CLIENT E SERVER. Facciamo ora una rapida carrellata dei componenti fondamentali, che si trovano in tutte le reti locali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLIENT E SERVER. Facciamo ora una rapida carrellata dei componenti fondamentali, che si trovano in tutte le reti locali."

Transcript

1 LE RETI Il termine rete si riferisce idealmente a una maglia di collegamenti; in pratica indica un insieme di componenti collegati tra loro in qualche modo a formare un sistema. Più precisamente, con esso possiamo indicare un gruppo di due o più computer collegati tra loro. Gli elaboratori rappresentano i nodi della rete descritta e, spesso, vengono definiti host o stazioni; i collegamenti tra questi nodi fanno sì che la rete di svolgere la sua funzione principe, quella di consentire il passaggio di dati da un elaboratore all altra sotto forma di pacchetti. Le reti possono essere locali o geografiche: quando si parla della rete situata in un unica sede dell azienda abbiamo una rete locale (LAN, Local Area Network); se due reti situate in due sedi differenti sono collegate mediante servizi offerti da un Internet Service Provider (ISP) o tramite una linea dedicata fornita da una società telefonica, abbiamo, oltre a due reti locali, una rete WAN (Wide Area Network, detta anche rete geografica). Ogni rete comprende: - almeno due computer; - una scheda di rete (un dispositivo che permette al computer di colloquiare con la rete) su ogni computer (detta anche NIC, Network Interface Card); - un mezzo di collegamento, ovvero il cavo. Oggi esiste anche la possibilità di far comunicare i computer e le periferiche collegati in rete senza cavo ( wireless ); - un software di rete, normalmente già presente nei più comuni sistemi operativi quali Windows 95/98, Windows NT/2000, Apple MacOs, Novell NetWare; - un punto di aggregazione, ovvero una speciale scatola per connettere tutti i cavi. In passato vi erano anche reti in cui il cavo di rete di ogni PC si collegava direttamente ad un altro PC: oggi, invece, le reti prevedono quasi sempre una struttura più efficiente, che riunisce i cavi connessi ai PC in un unico punto. Quella che abbiamo definito scatola cui si attaccano i cavi provenienti dai PC può essere definita hub o switch. Certo, rete locale ed Intranet sono stati a lungo una prerogativa delle sole grandi realtà aziendali con la disponibilità di grosse risorse da investire nell infrastruttura informatica; la

2 diminuzione dei costi dei prodotti informatici ha fatto sì che oggi, anche nelle piccole imprese, la spesa necessaria per costruire una piccola rete locale sia più che sostenibile. Ovviamente, anche la sua amministrazione è stata talmente automatizzata da divenire gestibile anche da personale non altamente specializzato. Per costruire una rete è sufficiente, come detto, che due computer siano collegati tra loro: i vantaggi di una rete sono molti e riguardano diversi aspetti dell utilizzo dei sistemi informativi. Un primo vantaggio di collegare i computer in rete è la possibilità di condivisione e di accesso remoto delle informazioni: una cartella o un file memorizzati su un nodo della rete possono essere condivisi e ad essi possono accedere gli utenti di tutti gli altri nodi. Un altro vantaggio consiste nella possibilità di condivisione delle risorse fisiche come stampanti o connessioni ad Internet. Se si dispone di una rete locale, basta collegare la stampante ad un nodo che funge da server per tutte le operazioni di stampa originate dalle altre postazioni. Analogamente, una connessione ad Internet può essere gestita da un singolo computer e condivisa tra tutti gli utenti che possono accedere a quest ultimo. Un terzo vantaggio della connessine in rete consiste nella facilitazione dell implementazione di strategie di backup che prevedono la duplicazione automatica e periodica dei file su più nodi. Un ultimo vantaggio della connessione in rete consiste nella facilitazione dell implementazione di strategie di backup che prevedono la duplicazione automatica e periodica dei file su più nodi. Un ultimo vantaggio, forse quello più importante, è che una rete locale costituisce un ottima infrastruttura a supporto della produttività con strumenti come la posta elettronica e l Intranet aziendale. CLIENT E SERVER Spesso, quando la rete si ingrandisce e aumenta il numero di utilizzatori connessi, si introduce un computer su cui non lavorerà nessuno: sarà, infatti, un computer dedicato ad offrire servizi agli altri PC della rete. Questo computer viene chiamato server, un punto centralizzato per archiviare (e condividere) informazioni (file) o programmi. I server si occupano anche di gestire e metter a disposizione di tutti alcune periferiche come le stampanti. In tutti quei casi in cui esiste un server in rete, tutti gli altri computer prendono il nome di client. Nelle reti di più piccole dimensioni, dove si decide di non installare un server, alcune funzioni di condivisione possono essere espletate dai singoli computer connessi, come lo scambio di file ed , la copia di file sui dischi fissi di qualcun altro. Facciamo ora una rapida carrellata dei componenti fondamentali, che si trovano in tutte le reti locali.

3 - scheda di rete: le schede di rete sono generalmente installate all interno del computer, dal quale spunta solo la parte terminale, nella quale deve essere inserito il cavo di rete. - Hub: detti anche ripetitori, gli hub sono i dispositivi che collegano fra di loro gli utenti, rappresentando il punto di aggregazione di tutti i cavi collegati ai PC. Ogni pacchetto di dati proveniente da un computer viene ricevuto dall hub su una porta e trasmesso a tutte le altre (ovviamente, il pacchetto verrà poi ricevuto solo dal computer che risulta essere l effettivo destinatario). Tutti gli utenti collegati a un hub si trovano nello stesso segmento di rete e condividono la stessa larghezza di banda (così viene chiamata la velocità della rete), per cui, nel caso della comune rete Ethernet, la banda di 10 Mbps viene condivisa in modo tale per cui se un utente ne sta utilizzando il 10%, agli altri utenti rimangono 9 Mbps. E facile immaginare che questa tipologia di connessione con banda condivisa esaurisca rapidamente la capacità della rete di far viaggiare rapidamente il traffico delle informazioni. - Switch: gli switch svolgono la stessa funzione degli hub, ma sono più potenti e intelligenti; innanzitutto, offrono una larghezza di banda maggiore agli utenti, perché la banda non è condivisa, ma dedicata (se è di 10 Mbps, ogni utente avrà i propri 10Mbps, da non dividere con nessun altro). Inoltre, uno switch, essendo in grado di leggere le informazioni con l indirizzo di ogni pacchetto, invia i pacchetti di dati solo alla porta specifica del destinatario. - Router: anch essi sono smistatori di traffico che ricevono dati e li inviano da qualche altra parte. Nelle reti solitamente si occupano del traffico verso l esterno della rete locale, ad esempio per un collegamento ad Internet. Basandosi su una mappa di rete denominata tabella di routine, i router possono fare in modo che i pacchetti raggiungano le loro destinazioni attraverso i percorsi più efficaci. Se cade la connessione tra due router, per non bloccare il traffico il router sorgente può definire un percorso alternativo. Il passo successivo consiste nell illustrare le diverse tecnologie di networking : - LAN Ethernet e Fast Ethernet: Ethernet è apparsa per la prima volta nel 1970 e rappresenta la tecnologia tutt ora più diffusa per le reti locali. Sinteticamente, un computer con scheda di rete Ethernet può inviare i pacchetti di dati solo quando nessun altro pacchetto sta viaggiando sulla rete, ovverosia quando la rete è, per così dire, tranquilla. In caso contrario, aspetta a trasmettere come quando, durante una conversazione, una persona deve attendere che l altra smetta prima di parlare a sua volta. Se più computer percepiscono contemporaneamente un momento tranquillo e iniziano ad inviare i dati nello stesso momento, si verifica una collisione dei dati sulla rete, con conseguente necessità di effettuare altri tentativi: ogni computer, infatti, attende per un certo periodo e prova a inviare nuovamente il pacchetto di dati. Se gli utenti di una rete

4 aumentano, cresce rapidamente anche il numero di collisioni, errori e ritrasmissioni, con un effetto a valanga dannoso per le prestazioni della rete. Come già accennato in precedenza, la larghezza di banda (o capacità di trasmissione dei dati) di Ethernet è di 10 Mbps; Fast Ethernet opera nel medesimo modo, ma ad una velocità dieci volte superiore (100Mbps). Una volta compreso il modo di operare delle reti Ethernet, è facile comprendere quanto uno switch possa essere efficiente nel risolvere i problemi di traffico, fornendo più corsie ai dati che viaggiano, rispetto alle reti dove la banda è condivisa da tutti i computer. Le seguenti immagini vogliono rappresentare le diverse modalità di funzionamento delle reti Ethernet e Fast Ethernet. Come accennato all inizio, le LAN servono gli utenti locali all interno di un edificio; le reti WAN, invece, collegano LAN situate in luoghi diversi della stessa città, nazione o di qualsiasi altra parte del mondo. Si tratta, quindi, di un collegamento a distanza e si parla in questo caso, di connettività geografica. Internet, ovviamente, è una rete WAN, così come lo sono le reti che connettono le filiali di un azienda sparse sul territorio. In generale, le velocità delle reti locali (LAN) sono decisamente superiori a quelle delle WAN: si pensi che se una Ethernet va a 10 o 100 Mbps, ovvero dieci/cento milioni di bit al secondo, un comune modem opera a 56 Kbps ( solo 56 mila bit a secondo), e quindi a meno del 10% della velocità di una Ethernet.

5 PACCHETTO E PROTOCOLLO Come detto, scopo principe della rete è il trasferimento dei dati: questi viaggiano nella rete sotto forma di pacchetti: il termine è appropriato in quanto si tratta di un vero e proprio confezionamento delle informazioni attraverso cui si definisce il mittente e il destinatario dei dati trasmessi. Il confezionamento e le dimensioni dei pacchetti dipendono, poi, dal tipo di rete fisica utilizzata. I dati, è facile immaginarlo, sono un materiale duttile,che può essere suddiviso e aggregato in vari modi. Ciò significa che, durante il loro tragitto, i dati possono essere scomposti e ricomposti più volte e in modi differenti: ad esempio, per attraversare un segmento di una rete particolare, potrebbe essere necessario suddividere dei pacchetti troppo grandi in pacchetti più piccoli, oppure potrebbe essere utile il contrario. I pacchetti di dati, poi, vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione. A qualunque livello della nostra esistenza è necessario un protocollo per comunicare: in un colloquio tra persone, chi parla invia un messaggio all altra che, per riceverlo, deve ascoltare; volendo proseguire con questo esempio, si può anche considerare il problema dell inizio e della conclusione della comunicazione: la persona con cui si vuole comunicare oralmente deve essere raggiunta e si deve ottenere la sua attenzione, per esempio con un saluto; alla fine della comunicazione, occorre un modo per definire che il contatto è terminato, con una qualche forma di commiato. Il protocollo più utilizzato per la trasmissione e la ricezione delle informazioni è il TCP/IP (Transmission Control Protocol / Internet Protocol), formato da due componenti: 1. il protocollo IP, che suddivide ogni messaggio in uscita in pacchetti di piccole dimensioni e ricompone i messaggi in arrivo, unendo i relativi pacchetti; 2. il protocollo TCP, che controlla la correttezza della trasmissione e fa sì che, se un pacchetto va perso o arriva danneggiato, esso sia inviato di nuovo. LA RETE DELLE RETI: INTERNET LA NASCITA DI INTERNET Dai più, il 1969 è ricordato come l anno dello sbarco dell uomo sulla Luna, evento di indiscussa importanza, che ha segnato l alba di una nuova era; esiste, però, almeno un altro motivo perché quest anno possa ritenersi epocale: la nascita di Internet. La comune convinzione che la cosiddetta Rete delle Reti sia un invenzione degli anni 90 può ritenersi corretta solo in piccola parte: infatti, la storia di Internet ha avuto un corpo parallelo alla Storia contemporanea ufficiale, benché inizialmente molti avvenimenti fossero conosciuti solo dagli addetti ai lavori. Quello che potremmo definire il casus belli della nostra storia è la realizzazione di un importantissimo progetto spaziale sovietico nel 1957, la messa in orbita dello Sputnik. Questo

6 evento ebbe forti ripercussioni negli Stati Uniti, che videro minacciata la propria supremazia tecnologica e, non da ultimo, il proprio primato in campo militare. La risposta, come prevedibile, non si fece attendere: alla fine degli anni 50, in piena guerra fredda, l amministrazione Eisenhower diede un notevole impulso alla ricerca militare nel settore delle comunicazioni; in particolare, in seguito all approvazione del Congresso, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti nel 1958 diede vita all ARPA (Advanced Research Project Agency), con sede all interno del Pentagono, a Washington. Nonostante questo rinnovato impegno, i progressi sovietici in campo spaziale non si arrestarono, tutt altro: nel 1961, il russo Yuri Gagarin divenne il primo uomo lanciato nello spazio. A fronte di ciò, gli Stati Uniti decisero di stanziare ancora maggiori finanziamenti nel campo della ricerca aerospaziale e costituirono la NASA, alla quale venne trasferita la competenza di gestire i programmi spaziali, con i relativi capitali. Dal canto suo, l ARPA dovete cercarsi un nuovo oggetto di studio, che trovò nella scienza dell informazione e della comunicazione; in particolare, la direzione dell agenzia, avendo a disposizione costosi elaboratori elettronici, decise di sviluppare un progetto che conferisse a quelle macchine la capacità di comunicare e trasferire i dati. Nel 1969 vide la luce, quindi, il primo risultato concreto del progetto, chiamato ARPAnet: come viene riportato comunemente nei trattati di storia di Internet, l obiettivo di ARPAnet era quello di garantire la sicurezza dei dati in caso di guerra nucleare. In realtà, almeno in un primo tempo, il progetto portò ala condivisione dei sistemi tra i quattro poli universitari coinvolti: UCLA (Università di Los Angeles), UCSB (Università di Santa Barbara), Università dello Utah e lo SRI (Stanford Research Institute); il primo esperimento compiuto fu il tentativo di accesso da UCLA al sistema dello SRI, seguito da due gruppi di studenti in collegamento telefonico: al secondo tentativo, sul video del computer remoto dello SRI comparve la parola LOG, digitata da un professore che in quel momento si trovava a Los Angeles. In progetto ARPAnet non è nato, quindi, con finalità militari, come spesso si vuol far credere, e, a dimostrazione di ciò, vi è il fatto che i dettagli tecnici che ne delineano la composizione non furono coperti da segreto, ma da sempre sono di dominio pubblico. D altro lato, è sicuramente vero che le applicazioni militari furono una conseguenza obbligata di un progetto che poteva nascere solamente dalla sinergia delle uniche due entità che all epoca disponevano della tecnologia informatica necessaria, il Dipartimento della Difesa e l ambiente universitario della ricerca. Il vantaggio di uno sfruttamento del progetto ARPAnet in campo militare è legato al fatto che, se si fosse verificato un bombardamento, il rischio di perdita di dati sarebbe stato scongiurato, dal momento che comunicazioni e archivi potevano essere trasmessi tra computer dislocati in località differenti. Dopo ARPAnet, vi furono numerosi sviluppi delle comunicazioni in rete, che consentirono ad un numero sempre maggiore di utenti (per lo più università) di collegarsi tra loro. Nel 1991, iniziò la collaborazione europea alla struttura di Internet: il Cern di Ginevra sviluppò un sistema per consultare in modo intuitivo informazioni, dati e immagini che diede corpo al

7 Word Wide Web. La consultazione fu così fluida da essere definita, in inglese, surfing (ovvero navigazione ), grazie anche al linguaggio con cui da quel momento in avanti vennero composti i dati da consultare: l HTML. HTML Alla base del Web risiede il fondamentale concetto di HTML. L HTML (Hyper Text Markup Language) è un linguaggio, con le sue regole grammaticali e sintattiche, che stabilisce come devono realizzare e decifrare i documenti ipertestuali. Questi documenti possono essere collegati tra loro con opportuni riferimenti, non necessariamente reciproci, arricchiti di immagini, testi, suoni o altre risorse multimediali, creando quelle che in gergo si chiamano pagine Web. Le potenzialità esplorative di Internet offerte ad ogni singolo navigatore risiedono nella fitta ragnatela di interconnessioni che possono essere stabilite tra il materiale diffuso attraverso la Rete, organizzate secondo la logica dell ipertesto e che divengono esse stesse ipertesto. La forza dell ipertesto sta nel fatto di consentire la simulazione di processi associativi, simili a processi della mente umana che non pensa solo sequenzialmente, ma che procede anche per associazioni di idee; analogamente, l ipertesto non ha un ordine di lettura fisso e prestabilito come un romanzo e, per questa sua caratteristica, non risulta mai uguale a se stesso. Le funzioni svolte da un sistema ipertestuale sono innanzitutto di consultazione: l utente può posizionarsi sulla Rete, navigare nella base informativa seguendo i vari collegamenti che si dipartono dal nodo, visualizzare il contenuto del nodo e così via. Un ipertesto può essere letto in molteplici direzioni: dall alto verso il basso, come un normale libro, o da fuori a dentro; ogni pagina può essere la porta di accesso ad un altra pagina interna alla stessa opera o al sito che si sta consultando, ma anche di altri siti sparsi nella rete. URL Ogni computer connesso via internet viene identificato univocamente con un indirizzo numerico, detto indirizzo IP, che viene rappresentato mediante quattro numeri (di una, due o tre cifre ognuno), separati da un punto (ad es ). Ad ogni connessione Internet l utente deve esplicitare l indirizzo del sistema con il quale intende scambiare informazioni. Dal momento, però, che un nome simbolico viene ricordato più facilmente rispetto ad un indirizzo numerico, ad ogni computer viene solitamente associato anche un nome di dominio formato da tre o più parti, separate da punti: ad esempio Si parla, quindi, di URL (Uniform Resource Locator) di un sito web per indicare il nome simbolico della risorsa di rete, preceduto dal protocollo che si deve utilizzare per raggiungerla: l URL permette così di localizzare univocamente ciascuna risorsa; il servizio che trasforma poi i nomi simbolici in numeri è chiamato DNS (Domain Name Service).

8 Consideriamo, ad esempio, l indirizzo la prima parte, fino alla doppia barra, indica il tipo di accesso al documento (protocollo); così, una URL che inizia con ftp porterà ad un server che ci permetterà di scaricare un file, mentre un indirizzo che inizia con http ci porta ad una pagina web. La parte dopo la doppia barra identifica il nome del server dove risiede la risorsa in questione: ogni indirizzo è formato da un insieme di caratteri separati da un punto, senza spazi, da un minimo di due blocchi ad un massimo di quattro. Dopo l indirizzo vero e proprio, può essere presente una barra: da questo punto in poi ci troviamo nel percorso di cartelle e file del serve a cui siamo collegati; nel nostro esempio, /dicocco/rimini/ rappresenta il percorso nel quale si trova il file desiderato, chiamato index.html, come indica l ultima parte dell indirizzo. I browser più recenti (il browser è il programma che, interpretandoli linguaggio HTML, ci consente di visualizzare le pagine web sul computer) ci consentono delle facilitazioni nella digitazione degli indirizzo Web: in particolare, non siamo più obbligati a scrivere il prefisso per il protocollo (http://), ma sarà il programma che, quando noi digiteremo la URL, inserirà il resto. Come anticipato, l indirizzo vero e proprio della risorsa, o URL, è formato al massimo da quattro stringhe di caratteri, seguendo una logica gerarchica da sinistra verso destra: più precisante, troviamo un dominio di primo livello, seguito da un dominio di secondo livello ed eventuali altri sottodomini (al massimo altri due). Cosi, l indirizzo si compone di un primo livello, che identifica la nazione o il tipo di servizio che l organizzazione svolge, ed è rappresentato da una sigla (.it); continuando, il primo sottodominio (o dominio di secondo livello) identifica l organizzazione generale Università di Bologna, mentre il secondo specifica ulteriormente il livello, indicando il Cib. La sigla www indica che ci troviamo nel Word Wide Web. LA NAVIGAZIONE Come anticipato, per iniziare a usare il World Wide Web è sufficiente potersi collegare a Internet e avere a disposizione un browser Web: il browser sappiamo essere un applicazione che sia in grado di ricercare e riprodurre a video le pagine Web contenenti le informazioni estratte dalla rete e che consenta di procedere da una pagina all altra servendosi di collegamenti ipertestuali inseriti nelle pagine Web stesse. I browser Web più utilizzati sono: - NETSCAPE NAVIGATOR: sviluppato da Netscape Communicator Corp, è disponibile gratuitamente per piattaforma Macintosh, Windows e Unix. Navigator fa parte di Netscape Communicator, un gruppo di programmi che include un potente editor HTML per la creazione di pagine Web, un programma di posta elettronica denominato Messenger e un lettore di news denominato Netscape Newsgroup. - MICROSOFT INTERNET EXPLORER: presente su tutti i sistemi operativi Windows, è disponibileanche per piattaforme Macintosh gratuitamente.

