Linee guida e metodi di indagine e campionamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida e metodi di indagine e campionamento"

Transcript

1 Linee guida e metodi di indagine e campionamento Genzano 15 Marzo 2013 Maria Luisa Ricci Laboratorio Nazionale di Riferimento per legionelle Dipar9mento di Mala:e Infe:ve Parassitarie ed Immunomediate Is9tuto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità

2 Linee guida italiane Insieme di informazioni aggiornate su : Epidemiologia e sorveglianza Diagnosi clinica ed ambientale e rela2ve procedure Valutazione, ges2one e comunicazione del rischio Terapia Quasi tuc i paesi europei ed extraeuropei hanno emanato delle linee guida (in Italia la Lombardia, il Piemonte e l Emilia Romagna, Molise ne hanno prodoie anche di proprie). Consultabili nel sito nazionali/registro nazionale della legionellosi

3 Linee guida italiane In Italia, a tui oggi sono sta2 emana2 dal Ministero della Salute 3 documen2 : Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi G.U. N. 103 del 5 maggio 2000 Linee guida recan2 indicazioni per gestori di struiure turis2co- rececve e termali G.U. N. 28 del 4 febbraio 2005 Linee guida recan2 indicazioni ai laboratori con acvità di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi G.U. N. 29 del 5 febbraio 2005

4 Decreto no.81 del 9 Aprile 2008 e successive modifiche In questo decreto Legionella pneumophila e Legionella spp sono presen2 come rischio per i lavoratori, e sono classificate nel gruppo di rischio 2, ossia: Un agente che può causare malace in soggec umani e cos2tuire un rischio per i lavoratori; è poco probabile che si propaghi nella comunità; sono di norma disponibili efficaci misure profilacche o terapeu2che. Pertanto, sulla base di quanto definito all Art. 271, il Datore di Lavoro ha l obbligo di valutare il rischio legionellosi presso ciascun sito di sua responsabilità. Per l adozione delle misure protecve, preven2ve, tecniche, organizza2ve, procedurali ed igieniche idonee, si deve fare riferimento a quanto definito nelle presen2 Linee guida.

5 Linee Guida Italiane Linee guida per la definizione di protocolli tecnici di manutenzione predittiva sugli impianti di climatizzazione (G.U. n. 256 del 3 novembre del 2006).

6 Linee Guida Europee ed OMS European Guidelines for Control and Prevention of Travel Associated Legionnaires Disease Adottate dal 1 Luglio 2002 Approvate dalla EC nel Giugno 2003 AGGIORNATE NEL SETTEMBRE Pubblicate nel 2007

7 Obblighi e responsabilità L adempimento delle norme per la prevenzione ed il controllo della legionellosi, non sono un obbligo per i responsabile di una struiura, tuiavia non lo esime dalle responsabilità ineren9 alla tutela del diriho alla salute di chi frequenta il sito (lavoratore, cliente, paziente, etc) o da chi comunque può essere infehato da un disposi9vo non adeguatamente controllato (es infezioni causate da torri di raffreddamento, o altri disposi9vi) Infa:. In assenza di una norma9va tecnica specifica, una linea guida ha lo stesso valore di una legge. (R. Guariniello Lezione Magistrale al Convegno 30 anni di Legionella, Milano, 12 giugno 2007)

8 Come mantenere la struiura turis2co- rececva in buono stato di salute? LINEE GUIDA recan2 indicazioni sulla Legionellosi per i GESTORI DI STRUTTURE TURISTICO RICETTIVE E TERMALI G.U. N. 28 del 4 febbraio 2005 u Elementi di giudizio per la valutazione del Rischio u Norme di comportamento per la riduzione al minimo tale Rischio

9 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Misure di prevenzione per la riduzione del rischio. Strumento fondamentale da utilizzare per assicurare una riduzione del rischio di legionellosi, lo non e' il controllo di laboratorio routinario, ma l'adozione di misure preventive, basate sull'analisi del rischio costantemente aggiornata. Di conseguenza tutti i gestori di strutture recettive devono garantire l'attuazione delle seguenti misure di controllo, alcune delle quali devono essere effettuate da personale opportunamente addestrato, che indossi, soprattutto per quelle operazioni che generano aerosol, idonei dispositivi di protezione individuale:

10 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Nomina di un responsabile. Ogni struiura turis2co- rececva deve individuare una persona responsabile per l'iden2ficazione e la valutazione del rischio potenziale di infezione, che sia esperto* e che comprenda l'importanza della prevenzione e dell'applicazione delle misure di controllo. * Cosa vuol dire esperto?

11 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Ispezione della struttura. u Analisi di uno schema aggiornato (se disponibile) dell'impianto, per individuarne i punti critici. u Accuratezza dell ispezione per poter evidenziare eventuali fonti di rischio e valutare l'intero impianto, non solamente i singoli componenti. u Valutazione dell'uso delle varie sezioni o parti dell'impianto, alla ricerca di bracci morti o comunque soggetti a ristagno di acqua a un suo defluire intermittente. u Valutare l'utilizzo delle differenti aree o della struttura, in funzione di una loro possibile bassa occupazione, che potrebbe favorire la proliferazione del batterio.

12 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Fattori da considerare quando si effettua una valutazione del rischio: A. fonte di approvvigionamento dell'acqua dall'impianto; B. possibili punti di contaminazione dell'acqua all'interno dell'edificio; C. caratteristiche di normale funzionamento dell'impianto; D. condizioni di funzionamento non usuali, ma ragionevolmente prevedibili (es.: rotture); E. prese d'aria per gli edifici (che non dovrebbero essere situate vicino agli scarichi delle torri di raffreddamento).

13 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? FaIori di rischio. 1. la presenza e la carica di Legionella; 2. condizioni ideali per la mol2plicazione del microrganismo (ad esempio: temperatura compresa tra 20 e 50 C, presenza di una fonte di nutrimento come alghe, calcare, ruggine o altro materiale organico); 3. la presenza di tubature con flusso d'acqua minimo o assente; l'u2lizzo di gomma e fibre naturali per guarnizioni e disposi2vi di tenuta; 4. la presenza di impian2 in grado di formare un aerosol capace di veicolare la legionella (un rubineio, un nebulizzatore, una doccia, una torre di raffreddamento, ecc.); 5. la presenza (e il numero) di soggec sensibili per abitudini par2colari (es. fumatori) o caraieris2che peculiari (eta', patologie croniche, ecc.).

14 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Periodicità della valutazione del rischio L'analisi del rischio deve essere effeiuata regolarmente (almeno ogni 2 anni) e ogni volta che ci sia mo2vo di pensare che la situazione si sia modificata. L'analisi deve, comunque, essere rifaia ad ogni segnalazione di un possibile caso di legionellosi.

15 Come mantenere la struttura turistico-recettiva in buono stato di salute? Registro degli interven2. Ogni struiura turis2co- rececva deve is2tuire un registro per la documentazione degli interven2 di valutazione del rischio e di manutenzione, ordinari e straordinari, sugli impian2 idrici e di clima2zzazione. TuC gli interven2 devono essere approva2 e firma2 dal responsabile.

16 Misure di prevenzione per la riduzione del Rischio 1.Mantenere l acqua calda costantemente a temperatura > 50 C; 2.Mantenere l acqua fredda costantemente a temperatura < 20 C o usare un sistema di disinfezione.

17 3.Fare scorrere l acqua (calda e fredda) da rubine: e docce di camere non occupate, per alcuni minu9 1 VOLTA/ SETTIMANA (e sempre prima che le camere vengano occupate). 4.Mantenere puli9 e privi di incrostazioni: - DOCCE - DIFFUSORI - RUBINETTI

18 5. Pulire e disinfeiare almeno 2 VOLTE/ANNO le TORRI DI RAFFREDDAMENTO delle unità di condizionamento d aria

19 6. Svuotare, disincrostare e disinfettare i SERBATOI di accumulo dell acqua calda almeno 2 VOLTE/ANNO; 7.Disinfettare il circuito dell acqua calda con CLORO (50 ppm o 20 ppm) rispettivamente per 1 o 2 ore, dopo gli interventi sugli scambiatori di calore e all inizio della stagione turistica;

20 8. Pulire e DisinfeIare tuc i FILTRI dell acqua ogni 1-3 MESI; 9. Ispezionare mensilmente i serbatoi dell'acqua, le torri di raffreddamento e le tubature visibili. Accertarsi che tuie le coperture siano intaie e correiamente posizionate.

21 10. se possibile, ispezionare l'interno dei serbatoi d'acqua fredda, e comunque disinfettare almeno una volta l'anno con 50 mg/l di cloro per un'ora. Nel caso ci siano depositi o sporcizia, provvedere prima alla pulizia. La stessa operazione deve essere effettuata a fronte di lavori che possono aver dato luogo a contaminazioni o a un possibile ingresso di acqua non potabile;

22 11. Accertarsi che eventuali modifiche apportate all'impianto, oppure nuove installazioni, non creino bracci mor9 o tubature con assenza di flusso dell'acqua o flusso intermihente. 12. Ogni qualvolta si proceda a operazioni di bonifica, occorre accertarsi che subiscano il trahamento di bonifica anche: bracci mor9 cos9tui9 dalle tubazioni di spurgo o prelievo, le valvole di sovrappressione e i rubine: di bypass presen9 sugli impian9;

23 13. In presenza di attrezzature per idromassaggio, occorre assicurarsi che le stesse siano sottoposte al controllo da personale esperto, che deve provvedere alla effettuazione e alla registrazione delle operazioni di pulizia e di corretta prassi igienica come: sostituire almeno meta' della massa di acqua ogni giorno;trattare continuamente l'acqua con 2-3mg/l di cloro; Pulire e risciacquare giornalmente i filtri per la sabbia; controllare almeno tre volte al giorno la temperatura e la concentrazione del cloro; (ed anche il ph!) Assicurare una operazione di disinfezione accurata almeno una volta a secmana.

24 Misure da porre in aio in presenza di rischio. Se in una struttura turistico-recettiva si evidenzia la presenza di un potenziale rischio (es.: la temperatura dell'acqua calda e inferiore a quella raccomandata; la concentrazione di disinfettante non raggiunge il livello necessario per l'abbattimento della carica batterica; o altro).si deve effettuare un campionamento dell'acqua per la ricerca di Legionella, in un numero di siti che sia rappresentativo di tutto l'impianto idrico, e comunque non inferiore a sei.

25 Misure da porre in aio in presenza di rischio I SITI DA CAMPIONARE SONO: RETE ACQUA CALDA Base del serbatoio Ricircolo Almeno 2 siti di erogazione lontani dal serbatoio (docce, rubinetti) RETE ACQUA FREDDA Serbatoio, possibilmente alla base Punto più distale dal serbatoio

26 Esiti del campionamento Se nega9vo : e non è possibile adohare le misure di controllo, campionare ogni mese x 6 mesi Se posi2vo: MeHere in aho le misure di controllo

27 Tipi di intervento secondo la concentrazione di legionella in UFC/L IMPIANTI IDRICI < 100 NESSUN INTERVENTO Verificare che siano in atto misure di controllo (bonifica in caso di terme) In assenza di casi verificare le misure di controllo ed eseguire la valutazione del rischio In presenza di casi rivedere le misure di controllo ed eseguire BONIFICA >10000 Contaminazione importante!! BONIFICARE l efficacia. immediatamente verificandone periodicamente

28 TIPI DI INTERVENTO SECONDO LA CONCENTRAZIONE DI LEGIONELLA IN UFC/L TORRI DI RAFFREDDAMENTO < 1000 NESSUN INTERVENTO In assenza di casi verificare le misure di controllo ed eseguire valutazione del rischio In presenza di casi rivedere le misure di controllo ed eseguire BONIFICA >10000 Contaminazione importante!! BONIFICARE immediatamente verificandone periodicamente l efficacia.

29 STRUTTURE TERMALI 29 Sono tra i luoghi più favorevoli all insorgenza della Legionellosi: Ø Ø Ø frequentate da soggetti a rischio favoriscono l esposizione diretta di aerosol prodotti da piscine e vasche per idromassaggio le acque spesso sgorgano ad una temperatura ideale per la moltiplicazione della Legionella OGNI 6 MESI eseguire la ricerca di Legionella e ogni qual volta vi sia ripresa dell attività dopo la chiusura stagionale ESEGUIRE SEMPRE LE MISURE DI CONTROLLO ESEGUIRE SEMPRE LA BONIFICA se il campionamento ambientale rilevi concentrazione > 100 ufc/l

30 1.Attenersi alle misure di prevenzione 1.Effettuare interventi strutturali per rimuovere i FR 2.Eseguire bonifica (in base alla concentrazione!!!) 3.Valutare efficacia della bonifica 4.Attenersi alle misure di prevenzione 1.Effettuare interventi strutturali per rimuovere i FR 2.Atteneresi alle misure di prevenzione 3. Ripetere i campionamenti

31 Laboratori Regionali di Riferimento Linee guida recanti indicazioni per i laboratori con attività di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi. G.U. N. 29 del 5 febbraio 2005 Le linee guida europee sono state il grande input anche per la cos2tuzione di una rete di laboratori di riferimento regionali con lo scopo di assicurare qualità ed efficienza dei laboratori operan2 nel controllo ambientale della legionellosi 6/11/2010 Maria Luisa Ricci

32 Laboratori Regionali di Riferimento Cos9tuzione di una rete di laboratori di riferimento al fine di: 1. Tutelare la salute pubblica; 2. Tutelare l economia turis9ca del nostro Paese, ed evitare implicazioni legali ai responsabili delle struhure turis9co- rece:ve. 6/11/2010 Maria Luisa Ricci

33 Laboratori Regionali di Riferimento Presenti nella maggior parte delle regioni nelle ARPA, nei Laboratori Universitari e nei Laboratori di sanità pubblica.

34 LABORATORI CON ATTIVITÀ DI DIAGNOSI MICROBIOLOGICA Laboratori Regionali E CONTROLLO AMBIENTALE DELLA LEGIONELLOSI di Riferimento 1.Laboratori di Base 2.Laboratori Regionali di Riferimento 3. Laboratorio Nazionale di Riferimento 6/10/2010 Maria Luisa Ricci

35 Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi Il documento riunisce, aggiorna e integra in un unico testo tuie le indicazioni riportate nelle preceden2 linee guida nazionali pertanto esso, le sos2tuisce integralmente. Elaborate da un gruppo di lavoro mul2disciplinare convocato dal Dipar2mento di Prevenzione del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Poli2che Sociali. 1. Parte generale 2. Allegati

36 Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi Ø Ø Ø Ø Ø Ø Ø ASPETTI GENERALI; SORVEGLIANZA E INDAGINE EPIDEMIOLOGICA; VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO NELLE STRUTTURE TURISTICO-RECETTIVE; VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO NELLE STRUTTURE SANITARIE; METODI DI PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA CONTAMINAZIONE DEL SISTEMA IDRICO; INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE, LA REALIZZAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI; RISCHIO LEGIONELLOSI ASSOCIATO AD ATTIVITÀ PROFESSIONALE.

37 Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi nuovo u Allegato 1: Specie e sierogruppi di Legionellau u Allegato 2: Ricerca di Legionella in campioni di origine umana u Allegato 3: Campionamento di matrici ambientali per la ricerca di nuovo Legionella u Allegato 4: Ricerca e quantificazione di Legionella in campioni ambientali u Allegato 5: Identificazione e conservazione di Legionella nuovo u Allegato 6: Ricerca di Legionella in campioni ambientali mediante Real Time PCR u Allegato 7: Revisione Circolare 400.2/9/5708 del 29/12/93 e nuova scheda di sorveglianza nuovo u Allegato 8: Elenco dei laboratori di riferimento regionale nuovo u Allegato 9: Modulo A ELDSNet u Allegato 10: Modulo B ELSDNet u Allegato 11: Questionario per l indagine di focolai epidemici nuovo u Allegato 12: Lista di Controllo. Sopralluogo di Valutazione del rischio legionellosi

38 Conclusioni Il controllo della contaminazione da Legionella negli impian2 è il risultato di interven2 integra2 che coinvolgono progecs2, gestori, tecnici, manutentori, esper2 di microbiologia e sanità pubblica. Fondamentale è l informazione e la formazione degli operatori e la collaborazione tra competenze diverse, ma complementari.

39 Conclusioni Legionella è un microrganismo ubiquitario nell ambente e molto resistente a trattamenti di disinfezione. La sua eradicazione è quasi impossibile, considerando tutte le strategie che ha sviluppato per sfuggire alle avversità dell ambiente esterno. Si può tuttavia contenere la carica a livelli molto bassi di rischio, adottando le procedure indicate nelle linee guida. La prevenzione, in questa come in altre malattie infettive, è molto importante e questo è l approccio seguito del nostro Ministero della Salute per contenere il rischio di infezioni spesso fatali o invalidanti. In ultimo, fattore non trascurabile, sono da tener presenti anche gli aspetti negativi relativi alle possibili implicazioni legali, economiche e di immagine sia per i nosocomi che per le strutture turistico-recettive e termali.

40 Metodi di indagine e campionamento Una volta effettuato il sopralluogo della struttura, si può procedere al campionamento IMPORTANTE!!! Un campionamento corretto è di fondamentale importanza per ottenere l analisi corretta di un campione per la ricerca di Legionella. Istituto Superiore di Sanità

41 Metodi di indagine e campionamento Prima di iniziare un indagine ambientale si devono raccogliere informazioni sull impianto idrico e di climatizzazione Mappa dell impianto (quando esistente); conduttura principale di rifornimento dell acqua; serbatoi d acqua calda e fredda; bracci morti, zone con stagnazione, camere non utilizzate; Vetustà e composizione dell impianto; Collocazione dell impianto di climatizzazione e delle relative uscite; Si deve richiedere, al responsabile dell edificio, il registro di manutenzione con tutti gli interventi ordinari e straordinari effettuati sugli impianti. Se questo non dovesse esistere prendere informazioni su eventuali lavori svolti o su interventi di bonifica effettuati. Istituto Superiore di Sanità

42 Metodi di indagine e campionamento Quando campionare? Ø Se l analisi del rischio riporta un esito posi2vo (ad es quando la temperatura è inferiore al valore raccomandato che deve essere > di 50 C); Ø Impossibilità di adoiare misure di controllo; Ø Per controllare l efficacia di misure di controllo; Ø Per verificare l efficacia di un nuovo sistema di bonifica Ø Alla riapertura di struiura turis2co- rececva e termale; Ø Torri di raffreddamento che sono in esercizio (almeno 2-4 volte l anno); Ø Vasche di idromassaggio. Istituto Superiore di Sanità

43 Metodi di indagine e campionamento Chi deve fare il campionamento? Personale qualificato (elemento questo su cui concordano tuhe le linee guida) che: 1. Conosca l ecologia di legionella e dei fahori che ne favoriscono la sopravvivenza e la crescita; 2. Conosca come si effehua la valutazione del rischio; 3. Conosca gli elemen9 di base del campionamento microbiologico, in par9colare il conceho di sterilità. Istituto Superiore di Sanità

44 Metodi di indagine e campionamento Misure di sicurezza per gli operatori Il tecnico che raccoglie i campioni non dovrebbe appartenere ad una categoria a rischio (persone che sono soioposte a traiamento con cor2costeroidi,che abbiano affezioni croniche a carico dell apparato respiratorio, diabe2ci, etc) Indossare Disposi2vi di Protezione Individuale (guan2, maschere, occhiali protecvi); Minimizzare la formazione di aerosol facendo scorrere l acqua delicatamente; Evitare l esposizione ad aerosol; Le torri di raffreddamento dovrebbero essere spente 20 prima di effeiuare il campionamento. Istituto Superiore di Sanità

45 Metodi di indagine e campionamento Materiale occorrente Disposi9vi di protezione individuale Schema dove registrare i deiagli del campionamento effeiuato Bo:glie sterili (1-5 L) con 9osolfato di sodio allo 0,01%, o con EDTA a 10mg/L; Tamponi sterili; ProveHe con 2-5 ml di acqua sterile; DisinfeHante :etanolo al 70% v/v, propanolo al 70% v/v, ipoclorito di sodio al 10%; Termometro; Pennarelli resisten2 all acqua o e2cheie; Buste di plas2ca sterili; Pinze sterili; Elas9ci; Forbici; Borsa per il trasporto refrigerato dei campioni Macchina fotografica Istituto Superiore di Sanità

46 Metodi di indagine e campionamento Campionamento dell acqua fredda (quando è superiore ai 20 C) Pun2 più caldi (perché dispos2 vicino ad una fonte di calore o perché con2gui al sistema dell acqua calda);. In ogni caso nelle aree ad alto rischio in un ospedale. Quan9 campioni? Il campionamento dovrebbe essere rappresentativo di tutto il sistema in quel momento, il numero minimo è 6, come precedentemente indicato; Punti maggiormente colonizzati (come si evince dal sopralluogo effettuato e dalla conseguente analisi del rischio). Si dovrebbe inoltre campionare nelle condizioni in cui si sono verificati i casi (in genere le peggiori), ovvero: concentrazione minima di biocida e/o bassa temperatura dell acqua calda; Istituto Superiore di Sanità

47 Metodi di indagine e campionamento Cosa campionare? Acqua, del circuito dell acqua calda ed eventualmente anche fredda (quando la temperatura è superiore a 20 C); Acqua dei bacini di raccolta delle torri di raffreddamento; Acqua delle vasche idromassaggio; Acqua di condensa e filtri degli impianti di condizionamento; Acqua dei nebulizzatori e dei dispositivi della respirazione; assistita; Acqua di fontane, soprattutto quelle interne. Incrostazioni e biofilm, diffusori delle docce, rompigetto dei rubinetti,tubi flessibili delle docce, bacini di raccolta delle torri, serbatoi, vasche idromassaggio, filtri, fontane, etc; Depositi dei serbatoi di accumulo Istituto Superiore di Sanità

48 Metodi di indagine e campionamento Dove effettuare il campionamento nelle torri di raffreddamento Nei bacini di raccolta dell acqua tenendosi lontani dal punto di immissione dell acqua (galleggiante) Interfaccia acqua/aria (tamponi) Istituto Superiore di Sanità

49 Metodi di indagine e campionamento Come campionare Secondo il protocollo analitico delle linee guida del 2000: Senza flussaggio e senza flambare Per la ricerca di legionella in un impianto idrico in condizioni di utilizzo comune, prelevare preferibilmente dal circuito dell acqua calda, senza flambare al punto di sbocco senza far scorrere precedentemente l acqua. Con flussaggio e flambatura Per la ricerca quantitativa di legionella all interno dell impianto, flussare l acqua per 5-10 minuti, flambando allo sbocco. Misurare la temperatura mentre avviene il flussaggio dell acqua. Istituto Superiore di Sanità

50 Metodi di indagine e campionamento Importante! Evitare la cross-contaminazione cambiando guanti ad ogni prelievo; Sterilizzando i termometri ogni volta che viene effettuata una misurazione (con alcool propilico, etilico o ipoclorito di sodio) oppure, utilizzare un recipiente a parte per misurare la temperatura. Istituto Superiore di Sanità

51 Metodi di indagine e campionamento Conservazione dei campioni Nel trasporto i campioni devono essere protetti dalla luce e dal calore e mantenerli ad una temperatura di ambiente se analizzati entro le 24 h; Nel caso in cui non sia possibile eseguire l analisi entro 24 h, conservare a 5 ± 3 C per un tempo che non dovrebbe eccedere 2 gg. Ciò riduce il recupero di Legionella poiché può indurre lo stato di non-coltivabilità ma evita la moltiplicazione di altra flora microbica. Istituto Superiore di Sanità

52 Metodi di indagine e campionamento L aria non umidificata generalmente non è fonte di legionelle; Diversamente, l aria proveniente dalle torri di raffreddamento o dagli umidificatori adiabatici può contenere Legionella anche in elevate concentrazioni; Il campionamento in questi casi richiede il prelievo di almeno 1m 3, utilizzando il SAS (Surface Air System, PBI international), ed il risultato si esprimerà in UFC/m 3 Istituto Superiore di Sanità

53 Metodi di indagine e campionamento CONCLUSIONI La rilevazione di Legionella in campioni d acqua dovrebbe dare un indicazione del grado di contaminazione della matrice che si è andati a campionare. In relazione ai risultati ottenuti si devono adottare le più appropriate misure di controllo per evitare il rischio di diffusione di Legionella,.anche se la concentrazione ritenuta a rischio per l infezione nell uomo rimane ancora una questione dibattuta. Infatti la possibilità di contrarre l infezione dipende, a parità di dose, da molteplici fattori: la virulenza dello stipite batterico, la suscettibilità dell ospite,il tempo di esposizione, la distanza dalla fonte di trasmissione. Istituto Superiore di Sanità

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Documento di linee-guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi. LA CONFERENZA PERMANENTE

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Documento di linee-guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi. LA CONFERENZA PERMANENTE

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI

TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI IL PROBLEMA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEGLI AMBIENTI CHIUSI L argomento, di

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE li TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE impianti di climatizzazione, in genere vengono classificati in base ai fluidi che vengono impiegati per controbilanciare sia il carico termico

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Rossana Prola Valter Rapizzi LA MANUTENZIONE DELLE PISCINE PUBBLICHE E PRIVATE Dario Flaccovio Editore A mio padre, che crede ancora che io abbia sprecato una laurea per fare l idraulico. Rossana Prola

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi

Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi Gruppo di lavoro... 5 GLOSSARIO... 6 PREMESSA... 9 1. ASPETTI GENERALI... 10 1.1. Introduzione... 10 1.2. Fonti di infezione, modalità

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Il servizio di disinfezione e disinfestazione sarà eseguito dal Comune con personale assunto

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve.

I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve. I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve. Bio-Active è la prima carta igienica biologicamente attiva. 0 TEMPO ZERO Fossa biologica TEMPO 1 Pozzetto d ispezione con collegamento alla rete

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Sicurezza del Cibo Se rimanete senza corrente per meno di 2 ore, il cibo nel vostro frigorifero e congelatore si potrà consumare con sicurezza.

Dettagli

PRODUZIONE DI ACQUA CALDA AD ACCUMULO

PRODUZIONE DI ACQUA CALDA AD ACCUMULO IDRAULICA PUBBLICAZIONE PERIODICA DI INFORMAZIONE TECNICO-PROFESSIONALE SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - PUBBLICITÀ 70% - FILIALE DI NOVARA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA AD ACCUMULO Il pericolo Legionella

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

INFORMAZIONE TECNICA INSTALLAZIONI PER ACQUA POTABILE E RISCALDAMENTO CON IL SISTEMA UNIVERSALE RAUTITAN

INFORMAZIONE TECNICA INSTALLAZIONI PER ACQUA POTABILE E RISCALDAMENTO CON IL SISTEMA UNIVERSALE RAUTITAN INFORMAZIONE TECNICA INSTALLAZIONI PER ACQUA POTABILE E RISCALDAMENTO CON IL SISTEMA UNIVERSALE RAUTITAN Valido a partire da Gennaio 2013 Salvo modifiche tecniche www.rehau.com Edilizia Automotive Industria

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari 30.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 139/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli