NEL TRATTAMENTO DELLA MALATTIA PARODONTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEL TRATTAMENTO DELLA MALATTIA PARODONTALE"

Transcript

1 LA TERAPIA NON CHIRURGICA NEL TRATTAMENTO DELLA MALATTIA PARODONTALE La malattia parodontale o parodontite è una malattia infettivo-infiammatoria a carico dei tessuti di supporto dentale, sostenuta da batteri principalmente gram-negativi, che colpisce soggetti geneticamente predisposti. Rappresenta oggi una patologia di primaria importanza a larga diffusione nelle sue forme cronica ed aggressiva (1-9). In generale nella popolazione il 35-40% dei denti persi in età adulta riconosce una causa parodontale, e, secondo autorevoli studi, la parodontite può colpire dal 5% al 20% della popolazione generale (10-14). Tali dati epidemiologici probabilmente sottostimano la reale diffusione del fenomeno: infatti i differenti disegni di ricerca hanno mostrato lacune nel reclutamento del campione umano soprattutto negli strati socialmente più deboli nei quali è verosimile che la malattia, legata per molti aspetti alle abitudini di igiene orale dei singoli, sia presente su larga scala e non registrabile a livello epidemioloigico. La gengivite, ovvero l' infiammazione dei tessuti parodontali superficiali ad eziologia batterica, rappresenta una risposta generale che non sembra essere legata a particolari geni (15) e, pertanto, è da considerarsi fenomeno comune nella popolazione in risposta all accumulo di placca per insufficiente igiene orale. Al contrario, il rischio di sviluppare una parodontite ovvero la distruzione dei tessuti parodontali profondi su base infiammatoria e per cause batteriche, presenta una forte componente ereditaria. Le osservazioni sull'eccessiva produzione, nei malati affetti da parodontite, di interleuchina 1-beta, mediatore dell'infiammazione che attiva la funzione osteoclastica, e gli studi condotti sui gemelli forniscono prove sempre più evidenti di tale predisposizione genetica alla malattia parodontale (16-19). Le forme più gravi di parodontite sono quelle

2 aggressive che esordiscono prevalentemente fra la seconda e la terza decade di vita ma che oggi si ritiene possano manifestarsi a qualsiasi età, tanto in forma localizzata che generalizzata (20). Il sondaggio del solco gengivale di un elemento dentale affetto da parodontite appare più profondo rispetto ai fisiologici 1-3 mm, e la formazione di tale tasca consente il realizzarsi di una nuova nicchia biologica nella quale i batteri continuano a proliferare determinando, a seguito della risposta infiammatoria dell ospite, un ulteriore approfondimento dello stesso che condurrà come evento finale, attraverso la perdita di attacco connettivale sulla radice del dente, a riassorbimento della cresta ossea radiologicamente evidenziabile (21-24). La terapia della malattia parodontale è volta alla rimozione dei fattori causali della malattia stessa, ovvero placca batterica e tartaro. Ad una prima fase di igiene professionale più superficiale e grossolana e di istruzione e motivazione all igiene orale domiciliare seguirà la terapia propriamente detta di strumentazione sottogengivale della radice del dente. Un tempo tale fase della terapia risultava essere esclusivamente preparatoria al trattamento chirurgico a cielo aperto; oggi, in una chiave di lettura più aggiornata l interpretazione risulta essere differente. Essendo obiettivo della terapia parodontale lo stretto controllo dell infezione subgengivale, esso potrà essere messo in atto tanto per via non chirurgica (a cielo coperto) quanto per via chirurgica (a cielo aperto) (25). L analisi attuale della letteratura sul ruolo che i due approcci ricoprono mette in evidenza come la chirurgia parodontale risulti oggi avere indicazione assoluta come terapia correttiva di difetti infraossei, soprattutto nei denti monoradicolari in cui è oggi possibile predicibilmente ottenere una significativa rigenerazione dei tessuti persi a seguito della parodontite (26,27) o come terapia di accesso alla superficie radicolare in quei casi in cui la terapia non chirurgica non abbia consentito di raggiungere l obiettivo desiderato, ovvero resettiva per l'eliminazione

3 completa della tasca, nei settori molari (denti pluriradicolari) nei quali è stato dimostrato che la chirurgia a lembo è in grado di ottenere risultati superiori a quelli ottenibili con la sola tradizionale terapia non chirurgica (28-31); quest ultima, peraltro, risulta in media superiore alla chirurgia quando applicata agli elementi monoradicolari con sondaggi inferiori a 6 mm (32). Altri lavori scientifici, hanno inoltre mostrato come la terapia di mantenimento non chirurgica per definizione sia decisiva nel mantenere i risultati positivi ottenuti con le differenti tecniche chirurgiche parodontali (33,34). In definitiva la terapia chirurgica è da vedere soprattutto come complemento della terapia antinfettiva che è, oggi, fondamentalmente non chirurgica. Quindi, se è vero che per molti anni si è creduto che la migliore terapia possibile nei pazienti affetti da parodontite fosse quella chirurgica con la programmazione all'atto della diagnosi di interventi a lembo per sestanti fino a completo interessamento delle due arcate, dalla seconda metà degli anni ottanta è stato dimostrato come la terapia parodontale non chirurgica avesse potenzialmente delle capacità almeno equivalenti a quelle già collaudate nella terapia chirurgica (35-37). Numerosi studi proposero risultati a lungo termine che misero in evidenza come l'approccio biologico alla malattia, ovvero lo sforzo di controllare l'infezione rinunciando all'invasività chirurgica ma concentrando l'attenzione nell'abbassare la carica batterica parodontopatogena con levigature a cielo coperto e mantenendo nel tempo il risultato ottenuto, ossia una carica batterica al di sotto di un valore soglia, tale da essere arginata dalle difese immunitarie dell'ospite senza che la lesione infettivo-infiammatoria potesse esprimersi, risparmiando in tal modo i tessuti di sostegno dentale. E' infatti della fine degli anni ottanta la formulazione del concetto di Massa critica che ha fatto comprendere come, per raggiungere il controllo dell'infezione e quindi bloccare la progressione della malattia nella perdita di

4 supporto dentale, fosse necessario e sufficiente impedire che nel solco gengivale o nella tasca già espressione di lesione parodontale, la quantità di batteri presenti non raggiungesse quel livello critico di virulenza specifico per quel paziente in quel dato sito, in grado di innescare la reazione infiammatoria responsabile, in definitiva, della distruzione dei tessuti parodontali. Ciò aiutò a capire perché la terapia non chirurgica, che in effetti mostra nei confronti della chirurgia dei chiari limiti nella possibilità di raggiungere una rimozione ottimale del tartaro radicolare (38), potesse garantire un sufficiente controllo della malattia stessa senza la necessità di raggiungere uno stato di sterilità della tasca che, per altro, non è possibile ottenere nemmeno con la levigatura radicolare a cielo aperto ( 39). In qualunque situazione non si può fare a meno di considerare, nella scelta della terapia più appropriata, diverse variabili fondamentali. Per prima la profondità di sondaggio della lesione iniziale: i dati della letteratura fine anni ottanta dicono che al di sopra dei 7 mm di sondaggio la chirurgia garantisce in generale migliori risultati ( 40). Dati confermati da una metanalisi dei primi anni duemila che metteva a confronto le due terapie principali sottolineando livelli di sovrapponibilità dei risultati per le due metodiche fino ai 6mm di profondità. Oltre i 6mm la chirurgia garantiva miglioramenti di poco superiori alla levigatura non chirurgica (41,42). Il dato della profondità di sondaggio non può, ad ogni modo, essere assunto in maniera rigida, ma deve fare i conti con altri parametri quali la morfologia radicolare, il tipo di strumentazione radicolare e l'abilità dell'operatore. I denti pluri-radicolari affetti da parodontite espongono più o meno precocemente, a seconda della lunghezza del tronco radicolare, le forcazioni ossia le zone di divergenza di due o più radici. Queste concavità contaminate da placca e tartaro sono difficili da raggiungere dagli strumenti utilizzati per la levigatura a cielo coperto e, soprattutto, è molto improbabile mantenerle decontaminate nel periodo che segue alla terapia. Con un approccio a cielo aperto la levigatura è più semplice ma permane la

5 criticità del mantenimento successivo. E', infatti, un dato statistico oltre che esperienza comune osservare che tra i primi denti persi in corso di malattia parodontale vi sono proprio i primi e secondi molari dell'arcata superiore. Miglior destino hanno i denti mono-radicolari più accessibili alla levigatura, anche se alcuni di essi presentano solchi longitudinali che percorrono la radice sui versanti inter-prossimali: detti solchi rappresentano nicchie ecologiche ideali per i batteri parodonto-patogeni che, difficili da debellare, alimentano costantemente il rischio di perdita progressiva del supporto parodontale. Un terzo momento fondamentale riguarda la scelta del tipo di strumentazione radicolare, ovvero se praticare levigatura tradizionale manuale con curette oppure utilizzare strumenti ad ultrasuoni che, con principi differenti, si prefiggono di raggiungere lo stesso obiettivo: rimuovere nel miglior modo possibile dalla radice placca batterica e tartaro come elementi attivi della parodontite. L'analisi della letteratura a questo proposito ha dimostrato sovrapponibilità di risultati fra strumenti manuali (curette) ed ultrasuoni (43,44). Sono stati poi presentati lavori scientifici che indicavano da parte degli strumenti ad ultrasuoni la possibilità di una migliore detersione della tasca per l'impiego di acqua nebulizzata che, oltre alla funzione di limitare il riscaldamento della radice per frizione, svolge un utile effetto dilavante (45); la cavitazione dell'onda ultrasonica ha, inoltre, un' azione litica sul cell wall batterico (46). Anche nelle forcazioni dei molari, moderni apparecchi ad ultrasuoni hanno mostrato indiscutibili vantaggi nel migliorare la decontaminazione radicolare rispetto agli strumenti manuali (47). Nel percorso terapeutico di un paziente affetto da parodontite, che abbia eseguito tutte le fasi della terapia poc'anzi descritta, si deve dare avvio alla terapia parodontale di mantenimento. Una ben controllata terapia di mantenimento è il punto chiave nella prognosi a lungo termine dei pazienti trattati per parodontite ; questa affermazione di uno dei padri della

6 parodontologia moderna, S.P. Ramfjord, stigmatizza l'importanza di mantenere lo stato di salute parodontale raggiunto e di prevenire la reinfezione delle tasche (48,49). I pazienti affetti da parodontite che non osservano regolari sedute di igiene professionale, sono esposti a maggior perdita di attacco rispetto ai pazienti che rispettino regolare cadenza di recall (50,51). La frequenza con cui un paziente deve effettuare sedute di igiene e rivalutazione nell'ambito della terapia di mantenimento è legata da un lato alla sua capacità di mantenere un buon controllo di placca con le manovre di igiene domiciliare (filo interdentale, spazzolino), dall'altro al rischio che la placca di nuova formazione ha di maturare patogenicità in un periodo di tempo, come è stato dimostrato, di poco inferiore ai tre mesi (52): per tale ragione la presenza dei richiami in pazienti affetti da parodontite varia fra i tre/quattro mesi. La continuità nella terapia di mantenimento è elemento decisivo nella prognosi a lungo termine e, a questo proposito, il raggiungimento di una buona compliance da parte del paziente è elemento irrinunciabile per un buon risultato finale. La natura batterica della parodontite ha condotto i clinici negli anni ad utilizzare molecole antibiotiche per via sistemica come supporto alla terapia meccanica tradizionale. Da una revisione sistematica della letteratura di recente pubblicazione si evince che, esaminando l effetto individuale o combinato degli antibiotici, vi è un aumento statisticamente significativo nel guadagno di attacco clinico per la tetraciclina e il metronidazolo e per la combinazione amoxicillina-metronidazolo (53,54). I miglioramenti si registrano nelle parodontiti croniche in forma più grave ma anche, ed in misura più consistente, nelle parodontiti aggressive (55). Negli ultimi vent anni sono stati introdotti svariati agenti anti-infettivi somministrati localmente con lo scopo di combattere sempre più efficacemente i patogeni parodontali.

7 Le molecole più studiate sono state il metronidazolo, la minociclina, la doxiciclina e i chip di clorexidina, ma i risultati dell'applicazione locale delle stesse, pur talora statisticamente significativo, non sembra essere sostanzialmente determinante dal punto di vista clinico. Tuttavia per valutare appieno il reale effetto di queste terapie nelle varie forme di parodontite, un maggior numero di studi randomizzati e controllati sarà necessario. La decisione del loro impiego rimane per tanto, di pertinenza del clinico, caso per caso (56). Fa già parte del presente, e si nutrono buone speranze per il prossimo futuro, l impiego del laser nel trattamento della malattia parodontale; sia in fase iniziale (causale), che in quella di mantenimento (58,59). Pur se vi sono continui e promettenti miglioramenti nelle metodologie terapeutiche di tipo sia non-chirurgico che chirurgico, il riconoscimento e la corretta interpretazione dei segni e dei sintomi iniziali della malattia parodontale, quali ad esempio alitosi e sanguinamento gengivale, permette di formulare precocemente la diagnosi: l applicazione tempestiva del trattamento rappresenta elemento fondamentale per la miglior prognosi possibile a lungo termine. Roberto Abundo (a) (b) Alessandro Bermond Des Ambrois (b) Carlo Saccone (b) Giuseppe Corrente (a)(b) (a): Adjunct Professor Dipartimento di Parodontologia Università della Pennsylvania Philadelphia -U.S.A. (b): Libero professionista Torino.

8 BIBLIOGRAFIA 1 Zambon, J.J. et al. (1996). Periodontal desease: microbial factors. Annals of Periodontology 1, Socransky, S.S. et al. (1970).Relationship of bacteriato the etiology of periodontal disease. Journal of Dental Research 49, Soscransky, S.S. & Haffajee, A.D.(1991).Macrobial mechanisms in the pathogenesis of destructive periodontal disease: a critical assessment. Journal of Periodontal Research 26, Consensus report for periodontal diseases pathogenesis and microbial factors (1996). Annals of periodontology 1, Newman, M.G. et al. (1976). Studies of the microbiology of periodontosis. Journal of Periodontology 47, Di Rienzo, J.M. et al. (1994). Identification and characterization of genetic cluster groups of Actinobacillus actinomycetemcomitans isolated from the human oral cavità. Journal of Clinical Microbiology 32, Dzink, J.L. et al. (1985). Gram-negative species associated with active destructive periodontal lesions. Journal of Clinical Periodontology 12, Genco, R.J. et al. (1980). Systemic immune responses to oral anaerobic-organisms. In: Lambe, D.W. Jr., et al eds. Anaerobics bacteria: selected topics. New York: Plenum Press, pp Lopez, N.J. (2000). Occurrence of Actinobacillus actinomycetemcomitans, Porphyromonas gingivalis and Prevotella intermedia in progressing adult periodontitis. Journal of Periodontology 71, Machtei, E.E. et al (1999). Longitudinal study of predictive factors for periodontal disease and tooth loss. Journal of Clinical Periodontology 26, Brown, L.J. et al. (1989). Periodontal disease in the U.S. in 1981: Prevalence, severity, extent, and role in tooth mortality: Journal of Periodontogy 60,

9 12 Ainamo, J. (1989). Epidemiology of Periodontal Disease. In: Linde, J., ed. Textbook of Clinical Periodontology, 2nd edn. Copenhagen: Munksgaard, Löe,H. (1978).The natural history of periodontal disease in man. Study design and baseline data. Jounal of Periodontal Research 13, Okamoto, H. (1988). Methods of evaluating peridontal disease data in epidemiological research. Journal of Clinical Periodontology 15, Loe, H. et al (1965). Experimental gingivitis in man. Journal of Periodontology 36, Kornman, KS. Et al. (1977). The interleukin 1 genotype as a severity factor in adult periodontal disease. Journal of Clinical Periodontology 24, Michalowicz, B.S. et al (1991). Periodontal findings in adult twins. Journal of Periodontology 62, Michalowicz,B.S. et al (1999). Periodontal bacteria in adult twins. Journal of Periodontology 70, Michalowicz, B.S. et al (2000). Evidence of a substantial genetic basis for risk of adult periodontitis. Journal of Periodontology 71, Lang, N.P. et al (1999). International Classification Workshop. Consensus report: Aggressive periodontitis. Annals of Periodontology 4, Beck, J.D. et al (1995). Incidence of attachment loss over 3 years in older adult new and progressing lesion. Community Dentistry and Oral Epidemiology 23, Lang, N.P. et al (1997). Radiographs in periodontics. Journal of Clinical Periodontology 4, Sjodin, B. et al (1989). A retrospective radiographic study of alveolar bone loss in the primary dentition in patients with localized juvenile periodontitis. Journal of Clinical Periodontology 16, Yoneyama, T. et al (1988). Probing depth, attachment loss and gingival recession. Findings from a clinical examination in Ushiku, Japan. Journal of Clinical Periodontology 15,

10 25 Socransky, S.S. & Haffajee, A.D. (1993). Effect of therapy on periodontal infections. Journal of Periodontology 64, Rosling, B. et al (1976). The healing potential of the periodontal tissue following different techniques of periodontal surgery in plaque-free dentitions. A 2-year clinical study. Journal of Clinical Periodontology 3, Polson, A. M. et al (1978). Osseous repair in infrabony periodontal defects. Journal of Clinical Periodontology 5, Mombelli, A. et al (2000). Persistence paterns of Porphyromonas gengivalis,prevotella intermedia/nigrescens, and Actinobacillus actinomycetemcomitans after mechanical terapy of periodontal didease. Journal of Periodontology 71, Matia, J.I. et al (1986). Efficiency of scaling of the molar furcation area with and without surgical access. International Journal of Periodontics and Restorative Dentistry 6, Nordland, P. et al (1987). The effect of plaque control and root debridement in molar teeth. Journal of Clinical Periodontology 14, Loss, B. et al (1988). Clinical and microbiological effects of root debridement in periodontal furcation pockets. Journal of Clinical Periodontology 15, Ramfjord, S.P. et al (1987). Four modalities of periodontal treatment compared over 5 years. Journal of Periodontology 14, Laurell, L. et al (1998). Treatment of intrabony defects by different surgical procedures. A literature review. Journal of Periodontology 69, Lang,N.P. (2000). Focus on intrabony defects conservative therapy. Periodontology , Ramfjord, S.P. et al (1987). Surgical and periodontal pocket elimination: still a justifiable objective? Journal American Dent Associated 114(1): Pedrazzoli, V. et al (1991). Effect of surgical and non-surgical periodontal treatment on periodontal status and subgingival microbiota. Journal of Clinical Periodontology 18(8):

11 37 Lindhe, J. et al (1984). Long term effect of surgical/non-surgical treatment of periodontal disease. Journal of Clinical Periodontology 11(7): Brayer, W.K. et al (1989). Scaling and root planing effectiveness: the effect of root surface access and operator experience. Journal Periodontology 67, Caffesse, R.G. et al (1986). Scaling and root planing with and without periodontal flap surgery. Journal of Clinical Periodontology 13(3): Lindhe, J. et al (1985). Scaling and granulation tissue removal in periodontal therapy. Journal of Clinical Periodontology 12(5): Heitz-Mayfield, L.J. et al (2002). A systematic review of the effect of surgical debriedment vs non-surgical debriedement for the treatment of chronic periodontitis. Journal of Clinical Periodontology 29 suppl 3:92-102; discussion Serino, G. et al (2001). Initial outcome and long-term effect of surgical and non-surgical treatment of advanced periodontal disease. Journal of Clinical Periodontology 28(10): Leon, E.L. et al (1987). A comparison of the effectiveness of hand scaling and ultrasonic debridement in furcations as evaluated by differential dark-field microscopy. Journal of Periodontology 58, Loos, B. et al (1987). An evaluation of basic periodontal therapy using sonic and ultra-sonic scalers. Journal of Clinical Periodontology 14, Walmsley, A.D. et al (1990). Effects of cavitational activity on the root surface of teeth during ultrasonic scaling. Journal of Clinical Periodontology 306, Baehni, P. et al (1992). Effects of ultrasonic and sonic scalers on dental plaque microflora in vitro and in vivo. Journal of Clinical Periodontology 455,9. 47 Leon, L.E. et al (1987). A comparison of the effectiveness of hand scaling and ultrasonic debridement in furcations as evaluated by differential dark-field microscopy. Journal of Periodontology 58(2): Lindhe, J. et al (1984) Long-term maintenance of patients treated for advanced periodontal disease.

12 Journal of Clinical Periodontology 11, Rosén, B. et al (1999). Effect of different frequencies of preventive maintenance treatment on periodontal conditions. 5-Year observations in general dentistry patients. Journal of Clinical Periodontology 225, Axelsson, P. et al (1981). The significance of maintenance care in the treatment of periodontal disease. Journal Clinical Periodontology 281, Axelsson, P. et al (1981). Effect of controlled oral hygiene procedures on caries and periodontal disease in adults. Results after 6 years. Journal of Clinical Periodontology 239, Mousques, T. et al (1980). Effect of scaling and root planing on the composition of the human subgingival microbiol flora. Journal Periodontology Res 115: Haffajee,A.D. et al (1997). The effect of SRP on the clinical and microbiological parameters of periodontal diseases. Journal of Clinical Periodontology 24, Van Winkelhoff, A.J. et al (1996). Systemic antibiotic therapy in periodontics. Periodontology , Hanes, P.J. et al (2003). Local anti-infective therapy: pharmacological agents. A systematic review. Ann. Periodontology 8(1): Van Winkelhoff, A.J et al (1992). Microbiological and clinical results of metronidazole plus amoxicillin therapy in Actinobacillus actinomycetemcomitans associated periodontitis. Journal of Periodontology 63, Haffajee, A.D. et al (2003). Systemic anti-infective periodontal therapy. A systematic review. Ann. Periodontology 8(1): Cobb CM (2007) Lasers in periodontics: a review of the literature J Periodontol. 78(4): Gallini G. et al (2007) I laser nella terapia parodontale. Revisione della letteratura. Doctor Laser 2:33-41.

13

14 FIG 1 :Dente estratto compromesso dalla malattia parodontale.

15 FIG. 2 La placca batterica come appare al microscopio elettronico a scansione.

16 FIG. 3 Paziente affetto da parodontite prima del trattamento.

17 FIG 4 Lo stesso paziente durante la fase di mantenimento a due anni dal trattamento iniziale.

18 FIG 5 Strumentazione ad ultrasuoni di una tasca parodontale

19 FIG 6 Esame radiologico sistematico di un paziente affetto da parodontite generalizzata

20 FIG 7 RX sistematico dello stesso paziente dopo dieci anni di terapia di mantenimento

Assegnista di Ricerca, Cattedra di Parodontologia, Università di Firenze; 2. Igienista dentale, libero professionista, Firenze

Assegnista di Ricerca, Cattedra di Parodontologia, Università di Firenze; 2. Igienista dentale, libero professionista, Firenze Relazione fra batteri parodontopatogeni e variabili cliniche parodontali. Analisi esplorativa dei dati clinici e microbiologici in un campione di pazienti italiani D. Franceschi 1, F. Cairo 1, M. Nieri

Dettagli

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE IGIENE DENTALE E PREVENZIONE Dispensa n.3 Introduzione Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l origine di molte patologie organiche sono dovute ai rapidi cambiamenti dello stile di vita

Dettagli

LA DIAGNOSI IN PARODONTOLOGIA

LA DIAGNOSI IN PARODONTOLOGIA LA DIAGNOSI IN PARODONTOLOGIA Società Italiana di Parodontologia (SIdP) Responsabili del progetto: Francesco Cairo, Antonio Carrassi, Sergio De Paoli, Mario Roccuzzo, Leonardo Trombelli INDICE 1. Introduzione

Dettagli

PROFESSIONISTA È PROBLEMI GENGIVALI

PROFESSIONISTA È PROBLEMI GENGIVALI O IL PROFESSIONISTA È LA FONTE PRINCIPALE DI INFORMAZIONE, PER L 8% DEI PAZIENTI CHE SOFFRE DI PROBLEMI GENGIVALI 1 NUOVO colgate total pro-gengive sane riduce i problemi gengivali fino all 88% 2 Colgate_TPgH_AW.indd

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Chirurgia Conservativa nella terapia parodontale contemporanea. Prof. Filippo Graziani. Sabato 8 Novembre 2014

Chirurgia Conservativa nella terapia parodontale contemporanea. Prof. Filippo Graziani. Sabato 8 Novembre 2014 Prof. Filippo Graziani Chirurgia Conservativa nella terapia parodontale contemporanea Sabato 8 Novembre 2014 Novotel Firenze Nord Via Tevere, 23 Loc. Osmannoro 50019 Sesto Fiorentino (FI) www.aggiornarsiafirenze.it

Dettagli

Gengivite e parodontite

Gengivite e parodontite Gengivite e parodontite Opuscolo informativo per il paziente La malattia parodontale (chiamata anche parodontite, parodontosi, piorrea, parodontopatia) è una infezione batterica che colpisce il parodonto,

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI NUOVO EMDOGAIN 015 CONCEPITO PER RICOSTRUIRE

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI NUOVO EMDOGAIN 015 CONCEPITO PER RICOSTRUIRE Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI NUOVO EMDOGAIN 015 CONCEPITO PER RICOSTRUIRE Emdogain 015 consente al medico di utilizzare questo materiale più di frequente, poiché sarà meno costoso aggiungerlo

Dettagli

Infiammazione gengivale nel paziente polimorbido. federico berton

Infiammazione gengivale nel paziente polimorbido. federico berton Infiammazione gengivale nel paziente polimorbido federico berton 1 Il sottoscritto dr. FEDERICO BERTON dichiara che negli ultimi 2 anni NON ha avuto rapporti anche di finanziamento con soggetti portatori

Dettagli

PROGRAMMA. Obiettivo del Corso è quello di dare ai partecipanti delle linee guida per:

PROGRAMMA. Obiettivo del Corso è quello di dare ai partecipanti delle linee guida per: Obiettivo del Corso è quello di dare ai partecipanti delle linee guida per: raccogliere i dati clinici e integrarli in modelli prognostici per il paziente e per ogni singolo dente; identificare i problemi

Dettagli

che cos è la paradontologia?

che cos è la paradontologia? che cos è la paradontologia? La parodontologia è una disciplina di area odontoiatrica che promuove la salute dell individuo attraverso la prevenzione, la diagnosi e la terapia delle patologie che colpiscono

Dettagli

Le tue gengive. La tua salute.

Le tue gengive. La tua salute. Noi tutti pensiamo che il colesterolo sia importante per la malattia cardiaca. La salute delle vostre gengive è un più importante fattore indicativo se avrete un infarto cardiaco o meno. Mehmet C. Oz,

Dettagli

INDICE. 1.1 Terapia ortodontica e complicanze parodontali ARIAL 12 pag. 3 1.2 Microorganismi dela placca e malattia parodontale

INDICE. 1.1 Terapia ortodontica e complicanze parodontali ARIAL 12 pag. 3 1.2 Microorganismi dela placca e malattia parodontale INDICE 1. INTRODUZIONE FONT ARIAL 14 1.1 Terapia ortodontica e complicanze parodontali ARIAL 12 pag. 3 1.2 Microorganismi dela placca e malattia parodontale pag. 5 1.3 Biofilm e specie patogene 1.4 Biologia

Dettagli

RASSEGNA/REVIEW INTRODUZIONE. S. D Ercole 1, G. Catamo 1, R. Piccolomini 1*

RASSEGNA/REVIEW INTRODUZIONE. S. D Ercole 1, G. Catamo 1, R. Piccolomini 1* 118 GIMMOC Vol. X N 2, 2006 Giornale Italiano di Microbiologia Medica Odontoiatrica e Clinica Vol. X, N 2, 2006 p. 118-125 Copyright 2006 Terapia parodontale non chirurgica: confronto sugli effetti microbiologici

Dettagli

: MALTTIE ODONTOSTOMATOLOGICHE E SCIENZE E TECNICHE DI IGIENE DENTALE

: MALTTIE ODONTOSTOMATOLOGICHE E SCIENZE E TECNICHE DI IGIENE DENTALE Corso integrato: MALTTIE ODONTOSTOMATOLOGICHE E SCIENZE E TECNICHE Disciplina: PARODONTOLOGIA Docente: Prof. Riccardo MONGUZZI Prima lezione - La malattia paradontale (Dott. Riccardo Monguzzi, Dott. Massimo

Dettagli

La Prima Visita. La raccolta delle informazioni. La visita di rivalutazione

La Prima Visita. La raccolta delle informazioni. La visita di rivalutazione Condurre una corretta visita odontoiatrica è l unico presupposto per la giusta diagnosi, per un efficace comunicazione tra medico e paziente, quindi per la condivisione ed il successo della terapia. La

Dettagli

Chirurgia Plastica Parodontale e Rigenerativa su denti e impianti

Chirurgia Plastica Parodontale e Rigenerativa su denti e impianti percorso formativo con Live Surgery Chirurgia Plastica Parodontale e Rigenerativa su denti e impianti Dr. Francesco Cairo Febbraio - Maggio 2015 Centro Medico Vesalio Padova Evento accreditato E.C.M. 50

Dettagli

Schema della struttura anatomica del parodonto sano (Da, Imparando Dall esperienza testo-atlante di igiene orale Dtt.ssa A.

Schema della struttura anatomica del parodonto sano (Da, Imparando Dall esperienza testo-atlante di igiene orale Dtt.ssa A. MALATTIA PARODONTALE La parodontologia è una branca dell'odontoiatria che si occupa della diagnosi e terapia delle malattie che interessano il Parodonto (organo di sostegno del dente). Il parodonto è costituito

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE Studio della distribuzione della Malattia o della Condizione Fisiologica nella popolazione e dei fattori ereditari, biologici, ambientali, sociali e culturali che

Dettagli

Prognosi parodontale: metodo di valutazione obiettiva e implicazioni clinico-pratiche

Prognosi parodontale: metodo di valutazione obiettiva e implicazioni clinico-pratiche 12 Prognosi parodontale: metodo di valutazione obiettiva e implicazioni clinico-pratiche Leonardo Trombelli, DDS, PhD, Roberto Farina, DDS, PhD, MSc Centro di Ricerca e Servizi per lo Studio delle Malattie

Dettagli

Rivista per l Odontoiatra, l Igienista Dentale, l Assistente ed il Pediatra PREVENZIONE ODONTOSTOMATOLOGICA

Rivista per l Odontoiatra, l Igienista Dentale, l Assistente ed il Pediatra PREVENZIONE ODONTOSTOMATOLOGICA Rivista per l Odontoiatra, l Igienista Dentale, l Assistente ed il Pediatra PREVENZIONE ODONTOSTOMATOLOGICA 52 GIUGNO 2008 ANNO Stato di salute parodontale in una coorte eterogenea di pazienti disabili

Dettagli

PERIO14 CORSO DI FORMAZIONE in PARODONTOLOGIA CLINICA. Corso di Approfondimento Teorico Pratico. Dr. Luca Landi

PERIO14 CORSO DI FORMAZIONE in PARODONTOLOGIA CLINICA. Corso di Approfondimento Teorico Pratico. Dr. Luca Landi PERIO14 CORSO DI FORMAZIONE in PARODONTOLOGIA CLINICA Corso di Approfondimento Teorico Pratico Dr. Luca Landi Roma 2014 Cosa si impara nel corso? - La diagnosi parodontale - Il piano di trattamento e la

Dettagli

Metodo per la valutazione del rischio individuale in Parodontologia

Metodo per la valutazione del rischio individuale in Parodontologia Come può modificare il suo livello di rischio? Dalla corretta attuazione di procedure preventive e terapeutiche atte a diminuire il livello di rischio per la Parodontite deriva una migliore probabilità

Dettagli

Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti

Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti Corso Teorico Pratico 2012 Parodontologia & Protesi Una meravigliosa opportunità per conservare i denti Dr. Alberto Fonzar Crediti Formativi (ECM) richiesti CORSO ANNUALE PER ODONTOIATRI Consigliata la

Dettagli

ACTA BIO MEDICA. Dal controllo delle infezioni parodontali alla ricostruzione dei tessuti persi. Vol. 78 Quaderno IV / 2007

ACTA BIO MEDICA. Dal controllo delle infezioni parodontali alla ricostruzione dei tessuti persi. Vol. 78 Quaderno IV / 2007 ISSN 0392-4203 Vol. 78 Quaderno IV / 2007 PUBLISHED QUARTERLY BY MATTIOLI 1885 ACTA BIO MEDICA Atenei parmensis founded 1887 OFFICIAL JOURNAL OF THE SOCIETY OF MEDICINE AND NATURAL SCIENCES OF PARMA QUADERNI

Dettagli

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite Guida per il paziente Gengivite e parodontite La parodontite è più comune di quanto tu possa immaginare. Circa il 40% degli adulti soffre di questa patologia - spesso senza esserne a conoscenza. Le condizioni

Dettagli

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA La bocca Ä una parte molto importante del corpo e non solo per l aspetto estetico. Attraverso la bocca parliamo, comunichiamo con gli altri ma soprattutto

Dettagli

CORSO Intensivo. Dr. Daniele Cardaropoli LA TERAPIA PARODONTALE: CHIRURGIA RIGENERATIVA E MUCOGENGIVALE. teorico-pratico con Live Surgery.

CORSO Intensivo. Dr. Daniele Cardaropoli LA TERAPIA PARODONTALE: CHIRURGIA RIGENERATIVA E MUCOGENGIVALE. teorico-pratico con Live Surgery. LA TERAPIA PARODONTALE: CHIRURGIA RIGENERATIVA E MUCOGENGIVALE Dr. Daniele Cardaropoli Febbraio - Settembre 2016 TORINO Centro Corsi PROED CORSO Intensivo teorico-pratico con Live Surgery 1 a edizione

Dettagli

Società Italiana di Parodontologia e Implantologia

Società Italiana di Parodontologia e Implantologia CORSO ANNUALE DI PARODONTOLOGIA E IMPLANTOLOGIA 2014 FIRENZE 21-22 febbraio / 11-12 aprile / 13-14 giugno 4-5 luglio / 3-4 ottobre / 14-15 novembre 6 incontri di 2 giorni Lezioni teoriche Esercitazioni

Dettagli

Chirurgia plastica parodontale

Chirurgia plastica parodontale Chirurgia plastica parodontale opzioni terapeutiche nel trattamento estetico delle recessioni gengivali Autori_R. Abundo*, G. Corrente*, Italia *Adjunct Professor - Department of Periodontics - University

Dettagli

Chirurgia Plastica Parodontale e Rigenerativa su denti e impianti. Dr. Francesco Cairo

Chirurgia Plastica Parodontale e Rigenerativa su denti e impianti. Dr. Francesco Cairo Chirurgia Plastica Parodontale e Rigenerativa su denti e impianti Percorso formativo teorico-pratico 2 a edizione Dr. Francesco Cairo 50 CREDITI Settembre - Dicembre 2016 PADOVA - Centro Medico Vesalio

Dettagli

PERIOCID. Simit Pharma

PERIOCID. Simit Pharma PERIOCID Soluzione filmogena adesiva a base di Piperacillina Sodica per il trattamento delle tasche Parodontali, delle lesioni post estrattive, delle ferite a seguito di interventi chirurgici. PERIOCID

Dettagli

Che cos è il parodonto?

Che cos è il parodonto? Che cos è il parodonto? Letteralmente il termine parodonto indica tutto ciò che si trova immediatamente intorno al dente. Ad una prima analisi si potrebbe identificare il parodonto con le gengive; in realtà,

Dettagli

LINEE GUIDA. Mantenimento della salute orale in caso di malattia parodontale. A cura di: Dr. Matteo Basso Dr. Giordano Bordini

LINEE GUIDA. Mantenimento della salute orale in caso di malattia parodontale. A cura di: Dr. Matteo Basso Dr. Giordano Bordini LINEE GUIDA Mantenimento della salute orale in caso di malattia parodontale. A cura di: Dr. Matteo Basso Dr. Giordano Bordini Che cos è il parodonto? Letteralmente il termine parodonto indica tutto ciò

Dettagli

PARODONTOLOGIA CLINICA

PARODONTOLOGIA CLINICA corso di PARODONTOLOGIA CLINICA Terapia non chirurgica e perio-organizzazione (PC1) Terapia chirurgica (PC2) anno formativo 2012-2013 Dott. Roberto Rotundo Dott. Andrea Giammarini Dott. Francesco Bernardelli

Dettagli

CORSO Intensivo teorico-pratico con Live Surgery. Dr. Daniele Cardaropoli LA TERAPIA PARODONTALE: CHIRURGIA RIGENERATIVA E MUCOGENGIVALE

CORSO Intensivo teorico-pratico con Live Surgery. Dr. Daniele Cardaropoli LA TERAPIA PARODONTALE: CHIRURGIA RIGENERATIVA E MUCOGENGIVALE LA TERAPIA PARODONTALE: CHIRURGIA RIGENERATIVA E MUCOGENGIVALE Dr. Daniele Cardaropoli Febbraio - Settembre 2015 TORINO Centro Corsi PROED CORSO Intensivo teorico-pratico con Live Surgery 9 a edizione

Dettagli

L IMPIEGO IN PARODONTOLOGIA DEL NASTRO IN FIBRA DI VETRO PRE- IMPREGNATO DI AGENTE ADESIVO

L IMPIEGO IN PARODONTOLOGIA DEL NASTRO IN FIBRA DI VETRO PRE- IMPREGNATO DI AGENTE ADESIVO F-SPLINT-AID SLIM di POLYDENTIA SA L IMPIEGO IN PARODONTOLOGIA DEL NASTRO IN FIBRA DI VETRO PRE- IMPREGNATO DI AGENTE ADESIVO Introduzione generale F-Splint-Aid Slim è un nastro in fibra di vetro pre-impregnato

Dettagli

PROGRAMMA ZUCCHELLI CHANNEL L unico corso on line di uno dei massimi esperti Mondiali di chirurgia mucogengivale

PROGRAMMA ZUCCHELLI CHANNEL L unico corso on line di uno dei massimi esperti Mondiali di chirurgia mucogengivale PROGRAMMA ZUCCHELLI CHANNEL L unico corso on line di uno dei massimi esperti Mondiali di chirurgia mucogengivale Cosa è: Zucchelli Channel è un canale di videodidattica on line che eroga il corso teorico

Dettagli

TRATTAMENTO DEI DIFETTI INTRAOSSEI MEDIANTE RIGENERAZIONE GUIDATA DEI TESSUTI VS PROTEINE DELLA

TRATTAMENTO DEI DIFETTI INTRAOSSEI MEDIANTE RIGENERAZIONE GUIDATA DEI TESSUTI VS PROTEINE DELLA TRATTAMENTO DEI DIFETTI INTRAOSSEI MEDIANTE RIGENERAZIONE GUIDATA DEI TESSUTI VS PROTEINE DELLA MATRICE DI SMALTO. STUDIO CLINICO PROSPETTICO RANDOMIZZATO A 36 MESI A. Crea*, L. Dassatti*, O. Hoffmann,

Dettagli

Concetti clinici per aumentare la predicibilità in chirurgia parodontale rigenerativa ed estetica

Concetti clinici per aumentare la predicibilità in chirurgia parodontale rigenerativa ed estetica evento in fase di accreditamento E.C.M. Concetti clinici per aumentare la predicibilità in chirurgia parodontale rigenerativa ed estetica Corso teorico-pratico (Hands-On) Prof. Anton Sculean Coordinatore:

Dettagli

I principi parodontali fondamentali per il protesista

I principi parodontali fondamentali per il protesista I principi parodontali fondamentali per il protesista Relatore Dott. Roberto Pontoriero Controrelatore Dott. Attilio Bedendo La relazione descrive i principi parodontali che sono alla base del posizionamento

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN IGIENE DENTALE E TERAPIA PARODONTALE NON CHIRURGICA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN IGIENE DENTALE E TERAPIA PARODONTALE NON CHIRURGICA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN IGIENE DENTALE E TERAPIA PARODONTALE NON CHIRURGICA Direttore del Corso: Prof. Michele PAOLANTONIO DOCENTI Michele PAOLANTONIO Professore di Parodontologia Università di Chieti,

Dettagli

CORSO PRATICO DI DEBRIDMENT: SCALING E LEVIGATURA RADICOLARE PER IL TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLA MALATTIA PARODONTALE

CORSO PRATICO DI DEBRIDMENT: SCALING E LEVIGATURA RADICOLARE PER IL TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLA MALATTIA PARODONTALE 1 CORSO PRATICO DI DEBRIDMENT: SCALING E LEVIGATURA RADICOLARE PER IL TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLA MALATTIA PARODONTALE 30 CREDITI ECM per odontoiatri 30 CREDITI ECM per igienisti Codice Ministeriale

Dettagli

LA TERAPIA CAUSALE (NON CHIRURGICA) DELLA MALATTIA PARODONTALE note esplicative per i pazienti

LA TERAPIA CAUSALE (NON CHIRURGICA) DELLA MALATTIA PARODONTALE note esplicative per i pazienti LA TERAPIA CAUSALE (NON CHIRURGICA) DELLA MALATTIA PARODONTALE note esplicative per i pazienti Gentile paziente, questa breve esposizione si propone di spiegare le caratteristiche della terapia causale,

Dettagli

Stomodine. Results. Utilizzo ed efficacia di Stomodine e Stomodine LP in 18 cani con malattie infiammatorie e infettive del cavo orale.

Stomodine. Results. Utilizzo ed efficacia di Stomodine e Stomodine LP in 18 cani con malattie infiammatorie e infettive del cavo orale. Evoluzione della Conoscenza Stomodine Results Utilizzo ed efficacia di Stomodine e Stomodine LP in 18 cani con malattie infiammatorie e infettive del cavo orale. Pasquale D Urso Dr. Med. Vet. Giovanni

Dettagli

Il nuovo Vector Paro Punto di riferimento per la terapia indolore

Il nuovo Vector Paro Punto di riferimento per la terapia indolore Il nuovo Vector Paro Punto di riferimento per la terapia indolore Trattamento parodontale, recall, profilassi e terapia della perimplantite Aria compressa Aspirazione Sistemi Immagine Conservativa Igiene

Dettagli

FIRENZE Educatorio del Fuligno

FIRENZE Educatorio del Fuligno FIRENZE Educatorio del Fuligno Parodontologia Clinica Dr. Roberto Rotundo ROBERTO ROTUNDO, ha conseguito la laurea con lode in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l Università degli Studi di Siena nel

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA PERI-IMPLANTITE.

IL PROBLEMA DELLA PERI-IMPLANTITE. IL PROBLEMA DELLA PERI-IMPLANTITE. L infezione attorno all impianto è un fenomeno persistente. Che cosa è utile fare? Cosa non lo è? Come si previene? Geistlich News 02 2014 5 Immagine: Büro Haeberli Qual

Dettagli

L UTILIZZO DEL LEMBO AVANZATO IN PATOLOGIA RECESSIVA: ANALISI DI UNA CASISTICA PERSONALE

L UTILIZZO DEL LEMBO AVANZATO IN PATOLOGIA RECESSIVA: ANALISI DI UNA CASISTICA PERSONALE L UTILIZZO DEL LEMBO AVANZATO IN PATOLOGIA RECESSIVA: ANALISI DI UNA CASISTICA PERSONALE Briguglio Roberto, Portelli Marco, Briguglio Enrico, Briguglio Francesco RIASSUNTO Dipartimento di Odontostomatologia

Dettagli

UNCORRECTED PROOF ARTICLE IN PRESS. D. Azzalin *, C. Giamberini, A. Marchetti

UNCORRECTED PROOF ARTICLE IN PRESS. D. Azzalin *, C. Giamberini, A. Marchetti Ricevuto il: 29 aprile 2010 Accettato il: 25 gennaio 2011 Disponibile online: xx xx xxxx Parole chiave: Forcazioni Guided tissue regeneration (GTR) Terapia rigenerativa Membrane non riassorbibili Osso

Dettagli

Igiene orale e profilassi

Igiene orale e profilassi Igiene orale e profilassi Per igiene orale si intende la pulizia della cavità orale nella sua interezza, sia nei suoi tessuti duri come i denti sia nei suoi tessuti molli come le mucose. Tali argomenti

Dettagli

NUOVA TECNOLOGIA CAVITRON AD ULTRASUONI

NUOVA TECNOLOGIA CAVITRON AD ULTRASUONI NUOVA TECNOLOGIA CAVITRON AD ULTRASUONI FACILE ACCESSO ALLE ZONE SOTTOGENGIVALI MAGGIOR COMFORT PER IL PAZIENTE MANIPOLI AUTOCLAVABILI COMANDO A PEDALE A 360 SENZA FILI CAVITRON 50 ANNI DI TECNOLOGIA L

Dettagli

UN SOLIDO ANCORAGGIO PER I DENTI

UN SOLIDO ANCORAGGIO PER I DENTI UN SOLIDO ANCORAGGIO PER I DENTI S traumann E mdogain per la rigenerazione parodontale Informazioni per i pazienti Parodontite Malattia di molti adulti Che cos è la parodontite? Fate attenzione in caso

Dettagli

Dott. Maurizio Zilli La diagnosi ed il piano di trattamento

Dott. Maurizio Zilli La diagnosi ed il piano di trattamento Dott. Maurizio Zilli La diagnosi ed il piano di trattamento Il relatore stressa l importanza di una diagnosi corretta, e delinea una flowchart degli approfondimenti diagnostici necessari o utili alla caratterizzazione

Dettagli

Purina PRO PLAN DENTAL PLUS FORMULATO SCIENTIFICAMENTE PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE LA SALUTE ORALE DEL GATTO

Purina PRO PLAN DENTAL PLUS FORMULATO SCIENTIFICAMENTE PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE LA SALUTE ORALE DEL GATTO Purina PRO PLAN DENTAL PLUS FORMULATO SCIENTIFICAMENTE PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE LA SALUTE ORALE DEL GATTO Fino all 80% dei gatti ha problemi dentali I disturbi della salute orale sono molto diffusi

Dettagli

Gestione del cavo orale nel soggetto anziano: la malattia parodontale e l osteointegrazione

Gestione del cavo orale nel soggetto anziano: la malattia parodontale e l osteointegrazione G GERONTOL 2004;52:243-249 ODONTOIATRIA GERIATRICA Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Gestione del cavo orale nel soggetto anziano: la malattia parodontale e l osteointegrazione Periodontal disease

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E D R. F E D E R I C A R O M A N O INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome ROMANO FEDERICA Luogo e data di nascita Torino, 12 luglio 1969 Nazionalità Italiana Indirizzo Via Nizza,

Dettagli

conservazione del dente Straumann Regenerative System

conservazione del dente Straumann Regenerative System conservazione del dente Straumann Regenerative System Perché riparare quando è possibile rigenerare? La rigenerazione è il modo più naturale e affidabile per ripristinare le proprietà positive dei processi

Dettagli

Quadri clinici delle mala1e parodontali

Quadri clinici delle mala1e parodontali Quadri clinici delle mala1e parodontali Indo%e da placca Rappresentano la più frequente categoria di GENGIVITI nella popolazione Possono essere suddivise sulla base di fa7ori LOCALI o SISTEMICI che ne

Dettagli

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA e spec. in Ortognatodonzia PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA Per la maggior parte delle donne, la gravidanza è un processo naturale e fisiologico che porta alla nascita di una nuova vita in circa

Dettagli

Fili interdentali: istruzioni per l uso

Fili interdentali: istruzioni per l uso 4_Leaflet_Fili:Layout 1 21-12-2007 12:29 Pagina 1 Fili interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO MODULARE PARODONTOLOGIA ACCREDITATO ECM DOTT. MARCO CLEMENTINI

CORSO TEORICO-PRATICO MODULARE PARODONTOLOGIA ACCREDITATO ECM DOTT. MARCO CLEMENTINI CORSO TEORICO-PRATICO MODULARE PARODONTOLOGIA ACCREDITATO ECM DOTT. MARCO CLEMENTINI INFORMAZIONI GENERALI MARCO CLEMENTINI Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso Università Cattolica Sacro

Dettagli

Pierpaolo Cortellini. Maurizio Tonetti. Corso formativo di Parodontologia e Terapia Implantare Giugno 2015 - Luglio 2016

Pierpaolo Cortellini. Maurizio Tonetti. Corso formativo di Parodontologia e Terapia Implantare Giugno 2015 - Luglio 2016 Pierpaolo Cortellini Maurizio Tonetti Presentazione Cari Colleghi, negli ultimi 20 anni il percorso formativo PERIO-IT ha dato grandissime soddisfazioni ed è diventato, grazie all apprezzamento di oltre

Dettagli

Terapıa. Progetto. Strategie per il controllo dell infezione. Società Italiana di Parodontologia UN BEL SORRISO ALLUNGA LA VITA

Terapıa. Progetto. Strategie per il controllo dell infezione. Società Italiana di Parodontologia UN BEL SORRISO ALLUNGA LA VITA Società Italiana di Parodontologia Progetto Terapıa UN BEL SORRISO ALLUNGA LA VITA Strategie per il controllo dell infezione con il Patrocinio di: Federazione Europea di Parodontologia (EFP) Associazione

Dettagli

LA TERAPIA PARODONTALE. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA PARODONTALE. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA PARODONTALE www.fisiokinesiterapia.biz IL PARODONTO apparato di sostegno del dente formato da: 1. Gengiva 2. Legamento parodontale 3. Cemento radicolare 4. Osso alveolare (processi alveolari

Dettagli

Il ripristino quantitativo e qualitativo dei tessuti duri e molli del sito implantare: tecniche a confronto

Il ripristino quantitativo e qualitativo dei tessuti duri e molli del sito implantare: tecniche a confronto Il ripristino quantitativo e qualitativo dei tessuti duri e molli del sito implantare: tecniche a confronto Roberto Abundo Giulio Rasperini Alessandro Rossi Novotel Firenze Nord 21 Marzo 2015 08.45 09.00

Dettagli

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE SANIT 2008 V Forum internazionale della salute INTERVENTI DI PREVENZIONE ORALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 23 giugno 2008 Daniela Carmagnola & Clinica Odontoiatrica Dip.. di Medicina, Chirurgia

Dettagli

Per conservare denti sani a lungo si deve attuare un'accurata igiene orale, seguire una corretta alimentazione ed effettuare controlli periodici.

Per conservare denti sani a lungo si deve attuare un'accurata igiene orale, seguire una corretta alimentazione ed effettuare controlli periodici. Per conservare denti sani a lungo si deve attuare un'accurata igiene orale, seguire una corretta alimentazione ed effettuare controlli periodici. «Per la pulizia dei denti - sottolinea l'odontoiatra Maurizio

Dettagli

L uso della glicina nella terapia delle periimplantiti: primi risultati di uno studio multicentrico. ANDI BIELLA 11 novembre 2013

L uso della glicina nella terapia delle periimplantiti: primi risultati di uno studio multicentrico. ANDI BIELLA 11 novembre 2013 L uso della glicina nella terapia delle periimplantiti: primi risultati di uno studio multicentrico. ANDI BIELLA 11 novembre 2013 Il consensus report della sesta edizione dell European Workshop on Periodontology

Dettagli

ECM33. Antibiotici topici nel trattamento delle parodontiti e delle periimplantiti

ECM33. Antibiotici topici nel trattamento delle parodontiti e delle periimplantiti 32 Giugno 2015 ECM33 FORMAZIONE A DISTANZA Antibiotici topici nel trattamento delle parodontiti e delle periimplantiti Antibiotici topici nel trattamento delle parodontiti e delle periimplantiti indice

Dettagli

Anestesia Locale Indolore

Anestesia Locale Indolore Anestesia Locale Indolore Particolare cura a non far avvertire disagi durante l'effettuazione della Anestesia Locale MicroDose Test iniziale, per valutare eventuali reazioni con dosi farmacologiche minime.

Dettagli

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE ARTICOLO CASTELLETTO TICINO SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE Esiste un miglior biglietto da visita di un bel sorriso? La nostra epoca è sicuramente dominata

Dettagli

Dentas Informa. Scopri di più

Dentas Informa. Scopri di più Dentas Informa Sempre più articoli della recente letteratura dimostrano l implicazione della parodontite (conosciuta anche come piorrea) con importanti malattie di tipo organico Scopri di più Parodontite

Dettagli

KaVo SONICflex rootplaner. Manuale d uso. La strumentazione meccanica delle superfici radicolari.

KaVo SONICflex rootplaner. Manuale d uso. La strumentazione meccanica delle superfici radicolari. KaVo SONICflex rootplaner. Manuale d uso. La strumentazione meccanica delle superfici radicolari. SONICflex rootplaner Inserti speciali per la strumentazione meccanica delle superfici radicolari del Prof.

Dettagli

KaVo Modelli didattici e denti. Perfettamente preparati per la didattica. Precisi fin nei minimi dettagli

KaVo Modelli didattici e denti. Perfettamente preparati per la didattica. Precisi fin nei minimi dettagli KaVo Modelli didattici e denti Perfettamente preparati per la didattica. Precisi fin nei minimi dettagli Modelli didattici e denti Incredibilmente umani. Modelli didattici e denti Modelli didattici completi

Dettagli

CONGRESSO degli Igienisti Dentali NUOVE CONOSCENZE E INNOVAZIONI TECNOLOGICHE IN PARODONTOLOGIA: ATTUALITÀ CLINICA E PROSPETTIVE

CONGRESSO degli Igienisti Dentali NUOVE CONOSCENZE E INNOVAZIONI TECNOLOGICHE IN PARODONTOLOGIA: ATTUALITÀ CLINICA E PROSPETTIVE CONGRESSO degli Igienisti Dentali NUOVE CONOSCENZE E INNOVAZIONI TECNOLOGICHE IN PARODONTOLOGIA: ATTUALITÀ CLINICA E PROSPETTIVE RIMINI, 15-16 Marzo 2013 Gli iscritti al Congresso possono partecipare anche

Dettagli

condizioni ideali per ottenere ricopertura radicolare completa non sono presenti. Questa linea,

condizioni ideali per ottenere ricopertura radicolare completa non sono presenti. Questa linea, Curriculum Prof. Giovanni Zucchelli Professore Associato di Parodontologia all Università di Bologna Socio Attivo della Società Italiana di Parodontologia, membro dell European Federation of Pariodontology

Dettagli

EMS EVIDENZA CLINICA } AIR-FLOW PERIO SU DENTI NATURALI E IMPIANTI LETTERATURA SCIENTIFICA DI PARODONTOLOGIA

EMS EVIDENZA CLINICA } AIR-FLOW PERIO SU DENTI NATURALI E IMPIANTI LETTERATURA SCIENTIFICA DI PARODONTOLOGIA EMS EVIDENZA CLINICA } AIR-FLOW PERIO SU DENTI NATURALI E IMPIANTI LETTERATURA SCIENTIFICA DI PARODONTOLOGIA EMS EVIDENZA CLINICA } AIR-FLOW PERIO SU DENTI NATURALI E IMPIANTI LETTERATURA SCIENTIFICA IN

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

L ottavo incluso: perché si estrae e come si estrae L OTTAVO INDICAZIONI ALL ESTRAZIONE L OTTAVO FISIOLOGICO PATOLOGIE DELL OTTAVO SINTOMI

L ottavo incluso: perché si estrae e come si estrae L OTTAVO INDICAZIONI ALL ESTRAZIONE L OTTAVO FISIOLOGICO PATOLOGIE DELL OTTAVO SINTOMI L ottavo incluso: perché si estrae e come si estrae L OTTAVO AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Clinica Odontoiatrica di TORINO Direttore Prof. Giulio Preti Chirurgia Stomatologica Cattedra

Dettagli

La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici

La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici Ordine degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici Dott. Ing. Luca Radice Presidente commissione Bioingegneria Ordine Ingegneri

Dettagli

Si iscrive nel 1975 alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'universita' degli studi di Pavia.

Si iscrive nel 1975 alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'universita' degli studi di Pavia. Il dottor Franco Vezzoni è nato a Milano il 27/10/1956. Si iscrive nel 1975 alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'universita' degli studi di Pavia. Durante l'anno accademico 1978/79 ha frequentato

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Tesi di Laurea in Igiene Dentale Anno Accademico 2010-2011 APPROCCIO INTEGRATO NELLA GESTIONE DELLA SALUTE ORALE DEI PAZIENTI PROTESICAMENTE RIABILITATI NELLA COMUNITÀ

Dettagli

Case Report Trattamento combinato di una osteonecrosi da bifosfonati peri-implantare

Case Report Trattamento combinato di una osteonecrosi da bifosfonati peri-implantare Case Report Trattamento combinato di una osteonecrosi da bifosfonati peri-implantare Valente N.A. 1, Andreana S. 2 1 Adjunct Assistant Professor, Department of Periodontics and Endodontics, UB 2 Associate

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE STORIA DELLA CARIE Numerose sono le teorie formulate a proposito della etiologia e patogenesi della carie dentaria. Le teorie ESOGENE considerano l agente eziologico responsabile della patologia cariogena

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i) / Nome(i) DANIELE MODESTI Indirizzo(i) Via Castel del Rio 18-00127 Roma Cellulare +393925651004 E-mail danielemodesti@mail.com Sito Internet

Dettagli

Una nuova matrice osteoconduttiva per gli innesti ossei dentali

Una nuova matrice osteoconduttiva per gli innesti ossei dentali Una nuova matrice osteoconduttiva per gli innesti ossei dentali Caratteristiche del prodotto Equimatrix è un sostituto osseo naturale derivato dall osso equino utilizzando un unico processo di purificazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE Una corretta igiene orale è fondamentale per mantenere nel tempo i propri denti e le proprie gengive sane. I nemici principali della salute orale sono i batteri,

Dettagli

Nel novembre 2005 consegue l abilitazione all esercizio della professione di Odontoiatra presso l Università di Ferrara con il punteggio di 70/70.

Nel novembre 2005 consegue l abilitazione all esercizio della professione di Odontoiatra presso l Università di Ferrara con il punteggio di 70/70. CURRICULUM VITAE Nel 1995 Giovanni Franceschetti si iscrive al Liceo Classico Ludovico Ariosto di Ferrara, conseguendo la maturità classica con il punteggio di 91/100 (luglio 2000). Nel Settembre 2000

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI DALMASSO Anna Maria Cuneo Azienda Ospedaliera S.Croce e Carle Cuneo Audit clinico: marzo- giugno 2013 Le ulcere cutanee infette inquadramento diagnostico

Dettagli

Progetto generale di articolazione delle attività formative e di perfezionamento e delle attività pratiche e la suddivisione dei relativi crediti

Progetto generale di articolazione delle attività formative e di perfezionamento e delle attività pratiche e la suddivisione dei relativi crediti Parodontologia (Biennale - III edizione) Livello II CFU 60 Direttore del Corso Prof. Pier Francesco Nocini; Coordinatore Tecnico Scientifico:Prof. Giorgio Lombardo Comitato Scientifico Il Comitato Scientifico

Dettagli

come avere denti da campione prevenzione primaria della carie

come avere denti da campione prevenzione primaria della carie Regione del Veneto Azienda Unità Locale Azienda Unità Locale Socio Sanitaria VICENTINO OVEST U..O.C.. MATTEERNO IINFFANTTIILLEE U..O.. PEDIATRIA DII COMUNITA educazione alla salute come avere denti da

Dettagli

Studio Dentistico Dott. Simone Panti

Studio Dentistico Dott. Simone Panti - 1 - PREVENZIONE NELL'ADULTO La parodontite è una malattia infettiva causata, soprattutto dalla presenza di specifici batteri patogeni. A) Essi provocano una intensa risposta infiammatoria del sistema

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DOTTORATO DI RICARCA IN SCIENZE ODONSTOMATOLOGICHE (XXVII CICLO) Candidata: Dott.ssa Roberta Matarasso COORDINATORE: PROF. SANDRO

Dettagli

Valutazione dell efficacia del delmopinolo nel controllo dell igiene orale in corso di terapia ortodontica

Valutazione dell efficacia del delmopinolo nel controllo dell igiene orale in corso di terapia ortodontica Valutazione dell efficacia del delmopinolo nel controllo dell igiene orale in corso di terapia ortodontica Michela Paglia Andrea Carlo Butti Antonino Salvato* * Facoltà di Medicina e Chirurgia, unità operativa

Dettagli

Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013

Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013 Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013 Il Progetto Prevenzione, un idea di CLD nata nel 2011 e curata dalla dott.ssa Sara Zambelli, si prefiggeva di comprendere quanto l igiene orale

Dettagli

Banco di prova per l impianto immediato

Banco di prova per l impianto immediato 7 ANNO NUMERO 2, 2014 FOCUS PAGINA 5 JOURNAL CLUB PAGINA 20 FUORI DAGLI SCHEMI PAGINA 25 Il problema della peri-implantite Banco di prova per l impianto immediato Lo squalo: un talento della rigenerazione

Dettagli