9 - LYNX: si tratta di un browser per piattaforme UNIX e per accedere a Internet tramite fornitori di accesso che richiedono l uso di sistemi UNIX. Linx visualizza solo la parte testuale dei documenti Web e, pertanto, è particolarmente adatto per coloro che utilizzano computer vecchi oppure modem che non forniscono prestazioni sufficientemente elevate per poter essere sfruttati con browser di tipo grafico. INTERNET EXPLORER: per avviare Internet Explorer è sufficiente fare clic sull icona sulla barra delle applicazioni, oppure scegliendo Start Programmi Internet Explorer o, ancora, facendo doppio clic sulla E blu sul desktop. Quando si avvia il browser, la pagina iniziale è, in genere, la home page della Microsoft. Per visualizzare una pagina Web di cui è noto l URL, bisogna digitare quest ultima direttamente nella casella Indirizzo al di sotto della barra degli strumenti e premere INVIO. Internet Explorer indica, nella parte inferiore dello schermo,la progressione dell operazione. Potrebbe essere necessario attendere alcuni istanti prima di visualizzare la pagina; se si desidera interrompere l operazione fare clic sul tasto Termina. E possibile modificare il percorso della home page e della pagina di ricerca preferita scegliendo Strumenti Opzioni Internet per visualizzare la finestra di dialogo Opzioni Internet. Fare clic sulla scheda Generale e digitare l URL nella casella Indirizzo. I collegamenti ipertestuali inseriti in una pagina Web vengono contrassegnati da un colore identificativo: si tenga presente che anche le immagini o gli elementi grafici possono essere definiti come collegamenti ipertestuali e, in questo caso, vengono di solito racchiusi in una cornice. Quando si porta il puntatore del mouse su di un collegamento ipertestuale, sulla Barra di stato della finestra di Internet Explorer (in basso a sinistra) viene riportato l URL a cui il collegamento ipertestuale fa riferimento e il puntatore assume l aspetto di una piccola mano con dito indicante. Per accedere al documento richiamato dal collegamento ipertestuale, si faccia clic sul collegamento della pagina Web visualizzata e si attenda che Internet Explorer reperisca e carichi la nuova pagina. Per tornare all ultima pagina visualizzata, fare clic sul pulsante Indietro, l icona all estrema sinistra della barra degli strumenti. Se la pagina non viene caricata in modo corretto, è possibile caricarla di nuovo facendo clic sul pulsante Aggiorna. Quando si visualizza una pagina Web particolarmente interessante e alla quale si pensi di accedere anche in futuro, la si potrà inserire nell elenco dei preferiti. 1. Avviare il comando Preferiti Aggiungi a Preferiti, in modo da visualizzare la relativa finestra di dialogo; 2. correggere il contenuto del campo Nome con quello della pagina; 3. fare clic su OK per aggiungere il sito Web alla lista dei preferiti; 4. per richiamare uno degli indirizzi presenti nella lista dei preferiti, basta sceglierlo dal menù dei Preferiti presente sulla Barra degli strumenti e scegliendo da qui il sito desiderato. Una volta che l elenco dei preferiti ha raggiunto dimensioni ragguardevoli, è possibile adottare una tecnica di organizzazione delle voci presenti nell elenco.

10 REPERIMENTO DELLE INFORMAZIONI IN INTERNET Se inizialmente esisteva una chiara distinzione tra directory Web e motori di ricerca, adesso le funzionalità dei due sono strettamente combinate, tanto da poter parlare di siti di ricerca. Le directory Web non sono altro che catalogazioni d informazioni del World Wide Web organizzate gerarchicamente, dove dai livelli superiori si dipartono aree tematiche dalle quali, a loro volta, possono dipendere sottoaree. Molte organizzazioni, poi, si sono prese carico del compito d indicizzare interamente il World Wide Web tramite visite periodiche dei siti Web. Vengono analizzati servendosi di parole chiave e seguendo qualsiasi percorso ipertestuale per scoprire nuove pagine Web. Le informazioni così raccolte sono reperibili in speciali siti Web denominati motori di ricerca, ovvero programmi che raccolgono le informazioni dalle pagine Web e le indicizzano per consentirne una ricerca. Per eseguire una ricerca su un motore di ricerca, è necessario scrivere una stringa di ricerca, che descrive le informazioni ricercate, nella casella di testo della pagina di ricerca. Successivamente, si fa clic sul pulsante Cerca: il motore di ricerca può visualizzare un elenco di pagine Web che, a suo giudizio, soddisfano la richiesta di informazioni. Le pagine vengono organizzate in base alla stringa di ricerca immessa e le prime sono proprio quelle che si avvicinano maggiormente al criterio di ricerca stesso. LA POSTA ELETTRONICA UN PO DI STORIA Il primo programma di posta elettronica venne creato nel 1971 da un ingegnere informatico della Bbn, che l anno successivo scelse anche il simbolo di commercial at, identificato con l ormai mitica per gli indirizzi di posta elettronica. Questo simbolo, scelto praticamente a caso, aveva anche il vantaggio di essere utilizzato per indicare at (cioè presso) in inglese, oltre a comparire come indicatore di prezzo nella contabilità anglosassone da quasi un secolo. Per molti anni, negli indirizzi di posta elettronica si sono utilizzati svariati simboli separatori, fino alla fine degli anni 80, quando la chiocciola è stata eletta a standard mondiale. LA POSTA ELETTRONICA COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE I vantaggi della posta elettronica rispetto agli altri strumenti per comunicare deriva in gran parte dalle caratteristiche stesse di Internet. Il fax, ad esempio, è stata la modalità di comunicazione prevalentemente usata da privati ed aziende per l invio di testi o copie di documenti. Attualmente, però, il fax mostra limiti di praticità ed economicità rispetto alla posta elettronica, venendo ad essere sostituito da quest ultima come strumento di comunicazione preferenziale anche nelle aziende e negli enti. Nel caso in cui, ad esempio, si debbano spedire dieci fax a dieci persone, dovranno effettuarsi dieci chiamate, nella stessa città, in altre città o addirittura in altre nazioni, con ovviamente costi differenti, normalmente proporzionali alla distanza.

11 Con la posta elettronica, tutte queste differenze vengono annullate, dal momento che basta una connessione Internet con il nostro Internet Service Provider per mandare uno o dieci o cento messaggi di poste elettronica a differenti utenti. Inoltre, il fatto che questi messaggi siano diretti ad utenti nella stessa città, in città o nazioni diverse, non farà differenza. Un altro grande vantaggio della posta elettronica rispetto al fax è che, al contrario di quest ultimo che trasmette il testo come immagine, punto per punto, la posta elettronica trasmette solo i caratteri, necessitando quindi di una banda molto più limitata e di un tempo di collegamento molto inferiore. IL MESSAGGIO DI POSTA ELETTRONICA Un generico programma di posta elettronica presenta alcuni campi principali che devono essere riempiti: c è uno spazio dove si scrive l indirizzo del destinatario (A: oppure To:), uno spazio destinato al soggetto del messaggio (Oggetto:) e lo spazio per il messaggio vero e proprio. Esistono poi altri due campi, dove è possibile inserire l indirizzo di un altro destinatario che riceverà anch egli in copia carbone (carbon copy, cc:) il messaggio, e un ulteriore destinatario che riceverà il messaggio in copia carbone nascosta (blind carbon copy, bcc:) senza sapere dell esistenza degli altri destinatari. E anche possibile inserire più indirizzi per ogni campo; molti programmi di posta consentono di associare all indirizzo di posta un nome; anziché ricordarci l indirizzo possiamo scrivere nel campo del destinatario questo nome, al quale possono essere, poi, associati più indirizzi di posta, in modo da creare delle liste di destinatari, senza doverli scrivere tutte le volte. Molto importante è il campo Oggetto, che deve poter ricondurre all argomento del testo: ovviamente non è obbligatorio scriverlo, nel senso che il messaggio senza soggetto arriverà ugualmente a destinazione, ma la presenza di un soggetto è utile per chi lo riceve che ne potrà conoscere immediatamente l argomento. Inoltre, se il messaggio non viene cancellato subito, ma viene archiviato, la specificazione di un soggetto adeguato aiuterà chi lo riceve a ricercarlo successivamente. La procedura per scrivere un messaggio tramite è abbastanza semplice: si scrive il messaggio come si potrebbe scrivere un comune testo, usando solo alcune accortezze nella scelta dei caratteri da utilizzare. A livello internazione, esistono due tabelle o set di caratteri (con set di caratteri si intendono l insieme di caratteri che un determinato sistema può usare)con i quali è possibile produrre tutti i caratteri presenti nella tastiera. Il set di caratteri ristretto è formato da 7 bit, ovvero mette a disposizione 2 7 (128) caratteri: fanno parte di questo set di caratteri tutte le lettere, maiuscole e minuscole, i numeri e altri caratteri. Con il set di caratteri esteso, caratterizzato da una codifica a 8 bit, ne avremo a disposizione altri 128, per un totale di 256 caratteri. Il vantaggio di usare questo secondo set è che abbiamo a disposizione tutti i caratteri della tastiera, mentre lo svantaggio è che i 128 caratteri aggiuntivi variano da paese a paese, dal momento che lingue diverse implicano caratteri

12 diversi (così, nel set esteso italiano ci sono le lettere accentate, che non sono presenti in quello inglese). Se, quindi, nel corpo del messaggio utilizziamo lettere accentate, senza sapere se questo potrà mantenere poi la codifica, è possibile andare incontro a problemi di visualizzazione: una lettera come la è, ad esempio, potrebbe essere sostituita da un insieme di caratteri come =e8. Il messaggio risulterà utilmente comprensibile, ma l effetto non sarà dei più graditi per il lettore. Fa quindi parte delle convenzioni di buona educazione dell uso della rete, la cosiddetta netiquette, usare sempre il set di caratteri ristretto. I messaggi risiedono fisicamente sul server presso il quale abbiamo la casella di posta e, tramite le opzioni del programma di posta questi, una volta scaricati, possono essere lasciati o rimossi dal server. Di solito si usa toglierli dal server sia per motivi di riservatezza sia per limitare l uso dello spazio disco a nostra disposizione: infatti, lo spazio a disposizione del server di posta non è illimitato e, quindi, prima o poi è destinato a finire, con la conseguente impossibilità di ricevere e spedire messaggi e la necessità di richiedere l intervento del gestore del sistema di posta. I messaggi che vengono spediti ovviamente non arrivano direttamente al destinatari, ma vengono inviati e memorizzati nel server dove il destinatario ha la casella di posta, in quanto questa modalità di comunicazione, al contrario del fax o del telefono, non è diretta. Ogni casella di posta è identificata da un indirizzo: l elemento che tra le risorse Internet contraddistingue un indirizzo di posta elettronica è il che sulle tastiere italiane si forma con l ausilio del tasto alt gr. Questo carattere si trova al centro dell indirizzo ed è preceduto e seguito da altri caratteri. I caratteri alla destra del simbolo identificano il server e il dominio del fornitore di connettività e, di solito, sono nomi o sigle separati da punti; i caratteri alla sinistra identificano, invece, l utente della casella di posta e ci vengono assegnati. Leggendo l indirizzo da destra a sinistra vediamo che esso specifica in maniera più dettagliata le informazioni, dalla nazione al server fino all utente. OUTLOOK EXPRESS Per eseguire Outlook Express, fare clic sull icona relativa sul desktop di Windows o sulla barra delle applicazioni; nella finestra di Outlook Express l elenco delle cartelle, inclusa quella di posta in arrivo e quella di posta in uscita, viene visualizzata lungo il lato sinistro della finestra. Nella parte superiore destra viene visualizzato l elenco di messaggi della cartella selezionata e, nella parte inferiore, viene visualizzato il messaggio selezionato. Per ricevere la propria posta, fare clic sul pulsante Invia e Ricevi presente sulla Barra degli strumenti. Se non si è connessi alla propria casella di posta Internet, lo farà Outlook Express; successivamente il programma spedisce tutti i messaggi che si sono scritti e raccoglie i nuovi messaggi.

13 Per osservare i messaggi presenti nella casella di posta si deve fare clic su Posta in arrivo nella lista delle cartelle presente sul lato sinistro della finestra che ospita Outlook Express. Appare una lista di messaggi nella zona in altro a destra della finestra, in cui i messaggi non ancora letti sono evidenziati in grassetto. Per leggerne uno, basta farvi clic: il contenuto del messaggio appare nella zona in basso a destra della finestra mentre, per aprirlo in una propria finestra è sufficiente fare due clic. Per creare un nuovo messaggio, fare clic sul pulsante Crea messaggio sulla Barra degli strumenti; si apre una finestra per il nuovo messaggio, nella quale viene richiesto di completare i vari campi che definiscono il mittente, l oggetto e il testo del messaggio. Per rispondere a un messaggio e spedire la risposta a chiunque avesse ricevuto il messaggio originale, si faccia clic sul pulsante Rispondi a tutti sulla Barra degli strumenti, mentre per rispondere al solo autore del messaggio originale si faccia clic sul pulsante Rispondi all autore. Per inoltrare un messaggio ricevuto si faccia clic sul pulsante Inoltre Messaggio: viene aperta una finestra per la composizione di un messaggio in cui compare il testo del messaggio originale ed il campo Oggetto già compilato. Per spedire il messaggio così creato, è sufficiente digitare l indirizzo o gli indirizzi di posta elettronica a cui si desidera spedire il messaggio; è anche possibile aggiungere nell area destinata al messaggio un testo. LA SICUREZZA SU INTERNET Con l aumento degli utenti di Internet ed il sempre maggior numero di servizi offerti attraverso la rete, è aumentata anche l attenzione di navigatori e produttori di software verso tutti gli aspetti legati alla conservazione della privacy. Tale discorso, vero in generale, assume particolare rilevanza quando, attraverso la rete, devono viaggiare informazioni riservate come estremi di identificazione, password o numeri di carte di credito. Sorvolando, in questa sede, su tutte le fattispecie che implicano un comportamento fraudolento, esiste, comunque, la possibilità per i gestori di siti web di tracciare a differenti livelli di accuratezza ed in piena legalità, l utilizzo del proprio sito da parte dei navigatori allo scopo di personalizzare la navigazione. Benché molti navigatori possano non porsi il problema della propria identificazione e della raccolta dei dati relativi ai propri comportamenti, dal momento che ciò potrebbe, in alcuni casi, facilitare l interazione con la Rete, d altro lato riteniamo sia utile sapere come la propria privacy possa essere violata, in modo tale da fornire al navigatore gli strumenti per fissare dei limiti invalicabili alla divulgazione dei propri dati. Per quanto molti utilizzatori abbiano l impressione che l anonimato su Internet sia sempre garantito, in realtà esiste sempre la possibilità di risalire al loro computer, a causa di un vincolo tecnico che obbliga il server su cui è caricato il sito a sapere sempre a chi inviare le pagine visualizzate. L identificazione di un utente avviene fondamentalmente attraverso due

14 strade, l indirizzo IP del sistema che sta utilizzando e l utilizzo di cookie memorizzati dal browser Web. - L INDIRIZZO IP: Uno degli strumenti utilizzati più di frequente per tenere traccia dell attività dei navigatori è l indirizzo IP: come detto in precedenza, non è altro che una serie di quattro numeri che permette di identificare in modo univoco tutti i computer presenti su Internet. Gli indirizzi IP sono gestiti in modo molto rigoroso da un entità preposta a tale scopo, che assegna singoli indirizzi o blocchi di essi ad aziende, Internet Service Provider e privati che ne richiedano la registrazione. Gli indirizzi IP possono essere statici o dinamici: di fatto, ogni sito Web è visibile in rete grazie al suo indirizzo IP statico; la URL, preceduta dal classico www, è, come sappiamo, un semplice simbolo mnemonico, utile ai navigatori per ricordare come raggiungere il sito; l indirizzo IP con cui è identificato il computer del navigatore è, invece, generalmente un indirizzo dinamico, dal momento che gli Internet Service Provider hanno a disposizione un insieme di indirizzi che, di volta in volta, assegnano ai computer dei propri utenti che si connettono. In ogni caso, in un certo istante, esiste su Internet uno ed un solo computer associato ad un singolo indirizzo IP: per questo, è possibile risalire esattamente al computer che ha raggiunto un sito, letto una determinata pagina, compilato un modulo o acquistato un prodotto. La presenza di indirizzi IP dinamici rende solitamente imprecisa l identificazione dello stesso utente durante differenti sessioni di collegamento ad Internet mentre permette di tracciare in modo completo una singola sessione di navigazione o di accesso ad un sito. A partire dalle informazioni così raccolte, è possibile generare una serie di profili standard di comportamento associati dinamicamente ai nuovi visitatori. - I COOKIE Quando si visita un sito, spesso si impostano delle opzioni, come ad esempio la lingua o la disposizione grafica degli oggetti, per personalizzare la propria vista. In altri casi, l acceso a determinate sezioni di un sito può richiedere l introduzione di username e password. Affinché tale riconoscimento possa avvenire, è necessario che sul computer del navigatore sia memorizzato un file contenente la sua identità virtuale che possa essere letto dal server del sito Web. In questo file sono memorizzati i dati relativi alle interazioni precedenti con un determinato sito ed ogni informazioni ritenuta utile dai progettisti del sito per migliorarne la fruibilità. Questi file prendono il nome di cookie: per motivi di sicurezza, i cookie non sono memorizzati direttamente dal sito sul disco fisso del navigatore, ma è necessaria l intermediazione del browser. Se richiesto ed ammesso dalle impostazioni di sicurezza, il browser memorizzerà i cookie per conto di un sito in modo trasparente all utente. Una volta memorizzato sul computer, esso può essere riletto senza la necessità di ulteriori permessi. Se un sito ottiene il permesso dal navigatore per memorizzare un cookie, è in grado di riconoscerlo ad ogni visita e di tenere traccia della sua attività all interno del sito stesso, ossia

15 è in grado di compilare un profilo dell utente e delle sue abitudini in termini di frequenza di visita, tipo di informazioni più gradite, servizi maggiormente utilizzati. Questo tipo di cookie è detto interno e la raccolta di queste informazioni non è, di per sé, condannabile: tutto dipende dall utilizzo che di tali informazioni viene fatto dai gestori del sito; un utilizzo utile potrebbe essere quello di un sito che, attraverso tali informazioni, tenta di offrire un servizio personalizzato ai suoi frequentatori. Un sito di informazioni turistiche, per esempio, potrebbe mettere in evidenza gli eventi relativi ad una particolare città per tutti e soli quei navigatori che in passato hanno mostrato interesse per la località. Un utilizzo più dubbio potrebbe essere, tanto per rimanere nell esempio precedente, la vendita di tali dati adun agenzia turistica intenzionata ad inviare all utente spam pubblicitarie relative alla città preferita. Quando un sito memorizza un cookie, esso è l unico a cui è consentito leggerlo. Tale limitazione permette al sito di costruire il profilo dell attività dell utente sul sito stesso, ma esclude le informazioni relative alla navigazione al suo esterno. In questo modo nessuno dovrebbe essere in grado di conoscere le abitudini, le preferenze di una persona ed altri dati sensibili, facilmente deducibili se si potesse controllare la navigazione di un utente nel suo complesso. Nella realtà dei fatti, però, questa limitazione è quotidianamente aggirata attraverso l utilizzo dei cosiddetti cookie esterni. Visitando un sito, spesso, nelle sue pagine compaiono banner pubblicitari o immagini che non sono memorizzate sul server del sito che stiamo navigando, ma su un altro server, tipicamente quello di una società di gestione delle campagne pubblicitarie. La presenza di tali oggetti su una pagina Web autorizza anche il sito della società esterna a scrivere un cookie (per questo detto esterno) sul computer del navigatore. Nel caso in cui quest ultimo raggiunga altri siti che ospitano i banner o le immagini della società esterna, questa potrà collezionare le informazioni accumulate durante la navigazione in essi. Maggiore è il numero di siti in cui la società esterna inserisce i suoi oggetti, più completo e preciso è il profilo dell utente che può costruire poiché, integrando le informazioni sullo stesso utente provenienti da siti diversi, è in grado di ricavare molte più informazioni di quanto potrebbe fare da un normale cookie su un solo sito. L uso dei cookie esterni potrebbe anche essere innocuo, nel caso in cui, ad esempio, consenta ad un venditore di offrire ad un prezzo più vantaggioso un prodotto simile a quello che il navigatore ha richiesto in un altro sito. In ogni caso, è importante che l utente sappia sempre che si tratta di un ingerenza nella propria privacy.

16 VIRUS E SICUREZZA INFORMATICA INTRODUZIONE AI VIRUS Fino ad alcuni anni fa, nessuno si era mai preoccupato che il proprio computer potesse essere infettato da un virus. Certo, esistevano, ma nella maggior parte dei casi se ne parlava senza troppa convinzione; gli unici che facevano attenzione a questi programmi nefasti erano coloro che scambiavano software pirata o che utilizzavano i dischetti per spostare file dal computer dell ufficio a quello di casa. Oggi la situazione è purtroppo ben diversa: grazie alle , ad Internet e soprattutto grazie alla facilità con la quale si può creare un virus, questi pericolosi parassiti sono entrati a far parte della nostra vita di tutti i giorni. I MALICIOUS CODE Solitamente si tende ad utilizzare il termine virus per indicare una generica intrusione nel computer da parte di un programma; ciò non è, però, esatto, dal momento che il termine virus indica solo una delle categorie di programmi che rientrano sotto il nome di malicious code (codice maligno): si definiscono malicious code tutti quei programmi che sono stati creati per invadere un altro computer per scopi fraudolenti. Questa denominazione raggruppa quindi non solo i virus, ma anche programmi come i trojan e i worm. I soggetti che dedicano il proprio tempo a creare questi programmi, possono essere distinti in craker e script kiddies: i primi sono persone tecnicamente competenti che cercano soprattutto il brivido della sfida, i secondi, invece, sono figure con competenze scarse, ma sufficienti per consentir loro di modificare il codice di un virus già esistente o per scaricare uno di questi programmi per la creazione di virus accessibili su Internet (così è stato, ad esempio, per il famigerato Anna Kournikova). I diversi tipi di codice si sono classificati in base a come si comportano e si diffondono. All inizio era abbastanza semplice distinguere un virus da un worm o da un Trojan, mentre ora, l evoluzione dei sistemi operativi e la diffusione di Internet e della posta elettronica ha favorito la nascita di programmi molto pericolosi che non possono essere classificati così facilmente. I VIRUS Un virus è un programma che, ad insaputa dell utente, si introduce nel computer e si replica, infettando dei file. Molti virus (non tutti, per fortuna) includono anche un cosiddetto payload, ovvero una serie di azioni di disturbo, nocive o fastidiose, che il codice del virus esegue sui sistemi che infetta. La diffusione dei virus è legata alla copia dei file infetti.

17 - Virus da boot sector. E il tipo più vecchio di virus: non infetta i singoli file, ma il settore di avvio dei dischi fissi e dei dischetti. Il settore di avvio di un disco contiene alcune procedure di sistema eseguite automaticamente ogni volta che si utilizza quel disco per avviare un computer; se il settore di avvio di un disco è infettato, il codice del virus sarà mandato in esecuzione ogni volta che si utilizza quel disco per avviare un sistema, si caricherà automaticamente nella memoria di quel sistema e si replicherà infettando tutti i dischi che saranno utilizzati su quel sistema. Se un floppy infetto è utilizzato per avviare un altro computer, anche quel computer sarà contaminato. Il primo virus che si è diffuso sui sistemi MS-DOS, nel 1986, è stato proprio un virus di boot sector, chiamato Brain ; i suoi successori più noti furono Stoned (1987) e Michelangelo (1991). Stoned non eseguiva alcuna azione pericolosa e si limitava a visualizzare un fastidioso messaggio, mentre Michielangelo era distruttivo in quanto conteneva una procedura che ogni 6 marzo cercava di sovrascrivere il contenuto di tutto il disco C con dei caratteri casuali. - Virus da file. Sono anche chiamati virus parassiti o da contagio : essi, infatti, infettano e sostituiscono i file eseguibili, replicandosi ogni volta che il file infetto è mandato in esecuzione, cercando altri file da infettare e, molto spesso, eseguendo anche alcune azioni distruttive. Lo scenario più frequente di diffusione di questi virus è il seguente: un cracker crea il virus ed infetta un programma freeware o shareware che pubblica su Internet; tutti gli utenti che scaricano il programma sul proprio computer e lo mandano in esecuzione, consentono inconsapevolmente al virus di infettare alcuni dei file eseguibili e di caricarsi in memoria in modo da infettare gli altri programmi che saranno mandati in esecuzione. Ogni qual volta, poi, l utente copia alcuni dei programmi residenti sul suo Pc (e quindi infetti) ad altri utenti, incrementa la diffusione del virus. La catena descritta va avanti almeno fino a che il virus non rilascia il proprio payload sui computer che ha infettato: solo in questo momento l utente inizia a riscontrare tutta una serie di problemi sulla macchina. Un esempio molto noto in ambito informatico, e non solo, è Chernobil, del Oltre a diffondersi infettando gli altri file eseguibili di sistema, questo virus contiene un payload programmato per attivarsi il 26 di ogni mese, che prima sovrascrive il primo megabyte del disco fisso e poi tenta di sovrascrivere anche il BIOS del sistema: anche per i meno esperti, non è difficile comprendere come, dopo un simile trattamento, un computer sia praticamente inutilizzabile. - Virus macro. Una macro è un determinato insieme di istruzioni che permette di automatizzare l esecuzione di una funzione di routine all interno di un applicazione; le macro sono componenti comuni dei modelli e dei documenti prodotti e utilizzati da alcune applicazioni di Microsoft Office, come Word ed Excel, e questo le rende un obiettivo molto allettante per gli sviluppatori di virus.

18 Un virus macro è appunto una macro che contiene un insieme di istruzioni dannose, creata utilizzando i linguaggi di programmazione per le macro, come Visual Basic di Microsoft, e inserita all interno di un documento o di un modello, aprendo il quale si manda in esecuzione i codice del virus macro, che per prima cosa infetta il modello di base utilizzato da tutti i documenti di quell applicazione e quindi esegue il suo payload. La portata del payload di un virus macro non è limitata ai soli documenti dell applicazione colpita, ma è la stessa delle azioni consentite alle funzioni di quell applicazione; grazie alla forte integrazione che oggi esiste tra sistemi operativi e applicazioni, poi, questi virus possono fare di tutto e possono arrivare a danneggiare anche il file di sistema. I virus macro si differenziano dai virus da file perché non colpiscono i file eseguibili, ma i file di dati. Il primo virus macro per Microsoft Word, chiamato W.M.Concept, è stato scoperto alla fine del Entro la fine del 1995, i virus macro per Word ed Excel si erano diffusi in tutto il mondo. All inizio del 1999, su uno dei newsgroup di Usenet un utente pubblicò un messaggio che conteneva in allegato un documento Word 97. Senza saperlo, tutti gli utenti che scaricarono e aprirono l allegato furono infettati da un nuovo tipo di virus ibrido, diventato tristemente noto come Melissa, che iniziò rapidamente a diffondersi in tutto il mondo utilizzando come vettore i sistemi di posta elettronica. Nel giro di tre giorni, furono infettati più di computer e da allora sono apparsi centinaia di virus che nascevano come una semplice variazione di Melissa. Melissa è un ottimo esempio di virus macro, ma implementa un meccanismo di diffusione tipico dei worm in quanto riesce ad aprire Microsoft Outlook e ad inviarsi automaticamente a tutti gli indirizzi contenuti nella rubrica. I WORM Un worm è un programma dotato di un proprio payload, che si replica e si diffonde senza infettare altri file, propagandosi attraverso le connessioni di rete, le e altri meccanismi di Internet. Molti worm si possono diffondere anche senza l intervento dell uomo. - Script worm Sono creati utilizzando un linguaggio di scripting, come per esempio VBScript. Il propagarsi di questo tipo di worm ha inizio, normalmente, da un allegato ricevuto per posta elettronica: aprendolo, l utente attiva lo script ed infetta il computer. Lo script sovrascrive tutti i file con una certa estensione (ad esempio,.jpg,.vbs,.mp3) e si duplica su un file che gli permetta di essere eseguito automaticamente a ogni riavvio del sistema. Oltre ad eseguire l eventuale payload, il worm avvia Microsoft Outlook e si trasmette automaticamente come allegato a tutti gli indirizzi contenuti nella rubrica. - Worm Internet Si diffondono attraverso i messaggi di posta elettronica, proprio come gli script worm, ma in più riescono ad autoattivarsi e a diffondersi sfruttando le falle di sicurezza dei sistemi operativi,

19 delle reti e di Internet. In questo modo, si possono diffondere senza che nessuno li debba attivare. TROJAN In perfetta analogia con il loro precedente mitologico, i cavalli di Troia sono programmi dall apparenza innocente, che nascondono intenzionalmente la loro natura maligna camuffandosi da giochi o da utilità. Diversamente dai virus, però, i Trojan non si copiano all interno di altri file o del settore di avvio e non possiedono un meccanismo di replica e di diffusione. - Backdoor Trojan Sono programmi che modificano la connessione ad Internet o alla rete del computer sul quale sono installati e consentono ad un cracker di accedere al sistema per caricare altri programmi ancor più pericolosi. - RAT (Remote administration Trojan) Sono una particolare categoria di backdoor Trojan, dai quali si differenziano per la loro capacità di fornire ai cracker il completo controllo di un computer, permettendo loro di effettuare quasi tutte le operazioni possibili. Un buon esempio di questi programmi è Subseven che utilizza la posta elettronica o i canali IRC per comunicare al cracker le coordinate del computer permettendogli di accedere a più di cento funzioni amministrative. Nella maggior parte dei casi, i cracker usano le macchine infettate dai loro Trojan come trampolino di lancio per infettare o attaccare altre macchine, catturare password e altri dati e avviare attacchi DoS (Denial of Service), che tentano di soprafare un particolare server attraverso il ripetuto invio di una gran quantità di richieste errate da parte di più sistemi. HOAX: BUFALE METROPOLITANE Con hoax si fa riferimento a messaggi di posta elettronica che annunciano la scoperta di virus letali che riescono ad azzerare il contenuto dei dischi fissi o che possono fare cose ancora peggiori. In realtà, questi virus non esistono e i messaggi sono solo delle catene di S. Antonio digitali che puntano a intasare i sistemi di posta elettronica e a scatenare il panico tra gli utenti. Per evitare l imbarazzo di scoprire in un secondo momento di aver partecipato alla diffusione di un hoax, rigirando l allarmistico messaggio appena arrivato sulla presenza di un nuovo virus dalle capacità a dir poco apocalittiche, è buona norma controllare i siti specializzati nella pubblicazione di informazioni sugli hoax, che circolano sulla rete

20 PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE Così recitava una nota pubblicità televisiva di alcuni anni fa, ed il celebre motto è applicabile in tutto e per tutto anche allo scenario che stiamo cercando di illustrare. Di seguito vengono descritti alcuni modi semplici e veloci (ma non per questo meno efficaci) di proteggere il computer e i dati dai virus, senza obbligare l utente a eccessivi sacrifici o a modificare in modo troppo radicale le abitudini nell uso del Pc. Certo, la garanzia di una completa immunità non si avrà mai (si suol dire che l unico computer sicuro è quello spento e con la spina staccata ), ma seguendo questi accorgimenti è possibile ridurre il rischio di essere infettati dai virus più comuni e pericolosi in circolazione. Non solo in campo informatico, conoscere il proprio nemico è il primo passo di ogni buona strategia di protezione. Come detto, i virus sono piccoli programmi che cercano di essere eseguiti dal computer all insaputa dell utente e che hanno lo scopo di sfruttare o danneggiare in qualche modo il sistema. Queste sono le caratteristiche che differenziano i virus dalle normali applicazioni che vengono utilizzate quotidianamente. I creatori di virus cercano di trovare modi sempre nuovi per raggirare persone e macchine, obbligandole a eseguire in modo del tutto inconsapevole i loro programmi; questi sotterfugi sono necessari perché la maggior parte dei virus ha bisogno di un utente, ignaro della loro presenza, che avvii la loro esecuzione. E per questa ragione che alcuni virus utilizzano nome ed estensioni che invogliano l utente ad aprirli (è il caso del già citato AnnaKournikova.jpg.vbs). E possibile bloccare la maggior parte dei virus semplicemente non aprendo i file infetti: a tal fine, è necessario prestare molta attenzione, in particolare non aprire o mandare in esecuzione file e applicazioni sconosciute o che abbiano anche solo un apparenza sospetta. Il primo metodo per evitare di esporsi inutilmente è quello di non aprire gli allegati dei messaggi di poste elettronica che non siano stati espressamente richiesti o dei quali non si è assolutamente sicuri. Per propagarsi, infatti, i virus approfittano spesso degli errori umani e della scarsa attenzione degli utenti. - Protezione dei dischetti Abbiamo già parlato dei virus da boot sector ed abbiamo evidenziato la loro pericolosità, legata soprattutto al fatto che spesso l unico modo per eliminarli consiste in una formattazione completa del disco, con tutti i disagi che essa porta con se. Come detto, questi virus si propagano attraverso i floppy: perché un sistema s infetti basta che un utente provi accidentalmente a riavviarlo utilizzando un dischetto già contaminato. Per proteggersi da questi virus, è sufficiente non riavviare il pc con un dischetto estraneo all interno del drive A; il modo più sicuro per ottenere questo risultato consiste nel modificare la sequenza di avvio del sistema, facendolo partire sempre e direttamente dal disco fisso, senza considerare gli eventuali dischetti presenti nel suo drive.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

CORSO RETI INFORMATICHE

CORSO RETI INFORMATICHE CORSO RETI INFORMATICHE Che cos è una rete Una rete è un sistema di interconnessione non gerarchico tra diverse unità. Nel caso dei computer la rete indica l insieme delle strutture hadware, tra cui anche

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file 1 di 1 Uso del computer e gestione dei file Argomenti trattati: Sistema operativo Microsoft Windows: interfaccia grafica e suoi elementi di base Avvio e chiusura di Windows Le FINESTRE e la loro gestione:

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Gestione della E-mail Ottobre 2009 di Alessandro Pescarolo Fondamenti di Informatica 1 CAP. 5 GESTIONE POSTA ELETTRONICA 5.1 CONCETTI ELEMENTARI Uno dei maggiori vantaggi

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Gestione della posta elettronica e della rubrica.

Gestione della posta elettronica e della rubrica. Incontro 2: Corso di aggiornamento sull uso di internet Gestione della posta elettronica e della rubrica. Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it Tel: 0332-286367

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli