La Gestione della Produzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Gestione della Produzione"

Transcript

1 La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra più alternative sulla base di informazioni per coordinare appropriatamente flussi di materiale e l allocazione nel tempo delle risorse produttive - interagire con clienti e fornitori Sistema di pianificazione e controllo della gestione è uno strumento per gestire efficientemente il flusso di materiali, l impiego della manodopera, delle macchine e degli impianti per rispondere al meglio alle esigenze dei clienti utilizzando appropriatamente la capacità produttiva interna e quella dei fornitori per soddisfare la domanda che proviene dal mercato. I tre ambiti decisionali in un azienda sono: - Definizione delle strategie aziendali - Gestione della produzione formalizzare i piani di produzione, gestire i flussi di materiali e controllare l avanzamento della produzione - Assicurare le risorse necessarie alla produzione Approccio bottom-up parte dai problemi a livello di shop-floor e arriva a definire strategie aziendali basate sull ottimizzazione dei singoli sottosistemi produttivi Approccio top-down gerarchico e parte dagli obiettivi strategici dell impresa per arrivare all analisi dei sub sistemi La complessità degli attuali sistemi produttivi rende l approccio bottom-up inadeguato perché l ottimo dei sistemi complessi non coincide con l insieme dei punti ottimi dei loro componenti. Spesso è comunque più opportuno un approccio misto. Viene utilizzato un approccio gerarchico e disaggregato per i seguenti motivi: - La grande dimensione delle aziende e la complessità del problema da gestire impedisce di realizzare un unico piano o di predisporre tutti i piani contemporaneamente. Vi sono troppe variabili e interazioni per poterle includere in un singolo modello. Solo scomponendo il problema in porzioni più limitate lo si riesce a gestire. - Le diverse decisioni da prendere hanno degli orizzonti temporali molto diversi tra loro. Predisporre un unico piano obbliga a lavorare sul lungo periodo e non permette di avere informazioni aggiornate, a meno di un continuo, ma costoso, aggiornamento. - Molte aziende hanno una struttura organizzativa gerarchica ed è naturale adeguare il processo decisionale alla struttura organizzativa assegnando a ciascun livello autonomia decisionale nel proprio ambito di competenza. - Nella gestione della produzione due fattori sono molto importanti: - Fattore Tempo inteso con tre diversi significati Intervallo di tempo che intercorre tra la il momento della scelta ed il momento in cui essa inizia ad esplicare la sua efficacia Durata dell efficacia della scelta L attendibilità delle previsioni dipende dal tempo in cui sono state fatte - Livello di aggregazione dell informazione le informazioni sulla domanda possono risultare più o meno aggregate rispetto a due aspetti: Prodotti, (produzione globale, produzione per famiglie, produzione per specifici articoli Tempo, (domanda media annuale, domanda mensile, data di consegna) Importante In linea generale, le previsioni risultano tanto più attendibili quanto più prossimo è il periodo di tempo cui fanno riferimento e quanto più aggregato è il livello delle previsioni stesse. Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 1

2 Fasi del management 1) Pianificazione Consiste nel scegliere degli obiettivi misurabili e decidere come ottenerli, cioè definire la strategia dell impresa e predisporre i mezzi per attuarla. La pianificazione non solo fornisce un percorso da seguire ma consente di valutare la probabilità di ottenere un esito positivo. La fase molto importante della gestione della produzione è la fase di programmazione aggregata (orizzonte temporale di circa un anno) ossia una fase in cui si effettua una pianificazione di più ampio respiro. Si determina il volume di produzione che l impianto dovrà erogare, considerando la domanda stimata, decidendo come modulare la capacità produttiva, e,molto importante, come gestire gli squilibri che si creano tra volume di produzione e domanda (facendo ricorso a scorte, introducendo lo straordinario, o delegando a terzi). Pianificazione di lungo periodo (si studiano strategie di vendita e di acquisizione del vantaggio competitivo, studiando nuove linee di prodotti e mercati. Pianificazione di medio periodo (individuazione dei fornitori, della manodopera, della materia prima e gestione delle scorte. 2) Programmazione E la pianificazione di dettaglio, cioè la disaggregazione dei piani di lungo periodo in piani operativi di medio e breve periodo. Si redige il piano principale di produzione (orizzonte temporale inferiore all anno), e si descrive lo scheduling delle varie operazioni in un orizzonte temporale inferiore al mese. 3) Esecuzione fase operativa di attuazione dei piani. 4) Controllo Osservazione dei risultati dell azione, comparazione con i risultati attesi e individuazione di eventuali misure correttive. Ad ognuna di queste fasi corrisponde la redazione di piani di azione anch essi legati gerarchicamente che devono essere continuamente aggiornati a fronte di cambiamenti e del passare del tempo. I piani strategici vengono redatti dal personale direttamente interessato e con la dovuta competenza (acquisendo direttive dal livello superiore e rilasciandole al livello inferiore).dividi et impera. I principali piani sono; 1) Piano strategico 2) piano aggregato non si entra in dettaglio dei volumi di produzione dei singoli prodotti, ma solo come varia nel tempo la capacità produttiva ed il volume di produzione ed il livello complessivo di scorte (intervallo temporale di un anno con discretizzazione mensile) 3) piano principale di produzione (Master Production Schedule) è il programma delle attività di medio periodo che specifica i volumi di produzione di ogni prodotto finito che si realizzano,disaggregazione del prodotto (intervallo temporale di sei mesi-un anno, con discretizzazione da un mese-una settimana). 4) piano dei fabbisogni (Materials Requerements Plan) descrizione in dettaglio delle quantità di produzione giornaliera, inoltre descrive il fabbisogno di materiali e componenti per realizzare le attività di produzione. Si effettua anche il piano del lancio degli ordini.(intervallo di tempo di sei mesi con discretizzazione settimanale) 5) Piano operativo quale lavorazione, ora per ora, deve essere effettuata, specificando le attività per ogni risorsa. (intervallo temporale di un mese con discretizzazione di un ora). Rolling orizon Questi piani vengono continuamente aggiornati e rielaborati periodicamente su un orizzonte mobile. I piani quindi scorrono nel tempo mantenendo la loro ampiezza. Ciò implica una ciclica rielaborazione delle informazioni che all interno di un orizzonte temporale assumono un diverso grado di attendibilità. Info time fence Informazioni riguardanti il breve periodo sono più certe delle informazioni riguardanti il lungo periodo. Il piano risulta essere un indicazione di ciò che deve essere fatto, nella parte destra della barriera,e ciò che si deve fare, nella parte sinistra. 1anno tempo Il posizionamento della barriera è molto importante in quanto stabilisce il limite entro il quale è possibile apportare modifiche ai piani. - I piani sono bloccati (freeze) dalla data odierna fino alla time fence, per non destabilizzare troppo la produzione. - I piani sono modificabili dopo la barriera Si tende a porre la barriera lontano per stabilizzare i processi ma si rischia di non rispondere con tempismo al cliente. Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 2

3 Modello ERP E uno schema universale per le aziende di produzione che racchiude la filosofia occidentale della gestione che prevede un approccio matematico in cui la prima azione è pianificare, cercando di ottimizzare i processi, per poi produrre. - Piano strategico si stabilisce il mercato dove operare e quali prodotti produrre, si stabiliscono le strategie per ottenere i vantaggi competitivi e le strategie da attuare nei confronti degli stackeolder. Si stabiliscono le decisioni sugli investimenti da effettuare. Sono gli obiettivi di lungo periodo. - Piano aggregato vendite si stabilisce, sul lungo periodo in termini aggregati, i volumi di domanda che l azienda si attende di dover fronteggiare. Comunica al piano inferiore l obiettivo da raggiungere espresse in unità di prodotto aggregate. - Piano di programmazione aggregata si stabilisce la modalità con cui erogare i volumi di produzione richiesti in base ai fabbisogni di domanda. E un vettore in cui mese per mese si dichiarano i volumi di produzione che verranno erogati. Contemporaneamente con la pianificazione delle risorse si stabilisce la quantità ottimale di risorse necessarie per erogare il volume di produzione stabilito dichiarando la loro gestione (scorte,manodopera,subforniture,ecc). - Piano principale di produzione (MPS) piano dettagliato che definisce per ogni prodotto finito il volume di produzione da realizzare per ogni intervallo di tempo. Si considerano anche le produzioni dei singoli componenti che poi l azienda può vendere come ricambi. In questo livello le informazioni vengono continuamente rielaborate per determinare l effettiva stima di domanda e quindi di volume di produzione da erogare. Infatti si dovrà modulare la produzione in base alla domanda dei centri di distribuzione del prodotto, e non in base alla domanda dei clienti finali. - Rough-cut capacity plan si rielabora l informazione sulla domanda e si effettua una verifica delle effettive capacità dell impianto e sulla suddivisione dei volumi di produzione per i singoli pezzi che la soddisfi la domanda. Si ha l Unità di Prodotto Aggregato come input e si quantifica la capacità necessaria per ottenere i volumi di produzione di ogni singolo prodotto. Quindi si verifica la propria capacità. Se questa non è sufficiente la disaggregazione effettuata non è corretta e si adottano interventi di emergenza, ma non strutturali. Nel caso le correzioni non siano efficaci si calcola una disaggregazione coerente con la capacità a disposizione. - Material Requirements Plan (MRP) Si stabiliscono i volumi di produzione dei componenti necessari per realizzare i prodotti finiti. Massimo livello di dettaglio per il calcolo delle risorse necessarie. Si effettua quindi un'altra verifica di dettaglio della capacità produttiva a disposizione con il Capacity Requirements Plan(CRP). Se la capacità non è sufficiente si effettua una nuova disaggregazione dei prodotti fino ad ottenerne una congrua. Deciso il mix produttivo, avuta la distinta base ed i materiali presenti a scorta, si effettua il rifornimento delle risorse. La pianificazione avviene anche in base alla conoscenza dei cicli di lavorazione. In questo modo si ha il consumo di capacità produttiva netta. - Una volta accertato che il volume di produzione, stabilito nel piano principale di produzione, è sufficiente e ben bilanciato tra le parti del mix produttivo si rilasciano gli ordini di approvvigionamento, diventerà operativo il piano dei fabbisogni, e si inizia lo scheduling dei job. - E necessaria una fase di monitoraggio e controllo per verificare il corretto svolgimento del processo. Il processo può evidenziare alcuni scostamenti dai valori previsti, quindi si deve operare tempestivamente effettuando delle scelte in tempo da minimizzare gli scostamenti rilevati. Se questa azione non è efficace si deve modificare la pianificazione precedente. Si tratta quindi di una continua attività di rielaborazione ed aggiornamento dei piani. Ogni fase evidenziata risulta essere un area decisionale, in cui le decisioni vengono prese da figure aziendali diverse che in genere hanno obiettivi individuali diversi gli uni dagli altri, infatti: - Marketing vuole avere un livello di servizio alto, quindi velocizzando i tempi di consegna ed evitando ritardi, per soddisfare il cliente. Vorrebbe utilizzare le scorte e modificare la produzione all occorrenza. Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 3

4 - Finanza punta a minimizzare i flussi finanziari, perciò non gradisce sostenere i costi di mantenimento a scorta ed i costi necessari per un eventuale cambio capacità produttiva. - Produzione cerca di rendere i cicli produttivi ripetitivi, quindi non gradisce le modifiche della produzione ed i tempi di consegna brevi. - Management esige il massimo rendimento dalla produzione. L ing.gestionale deve saper mediare tra gli obiettivi di tutte le aree decisionali ed operare decisioni sapendone prevedere tutti gli impatti (ricavi e perdite). Programmazione della produzione La produzione può essere effettuata secondo due diverse logiche: - Produzione a scorta il sistema produttivo lavora per rifornire con continuità il magazzino, dal quale la rete di distribuzione provvederà a prelevarlo ed a consegnarlo al cliente (non c è un diretto contatto). Ad ogni prelievo dal magazzino si effettua un ordine di reintegro per la scorta intaccata. In questa logica la produzione avviene prima di conoscere la domanda, lavorando quindi su previsione e tramite l osservazione dei target passati. La prod. a scorta viene utilizzata per prodotti standard con domanda stabile. - Produzione a fabbisogno il sistema produttivo lavora al manifestarsi della domanda, in base quindi ad un ordine di acquisto. I prodotti non sono standard ed il cliente può richiederne una variante. Poiché si lavora in base alla domanda non sono necessarie scorte e la consegna avviene direttamente al cliente. In realtà si opera con una programmazione ibrida per non costringere il cliente ad aspettare tutto il ciclo di produzione. Quindi o si anticipa parte del ciclo produttivo o si utilizza una piccola parte di scorta. Il PM deve accettare o meno l ordine e contrattare una data di consegna in base alle informazioni di produzione a disposizione. Due importanti grandezze da tenere in considerazione sono: - P-Time tempo di produzione con LT = tempo di approvvigionamento T A = tempo di attraversamento = T attesa batching + T in coda + T setup + T di lavoro + T movimentazione E il tempo più lungo dei routing in parallelo delle parti che compongono il prodotto finito. - D-Time delivery time, rappresenta l intervallo di tempo, definito dalle esigenze del mercato, concesso dal mercato per far fronte alla domanda. Per monitorare la bontà del processo si effettua il confronto tra le due grandezze. Classificazione dei sistemi produttivi in base alla modalità di risposta alla domanda - Produzione a magazzino Si anticipa previsionalmente la domanda e si determinano i volumi di produzione per ogni prodotto finale. La produzione viene intrapresa prima della ricezione degli ordini dei clienti, quindi sono necessari magazzini per collocare i prodotti finiti. Si usa per prodotti standard. MAKE TO STOCK (MTS) Si produce una gamma di prodotti standard destinati a rifornire su previsione un magazzino. Il cliente viene servito dal magazzino. Si usa quando il cliente non accetta di attendere il lead time di fabbricazione o assemblaggio. Il cliente vede un lead time di consegna minimo ma, ciò viene pagato con costi elevati di mantenimento a scorta. Si usa beni di largo consumo (es. farina, pasta, giocattoli). - Produzione su commessa La produzione viene intrapresa (almeno parzialmente) sulla base degli ordini dei clienti, quindi reagendo al mercato. Si accettano gli ordini e si promette una data di consegna. ASSEMBLE TO ORDER (ATO) grazie alla struttura modulare del prodotto o alla comunanza di molti componenti si ha un ampio margine di configurabilità e customizzazione da parte del cliente. Si usa quando il cliente è disposto ad attendere il lead time di assemblaggio pur di ottenere un prodotto custom. Misto tra produzione su commessa e previsione poiché i sottoassiemi vengono prodotti a stock su previsione mentre il montaggio finale su commessa. Si mantiene un magazzino di componenti e sottoassiemi e l azienda evita i costi di mantenere scorte dei numerosi end-item (es.automobili,pc) MAKE TO ORDER (MTO) Produzione per commesse ripetitive. La produzione inizia solo dopo l acquisizione degli ordini. Gli acquisti di materie prime sono gestiti a previsione su base dell MPS e si mantiene un magazzino di materiali. In genere non si mantengono scorte di prodotti finiti. Le due date possono essere negoziate col cliente ma più spesso è il cliente che si adegua al lead time dei costruttori. (Es. Mobili a catalogo, elettrodomestici). Si ha il Purchase To Order (PTO) se l approvvigionamento dei materiali avviene dopo l acqusizione degli ordini. Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 4

5 ENGINEERING TO ORDER Produzione su commessa singola con disegno del prodotto ed approvvigionamenti secondo specifiche del cliente. Le due date si negoziano col cliente. Non si mantengono scorte di prodotti finiti. Alla luce della classificazione fatta si possono considerare due logiche con cui sarà realizzata la produzione: - (Push) produzione a scorta fasi di produzione su previsione, la produzione comincia prima del manifestarsi della domanda. Se le previsioni sono sbagliate non si vende tutto il prodotto, ma è possibile far fronte ad oscillazioni della domanda. - (Pull) produzione a fabbisogno fasi di produzione su ordine, la produzione comincia al manifestarsi della domanda. Diminuisce notevolmente il costo delle scorte, ma non reagisce bene alla variabilità della domanda, generando situazioni di stock-out. Nei sistemi si utilizzano logiche ibride, disaccoppiando le due fasi tramite il customer order point. Logica di gestione dei flussi produttivi Considerando un sistema di produzione seriale si hanno due logiche di gestione dei flussi: - (Pull) gestione a scorta si reagisce, e si ricomincia la produzione, ai consumi di scorta a valle, in modo da ripristinare le scorte e quindi lo stato del sistema. - (Push) gestione a fabbisogno si produce in base alla previsione della domanda. Si comincia a produrre in base ai fabbisogni futuri. Modalità di avanzamento dei materiali In base alle modalità di avanzamento dei materiali si possono classificare i sistemi: - Pull il materiale avanza dal reparto a monte perche quello a valle lo richiede. Il sistema viene gestito imponendo il TH e controllando il WIP. - Push il materiale viene trasferito in base all emissione di ordini da parte del piano di produzione. Il sistema viene gestito imponendo il TH ed osservando il WIP. Stato\logica push pull Mix P-time > D-time si no si P-time < D-time si si Si Produttività dei fattori di produzione Manodopera Impianti Materiali Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 5

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

I Sistemi di produzione PULL

I Sistemi di produzione PULL I Sistemi di produzione PULL Sistema Push Il sistema push pianifica e schedula la produzione basandosi sulla previsione di domanda o sull acquisizione di ordini dei clienti. Quindi si controlla il rilascio

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

La Pianificazione dei Fabbisogni

La Pianificazione dei Fabbisogni 1 La Pianificazione dei Fabbisogni Le tecniche di Gestione a Fabbisogno in contrapposizione alle tecniche di Gestione a Scorta La Tecnica del Material Requirement Planning o MRP: i dati d ingresso le fasi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Glossario e Formulario Glossario e Formulario Pianificazione Programmazione Tempi di produzione KanBan

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione E il processo decisionale attraverso il quale sono organizzate le risorse produttive al fine di conseguire determinati obiettivi. Si estrinseca temporalmente attraverso tre

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUINTO I MODELLI DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE E DEI MATERIALI SOMMARIO: 1. I processi produttivi. - 2. Layout delle macchine operatrici. - 3. I sistemi flessibili di produzione. - 4. La scelta

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area produttiva Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per il flusso produttivo Trattamento dei processi di definizione

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

Piano dei fabbisogni di materiali

Piano dei fabbisogni di materiali Piano dei fabbisogni di materiali MRP 1 Pianificazione dei fabbisogni Obiettivo generale è determinare: quali assiemi, sottoassiemi, parti e materie prime sono necessari per realizzare un determinato MPS;

Dettagli

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria Corso di gestione dell informazione aziendale Teoria Anno Accademico 2004/2005 1 Programma $ % $ $!" # # 2 Operations Management In questa Area vedremo: Le strategie produttive (problemi di make or buy,

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT Corso di TECNOLOGIA, INNOVAZIONE, QUALITÀ Prof. Alessandro Ruggieri Prof. Enrico Mosconi A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Gestione della produzione Lean

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE

IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Generalità 1 2 Elaborazione del piano principale per produzione MTS 2 2.1 MPS per produzione MTS...................... 2 2.2

Dettagli

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione MRP Prof. Sergio Cavalieri critici La pianificazione dei fabbisogni Madio / Lungo Termine Master Production Schedule (MPS) Programmazione Aggregata Strategia Famiglie prodotti Lungo Termine

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI CAPACITÀ (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Introduzione 1 2 Capacity Requirements Planning (CRP) 2 3 Dati di input di CRP 2 4 La capacità disponibile 4 5

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Manufacturing e Automotive Obiettivi per i sistemi produttivi Riduzione dei costi totali nella catena logistica Maggior servizio ai clienti Riduzione dei

Dettagli

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11 Schema generale di flusso logistico SVILUPPO PRODOTTO ACQUISTO MAGAZZINO PROGETTI PROGETTAZIONE APPROVVIGIONAMENTO MAGAZZINO MATERIE PRIME FABBRICAZIONE CLIENTE FINALE MAGAZZINO COMPONENTI ASSEMBLAGGIO

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

Material Requirements Planning

Material Requirements Planning Material Requirements Planning SISTEMI DI GESTIONE PUSH Si preferiscono in generale, per codici posti a livelli inferiori della distinta base (a domanda dipendente); ed in particolare, in presenza del

Dettagli

ERP: L area produ/va

ERP: L area produ/va ERP: L area produ/va Obie/vi Funzioni base dei sistemi per il flusso produ/vo Tra=amento dei processi di definizione del prodo=o Pianificazione della produzione, sia da un punto vista strategico che operacvo

Dettagli

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Capacità Finita Applicata Alla Schedulazione Degli Ordini Pianif Descrizione Modello E un tool che: Integra la funzione delle vendite con quella logistico-produttiva

Dettagli

Strategie Funzionali di Manufacturing

Strategie Funzionali di Manufacturing Strategie Funzionali di Manufacturing Metodologie Best Practices Processi Produttivi Le tre classificazioni 1 Strategie per il Manufacturing La strategie di manufacturing sono il collegamento tra strategia

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Pianificazione e controllo delle risorse

Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Gestione dell allocazione delle risorse in modo che i processi dell azienda siano efficienti e riflettano la domanda di

Dettagli

Pianificazione produzione. Pianificazione della produzione

Pianificazione produzione. Pianificazione della produzione Pianificazione Passi nella pianificazione della : Pianificazione della Pianificazione aggregata delle risorse 11/11/2002 13.49 previsione della domanda su orizzonte T, pianificazione aggregata a medio

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

Il Rolling Kanban (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Maurizio Boyer

Il Rolling Kanban (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Maurizio Boyer Quaderni di Management n. (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Summary La gestione a vista costituisce un ottimo sistema per regolare le attività, in particolare produttive, in quanto permette

Dettagli

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it ARCHITETTURA APPLICATIVA Il processo elaborativo si sviluppa in cinque passi. ERP XML PLANNING SERVER 1 Estrazione dei dati dai data base in cui sono gestiti e creazione di file XML che vengono trasferiti

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Industriale 1 Capitolo 1 Livelli decisionali nei processi produttivi Simona Sacone - DIST 2 Introduzione Marketing Livello strategico Design Ufficio commerciale

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie Moduli Applicativi BMS-PRS: Produzione di Serie BMS-PRC: Produzione a Commessa BMS-PIP: Pianificazione Produzione BMS-CNP: Configuratore di Prodotto BMS-QUA: Qualità e Non Conformità BMS-DOC: Gestione

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Gestione delle scorte

Gestione delle scorte Magazzini 1 Introduzione Sistemi di gestione delle scorte gestione a fabbisogno dei materiali gestione a scorta dei materiali sistemi a PERIODO MULTIPLO modello a Quantità Fissa modello a Tempo Fisso ulteriori

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

Introduzionee principali classificazioni

Introduzionee principali classificazioni Introduzionee principali classificazioni Roberto Pinto Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione (DIGIP) Università di Bergamo Di cosa parliamo in questo corso? Il termine

Dettagli

Modulo Produzione AdHoc Enterprise

Modulo Produzione AdHoc Enterprise Modulo Produzione AdHoc Enterprise La Gestione della Produzione in Enterprise è suddivisa in nove moduli di cui uno dedicato alla produzione su commessa singola e gli altri otto alle altre diverse realtà

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA Le imprese che operano nel campo dell automazione, macchine automatiche, impianti e robotica rappresentano una delle più importanti filiere

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

LA DISTINTA BASE item evidenziare le relazioni o i legami gerarchici diba

LA DISTINTA BASE item evidenziare le relazioni o i legami gerarchici diba LA DISTINTA BASE La distinta base (BOM - bill of material) di un qualsiasi prodotto (finito o semilavorato) è l insieme degli item che lo compongono, organizzato in modo da evidenziare le relazioni o i

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Allocazione delle scorte nelle reti distributive. Quantità di prodotti. supply chain management Pianificazione

Allocazione delle scorte nelle reti distributive. Quantità di prodotti. supply chain management Pianificazione Fabrizio Dallari, Damiano Milanato - Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo Aprile 2013 44 Lo stock disponibile presso i depositi centrali delle reti logistiche è spesso insufficiente

Dettagli

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani MODELLI DI GESTIONE DELLE SCORTE DIEM Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna 1/28 Scorte Le scorte possono essere

Dettagli

Definizioni di scorte

Definizioni di scorte LA GESTIONE DELLE SCORTE Nozioni di base Definizioni di scorte insieme di materie, semilavorati e prodotti che in un determinato momento sono in attesa di partecipare ad un processo di trasformazione o

Dettagli

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione Capitolo 9 Gestione delle scorte Introduzione 1 Salvo rare eccezioni, le scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti sono una presenza invitabile in ogni tipo di processo e in ogni rete di

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

Pianificazione aggregata

Pianificazione aggregata Pianificazione aggregata Pianificazione aggregata 1 Programmazione della produzione: fasi La programmazione della produzione, tenuto conto degli obiettivi strategici, a partire da ordini e/o previsioni

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione 1 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE CAP.1 :Terminologia 2 TERMINOLOGIA Efficacia Efficacia : Risultato fornito Risultato previsto

Dettagli

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Michelangelo Ingrassia Responsabile Soluzioni Aziendali Hub Nord Ovest m.ingrassia@teamsystem.com Diamo forma al cambiamento

Dettagli

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab Release 3.1.3 WHIT E PAPER Giugno 2003 A chi si rivolge, è stato pensato per la gestione ed il controllo delle fasi del ciclo produttivo. Caratteristiche generali I moduli affrontano e risolvono tutte

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

Parte Quarta Aspetti Logistici della Vendita

Parte Quarta Aspetti Logistici della Vendita Parte Quarta Aspetti Logistici della Vendita Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula La logistica di vendita La logistica di vendita riguarda l insieme delle operazioni compiute nell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Tesi di Laurea Gestione dei processi di approvvigionamento.

Dettagli

La distinta base per l mrp

La distinta base per l mrp Gestione della produzione industriale La distinta base per l mrp mrp - prospettiva storica MRP II Manufacturing Resource Planning mrp material requirements planning UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA ERP-

Dettagli

Studi di Fattibilità - Manufacturing & Plants

Studi di Fattibilità - Manufacturing & Plants Studi di Fattibilità - Manufacturing & Plants Produzione Marco Raimondi Strumenti di pianificazione, programmazione e controllo/avanzamento Gli obiettivi degli Strumenti per la pianificazione, la programmazione

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione. Introduzione: I sistemi di produzione. A cura di: Ing. Massimiliano Caramia Ing. Riccardo Onori

Modelli di Sistemi di Produzione. Introduzione: I sistemi di produzione. A cura di: Ing. Massimiliano Caramia Ing. Riccardo Onori Modelli di Sistemi di Produzione Introduzione: I sistemi di produzione A cura di: Ing. Massimiliano Caramia Ing. Riccardo Onori Capitolo 1 I sistemi di produzione 1.1 Definizione Per sistema si intende

Dettagli

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi 1) Modello di riferimento Per prestazioni di un sistema produttivo si intendono i risultati direttamente percepibili e misurabili dal cliente oppure dal sistema

Dettagli

Gestione dati tecnici di prodotto. Ing. Francesco Grassi - www.consulenzagestionale.it

Gestione dati tecnici di prodotto. Ing. Francesco Grassi - www.consulenzagestionale.it Gestione dati tecnici di prodotto Obiettivo dell attività di Gestione dei Dati Tecnici: Ricercare e Formalizzaretutte le informazioni tecniche di prodotto, generate nelle diverse attività di creazione

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa.

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. Area Produzione l Controllo di Produzione l Distinta Base e Cicli di Produzione l Politiche MRP I e II l Schedulatore l Conto Lavoro La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. I moduli preposti in

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Che cos è una supply chain? Definizione

Che cos è una supply chain? Definizione Che cos è una supply chain? Definizione L espressione supply chain descrive le forme di collegamento esistenti fra le organizzazioni (fornitori, produttori, distributori e clienti) Servizi Fornitori Operations

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te.

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.axioma.it Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.softwareproduzione.it Come lavora la tua azienda? Quale modello produttivo usa? Processo continuo

Dettagli

Pianificazione reverse

Pianificazione reverse Management Borsette di alta moda Pianificazione reverse Massimiliano Oleotto, Mario Chientaroli - Supply Chain Management senior consultants Gli order winners di Renato Corti, azienda milanese che produce

Dettagli

Intesa Spa Ottobre 2015

Intesa Spa Ottobre 2015 Intesa Spa Ottobre 2015 INDICE DEI CONTENUTI 3 5 6 7 12 13 14 16 17 18 19 20 INDUSTRY TREND & DYNAMIC ESIGENZE DI BUSINESS OVERVIEW DELLA SOLUZIONE CONFIGURAZIONE DELLA SOLUZIONE BUSINESS E TECHNICAL DRIVER

Dettagli

Centri di Smistamento

Centri di Smistamento 1 Centri di Smistamento Progettazione e criteri di dimensionamento Agenda 2 Centri di Smistamento Il Dimensionamento Premessa Campo di applicazione I segmenti di processo Punti di attenzione Linee guida

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it PROCEDURE SOFTWARE PER LA GESTIIONE DELLE AZIIENDE DII PRODUZIIONE DELLE MACCHIINE IINDUSTRIIALII Macchiine Agriicolle Macchiine Ediillii Macchiine Tessiillii Macchiine Uttensiillii Dalla tracciatura del

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE Domande di analisi e ripasso 1. Distinguete quali materiali possono essere a domanda dipendente e a domanda indipendente in un ristorante McDonald s, in un produttore

Dettagli

Programmazione e controllo

Programmazione e controllo Programmazione e controllo IL SISTEMA DI CONTROLLO DIREZIONALE: BUDGETING 1 IL BUDGET DELLE ALTRE AREE IL BUDGET GLOBALE 2 TIPOLOGIE DI COSTO SONO PREVALENTI I COSTI DEL PERSONALE, OSSIA STIPENDI IMPIEGATI

Dettagli