CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI"

Transcript

1 CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Prof. Vincenzo Duraccio Cap. 1

2 Definizione di Impianto industriale Si definisce impianto industriale,ovvero sistema produttivo, un insieme di elementi di qualsiasi specie, integrati e interagenti, aventi come obiettivo la produzione di beni e servizi di prevista utilità

3 Sono considerate attività produttive - aziende che trasformano tramite manodopera le materie prime - aziende di trasporto - aziende di immagazzinamento e di conservazione - aziende di diffusione di informazione -aziende che trattano la trasmissione dell energia In particolare abbiamo: Input - Terra ( terreno, materie prime, energie naturali) -Lavoro manodopera -Capitale ( denaro necessario a realizzare un processo produttivo,semilavorati, attrezzature, i mezzi e i fabbricati a disposizione dell azienda) -Organizzazione ( scelta ed utilizzo dei vari fattori produttivi) -Stato ( che partecipa alla realizzazione e all insediamento mediante infrastrutture e servizi) Output - Erogazione di un bene oppure di un servizio

4 CLASSIFICAZIONE PER SETTORE DI ATTIVITA E possibile classificare le aziende in base al proprio settore di attività - PRIMARIO - SECONDARIO - TERZIARIO Percentuale occupati Italia Percentuale occupati Italia Serie1 0,6 10 0,5 0,4 0,3 0 Agricolt ura Indust ria Servizi S1 0,2 Serie1 0,1 0 Agricolt ura Indust ria Servizi S1

5 Settore PRIMARIO E il primo settore di attività dell uomo. L agricoltura e la pesca rappresentano le due attività prevalenti di tale settore. Esso è caratterizzato dal fatto che: gli individui producono ciò che essi stessi consumano. situazione di equilibrio tra domanda ed offerta. la figura dominante è il contadino. la risorsa primaria: il suolo.

6 Settore SECONDARIO (rivoluzione industriale) Le attività che caratterizzano tale settore sono: la produzione industriale, l edilizia, miniere, la produzione di energia E possibile individuare due figure: il produttore (in posizione dominante) il consumatore (in posizione dominata) Tale settore risulta essere caratterizzato da una situazione di forte squilibrio tra domanda ed offerta. In tal senso il mercato assorbe tutto ciò che viene prodotto. La figura dominante è l operaio. La risorsa primaria è costituita da: fonti energetiche e materie prime.

7 Settore TERZIARIO (post-industriale) Le attività che caratterizzano tale settore risultano invece essere: i servizi ed altre attività economiche in genere. La figura dominante è il consumatore, animato dalla necessità di soddisfare i bisogni dell essere, legati all io. La risorsa prima è rappresentata invece dall informazione, dalla conoscenza e dalla creatività.

8 Distribuzione degli occupati per settore Settori Economici % Agricoltura 4,1 Industria 22,1 Costruzioni 8,6 Commercio 15,1 Alberghi e Ristoranti 4,9 Trasporti e Magazzinaggio 4,1 Comunicazione (TLC) 1,4 Intermediazione e finanza 2,7 Terziario avanzato 10,3 Pubblica Amministrazione 6,5 Istruzione, sanità ed altri servizi pubblici e sociali 15,1 Altri servizi 5,1 Totale settori 100,0

9 DEFINIZIONE DI SERVIZIO SERVIZIO: Lavoro del servire, atto spontaneo, prestazione organizzata, attività lavorativa, mettersi a disposizione. Nella letteratura manageriale: Lavorare per il beneficio di qualcuno (Juran) Un metodo per accrescere la soddisfazione del cliente o dell utilizzatore (Feigenbaum) Ogni lavoro produttivo che non si concretizza in alcun genere di hardware (Ishikawa) Insieme di benefici tangibili/intangibili, impliciti/espliciti (Normann) Comportamento umano o attività con obiettivi specifici e processi, il cui scopo è soddisfare i bisogni del cliente (Rosander)

10 CLASSIFICAZIONE PER DIMENSIONE Con riferimento alla dimensione, le aziende possono essere classificate in: PICCOLE; MEDIE; GRANDI Evidentemente tale distinzione ha senso soltanto se si definisce il parametro in base al quale effettuare tale classificazione. I parametri utilizzabili possono essere: Capacità produttiva, Numero di addetti, Investimenti Fatturato annuo, ecc.

11 L Art.2083 del codice civile in questo modo definisce i piccoli imprenditori: sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano una attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia Un altra definizione di piccola e media impresa viene fornita dalla Legge 6/ n.853, che effettua questo tipo di distinzione: - Piccole aziende investimenti 100 ML 1,5 MLD - Medie aziende investimenti 1,5 MLD 5 MLD - Grandi aziende investimenti > 5 MLD

12 DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA SECONDO LA C.E. In base alla disciplina comunitaria pubblicata sulla G.U.C.E. n.c213 del , la classificazione di piccola e media impresa avviene sulla base di tre parametri: 1) è definita piccola e media l impresa che: - ha meno di 250 dipendenti - ha un fatturato annuo non superiore a 40 milioni di ECU - è in possesso del requisito di indipendenza 2) è definita piccola l impresa che: - ha meno di 50 dipendenti - ha un fatturato annuo non superiore a 7 milioni di ECU - è in possesso del requisito di indipendenza

13 DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA FORNITRICE DI SERVIZI In base ai parametri fissati dal Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato con il D.M. 20 ottobre 1997 n.527 ed in base ai criteri stabiliti dal comma 2 dell art.1 del D.M. 18 settembre 1997: 1) è definita piccola e media l impresa che: - ha meno di 95 dipendenti - ha un fatturato annuo non superiore a 15 milioni di ECU - è in possesso del requisito di indipendenza 2) è definita piccola l impresa che: - ha meno di 20 dipendenti - ha un fatturato annuo non superiore a 2,7 milioni di ECU - è in possesso del requisito di indipendenza

14 RADIOGRAFIA DEL MERCATO DEL LAVORO 75% delle imprese italiane conta meno di 5 dipendenti 10% delle imprese ha tra 5 e 9 dipendenti Su imprese con oltre 100 addetti solo 213 sono quotate in borsa La quasi totalità delle aziende italiane sono P.M.I.

15 Classificazione in base alla forma giuridica -Impresa Individuale Società -Società di Persone Società semplice (S.s.) Società in nome collettivo (S.n.c) Società in accomandita semplice (S.a.s.) A scopo di lucro -Società di capitale Società per azioni (S.p.a.) Società in accomandita per azioni ( S.a.p.a.) Società a responsabilità limitata ( S.r.l.) Società a responsabilità limitata unipersonale (Sca.r.l.) -Società cooperative -Società in mutua assicurazione A scopo mutualistico

16 Classificazione per metodologie di produzione Classificazione di Wortmann -MTS (make to stock) produzione a magazzino -MTO ( make to order) produzione su commessa -ATO (Assembly to order) assemblaggio sulla base dell ordine -PTO (Purchase to order) acquisto componenti sulla base dell ordine -ETO ( Engineer to order) progettazione sulla base dell ordine

17 Unitaria Intermittente a lotti Continua Caratteristiche del prodotto (standardizzazione, prevedibilità) Magazzino Produzione Ripetitive Commesse Singole Per parti Fabbricazione Montaggio Volume di produzione Per processo Fabbricazione Modo di realizzare il prodotto

18 PRODUZIONE SU COMMESSA In tale tipo di aziende l attività produttiva viene intrapresa sulla base degli ordini dei clienti. Le principali caratteristiche di un tale tipo di produzione risultano essere: 1. Non ci sono problemi o rischi legati alle caratteristiche del prodotto 2. L industria definisce solo qualitativamente le lavorazioni che potrà svolgere 3. Sistema di produzione flessibile 4. L impresa è soggetta a rischi di esercizio (introduzione di clausole di revisione dei prezzi)

19 PRODUZIONE A MAGAZZINO In tale tipo di azienda invece l attività produttiva viene intrapresa prima di avere ricevuto gli ordini dei clienti Le principali caratteristiche risultano essere: 1. Definizione delle caratteristiche del prodotto mediante ricerche di mercato (prodotti standard) 2. L industria ha un proprio programma qualitativo e quantitativo 3. Sistema di produzione rigido 4. L impresa è soggetta a rischi di mercato (vendite a consegna differita)

20 In tale tipo di aziende è opportuno considerare il prodotto e la relativa vita. In tal senso è possibile compiere una distinzione tra prodotti a: - vita breve (qualche settimana) - vita media (qualche anno) - vita non limitata - obsolescenza (legato alla moda ed alla innovazione)

21 Dimensione dei lotti di produzione Bassa Elevata CONTINUO LINE BATCH JOB SHOP Orientata al prodotto Orientata alla funzione Tipologia di processo

22 LAYOUT PER PRODOTTO (tipologia LINE) MP PF Le persone ed i macchinari sono raggruppati in accordo alla sequenza delle operazioni realizzate sul prodotto. I corrispondenti layout sono chiamati layout in LINEA di PRODOTTO ovvero in linea di ASSEMBLAGGIO, perché si prestano all uso di nastri trasportatori e dispositivi automatizzati. (Es.: assemblaggio di automobili, industrie alimentari, ecc.) I centri di lavoro sono predisposti lungo uno stesso cammino fisso e lo scheduling consiste primariamente nello stabilire la VELOCITA di produzione.

23

24 Tubo di flusso del materiale Φ=cost A 1 R 1 A 2 R 2 A 3 R 3 R TOT = R 1 R 2 R 3 R n = A TOT = A 1 A 2 A 3 A n = n i 1 n i 1 R i Ai Ove: R= Reliability =Affidabilità A= Availability=Disponibilità

25 VANTAGGI Bassi costi di movimentazione dei materiali Manodopera a basso costo, non specializzata Ridotte scorte di work in progress Attività di controllo della produzione semplificata SVANTAGGI Mancanza di flessibilità Ripetitività delle operazioni Costi fissi elevati a causa degli investimenti in impianti specializzati Forte interdipendenza tra le operazioni

26 LAYOUT PER PROCESSO (tipologia JOB-SHOP) MP PF Macchina Reparto Vengono raggruppati PERSONE ed IMPIANTI che svolgono lo stesso tipo di funzione. (Es.: fresatura, stampaggio, verniciatura, ecc.) Il flusso di lavoro è intermittente, ed è guidato dalla natura del prodotto (prodotti su commessa).

27 Schema di macchine collegate in parallelo A 1 R 1 A 2 R 2 A 3 R 3 R TOT = 1 - n i 1 A TOT = 1 - n i 1 (1 - R i ) (1 - A i )

28 VANTAGGI Essere flessibili nel realizzare prodotti su misura Favorire la soddisfazione nel lavoro offrendo compiti non ripetitivi Limitare gli investimenti in impianti altamente specializzati SVANTAGGI Elevati costi di movimentazione dei materiali Elevata specializzazione del personale, causa di scarsa mobilità Maggiore complessità nel controllo di produzione

29 CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Prof. Vincenzo Duraccio Cap. 1 parte seconda

30 Lay-out per prodotto 1.Lavorazione limitata ad uno o pochi prodotti standard 1.Grande volume di produzione di ciascun prodotto 3- Possibilità di attuare analisi dei tempi e dei metodi per il controllo della produttività 4- Possibilità di un buon bilanciamento della produzione (ogni macchina o stazione di lavoro è in grado di produrre lo stesso numero di pezzi nell unità di tempo) 5- Pochi controlli necessari durante le fasi di lavorazione Lay-out per processo 1- Produzione concernente numerosi prodotti differenti o produzione su commessa 2- Produzione limitata per ogni singolo prodotto (benché la produzione totale possa essere molto elevata) 3- Analisi dei tempi e dei metodi difficili o impossibili da effettuare 4- Difficoltà ad ottenere il bilanciamento della produzione 5- Necessità di molti controlli durante le fasi di lavorazione 6- Pochi macchinari speciali richiesti per la produzione 6- Alta proporzione di macchinario speciale o macchinario che necessita trattamenti speciali 7- I materiali ed i prodotti possono essere trasportati in modo continuo o in forti quantitativi 8- Possibilità di destinare ogni macchina o stazione di lavoro a una sola operazione (quindi preparazioni di macchine ridotte al minimo) 7- Esistenza di materiali o prodotti troppo voluminosi o troppo pesanti per trasporti continui o in grande quantità 8- Frequente necessità di utilizzare la stessa macchina per due o più operazioni diverse

31 ANALISI DEI COSTI Costi ( ) Ricavi Costo totale impianto in linea B C Costo totale impianto per reparto A Q A Q B Q C

32 TIPOLOGIA BATCH E il caso di un officina per REPARTI FUNZIONALI, che processa una notevole quantità di pezzi identici. Consente di realizzare Economie di SCALA eseguendo le stesse attività su un lotto di prodotti. (Es.: Mobili, articoli di abbigliamento, ecc.)

33 TIPOLOGIA CONTINUO E associata alle lavorazioni di PROCESSO, come ad esempio la produzione di sostanze chimiche, elettricità o acciaierie. Gli impianti di processo possono essere altamente AUTOMATIZZATI. Esiste poca flessibilità al cambiamento di layout se non attraverso una modifica del progetto all impianto.

34 VANTAGGI DEL LAY-OUT A PUNTO FISSO 1. Possibilità di perfezionare le capacità professionali dei dipendenti ed ottenere ciò che viene chiamato ampliamento o arricchimento di mansione (job enlargement or enrichment) 2. Possibilità di fare partecipare gli operatori alla vita del prodotto stimolandone la responsabilità. 3. Grande flessibilità che consente notevoli variazioni nelle caratteristiche del prodotto nelle varietà dei prodotti nel volume di produzione 4. Minimo investimento di capitale nel lay-out

35 CLASSIFICAZIONE PER ASSETTO PRODUTTIVO ED ORGANIZZATIVO Con riferimento alla struttura del costo ed all assetto produttivo ed organizzativo, è possibile distinguere: - Assetto INDUSTRIALE caratterizzato dalla tendenza alla divisione e meccanizzazione del lavoro. Il costo del prodotto è determinabile attraverso l analisi e la somma di tutti i suoi componenti (materie prime, manodopera e spese generali). - Assetto ARTIGIANALE in cui tale divisione e meccanizzazione non è invece presente.

36 CLASSIFICAZIONE PER DIAGRAMMA TECNOLOGICO O PROCESSO PRODUTTIVO - Processi Produttivi MONOLINEA (produzione di cemento e ghisa) in cui la produzione si sviluppa linearmente, secondo una successione unica per tutti i prodotti.

37 CLASSIFICAZIONE PER DIAGRAMMA TECNOLOGICO O PROCESSO PRODUTTIVO - Processi Produttivi SINTETICI O CONVERGENTI (elettrodomestici, elettronica, automobili) in cui i diversi componenti convergono su una unica linea di uscita.

38 CLASSIFICAZIONE PER DIAGRAMMA TECNOLOGICO O PROCESSO PRODUTTIVO - Processi Produttivi ANALITICI O DIVERGENTI (petrolchimica, mobili, farmaceutici) in cui la materia prima si distribuisce in più linee di lavorazione dando prodotti diversi tra di loro.

39 LA MATRICE PRODOTTO PROCESSO Produzione Continua Produzione Ripetitiva Linee di Assemblaggio Volumi di produzione alti Alta standardizzazione Prodotti di largo consumo Volumi di produzione alti Standardizzazione Pochi prodotti fini Volumi di produzione bassi Media standardizzazione Pezzi multipli Volumi di produzione bassi Nessuna standardizzazione Pezzi unici La matrice prodottoprocesso di R.H.Hayes e S.C.Wheelwright sintetizza in maniera efficace le correlazioni esistenti tra tipologia del processo e caratteristiche del prodotto. Produzione Discontinua Flow Shop Produzione Discontinua Job Shop

40 Classificazione in base alla forma giuridica Secondo il Codice Civile all art. 2247: Con il contratto di società due o più persone conferiscono beni o servizi per l esercizio in comune di una attività economica allo scopo di dividerne gli utili Impresa individuale Si parla di impresa individuale quando l unico titolare è l imprenditore stesso, responsabile dell andamento dell impresa. È la forma più semplice, adatta nei casi in cui: si desidera conservare -la massima autonomia; si esercita una attività di tipo commerciale; si dispone di capitali limitati.

41 Le società L impresa societaria rappresenta la forma più diffusa di esercizio collettivo. Essa consiste in un organizzazione di persone e di beni preordinata e coordinata al raggiungimento di uno scopo produttivo, mediante l esercizio in comune di un attività economica, attuata attraverso determinati conferimenti che i soci si impegnano a prestare. La società può essere: a scopo lucrativo (art codice civile), cioè allo scopo di dividerne gli utili; a scopo mutualistico (art codice civile), cioè allo scopo di fornire beni o servizi ovvero occasioni di lavoro ai contraenti a condizioni vantaggiose; a scopo consortile (artt e 2615 ter. codice civile), cioè allo scopo di coordinare le medesime o affini attività economiche di più imprenditori, ovvero lo svolgimento di determinate fasi delle rispettive imprese.

42 Le società, in base al livello di responsabilità dei soci, possono essere di due tipi: società di persona e società di capitale.

43 La produzione snella ( Lean production) Anni 40: la Toyota è un entità produttiva assolutamente marginale 2685 vetture prodotte in 30 anni contro le 7000 prodotte in un solo giorno alla Ford; un dipendente assembla 2 veicoli all anno.

44 Anni 50: una svolta epocale

45 Anni veicoli all anno (Chrysler 16, Ford 129); crescita della produttività: un lavoratore giapponese lavora in media 500 ore in più all anno rispetto a un europeo e 250 in più rispetto a un americano; quantità di scorte immagazzinate pari a 2 ore di lavoro contro le due settimane delle fabbriche americane; abbassamento dei tempi di sostituzione degli utensili: da alcuni giorni a pochi minuti; livello di personalizzazione del prodotto altissimo ( modelli diversi).

46 Logica inversa Il cliente influenza le scelte del mercato mass production produzione consumo lean production consumo produzione

47 I principi fondamentali

48 Just in time Perfetta simmetria tra l offerta dei beni prodotti e la domanda del mercato ogni attività lavorativa deve essere alimentata con i componenti richiesti al tempo richiesto e nella quantità richiesta

49 Produzione snella Eliminazione delle risorse ridondanti: officina minima o fabbrica a sei zero zero stock (magazzinaggio) zero difetti zero conflitto zero tempo d attesa per il cliente zero tempi morti zero cartacce (burocrazia)

50 Principio del Kaizen Filosofia del miglioramento continuo: superamento dell assolutismo scientista e del one best way. TOTAL QUALITY

51 Kanban Processo comunicativo da valle a monte: dai terminali nei concessionari all indietro lungo la catena produttiva attraverso la richiesta che ogni stazione di lavoro fa alla precedente circa l uso dei materiali necessari (logica del cliente interno).

52 Autonomazione automazione + autonomia: possibilità di intervenire immediatamente nel caso si producano difetti del prodotto e autocorreggendo l errore in tempo reale Gli operai possono fermare la catena di montaggio

53 Coinvolgimento dei fornitori Selezione dei fornitori in base alla capacità di collaborare con l impresa madre nei piani di lungo periodo Nasce la comakership

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Strategie Funzionali di Manufacturing

Strategie Funzionali di Manufacturing Strategie Funzionali di Manufacturing Metodologie Best Practices Processi Produttivi Le tre classificazioni 1 Strategie per il Manufacturing La strategie di manufacturing sono il collegamento tra strategia

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione Prof. Arturo Capasso LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUINTO I MODELLI DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE E DEI MATERIALI SOMMARIO: 1. I processi produttivi. - 2. Layout delle macchine operatrici. - 3. I sistemi flessibili di produzione. - 4. La scelta

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Ciclo di vita di un sistema produttivo La forma delle cose che verranno Il ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto, e di conseguenza

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 14 Una definizione La funzione di produzione riguarda

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Che cos è una supply chain? Definizione

Che cos è una supply chain? Definizione Che cos è una supply chain? Definizione L espressione supply chain descrive le forme di collegamento esistenti fra le organizzazioni (fornitori, produttori, distributori e clienti) Servizi Fornitori Operations

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

Definizioni di scorte

Definizioni di scorte LA GESTIONE DELLE SCORTE Nozioni di base Definizioni di scorte insieme di materie, semilavorati e prodotti che in un determinato momento sono in attesa di partecipare ad un processo di trasformazione o

Dettagli

ANALISI E MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI BANCARI

ANALISI E MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI BANCARI ANALISI E MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI BANCARI 1, La prospettiva lean applicata alla banca 2. Il. miglioramento continuo dei processi: confronto tra lean in fabbrica e lean in banca Luciano Pero Docente

Dettagli

Dal fordismo al toyotismo

Dal fordismo al toyotismo Dal fordismo al toyotismo Gestione della Produzione II Evoluzione storica dell OM Anni Concetti Tecniche Ideatori e paesi '10 Scientific management Studio dei tempi & metodi Taylor (USA) '30 Controllo

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA ORGANIZZAZIONE La migliore forma organizzativa il test delle 7S della McKinsey Struttura Strategia Sistemi Sistema di valori Stile prevalente Skills Staff PROGETTO ORGANIZZATO PROGETTO

Dettagli

Appunti di Produzione Industriale

Appunti di Produzione Industriale Risposta all Ordine Appunti di Produzione Industriale Corso di LOGISTICA Facoltà di Scienze Politiche Università di Padova Ricezione dell ordine. Dal momento in cui il cliente effettua l ordine (1) devono

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area produttiva Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per il flusso produttivo Trattamento dei processi di definizione

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli 1. Il contesto ambientale dell impresa Parlando di ambiente siamo soliti considerare un luogo

Dettagli

L'affermazione del modello fordista e la produttività marginale del lavoro

L'affermazione del modello fordista e la produttività marginale del lavoro L'affermazione del modello fordista e la produttività marginale del lavoro Il modello produttivo fordista Tra le innumerevoli trasformazioni in ambito industriale verificatesi sul finire del secolo diciannovesimo

Dettagli

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria Corso di gestione dell informazione aziendale Teoria Anno Accademico 2004/2005 1 Programma $ % $ $!" # # 2 Operations Management In questa Area vedremo: Le strategie produttive (problemi di make or buy,

Dettagli

Impianti Industriali

Impianti Industriali Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Sedi di Latina Dispensa didattica del Corso di Impianti Industriali Docente Lorenzo Fedele (con

Dettagli

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto.

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto. 1 T I P I D I P R O D U Z I O N E Per PRODUZIONE s intende l insieme delle lavorazioni, dei controlli, dei montaggi necessari alla realizzazione di un particolare o di un complessivo. La produzione può

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

LA PRODUZIONE JUST IN TIME

LA PRODUZIONE JUST IN TIME Economia e Organizzazione Aziendale II Prof. Gestione della Produzione Industriale LA PRODUZIONE JUST IN TIME IL KAN-BAN: LE REGOLE 1. LA FASE DI LAVORO A VALLE DEVE PRELEVARE PRESSO LA FASE DI LAVORO

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 Relatore: Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 DEFINIZIONE DI CAPITALE CIRCOLANTE Il Capitale Circolante (o Working Capital) di un azienda è tecnicamente formato da una serie di macro voci

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te.

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.axioma.it Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.softwareproduzione.it Come lavora la tua azienda? Quale modello produttivo usa? Processo continuo

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione

Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione Corso di laurea SAM Corso di laurea ORU Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione Professor Lorenzo Bordogna Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli

Dettagli

Taylor e Ford Toyota WCM (World Class Manufacturing)

Taylor e Ford Toyota WCM (World Class Manufacturing) Taylor e Ford Toyota WCM (World Class Manufacturing) Seminari Fim-Fiom-Uilm 10 e 17 luglio 2008 Luciano Pero Milano 4 luglio 2008 1 Programma della giornata 1 PARTE: riflessione sul cambiamento del lavoro

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Manufacturing e Automotive Obiettivi per i sistemi produttivi Riduzione dei costi totali nella catena logistica Maggior servizio ai clienti Riduzione dei

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 6_L Activity Based Costing Il calcolo del costo di prodotto sulla base delle attività Le tradizionali metodologie per il calcolo del costo di prodotto sono state

Dettagli

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Pisa, 6 febbraio 2015 Una filosofia industriale ispirata al Toyota Production

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

Determinazione costo. Artigiano impiantista

Determinazione costo. Artigiano impiantista Determinazione costo Di un artigiano Di una azienda metalmeccanica con tre centri di costo produttivi e due indiretti Break Even Point: punto di pareggio Artigiano impiantista + N giorni all anno - N giorni

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO

L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO È noto che la gestione del magazzino è uno dei costi nascosti più difficili da analizzare e, soprattutto, da contenere. Le nuove tecniche hanno, però, permesso

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

Marzo 2015 www.techmec.it

Marzo 2015 www.techmec.it GRAZIE A UNA RIORGANIZZAZIONE INTERNA E ALL APPLICAZIONE DELLE TECNICHE DI LEAN MANUFACTURING, MANDELLI SISTEMI SPA HA DATO UN FORTE IMPULSO ALLA PROPRIA ATTIVITÀ ATTRAVERSO L OTTIMIZZAZIONE DI TUTTE LE

Dettagli

146cop 21-02-2008 15:22 Pagina 60

146cop 21-02-2008 15:22 Pagina 60 146cop 21-02-2008 15:22 Pagina 60 60 meccanica&automazione 146cop 21-02-2008 15:22 Pagina 61 s t o r i a d i c o p e r t i n a di GIOVANNI BERNUZZI Dalla materia alla forma La costante evoluzione delle

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Via Durando, 38-20158 Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZIO 1 ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI La Fispo è una media azienda che produce motori elettrici per piccoli elettrodomestici. La fase di assemblaggio del prodotto

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

cellular manufacturing: le mini fabbriche integrate 15.10.08 Engineering Intelligence for Customer Productivity

cellular manufacturing: le mini fabbriche integrate 15.10.08 Engineering Intelligence for Customer Productivity cellular manufacturing: le mini fabbriche integrate 15.10.08 Agenda CHI E MIKRON CELLULAR MANUFACTURING IL CASO MIKRON LO STUDIO PRELIMINARE L IMPLEMENTAZIONE DEL CASO PILOTA L ORGANIZZAZIONE A SUPPORTO

Dettagli

Scheda Progetto Intervento 15.2.2.6 Miglioramento processo produttivo

Scheda Progetto Intervento 15.2.2.6 Miglioramento processo produttivo PROGRAMMA TERRITORIALE INTEGRATO FREDDO, LOGISTICA, ENERGIA Deliberazione della Giunta Regionale 11 dicembre 2006, n. 55-4877 Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte 01 del 4/01/ 2007 Bando Regionale

Dettagli

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda Si Fides R7 Si Fides è un extended ERP realizzato interamente da Sinfo One. Si Fides nasce dalla conoscenza e dal monitoraggio dei processi dei nostri clienti e con i quali interagiamo in maniera proattiva.

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Test n. 4 L organizzazione del lavoro: teorie più recenti

Test n. 4 L organizzazione del lavoro: teorie più recenti Test n. 4 L organizzazione del lavoro: teorie più recenti 1) La teoria sistemica prevede che l azienda sia un insieme: A) Di beni e persone interdipendenti. B) Di forze interdipendenti, strumentali e complementari.

Dettagli

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC di più con meno Lean Lean Manufacturing Lean Production Lean Factory Fabbrica Snella Produzione Snella Fabbrica Integrata.. Toyota Production System (TPS)

Dettagli

INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ

INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ DELLE FACILITIES 5 1.3 DECIDERE IL RUOLO E LA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

CRESCE L EFFICIENZA, SI RIDUCE IL LEAD TIME.

CRESCE L EFFICIENZA, SI RIDUCE IL LEAD TIME. Global Logistics 12 novembre 2014 LOGISTICA al servizio della Produzione: CRESCE L EFFICIENZA, SI RIDUCE IL LEAD TIME. Relatore: Paolo Farinella Perché serve un produzione Quick & Lean? Il mercato ridefinisce

Dettagli

1a. LA PRODUZIONE INDUSTRIALE: GENERALITA

1a. LA PRODUZIONE INDUSTRIALE: GENERALITA Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli A.a.2014/2015 1a. LA PRODUZIONE INDUSTRIALE: GENERALITA Produzione Ogni forma di acquisizione di aggregazione di impiego di determinate risorse

Dettagli

Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo

Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo Premessa La letteratura sul postfordismo, soprattutto quella di fonte imprenditoriale, è assai ricca di neologismi dall apparenza scientifico-tecnica:

Dettagli

Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione. Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013

Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione. Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013 Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013 JIDOKA JUST IN TIME Il Toyota Production System Kiichiro Toyoda Taiichi Ohno Jidoka Anni 20 Just

Dettagli

Punti di discussione. Lean Production. Toyota Production System. Requisiti per l implementazione. Lean Services

Punti di discussione. Lean Production. Toyota Production System. Requisiti per l implementazione. Lean Services 10. Lean Production LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella Punti di discussione Lean Production Toyota Production

Dettagli

oggi Già, perché in Italia, come nelle altre nazioni Giappone compreso, abbiamo:

oggi Già, perché in Italia, come nelle altre nazioni Giappone compreso, abbiamo: oggi Da oltre dieci anni i guru dell organizzazione, italiani e stranieri, supportati dalla stampa tecnica ed economica ci martellano con il meraviglioso esempio della Toyota: Lean Production Lean Manufacturing

Dettagli

GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000

GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000 GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000 Seminario del corso Progetto e misura della qualità a cura di Michele Incagli 1 Contenuti del seminario/1 Qualità: introduzione e cenni storici Definizione

Dettagli

La Toyota Motor Corporation (TMC) è una multinazionale giapponese che produce autoveicoli la cui sede si trova nell'omonima città di Toyota

La Toyota Motor Corporation (TMC) è una multinazionale giapponese che produce autoveicoli la cui sede si trova nell'omonima città di Toyota 1.4. Il Modello Toyota La Toyota Motor Corporation (TMC) è una multinazionale giapponese che produce autoveicoli la cui sede si trova nell'omonima città di Toyota La Toyota è la maggiore società automobilistica

Dettagli

Gianfranco Giorgini Chiara Corini Direttore Operations

Gianfranco Giorgini Chiara Corini Direttore Operations DUCATIMOTOR HOLDING Gianfranco Giorgini Chiara Corini Direttore Operations Il turnaround Acquisizione TPG/DMG Prodotto forte No struttura aziendale Financial & Marketing Turnaround Quotazione in borsa

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it

La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Organizzazione dell azienda farmacia e Farmacoeconomia Definizione e compiti della funzione produzione e logistica Definizione Insieme

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Produzione e Logistica a.a. 2007/08 docente: Tommaso Rossi Introduzione al corso 1 Modalità e materiale didattico Modalità didattiche: Lezioni Discussione di casi aziendali Esercitazioni numeriche sugli

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA Le imprese che operano nel campo dell automazione, macchine automatiche, impianti e robotica rappresentano una delle più importanti filiere

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Rinascimento della Manifattura Bolognese

Rinascimento della Manifattura Bolognese Bologna, 28/03/2013 Rinascimento della Manifattura Bolognese Progetto UNINDUSTRIA-CNA con il contributo di 0 Agenda: 17.00-17.20 Apertura dei Lavori Mauro Ferri - Presidente PROTESA SpA 17.20-17.50 Presentazione

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

Ottava Edizione. Introduzione ai Sistemi Produttivi Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Introduzione ai Sistemi Produttivi Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Introduzione ai Sistemi Produttivi Prof. Sergio Cavalieri Alcune definizioni 2 Produzione: insieme delle attività che realizzano i prodotti e i servizi dell azienda Processo Produttivo:

Dettagli

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin VSM 18-11-2009 10:40 Pagina 1 Sintesi Scopo di questo articolo è quello di approfondire il tema del Value Stream Costing, ossia di esporre come possano evolvere i sistemi di determinazione e controllo

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Classe terza, quarta e quinta

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Classe terza, quarta e quinta Anno Scolastico 2014_2015 Istituto Tecnico Tecnologico E. Barsanti Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 5 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Classe terza, quarta e quinta Disciplina

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la gestione finanziaria dott. Matteo Rossi Benevento, 21 gennaio 2008 La funzione produzione La produzione

Dettagli