Copyright Esselibri S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright Esselibri S.p.A."

Transcript

1 CAPITOLO QUINTO I MODELLI DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE E DEI MATERIALI SOMMARIO: 1. I processi produttivi Layout delle macchine operatrici I sistemi flessibili di produzione La scelta «make or buy» Programmazione e controllo della produzione Il processo logistico Le scorte Il controllo sulla qualità totale. 1. I PROCESSI PRODUTTIVI La scelta del processo produttivo da realizzare dipende da una serie di fattori, quali (FONTANA, CAROLI 2006): la natura tecnologica del ciclo di produzione da attuare, in base alla quale il processo si distingue in due categorie: il ciclo tecnicamente obbligato (imposto dalla tecnologia di trasformazione) ed il ciclo tecnicamente non obbligato, quando l impresa sceglie liberamente il ciclo di lavorazione e la sequenza delle operazioni; la natura tecnologica-merceologica del prodotto da realizzare, in base alla quale si può effettuare una distinzione tra: produzione a flusso (beni prodotti su larga attraverso modifiche alla materia di origine) e produzione per parti (prodotto ottenuto dall unione di vari componenti); il volume di produzione di uno stesso prodotto da ottenere, che dipende dalle richieste della domanda, in funzione del quale è possibile effettuare un ulteriore distinzione, tra: produzione unitaria («job shop»), che consiste nella fabbricazione di un prodotto unico su progetto o su commessa, come in caso di grandi infrastrutture (dighe, ponti ecc.) e beni di grandi dimensioni (ad es. le navi); produzione intermittente, ossia la fabbricazione di più prodotti della stessa famiglia ottenuti in una certa quantità, definita lotto di produzione (come nel caso degli elettrodomestici, delle autovetture, dei macchinari ecc.);

2 144 Capitolo Quinto produzione continua, che prevede la realizzazione di una grossa quantità dello stesso prodotto per un tempo indeterminato (ad es. produzioni metallurgiche, petrolifere, chimiche). Tecnologia del prodotto PRINCIPALI TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI Tecnologia del processo Ciclo tecnicamente obbligato Ciclo tecnicamente non obbligato Produzione unitaria Prodotto a flusso Prodotto come oggetto composto di diverse parti Produzione intermittente (a lotti) Fonte: FONTANA, CAROLI, Economia e gestione delle imprese, McGraw-Hill Produzione continua Volume di produzione 2. LAYOUT DELLE MACCHINE OPERATRICI Il layout (o disposizione) dei macchinari rappresenta una scelta molto importante ai fini della progettazione del ciclo produttivo. Esistono due tipologie classiche di layout delle macchine operatrici: disposizione «per reparto» (o «funzionale»), che prevede un raggruppamento della macchine in reparti specializzati, indipendentemente dalle operazioni di produzione; disposizione «a catena» (o «in linea»), secondo la quale i macchinari sono disposti in funzione delle operazioni previste dall unico ciclo di lavorazione che viene attuato.

3 I modelli di gestione della produzione e dei materiali 145 Layout per reparto Raggruppamento indipendente della sequenza di produzione Passaggio a lotti e sincronizzazione dei tempi di lavorazione Flessibilità di percorso, di movimentazione e di dimensione della capacità produttiva Obiettivo da raggiungere: minimizzazione del costo di movimento dei materiali Layout a catena Raggruppamento secondo la sequenza delle operazioni richieste dalla tecnologia Passaggio singolo del pezzo in lavorazione e produttività data dalla durata totale del ciclo Stretta interdipendenza tra le diverse fasi del processo produttivo Maggiore velocità di produzione e riduzione degli spazi interni da raggiungere Obiettivo: bilanciamento della linea di produzione e minimizzazione del tempo di inattività macchine Entrambe le tipologie sopra esposte si riferiscono a situazioni estreme di layout dei macchinari. Spesso nella realtà produttiva si assiste all adozione di un terzo tipo di disposizione delle macchine: quella «a isole» (Group Technology). Tale scelta rappresenta una soluzione intermedia, atta a risolvere i problemi derivanti da produzioni diverse sia dal punto di vista tecnologico sia merceologico. Essa consiste in una combinazione del layout per reparto e di quello a catena; le macchine sono disposte in gruppi (o isole), formati a seconda della sequenza delle fasi del ciclo di lavorazione, e i vari pezzi vengono trasferiti da un gruppo ad un altro durante tutto il ciclo di lavorazione. La Group Technology suddivide le diverse parti, che compongono il prodotto finito, in più famiglie aventi caratteristiche simili e consente di far lavorare ognuna di esse dallo stesso gruppo di macchinari. In tal modo si assiste ad un ampliamento della capacità produttiva e ad una riduzione della durata dei cicli di produzione. Un esempio di Group Technology è fornito dallo stabilimento di stampaggio e carrozzeria della FIAT di Melfi (Frey, 2001). Tale stabilimento prevede cinque unità operative (isole): stampaggio; lastroferratura; verniciatura; meccanica; montaggio. Alcune unità tecnologiche elementari (gestione operativa, manutenzione, gestione della qualità e ingegneria di produzione), che rappresentano le cellule di base dello stabilimento,

4 146 Capitolo Quinto sostituiscono la squadra tradizionale. Tali unità tecnologiche elementari (UTE) sono composte da: responsabile di UTE; tecnologo di UTE; conduttori di processi integrati (1 operaio qualificato ogni operai non qualificati) con compiti di monitoraggio, assistenza, controllo; in media 33 lavoratori per turno (a Mirafiori carrozzeria < 33, a Melfi montaggio 40). Infine, risulta necessario ricordare altre tipologie di layout, quali: «reparti in linea» e «disposizioni a catena con funzionamento per cicli intermittenti». La prima prevede reparti di macchine omogenee per funzione disposti in sequenza, la seconda, invece, consiste nella suddivisione della linea in vari segmenti e nel suo funzionamento ad intermittenza per modelli appartenenti allo stesso gruppo. 3. I SISTEMI FLESSIBILI DI PRODUZIONE L attuale realtà industriale automatizzata è caratterizzata dai «sistemi flessibili di produzione» (Flexible Manufacturing Systems, FMS) che hanno l obiettivo di far fronte a due esigenze contrapposte: raggiungere l elevata efficienza caratteristica degli impianti automatizzati; creare un ambiente dinamico, caratterizzato da impianti general purpose, ossia flessibili. Gli FMS hanno, dunque, lo scopo di introdurre flessibilità negli impianti di produzione. Essi sono dei sistemi complessi di produzione, sviluppatisi principalmente nell industria meccanica ed elettronica, altamente automatizzati (macchine a controllo numerico, «CN», e robot), collegati tra loro da un sistema di movimentazione ed immagazzinamento altrettanto automatizzato, sotto il controllo di un sistema computerizzato distribuito. Vantaggi Flessibilità nella progettazione del prodotto Risposta rapida alle variazioni di domanda Maggiore controllo dei processi Riduzione degli sprechi Riduzione del time to market Riduzione dei costi grazie alla distribuzione del lavoro Svantaggi Elevati investimenti iniziali di acquisto ed uso Limitata capacità di adattamento ai cambiamenti del prodotto o del mix di prodotto

5 I modelli di gestione della produzione e dei materiali LA SCELTA «MAKE OR BUY» Un importante scelta dinanzi alla quale si trova l impresa è quella tra comprare un bene sul mercato (buy) o produrlo in proprio (make). Nell ambito della valutazione circa la convenienza a produrre uno specifico componente, il management aziendale deve considerare le esigenze tecnico-economiche sia del processo da integrare sia del processo terminale. L attuazione di una integrazione verticale ascendente di una certa fase produttiva, si fonda sul rapporto tra la capacità produttiva ottima-minima dell impianto da integrare (= al minimo costo unitario di fabbricazione) ed il fabbisogno interno dello specifico componente. C Costo medio di fabbricazione del componente dove: C = costo unitario di produzione P = prezzo unitario di acquisto X e = capacità produttiva ottima - minima X c, X d, X p = economie di scala X c X p X d X e Capacità produttiva dell impianto (da integrare) P C

6 148 Capitolo Quinto 5. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE La programmazione della produzione consiste in un insieme di decisioni e di attività, aventi lo scopo di armonizzare le richieste provenienti dal mercato con le potenzialità del sistema produttivo. Le analisi effettuate per tale programmazione si riferiscono al breve periodo (max 12 mesi). Le tipologie di produzione vanno considerate in relazione ad alcuni aspetti fondamentali: il rapporto tra la fabbricazione e la vendita di un prodotto, in base al quale si distinguono due tipi di produzioni: la produzione per magazzino (fabbricazione del prodotto prima della vendita, in funzione della previsione della domanda) e la produzione su commessa (fabbricazione del prodotto successiva alla vendita). In relazione a tale rapporto, inoltre, si attua una distinzione della produzione in base alle modalità di progettazione del prodotto: prodotto standard, progettato dall azienda produttrice in funzione della domanda prevista; prodotto speciale, modificato secondo le indicazioni fornite dall impresa committente; il tipo di processo produttivo, in base al quale si attua la distinzione tra: produzione continua, intermittente ed unitaria; la complessità del prodotto, in funzione della quale la programmazione della produzione risulta tanto più complessa ed impegnativa quanto più numerose e differenti tra loro sono le parti che compongono il prodotto. Quali sono le attività della programmazione? Le attività tipiche sono: stabilire la quantità di pezzi da fabbricare per prodotto; assegnare gli ordini di produzione ai reparti produttivi; pianificare i fabbisogni di componenti e di materie prime; definire la sequenza delle operazioni per le singole macchine. Il processo di programmazione della produzione parte da un analisi della domanda, che si conclude con la compilazione del Piano della domanda, all interno del quale è calcolato il volume di produzione domandato dal mercato ed espresso in unità di capacità produttiva necessaria.

7 I modelli di gestione della produzione e dei materiali 149 In seguito inizia la fase di programmazione aggregata della produzione, finalizzata a garantire che il sistema operativo abbia la quantità di risorse necessarie alla soddisfazione delle richieste provenienti dal mercato. Nel Piano aggregato di produzione sono calcolate le quantità annuali di componenti da produrre per ogni famiglia di prodotti, oltre che le quantità e la qualità delle risorse produttive che devono essere impiegate nel processo produttivo. Le quantità indicate sono individuate in precedenza nel suddetto Piano della Domanda, che si basa sugli ordini ricevuti da clienti o su previsione della domanda di breve/medio termine a seconda che la produzione sia su commessa o per magazzino. A) Piano principale di produzione In seguito alla fase di programmazione aggregata, avviene la formalizzazione del Piano Principale di Produzione (MPS, Master Production Schedule), che risulta essere più dettagliato del Piano Aggregato. L oggetto dell MPS è la definizione della quantità da produrre per ogni prodotto in un orizzonte temporale, generalmente, trimestrale e suddiviso in settimane. In questa fase si decide il livello di manodopera da impiegare e si stabiliscono gli interventi di manutenzione. Tali decisioni sono fortemente influenzate dalle seguenti politiche di produzione: produzione make to stock, secondo cui la vendita del prodotto avviene in un momento successivo a quello del termine del processo di produzione (ad es. in caso di prodotti alimentari deperibili e detersivi). I prodotti finiti vengono prelevati dal magazzino in funzione delle quantità e dei tempi richiesti dai clienti; produzione assemble to order, caratterizzata dal fatto che l assemblaggio delle componenti dei prodotti viene effettuato dopo la vendita e la loro produzione è programmata sulla base delle previsioni o richieste della domanda (ad es. nel caso delle imprese del settore automobilistico); produzione make to order, in cui la vendita avviene tramite un catalogo elaborato dall azienda prima di ricevere le richieste dei clienti; produzione purchase to order, quando anche l approvvigionamento degli input può avvenire in base agli ordini precedentemente pervenuti; produzione engeneering to order, in cui tutte le attività dipendono dalle richieste dei clienti (ad es. nel caso di grandi opere strutturali). Per quanto riguarda le politiche di produzione purchase to order e engineering to order non vi è un vero Piano di Produzione, poiché non risulta necessario né prevedere la domanda né pianificare le attività, gestite in fase di scheduling operativo.

8 150 Cos è lo scheduling operativo? Capitolo Quinto Lo scheduling operativo è la programmazione operativa il cui compito consiste nel calcolare l intervallo di tempo necessario per svolgere le attività produttive. Esso rappresenta, dunque, l allocazione delle risorse, in un preciso intervallo temporale, allo scopo di soddisfare determinati compiti. Nella schedulazione si possono distinguere tre momenti concettualmente diversi, anche se generalmente strettamente correlati: la fase di allocazione delle operazioni sulle singole risorse produttive disponibili che nella programmazione di medio termine sono aggregate in «serbatoi» di capacità tecnologica; la fase di allocazione nel tempo della produzione, da risolversi nel rispetto dei limiti fissati dal piano di produzione di medio periodo che, operando su un orizzonte più lungo, lascia generalmente alcuni margini di libertà nella definizione del dettaglio temporale di questa fase; la fase di sequenziamento dei lavori sulle macchine, da affrontare tenendo conto delle caratteristiche dei lavori stessi, delle caratteristiche dell impianto e dell obiettivo della programmazione. B) Il controllo della produzione Lo stato di lavorazione deve essere verificato ogni giorno, ai fini della verifica del rispetto dei piani ed allo scopo di rilevare e correggere eventuali scostamenti. Tanto più rapidamente avviene la correzione in caso di scostamento, tanto più efficace risulta il controllo di produzione. Le informazioni reperite tramite tale controllo sono utili al management per le successive fasi di programmazione. Quanti tipi di controllo esistono? Generalmente, si distinguono due tipologie di controllo (Da Villa, 2000): il controllo di retroazione (o di feedback), con il quale gli scostamenti sono rilevati alla fine del processo produttivo ed ha, dunque, risonanza solo nella fase successiva di programmazione; il controllo della direzione di marcia (o di feedforward), che prevede un intervento precedente l esecuzione del programma, agendo prima che il problema possa inficiare il ciclo produttivo. C) Logiche push e pull In funzione delle caratteristiche dei processi produttivi e della domanda, la programmazione della produzione può seguire due logiche: la logica a spinta (push), secondo la quale il management stabilisce i fabbisogni di acquisto ed il programma di produzione in funzione delle

9 I modelli di gestione della produzione e dei materiali 151 previsioni di vendita. Tale logica comporta il rischio che la domanda effettiva possa rivelarsi diversa da quella preventivata (rischio di mercato). Un modo per ridurre il rischio è quello di diminuire la durata del processo produttivo, avvicinando il più possibile il momento della previsione a quello in cui la domanda effettivamente si manifesta; la logica a trazione (pull), secondo cui la produzione e l acquisto dei materiali necessari alla produzione dipendono dagli ordini ricevuti. La programmazione della produzione, dunque, dipende dalla domanda effettiva. Tale logica comporta meno rischi, non essendo necessario prevedere la domanda. 6. IL PROCESSO LOGISTICO Con il termine logistica s intende l insieme di tecniche, metodologie, strumenti ed infrastrutture impiegate nella gestione del flusso fisico e del correlato flusso informativo, che si crea nell ambito aziendale dall acquisizione delle materie prime sui mercati d acquisto fino alla distribuzione dei prodotti finiti ai consumatori finali. Nelle aziende con una struttura funzionale pura (organizzazione funzionale), le attività logistiche sono distribuite tra diversi organi, i quali in modo autonomo cercano di ottimizzare lo svolgimento delle attività di loro competenza. A livello organizzativo la funzione logistica è, in alcuni casi, distinta in: logistica degli acquisti e logistica di distribuzione o distribuzione fisica; in altri casi è considerata una funzione trasversale che percorre tutto il processo produttivo: dall acquisizione dei fattori produttivi alla realizzazione della produzione e alla vendita e consegna del prodotto finito. Le componenti del sistema logistico sono (FONTANA, CAROLI 2006): la componente fondamentale, ossia i magazzini e gli stabilimenti di produzione tra i quali i materiali si muovono; la componente informativa, rappresentata dal flusso informativo riguardante la produzione, la gestione dei materiali e la distribuzione dei prodotti finiti; la componente organizzativa, che riguarda il modo in cui le responsabilità ed i compiti sono distribuiti tra le varie funzioni.

10 152 Capitolo Quinto A) L attività di approvvigionamento L attività di approvvigionamento si sostanzia nel reperimento dei materiali necessari ad alimentare le linee di produzione (nelle aziende industriali) o nella raccolta delle merci da inserire in magazzino in attesa di vendita (nella aziende mercantili). La politica di approvvigionamento implica lo studio di diverse problematiche, quali: la gestione del materiale, riguardante l insieme delle funzioni aventi il compito di procurare il corretto assortimento di materiali e materie prime alle linee di produzione, con la necessaria continuità e stabilità nel rifornimento, ai minori costi possibili e secondo la qualità richiesta; l analisi del lotto economico d acquisto; il ruolo della direzione acquisti. Cos è un lotto economico d acquisto? Il lotto economico d acquisto rappresenta la quantità ottimale di materie, merci o componenti che l azienda determina come entità abituale dell ordine da inviare al proprio fornitore. La determinazione del lotto economico d acquisto implica la determinazione dei relativi costi. A lotti più grandi corrispondono più alti costi di possesso (interessi sul capitale congelato in scorte, costo di affitto dei magazzini e retribuzioni dei lavoratori addetti), e più bassi costi di gestione dell ordine (costi per invio dell ordinazione, attesa, ricevimento e controllo di quanto richiesto) e di setup (costi di attrezzaggio per le sole imprese industriali per predisporre gli impianti alle diverse produzioni). Si delinea allora una situazione di conflitto tra: la direzione finanziaria che tende a contenere i costi di possesso (stoccaggio) mediante cicli di produzione brevi e consumi frequenti; la direzione di produzione che tende a contenere i costi di attrezzaggio e ordinazione, cercando comunque di evitare arresti di produzione con cicli lunghi di produzione e bassa frequenza di cambio del ciclo. La soluzione di questo contrasto è costituita dall individuazione del lotto economico ottimale contrassegnato dalla sigla Eoq (Economic Optimal Quantity). Esso rappresenta il quantitativo da ordinare, non grande tanto da far incorrere in un eccessivo costo di possesso e non piccolo tanto da far sopportare eccessivi costi di attrezzaggio. Può essere rappresentato graficamente:

11 Costo totale I modelli di gestione della produzione e dei materiali 153 Dimensione del lotto economico L iperbole rappresenta i costi di ordinazione, la retta i costi di possesso; dall intersezione delle due rappresentazioni si individua la dimensione del lotto economico ottimale e si può costruire la curva dei costi totali di magazzino. Le tre funzioni verranno ampiamente spiegate nel prossimo paragrafo. La formula dell Eoq risale al 1916, quando venne sviluppata separatamente da Ford Harris e da R.H. Wilson, e, anche se è stata in passato utile per analizzare le scorte, viene oggi considerata inadeguata per affrontare il problema nella sua nuova complessità. Ai fini della scelta di un adeguata politica di approvvigionamento, generalmente, le aziende utilizzano uno strumento, definito matrice di Kraljic. La matrice di Kraljic è uno schema che permette di suddividere gli acquisti di una azienda in quattro classi, sulla base della complessità del mercato di rifornimento e dell importanza degli acquisti (determinata dall impatto che l articolo acquistato ha sul contesto produttivo ed economico aziendale). Tale suddivisione permette all azienda di definire le strategie di acquisto utili, al fine di ottenere dal sistema di acquisizione vantaggi tali da migliorare la competitività aziendale. La matrice di Kraljic definisce quattro tipologie di articoli: articoli con effetto leva (ad es. utensili, materiale di consumo di valore, combustibili), ossia articoli di abituale gestione, che intervengono direttamente nel processo produttivo e sono collocati su mercati poco rischiosi; articoli non critici (ad es. la cancelleria), caratterizzati da un impatto modesto sull azienda e relativi a mercati a basso rischio;

12 154 Capitolo Quinto articoli strategici (ad es. materiali rari, componenti di grande valore), che rappresentano i materiali più critici da gestire, poiché sono importanti per l azienda e sono situati in mercati rischiosi; articoli colli di bottiglia (ad es. semilavorati speciali/su misura, servizi esterni), articoli con un impatto aziendale basso, ma ugualmente critici, a causa delle difficoltà connesse all accesso al relativo mercato ed alla negoziazione degli approvvigionamenti. Infatti, la fornitura è soggetta al rischio di essere interrotta e, pur riguardando materiali secondari, la sua interruzione può determinare delle strozzature nel processo produttivo aziendale, senza la possibilità di accedere rapidamente a forniture sostitutive. alta Importanza economica e/o strategica del materiale acquistato bassa Materiali con «effetto leva» Obiettivi della politica di approvvigionamento: ottomizzazione delle variabili economiche; ottimizzazione del flusso dei materiali. Azioni principali da svolgere: ricerca di materiali sostitutivi; creazione delle condizioni per aumentare il potere contrattuale; riduzione delle scorte. Materiali «non critici» Obiettivi della politica di approvvigionamento: efficienza funzionale. Azioni principali da svolgere: standardizzazione dei materiali; ottimizzazione dei volumi di acquisto; utilizzazione del potere contrattuale. Materiali «strategici» Obiettivi della politica di approvvigionamento: disponibilità dei materiali nel lungo periodo; stabilità del rapporto con il fornitore. Azioni principali da svolgere: creazione di rapporti di lungo termine; attivazione di forme di controllo economico o giuridico dell impresa fornitrice; sviluppo di rapporti collaborativi nei progetti di innovazione. Materiali «colli di bottiglia» Obiettivi della politica di approvvigionamento: assicurare il flusso. Azioni principali da svolgere: controllo dei tempi; congruo mantenimento delle scorte. basso rischio di approvvigionamento alto Fonte: adattamento da KRALJIC (1983) MATRICE DI KRALJIC

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione Prof. Arturo Capasso LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Ciclo di vita di un sistema produttivo La forma delle cose che verranno Il ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto, e di conseguenza

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 14 Una definizione La funzione di produzione riguarda

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

Strategie Funzionali di Manufacturing

Strategie Funzionali di Manufacturing Strategie Funzionali di Manufacturing Metodologie Best Practices Processi Produttivi Le tre classificazioni 1 Strategie per il Manufacturing La strategie di manufacturing sono il collegamento tra strategia

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN A.S. 2014/15 Innovazione e ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto e di conseguenza il suo processo produttivo dipende dalla

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione E il processo decisionale attraverso il quale sono organizzate le risorse produttive al fine di conseguire determinati obiettivi. Si estrinseca temporalmente attraverso tre

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO

ITIS OTHOCA ORISTANO ITIS OTHOCA ORISTANO CARATTERISTICHE DEI PROCESSI PRODUTTIVI LAY-OUT IMPIANTI PARTE 1 Il ciclo di produzione La progettazione e il processo produttivo di un prodotto segue un ciclo di vita che qualunque

Dettagli

Definizioni di scorte

Definizioni di scorte LA GESTIONE DELLE SCORTE Nozioni di base Definizioni di scorte insieme di materie, semilavorati e prodotti che in un determinato momento sono in attesa di partecipare ad un processo di trasformazione o

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi I costi nelle aziende che lavorano su commessa 1. Cosa significa produrre su commessa? L azienda produce un bene (complesso) solo dopo aver ricevuto un ordine da

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Introduzionee principali classificazioni

Introduzionee principali classificazioni Introduzionee principali classificazioni Roberto Pinto Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione (DIGIP) Università di Bergamo Di cosa parliamo in questo corso? Il termine

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT Corso di TECNOLOGIA, INNOVAZIONE, QUALITÀ Prof. Alessandro Ruggieri Prof. Enrico Mosconi A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Gestione della produzione Lean

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11 Schema generale di flusso logistico SVILUPPO PRODOTTO ACQUISTO MAGAZZINO PROGETTI PROGETTAZIONE APPROVVIGIONAMENTO MAGAZZINO MATERIE PRIME FABBRICAZIONE CLIENTE FINALE MAGAZZINO COMPONENTI ASSEMBLAGGIO

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI CAPACITÀ (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Introduzione 1 2 Capacity Requirements Planning (CRP) 2 3 Dati di input di CRP 2 4 La capacità disponibile 4 5

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

Piano dei fabbisogni di materiali

Piano dei fabbisogni di materiali Piano dei fabbisogni di materiali MRP 1 Pianificazione dei fabbisogni Obiettivo generale è determinare: quali assiemi, sottoassiemi, parti e materie prime sono necessari per realizzare un determinato MPS;

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area produttiva Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per il flusso produttivo Trattamento dei processi di definizione

Dettagli

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria Corso di gestione dell informazione aziendale Teoria Anno Accademico 2004/2005 1 Programma $ % $ $!" # # 2 Operations Management In questa Area vedremo: Le strategie produttive (problemi di make or buy,

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Glossario e Formulario Glossario e Formulario Pianificazione Programmazione Tempi di produzione KanBan

Dettagli

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te.

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.axioma.it Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.softwareproduzione.it Come lavora la tua azienda? Quale modello produttivo usa? Processo continuo

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Manufacturing e Automotive Obiettivi per i sistemi produttivi Riduzione dei costi totali nella catena logistica Maggior servizio ai clienti Riduzione dei

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI

CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Prof. Vincenzo Duraccio Cap. 1 Definizione di Impianto industriale Si definisce impianto industriale,ovvero sistema produttivo, un insieme di elementi di qualsiasi

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Aureli Selena 1_Sistema di controllo e contabilità analitica Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione,

Dettagli

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione 1 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE CAP.1 :Terminologia 2 TERMINOLOGIA Efficacia Efficacia : Risultato fornito Risultato previsto

Dettagli

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità)

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità) Impianti di processo Definizione: MP PF tramite trasformazioni fisico/chimiche Caratteristiche: automazione investimenti elevati ( ciclo continuo) ciclo tecnologico obbligato rischio di impatti ambientali

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Corso di Gestione dei sistemi di trasporto. Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container. S. Sacone, S.

Corso di Gestione dei sistemi di trasporto. Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container. S. Sacone, S. Corso di Gestione dei sistemi di trasporto Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container S. Sacone, S. Siri - DIST Introduzione Negli ultimi anni si è fatta sempre più pressante l esigenza

Dettagli

I Sistemi di produzione PULL

I Sistemi di produzione PULL I Sistemi di produzione PULL Sistema Push Il sistema push pianifica e schedula la produzione basandosi sulla previsione di domanda o sull acquisizione di ordini dei clienti. Quindi si controlla il rilascio

Dettagli

INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ

INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ DELLE FACILITIES 5 1.3 DECIDERE IL RUOLO E LA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

WHIT E PAPER. skipper

WHIT E PAPER. skipper WHIT E PAPER skipper Giugno 2003 schedulatore a capacità finita Skipper è un programma di elevato contenuto tecnologico che non richiede particolari installazioni. Si interfaccia con la base dati (comune

Dettagli

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la gestione finanziaria dott. Matteo Rossi Benevento, 21 gennaio 2008 La funzione produzione La produzione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Capacità Finita Applicata Alla Schedulazione Degli Ordini Pianif Descrizione Modello E un tool che: Integra la funzione delle vendite con quella logistico-produttiva

Dettagli

AREA CONTROLLO GESTIONE

AREA CONTROLLO GESTIONE AREA CONTROLLO GESTIONE Ad Hoc Revolution mette a disposizione funzioni avanzate per il controllo di gestione attraverso il modulo di contabilità analitica. L analisi di bilancio, completa gli strumenti

Dettagli

Pianificazione e controllo delle risorse

Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Gestione dell allocazione delle risorse in modo che i processi dell azienda siano efficienti e riflettano la domanda di

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 3 famiglie per 76 modelli 5 modelli per 40% del fatturato fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno "Assemble To Order" Piano qualità dal '90

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Ricerca Operativa Prima Parte

Ricerca Operativa Prima Parte 1 2 fasi Prima Parte 2 Testi didattici S. Martello, M.G. Speranza, Ricerca Operativa per l Economia e l Impresa, Ed. Esculapio, 2012. F.S. Hillier, G.J. Lieberman, Ricerca operativa - Fondamenti, 9/ed,

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti

Meccanica degli Azionamenti Università degli Studi di Brescia Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Parte I Introduzione all automazione industriale I.1 Automazione e Flessibilità Automazione Automazione: Impiego di mezzi

Dettagli

Business Plan II. Agenda. La catena del valore. Il Business Model. Definizione. La struttura. Attività generatrici di valore.

Business Plan II. Agenda. La catena del valore. Il Business Model. Definizione. La struttura. Attività generatrici di valore. Business Plan II La catena del valore ed il Business Model Lezione 05 Prof. Paolo Di Marco Agenda La catena del valore Definizione La struttura Attività generatrici di valore Attività primarie Attività

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

28 novembre 2011. Il sistema Toyota per le PMI

28 novembre 2011. Il sistema Toyota per le PMI 28 novembre 2011 Il sistema Toyota per le PMI Yoshihito Wakamatsu Sensei Culman LTD Indice 1. Toyota e le crisi come opportunità per crescere 2. Perché utilizzare il TPS per ridurre i costi. 3. Il TPS

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L05

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L05 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli Processi snelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso.

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso. DOMANDE CHIUSE CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (SECONDA PARTE) LA PALESTRA 1. L attività di pianificazione, gestione e controllo dei flussi fisici dei materiali (m.p., semilavorati, e prodotti

Dettagli

Le attività logistiche non. Il valore generato

Le attività logistiche non. Il valore generato GESTIONE Il valore generato dall attività logistica di Roberto Giorgetti Roberto Giorgetti, consulente direzionale e ricercatore nel campo della gestione aziendale Nelle attività delle imprese la logistica

Dettagli

La Pianificazione dei Fabbisogni

La Pianificazione dei Fabbisogni 1 La Pianificazione dei Fabbisogni Le tecniche di Gestione a Fabbisogno in contrapposizione alle tecniche di Gestione a Scorta La Tecnica del Material Requirement Planning o MRP: i dati d ingresso le fasi

Dettagli

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione MRP Prof. Sergio Cavalieri critici La pianificazione dei fabbisogni Madio / Lungo Termine Master Production Schedule (MPS) Programmazione Aggregata Strategia Famiglie prodotti Lungo Termine

Dettagli

Modulo Produzione AdHoc Enterprise

Modulo Produzione AdHoc Enterprise Modulo Produzione AdHoc Enterprise La Gestione della Produzione in Enterprise è suddivisa in nove moduli di cui uno dedicato alla produzione su commessa singola e gli altri otto alle altre diverse realtà

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi ABSTRACT In questo articolo viene presentato un nuovo modo di prendere decisioni in azienda senza

Dettagli

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA.

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. 1. Studio di caso Strategie di Distribuzione La Modern Book Distribution, Inc. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. Serve le principali catene di vendita

Dettagli

FEAII Impianti Industriali

FEAII Impianti Industriali Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano FEAII Impianti Industriali L impianto e l impresa industriale Contenuto Definizione di impianto La classificazione degli impianti di produzione

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

LE LINEE DI ASSEMBLAGGIO Introduzione

LE LINEE DI ASSEMBLAGGIO Introduzione LE LINEE DI ASSEMBLAGGIO Introduzione Cosa è una linea di assemblaggio Le linee di assemblaggio sono speciali processi di produzione di tipo flow-line largamente utilizzati quando è necessario produrre

Dettagli

METODOLOGIE E INDICATORI PER IL CONTROLLO DEI COSTI IN PRODUZIONE

METODOLOGIE E INDICATORI PER IL CONTROLLO DEI COSTI IN PRODUZIONE METODOLOGIE E INDICATORI PER IL CONTROLLO DEI COSTI IN INDICE INTRODUZIONE AGLI INDICATORI REALIZZARE UN SISTEMA DI INDICATORI INDICATORI PER IL CONTROLLO DELLA Indicatori di prestazione Obiettivi degli

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino dell Università degli Studi di Parma Il magazzino Gestione del magazzino La gestione operativa di un magazzino è strettamente legata al tipo di impianto ed alla sua organizzazione. Le principali attività

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli