IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro. IUS: hanno già un sito in Internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro. IUS: hanno già un sito in Internet"

Transcript

1 IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro Roma (Italia), 4 agosto Interscambio informativo e lavoro on line riassumono i compiti principali del nuovo sito delle IUS, caratteristiche evidenti sia nella struttura delle sezioni sia nello stile. DALLA A LA Z, offre le informazioni oggi disponibili sulle IUS: elenco, collegamenti ai loro singoli siti, conoscenza delle riviste da loro pubblicate, ecc. EVENT'IUS è lo spazio dedicato agli eventi. L'utente incontrerà, per esempio, tutta la documentazione del 2 Incontro delle IUS. Questa documentazione è completata da una batteria di notizie brevi (N'IUS, per news) che offrono la cronaca di quelle giornate. "N'IUS" è lo spazio giornalistico dove le nostre università potranno pubblicare le notizie che siano d'interesse per l'insieme delle IUS", dice il delegato del Rettor Maggiore. Però dove l'utente potrà seguire meglio la realizzazione del Programma comune sarà attraverso CAMP'IUS - vale a dire il campus delle IUS -, una specie di vetrina dove appariranno le diverse iniziative realizzate dalle IUS man mano che il Programma si attiva. C'è anche un'area RISERVATA agli addetti ai lavori - cioè ai partecipanti all'incontro di Roma -, le cui porte si apriranno solo con una password. E tre gli sportelli o uffici di quest'area riservata che rispondono ai principali impegni del Programma comune: rilevamento della situazione-auditing, orientamenti generali e politica univesitaria, il primo; quelli che cureranno le sinergie tra le IUS si incontreranno nel secondo ufficio; e quelli che dovranno affrontare il problema delle risorse avranno nel terzo ufficio il loro meeting point. È previsto svolgere attraverso la rete Internet e la posta elettronica gran parte del lavoro delle commissioni responsabili di mandare avanti i lavori, risparmiando perciò tempi e viaggi. Per un impegno del genere bisogna disporre di una documentazione di consulta immediata che raccolga i riferimenti e le idee che ispirano l'azione intrapresa. Così DOCUMENT'IUS diventa una semplice biblioteca con i principali documenti della Santa Sede, della Congregazione e delle IUS rivolti alle università. IUS: hanno già un sito in Internet Prima realizzazione concreta a pochi giorni del 2 incontro internazionale delle istituzioni universitarie salesiane Roma (Italia), 4 agosto C è un sito internet anche per le Istituzioni Universitarie Salesiane: E il primo frutto operativo del 2 incontro internazionale concluso a Roma il 13 luglio. Sono parecchie le IUS che hanno il proprio spazio in Internet. Ma "Il nuovo website ha spiegato don Carlos Garulo, delegato del Rettor Maggiore per le IUS non ha l'intenzione di sostituire i singoli siti delle IUS. È invece il luogo di incontro tra le IUS, uno spazio, un servizio pensato esclusivamente, almeno nella prima fase, per aiutare alla realizzazione del Programma comune concordato dalle IUS nel raduno di luglio scorso e approvato recentemente dal Rettor Maggiore". Il sito consentirà di stabilire uno stretto collegamento tra le istituzioni universitarie salesiane. "Più che essere visitati da non si sa quali internauti fortuiti, vogliamo essere noi, i responsabili delle IUS, che ci incontriamo frequentemente", dice don Garulo. "Abbiamo concepito il sito come uno strumento per mandare avanti tra tutti le iniziative che ci abbiamo proposti."

2 Il sito Internet delle IUS IUS: Approvato dal Rettor Maggiore il Programma comune Roma (Italia), 23 luglio Il "Programma comune per la promozione delle Istituzioni Universitarie salesiane " ( ) è stato approvato oggi dal Rettor Maggiore. Il documento di approvazione sintetizza gli obiettivi del Programma e sottolinea il suo valore "strategico e pedagogico per impostare bene la presenza salesiana nel campo universitario, per irrobustire la qualità delle singole IUS, per ricercare sinergie e approfittarne dei benefici, per essere attenti ed esigenti rispetto ai livelli culturali ed educativi nelle IUS". Perciò, il Programma comune "serve da iter, da cammino insieme, da metodo per le IUS", dice il Rettor Maggiore. Il servizio alle istituzioni universitarie salesiane da lui costituito nel dicembre scorso e il compito del suo delegato a cui ha affidato tale servizio "si concretizzano così nell'avviare la realizzazione di questo Programma comune in tutti i suoi aspetti". Nel periodo di realizzazione del Programma, ossia fino al prossimo Capitolo Generale, si continueranno i rapporti tra le IUS e le varie istanze della congregazione iniziati in occasione del 2 Incontro delle istituzioni universitarie salesiane. Si chiarisce che la Congregazione, nello stesso periodo, punta a qualificare e rafforzare le IUS già esistenti più che accettarne di nuove. Il Rettor Maggiore e il suo Consiglio intendono il Programma comune "come proposito di partecipazione delle IUS allo sforzo di tutta la Congregazione per la qualificazione e la significatività" e "come segno esemplare dell'impegno culturale e formativo della Congregazione". IUS: quattro giornate per una svolta Una cronaca a volo di uccello Roma (Italia) 14 luglio - Quattro giorni per una svolta. Sono apparsi così i vari passaggi che hanno segnato il 2 incontro delle IUS che si è tenuto alla Pisana. Non inedito, perché preceduto da quello di Brasilia (anzi la continuità è stata variamente sottolineata con parole e segni), il 2 incontro appena concluso sancisce l avvio di una nuova pagina nella storia della presenza salesiana nelle università.

3 Vi hanno posto mano i massimi rappresentanti della congregazione. Don Luc Van Looy, vicario del Rettor Maggiore e promotore di Brasilia 95, ha presieduto il vespro e la buonanotte di benvenuto agli ospiti dell incontro la sera del 9 luglio. E Van Loy ha ricordato quel primo appuntamento. Autorevole su tutte, la presenza del Rettor Maggiore che, oltre alla partecipazione alle assemblee, ha letto la relazione introduttiva e tirato le conclusioni. Ma anche altri sono stati i partecipanti dalla Direzione Generale: don Giuseppe Nicolussi consigliere generale per la formazione; don Antonio Domenech, consigliere per la pastorale giovanile; don Helvécio Baruffi, consigliere per la regione America Latina-Cono Sud; don Pasquale Chavez consigliere per la regione Interamericana; don Joaquim D Souza, consigliere per la regione Australia-Asia; don Giovanni Fedrigotti, consigliere per la regione Italia e Medio Oriente; don Filiberto Rodriguez, consigliere per la regione Europa Ovest; don Albert Van Hecke, consigliere per la regione Europa Nord; don Carlos Garulo, delegato del Rettor Maggiore per le IUS, che ha organizzato e guidato l'incontro. Le IUS, oltre che con gli ispettori e i vertici delle autorità accademiche, sono state presenti con la buonanotte di don Sabino Palumbieri, professore all'ups, che la sera del 10 ha ricordato la figura di don Giuseppe Quadrio, il "maestro universitario" salesiano in processo di santità; con la buonanotte di Rosita Mori, laureata in psicologia all UPS e iscritta al primo anno alla scuola di specializzazione, che ha espresso l'esperienza personale di maturazione professionale, umana, cristiana e salesiana durante gli anni di studente all'ups: Presente anche un ex rettore magnifico dell UPS, mons.tarcisio Bertone, arcivescovo segretario della congregazione per la dottrina della fede, che ha presieduto l eucaristia di domenica 12 luglio. E, infine, tra gli invitati e osservatori don Raffaele Farina, anche egli ex rettore magnifico dell UPS e attualmente prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana. Moderatore dell'assemblea è stato Cyril De Souza professore della facoltà scienze dell educazione dell UPS. E l UPS ha anche ospitati i partecipanti, la sera dell ultimo incontro, per la celebrazione dell eucaristia e una cena assieme ai professori presenti in sede. Don De Souza, nel suo ruolo di moderatore dell'assemblea Mons. Bertone, nell'eucaristia della domenica

4 Il Rettor Maggiore presiede l'eucaristia di conclusione all'ups. È affiancato da don Carlos Garulo, sinistra, e da don Schwarz, destra. Suor Pilar Andrés, direttrice della Scuola Universitaria Don Bosco di Madrid, proclamando le letture. Don Pellerey, rettore magnifico dell'ups, nella cena di omaggio agli ospiti delle IUS. Don Lopez,ispettore di Bahia Blanca (Argentina), a sinistra; don Vecchi, a destra. IUS: don Vecchi, bilancio di un incontro Roma (Italia), 13 luglio - Le parole conclusive dell incontro delle IUS da parte del Rettor Maggiore hanno posto l accento sul futuro di una realtà riconosciuta pienamente parte della missione salesiana. Alle parole di riconoscimento del valore dell assemblea sia quanto alla preparazione e gestione che della qualità della riflessione emersa don Vecchi ha unito quelle di chiarimento e orientamento affinché le IUS, nell ora presente e specialmente nei prossimi anni, siano tenute "come punta - punta vuol dire che sfonda e orienta - più per l'esemplarità che per l'influsso diretto su altre opere. Proprio per questo significato in un movimento generale della Congregazione vogliamo che le università rendano il massimo delle proprie possibilità". Quest'esemplarità delle IUS ha cominciato già - riconosce don Vecchi - con l'impegno durante l'incontro internazionale "per costruire insieme un programma". Un programma "completo e organico", ha detto, la cui elaborazione "ha obbligato ad andare in profondità quanto a concetti e quanto prassi". Ad uno ad uno sono stati pressi in considerazione dal Rettor Maggiore i termini che maggiore dibattito avevano provocato durante il lavoro dei gruppi e nelle assemblee: pastorale universitaria, salesianità, rapporto autonomia universitaria e responsabilità della Congregazione, associazione delle IUS. Di ognuno ha evidenziato il significato e la portata entro un quadro di riferimento.

5 "L'ora che viviamo - ha detto don Vecchi tracciando il quadro di riferimento del Programma comune concordato dalle IUS - è segnata dal Capitolo generale 24.mo e dalla Programmazione del Rettor Maggiore e il suo Consiglio per il sessennio che ha indicato di centrare gli sforzi sulla significatività, sulla qualità e sulla formazione del personale". Va ribadito quindi, ha concluso don Vecchi, che, entro un programma comune per la promozione delle IUS, "l'estensione del compito universitario non è la nostra principale preoccupazione in questo momento. Lo è invece la qualità o l'eccellenza di ogni singola istituzione esistente". Don Vecchi durante l'intervento di conclusione IUS: Pellerey, cultura della qualità nelle università salesiane Il rettore dell'ups evidenzia il bisogno della conoscenza della realtà delle IUS per definire poi la politica e gli orientamenti generali della Congregazione nel campo universitario. Roma (Italia), 12 luglio Per giungere a disegnare una università salesiana ideale, si deve prima puntare a costruire una vera università secondo i canoni scientifici comunemente riconosciuti; occorre poi specificarne la natura ecclesiale e precisare, infine, la salesianità. Qualsiasi politica di sviluppo delle istituzioni universitarie, dice Michele Pellerey, "richiede un confronto attento tra prospettive ed esigenze ideali e una conoscenza adeguata delle condizioni reali nelle quali si opera". E ha ricordato la metodologia di lavoro proposta dalla Conferenza dei Rettori d'europa che è basata su una valutazione della qualità istituzionale. Si tratta, ha concluso il rettore magnifico dell'ups, "di sviluppare strutture e metodologie di analisi e valutazione della qualità del proprio servizio formativo e del proprio funzionamento dal punto di vista gestionale". Le riflessioni di don Pellerey hanno evidenziato il bisogno della valutazione istituzionale delle IUS per poter concretizzare poi la politica universitaria dei salesiani, dare degli orientamenti generali autorevoli e stimolare una sinergia tra le IUS, fronti verso cui questo incontro internazionale è orientato. Di due forme di valutazione della qualità istituzionale ha parlato don Pellerey: l'autovalutazione condotta all'interno della propria università e la valutazione esterna che è sviluppata da organismi independenti. La modalità proposta dalla Conferenza dei Rettori d'europa - formula che la propria Università Pontificia Salesiana ha adottato - "combina l'autovalutazione attuata sulla base di linee guida suggerite da esperti, la quale si conclude con un breve rapporto, con alcune visite e audizioni da parte di specialisti. Essi integrano il rapporto precedente e portano a un rapporto finale messo a disposizione degli organi istituzionali dell'università".

6 Il fine principale di un'operazione di questo tipo è favorire da una parte una cultura universitaria della gestione della qualità e, dall'altra, assicurare una istituzionalizzazione di strumenti e metodologie stabili di controllo e gestione della qualità. Don Pellerey durante il suo intervento IUS: Gruppi di lavoro e dibattiti in assemblea protagonisti all incontro internazionale Roma (Italia), 11 luglio I gruppi di lavoro non sono un appendice formale di questo 2 incontro internazionale delle IUS, ma concorrono sostanzialmente a dibattere, chiarire, formulare e condividere i punti del Programma comune da concordare tra tutti i convegnisti. Oltre gli incontri per l'eucaristia, al mattino, e la preghiera del vespro e la buonanotte, alla sera, 6 ore e mezza di lavori prevede Il programma di ogni giorno. Solo un'ora al giorno per due brevi interventi in assemblea per inquadrare il lavoro dei gruppi su un argomento preciso. Il resto, cinque ore e mezza, per i lavori di gruppo (2,5 ore) e, poi, per la comunicazione dei risultati e il dibattito in assemblea (3 ore). (Composizione dei gruppi di lavoro) Si è trattato di gruppi "misti" nel senso di essere composti ciascuno da tutte le componenti presenti all incontro: consiglieri generali, ispettori, rettori, direttori dei centri, appartenenti a ogni lingua e continente rappresentati. E gli incontri non sono stati una passeggiata, a sentire gli stessi protagonisti. "Si è trattato di un duro lavoro ha commentato Frans Hendrickx, salesiano di origine fiaminga, preside all'università Politecnica Salesiana di Tokyo. Il metodo costringe a non uscire dagli argomenti con divagazioni, ma ad affrontare i punti in maniera approfondita e complessiva". E per Sergio Torres, laico, rettore dell Universidad Católica Blas Cañas di Santiago de Chile è stata un esperienza molto soddisfacente "per lo scopo di concordare tra tutti un programma comune di azione" e perché "il Programma proposta a studio e dibattito è molto organico e organizzato". Pastorale, salesianità, auditing, autonomia universitaria e associazione delle IUS conformano l'elenco delle parole chiave più vivamente discusse nei gruppi e nelle assemblee.

7 Dibattito in assemblea IUS: Nicolussi, occorre una politica in campo universitario Non è facile dice il consigliere per la formazione - e bisogna avere coscienza della sfida Roma (Italia), 11 luglio - E giunto il tempo "per definire e stabilire una politica salesiana nel campo universitario" ha sostenuto nel suo intervento all incontro delle IUS don José Nicolussi, consigliere generale per la formazione. E occorre farlo avendo consapevolezza delle nuove possibilità e delle non semplici sfide che accompagnano la presenza salesiana nelle università. È possibile definire una politica chiarendo apertamente l impegno della congregazione nelle IUS, indicando le condizioni necessarie per la creazione, lo sviluppo, la riconversione o la chiusura delle IUS, determinando le caratteristiche proprie delle IUS rispetto ad analoghe istituzioni, stabilendo priorità per la distribuzione delle risorse e per le opzioni strategiche globali. È tempo, in questa fase, secondo don Nicolussi, di affrontare con decisione e comunitariamente la qualificazione culturale e pastorale di queste istituzioni, a partire dalla preparazione di confratelli e laici. Con la qualificazione e la competenza, è altrettanto importante un nucleo animatore consistente e adeguato a garanzia della salesianità dell opera e della efficacia pastorale. A questo fine ha concluso don Nicolussi la politica delle IUS ha come soggetto la comunità ispettoriale e trova il suo contesto nel progetto ispettoriale. Don Nicolussi durante il suo intervento in aula

8 IUS: Domenech, cittadinanza alla Pastorale Giovanile Sottolineati aspetti fondamentali PGS nelle IUS Roma (Italia), 11 luglio Gli elementi che devono caratterizzare la Pastorale Giovanile nelle università salesiane sono stati indicati da don Antonio Domenech, consigliere Generale della PGS in apertura del secondo giorno di lavoro dell incontro internazionale delle IUS. Dopo aver richiamato le linee fondamentali della PGS che le IUS devono sviluppare nelle università secondo le sue specifiche caratteristiche, Domenech ha focalizzato 4 punti : un progetto culturale cristianamente ispirato, la collocazione popolare e giovanile, l intenzionalità pastorale, la comunità accademica. La PGS egli ha detto deve tradurre a livello universitario la sintesi tra educazione ed evangelizzazione, mirando a produrre cambiamenti sociali secondo una visione umanista e religiosa. Le IUS devono inoltre avere un attenzione privilegiata per i settori popolari e giovanili, superando ogni tentazione elitaria. Ciò si traduce nell orientare la ricerca alla conoscenza e trasformazione della situazione giovanile, soprattutto dei settori più sfavoriti, promuovere nella società una coscienza attualizzata della realtà giovanile e popolare offrendo proposte formative che incidano nei processi educativi, sulle strategie e politiche giovanili, favorire l accesso all università dei giovani d ambiente popolare con qualità e capacità. La comunità accademica deve comprendere professori e dirigenti che integrino competenza professionale, capacità educativa, sensibilità per il mondo giovanile, apertura ai valori evangelici e alla fede, impegno per la solidarietà e la giustizia. Don Antonio Domenech durante il suo intervento IUS: assi strategici e obiettivi del Programma Documento in 6 punti presentato come proposta da don Garulo Roma (Italia), 10 luglio Programma nuovo a livello di metodo e di contenuti quello presentato prima in bozza di lavoro per essere, poi, approfondito e approvato nel secondo incontro internazionale delle Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) a Roma come Programma comune per la promozione delle IUS durante il prossimo trienni. Tra gli obiettivi considerati nella prima parte Programma (impegni fondamentali), la definizione degli orientamenti generali che consentano ad ogni comunità accademica universitaria di elaborare il proprio progetto culturale-scientifico-tecnologico-educativo-pastorale-salesiano.

9 In secondo luogo definire e stabilire una "politica" della congregazione in campo universitario. Inoltre stimolare e iniziare tra le IUS la vicendevole conoscenza, il rapporto, gli scambi e la collaborazioni a livello bilaterale, di gruppo e generale tra tutte. Studiare e stabilire modalità di coordinamento che siano semplici, flessibili, efficaci e stabili. Nella seconda parte del Programma,dedicata alle condizioni strumentali per la realizzazione del medesimo, si punta anzitutto a una conoscenza sufficiente e affidabile che consenta alle IUS di migliorare il proprio servizio e il coordinamento; al Rettor Maggiore e al suo Consiglio di definire gli orientamenti generali e la politica della congregazione nel campo universitario. Il Programma presenta anche la strategia da seguire per rendere stabile e condiviso l impegno della congregazione nella pastorale universitaria. Presentando la "Proposta" di Programma comune, don Carlos Garulo ha parlato, tra l altro, di quattro grandi assi strategici per il campo universitario salesiano. Il primo ha detto risponde a una domanda di chiarezza e punta a impostare bene nella sua globalità la presenza salesiana nel campo universitario. Il secondo punta ad irrobustire la qualità del normale funzionamento universitario, delle singole IUS e del loro insieme. Il terzo cerca di approfittare dei benefici della sinergia all interno delle IUS, tra di loro e con altri soggetti sociali. Il quarto punta ad essere attenti ed esigenti rispetto ai risultati da ottenere dalle diverse voci che compongono l azione universitaria. Don Garulo durante la sua relazione IUS: Don Vecchi, salto di qualità in un progetto pienamente salesiano Puntare a costituire nuclei animatori capaci di sviluppare università sensibili al criterio oratoriano Roma (Italia), 10 luglio - La ricerca di significatività della presenza salesiana, va collocata entro la "nuova fase" dell evangelizzazione, nella quale appare decisivo il dialogo tra il pensiero cristiano e la cultura. È in questo contesto ha detto il Rettor Maggiore don Juan E. Vecchi nel suo intervento Salesiani e università oggi aprendo questa mattina il 2 incontro delle Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) che si coglie l importanza di un "Progetto per le università salesiane". Anche se nel passato, le università che nascevano nelle ispettorie specialmente a partire dagli anni cinquanta venivano giudicate "atipiche" o "singolari" rispetto al resto della presenza salesiana, nel nuovo contesto la congregazione è chiamata a definire "i caratteri di identità salesiana specifici delle nostre università" fissandone le esigenze di livello culturale e pastorale.

10 Oggi la presenza salesiana nell area universitaria comprende anche "la gestione di istituzioni universitarie proprie che nell insieme costituiscono già un settore rilevante per il numero di studenti, il coinvolgimento dei laici, lo sforzo economico organizzativo". Il 2 incontro internazionale delle IUS ha specificato don Vecchi si vuole occupare di queste istituzioni "collocandole in un ampio scenario di impegno universitario, centrando ultimamente l attenzione sul soggetto (giovani e adulti universitari a servizio dei quali ci sono salesiani e laici) piuttosto che sulla struttura o sui mezzi, e sottolineando l intenzione pastorale che guida tutte le nostre iniziative". Si deve ormai puntare a formulare "un progetto culturale cristiano", a costituire équipes capaci di esprimere nella gestione universitaria il "criterio oratoriano", dentro un contesto di chiara identità cattolica dei centri stessi. In tale sforzo di ripensamento secondo don Vecchi ispettorie e confratelli non possono rimanere ai margini. "La necessità del nucleo animatore vige anche in queste istituzioni a beneficio di esse e nostro. Non gioverebbe averle e soltanto amministrarle senza capacità di intervenire direttamente e con autorevolezza sugli aspetti più delicati". Un obiettivo possibile solo con la preparazione del personale salesiano in collaborazione con i laici. Il Rettor Maggiore durante il suo intervento IUS: Garulo, un programma comune costruito insieme Il Delegato del Rettor Maggiore per le IUS lancia un ponte tra passato e futuro Roma (Italia), 10 luglio Far nascere "insieme" - Consiglio Generale, ispettorie e quadri dirigenti delle università - un programma di sinergia culturale tra le Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) per i prossimi 3 anni (fino al 2001), è stato il primo invito rivolto da don Carlos Garulo, Delegato del Rettor Maggiore per le IUS, a tutti i partecipanti all incontro. Nel saluto di apertura, don Garulo ha parlato anche di un servizio qualificato che, sebbene affondi le radici nella tradizione, deve puntare oggi a saper raccogliere le nuove sfide. Per i salesiani, la sfida nel momento presente è quella di aggiungere "la razionalità e il rigore tipicamente universitari" allo stile di fare, così da rendere efficace l innesto di "salesianità di fatto" nei centri universitari, puntando a "creare tradizione". Anche se l attuale incontro è stato preceduto da quello del 1995 a Brasilia, ora si punta a elaborare insieme un "Programma comune per la promozione delle IUS".

11 Il Programma deve essere la risultanza di un dibattito approfondito tra tutti i partecipanti all incontro della Pisana, con l obiettivo di convergere su indicazioni di qualità. Questa è, di fatti, l attesa della Direzione Generale. Il Rettor Maggiore presiede l'eucaristia di apertura dell'incontro. Due momenti della sessione di apertura dell'incontro Università: nasce IUS, logo delle Istituzioni Universitarie Salesiane Nel 2 incontro internazionale di Roma Roma (Italia), 10 luglio IUS, sigla che sta per Istituzioni Universitarie Salesiane, è nata il 10 luglio a Roma, in occasione del secondo incontro internazionale convocato per studiare, dibattere e concordare una strategia comune alle 30 università e centri universitari salesiani che, in 18 paesi dell'america Latina, Asia ed Europa, contano ormai oltre 40 mila studenti. All incontro partecipano 26 di questi centri universitari. L'adunanza si svolge nella sede della Direzione Generale salesiana di via della Pisana fino al 13 luglio. Con il Rettor Maggiore don Juan E. Vecchi prendono parte 57 persone. Ben 10 i membri della casa generalizia, 45 i rappresentanti delle IUS e 2 invitati di eccezione, don Raffaele Farina, Prefetto della Biblioteca Vaticana, già rettore magnifico dell'ups e organizzatore del primo incontro a Brasilia, e suor Bianca Torazza, preside della Facoltà Auxilium da settembre prossimo. Tra i partecipanti, in particolare, 2 consiglieri generali di settore (Formazione e Pastorale Giovanile), 6 consiglieri regionali, 10 ispettori provinciali, 8 delegati di altretanti ispettori, 9 rettori di università, 17 tra presidi e direttori. In tutto: 53 salesiani, 2 Figlie di Maria Ausiliatrice e 2 laici. (Elenco dei partecipanti)

12 Fotografie dei convegnisti

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più (Lc 12, 48) Linee orientative

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

IL PROGETTO PASTORALE DI EVANGELII GAUDIUM - INCONTRO INTERNAZIONALE 18-19-20 SETTEMBRE 2014 AULA PAOLO VI INCONTRO INTERNAZIONALE

IL PROGETTO PASTORALE DI EVANGELII GAUDIUM - INCONTRO INTERNAZIONALE 18-19-20 SETTEMBRE 2014 AULA PAOLO VI INCONTRO INTERNAZIONALE IL PROGETTO PASTORALE DI EVANGELII GAUDIUM - INCONTRO INTERNAZIONALE 18-19-20 SETTEMBRE 2014 AULA PAOLO VI INCONTRO INTERNAZIONALE IL PROGETTO PASTORALE DI EVANGELII GAUDIUM CITTÀ DEL VATICANO, 18-19-20

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Cos è? I CONTENUTI. Progetto culturale orientato in senso cristiano

Cos è? I CONTENUTI. Progetto culturale orientato in senso cristiano Progetto culturale orientato in senso cristiano Cos è? I CONTENUTI Per una mappa dei contenuti Il punto di partenza forse può essere l obiettivo indicato nel n. 85 di Fides et ratio, che definisce un compito

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DELLA ATTIVITÀ EDUCATIVA DELLA COMPAGNIA DI GESÙ

LE CARATTERISTICHE DELLA ATTIVITÀ EDUCATIVA DELLA COMPAGNIA DI GESÙ LE CARATTERISTICHE DELLA ATTIVITÀ EDUCATIVA DELLA COMPAGNIA DI GESÙ 1 Introduzione 1. Nel settembre del 1980 si riunì a Roma un piccolo gruppo internazionale, di gesuiti e laici, per discutere numerose

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

Dai cantieri alle linee diocesane

Dai cantieri alle linee diocesane DUOMO DI MILANO, 28 MAGGIO 2013 Dai cantieri alle linee diocesane Convocazione Diocesana del Clero e intervento dell Arcivescovo Supplemento RIVISTA DIOCESANA MILANESE Mensile della Diocesi di Milano ANNO

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione Arcidiocesi di Salerno Campagna Acerno CONVEGNO PASTORALE DIOCESANO 16-17-18 giugno 2015 Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione STRUMENTO DI LAVORO alla

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA.

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA. STATUTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Definizioni 1. Ai fini dello Statuto, dei Regolamenti e degli atti dell Ateneo

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI 1. Il rinnovamento della catechesi, pubblicato nel 1970 sotto la spinta del Concilio Vaticano II, ha segnato decisamente,

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli