FARE PER PREVENIRE, CONTROLLARE O ELIMINARE LA

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005

Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005 Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 13 gennaio 2005 Accordo, ai sensi dell'articolo

Dettagli

Linee guida italiane ed europee per la prevenzione della legionellosi

Linee guida italiane ed europee per la prevenzione della legionellosi Linee guida italiane ed europee per la prevenzione della legionellosi Maria Luisa Ricci * Laboratorio Nazionale di Riferimento per le Legionelle Dipartimento Malattie Infettive Parassitarie ed Immunomediate

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI Redatto sulla base delle Linee Giuda per la sorveglianza e il controllo della legionellosi, approvate con

Dettagli

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Divisione medicina del lavoro suva Versione agosto 2011 Factsheet Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Irène Kunz, Marcel Jost Agente patogeno Legionella pneumophila è l agente

Dettagli

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI Denominazione struttura Indirizzo Gestita da Direttore sanitario Autorizzazione rilasciata dal Comune di in data atto n. REQUISITI GENERALI REQUISITI STRUTTURALI SICUREZZA

Dettagli

1. LA LEGIONELLA: PERCHE?

1. LA LEGIONELLA: PERCHE? 1. LA LEGIONELLA: PERCHE? L infezione da legionella da luogo a due distinti quadri clinici: 1. La Febbre di Pontiac, simile all influenza, (periodo di incubazione di 24-48 ore) si manifesta in forma acuta

Dettagli

Legionella: ecologia microbica e contaminazione ambientale

Legionella: ecologia microbica e contaminazione ambientale Legionella: ecologia microbica e contaminazione ambientale Gloria Bandettini - U.O. Biologia di Base Dipartimento Regionale Laboratori Servizio Laboratorio Provinciale di Padova 1 Legionella: classificazione

Dettagli

Quadro normativo di riferimento

Quadro normativo di riferimento La Valutazione del Rischio da legionella nei luoghi di lavoro Quadro normativo di riferimento a cura di Alberto Verardo 27 aprile 2011 Auditorium Confindustria Genova Via San Vincenzo 2a - Genova SALUTE

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Procedura per il controllo della Legionella spp nelle acque di rete

Procedura per il controllo della Legionella spp nelle acque di rete Pagina 1 di 9 Procedura per il controllo della Legionella spp nelle acque di rete REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 1.0 10/12/03 Dott. Daniele Lenzi IP Guglielmo Lattanzi IP Simonella Brandani IP

Dettagli

Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella

Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella Relatori Resp. Settore Civile Adriano Stecher Resp. Ufficio Tecnico Francesco Repetto La legionellosi è una grave forma di polmonite

Dettagli

Manifestazione della malattia. GLI IMPIANTI AERAULICI: IL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE Roma, 24 ottobre 2008

Manifestazione della malattia. GLI IMPIANTI AERAULICI: IL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE Roma, 24 ottobre 2008 GLI IMPIANTI AERAULICI: IL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE Roma, 24 ottobre 2008 Prof. Ing ANNA MAGRINI Professore Ordinario di Fisica Tecnica Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale, Università di

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto idrico sanitario può essere fonte di danni alle

Dettagli

Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia

Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia La nostra esperienza per la salute della collettività S.R.L. è nata per soddisfare la crescente richiesta di interventi di bonifica ambientale in campo

Dettagli

Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici

Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici Ing. Sergio La Mura Direttore Tecnico - Ricerca & Innovazione CORSO

Dettagli

Nuove linee guida e nuove soluzioni antilegionella. Regolatori termostatici Cassette di derivazione. giugno 2006

Nuove linee guida e nuove soluzioni antilegionella. Regolatori termostatici Cassette di derivazione. giugno 2006 giugno 2006 30 PUBBLICAZIONE PERIODICA DI INFORMAZIONE TECNICO-PROFESSIONALE Regolatori termostatici Cassette di derivazione SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE PUBBLICITÀ 70% - FILIALE DI NOVARA Nuove linee

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

Il Monitoraggio delle legionellosi nelle Strutture recettive

Il Monitoraggio delle legionellosi nelle Strutture recettive Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica Il Monitoraggio delle legionellosi nelle Strutture recettive Paola Borella, Professore Ordinario di Igiene Direttore Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina

Dettagli

Tecniche di risanamento e sistemi di trattamento anti-legionella

Tecniche di risanamento e sistemi di trattamento anti-legionella CONVEGNO Mercoledì 9 marzo 2011 TRATTAMENTI ANTILEGIONELLA I recenti sviluppi normativi, le soluzioni, le tecnologie e la manutenzione degli impianti idrico sanitari Tecniche di risanamento e sistemi di

Dettagli

SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI

SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI INTERVENTI TECNICO PROGETTUALI SUI CIRCUITI IDRO-AERAULICI CESARE TADDIA - PROGETTISTI ASSOCIATI S.P.A. MILANO FATTORI DI TRASMISSIONE E

Dettagli

La sorveglianza ed il controllo della legionellosi: le linee guida regionali

La sorveglianza ed il controllo della legionellosi: le linee guida regionali La sorveglianza ed il controllo della legionellosi: le linee guida regionali Fidenza 15 novembre 2008 LA SORVEGLIANZA ED IL CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE NOSOCOMIALI La legionellosi è stata

Dettagli

sulla prevenzione e sul controllo della contaminazione da Legionella spp

sulla prevenzione e sul controllo della contaminazione da Legionella spp Giornata di studio sulla prevenzione e sul controllo della contaminazione da Legionella spp venerdì 3 dicembre 2010 www.lachimer.it OBIETTIVO Sensibilizzare sulla problematica legionella attraverso l informazione

Dettagli

LABORATORI ANALYSIS. L elenco delle prove accreditate è disponibile sul sito www.accredia.it

LABORATORI ANALYSIS. L elenco delle prove accreditate è disponibile sul sito www.accredia.it LABORATORI ANALYSIS La società Laboratori Analysis S.r.l., nasce a Pinerolo (TO) nella metà degli anni novanta, dall unione di più professionisti aventi consolidata esperienza nei settori dell ambiente,

Dettagli

COMUNE DI ZAVATTARELLO

COMUNE DI ZAVATTARELLO M COMUNE DI ZAVATTARELLO PROVINCIA DI PAVIA MANUALE DI ESERCIZIO E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE 1 INDICE Premessa e richiami normativi 3 Criteri di potabilità 4 Interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI 50 IL TRATTAMENTO CHIMICO Il trattamento chimico dell acqua è spesso un indispensabile sistema per molteplici applicazioni a cui essa è destinata. Il trattamento chimico

Dettagli

CONTROLLO DELLA LEGIONELLA PNEUMOPHILA: TRATTAMENTO CHIMICO CONFORME ALLE LINEE GUIDA REDATTE DAL COOLING TECHNOLOGY INSTITUTE

CONTROLLO DELLA LEGIONELLA PNEUMOPHILA: TRATTAMENTO CHIMICO CONFORME ALLE LINEE GUIDA REDATTE DAL COOLING TECHNOLOGY INSTITUTE Il COOLING ha redatto le linee guida per il controllo della Legionella Pneumophila nei sistemi di raffreddamento ricircolati. Tali linee guida si basano sulle norme: OSHA - USA CDC - USA ASHRAE - USA UK

Dettagli

AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO

AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO PREVENZIONE E CONTROLLO NELLE STRUTTURE SANITARIE: MODELLI ORGANIZZATIVI E SISTEMI DI INTERVENTO

Dettagli

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE IGIENE E SICUREZZA DEI CIRCUITI IDRICI DEI RIUNITI L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE TRATTAMENTO E DISINFEZIONE ACQUE PERCHE TRATTARE E DISINFETTARE L ACQUA IN AMBITO ODONTOIATRICO? INFEZIONE

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli SOMMARIO Introduzione Obiettivi generali Obiettivi specifici Indicazioni

Dettagli

Agenti Biologici. Esperienze di Monitoraggio Ambientale. parte seconda

Agenti Biologici. Esperienze di Monitoraggio Ambientale. parte seconda Agenti Biologici Esperienze di Monitoraggio Ambientale parte seconda Renzo Pacini Agente biologico qualsiasi microrganismo, anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano,

Dettagli

EUROVENT 9/5 LINEE GUIDA PER MANTENERE GLI IMPIANTI DI RAFFREDDAMENTO EFFICIENTI E SICURI

EUROVENT 9/5 LINEE GUIDA PER MANTENERE GLI IMPIANTI DI RAFFREDDAMENTO EFFICIENTI E SICURI EUROVENT 9/5 LINEE GUIDA PER MANTENERE GLI IMPIANTI DI RAFFREDDAMENTO EFFICIENTI E SICURI EUROVENT CECOMAF EUROVENT 9/5-2004 Linee Guida per la prevenzione di contaminazioni batteriologiche incontrollate,

Dettagli

IL TRATTAMENTO ACQUA NEGLI IMPIANTI TERMOSANITARI

IL TRATTAMENTO ACQUA NEGLI IMPIANTI TERMOSANITARI IL TRATTAMENTO ACQUA NEGLI IMPIANTI TERMOSANITARI IL TRATTAMENTO ACQUA RISPARMIO ENERGETICO T.A. RISPETTO DELLA NORMATIVA CHI SIAMO La storia PINECO azienda attiva dal 2002 in costante e continua crescita

Dettagli

Pierfrancesco Pensosi

Pierfrancesco Pensosi benvenuti introduce Pierfrancesco Pensosi Giornalista RAINEWS 24 La Legionella Dott. Cosmo Del Borgo Struttura Complessa Malattie Infettive Ospedale S. Maria Goretti - Direttore Dott. F. Soscia Riconosciuta

Dettagli

D.P.R. 59/2009 FACILE LETTURA SUL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA

D.P.R. 59/2009 FACILE LETTURA SUL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA D.P.R. 59/2009 FACILE LETTURA SUL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA VADEMECUM PER LA SCELTA DEL CORRETTO TRATTAMENTO DELL ACQUA A PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI, DI RISCALDAMENTO, ACQUA CALDA SANITARIA,

Dettagli

LIBRO BIANCO SULLA LEGIONELLA

LIBRO BIANCO SULLA LEGIONELLA Associazione Italiana Condizionamento dell Aria Riscaldamento e Refrigerazione Osservatorio Sanità LIBRO BIANCO SULLA LEGIONELLA Linee Guida Ministero Sanità Linee Guida ASHRAE 12-2000 Alcune considerazioni

Dettagli

CAPS Srl VIDEOISPEZIONE, PULIZIA, BONIFICA E SANIFICAZIONE DELLE CONDOTTE AERAULICHE

CAPS Srl VIDEOISPEZIONE, PULIZIA, BONIFICA E SANIFICAZIONE DELLE CONDOTTE AERAULICHE VIDEOISPEZIONE, PULIZIA, BONIFICA E SANIFICAZIONE DELLE CONDOTTE AERAULICHE Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM dopo

Dettagli

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Legionelle e Legionellosi: mito e realtà Ferrara, 28 settembre 2012 Epidemiologia della Legionellosi in Europa e in Italia Christian Napoli Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO LEGIONELLA

VALUTAZIONE RISCHIO LEGIONELLA VALUTAZIONE RISCHIO LEGIONELLA VALUTAZIONE RISCHIO LEGIONELLA Uno strumento necessario per un approccio corretto al problema Legionella Dott. Rosa FERRI Dirigente Biologo AUSL Frosinone Rischio Legionella

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale - PARTE I -

Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale - PARTE I - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale PREVENZIONE IMPIANTISTICA DELLA LEGIONELLA - PARTE I - Impianti idrici, di raffreddamento industriali, di condizionamento dell aria e anti-incendio LINEE

Dettagli

Legionella: il controllo e la gestione dei rischi

Legionella: il controllo e la gestione dei rischi Ospitalità e sicurezza per tutti 22/04/2015 Legionella: il controllo e la gestione dei rischi Centro per la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita Aula grande SC Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

RAPPORTO DI VALUTAZIONE, PROPOSTA DI REALIZZAZIONE, IMPIANTO E RISULTATI DI UN SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LEGIONELLA NELL' HOTEL H10 ESTEPONA PALACE

RAPPORTO DI VALUTAZIONE, PROPOSTA DI REALIZZAZIONE, IMPIANTO E RISULTATI DI UN SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LEGIONELLA NELL' HOTEL H10 ESTEPONA PALACE RAPPORTO DI VALUTAZIONE, PROPOSTA DI REALIZZAZIONE, IMPIANTO E RISULTATI DI UN SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LEGIONELLA NELL' HOTEL H10 ESTEPONA PALACE DICEMBRE 2.005 Documento Riservato Pagina 1 18/02/2006

Dettagli

Approvazione linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi : applicazione a livello regionale e locale

Approvazione linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi : applicazione a livello regionale e locale CORSO DI AGGIORNAMENTO SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI: ATTUALITA IN TEMA DI LEGISLAZIONE E DI PROVVEDIMENTI TECNICI PER IL CONTENIMENTO DEL RISCHIO Rimini, 21 Marzo 2011 - Sala Smeraldo, Via

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Legionella in Ambienti Sanitari

Legionella in Ambienti Sanitari 4 edizione Rinnovata nei contenuti Conoscere le misure tecniche e impiantistiche per prevenire e controllare il rischio Legionella in Ambienti Sanitari 8 Crediti ECM ECM per Medici, Infermieri, Biologi

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Indagini ambientali e campionamenti

Indagini ambientali e campionamenti Indagini ambientali e campionamenti d.ssa Maria Antonietta Bucci Sabattini d.ssa Francesca Giacobbi Seminario Legionellosi: Situazioni attuali e prospettive Bologna, 27 novembre 2003 2003 ARPA - Agenzia

Dettagli

Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale

Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale Gestione rischio Listeria monocytogenes negli impianti RTE - Aggiornamenti alla legislazione USA e Controllo Ufficiale «Listeria monocytogenes: Le nicchie negli impianti industriali e loro gestione» Langhirano

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche

Gli adempimenti e i punti critici per le aziende agricole zootecniche Incontro aggiornamento professionale ODAF di Caserta Torcino-Ciorlano/Presenzano 20-XII-2014 Laboratorio Analisi Zootecniche srl Via Volturno snc 81012 Alvignano - Caserta tel/fax: 0823865131-3383238263

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA rot. n.(prc/08/124530) ------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Premesso che le infezioni da legionella sono considerate un problema emergente in Sanità

Dettagli

Relazione tra la qualità dell aria e la manutenzione degli impianti aeraulici

Relazione tra la qualità dell aria e la manutenzione degli impianti aeraulici Relazione tra la qualità dell aria e la manutenzione degli impianti aeraulici Dott.ssa Patrizia Anzidei Biologa della Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione dell INAIL ANAM 1 AIISA NADCA

Dettagli

Nell'articolo sono presentati i risultati dell analisi LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE

Nell'articolo sono presentati i risultati dell analisi LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE Maria Cristina Rota1, Maria Grazia Caporali1, Grazia Marta Caleo1, Giuseppina Mandarino2, Maria Scaturro2 e Maria Luisa Ricci2 1Centro Nazionale di

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

La legionellosi Cenni storici Descrizione del patogeno

La legionellosi Cenni storici Descrizione del patogeno La legionellosi Cenni storici Nell agosto del 1976 oltre 4000 persone si riunirono al Bellevue Stratford Hotel di Filadelfia (USA) per l annuale congresso dell American Legion. In quella circostanza 221

Dettagli

PREVENZIONE DELLE LEGIONELLOSI: CONFRONTO TRA LINEE GUIDA. Savina Ditommaso*, Cinzia Biasin*, Monica Giacomuzzi*, Carla Maria Zotti*, Angela

PREVENZIONE DELLE LEGIONELLOSI: CONFRONTO TRA LINEE GUIDA. Savina Ditommaso*, Cinzia Biasin*, Monica Giacomuzzi*, Carla Maria Zotti*, Angela PREVENZIONE DELLE LEGIONELLOSI: CONFRONTO TRA LINEE GUIDA EUROPEE ED EXTRAEUROPEE Savina Ditommaso*, Cinzia Biasin*, Monica Giacomuzzi*, Carla Maria Zotti*, Angela Ruggenini Moiraghi* * Università degli

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

Valutazione dell efficacia dell Anolyte nel controllo microbiologico nei sistemi di torri di raffreddamento industriali.

Valutazione dell efficacia dell Anolyte nel controllo microbiologico nei sistemi di torri di raffreddamento industriali. Valutazione dell efficacia dell Anolyte nel controllo microbiologico nei sistemi di torri di raffreddamento industriali. E. L. Prince, A. v. G. Muir, W. M. Thomas, R. J. Stollard, M. Sampson and J. A.

Dettagli

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE Negli ospedali, come pure nelle comunità, nelle case di riposo e nei grandi alberghi, gli impianti di riscaldamento e produzione di acqua

Dettagli

CHI SIAMO I NOSTRI SERVIZI ARIA ACQUA RETI FOGNARIE CAPPE ASPIRAZIONE FUMI

CHI SIAMO I NOSTRI SERVIZI ARIA ACQUA RETI FOGNARIE CAPPE ASPIRAZIONE FUMI CHI SIAMO Enertek, presente nel panorama italiano da oltre un decennio, si afferma sul mercato come azienda leader nei trattamenti di bonifica e sanificazione degli impianti di climatizzazione e idrici.

Dettagli

CONTROLLO DELLA CONTAMINAZIONE? NELLE STRUTTURE SANITARIE PERCHÉ CONTROLLARE LA L

CONTROLLO DELLA CONTAMINAZIONE? NELLE STRUTTURE SANITARIE PERCHÉ CONTROLLARE LA L CONTROLLO DELLA CONTAMINAZIONE NELLE STRUTTURE SANITARIE PERCHÉ CONTROLLARE LA L CONTAMINAZIONE? Il controllo della contaminazione finalizzato alla prevenzione delle infezioni nosocomiali è un argomento

Dettagli

Waterclean Protegge dal rischio legionella, pseudomona e altri batteri. system. trattamento dell acqua calda e fredda. Produzione e.

Waterclean Protegge dal rischio legionella, pseudomona e altri batteri. system. trattamento dell acqua calda e fredda. Produzione e. Produzione e trattamento dell acqua calda e fredda per uso sanitario u n i v e r s a l p e r f o r m a n c e Waterclean Protegge dal rischio legionella, pseudomona e altri batteri system NI08.149A Acqua

Dettagli

La produzione di acqua calda sanitaria per ospedali e grandi comunità

La produzione di acqua calda sanitaria per ospedali e grandi comunità La produzione di acqua calda sanitaria per ospedali e grandi comunità La produzione di acqua calda sanitaria (A.C.S.) per ospedali e grandi comunità Da sempre Spirax Sarco opera nel settore impiantistico

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione A cura dei Medici di Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della ASL di Carbonia: Gian Mauro Vinci, Gabriella Carta, Cesare Gradoli, Gabriella Pitzalis,. Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Perché l esigenza delle linee guida: dati statistici In Italia su circa 9.500.000 pazienti ricoverati

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

Direzione Sanità Settore Igiene e Sanità Pubblica

Direzione Sanità Settore Igiene e Sanità Pubblica Direzione Sanità Settore Igiene e Sanità Pubblica Direzione Sanità Settore Igiene e Sanità Pubblica INDICE Premessa 2 Introduzione 6 La sorveglianza della legionellosi 9 I sistemi di sorveglianza 9 La

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI INQUADRAMENTO NORMATIVO AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 dott. Davide Ferrari Titolo X D.Lgs. 81/08 Protezione da agenti biologici Campo di applicazione Tutte le

Dettagli

FRIWASTA-Plus 20-500 l/min Modulo per la produzione di acqua calda sanitaria secondo il principio del flusso continuo e istantaneo

FRIWASTA-Plus 20-500 l/min Modulo per la produzione di acqua calda sanitaria secondo il principio del flusso continuo e istantaneo Sistemi per acqua calda a efficienza energetica. FRIWASTA-Plus 20-500 l/min Modulo per la produzione di acqua calda sanitaria secondo il principio del flusso continuo e istantaneo FRIWASTA-Plus fa la differenza

Dettagli

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi SALE OPERATORIE Roberto Bruschi UNI EN 13795-1 GIUGNO 2004 Teli chirurgici, camici e tute per blocchi operatori, utilizzati come dispositivi medici, per pazienti, personale clinico e attrezzature Requisiti

Dettagli

LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO. Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4

LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO. Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4 LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4 IMPORTANZA DELLA COMPONENTE TECNICA DISINFEZIONE DEL MONITOR OGNI SEDUTA DIALITICA

Dettagli

www.iss.it dell Istituto Superiore di Sanità

www.iss.it dell Istituto Superiore di Sanità www.iss.it Volume 25 - Numero 10 Ottobre 2012 ISSN 0394-9303 dell Istituto Superiore di Sanità Norma UNI per impianti di ventilazione e condizionamento per il blocco operatorio Sorveglianza delle infezioni

Dettagli

INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE

INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE EUROPEAN CONFERENCE ON ASBESTOS MONITORING AND ANALYTICAL METHODS INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE O. Sala (1), E.Guberti (2), G.Pecchini (1), T.Bacci (1), V.Biancolini (1),

Dettagli

Additivo per gasolio T.L. T.L.SAS di Turchi Luca & C.

Additivo per gasolio T.L. T.L.SAS di Turchi Luca & C. Via Staffette Partigiane, 31/O 41100 Modena P.IVA 03084870363 Tel 059/452143 454133 Fax. 059/3160044 e-mail tlricambi@alice.it www.specialstore.net Additivo per gasolio STOP ALLE MORCHIE NEI SERBATOI E

Dettagli

ROTEX Sanicube: accumulatore e scaldaàcqua istantaneo insieme. ROTEX Sanicube - Accumulatore di acqua calda sanitaria ad alto rendimento.

ROTEX Sanicube: accumulatore e scaldaàcqua istantaneo insieme. ROTEX Sanicube - Accumulatore di acqua calda sanitaria ad alto rendimento. ROTEX Sanicube: accumulatore e scaldaàcqua istantaneo insieme. ROTEX Sanicube - Accumulatore di acqua calda sanitaria ad alto rendimento. Acqua calda igienica - Oggi più che mai importante. La qualità

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

VADEMECUM SUL RISPARMIO ENERGETICO:

VADEMECUM SUL RISPARMIO ENERGETICO: VADEMECUM SUL RISPARMIO ENERGETICO: 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE SUL TRATTAMENTO DELL ACQUA e UNA FACILE LETTURA SUL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA (DPR 59/09 e DPR 74/13) (DM 10/02/2014) VADEMECUM PER LA

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

Aspetti analitici nel Controllo ambientale di Legionella. D.ssa Leonarda Chetti Arpa Sezione di Bologna

Aspetti analitici nel Controllo ambientale di Legionella. D.ssa Leonarda Chetti Arpa Sezione di Bologna Aspetti analitici nel Controllo ambientale di Legionella D.ssa Leonarda Chetti Arpa Sezione di Bologna Procedure analitiche La ricerca di Legionella è tecnicamente difficile. Richiede Laboratori specialistici

Dettagli

Coordinatore Prof. Claudio Buccelli Dottoranda Dott.ssa Emma Iannetti

Coordinatore Prof. Claudio Buccelli Dottoranda Dott.ssa Emma Iannetti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dottorato di Ricerca in Ambiente, Prevenzione e Medicina Pubblica, indirizzo Igiene Ambientale (XXIX ciclo) TESI DI DOTTORATO

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

Dove, Come e Quando cercare la Legionella Diagnostica di laboratorio

Dove, Come e Quando cercare la Legionella Diagnostica di laboratorio Convegno 20 gennaio 2006 ASL 4 Chiavarese Dove, Come e Quando cercare la Legionella Diagnostica di laboratorio Claudio Grillo, U.O. Laboratori e Reti di Monitoraggio Dipartimento ARPAL della Spezia Sommario

Dettagli

CRITICI LEGATI AL CONTROLLO DELLA DELLA PESTE AMERICANA

CRITICI LEGATI AL CONTROLLO DELLA DELLA PESTE AMERICANA Profilassi della peste americana: dal monitoraggio preventivo al risanamento Progetto di ricerca e sperimentazione nel contesto del Piano integrato igienico sanitario dell Emilia Romagna 1. PREMESSA Il

Dettagli

AQUA 3000 OPEN. Sistema di gestione dell acqua

AQUA 3000 OPEN. Sistema di gestione dell acqua AQUA 3000 OPEN Sistema di gestione dell acqua UNA GESTIONE INTELLIGENTE DELL ACQUA COME GARANZIA DI SUCCESSO AQUA 3000 open. La nuova soluzione per soddisfare le esigenze più diverse. L acqua è una risorsa

Dettagli

Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza

Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza Eurocert Chi Siamo Eurocert è un Organismo di certificazione notificato all Unione Europea (N. 0861). Dal 1999, Eurocert è attivo sui mercati

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

Protezione delle vie respiratorie per l esposizione al virus dell influenza suina / nuova influenza umana A/H1N1: Domande Frequenti (FAQ)

Protezione delle vie respiratorie per l esposizione al virus dell influenza suina / nuova influenza umana A/H1N1: Domande Frequenti (FAQ) 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro 3M Italia S.p.A. via San Bovio, 3 Loc. San Felice (MI) Protezione delle vie respiratorie per l esposizione al virus dell influenza suina / nuova influenza umana

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

PROCEDURA AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI MONALDI COTUGNO - CTO. Titolo. Il Monitoraggio Microbiologico Ambientale

PROCEDURA AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI MONALDI COTUGNO - CTO. Titolo. Il Monitoraggio Microbiologico Ambientale Pagina 1 di 9 PROCEDURA Modalità di trasmissione alle UU.OO. Invio copia cartacea Pubblicazione sul sito aziendale Rev. Data Motivo Revisione Approvazione: CIO 01 Aprile 2011 Recepimento Nuove Linee Guida

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

GUIDA IMMEDIATA AL LAVAGGIO E PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E SANITARI

GUIDA IMMEDIATA AL LAVAGGIO E PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E SANITARI GUIDA IMMEDIATA AL LAVAGGIO E PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E SANITARI Come previsto dal D.P.R. N. 59/09; NORMA UNI 8065 e dal nuovo libretto di impianto D.P.R. 74/13 made in italy MANUTENZIONE

Dettagli

Tutta colpa dei legionari

Tutta colpa dei legionari A cura di Sergio Cataldini * MEDICINA Tutta colpa dei legionari A prenderne il nome una malattia infettiva molto grave: la Legionellosi Perché parlare di Legionellosi? Stratificando i dati delle 617 schede

Dettagli

PRODOTTI CHIMICI PER MANUTENZIONE IMPIANTI

PRODOTTI CHIMICI PER MANUTENZIONE IMPIANTI PRODOTTI CHIMICI PER MANUTENZIONE IMPIANTI 74 QUANDO USARE I PRODOTTI CHIMI- CI PER MANUTENZIONE IMPIANTI I prodotti chimici per manutenzione vanno utilizzati nella quotidianità dell installatore come

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO LAB N 1301 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO UNI EN ISO 9001:2008 IL DIRETTORE LSP

Dettagli

NORMATIVA VIGENTE: INDICAZIONI OPERATIVE DI IGIENE AERAULICA

NORMATIVA VIGENTE: INDICAZIONI OPERATIVE DI IGIENE AERAULICA 0 NORMATIVA VIGENTE: INDICAZIONI OPERATIVE DI IGIENE AERAULICA Dott. ANDREA CASA Vicepresidente Operativo Area Nord di AIISA ANAM 2012 - GENOVA PREMESSA: COSA SI INTENDE CON IL CONCETTO DI IGIENE AERAULICA?

Dettagli