Settembre 2004 rev.1.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settembre 2004 rev.1.0"

Transcript

1 Rischio idraulico Settembre 2004 rev.1.0 Sindar s.r.l. Corso Archinti, Lodi tel r.a fa

2 Linee operative generali INDICE 1. INTRODUZIONE CRITERI METODOLOGICI RETE IDROGRAFICA DATI STORICI E ANALISI DELLE CRITICITÀ DATI STORICI CRITICITÀ A SCALA INTERCOMUNALE ZONE AD ELEVATA CRITICITÀ PIENE DEL F. LAMBRO MODELLO DI INTERVENTO PROCEDURE DI INTERVENTO PREALLARME ALLARME EMERGENZA SUGGERIMENTI PER LA PIANIFICAZIONE COMUNALE ALLEGATI Allegato 1a: scheda operativa rischio idraulico (allagamenti per tracimazione di canali e occlusione fognature) Allegato 1b: scheda operativa rischio idraulico (esondazione del Fiume Lambro e dei corsi d acqua principali) Allegato 2: livelli idrometrici piena del F. Lambro ottobre dicembre 2002 APPENDICE NORMATIVA D.G.R n.vii/7868: Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni alla polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall art. 3 comma 114 della l.r.1/2000 Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica D.G.R n.vii/13950: "Modifica della DGR , n.vii/7868 Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni alla polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall art. 3 comma 114 della l.r.1/2000 Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica. Variante al Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico, approvata con DPCM del 24 maggio 2001 Fasce Fluviali del Fiume Lambro nel tratto dal Lago di Pusiano alla confluenza con il Deviatore Redefossi.

3 1. INTRODUZIONE Il Piano stralcio rischio idraulico si inquadra nel più ampio contesto della pianificazione di emergenza intercomunale, relativa ai comuni di Carpiano, Cerro al Lambro, Colturano, Dresano, Mediglia, Melegnano, Pantigliate, Paullo, Peschiera Borromeo, San Donato Milanese, San Giuliano Milanese, Settala, Tribiano e Vizzolo Predabissi. Unitamente agli altri Piani stralcio e alle Linee Guida Generali, va a costituire il Piano di Emergenza Intercomunale. L obiettivo principale del Piano stralcio è la caratterizzazione del rischio idraulico sul territorio intercomunale, al fine di individuare le principali criticità, rispetto alle quali definire l insieme di attivazioni e procedure necessarie per contrastare i possibili episodi di allagamento. Come si può evincere dal 1 Programma Regionale di Previsione e Prevenzione di Protezione Civile predisposto dalla Regione Lombardia e dai più recenti Programma di Previsione e Prevenzione dei Rischi e Piano di Emergenza di Protezione Civile della Provincia di Milano, il rischio idraulico assume particolare rilevanza per il territorio in questione sia sotto il profilo della intensità dei fenomeni, che della loro ricorrenza. Addirittura le serie storiche relative ai fiumi Lambro e Olona, mostrano che negli ultimi decenni, l intervallo cronologico tra un evento calamitoso ed il successivo è di soli 2 3 anni. I nodi critici legati ai fenomeni di esondazione e di dissesto idrogeologico, come emergono dagli strumenti di pianificazione regionale e di bacino idrografico da parte dell Autorità di Bacino del Po, sono legati a gravi insufficienze idrauliche del reticolo scolante di pianura, ove risultano a rischio aree densamente urbanizzate. La pianificazione dell emergenza tiene conto della normativa in materia di Polizia idraulica e della ripartizione delle competenze tecniche ed amministrative tra i vari Enti (AIPO, Regione, Consorzi di Bonifica, Comuni). A questo proposito si rimanda ai disposti dei seguenti atti emanati dalla Regione Lombardia (cfr. Appendice normativa): Deliberazione Giunta Regionale 25 gennaio 2002 n. VII/7868: Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni alla polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall art. 3 comma 114 della l.r.1/2000 Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica Deliberazione Giunta Regionale 1 agosto 2003 n. VII/13950: "Modifica della DGR 25 gennaio 2002, n. VII/7868 Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni alla polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall art. 3 comma 114 della l.r.1/2000 Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica. Oltre alla pianificazione e realizzazione degli interventi strutturali da parte dell Autorità di Bacino del Fiume Po e della Regione Lombardia, sono stati promossi interventi non strutturali di difesa del suolo, intesi soprattutto come regolamentazione dell uso del suolo nelle aree a rischio idraulico e geologico. Tra i provvedimenti più importanti vanno ricordati: il Piano Stralcio fasce fluviali del fiume Po (PSFF), approvato con DPCM del 24 luglio 1998; Versione 1.0 settembre 2004 pag. 1

4 il Piano Stralcio per la difesa idrogeologica e della rete idrografica nel Bacino del fiume Po (PAI), adottato dall Autorità di Bacino con Deliberazione del Comitato Istituzionale n.1/99 del 11 maggio la Variante al Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico, approvata con DPCM del 24 maggio 2001 Fasce Fluviali del Fiume Lambro nel tratto dal Lago di Pusiano alla confluenza con il Deviatore Redefossi. Relazione rivista e integrata sulla base delle osservazioni presentate ai sensi dell art. 18 della Legge 183/89 e risultanti dalla fase di consultazione art. 1-bis della Legge 365/2000 (cfr. Appendice normativa). Per quanto riguarda l analisi storica, sono stati analizzati i database del Progetto AVI del Gruppo Nazionale Difesa Catastrofi Idrogeologiche (GNDCI) del C.N.R. e altro materiale prodotto dalla Autorità di Bacino del Fiume Po, dalla Regione Lombardia e dalla Provincia di Milano. Il Piano è costituito da una prima parte finalizzata alla conoscenza del territorio intercomunale, nonché alla identificazione ed alla quantificazione del rischio idraulico e da una seconda parte, incentrata sul cosiddetto modello di intervento e sulle procedure di gestione delle emergenze. Il Piano di Emergenza per il rischio idraulico è da considerarsi un documento vivo, in quanto dovrà saper cogliere l evoluzione dei fenomeni in termini di pericolosità e localizzazione, in stretta relazione con le azioni antropiche, che possono comportare un incremento del rischio (ex. urbanizzazione di aree esondabili) oppure la sua riduzione (ex. realizzazione di opere di difesa idraulica). Malauguratamente in questa fase non sono stati forniti dati puntuali da parte dei Comuni, circa le criticità presenti nei rispettivi territori comunali e di conseguenza l analisi degli scenari di dettaglio e delle attivazioni conseguenti, hanno dovuto essere rinviati in sede di pianificazione comunale. Similmente a quanto fatto dal Piano di Emergenza Provinciale, non sono state prese in esame le emergenze derivanti da nubifragi o rovesci piovosi, il cui apporto idrico non è adeguatamente smaltito dalle reti fognarie, in quanto si tratta in genere di eventi locali che vanno affrontati nella pianificazione comunale. Quale evento di riferimento si è scelto di assumere la crisi idrogeologica del novembre 2002, durante la quale l intero territorio intercomunale fu messo a dura prova da livelli idrometrici particolarmente elevati e prolungati nel tempo. La scelta è altresì motivata dal fatto che negli ultimi decenni il territorio è mutato profondamente e quindi prendere a paragone episodi di allagamento risalenti agli anni 60 e 70 non é corretto, in quanto molto spesso non sussistono più le condizioni morfologiche e idrauliche di allora. Infatti nel frattempo sono state realizzate numerose opere per la protezione idraulica del territorio (ex. deviatore Redefossi), mentre di contro l aumentata pressione antropica sul territorio ha accentuato alcune criticità preesistenti. In particolare la maggiore impermeabilizzazione dei suoli ha incrementato le portate di deflusso superficiale, in concomitanza di eventi piovosi intensi, accentuando la frequenza degli allagamenti. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 2

5 2. CRITERI METODOLOGICI 2.1 Definizione del Rischio idraulico Si definisce Rischio Idraulico il complesso delle interazioni critiche che si verificano tra i fenomeni di tipo esondativo ed alluvionale, connessi con le naturali dinamiche proprie di un corso d'acqua e l ambito territoriale adiacente al corso d acqua stesso. Un interessante definizione di rischio è stata proposta da Varnes (1984) in cui si afferma: le aree potenzialmente interessate da fenomeni di inondazione, che potrebbero arrecare danno alle persone e ai beni, costituiscono le aree vulnerabili per inondazione. In altri termini il rischio può essere definito mediante R T = H x D = H x (E x V) in cui T = tempo di ritorno: tempo medio che intercorre tra due fenomeni di identiche caratteristiche H = pericolosità naturale: la probabilità che si manifesti, in un periodo di t anni, almeno un evento calamitoso. È strettamente connessa al periodo di ritorno T, attraverso la relazione: Ht = 1 - (1-1/T)t D = danno totale: sommatoria dei danni subiti dai singoli elementi interessati dal fenomeno E = esposizione: l insieme degli elementi presenti nelle aree a rischio: essa può esprimere il numero di persone che risiedono in un area inondabile o l ammontare del valore economico del beni presenti nell area stessa (infrastrutture di pubblico interesse, insediamenti produttivi, abitazioni, ecc.); V = vulnerabilità: esprime la suscettibilità dell elemento a rischio a subire danni per effetto del fenomeno (evento di piena) e più precisamente indica la percentuale dell elemento a rischio che viene danneggiata. V è compreso tra 0 (nessun danno) ed 1 (distruzione, perdita totale) ed è adimensionale. Per un determinato elemento a rischio possono competere, in funzione delle caratteristiche dell evento, valori diversi sia di E che di V La definizione dei parametri dell'equazione del rischio risulta complessa, sia perché gli elementi che definiscono la risposta territoriale all'evento (esposizione, vulnerabilità e danno) sono funzione anche di condizioni socio-politiche che ne determinano valutazioni differenti in periodi storici diversi, sia perché le informazioni a disposizione caratterizzanti gli eventi alluvionali (misure di portata, livelli idrici, piovosità ecc.) spesso non sono disponibili, comportando l'impossibilità di individuare i parametri statistici (probabilità e tempi di ritorno) legati alle ricorrenze degli eventi. 2.2 Fasce fluviali Allo scopo di garantire l omogeneizzazione dei risultati, l'autorità di Bacino del Fiume Po, nel proprio Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico, ha individuato aree che, identificando porzioni di territorio interessati da eventi con tempi di ritorno sempre maggiori, presentano differente grado di pericolosità. Le fasce fluviali sono state tracciate in funzione dei diversi elementi dell alveo che ne determinano la connotazione fisica: caratteristiche geomorfologiche, dinamica evolutiva, opere idrauliche, caratteristiche naturali ed ambientali. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 3

6 Pertanto il territorio è stato suddiviso in fasce secondo la seguente articolazione (cfr. Fig. 1): Fascia di deflusso della piena (Fascia A): è costituita dalla porzione di alveo che è sede prevalente, per la piena di riferimento, del deflusso della corrente, ovvero che è costituita dall'insieme delle forme fluviali riattivabili durante gli stati di piena. Per i corsi d'acqua principali la piena di riferimento ha portata non inferiore all'80% di quella con tempo di ritorno (TR) di 200 anni; Fascia di esondazione (Fascia B): esterna alla precedente, è costituita dalla porzione di alveo interessata da inondazione al verificarsi dell'evento di piena di riferimento. Il limite della fascia si estende fino al punto in cui le quote naturali del terreno sono superiori al livelli idrici corrispondenti alla piena di riferimento ovvero sino alle opere idrauliche di controllo delle inondazioni, dimensionate per la stessa portata. Per i corsi d'acqua principali si assume come riferimento la piena con TR=200 anni; Area di inondazione per piena catastrofica (Fascia C): è costituita dalla porzione di territorio esterna alla precedente, che può essere interessata da inondazione al verificarsi di eventi di piena più gravosi di quelli di riferimento. Per i corsi d'acqua principali si assume come riferimento la piena con TR=500 anni. Figura 1 Criteri di delimitazione delle fasce fluviali Versione 1.0 settembre 2004 pag. 4

7 3. RETE IDROGRAFICA Il territorio afferente all'area metropolitana di Milano è caratterizzato da un reticolo idrografico complesso e articolato. I numerosi corsi d'acqua naturali che gravitano a nord di Milano scorrono con direzione nord - sud e risultano interconnessi tramite una fitta rete di canali artificiali, realizzati sia a fini irrigui, sia per il drenaggio delle acque meteoriche. Nell areale del COM 20 la rete idrografica principale è costituita unicamente dal fiume Lambro, mentre la rete idrografica minore è pressoché totalmente canalizzata. FIUME LAMBRO Il fiume Lambro ha un bacino idrografico di km 2 e una lunghezza dell asta principale di circa 130 km. Nasce presso Pian del Rancio, nel Comune di Magreglio (CO), alla quota di 950 m s.l.m.. Sotto il profilo idraulico, il fiume Lambro può essere distinto in quattro tratti a differente comportamento: il tratto prelacuale, a monte del lago di Pusiano (estensione >5 Km 2, con svolgimento di effetto laminazione piene), in cui il corso d acqua presenta carattere torrentizio (non sono presenti ghiacciai nel bacino di alimentazione) alveo incassato, forti pendenze e scarso livello di urbanizzazione (ca. 10% del bacino considerato); in tale porzione di bacino può anche essere incluso il bacino afferente al lago di Alserio; il tratto compreso tra il lago di Pusiano e Villasanta (Lambro naturale), in cui il fiume scorre prevalentemente in un alveo abbastanza incassato, salvo alcune zone in cui si verificano aree di allagamento in terreni naturali (Molteno, Lambrugo, Nibionno, Inverigo, Veduggio, Briosco, Lesmo, Parco di Monza e Cascinazza, Parco Lambro); in tale tratto il livello di urbanizzazione è basso (ca. 30%); il tratto compreso tra Villasanta e la confluenza con il deviatore Redefossi a S. Donato Milanese (Lambro urbano), in cui il fiume attraversa territori pianeggianti, fortemente antropizzati e urbanizzati (ca. 50%), in cui sono presenti lunghi tratti canalizzati, vincolati da numerosi ponti ed attraversamenti; in questo tratto vengono raccolti i contributi idrici degli scaricatori delle reti fognarie comunali (Monza, Sesto San Giovanni e Milano) e consortili (collettori ALSI S.p.A.); il tratto a valle del Deviatore Redefossi e sino alla confluenza nel Fiume Po (Lambro irriguo), in cui il corso d acqua attraversa territori subpianeggianti, sui quali insiste un complesso reticolo irriguo. La minore urbanizzazione permette di osservare la presenza di paleoalvei, che testimoniano un andamento storico più sinuoso di quello attuale. Il corso del Lambro, con insediamenti industriali e abitati in adiacenza all alveo, presenta sezioni ristrette ed inadeguate, che provocano allagamenti in numerosi comuni ed alla periferia di Milano. Il settore compreso tra il lago di Pusiano e la confluenza con il Deviatore Redefossi è stato recentemente oggetto di una Variante al PAI, approvata con DPCM del 24 maggio 2001 e resa necessaria ai sensi delle Leggi 267/1998 e 365/2000, denominate rispettivamente Legge Sarno e Legge Soverato dalle località rese tristemente famose dagli eventi alluvionali che le hanno colpite. Il tratto di Lambro preso in esame nel presente piano è quello compreso tra l abitato di Ponte Lambro a monte e il confine tra i Comuni di Cerro al Lambro e S. Zenone al Lambro a valle. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 5

8 CAVO REDEFOSSI Il Cavo Redefossi ha origine nel territorio di Milano, al Ponte delle Gabelle nei pressi di Porta Nuova, dove raccoglie le acque del Seveso e del Naviglio della Martesana 1. Scorre sotto i viali della Cerchia Orientale dei Bastioni fino a Porta Romana, dove devia lungo Corso Lodi, via Cassinis e via Rogoredo. Originariamente il Redefossi usciva dal tratto tombinato nei pressi del confine comunale di Milano, sbucando a cielo aperto, con un alveo a sezione trapezia, per poi snodarsi a fianco della via Emilia, sino ad immettersi nel Lambro Settentrionale poco a monte di Melegnano, dopo la confluenza con la Roggia Vettabbia. Attualmente il canale è stato tombinato nell attraversamento di S. Donato Milanese e per buona parte anche a S. Giuliano Milanese. Il tratto di cavo Redefossi da piazza Medaglie d Oro in Milano fino al Lambro venne scavato tra il 1783 e il 1786 per rimediare alle frequenti esondazioni che interessavano le zone di Porta Vittoria, Porta Romana e Porta Ludovica. Nel 1967 furono realizzati i primi interventi per difendere S. Donato Milanese e S. Giuliano Milanese dalle esondazioni del cavo Redefossi, al quale fluivano contemporaneamente le piene del Naviglio della Martesana, dei torrenti Trobbia e Seveso e di parte della rete fognaria milanese, togliendo al Redefossi le piene dei Martesana e Trobbia, che furono immesse nel Lambro Settentrionale a Cascina Lambro, mediante un manufatto di sbarramento munito di paratoie elettromeccaniche. Nel 1976 gli inconvenienti di ordine idraulico furono decisamente affrontati quando il Comune di Milano, per conto dell Amministrazione Statale, realizzò il canale deviatore che, a S. Donato, raccoglie le piene del cavo Redefossi per immetterle nel Lambro Settentrionale a valle della traversa di Carpianello, dopo aver aggirato l abitato di S. Giuliano sul lato settentrionale. Il deviatore ha una lunghezza complessiva di 3 km. Successivamente il Comune di Milano ha realizzato ulteriori interventi volti ad alleggerire il carico idraulico sul cavo Redefossi, quali lo scolmatore di viale Forlanini e lo scaricatore di Nosedo al Lambro Meridionale. Dai dati di dimensionamento adottati nelle progettazioni del passato, il tratto tombinato del cavo Redefossi in Comune di S. Donato Milanese è dimensionato per una portata massima di 140 m 3 /s, che viene ridotta a seguito della presenza del deviatore al Lambro. Quest ultimo riversa in Lambro 65 m 3 /s, mentre nel cavo Redefossi scorrono i restanti 75 m 3 /s. Tuttavia si tratta di una portata ancora eccessiva per il tratto a valle 2, anche in considerazione del fatto che il tempo di corrivazione del bacino sotteso dal cavo Redefossi a S. Giuliano è molto breve (il tempo di preallarme rispetto alla sezione di uscita da Milano è inferiore a 30 minuti). Pertanto, a seguito di uno specifico Accordo di Programma, stipulato tra Regione Lombardia, Magistrato per il Po e Comune di S. Giuliano M.se tra il 1995 e il 1997, è stato redatto un progetto che prevede la ripartizione delle portate massime tra cavo e deviatore in ragione di 40 m 3 /s per il primo e 100 m 3 /s per il secondo. Attualmente sono in corso lavori di sistemazione del cavo Redefossi nel tratto compreso tra S. Giuliano Milanese e Melegnano, con rifacimento di parte della rete fognaria interferente con il corso d acqua. 1 Probabilmente in origine aveva la funzione di scolmatore delle piene del Seveso e della Martesana. 2 La portata massima compatibile con il cavo è di circa m 3 /s a causa della ridotta pendenza e della presenza di attraversamenti sottodimensionati Versione 1.0 settembre 2004 pag. 6

9 ROGGIA VETTABBIA La Roggia Vettabbia scorre nel paleoalveo del T. Seveso a valle di Milano e presenta complessità del reticolo idrografico, legate allo sfruttamento idraulico ed irriguo realizzato nel corso degli ultimi secoli. Il colatore, di origine romana 3, raccoglieva le acque di scolo della Città di Milano (Fig. 2) e a partire dal XII secolo fu oggetto di interventi idraulici, promossi dai monaci Benedettini e Cistercensi, finalizzati a sfruttarne le acque ad uso irriguo e quale forza motrice. Figura 2 - ricostruzione idrografica dell area milanese a partire dall epoca romana. Ing. Felice Poggi (1911). In particolare vennero rintracciate ed utilizzate le abbondanti acque dei fontanili, che garantivano elevata qualità e temperatura costante nelle varie stagioni. La Roggia Vettabbia confluisce nel Cavo Redefossi alla periferia nord di Melegnano, poco prima della confluenza del Redefossi nel T. Lambro. Le problematiche della Roggia Vettabbia derivano dall aver svolto, per decenni, la funzione di collettore fognario di sud-est di Milano e solo con il funzionamento a pieno regime del depuratore di Nosedo, si auspica possa essere recuperato un equilibrio quali-quantitativo delle sue acque. Tra i colatori derivati dalla Vettabbia, possono essere ricordati il Cavo Marocco e il Cavo Annoni, entrambi in destra idraulica. La Roggia Vettabbia è gestita dal Consorzio Est Ticino Villoresi. 3 Canale di origine antica, già esistente in epoca romana, il cui nome viene fatto derivare dal latino vectare (trasportare), ad indicare che originariamente esso era adibito al trasporto di persone e merci, mentre in epoca successiva venne sfruttato principalmente a scopi irrigui. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 7

10 CANALE MUZZA È uno dei canali più grandi e più antichi della Lombardia e fu realizzato tra il 1220 e il 1257, ereditando il nome di un antica opera irrigua preesistente, risalente alla gens romana Mucia. Venne derivato dal fiume Adda a Cassano, utilizzando per il primo tratto il corso naturale dell Addetta e quindi, da Paullo verso Sud, scavando un corso completamente nuovo, del tutto artificiale, attraverso il Lodigiano. La rete irrigua è così strutturata: il Canale Muzza vero e proprio (Km. 40), 36 derivatori primari (Km. 272,2), rogge o cavi secondari per un totale di Km. 1650, rogge o cavi poderali per un totale di Km ed infine vari colatori (Km. 235,42). Il complesso sistema permette la capillare irrigazione del terrazzo compreso tra il F. Adda e il F. Lambro (estensione del comprensorio irriguo: ha). Il Canale Muzza, durante il suo percorso riceve le acque del colatore Pizzavacca a Trucazzano e del torrente Molgora a Comazzo, i quali durante le piene incrementano sensibilmente la portata del canale: tali eccedenze vengono scaricate nel colatore Addetta e quindi nel Lambro. Lungo l'asta del canale esistono tre edifici di custodia: uno a Cassano d'adda, presso la diga di S. Bernardino, con competenza sino a Paullo; il secondo alle cosiddette "porte di Paullo", dove un dipendente del Consorzio Muzza è addetto alla manovra di scarico delle acque eccedenti nel colatore Addetta; il terzo a Muzza S. Angelo. Dal il canale Muzza è gestito dal Consorzio di Bonifica Muzza - Bassa Lodigiana (sede a Lodi, in via Nino Dall Oro, 4; ), costituito in applicazione alla Legge Regionale n 59, riguardante il riordino dei Consorzi di Bonifica. Lo statuto del Consorzio è stato approvato con DGR V/50034 del 28/03/1994. Per l elenco dei corsi d acqua di competenza del Consorzio di Bonifica Muzza Bassa Lodigiana, si rimanda alla visione dell Allegato D della citata DGR 25 gennaio 2002 n VII/7868 (Allegato n 1 pagg ) CANALE ADDETTA Il Canale Addetta ha origine a Paullo dal Canale Muzza e sfocia nel Fiume Lambro a monte di Melegnano. Il canale ripercorre un tracciato minore del F. Adda, che in epoca romana, nei pressi di Cassano D Adda, divideva il suo tronco terminale in due rami, uno diretto nel Po e l altro verso il F. Lambro. Pur svolgendo da secoli al funzione di canale, ha mantenuto le caratteristiche di un piccolo corso d acqua naturale di pianura, con frequenti buche e raschi. La sua larghezza media è di circa 15 m, mentre la sua profondità varia tra i 50 cm e i 2.00 m, anche se in certi punti si possono trovare buche profonde sino a m. Il fondale è composto prevalentemente da ghiaia, con notevole presenza di erbe ed ostacoli sommersi. L immissione delle acque nel canale avviene tramite al regolazione degli impianti di Paullo, da parte del personale del Consorzio del Canale Muzza. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 8

11 CORSI D ACQUA MINORI Oltre alla presenza nel territorio del Comune di Peschiera Borromeo della porzione meridionale dell Idroscalo di Milano (cfr. Tav. 1), meritano di essere ricordati i seguenti corsi d acqua minori: DESTRA F. LAMBRO il Cavo Marocco, il Cavo Annoni e le Rogge Carpana e Viscontea (Comuni di S. Giuliano Milanese, Cerro al Lambro e Melegnano) la Roggia della Misericordia (Comuni di S. Donato Milanese e S. Giuliano Milanese) la Roggia Grassa (Comune di Carpiano) SINISTRA F. LAMBRO le Rogge Lirone (emissario Idroscalo), Responsale e Molina (Comune di Peschiera Borromeo) le Rogge del Torchio e Cattanea (Comune di Settala); le Rogge Roveda e Bergamasca (Comune di Pantigliate); le Rogge Muzzetta, Codogna e Luterana (Comune di Paullo); le Rogge Colturano e Riola (Comuni di Mediglia e Colturano); il Cavo Borromeo e la Roggia Crosina (Comune di Mediglia); le Rogge Dresana e Maiocca (Comuni di Tribiano, Dresano e Vizzolo Predabissi). Versione 1.0 settembre 2004 pag. 9

12 4. DATI STORICI E ANALISI DELLE CRITICITÀ 4.1 Dati storici Dalla ricerca bibliografica sono emerse numerose informazioni storiche su eventi alluvionali avvenuti nei secoli scorsi. Ad esempio si può ricordare la disastrosa alluvione del 1250 da parte del Fiume Lambro, con coinvolgimento dei territori comunali di Melegnano e Vizzolo Predabissi. Tuttavia, come ricordato all inizio del presente piano, si è scelto di tralasciare gli eventi lontani nel tempo, in quanto il territorio, in particolare dagli anni 60 ad oggi, è notevolmente mutato. Il Programma Provinciale di Previsione e Prevenzione dei Rischi della Provincia di Milano (febbraio 2003), sulla base di una ricerca fatta sul catalogo AVI (Aree Vulnerate Italiane) nel periodo , riporta per l area del COM 20 il seguente numero di eventi alluvionali: eventi: S. Donato M.se e S. Giuliano M.se 4 7 eventi: Melegnano 1 3 eventi: Peschiera Borromeo, Mediglia, Colturano, Tribiano 0 eventi: Settala, Pantigliate, Paullo, Dresano, Vizzolo Predabissi, Carpiano e Cerro al Lambro In questa sede è stata compiuta una verifica dei dati, compiendo estrazioni dati dal medesimo catalogo, spostando ovviamente l attenzione dall intero territorio provinciale, a quello intercomunale del COM 20. Ciò ha consentito di ottenere una ricostruzione del dato storico meglio calata sul territorio in questione. I dati acquisiti sono riportati in ordine cronologico in tabella 1 e, per quanto la gravità degli eventi sia espressa in modo qualitativo, sono state riportate alcune informazioni accessorie, che aiutano a ricostruire l accaduto (es. altezza tirante idrico). I corsi d acqua responsabili della maggior parte degli eventi di piena sono risultati il F. Lambro e il Canale Redefossi, con alcuni eventi attribuiti al colatore Addetta e alla Roggia Vettabbia. Tuttavia è molto probabile che in concomitanza di eventi di piena da parte del corso d acqua principale (Lambro o Redefossi), siano avvenuti allagamenti anche sui corsi d acqua minori, che in genere trovano poco spazio sulla cronaca giornalistica, che rappresenta la fonte impiegata nella costruzione del Catalogo AVI. Dal momento che il Catalogo AVI si spinge sino al 2000, non compaiono notizie relativamente all importante e recente evento di piena del novembre Versione 1.0 settembre 2004 pag. 10

13 data località Corso d acqua esondato Beni interessati gravità note 17/10/1863 S. Giuliano M.se - Cascina Gamba Canale Redefossi Insediamenti; Infrastrutture 13/9/1880 Comune di Milano Lambro e C.le Redefossi Insediamenti; Infrastrutture 10/9/1888 Comune di Milano Lambro Insediamenti; Infrastrutture 15/11/1934 Comune di Milano Lambro Abitato Grave 1936 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi? 29/10/1945 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi? 1947 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi? 26/09/1947 Milano Rogoredo, S. Donato M.se Lambro e C.le Redefossi Abitati Grave 1951 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi? 27/06/1958 Certosa di S. Donato Canale Redefossi Case Sparse;Agricolo Grave 24/06/1959 Certosa di S. Donato Canale Redefossi Abitato; Strade(Lieve) Grave 28/10/1959 S. Donato M.se Canale Redefossi Abitato;Agricolo Grave 29/10/1959 Milano Rogoredo - S. Donato Canale Redefossi Abitato; Infrastrutture; Reti; SS; Servizi Pubblici Grave 09/08/1963 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi Abitato; Case Sparse Grave 26/06/1965 Borgolombardo, S. Giuliano M.se Canale Redefossi Abitato; Manifattura Lieve 16/04/1966 S.Donato, S.Giuliano, Borgolombardo Canale Redefossi Abitato Grave cm livello acqua 27/10/1966 Comune di Milano e Borgolombardo Canale Redefossi Abitato Lieve 04/11/1966 S. Giuliano M.se, Borgolombardo Canale Redefossi Abitato; Seminativi Grave 20/08/1967 S. Giuliano M.se, Borgolombardo Canale Redefossi Abitato; Seminativi Lieve Acqua raggiunse 50 cm 24/02/1968 Milano Via Lucio Cornelio Silla Canale Redefossi Abitato Lieve 02/08/1968 S. Giuliano M.se, Borgolombardo Canale Redefossi Abitato Grave 29/08/1968 1,5 m acqua a S. Donato S. Donato M.se, S. Giuliano M.se, Canale Redefossi Abitato; SS Grave e 60 cm a S. Giuliano e Borgolombardo Borgolombardo 10/09/1969 S. Donato M.se, Certosa di S.Donato, S. Giuliano M.se, Borgolombardo Canale Redefossi Abitato; Seminativi Lieve 19/09/1972 S. Donato M.se Canale Redefossi? 14/07/1973 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi Abitato Lieve 06/05/1975 S. Donato M.se, Certosa di San Abitato; Gasdotto; SP; SC; Canale Redefossi Donato, Borgolombardo, S. Giuliano Chiese Grave Evacuatii 11/08/1976 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi Abitato; Seminativi Grave 13/09/1976 S. Donato M.se, Certosa di S. Donato Abitato; Scuole; Servizi Canale Redefossi M.se, Borgolombardo, S. Giuliano M. Pubblici Grave 13/09/1976 S. Giuliano M.se Canale Redefossi Abitato; Scuole; Servizi Pubblici Grave Certosa di S. Donato, Abitato; Scuola; SC; Servizi 29/09/1976 Borgolombardo, S. Donato M.se, S. Canale Redefossi pubblici; Manifatture; Grave Giuliano M.se Inquinamento battereologico 1976 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi Insediamenti; Infrastrutture 1976 Comune di Mediglia e Melegnano Lambro Insediamenti; Infrastrutture 01/10/1976 Milano - Feltre e Idroscalo Lambro Insediamenti; Infrastrutture 01/10/1976 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi Insediamenti; Infrastrutture Certosa di S. Donato, 30/10/1976 Borgolombardo, S. Donato M.se, Canale Redefossi Abitato;SP;SS;Elettrodotto Grave Comune di S. Giuliano M.se 1976 Comune di Colturano Addetta Insediamenti; Infrastrutture 26/02/1978 Comune di Mediglia Lambro Insediamenti; Infrastrutture Acqua raggiunse 1m a S. Giuliano 80 cm acqua a Certosa e Borgolombardo, 1 m a S. Donato 26/02/1978 Comuni di Colturano, Paullo e Tribiano Addetta Insediamenti; Infrastrutture 26/02/1978 Comune S. Donato Milanese Canale Redefossi Insediamenti; Infrastrutture 04/05/1984 Comuni di Milano, Melegnano e Peschiera Borromeo Lambro Abitato;Seminativi Grave 04/05/1984 S. Donato M.se, S. Giuliano M.se Canale Redefossi Abitato;Seminativi Grave 27/05/1984 Milano - Via Taverna e Viale dell'aviazione Lambro Rete Telecomunicazioni Grave 28/04/1986 Peschiera Borromeo - Linate Lambro Seminativi 11/07/1992 Milano - Rogoredo Canale Redefossi Ospedale;Ferrovia; Strade, Manifattura, Seminativi Grave 27/08/1993 Comune di Milano Lambro Seminativi;abitato Grave 23/09/1993 Abitato;Depositi; Ponti Lieve- Comuni di Milano, Peschiera Vari corsi d acqua Elettrodotto;Strade; Borromeo, Mediglia e Melegnano Reti;Ospedali Grave Vittime 2 23/09/1993 S. Donato M.se Canale Redefossi Abitato;Depositi; Ponti Lieve- Elettrodotto;Strade; Reti; ecc. Grave 25/09/1993 Comune di Milano Lambro Acquedotti;Reti;Abitato; Strade;Chiese; Ecc Grave 06/11/1994 Comune di Melegnano Lambro Abitato; Reti; Infrastrutture; Oleodotti; Ecc. M.Grave Evacuati 16/10/1996 Milano - Ponte Lambro (Via Vittorini e Via Camaldoli) Lambro Abitato; Infrastrutture Lieve 06/11/2000 Milano Roggia Vettabbia Abitato Grave Tabella 1 - estrazione dal Catalogo AVI GNDCI (CNR) per il territorio del COM 20 Versione 1.0 settembre 2004 pag. 11

14 4.2 Criticità a scala intercomunale Dallo studio del Nodo critico MI01 predisposto dall Autorità di Bacino (Fig. 3), sono state acquisite le valutazioni relative al tratto di Fiume Lambro tra Villasanta (Monza) e Linate; per distinguerle dal resto del testo sono state riportate in colore blu. Figura 3 frontespizio dello studio dell Autorità di Bacino del Fiume Po sul nodo critico MI01 Assetto attuale del sistema difensivo Nel tratto tra Villasanta e Linate si riscontrano a carattere diffuso opere di difesa spondale, arginature e opere di stabilizzazione del fondo alveo. Nel tratto tra Linate e la confluenza Po le difese spondali e arginali sono localizzate puntualmente in corrispondenza di attraversamenti ed edifici adiacenti al corso d'acqua; vi sono inoltre sporadiche opere di stabilizzazione del fondo. Lungo tutto il corso d'acqua si riscontrano numerose infrastrutture di attraversamento stradale e ferroviario, con caratteristiche idrauliche inadeguate, in molti casi determinate da quote insufficienti dell'intradosso dell'impalcato, a cui spesso vanno aggiunti gli effetti prodotti dalla scarsa manutenzione. Le condizioni di criticità dell'intero sistema idrografico relativo all'area metropolitana di Milano sono connesse alla ridotta capacità di deflusso degli alvei e all'insufficiente disponibilità lungo la rete di aree di esondazione e di laminazione dei deflussi di piena. I fenomeni sono da ricondurre al notevole sviluppo urbano dell'intera area che, a causa dell impermeabilizzazione delle superfici, ha notevolmente incrementato gli apporti idrici ed inoltre ha sensibilmente ridotto le dimensioni degli alvei e la relativa capacità di deflusso. Il sistema è inoltre fortemente artificializzato, con numerosi tratti dei corsi d'acqua tombinati, ed interconnesso; ha di conseguenza modalità di funzionamento complesse e particolarmente vulnerabili. Il sistema entra in condizioni critiche di funzionamento, variamente localizzate sulla rete idrografica a seconda della distribuzione territoriale delle piogge, già per eventi di modesta intensità, commisurabili a tempi di ritorno di pochi anni, e dà luogo a episodi di allagamento che interessano le aree urbanizzate. Per l'asta del Lambro le criticità più rilevanti sono riassumibili nei seguenti aspetti: l'instabilità morfologica plano-altimetrica dell'alveo, in relazione ai fenomeni di erosione spondale e di fondo alveo, che si manifestano a danno delle opere di difesa e delle infrastrutture di attraversamento; l'elevato grado di artificializzazione dell'alveo fino a Milano e la ridotta capacità di laminazione; la riduzione della sezione disponibile per il deflusso delle piene, derivante sia dalla carenza di manutenzione ordinaria e straordinaria sull'alveo e sulle opere di difesa, sia dagli ostacoli costituiti dai numerosi ponti, in particolare nel tratto tra Merone e Linate; il sistema di contenimento dei livelli idrici frammentato e inadeguato. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 12

15 Da quanto sopra emerge come le modalità di deflusso comportino elevati rischi di inondazione, che riguardano sia gli abitati lungo il percorso, sia le numerose infrastrutture che attraversano l asta fluviale. Le piene del 2000 e 2002, per quanto diversificate nella dinamica di evoluzione e negli effetti locali, diedero entrambe luogo a tali effetti. Il tratto di Fiume Lambro compreso tra il ponte di viale Forlanini a Milano e la confluenza con il Deviatore Redefossi, presenta dal punto di vista della compatibilità idraulica due distinti comportamenti: nel tratto che si estende fino al ponte della ex SS 415 Paullese, l Autorità di Bacino ha riscontrato una portata compatibile con un TR di 10 anni; nella zona a valle del ponte ex SS 415, la portata compatibile, con interessamento di aree golenali esterne all alveo inciso (prive di insediamenti urbanizzati), risulta essere prossima alla portata con tempo di ritorno pari a 200 anni. Ciò significa che eccezion fatta per l estremo settore nord-occidentale del territorio intercomunale, in cui eventi di piena anche di media intensità possono comportare gravi ripercussioni sul territorio, la maggior parte dell areale definito COM 20 va in crisi solamente per eventi di piena del F. Lambro con caratteristiche di straordinarietà (TR 200 anni). In Tav. 1 - CARTA DELLA CRITICITÀ IDRAULICA si è inteso fornire una rappresentazione di insieme delle problematiche idrauliche sul territorio intercomunale, provvedendo a riportare la rete idrografica principale (F. Lambro, Canale Muzza, Idroscalo) e quella secondaria, unitamente alle Fasce PAI relative al F. Lambro. I rettangoli di colore marrone individuano le situazioni di maggiore criticità riscontrate lungo l asta principale del F. Lambro e che sono state esaminate nel dettaglio, mediante la realizzazione di cartografia a scala maggiore (il numero di riferimento è riportato nei rispettivi rettangoli). A scanso di possibili equivoci, si precisa che i poligoni in questione non esprimono una criticità su tutto il territorio su cui ricadono, ma indicano semplicemente i settori per i quali è stata realizzata la cartografia di dettaglio. Infatti le Tavv. 2.1, 2.2, 2.3 e 2.4 sono state realizzate alla scala 1: e quindi consentono di visualizzare con grande precisione gli insediamenti e le infrastrutture che ricadono all interno delle Fasce PAI. Più precisamente le tavole riguardano i seguenti areali: Tav. 2.1: confluenza Colatore Addetta e Cavo Redefossi; Tav. 2.2: a valle della confluenza con il Deviatore Redefossi; Tav. 2.3: tra il ponte della ex SS 415 Paullese e la confluenza con il Deviatore Redefossi; Tav. 2.4: tra Linate Ponte Lambro e il ponte sulla ex SS 415 Paullese. Nelle cartografie sono state riportate le ubicazioni delle strutture di assistenza e scolastiche (scuole, ospedali, ecc.), in quanto rappresentano elementi particolarmente sensibili e delle strutture di pronto intervento (municipi, caserme, sedi, ecc.), che a loro volta rappresentano edifici strategici per il Sistema locale di Protezione Civile. Con il simbolo punti di criticità si è inteso evidenziare alcune situazioni locali, che comportano problematiche per il deflusso delle correnti di piena ed nel caso in questione si collocano in corrispondenza di attraversamenti stradali sottodimensionati. Le cartografie sono state completate con l evidenziazione della rete dei trasporti: viabilità stradale, linee ferroviarie e strutture aeroportuali. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 13

16 4.3 Zone ad elevata criticità Di seguito vengono elencate, distinte per singolo comune, le zone ad elevata criticità in cui possono manifestarsi fenomeni esondativi e alluvionali. Si ricorda che, in assenza di dati puntuali forniti dai Comuni, tale valutazione è stata fatta sulla base delle Fasce PAI tracciate dall Autorità di Bacino del Fiume Po. Alcune situazioni puntuali possono essere facilmente verificate mediante le Tavole Comune di Peschiera Borromeo Un ampia fetta di territorio in sinistra Lambro (zone agricole) risulta perimetrato in Fascia A. Il centro abitato di Linate, buona parte del sedime aeroportuale, piste comprese e il settore sudoccidentale di Peschiera Borromeo ricadono all interno della Fascia C di esondazione per piena catastrofica. Il ponte stradale tra Linate e Ponte Lambro (via Vittorini) rappresenta un ostacolo al deflusso della corrente, in quanto l intradosso non dispone di franco rispetto alla piena T200 (-151 cm), andando in pressione e creando rigurgito a monte (Sez. LA70 AdBPo). Risulta inadeguato anche il vicino ponte di attraversamento di servizi (Sez. LA70.1 AdBPo). A valle della ex SS. 415 Paullese sono a rischio di allagamento il depuratore (Fascia C) e Cascina Brusada. Comune di San Donato Milanese Il settore a destinazione produttiva compreso tra la ex SS 415 Paullese e il F. Lambro ricade in Fascia C. Le porzioni settentrionale ed orientale di Bolgiano risultano classificate esondabili in fascia C, con presenza di un paio di aree limitrofe ricadenti in Fascia B. Un tratto di ex SS 415 è a rischio di allagamento. Il Canale Redefossi è esondato più volte in passato nel tratto di attraversamento urbano a fianco della via Emilia. Comune di San Giuliano Milanese La maggior parte dei terreni compresi tra la Roggia Viscontea (proveniente dal fontanile Bonaccina) e il F. Lambro risulta esondabile (Fascia B), con il coinvolgimento di alcune Cascine (Cassinetto, Cascina La Folia, ecc.). La periferia dell abitato di Zivido si colloca al limite della Fascia B. I terreni laterali alla Roggia nuova sono anch essi per buona parte ricadenti in Fascia B, sino alla confluenza nel Redefossi. Il ponte sulla S.P. 157 per Mediglia è a rischio di interruzione, per allagamento dei tratti di accesso sia in destra, che in sinistra idraulica. Il Canale Redefossi è esondato più volte in passato (in particolare prima della realizzazione del Deviatore Redefossi) nel tratto di attraversamento urbano a fianco della via Emilia. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 14

17 Comune di Melegnano Risulta a rischio di allagamento la fascia di confluenza tra la Roggia Vettabbia, il Cavo Redefossi e il F. Lambro, con il coinvolgimento del Molino della Valle e Cascina Cappuccina. In sponda sinistra Lambro è esondabile la fascia agricola ad ovest e a nord del cimitero. L area del complesso industriale ex Broggi Izar è stata classificata esondabile in Fascia C. Nel tratto di attraversamento urbano il F. Lambro trova ostacolo al deflusso delle piene in corrispondenza dei ponti sulla SS 9 via Emilia e sul ponte che collega via Frisi con via Dezza, entrambi a luce ridotta. Segnalate criticità in corrispondenza di via Cerca vecchia e via Baden Powell. Risultano infine esondabili un ampia zona circostante il campo sportivo (Fascia B), il depuratore comunale (Fascia A) e sulla sponda opposta la Cascina Bernardina (Fascia B). In caso di piena rilevante possono verificarsi problematiche sul rilevato ferroviario del ponte sulla linea Milano Bologna. Comune di Cerro al Lambro Nel settore settentrionale risulta esondabile (Fascia B) tutta la porzione di territorio compresa tra la S.P. 17 (centro abitato di Riozzo) e il rilevato dell Autostrada del Sole. Risultano esondabili esclusivamente aree agricole poste a nord-est e sud-est del centro abitato, a differenza del territorio del Comune di S. Zenone al Lambro (esterno al raggruppamento di cui al presente studio), dove piene con TR elevato possono interessare il Capoluogo. Comune di Mediglia Un ampia fetta di sponda sinistra F. Lambro ricade in Fascia B ed in caso di suo allagamento vengono coinvolte Cascina Caccialocchio, Cascina Resina e Cascina Maiocco. Segnalati problemi di erosione spondale sugli argini presenti in questo areale. Sul limite settentrionale del territorio, al confine con il Comune di Peschiera Borromeo, è a rischio di allagamento la Cascina Brusada (Fascia C) Comune di Colturano La criticità è rappresentata dalla confluenza del colatore Addetta nel F. Lambro, che in condizioni di piena rigurgita nel tratto iniziale dell Addetta, che si trova impossibilitata a smaltire le portate provenienti da monte, dando vita ad allagamenti su entrambe le sponde. Ampie aree agricole ad ovest del Capoluogo possono essere interessate dalle piene del F. Lambro, con coinvolgimento di Cascina Colombara. Comune di Vizzolo Predabissi I terreni su cui sorgono Cascina Bernarda e Cascina Bernardina sono a rischio di esondabilità, in quanto ricadenti in fascia B. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 15

18 In caso di piena rilevante possono verificarsi problematiche sul rilevato ferroviario del ponte sulla linea Milano Bologna. Il quartiere artigianale a sud-ovest della via Emilia si colloca proprio sul limite esterno della Fascia B (in questa zona non è stata tracciata una Fascia C più esterna). Comune di Settala Da fonte comunale risultano allagamenti localizzati, provocati da straripamento di corsi minori: - C.na Contino, C.na Calandrone, C.na Nuovo Calandrone, Via Baggi, Via Monte Grappa, Via Trento, Via Libertà, Via Trieste (Torchio Cattanea Peleratto); - Via Bellini, Via Mascagni,Via Colombo (roggia Gasparina); - Via della Ringraziata, Via Bettolino II, Via King(Muzzetta, Tombanazza); Comuni di Paullo e Tribiano Da segnalare un unica citazione da fonte storica (Catalogo AVI), relativamente ad un esondazione del Canale Addetta avvenuta il , con coinvolgimento di non meglio precisati insediamenti e infrastrutture. Da fonte comunale risultano critiche alcune aree, localizzate dal ponte del colatore Addetta nel comune di Tribiano sponda destra Via Monte Nero n.7, Via Monte Grappa e Via Ortigara sino al vecchio ponte della frazione Zoate, sponda sinistra verso Piazza Marconi e Via Verdi 1. Vengono segnalati la presenza di arginatura inadeguata con erosione spondale e eccessivo deposito di limo sull'alveo. Dalle fonti consultate ed in assenza di specifiche segnalazioni da parte dei Comuni interessati, non sono emerse criticità idrauliche relativamente ai Comuni di Carpiano, Dresano, Pantigliate.. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 16

19 5. PIENE DEL F. LAMBRO Nel Piano di Emergenza di Protezione Civile della Provincia di Milano è stata ipotizzata una strategia per la predizione di esondazioni lungo il Fiume Lambro, incentrata sulla definizione di livelli idrometrici di riferimento (preallarme, allarme e esondazione) e sui tempi di propagazione delle piene. Il lavoro ha fatto riferimento ad uno studio commissionato dalla Provincia di Milano risalente al 1986 ed ha preso in esame le stazioni idrometriche di Lambrugo (tratto di monte), Milano Via Feltre (tratto urbano) e S. Colombano al Lambro (tratto terminale). Figura 4 Dati caratteristici delle piene del F. Lambro. Piano di Emergenza di Protezione Civile della Provincia di Milano Confrontando tali valori con quanto riportato nel Piano stralcio di integrazione al PAI per il Fiume Lambro dall Autorità di Bacino, sono stati riscontrati scostamenti significativi circa i valori di portata, relativamente alla sezioni in prossimità delle stazioni di Lambrugo e di Milano - via Feltre. Infatti in Fig. 4 viene riportata come massima piena, quella del , durante la quale furono misurate portate al colmo di soli 42.9 m 3 /s a Lambrugo e di 53,7 m 3 /s a Milano - via Feltre. Nel contempo per una piena con tempo di ritorno di 100 anni venivano calcolate portate al colmo rispettivamente di 60.8 m 3 /s e di 530 m 3 /s. In realtà durante l evento di piena del novembre 2002 sono state misurate portate al colmo di circa 100 m 3 /s a Lambrugo e di 160 m 3 /s a Milano via Feltre. Tale evento 4, a motivo della sua importanza e delle sue caratteristiche, ha reso necessaria la revisione delle stime sulle piene. 4 In termini statistici le portate al colmo dell evento di novembre 2002 si collocano su tempi di ritorno di circa 200 anni, per quanto riguarda la parte naturale dell asta fluviale. Per i tratti vallivi l evento risulta associabile a tempi di ritorno minori seppur significativi. Tale fatto dipende dalle caratteristiche dell evento pluviometrico che si è manifestato in modo meno intenso sui bacini urbani. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 17

20 Il modello idrologico-idraulico dell asta fluviale, predisposto dall Autorità di Bacino del Fiume Po, ha permesso di determinare i valori di colmo delle portate di piena per assegnati tempi di ritorno (cfr. Fig. 5). Figura 5 F. Lambro: valori di portata al colmo in corrispondenza di diversi tempi di ritorno Variante PAI per il Fiume Lambro - Autorità di Bacino Fiume Po. Si possono osservare le significative variazioni nei valori calcolati alle sezioni di Lambrugo e Milano Via Feltre. D altra parte è evidente che lo studio del 1986, citato nel P.E.P., non disponeva delle informazioni e dei dati impiegati nello studio dell Autorità di Bacino. Versione 1.0 settembre 2004 pag. 18

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Lambro pulito, Lambro sicuro Contratto fiume Lambro settentrionale URBAN CENTER di Monza Milano, 7 marzo 2015 Ing. Gaetano LA MONTAGNA Responsabile

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO 1. GENERALITA La morfologia del territorio della provincia di Bologna, pianeggiante e a volte depressa, solcato da diversi corsi d acqua naturali o artificiali anche di

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Risorse telematiche di pianificazione Sito internet di Protezione civile per il monitoraggio

Risorse telematiche di pianificazione Sito internet di Protezione civile per il monitoraggio Corso di formazione per professionisti e tecnici per la redazione dei piani di emergenza Risorse telematiche di pianificazione Sito internet di Protezione civile per il monitoraggio Ing. Maurizio Molari

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE DI GRUARO Assessorato alla Protezione Civile Data aggiornamento 31.07.2014 INDICE 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale...4 1.2.2. Rischio

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

Acque. RSA Provincia di Milano. Acque

Acque. RSA Provincia di Milano. Acque RSA Provincia di Milano Acque Fig.1: utilizzo della risorsa idrica superficiale (fonte: SIA) Fig. 2: incidenza dei fenomeni inquinanti sulla risorsa idrica sotterranea (fonte: Provincia di Milano) La provincia

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera 1. GENERALITA La morfologia del territorio

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO Le politiche di bacino ed il contesto nel quale si colloca l intervento di laminazione di Bregnano-Lomazzo Dario Fossati Regione Lombardia DG

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

AdF Aeroporto di Firenze SpA. Marco Carrai Vittorio Fanti. Vittorio Fanti. Marco Gialletti. Veronica I. d Arienzo Veronica I. d Arienzo Luca Ermini

AdF Aeroporto di Firenze SpA. Marco Carrai Vittorio Fanti. Vittorio Fanti. Marco Gialletti. Veronica I. d Arienzo Veronica I. d Arienzo Luca Ermini COMMITTENTE Presidente Amministratore Delegato Direttore Operation & Accountable Manager Direttore Amministrazione Finanza Controllo ed Investor Relator Responsabile Progettazione e Sviluppo Infrastrutture

Dettagli

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque Legge regionale n.11, 29 aprile 2015 Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di 1 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO Regio decreto 523/1904 (testo unico sulle opere idrauliche) Legge

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno)

COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno) COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno) VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE E AL REGOLAMENTO URBANISTICO Valutazioni delle condizioni idrauliche delle aree oggetto di variante Committente: Responsabile del

Dettagli

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Comune di Milano La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Dott.ssa Annalisa Gussoni Settore Attuazione Politiche Ambientali Comune di Milano Necessità di passare da politiche di tutela delle

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI

PROGRAMMA DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI PROGRAMMA DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO VOL 1.2 2013 Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI

Dettagli

Aspetti geologici nella pianificazione

Aspetti geologici nella pianificazione Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: PREVENZIONE UN COMPITO

Dettagli

I suoi affluenti sono Valle del Muggioeu, Torrente Vaiadiga, Lambarin, Fosso delle Valli e Torrente Antiga.

I suoi affluenti sono Valle del Muggioeu, Torrente Vaiadiga, Lambarin, Fosso delle Valli e Torrente Antiga. A Est del territorio comunale scorre il torrente Bozzente, vincolato lungo tutto il tratto ricadente nella provincia di Varese (vedi figura sotto) mentre il tratto ricadente nella provincia di Milano è

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 25 Settembre 2006 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

ASSOCIAZIONE AGRICOLTORI MEDIO TAGLIAMENTO

ASSOCIAZIONE AGRICOLTORI MEDIO TAGLIAMENTO ASSOCIAZIONE AGRICOLTORI MEDIO TAGLIAMENTO Via Roma, 27 33094 Pinzano al Tagliamento (PN) mail erminio.barna@inwind.it pec erminio.barna@pec.it ALL AUTORITA DI BACINO DEI FIUMI ALTO ADRIATICO Cannaregio,

Dettagli

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA.

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. Il Consorzio esplica le funzioni ed i compiti che gli sono attribuiti dalla

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale D. Fossati D.G. Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Valutazione e gestione

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile 1 COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza Piano Comunale di Protezione Civile Caorso 6 Ottobre 2009 2 RIFERIMENTI NORMATIVI DEL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE Legge 24.02.1992 n.225 (Istituzione del servizio

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

CAPITOLO 1. Idrografia, idrologia ed idrogeologia della valle del Fiume Lambro. Figura 2: Il tratto brianzolo del corso del Fiume Lambro

CAPITOLO 1. Idrografia, idrologia ed idrogeologia della valle del Fiume Lambro. Figura 2: Il tratto brianzolo del corso del Fiume Lambro CAPITOLO 1 Idrografia, idrologia ed idrogeologia della valle del Fiume Lambro Figura 2: Il tratto brianzolo del corso del Fiume Lambro Il Lambro ha le proprie sorgenti nell incontro tra i monti dei due

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI La Legge 225/1992 Istituzione del servizio nazionale della protezione civile (modificata ed integrata dalla Legge 100/2012 Disposizioni urgenti per il riordino

Dettagli

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7 RELAZIONE INTEGRATIVA PAG 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 NOTE INTEGRATIVE SUL RETICOLO IDRAULICO MINORE...3 2.1 Generalità...3 2.2 Fossi della Piana di San Giovanni...4 2.3 Fosso della Concia e Fosso Carpani...5

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014 Organismo di Sorveglianza Milano, 25giugno 2014 PAR-FSC 2007-2013 Linea di azione 1.4.1 Infrastrutture e tecnologie per la sicurezza idraulica (priorità per la messa in sicurezza dell area Expo, con valorizzazione

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

A REV. DESCRIZIONE DATA ESEGUITO VPP VPE REV. DESCRIZIONE DATA ESEGUITO VERIFICATO APPROVATO

A REV. DESCRIZIONE DATA ESEGUITO VPP VPE REV. DESCRIZIONE DATA ESEGUITO VERIFICATO APPROVATO SERVIZIO DIFESA DEL SUOLO VIA A. TESTA, 2 52100 AREZZO TEL.0575.3161 FAX.0575.316241 URL: www.provincia.arezzo.it E-MAIL: difesasuolo@provincia.arezzo.it TITOLO: Lavori urgenti di manutenzione con taglio

Dettagli

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa:

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa: TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Dossier di sintesi: quadro attuale finalizzato all analisi SWOT partecipata Premessa: Con riferimento ai temi da

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE COMUNE DI CASSINA DE PECCHI Provincia di Milano PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT 16 OTTOBRE 2008 VERBALE Il giorno 16 ottobre 2008 alle ore 10,30 si è riunita presso la Sede Municipale

Dettagli

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano D. Fossati U.O. Difesa del suolo Dalle esondazioni alla sicurezza idraulica

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Nota tecnica in merito all area di laminazione a Senago

Nota tecnica in merito all area di laminazione a Senago Nota tecnica in merito all area di laminazione a Senago Le ripetute esondazioni dei corsi d acqua nell area milanese hanno portato a sviluppare, fin dagli anni 50 del secolo scorso, una serie di azioni

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici Relatore: Ing. MARIANO CARRARO Segretario Regionale per l Ambiente del Veneto Intervento

Dettagli

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA COMUNE DI MONDOVÌ Progetto dei lavori di adeguamento e potenziamento dell impianto di depurazione acque reflue del Comune di Mondovì località Longana analisi di compatibilità idraulica e idrogeologica

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

Lario, 15. io Idrogeologico

Lario, 15. io Idrogeologico Seminario proposto ost dall Ordine dine degli Architetti tti PCC Monza e Brianza col Patrocinio io della la Consulta Architetti ttiti Lombardi Durata presentazione enta ne : 1 ora Sala conferenze enze

Dettagli

PROVINCIA DI COMO. Pianificazione di Emergenza Provinciale. Rischio Idraulico Lago di Pusiano Lambro

PROVINCIA DI COMO. Pianificazione di Emergenza Provinciale. Rischio Idraulico Lago di Pusiano Lambro PROVINCIA DI COMO Pianificazione di Emergenza Provinciale Rischio Idraulico Lago di Pusiano Lambro Versione 1.1 Agosto 2014 Sommario Sommario... 1 Introduzione... 1 Cenni di inquadramento... 2 La diga

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica

Relazione Tecnica Idraulica Studio delle zone a rischio idraulico assoggettate alla normativa del Piano di Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Relazione Tecnica Idraulica Per conto: COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Settore Pianificazione

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA V1 1990 1 i n d i c e 1. premessa pag. 1.1 quadro di riferimento generale 2 1.2 scopi del servizio di piena 2 2.

Dettagli

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Rischio Idrogeologico AZIONI PER L INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE R e l a z i o n e Ing. A. Castellini Dott. R. Chiesa Dott. V. Piro Sommario: 1. Premessa 2. Il Piano

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO COME DEFINITO DALLA D.G.R. 7/7868 del 25/01/2002 e s.m.i. Relazione tecnica illustrativa Maggio 2009 Aggiornamento: Marzo

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

relazione illustrativa

relazione illustrativa ALLEGATO relazione illustrativa Data Integrazione Via F. Rismondo n 29 Pisa tel. 050-564951 e-mail archit.pisa@libero.it Via Sarzanese Nord n 2762 Piano del Quercione (LU) tel. 0584-938967 e-mail archit.associati@libero.it

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli