IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro. IUS: hanno già un sito in Internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro. IUS: hanno già un sito in Internet"

Transcript

1 IUS: un sito in Internet per collegamento e lavoro Roma (Italia), 4 agosto Interscambio informativo e lavoro on line riassumono i compiti principali del nuovo sito delle IUS, caratteristiche evidenti sia nella struttura delle sezioni sia nello stile. DALLA A LA Z, offre le informazioni oggi disponibili sulle IUS: elenco, collegamenti ai loro singoli siti, conoscenza delle riviste da loro pubblicate, ecc. EVENT'IUS è lo spazio dedicato agli eventi. L'utente incontrerà, per esempio, tutta la documentazione del 2 Incontro delle IUS. Questa documentazione è completata da una batteria di notizie brevi (N'IUS, per news) che offrono la cronaca di quelle giornate. "N'IUS" è lo spazio giornalistico dove le nostre università potranno pubblicare le notizie che siano d'interesse per l'insieme delle IUS", dice il delegato del Rettor Maggiore. Però dove l'utente potrà seguire meglio la realizzazione del Programma comune sarà attraverso CAMP'IUS - vale a dire il campus delle IUS -, una specie di vetrina dove appariranno le diverse iniziative realizzate dalle IUS man mano che il Programma si attiva. C'è anche un'area RISERVATA agli addetti ai lavori - cioè ai partecipanti all'incontro di Roma -, le cui porte si apriranno solo con una password. E tre gli sportelli o uffici di quest'area riservata che rispondono ai principali impegni del Programma comune: rilevamento della situazione-auditing, orientamenti generali e politica univesitaria, il primo; quelli che cureranno le sinergie tra le IUS si incontreranno nel secondo ufficio; e quelli che dovranno affrontare il problema delle risorse avranno nel terzo ufficio il loro meeting point. È previsto svolgere attraverso la rete Internet e la posta elettronica gran parte del lavoro delle commissioni responsabili di mandare avanti i lavori, risparmiando perciò tempi e viaggi. Per un impegno del genere bisogna disporre di una documentazione di consulta immediata che raccolga i riferimenti e le idee che ispirano l'azione intrapresa. Così DOCUMENT'IUS diventa una semplice biblioteca con i principali documenti della Santa Sede, della Congregazione e delle IUS rivolti alle università. IUS: hanno già un sito in Internet Prima realizzazione concreta a pochi giorni del 2 incontro internazionale delle istituzioni universitarie salesiane Roma (Italia), 4 agosto C è un sito internet anche per le Istituzioni Universitarie Salesiane: E il primo frutto operativo del 2 incontro internazionale concluso a Roma il 13 luglio. Sono parecchie le IUS che hanno il proprio spazio in Internet. Ma "Il nuovo website ha spiegato don Carlos Garulo, delegato del Rettor Maggiore per le IUS non ha l'intenzione di sostituire i singoli siti delle IUS. È invece il luogo di incontro tra le IUS, uno spazio, un servizio pensato esclusivamente, almeno nella prima fase, per aiutare alla realizzazione del Programma comune concordato dalle IUS nel raduno di luglio scorso e approvato recentemente dal Rettor Maggiore". Il sito consentirà di stabilire uno stretto collegamento tra le istituzioni universitarie salesiane. "Più che essere visitati da non si sa quali internauti fortuiti, vogliamo essere noi, i responsabili delle IUS, che ci incontriamo frequentemente", dice don Garulo. "Abbiamo concepito il sito come uno strumento per mandare avanti tra tutti le iniziative che ci abbiamo proposti."

2 Il sito Internet delle IUS IUS: Approvato dal Rettor Maggiore il Programma comune Roma (Italia), 23 luglio Il "Programma comune per la promozione delle Istituzioni Universitarie salesiane " ( ) è stato approvato oggi dal Rettor Maggiore. Il documento di approvazione sintetizza gli obiettivi del Programma e sottolinea il suo valore "strategico e pedagogico per impostare bene la presenza salesiana nel campo universitario, per irrobustire la qualità delle singole IUS, per ricercare sinergie e approfittarne dei benefici, per essere attenti ed esigenti rispetto ai livelli culturali ed educativi nelle IUS". Perciò, il Programma comune "serve da iter, da cammino insieme, da metodo per le IUS", dice il Rettor Maggiore. Il servizio alle istituzioni universitarie salesiane da lui costituito nel dicembre scorso e il compito del suo delegato a cui ha affidato tale servizio "si concretizzano così nell'avviare la realizzazione di questo Programma comune in tutti i suoi aspetti". Nel periodo di realizzazione del Programma, ossia fino al prossimo Capitolo Generale, si continueranno i rapporti tra le IUS e le varie istanze della congregazione iniziati in occasione del 2 Incontro delle istituzioni universitarie salesiane. Si chiarisce che la Congregazione, nello stesso periodo, punta a qualificare e rafforzare le IUS già esistenti più che accettarne di nuove. Il Rettor Maggiore e il suo Consiglio intendono il Programma comune "come proposito di partecipazione delle IUS allo sforzo di tutta la Congregazione per la qualificazione e la significatività" e "come segno esemplare dell'impegno culturale e formativo della Congregazione". IUS: quattro giornate per una svolta Una cronaca a volo di uccello Roma (Italia) 14 luglio - Quattro giorni per una svolta. Sono apparsi così i vari passaggi che hanno segnato il 2 incontro delle IUS che si è tenuto alla Pisana. Non inedito, perché preceduto da quello di Brasilia (anzi la continuità è stata variamente sottolineata con parole e segni), il 2 incontro appena concluso sancisce l avvio di una nuova pagina nella storia della presenza salesiana nelle università.

3 Vi hanno posto mano i massimi rappresentanti della congregazione. Don Luc Van Looy, vicario del Rettor Maggiore e promotore di Brasilia 95, ha presieduto il vespro e la buonanotte di benvenuto agli ospiti dell incontro la sera del 9 luglio. E Van Loy ha ricordato quel primo appuntamento. Autorevole su tutte, la presenza del Rettor Maggiore che, oltre alla partecipazione alle assemblee, ha letto la relazione introduttiva e tirato le conclusioni. Ma anche altri sono stati i partecipanti dalla Direzione Generale: don Giuseppe Nicolussi consigliere generale per la formazione; don Antonio Domenech, consigliere per la pastorale giovanile; don Helvécio Baruffi, consigliere per la regione America Latina-Cono Sud; don Pasquale Chavez consigliere per la regione Interamericana; don Joaquim D Souza, consigliere per la regione Australia-Asia; don Giovanni Fedrigotti, consigliere per la regione Italia e Medio Oriente; don Filiberto Rodriguez, consigliere per la regione Europa Ovest; don Albert Van Hecke, consigliere per la regione Europa Nord; don Carlos Garulo, delegato del Rettor Maggiore per le IUS, che ha organizzato e guidato l'incontro. Le IUS, oltre che con gli ispettori e i vertici delle autorità accademiche, sono state presenti con la buonanotte di don Sabino Palumbieri, professore all'ups, che la sera del 10 ha ricordato la figura di don Giuseppe Quadrio, il "maestro universitario" salesiano in processo di santità; con la buonanotte di Rosita Mori, laureata in psicologia all UPS e iscritta al primo anno alla scuola di specializzazione, che ha espresso l'esperienza personale di maturazione professionale, umana, cristiana e salesiana durante gli anni di studente all'ups: Presente anche un ex rettore magnifico dell UPS, mons.tarcisio Bertone, arcivescovo segretario della congregazione per la dottrina della fede, che ha presieduto l eucaristia di domenica 12 luglio. E, infine, tra gli invitati e osservatori don Raffaele Farina, anche egli ex rettore magnifico dell UPS e attualmente prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana. Moderatore dell'assemblea è stato Cyril De Souza professore della facoltà scienze dell educazione dell UPS. E l UPS ha anche ospitati i partecipanti, la sera dell ultimo incontro, per la celebrazione dell eucaristia e una cena assieme ai professori presenti in sede. Don De Souza, nel suo ruolo di moderatore dell'assemblea Mons. Bertone, nell'eucaristia della domenica

4 Il Rettor Maggiore presiede l'eucaristia di conclusione all'ups. È affiancato da don Carlos Garulo, sinistra, e da don Schwarz, destra. Suor Pilar Andrés, direttrice della Scuola Universitaria Don Bosco di Madrid, proclamando le letture. Don Pellerey, rettore magnifico dell'ups, nella cena di omaggio agli ospiti delle IUS. Don Lopez,ispettore di Bahia Blanca (Argentina), a sinistra; don Vecchi, a destra. IUS: don Vecchi, bilancio di un incontro Roma (Italia), 13 luglio - Le parole conclusive dell incontro delle IUS da parte del Rettor Maggiore hanno posto l accento sul futuro di una realtà riconosciuta pienamente parte della missione salesiana. Alle parole di riconoscimento del valore dell assemblea sia quanto alla preparazione e gestione che della qualità della riflessione emersa don Vecchi ha unito quelle di chiarimento e orientamento affinché le IUS, nell ora presente e specialmente nei prossimi anni, siano tenute "come punta - punta vuol dire che sfonda e orienta - più per l'esemplarità che per l'influsso diretto su altre opere. Proprio per questo significato in un movimento generale della Congregazione vogliamo che le università rendano il massimo delle proprie possibilità". Quest'esemplarità delle IUS ha cominciato già - riconosce don Vecchi - con l'impegno durante l'incontro internazionale "per costruire insieme un programma". Un programma "completo e organico", ha detto, la cui elaborazione "ha obbligato ad andare in profondità quanto a concetti e quanto prassi". Ad uno ad uno sono stati pressi in considerazione dal Rettor Maggiore i termini che maggiore dibattito avevano provocato durante il lavoro dei gruppi e nelle assemblee: pastorale universitaria, salesianità, rapporto autonomia universitaria e responsabilità della Congregazione, associazione delle IUS. Di ognuno ha evidenziato il significato e la portata entro un quadro di riferimento.

5 "L'ora che viviamo - ha detto don Vecchi tracciando il quadro di riferimento del Programma comune concordato dalle IUS - è segnata dal Capitolo generale 24.mo e dalla Programmazione del Rettor Maggiore e il suo Consiglio per il sessennio che ha indicato di centrare gli sforzi sulla significatività, sulla qualità e sulla formazione del personale". Va ribadito quindi, ha concluso don Vecchi, che, entro un programma comune per la promozione delle IUS, "l'estensione del compito universitario non è la nostra principale preoccupazione in questo momento. Lo è invece la qualità o l'eccellenza di ogni singola istituzione esistente". Don Vecchi durante l'intervento di conclusione IUS: Pellerey, cultura della qualità nelle università salesiane Il rettore dell'ups evidenzia il bisogno della conoscenza della realtà delle IUS per definire poi la politica e gli orientamenti generali della Congregazione nel campo universitario. Roma (Italia), 12 luglio Per giungere a disegnare una università salesiana ideale, si deve prima puntare a costruire una vera università secondo i canoni scientifici comunemente riconosciuti; occorre poi specificarne la natura ecclesiale e precisare, infine, la salesianità. Qualsiasi politica di sviluppo delle istituzioni universitarie, dice Michele Pellerey, "richiede un confronto attento tra prospettive ed esigenze ideali e una conoscenza adeguata delle condizioni reali nelle quali si opera". E ha ricordato la metodologia di lavoro proposta dalla Conferenza dei Rettori d'europa che è basata su una valutazione della qualità istituzionale. Si tratta, ha concluso il rettore magnifico dell'ups, "di sviluppare strutture e metodologie di analisi e valutazione della qualità del proprio servizio formativo e del proprio funzionamento dal punto di vista gestionale". Le riflessioni di don Pellerey hanno evidenziato il bisogno della valutazione istituzionale delle IUS per poter concretizzare poi la politica universitaria dei salesiani, dare degli orientamenti generali autorevoli e stimolare una sinergia tra le IUS, fronti verso cui questo incontro internazionale è orientato. Di due forme di valutazione della qualità istituzionale ha parlato don Pellerey: l'autovalutazione condotta all'interno della propria università e la valutazione esterna che è sviluppata da organismi independenti. La modalità proposta dalla Conferenza dei Rettori d'europa - formula che la propria Università Pontificia Salesiana ha adottato - "combina l'autovalutazione attuata sulla base di linee guida suggerite da esperti, la quale si conclude con un breve rapporto, con alcune visite e audizioni da parte di specialisti. Essi integrano il rapporto precedente e portano a un rapporto finale messo a disposizione degli organi istituzionali dell'università".

6 Il fine principale di un'operazione di questo tipo è favorire da una parte una cultura universitaria della gestione della qualità e, dall'altra, assicurare una istituzionalizzazione di strumenti e metodologie stabili di controllo e gestione della qualità. Don Pellerey durante il suo intervento IUS: Gruppi di lavoro e dibattiti in assemblea protagonisti all incontro internazionale Roma (Italia), 11 luglio I gruppi di lavoro non sono un appendice formale di questo 2 incontro internazionale delle IUS, ma concorrono sostanzialmente a dibattere, chiarire, formulare e condividere i punti del Programma comune da concordare tra tutti i convegnisti. Oltre gli incontri per l'eucaristia, al mattino, e la preghiera del vespro e la buonanotte, alla sera, 6 ore e mezza di lavori prevede Il programma di ogni giorno. Solo un'ora al giorno per due brevi interventi in assemblea per inquadrare il lavoro dei gruppi su un argomento preciso. Il resto, cinque ore e mezza, per i lavori di gruppo (2,5 ore) e, poi, per la comunicazione dei risultati e il dibattito in assemblea (3 ore). (Composizione dei gruppi di lavoro) Si è trattato di gruppi "misti" nel senso di essere composti ciascuno da tutte le componenti presenti all incontro: consiglieri generali, ispettori, rettori, direttori dei centri, appartenenti a ogni lingua e continente rappresentati. E gli incontri non sono stati una passeggiata, a sentire gli stessi protagonisti. "Si è trattato di un duro lavoro ha commentato Frans Hendrickx, salesiano di origine fiaminga, preside all'università Politecnica Salesiana di Tokyo. Il metodo costringe a non uscire dagli argomenti con divagazioni, ma ad affrontare i punti in maniera approfondita e complessiva". E per Sergio Torres, laico, rettore dell Universidad Católica Blas Cañas di Santiago de Chile è stata un esperienza molto soddisfacente "per lo scopo di concordare tra tutti un programma comune di azione" e perché "il Programma proposta a studio e dibattito è molto organico e organizzato". Pastorale, salesianità, auditing, autonomia universitaria e associazione delle IUS conformano l'elenco delle parole chiave più vivamente discusse nei gruppi e nelle assemblee.

7 Dibattito in assemblea IUS: Nicolussi, occorre una politica in campo universitario Non è facile dice il consigliere per la formazione - e bisogna avere coscienza della sfida Roma (Italia), 11 luglio - E giunto il tempo "per definire e stabilire una politica salesiana nel campo universitario" ha sostenuto nel suo intervento all incontro delle IUS don José Nicolussi, consigliere generale per la formazione. E occorre farlo avendo consapevolezza delle nuove possibilità e delle non semplici sfide che accompagnano la presenza salesiana nelle università. È possibile definire una politica chiarendo apertamente l impegno della congregazione nelle IUS, indicando le condizioni necessarie per la creazione, lo sviluppo, la riconversione o la chiusura delle IUS, determinando le caratteristiche proprie delle IUS rispetto ad analoghe istituzioni, stabilendo priorità per la distribuzione delle risorse e per le opzioni strategiche globali. È tempo, in questa fase, secondo don Nicolussi, di affrontare con decisione e comunitariamente la qualificazione culturale e pastorale di queste istituzioni, a partire dalla preparazione di confratelli e laici. Con la qualificazione e la competenza, è altrettanto importante un nucleo animatore consistente e adeguato a garanzia della salesianità dell opera e della efficacia pastorale. A questo fine ha concluso don Nicolussi la politica delle IUS ha come soggetto la comunità ispettoriale e trova il suo contesto nel progetto ispettoriale. Don Nicolussi durante il suo intervento in aula

8 IUS: Domenech, cittadinanza alla Pastorale Giovanile Sottolineati aspetti fondamentali PGS nelle IUS Roma (Italia), 11 luglio Gli elementi che devono caratterizzare la Pastorale Giovanile nelle università salesiane sono stati indicati da don Antonio Domenech, consigliere Generale della PGS in apertura del secondo giorno di lavoro dell incontro internazionale delle IUS. Dopo aver richiamato le linee fondamentali della PGS che le IUS devono sviluppare nelle università secondo le sue specifiche caratteristiche, Domenech ha focalizzato 4 punti : un progetto culturale cristianamente ispirato, la collocazione popolare e giovanile, l intenzionalità pastorale, la comunità accademica. La PGS egli ha detto deve tradurre a livello universitario la sintesi tra educazione ed evangelizzazione, mirando a produrre cambiamenti sociali secondo una visione umanista e religiosa. Le IUS devono inoltre avere un attenzione privilegiata per i settori popolari e giovanili, superando ogni tentazione elitaria. Ciò si traduce nell orientare la ricerca alla conoscenza e trasformazione della situazione giovanile, soprattutto dei settori più sfavoriti, promuovere nella società una coscienza attualizzata della realtà giovanile e popolare offrendo proposte formative che incidano nei processi educativi, sulle strategie e politiche giovanili, favorire l accesso all università dei giovani d ambiente popolare con qualità e capacità. La comunità accademica deve comprendere professori e dirigenti che integrino competenza professionale, capacità educativa, sensibilità per il mondo giovanile, apertura ai valori evangelici e alla fede, impegno per la solidarietà e la giustizia. Don Antonio Domenech durante il suo intervento IUS: assi strategici e obiettivi del Programma Documento in 6 punti presentato come proposta da don Garulo Roma (Italia), 10 luglio Programma nuovo a livello di metodo e di contenuti quello presentato prima in bozza di lavoro per essere, poi, approfondito e approvato nel secondo incontro internazionale delle Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) a Roma come Programma comune per la promozione delle IUS durante il prossimo trienni. Tra gli obiettivi considerati nella prima parte Programma (impegni fondamentali), la definizione degli orientamenti generali che consentano ad ogni comunità accademica universitaria di elaborare il proprio progetto culturale-scientifico-tecnologico-educativo-pastorale-salesiano.

9 In secondo luogo definire e stabilire una "politica" della congregazione in campo universitario. Inoltre stimolare e iniziare tra le IUS la vicendevole conoscenza, il rapporto, gli scambi e la collaborazioni a livello bilaterale, di gruppo e generale tra tutte. Studiare e stabilire modalità di coordinamento che siano semplici, flessibili, efficaci e stabili. Nella seconda parte del Programma,dedicata alle condizioni strumentali per la realizzazione del medesimo, si punta anzitutto a una conoscenza sufficiente e affidabile che consenta alle IUS di migliorare il proprio servizio e il coordinamento; al Rettor Maggiore e al suo Consiglio di definire gli orientamenti generali e la politica della congregazione nel campo universitario. Il Programma presenta anche la strategia da seguire per rendere stabile e condiviso l impegno della congregazione nella pastorale universitaria. Presentando la "Proposta" di Programma comune, don Carlos Garulo ha parlato, tra l altro, di quattro grandi assi strategici per il campo universitario salesiano. Il primo ha detto risponde a una domanda di chiarezza e punta a impostare bene nella sua globalità la presenza salesiana nel campo universitario. Il secondo punta ad irrobustire la qualità del normale funzionamento universitario, delle singole IUS e del loro insieme. Il terzo cerca di approfittare dei benefici della sinergia all interno delle IUS, tra di loro e con altri soggetti sociali. Il quarto punta ad essere attenti ed esigenti rispetto ai risultati da ottenere dalle diverse voci che compongono l azione universitaria. Don Garulo durante la sua relazione IUS: Don Vecchi, salto di qualità in un progetto pienamente salesiano Puntare a costituire nuclei animatori capaci di sviluppare università sensibili al criterio oratoriano Roma (Italia), 10 luglio - La ricerca di significatività della presenza salesiana, va collocata entro la "nuova fase" dell evangelizzazione, nella quale appare decisivo il dialogo tra il pensiero cristiano e la cultura. È in questo contesto ha detto il Rettor Maggiore don Juan E. Vecchi nel suo intervento Salesiani e università oggi aprendo questa mattina il 2 incontro delle Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) che si coglie l importanza di un "Progetto per le università salesiane". Anche se nel passato, le università che nascevano nelle ispettorie specialmente a partire dagli anni cinquanta venivano giudicate "atipiche" o "singolari" rispetto al resto della presenza salesiana, nel nuovo contesto la congregazione è chiamata a definire "i caratteri di identità salesiana specifici delle nostre università" fissandone le esigenze di livello culturale e pastorale.

10 Oggi la presenza salesiana nell area universitaria comprende anche "la gestione di istituzioni universitarie proprie che nell insieme costituiscono già un settore rilevante per il numero di studenti, il coinvolgimento dei laici, lo sforzo economico organizzativo". Il 2 incontro internazionale delle IUS ha specificato don Vecchi si vuole occupare di queste istituzioni "collocandole in un ampio scenario di impegno universitario, centrando ultimamente l attenzione sul soggetto (giovani e adulti universitari a servizio dei quali ci sono salesiani e laici) piuttosto che sulla struttura o sui mezzi, e sottolineando l intenzione pastorale che guida tutte le nostre iniziative". Si deve ormai puntare a formulare "un progetto culturale cristiano", a costituire équipes capaci di esprimere nella gestione universitaria il "criterio oratoriano", dentro un contesto di chiara identità cattolica dei centri stessi. In tale sforzo di ripensamento secondo don Vecchi ispettorie e confratelli non possono rimanere ai margini. "La necessità del nucleo animatore vige anche in queste istituzioni a beneficio di esse e nostro. Non gioverebbe averle e soltanto amministrarle senza capacità di intervenire direttamente e con autorevolezza sugli aspetti più delicati". Un obiettivo possibile solo con la preparazione del personale salesiano in collaborazione con i laici. Il Rettor Maggiore durante il suo intervento IUS: Garulo, un programma comune costruito insieme Il Delegato del Rettor Maggiore per le IUS lancia un ponte tra passato e futuro Roma (Italia), 10 luglio Far nascere "insieme" - Consiglio Generale, ispettorie e quadri dirigenti delle università - un programma di sinergia culturale tra le Istituzioni Universitarie Salesiane (IUS) per i prossimi 3 anni (fino al 2001), è stato il primo invito rivolto da don Carlos Garulo, Delegato del Rettor Maggiore per le IUS, a tutti i partecipanti all incontro. Nel saluto di apertura, don Garulo ha parlato anche di un servizio qualificato che, sebbene affondi le radici nella tradizione, deve puntare oggi a saper raccogliere le nuove sfide. Per i salesiani, la sfida nel momento presente è quella di aggiungere "la razionalità e il rigore tipicamente universitari" allo stile di fare, così da rendere efficace l innesto di "salesianità di fatto" nei centri universitari, puntando a "creare tradizione". Anche se l attuale incontro è stato preceduto da quello del 1995 a Brasilia, ora si punta a elaborare insieme un "Programma comune per la promozione delle IUS".

11 Il Programma deve essere la risultanza di un dibattito approfondito tra tutti i partecipanti all incontro della Pisana, con l obiettivo di convergere su indicazioni di qualità. Questa è, di fatti, l attesa della Direzione Generale. Il Rettor Maggiore presiede l'eucaristia di apertura dell'incontro. Due momenti della sessione di apertura dell'incontro Università: nasce IUS, logo delle Istituzioni Universitarie Salesiane Nel 2 incontro internazionale di Roma Roma (Italia), 10 luglio IUS, sigla che sta per Istituzioni Universitarie Salesiane, è nata il 10 luglio a Roma, in occasione del secondo incontro internazionale convocato per studiare, dibattere e concordare una strategia comune alle 30 università e centri universitari salesiani che, in 18 paesi dell'america Latina, Asia ed Europa, contano ormai oltre 40 mila studenti. All incontro partecipano 26 di questi centri universitari. L'adunanza si svolge nella sede della Direzione Generale salesiana di via della Pisana fino al 13 luglio. Con il Rettor Maggiore don Juan E. Vecchi prendono parte 57 persone. Ben 10 i membri della casa generalizia, 45 i rappresentanti delle IUS e 2 invitati di eccezione, don Raffaele Farina, Prefetto della Biblioteca Vaticana, già rettore magnifico dell'ups e organizzatore del primo incontro a Brasilia, e suor Bianca Torazza, preside della Facoltà Auxilium da settembre prossimo. Tra i partecipanti, in particolare, 2 consiglieri generali di settore (Formazione e Pastorale Giovanile), 6 consiglieri regionali, 10 ispettori provinciali, 8 delegati di altretanti ispettori, 9 rettori di università, 17 tra presidi e direttori. In tutto: 53 salesiani, 2 Figlie di Maria Ausiliatrice e 2 laici. (Elenco dei partecipanti)

12 Fotografie dei convegnisti

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo Convegno Internazionale di Pedagogia Salesiana Roma 19-21 marzo 2015 Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo SEDE DEL CONVEGNO: Salesianum (via della Pisana), UPS (Università Pontificia Salesiana)

Dettagli

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme.

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I numeri della Provincia di Madrid, cioè della Spagna. I Redentoristi in Spagna (che storicamente formano la Provincia

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo.

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo. Carissimi, a nome dell Azione Cattolica diocesana un saluto e un ringraziamento per la vostra partecipazione a questo momento che nasce nell ambito di un Progetto formativo di Azione Cattolica che mira

Dettagli

PROGRAMMA O R A R I O

PROGRAMMA O R A R I O PROGRAMMA O R A R I O in gesù cristo il nuovo umanesimo 5 Convegno Ecclesiale Nazionale Firenze, 9-13 novembre 2015 9 Novembre, Lunedì APERTURA DEL CONVEGNO 15.30 AVVIO DELLE PROCESSIONI nelle quattro

Dettagli

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011 PEI Pagina 1 LA DOMANDA FORMATIVA La nostra scuola è consapevole di essere una risposta alle esigenze formative delle famiglie del territorio come descritto nel PEN:

Dettagli

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università Cari Convenuti, in primo luogo, desidero ringraziare i promotori e gli organizzatori per aver reso possibile la realizzazione

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Ecco il tuo campo. Una Chiesa tutta oratoriana. a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani

Ecco il tuo campo. Una Chiesa tutta oratoriana. a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani Ecco il tuo campo Una Chiesa tutta oratoriana a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani L Oratorio oggi Oggi sono circa 6000 gli Oratori in Italia, promossi da parrocchie, associazioni, movimenti,

Dettagli

MOVIMENTO GIOVANILE SALESIANO Italia Meridionale Puglia Mail: paroleinmovimento@libero.it Facebook: Consulta MGS Puglia / MGS Puglia

MOVIMENTO GIOVANILE SALESIANO Italia Meridionale Puglia Mail: paroleinmovimento@libero.it Facebook: Consulta MGS Puglia / MGS Puglia Verbale Consulta MGS Puglia Assemblea territoriale Santeramo in Colle, 6 settembre 2014 Ordine del giorno per l incontro: 1. Saluti e introduzione ai lavori: Presentazione nuovi delegati, Domande per don

Dettagli

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Vicariato di Verona centro Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Parrocchia della Cattedrale Ogni incontro vorrà essere sempre un esperienza di ecclesialità e tenendo presente i seguenti

Dettagli

SECONDA SESSIONE LE RADIO CATTOLICHE NELLA SOCIETÀ CIVILE: RADIO DON BOSCO - MADAGASCAR

SECONDA SESSIONE LE RADIO CATTOLICHE NELLA SOCIETÀ CIVILE: RADIO DON BOSCO - MADAGASCAR SECONDA SESSIONE LE RADIO CATTOLICHE NELLA SOCIETÀ CIVILE: RADIO DON BOSCO - MADAGASCAR Radio Cattoliche e Società Civile. Il contributo delle Radio Cattoliche per la realizzazione del bene comune. Libertà

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI CAMPOS AGUILAR, EMERSON. Piazza Gregorio Pantanelli n 8, Palestrina CAP. 00036 (Roma)

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI CAMPOS AGUILAR, EMERSON. Piazza Gregorio Pantanelli n 8, Palestrina CAP. 00036 (Roma) F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAMPOS AGUILAR, EMERSON Indirizzo Piazza Gregorio Pantanelli n 8, Palestrina CAP. 00036 (Roma) Telefono +39 06 9534428 Cell. +39 347

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011. Assisi, 21-26 febbraio

CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011. Assisi, 21-26 febbraio CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011 Assisi, 21-26 febbraio DISPOSIZIONI APPROVATE Premesse (Ordo Capituli 33-34): 1/ Il Capitolo formula un programma che la nuova Curia provinciale cercherà di attuare

Dettagli

XVII CAPITOLO GENERALE. Roma, 1-31 luglio 2015 PIANO GENERALE

XVII CAPITOLO GENERALE. Roma, 1-31 luglio 2015 PIANO GENERALE XVII CAPITOLO GENERALE. PIANO GENERALE I. Convocate da una responsabilità comune Obiettivo: Iniziare il cammino con audacia e speranza 1 mercoledì Apertura. Presentazione del Piano Generale. Eucarestia

Dettagli

Associazione SUPR. Materiali informativi per la stampa

Associazione SUPR. Materiali informativi per la stampa Associazione SUPR Materiali informativi per la stampa Il prossimo 21 maggio alle ore 16,00, presso la Pontificia Facoltà Teologica Teresianum, avrà luogo la presentazione dell Associazione SUPR Studenti

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

I CENTRI CULTURALI CATTOLICI REALTÀ MULTIFORME DI PRESENZA E D AZIONE

I CENTRI CULTURALI CATTOLICI REALTÀ MULTIFORME DI PRESENZA E D AZIONE I CENTRI CULTURALI CATTOLICI REALTÀ MULTIFORME DI PRESENZA E D AZIONE Mons. Gergely KOVÁCS Capo Ufficio del Pontificio Consiglio della Cultura Sarajevo, 9 luglio 2005 Eminenze ed Eccellenze Reverendissime,

Dettagli

MONITOR ECCLESIASTICUS

MONITOR ECCLESIASTICUS Vol. CXXX Nova series 2015 N. 1 MONITOR ECCLESIASTICUS Commentarius internationalis iuris canonici ROMAE La Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori Michele Riondino Il 22 marzo u.s. Papa Francesco

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO)

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO) PROPOSTA FORMATIVA La Cooperativa AnimaGiovane e l'associazione Altresì lavorano assieme da anni nell'ambito della formazione e dell'educazione in diversi settori: scuole, oratori, centri aggregativi,

Dettagli

Istituto Superiore per Formatori STATUTO

Istituto Superiore per Formatori STATUTO Istituto Superiore per Formatori STATUTO I. FINALITA Art. 1. Scopo dell Istituto Superiore per Formatori è di preparare formatori che operino nel campo della vocazione sacerdotale, religiosa e laicale,

Dettagli

F@D MURIALDO LA FAMIGLIA DEL MURIALDO PER UNA PEDAGOGIA MURIALDINA. - corsi e-learning -

F@D MURIALDO LA FAMIGLIA DEL MURIALDO PER UNA PEDAGOGIA MURIALDINA. - corsi e-learning - F@D MURIALDO LA FAMIGLIA DEL MURIALDO PER UNA PEDAGOGIA MURIALDINA 1. Che cos'è la F@D MURIALDO? - corsi e-learning - La Formazione a Distanza Murialdo (detta F@D MURIALDO) è una proposta formativa e-

Dettagli

La Fondazione Universitaria Europea

La Fondazione Universitaria Europea La Fondazione Universitaria Europea La Fondazione Universitaria Europea è stata costituita il 12 Gennaio 2007 dalla Università Europea di Roma (UER) nell esclusivo interesse dei quali opera. Il 5 novembre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo P R E M E S S A Il progetto educativo esprime "l identità della scuola", ne precisa gli obiettivi e li traduce in termini operativi

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Università Pontificia Salesiana

Università Pontificia Salesiana Università Pontificia Salesiana Facoltà di Scienze dell Educazione Istituto di Metodologia Pedagogica master di i livello responsabili/coordinatori di oratorio 2008-2009 Università Pontificia Salesiana

Dettagli

Promozione della Cittadinanza Europea Attiva

Promozione della Cittadinanza Europea Attiva Promozione della Cittadinanza Europea Attiva Promozione della Cittadinanza Europea Attiva L avvio del progetto: su Il Quotidiano della Calabria si parla del progetto In.Form.Azione L Idea Gli Obiettivi

Dettagli

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * -

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - CARITAS PARROCCHIALE S. MARIA REGINA MUNDI ARTICOLO - 1 - ISTITUZIONE 1. E istituita nella Parrocchia di S. Maria Regina Mundi,

Dettagli

NOTA PASTORALE. Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe

NOTA PASTORALE. Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe NOTA PASTORALE Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe Sommario Presentazione pag. 3 1. Introduzione pag. 4 2. Riflessione teologica-pastorale pag. 5 3. Orientamenti per la prassi pastorale

Dettagli

Una società a misura di famiglia? Verso la 47

Una società a misura di famiglia? Verso la 47 Una società a misura di famiglia? Verso la 47 a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani Summer School Milano 19-22 giugno 2013 in collaborazione con: Contenuto Non si è ancora spenta l eco della Giornata

Dettagli

Statuto dello Studio Interprovinciale San Bernardino

Statuto dello Studio Interprovinciale San Bernardino Statuto dello Studio Interprovinciale San Bernardino Titolo I: Costituzione Art. 1 Lo Studio Teologico S. Bernardino dei Frati Minori, con sede in Verona Stradone A. Provolo, 28: è eretto in conformità

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

1 STATUTO APPROVATO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CAPITOLO PRIMO

1 STATUTO APPROVATO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CAPITOLO PRIMO 1 STATUTO APPROVATO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CAPITOLO PRIMO COSTITUZIONE, NATURA E SEDE Art. 1 E costituita ai sensi dei cann. 298-299, 321-326, l Associazione privata di fedeli denominata

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Obiettivi La professionalità di un formatore in ambito socio-sanitario può essere definita da tre dimensioni fondamentali:

Obiettivi La professionalità di un formatore in ambito socio-sanitario può essere definita da tre dimensioni fondamentali: Perché preparare alla formazione in ambito socio-sanitario? L introduzione dell obbligo formativo per il personale sanitario con il decreto legislativo n. 229/99 e l accreditamento di strutture di formazione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

La scommessa della pastorale missionaria oggi

La scommessa della pastorale missionaria oggi Commissione Missionaria Regionale Lombardia La scommessa della pastorale missionaria oggi Orientamenti per una pastorale missionaria delle Chiese di Lombardia Desideriamo che l attività missionaria della

Dettagli

Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale. la Carta dei Valori

Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale. la Carta dei Valori Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale la Carta dei Valori L Educazione è cosa di Cuore Don Bosco Vieni anche tu, apriremo un laboratorio... Madre Mazzarello A Suor Anita Della

Dettagli

Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici

Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici NAPOLI ALL'UNIVERSITÀ SUOR ORSOLA BENINCASA L'INIZIATIVA «I GRANDI PROCESSI» Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici Al termine di un finto processo quindici ragazzi assolveranno

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale p.za S. M. Ausiliatrice, 60 Roma INTEGRAZIONE P.O.F. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Premessa Il presente documento è una integrazione al POF valido per il triennio 2013-2015. Di seguito sono presentati i dati

Dettagli

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti allegato alla deliberazione n.04/070 del Consiglio Direttivo n.04/2008 del 28 maggio 2008 Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti Il

Dettagli

Regolamento Forum dei Giovani di Albanella

Regolamento Forum dei Giovani di Albanella Regolamento Forum dei Giovani di Albanella ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE ARTICOLO 2 - IMPEGNI DELL'AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 3 - FINALITA' ARTICOLO 4 - AREE DI INTERESSE ARTICOLO 5 - COMPETENZE ARTICOLO 6 -

Dettagli

EDITORIALE. NEWSLETTER febbraio-luglio 2012

EDITORIALE. NEWSLETTER febbraio-luglio 2012 NEWSLETTER febbraio-luglio 2012 D I CASTERO PER LA P A S T O RAL E GIOVANILE EDITORIALE Un saluto. La presente Newsletter vorrà essere un mezzo di comunicazione da parte del Dicastero per la Pastorale

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Nomina Presidente Eugenio Gaudio

RASSEGNA STAMPA. Nomina Presidente Eugenio Gaudio RASSEGNA STAMPA Nomina Presidente Eugenio Gaudio Data: 06/03/2014 Media: Quotidiano online Economia: Gaudio neo presidente Associazione Progresso Mezzogiorno 17:07 MILANO (MF-DJ)--L'assemblea ordinaria

Dettagli

PIETRO ZERBI. Incontri, ideali e dibattiti di una lunga vita

PIETRO ZERBI. Incontri, ideali e dibattiti di una lunga vita PIETRO ZERBI Incontri, ideali e dibattiti di una lunga vita W U N I V E R S I T À INDICE Introduzione Sigle e abbreviazioni SEZIONE PRIMA Uomini e Donne GUIDO ACETI Il lungo e fecondo magistero di Monsignor

Dettagli

SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE

SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE 2015/2016 2015/2016 2015/2016 CALENDARIO SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE VIA DALMAZIA ROMA SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

Facendo ricorso a terminologia tipica del marketing credo che qualche considerazione a riguardo possa svilupparsi a partire da key words quali:

Facendo ricorso a terminologia tipica del marketing credo che qualche considerazione a riguardo possa svilupparsi a partire da key words quali: Strategie per il superamento della crisi di redditività del diritto ecclesiastico italiano. L esperienza dell Osservatorio delle Libertà ed Istituzioni Religiose OLIR. Antonio G. Chizzoniti Ho letto con

Dettagli

ITINERARIUM RIVISTA MULTIDISCIPLINARE DELL ISTITUTO TEOLOGICO SAN TOMMASO. 61 Anno 23-2015/3

ITINERARIUM RIVISTA MULTIDISCIPLINARE DELL ISTITUTO TEOLOGICO SAN TOMMASO. 61 Anno 23-2015/3 ITINERARIUM RIVISTA MULTIDISCIPLINARE DELL ISTITUTO TEOLOGICO SAN TOMMASO MESSINA Italy 61 Anno 23-2015/3 Indice Itinerarium 23 (2015) n. 61, settembre-dicembre 2015 Editoriale Cassaro Giuseppe Carlo,

Dettagli

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria AZIONE CATTOLICA ITALIANA Arcidiocesi di Bari-Bitonto XIV Assemblea Diocesana Ordinaria VIVERE LA FEDE, AMARE LA VITA 1 INTRODUZIONE 1.1 Le persone fanno sempre più fatica a dare un senso profondo all

Dettagli

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICA FONDAMENTALE La Rivelazione cristiana di Dio: - L idea di rivelazione nel Concilio Vaticano I e nel Concilio

Dettagli

Decanato di Cinisello Balsamo

Decanato di Cinisello Balsamo Decanato di Cinisello Balsamo RILANCIO DEL CONSIGLIO PASTORALE DECANALE Martedì 25 febbraio 2014 si è tenuto un incontro presso l oratorio S. Luigi avente lo scopo di riflettere sulla realtà del Decanato

Dettagli

UE: CONFRONTO MARCHE-CROAZIA SU FONDI STRUTTURALI 2014-2020 SPACCA, UTILIZZO NELLA PROSPETTIVA MACROREGIONE ADRIATICO IONICA

UE: CONFRONTO MARCHE-CROAZIA SU FONDI STRUTTURALI 2014-2020 SPACCA, UTILIZZO NELLA PROSPETTIVA MACROREGIONE ADRIATICO IONICA Data: 14/11/2013 UE: CONFRONTO MARCHE-CROAZIA SU FONDI STRUTTURALI 2014-2020 SPACCA, UTILIZZO NELLA PROSPETTIVA MACROREGIONE ADRIATICO IONICA (ANSA) - ANCONA - Imprenditori e rappresentanti di Marche e

Dettagli

LA SCUOLA CATTOLICA AL SERVIZIO DELLA SOCIETA

LA SCUOLA CATTOLICA AL SERVIZIO DELLA SOCIETA LA SCUOLA CATTOLICA AL SERVIZIO DELLA SOCIETA Card. Dionigi Tettamanzi Intervento di chiusura del Convegno La libertà di educare per crescere tutti. Il contributo della scuola cattolica e la disparità

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Dal Progetto alla Regola

Dal Progetto alla Regola Grande gioco FESTA DEL CIAO per GIOVANI e GIOVANISSIMI Dal Progetto alla Regola OBIETTIVO: Il gioco è pensato per trasmettere ai giovani l importanza del percorso formativo che l AC propone a tutti i suoi

Dettagli

Il senato accademico è stato convocato con il seguente ordine del giorno: 1. Ricercatori a tempo determinato

Il senato accademico è stato convocato con il seguente ordine del giorno: 1. Ricercatori a tempo determinato pagina 1/4 Oggi, in Venezia, nella sala di riunione alle ore 9,00 è stata convocata, con nota del 28 maggio 2015, prot. n. 10502, tit. II/cl. 6/fasc. 7, la seduta del senato accademico, ai sensi dell'articolo

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Da qualche anno si tiene un unico percorso per entrambe le parrocchie. Si svolge unna volta l'anno (indicativamente da ottobre a febbraio). Il percorso

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

Programma per l anno 2012-2013

Programma per l anno 2012-2013 ZONA DI MANTOVA Programma per l anno 2012-2013 PREMESSA Come siamo arrivati a proporre questo programma. Il nostro ruolo di educatori ci impone di guardare al futuro pur mantenendo i piedi ben saldi nel

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Master Universitario di I Livello in Politiche e servizi per la riduzione della povertà. Bando di ammissione

Master Universitario di I Livello in Politiche e servizi per la riduzione della povertà. Bando di ammissione Fondazione Caritas onlus Banco di Napoli - Fondazione Master Universitario di I Livello in Politiche e servizi per la riduzione della povertà Anno Accademico 2013/2014 Bando di ammissione *** La Pontificia

Dettagli

CARTA DEI VALORI. San Leonardo Murialdo diceva: "Facciamo il bene, ma facciamolo insieme".

CARTA DEI VALORI. San Leonardo Murialdo diceva: Facciamo il bene, ma facciamolo insieme. CARTA DEI VALORI San Leonardo Murialdo diceva: "Facciamo il bene, ma facciamolo insieme". Nello spirito originario del suo messaggio vogliamo, oggi come allora, condividerne i riferimenti spirituali ma

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE SOCIO-POLITICA ISCHIA 2012/13 2013/14

SCUOLA di FORMAZIONE SOCIO-POLITICA ISCHIA 2012/13 2013/14 SCUOLA di FORMAZIONE SOCIO-POLITICA ISCHIA 2012/13 2013/14 1. Titolo: KOSMOPOLIS: LE PERSONE E I LORO BENI NELLA CITTA DI DOMANI 2. Il perché di una scuola di politica: Ogni domanda sociale ha bisogno

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

1. INTRODUZIONE. 1 Guy Le Boterf, 2000. Il costrutto di competenza ha, soprattutto nella letteratura psicopedagogia e psicosociologica,

1. INTRODUZIONE. 1 Guy Le Boterf, 2000. Il costrutto di competenza ha, soprattutto nella letteratura psicopedagogia e psicosociologica, GIOVANI E SICUREZZA COMPETENZE TRASVERSALI PER COMPORTAMENTI RESPONSABILI 1. INTRODUZIONE Il concetto di competenza, in particolare se intesa come trasversale, si presta molto bene a essere applicato al

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

ORDINARIA E STRAORDINARIA AMMINISTRAZIONE

ORDINARIA E STRAORDINARIA AMMINISTRAZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA AMMINISTRAZIONE In riferimento al punto 9.3 Ordinaria e Straordinaria Amministrazione pagg. 74 80 dei documenti preparatori al CG 2010, il Comitato nazionale intende proporre

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere

PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere BOZZA DOCUMENTO ASSEMBLEARE XV ASSEMBLEA DIOCESANA DI AZIONE CATTOLICA SAN SEVERO, 15-16 FEBBRAIO 2014 Il Documento, frutto dell'impegno

Dettagli

Aspetti pastorali de a tossicodipendenza

Aspetti pastorali de a tossicodipendenza Aspetti pastorali de a tossicodipendenza Si pubblica, per documentazione, la Nota preparata congiuntamente dalla Consulta Nazionale per la Pastorale della Sanità e della Consulta Ecclesiale delle Opere

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli