! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA SINGOLA (m=1) ! SCHEDULING MACCHINE IN SERIE (m 3)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA SINGOLA (m=1) ! SCHEDULING MACCHINE IN SERIE (m 3)"

Transcript

1 CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Schedulig PROBLEMI DI SCHEDULING! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA SINGOLA () " Shortest Processig Tie (SPT) " Earliest Due Date (EDD) " Slack Tie Reaiig (STR) " FIFO/LIFO/LPT/RS/CR! SCHEDULING MACCHINE IN SERIE ( 3) " Regola di Johso! SCHEDULING A MACCHINE PARALLELE! JOB SHOP/FLOW SHOP 2 Obiettivi del problea Paraetri del problea # Rispetto delle date di cosega # Riduzioe dei livelli scorta (WIP) # Massia utilizzazioe delle risorse # Riduzioe del tasso di iadepieza degli ordii # Riduzioe del lavoro straordiario ed i appalto # I paraetri ecessari per descrivere il sistea soo relativi a: # Macchie () e prodotti () fabbricati dall ipiato # j,, geerica acchia o stazioe di lavoro # i,, ordie di lavoro (job) richiesto # DD( data di cosega richiesta per l ordie i # TP(i,j) tepo di produzioe ecessario per eseguire tutte le operazioi relative all ordie i presso la stazioe j # TS(i,j) tepo di setup relativo alla produzioe dell ordie i presso la stazioe j; geeralete è oto solo dopo aver fissato la sequeza di lavorazioe! 3 4

2 Tepo Totale di Produzioe (TTP) e Tepo Totale di Attesa (TTW) HP: I tepi di processo soo idipedeti dalla sequeza di lavorazioe I tepi di set up soo fissi e cosiderati all itero del tepo di processo! Tepo Totale di Produzioe dell i-esio lotto TTP(! TW(i,j) tepo di attesa del lotto i a ote del cetro j (dipede dalla sequeza di lavorazioe prescelta) j! Tepo Totale di Attesa dell i-esio lotto TP( i, j) TTW ( TW (i, j) j Tepo Totale di Fabbricazioe (TF) e Data di copletaeto del lotto (TC) HP: il tepo di preparazioe della acchia TS(i,j) è idipedete dalla sequeza! Durata del processo di Fabbricazioe (Flow Tie) dell i-esio lotto TR( Ready Tie: data alla quale è dispoibile per la produzioe il lotto (! Data di Cosega (Copletaeto) dell i-esio lotto TC ( TR( + TTP( + TTW ( TR( + TF( Hp: TR( 0, i, 2,, TF ( TTP( + TTW ( TC ( TF( TTP( + TTW ( 5 6 Ritardi di cosega del lotto (TL e TT) Criteri di valutazioe delle soluzioi di Schedulig! Stabilite le sequeze ottiali di lavoro degli lotti riagoo uivocaete deteriate le variabili! Lateess di (! Tardiess di ( TL( TC( DD( TT( ax{ 0,TL( } TL( > 0 $ Ritardo TL( < 0 $ Aticipo 7 LO SCHEDULING DI UN PROBLEMA E DETERMINATO UNA VOLTA NOTO TW(i,j) PER TUTTI I LOTTI.! A fissata sequeza dei lotti, soluzioi alterative soo cofrotate ediate idici di valutazioe! Soluzioi ad ugual idice si dicoo equivaleti! Quale idice di valutazioe si possoo assuere i valori edi (o assi dei paraetri " Tepo di copletaeto (TC) " Durata del processo (TF) " Ritardo di cosega (TL e TT) " Ordii i attesa di copletaeto (N) I problei di schedulig si differeziao (ache) i base agli idici di prestazioe prescelti! 8

3 Relazioi tra i valori edi dei criteri di valutazioe Cosiderado la soluzioe di sequecig adottata è possibile valutare il ritardo totale TL( TC( DD( Dividedo per si ottegoo i corrispodeti valori attesi:! Poiché E[DD] è idipedete dalla soluzioe adottata, ua soluzioe ottiale rispetto ad E[TF] lo è ache ei cofroti di E[TC] e E[TL]! Poiché E[TTP] è idipedete dalla soluzioe adottata, E[TTW] è equivalete a E[TC] ai fii della scelta della soluzioe di schedulig Tale regola o si può estedere ai valori assii HP :TR( 0, i,..., TL( TF( DD( E [ TL] E [ TC] E [ DD] E [ TTW ] E [ TC] E [ TTP] 9 Idici di valutazioe basati sulle prestazioi di ipiato! TTI Tepo Totale di Ipego! Grado di utilizzazioe dell ipiato U TTP TTI! Poiché TTP o dipede dalla soluzioe di schedulig, (U) ax si ottiee per TTI i.! Nelle produzioi cotiue TTI è u dato caratteristico e o ua variabile collegata alla sequeza di schedulig. 0 Utilizzazioe edia dell ipiato! Nelle produzioi iteritteti, posto TR(0,,2,, il grado di utilizzazioe edio dell ipiato risulta: E[U]! durata coplessiva di fabbricazioe % E[U] è idipedete dalla sequeza. TP(i, j) % Tuttavia, el caso i cui si dispoesse di sequeze i grado di redere i, pur risultado E[U] sequece depedet, la iiizazioe di tederebbe alla soluzioe di ax utilizzazioe edia. j ax{ TF( } Nuero degli ordii i attesa di copletaeto, N(t) Hp: TR( 0,,2,, E t t t 2 [ N( t, t2 )] N(t) dt E[ N( 0, )] 2 t 0 TF() TF(2) TF(-) TF() risulta: 0 0 N( t) dt TF( E[ TF] 0 N(t) dt N( t) dt TF() + ( )[ TF(2) TF()] [ ( )][ TF( ) TF( )] i 2

4 Nuero degli ordii i attesa, N(t) Nuero degli ordii i attesa, N(t) caso geerale E[ N( t)] E[ TF] Hp: TR( 0,,2,, A(t) preseza di eleeti el sistea [N. eleeti * tepo] a(t) uero di lotti arrivati al tepo t u(t) uero di lotti processati el tepo t # Il rapporto fra il uero edio dei lotti i fabbricazioe e uero totale dei lotti è pari al rapporto fra la durata edia di fabbricazioe del sigolo lotto e la durata coplessiva degli lotti. # Il risultato o dipede: " dal uero di stazioi di lavoro " dal tipo di sistea o processo produttivo (flow shop o job shop) a(t), u(t) a(t) u(t) a(t ) λ T T [a(t) u(t)] Δt t0 N T T TF T A(T) a(t) N T λ A(T) T # Il assio di TF () o dipede dalla sequeza e o può essere assuto coe criterio di ottialità T t 3 4 Nuero degli ordii i attesa, N(t) caso geerale Ta E[N] E[TF] Nel caso di ordii o dispoibili all istate iiziale (TR( 0) a aveti tasso di arrivo λ/ta, a regie risulta che la durata edia del processo di fabbricazioe (TF) è pari al uero edio di eleeti preseti el sistea per il tepo di iter-arrivo (Ta) (Coway): E[TF] E[N(t)] λ E(U) λ µ λ E(TP) λ E(U) E(TP) E[N(t)] λ E[TF] E[U] E[TF] E[TP] Criteri di Schedulig su acchia sigola (,) Hp: " Ordii dispoibili all istate t0 " Tepi di setup o dipedeti dalla sequeza " Sistea di produzioe oostadio. SPT (Shortest Processig Tie). Tepo di processo iore. Per pria si esegue la lavorazioe a tepo di copletaeto iore. Talvolta detta SOT (shortest operatig tie). Spesso è usata i cobiazioe co ua regola sul ritardo, per scogiurare eccessivi ritardi delle lavorazioi co i tepi più lughi. 2. EDD (Earliest Due Date First). Data di cosega. Per pria si esegue la lavorazioe co la data di cosega più prossia. 3. STR (Slack Tie Reaiig). Tepo residuo. Si calcola il tepo acate alla data di cosega sottratto il tepo di processo. Gli ordii a slack iore vegoo evasi per prii. 5 6

5 Criteri di Schedulig su acchia sigola 4. FIFO (First-IN, First-OUT). Prio ad arrivare, prio a essere lavorato. Le lavorazioi vegoo processate secodo l ordie co cui giugoo al reparto. 5. STR/OP (Slack Tie Reaiig per OPeratio). Tepo residuo per operazioe. Gli ordii a slack iore per uero di operazioi vegoo evasi per prii. STR/OP STR / uero di operazioi riaeti. 6. LPT (Logest Processig Tie). Tepo di processo aggiore. Per pria si esegue la lavorazioe a tepo di copletaeto aggiore. 7. RS (Rado Selectio). Ordie casuale o rado. Supervisori e operatori scelgoo a loro piacieto quale lavorazioe effettuare. 8. LIFO (Last-IN, First-OUT). Ultio ad arrivare, prio a essere lavorato. Spesso applicata icosapevolete. Regola di priorità diaica. CR (Critical Ratio). Rapporto critico. Il rapporto critico è la differeza fra la data di cosega e la data attuale diviso il uero dei restati giori ecessari al copletaeto. Gli ordii co il CR iferiore vegoo evasi per prii. Criterio del tepo di produzioe (SPT) Idicato co i il lotto fabbricato per i-o ella sequeza di lavoro prescelta, il Tepo edio di produzioe di u lotto: E[TF] TF(k) 7 k # E[TF] (/ ) % $ k k TP( # TP()+ (TP()+TP(2)) & (/ ) % ( $ (TP() + TP(2) +...TP()) ' & ( i +) TP( ( '! La soatoria del prodotto di due fattori, ciascuo dei quali apparteete ad ua successioe uerica, assue valore iio se ua successioe è crescete e l altra è decrescete.! Poiché (-i+) è decrescete co i, per i TF i lotti di produzioe sarao laciati i ordie crescete di TP(.! Criterio Shortest Processig Tie: lotti i ordie crescete di TP Sequeziado i lotti i ordie SPT si rede iio il uero edio dei lotti i attesa e, cosegueteete, il uero degli ordii ievasi oché il valor edio di TL. 8 Criterio delle date di cosega (EDD)! Il criterio SPT o tiee coto dell evetuale scostaeto esistete tra l istate di prograato copletaeto degli ordii e le date di cosega per essi assuti.! Tuttavia la scelta di ua sequeza di lavoro i base al criterio SPT, oltre alla durata edia del processo TF e al uero edio di ordii ievasi, iiizza ache il valor edio della TL.! Il rispetto delle date di cosega o la iiizzazioe dei ritardi assii può essere obiettivo prioritario ella PO.! Criterio Earliest Due Date: lotti i ordie crescete di DD Criterio del tepo residuo (STR) I corrispodeza di t0 si defiisce il paraetro Tepo Residuo o Slack Tie (TSL). Tale paraetro idividua l istate di tepo etro cui deve ecessariaete avere iizio la lavorazioe dell ordie pea l iosservaza della data di cosega stabilita.! TSL( DD( - TP(, " Se TSL( diiuisce aueta il rischio di o copletare ( etro DD( " Criterio Slack Tie Reaiig: lotti i ordie crescete di TSL Sequeziado i lotti i ordie EDD vegoo ottiizzati (iiizzat i valori assii assuti dalle variabili TL( e TT(. Sequeziado i lotti i ordie STR vegoo assiizzati i valori iii assuti dalle variabili TL( e TT(. 9 20

6 Esepio (sequecig) FIFO$ E(N)% 3,6$ SPT$ E(N)% 2,3$ EDD$ E(N)% 2,3$ i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% A$ 7$ 6$ 6$ &$ 0$ C$ $ $ $ 0$ 0$ C$ $ $ $ 0$ 0$ B$ 6$ 4$ 0$ 4$ 4$ E$ 3$ 2$ 3$ 0$ 0$ D$ 2$ 3$ 4$ 2$ 2$ C$ $ $ $ 0$ 0$ D$ 2$ 3$ 6$ 4$ 4$ E$ 3$ 2$ 6$ 3$ 3$ D$ 2$ 3$ 4$ 2$ 2$ B$ 6$ 4$ 0$ 4$ 4$ B$ 6$ 4$ 0$ 4$ 4$ E$ 3$ 2$ 6$ 3$ 3$ A$ 7$ 6$ 6$ 9$ 9$ A$ 7$ 6$ 6$ 9$ 9$ 3,8$ 3,2$,4$ 7,6$ 7,8$ 7,2$ 3,4$ 3,4$ 7,4$ 3,6$ 3,6$ STR$a$ E(N)% 2,8$ STR$b$ E(N)% 2,6$ i% DD% TP% TSL% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TSL% TC%(TF)% TL% TT% D$ 2$ 3$ &$ 3$ $ $ D$ 2$ 3$ &$ 3$ $ $ C$ $ $ 0$ 4$ 3$ 3$ C$ $ $ 0$ 4$ 3$ 3$ A$ 7$ 6$ $ 0$ 3$ 3$ E$ 3$ 2$ $ 6$ 3$ 3$ E$ 3$ 2$ $ 2$ 9$ 9$ A$ 7$ 6$ $ 2$ 5$ 5$ B$ 6$ 4$ 2$ 6$ 0$ 0$ B$ 6$ 4$ 2$ 6$ 0$ 0$ 9$ 5,2$ 5,2$ 8,2$ 4,4$ 4,4$ LIFO$ E(N)% 2,4$ RS$ E(N)% 2,8$ i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% E$ 3$ 2$ 2$ &$ 0$ D$ 2$ 3$ 3$ $ $ D$ 2$ 3$ 5$ 3$ 3$ C$ $ $ 4$ 3$ 3$ C$ $ $ 6$ 5$ 5$ B$ 6$ 4$ 8$ 2$ 2$ B$ 6$ 4$ 0$ 4$ 4$ A$ 7$ 6$ 4$ 7$ 7$ A$ 7$ 6$ 6$ 9$ 9$ E$ 3$ 2$ 6$ 3$ 3$ 7,8$ 4$ 4,2$ 9$ 5,2$ 5,2$ E[ TF] E[ N( t)] Criterio secodario La tardiess o è ua fuzioe regolare. Nessu criterio è i grado di iiizzare il valore edio di TT. Se co più criteri si ottiee la stessa prestazioe, si deve cosiderare u criterio secodario Critical Ratio (CR)! A ciascu job (,, ) si associa u idice di criticità CR (DD-D)/TP residuo CR$ E(N)% 2,8$ CR$ E(N)% 2,7$ D% i% DD% TP% CR% TC%(TF)% TL% TT% D% i% DD% TP% CR% TC%(TF)% TL% TT% 0$ D$ 2$ 3$ 0,67$ 3$ $ $ 2$ C$ $ $ &,00$ 3$ 2$ 2$ 0$ C$ $ $,00$ 4$ 3$ 3$ 2$ D$ 2$ 3$ 0,00$ 6$ 4$ 4$ 0$ A$ 7$ 6$,7$ 0$ 3$ 3$ 2$ E$ 3$ 2$ 0,50$ 8$ 5$ 5$ 0$ E$ 3$ 2$,50$ 2$ 9$ 9$ 2$ A$ 7$ 6$ 0,83$ 4$ 7$ 7$ 0$ B$ 6$ 4$,50$ 6$ 0$ 0$ 2$ B$ 6$ 4$,00$ 8$ 2$ 2$ 9$ 5,2$ 5,2$ 9,8$ 6$ 6$ CR$ E(N)% 3,0$ CR$ od.$ E(N)% 2,9$ D% i% DD% TP% CR% TC%(TF)% TL% TT% D% i% DD% TP% CR% TC%(TF)% TL% TT% 4$ C$ $ $ &3,00$ 5$ 4$ 4$ 4$ C$ $ " &3,00$ 5$ 4$ 4$ 4$ D$ 2$ 3$ &0,67$ 8$ 6$ 6$ 4$ E$ 3$ 2" &0,50$ 7$ 4$ 4$ 4$ E$ 3$ 2$ &0,50$ 0$ 7$ 7$ 4$ D$ 2$ 3" &0,67$ 0$ 8$ 8$ 4$ A$ 7$ 6$ 0,50$ 6$ 9$ 9$ 4$ A$ 7$ 6$ 0,50$ 6$ 9$ 9$ 4$ B$ 6$ 4$ 0,50$ 20$ 4$ 4$ 4$ B$ 6$ 4$ 0,50$ 20$ 4$ 4$,8$ 8$ 8$,6$ 7,8$ 7,8$ 2 22 Sequeziaeto co isure di prestazioe pesate Esepio! A ciascu job (,, ) si associa u peso w i Job w E[TF] w w i TF( w i Criterio del Weighted Shortest Processig Tie: TP ! Trovare la sequeza che ottiizza E[TF] w Job TP/w 3 0,33 0,5 0,63 0,5 0,47 0,56 SI DEVONO ORDINARE I JOBS PER TP i /W i CRESCENTI PER MINIMIZZARE E[TF]w ed E[TL] w! Cosa accadrebbe se TP 2 fosse pari a 7?!..e se TP 7 fosse pari a 0? 23 24

7 Esepio Sequeza co ritardi ulli (TT ax 0) ed E(TF) i Job TP w TP/w TF w*tf E(TFW) E(N) 3 3,00$ 3$ 3$ ,33$ 9$ 62$ ,50$ 5$ 80$ ,63$ 20$ 60$ ,50$ 24$ 92$ ,47$ 32$ 544$ ,56$ 4$ 656$ 4$ 80$ 20,57$ 897$ 23,7$ 3,5$ FIFO Se i u problea oo-stadio risulta TT ax 0 (etodo EDD), allora esiste u ordiaeto dei job che iiizza il flow tie edio E(TF) (etodo STP) co il job k ell ultia posizioe se e solo se: a) DD k TTP b) TP k TP i i per cui DD i TTP Job TP w TP/w TF w*tf E(TFW) E(N) ,33$ 6$ 08$ ,47$ 4$ 238$ ,50$ 20$ 240$ ,50$ 24$ 92$ ,56$ 33$ 528$ ,63$ 38$ 304$ 3 3,00$ 4$ 4$ 4$ 80$ 25,4$ 65$ 20,64$ 4,29$ WSPT Esepio: Job A B C D E F DD TP TTP 24 Job TP w TP/w TF w*tf E(TFW) E(N) 3 3,00$ 3$ 3$ ,50$ 7$ 56$ ,63$ 2$ 96$ ,33$ 8$ 324$ ,50$ 24$ 288$ ,47$ 32$ 544$ ,56$ 4$ 656$ 4$ 80$ 9,57$ 967$ 24,59$ 3,34$ SPT 25 % Applico il criterio EDD TT ax 0 %...è possibile applicare ua procedura ricorsiva per otteere ua sequeza che abbia TT ax 0 e che iiizzi E(TF). % I job A e F hao ua DueDate aggiore di TTP TP F >TP A F i posizioe 6 % Applico il criterio SPT TT ax 0 e o proseguo! 26 Esepio Sequeziaeto co Ready Tie 0 EDD$ E(N)% 3,3$ SPT$ E(N)% 2,6$ i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% D$ 7$ 3$ 3$ &4$ 0$ C$ 0$ $ $ &9$ 0$ C$ 0$ $ 4$ &6$ 0$ A$ 28$ 2$ 3$ &25$ 0$ E$ 2$ 5$ 9$ &3$ 0$ D$ 7$ 3$ 6$ &$ 0$ B$ 23$ 7$ 6$ &7$ 0$ E$ 2$ 5$ $ &$ 0$ F$ 25$ 6$ 22$ &3$ 0$ F$ 25$ 6$ 7$ &8$ 0$ A$ 28$ 2$ 24$ &4$ 0$ B$ 23$ 7$ 24$ $ $ 3$ &4,5$ 0$ 0,33$ &7,7$ 0,7$ SPT$Mod.$$ E(N)% 2,6$ SPT$Mod.$$ E(N)% 3,0$ i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% i% DD% TP% TC%(TF)% TL% TT% C$ 0$ $ $ &9$ 0$ C$ 0$ $ $ &9$ 0$ A$ 28$ 2$ 3$ &25$ 0$ D$ 7$ 3$ 4$ &3$ 0$ D$ 7$ 3$ 6$ &$ 0$ E$ 2$ 5$ 9$ &3$ 0$ E$ 2$ 5$ $ &$ 0$ B$ 23$ 7$ 6$ &7$ 0$ B$ 23$ 7$ 8$ &5$ 0$ A$ 28$ 2$ 8$ &0$ 0$ F$ 25$ 6$ 24$ &$ 0$ F$ 25$ 6$ 24$ &$ 0$ 0,50$ &7,00$ 0,00$ 2,00$ &5,50$ 0,00$ # Se il ready tie (TR) è diverso da zero asce il problea della coveieza ad iterropere lavorazioi già iiziate $ iterruzioi. # I preseza di iterruzioi si può applicare il criterio SHORTEST REMAINING PROCESSING TIME per iiizzare E[TF]. # Le iterruzioi si defiiscoo co ripetizioe se il job, ua volta iterrotto, deve essere uovaete svolto. Esepio JOB A B TR 0 TP 4 Seza iterruzioe: E[TF] 4 Co iterruzioe seza ripetizioe: E[TF] 3 Co iterruzioe co ripetizioe: E[TF] 3,5 28

8 Esepio 2 Tepi di Set Up dipedeti dalla sequeza FIFO$ E(N)% 2,0$ % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% i% TR% TP% TC% TF% A$ A$ A$ A$ B$ C$ C$ C$ A$ 0$ 4$ 4$ 4$ A$ $ $ $ B$ $ $ 5$ 4$ B$ $ $ $ C$ 0$ 3$ 8$ 8$ C$ $ $ $ $ $ $ $ 2,67$ 5,7$ 5,3$ SPTR$ E(N)%,8$ % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% i% TR% TP% TC% TF% C$ C$ C$ B$ A$ A$ A$ A$ C$ 0$ 3$ 3$ 3$ A$ $ $ $ $$ $$ $$ $$ B$ $ $ 4$ 3$ B$ $ $ A$ 0$ 4$ 8$ 8$ C$ $ $ 5,0$ 4,7$ SPTR$ E(N)%,6$ % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% i% TR% TP% TC% TF% C$ B$ C$ C$ A$ A$ A$ A$ C$ 0$ 3$ % $ A$ $ $ $ $$ $$ $$ $$ B$ $ $ 2$ $ B$ C$ 0$ 2$ 4$ 4$ C$ $ $ $ A$ 0$ 4$ 8$ 8$ 3,8$ 4,3$ SPTR$ E(N)%,7$ % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% i% TR% TP% TC% TF% C$ B$ C$ C$ C$ A$ A$ A$ A$ C$ 0$ 3$ % $ A$ $ $ $ $$ $$ $$ $$ $$ B$ $ $ 2$ $ B$ C$ 0$ 3$ 5$ 5$ C$ $ $ $ $ A$ 0$ 4$ 9$ 9$ 4,3$ 5,0$ & Job o iterropibile & Job iterropibile seza ripetizioe & Job iterropibile co ripetizioe 29! Si defiisce ua atrice quadrata S {s i,j } di rago (.ro dei jobs) IL PROBLEMA DA FORMULARE PER MINIMIZZARE IL TEMPO DI FABBRICAZIONE MASSIMO E QUELLO RELATIVO ALL IDENTIFICAZIONE DELLA SEQUENZA DI JOB CHE MINIMIZZA LA SOMMA DEI TEMPI DI SET UP 30 SCHEDULING MACCHINE IN SERIE (,) Regola di Johso ( 2) OBIETTIVO: MINIMIZZARE IL MAKESPAN (iiu copletio tie) Differeza tra fie ed iizio della lavorazioe di ua sequeza di job (ovvero tra tepo di uscita dal sistea dell ultio ordie e tepo di igresso del prio: MKS ) ESEMPIO JOB A B C TP 4 3 TP2 0 2 S$ [A]$ SPT$" S2$ [BC]$ LPT$2" PROCEDURA:. SI DIVIDONO I JOB IN DUE INSIEMI: a. [S] è l isiee dei job che hao tepi di produzioe aggiori o uguali sulla secoda acchia b. [S2] è l isiee dei job che hao tepi di produzioe aggiori sulla pria acchia S S2 { i I : TPi, TPi,2} { i I : TP > TP } I S i, i,2 2. L INSIEME [S] si ORDINA secodo il criterio SPT di 3. L INSIEME [S2] si ORDINA secodo il criterio LPT di 2 ESEMPIO 2 JOB A B C D E TP S$ [B]$ SPT$" TP S2$ [ACDE]$ LPT$2" % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 0% % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 20% 2% 22% 23% % D$ C$ A$ E$ 2% B$ D$ C$ A$ E$ 3 32

9 SCHEDULING SU MACCHINE PARALLELE Hp: ESISTONO PIU MACCHINE IN PARALLELO CHE SVOLGONO LA STESSA FUNZIONE ESSE SI POSSONO DISTINGUERE IN: " IDENTICHE: hao tutte la stessa velocità " UNIFORMI: velocità diverse a costati per ogi acchia " NON CORRELATE: velocità diverse e variao al variare dei copiti " DEDICATE: se soo dedicate per la risoluzioe di specifici copiti! LO SCHEDULING PREVEDE DUE PASSI: " ASSEGNARE JOBS A MACCHINE " SEQUENZIARE I JOB SU CIASCUNA MACCHINA! IN QUESTO CASO HA SENSO OTTIMIZZARE IL TEMPO MINIMO DI COMPLETAMENTO E CONSIDERARE LE INTERRUZIONI DELLE ATTIVITA Il criterio LPT! PER MINIMIZZARE IL MAKESPAN SI PUO ADOTTARE L EURISTICA LONGEST PROCESSING TIME PER ASSEGNARE I JOB DI DURATA MINORE ALLA FINE IN MODO DA BILANCIARE PI U AGEVOLMENTE I CARICHI DI LAVORO TRA LE DIVERSE MACCHINE ESEMPIO Soo dispoibili 4 acchie i parallelo idetiche JOB A B C D E F G H I TP Esepio acchie parallele idetiche 4 i caso di iterruzioe aissibile & Job o iterropibile LPT$ $ A$ G$ I$ 2$ B$ H$ 5% 3$ C$ E$ 4$ D$ F$ SPT$ $ G$ F$ B$ 2$ H$ C$ 6% 3$ I$ D$ 4$ E$ A$! E POSSIBILE FORMULARE UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE PER DEFINIRE QUANTO TEMPO CIASCUN JOB DEVE ESSERE PROCESSATO DA CIASCUNA MACCHINA! CON QUESTA INFORMAZIONE E POSSIBILE DEFINIRE UNA SCHEDULA AMMISSIBILE PER CIASCUNA MACCHINA F.O.: Mi C j j i x TP, i,..., i, j i x C i, j x C i, j x 0 i, j ax ax ax, i,...,, j,..., C ax akespa x i,j tepo totale speso dal job i ella acchia j TP i tepo di esecuzioe di ciascu job i 35 36

10 ..CENNI FLOW SHOP! FLOW SHOP " SE CIASCUN JOB DEVE EFFETTUARE DIVERSE OPERAZIONI (MACCHINE) NELLO STESSO ORDINE Macch. Macch.2 Macch.3 Macch.4! OPEN SHOP " SE CIASCUN JOB DEVE ESSERE PROCESSATO DA UN NUMERO DI MACCHINE PRE-DEFINITO SENZA UNA SEQUENZA PREFISSATA Job A Job B! JOB SHOP " SE CIASCUN JOB DEVE ESSERE PROCESSATO DA UN NUMERO DI MACCHINE DIVERSO MA CON UNA SEQUENZA PRE-DEFINITA DIVERSA PER OGNI JOB # Ogi job ha u ciclo tecologico che prevede operazioi su tutte le acchie # L ordie ell esecuzioe delle operazioi è uguale per tutti i job OPEN SHOP JOB SHOP Macch. Macch.2 Macch.3 Macch.4 A-II Macch. Macch.2 Macch.3 Macch.4 A-I Job A Job B # Ogi job ha u ciclo tecologico che prevede operazioi su tutte le acchie # Tuttavia l ordie ell esecuzioe delle operazioi o è specificato Job A Job B # Ogi job ha u ciclo tecologico che prevede operazioi su più acchie # L ordie ell esecuzioe delle operazioi dipede dai job 39 40

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni Problemi di Schedulig Defiizioi I problemi di schedulig soo caratterizzati da tre isiemi: Attività (Task) T {T,T 2, T } macchie (Machies) P {P,P 2, P m } Risorse R {R,R 2, R s } Schedulig: assegare m Macchie

Dettagli

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling)

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) Contenuti Le funzioni della PO Gli obiettivi della PO Il job loading Il metodo dell assegnazione Il job sequencing Regole e tecniche di priorità

Dettagli

Esame 2003. 1 - Generalità - Rapporto di riduzione

Esame 2003. 1 - Generalità - Rapporto di riduzione Esae 003 Si deve provvedere all accoppiaeto tra u otore asicroo trifase ed ua popa a vite, ediate u riduttore a ruote detate cilidriche a deti diritti. Cosiderado che: il otore asicroo ha ua sola coppia

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Parte 2. Problemi con macchine parallele

Parte 2. Problemi con macchine parallele Parte 2 Problemi co macchie arallele Esemio job 1 2 3 4 5 j 2 3 5 1 4 2macchie Assegado{2,3,5}aM1e{1,4}aM2 M2 M1 4 1 1 3 3 2 5 5 8 12 Assegado{1,4,5}aM1e{2,3}aM2 M2 3 2 M1 4 1 5 1 3 5 7 8 R m //C Algoritmo

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

STRUMENTI MATEMATICI PER LE SCELTE ECONOMICHE. [brevi appunti di testo in bozza] 1) Scelta tra progetti economico-finanziari (generalità)

STRUMENTI MATEMATICI PER LE SCELTE ECONOMICHE. [brevi appunti di testo in bozza] 1) Scelta tra progetti economico-finanziari (generalità) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartieto di Scieze Ecooiche e Aziedali Via S. Felice, 7-271 Pavia Tel. 382/986268 - Fax 382/22486 STRUMENTI MATEMATICI PER LE SCELTE ECONOMICHE. [brevi apputi di testo

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

Tecnica di isolamento dalle vibrazioni meccaniche Elementi introduttivi.

Tecnica di isolamento dalle vibrazioni meccaniche Elementi introduttivi. Corso di Orgaizzazioe e Gestioe della Sicurezza Aziedale Tecica di isolaeto dalle vibrazioi eccaiche Eleeti itroduttivi. Terii e defiizioi Vibrazioe eccaica: rappreseta il ovieto oscillatorio di u corpo

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali Corso Sistemi Informativi Aziendali,. Sistemi informativi aziendali di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Febbraio - Marzo 2009 Produzione (cenni) Pagina 2 Produzione La produzione, in termini

Dettagli

Programmazione della produzione MT MT

Programmazione della produzione MT MT Programmazione della produzione Architettura gerarchica del processo di programmazione M P S livello 1 - livello di fabbrica orizzonte temporale lungo (12-24 mesi) Master Production Schedule n settimane

Dettagli

Modelli di Schedulazione

Modelli di Schedulazione EW Modell d Schedulazoe Idce Maccha Sgola Tepo d Copletaeto Totale Tepo d Copletaeto Totale Pesato Tepo d Rtardo Totale Maespa co set-up dpedete dalla sequeza Tepo d Copletaeto Totale co vcolo d precedeza

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

Pianificazione e supervisione della produzione in isole robotizzate

Pianificazione e supervisione della produzione in isole robotizzate Piaificazioe e supervisioe della produzioe i isole robotizzate Cadidato Stefao Cappugi Relatori Prof.Ig. G.Bucci Prof.Ig. P.Nesi Dott.Ig. F.Fioravati Ig. A.Villoresi Ig. M.Perfetti Dipartimeto di Sistemi

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

Cenni di Teoria delle assicurazioni

Cenni di Teoria delle assicurazioni ei di Teoria dee assicurazioi Vautazioe di acue fore basiari di assicurazioi sua ita Probea di autazioe di ua redita di durata aeatoria Necessità di espriere a probabiità di sopraieza di u idiiduo: Fuzioi

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

ALLEGATO C ELENCO PREZZI UNITARI QUANTITA PREVISTA. Cassonetti Intervento. Cestini Intervento. 231 Interventi. Cassonetti Intervento.

ALLEGATO C ELENCO PREZZI UNITARI QUANTITA PREVISTA. Cassonetti Intervento. Cestini Intervento. 231 Interventi. Cassonetti Intervento. ART. 1 2 3 DESCRIZIONE Svuotaeto autoatizzato di coteitori portarifiuti da 1,1 3 istallati dall'ipresa presso le Stazioi Autostradali, i Posti di Mautezioe ediate ipiego di attrezzatura specifica e secodo

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Uiversità degli studi di Messia Facoltà di Igegeria Corso di Laurea i Igegeria Iformatica e delle Telecomuicazioi Fodameti di Iformatica II Prof. D. Brueo Complessità Computazioale La Nozioe di Algoritmo

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

Problemi di turnistica del personale nei trasporti. Pianificazione dei turni. Tecniche di ottimizzazione. Programma. Paolo Toth e Daniele Vigo

Problemi di turnistica del personale nei trasporti. Pianificazione dei turni. Tecniche di ottimizzazione. Programma. Paolo Toth e Daniele Vigo Problemi di turistica del persoale ei trasporti Paolo Toth e Daiele Vigo DEIS, Uiversità di Bologa http://promet4.deis.uibo.it/ Piaificazioe dei turi Dati: u isieme di servizi da effettuare i u determiato

Dettagli

ARGOMENTI Scopi e caratteristiche dello strumento Tipologie di mutui Il mercato secondario e il ruolo svolto nella crisi finanziaria

ARGOMENTI Scopi e caratteristiche dello strumento Tipologie di mutui Il mercato secondario e il ruolo svolto nella crisi finanziaria MERCATO DEI MUTUI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@uits.it DEAMS Uiversità di Trieste ARGOMENTI Scopi e caratteristiche dello strumeto Tipologie di mutui Il mercato secodario e il ruolo svolto

Dettagli

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA Politecico di Torio Sistemi di Produzioe... CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA... Equazioe di govero Negli ultimi ai il metodo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

TURBINA PELTON. DESCRIZIONE E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le turbine PELTON sfruttano salti elevati e portate d acqua anche piccole; orientativamente

TURBINA PELTON. DESCRIZIONE E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le turbine PELTON sfruttano salti elevati e portate d acqua anche piccole; orientativamente 6 TURBINA PELTON DESCRIZIONE E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le turbie PELTON sfruttao salti elevati e portate d acqua ache piccole; orietativaete ΣY c H g 00 000 Q < 0 5 3 /s Ua tipica disposizioe d ipiato

Dettagli

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT La gestioe, il cotrollo ed il migliorameto della qualità di u prodotto/servizio soo temi di grade iteresse per l azieda. Il problema della qualità

Dettagli

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia Itroduzioe Metodi diretti Elimiazioe di Gauss Decomposizioe LU Casi particolari Metodi Iterativi Geeralità e covergeza Metodi di base Cei sui metodi basati sul gradiete Cei sui metodi multigriglia 1 Itroduzioe

Dettagli

Principi base di Ingegneria della Sicurezza

Principi base di Ingegneria della Sicurezza Pricipi base di Igegeria della Sicurezza L aalisi delle codizioi di Affidabilità del sistema si articola i: (i) idetificazioe degli sceari icidetali di riferimeto (Eveti critici Iiziatori - EI) per il

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI www.shutterstock.com/vladitto Stima di u immobile a destiazioe alberghiera di Maria Ciua (Ricercatore di Estimo Facoltà di Igegeria dell Uiversità di Palermo) I geere ell expertise immobiliare

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Indici COMIT Metodologia di calcolo

Indici COMIT Metodologia di calcolo Il presete documeto riassume le regole fodametali per il calcolo e la gestioe degli idici elaborati da Itesa Sapaolo per l itero Mercato Telematico Azioario italiao (MTA) ed il vecchio Nuovo Mercato. Gli

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

La matematica finanziaria

La matematica finanziaria La matematica fiaziaria La matematica fiaziaria forisce gli strumeti ecessari per cofrotare fatti fiaziari che avvegoo i mometi diversi Esempio: Come posso cofrotare i ricavi e i costi legati all acquisto

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Sommario. Metodologie di progetto. Introduzione. Modello del Sistema. Diagramma a Blocchi. Progetto

Sommario. Metodologie di progetto. Introduzione. Modello del Sistema. Diagramma a Blocchi. Progetto Sommario Metodologie di progetto Massimo Violate troduzioe Progetto a Livello Porte Logiche Progetto a Livello Registri Progetto a Livello Sistema. troduzioe U sistema è ua collezioe di oggetti, compoeti,

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Università degli Studi La Sapienza. Facoltà di Economia. Anno accademico 2012-13. Matematica Finanziaria Canale D - K

Università degli Studi La Sapienza. Facoltà di Economia. Anno accademico 2012-13. Matematica Finanziaria Canale D - K 1 Matematica Fiaziaria Uiversità degli Studi La Sapieza Facoltà di Ecoomia Ao accademico 212-13 Matematica Fiaziaria Caale D - K Capitolo 3 Ammortameto di prestiti idivisi Atoio Aibali Atoio Aibali a.a.

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI OLUMI DI INASO PER L INARIANZA IDRAULICA 1. Premessa I queste brevi ote si preseta il metodo semplificato delle piogge illustradoe l implemetazioe i u foglio di calcolo

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

Bibliografia. Gestione operativa della produzione. Terminologia. Schedulazione. Schedulazione operativa della produzione

Bibliografia. Gestione operativa della produzione. Terminologia. Schedulazione. Schedulazione operativa della produzione Bibliografia Gestione operativa della produzione Schedulazione operativa della produzione 14/12/2001 11.54 E.L. Lawler, J.K. Lenstra, A.G.H. Rinnoy Kan, D.B. Shmoys, Sequencing and Scheduling: Algorithms

Dettagli

NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI

NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI STATISTICA, ao LXII,. 3, 00 NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli. PREMESSA

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Organizzazione della produzione

Organizzazione della produzione Scheduling Organizzazione della produzione PROOTTO che cosa chi ORGNIZZZIONE PROCESSO come FLUSSO I PROUZIONE COORINMENTO PINIFICZIONE SCHEULING quando Pianificazione della produzione: schedulazione di

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

L ammortamento dei prestiti. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08

L ammortamento dei prestiti. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 L ammortameto dei prestiti. Corsaro Matematica Fiaziaria a.a. 27/8 Prestiti idivisi Operazioi fiaziarie co due cotraeti mutuate o creditore: presta u capitale mutuatario o debitore: si impega a restituire

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

A = 10 log. senϕ = n n (3)

A = 10 log. senϕ = n n (3) CORSO DI LABORATORIO DI FISICA A Misure co fibre ottiche Scopo dell esperieza è la misura dell atteuazioe e dell apertura umerica di fibre ottiche di tipo F-MLD-500. Teoria dell esperieza La fisica sulla

Dettagli

Le soluzioni di elettroliti

Le soluzioni di elettroliti Le soluzioi di elettroliti Elettroliti: sostaze (acidi, basi e gra parte dei sali) che, sciolte i acqua o altri opportui solveti, dao origie a soluzioi capaci di codurre la correte elettrica Elettrolita

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

Matematica Finanziaria

Matematica Finanziaria Corso di Matematica Fiaziaria a.a. 202/203 Testo a cura del Prof. Sergio Biachi Programma Operazioi fiaziarie i codizioi di certezza L operazioe fiaziaria elemetare Operazioi a proti e a termie Regimi

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Modelli di scheduling su macchina singola. relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni singola macchina nello shop è

Modelli di scheduling su macchina singola. relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni singola macchina nello shop è . Modello base Consideriamo il caso in cui ogni job consiste di una sola operazione. Poiché un insieme di job è partizionato in relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni

Dettagli

Medici Specialisti e Odontoiatri

Medici Specialisti e Odontoiatri ALLEGATO B BOLLO 16,00 P A R T E P R I M A DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA art. 21 dell Accordo Collettivo Nazioale per la disciplia dei rapporti co i Medici specialisti ambulatoriali, Medici Veteriari

Dettagli

Matematica Finanziaria

Matematica Finanziaria Corso di Matematica Fiaziaria a.a. 202/203 Testo a cura del Prof. Sergio Biachi Programma Operazioi fiaziarie i codizioi di certezza L operazioe fiaziaria elemetare Operazioi a proti e a termie Regimi

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comuicazioi ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comuicata a Micee (550km di distaza) attraverso ua serie di fuochi allieati 794 d.c.: rete di Chappe collega Parigi

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

Sessione ordinaria Esame di Stato 2011 Tema di Informatica - Abacus Soluzione proposta da: Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Commento

Sessione ordinaria Esame di Stato 2011 Tema di Informatica - Abacus Soluzione proposta da: Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Commento Soluzioe del tema di Iformatica Abacus Esame di Stato AS 2010-2011 1 Sessioe ordiaria Esame di Stato 2011 Tema di Iformatica - Abacus Soluzioe proposta da: Il Miistero dell Ambiete commissioa lo sviluppo

Dettagli

Complementi di Matematica e Statistica

Complementi di Matematica e Statistica Uiversità di Bologa Sede di Forlì Ao Accademico 009-00 Complemeti di Matematica e Statistica (Alessadro Lubisco) Aalisi delle compoeti pricipali INDICE Idice... i Aalisi delle compoeti pricipali... Premessa...

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende)

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende) Spazio per timbri DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (isege, targhe, affissi pubblicitari e tede) Al Servizio Edizia Privata del Comue di PAVIA DI UDINE La D.I.A. va presetata i bollo ( 14,62) quado costituisca

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA TETI FINNZIRI. Defiizioi 2. Iteesse semplice 3. Iteesse composto cotiuo 4. Iteesse composto discotiuo auo Spostameto dei valoi el tempo ualità Peiodicità 5. Iteesse composto discotiuo covetibile atematica

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Foto Foto estera estera scambiatore i i fuzioe fuzioe 20/01/2006 Pagia 1 Iformazioi geerali Impiato dedicato al recupero calore a valle del filtro a maiche.

Dettagli

Introduzione alla Statistica descrittiva. Definizioni preliminari. Definizioni preliminari. Fasi di un indagine statistica. Tabelle statistiche

Introduzione alla Statistica descrittiva. Definizioni preliminari. Definizioni preliminari. Fasi di un indagine statistica. Tabelle statistiche Itroduzioe alla Statistica descrittiva Defiizioi prelimiari È la scieza che studia i feomei collettivi o di massa. U feomeo è detto collettivo o di massa quado è determiato solo attraverso ua molteplicità

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione Questi esempi vi potrao essere utili come riferimeto ella ricerca di itervalli di cofideza e test di ipotesi statistiche. Per gli aggiorameti potete visitare i siti www.boch.et o www.feaor.com. Per dubbi

Dettagli

Lezione 2 - Operazioni sugli eventi. Assiomi della probabilità. -Intro ad excel OPERAZIONI SUGLI EVENTI ALETORI ASSIOMI DELLA PROBABILITÀ

Lezione 2 - Operazioni sugli eventi. Assiomi della probabilità. -Intro ad excel OPERAZIONI SUGLI EVENTI ALETORI ASSIOMI DELLA PROBABILITÀ Lezioe 2 - Operazioi sugli eveti. ssiomi della probabilità. -Itro ad excel 1 OERZIONI SUGLI EVENTI LETORI SSIOMI DELL ROILITÀ GRUO MT06 Dip. Matematica, Uiversità di Milao - robabilità e Statistica per

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di Soluzioe del tema di Iformatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Sessioe ordiaria Esame di Stato 2011 Tema di Iformatica - Progetto: Mercurio Soluzioe proposta da: Co il termie Web 2.0 si

Dettagli