IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro. IUS: hanno già un sito in Internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro. IUS: hanno già un sito in Internet"

Transcript

1 IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro Roma (Italia), 4 agosto Interscambio informativo e lavoro on line riassumono i compiti principali del nuovo sito delle IUS, caratteristiche evidenti sia nella struttura delle sezioni sia nello stile. DALLA A LA Z, offre le informazioni oggi disponibili sulle IUS: elenco, collegamenti ai loro singoli siti, conoscenza delle riviste da loro pubblicate, ecc. EVENT'IUS è lo spazio dedicato agli eventi. L'utente incontrerà, per esempio, tutta la documentazione del 2 Incontro delle IUS. Questa documentazione è completata da una batteria di notizie brevi (N'IUS, per news) che offrono la cronaca di quelle giornate. "N'IUS" è lo spazio giornalistico dove le nostre università potranno pubblicare le notizie che siano d'interesse per l'insieme delle IUS", dice il delegato del Rettor Maggiore. Però dove l'utente potrà seguire meglio la realizzazione del Programma comune sarà attraverso CAMP'IUS - vale a dire il campus delle IUS -, una specie di vetrina dove appariranno le diverse iniziative realizzate dalle IUS man mano che il Programma si attiva. C'è anche un'area RISERVATA agli addetti ai lavori - cioè ai partecipanti all'incontro di Roma -, le cui porte si apriranno solo con una password. E tre gli sportelli o uffici di quest'area riservata che rispondono ai principali impegni del Programma comune: rilevamento della situazione-auditing, orientamenti generali e politica univesitaria, il primo; quelli che cureranno le sinergie tra le IUS si incontreranno nel secondo ufficio; e quelli che dovranno affrontare il problema delle risorse avranno nel terzo ufficio il loro meeting point. È previsto svolgere attraverso la rete Internet e la posta elettronica gran parte del lavoro delle commissioni responsabili di mandare avanti i lavori, risparmiando perciò tempi e viaggi. Per un impegno del genere bisogna disporre di una documentazione di consulta immediata che raccolga i riferimenti e le idee che ispirano l'azione intrapresa. Così DOCUMENT'IUS diventa una semplice biblioteca con i principali documenti della Santa Sede, della Congregazione e delle IUS rivolti alle università. IUS: hanno già un sito in Internet Prima realizzazione concreta a pochi giorni del 2 incontro internazionale delle istituzioni universitarie salesiane Roma (Italia), 4 agosto C è un sito internet anche per le Istituzioni Universitarie Salesiane: E il primo frutto operativo del 2 incontro internazionale concluso a Roma il 13 luglio. Sono parecchie le IUS che hanno il proprio spazio in Internet. Ma "Il nuovo website ha spiegato don Carlos Garulo, delegato del Rettor Maggiore per le IUS non ha l'intenzione di sostituire i singoli siti delle IUS. È invece il luogo di incontro tra le IUS, uno spazio, un servizio pensato esclusivamente, almeno nella prima fase, per aiutare alla realizzazione del Programma comune concordato dalle IUS nel raduno di luglio scorso e approvato recentemente dal Rettor Maggiore". Il sito consentirà di stabilire uno stretto collegamento tra le istituzioni universitarie salesiane. "Più che essere visitati da non si sa quali internauti fortuiti, vogliamo essere noi, i responsabili delle IUS, che ci incontriamo frequentemente", dice don Garulo. "Abbiamo concepito il sito come uno strumento per mandare avanti tra tutti le iniziative che ci abbiamo proposti."

2 Il sito Internet delle IUS IUS: Approvato dal Rettor Maggiore il Programma comune Roma (Italia), 23 luglio Il "Programma comune per la promozione delle Istituzioni Universitarie salesiane " ( ) è stato approvato oggi dal Rettor Maggiore. Il documento di approvazione sintetizza gli obiettivi del Programma e sottolinea il suo valore "strategico e pedagogico per impostare bene la presenza salesiana nel campo universitario, per irrobustire la qualità delle singole IUS, per ricercare sinergie e approfittarne dei benefici, per essere attenti ed esigenti rispetto ai livelli culturali ed educativi nelle IUS". Perciò, il Programma comune "serve da iter, da cammino insieme, da metodo per le IUS", dice il Rettor Maggiore. Il servizio alle istituzioni universitarie salesiane da lui costituito nel dicembre scorso e il compito del suo delegato a cui ha affidato tale servizio "si concretizzano così nell'avviare la realizzazione di questo Programma comune in tutti i suoi aspetti". Nel periodo di realizzazione del Programma, ossia fino al prossimo Capitolo Generale, si continueranno i rapporti tra le IUS e le varie istanze della congregazione iniziati in occasione del 2 Incontro delle istituzioni universitarie salesiane. Si chiarisce che la Congregazione, nello stesso periodo, punta a qualificare e rafforzare le IUS già esistenti più che accettarne di nuove. Il Rettor Maggiore e il suo Consiglio intendono il Programma comune "come proposito di partecipazione delle IUS allo sforzo di tutta la Congregazione per la qualificazione e la significatività" e "come segno esemplare dell'impegno culturale e formativo della Congregazione". IUS: quattro giornate per una svolta Una cronaca a volo di uccello Roma (Italia) 14 luglio - Quattro giorni per una svolta. Sono apparsi così i vari passaggi che hanno segnato il 2 incontro delle IUS che si è tenuto alla Pisana. Non inedito, perché preceduto da quello di Brasilia (anzi la continuità è stata variamente sottolineata con parole e segni), il 2 incontro appena concluso sancisce l avvio di una nuova pagina nella storia della presenza salesiana nelle università.

3 Vi hanno posto mano i massimi rappresentanti della congregazione. Don Luc Van Looy, vicario del Rettor Maggiore e promotore di Brasilia 95, ha presieduto il vespro e la buonanotte di benvenuto agli ospiti dell incontro la sera del 9 luglio. E Van Loy ha ricordato quel primo appuntamento. Autorevole su tutte, la presenza del Rettor Maggiore che, oltre alla partecipazione alle assemblee, ha letto la relazione introduttiva e tirato le conclusioni. Ma anche altri sono stati i partecipanti dalla Direzione Generale: don Giuseppe Nicolussi consigliere generale per la formazione; don Antonio Domenech, consigliere per la pastorale giovanile; don Helvécio Baruffi, consigliere per la regione America Latina-Cono Sud; don Pasquale Chavez consigliere per la regione Interamericana; don Joaquim D Souza, consigliere per la regione Australia-Asia; don Giovanni Fedrigotti, consigliere per la regione Italia e Medio Oriente; don Filiberto Rodriguez, consigliere per la regione Europa Ovest; don Albert Van Hecke, consigliere per la regione Europa Nord; don Carlos Garulo, delegato del Rettor Maggiore per le IUS, che ha organizzato e guidato l'incontro. Le IUS, oltre che con gli ispettori e i vertici delle autorità accademiche, sono state presenti con la buonanotte di don Sabino Palumbieri, professore all'ups, che la sera del 10 ha ricordato la figura di don Giuseppe Quadrio, il "maestro universitario" salesiano in processo di santità; con la buonanotte di Rosita Mori, laureata in psicologia all UPS e iscritta al primo anno alla scuola di specializzazione, che ha espresso l'esperienza personale di maturazione professionale, umana, cristiana e salesiana durante gli anni di studente all'ups: Presente anche un ex rettore magnifico dell UPS, mons.tarcisio Bertone, arcivescovo segretario della congregazione per la dottrina della fede, che ha presieduto l eucaristia di domenica 12 luglio. E, infine, tra gli invitati e osservatori don Raffaele Farina, anche egli ex rettore magnifico dell UPS e attualmente prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana. Moderatore dell'assemblea è stato Cyril De Souza professore della facoltà scienze dell educazione dell UPS. E l UPS ha anche ospitati i partecipanti, la sera dell ultimo incontro, per la celebrazione dell eucaristia e una cena assieme ai professori presenti in sede. Don De Souza, nel suo ruolo di moderatore dell'assemblea Mons. Bertone, nell'eucaristia della domenica

4 Il Rettor Maggiore presiede l'eucaristia di conclusione all'ups. È affiancato da don Carlos Garulo, sinistra, e da don Schwarz, destra. Suor Pilar Andrés, direttrice della Scuola Universitaria Don Bosco di Madrid, proclamando le letture. Don Pellerey, rettore magnifico dell'ups, nella cena di omaggio agli ospiti delle IUS. Don Lopez,ispettore di Bahia Blanca (Argentina), a sinistra; don Vecchi, a destra. IUS: don Vecchi, bilancio di un incontro Roma (Italia), 13 luglio - Le parole conclusive dell incontro delle IUS da parte del Rettor Maggiore hanno posto l accento sul futuro di una realtà riconosciuta pienamente parte della missione salesiana. Alle parole di riconoscimento del valore dell assemblea sia quanto alla preparazione e gestione che della qualità della riflessione emersa don Vecchi ha unito quelle di chiarimento e orientamento affinché le IUS, nell ora presente e specialmente nei prossimi anni, siano tenute "come punta - punta vuol dire che sfonda e orienta - più per l'esemplarità che per l'influsso diretto su altre opere. Proprio per questo significato in un movimento generale della Congregazione vogliamo che le università rendano il massimo delle proprie possibilità". Quest'esemplarità delle IUS ha cominciato già - riconosce don Vecchi - con l'impegno durante l'incontro internazionale "per costruire insieme un programma". Un programma "completo e organico", ha detto, la cui elaborazione "ha obbligato ad andare in profondità quanto a concetti e quanto prassi". Ad uno ad uno sono stati pressi in considerazione dal Rettor Maggiore i termini che maggiore dibattito avevano provocato durante il lavoro dei gruppi e nelle assemblee: pastorale universitaria, salesianità, rapporto autonomia universitaria e responsabilità della Congregazione, associazione delle IUS. Di ognuno ha evidenziato il significato e la portata entro un quadro di riferimento.

5 "L'ora che viviamo - ha detto don Vecchi tracciando il quadro di riferimento del Programma comune concordato dalle IUS - è segnata dal Capitolo generale 24.mo e dalla Programmazione del Rettor Maggiore e il suo Consiglio per il sessennio che ha indicato di centrare gli sforzi sulla significatività, sulla qualità e sulla formazione del personale". Va ribadito quindi, ha concluso don Vecchi, che, entro un programma comune per la promozione delle IUS, "l'estensione del compito universitario non è la nostra principale preoccupazione in questo momento. Lo è invece la qualità o l'eccellenza di ogni singola istituzione esistente". Don Vecchi durante l'intervento di conclusione IUS: Pellerey, cultura della qualità nelle università salesiane Il rettore dell'ups evidenzia il bisogno della conoscenza della realtà delle IUS per definire poi la politica e gli orientamenti generali della Congregazione nel campo universitario. Roma (Italia), 12 luglio Per giungere a disegnare una università salesiana ideale, si deve prima puntare a costruire una vera università secondo i canoni scientifici comunemente riconosciuti; occorre poi specificarne la natura ecclesiale e precisare, infine, la salesianità. Qualsiasi politica di sviluppo delle istituzioni universitarie, dice Michele Pellerey, "richiede un confronto attento tra prospettive ed esigenze ideali e una conoscenza adeguata delle condizioni reali nelle quali si opera". E ha ricordato la metodologia di lavoro proposta dalla Conferenza dei Rettori d'europa che è basata su una valutazione della qualità istituzionale. Si tratta, ha concluso il rettore magnifico dell'ups, "di sviluppare strutture e metodologie di analisi e valutazione della qualità del proprio servizio formativo e del proprio funzionamento dal punto di vista gestionale". Le riflessioni di don Pellerey hanno evidenziato il bisogno della valutazione istituzionale delle IUS per poter concretizzare poi la politica universitaria dei salesiani, dare degli orientamenti generali autorevoli e stimolare una sinergia tra le IUS, fronti verso cui questo incontro internazionale è orientato. Di due forme di valutazione della qualità istituzionale ha parlato don Pellerey: l'autovalutazione condotta all'interno della propria università e la valutazione esterna che è sviluppata da organismi independenti. La modalità proposta dalla Conferenza dei Rettori d'europa - formula che la propria Università Pontificia Salesiana ha adottato - "combina l'autovalutazione attuata sulla base di linee guida suggerite da esperti, la quale si conclude con un breve rapporto, con alcune visite e audizioni da parte di specialisti. Essi integrano il rapporto precedente e portano a un rapporto finale messo a disposizione degli organi istituzionali dell'università".

6 Il fine principale di un'operazione di questo tipo è favorire da una parte una cultura universitaria della gestione della qualità e, dall'altra, assicurare una istituzionalizzazione di strumenti e metodologie stabili di controllo e gestione della qualità. Don Pellerey durante il suo intervento IUS: Gruppi di lavoro e dibattiti in assemblea protagonisti all incontro internazionale Roma (Italia), 11 luglio I gruppi di lavoro non sono un appendice formale di questo 2 incontro internazionale delle IUS, ma concorrono sostanzialmente a dibattere, chiarire, formulare e condividere i punti del Programma comune da concordare tra tutti i convegnisti. Oltre gli incontri per l'eucaristia, al mattino, e la preghiera del vespro e la buonanotte, alla sera, 6 ore e mezza di lavori prevede Il programma di ogni giorno. Solo un'ora al giorno per due brevi interventi in assemblea per inquadrare il lavoro dei gruppi su un argomento preciso. Il resto, cinque ore e mezza, per i lavori di gruppo (2,5 ore) e, poi, per la comunicazione dei risultati e il dibattito in assemblea (3 ore). (Composizione dei gruppi di lavoro) Si è trattato di gruppi "misti" nel senso di essere composti ciascuno da tutte le componenti presenti all incontro: consiglieri generali, ispettori, rettori, direttori dei centri, appartenenti a ogni lingua e continente rappresentati. E gli incontri non sono stati una passeggiata, a sentire gli stessi protagonisti. "Si è trattato di un duro lavoro ha commentato Frans Hendrickx, salesiano di origine fiaminga, preside all'università Politecnica Salesiana di Tokyo. Il metodo costringe a non uscire dagli argomenti con divagazioni, ma ad affrontare i punti in maniera approfondita e complessiva". E per Sergio Torres, laico, rettore dell Universidad Católica Blas Cañas di Santiago de Chile è stata un esperienza molto soddisfacente "per lo scopo di concordare tra tutti un programma comune di azione" e perché "il Programma proposta a studio e dibattito è molto organico e organizzato". Pastorale, salesianità, auditing, autonomia universitaria e associazione delle IUS conformano l'elenco delle parole chiave più vivamente discusse nei gruppi e nelle assemblee.

7 Dibattito in assemblea IUS: Nicolussi, occorre una politica in campo universitario Non è facile dice il consigliere per la formazione - e bisogna avere coscienza della sfida Roma (Italia), 11 luglio - E giunto il tempo "per definire e stabilire una politica salesiana nel campo universitario" ha sostenuto nel suo intervento all incontro delle IUS don José Nicolussi, consigliere generale per la formazione. E occorre farlo avendo consapevolezza delle nuove possibilità e delle non semplici sfide che accompagnano la presenza salesiana nelle università. È possibile definire una politica chiarendo apertamente l impegno della congregazione nelle IUS, indicando le condizioni necessarie per la creazione, lo sviluppo, la riconversione o la chiusura delle IUS, determinando le caratteristiche proprie delle IUS rispetto ad analoghe istituzioni, stabilendo priorità per la distribuzione delle risorse e per le opzioni strategiche globali. È tempo, in questa fase, secondo don Nicolussi, di affrontare con decisione e comunitariamente la qualificazione culturale e pastorale di queste istituzioni, a partire dalla preparazione di confratelli e laici. Con la qualificazione e la competenza, è altrettanto importante un nucleo animatore consistente e adeguato a garanzia della salesianità dell opera e della efficacia pastorale. A questo fine ha concluso don Nicolussi la politica delle IUS ha come soggetto la comunità ispettoriale e trova il suo contesto nel progetto ispettoriale. Don Nicolussi durante il suo intervento in aula

8 IUS: Domenech, cittadinanza alla Pastorale Giovanile Sottolineati aspetti fondamentali PGS nelle IUS Roma (Italia), 11 luglio Gli elementi che devono caratterizzare la Pastorale Giovanile nelle università salesiane sono stati indicati da don Antonio Domenech, consigliere Generale della PGS in apertura del secondo giorno di lavoro dell incontro internazionale delle IUS. Dopo aver richiamato le linee fondamentali della PGS che le IUS devono sviluppare nelle università secondo le sue specifiche caratteristiche, Domenech ha focalizzato 4 punti : un progetto culturale cristianamente ispirato, la collocazione popolare e giovanile, l intenzionalità pastorale, la comunità accademica. La PGS egli ha detto deve tradurre a livello universitario la sintesi tra educazione ed evangelizzazione, mirando a produrre cambiamenti sociali secondo una visione umanista e religiosa. Le IUS devono inoltre avere un attenzione privilegiata per i settori popolari e giovanili, superando ogni tentazione elitaria. Ciò si traduce nell orientare la ricerca alla conoscenza e trasformazione della situazione giovanile, soprattutto dei settori più sfavoriti, promuovere nella società una coscienza attualizzata della realtà giovanile e popolare offrendo proposte formative che incidano nei processi educativi, sulle strategie e politiche giovanili, favorire l accesso all università dei giovani d ambiente popolare con qualità e capacità. La comunità accademica deve comprendere professori e dirigenti che integrino competenza professionale, capacità educativa, sensibilità per il mondo giovanile, apertura ai valori evangelici e alla fede, impegno per la solidarietà e la giustizia. Don Antonio Domenech durante il suo intervento IUS: assi strategici e obiettivi del Programma Documento in 6 punti presentato come proposta da don Garulo Roma (Italia), 10 luglio Programma nuovo a livello di metodo e di contenuti quello presentato prima in bozza di lavoro per essere, poi, approfondito e approvato nel secondo incontro internazionale delle Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) a Roma come Programma comune per la promozione delle IUS durante il prossimo trienni. Tra gli obiettivi considerati nella prima parte Programma (impegni fondamentali), la definizione degli orientamenti generali che consentano ad ogni comunità accademica universitaria di elaborare il proprio progetto culturale-scientifico-tecnologico-educativo-pastorale-salesiano.

9 In secondo luogo definire e stabilire una "politica" della congregazione in campo universitario. Inoltre stimolare e iniziare tra le IUS la vicendevole conoscenza, il rapporto, gli scambi e la collaborazioni a livello bilaterale, di gruppo e generale tra tutte. Studiare e stabilire modalità di coordinamento che siano semplici, flessibili, efficaci e stabili. Nella seconda parte del Programma,dedicata alle condizioni strumentali per la realizzazione del medesimo, si punta anzitutto a una conoscenza sufficiente e affidabile che consenta alle IUS di migliorare il proprio servizio e il coordinamento; al Rettor Maggiore e al suo Consiglio di definire gli orientamenti generali e la politica della congregazione nel campo universitario. Il Programma presenta anche la strategia da seguire per rendere stabile e condiviso l impegno della congregazione nella pastorale universitaria. Presentando la "Proposta" di Programma comune, don Carlos Garulo ha parlato, tra l altro, di quattro grandi assi strategici per il campo universitario salesiano. Il primo ha detto risponde a una domanda di chiarezza e punta a impostare bene nella sua globalità la presenza salesiana nel campo universitario. Il secondo punta ad irrobustire la qualità del normale funzionamento universitario, delle singole IUS e del loro insieme. Il terzo cerca di approfittare dei benefici della sinergia all interno delle IUS, tra di loro e con altri soggetti sociali. Il quarto punta ad essere attenti ed esigenti rispetto ai risultati da ottenere dalle diverse voci che compongono l azione universitaria. Don Garulo durante la sua relazione IUS: Don Vecchi, salto di qualità in un progetto pienamente salesiano Puntare a costituire nuclei animatori capaci di sviluppare università sensibili al criterio oratoriano Roma (Italia), 10 luglio - La ricerca di significatività della presenza salesiana, va collocata entro la "nuova fase" dell evangelizzazione, nella quale appare decisivo il dialogo tra il pensiero cristiano e la cultura. È in questo contesto ha detto il Rettor Maggiore don Juan E. Vecchi nel suo intervento Salesiani e università oggi aprendo questa mattina il 2 incontro delle Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) che si coglie l importanza di un "Progetto per le università salesiane". Anche se nel passato, le università che nascevano nelle ispettorie specialmente a partire dagli anni cinquanta venivano giudicate "atipiche" o "singolari" rispetto al resto della presenza salesiana, nel nuovo contesto la congregazione è chiamata a definire "i caratteri di identità salesiana specifici delle nostre università" fissandone le esigenze di livello culturale e pastorale.

10 Oggi la presenza salesiana nell area universitaria comprende anche "la gestione di istituzioni universitarie proprie che nell insieme costituiscono già un settore rilevante per il numero di studenti, il coinvolgimento dei laici, lo sforzo economico organizzativo". Il 2 incontro internazionale delle IUS ha specificato don Vecchi si vuole occupare di queste istituzioni "collocandole in un ampio scenario di impegno universitario, centrando ultimamente l attenzione sul soggetto (giovani e adulti universitari a servizio dei quali ci sono salesiani e laici) piuttosto che sulla struttura o sui mezzi, e sottolineando l intenzione pastorale che guida tutte le nostre iniziative". Si deve ormai puntare a formulare "un progetto culturale cristiano", a costituire équipes capaci di esprimere nella gestione universitaria il "criterio oratoriano", dentro un contesto di chiara identità cattolica dei centri stessi. In tale sforzo di ripensamento secondo don Vecchi ispettorie e confratelli non possono rimanere ai margini. "La necessità del nucleo animatore vige anche in queste istituzioni a beneficio di esse e nostro. Non gioverebbe averle e soltanto amministrarle senza capacità di intervenire direttamente e con autorevolezza sugli aspetti più delicati". Un obiettivo possibile solo con la preparazione del personale salesiano in collaborazione con i laici. Il Rettor Maggiore durante il suo intervento IUS: Garulo, un programma comune costruito insieme Il Delegato del Rettor Maggiore per le IUS lancia un ponte tra passato e futuro Roma (Italia), 10 luglio Far nascere "insieme" - Consiglio Generale, ispettorie e quadri dirigenti delle università - un programma di sinergia culturale tra le Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) per i prossimi 3 anni (fino al 2001), è stato il primo invito rivolto da don Carlos Garulo, Delegato del Rettor Maggiore per le IUS, a tutti i partecipanti all incontro. Nel saluto di apertura, don Garulo ha parlato anche di un servizio qualificato che, sebbene affondi le radici nella tradizione, deve puntare oggi a saper raccogliere le nuove sfide. Per i salesiani, la sfida nel momento presente è quella di aggiungere "la razionalità e il rigore tipicamente universitari" allo stile di fare, così da rendere efficace l innesto di "salesianità di fatto" nei centri universitari, puntando a "creare tradizione". Anche se l attuale incontro è stato preceduto da quello del 1995 a Brasilia, ora si punta a elaborare insieme un "Programma comune per la promozione delle IUS".

11 Il Programma deve essere la risultanza di un dibattito approfondito tra tutti i partecipanti all incontro della Pisana, con l obiettivo di convergere su indicazioni di qualità. Questa è, di fatti, l attesa della Direzione Generale. Il Rettor Maggiore presiede l'eucaristia di apertura dell'incontro. Due momenti della sessione di apertura dell'incontro Università: nasce IUS, logo delle Istituzioni Universitarie Salesiane Nel 2 incontro internazionale di Roma Roma (Italia), 10 luglio IUS, sigla che sta per Istituzioni Universitarie Salesiane, è nata il 10 luglio a Roma, in occasione del secondo incontro internazionale convocato per studiare, dibattere e concordare una strategia comune alle 30 università e centri universitari salesiani che, in 18 paesi dell'america Latina, Asia ed Europa, contano ormai oltre 40 mila studenti. All incontro partecipano 26 di questi centri universitari. L'adunanza si svolge nella sede della Direzione Generale salesiana di via della Pisana fino al 13 luglio. Con il Rettor Maggiore don Juan E. Vecchi prendono parte 57 persone. Ben 10 i membri della casa generalizia, 45 i rappresentanti delle IUS e 2 invitati di eccezione, don Raffaele Farina, Prefetto della Biblioteca Vaticana, già rettore magnifico dell'ups e organizzatore del primo incontro a Brasilia, e suor Bianca Torazza, preside della Facoltà Auxilium da settembre prossimo. Tra i partecipanti, in particolare, 2 consiglieri generali di settore (Formazione e Pastorale Giovanile), 6 consiglieri regionali, 10 ispettori provinciali, 8 delegati di altretanti ispettori, 9 rettori di università, 17 tra presidi e direttori. In tutto: 53 salesiani, 2 Figlie di Maria Ausiliatrice e 2 laici. (Elenco dei partecipanti)

12 Fotografie dei convegnisti

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo Convegno Internazionale di Pedagogia Salesiana Roma 19-21 marzo 2015 Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo SEDE DEL CONVEGNO: Salesianum (via della Pisana), UPS (Università Pontificia Salesiana)

Dettagli

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

Master di I livello per Operatori di pastorale giovanile

Master di I livello per Operatori di pastorale giovanile Istituto Internazionale Don Bosco UNIVERSITÀ PONTIFICIA SALESIANA FACOLTÀ DI TEOLOGIA - SEZIONE DI TORINO www.unisaltorino.it Master di I livello per Operatori di pastorale giovanile 1. La proposta e le

Dettagli

Corso di Alta Formazione in PASTORALE VOCAZIONALE

Corso di Alta Formazione in PASTORALE VOCAZIONALE Corso di Alta Formazione in PASTORALE VOCAZIONALE L Università Pontificia Salesiana (UPS), attraverso l Istituto di Pedagogia Vocazionale (IPV) della Facoltà di Scienze dell Educazione (FSE) promuove un

Dettagli

Tra altro, é stata presa la decisione di formare un gruppo di coordinamento internazionale con quattro obiettivi:

Tra altro, é stata presa la decisione di formare un gruppo di coordinamento internazionale con quattro obiettivi: FAMIGLIA DEHONIANA Un chiaro segno dell autenticità di un carisma è la sua ecclesialità, la sua capacità di integrarsi armoniosamente nella vita del Popolo santo di Dio per il bene di tutti (EG 130). Padre

Dettagli

Secondo Convegno Volontari in Africa VOLONTARI

Secondo Convegno Volontari in Africa VOLONTARI Secondo Convegno Volontari in Africa di Chiara Giusto, Volontaria VIS Dal 13 al 17 gennaio a Nairobi è stato organizzato dai Dicasteri per la Pastorale Giovanile e per le Missioni della Congregazione salesiana

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13

CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13 CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13 COOPERAZIONE CON I LAICI NELLA MISSIONE [331] 1. Una lettura dei segni dei tempi dopo il Vaticano II indica in maniera inequivocabile che la Chiesa del terzo millennio

Dettagli

CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007

CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007 CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI FRATELLI VINCENZIANI DELL'AMERICA LATINA (CLAPVI) SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007 1. Si presentano qui le conclusioni e le sfide del 1 incontro di Fratelli Vincenziani

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

INTRODUZIONE DEL SEMINARIO 15 OTTOBRE 2010

INTRODUZIONE DEL SEMINARIO 15 OTTOBRE 2010 1 Raduno ONG Missionarie Salesiane Roma, 2010 INTRODUZIONE DEL SEMINARIO 15 OTTOBRE 2010 P. Václav Klement, sdb Consigliere per le Missioni Contenuti 1. Benvenuti nella casa di Don Bosco nella casa del

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli ( presbiteri, diaconi,

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme.

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I numeri della Provincia di Madrid, cioè della Spagna. I Redentoristi in Spagna (che storicamente formano la Provincia

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

A digiuno di diritti

A digiuno di diritti VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO Corso di formazione al Volontariato Internazionale e di Educazione alla Mondialità 2008-2009 A digiuno di diritti Corso di formazione al Volontariato Intern

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

PROGRAMMA O R A R I O

PROGRAMMA O R A R I O PROGRAMMA O R A R I O in gesù cristo il nuovo umanesimo 5 Convegno Ecclesiale Nazionale Firenze, 9-13 novembre 2015 9 Novembre, Lunedì APERTURA DEL CONVEGNO 15.30 AVVIO DELLE PROCESSIONI nelle quattro

Dettagli

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali La nostra identità si basa sulla coerenza con il progetto fondamentale di San Vincenzo

Dettagli

Denominazione e Sede

Denominazione e Sede Denominazione e Sede art. 1 E' costituita l'associazione denominata Associazione S. Ignazio - Firenze (A.S.I.F.) con sede in Firenze, viale Don G. Minzoni, 25 G. Essa è retta secondo le disposizioni del

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo.

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo. Carissimi, a nome dell Azione Cattolica diocesana un saluto e un ringraziamento per la vostra partecipazione a questo momento che nasce nell ambito di un Progetto formativo di Azione Cattolica che mira

Dettagli

LA VIA Percorso di iniziazione cristiana di ispirazione catecumenale

LA VIA Percorso di iniziazione cristiana di ispirazione catecumenale LA VIA Percorso di iniziazione cristiana di ispirazione catecumenale A cura degli Uffici Catechistici Diocesani di Brescia, Genova e Venezia SAN PAOLO COGLIERE LA SFIDA EDUCATIVA secondo gli orientamenti

Dettagli

VOLONTARIATO E MISSIONE SALESIANA. Manuale di Guida ed Orientamenti

VOLONTARIATO E MISSIONE SALESIANA. Manuale di Guida ed Orientamenti VOLONTARIATO E MISSIONE SALESIANA Manuale di Guida ed Orientamenti Direzione Generale Opere Don Bosco Dicasteri per la Pastorale Giovanile e per le Missioni Roma 2006 Volontariato e Missione salesiana

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

I capisaldi della prassi missionaria salesiana 1998, Gennaio - Marzo

I capisaldi della prassi missionaria salesiana 1998, Gennaio - Marzo ACG 362 I capisaldi della prassi missionaria salesiana 1998, Gennaio - Marzo Don Luciano Odorico Consigliere Generale per le Missioni Introduzione Desidero offrire a tutti i Salesiani missionari della

Dettagli

h. 20.30 Concelebrazione Eucaristica di apertura e della Memoria del Beato Presiede Mons. Luigi Stucchi Vescovo ausiliare e Vicario episcopale

h. 20.30 Concelebrazione Eucaristica di apertura e della Memoria del Beato Presiede Mons. Luigi Stucchi Vescovo ausiliare e Vicario episcopale Premessa Dopo l evento della beatificazione di don Luigi Monza siamo chiamati a tornare nel mondo per vivere la santità quotidiana come radicalizzazione del battesimo nella vita di tutti i giorni, secondo

Dettagli

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega I.- LA CHIESA IN MAROCCO: 1- Breve rassegna storica: Per poter presentare il testimonio di una Scuola cattolica in Marocco

Dettagli

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Vicariato di Verona centro Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Parrocchia della Cattedrale Ogni incontro vorrà essere sempre un esperienza di ecclesialità e tenendo presente i seguenti

Dettagli

MOVIMENTO GIOVANILE SALESIANO Italia Meridionale Puglia Mail: paroleinmovimento@libero.it Facebook: Consulta MGS Puglia / MGS Puglia

MOVIMENTO GIOVANILE SALESIANO Italia Meridionale Puglia Mail: paroleinmovimento@libero.it Facebook: Consulta MGS Puglia / MGS Puglia Verbale Consulta MGS Puglia Assemblea territoriale Santeramo in Colle, 6 settembre 2014 Ordine del giorno per l incontro: 1. Saluti e introduzione ai lavori: Presentazione nuovi delegati, Domande per don

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

SIMPOSIO INTERNAZIONALE

SIMPOSIO INTERNAZIONALE PONTIFICIUM CONSILIUM DE SPIRITUALI MIGRANTIUM ATQUE ITINERANTIUM CURA SIMPOSIO INTERNAZIONALE SULLA PASTORALE DELLA STRADA PIANO DI AZIONE Alla luce degli insegnamenti di PAPA FRANCESCO E a conclusione

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

LA CURA DEI GIOVANI. Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO

LA CURA DEI GIOVANI. Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO LA CURA DEI GIOVANI Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO CARCERE FEMMINILE GIUDECCA COLLEGI UNIVERSITARI STORIA La comunità

Dettagli

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE X ASSEMBLEA DELL UFME Lisbona / Fatima (Portogallo) - 17-22 ottobre 2011 Europa, una missione e una sfida PROGETTO OFM PER L EUROPA Instrumentum Laboris INTRODUZIONE Il testo del Progetto Europa che viene

Dettagli

Ecco il tuo campo. Una Chiesa tutta oratoriana. a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani

Ecco il tuo campo. Una Chiesa tutta oratoriana. a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani Ecco il tuo campo Una Chiesa tutta oratoriana a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani L Oratorio oggi Oggi sono circa 6000 gli Oratori in Italia, promossi da parrocchie, associazioni, movimenti,

Dettagli

PRESUPPOSTI DOTTRINALI

PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità ecclesiale celebra le proprie Liturgie, ma nello stesso tempo non si dà pace, finché ci saranno fratelli e sorelle nella sofferenza spirituale e materiale" PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità

Dettagli

Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico

Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico 5 Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico don Adolfo L Arco salesiano PRESENTAZIONE L Autore del presente volume non

Dettagli

ARCIDIOCESI di Urbino-Urbania-Sant Angelo in Vado

ARCIDIOCESI di Urbino-Urbania-Sant Angelo in Vado ARCIDIOCESI di Urbino-Urbania-Sant Angelo in Vado VISITA PASTORALE dell Arcivescovo Mons. Giovanni Tani 2014-2016 ARCIDIOCESI DI URBINO-URBANIA-SANT ANGELO in VADO VISITA PASTORALE DELL ARCIVESCOVO G I

Dettagli

STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC)

STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC) STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC) INTRODUZIONE 01. Il Movimento dei Cursillos di Cristianità è un movimento ecclesiale a diffusione mondiale che opera all interno della Chiesa

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università Cari Convenuti, in primo luogo, desidero ringraziare i promotori e gli organizzatori per aver reso possibile la realizzazione

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

cf. Linee per un progetto di Iniziazione Cristiana alla luce del criterio oratoriano (Linee P.I.C.C.O.)

cf. Linee per un progetto di Iniziazione Cristiana alla luce del criterio oratoriano (Linee P.I.C.C.O.) cf. Linee per un progetto di Iniziazione Cristiana alla luce del criterio oratoriano (Linee P.I.C.C.O.) 1 Premessa. In seguito alla sollecitazione di coinvolgere l'oratorio, nella figura dei suoi animatori,

Dettagli

Associazione SUPR. Materiali informativi per la stampa

Associazione SUPR. Materiali informativi per la stampa Associazione SUPR Materiali informativi per la stampa Il prossimo 21 maggio alle ore 16,00, presso la Pontificia Facoltà Teologica Teresianum, avrà luogo la presentazione dell Associazione SUPR Studenti

Dettagli

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO PREMESSA L Associazione M.G.S. SER.MI.G.O. (Iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato con Decreto n. 22 del 28/02/2007) ha lo scopo

Dettagli

CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011. Assisi, 21-26 febbraio

CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011. Assisi, 21-26 febbraio CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011 Assisi, 21-26 febbraio DISPOSIZIONI APPROVATE Premesse (Ordo Capituli 33-34): 1/ Il Capitolo formula un programma che la nuova Curia provinciale cercherà di attuare

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

LA BIBBIA NELLA MISSIONE DELLA CHIESA

LA BIBBIA NELLA MISSIONE DELLA CHIESA UFFICIO CATECHISTICO NAZIONALE SETTORE APOSTOLATO BIBLICO XVI CONVEGNO NAZIONALE DELL APOSTOLATO BIBLICO LA BIBBIA NELLA MISSIONE DELLA CHIESA Villa Aurelia - ROMA 1-3 FEBBRAIO 2008 Con la lettura e lo

Dettagli

ALCUNI SERVIZZI SULLA CONFERENZA PUBBLICATI ALLA STAMPA.

ALCUNI SERVIZZI SULLA CONFERENZA PUBBLICATI ALLA STAMPA. IUS Europa CONFERENZA 2000 Il potenziale della nostra sinergia Benediktbeuern, 10 12 luglio ALCUNI SERVIZZI SULLA CONFERENZA PUBBLICATI ALLA STAMPA. http://www.vidimusdominum.org/frame.asp?dir=giornale&lingua=it

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

FINALITÀ E STRATEGIE 1

FINALITÀ E STRATEGIE 1 Associazione europea per la solidarietà e la cooperazione internazionale con il Sud del mondo FINALITÀ E STRATEGIE 1 PREMESSA L'approccio di Fratelli dell'uomo e delle organizzazioni sociali con cui l'associazione

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

Istituto Superiore per Formatori STATUTO

Istituto Superiore per Formatori STATUTO Istituto Superiore per Formatori STATUTO I. FINALITA Art. 1. Scopo dell Istituto Superiore per Formatori è di preparare formatori che operino nel campo della vocazione sacerdotale, religiosa e laicale,

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 Animazione alla testimonianza comunitaria della Carità Mimmo Iannascoli Resp. Formazione Caritas Diocesi di Caserta Cosa: ciò di cui andremo ad

Dettagli

detterà una meditazione, dialogherà con i Sacerdoti e presiederà una Celebrazione eucaristica

detterà una meditazione, dialogherà con i Sacerdoti e presiederà una Celebrazione eucaristica RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO PAPA FRANCESCO detterà una meditazione, dialogherà con i Sacerdoti e presiederà una Celebrazione eucaristica «A voi sacerdoti, mi viene di dire una sola parola: vicinanza.

Dettagli

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani.

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani. 1. 1. Oratorio: definizione. L Oratorio è una comunità che educa all integrazione vita-fede. È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti

Dettagli

Intervento Maria Sticchi Damiani La formazione universitaria in un percorso educativo lifelong

Intervento Maria Sticchi Damiani La formazione universitaria in un percorso educativo lifelong Intervento Maria Sticchi Damiani La formazione universitaria in un percorso educativo lifelong Vorrei dire innanzitutto che sono molto lieta di partecipare a questa giornata di lavoro, che inquadra con

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

XXIII GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ. Sydney (Australia), 15 20 luglio 2008 NOTA INFORMATIVA

XXIII GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ. Sydney (Australia), 15 20 luglio 2008 NOTA INFORMATIVA Pontificio Consiglio per i Laici Sezione Giovani 00120 Città del Vaticano Tel. +39 06 698.87.244 Fax + 39 06 698.87.112 E mail XXIII GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ Sydney (Australia),

Dettagli

PONTIFICIA UNIVERSITÀ GREGORIANA. Virtus et scientia

PONTIFICIA UNIVERSITÀ GREGORIANA. Virtus et scientia PONTIFICIA UNIVERSITÀ GREGORIANA Virtus et scientia PONTIFICIA UNIVERSITÀ GREGORIANA Nel 1551 Sant'Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù, aprì a Roma una Scuola di Grammatica e di Dottrina

Dettagli

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001 E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori Anno 2001 Il Forum degli oratori italiani è un organo di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

STATUTO. (con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del 15 Giugno 2013)

STATUTO. (con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del 15 Giugno 2013) Via Conventino, 8-24125 Bergamo Telefono: 035-4598500 Fax 035-4598501 E-mail: info@celimbergamo.org Internet: www.celimbergamo.org STATUTO (con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del 15 Giugno

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

L'UNIVERSITÀ E LA NUOVA EVANGELIZZAZIONE

L'UNIVERSITÀ E LA NUOVA EVANGELIZZAZIONE L'UNIVERSITÀ E LA NUOVA EVANGELIZZAZIONE Lectio magistralis di monsignor Lorenzo Leuzzi, vescovo ausiliare di Roma, in occasione dell inaugurazione dell Anno Accademico 20012-2013 dell Università Europea

Dettagli

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova Prot. n. 486/15 Reggio Calabria, 26 ottobre 2015 Ai RR Parroci Alle Superiore Istituti Religiosi LL.SS. Oggetto: 1. Formazione degli Adoratori Eucaristici 2. Rinnovo/istituzione dei Ministri Straordinari

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

F@D MURIALDO LA FAMIGLIA DEL MURIALDO PER UNA PEDAGOGIA MURIALDINA. - corsi e-learning -

F@D MURIALDO LA FAMIGLIA DEL MURIALDO PER UNA PEDAGOGIA MURIALDINA. - corsi e-learning - F@D MURIALDO LA FAMIGLIA DEL MURIALDO PER UNA PEDAGOGIA MURIALDINA 1. Che cos'è la F@D MURIALDO? - corsi e-learning - La Formazione a Distanza Murialdo (detta F@D MURIALDO) è una proposta formativa e-

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

1. La domanda dei giovani e delle famiglie

1. La domanda dei giovani e delle famiglie Progetto Educativo Premessa L Istituto Salesiano Don Bosco-Villa Ranchibile fin dal 1937 offre alla città di Palermo una proposta educativa che si ispira alla pedagogia di D. Bosco, Padre e Maestro dei

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

IL RUOLO DI ANIMAZIONE DEI CONSIGLI GENERALI E LA SUA INCIDENZA NELLA VITA DELLE PROVINCE Mario Aldegani CSI

IL RUOLO DI ANIMAZIONE DEI CONSIGLI GENERALI E LA SUA INCIDENZA NELLA VITA DELLE PROVINCE Mario Aldegani CSI IL RUOLO DI ANIMAZIONE DEI CONSIGLI GENERALI E LA SUA INCIDENZA NELLA VITA DELLE PROVINCE Mario Aldegani CSI Introduco con questa riflessione il lavoro dei gruppi linguistici di questo pomeriggio, illustrandone

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

Obiettivi La professionalità di un formatore in ambito socio-sanitario può essere definita da tre dimensioni fondamentali:

Obiettivi La professionalità di un formatore in ambito socio-sanitario può essere definita da tre dimensioni fondamentali: Perché preparare alla formazione in ambito socio-sanitario? L introduzione dell obbligo formativo per il personale sanitario con il decreto legislativo n. 229/99 e l accreditamento di strutture di formazione

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI CAMPOS AGUILAR, EMERSON. Piazza Gregorio Pantanelli n 8, Palestrina CAP. 00036 (Roma)

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI CAMPOS AGUILAR, EMERSON. Piazza Gregorio Pantanelli n 8, Palestrina CAP. 00036 (Roma) F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAMPOS AGUILAR, EMERSON Indirizzo Piazza Gregorio Pantanelli n 8, Palestrina CAP. 00036 (Roma) Telefono +39 06 9534428 Cell. +39 347

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO nanni.unisal.it I giovani = sostanza della vita di don Bosco= =«da mihi animas» La relazione educativa = il modo di Bosco di vivere insieme con i Giovani don Bosco: UN idea

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani, Nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani La Presidenza della CEI, nella riunione del 13 giugno 2012, ha approvato il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli