CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI"

Transcript

1 CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Prof. Vincenzo Duraccio Cap. 1

2 Definizione di Impianto industriale Si definisce impianto industriale,ovvero sistema produttivo, un insieme di elementi di qualsiasi specie, integrati e interagenti, aventi come obiettivo la produzione di beni e servizi di prevista utilità

3 Sono considerate attività produttive - aziende che trasformano tramite manodopera le materie prime - aziende di trasporto - aziende di immagazzinamento e di conservazione - aziende di diffusione di informazione -aziende che trattano la trasmissione dell energia In particolare abbiamo: Input - Terra ( terreno, materie prime, energie naturali) -Lavoro manodopera -Capitale ( denaro necessario a realizzare un processo produttivo,semilavorati, attrezzature, i mezzi e i fabbricati a disposizione dell azienda) -Organizzazione ( scelta ed utilizzo dei vari fattori produttivi) -Stato ( che partecipa alla realizzazione e all insediamento mediante infrastrutture e servizi) Output - Erogazione di un bene oppure di un servizio

4 CLASSIFICAZIONE PER SETTORE DI ATTIVITA E possibile classificare le aziende in base al proprio settore di attività - PRIMARIO - SECONDARIO - TERZIARIO Percentuale occupati Italia Percentuale occupati Italia Serie1 0,6 10 0,5 0,4 0,3 0 Agricolt ura Indust ria Servizi S1 0,2 Serie1 0,1 0 Agricolt ura Indust ria Servizi S1

5 Settore PRIMARIO E il primo settore di attività dell uomo. L agricoltura e la pesca rappresentano le due attività prevalenti di tale settore. Esso è caratterizzato dal fatto che: gli individui producono ciò che essi stessi consumano. situazione di equilibrio tra domanda ed offerta. la figura dominante è il contadino. la risorsa primaria: il suolo.

6 Settore SECONDARIO (rivoluzione industriale) Le attività che caratterizzano tale settore sono: la produzione industriale, l edilizia, miniere, la produzione di energia E possibile individuare due figure: il produttore (in posizione dominante) il consumatore (in posizione dominata) Tale settore risulta essere caratterizzato da una situazione di forte squilibrio tra domanda ed offerta. In tal senso il mercato assorbe tutto ciò che viene prodotto. La figura dominante è l operaio. La risorsa primaria è costituita da: fonti energetiche e materie prime.

7 Settore TERZIARIO (post-industriale) Le attività che caratterizzano tale settore risultano invece essere: i servizi ed altre attività economiche in genere. La figura dominante è il consumatore, animato dalla necessità di soddisfare i bisogni dell essere, legati all io. La risorsa prima è rappresentata invece dall informazione, dalla conoscenza e dalla creatività.

8 Distribuzione degli occupati per settore Settori Economici % Agricoltura 4,1 Industria 22,1 Costruzioni 8,6 Commercio 15,1 Alberghi e Ristoranti 4,9 Trasporti e Magazzinaggio 4,1 Comunicazione (TLC) 1,4 Intermediazione e finanza 2,7 Terziario avanzato 10,3 Pubblica Amministrazione 6,5 Istruzione, sanità ed altri servizi pubblici e sociali 15,1 Altri servizi 5,1 Totale settori 100,0

9 DEFINIZIONE DI SERVIZIO SERVIZIO: Lavoro del servire, atto spontaneo, prestazione organizzata, attività lavorativa, mettersi a disposizione. Nella letteratura manageriale: Lavorare per il beneficio di qualcuno (Juran) Un metodo per accrescere la soddisfazione del cliente o dell utilizzatore (Feigenbaum) Ogni lavoro produttivo che non si concretizza in alcun genere di hardware (Ishikawa) Insieme di benefici tangibili/intangibili, impliciti/espliciti (Normann) Comportamento umano o attività con obiettivi specifici e processi, il cui scopo è soddisfare i bisogni del cliente (Rosander)

10 CLASSIFICAZIONE PER DIMENSIONE Con riferimento alla dimensione, le aziende possono essere classificate in: PICCOLE; MEDIE; GRANDI Evidentemente tale distinzione ha senso soltanto se si definisce il parametro in base al quale effettuare tale classificazione. I parametri utilizzabili possono essere: Capacità produttiva, Numero di addetti, Investimenti Fatturato annuo, ecc.

11 L Art.2083 del codice civile in questo modo definisce i piccoli imprenditori: sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano una attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia Un altra definizione di piccola e media impresa viene fornita dalla Legge 6/ n.853, che effettua questo tipo di distinzione: - Piccole aziende investimenti 100 ML 1,5 MLD - Medie aziende investimenti 1,5 MLD 5 MLD - Grandi aziende investimenti > 5 MLD

12 DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA SECONDO LA C.E. In base alla disciplina comunitaria pubblicata sulla G.U.C.E. n.c213 del , la classificazione di piccola e media impresa avviene sulla base di tre parametri: 1) è definita piccola e media l impresa che: - ha meno di 250 dipendenti - ha un fatturato annuo non superiore a 40 milioni di ECU - è in possesso del requisito di indipendenza 2) è definita piccola l impresa che: - ha meno di 50 dipendenti - ha un fatturato annuo non superiore a 7 milioni di ECU - è in possesso del requisito di indipendenza

13 DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA FORNITRICE DI SERVIZI In base ai parametri fissati dal Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato con il D.M. 20 ottobre 1997 n.527 ed in base ai criteri stabiliti dal comma 2 dell art.1 del D.M. 18 settembre 1997: 1) è definita piccola e media l impresa che: - ha meno di 95 dipendenti - ha un fatturato annuo non superiore a 15 milioni di ECU - è in possesso del requisito di indipendenza 2) è definita piccola l impresa che: - ha meno di 20 dipendenti - ha un fatturato annuo non superiore a 2,7 milioni di ECU - è in possesso del requisito di indipendenza

14 RADIOGRAFIA DEL MERCATO DEL LAVORO 75% delle imprese italiane conta meno di 5 dipendenti 10% delle imprese ha tra 5 e 9 dipendenti Su imprese con oltre 100 addetti solo 213 sono quotate in borsa La quasi totalità delle aziende italiane sono P.M.I.

15 Classificazione in base alla forma giuridica -Impresa Individuale Società -Società di Persone Società semplice (S.s.) Società in nome collettivo (S.n.c) Società in accomandita semplice (S.a.s.) A scopo di lucro -Società di capitale Società per azioni (S.p.a.) Società in accomandita per azioni ( S.a.p.a.) Società a responsabilità limitata ( S.r.l.) Società a responsabilità limitata unipersonale (Sca.r.l.) -Società cooperative -Società in mutua assicurazione A scopo mutualistico

16 Classificazione per metodologie di produzione Classificazione di Wortmann -MTS (make to stock) produzione a magazzino -MTO ( make to order) produzione su commessa -ATO (Assembly to order) assemblaggio sulla base dell ordine -PTO (Purchase to order) acquisto componenti sulla base dell ordine -ETO ( Engineer to order) progettazione sulla base dell ordine

17 Unitaria Intermittente a lotti Continua Caratteristiche del prodotto (standardizzazione, prevedibilità) Magazzino Produzione Ripetitive Commesse Singole Per parti Fabbricazione Montaggio Volume di produzione Per processo Fabbricazione Modo di realizzare il prodotto

18 PRODUZIONE SU COMMESSA In tale tipo di aziende l attività produttiva viene intrapresa sulla base degli ordini dei clienti. Le principali caratteristiche di un tale tipo di produzione risultano essere: 1. Non ci sono problemi o rischi legati alle caratteristiche del prodotto 2. L industria definisce solo qualitativamente le lavorazioni che potrà svolgere 3. Sistema di produzione flessibile 4. L impresa è soggetta a rischi di esercizio (introduzione di clausole di revisione dei prezzi)

19 PRODUZIONE A MAGAZZINO In tale tipo di azienda invece l attività produttiva viene intrapresa prima di avere ricevuto gli ordini dei clienti Le principali caratteristiche risultano essere: 1. Definizione delle caratteristiche del prodotto mediante ricerche di mercato (prodotti standard) 2. L industria ha un proprio programma qualitativo e quantitativo 3. Sistema di produzione rigido 4. L impresa è soggetta a rischi di mercato (vendite a consegna differita)

20 In tale tipo di aziende è opportuno considerare il prodotto e la relativa vita. In tal senso è possibile compiere una distinzione tra prodotti a: - vita breve (qualche settimana) - vita media (qualche anno) - vita non limitata - obsolescenza (legato alla moda ed alla innovazione)

21 Dimensione dei lotti di produzione Bassa Elevata CONTINUO LINE BATCH JOB SHOP Orientata al prodotto Orientata alla funzione Tipologia di processo

22 LAYOUT PER PRODOTTO (tipologia LINE) MP PF Le persone ed i macchinari sono raggruppati in accordo alla sequenza delle operazioni realizzate sul prodotto. I corrispondenti layout sono chiamati layout in LINEA di PRODOTTO ovvero in linea di ASSEMBLAGGIO, perché si prestano all uso di nastri trasportatori e dispositivi automatizzati. (Es.: assemblaggio di automobili, industrie alimentari, ecc.) I centri di lavoro sono predisposti lungo uno stesso cammino fisso e lo scheduling consiste primariamente nello stabilire la VELOCITA di produzione.

23

24 Tubo di flusso del materiale Φ=cost A 1 R 1 A 2 R 2 A 3 R 3 R TOT = R 1 R 2 R 3 R n = A TOT = A 1 A 2 A 3 A n = n i 1 n i 1 R i Ai Ove: R= Reliability =Affidabilità A= Availability=Disponibilità

25 VANTAGGI Bassi costi di movimentazione dei materiali Manodopera a basso costo, non specializzata Ridotte scorte di work in progress Attività di controllo della produzione semplificata SVANTAGGI Mancanza di flessibilità Ripetitività delle operazioni Costi fissi elevati a causa degli investimenti in impianti specializzati Forte interdipendenza tra le operazioni

26 LAYOUT PER PROCESSO (tipologia JOB-SHOP) MP PF Macchina Reparto Vengono raggruppati PERSONE ed IMPIANTI che svolgono lo stesso tipo di funzione. (Es.: fresatura, stampaggio, verniciatura, ecc.) Il flusso di lavoro è intermittente, ed è guidato dalla natura del prodotto (prodotti su commessa).

27 Schema di macchine collegate in parallelo A 1 R 1 A 2 R 2 A 3 R 3 R TOT = 1 - n i 1 A TOT = 1 - n i 1 (1 - R i ) (1 - A i )

28 VANTAGGI Essere flessibili nel realizzare prodotti su misura Favorire la soddisfazione nel lavoro offrendo compiti non ripetitivi Limitare gli investimenti in impianti altamente specializzati SVANTAGGI Elevati costi di movimentazione dei materiali Elevata specializzazione del personale, causa di scarsa mobilità Maggiore complessità nel controllo di produzione

29 CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Prof. Vincenzo Duraccio Cap. 1 parte seconda

30 Lay-out per prodotto 1.Lavorazione limitata ad uno o pochi prodotti standard 1.Grande volume di produzione di ciascun prodotto 3- Possibilità di attuare analisi dei tempi e dei metodi per il controllo della produttività 4- Possibilità di un buon bilanciamento della produzione (ogni macchina o stazione di lavoro è in grado di produrre lo stesso numero di pezzi nell unità di tempo) 5- Pochi controlli necessari durante le fasi di lavorazione Lay-out per processo 1- Produzione concernente numerosi prodotti differenti o produzione su commessa 2- Produzione limitata per ogni singolo prodotto (benché la produzione totale possa essere molto elevata) 3- Analisi dei tempi e dei metodi difficili o impossibili da effettuare 4- Difficoltà ad ottenere il bilanciamento della produzione 5- Necessità di molti controlli durante le fasi di lavorazione 6- Pochi macchinari speciali richiesti per la produzione 6- Alta proporzione di macchinario speciale o macchinario che necessita trattamenti speciali 7- I materiali ed i prodotti possono essere trasportati in modo continuo o in forti quantitativi 8- Possibilità di destinare ogni macchina o stazione di lavoro a una sola operazione (quindi preparazioni di macchine ridotte al minimo) 7- Esistenza di materiali o prodotti troppo voluminosi o troppo pesanti per trasporti continui o in grande quantità 8- Frequente necessità di utilizzare la stessa macchina per due o più operazioni diverse

31 ANALISI DEI COSTI Costi ( ) Ricavi Costo totale impianto in linea B C Costo totale impianto per reparto A Q A Q B Q C

32 TIPOLOGIA BATCH E il caso di un officina per REPARTI FUNZIONALI, che processa una notevole quantità di pezzi identici. Consente di realizzare Economie di SCALA eseguendo le stesse attività su un lotto di prodotti. (Es.: Mobili, articoli di abbigliamento, ecc.)

33 TIPOLOGIA CONTINUO E associata alle lavorazioni di PROCESSO, come ad esempio la produzione di sostanze chimiche, elettricità o acciaierie. Gli impianti di processo possono essere altamente AUTOMATIZZATI. Esiste poca flessibilità al cambiamento di layout se non attraverso una modifica del progetto all impianto.

34 VANTAGGI DEL LAY-OUT A PUNTO FISSO 1. Possibilità di perfezionare le capacità professionali dei dipendenti ed ottenere ciò che viene chiamato ampliamento o arricchimento di mansione (job enlargement or enrichment) 2. Possibilità di fare partecipare gli operatori alla vita del prodotto stimolandone la responsabilità. 3. Grande flessibilità che consente notevoli variazioni nelle caratteristiche del prodotto nelle varietà dei prodotti nel volume di produzione 4. Minimo investimento di capitale nel lay-out

35 CLASSIFICAZIONE PER ASSETTO PRODUTTIVO ED ORGANIZZATIVO Con riferimento alla struttura del costo ed all assetto produttivo ed organizzativo, è possibile distinguere: - Assetto INDUSTRIALE caratterizzato dalla tendenza alla divisione e meccanizzazione del lavoro. Il costo del prodotto è determinabile attraverso l analisi e la somma di tutti i suoi componenti (materie prime, manodopera e spese generali). - Assetto ARTIGIANALE in cui tale divisione e meccanizzazione non è invece presente.

36 CLASSIFICAZIONE PER DIAGRAMMA TECNOLOGICO O PROCESSO PRODUTTIVO - Processi Produttivi MONOLINEA (produzione di cemento e ghisa) in cui la produzione si sviluppa linearmente, secondo una successione unica per tutti i prodotti.

37 CLASSIFICAZIONE PER DIAGRAMMA TECNOLOGICO O PROCESSO PRODUTTIVO - Processi Produttivi SINTETICI O CONVERGENTI (elettrodomestici, elettronica, automobili) in cui i diversi componenti convergono su una unica linea di uscita.

38 CLASSIFICAZIONE PER DIAGRAMMA TECNOLOGICO O PROCESSO PRODUTTIVO - Processi Produttivi ANALITICI O DIVERGENTI (petrolchimica, mobili, farmaceutici) in cui la materia prima si distribuisce in più linee di lavorazione dando prodotti diversi tra di loro.

39 LA MATRICE PRODOTTO PROCESSO Produzione Continua Produzione Ripetitiva Linee di Assemblaggio Volumi di produzione alti Alta standardizzazione Prodotti di largo consumo Volumi di produzione alti Standardizzazione Pochi prodotti fini Volumi di produzione bassi Media standardizzazione Pezzi multipli Volumi di produzione bassi Nessuna standardizzazione Pezzi unici La matrice prodottoprocesso di R.H.Hayes e S.C.Wheelwright sintetizza in maniera efficace le correlazioni esistenti tra tipologia del processo e caratteristiche del prodotto. Produzione Discontinua Flow Shop Produzione Discontinua Job Shop

40 Classificazione in base alla forma giuridica Secondo il Codice Civile all art. 2247: Con il contratto di società due o più persone conferiscono beni o servizi per l esercizio in comune di una attività economica allo scopo di dividerne gli utili Impresa individuale Si parla di impresa individuale quando l unico titolare è l imprenditore stesso, responsabile dell andamento dell impresa. È la forma più semplice, adatta nei casi in cui: si desidera conservare -la massima autonomia; si esercita una attività di tipo commerciale; si dispone di capitali limitati.

41 Le società L impresa societaria rappresenta la forma più diffusa di esercizio collettivo. Essa consiste in un organizzazione di persone e di beni preordinata e coordinata al raggiungimento di uno scopo produttivo, mediante l esercizio in comune di un attività economica, attuata attraverso determinati conferimenti che i soci si impegnano a prestare. La società può essere: a scopo lucrativo (art codice civile), cioè allo scopo di dividerne gli utili; a scopo mutualistico (art codice civile), cioè allo scopo di fornire beni o servizi ovvero occasioni di lavoro ai contraenti a condizioni vantaggiose; a scopo consortile (artt e 2615 ter. codice civile), cioè allo scopo di coordinare le medesime o affini attività economiche di più imprenditori, ovvero lo svolgimento di determinate fasi delle rispettive imprese.

42 Le società, in base al livello di responsabilità dei soci, possono essere di due tipi: società di persona e società di capitale.

43 La produzione snella ( Lean production) Anni 40: la Toyota è un entità produttiva assolutamente marginale 2685 vetture prodotte in 30 anni contro le 7000 prodotte in un solo giorno alla Ford; un dipendente assembla 2 veicoli all anno.

44 Anni 50: una svolta epocale

45 Anni veicoli all anno (Chrysler 16, Ford 129); crescita della produttività: un lavoratore giapponese lavora in media 500 ore in più all anno rispetto a un europeo e 250 in più rispetto a un americano; quantità di scorte immagazzinate pari a 2 ore di lavoro contro le due settimane delle fabbriche americane; abbassamento dei tempi di sostituzione degli utensili: da alcuni giorni a pochi minuti; livello di personalizzazione del prodotto altissimo ( modelli diversi).

46 Logica inversa Il cliente influenza le scelte del mercato mass production produzione consumo lean production consumo produzione

47 I principi fondamentali

48 Just in time Perfetta simmetria tra l offerta dei beni prodotti e la domanda del mercato ogni attività lavorativa deve essere alimentata con i componenti richiesti al tempo richiesto e nella quantità richiesta

49 Produzione snella Eliminazione delle risorse ridondanti: officina minima o fabbrica a sei zero zero stock (magazzinaggio) zero difetti zero conflitto zero tempo d attesa per il cliente zero tempi morti zero cartacce (burocrazia)

50 Principio del Kaizen Filosofia del miglioramento continuo: superamento dell assolutismo scientista e del one best way. TOTAL QUALITY

51 Kanban Processo comunicativo da valle a monte: dai terminali nei concessionari all indietro lungo la catena produttiva attraverso la richiesta che ogni stazione di lavoro fa alla precedente circa l uso dei materiali necessari (logica del cliente interno).

52 Autonomazione automazione + autonomia: possibilità di intervenire immediatamente nel caso si producano difetti del prodotto e autocorreggendo l errore in tempo reale Gli operai possono fermare la catena di montaggio

53 Coinvolgimento dei fornitori Selezione dei fornitori in base alla capacità di collaborare con l impresa madre nei piani di lungo periodo Nasce la comakership

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO 1 PRODUZIONE SU COMMESSA CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA : - ORIGINA DAL

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

L impresa e la sua organizzazione

L impresa e la sua organizzazione Attività Formative Legge 21 dicembre 1978 n. 845 ex Art. 26 Progetto INNOVAMBIENTE Materiale Didattico Dispensa L impresa e la sua organizzazione TECNICO ESPERTO IN COMMERCIO INTERNAZIONALE DI PRODOTTI

Dettagli

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico lindab ventilation Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico TÜV ha testato cinque sistemi di canali e documentato i vantaggi delle diverse soluzioni. Cos è TÜV TÜV (Technischer ÜberwachungsVerein

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Nel cuore di ogni impianto

Nel cuore di ogni impianto Nel cuore di ogni impianto Innovazione e personalizzazione Le chiavi del successo di un azienda con oltre 20 anni di esperienza. L aziendaquibusda eressitatium vent et quo quidebitae aut quae lab iust

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

La flessibilità organizzativa nell industria altoatesina

La flessibilità organizzativa nell industria altoatesina La flessibilità organizzativa nell industria altoatesina 18 L innovazione organizzativa tra strategie aziendali e partecipazione dei lavoratori Istituto per la Promozione dei Lavoratori Spedizione in a.p.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE

TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE www.lvdgroup.com Sheet Metalworking, Our Passion, Your Solution LVD offre macchinari di punzonatura, taglio laser, piegatura e cesoiatura, nonché un software

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Breve guida agli aiuti di Stato

Breve guida agli aiuti di Stato Breve guida agli aiuti di Stato Indice Lazioeuropa Temi e approfondimenti Breve guida agli aiuti di Stato Introduzione 3 1. Definizione di aiuto di Stato 5 1.1 Il principio dell investitore privato 8 2.

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Edifici, Impianti, Macchine, sempre sotto controllo. Con un touch (o un click). Febbraio, 2015

Edifici, Impianti, Macchine, sempre sotto controllo. Con un touch (o un click). Febbraio, 2015 Edifici, Impianti, Macchine, sempre sotto controllo. Con un touch (o un click). Febbraio, 2015 Smart Building: Edifici efficienti, funzionanti e controllati Illuminazione Riscaldamento Forza motrice Condizionamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm 2 Migliorate l efficienza della vostra macchina utensile La pressione della concorrenza

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Introduzione La complessità e la moltitudine delle realtà competitive che caratterizzano oggi le aziende industriali hanno progressivamente condotto alla ricerca di soluzioni

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli