La Gestione della Produzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Gestione della Produzione"

Transcript

1 La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra più alternative sulla base di informazioni per coordinare appropriatamente flussi di materiale e l allocazione nel tempo delle risorse produttive - interagire con clienti e fornitori Sistema di pianificazione e controllo della gestione è uno strumento per gestire efficientemente il flusso di materiali, l impiego della manodopera, delle macchine e degli impianti per rispondere al meglio alle esigenze dei clienti utilizzando appropriatamente la capacità produttiva interna e quella dei fornitori per soddisfare la domanda che proviene dal mercato. I tre ambiti decisionali in un azienda sono: - Definizione delle strategie aziendali - Gestione della produzione formalizzare i piani di produzione, gestire i flussi di materiali e controllare l avanzamento della produzione - Assicurare le risorse necessarie alla produzione Approccio bottom-up parte dai problemi a livello di shop-floor e arriva a definire strategie aziendali basate sull ottimizzazione dei singoli sottosistemi produttivi Approccio top-down gerarchico e parte dagli obiettivi strategici dell impresa per arrivare all analisi dei sub sistemi La complessità degli attuali sistemi produttivi rende l approccio bottom-up inadeguato perché l ottimo dei sistemi complessi non coincide con l insieme dei punti ottimi dei loro componenti. Spesso è comunque più opportuno un approccio misto. Viene utilizzato un approccio gerarchico e disaggregato per i seguenti motivi: - La grande dimensione delle aziende e la complessità del problema da gestire impedisce di realizzare un unico piano o di predisporre tutti i piani contemporaneamente. Vi sono troppe variabili e interazioni per poterle includere in un singolo modello. Solo scomponendo il problema in porzioni più limitate lo si riesce a gestire. - Le diverse decisioni da prendere hanno degli orizzonti temporali molto diversi tra loro. Predisporre un unico piano obbliga a lavorare sul lungo periodo e non permette di avere informazioni aggiornate, a meno di un continuo, ma costoso, aggiornamento. - Molte aziende hanno una struttura organizzativa gerarchica ed è naturale adeguare il processo decisionale alla struttura organizzativa assegnando a ciascun livello autonomia decisionale nel proprio ambito di competenza. - Nella gestione della produzione due fattori sono molto importanti: - Fattore Tempo inteso con tre diversi significati Intervallo di tempo che intercorre tra la il momento della scelta ed il momento in cui essa inizia ad esplicare la sua efficacia Durata dell efficacia della scelta L attendibilità delle previsioni dipende dal tempo in cui sono state fatte - Livello di aggregazione dell informazione le informazioni sulla domanda possono risultare più o meno aggregate rispetto a due aspetti: Prodotti, (produzione globale, produzione per famiglie, produzione per specifici articoli Tempo, (domanda media annuale, domanda mensile, data di consegna) Importante In linea generale, le previsioni risultano tanto più attendibili quanto più prossimo è il periodo di tempo cui fanno riferimento e quanto più aggregato è il livello delle previsioni stesse. Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 1

2 Fasi del management 1) Pianificazione Consiste nel scegliere degli obiettivi misurabili e decidere come ottenerli, cioè definire la strategia dell impresa e predisporre i mezzi per attuarla. La pianificazione non solo fornisce un percorso da seguire ma consente di valutare la probabilità di ottenere un esito positivo. La fase molto importante della gestione della produzione è la fase di programmazione aggregata (orizzonte temporale di circa un anno) ossia una fase in cui si effettua una pianificazione di più ampio respiro. Si determina il volume di produzione che l impianto dovrà erogare, considerando la domanda stimata, decidendo come modulare la capacità produttiva, e,molto importante, come gestire gli squilibri che si creano tra volume di produzione e domanda (facendo ricorso a scorte, introducendo lo straordinario, o delegando a terzi). Pianificazione di lungo periodo (si studiano strategie di vendita e di acquisizione del vantaggio competitivo, studiando nuove linee di prodotti e mercati. Pianificazione di medio periodo (individuazione dei fornitori, della manodopera, della materia prima e gestione delle scorte. 2) Programmazione E la pianificazione di dettaglio, cioè la disaggregazione dei piani di lungo periodo in piani operativi di medio e breve periodo. Si redige il piano principale di produzione (orizzonte temporale inferiore all anno), e si descrive lo scheduling delle varie operazioni in un orizzonte temporale inferiore al mese. 3) Esecuzione fase operativa di attuazione dei piani. 4) Controllo Osservazione dei risultati dell azione, comparazione con i risultati attesi e individuazione di eventuali misure correttive. Ad ognuna di queste fasi corrisponde la redazione di piani di azione anch essi legati gerarchicamente che devono essere continuamente aggiornati a fronte di cambiamenti e del passare del tempo. I piani strategici vengono redatti dal personale direttamente interessato e con la dovuta competenza (acquisendo direttive dal livello superiore e rilasciandole al livello inferiore).dividi et impera. I principali piani sono; 1) Piano strategico 2) piano aggregato non si entra in dettaglio dei volumi di produzione dei singoli prodotti, ma solo come varia nel tempo la capacità produttiva ed il volume di produzione ed il livello complessivo di scorte (intervallo temporale di un anno con discretizzazione mensile) 3) piano principale di produzione (Master Production Schedule) è il programma delle attività di medio periodo che specifica i volumi di produzione di ogni prodotto finito che si realizzano,disaggregazione del prodotto (intervallo temporale di sei mesi-un anno, con discretizzazione da un mese-una settimana). 4) piano dei fabbisogni (Materials Requerements Plan) descrizione in dettaglio delle quantità di produzione giornaliera, inoltre descrive il fabbisogno di materiali e componenti per realizzare le attività di produzione. Si effettua anche il piano del lancio degli ordini.(intervallo di tempo di sei mesi con discretizzazione settimanale) 5) Piano operativo quale lavorazione, ora per ora, deve essere effettuata, specificando le attività per ogni risorsa. (intervallo temporale di un mese con discretizzazione di un ora). Rolling orizon Questi piani vengono continuamente aggiornati e rielaborati periodicamente su un orizzonte mobile. I piani quindi scorrono nel tempo mantenendo la loro ampiezza. Ciò implica una ciclica rielaborazione delle informazioni che all interno di un orizzonte temporale assumono un diverso grado di attendibilità. Info time fence Informazioni riguardanti il breve periodo sono più certe delle informazioni riguardanti il lungo periodo. Il piano risulta essere un indicazione di ciò che deve essere fatto, nella parte destra della barriera,e ciò che si deve fare, nella parte sinistra. 1anno tempo Il posizionamento della barriera è molto importante in quanto stabilisce il limite entro il quale è possibile apportare modifiche ai piani. - I piani sono bloccati (freeze) dalla data odierna fino alla time fence, per non destabilizzare troppo la produzione. - I piani sono modificabili dopo la barriera Si tende a porre la barriera lontano per stabilizzare i processi ma si rischia di non rispondere con tempismo al cliente. Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 2

3 Modello ERP E uno schema universale per le aziende di produzione che racchiude la filosofia occidentale della gestione che prevede un approccio matematico in cui la prima azione è pianificare, cercando di ottimizzare i processi, per poi produrre. - Piano strategico si stabilisce il mercato dove operare e quali prodotti produrre, si stabiliscono le strategie per ottenere i vantaggi competitivi e le strategie da attuare nei confronti degli stackeolder. Si stabiliscono le decisioni sugli investimenti da effettuare. Sono gli obiettivi di lungo periodo. - Piano aggregato vendite si stabilisce, sul lungo periodo in termini aggregati, i volumi di domanda che l azienda si attende di dover fronteggiare. Comunica al piano inferiore l obiettivo da raggiungere espresse in unità di prodotto aggregate. - Piano di programmazione aggregata si stabilisce la modalità con cui erogare i volumi di produzione richiesti in base ai fabbisogni di domanda. E un vettore in cui mese per mese si dichiarano i volumi di produzione che verranno erogati. Contemporaneamente con la pianificazione delle risorse si stabilisce la quantità ottimale di risorse necessarie per erogare il volume di produzione stabilito dichiarando la loro gestione (scorte,manodopera,subforniture,ecc). - Piano principale di produzione (MPS) piano dettagliato che definisce per ogni prodotto finito il volume di produzione da realizzare per ogni intervallo di tempo. Si considerano anche le produzioni dei singoli componenti che poi l azienda può vendere come ricambi. In questo livello le informazioni vengono continuamente rielaborate per determinare l effettiva stima di domanda e quindi di volume di produzione da erogare. Infatti si dovrà modulare la produzione in base alla domanda dei centri di distribuzione del prodotto, e non in base alla domanda dei clienti finali. - Rough-cut capacity plan si rielabora l informazione sulla domanda e si effettua una verifica delle effettive capacità dell impianto e sulla suddivisione dei volumi di produzione per i singoli pezzi che la soddisfi la domanda. Si ha l Unità di Prodotto Aggregato come input e si quantifica la capacità necessaria per ottenere i volumi di produzione di ogni singolo prodotto. Quindi si verifica la propria capacità. Se questa non è sufficiente la disaggregazione effettuata non è corretta e si adottano interventi di emergenza, ma non strutturali. Nel caso le correzioni non siano efficaci si calcola una disaggregazione coerente con la capacità a disposizione. - Material Requirements Plan (MRP) Si stabiliscono i volumi di produzione dei componenti necessari per realizzare i prodotti finiti. Massimo livello di dettaglio per il calcolo delle risorse necessarie. Si effettua quindi un'altra verifica di dettaglio della capacità produttiva a disposizione con il Capacity Requirements Plan(CRP). Se la capacità non è sufficiente si effettua una nuova disaggregazione dei prodotti fino ad ottenerne una congrua. Deciso il mix produttivo, avuta la distinta base ed i materiali presenti a scorta, si effettua il rifornimento delle risorse. La pianificazione avviene anche in base alla conoscenza dei cicli di lavorazione. In questo modo si ha il consumo di capacità produttiva netta. - Una volta accertato che il volume di produzione, stabilito nel piano principale di produzione, è sufficiente e ben bilanciato tra le parti del mix produttivo si rilasciano gli ordini di approvvigionamento, diventerà operativo il piano dei fabbisogni, e si inizia lo scheduling dei job. - E necessaria una fase di monitoraggio e controllo per verificare il corretto svolgimento del processo. Il processo può evidenziare alcuni scostamenti dai valori previsti, quindi si deve operare tempestivamente effettuando delle scelte in tempo da minimizzare gli scostamenti rilevati. Se questa azione non è efficace si deve modificare la pianificazione precedente. Si tratta quindi di una continua attività di rielaborazione ed aggiornamento dei piani. Ogni fase evidenziata risulta essere un area decisionale, in cui le decisioni vengono prese da figure aziendali diverse che in genere hanno obiettivi individuali diversi gli uni dagli altri, infatti: - Marketing vuole avere un livello di servizio alto, quindi velocizzando i tempi di consegna ed evitando ritardi, per soddisfare il cliente. Vorrebbe utilizzare le scorte e modificare la produzione all occorrenza. Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 3

4 - Finanza punta a minimizzare i flussi finanziari, perciò non gradisce sostenere i costi di mantenimento a scorta ed i costi necessari per un eventuale cambio capacità produttiva. - Produzione cerca di rendere i cicli produttivi ripetitivi, quindi non gradisce le modifiche della produzione ed i tempi di consegna brevi. - Management esige il massimo rendimento dalla produzione. L ing.gestionale deve saper mediare tra gli obiettivi di tutte le aree decisionali ed operare decisioni sapendone prevedere tutti gli impatti (ricavi e perdite). Programmazione della produzione La produzione può essere effettuata secondo due diverse logiche: - Produzione a scorta il sistema produttivo lavora per rifornire con continuità il magazzino, dal quale la rete di distribuzione provvederà a prelevarlo ed a consegnarlo al cliente (non c è un diretto contatto). Ad ogni prelievo dal magazzino si effettua un ordine di reintegro per la scorta intaccata. In questa logica la produzione avviene prima di conoscere la domanda, lavorando quindi su previsione e tramite l osservazione dei target passati. La prod. a scorta viene utilizzata per prodotti standard con domanda stabile. - Produzione a fabbisogno il sistema produttivo lavora al manifestarsi della domanda, in base quindi ad un ordine di acquisto. I prodotti non sono standard ed il cliente può richiederne una variante. Poiché si lavora in base alla domanda non sono necessarie scorte e la consegna avviene direttamente al cliente. In realtà si opera con una programmazione ibrida per non costringere il cliente ad aspettare tutto il ciclo di produzione. Quindi o si anticipa parte del ciclo produttivo o si utilizza una piccola parte di scorta. Il PM deve accettare o meno l ordine e contrattare una data di consegna in base alle informazioni di produzione a disposizione. Due importanti grandezze da tenere in considerazione sono: - P-Time tempo di produzione con LT = tempo di approvvigionamento T A = tempo di attraversamento = T attesa batching + T in coda + T setup + T di lavoro + T movimentazione E il tempo più lungo dei routing in parallelo delle parti che compongono il prodotto finito. - D-Time delivery time, rappresenta l intervallo di tempo, definito dalle esigenze del mercato, concesso dal mercato per far fronte alla domanda. Per monitorare la bontà del processo si effettua il confronto tra le due grandezze. Classificazione dei sistemi produttivi in base alla modalità di risposta alla domanda - Produzione a magazzino Si anticipa previsionalmente la domanda e si determinano i volumi di produzione per ogni prodotto finale. La produzione viene intrapresa prima della ricezione degli ordini dei clienti, quindi sono necessari magazzini per collocare i prodotti finiti. Si usa per prodotti standard. MAKE TO STOCK (MTS) Si produce una gamma di prodotti standard destinati a rifornire su previsione un magazzino. Il cliente viene servito dal magazzino. Si usa quando il cliente non accetta di attendere il lead time di fabbricazione o assemblaggio. Il cliente vede un lead time di consegna minimo ma, ciò viene pagato con costi elevati di mantenimento a scorta. Si usa beni di largo consumo (es. farina, pasta, giocattoli). - Produzione su commessa La produzione viene intrapresa (almeno parzialmente) sulla base degli ordini dei clienti, quindi reagendo al mercato. Si accettano gli ordini e si promette una data di consegna. ASSEMBLE TO ORDER (ATO) grazie alla struttura modulare del prodotto o alla comunanza di molti componenti si ha un ampio margine di configurabilità e customizzazione da parte del cliente. Si usa quando il cliente è disposto ad attendere il lead time di assemblaggio pur di ottenere un prodotto custom. Misto tra produzione su commessa e previsione poiché i sottoassiemi vengono prodotti a stock su previsione mentre il montaggio finale su commessa. Si mantiene un magazzino di componenti e sottoassiemi e l azienda evita i costi di mantenere scorte dei numerosi end-item (es.automobili,pc) MAKE TO ORDER (MTO) Produzione per commesse ripetitive. La produzione inizia solo dopo l acquisizione degli ordini. Gli acquisti di materie prime sono gestiti a previsione su base dell MPS e si mantiene un magazzino di materiali. In genere non si mantengono scorte di prodotti finiti. Le due date possono essere negoziate col cliente ma più spesso è il cliente che si adegua al lead time dei costruttori. (Es. Mobili a catalogo, elettrodomestici). Si ha il Purchase To Order (PTO) se l approvvigionamento dei materiali avviene dopo l acqusizione degli ordini. Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 4

5 ENGINEERING TO ORDER Produzione su commessa singola con disegno del prodotto ed approvvigionamenti secondo specifiche del cliente. Le due date si negoziano col cliente. Non si mantengono scorte di prodotti finiti. Alla luce della classificazione fatta si possono considerare due logiche con cui sarà realizzata la produzione: - (Push) produzione a scorta fasi di produzione su previsione, la produzione comincia prima del manifestarsi della domanda. Se le previsioni sono sbagliate non si vende tutto il prodotto, ma è possibile far fronte ad oscillazioni della domanda. - (Pull) produzione a fabbisogno fasi di produzione su ordine, la produzione comincia al manifestarsi della domanda. Diminuisce notevolmente il costo delle scorte, ma non reagisce bene alla variabilità della domanda, generando situazioni di stock-out. Nei sistemi si utilizzano logiche ibride, disaccoppiando le due fasi tramite il customer order point. Logica di gestione dei flussi produttivi Considerando un sistema di produzione seriale si hanno due logiche di gestione dei flussi: - (Pull) gestione a scorta si reagisce, e si ricomincia la produzione, ai consumi di scorta a valle, in modo da ripristinare le scorte e quindi lo stato del sistema. - (Push) gestione a fabbisogno si produce in base alla previsione della domanda. Si comincia a produrre in base ai fabbisogni futuri. Modalità di avanzamento dei materiali In base alle modalità di avanzamento dei materiali si possono classificare i sistemi: - Pull il materiale avanza dal reparto a monte perche quello a valle lo richiede. Il sistema viene gestito imponendo il TH e controllando il WIP. - Push il materiale viene trasferito in base all emissione di ordini da parte del piano di produzione. Il sistema viene gestito imponendo il TH ed osservando il WIP. Stato\logica push pull Mix P-time > D-time si no si P-time < D-time si si Si Produttività dei fattori di produzione Manodopera Impianti Materiali Gestione della Produzione Industriale Appunti di DM Pagina 5

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Introduzione La complessità e la moltitudine delle realtà competitive che caratterizzano oggi le aziende industriali hanno progressivamente condotto alla ricerca di soluzioni

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO 1 PRODUZIONE SU COMMESSA CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA : - ORIGINA DAL

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Pagina 1 di 9 Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Descrizione dei prodotti valida dal febbraio 2015 Autore: Swissgrid SA Rielaborazioni: Versione Data Sezione 1.0 21.08.2008

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PRODUTTIVA IMPIANTI INDUSTRIALI. Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia. diana.rossi@ing.unibs.it. D. Rossi 1

PRODUTTIVA IMPIANTI INDUSTRIALI. Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia. diana.rossi@ing.unibs.it. D. Rossi 1 IMPIANTI INDUSTRIALI 8. ANALISI DELLA CAPACITÀ PRODUTTIVA Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia diana.rossi@ing.unibs.it Diana Rossi - Università di Brescia 1 D. Rossi 1 La capacità produttiva

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli