IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro. IUS: hanno già un sito in Internet

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro. IUS: hanno già un sito in Internet"

Transcript

1 IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro Roma (Italia), 4 agosto Interscambio informativo e lavoro on line riassumono i compiti principali del nuovo sito delle IUS, caratteristiche evidenti sia nella struttura delle sezioni sia nello stile. DALLA A LA Z, offre le informazioni oggi disponibili sulle IUS: elenco, collegamenti ai loro singoli siti, conoscenza delle riviste da loro pubblicate, ecc. EVENT'IUS è lo spazio dedicato agli eventi. L'utente incontrerà, per esempio, tutta la documentazione del 2 Incontro delle IUS. Questa documentazione è completata da una batteria di notizie brevi (N'IUS, per news) che offrono la cronaca di quelle giornate. "N'IUS" è lo spazio giornalistico dove le nostre università potranno pubblicare le notizie che siano d'interesse per l'insieme delle IUS", dice il delegato del Rettor Maggiore. Però dove l'utente potrà seguire meglio la realizzazione del Programma comune sarà attraverso CAMP'IUS - vale a dire il campus delle IUS -, una specie di vetrina dove appariranno le diverse iniziative realizzate dalle IUS man mano che il Programma si attiva. C'è anche un'area RISERVATA agli addetti ai lavori - cioè ai partecipanti all'incontro di Roma -, le cui porte si apriranno solo con una password. E tre gli sportelli o uffici di quest'area riservata che rispondono ai principali impegni del Programma comune: rilevamento della situazione-auditing, orientamenti generali e politica univesitaria, il primo; quelli che cureranno le sinergie tra le IUS si incontreranno nel secondo ufficio; e quelli che dovranno affrontare il problema delle risorse avranno nel terzo ufficio il loro meeting point. È previsto svolgere attraverso la rete Internet e la posta elettronica gran parte del lavoro delle commissioni responsabili di mandare avanti i lavori, risparmiando perciò tempi e viaggi. Per un impegno del genere bisogna disporre di una documentazione di consulta immediata che raccolga i riferimenti e le idee che ispirano l'azione intrapresa. Così DOCUMENT'IUS diventa una semplice biblioteca con i principali documenti della Santa Sede, della Congregazione e delle IUS rivolti alle università. IUS: hanno già un sito in Internet Prima realizzazione concreta a pochi giorni del 2 incontro internazionale delle istituzioni universitarie salesiane Roma (Italia), 4 agosto C è un sito internet anche per le Istituzioni Universitarie Salesiane: E il primo frutto operativo del 2 incontro internazionale concluso a Roma il 13 luglio. Sono parecchie le IUS che hanno il proprio spazio in Internet. Ma "Il nuovo website ha spiegato don Carlos Garulo, delegato del Rettor Maggiore per le IUS non ha l'intenzione di sostituire i singoli siti delle IUS. È invece il luogo di incontro tra le IUS, uno spazio, un servizio pensato esclusivamente, almeno nella prima fase, per aiutare alla realizzazione del Programma comune concordato dalle IUS nel raduno di luglio scorso e approvato recentemente dal Rettor Maggiore". Il sito consentirà di stabilire uno stretto collegamento tra le istituzioni universitarie salesiane. "Più che essere visitati da non si sa quali internauti fortuiti, vogliamo essere noi, i responsabili delle IUS, che ci incontriamo frequentemente", dice don Garulo. "Abbiamo concepito il sito come uno strumento per mandare avanti tra tutti le iniziative che ci abbiamo proposti."

2 Il sito Internet delle IUS IUS: Approvato dal Rettor Maggiore il Programma comune Roma (Italia), 23 luglio Il "Programma comune per la promozione delle Istituzioni Universitarie salesiane " ( ) è stato approvato oggi dal Rettor Maggiore. Il documento di approvazione sintetizza gli obiettivi del Programma e sottolinea il suo valore "strategico e pedagogico per impostare bene la presenza salesiana nel campo universitario, per irrobustire la qualità delle singole IUS, per ricercare sinergie e approfittarne dei benefici, per essere attenti ed esigenti rispetto ai livelli culturali ed educativi nelle IUS". Perciò, il Programma comune "serve da iter, da cammino insieme, da metodo per le IUS", dice il Rettor Maggiore. Il servizio alle istituzioni universitarie salesiane da lui costituito nel dicembre scorso e il compito del suo delegato a cui ha affidato tale servizio "si concretizzano così nell'avviare la realizzazione di questo Programma comune in tutti i suoi aspetti". Nel periodo di realizzazione del Programma, ossia fino al prossimo Capitolo Generale, si continueranno i rapporti tra le IUS e le varie istanze della congregazione iniziati in occasione del 2 Incontro delle istituzioni universitarie salesiane. Si chiarisce che la Congregazione, nello stesso periodo, punta a qualificare e rafforzare le IUS già esistenti più che accettarne di nuove. Il Rettor Maggiore e il suo Consiglio intendono il Programma comune "come proposito di partecipazione delle IUS allo sforzo di tutta la Congregazione per la qualificazione e la significatività" e "come segno esemplare dell'impegno culturale e formativo della Congregazione". IUS: quattro giornate per una svolta Una cronaca a volo di uccello Roma (Italia) 14 luglio - Quattro giorni per una svolta. Sono apparsi così i vari passaggi che hanno segnato il 2 incontro delle IUS che si è tenuto alla Pisana. Non inedito, perché preceduto da quello di Brasilia (anzi la continuità è stata variamente sottolineata con parole e segni), il 2 incontro appena concluso sancisce l avvio di una nuova pagina nella storia della presenza salesiana nelle università.

3 Vi hanno posto mano i massimi rappresentanti della congregazione. Don Luc Van Looy, vicario del Rettor Maggiore e promotore di Brasilia 95, ha presieduto il vespro e la buonanotte di benvenuto agli ospiti dell incontro la sera del 9 luglio. E Van Loy ha ricordato quel primo appuntamento. Autorevole su tutte, la presenza del Rettor Maggiore che, oltre alla partecipazione alle assemblee, ha letto la relazione introduttiva e tirato le conclusioni. Ma anche altri sono stati i partecipanti dalla Direzione Generale: don Giuseppe Nicolussi consigliere generale per la formazione; don Antonio Domenech, consigliere per la pastorale giovanile; don Helvécio Baruffi, consigliere per la regione America Latina-Cono Sud; don Pasquale Chavez consigliere per la regione Interamericana; don Joaquim D Souza, consigliere per la regione Australia-Asia; don Giovanni Fedrigotti, consigliere per la regione Italia e Medio Oriente; don Filiberto Rodriguez, consigliere per la regione Europa Ovest; don Albert Van Hecke, consigliere per la regione Europa Nord; don Carlos Garulo, delegato del Rettor Maggiore per le IUS, che ha organizzato e guidato l'incontro. Le IUS, oltre che con gli ispettori e i vertici delle autorità accademiche, sono state presenti con la buonanotte di don Sabino Palumbieri, professore all'ups, che la sera del 10 ha ricordato la figura di don Giuseppe Quadrio, il "maestro universitario" salesiano in processo di santità; con la buonanotte di Rosita Mori, laureata in psicologia all UPS e iscritta al primo anno alla scuola di specializzazione, che ha espresso l'esperienza personale di maturazione professionale, umana, cristiana e salesiana durante gli anni di studente all'ups: Presente anche un ex rettore magnifico dell UPS, mons.tarcisio Bertone, arcivescovo segretario della congregazione per la dottrina della fede, che ha presieduto l eucaristia di domenica 12 luglio. E, infine, tra gli invitati e osservatori don Raffaele Farina, anche egli ex rettore magnifico dell UPS e attualmente prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana. Moderatore dell'assemblea è stato Cyril De Souza professore della facoltà scienze dell educazione dell UPS. E l UPS ha anche ospitati i partecipanti, la sera dell ultimo incontro, per la celebrazione dell eucaristia e una cena assieme ai professori presenti in sede. Don De Souza, nel suo ruolo di moderatore dell'assemblea Mons. Bertone, nell'eucaristia della domenica

4 Il Rettor Maggiore presiede l'eucaristia di conclusione all'ups. È affiancato da don Carlos Garulo, sinistra, e da don Schwarz, destra. Suor Pilar Andrés, direttrice della Scuola Universitaria Don Bosco di Madrid, proclamando le letture. Don Pellerey, rettore magnifico dell'ups, nella cena di omaggio agli ospiti delle IUS. Don Lopez,ispettore di Bahia Blanca (Argentina), a sinistra; don Vecchi, a destra. IUS: don Vecchi, bilancio di un incontro Roma (Italia), 13 luglio - Le parole conclusive dell incontro delle IUS da parte del Rettor Maggiore hanno posto l accento sul futuro di una realtà riconosciuta pienamente parte della missione salesiana. Alle parole di riconoscimento del valore dell assemblea sia quanto alla preparazione e gestione che della qualità della riflessione emersa don Vecchi ha unito quelle di chiarimento e orientamento affinché le IUS, nell ora presente e specialmente nei prossimi anni, siano tenute "come punta - punta vuol dire che sfonda e orienta - più per l'esemplarità che per l'influsso diretto su altre opere. Proprio per questo significato in un movimento generale della Congregazione vogliamo che le università rendano il massimo delle proprie possibilità". Quest'esemplarità delle IUS ha cominciato già - riconosce don Vecchi - con l'impegno durante l'incontro internazionale "per costruire insieme un programma". Un programma "completo e organico", ha detto, la cui elaborazione "ha obbligato ad andare in profondità quanto a concetti e quanto prassi". Ad uno ad uno sono stati pressi in considerazione dal Rettor Maggiore i termini che maggiore dibattito avevano provocato durante il lavoro dei gruppi e nelle assemblee: pastorale universitaria, salesianità, rapporto autonomia universitaria e responsabilità della Congregazione, associazione delle IUS. Di ognuno ha evidenziato il significato e la portata entro un quadro di riferimento.

5 "L'ora che viviamo - ha detto don Vecchi tracciando il quadro di riferimento del Programma comune concordato dalle IUS - è segnata dal Capitolo generale 24.mo e dalla Programmazione del Rettor Maggiore e il suo Consiglio per il sessennio che ha indicato di centrare gli sforzi sulla significatività, sulla qualità e sulla formazione del personale". Va ribadito quindi, ha concluso don Vecchi, che, entro un programma comune per la promozione delle IUS, "l'estensione del compito universitario non è la nostra principale preoccupazione in questo momento. Lo è invece la qualità o l'eccellenza di ogni singola istituzione esistente". Don Vecchi durante l'intervento di conclusione IUS: Pellerey, cultura della qualità nelle università salesiane Il rettore dell'ups evidenzia il bisogno della conoscenza della realtà delle IUS per definire poi la politica e gli orientamenti generali della Congregazione nel campo universitario. Roma (Italia), 12 luglio Per giungere a disegnare una università salesiana ideale, si deve prima puntare a costruire una vera università secondo i canoni scientifici comunemente riconosciuti; occorre poi specificarne la natura ecclesiale e precisare, infine, la salesianità. Qualsiasi politica di sviluppo delle istituzioni universitarie, dice Michele Pellerey, "richiede un confronto attento tra prospettive ed esigenze ideali e una conoscenza adeguata delle condizioni reali nelle quali si opera". E ha ricordato la metodologia di lavoro proposta dalla Conferenza dei Rettori d'europa che è basata su una valutazione della qualità istituzionale. Si tratta, ha concluso il rettore magnifico dell'ups, "di sviluppare strutture e metodologie di analisi e valutazione della qualità del proprio servizio formativo e del proprio funzionamento dal punto di vista gestionale". Le riflessioni di don Pellerey hanno evidenziato il bisogno della valutazione istituzionale delle IUS per poter concretizzare poi la politica universitaria dei salesiani, dare degli orientamenti generali autorevoli e stimolare una sinergia tra le IUS, fronti verso cui questo incontro internazionale è orientato. Di due forme di valutazione della qualità istituzionale ha parlato don Pellerey: l'autovalutazione condotta all'interno della propria università e la valutazione esterna che è sviluppata da organismi independenti. La modalità proposta dalla Conferenza dei Rettori d'europa - formula che la propria Università Pontificia Salesiana ha adottato - "combina l'autovalutazione attuata sulla base di linee guida suggerite da esperti, la quale si conclude con un breve rapporto, con alcune visite e audizioni da parte di specialisti. Essi integrano il rapporto precedente e portano a un rapporto finale messo a disposizione degli organi istituzionali dell'università".

6 Il fine principale di un'operazione di questo tipo è favorire da una parte una cultura universitaria della gestione della qualità e, dall'altra, assicurare una istituzionalizzazione di strumenti e metodologie stabili di controllo e gestione della qualità. Don Pellerey durante il suo intervento IUS: Gruppi di lavoro e dibattiti in assemblea protagonisti all incontro internazionale Roma (Italia), 11 luglio I gruppi di lavoro non sono un appendice formale di questo 2 incontro internazionale delle IUS, ma concorrono sostanzialmente a dibattere, chiarire, formulare e condividere i punti del Programma comune da concordare tra tutti i convegnisti. Oltre gli incontri per l'eucaristia, al mattino, e la preghiera del vespro e la buonanotte, alla sera, 6 ore e mezza di lavori prevede Il programma di ogni giorno. Solo un'ora al giorno per due brevi interventi in assemblea per inquadrare il lavoro dei gruppi su un argomento preciso. Il resto, cinque ore e mezza, per i lavori di gruppo (2,5 ore) e, poi, per la comunicazione dei risultati e il dibattito in assemblea (3 ore). (Composizione dei gruppi di lavoro) Si è trattato di gruppi "misti" nel senso di essere composti ciascuno da tutte le componenti presenti all incontro: consiglieri generali, ispettori, rettori, direttori dei centri, appartenenti a ogni lingua e continente rappresentati. E gli incontri non sono stati una passeggiata, a sentire gli stessi protagonisti. "Si è trattato di un duro lavoro ha commentato Frans Hendrickx, salesiano di origine fiaminga, preside all'università Politecnica Salesiana di Tokyo. Il metodo costringe a non uscire dagli argomenti con divagazioni, ma ad affrontare i punti in maniera approfondita e complessiva". E per Sergio Torres, laico, rettore dell Universidad Católica Blas Cañas di Santiago de Chile è stata un esperienza molto soddisfacente "per lo scopo di concordare tra tutti un programma comune di azione" e perché "il Programma proposta a studio e dibattito è molto organico e organizzato". Pastorale, salesianità, auditing, autonomia universitaria e associazione delle IUS conformano l'elenco delle parole chiave più vivamente discusse nei gruppi e nelle assemblee.

7 Dibattito in assemblea IUS: Nicolussi, occorre una politica in campo universitario Non è facile dice il consigliere per la formazione - e bisogna avere coscienza della sfida Roma (Italia), 11 luglio - E giunto il tempo "per definire e stabilire una politica salesiana nel campo universitario" ha sostenuto nel suo intervento all incontro delle IUS don José Nicolussi, consigliere generale per la formazione. E occorre farlo avendo consapevolezza delle nuove possibilità e delle non semplici sfide che accompagnano la presenza salesiana nelle università. È possibile definire una politica chiarendo apertamente l impegno della congregazione nelle IUS, indicando le condizioni necessarie per la creazione, lo sviluppo, la riconversione o la chiusura delle IUS, determinando le caratteristiche proprie delle IUS rispetto ad analoghe istituzioni, stabilendo priorità per la distribuzione delle risorse e per le opzioni strategiche globali. È tempo, in questa fase, secondo don Nicolussi, di affrontare con decisione e comunitariamente la qualificazione culturale e pastorale di queste istituzioni, a partire dalla preparazione di confratelli e laici. Con la qualificazione e la competenza, è altrettanto importante un nucleo animatore consistente e adeguato a garanzia della salesianità dell opera e della efficacia pastorale. A questo fine ha concluso don Nicolussi la politica delle IUS ha come soggetto la comunità ispettoriale e trova il suo contesto nel progetto ispettoriale. Don Nicolussi durante il suo intervento in aula

8 IUS: Domenech, cittadinanza alla Pastorale Giovanile Sottolineati aspetti fondamentali PGS nelle IUS Roma (Italia), 11 luglio Gli elementi che devono caratterizzare la Pastorale Giovanile nelle università salesiane sono stati indicati da don Antonio Domenech, consigliere Generale della PGS in apertura del secondo giorno di lavoro dell incontro internazionale delle IUS. Dopo aver richiamato le linee fondamentali della PGS che le IUS devono sviluppare nelle università secondo le sue specifiche caratteristiche, Domenech ha focalizzato 4 punti : un progetto culturale cristianamente ispirato, la collocazione popolare e giovanile, l intenzionalità pastorale, la comunità accademica. La PGS egli ha detto deve tradurre a livello universitario la sintesi tra educazione ed evangelizzazione, mirando a produrre cambiamenti sociali secondo una visione umanista e religiosa. Le IUS devono inoltre avere un attenzione privilegiata per i settori popolari e giovanili, superando ogni tentazione elitaria. Ciò si traduce nell orientare la ricerca alla conoscenza e trasformazione della situazione giovanile, soprattutto dei settori più sfavoriti, promuovere nella società una coscienza attualizzata della realtà giovanile e popolare offrendo proposte formative che incidano nei processi educativi, sulle strategie e politiche giovanili, favorire l accesso all università dei giovani d ambiente popolare con qualità e capacità. La comunità accademica deve comprendere professori e dirigenti che integrino competenza professionale, capacità educativa, sensibilità per il mondo giovanile, apertura ai valori evangelici e alla fede, impegno per la solidarietà e la giustizia. Don Antonio Domenech durante il suo intervento IUS: assi strategici e obiettivi del Programma Documento in 6 punti presentato come proposta da don Garulo Roma (Italia), 10 luglio Programma nuovo a livello di metodo e di contenuti quello presentato prima in bozza di lavoro per essere, poi, approfondito e approvato nel secondo incontro internazionale delle Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) a Roma come Programma comune per la promozione delle IUS durante il prossimo trienni. Tra gli obiettivi considerati nella prima parte Programma (impegni fondamentali), la definizione degli orientamenti generali che consentano ad ogni comunità accademica universitaria di elaborare il proprio progetto culturale-scientifico-tecnologico-educativo-pastorale-salesiano.

9 In secondo luogo definire e stabilire una "politica" della congregazione in campo universitario. Inoltre stimolare e iniziare tra le IUS la vicendevole conoscenza, il rapporto, gli scambi e la collaborazioni a livello bilaterale, di gruppo e generale tra tutte. Studiare e stabilire modalità di coordinamento che siano semplici, flessibili, efficaci e stabili. Nella seconda parte del Programma,dedicata alle condizioni strumentali per la realizzazione del medesimo, si punta anzitutto a una conoscenza sufficiente e affidabile che consenta alle IUS di migliorare il proprio servizio e il coordinamento; al Rettor Maggiore e al suo Consiglio di definire gli orientamenti generali e la politica della congregazione nel campo universitario. Il Programma presenta anche la strategia da seguire per rendere stabile e condiviso l impegno della congregazione nella pastorale universitaria. Presentando la "Proposta" di Programma comune, don Carlos Garulo ha parlato, tra l altro, di quattro grandi assi strategici per il campo universitario salesiano. Il primo ha detto risponde a una domanda di chiarezza e punta a impostare bene nella sua globalità la presenza salesiana nel campo universitario. Il secondo punta ad irrobustire la qualità del normale funzionamento universitario, delle singole IUS e del loro insieme. Il terzo cerca di approfittare dei benefici della sinergia all interno delle IUS, tra di loro e con altri soggetti sociali. Il quarto punta ad essere attenti ed esigenti rispetto ai risultati da ottenere dalle diverse voci che compongono l azione universitaria. Don Garulo durante la sua relazione IUS: Don Vecchi, salto di qualità in un progetto pienamente salesiano Puntare a costituire nuclei animatori capaci di sviluppare università sensibili al criterio oratoriano Roma (Italia), 10 luglio - La ricerca di significatività della presenza salesiana, va collocata entro la "nuova fase" dell evangelizzazione, nella quale appare decisivo il dialogo tra il pensiero cristiano e la cultura. È in questo contesto ha detto il Rettor Maggiore don Juan E. Vecchi nel suo intervento Salesiani e università oggi aprendo questa mattina il 2 incontro delle Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) che si coglie l importanza di un "Progetto per le università salesiane". Anche se nel passato, le università che nascevano nelle ispettorie specialmente a partire dagli anni cinquanta venivano giudicate "atipiche" o "singolari" rispetto al resto della presenza salesiana, nel nuovo contesto la congregazione è chiamata a definire "i caratteri di identità salesiana specifici delle nostre università" fissandone le esigenze di livello culturale e pastorale.

10 Oggi la presenza salesiana nell area universitaria comprende anche "la gestione di istituzioni universitarie proprie che nell insieme costituiscono già un settore rilevante per il numero di studenti, il coinvolgimento dei laici, lo sforzo economico organizzativo". Il 2 incontro internazionale delle IUS ha specificato don Vecchi si vuole occupare di queste istituzioni "collocandole in un ampio scenario di impegno universitario, centrando ultimamente l attenzione sul soggetto (giovani e adulti universitari a servizio dei quali ci sono salesiani e laici) piuttosto che sulla struttura o sui mezzi, e sottolineando l intenzione pastorale che guida tutte le nostre iniziative". Si deve ormai puntare a formulare "un progetto culturale cristiano", a costituire équipes capaci di esprimere nella gestione universitaria il "criterio oratoriano", dentro un contesto di chiara identità cattolica dei centri stessi. In tale sforzo di ripensamento secondo don Vecchi ispettorie e confratelli non possono rimanere ai margini. "La necessità del nucleo animatore vige anche in queste istituzioni a beneficio di esse e nostro. Non gioverebbe averle e soltanto amministrarle senza capacità di intervenire direttamente e con autorevolezza sugli aspetti più delicati". Un obiettivo possibile solo con la preparazione del personale salesiano in collaborazione con i laici. Il Rettor Maggiore durante il suo intervento IUS: Garulo, un programma comune costruito insieme Il Delegato del Rettor Maggiore per le IUS lancia un ponte tra passato e futuro Roma (Italia), 10 luglio Far nascere "insieme" - Consiglio Generale, ispettorie e quadri dirigenti delle università - un programma di sinergia culturale tra le Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) per i prossimi 3 anni (fino al 2001), è stato il primo invito rivolto da don Carlos Garulo, Delegato del Rettor Maggiore per le IUS, a tutti i partecipanti all incontro. Nel saluto di apertura, don Garulo ha parlato anche di un servizio qualificato che, sebbene affondi le radici nella tradizione, deve puntare oggi a saper raccogliere le nuove sfide. Per i salesiani, la sfida nel momento presente è quella di aggiungere "la razionalità e il rigore tipicamente universitari" allo stile di fare, così da rendere efficace l innesto di "salesianità di fatto" nei centri universitari, puntando a "creare tradizione". Anche se l attuale incontro è stato preceduto da quello del 1995 a Brasilia, ora si punta a elaborare insieme un "Programma comune per la promozione delle IUS".

11 Il Programma deve essere la risultanza di un dibattito approfondito tra tutti i partecipanti all incontro della Pisana, con l obiettivo di convergere su indicazioni di qualità. Questa è, di fatti, l attesa della Direzione Generale. Il Rettor Maggiore presiede l'eucaristia di apertura dell'incontro. Due momenti della sessione di apertura dell'incontro Università: nasce IUS, logo delle Istituzioni Universitarie Salesiane Nel 2 incontro internazionale di Roma Roma (Italia), 10 luglio IUS, sigla che sta per Istituzioni Universitarie Salesiane, è nata il 10 luglio a Roma, in occasione del secondo incontro internazionale convocato per studiare, dibattere e concordare una strategia comune alle 30 università e centri universitari salesiani che, in 18 paesi dell'america Latina, Asia ed Europa, contano ormai oltre 40 mila studenti. All incontro partecipano 26 di questi centri universitari. L'adunanza si svolge nella sede della Direzione Generale salesiana di via della Pisana fino al 13 luglio. Con il Rettor Maggiore don Juan E. Vecchi prendono parte 57 persone. Ben 10 i membri della casa generalizia, 45 i rappresentanti delle IUS e 2 invitati di eccezione, don Raffaele Farina, Prefetto della Biblioteca Vaticana, già rettore magnifico dell'ups e organizzatore del primo incontro a Brasilia, e suor Bianca Torazza, preside della Facoltà Auxilium da settembre prossimo. Tra i partecipanti, in particolare, 2 consiglieri generali di settore (Formazione e Pastorale Giovanile), 6 consiglieri regionali, 10 ispettori provinciali, 8 delegati di altretanti ispettori, 9 rettori di università, 17 tra presidi e direttori. In tutto: 53 salesiani, 2 Figlie di Maria Ausiliatrice e 2 laici. (Elenco dei partecipanti)

12 Fotografie dei convegnisti

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001 E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori Anno 2001 Il Forum degli oratori italiani è un organo di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo.

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo. Carissimi, a nome dell Azione Cattolica diocesana un saluto e un ringraziamento per la vostra partecipazione a questo momento che nasce nell ambito di un Progetto formativo di Azione Cattolica che mira

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007

CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007 CONCLUSIONI E SFIDE Del 1 INCONTRO DEI FRATELLI VINCENZIANI DELL'AMERICA LATINA (CLAPVI) SANTO DOMINGO, 14-21 OTTOBRE 2007 1. Si presentano qui le conclusioni e le sfide del 1 incontro di Fratelli Vincenziani

Dettagli

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO nanni.unisal.it I giovani = sostanza della vita di don Bosco= =«da mihi animas» La relazione educativa = il modo di Bosco di vivere insieme con i Giovani don Bosco: UN idea

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI L adulto che ha fatto una scelta di servizio quale capo nell Associazione, a partire dall ingresso in Comunità Capi si inserisce in un itinerario di Formazione Permanente

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO BANDO PER L ASSEGNAZINE DI UNA BORSA DI STUDIO anno pastorale 2013-2014 Presentazione Nell ambito della formazione degli educatori per l animazione oratoriale

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura. La Comunità Pastorale

I Venerdì dell Avvocatura. La Comunità Pastorale Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura La Comunità Pastorale 3 incontro - 13 dicembre 2013 Le Fonti principali 1) Preti missionari per una rinnovata pastorale d

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE X ASSEMBLEA DELL UFME Lisbona / Fatima (Portogallo) - 17-22 ottobre 2011 Europa, una missione e una sfida PROGETTO OFM PER L EUROPA Instrumentum Laboris INTRODUZIONE Il testo del Progetto Europa che viene

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA Percorsi di fede dalla Prima Elementare alla Prima Media Anno Pastorale 2008/2009 Famiglia diventa anima del mondo 1 MOMENTI PER TUTTI I GENITORI Mercoledì 24 settembre Ln

Dettagli

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario Fondo Famiglia L intenzione progettuale Il Fondo Famiglia è un progetto socio-pastorale della Diocesi di Roma affidato per la gestione, l amministrazione ed il coordinamento operativo alla Caritas diocesana

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE La formazione e lo sviluppo ru uno strumento di cambiamento per la persona e l organizzazione Ad Meliora srl partita iva 07458521007 Tel: 06 39754305 - Fax:

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA

CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Il CAPITALE UMANO è la risorsa su cui l AVO deve investire maggiormente: sono i VOLONTARI a dare senso e valore alla mission

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II Strategia della CDPE del 24 ottobre 2013 per il coordinamento a livello nazionale dell insegnamento delle lingue seconde nel settore del secondario

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli ( presbiteri, diaconi,

Dettagli

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Programma per l anno 2012-2013

Programma per l anno 2012-2013 ZONA DI MANTOVA Programma per l anno 2012-2013 PREMESSA Come siamo arrivati a proporre questo programma. Il nostro ruolo di educatori ci impone di guardare al futuro pur mantenendo i piedi ben saldi nel

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

XVII CAPITOLO GENERALE. Roma, 1-31 luglio 2015 PIANO GENERALE

XVII CAPITOLO GENERALE. Roma, 1-31 luglio 2015 PIANO GENERALE XVII CAPITOLO GENERALE. PIANO GENERALE I. Convocate da una responsabilità comune Obiettivo: Iniziare il cammino con audacia e speranza 1 mercoledì Apertura. Presentazione del Piano Generale. Eucarestia

Dettagli