+ 1) COS E LA GESTIONE?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "+ 1) COS E LA GESTIONE?"

Transcript

1 +

2 + 1) COS E LA GESTIONE? La gestione di un impianto sportivo è quel complesso di attività e mezzi necessari per una corretta utilizzazione degli spazi attrezzati per lo sport, con lo scopo di consentire agli utenti lo svolgimento delle attività sportive nelle migliori condizioni possibili, adottando tutti i conseguenti accorgimenti con criteri di economicità, intesa quest ultima nel senso più completo del termine, cioè impiego razionale delle risorse disponibili per ottenere il massimo vantaggio.

3 + 2) COSA COMPRENDE LA GESTIONE? -attività promozionali sulla domanda ( volantini,totem pubblicitari, passaggi televisivi, radiofonici e convenzioni) -conduzione amministrativa e fiscale -organizzazione tecnica delle attività -assistenza sanitaria ( permessi, concessioni) Promozione sportiva capillare, dalla fase didattica a quella agonistica, di tutte le discipline all interno della struttura Utilizzo sociale della struttura, con finalità ricreative e aggregative Perfetta conservazione della struttura e degli impianti

4 + -conduzione edilizia -conduzione giornaliera -manutenzione ordinaria( sono rivolti al mantenimento in efficienza di un impianto o al suo ampliamento o al mantenimento dell igiene e della pulizia dei locali) -manutenzione straordinaria -bilancio di gestione -adeguamento sulla base della verifica dei risultati

5 + 3)COSA è IMPORTANTE CONSIDERARE PER UNA CORRETTA GESTIONE? - bacino d utenza e quindi domanda alla quale l impianto deve rispondere in quantità e qualità -collocazione dell impianto all interno del sistema sportivo locale e sua accessibilità spaziale, temporale e sociale -adeguatezza del servizio offerto dall impianto alla domanda

6 + 4) I TIPI DI GESTIONE - proprietà e gestione pubblica -proprietà pubblica ma affidata in gestione convenzionata a privati -proprietà privata in gestione convenzionata con i Comuni o altri soggetti pubblici - proprietà e gestione privata

7 + 5) I 10 ELEMENTI PER STENDERE IL TESTO DI UNA CONVENZIONE - L oggetto - La durata della convenzione - La descrizione dell impianto - I criteri di utilizzazione

8 + -Gli obblighi della concessionaria ( custodia impianto, approvvigionamenti energetici, attività sportive, aperture impianti giorni e orari prestabiliti, riscossione tariffe applicate, manutenzione ordinaria, fornitura materiale pulizia, osservanza criteri di utilizzo impianti) -La responsabilità concessionaria -I proventi del gestore -Gli obblighi del concedente -Il corrispettivo per la concessione -Le tariffe d uso

9 + 6) PER UNA CORRETTA PROGRAMMAZIONE è UTILE OPERARE SECONDO LE SEGUENTI DIRETTIVE: -agire con interventi calibrati alla realtà e alle abitudini locali, di fondamentale importanza è la flessibilità, per adeguarsi alle esigenze della cittadinanza e mantenere un rapporto costante e continuo con l amministrazione comunale per determinare e apportare miglioramenti al servizio..inoltre ricordiamo che SE: impianto sottoutilizzato = danno economico impianto sovrautilizzato = usura precoce e servizi di basso livello

10 + -Prevedere sempre le spese cui si va incontro -Valutare il rischio di costruire gli impianti e non poterli gestire successivamente o di doverli gestire con oneri non previsti -Valutare la propria organizzazione per interventi di manutenzione ordinaria: la manutenzione ordinaria, infatti, se non fatta a dovere si trasforma in manutenzione straordinaria poiché l impianto subisce un degrado più rapido

11 + PIANO D USO DEGLI IMPIANTI DA PARTE DEGLI UTENTI Le caratteristiche che dovranno essere seguite si basano su criteri di: Trasparenza : le informazioni relative al centro dovranno essere facilmente reperibili, per consentire a ciascun utente di individuare le attività a lui più idonee. Flessibilità : Il centro dovrà garantire agli utenti di frequentare la attività prescelta in giorni e orari compatibili con le proprie necessità Semplicità : ogni utente dovrà poter fruire dell impianto agevolmente, riducendo al minimo le pratiche amministrative( moduli di iscrizione, cartellonistica e segnali dei servizi offerti, bacheche)

12 + 7) LA PROGETTAZIONE -la polivalenza (ampio e migliore sfruttamento ovvero una maggiore resa che compensa maggiori costi) -le soluzione distributive ( correlazione tra le varie unità ambientali di un impianto che ne condizionano la possibilità di utilizzo) -gli automatismi( le apparecchiature più o meno automatizzate di considerevole aiuto ph, redox, portelli e innaffiamento automatici; QUINDI tutte le operazioni utili per snellire personale) -servizi accessori (bar-tavola calda, locali per attività commerciali legate ad attività sportive, spazi idonei per pubblicità) -la conduzione e la manutenzione (pulizia, sostituzione delle parti usurate) Un piano di conduzione e di manutenzione

13 + 8) LE SPESE - Spese per l acquisto di materiali di consumo Spese per materiale : piccoli utensili, attrezzi di pulizia, vestiario di lavoro, prodotti piscina, sementi per le zone verde, manutenzione, terre speciali, prodotti lubrificanti, ricambi luce Spese per consumi: combustibili, energia elettrica e acqua, che corrispondono circa al 45% delle spese di palestra e piscina.

14 + Spese di manutenzione ordinaria e straordinaria. normalmente ci si avvale di ditte esterne che tramite contratti forfetari prestano manutenzione (idraulico, elettricista, servizio ascensori, serramenti) Spese per il personale ( oscillano tra il 30 e il 50%) lo sfruttamento ottimale di un impianto sportivo richiede da parte del personale addetto un impegno e una competenza non indifferenti sia per l organizzazione delle attività sia per la conduzione tecnica vera e propria.

15 + 9) CONSIGLI PER UNA CORRETTA MANUTENZIONE..OVVERO RIDUZIONE DEI CONSUMI NEI DIVERSI IMPIANTI *piscine: ( consumano energia pari al 40% della spesa totale) -controllare l efficienza delle apparecchiature - controllare temperatura dell aria - controllare la temperatura acqua nella vasca - controllare temperatura dell acqua sanitaria utilizzo di disincrostanti, decalcificatori

16 + teli copertura vasca (che evitano evaporazione acqua nei momenti in cui non è usata che corrispondono circa al 10% del totale) utilizzo di soffioni a tempo nelle docce per evitare sprechi inutili (gettoni/tessere nelle docce) -utilizzo di lampade a neon o risparmio energetico -applicazione di doppi vetri

17 + * palestre : ( il 95% di consumo di energia è relativo al riscaldamento dei locali e dell acqua) - utilizzo per quanto è possibile di illuminazione naturale -adozione tinte chiare per pareti e soffitto -utilizzo lampade chiare ed elevata efficienza

18 + 11) I PERMESSI PER L APERTURA E IL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI nullaosta preventivo rilasciato dall asl competente per zona ( ogni ASL prevede infatti una serie di norme specifiche, regolamenti d igiene alle quali bisogna attenersi per ottenere l idoneità sanitaria dei locali) nullaosta Vigili del Fuoco ( in relazione ad alcune norme sulla sicurezza), sono sotto la giurisdizione dei VVF gli impianti di riscaldamento, le centrali termiche e relativi impianti. Legislazione e permessi per accesso ai disabili

19 + Licenza del Comune per apertura ed esercizio attività, indirizzata al Sindaco contenente: generalità richiedente ubicazione locali Registrazione presso la Camera di Commercio Omologazione del Comitato regionale della Federazione Sportiva ( ed eventuali federazioni affiliate FIN, FIF, FIP ecc) Per attività bar/ pubblicità : iscrizione registro esercenti certificazione antimafia nullaosta prefettizio

20 + 12) SICUREZZA IMPIANTI SPORTIVI La sicurezza degli impianti sportivi è regolamentata dal decreto legge è regolamentata dalla nuova normativa 626 sicurezza lavoro per i lavoratori dipendenti e decreto del Ministero dell Interno n 206 Il decreto si osserva per : impianti di nuova costruzione impianti già esistenti per i quali si intendano realizzare variazioni distributive/ funzionali

21 + PISCINE affollamento vasca (calcolato nella misura di 2mq di specchio d acqua per ogni bagnante) per ogni venti unità bisogna predisporre un assistente bagnante Registro valori vasca timbrato USL (cloro, temperatura, numero presenze, PH)

22 + PALAZZETTI capienza superiore alle 100 unità la legge predispone la figura di un titolare impianto presente durante lo svolgimento delle attività. piano sicurezza, uscite emergenza, estintori, vie di fuga, cassetta pronto soccorso, infermeria.

23 + 13)626 SICUREZZA SUL LAVORO (ultima modifica 9 Aprile 2008 n 81) Il datore di lavoro in collaborazione con la persona e responsabile servizio prevenzione e protezione deve predisporre un piano contenente i rischi per la sicurezza e salute dei lavoratori ( utilizzo sostanze chimiche, prodotti pericolosi) Predisporre un registro contenete : -relazione sui rischi rilevanti - individuazione misure di sicurezza - programma misure di sicurezza

24 + Inoltre il datore di lavoro dovrà seguire un corso di formazione sulla prevenzione rischi sul lavoro, prevenzione incendi e pronto soccorso ( per ogni settore devono essere individuate 2/3 persone responsabili)

25 + 14) COME ORGANIZZARE ATTIVITA e PERSONALE Oltre alle varie caratteristiche, riguardanti la gestione, elencate nei paragrafi precedenti abbiamo altri aspetti fondamentali da seguire, che riguardano la gestione del personale, gli sponsor e le convenzioni (comune, scuole, ditte e alberghi)

26 + 15) PERSONALE ISTRUTTORI ( brevetti e diverse capacità, gestione orari, costi, disponibilità, ) PERSONALE RECEPTION ( la segreteria è il fulcro del centro, pertanto è opportuno che le persone addette a questo ruolo siano competenti, informate su tutte le attività del centro e abili comunicatrici, presso di essa vengono svolte tutte le pratiche amministrative e informative) PERSONALE PULIZIA ( gestione tempo, locali da pulire, suddivisione delle mansioni ordinarie e straordinarie)

27 + 16) RAPPORTI CON L ESTERNO CONVENZIONI E RAPPORTI CON AZIENDE -contattare le ditte/ società / grandi magazzini in zona: - preparare agevolazioni, sconti su attività per dipendenti ed eventualmente famigliari. - elenco numeri e richieste ( osservare sempre le richieste di zona). scuole: allo stesso modo cercare e contattare le scuole nelle vicinanze per proporre attività come corsi di nuoto in orario scolastico, centri estivi, attività terrestri, baby parking Università in zona ( con particolare riferimento a Scienze Motorie, tirocinio e utilizzo palazzetto) scuole danza: cercare collaborazioni con scuole danza, federazioni varie, per proporre attività, spettacoli. - convenzioni alberghi e ristoranti ( nel caso in cui si organizzino meeting, conferenze)

28 + 17) LA COMUNICAZIONE La comunicazione oggi può essere un sinonimo di strategia d azione sociale, ossia un modo di essere. L associazione sportiva, deve rapportarsi sistematicamente, sul piano dei rapporti e delle relazioni, con la realtà esterna fatta di pubblici diversi, dalle esigenze spesso in contrasto tra di loro, e divenire, essa stessa un soggetto attivo e totale di comunicazione. La comunicazione oggi deve occupare una posizione centrale nell assetto di qualsiasi società, centro e associazione sportiva. Importante mezzo da utilizzare è Internet e tutti i servizi annessi (sito, mailing list, promozioni, open day)

29 + OBIETTIVI Fornire all esterno un immagine positiva del centro Acquisire maggior prestigio nei confronti di società concorrenti Migliorare e far conoscere le iniziative promozionali Contattare i giovani che sono linfa vitale per l associazione Aumentare l interesse del pubblico Questi sono fattori che rappresentano un punto di partenza per la società, e la garanzia della sopravvivenza della stessa.

30 + COMUNICAZIONE SPORTIVA INTERNA ESTERNA Motivazionale (nei confronti del personale, ruolo reception e istruttori) Emozionale ( un importante mezzo da utilizzare per cercare di carpire le sensazioni, i disagi e le problematiche delle persone che lavorano all interno del centro sono delle riunioni periodiche ) DI MARCA Brand Atleta DI PRODOTTO Servizio Prodotto Evento ISTITUZIONALE Pubbliche relazioni Sponsor Partner Azionisti

31 + 18) CONCLUSIONE La gestione di un centro sportivo, come abbiamo visto, comprende parecchie problematiche: l organizzazione del lavoro di tante persone che si trovano a collaborare insieme; l utilizzo intelligente di tempo, risorse economiche ed energie; questo soprattutto da quando il settore sportivo ( centri fitness, palestre, piscine, spa) ha subito un notevole incremento, entrando a far parte del tessuto sociale.

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 TITOLO I Art 1 Definizione di impianto sportivo comunale Si definiscono impianti sportivi comunali

Dettagli

Allegato 3 PREMESSO CHE:

Allegato 3 PREMESSO CHE: CAPITOLATO DI GESTIONE ALLA SOCIETA DEL PALAZZETTO DELLO SPORT DENOMINATO PALABONATE SITO A BONATE SOPRA IN VIA SALVO D ACQUISTO CONVENZIONE DI GESTIONE PREMESSO CHE: - con atto n. del.. è stato approvato

Dettagli

COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso

COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso Regolamento per utilizzo palestre scolastiche comunali in orario extrascolastico approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 13 del 30/04/2015 REGOLAMENTO

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PISCINA COMUNALE UBICATA NELLA CITTADELLA SPORTIVA DEI MONTI ROSSI

SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PISCINA COMUNALE UBICATA NELLA CITTADELLA SPORTIVA DEI MONTI ROSSI SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PISCINA COMUNALE UBICATA NELLA CITTADELLA SPORTIVA DEI MONTI ROSSI Art. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune di Nicolosi,

Dettagli

COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE FOGLIO CONDIZIONI

COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE FOGLIO CONDIZIONI COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE COSTITUITO DAL NUOVO PALAZZETTO DELLO SPORT E DA DUE CAMPI DA CALCETTO/TENNIS FOGLIO CONDIZIONI ART. 1

Dettagli

ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE

ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE Pag. 1 di 15 D.Lgs. 81/08 aggiornato con il D.Lgs. 106/09 TIT II LUOGHI DI LAVORO PALESTRE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE DIREZIONE SERVIZI AMMINISTRATIVI AREA SPORT E TEMPO LIBERO CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE www.comune.torino.it/piscine Maggio 2014 www.comune.torino.it/cartaqualita FINALITÀ

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE DI VIA.. FRAZIONE : ANNI..

CONVENZIONE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE DI VIA.. FRAZIONE : ANNI.. ALLEGATO A1 CONVENZIONE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE DI VIA.. FRAZIONE : ANNI.. Art. 1 Oggetto e durata della convenzione Con la presente convenzione, il Comune di Paderno

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri.

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA N. 25 del 13 marzo 1995 Il

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA

COMUNE DI MASSA DI SOMMA COMUNE DI MASSA DI SOMMA PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al territorio nello spirito della più ampia collaborazione e cooperazione

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

Il Comune di Forlì mantiene, comunque, la funzione di indirizzo e di controllo e la definizione delle tariffe.

Il Comune di Forlì mantiene, comunque, la funzione di indirizzo e di controllo e la definizione delle tariffe. 1 1 2 Introduzione Il Comune di Forlì ha affidato in concessione la gestione della piscina comunale ad un soggetto specializzato, Piscine Forlì s.r.l.. La concessione è la forma più adeguata in relazione

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA Comune di Piacenza UNITÀ DI PROGETTO GRANDI PROGETTI NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA RELAZIONE DESCRITTIVA Piacenza, luglio 2010 IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (arch. Taziano Giannessi) Unità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI CALCINAIA (Provincia di Pisa) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE IN ORARIO EXTRASCOLASTICO Art. 1 Oggetto Art. 2 Gestione diretta degli spazi Art. 3 Individuazione società

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO (Approvato con deliberazione del C.C. n. 43 del 09.06.1992) Art. 1 Le palestre scolastiche sono patrimonio dell

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II AFFIDAMENTO IN USO CAPO III AFFIDAMENTO IN GESTIONE

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II AFFIDAMENTO IN USO CAPO III AFFIDAMENTO IN GESTIONE Apppprroovvaat too ccoonn ddeel libbeerraazzi ioonnee nn..003366/ /CC ddeel l 2200..0044..22000099 - REGOLAMENTO PPER L AFFFFIIDAMENTO IIN USSO E IIN GESSTIIONE DEGLII IIMPPIIANTII SSPPORTIIVII COMUNALII

Dettagli

La valutazione dei rischi in piscina ed il documento di autocontrollo nella provincia di Reggio Emilia

La valutazione dei rischi in piscina ed il documento di autocontrollo nella provincia di Reggio Emilia La valutazione dei rischi in piscina ed il documento di autocontrollo nella provincia di Reggio Emilia Tecnici di Prevenzione: Per.Chim.Ind. Sghedoni Stefano Dott. Macoretta Giovanni Pericolo: proprietà

Dettagli

CARTA dei SERVIZI AQUAMICA. Gestione: General Services S.r.l.

CARTA dei SERVIZI AQUAMICA. Gestione: General Services S.r.l. CARTA dei SERVIZI AQUAMICA Gestione: General Services S.r.l. AQUAMICA è un centro preposto allo svolgimento d attività rivolte al raggiungimento e al mantenimento del benessere di tutti gli utenti, di

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: CITTÀ DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO

PROGRAMMA N. 13: CITTÀ DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO PROGRAMMA N. 13: CITTÀ DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO 225 226 PROGETTO 13.1 VALORIZZAZIONE IMPIANTI SPORTIVI OBIETTIVI STRATEGICI PER IL TRIENNIO 2013-2015 Titolo obiettivo 1: Palasport M. Benedetti concessione

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA SETTORE LAVORI PUBBLICI - VIABILITA' E MOBILITA' Protocollo n. 0032126/2013 Spinea, lì 24/10/2013 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO DI PREINFORMAZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Pag. 1 di 28 Argomenti - Sicurezza sul lavoro e normativa vigente - Il campo di applicazione del D.Lgs. 81/08 esteso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 in data 12.03.2015 INDICE Art. 1 DEFINIZIONI Art. 2 OGGETTO E FINALITA

Dettagli

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi Sono lieto di presentare ai cittadini di Udine la Carta della Qualità dei Servizi offerti dal Comune di Udine. Per ogni servizio specifico, la Carta della Qualità dei Servizi fissa le caratteristiche e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Forme di gestione Art. 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI SEZIONE I 22.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 Autonomie locali espresso nella seduta del 17 novembre 2006; 3 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

COMUNE di CAVEZZO (Provincia di Modena)

COMUNE di CAVEZZO (Provincia di Modena) COMUNE di CAVEZZO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE COMUNALI CAPO I NORME COMUNI ART. 1 OGGETTO E PRINCIPI Il presente regolamento disciplina la concessione delle sale

Dettagli

RELAZIONE DELL ASSESSORE ALLA P.I. E SPORT

RELAZIONE DELL ASSESSORE ALLA P.I. E SPORT RELAZIONE DELL ASSESSORE ALLA P.I. E SPORT OGGETTO: Impianti sportivi comunali - determinazione tariffe d uso. Premesso che: - con delibera consiliare n.2 del 07/02/2011 è stato approvato il Regolamento

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre g) limite di compensabilità: limitazione posta alla compensabilità di superfici, calcolata sulla base del rapporto tra l ambiente più grande e l ambiente più piccolo; h) frazionabilità degli spogliatoi:

Dettagli

COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio

COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE STRUTTURE SPORTIVE DEL COMUNE approvato dal Consiglio Comunale in seduta del 03/06/2004 con deliberazione n.13 integrazione

Dettagli

Comune di Solferino (MN)

Comune di Solferino (MN) Comune di Solferino (MN) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI ITALIA 90 NONCHE PER LA CONDUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IN ORARIO EXTRA-SCOLASTICO DELLA PALESTRE ANNESSE AGLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VALMADRERA.

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IN ORARIO EXTRA-SCOLASTICO DELLA PALESTRE ANNESSE AGLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VALMADRERA. COMUNE DI VALMADRERA Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IN ORARIO EXTRA-SCOLASTICO DELLA PALESTRE ANNESSE AGLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VALMADRERA. Approvato con DCC n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI Approvato dal Consiglio Comunale giusta deliberazione n. 109 del 18/07/2013 COMUNE di AGRIGENTO * REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI 1 Art. 1 DEFINIZIONI Ai fini del presente

Dettagli

COMUNE DI MONTEGRANARO Provincia di Fermo Servizio cultura istruzione turismo

COMUNE DI MONTEGRANARO Provincia di Fermo Servizio cultura istruzione turismo BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE PALESTRA DI VIA GANDHI (S.Liborio) E VIA MARTIRI D UNGHERIA (Palazzetto dello sport) (All.A determina n.126 del 3.12.2013 del responsabile del servizio

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI.

CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI. CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI. L anno il giorno del mese di alle ore, in Rosignano Marittimo e nella Sede Comunale si sono costituiti i Signori: BROGI VINCENZO, nato a Rosignano

Dettagli

D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche

D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche Dott. Paolo Picco TdP S.PRE.S.A.L. ASL TO3 Torino, 5 dicembre 2012 1 Prima domanda

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

CAPITOLATO DI GESTIONE

CAPITOLATO DI GESTIONE Comune di Oristano Comuni de Aristanis SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI PROGETTAZIONE ESECUTIVA, RISTRUTTURAZIONE E GESTIONE DELLA PISCINA

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria,

Dettagli

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI E REQUISITI MINIMI QUALITATIVI DELLE COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI

Dettagli

Provincia di Firenze. Premesso che:

Provincia di Firenze. Premesso che: Oggetto: Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012.

Dettagli

Verona & Lago di Garda Convention Bureau

Verona & Lago di Garda Convention Bureau Verona & Lago di Garda Convention Bureau STANDARD DI QUALITA DEL COMPARTO Verona & Lago di Garda Convention Bureau si fa garante presso il cliente della qualità dei servizi offerti dalle aziende accreditate.

Dettagli

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). Definizione dei requisiti tecnici relativi alle strutture ricettive extraalberghiere - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 24 settembre

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO SETTORE TECNICO SERVIZIO LL.PP. MANUTENZIONI AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

COMUNE DI SUMIRAGO SETTORE TECNICO SERVIZIO LL.PP. MANUTENZIONI AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE SETTORE TECNICO SERVIZIO LL.PP. MANUTENZIONI AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA GESTIONE DEL POLO SPORTIVO DI VIA CARDUCCI IN SUMIRAGO (VA)

Dettagli

Allegato 2: ELENCO CODICI MERCEOLOGICI

Allegato 2: ELENCO CODICI MERCEOLOGICI Allegato 2: ELENCO CODICI MERCEOLOGICI FORNITURE/SERVIZI 1 AGENZIA DI PUBBLICITA', MARKETING, MATERIALI PUBBLICITARI, VIAGGIO E TURISMO 1A AGENZIE PUBBLICITARIE E MARKETING 1B CARTELLONISTICA PUBBLICITARIA,

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto: Contratto per la gestione dell impianto sportivo calcistico Aldo Nelli in località Oste Dirigente/

Dettagli

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia UFFICIO SEGRETERIA SCUOLA - Via San Polo,1 42030 VIANO (RE) Regolamento Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano Approvato

Dettagli

Per la gestione ed il funzionamento della piscina comunale coperta e strutture accessorie

Per la gestione ed il funzionamento della piscina comunale coperta e strutture accessorie COMUNE DI SERRENTI Provincia del Medio Campidano Regolamento Per la gestione ed il funzionamento della piscina comunale coperta e strutture accessorie Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

CHECK LIST PER VERIFICA DEL LIVELLO QUALITA' DEL SERVIZIO DI PULIZIA SULLE PALESTRE

CHECK LIST PER VERIFICA DEL LIVELLO QUALITA' DEL SERVIZIO DI PULIZIA SULLE PALESTRE DEL SERVIZIO DI PULIZIA SULLE PALESTRE impianto: PALESTRA data: ora: SERVIZIO DI PULIZIA: SPOGLIATOI, SERVIZI, BAGNI E ALTRE AREE oggetto di percorso esterno di accesso pavimenti / parapetti 1 rifiuti-residui

Dettagli

REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI

REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II CRITERI GENERALI PER USO IMPIANTI SPORTIVI TITOLO III CRITERI GENERALI PER GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI TITOLO IV

Dettagli

La Sala Convegni non può essere concessa a soggetti che perseguono interessi particolari e cioè a partiti ed organizzazioni politiche.

La Sala Convegni non può essere concessa a soggetti che perseguono interessi particolari e cioè a partiti ed organizzazioni politiche. Prontuario per la gestione della Sala Convegni della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona (adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 5 settembre 2007) Art. 1 Premessa La Sala Convegni

Dettagli

STIMA DEI COSTI DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI RIMINI ACQUA ARENA. Revisione 1

STIMA DEI COSTI DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI RIMINI ACQUA ARENA. Revisione 1 STIMA DEI COSTI DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI RAA_REL_07 RIMINI ACQUA ARENA Revisione 1 impianti RAA_REL_07 Progetto Preliminare RIMINI ACQUA ARENA 26/11/2014 Revisione 1 Committente: Rimini Fiera S.p.A via

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500 PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO INERENTE LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DEL COMUNE DI CON ONERI DI ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE

Dettagli

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria, riporta i

Dettagli

OBBLIGHI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEL TITOLARE DELL IMPIANTO SPORTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA E IGIENE

OBBLIGHI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEL TITOLARE DELL IMPIANTO SPORTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA E IGIENE COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI OBBLIGHI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEL TITOLARE DELL IMPIANTO SPORTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA E IGIENE In collaborazione con:

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia

Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia Regolamento per la concessione in uso della Sala Conferenze del Centro Documentazione di ARPA Sicilia PREMESSA Il Direttore Generale dell Agenzia Regionale per l Ambiente della Sicilia ha approvato il

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce Settore Tecnico

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce Settore Tecnico REGOLAMENTO DI USO E GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con Delibera C.C. n. 13 del 21/07/2014 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Nell ambito delle politiche per lo sport, il Comune di Cutrofiano

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Il sottoscritto residente in via tel. e-mail in qualità di dell Ente/Associazione/Organismo con sede in via partita IVA n. CHIEDE

Il sottoscritto residente in via tel. e-mail in qualità di dell Ente/Associazione/Organismo con sede in via partita IVA n. CHIEDE Alla Camera di Commercio I.A.A. Ufficio Segreteria, Affari generali e Relazioni con il Pubblico Via Avogadro, 4 28100 NOVARA Oggetto: Richiesta uso temporaneo sale camerali. Il sottoscritto residente in

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DELL ENTE PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DELL ENTE PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DELL ENTE PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE CAPO I OGGETTO E DIRETTIVE CONTABILI E FISCALI Art. 1 Oggetto Il presente regolamento concerne l oggetto, le modalità di

Dettagli

Città di Vigevano. R E G O L A M E N T O per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali. Approvato con Del. di CC n.

Città di Vigevano. R E G O L A M E N T O per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali. Approvato con Del. di CC n. 1 Città di Vigevano R E G O L A M E N T O per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali Approvato con Del. di CC n. 74 del 4/12/2006 1 2 I N D I C E - CAPO I DISPOSIZIONI GENERALE E CLASSIFICAZIONE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

CITTA di SURBO (Provincia di Lecce)

CITTA di SURBO (Provincia di Lecce) CITTA di SURBO (Provincia di Lecce) Settore Servizi Socio-Assistenziali Via Codacci Pisanelli n. 25 Tel. 0832/360804-360831-360805-360807 - Fax 360803 servizisociali@comune.surbo.le.it surbo.servizisociali@pec.it

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO ART. 1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO Forma oggetto della concessione la gestione del complesso dei beni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Modifiche alla legge regionale 2/2002 in materia di turismo e alla legge regionale 4/2005 recante interventi per il sostegno e lo sviluppo

Dettagli

C O M U N E D I PONTEDELL OLIO PROVINCIA DI PIACENZA

C O M U N E D I PONTEDELL OLIO PROVINCIA DI PIACENZA ALLEGATO B C O M U N E D I PONTEDELL OLIO PROVINCIA DI PIACENZA VIA VITTORIO VENETO, 147 29028 PONTEDELL OLIO Tel. 0523/874411 Fax 0523/874444 CAPITOLATO PER LA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE ANNESSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI Premessa Gli impianti sportivi come le altre strutture comunali hanno preciso intento di dare una

Dettagli

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali COMUNE DI SOVERE Provincia di Bergamo Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali ART.1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ 1) I presenti criteri di gestione hanno lo scopo di salvaguardare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 59 dell 11 ottobre 2007 (Testo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

FEDERAZIONE SCACCHISTICA ITALIANA. Viale Regina Giovanna 12, 20129 MILANO INDICAZIONI PER IMPIANTI E STRUTTURE PER MANIFESTAZIONI F.S.I.

FEDERAZIONE SCACCHISTICA ITALIANA. Viale Regina Giovanna 12, 20129 MILANO INDICAZIONI PER IMPIANTI E STRUTTURE PER MANIFESTAZIONI F.S.I. FEDERAZIONE SCACCHISTICA ITALIANA Viale Regina Giovanna 12, 20129 MILANO INDICAZIONI PER IMPIANTI E STRUTTURE PER MANIFESTAZIONI F.S.I. Ottobre 2014 Sommario 1. Tipologie di eventi... 3 Tipologia A - Tornei

Dettagli

CONVENZIONE CON.. PER L AFFIDAMENTO DELLA PALESTRA DI CAPANNOLI PER. L anno duemilaquindici il giorno ( ) del mese di TRA

CONVENZIONE CON.. PER L AFFIDAMENTO DELLA PALESTRA DI CAPANNOLI PER. L anno duemilaquindici il giorno ( ) del mese di TRA CONVENZIONE CON.. PER L AFFIDAMENTO DELLA PALESTRA DI CAPANNOLI PER ATTIVITÀ SPORTIVE IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. REP N. L anno duemilaquindici il giorno ( ) del mese di in Capannoli, nella sede del Palazzo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha come oggetto l affidamento in gestione del palazzetto dello sport

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE

DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE RIQUALIFICAZIONE ED AMPLIAMENTO DELLE PALESTRE ALL INTERNO DELLE RESIDENZE

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

Con riferimento alla vostra richiesta di soggiorno, Vi comunichiamo le nostre offerte.

Con riferimento alla vostra richiesta di soggiorno, Vi comunichiamo le nostre offerte. Con riferimento alla vostra richiesta di soggiorno, Vi comunichiamo le nostre offerte. CASE MOBILI La nostra struttura è dotata di unità abitative Case Mobili nelle tipologie da 4 5-6 posti letto, ben

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO MUNICIPALE SITO IN ROMA VIA MORRO REATINO 49.

AVVISO PUBBLICO BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO MUNICIPALE SITO IN ROMA VIA MORRO REATINO 49. AVVISO PUBBLICO BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO MUNICIPALE SITO IN ROMA VIA MORRO REATINO 49. Il Municipio Roma XX, in attuazione del Regolamento per gli impianti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI MEDICINA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 46 in data 31/03/2011, dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

ALBO DELLE IMPRESE E DELLE DITTE DI FIDUCIA DI ADE SERVIZI SRL

ALBO DELLE IMPRESE E DELLE DITTE DI FIDUCIA DI ADE SERVIZI SRL ALLEGATO A - ELENCO DELLE FORNITURE - ALBO DELLE IMPRESE E DELLE DITTE DI FIDUCIA DI ADE SERVIZI SRL INDICE CATEGORIA A AUTOMEZZI CATEGORIA B MATERIALE PER SICUREZZA E SORVEGLIANZA CATEGORIA C ARREDI E

Dettagli

Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi.

Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi. Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi. IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; Vista la legge 13

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R.

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R. UNITA SANITARIA LOCALE PESCARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Ufficio Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro Via Paolini, 45 Pescara - 085 4253401/5/6/7 Penne - 085 8276319 Alanno-Popoli 085 8542995 SCHEDA

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari REGOLAMENTO

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari REGOLAMENTO COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COPERTA COMUNALE, DEL CAMPO DI CALCIO E DELLA PISTA POLIVALENTE Approvato con delibere consiliari n. 79 dell 11.10.1994 e n. 97

Dettagli

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X TABELLA A (Art. 27) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ESERCIZI RICETTIVI ALBERGHIERI (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo e beauty-farm)

Dettagli

COMUNE DI TARANTO Direzione Pubblica Istruzione Cultura Spettacolo Sport

COMUNE DI TARANTO Direzione Pubblica Istruzione Cultura Spettacolo Sport COMUNE DI TARANTO Direzione Pubblica Istruzione Cultura Spettacolo Sport DISCIPLINARE PER L' UTILIZZO DELLO STADIO COMUNALE ERASMO IACOVONE ( allegato alla deliberazione GC n. 54 del 14/04/2014 ) Partite

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ORSOGNA E PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA COMUNALE SITA IN VIA G. MAGNO.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ORSOGNA E PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA COMUNALE SITA IN VIA G. MAGNO. CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ORSOGNA E PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA COMUNALE SITA IN VIA G. MAGNO. L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di nell ufficio tecnico del Comune di Orsogna

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA PIFFERI CASOLA VALSENIO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA PIFFERI CASOLA VALSENIO Approvato con Deliberazione del C.d.A. del 26-04-2012 o.d.g. n.7. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA PIFFERI CASOLA VALSENIO Premessa Il presente regolamento disciplina i criteri generali per il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Impianti: info/dettagli Piscina Coperta Centro Benessere Palestrina. Periodi di apertura Settembre Giugno Settembre - Giugno Settembre Giugno

Impianti: info/dettagli Piscina Coperta Centro Benessere Palestrina. Periodi di apertura Settembre Giugno Settembre - Giugno Settembre Giugno Rev. 3 Data 2 novembre 2012 Pagina 1 di 21 CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI ALLEGATO B.1 Scheda PISCINA COPERTA impianto certificato QIS HEPA 10001-10002 e conforme alla norma ISO 9001:2008 Via Togliatti

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 FORMAZIONE OBBLIGHI SANZIONI Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 Mancata informazione ai lavoratori 1.315,20 a 5.699,20 Mancata formazione ai lavoratori, ai dirigenti (RSPP) e preposti, ai lavoratori addetti

Dettagli