Automazione negli impianti industriali Bruna Di Silvio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Automazione negli impianti industriali Bruna Di Silvio"

Transcript

1 Automazione negli impianti industriali Bruna Di Silvio

2

3 Caratteristiche del mercato odierno Personalizzazione dei prodotti Variabilità dei prodotti Ridotto ciclo di vita dei prodotti Ridotto time to market

4 Caratteristiche dei moderni sistemi produttivi Innovazione di prodotto processo Flessibilità ed elasticità del processo produttivo Integrazione di tutte le attività del sistema

5 FLESSIBILITA Facoltà dell impianto di essere utilizzato per ottener prodotti differenti tra loro senza dover sostener costi di trasformazione, incompatibili con la situazione economica e concorrenziale dell impresa La flessibilità è una caratteristica richiesta al sistema tecnico-produttivo nel suo complesso, inteso come sistema costituito di macchinari e impianti, tecnologie, personale, strutture organizzative, sistemi informativi

6 VERSATILITA La versatilità è una caratteristica che si riferisce di solito esclusivamente a macchinari e impianti ed è una condizione necessaria ma non sufficiente per ottenere flessibilità Riconfigurabilità: è relativa sia all ampiezza del set di operazioni producibili a regime sia alla difficoltà di passaggio fra le varie operazioni del set, espressa dai tempi e costi di setup Convertibilità: relativa alla difficoltà di messa a punto dell impianto in fase di industrializzazione di nuovi prodotti quando possono essere richieste fra l altro modifiche impiantistiche o di layout

7 AUTOMAZIONE Trae origine dalla meccanizzazione dei processi produttivi: sostituzione di attività manuali mediante dispositivi azionati grazie ad opportuni impieghi di energia (ad.ex. torni automatici). Contributo all automazione dato dallo sviluppo della microelettronica applicata all elaborazione dei dati. Elaboratori con livelli di memoria, affidabilità elevatissimi con una gamma dimensionale vastissima permettono il controllo dei parametri critici per la sicurezza e la conduzione ottimale dei processi produttivi. Gli elaboratori permettono quindi il controllo del processo industriale e di raccogliere dati, elaborarli e dedurre le azioni necessarie e comandare l avvio di tali azioni

8 AUTOMAZIONE AUTOMAZIONE NELLA PRODUZIONE AUTOMAZIONE NELLA PROGETTAZIONE AUTOMAZIONE NELLA LOGISTICA

9 AUTOMAZIONE PRODUZIONE PROCESSO PRODUTTIVO Flusso di materiali in lavorazione Flusso di informazioni dal processo al sistema di controllo FABBRICA AUTOMATICA Automazione del flusso di materiali e delle attività di produzione Automazione del controllo di processo

10 AUTOMAZIONE PRODUZIONE FORME DI AUTOMAZIONE AUTOMAZIONE DI CONTROLLO AUTOMAZIONE RIGIDA AUTOMAZIONE FLESSIBILE

11 AUTOMAZIONE PRODUZIONE Automazione di controllo Impiega automatismi di flusso prevalentemente con funzioni di controllo di processi continui a ciclo tecnicamente obbligato per un solo prodotto Applicata a processi che richiedono una trasformazione chimico fisica in seguito all azione congiunta di fattori quali temperatura, pressione, deformazione; Processi nei settori petroliferi, petrolchimici, metallurgici, cartari, alimentari; L automazione è applicata al processo per mezzo di meccanismi di retroazione: rilevazione delle condizioni effettive, confronto con le prescrizioni, rilevazione degli scostamenti, interventi di correzione per mantenere il ciclo nelle condizioni previste;

12 AUTOMAZIONE DI CONTROLLO RAPPORTI PRODOTTO PROCESSO Processi continui Prodotti ripetitivi Alti volumi VANTAGGI COMPETITIVI Qualità Affidabilità alta Elasticità bassa Versatilità bassa

13 AUTOMAZIONE PRODUZIONE Automazione rigida Impiega automatismi di flusso: la linea di produzione è costituita da macchine operatrici e mezzi di manipolazione che eseguono automaticamente singole operazioni e/o movimentazioni ripetute a tempo indeterminato. Sono disposti in sequenza secondo un ciclo di lavorazione prefissato e immutabile. Ha per obiettivo la realizzazione dell unico ciclo di produzione per il quale il sistema è stato costruito Sono sistemi in grado di far ripetere costantemente e a tempo indeterminato singoli movimenti, operazioni con la massima precisione La parcellizzazione delle operazioni di trasformazione delle produzioni di massa consente la ripetitività A differenza dell automazione di controllo, l automazione rigida non è dotata di autoregolazione Essa non consente alcuna variante di prodotto processo salvo che non si provveda alla mutazione dell intero ciclo processo

14 AUTOMAZIONE RIGIDA RAPPORTI PRODOTTO PROCESSO Processi continui Prodotti ripetitivi Altissimi volumi standardizzati VANTAGGI COMPETITIVI Qualità altissima Affidabilità altissima Costi unitari i più bassi Elasticità, versatilità, adattabilità e convertibiltà le più basse

15 AUTOMAZIONE PRODUZIONE Automazione flessibile Impiega automatismi di operazione. Le macchine ammettono range di variazione crescenti anche se finiti di varianti nelle operazioni e nei cicli rispetto a quelli specifici delle funzioni di base. Scarsi o nulli i costi di riconversione. Sistemi che permettono in breve tempo e a basso costo di cambiare l operazione da fare su uno stesso pezzo o di fare l operazione su prodotti differenti

16 AUTOMAZIONE FLESSIBILE RAPPORTI PRODOTTO PROCESSO Processi intermittenti a grandi lotti ed a piccoli lotti Job shop Processi continui flessibili Bassi volumi di pochi prodotti-base con molte varianti personalizzate VANTAGGI COMPETITIVI Qualità alta Affidabilità alta Costi unitari bassi Elasticità, versatilità, adattabilità e convertibilità

17 SUPPORTI DI AUTOMAZIONE AUTOMAZIONE DI CONTROLLO Computer, sensori, misuratori AUTOMAZIONE RIGIDA Macchine CNC Robot multifunzione Linee transfer rigide Meccanizzazione Automazione di flussi AUTOMAZIONE FLESSIBILE CNC Robot multifunzione Robot monofunzione Automazione delle operazioni

18 MACCHINA NC Macchine operatrice dotata di un sistema di controllo che opera secondo un programma prestabilito leggendolo su schede o nastri perforati in linguaggio simbolico. Il sistema di controllo sostituisce l operatore che in base alla scheda di controllo svolgeva le manovre sulla macchina. La macchina è così in grado di eseguire le istruzioni lette sulla scheda senza l intervento di un lavoro diretto.

19 Esempi

20

21

22

23 MACCHINA CNC Caratteristiche: Grande precisione Specializzazione Grande velocità Bassi costi unitari Programma immutabile Ripetitività Per mutare la sequenza di operazioni è necessario cambiare il supporto perforato. Normalmente non possiede meccanismo di autoregolazione.

24 MACCHINA CNC Macchina NC dotata di un computer autonomo (computer numerical control) che agisce sul proprio sistema automatico di controllo. La memoria del computer contiene i programmi specifici atti a far svolgere una parte o tutte le funzioni base della macchina NC. La memorizzazione dei programmi può essere effettuata da supporto magnetico, da scheda perforata o manualmente. L input per far funzionare la macchina è fornito da programmi specifici : la macchina applica a ciascun semilavorato il programma richiesto scegliendo tra il range di variazione di programmi che possiede nella propria memoria.

25 MACCHINA CNC Controlli numerici, CNC (Computerized Numerical Control), sono essenzialmente dispositivi elettronici costituiti da una o più unità centrali (CPU) che per il tramite di specifici software di elaborazione dati sono in grado di automatizzare il funzionamento di macchine operatrici ed impianti produttivi. Nati all'inizio degli anni '50 per l'automazione di semplici lavorazioni meccaniche, i controlli numerici hanno progressivamente seguito lo sviluppo tecnologico dell'elettronica e dell'informatica, arrivando oggi ad automatizzare i macchinari più diversi, ivi compresi i più moderni e complessi sistemi flessibili di produzione.

26 MACCHINA CNC Si intende un computer per il governo di macchine operatrici La struttura è del tutto simile a quella di un computer (CPU, memorie, moduli di interfaccia, periferiche..) Anche per l uso utente è molto simile ad un computer dotato di schermo, tastiera, unità di lettura dei programmi predisposti off-line Unità di lettura dipende dal supporto sul quale sono registrati i programmi: scheda perforata, disco magnetico

27 MACCHINA CNC CARATTERISTICHE: Il tipo di CPU: numero di bit, monoprocessore, multi processore, che condizionano la precisione delle interpolazioni e la possibilità di svolgere più funzioni il numero di assi controllabili La capienza della memoria programmi: influenza l autonomia del CNC nei confronti dell archivio programmi Il numero di utensili gestibili, che condiziona l ampiezza del magazzino utensili installabili L interfacciabilità con unità periferiche, il modo di programmazione

28 MACCHINA CNC Caratteristiche: Stesse delle NC Capacità di personalizzazione del ciclo semilavorato per semilavorato Versatilità, adattabilità, convertibilità Meccanismo di autoregolazione che consente di gestire passo per passo la lavorazione in corso

29 Esempi Torni CNC a testa fissa

30

31

32

33

34 Robot Robot utilizzati adesso sono in realtà dei compute muniti di servomeccanismi; esistono moltissime tipologie di Robot differenti sviluppate per assolvere i compiti più disparati. Ormai è larghissimo l'impiego dei robot nell industria metalmeccanica e non solo Si possono catalogare i robot in due macro categorie: "autonomi" "non autonomi". I robot "non autonomi" sono i classici robot utilizzati per adempiere a specifici compiti che riescono ad assolvere in maniera più efficace dell'uomo; alcuni casi sono i robot utilizzati nelle fabbriche con l'enorme vantaggio di poter ottenere una produzione più precisa, veloce ed a costi ridotti; I robot autonomi sono invece caraterizzati dal fatto che operano in totale autonomia ed indipendenza dall'intervento umano e sono in grado di prendere decisioni anche a fronte di eventi inaspettati.

35 ROBOT MONOFUNZIONE Macchine in grado di manipolare semilavorati senza intervento di lavoro diretto Robot traslatori (trasferire pezzi) Robot ribaltatori (modificare la posizione dei pezzi) Robot posizionatori (posizionare pezzi) Caratteristiche: Eseguono manipolazione ripetitive in base a programmi ripetitivi e immutabili. Per cambiare la sequenza di movimento è necessario cambiare il programma.

36 ROBOT MULTIFUNZIONE Macchine complesse che abbinano movimentazione e lavorazioni. Dotate di automatismi in grado di spostare i pezzi e di eseguire tramite più teste di lavorazione, numerose operazioni programmate. La parti principali che costituiscono un robot sono: Il corpo: è il basamento della macchina e contiene solitamente le movimentazioni principali; Il braccio: si compone normalmente di più elementi rigidi collegati fra loro mediante cerniere manicotti controllati dall elettronica di governo La mano (gripper o end effector): può essere una pinza o un attrezzo (pinza di saldatura, pistole per verniciatura, avvitatori)

37 Robot pallettizzatore di fardelli di lattine

38 Robot per transfer

39

40

41 Pressofusione

42 Pressofusione

43 Isole saldatura

44 Fonderia pentole Particolari auto

45 Manipolazione lamiera profilati Pannelli per refrigerazione

46 LINEE TRANSFER RIGIDE Sequenza di macchine NC collegate da sistemi automatici rigidi di movimentazione che svolgono un ciclo di lavorazione complesso, rigidamente predefinito ed immutabile. Caratteristiche: eseguono manipolazioni ripetitive in base a programmi ripetitivi e immutabili. per cambiare la sequenza dei movimenti è necessario cambiare programma.

47 Linea automatica confezionamento profumi

48 Linea pallettizzazione e inscatolamento bobine

49 Linea transfer movimentazione delle sorprese e dei gusci di cioccolata

50 FMS Flexible manufacturing systems Sistemi operativi composti da più macchine CNC e/o robot a loro volta controllati da un computer centrale che fornisce ai computer macchina gli input per la scelta dei singoli programmi specifici di ciascuna NC. E possibile mutare i cicli di ciascuna macchina e quindi l intero ciclo di lavorazione del FMS.

51 FMS Flexible manufacturing systems Caratteristiche: Precisione, rapidità, bassi costi unitari Versatilità, adattabilità, convertibilità Si distinguono a seconda della complessità in: Celle flessibili di lavorazione (FMC) Moduli flessibili di lavorazione (FMM) Sistemi flessibili di produzione (FMS)

52 Macchine FMS per la costruzione di parti di aeroplani

53 FMS per la produzione di stampi

54 Aree di applicazione per volume e varietà Numero di prodotti diversi FLESSIBILITA PRODUTTIVA ALI MACCHINE UNIVERS TRADIZIONALI MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO INDIPENDENTI CELLE DI LAVORAZIONE SISTEMI FLESSIBILI NON IN LINEA LINEE TRANSFER FLESSIBILI 2 LINEE TRANSFER RIGIDE CAPACITA PRODUTTIVA Numero di pezzi per singolo prodotto

55 AUTOMAZIONE PROGETTAZIONE Impiega automatismi di operazione (calcolo elaborazione di cicli, fasi, operazione) nella progettazione del prodotto Applicata a tutti i processi e tutti i prodotti Qualità e affidabilità nella progettazione altissime Costi di progettazione bassi Possibilità di aumentare il grado di standardizzazione dei componenti conservando la personalizzazione dei prodotti

56 AUTOMAZIONE PROGETTAZIONE COMPUTER AIDED DESIGN (CAD) Applicazione delle capacità di memorizzazione e di elaborazione del computer alla progettazione del prodotto a mezzo di software che consentono sia di risolvere i problemi anche complessi di calcolo sia di considerare un numero elevato di soluzioni alternative Non solo supporto informatico di tipo grafico ma permette anche dimensionamenti, calcoli strutturali, verifiche di resistenza tecnica COMPUTER AIDED ENGINEERING (CAE) Applicazione della filosofia CAD alla formulazione dei cicli di lavorazione, delle distinte basi ed alla industrializzazione del prodotto Definizione di dettaglio dei cicli produttivi, degli utensili e attrezzature Analisi simulate di dettaglio di lavorabilità e/o montabilità di ciascuna fase produttiva Indicazione dei tempi ciclo e assemblaggio

57 CIM Computer integrated Manufacturing Definizione: impiego articolato e cooperante della tecnologia informatica nei processi di progettazione produzione distribuzione per acquisire un durevole vantaggio competitivo Ambito: tutte le funzioni nella Impresa che possono essere assistite dall elaboratore essere automatizzate e quindi eseguite e controllate dall elaboratore con un alto livello di integrazione

58 CIM Funzioni coinvolte funzioni amministrative funzioni di progettazione Sistemi informativi di Produzione Computer aided design (CAD/CAE) Computer aided manufacturing (CAM/CAPP) Flexible manufacturing (FMS/FMC/...) funzioni di pianificazione & controllo produzione funzioni di produzione

59 CIM LIVELLI TECNOLOGIE ORGANIZZATIVE Software TECNOLOGIE INFORMATICHE Hardware TECNOLOGIE DI PRODUZIONE 1 AZIENDA Master Production Scheduling Principi contabili e valorizzazione dei costi Gestione finanziaria Controllo di gestione Standard di progettazione Business Information System (Bis) Decision support system (Dss) Simulazioni Mainframe Minicomputer Rete fisica/interfacce 2 STABILIMENTO Programmazione e controllo di gestione Gestione materiali macchine e risorse Controllo di gestione della produzione Cad Capp Cae Cam Sip (Siq, Mrp Jrt) Lan Minicomputer Rete fisica/interfacce Sistemi di trasporto materiali 3 AREA Gestione lotti Schedulazione produzione Contabilità magazzino Simulazione produzione Monitoring e controllo delle linee S.I. manutenzione Lan Minicomputer Microcomputer di fabbrica Rete fisica/interfacce Fms Linee robotizzate Movimentazione materiali Magazzini automatici 4 CELLA Avanzamento produzione Movimentazione materiali Scheduling e dispatching Sistemi operativi real Time Cnc/Dnc Lan di cella Minicomputer Microprocessori Plc Fmd Tratto di linea Agv 5 PROCESSO Microcodici Servo Sensori Terminali Switch Plc Robot Macchine utensili Macchine dedicate

60 AUTOMAZIONE LOGISTICA Sistemi tradizionali di trasporto Sistemi di trasporto a guida automatica Sistemi manuali di immagazzinamento e stoccaggio Magazzini intensivi automatizzati

61 SISTEMI DI TRASPORTO I sistemi di trasporto del materiale all interno dell impianto industriale si possono classificare in relazione al GRADO DI AUTOMAZIONE e LIVELLO DI FLESSIBILITA BASSA FLESSIBILITA ALTA FLESSIBILITA BASSA AUTOMAZIONE TRANSPALLET CARRELLI ELEVATORI ALTA AUTOMAZIONE TRASPORTATORI RIGIDI AUTOMATED GUIDED VEHICLE AGV

62 SISTEMI TRADIZIONALI DI TRASPORTO Carrelli elevatori Sistemi rigidi di trasporto Impianti di trasporto multifase

63 Carrelli elevatori Sono veicoli a ruote impiegati per la movimentazione di materiale di qualsiasi genere con l intervento degli operatori a terra o a bordo Transpallet: carrelli a ruote piccole per piccoli sollevamenti che sollevano il carico solamente per poterlo trasportare Carrelli accatastatori: muniti di idonee attrezzature per sollevare il carico ad altezze superiori compatibili con l esigenza di impilaggio Frontali A forche retrattili A presa laterale A presa bilaterale Con posto di guida sollevabile

64 Carrelli elevatori CARRELLO ACCATASTATORE TRANSPALLET

65 Sistemi rigidi di trasporto TRASPORTATORI A RULLI: consistono in una serie di rulli montati su apposite strutture portanti;sono impiegati per il trasferimento e accumulo di colli rigidi TRSPORTATORI A NASTRO: sono impiegati per il trasporto continuo in orizzontale o in pendenza dei materiali alla rinfusa o di carichi concentrati leggeri ELEVATORI: consentono il sollevamento di materiali sfusi su grandi pendenze

66 TRAPORTATORI A RULLI serie di rulli montati su apposite strutture montanti impiegati per il trasferimento e l accumulo di colli rigidi tali da evitare impuntamenti con i rulli sottostanti sui materiali movimentati con un trasportatore a rulli possono essere effettuate operazioni di vario genere quali montaggi, lavorazioni, imballaggi, pesature, ecc. i rulli possono essere anche utilizzati come elementi di sostegno e di scorrimento nei trasportatori a nastro.

67 TRASPORTATORI A NASTRO Sono impiegati per il trasporto continuo in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi leggeri un nastro trasportatore serie di rulli superiori e inferiori di supporto una puleggia motrice e una di rinvio una struttura metallica di sostegno Nastri trasportatori Tela e gomma Fibre naturali e sintetiche Acciaio Rete metallica

68 NASTRI TRASPORTATORI DI TELA E GOMMA Struttura di tela e gomma a forma di nastro chiuso ed anello con giunzione vulcanizzata e metallica utilizzata per il trasporto di materiali vari (UNI ) Nucleo tele: nucleo per sopportare lo sforzo di trazione conseguente al trasporto Copertura: per protegger il nucleo dall azione chimica e meccanica del materiale Il numero e le caratteristiche dinamometriche delle tele costituenti il nucleo, la qualità e e lo spessore delle coperture di gomma sono scelti in base alle sollecitazione del nastro e al materiale trasportato Sono adatti per il trasporto di materiale alla rinfusa

69 NASTRI TRASPORTATORI IN ACCIAIO E RETE METALLICA I nastri in acciaio sono adatti per temperature superiori a C e per il trasporto di materiali abrasivi Sono costituiti in acciaio inossidabile e carbonio e presentano un elevato carico di rottura e allungamenti trascurabili Si prestano alla movimentazione in essiccatoi e raffreddatori poiché consentono il passaggio di aria e realizzano un efficace trasmissione termo-convettiva

70 NASTRI PIANI E A CONCA Sono PIANI i nastri destinati a trasportare colli singoli o materiali alla rinfusa in piccole quantità Sono CONCAVI i nastri destinati a portare elevate quantità di materiali alla rinfusa (angolo di inclinazione 20 ) Parametri principali Lunghezza del nastro Larghezza del nastro Inclinazione del nastro Velocità (fino a 1 m/s per nastri piani e fino a 2-3 m/s per nastri a conca) Diametro pulegge, rulli, cuscinetti

71 Sistemi rigidi di trasporto TRASPORTATORE A RULLO ELEVATORE A TAZZE TRASPORTATORE A NASTRO

72 Automatic guided vehicles (AGV) Il sistema di trasporto automatico più flessibile ed innovativo è quello che usa carrelli a guida automatica AGV lungo una serie complessa di percorsi Il primo fu costruito da Barrett Electronics nel 1950 In campo industriale trovano impiego principalmente negli FMS Si compongono di: 1. Carrelli a guida automatica 2. Impianto che provvede a guidare i carrelli lungo tragitti 3. Impianto per la trasmissione di informazioni 4. Sistema di gestione per la programmazione e ottimizzazione missioni e controllo del traffico

73 Carrelli a guida automatica (AGV) I veicoli, o carrelli, che provvedono al trasporto dei materiali sono costituiti da: Telaio montato su ruote; Motori di trazione e sterzatura; Microprocessori; Tastatori di guida; Lettori di codici; Dispositivi antiurto e sicurezza; Elementi di supporto e bloccaggio dei carichi trasportati; Dispositivi di carico e scarico (se non sono a terra); Eventuali attrezzature per la movimentazione dei materiali trasportati.

74 Carrelli a guida automatica (AGV) I carrelli di più corrente impiego sono in grado di fornire le seguenti prestazioni: Massa del carico trasportato: fino a 2000kg/carrello; Velocità massima in entrambi i sensi di marcia: 1,2 m/s; Accelerazione/decelerazione media: 0,5-0,7 m/s 2 ; Tempo minimo di presa o di rilascio del carico: 20s; Tempo medio richiesto per organizzare le missioni ed effettuare le comunicazioni: 10s per ogni missione; Tempo minimo di attesa agli incroci: 5 s/incrocio; Raggio minimo di curvatura: 1500mm; Precisione di avvicinamento alle postazioni di carico/scarico: 5mm.

75 Sistema di guida AGV Fa seguire ai veicoli, in modo automatico, i percorsi richiesti dalle esigenze di movimentazione proprie dello stabilimento. I veicoli non seguono un percorso unico, ma devono compiere tragitti diversi ed effettuare delle deviazioni: il carrello individua il percorso da seguire attraverso i segnali ricevuti dalle guide e dal calcolatore dedicato. Guida fissa Guida induttiva magnetica Guida ottica Guida ottica a luce riflessa Guida ottica mediante telecamera Guida ottica mediante laser Guida libera

76 Trasmissione dei comandi e delle informazioni (AGV) Tastiera alfanumerica che trasmette messaggi codificati al microprocessore di bordo che attivano programmi memorizzati comprendenti il percorso da seguire, le destinazioni da raggiungere, le operazioni di carico e scarico da eseguire Via induttiva Via induttiva attraverso apposito cavo posto sotto il piano di calpestio e percorso da corrente alternata. Raggi infrarossi che mettono in contatto i sensori collegati al calcolatore dedicato ed i carrelli mediante impulsi ottici nella gamma dell infrarosso Onde radio: il carrello e la centrale di controllo comunicano continuamente attraverso onde radio nella gamma UHF.

77 Gestione dell impianto (AGV) La gestione dell impianto è affidata ad un calcolatore dedicato che: riceve le richieste di trasporto provenienti dalle aree produttive e dai magazzini interoperativi, attraverso segnali analogici o digitali di fotocellule, pulsanti, interfacce di posti di lavoro o di magazzini ecc.; memorizza ed assegna ai carrelli le missioni da compiere; segue direttamente lo svolgimento delle missioni da parte dei carrelli. CENTRALIZZATO DECENTRALIZZATO MISTO VANTAGGI -Situazione nota al calcolatore dedicato completamente -Elettronica sui carrelli limitata -Minor numero di scambi fra carrelli e impianto - Calcolatore dedicato meno sofisticato -Calcolatore meno potente -Nota la situazione dell impianto -Scambio dati molto intenso -Situazione impianto nota solo in punti predeterminati -Calcolatore di bordo più intelligente SVANTAGGI -Molti loop -Calcolatore sofisticato -Tanti microcalcolatori quanti sono i carrelli -Se cade il calcolatore dedicato l impianto si ferma

78 CENTRALIZZATO DECENTRALIZZATO

79 Sicurezza dei sistemi AGV Pulsanti di arresto ed emergenza in punti accessibili del carrello Segnalatori ottici a bordo carrello: entrano in funzione alla partenza dei veicoli e ne evidenziano la marcia fino alla fine della missione Paraurti dotati di sensori di contatto che provocano l arresto del carrello a contatto con un ostacolo Distanziatori di sicurezza Distanziatori di sicurezza basati su sensori fotoelettrici, ad ultrasuoni, ecc.: eventuali ostacoli che si presentino davanti al carrello, riflettono o modificano il flusso luminoso o sonoro proveniente dal veicolo, di conseguenza il carrello può rilevarli e decelerare ed arrestarsi evitando di venirne a contatto.

80 AGV Punti di forza Consentono di trasportare materiali lungo percorsi complessi, con punti di carico e scarico lungo il percorso modificabili secondo le esigenze; L organizzazione dei trasporti può essere programmata e non richiede personale; Si può ottimizzare il percorso dei veicoli (by-pass, sorpassi o missioni speciali); Sono possibili modifiche ed ampliamenti dei percorsi; La potenzialità di trasporto può essere adeguata in maniera sensibile; Sono facilmente integrabili con altri sistemi di movimentazione; Il livello di automazione può essere esteso dalla produzione ai trasporti interni. Punti di debolezza Punti di debolezza Elevati investimenti; Elevati costi di gestione; Velocità necessariamente limitata; Criticità legate all affidabilità (il guasto di un carrello può provocare problemi all intero sistema di movimentazione AGV); Fragilità del sistema.

81 SISTEMI DI TRASPORTO AEREI CON CARRELLI AUTOMOTORI (AEM) consistono in carrelli motorizzati che, scorrendo su vie di corsa sopraelevate, sono in grado di svolgere operazioni di trasporto completamente automatizzate da uno o più punti di partenza ad uno o più punti di arrivo I principali componenti di tali sistemi sono: 1. Carrelli che provvedono al trasporto di materiale; 2. Vie di corsa aeree che sostengono i carrelli e li guidano lungo il percorso; 3. Sistema di gestione e controllo delle missioni dei carrelli; 4. Dispositivi automatici di carico e scarico dei carrelli; 5. Sicurezze antinfortunistiche (simili per AGV).

82 Sono costituiti da un elemento motore collegato con più elementi non motorizzati mediante barre di accoppiamento atte a sostenere il carico da trasportare e comprendono un gruppo di codificazione e comando delle destinazioni (costituito solitamente da sistemi di trasmissione dei segnali di comando e controllo analoghi a quelli visti per gli AGV) ed un elemento di sospensione del carico. Carrelli (AEM)

83 Vie di corsa aeree (AEM) Sono generalmente costituite da rotaie in leghe leggere, il cui profilo è definito in modo da assicurare contemporaneamente funzioni di sostegno e di guida. Infatti la parte superiore della via di corsa sopporta il carico, mentre le facce laterali fungono da guida Lungo le rotaie corrono i conduttori di alimentazione elettrica e di trasmissione dei segnali di comando ai carrelli e di ricevimento delle informazioni riguardanti la loro posizione, lo stato di carico, ecc.

84 Sistema di gestione e controllo (AEM) Negli impianti tradizionali le missioni dei carrelli possono essere comandate dalle stazioni di partenza o da quelle di arrivo oppure da un calcolatore di processo Negli impianti più complessi si installano due o più calcolatori per la gestione delle missioni e dei percorsi dei carrelli, questi calcolatori sono eventualmente sottesi ad un supervisore interfacciato con un calcolatore dedicato In tutti i casi, l intero circuito dell AEM è suddiviso in tratti collegati direttamente con il calcolatore dedicato (e livello superiore). E così possibile: Gestire le missioni dei carrelli (tipo di materiale da trasportare, destinazione secondo il percorso ottimale, cambi di velocità, arresti, ecc.) Aggiornare ed eventualmente visualizzare la situazione dell impianto (materiali movimentati, avarie ai vari livelli, fermate od emergenza, ecc.)

85 Dispositivi automatici (AEM) I dispositivi automatici di carico e scarico dei carrelli devono consentire prelievi e depositi rapidi e sicuri dei materiali da movimentare oppure il loro trasferimento da o su altri trasportatori (rulliere, AGV, ecc.), macchine operatrici, magazzini. Il carico e lo scarico automatico dei carrelli automotori hanno via via sostituito le rispettive operazioni di tipo manuale, ormai adottate solo negli impianti leggeri e a bassa movimentazione.

86 Prestazioni AEM Massa del carico trasportato: da 500 a 2500kg/carrello; Velocità massima in entrambi i sensi di marcia: da 1 a 2 m/s (al diminuire del carico); Pendenza massima superabile: alcuni gradi (fino a 45 per applicazioni particolari a basse velocità 0,5m/s); I principali vantaggi conseguibili con un sistema di trasporto aereo a carrelli automotori sono: L installazione aerea libera da intralci il pavimento; Limitati ingombri dei carrelli; Elevate potenzialità di trasporto adeguabili alle esigenze operative; Attuazione di percorsi complessi, su diversi piani e livelli, con possibilità di ampliamento; Possibilità di accumulo lungo il percorso di carrelli carichi o scarichi; Rapidità di montaggio; Funzionamento silenzioso

87 TRASLOELEVATORI I trasloelevatori rappresentano l unico mezzo di trasporto atto a consentire la realizzazione di magazzini intensivi, aventi cioè altezze superiori a 12 m

88 TRASLOELEVATORI Montante/i costituenti la struttura portante, unitamente alle travi di base (con le ruote di scorrimento) e superiore Telaio mobile scorrevole lungo una colonna verticale (asse y), che a sua volta può traslare lungo il corridoio posto tra le scaffalature (asse x) Contrappesi per la riduzione degli sforzi di sollevamento Dispositivo per il prelievo ed il deposito dei carichi (spesso una piastra porta forche di tipo telescopico) La cabina per il manovratore o per le operazioni di emergenza Il sistema di automazione e di coordinamento dei cicli operativi La linea elettrica di alimentazione.

89 Prestazioni Trasloelevatori Vantaggi: Possibilità di sviluppare il magazzino ad altezze maggiori di quelle raggiungibili impiegando altri mezzi di movimentazione, con conseguente risparmio di aree Rapidità di movimentazione dei materiali immagazzinati Facilità di attuazione dei criteri FIFO e LIFO e di automatizzazione della gestione del magazzino.

90 AUTOMAZIONE VANTAGGI Eliminazione mansioni che richiedono sforzo fisico Efficienza nel controllo di qualità Miglioramento procedure di programmazione e controllo della produzione Rapidità nell introduzione di nuovi prodotti Incremento della flessibilità produttiva ai volumi ed al mix Riduzione dei tempi di consegna (time-to-market) Miglioramento della qualità Riduzione dei costi Miglioramento del servizio al cliente Sopravvivenza dell impresa in un ambiente altamente competitivo BARRIERE ALL AUTOMAZIONE Barriere finanziarie: costi acquisizione strumenti e costi formazione risorse specializzate Barriere conoscitive Barriere di tipo innovativo organizzativo Rischio obsolescenza Elevata scala di produzione per saturare la capacità produttiva delle macchine

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM

AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM CIM = Computer Integrated Manufacturing Fabbrica completamente automatizzata fabbrica ottimizzata Obiettivi di una strategia CIM incremento della qualità del prodotto

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Rev 3.00 In conformità alla Direttiva Macchine 98/37/CE e alle parti applicabili delle norme EN 13241-1; EN 12453; EN 12445; EN 12635. 01/09/2007

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

Università degli Studi di Trieste a.a. 2009-2010. Convogliatori. continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi:

Università degli Studi di Trieste a.a. 2009-2010. Convogliatori. continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi: Convogliatori I trasportatori di tipo fisso con moto spesso continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi: trasportatori a rulli (motorizzati o non motorizzati); trasportatori a nastro;

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 9 PER L INSTALLAZIONE DEI CANCELLI MOTORIZZATI A SCORRIMENTO VERTICALE DAL BASSO VERSO L ALTO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Con la presente pubblicazione

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti

Meccanica degli Azionamenti Università degli Studi di Brescia Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Parte I Introduzione all automazione industriale I.1 Automazione e Flessibilità Automazione Automazione: Impiego di mezzi

Dettagli

Magazzini automatici serie AW

Magazzini automatici serie AW Magazzini automatici serie AW Una singola installazione può essere costituita da uno o più traslo elevatori. La larghezza della corsia centrale può essere realizzata con due diverse larghezze: la corsia

Dettagli

Introduzione alla logistica industriale

Introduzione alla logistica industriale Introduzione alla logistica industriale Definizione di logistica La logistica nasce in ambito militare, con l obiettivo principale di ottimizzare il trasporto e il dislocamento delle truppe e dei materiali.

Dettagli

Computer Integrated Manufacturing

Computer Integrated Manufacturing Computer Integrated Manufacturing Sistemi per l automazione industriale Ing. Stefano MAGGI Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Milano lunedì 10 novembre 2008 Contenuti Il processo e l impianto

Dettagli

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott.

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. Ermanno Sarti Infortunio L'infortunio è l'evento occorso al lavoratore per causa violenta

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA EVOLUZIONE DELLA FABBRICA NUOVE TECNOLOGIE NELLA PRODUZIONE PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO H.S.C. High Speed Cutting (Lavorazione ad altissima velocità di taglio) Viene utilizzata in quelle lavorazioni che

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la presente

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO 1 MACCHINE E ATTREZZATURE GESTIONE ADEGUATEZZA AL AL LAVORO DA DA SVOLGERE IDONEITA AI AI FINI FINI DELLA SICUREZZA E SALUTE CORRETTO UTILIZZO

Dettagli

STOCCAGGIO AUTOMATICO AUTOSTORE

STOCCAGGIO AUTOMATICO AUTOSTORE STOCCAGGIO AUTOMATICO I magazzini consentono lo stoccaggio automatico di unità di carico di ogni dimensione e peso. Le macchine sono progettate in diverse soluzioni per il massimo sfruttamento della volumetria

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO:

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO: Oggetto: LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. PRODOTTO DA IMBALLARE: BOX DOCCIA. DIMENSIONI PRODOTTO: LUNGHEZZA (X) MIN. 800 MM MAX. 2200 MM LARGHEZZA (Y) MIN. 240

Dettagli

UNA LINEA AL SERVIZIO DELLA LAMIERA

UNA LINEA AL SERVIZIO DELLA LAMIERA AUTOMAZIONE UNA LINEA AL SERVIZIO DELLA LAMIERA 144 Elevata produttività, grande flessibilità e affidabilità: sono le caratteristiche dei sistemi di automazione della linea PrimaServer prodotta da Prima

Dettagli

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 Macchina utensile in cui il mandrino, orizzontale o verticale, è in grado di eseguire due o più processi di lavorazione

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 26/03/2015 - Pagina 1 di 10 Caratteristiche tecniche Carterizzazioni laterale e posteriore fisse. Anteriore a

Dettagli

Sistemi di stoccaggio

Sistemi di stoccaggio Sistemi di stoccaggio I sistemi di stoccaggio possono richiedere o meno l impiego di attrezzature, con riflessi diretti sui costi per postazione. D altra parte al variare del sistema si ottengono risultati

Dettagli

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

Asservimenti laser. Carico e scarico lamiere. Trasloelevatori lamiere. Trasloelevatori cassoni

Asservimenti laser. Carico e scarico lamiere. Trasloelevatori lamiere. Trasloelevatori cassoni Monofronte pag.6 Bifronte pag.8 Profili lunghi pag.10 Asservimenti laser pag.12 Carico e scarico lamiere pag.16 Trasloelevatori lamiere pag.18 Trasloelevatori cassoni pag.20 3 MOVIMENTARE IN SICUREZZA,

Dettagli

B 5000 Sistema di saldatura

B 5000 Sistema di saldatura B 5000 Sistema di saldatura Oggi per dimostrare la propria competenza tecnica e soddisfare le esigenze del mercato, un costruttore di impianti per produzioni in massa di componenti deve conoscere a fondo

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate sul tetto. c) con tetto piano e lucernari a sezione triangolare trasversali. d)

Dettagli

linea d imballo pacchi lamiera

linea d imballo pacchi lamiera linea d imballo pacchi lamiera linea di imballo per pacchi di lamiera mediante filmatura completamente automatica Nuovo metodo d imballo Pesmel ad elevata capacità produttiva La linea d imballaggio è stata

Dettagli

VOLUMEDIA. Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy

VOLUMEDIA. Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy VOLUMEDIA By Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy CARATTERISTICHE GENERALI I sistemi tradizionali di magazzinaggio ed archiviazione con scaffalature statiche, per consentire l accesso ai materiali

Dettagli

CIM Computer Integrated Manufacturing

CIM Computer Integrated Manufacturing INDICE CIM IN CONFIGURAZIONE BASE CIM IN CONFIGURAZIONE AVANZATA CIM IN CONFIGURAZIONE COMPLETA DL CIM A DL CIM B DL CIM C DL CIM C DL CIM B DL CIM A Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN A.S. 2014/15 Innovazione e ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto e di conseguenza il suo processo produttivo dipende dalla

Dettagli

Numero carrelli senza guidatore a bordo presenti in azienda

Numero carrelli senza guidatore a bordo presenti in azienda Pagina 1di 11 AZIENDA Redatto da Verificato Approvato Ines Magnani Carlo Veronesi Massimo Magnani firma firma TIPO SCHEDA A formazione ed informazione dei lavoratori NUMERO DI SCHEDE DATA VERIFICATO RI

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 1 PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1,

Dettagli

Belt Tension System SKF. Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile

Belt Tension System SKF. Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile Belt Tension System SKF Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile Belt Tension System SKF Una soluzione innovativa per trasmissioni a cinghia È risaputo che le cinghie debbono

Dettagli

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Bologna - 4 maggio 2011 Ing. Mario Alvino Coordinatore Operativo CTS L Allegato V del Testo Unico tratta i requisiti

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI Il pallettizzatore cartesiano aperto è un robot cartesiano serie CC a 3/4 assi con un asse a terra che può arrivare a 10 metri di corsa, per pallettizzare fino a 7 posti

Dettagli

Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale

Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale Material Handling FEAII - Material Handling (I) SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO INDICE

Dettagli

Consulenze Industriali Forniture Industriali

Consulenze Industriali Forniture Industriali Consulenze Industriali Forniture Industriali 2 La Società MT Engineering Srl è l unione di esperienze avente lo scopo di offrire dedicate consulenze industriali soprattutto nel settore dell industria meccanica.

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 14 Una definizione La funzione di produzione riguarda

Dettagli

N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l.

N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l. N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l. Automazione per industria www.nbnautomazione.it N.B.N. Automazione S.r.l. Frazione Penna n.154 52028 Terranuova Bracciolini (Arezzo) Telefono: 055/97.05.430 Fax: 055/56.09.099

Dettagli

MACCHINE UTENSILI è la divisione del Gruppo Overmach che si occupa di analizzare e risolvere qualsiasi problema produttivo del Cliente in fase di pre-vendita: dalla scelta della macchina utensile più

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

m60-90 - 120 La risposta alle vostre esigenze di stoccaggio

m60-90 - 120 La risposta alle vostre esigenze di stoccaggio m60 90 120 La risposta alle vostre esigenze di stoccaggio m6090120 LA QUALITÀ, LA RAPIDITÀ, LA DURATA, LA Le scaffalature della serie M6090120 sono sistemi flessibili e versatili, capaci di rispondere

Dettagli

L'automazione nei processi industriali

L'automazione nei processi industriali L'automazione nei processi industriali Un processo industriale è l insieme delle operazioni che concorrono a trasformare le caratteristiche e le proprietà di materiali, tipi di energia e/o informazioni

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

Scegliete il giusto dispositivo

Scegliete il giusto dispositivo Sistemi per la movimentazione del vetro piano e delle lastre di vetro Dispositivi di movimentazione razionali per tutti i settori della lavorazione del vetro piano e delle lastre di vetro handling systems

Dettagli

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE GUIDA PRATICA DI SICUREZZA PER OPERATORI ADIBITI ALLA GUIDA DEI CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI NORME PER LA GESTIONE DEI CARRELLI PREMESSA Il presente opuscolo ha lo scopo di indicare ai carrellisti

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

AUTOMOTIVE. Nel processo produttivo di componenti dell'industria automobilistica deve essere garantita la

AUTOMOTIVE. Nel processo produttivo di componenti dell'industria automobilistica deve essere garantita la Per quanto concerne l'industria automobilistica, l'approccio è orientato all'ottenimento di prestazioni di prim'ordine con la fornitura di una tecnologia in grado di ridurre al minimo i margini di errore

Dettagli

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scheda 27 Lavorazione: TINTURA IN PEZZA Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scopo della lavorazione La tintura in overflow a pressione atmosferica è utilizzata per tingere tessuti delicati o tessuti

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 3 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN

Dettagli

LEAN CON LISTA SOLUZIONI PER UNA PRODUZIONE SNELLA. making workspace work

LEAN CON LISTA SOLUZIONI PER UNA PRODUZIONE SNELLA. making workspace work LEAN CON LISTA SOLUZIONI PER UNA PRODUZIONE SNELLA making workspace work PERCHÉ LISTA È IL PARTNER IDEALE PER I VOSTRI PROGETTI LEAN Il valore aggiunto si crea: per progetti lean che rispondano alle vostre

Dettagli

in sintesi I magazzini automatici

in sintesi I magazzini automatici in sintesi I magazzini automatici SAPPIAMO SFID ARE LO SPAZIO Magazzini automatici per pallet e cassoni I magazzini automatici per pallet e cassoni sono asserviti da trasloelevatori, con telaio monocolonna

Dettagli

In Pallet Carrier / Under Pallet Carrier.

In Pallet Carrier / Under Pallet Carrier. In Pallet Carrier / Under Pallet Carrier. Sistemi Shuttle per lo stoccaggio di merce in multiprofondità. Compattezza. Efficienza. Produttività. La soluzione completa. Sistemi di stoccaggio compatto per

Dettagli

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura L Ordine degli Ingegnere della Provincia di ROMA presenta il Seminario Tecnico: Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura Relatore Geom Giampiero Morandi In collaborazione

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI:

SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI: S.p.A. PLANKLINE SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI: MINI PROFI 900 - MINI PROFI 1000 BICOUPE Nuovi modelli: maggiore produttività e agilità di manovra L esperienza conta PEZZOLATO S.p.A.

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO NEWSLETTER N2 - I dispositivi elettronici posti a protezione degli operatori E stato indicato nella precedente newsletter che la sicurezza degli operatori in un contesto industriale è affidata a una catena

Dettagli

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie INDICE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI IMPIANTI A FUNE... 2 1.1 Definizione di impianto a fune... 2 1.2 Tipologie di impianto... 3 1.3 Funzionamento degli impianti a fune... 6 1.4 Normativa per la costruzione

Dettagli

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate sul tetto. c) con tetto piano e lucernari a sezione triangolare trasversali. d)

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 6 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE SERRANDE E DEI PORTONI A SCORRIMENTO VERTICALE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA

HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA 2 TransCar GENERATION 3 SWISSLOG È AZIENDA LEADER NELLA FORNITURA DI SOLUZIONI INNOVATIVE E INTEGRATE PER LA LOGISTICA OSPEDALIERA

Dettagli

FATTI DI MANUTENZIONE

FATTI DI MANUTENZIONE FATTI DI MANUTENZIONE MCM SpA 8 giugno 2005 Gardaland (Italia) MACHINING CENTERS MANUFACTURING SpA VIGOLZONE (PC) ITALY 1978-2005 LA DITTA I PRODOTTI I CLIENTI La Ditta C METALDYNE VIDEO Società privata

Dettagli

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3.1 Prova di trazione 3.1.3 Estensimetri La precisione e la sensibilità dello strumento variano a seconda dello scopo cui esso è destinato. Nella prova di trazione

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Progettiamo soluzioni logistiche

Progettiamo soluzioni logistiche Nata dall integrazione di know-how frutto di anni di esperienza in differenti settori industriali, WISE si propone come partner unico per la logistica integrata di fabbrica. WISE possiede al proprio interno

Dettagli

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA'

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA' PREMESSA In questa lezione analizziamo i concetti generali dell automazione e confrontiamo le diverse tipologie di controllo utilizzabili nei sistemi automatici. Per ogni tipologia si cercherà di evidenziare

Dettagli

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino Serie GMC / GM applicazioni gm albero di trasmissione perno filettato gmc albero a camme valvola albero sterzo connettore gildemeister italiana s.p.a. dmg

Dettagli

2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994

2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994 2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994 2.2.4.1 Descrizione L uso delle distanze di sicurezza rappresenta un modo per garantire l integrità fisica dei lavoratori in presenza

Dettagli

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione Prof. Arturo Capasso LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere

Dettagli

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS SHAPING THE FUTURE Da oltre 20 anni BIKO è sinonimo di qualità. Già subito dopo il suo lancio, la linea di calandre BIKO è diventata la marca preferita di centinaia di produttori di serbatoi, scambiatori

Dettagli

linea d imballo sottobobine

linea d imballo sottobobine linea d imballo sottobobine linea pesmel di imballaggio per sottobobine completamente automatica nuovo metodo d imballaggio di precisione ad elevata capacità la linea di imballaggio per sottobobine è stata

Dettagli

ITA. AREA Centro di lavoro CNC per elementi strutturali

ITA. AREA Centro di lavoro CNC per elementi strutturali ITA AREA Centro di lavoro CNC per elementi strutturali 2 OUR TECHNOLOGY BEHIND YOUR IDEAS Area Centro di lavoro CNC per elementi strutturali PROGETTO 3D PROGRAMMAZIONE SFILATURA PIALLATURA ASSEMBLAGGIO

Dettagli

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego.

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. 2 1 2 3 Chiedete ai vostri specialisti Prime Design Europe in tutta Europa ulteriori informazioni sui nostri prodotti vincenti!

Dettagli

PRESSEINFORMATION COMUNICATO STAMPA

PRESSEINFORMATION COMUNICATO STAMPA PRESSEINFORMATION COMUNICATO STAMPA EcoCWave by Dürr Ecoclean: Qualità superiore, efficienza dei costi e l affidabilità del processo nel lavaggio di componenti in soluzione acquose Filderstadt, giugno

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino dell Università degli Studi di Parma Il magazzino Gestione del magazzino La gestione operativa di un magazzino è strettamente legata al tipo di impianto ed alla sua organizzazione. Le principali attività

Dettagli

Bystar. laser cutting. efficiency in. L impianto modulare di taglio laser per lamiere, tubi e profilati

Bystar. laser cutting. efficiency in. L impianto modulare di taglio laser per lamiere, tubi e profilati efficiency in laser cutting Bystar L impianto modulare di taglio laser per lamiere, tubi e profilati 2 Bystar versatile, flessibile, di elevate prestazioni Bystar è la soluzione universale flessibile,

Dettagli