! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA SINGOLA (m=1) ! SCHEDULING MACCHINE IN SERIE (m 3)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA SINGOLA (m=1) ! SCHEDULING MACCHINE IN SERIE (m 3)"

Transcript

1 CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Schedulig PROBLEMI DI SCHEDULING! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA SINGOLA () " Shortest Processig Tie (SPT) " Earliest Due Date (EDD) " Slack Tie Reaiig (STR) " FIFO/LIFO/LPT/RS/CR! SCHEDULING MACCHINE IN SERIE ( 3) " Regola di Johso! SCHEDULING A MACCHINE PARALLELE! JOB SHOP/FLOW SHOP 2 Obiettivi del problea Paraetri del problea # Rispetto delle date di cosega # Riduzioe dei livelli scorta (WIP) # Massia utilizzazioe delle risorse # Riduzioe del tasso di iadepieza degli ordii # Riduzioe del lavoro straordiario ed i appalto # I paraetri ecessari per descrivere il sistea soo relativi a: # Macchie () e prodotti () fabbricati dall ipiato # j,, geerica acchia o stazioe di lavoro # i,, ordie di lavoro (job) richiesto # DD( data di cosega richiesta per l ordie i # TP(i,j) tepo di produzioe ecessario per eseguire tutte le operazioi relative all ordie i presso la stazioe j # TS(i,j) tepo di setup relativo alla produzioe dell ordie i presso la stazioe j; geeralete è oto solo dopo aver fissato la sequeza di lavorazioe! 3 4

2 Tepo Totale di Produzioe (TTP) e Tepo Totale di Attesa (TTW) HP: I tepi di processo soo idipedeti dalla sequeza di lavorazioe I tepi di set up soo fissi e cosiderati all itero del tepo di processo! Tepo Totale di Produzioe dell i-esio lotto TTP(! TW(i,j) tepo di attesa del lotto i a ote del cetro j (dipede dalla sequeza di lavorazioe prescelta) j! Tepo Totale di Attesa dell i-esio lotto TP( i, j) TTW ( TW (i, j) j Tepo Totale di Fabbricazioe (TF) e Data di copletaeto del lotto (TC) HP: il tepo di preparazioe della acchia TS(i,j) è idipedete dalla sequeza! Durata del processo di Fabbricazioe (Flow Tie) dell i-esio lotto TR( Ready Tie: data alla quale è dispoibile per la produzioe il lotto (! Data di Cosega (Copletaeto) dell i-esio lotto TC ( TR( + TTP( + TTW ( TR( + TF( Hp: TR( 0, i, 2,, TF ( TTP( + TTW ( TC ( TF( TTP( + TTW ( 5 6 Ritardi di cosega del lotto (TL e TT) Criteri di valutazioe delle soluzioi di Schedulig! Stabilite le sequeze ottiali di lavoro degli lotti riagoo uivocaete deteriate le variabili! Lateess di (! Tardiess di ( TL( TC( DD( TT( ax{ 0,TL( } TL( > 0 $ Ritardo TL( < 0 $ Aticipo 7 LO SCHEDULING DI UN PROBLEMA E DETERMINATO UNA VOLTA NOTO TW(i,j) PER TUTTI I LOTTI.! A fissata sequeza dei lotti, soluzioi alterative soo cofrotate ediate idici di valutazioe! Soluzioi ad ugual idice si dicoo equivaleti! Quale idice di valutazioe si possoo assuere i valori edi (o assi dei paraetri " Tepo di copletaeto (TC) " Durata del processo (TF) " Ritardo di cosega (TL e TT) " Ordii i attesa di copletaeto (N) I problei di schedulig si differeziao (ache) i base agli idici di prestazioe prescelti! 8

3 Relazioi tra i valori edi dei criteri di valutazioe Cosiderado la soluzioe di sequecig adottata è possibile valutare il ritardo totale TL( TC( DD( Dividedo per si ottegoo i corrispodeti valori attesi:! Poiché E[DD] è idipedete dalla soluzioe adottata, ua soluzioe ottiale rispetto ad E[TF] lo è ache ei cofroti di E[TC] e E[TL]! Poiché E[TTP] è idipedete dalla soluzioe adottata, E[TTW] è equivalete a E[TC] ai fii della scelta della soluzioe di schedulig Tale regola o si può estedere ai valori assii HP :TR( 0, i,..., TL( TF( DD( E [ TL] E [ TC] E [ DD] E [ TTW ] E [ TC] E [ TTP] 9 Idici di valutazioe basati sulle prestazioi di ipiato! TTI Tepo Totale di Ipego! Grado di utilizzazioe dell ipiato U TTP TTI! Poiché TTP o dipede dalla soluzioe di schedulig, (U) ax si ottiee per TTI i.! Nelle produzioi cotiue TTI è u dato caratteristico e o ua variabile collegata alla sequeza di schedulig. 0 Utilizzazioe edia dell ipiato! Nelle produzioi iteritteti, posto TR(0,,2,, il grado di utilizzazioe edio dell ipiato risulta: E[U]! durata coplessiva di fabbricazioe % E[U] è idipedete dalla sequeza. TP(i, j) % Tuttavia, el caso i cui si dispoesse di sequeze i grado di redere i, pur risultado E[U] sequece depedet, la iiizazioe di tederebbe alla soluzioe di ax utilizzazioe edia. j ax{ TF( } Nuero degli ordii i attesa di copletaeto, N(t) Hp: TR( 0,,2,, E t t t 2 [ N( t, t2 )] N(t) dt E[ N( 0, )] 2 t 0 TF() TF(2) TF(-) TF() risulta: 0 0 N( t) dt TF( E[ TF] 0 N(t) dt N( t) dt TF() + ( )[ TF(2) TF()] [ ( )][ TF( ) TF( )] i 2

4 Nuero degli ordii i attesa, N(t) Nuero degli ordii i attesa, N(t) caso geerale E[ N( t)] E[ TF] Hp: TR( 0,,2,, A(t) preseza di eleeti el sistea [N. eleeti * tepo] a(t) uero di lotti arrivati al tepo t u(t) uero di lotti processati el tepo t # Il rapporto fra il uero edio dei lotti i fabbricazioe e uero totale dei lotti è pari al rapporto fra la durata edia di fabbricazioe del sigolo lotto e la durata coplessiva degli lotti. # Il risultato o dipede: " dal uero di stazioi di lavoro " dal tipo di sistea o processo produttivo (flow shop o job shop) a(t), u(t) a(t) u(t) a(t ) λ T T [a(t) u(t)] Δt t0 N T T TF T A(T) a(t) N T λ A(T) T # Il assio di TF () o dipede dalla sequeza e o può essere assuto coe criterio di ottialità T t 3 4 Nuero degli ordii i attesa, N(t) caso geerale Ta E[N] E[TF] Nel caso di ordii o dispoibili all istate iiziale (TR( 0) a aveti tasso di arrivo λ/ta, a regie risulta che la durata edia del processo di fabbricazioe (TF) è pari al uero edio di eleeti preseti el sistea per il tepo di iter-arrivo (Ta) (Coway): E[TF] E[N(t)] λ E(U) λ µ λ E(TP) λ E(U) E(TP) E[N(t)] λ E[TF] E[U] E[TF] E[TP] Criteri di Schedulig su acchia sigola (,) Hp: " Ordii dispoibili all istate t0 " Tepi di setup o dipedeti dalla sequeza " Sistea di produzioe oostadio. SPT (Shortest Processig Tie). Tepo di processo iore. Per pria si esegue la lavorazioe a tepo di copletaeto iore. Talvolta detta SOT (shortest operatig tie). Spesso è usata i cobiazioe co ua regola sul ritardo, per scogiurare eccessivi ritardi delle lavorazioi co i tepi più lughi. 2. EDD (Earliest Due Date First). Data di cosega. Per pria si esegue la lavorazioe co la data di cosega più prossia. 3. STR (Slack Tie Reaiig). Tepo residuo. Si calcola il tepo acate alla data di cosega sottratto il tepo di processo. Gli ordii a slack iore vegoo evasi per prii. 5 6

5 Criteri di Schedulig su acchia sigola 4. FIFO (First-IN, First-OUT). Prio ad arrivare, prio a essere lavorato. Le lavorazioi vegoo processate secodo l ordie co cui giugoo al reparto. 5. STR/OP (Slack Tie Reaiig per OPeratio). Tepo residuo per operazioe. Gli ordii a slack iore per uero di operazioi vegoo evasi per prii. STR/OP STR / uero di operazioi riaeti. 6. LPT (Logest Processig Tie). Tepo di processo aggiore. Per pria si esegue la lavorazioe a tepo di copletaeto aggiore. 7. RS (Rado Selectio). Ordie casuale o rado. Supervisori e operatori scelgoo a loro piacieto quale lavorazioe effettuare. 8. LIFO (Last-IN, First-OUT). Ultio ad arrivare, prio a essere lavorato. Spesso applicata icosapevolete. Regola di priorità diaica. CR (Critical Ratio). Rapporto critico. Il rapporto critico è la differeza fra la data di cosega e la data attuale diviso il uero dei restati giori ecessari al copletaeto. Gli ordii co il CR iferiore vegoo evasi per prii. Criterio del tepo di produzioe (SPT) Idicato co i il lotto fabbricato per i-o ella sequeza di lavoro prescelta, il Tepo edio di produzioe di u lotto: E[TF] TF(k) 7 k # E[TF] (/ ) % $ k k TP( # TP()+ (TP()+TP(2)) & (/ ) % ( $ (TP() + TP(2) +...TP()) ' & ( i +) TP( ( '! La soatoria del prodotto di due fattori, ciascuo dei quali apparteete ad ua successioe uerica, assue valore iio se ua successioe è crescete e l altra è decrescete.! Poiché (-i+) è decrescete co i, per i TF i lotti di produzioe sarao laciati i ordie crescete di TP(.! Criterio Shortest Processig Tie: lotti i ordie crescete di TP Sequeziado i lotti i ordie SPT si rede iio il uero edio dei lotti i attesa e, cosegueteete, il uero degli ordii ievasi oché il valor edio di TL. 8 Criterio delle date di cosega (EDD)! Il criterio SPT o tiee coto dell evetuale scostaeto esistete tra l istate di prograato copletaeto degli ordii e le date di cosega per essi assuti.! Tuttavia la scelta di ua sequeza di lavoro i base al criterio SPT, oltre alla durata edia del processo TF e al uero edio di ordii ievasi, iiizza ache il valor edio della TL.! Il rispetto delle date di cosega o la iiizzazioe dei ritardi assii può essere obiettivo prioritario ella PO.! Criterio Earliest Due Date: lotti i ordie crescete di DD Criterio del tepo residuo (STR) I corrispodeza di t0 si defiisce il paraetro Tepo Residuo o Slack Tie (TSL). Tale paraetro idividua l istate di tepo etro cui deve ecessariaete avere iizio la lavorazioe dell ordie pea l iosservaza della data di cosega stabilita.! TSL( DD( - TP(, " Se TSL( diiuisce aueta il rischio di o copletare ( etro DD( " Criterio Slack Tie Reaiig: lotti i ordie crescete di TSL Sequeziado i lotti i ordie EDD vegoo ottiizzati (iiizzat i valori assii assuti dalle variabili TL( e TT(. Sequeziado i lotti i ordie STR vegoo assiizzati i valori iii assuti dalle variabili TL( e TT(. 9 20

6 Esepio (sequecig) FIFO$ E(N)% 3,6$ SPT$ E(N)% 2,3$ EDD$ E(N)% 2,3$ i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% A$ 7$ 6$ 6$ &$ 0$ C$ $ $ $ 0$ 0$ C$ $ $ $ 0$ 0$ B$ 6$ 4$ 0$ 4$ 4$ E$ 3$ 2$ 3$ 0$ 0$ D$ 2$ 3$ 4$ 2$ 2$ C$ $ $ $ 0$ 0$ D$ 2$ 3$ 6$ 4$ 4$ E$ 3$ 2$ 6$ 3$ 3$ D$ 2$ 3$ 4$ 2$ 2$ B$ 6$ 4$ 0$ 4$ 4$ B$ 6$ 4$ 0$ 4$ 4$ E$ 3$ 2$ 6$ 3$ 3$ A$ 7$ 6$ 6$ 9$ 9$ A$ 7$ 6$ 6$ 9$ 9$ 3,8$ 3,2$,4$ 7,6$ 7,8$ 7,2$ 3,4$ 3,4$ 7,4$ 3,6$ 3,6$ STR$a$ E(N)% 2,8$ STR$b$ E(N)% 2,6$ i% DD% TP% TSL% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TSL% TC%(TF)% TL% TT% D$ 2$ 3$ &$ 3$ $ $ D$ 2$ 3$ &$ 3$ $ $ C$ $ $ 0$ 4$ 3$ 3$ C$ $ $ 0$ 4$ 3$ 3$ A$ 7$ 6$ $ 0$ 3$ 3$ E$ 3$ 2$ $ 6$ 3$ 3$ E$ 3$ 2$ $ 2$ 9$ 9$ A$ 7$ 6$ $ 2$ 5$ 5$ B$ 6$ 4$ 2$ 6$ 0$ 0$ B$ 6$ 4$ 2$ 6$ 0$ 0$ 9$ 5,2$ 5,2$ 8,2$ 4,4$ 4,4$ LIFO$ E(N)% 2,4$ RS$ E(N)% 2,8$ i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% E$ 3$ 2$ 2$ &$ 0$ D$ 2$ 3$ 3$ $ $ D$ 2$ 3$ 5$ 3$ 3$ C$ $ $ 4$ 3$ 3$ C$ $ $ 6$ 5$ 5$ B$ 6$ 4$ 8$ 2$ 2$ B$ 6$ 4$ 0$ 4$ 4$ A$ 7$ 6$ 4$ 7$ 7$ A$ 7$ 6$ 6$ 9$ 9$ E$ 3$ 2$ 6$ 3$ 3$ 7,8$ 4$ 4,2$ 9$ 5,2$ 5,2$ E[ TF] E[ N( t)] Criterio secodario La tardiess o è ua fuzioe regolare. Nessu criterio è i grado di iiizzare il valore edio di TT. Se co più criteri si ottiee la stessa prestazioe, si deve cosiderare u criterio secodario Critical Ratio (CR)! A ciascu job (,, ) si associa u idice di criticità CR (DD-D)/TP residuo CR$ E(N)% 2,8$ CR$ E(N)% 2,7$ D% i% DD% TP% CR% TC%(TF)% TL% TT% D% i% DD% TP% CR% TC%(TF)% TL% TT% 0$ D$ 2$ 3$ 0,67$ 3$ $ $ 2$ C$ $ $ &,00$ 3$ 2$ 2$ 0$ C$ $ $,00$ 4$ 3$ 3$ 2$ D$ 2$ 3$ 0,00$ 6$ 4$ 4$ 0$ A$ 7$ 6$,7$ 0$ 3$ 3$ 2$ E$ 3$ 2$ 0,50$ 8$ 5$ 5$ 0$ E$ 3$ 2$,50$ 2$ 9$ 9$ 2$ A$ 7$ 6$ 0,83$ 4$ 7$ 7$ 0$ B$ 6$ 4$,50$ 6$ 0$ 0$ 2$ B$ 6$ 4$,00$ 8$ 2$ 2$ 9$ 5,2$ 5,2$ 9,8$ 6$ 6$ CR$ E(N)% 3,0$ CR$ od.$ E(N)% 2,9$ D% i% DD% TP% CR% TC%(TF)% TL% TT% D% i% DD% TP% CR% TC%(TF)% TL% TT% 4$ C$ $ $ &3,00$ 5$ 4$ 4$ 4$ C$ $ " &3,00$ 5$ 4$ 4$ 4$ D$ 2$ 3$ &0,67$ 8$ 6$ 6$ 4$ E$ 3$ 2" &0,50$ 7$ 4$ 4$ 4$ E$ 3$ 2$ &0,50$ 0$ 7$ 7$ 4$ D$ 2$ 3" &0,67$ 0$ 8$ 8$ 4$ A$ 7$ 6$ 0,50$ 6$ 9$ 9$ 4$ A$ 7$ 6$ 0,50$ 6$ 9$ 9$ 4$ B$ 6$ 4$ 0,50$ 20$ 4$ 4$ 4$ B$ 6$ 4$ 0,50$ 20$ 4$ 4$,8$ 8$ 8$,6$ 7,8$ 7,8$ 2 22 Sequeziaeto co isure di prestazioe pesate Esepio! A ciascu job (,, ) si associa u peso w i Job w E[TF] w w i TF( w i Criterio del Weighted Shortest Processig Tie: TP ! Trovare la sequeza che ottiizza E[TF] w Job TP/w 3 0,33 0,5 0,63 0,5 0,47 0,56 SI DEVONO ORDINARE I JOBS PER TP i /W i CRESCENTI PER MINIMIZZARE E[TF]w ed E[TL] w! Cosa accadrebbe se TP 2 fosse pari a 7?!..e se TP 7 fosse pari a 0? 23 24

7 Esepio Sequeza co ritardi ulli (TT ax 0) ed E(TF) i Job TP w TP/w TF w*tf E(TFW) E(N) 3 3,00$ 3$ 3$ ,33$ 9$ 62$ ,50$ 5$ 80$ ,63$ 20$ 60$ ,50$ 24$ 92$ ,47$ 32$ 544$ ,56$ 4$ 656$ 4$ 80$ 20,57$ 897$ 23,7$ 3,5$ FIFO Se i u problea oo-stadio risulta TT ax 0 (etodo EDD), allora esiste u ordiaeto dei job che iiizza il flow tie edio E(TF) (etodo STP) co il job k ell ultia posizioe se e solo se: a) DD k TTP b) TP k TP i i per cui DD i TTP Job TP w TP/w TF w*tf E(TFW) E(N) ,33$ 6$ 08$ ,47$ 4$ 238$ ,50$ 20$ 240$ ,50$ 24$ 92$ ,56$ 33$ 528$ ,63$ 38$ 304$ 3 3,00$ 4$ 4$ 4$ 80$ 25,4$ 65$ 20,64$ 4,29$ WSPT Esepio: Job A B C D E F DD TP TTP 24 Job TP w TP/w TF w*tf E(TFW) E(N) 3 3,00$ 3$ 3$ ,50$ 7$ 56$ ,63$ 2$ 96$ ,33$ 8$ 324$ ,50$ 24$ 288$ ,47$ 32$ 544$ ,56$ 4$ 656$ 4$ 80$ 9,57$ 967$ 24,59$ 3,34$ SPT 25 % Applico il criterio EDD TT ax 0 %...è possibile applicare ua procedura ricorsiva per otteere ua sequeza che abbia TT ax 0 e che iiizzi E(TF). % I job A e F hao ua DueDate aggiore di TTP TP F >TP A F i posizioe 6 % Applico il criterio SPT TT ax 0 e o proseguo! 26 Esepio Sequeziaeto co Ready Tie 0 EDD$ E(N)% 3,3$ SPT$ E(N)% 2,6$ i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% D$ 7$ 3$ 3$ &4$ 0$ C$ 0$ $ $ &9$ 0$ C$ 0$ $ 4$ &6$ 0$ A$ 28$ 2$ 3$ &25$ 0$ E$ 2$ 5$ 9$ &3$ 0$ D$ 7$ 3$ 6$ &$ 0$ B$ 23$ 7$ 6$ &7$ 0$ E$ 2$ 5$ $ &$ 0$ F$ 25$ 6$ 22$ &3$ 0$ F$ 25$ 6$ 7$ &8$ 0$ A$ 28$ 2$ 24$ &4$ 0$ B$ 23$ 7$ 24$ $ $ 3$ &4,5$ 0$ 0,33$ &7,7$ 0,7$ SPT$Mod.$$ E(N)% 2,6$ SPT$Mod.$$ E(N)% 3,0$ i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% C$ 0$ $ $ &9$ 0$ C$ 0$ $ $ &9$ 0$ A$ 28$ 2$ 3$ &25$ 0$ D$ 7$ 3$ 4$ &3$ 0$ D$ 7$ 3$ 6$ &$ 0$ E$ 2$ 5$ 9$ &3$ 0$ E$ 2$ 5$ $ &$ 0$ B$ 23$ 7$ 6$ &7$ 0$ B$ 23$ 7$ 8$ &5$ 0$ A$ 28$ 2$ 8$ &0$ 0$ F$ 25$ 6$ 24$ &$ 0$ F$ 25$ 6$ 24$ &$ 0$ 0,50$ &7,00$ 0,00$ 2,00$ &5,50$ 0,00$ # Se il ready tie (TR) è diverso da zero asce il problea della coveieza ad iterropere lavorazioi già iiziate $ iterruzioi. # I preseza di iterruzioi si può applicare il criterio SHORTEST REMAINING PROCESSING TIME per iiizzare E[TF]. # Le iterruzioi si defiiscoo co ripetizioe se il job, ua volta iterrotto, deve essere uovaete svolto. Esepio JOB A B TR 0 TP 4 Seza iterruzioe: E[TF] 4 Co iterruzioe seza ripetizioe: E[TF] 3 Co iterruzioe co ripetizioe: E[TF] 3,5 28

8 Esepio 2 Tepi di Set Up dipedeti dalla sequeza FIFO$ E(N)% 2,0$ % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% i% TR% TP% TC% TF% A$ A$ A$ A$ B$ C$ C$ C$ A$ 0$ 4$ 4$ 4$ A$ $ $ $ B$ $ $ 5$ 4$ B$ $ $ $ C$ 0$ 3$ 8$ 8$ C$ $ $ $ $ $ $ $ 2,67$ 5,7$ 5,3$ SPTR$ E(N)%,8$ % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% i% TR% TP% TC% TF% C$ C$ C$ B$ A$ A$ A$ A$ C$ 0$ 3$ 3$ 3$ A$ $ $ $ $$ $$ $$ $$ B$ $ $ 4$ 3$ B$ $ $ A$ 0$ 4$ 8$ 8$ C$ $ $ 5,0$ 4,7$ SPTR$ E(N)%,6$ % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% i% TR% TP% TC% TF% C$ B$ C$ C$ A$ A$ A$ A$ C$ 0$ 3$ % $ A$ $ $ $ $$ $$ $$ $$ B$ $ $ 2$ $ B$ C$ 0$ 2$ 4$ 4$ C$ $ $ $ A$ 0$ 4$ 8$ 8$ 3,8$ 4,3$ SPTR$ E(N)%,7$ % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% i% TR% TP% TC% TF% C$ B$ C$ C$ C$ A$ A$ A$ A$ C$ 0$ 3$ % $ A$ $ $ $ $$ $$ $$ $$ $$ B$ $ $ 2$ $ B$ C$ 0$ 3$ 5$ 5$ C$ $ $ $ $ A$ 0$ 4$ 9$ 9$ 4,3$ 5,0$ & Job o iterropibile & Job iterropibile seza ripetizioe & Job iterropibile co ripetizioe 29! Si defiisce ua atrice quadrata S {s i,j } di rago (.ro dei jobs) IL PROBLEMA DA FORMULARE PER MINIMIZZARE IL TEMPO DI FABBRICAZIONE MASSIMO E QUELLO RELATIVO ALL IDENTIFICAZIONE DELLA SEQUENZA DI JOB CHE MINIMIZZA LA SOMMA DEI TEMPI DI SET UP 30 SCHEDULING MACCHINE IN SERIE (,) Regola di Johso ( 2) OBIETTIVO: MINIMIZZARE IL MAKESPAN (iiu copletio tie) Differeza tra fie ed iizio della lavorazioe di ua sequeza di job (ovvero tra tepo di uscita dal sistea dell ultio ordie e tepo di igresso del prio: MKS ) ESEMPIO JOB A B C TP 4 3 TP2 0 2 S$ [A]$ SPT$" S2$ [BC]$ LPT$2" PROCEDURA:. SI DIVIDONO I JOB IN DUE INSIEMI: a. [S] è l isiee dei job che hao tepi di produzioe aggiori o uguali sulla secoda acchia b. [S2] è l isiee dei job che hao tepi di produzioe aggiori sulla pria acchia S S2 { i I : TPi, TPi,2} { i I : TP > TP } I S i, i,2 2. L INSIEME [S] si ORDINA secodo il criterio SPT di 3. L INSIEME [S2] si ORDINA secodo il criterio LPT di 2 ESEMPIO 2 JOB A B C D E TP S$ [B]$ SPT$" TP S2$ [ACDE]$ LPT$2" % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 0% % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 20% 2% 22% 23% % D$ C$ A$ E$ 2% B$ D$ C$ A$ E$ 3 32

9 SCHEDULING SU MACCHINE PARALLELE Hp: ESISTONO PIU MACCHINE IN PARALLELO CHE SVOLGONO LA STESSA FUNZIONE ESSE SI POSSONO DISTINGUERE IN: " IDENTICHE: hao tutte la stessa velocità " UNIFORMI: velocità diverse a costati per ogi acchia " NON CORRELATE: velocità diverse e variao al variare dei copiti " DEDICATE: se soo dedicate per la risoluzioe di specifici copiti! LO SCHEDULING PREVEDE DUE PASSI: " ASSEGNARE JOBS A MACCHINE " SEQUENZIARE I JOB SU CIASCUNA MACCHINA! IN QUESTO CASO HA SENSO OTTIMIZZARE IL TEMPO MINIMO DI COMPLETAMENTO E CONSIDERARE LE INTERRUZIONI DELLE ATTIVITA Il criterio LPT! PER MINIMIZZARE IL MAKESPAN SI PUO ADOTTARE L EURISTICA LONGEST PROCESSING TIME PER ASSEGNARE I JOB DI DURATA MINORE ALLA FINE IN MODO DA BILANCIARE PI U AGEVOLMENTE I CARICHI DI LAVORO TRA LE DIVERSE MACCHINE ESEMPIO Soo dispoibili 4 acchie i parallelo idetiche JOB A B C D E F G H I TP Esepio acchie parallele idetiche 4 i caso di iterruzioe aissibile & Job o iterropibile LPT$ $ A$ G$ I$ 2$ B$ H$ 5% 3$ C$ E$ 4$ D$ F$ SPT$ $ G$ F$ B$ 2$ H$ C$ 6% 3$ I$ D$ 4$ E$ A$! E POSSIBILE FORMULARE UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE PER DEFINIRE QUANTO TEMPO CIASCUN JOB DEVE ESSERE PROCESSATO DA CIASCUNA MACCHINA! CON QUESTA INFORMAZIONE E POSSIBILE DEFINIRE UNA SCHEDULA AMMISSIBILE PER CIASCUNA MACCHINA F.O.: Mi C j j i x TP, i,..., i, j i x C i, j x C i, j x 0 i, j ax ax ax, i,...,, j,..., C ax akespa x i,j tepo totale speso dal job i ella acchia j TP i tepo di esecuzioe di ciascu job i 35 36

10 ..CENNI FLOW SHOP! FLOW SHOP " SE CIASCUN JOB DEVE EFFETTUARE DIVERSE OPERAZIONI (MACCHINE) NELLO STESSO ORDINE Macch. Macch.2 Macch.3 Macch.4! OPEN SHOP " SE CIASCUN JOB DEVE ESSERE PROCESSATO DA UN NUMERO DI MACCHINE PRE-DEFINITO SENZA UNA SEQUENZA PREFISSATA Job A Job B! JOB SHOP " SE CIASCUN JOB DEVE ESSERE PROCESSATO DA UN NUMERO DI MACCHINE DIVERSO MA CON UNA SEQUENZA PRE-DEFINITA DIVERSA PER OGNI JOB # Ogi job ha u ciclo tecologico che prevede operazioi su tutte le acchie # L ordie ell esecuzioe delle operazioi è uguale per tutti i job OPEN SHOP JOB SHOP Macch. Macch.2 Macch.3 Macch.4 A-II Macch. Macch.2 Macch.3 Macch.4 A-I Job A Job B # Ogi job ha u ciclo tecologico che prevede operazioi su tutte le acchie # Tuttavia l ordie ell esecuzioe delle operazioi o è specificato Job A Job B # Ogi job ha u ciclo tecologico che prevede operazioi su più acchie # L ordie ell esecuzioe delle operazioi dipede dai job 39 40

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I.

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I. FOn,l Éù.TTBUTTURQLI \àd, ia) EUROPEI 2047-2015.ÙMPETENZÉ PER LO SVILUPP (r e, - r{btenll P B L' APPNEN IMENTO {FC ) l-c.'sawétvlllll" ISTITUTO COMPRENSIVO "G. SAIVEMIM" 74122 TARANTO. VIA GREGORIO VII,

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO

MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO www.senft-partner.at MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO È tepo di riscoprire l essenza del legno su un apia base. La costruzione con questo ateriale sano

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3 Leica Lino L360, L25, L2+, L2, 5, 3 Manuale d'uso Versione 757665g Italiano Congratulazioni per aver acquistato Leica Lino. Le ore di sicurezza sono allegate al Manuale d'uso. Leggere attentaente le ore

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE Pagina. M 1 Cronotermostati M 3 Termostati.. M 4 Centraline climatiche M 4 Orologi M 6 Accessori abbinabili a centraline Climatiche e termoregolatori M 7 M 01

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli