Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni"

Transcript

1 Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni WWF Friuli Venezia Giulia e Veneto Giugno 2003

2 0. Premessa Si rileva ancora una volta, così come in altre precedenti occasioni (cfr. le osservazioni presentate dalla scrivente associazione sul progetto preliminare e sul SIA della Penetrazione Nord/Passante intervallivo di Trieste e sulla nuova linea AV/AC Venezia- Trieste (tratta Ronchi dei Legionari Trieste), l estrema difficoltà in cui si trovano i cittadini nel poter prendere visione adeguata degli elaborati consegnati dai proponenti per progetti di tale entità. Ciò sia in considerazione della mole di documentazione da consultare, sia per gli oggettivi ostacoli logistici (un unica copia degli elaborati disponibile al pubblico nella Regione Friuli Venezia Giulia ed un altra in Veneto, consultabili soltanto in orario d ufficio e quindi con esclusione dei festivi e dei sabati, scarsa o nessuna assistenza da parte del personale regionale, ecc., problemi ovvi se già qualcuno sta consultando lo SIA nello stesso momento in cui se ne chiede la visione). Si aggiunga che nessuna iniziativa è stata assunta, né dal proponente, né dagli enti preposti alla valutazione (Regioni, Ministeri), al fine di illustrare e spiegare i contenuti del progetto e del SIA alla cittadinanza ed agli enti locali interessati. Si ritiene che tutto ciò configuri una pesante limitazione, di fatto, della possibilità per i cittadini di comprendere la natura delle opere proposte ed i loro effetti sull ambiente, così come un oggettiva limitazione del diritto dei cittadini di essere informati ed interpellati (così come sancito dalla Convenzione di Aarhus, recepita con la Legge 16 marzo 2001, n. 108) in merito alle decisioni che li riguardano. 1. Difformità del SIA rispetto alla normativa Va innanzitutto osservato che i contenuti e l organizzazione del SIA presentato dal proponente, non corrispondono affatto a quanto prescritto dalla normativa in materia (cfr. DPCM 27/12/1988 Norme tecniche per la redazione degli studi di impatto ambientale e per la formulazione del giudizio di compatibilità di cui all art. 6, L. 8/7/1986, n. 349 ). Soltanto il Riassunto non tecnico del SIA contiene un riferimento, non al DPCM citato, bensì all art. 2, c. 3 del DPCM 377/1988, ma nell ambito di una trattazione per larga parte incomprensibile e quanto mai astrusa, che potrebbe ritenersi addirittura offensiva per il lettore, essendo presentata sotto il mendace titolo appunto di Riassunto non tecnico (per tacere della totale illeggibilità di molte immagini e relative didascalie racchiuse nel medesimo elaborato). E pertanto quanto mai arduo rintracciare nella congerie di elaborati consegnati dal proponente, gli elementi di valutazione richiesti dalle norme sopra richiamate, elementi che peraltro a quanto è stato possibile vedere in molti casi mancano del tutto. 2. Carenze nel SIA 2.1. Motivazione dell opera Del tutto insufficiente e poco persuasiva appare l esposizione delle motivazioni del proponente circa la necessità dell opera in questione.

3 Al di là delle valutazioni, opinabili e non supportate da alcuna seria analisi trasportistica, sul prevedibile incremento della domanda. Non è chiaro, in particolare, in base a quali elementi si dia per scontato che tale incremento ci sarà e dovrà necessariamente riversarsi sull autostrada e si osserva che le previsioni sull incremento futuro dei flussi di traffico e sulla ripartizione di questi tra le diverse modalità di trasporto sono totalmente diverse rispetto a quelle contenute nel contemporaneo progetto e SIA della nuova linea ferroviaria AV/AV Venezia Trieste, tratto Ronchi dei Legionari-Trieste. Si osserva anzi che i dati disponibili sul TGM lungo le diverse sezioni della A 4 tra Mestre e Trieste evidenziano una progressiva sensibile riduzione del volume di traffico procedendo da ovest verso est. In particolare, da Palmanova verso Trieste il TGM raggiunge valori nettamente inferiori a quelli presenti sulla tratta occidentale. Le stesse previsioni di traffico pesante veicoli/giorno nei due sensi - sulla direttrice considerata più problematica (Postumia-Lubiana), citate dal proponente, appaiono compatibili con un autostrada a doppia corsia più corsia d emergenza. Manca inoltre un qualsiasi approfondimento dei rapporti tra l infrastruttura proposta e le altre direttamente connesse sulla medesima direttrice. Ciò vale in particolare per il cosiddetto Passante di Mestre, la cui realizzazione ed entrata in servizio è prevista salvo ritardi di norma riscontrabili in questo tipo di opere - a non prima del Essendo proprio il nodo di Mestre a rappresentare il collo di bottiglia dell intero sistema dei trasporti su strada nel Nord Est d Italia, è del tutto evidente che prioritaria dovrebbe essere la soluzione di questo problema (avvenga ciò con la realizzazione del Passante largo oppure come auspica la scrivente associazione, si vedano le osservazioni al SIA trasmesse in data 22 maggio alla Regione Veneto mediante tunnel e altre opere complementari), prima di procedere alla realizzazione di nuove infrastrutture viarie (o al potenziamento delle esistenti) sulla direttrice est-ovest. E del tutto evidente infatti, a giudizio della scrivente, che anticipare la realizzazione della terza corsia sul tratto più orientale della A 4, ben prima che il Passante sia realizzato, avrebbe come unico effetto quello di peggiorare ulteriormente la situazione intorno a Mestre, convogliandovi ancor maggiori volumi di traffico, destinati ad intasare vieppiù l area (già al collasso), senza risolvere quindi alcun problema ma anzi aggravandoli tutti Analisi costi - benefici L analisi costi-benefici, prescritta all art. 4, c. 3 del DPCM 27/12/1988 per le opere pubbliche o a rilevanza pubblica, è sostituita nel SIA (elaborato E 1) da un Analisi economica (cfr. par. E1.5.2) di 3 (!) pagine scarse. I presupposti su cui si fonda tale analisi sono sostanzialmente legati a : 1) una stima del risparmio di carburante che la realizzazione dell opera permetterebbe (risparmio che però appare legato principalmente ai miglioramenti prevedibili nella tecnologia dei motori nei prossimi anni) ; 2) una stima del costo del tempo risparmiato per mancati incolonnamenti. Quest ultimo valore appare però stimato grossolanamente, dando per scontato che OGNI veicolo in transito accumuli 10 minuti di ritardo su 58 km percorsi e quindi ipotizzando che SEMPRE si verifichino incolonnamenti e che TUTTI i veicoli in transito siano adibiti ad attività economiche e produttive. Il che, evidentemente, non è. Nulla invece viene detto, tranne pochi vaghi accenni alla sinistrosità, in merito ai costi sociali prodotti o evitati, al consumo di suolo agricolo e naturale, ecc.

4 Si aggiunga che nessuna chiara tabellazione riassuntiva dei calcoli effettuati e dei dati ottenuti è contenuta nel SIA e che l unico schema relativo alle voci di spesa per la realizzazione delle opere (cfr. pag. 258 dell elaborato E 1) non si comprende a quale tratta del progetto sia riferito, riportando valori che non trovano rispondenza alcuna nei riepiloghi contenuti nell elaborato Z 01.1 del progetto preliminare ( Computi Stime. Computo metrico estimativo. Stima di spesa e quadro riepilogativo ). Viene citato infatti nel SIA un totale delle voci di spesa pari a ,50 Euro, a fronte del totale generale di ,77 Euro riportato nel progetto preliminare La mancata valutazione delle alternative Non si rinviene nel SIA una valutazione adeguata delle possibili alternative all opera proposta, ancorché ciò sia prescritto all art. 4, c. 3, lett. b) e c. 4, lett. c) del citato DPCM 27/12/1988. Tale prescrizione è ulteriormente rafforzata dall allegato III, n. 3 del DPCM 27/12/1988 (così come sostituito dall allegato I del DPR 2/9/1999, n. 348). Ciò appare costituire una lacuna particolarmente grave, trattandosi di un infrastruttura di grandi dimensioni inserita in un contesto urbanistico e ambientale molto denso (in termini di insediamenti residenziali e produttivi, aree di pregio naturalistico e paesaggistico, ecc.). Va poi sottolineato che la valutazione delle alternative doveva costituire un elemento cardine del SIA (e dovrebbe rappresentare anche il cuore della valutazione e del giudizio finale) a maggior ragione in quanto nella stessa area geografica sono in corso le procedure di VIA per altre infrastrutture lineari previste dal programma di cui alla L. 443/2001 : si tratta del Passante di Mestre, della nuova superstrada Sequals Gemona e della nuova linea ferroviaria AV/AC Venezia - Trieste (ancorché il progetto presentato si limiti al tratto Ronchi dei Legionari-Trieste). Appare evidente, a giudizio della scrivente associazione, che opere di questa mole ed impegno finanziario dovevano formare oggetto di una valutazione comparativa preferibilmente adottando le procedure di V.A.S. di cui alla Direttiva 2001/42/CE già a livello delle Intese Generali Quadro, stipulate tra il Governo e le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia rispettivamente in data e 20/9/2002. Si osserva ancora che gli unici accenni ad ipotetiche alternative sono rinvenibili nell elaborato E 3 del SIA, laddove 7 (!) righe sono dedicare alla ferrovia ad alta velocità (cfr. par. E , pag. 142), per dichiarare semplicemente la totale ignoranza sul progetto, pur se la relativa procedura di VIA è di fatto temporalmente parallela a quella della terza corsia (!). Al par. E (pagg ) si accenna invece ad un ipotesi alternativa tratta terminale A 4, che si dichiara sarebbe stata valutata da Autovie Venete, consistente nell arretrare il casello del Lisert all altezza di Villesse, liberalizzando sia la tratta da Villesse a S. Andrea di Gorizia, sia il tratto da Villesse al Lisert, arrestando nel contempo la costruzione della terza corsia a Villesse, ma realizzando comunque il nuovo svincolo di Duino. Nulla di più viene detto, incredibilmente, rispetto a tale ipotesi, che lo stesso SIA definisce peraltro valida e che corrisponde sostanzialmente peraltro a quanto più volte e da molti anni richiede la comunità monfalconese (Comune in testa) ed è previsto anche dalle Linee guida del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale della Provincia di Gorizia (2002). La scrivente Associazione ritiene comunque che anche altre ipotesi alternative avrebbero dovuto essere valutate e confrontate con l ipotesi progettuale presentata. Tra queste: gli

5 interventi di miglioramento e potenziamento delle infrastrutture ferroviarie esistenti, la costruzione della terza corsia soltanto da Quarto d Altino fino a Palmanova (con miglioramento ambientale però dell intera tratta fino a Trieste, mediante installazione di barriere antirumore, sistemi di raccolta e depurazione delle acque di prima pioggia, interventi di mitigazione e compensazione ambientale, predisposizione di attraversamenti per la fauna, ecc.). Per quanto concerne il tratto Veneto e il previsto Casello e svincolo di Alvisopoli nel SIA non è stata analizzata nessuna ipotesi alternativa alla realizzazione del casello e del relativo svincolo di Alvisopoli. L area interessata da svincolo e casello rappresenta infatti un tratto di campagna ancora integro, con fossi alimentati da acque di sorgiva, che meriterebbe di essere salvaguardato anche da futuri interventi di urbanizzazione (aree industriali) che andrebbero sicuramente ad insediarsi nei pressi del Casello e di cui già si parla in loco. Solo per fare un esempio potrebbe essere valutata seriamente la seguente ipotesi alternativa, soprattutto per il notevole risparmio di terreno agricolo di qualità che consentirebbe. Tenuto conto che a Portogruaro pare in dirittura d arrivo il completamento della tangenziale che consentirà un collegamento diretto fra le autostrade A4 e A28 con la S.S. 14, innestandosi su quest ultima tra Portogruaro e Fossalta di Portogruaro pochissimi chilometri prima dello svincolo di collegamento con il casello di Alvisopoli. Se si considera che la S.S. 354 che collega il casello di Ronchi della A4 con Lignano è una strada di grande traffico, priva però di viabilità locale, a carreggiate non separate fisicamente (si tratta di una strada piuttosto pericolosa che ha già mietuto molte vittime anche tra i residenti nelle zone attraversate dalla statale) e valutando come esista un ponte sul Tagliamento che collega Lignano a Bibione in località Bevazzana, opera però priva di adeguata viabilità di collegamento con la S.S. 354 risulta praticabile l ipotesi di non realizzare lo svincolo di Alvisopoli anteponendo in alternativa i seguenti interventi: - ricalibratura della la S.S. 14 nel tratto che va dall uscita della tangenziale di Portogruaro (punto 1 in allegata cartografia) fino alla provinciale per Bibione (punto 3 in allegata cartografia); - adattamento dello svincolo di Ronchi al traffico che già oggi sostiene; - ricalibratura della S.S. 354 separando il traffico locale da quello diretto a Lignano e Bibione; - ricalibratura della viabilità di collegamento tra la S.S. 354 e il ponte di Bevazzana per consentire un rapido collegamento con Bibione. In questo modo il traffico diretto a Bibione e proveniente da Venezia o Pordenone utilizzerebbe la tangenziale di Portogruaro, quello proveniente da Tarvisio o Trieste potrebbe giungere a Bibione dalla S.S. 354, con notevoli risparmi finanziari e di territorio La sommaria citazione dei piani Ancorché sia prescritto dal più volte citato DPCM 27/12/1988 (cfr. art. 4, c. 4, lett. b), n. 2), del tutto insufficiente appare la trattazione nel SIA delle previsioni degli strumenti urbanistici comunali. In particolare, per quanto concerne il tratto interessante il Friuli Venezia Giulia il PRGC del Comune di Duino-Aurisina, manca addirittura un estratto del piano e delle relative norme (sostituiti da una scheda sintetica, oltre tutto alquanto imprecisa), manca qualsiasi accenno al PRPC direttamente incidente sull area del previsto nuovo svincolo di Duino/Sistiana adottato dal Consiglio comunale nel luglio 2002

6 (e approvato alla fine del maggio 2003) e manca altresì qualsivoglia riferimento al PTRP con valenze di piano paesistico, predisposto su incarico della Direzione regionale della Pianificazione territoriale ma non ancora adottato - per l intero ambito della fascia costiera triestina. Poco o niente tratta il Sia sulla presenza in loco e sulle interferenze dell infrastruttura con i seguenti Siti: Per il tratto riguardante il Friuli Venezia Giulia: - Riserva naturale dei Laghi di Doberdò e Pietrarossa istituita con la Legge Regionale del 30 settembre 1986, n. 42, art Riserva naturale delle Falesie di Duino istituita con la Legge regionale 30 settembre 1996, n.42, art.49 - La Palude di Sablici a Monfalcone Sito di Interesse Nazionale individuato dalla Regione con le Delibere della Giunta Regionale n. 434 e 435 del 25 febbraio L Area di rilevante interesse ambientale (ARIA) n. 8 del Fiume Tagliamento delimitata con Decreto del Presidente della Regione 17 maggio 2002, n L Area di rilevante interesse ambientale (ARIA) n. 16 del Torrente Torre delimitata con Decreti del Presidente della Regione 4 ottobre 2001 n e 17 maggio 2002, n L Area di rilevante interesse ambientale (ARIA) n. 19 del Fiume Isonzo delimitata con Decreto del Presidente della Regione 6 febbraio 2001, n L Area di reperimento della Landa Carsica prevista dal Piano Urbanistico Regionale Generale e dalla normativa regionale. In merito invece al tracciato ricadente nel territorio Veneto e al Piano Territoriale Regionale di Coordinamento e al Piano Territoriale Provinciale della Provincia di Venezia si sorvola sul fatto che vengono interessati dalle nuove opere i seguenti siti: - il Parco Naturale Regionale del Fiume Sile viene attraversato in località San Michele Vecchio, comuni di Roncade (TV) e Quarto d Altino (VE) istituito con la Legge regionale 28 gennaio 1991, n il Parco Naturale Provinciale dei fiumi Lemene e Reghena e Laghi di Cinto, recentemente istituito dalla Provincia di Venezia - l area di tutela paesaggistica di interesse regionale di competenza provinciale del Medio Corso del Piave soggetta alle Norme di Tutela del PTRC art. 34. Sono inoltre attraversati i seguenti ambiti naturalistici di livello regionale (art. 19 NTA del PTRC) : Ambito fluviale del Livenza Ambiti planiziali contermini ai fiumi.. Reghena, Lemene (Boschetto di Alvisopoli) - 79 Lanche e Boschi igrofili del Tagliamento - 86 Ambito fluviale del Piave (medio-basso corso) - Numerose fasce di corridoio ecologico individuate dalla Provincia di Venezia 2.5. Il paesaggio dimenticato Gran parte dei territori attraversati dall opera proposta (specie in Comune di Duino- Aurisina) sono soggetti a vincolo paesaggistico ai sensi del D. L.vo 490/1999. Benché un accurata analisi della situazione dei luoghi e una descrizione dell impatto delle opere previste sugli stessi siano con tutta evidenza indispensabili (e chiaramente prescritte ad esempio dall allegato III del DPCM 27/12/1988, così come modificato dall allegato I del

7 DPR 2/9/1999, n. 348), ben poco di tutto ciò si ritrova (a fatica, come per altri aspetti) nel SIA. Manca in particolare una simulazione visiva il che stupisce non poco, vista la familiarità che gli estensori del SIA mostrano di avere con gli strumenti informatici! dello stato dei luoghi post operam, da confrontare ovviamente con le immagini degli stessi luoghi come si presentano attualmente. Trattasi di un elemento che consuetudinariamente, ormai, viene prodotto anche in SIA relativi ad opere di ben minore impatto ambientale ed impegno economico e si stenta a comprendere le ragioni di una così grave lacuna. Basti ad esempio la grave omissione riguardante la presenza a ridosso dell attuale tracciato del Bosco di Alvisopoli in comune di Fossalta di Portogruaro (VE) con l annesso complesso di Villa Mocenigo: uno scrigno storico-naturalistico di rilevante interesse. Già Parco della Villa, abbandonato negli anni 40 dello scorso secolo, è oggi un raro esempio di bosco planiziale con tutte le specie arboree, arbustive ed erbacee tipiche del Quercocarpinetum boreoitalicum. Secondo il prof. Giulini dell Università di Padova, si tratterebbe inoltre del primo parco romantico veneto. Il Piano Territoriale Provinciale di Venezia adottato nel 1999 prevede altresì che nel Bosco di Alvisopoli sia istituita una Riserva Speciale di Conservazione la cui fascia di rispetto comprende anche un tratto sul lato opposto dell Autostrada A4 (Tav. P103). Assieme alla Villa il parco è inoltre sottoposto a Vincolo ai sensi della ex legge 1089/39 ora Titolo I del decreto legislativo 490/1999 (elemento non rilevato nel SIA). E inoltre riconosciuto come Oasi di Protezione Faunistica dalla Provincia di Venezia (elemento non rilevato nel SIA) ed è inserito nel sistema aree protette del WWF Italia. Il bosco con l annesso Centro di Educazione Ambientale operante all interno della Villa e promosso, oltre che dal WWF, dal Comune di Fossalta di Portogruaro e dalla Provincia di Venezia, è visitato ogni anno da circa 3000 persone, la gran parte studenti. Già oggi il disturbo che crea l autostrada, soprattutto per quanto riguarda il rumore, è molto rilevante, disturbo che arriva a farsi sentire, soprattutto la notte, anche per tutti coloro che risiedono in Villa Mocenigo e nelle abitazioni circostanti. Si segnala inoltre come la cartografia utilizzata per il progetto non sia rispondente alla realtà, in quanto la superficie boscata si estende anche al di là del canaletto che sembra fare da confine del bosco di Alvisopoli e giunge fino alla recinzione dell autostrada: un semplice sopralluogo avrebbe permesso di accorgersi di ciò. L ulteriore avvicinamento dell autostrada al bosco è da ritenersi non accettabile in quanto comporterebbe il sacrificio di una fascia arborea di un certo interesse, in cui spicca la presenza spontanea del Pado (Prunus padus), piccolo alberello tipico della fascia pedemontana, assai raro nei boschi di pianura, senza parlare dell ulteriore aggravio del livello di rumore sopportato. A tutela del sito non è quindi accettabile, come da progetto, l inserimento di una terza corsia e quindi l ulteriore avvicinamento della sede autostradale al bosco. L intervento auspicato è che vengano installate delle barriere fonoassorbenti in questo tratto di autostrada per migliorare la qualità della vita dei residenti ad Alvisopoli e contribuire a migliorare le condizioni di fruizione di un bene di rilevante valore storiconaturalistico quale è il bosco di Alvisopoli. Si rileva ancora come venga affermata nel SIA una compensazione tra gli 85 ettari di territorio destinati ad essere asfaltati ed urbanizzati a seguito dell esecuzione del progetto, e le aree verdi, di impianto artificiale, previste a titolo di compensazione/mitigazione (per un totale di 105 ettari). E appena il caso di osservare che nessuna equivalenza è possibile, qualora quelle sacrificate siano rappresentate da aree naturali pregiate magari comprese

8 nel perimetro di un S.I.C. mentre quelle compensative siano rappresentate da aree di verde ornamentale o para-naturale Mancanza della valutazione di incidenza L opera proposta attraversa numerosi S.I.C. e incide sensibilmente sui medesimi (in termini di sottrazione di territorio, ma non solo). Al di là di una citazione sommaria dei singoli S.I.C., tuttavia, manca nel SIA o in allegato ad esso un esauriente valutazione di incidenza ecologica, redatta in conformità a quanto prescritto dalla normativa vigente (Direttiva 92/43/CE e DPR 357/1999, modificato ed integrato dal DPR 120/2003). Trattandosi di un obbligo che discende da normativa comunitaria sovraordinata, la carenza appare particolarmente grave. Nel tratto Veneto vengono interessati direttamente o per il tracciato nelle vicinanze i seguenti siti: - IT Zona di Protezione Speciale (ZPS) nonché Sito di Importanza Comunitaria (SIC) Ambiti Fluviali del Reghena e del Lemene Cave di Cinto Caomaggiore attraversato in due punti in prossimità dei fiumi Reghena e Lemene. - IT Zona di Protezione Speciale (ZPS) nonché Sito di Importanza Comunitaria (SIC) - Bosco di Cessalto posto nelle vicinanze del Casello di Cessalto. - IT Zona di Protezione Speciale (ZPS) nonché Sito di Importanza Comunitaria Sile: Ansa a San Michele Vecchio posto nei pressi (est) del Casello di Quarto d Altino. - IT Zona di Protezione Speciale (ZPS) nonché Sito di Importanza Comunitaria Bosco di Lison Nel tratto Friuli-Venezia Giulia vengono interessati i seguenti siti di Importanza Comunitaria (SIC): - IT Paludi di Porpetto - IT Bosco Boscat - IT Laghi di Doberdò e Pietrarossa - IT Foce del Timavo - IT Falesie di Duino 2.7. Gli altri progetti ignorati Si sottolinea ancora una volta come il progetto preliminare ed il SIA in questione ignorino ostentatamente i progetti delle altre opere infrastrutturali, pur previste ad esempio all interno della medesima Intesa Generale Quadro stipulata tra il Governo e la Regione Friuli Venezia Giulia. Particolarmente clamorosa la discrepanza con il progetto della Linea ad AV/AC Venezia Trieste (tratto Ronchi dei Legionari Trieste), il cui SIA cita espressamente i cantieri della terza corsia sulla A 4 come destinazione finale di almeno 3 milioni di mc, dei 7,7 circa che si prevede di ricavare per lo scavo delle gallerie ferroviarie. Il SIA della terza corsia, invece, non menziona tale ipotesi ed anzi sembra che non esistano neppure particolari necessità di inerti per i cantieri, essendo l opera pensata per il reimpiego dei materiali rocciosi di risulta dagli sbancamenti nel tratto carsico.

9 Conclusioni Alla luce delle sopra esposte gravi carenze riscontrate nel SIA, soprattutto per quanto riguarda la mancata valutazione di incidenza sui S.I.C., la mancata valutazione dell impatto sul paesaggio, l inesistente valutazione delle alternative e l insufficiente trattazione delle motivazioni dell opera, la scrivente associazione esprime un giudizio negativo sulla proposta progettuale in questione e ritiene che quanto meno dovrebbe essere richiesta una completa rielaborazione del SIA, conformemente a quanto previsto dalla normativa vigente (DPCM 27/12/1988 e successive modificazioni).

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 5 Transpadano Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico a) Rete TEN-T europea asse prioritario n 6 Lione - Lubiana

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

IMPIANTO EOLICO DI MONTE MESA, COMUNE DI RIVOLI VERONESE (VR) Studio di Impatto Ambientale

IMPIANTO EOLICO DI MONTE MESA, COMUNE DI RIVOLI VERONESE (VR) Studio di Impatto Ambientale AGSM SPA - VERONA IMPIANTO EOLICO DI MONTE MESA, COMUNE DI RIVOLI VERONESE (VR) Studio di Impatto Ambientale RIASSUNTO NON TECNICO AI SENSI DEL PUNTO C DEL DPR 12 APRILE 1996 (Art. 9, c. 4, L.R. Veneto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli