Spett. ATS della PROVINCIA di VARESE. Dipartimento di prevenzione medico. Piazza Plebiscito 1, Busto Arsizio (VA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spett. ATS della PROVINCIA di VARESE. Dipartimento di prevenzione medico. Piazza Plebiscito 1, 21052 Busto Arsizio (VA)"

Transcript

1 Spett. ATS della PROVINCIA di VARESE Dipartimento di prevenzione medico Piazza Plebiscito 1, Busto Arsizio (VA) Oggetto: PIANO ATTUATIVO su area a Caronno Pertusella angolo via Fermi, via Meucci, via Pitagora, proprietà CANON S.p.A. RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ATS Il sottoscritto dr. arch. Giovanni Simonis, iscritto all Ordine architetti della provincia di Novara con il n 74, residente e con studio in p.le Giulio Cesare 15, Milano, tel , cell , in qualità di progettista e direttore dei lavori, allega la seguente: RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Descrizione: edifici industriali da costruire nella zona industriale di Caronno P.lla. (vedi TAVOLA 1). Tipo intervento: costruzione uffici, officina e relativi locali per spogliatoi e servizi.

2 Insediamento produttivo: il progetto riguarda attività produttive di montaggio macchinari con componenti prodotti altrove e spogliatoi, con relativi servizi, per il personale esistente. Collegamenti fognari: i servizi degli spogliatoi saranno collegati al sistema fognario esistente collegato con la fognatura comunale (acque bianche e acque nere). Collegamenti idrici: allacciamento all'acquedotto comunale. CAPANNONI INDUSTRIALI I capannoni sono tre (vedi TAVOLA 3): n 1 con m2 di superficie coperta, altezza massima 12 metri; officina 60 addetti; uffici 60 impiegati (vedi di seguito e tavola 8). n 2 con m2 di superficie coperta, altezza massima 9 metri; officina 20 addetti; uffici 20 impiegati (vedi di seguito e tavola 9). n 3 con 500 m2 di superficie coperta, altezza massima 9 metri; officina 5 addetti; uffici 15 impiegati (vedi di seguito e tavola 10). La costruzione è realizzata con pilastri e pannelli di tamponamento di cls armato. I tamponamenti saranno di spessore 35 cm a taglio termico, con interposta schiuma poliuretanica espansa per uno spessore di cm. 15. Finitura esterna in cemento liscio da fondo cassero interno a frattazzo industriale.

3 Copertura in tegoli prefabbricati coperti da lastre di aluzinc alternati a lucernari apribili di policarbonato alveolare. SPOGLIATOI, SERVIZI e INFERMERIA Per tutti e 3 gli edifici: Accessibilità: da spazio coperto e chiuso, accessibile anche a disabili con percorso interno a WC accessibile (vedi disegni allegati 8, 9 e 10). Altezza: tutti i locali, a parte le officine, sono di altezza netta interna di 2,70 m. Riscaldamento: la struttura è isolata con iniezione di resina poliuretanica, tutti i locali sono riscaldati. Pavimentazione: isolata dal terreno per evitare presenza di umidità con un vespaio areato di 40 cm, materiale impermeabile e resistente in superficie unita, di facile pulizia, in resina PVC antiscivolo. Illuminazione e aerazione: illuminazione e areazione naturale, con finestre apribili laterali, pari o superiore a 1/8 della superficie dei pavimenti. Infermeria n 1: altezza locale 2,70 m, volume locale 28,19 m3, illuminazione rapporto 1/2 e aerazione naturale con finestre apribili laterali rapporto 1/4, lavandino interno, WC di 3,32 m2 con aerazione e illuminazione naturale di 0,56 m2 e antibagno.

4 Pareti di materiale impermeabile e facilmente lavabile. Pavimentazione isolata dal terreno per evitare presenza di umidità con un vespaio areato di 40 cm, materiale impermeabile e resistente in superficie unita, di facile pulizia, in resina PVC antiscivolo. Infermeria n 2: altezza locale 2,70 m, volume locale 27,48 m3, illuminazione rapporto 1/2 e aerazione naturale con finestre apribili laterali rapporto 1/5 superficie pavimento, lavandino interno, WC 2,38 m2 con aerazione e illuminazione naturale 0,56 m2 e antibagno. Pareti di materiale impermeabile e facilmente lavabile. Pavimentazione isolata dal terreno per evitare presenza di umidità con un vespaio areato di 40 cm, materiale impermeabile e resistente in superficie unita, di facile pulizia, in resina PVC antiscivolo. Infermeria n 3: altezza locale 2,70 m, volume locale 21,77 m3, illuminazione rapporto 1/4 e aerazione naturale con finestre apribili laterali rapporto 1/5 superficie pavimento, lavandino interno, WC di 2,38 m2 con aerazione e illuminazione naturale 0,90 m2 e antibagno. Pareti di materiale impermeabile e facilmente lavabile. Pavimentazione isolata dal terreno per evitare presenza di umidità con un vespaio areato di 40 cm, materiale impermeabile e resistente in superficie unita, di facile pulizia, in resina PVC antiscivolo. Officina N 1: con 60 addetti e dimensione locali spogliatoi

5 si progetta una struttura che prevede 2 spogliatoi (per eventuale separazione donne e uomini) di 54,86 m2 ciascuno, che quindi possono contenere oltre 100 persone > del totale di 60 addetti previsti. Officina N 2: con 20 addetti e dimensione locali spogliatoi si progetta una struttura che prevede uno spogliatoio di 31,01 m2, che quindi può contenere oltre 30 persone > del totale di 20 addetti previsti. Officina N 3: con 5 addetti e dimensione locali spogliatoi si progetta una struttura che prevede uno spogliatoio di 11,02 m2, che quindi può contenere un totale di 11 persone > dei 5 addetti previsti. Officina N 1: locali di servizio per i 60 addetti ci sono n 4 WC > di 1,00 m2 ciascuno, più n 2 WC accessibili ai disabili, cioè 1 wc ogni 10 addetti. I WC sono tutti con finestre apribili di 0,90 m2. Docce in totale n 4, che con calcolo n 1 doccia ogni 20 persone, sono adeguate ai n 60 addetti. Officina N 2: locali di servizio per i 20 addetti ci sono n 2 WC > di 1,00 m2 ciascuno, più n 1 wc accessibile ai disabili, cioè 1 WC ogni 7 addetti. I WC sono tutti con finestre apribili di 0,56 m2. Docce in totale n 2, che con calcolo n 1 doccia ogni 20 persone, sono adeguate ai n 20 addetti. Officina N 3: locali di servizio

6 per i 5 addetti ci sono n 1 WC > di 1,00 m2 accessibile ai disabili cioè 1 WC ogni 5 addetti. Il WC è con 1 finestra apribile di 0,90 m2. Docce in totale n 1, che con calcolo n 1 doccia ogni 20 persone, sono adeguate all ipotesi di n 5 addetti. UFFICI Ognuno dei tre capannoni industriali è dotato di uffici. Per tutti gli uffici: Accessibilità: da spazio coperto e chiuso, accessibile anche a disabili con ascensore e percorsi interni a WC accessibili (vedi disegni allegati 8, 9 e 10). Ascensori: tutte le ascensori sono a norma per disabili con dimensioni vano superiore a 140x160 cm e porta di 90 cm. Altezza locali: tutti i locali sono di altezza netta interna di 2,70 m. Riscaldamento: la struttura è isolata con iniezione di resina poliuretanica, tutti i locali sono riscaldati. Pavimentazione: isolata dal terreno per evitare presenza di umidità con un vespaio areato di 40 cm, materiale impermeabile e resistente in superficie unita, di facile pulizia, in resina PVC antiscivolo. Illuminazione e aerazione: illuminazione e areazione naturale, con finestre apribili, pari o superiore a 1/8 della superficie dei pavimenti.

7 Uffici N 1: su due piani, ciascuno di 319,20 m2 con areazione e illuminazione naturale rapporto 1/6 e 1/4; terzo piano di 302,10 m2 con areazione e illuminazione naturale rapporto 1/7 e 1/4; 20 impiegati per piano con un totale di 60 impiegati; n 12 locali di servizio ciascuno di 4,25 m2, tutti con areazione e illuminazione naturale di 0,56 m2, cioè 1 WC ogni 5 impiegati; tutti accessibili ai disabili; Uffici N 2: su due piani con 20 impiegati, 2 piano 117,60 m2, con aerazione e illuminazione naturali rapporti 1/6 e 1/4; 3 piano 111,30 m2, con aerazione e illuminazione naturali rapporti illuminanti e aeranti 1/5 e 1/5; n 4 locali servizio, tutti accessibili ai disabili, tutti con areazione e illuminazione naturale 0,56 m2, cioè 1 WC ogni 5 impiegati. Uffici N 3: su tre piani, ciascuno di 61,39 m2 con aerazione e illuminazione naturale rapporto 1/6 e 1/3 (1 piano), 1/8 e 1/3 (2 piano), 1/6 e 1/4; (terzo piano); uffici 15 impiegati; n 3 locali servizio di 3,75 m2, cioè 1 WC ogni 5 impiegati, tutti con areazione e illuminazione naturale 0,90 m2, tutti accessibili ai disabili. DISTANZA DA LINEA ALTA TENSIONE 220 KV Premesso che dati esatti verranno richiesti alla dita TERNA in fase di progetto esecutivo, si allega uno schema indicativo realizzato ipotizzando che

8 il cavo più vicino sia più basso di 10 metri rispetto all'altezza dei pali. Come si vede dal disegno l'interferenza con il fabbricato indicato OFFICINA 2 è irrilevante (comunque lo spigolo è quello in cui è localizzato il gruppo scala ascensore), quello con l'officina 1 è più consistente, ma anche in questo caso riguarda solo il gruppo scala ascensore (VEDI TAVOLA 7). il progettista e d.l. dr. arch. Giovanni Simonis Milano,

PROPOLIS SRL LA CASETTA DEL LAGO SAN DONATO MILANESE VIA EUROPA/VIA I MAGGIO

PROPOLIS SRL LA CASETTA DEL LAGO SAN DONATO MILANESE VIA EUROPA/VIA I MAGGIO PROPOLIS SRL LA CASETTA DEL LAGO SAN DONATO MILANESE VIA EUROPA/VIA I MAGGIO PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO RELAZIONE TECNICA 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INDICE PREMESSA... 3 CUCINA... 3 FACCIATA

Dettagli

CAPANNONI INDUSTRIALI NELL AMBITO DEL COMPLESSO EZIT 2 IN COMUNE DI SAN DORLIGO DELLA VALLE

CAPANNONI INDUSTRIALI NELL AMBITO DEL COMPLESSO EZIT 2 IN COMUNE DI SAN DORLIGO DELLA VALLE CAPANNONI INDUSTRIALI NELL AMBITO DEL COMPLESSO EZIT 2 IN COMUNE DI SAN DORLIGO DELLA VALLE Descrizione degli immobili Il cosiddetto villaggio EZIT 2 è costituito da 4 capannoni di analoghe caratteristiche

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.)

AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.) PRATICA EDILIZIA INT. / AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.) l sottoscritt iscritt all Albo della Provincia di con studio

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- PARERE IGIENICO SANITARIO EDILIZIO

RELAZIONE TECNICO- PARERE IGIENICO SANITARIO EDILIZIO RELAZIONE TECNICO- PARERE IGIENICO SANITARIO EDILIZIO 1.0 PREMESSA La presente relazione tecnica descrive le scelte progettuali per quanto riguarda il nuovo sito produttivo dividendole per singoli capitoli

Dettagli

Scheda Tecnica Il prefabbricato elegante, funzionale e leggero con trasporto, montaggio e garanzia di 15 anni sulla struttura Dyapason è un prefabbric

Scheda Tecnica Il prefabbricato elegante, funzionale e leggero con trasporto, montaggio e garanzia di 15 anni sulla struttura Dyapason è un prefabbric Prefabbricato DYAPASON Scheda Tecnica Il prefabbricato elegante, funzionale e leggero con trasporto, montaggio e garanzia di 15 anni sulla struttura Dyapason è un prefabbricato in cemento armato che unisce

Dettagli

CAPANNONE INDUSTRIALE. Via Laurentina km mq GruppoZIACO

CAPANNONE INDUSTRIALE. Via Laurentina km mq GruppoZIACO CAPANNONE INDUSTRIALE Via Laurentina km 23.500 mq 3.200 GruppoZIACO GruppoZIACO Distanza: 15 Km dal GRA ROMA GRA V. LAURENTINA KM 23.500 CAPANNONE INDUSTRIALE CAPANNONE INDUSTRIALE Via Laurentina km 23.500

Dettagli

CAPANNONI INDUSTRIALI DEL COMPLESSO EX VALDADIGE IN COMUNE DI MUGGIA

CAPANNONI INDUSTRIALI DEL COMPLESSO EX VALDADIGE IN COMUNE DI MUGGIA CAPANNONI INDUSTRIALI DEL COMPLESSO EX VALDADIGE IN COMUNE DI MUGGIA 1. Descrizione degli immobili I fabbricati in esame sono 14 capannoni, ubicati nel comprensorio EZIT, nel comune di Muggia, in Via Colombara

Dettagli

WING Scheda Tecnica Il prefabbricato economico, sicuro, leggero con garanzia di 15 anni, trasporto e montaggio inclusi nel prezzo Wing è un prefabbric

WING Scheda Tecnica Il prefabbricato economico, sicuro, leggero con garanzia di 15 anni, trasporto e montaggio inclusi nel prezzo Wing è un prefabbric Prefabbricato WING WING Scheda Tecnica Il prefabbricato economico, sicuro, leggero con garanzia di 15 anni, trasporto e montaggio inclusi nel prezzo Wing è un prefabbricato in cemento armato ideale per

Dettagli

SISTEMAZIONE DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI SONDRIO

SISTEMAZIONE DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI SONDRIO Data prestazione: 1999-2001 (D.L.: anno 2001, nel contesto dell intervento di sistemazione del depuratore di Sondrio). Committente:. Professionista incaricato: Ing. Roberto Dell Acqua Bellavitis e Ing.

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO Comune di Carugate Provincia di Milano Protocollo n Permesso di Costruire / Denuncia di Inizio Attività n REGOLAMENTO EDILIZIO Check list interventi obbligatori in materia di risparmio energetico e fonti

Dettagli

SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA PRODUTTIVE NOTIZIE GENERALI DITTA ATTIVITA SETTORE PRODUTTIVO Artigianato Industria Commercio Agricoltura Terziario SEDE LEGALE: SEDE INSEDIAMENTO: Comune Via Comune

Dettagli

AMBITO B EDIFICIO N. 4

AMBITO B EDIFICIO N. 4 AMBITO B EDIFICIO N. 4 Fg. 48 Mapp. 351 Sub. Zona urbanistica F.PS F.AS DATI GENERALI Sup. coperta mq. 340,20 Altezza ml.8,4 (gronda) 11,9 (colmo) Volume mc.3.453,03 Piani n.2 +interrato e sottotetto TIPOLOGIA

Dettagli

CAPANNONE INDUSTRIALE. Via degli Agrostemmi mq GruppoZIACO

CAPANNONE INDUSTRIALE. Via degli Agrostemmi mq GruppoZIACO CAPANNONE INDUSTRIALE Via degli Agrostemmi mq 4.000 GruppoZIACO GruppoZIACO Distanza: 15 Km dal GRA ROMA GRA ZONA INDUSTRIALE S. PALOMBA V. DEGLI AGROSTEMMI CAPANNONE INDUSTRIALE CAPANNONE INDUSTRIALE

Dettagli

QUESTIONARIO. CARTA ISNARDO S.P.A MONTECCHIO PRECALCINO (VI) ITALY Via Franzana, 15 Tel: Fax:

QUESTIONARIO. CARTA ISNARDO S.P.A MONTECCHIO PRECALCINO (VI) ITALY Via Franzana, 15 Tel: Fax: QUESTIONARIO Per consentire ai nostri progettisti di meglio conoscere le Vostre esigenze, abbiamo predisposto l allegato questionario che ci indirizzerà nella progettazione degli immobili secondo le Vostre

Dettagli

Architettura Industriale

Architettura Industriale Architettura SALONE ESPOSITIVO Showroom Bica Località: Candiana (PD) L intervento riguarda la realizzazione di una copertura di una porzione di fabbricato industriale esistente, che va a sostituire la

Dettagli

ALLEVAMENTO DI GATTI RELAZIONE TECNICA

ALLEVAMENTO DI GATTI RELAZIONE TECNICA ALLEVAMENTO DI GATTI RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA SCIA AI SENSI DELLA L.R. N. 5/2005 1 GENERALITA a. UBICAZIONE (non ammessa nelle zone definite urbane dal PRG): Comune,via, n.,tel. b. DISTANZA DAL

Dettagli

MONOBLOCCO M1-40 CARATTERISTICHE TECNICHE

MONOBLOCCO M1-40 CARATTERISTICHE TECNICHE MONOBLOCCO M1-40 CARATTERISTICHE TECNICHE Il monoblocco M1-40 è una unità prefabbricata che può essere utilizzata singolarmente, accoppiata con altre unità in modo da formare svariate soluzioni spaziali.

Dettagli

Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione

Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione Decreto del Ministero della Salute 5 luglio 1975 e s.m.i. Regolamenti di Igiene Comunali Dr. Mario Esposito Tecnico della

Dettagli

MODULO PER INTERVENTO EDILIZIO Procedimento semplificato (Art.4 D.P.R. 447/98)

MODULO PER INTERVENTO EDILIZIO Procedimento semplificato (Art.4 D.P.R. 447/98) REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L. N.1 MASSA E CARRARA Gruppo Operativo Nuovi Insediamenti Produttivi Via Democrazia,

Dettagli

SUAP del Comune di RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AI SENSI DELLA L.R. N. 5/2005 PER

SUAP del Comune di RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AI SENSI DELLA L.R. N. 5/2005 PER RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AI SENSI DELLA L.R. N. 5/2005 PER ALLEVAMENTO DI CANI 1 GENERALITA a. UBICAZIONE (non ammessa nelle zone definite urbane dal PRG): Comune,via,

Dettagli

Comune di San Gervasio Bresciano Provincia di Brescia. Progetto Esecutivo Spogliatoi campo di calcio

Comune di San Gervasio Bresciano Provincia di Brescia. Progetto Esecutivo Spogliatoi campo di calcio Comune di San Gervasio Bresciano Provincia di Brescia Progetto Esecutivo Spogliatoi campo di calcio Allegato n. 1 aprile 2014 RELAZIONE TECNICA E QUADRO ECONOMICO RIEPILOGATIVO Progettista Studio Tecnico

Dettagli

RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: Arch. Antonio Loretano. IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Arch. Antonio Loretano

RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: Arch. Antonio Loretano. IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Arch. Antonio Loretano Dipartimento VIII Servizio 3 Impiantistica sportiva Titolo dell intervento: Roma ed altri Manutenzione ordinaria di impianti sportivi e relativi servizi negli istituti scolastici provinciali. Istituto

Dettagli

Lottizzazione Veggioletta

Lottizzazione Veggioletta Lottizzazione Veggioletta Capannoni Artigianali via Bay - via Guicciardini - Piacenza gruppo COSTRUIAMO SVILUPPO l ubicazione inquadramento generale l ubicazione planimetria generale Via Reggi Strada Gragnana

Dettagli

COMPLESSO PRODUTTIVO INDUSTRIALE P.A. NIGARZOLA DUE P.A. DEI CHIOSI

COMPLESSO PRODUTTIVO INDUSTRIALE P.A. NIGARZOLA DUE P.A. DEI CHIOSI COMPLESSO PRODUTTIVO INDUSTRIALE P.A. NIGARZOLA DUE P.A. DEI CHIOSI LALLIO - Via Nigarzola / Via dei Chiosi Descrizione delle caratteristiche Costruttive generali PREMESSA Trattasi di aree edificabili

Dettagli

LOTTI n. 6-7 Dorsoduro 99

LOTTI n. 6-7 Dorsoduro 99 LOTTI n. 6-7 Dorsoduro 99 LOTTO 6 Prezzo base della trattativa privata: Euro 488.700,00 LOTTO 7 Prezzo base della trattativa privata: Euro 378.000,00 Ubicazione Planimetria sub 2 LOTTO N. 6 Planimetria

Dettagli

COSTRUZIONE DI FABBRICATO \ POLIV ALENTE E REALIZZAZIONE DI UN' AREA VERDE NEL QUARTIERE DELLA LIZZA

COSTRUZIONE DI FABBRICATO \ POLIV ALENTE E REALIZZAZIONE DI UN' AREA VERDE NEL QUARTIERE DELLA LIZZA 1 ' " COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO II - SERVIZI TECNICI e OO.PP. C.D.R.Ol PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE PATRIMONIO EDILIZIA PUBBLICA E MONUMENTALE COSTRUZIONE DI FABBRICATO \ POLIV ALENTE E REALIZZAZIONE

Dettagli

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE A due passi dal centro storico, immobili in fase di realizzazione con finiture di pregio. Possibilità di scegliere materiali e disposizione interna. Pannelli

Dettagli

RESIDENZE IL SALICE Via Salice, Cesinali (AV) COMMITTENTE - Sign. Antonio Del Franco PROGETTO - Eco Fabrique L alternativa verde SAS

RESIDENZE IL SALICE Via Salice, Cesinali (AV) COMMITTENTE - Sign. Antonio Del Franco PROGETTO - Eco Fabrique L alternativa verde SAS RESIDENZE IL SALICE Via Salice, Cesinali (AV) COMMITTENTE - Sign. Antonio Del Franco PROGETTO - Eco Fabrique L alternativa verde SAS DATI GENERALI RESIDENZE IL SALICE DESCRIZIONE SINTETICA: Complesso residenziale

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO P.S.C. ALL. C: STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO P.S.C. ALL. C: STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

!"#$%&&#&%'(") ) (*'+')",%-%.%')!"/%,"(&%#$") 0$ ) ) #).7%"("/)89&:) ) ) ) ) )

!#$%&&#&%'() ) (*'+'),%-%.%')!/%,(&%#$) 0$ ) ) #).7%(/)89&:) ) ) ) ) ) !"#$%&&#&%'(") ) (*'+')",%-%.%')!"/%,"(&%#$") 0$12344560) ) #).7%"("/)89&:) ) ) ) ) ) Edificio residenziale "Lärchhof a Chienes (BZ) GENERALE La ditta Rubner Immobilien srl ha voluto realizzare in comune

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. Ufficio Tecnico - SEZ. LL.PP.

COMUNE DI EMPOLI. Ufficio Tecnico - SEZ. LL.PP. COMUNE DI EMPOLI Ufficio Tecnico - SEZ. LL.PP. PROGETTO ESECUTIVO PER LA RISTRUTTURAZIONE DELL EX MENSA COMUNALE PER AMPLIARE LA SCUOLA DELL INFANZIA ESISTENTE (art.93 c. 5 D.Lgs. n 163/2006) RELAZIONE

Dettagli

INDIRIZZI PER LA VERIFICA DEGLI ALLOGGI TEMPORANEI PER LAVORATORI STAGIONALI IN AMBITO RURALE

INDIRIZZI PER LA VERIFICA DEGLI ALLOGGI TEMPORANEI PER LAVORATORI STAGIONALI IN AMBITO RURALE INDIRIZZI PER LA VERIFICA DEGLI ALLOGGI TEMPORANEI PER LAVORATORI STAGIONALI IN AMBITO RURALE Ogni anno aziende agricole della provincia occupano personale stagionale. Si tratta in genere di cittadini

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI PRODUTTIVI presentata in base all art. 20 della Legge 833/78. Residente in. via. Ragione Sociale della Ditta

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI PRODUTTIVI presentata in base all art. 20 della Legge 833/78. Residente in. via. Ragione Sociale della Ditta Dipartimento Sanità pubblica Area di Igiene e Sanità Pubblica - Nuovi insediamenti produttivi SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI PRODUTTIVI presentata in base all art. 20 della Legge 833/78 RIQUADRO DA

Dettagli

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, 25 88100 Catanzaro!""#$% &#'%"(#")#$*(#")$"*(#")$+!,-#'%"(#")$# Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA

Dettagli

La frontiera della sostenibilità, della tecnologia, del comfort. Ing. Agostino Presutti EDIFICI MULTIPIANOIN LEGNO. L Aquila 6 marzo 2013

La frontiera della sostenibilità, della tecnologia, del comfort. Ing. Agostino Presutti EDIFICI MULTIPIANOIN LEGNO. L Aquila 6 marzo 2013 EDIFICI MULTIPIANOIN LEGNO La frontiera della sostenibilità, della tecnologia, del comfort L Aquila 6 marzo 2013 Ing. Agostino Presutti L idea LE ORIGINI HOTEL MIRAMONTI Il progetto RESIDENCE ALEXANDER

Dettagli

I Luoghi di Lavoro. Requisiti strutturali e igienici dei locali di lavoro. A cura di Antonio Gulmini Tecnico della Prevenzione ULSS 18 di Rovigo

I Luoghi di Lavoro. Requisiti strutturali e igienici dei locali di lavoro. A cura di Antonio Gulmini Tecnico della Prevenzione ULSS 18 di Rovigo I Luoghi di Lavoro Requisiti strutturali e igienici dei locali di lavoro A cura di Antonio Gulmini Tecnico della Prevenzione ULSS 18 di Rovigo 1 Il posto di lavoro D.Lgs. 81/08 Titolo II luoghi di lavoro

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LA COSTRUZIONE DELLA CASA-CLIMA IN MURATURA

ELENCO PREZZI PER LA COSTRUZIONE DELLA CASA-CLIMA IN MURATURA S E Z I O N E D I M E S T I E R E D E I M U R A T O R I N E L L A P A ELENCO PREZZI PER LA COSTRUZIONE DELLA CASA-CLIMA IN MURATURA Geom. Peter Erlacher Ph.D. Dr. Ing. Ruben Erlacher 1. Muratura in laterizio

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA. TREVIGLIO FUTURA S.p.A. Società Trasformazione Urbana RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI DUE PIANI INTERRATI

RELAZIONE ILLUSTRATIVA. TREVIGLIO FUTURA S.p.A. Società Trasformazione Urbana RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI DUE PIANI INTERRATI committente TREVIGLIO FUTURA S.p.A. Società Trasformazione Urbana Piazza L. Manara n. 1 24047 TREVIGLIO (BG) progetto RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI DUE PIANI INTERRATI PROGETTO PRELIMINARE DELLE STRUTTURE

Dettagli

STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA

STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA GRASSOBBIO - Via Orio al Serio n.25-27 Dati tecnici e Descrizione delle caratteristiche Costruttive generali PREMESSA Trattasi di una struttura produttiva

Dettagli

PIANO ATTUATIVO PA/10 Area residenziale (PEEP-LC) in via del Melo

PIANO ATTUATIVO PA/10 Area residenziale (PEEP-LC) in via del Melo Comune di PIEVE A NIEVOLE (Provincia di Pistoia) PIANO ATTUATIVO PA/10 Area residenziale (PEEP-LC) in via del Melo (D) PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE Progettista incaricato Dott. Arch. MASSIMO PAGANELLI

Dettagli

Ogni concetto estetico è frutto di una ricerca funzionale.

Ogni concetto estetico è frutto di una ricerca funzionale. Struttura Circolare Struttura Circolare Ogni concetto estetico è frutto di una ricerca funzionale. Non esiste il bello fine a se stesso. Questo principio-guida, che caratterizza l intera produzione del

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing COMUNE DI PRATO Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing Allegato C: Requisiti minimi strutturali ed igienico sanitari dei locali per attività di Tatuaggi e Piercing

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Lavori di PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE DESTINATE A VERDE PUBBLICO, DEGLI SPAZI PUBBLICI E DI COLLEGAMENTO ED IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA STREADALE DELL'AREA

Dettagli

REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO

REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO PASSON DIEGO - perito elettrotecnico Via Roma, 144/5 - CP 64-33033 CODROIPO (UD) P. IVA 01495640300 - ( 0432/820075 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO Adeguamento impianti

Dettagli

FONDAZIONE FRANCESCO FABBRI ONLUS "CASA FABBRI"

FONDAZIONE FRANCESCO FABBRI ONLUS CASA FABBRI FONDAZIONE FRANCESCO FABBRI ONLUS "CASA FABBRI" LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA - REALIZZAZIONE SERVIZI IGIENICI AL PIANO TERRA - SISTEMAZIONE GIARDINO e ADEGUAMENTO FOGNATURE (C.I.A. Prot. 5660 del

Dettagli

ALLEGATO N. 2/A FAC SIMILE

ALLEGATO N. 2/A FAC SIMILE ALLEGATO N. 2/A FAC MILE ACCERTAMENTO DEI REQUITI IGIENICO SANITARI E DI IDONEITA ABITATIVA individuati con Deliberazione della Giunta Comunale n.503 del 23/12/2009 e successiva Deliberazione della Giunta

Dettagli

COMPUTO METRICO-ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO-ESTIMATIVO Comune di Treviglio Provincia di Bergamo pag. 1 COMPUTO METRICO-ESTIMATIVO OGGETTO: Riqualificazione di Piazza Setti - 2 PIANI INTERRATI PROGETTO PRELIMINARE DELLE STRUTTURE COMMITTENTE: "TREVIGLIO FUTURA"

Dettagli

MODELLO UNICO DI DOMANDA. RICHIEDE (vistare l'opzione che interessa)

MODELLO UNICO DI DOMANDA. RICHIEDE (vistare l'opzione che interessa) SCHEDA A MODELLO UNICO DI DOMANDA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Al SERVIZIO Pre.S.A.L. ASL RM F (Marca da bollo) Via Terme di Traiano 39/a 00053 Civitavecchia IL SOTTOSCRITTO nato a il residente in (comune,

Dettagli

PROCEDURA PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO PISTA POLIVALENTE SITUATO IN VIA ETRURIA STATO DI CONSISTENZA

PROCEDURA PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO PISTA POLIVALENTE SITUATO IN VIA ETRURIA STATO DI CONSISTENZA Citta` di Follonica SETTORE 4 LAVORI PUBBLICI-DEMANIO MANUTENZIONI PROTEZIONE CIVILE U.O.C. PROGRAMMAZIONE-PROGETTAZIONE ESECUZIONE LAVORI PUBBLICI-DEMANIO Via Roma,88-58022 Follonica (GR) PROCEDURA PER

Dettagli

MATERIALE TELAIO IN ALLUMINIO VERNICIATO TIPO CORTEN + VETROCAMERA TELAIO IN ALLUMINIO VERNICIATO TIPO CORTEN + VETROCAMERA

MATERIALE TELAIO IN ALLUMINIO VERNICIATO TIPO CORTEN + VETROCAMERA TELAIO IN ALLUMINIO VERNICIATO TIPO CORTEN + VETROCAMERA INFISSI ESTERNI INFISSI ESTERNI pag. 1 DIMENSIONI FORO MURO SIGLA N ELEMENTI E.01 1,35+2,40 2,40/1,50 1 MANIGLIONE APERTURA L ESTERNO + FISSO POSIZIONE - STRADA RIFERIMENTO ELENCO PREZZI E NOTE Z.0.06/001

Dettagli

10 REPARTO INFRASTRUTTURE

10 REPARTO INFRASTRUTTURE 10 REPARTO INFRASTRUTTURE ViaMetastasio99 80125Napoli RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA ASI ENA 0237 Via Rossetti, 46 Int. 9 Piano Secondo 80125FuorigrottaNapoli 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

SE ATTIVITA CON PIU DI TRE DIPENDENTI E OBBLIGATORIA LA NOTIFICA PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 67 DEL D.Lgs. 81/2008 e s.m.i ALLO SPRESAL ASLAL.

SE ATTIVITA CON PIU DI TRE DIPENDENTI E OBBLIGATORIA LA NOTIFICA PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 67 DEL D.Lgs. 81/2008 e s.m.i ALLO SPRESAL ASLAL. Sede legale: Viale Giolitti 2 5033 Casale Monferrato (AL) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.I.S.P. Igiene pubblica@aslal.it Revisione del 18-01-2011 ALLEGATO 1 LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. mc. 531,48 10, ,74. mc. 145,12 26, ,70. mc. 147,78 141, ,98. mc. 48,84 179, ,55. Pag.

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. mc. 531,48 10, ,74. mc. 145,12 26, ,70. mc. 147,78 141, ,98. mc. 48,84 179, ,55. Pag. LM - LAVORI A MISURA 01 - Struttura Capannone 1 D.6010.004 Scavo in larga sezione per la formazione della sede di esecuzione di fabbricati, del cassonetto stradale, di area capannone 1 x 51,60 x 20,60

Dettagli

Sottopasso STG Caratteristiche e descrizione opere realizzate

Sottopasso STG Caratteristiche e descrizione opere realizzate Sottopasso STG Caratteristiche e descrizione opere realizzate Dati di progetto: Data di inizio lavori: marzo 2011 Data fine lavori civili agosto 2013 Data fine lavori impiantistici novembre 2013 Lunghezza

Dettagli

Accesso al cortile interno.

Accesso al cortile interno. La presente relazione è parte integrante del progetto definitivo-esecutivo redatto dall ufficio tecnico del Comune di Monastir, dai tecnici comunali P.ed. Sergio Cappai e Ing. Fabio Cabras, avente per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO IDENTIFICAZIONE CATASTALE ED URBANISTICA

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO IDENTIFICAZIONE CATASTALE ED URBANISTICA Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo RELAZIONE TECNICA Oggetto: Ristrutturazione cascina, ampliamento capannone, realizzazione nuovo blocchi uffici e piazzali per manovra automezzi Sp98, Cividate

Dettagli

Solaio contro terra 1

Solaio contro terra 1 Solaio contro terra 1 Solaio contro terra: requisiti sicuro non cedevole non sdrucciolevole deve isolare dall umidità ed evitare le dispersioni di calore 2 Strati che compongono il solaio Strato di isolamento

Dettagli

Tribunale di Firenze Sezione III - Esecuzioni Immobiliari. Giudice Istruttore Dott. Domenico Ammirati. Oggetto: esecuzione immobiliare tra xx/xxx

Tribunale di Firenze Sezione III - Esecuzioni Immobiliari. Giudice Istruttore Dott. Domenico Ammirati. Oggetto: esecuzione immobiliare tra xx/xxx Tribunale di Firenze Sezione III - Esecuzioni Immobiliari Giudice Istruttore Dott. Domenico Ammirati Oggetto: esecuzione immobiliare tra xx/xxx Ruolo Generale proc. n.517/11 R.G LOTTO 3 ALLEGATI alla RELAZIONE

Dettagli

www.gbsistemiabitativi.it

www.gbsistemiabitativi.it Allestimento Base (Prezzo gara: vedi listino di seguito) VOCI DI CAPITOLATO: LOCALE PREFABBRICATO FORINITURA di monoblocco prefabbricato tipo modello GB15 della GB SISTEMI ABITATIVI costituito da una struttura

Dettagli

LA RISTRUTTURAZIONE ENERGETICA DEL LICEO SCIENTIFICO VALLISNERI

LA RISTRUTTURAZIONE ENERGETICA DEL LICEO SCIENTIFICO VALLISNERI LA RISTRUTTURAZIONE ENERGETICA DEL LICEO SCIENTIFICO VALLISNERI Marco Sala Centro Interuniversitario ABITA Firenze Dipartimento DIDA marco_sala@unifi.it www.centroabita.com FASI LAVORATIVE Intervento di

Dettagli

VENEZIA MARGHERA Via Brunacci,32. complesso uffici

VENEZIA MARGHERA Via Brunacci,32. complesso uffici VENEZIA MARGHERA Via Brunacci,32 complesso uffici Ottobre 2013 Ubicazione Complesso ubicato nella zona commerciale/gdo di Marghera nelle vicinanze della stazione ferroviaria di VE - Mestre ed in prossimità

Dettagli

INTERVENTO DI VALORIZZAZIONE ED ADEGUAMENTO DEL CENTRO DELLA FRAZIONE DI S.ANDREA DI COLOGNA VENETA COMUNE DI COLOGNA VENETA ARCH.

INTERVENTO DI VALORIZZAZIONE ED ADEGUAMENTO DEL CENTRO DELLA FRAZIONE DI S.ANDREA DI COLOGNA VENETA COMUNE DI COLOGNA VENETA ARCH. INTERVENTO DI VALORIZZAZIONE ED ADEGUAMENTO DEL CENTRO DELLA FRAZIONE DI S.ANDREA DI COLOGNA VENETA COMUNE DI COLOGNA VENETA ARCH. SIMONE MALGARISE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO - PRIMO STRALCIO C - DIC.

Dettagli

STRUTTURA PREFABBRICATA

STRUTTURA PREFABBRICATA STRUTTURA PREFABBRICATA Fornitura e posa in opera di pilastri laterali in c.a.v. prefabbricati, adeguatamente armati, compresa la fornitura e assistenza alla posa di centratori di base. Sezione 60x60 e

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di BRICHERASIO. AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE

SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di BRICHERASIO. AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE MODELLO N. 11 SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di BRICHERASIO AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 e s.m.i., art. 20 comma 1)

Dettagli

RICHIEDENTE: in qualità di: residente in: Comune di: Prov. ( )

RICHIEDENTE: in qualità di: residente in: Comune di: Prov. ( ) Allegato A RELAZIONE IGIENICO - SANITARIA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI PARERE PREVENTIVO PER L ISTRUTTORIA DA PARTE DELLE STRUTTURE AFFERENTI AL DIP. DI PREVENZIONE ASL AT RICHIEDENTE: in qualità di: residente

Dettagli

Categoria: RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA. PROGETTISTI INCARICATI: (UFFICIO TECNICO) Arch. Gioacchino CASAMASSIMA

Categoria: RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA. PROGETTISTI INCARICATI: (UFFICIO TECNICO) Arch. Gioacchino CASAMASSIMA PROGETTO DEFINITIVO GC GC MD Ottobre 2011 Oggetto Prep. Ver. App. Data RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Geom. Michele DOTO PROGETTISTI INCARICATI: (UFFICIO TECNICO) Arch. Gioacchino CASAMASSIMA Committente:

Dettagli

A.08 COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE

A.08 COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ASSSETTO DEL TERRITORIO SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE REALIZZAZIONE FABBRICATO EDILIZIA SPERIMENTALE IN ZONA GELSI FSC FONDO PER

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI NUM. ART. CODICE DESCRIZIONE U.M. PREZZO 1 1000 Arrotondamento (zero/01) corpo Euro 0,01 2 101 Guanti contro le aggressioni meccaniche Fornitura (durata un bimestre) (tre/50) paio

Dettagli

AREA SPORTELLO UNICO COMUNE DI VILLA GUARDIA (CO)

AREA SPORTELLO UNICO COMUNE DI VILLA GUARDIA (CO) Cantù, 08 Settembre 2016 Spett. le Area Gestione del Territorio AREA SPORTELLO UNICO COMUNE DI VILLA GUARDIA (CO) Oggetto: Richiesta di Approvazione del progetto di ampliamento fabbricato industriale esistente,

Dettagli

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Milano, Giugno 2014 Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Celtic Italy Srl - all right reserved Milano,Giugno 2014 Introduzione Complesso produttivo multipiano, fronte autostrada, realizzato

Dettagli

RELAZIONE IGIENICO-EDILIZIA (1)

RELAZIONE IGIENICO-EDILIZIA (1) RELAZIONE IGIENICO-EDILIZIA (1) 1) Tipologia di intervento Nuova costruzione Ristrutturazione Ristrutturazione con ampliamento Variante in corso d'opera Altro:. 2) Evidenziare in planimetria e riportare

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA RICHIESTA DI PARERI/AUTORIZZAZIONI

SCHEDA INFORMATIVA PER LA RICHIESTA DI PARERI/AUTORIZZAZIONI REGIONE UMBRIA AZIENDA U.S.L. UMBRIA 1 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PARTE RISERVATA ALL UFFICIO Data ricevimento. Prot. n. Scadenza termine per richiesta integrazione Scadenza termine per emissione parere

Dettagli

Ing. Rachele Calzolari N.A. Cortoreggio 14, Cortona (AR) Tel: DIMENSIONI. Unità misura

Ing. Rachele Calzolari N.A. Cortoreggio 14, Cortona (AR) Tel: DIMENSIONI. Unità misura 5.002.013 VOCE: 002 5.002.019VO CE:002 TOS15_AT.N0 6.020.003 VOCE:020 Montaggio di recinzione per area adibita a cantiere,esclusa idonea segnaletica diurna e notturna in struttura tubo e giunto con tavole

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA La variante richiesta riguarda un area censita al catasto al Censuario di Grignano Polesine

Dettagli

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Genova Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Paolo De Lorenzi - 2016

Dettagli

Resident in Prov. Via/Loc. n ; e Resident in Prov. Via/Loc. n ; ( altri tecnici: vedere allegato A)

Resident in Prov. Via/Loc. n ; e Resident in Prov. Via/Loc. n ; ( altri tecnici: vedere allegato A) Al COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO -Regione Umbria- Sportello Unico per l Edilizia e le Attività Produttive SCHEDA TECNICA ALLEGATA A: Permesso di Costruire S.C.I.A. Comunicazione interventi Il presente modello

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE ALLA SCUOLA MEDIA BUSONI SECONDO STRALCIO

RISTRUTTURAZIONE ALLA SCUOLA MEDIA BUSONI SECONDO STRALCIO RELAZIONE GENERALE Il presente progetto esecutivo si riferisce ai lavori relativi al secondo stralcio del progetto di Ristrutturazione alla Scuola Media Busoni inseriti nel programma annuale dei LL. PP.

Dettagli

a) studio di fattibilità ambientale (art. 27 DPR207/2010)

a) studio di fattibilità ambientale (art. 27 DPR207/2010) SETTEMBRE 2015 a) studio di fattibilità ambientale (art. 27 DPR207/2010) b) relazione descrittiva del progetto e tecnica delle opere architettoniche (art.li 25 e 26 RELAZIONE TECNICA GENERALE DPR207/2010)

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BEINASCO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA VARIANTE N. 3/2013 ai sensi della L.R. 5.12.1977 n. 56 art.17, 5 comma. Modificazioni al P.R.G.C. vigente

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE OGGETTO DI INTERVENTO

1. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE OGGETTO DI INTERVENTO Pag. 1 di 7 1. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE OGGETTO DI INTERVENTO L immobile oggetto dell intervento di manutenzione, denominato Posto Controllo, è un fabbricato isolato, avente un solo piano fuori terra,

Dettagli

Oggetto: Realizzazione, o solo fornitura, piscina modello Classica 4x9, pareti in casseri di. Caratteristiche principali piscina:

Oggetto: Realizzazione, o solo fornitura, piscina modello Classica 4x9, pareti in casseri di. Caratteristiche principali piscina: ARRIGONI S.A.S. di Arrigoni Roberto - P.I. e C.F. 02169890569 via Giovanni XXIII, 4-01033 - Civita Castellana (VT) fax 0761 09.00.90 cell. 320 32.89.415 - arrigoni@live.it Spett.... Oggetto: Realizzazione,

Dettagli

RELAZIONE GENERALE E TECNICA

RELAZIONE GENERALE E TECNICA COMUNE DI LAURO PROVINCIA DI AVELLINO Lavori di adeguamento funzionale e messa a norma dell impianto sportivo a servizio della scuola secondaria di I grado B.Croce sita nella frazione di Migliano Comune

Dettagli

CUP: D19G B - PROGETTO PRELIMINARE CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA

CUP: D19G B - PROGETTO PRELIMINARE CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA Manifestazione di interesse per gli interventi di recupero e riqualificazione del patrimonio E.R.P. ai sensi della d.g.r. 14 maggio 2015, n. 3577 linea di azione b.5) di via Giuseppina, 6, 6/A, 6/B CUP:

Dettagli

COMUNE DI AREZZO. PROPRIETA : AZIENDA AGRICOLA PODERE IL CASTRO s.a.s. AREZZO.

COMUNE DI AREZZO. PROPRIETA : AZIENDA AGRICOLA PODERE IL CASTRO s.a.s. AREZZO. COMUNE DI AREZZO PROPRIETA : AZIENDA AGRICOLA PODERE IL CASTRO s.a.s. AREZZO. PROGETTO: PIANO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI MANEGGIO E PENSIONE PER ANIMALI DI AFFEZIONE IN LOCALITÀ PALAZZETTI, MONTIONE,

Dettagli

RILIEVO FOTOGRAFICO DEL 10/12/2015 Jesi (AN)

RILIEVO FOTOGRAFICO DEL 10/12/2015 Jesi (AN) RILIEVO FOTOGRAFICO DEL 10/12/2015 Jesi (AN) AUTORIMESSA E AREA URBANA Foglio 48, Particella 3410 e Particella 3411, Sub 1 Fig. 1: Vista frontale dell autorimessa e area urbana antistante Fig. 2: Vista

Dettagli

TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DEGLI ELEMENTI COSTRUTTIVI corso A - prof. Antonio Laurìa

TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DEGLI ELEMENTI COSTRUTTIVI corso A - prof. Antonio Laurìa TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DEGLI ELEMENTI COSTRUTTIVI corso A - prof. Antonio Laurìa Docenti interni: prof. Antonio Laurìa arch. Fabio Valli Revisioni esercitazione: Da concordare con l architetto Valli

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO

COMUNE DI CAGLIARI RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO COMUNE DI CAGLIARI RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO di conformità alle disposizioni della Legge n. 13 del 09.01.1989, del D.M. n.236/89 e del D.P.R. n. 384/78 La presente relazione prevede: 1. Premessa 2

Dettagli

FALLIMENTO NIS.FA. SUD s.r.l.

FALLIMENTO NIS.FA. SUD s.r.l. SEZIONE FALLIMENTARE Giudice Delegato Dott. Franco De Risi Sentenza n 17/05 FALLIMENTO NIS.FA. SUD s.r.l. C. F. Dott. Nicola DE LUCIA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO Il Consulente Tecnico d Ufficio Arch.

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1 CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE Residenze in LAINATE via Rho pag. 1 STRUTTURE - La struttura portante del fabbricato è costituita da un intelaiatura di travi e pilastri in cemento armato gettati

Dettagli

Comune di Sassuolo - Settore 2 Servizi al Territorio - Direzione Lavori Pubblici Lavori:Esecutivo Stadio Computo metrico estimativo pag.

Comune di Sassuolo - Settore 2 Servizi al Territorio - Direzione Lavori Pubblici Lavori:Esecutivo Stadio Computo metrico estimativo pag. Lavori:Esecutivo Stadio Computo metrico estimativo pag. 1 di 9 Allegato alla delib. n. 62 del 15/4/2003 LAVORI A BASE D'ASTA Lavori a Corpo COSTRUZIONE DI EDIFICI CIVILI, INDUSTRIALI E LORO RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

LE STRUTTURE DEGLI EDIFICI E L ISOLAMENTO SISMICO. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico

LE STRUTTURE DEGLI EDIFICI E L ISOLAMENTO SISMICO. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico LE STRUTTURE DEGLI EDIFICI E L ISOLAMENTO SISMICO Dalla progettazione alla costruzione Progettare un edificio significa: Idearne l aspetto, la sua collocazione nel territorio, la struttura e la suddivisone

Dettagli

Dettagli. 0926_GW Pecetto - VB/VS 01Dettagli COMUNE di PECETTO - Via Circonvallazione. PROGETTO DI NUOVA COSTRUZIONE Edifici Residenziali

Dettagli. 0926_GW Pecetto - VB/VS 01Dettagli COMUNE di PECETTO - Via Circonvallazione. PROGETTO DI NUOVA COSTRUZIONE Edifici Residenziali 0926_SA.App_PR.3300_3 Dettagli Costruttivi.pln Ubicazione: Intervento: Progetto di: Oggetto: Attori-Autorizzazioni Operatore: Progettista: Impresa: Cliente: Num.: Data: 00 2/0/202 RS MS RS - COMUNE di

Dettagli

Haas vince in qualità, prezzo e chiarezza. Chiara 11. LIMITED EDITION Promozione Chiara 11. Promozione valida fino al 30.06.2014.

Haas vince in qualità, prezzo e chiarezza. Chiara 11. LIMITED EDITION Promozione Chiara 11. Promozione valida fino al 30.06.2014. Chiara 11 Visualizza la casa Chiara 11 in 3D sul tuo tablet e smartphone L immagine contiene optional LIMITED EDITION Promozione Chiara 11 Haas vince in qualità, prezzo e chiarezza. Promozione valida fino

Dettagli

EDIFICIO AMMINISTRATIVO a BREGANZONA

EDIFICIO AMMINISTRATIVO a BREGANZONA EDIFICIO AMMINISTRATIVO a BREGANZONA LOCAZIONE PT - 1 e 3 PIANO Stabile Amministrativo PROJECT BUILD SPACE CH_Via G. Guisan 16_BREGANZONA OGGETTO La presente relazione intende presentare una promozione

Dettagli

Elaborato tecnico della copertura ai sensi LR n 1/2005 art

Elaborato tecnico della copertura ai sensi LR n 1/2005 art Elaborato tecnico della ai sensi LR n 1/2005 art. 82 (permesso a costruire) Sommario Elaborato tecnico della ai sensi LR n 1/2005 art. 82... 2 Interventi di progetto... 3 Descrizione delle coperture...

Dettagli

Relazione tecnica per rifugio animali

Relazione tecnica per rifugio animali Rev. 1.0 del 01/01/2015 [spazio riservato all ente] Relazione tecnica per rifugio animali Classificazione meticci Provenienza/scopo dell allevamento animali allevati razze selezionate Razze allevate peso

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. QBC182

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. QBC182 Associata ASSOBETON Sezione Strutture UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. QBC182 1 PLINTI DI FONDAZIONE: 1.1 Plinti di fondazione prefabbricati confezionati con Cls classe minima C25/30 ed acciaio tipo

Dettagli