SULLE RICERCHE DI CARATTERE IDRAULICO PRESSO L UNIVERSITA DI PISA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SULLE RICERCHE DI CARATTERE IDRAULICO PRESSO L UNIVERSITA DI PISA"

Transcript

1 SULLE RICERCHE DI CARATTERE IDRAULICO PRESSO L UNIVERSITA DI PISA 2002 SULLE RICERCHE DI CARATTERE IDRAULICO PRESSO L UNIVERSITA DI PISA Dipartimento di Ingegneria Civile, Università di Pisa Via Gabba, PISA Tel Fax SOMMARIO In questo articolo viene fatta una breve storia degli studi e delle ricerche di carattere idraulico effettuati presso l Università di Pisa dagli inizi del secolo scorso, quando venne istituita la Regia Scuola di applicazione per Ingegneri, divenuta Facoltà di Ingegneria negli anni '30, fino alla metà dello stesso secolo, mentre viene fatto un rapido cenno agli studi e alle ricerche precedenti. 1 CENNO SUGLI STUDI IDRAULICI PIÙ REMOTI Fra gli studi di carattere idraulico più remoti meritano una citazione quelli di Galileo Galilei, che ha insegnato all Università di Pisa dal 1588 al 1591 e che fu l inventore della bilancia idrostatica, per la misura del peso specifico dei corpi. Ma le ricerche di carattere idraulico iniziano a trovare una certa sistematicità a partire dalla prima metà del 1800, quando presso la Facoltà di Scienze, accanto agli insegnamenti propedeutici di matematica e di fisica, venivano impartiti corsi pratici per Ingegneri, fra i quali figurava quello di Architettura Civile e Idraulica; a conclusione degli studi venivano rilasciate lauree di Ingegnere Civile e di Architetto (Bortoli M., 1994). Fra gli studiosi delle discipline idrauliche del 1800 meritano di essere ricordati Gaetano Giorgini ( ), esperto Ingegnere Idraulico e Matematico, ex Allievo del Politecnico di Parigi e Direttore del famoso Gabinetto di Fisica Sperimentale di Pisa, fondato nel 1748 dal noto medico fiorentino Carlo Guadagni, e Luigi Pacinotti ( ), che a soli 24 anni otteneva, presso il suddetto Gabinetto, la cattedra di Physica technologica et mechanica experimentis comprobanda, istituita dallo stesso Giorgini. Luigi Pacinotti fu autore dell interessante volume Esperienze e Principi d Idraulica pratica, edito a Pisa nel 1851, che trattava molti argomenti tipici dell idraulica applicata, fra i quali l idrostatica, l equilibrio dei corpi galleggianti, il moto nelle condotte in pressione e nei canali a pelo libero e le macchine idrauliche (Pacinotti L., 1851).

2 2 2 STUDI DI CARATTERE IDRAULICO EFFETTUATI NELLA PRIMA METÀ DELLO SCORSO SECOLO Un nuovo impulso ebbero a Pisa gli studi di carattere idraulico a partire dal 1913, quando con l istituzione della Regia Scuola di applicazione per gli Ingegneri, divenuta Facoltà di Ingegneria nel 1935, le discipline idrauliche iniziarono a essere sistematicamente impartite. L Ing. Carlo Fossa Mancini tenne il corso di Idraulica negli a.a e e il corso di Costruzioni Idrauliche nell a.a , mentre nei due anni accademici successivi i due suddetti corsi vennero tenuti dall Ing. Decio Severini, proveniente da Roma. La prima cattedra di Idraulica fu coperta dal Prof. Pietro Alibrandi, proveniente da Roma, che tenne il corso negli a.a e ; lo sostituì Conti per un anno quando Alibrandi scomparve prematuramente; di Alibrandi resta il testo Lezioni di I- draulica, nel quale si nota, oltre a una rigorosa trattazione fisica e matematica degli argomenti, un carattere applicativo tipico delle Scuole di Ingegneria dell epoca. La prima cattedra di Costruzioni Idrauliche fu invece coperta dal Prof. Luciano Conti, proveniente da Padova, che restò a Pisa negli a.a e , quando fu chiamato all Università di Roma. Conti merita di essere ricordato, oltre che per le importanti ricerche scientifiche, per l attività professionale di ingegnere idraulico: basti ricordare il progetto dell Acquedotto di Siena, con captazione delle sorgenti del Monte Amiata, e con condotta adduttrice avente pressioni di esercizio massime proibitive per l epoca (fino a 80 atm), cui fu possibile far fronte grazie all ideazione da parte di Conti del giunto tipo Siena e a particolari accorgimenti di progettazione, quale l introduzione di una serie di vasche di sconnessione, che permisero di ridurre di oltre 20 atm le massime pressioni di esercizio. A Pisa gli Allievi Ingegneri pubblicarono i primi Appunti tratti dalle sue Lezioni (1922), che, assieme alla più vasta serie successivamente raccolta dagli Allievi di Roma, hanno costituito per molti anni un fondamentale riferimento per i costruttori idraulici italiani. A sostituire il Prof. Conti fu chiamato l Ing. Giuseppe Muzi, che tenne il corso di Costruzioni per incarico dall a.a all a.a e che è noto soprattutto per la sua attività professionale, concretizzatasi nella progettazione di importanti opere, quali l Acquedotto consorziale per la Val d Orcia e la Val di Chiana, l Acquedotto di Todi, la sistemazione del Fiume Paglia, le opere di bonifica della Valle del Niccone, di cui diede conto in apposite pubblicazioni. A sostituire Alibrandi fu invece chiamato a Pisa il Prof. Giulio De Marchi, che tenne il corso di Idraulica per incarico nell a.a , prima di ricoprire la cattedra dall a.a all a.a Con De Marchi gli studi e le ricerche di carattere idraulico ebbero uno sviluppo decisivo; nel 1924 l Istituto di Idraulica trovò un apposita sede all interno dell ex Convento di S. Benedetto (Figura 1), in particolare della ex cappella posta in angolo tra il Lungarno Sonnino e la Piazza S. Paolo a Ripa d Arno e poté disporre anche di un laboratorio sperimentale, dotato di un circuito di alimentazione e di varie apparecchiature. Nella figura 2 è rappresentata la planimetria del laboratorio, che è stato tra i primi a sorgere in Italia; inizialmente il laboratorio occupava solo la parte B della planimetria,

3 Sulle ricerche di carattere idraulico presso l Università di Pisa 3 mentre la parte A fu annessa nel 1925 (De Marchi,1928). Nel laboratorio B l impianto era costituto da un serbatoio inferiore della capacità di 5 m 3, che, tramite una pompa della portata massima di 10 l/s e una condotta premente alimentava una vasca di carico superiore dotata di un contorno di sfioro dello sviluppo di 8 m; da questa partivano le condotte che alimentavano i modelli con portata e carico costanti. L impianto era completato da una vasca inferiore di 1,5 m 3, che serviva per la misura delle portate e per il controllo degli strumenti. Figura 1. Vista dell Istituto di Idraulica e Costruzioni Idrauliche nella R. Scuola di Ingegneria di Pisa (1924). Figura 2. Laboratorio dell Istituto di Idraulica e Costruzioni Idrauliche nella R. Scuola di Ingegneria di Pisa. Pianta del piano terreno. Il laboratorio A era dotato di apparecchiature identiche a quelle del laboratorio B, ma aveva una potenzialità molto maggiore: la pompa forniva una portata di 60 l/s, il serbatoio inferiore aveva una capacità di 10 m 3, la vasca di carico aveva una soglia sfiorante dello sviluppo di 36 m. Inoltre, i modelli di ciascuno dei due laboratori potevano essere alimentati anche dalla vasca di carico dell altro. De Marchi ebbe così modo di effettuare una serie di ricerche sperimentali note in tutto il mondo e lui stesso dice che tali ricerche dimostrano un indirizzo che, prima d ora, non mi pare sia stato sistematicamente seguito in Italia (De Marchi 1928a). E interessante notare che accanto al tradizionale filone delle ricerche a carattere prettamente scientifico, De Marchi ne sviluppò un altro, non meno importante, volto a dare un contributo allo sviluppo del Paese, con la risoluzione di difficili problemi pratici, mediante la riproduzione, in scala ridotta, di importanti opere idrauliche progettate e da realizzare, il cui funzionamento poteva così essere studiato in laboratorio, permettendo di apportare al progetto le indispensabili modifiche suggerite dall esito delle esperienze. De Marchi dice che tali ricerche, a carattere prettamente applicativo, valgono a dimostrare, a mio giudizio, le grandi possibilità offerte dall indagine sperimentale su modelli, per lo studio di problemi per i quali non si dispone di direttive teoriche precise e che finora furono risolti con la guida dell intuizione e del buon senso: guida sempre necessaria, ma troppo spesso insufficiente. Tali ricerche sperimentali meritano di essere citate.

4 4 Al filone delle ricerche di carattere prevalentemente scientifico, appartengono quelle sul fenomeno della contrazione delle vene fluenti da bocche in parete sottile e quelle sul passaggio dal regime laminare al regime turbolento in condotti in pressione di piccolo diametro. Al filone applicativo appartengono le ricerche: sulla determinazione delle perdite di imbocco e di sbocco di un sifone rovescio; lo studio sperimentale di un tipo di smorzatore di energia; sul funzionamento idraulico delle dighe tracimanti; sui sifoni autolivellatori. Le prime due ricerche e la quarta furono eseguite su incarico della Direzione Costruzioni Idrauliche del Gruppo S.I.P. (Soc. Idroelettrica del Marmore e dell Evancon), mentre la terza fu suggerita dalla Presidenza del Consiglio Superiore dei LL.PP. Sono ben noti agli studiosi gli importanti risultati pratici e scientifici cui De Marchi è pervenuto nelle citate ricerche, per cui non riteniamo opportuno dilungarci su di essi. Ci sembra, invece, interessante riportare alcune delle fotografie dell epoca (figure ), relative al laboratorio sperimentale e alle ricerche stesse, che sono tuttora esposte presso i locali dell ex Istituto di Idraulica della Facoltà di Ingegneria di Pisa, oggi confluito nel Dipartimento di Ingegneria Civile, e che furono presentate al pubblico presso il Politecnico di Milano nel 1990, in occasione del Simposio nel Centenario della nascita di Giulio De Marchi. A Pisa sono inoltre conservati ancora i modelli originali delle dighe tracimanti e dei sifoni autolivellatori sui quali De Marchi condusse le sue esperienze, assieme a un particolare tubo di Pitot, ancora oggi usato in laboratorio per misure di precisione, realizzato nell officina dell Istituto su indicazione di De Marchi; sulla taratura di tale strumento De Marchi scrisse una appendice ad una sua memoria (De Marchi, 1928b) E doveroso ricordare che alle esperienze condotte a Pisa collaborarono con De Marchi gli Ingegneri Felice Contessini e Mario Marchetti, Assistenti di Idraulica e di Costruzioni Idrauliche, che in quell epoca pubblicarono le loro prime memorie e che nel 1928 seguirono De Marchi al Politecnico di Milano, dove riuscirono ad andare in cattedra e gli Ingg. Mario Simonetti e Gaio Marcello. Durante la sua permanenza a Pisa, De Marchi conservò la Direzione del Servizio I- drografico Nazionale, che aveva assunto nel 1917 quando la struttura fu creata, ed ebbe il grande merito di dare un impulso decisivo all organizzazione, al funzionamento e allo sviluppo della stessa sul territorio del paese. A Pisa De Marchi continuò anche gli importanti studi di carattere idrologico che aveva in precedenza iniziato, pervenendo alla stesura di circa 15 articoli a carattere tecnico e scientifico, molti dei quali pubblicati come monografie dello stesso Servizio Idrografico e del Ministero dei Lavori Pubblici, riguardanti, in modo sistematico, la produzione di energia idroelettrica e il carattere idrologico di ciascun anno, i laghi artificiali, l attività del Servizio Idrografico Italiano in rapporto alle irrigazioni, l utilizzazione delle acque pubbliche e il censimento delle grandi utilizzazioni idrauliche per forza motrice. Della permanenza di De Marchi a Pisa si ricorda, infine, la pubblicazione di successive edizioni delle Lezioni di Idraulica (Ed. Vallerini, Pisa, anno 1924 e successivi), che costituivano in modo compiuto un anticipazione del trattato di Idraulica, noto in tutto il mondo, edito dalla Hoepli per la prima volta nel 1930, quando De Marchi si era trasferito al Politecnico di Milano.

5 Sulle ricerche di carattere idraulico presso l Università di Pisa 5 Figura 3. Esperienze sui sifoni rovesci Figura 4. Canale per esperienze sulle Dighe tracimanti

6 6 Figura 5. Modello di sifone autoventilatore Figura 6. Esperienze sulle dighe tracimanti. Apparecchi per il rilevo del profilo della lama stramazzante. A sostituire degnamente De Marchi, venne da Bologna il Prof. Marcello Lelli nel 1928, che si fermò a Pisa fino all a.a , quando si trasferì all Università di Genova. Il Prof. Lelli divenne Professore Straordinario di Costruzioni Idrauliche nel 1930 e tenne, oltre a tale corso, anche quello di Idraulica per incarico. Egli proseguì l intensa attività di ricerca del suo illustre predecessore, trattando molti argomenti e pervenendo a importanti risultati, che trovarono anche prestigiose collocazioni editoriali, come i Rendiconti della Regia Accademia Nazionale dei Lincei e gli Atti di Congressi Nazionali dei Matematici. Si ricordano, in particolare, le ricerche sul moto permanente e sul moto vario nelle correnti a pelo libero, sul teorema del minimo calore che si svolge nelle reti di condotte, su problemi di filtrazione e sulla portata estraibile dal fondo dei pozzi, sulla regolazione della potenza negli impianti a media e a bassa caduta, sul dimensionamento dei canali di bonifica, oltre a studi di carattere fluidodinamico e a una ricerca sperimentale sulla contrazione delle vene liquide. Si ricorda, inoltre, il testo Lezioni di Idraulica, edito nel 1931, che univa il rigore matematico agli aspetti pratici degli argomenti trattati e che costituisce, ancora oggi, un valido testo di consultazione. Nel 1935, quando Lelli si trasferì a Genova, fu chiamato a sostituirlo il Prof. Guido Di Ricco, che ricopriva già dal 1929 la cattedra di Idraulica Agraria presso la Facoltà di Agraria dell Università di Pisa; nello stesso anno 1935 la Regia Scuola di Ingegneria divenne Facoltà di Ingegneria e nell anno successivo l Istituto di Idraulica fu trasferito nella nuova sede della Facoltà, in Via Diotisalvi. Di Ricco rimase a Pisa fino all a.a , quando fu chiamato all Università di Roma e tenne quasi sempre, oltre al corso di Idraulica per titolarietà, il corso di Costruzioni Idrauliche per supplenza.

7 Sulle ricerche di carattere idraulico presso l Università di Pisa 7 Effettuò varie ricerche, riguardanti soprattutto argomenti di Idraulica Agraria (Irrigazioni e Bonifiche), dando così continuità alla precedente attività svolta presso l Istituto di Idraulica Agraria. Meritano una citazione i volumi Bonifiche Idrauliche e Lezioni di Idraulica ; quest ultimo, edito dalla Tip. Tacchi di Pisa nel 1939, fu ampliato dall Autore in successive edizioni durante la sua permanenza all Università di Roma. Nel periodo che va dal 1928 al 1940, durante il quale furono Direttori dell Istituto di Idraulica Lelli e Di Ricco, svolsero una pregevole attività didattica e di ricerca dei giovani Ingegneri, alcuni dei quali erano assistenti e tennero corsi ufficiali di insegnamento. Fra questi si ricordano il Prof. Dante Bonvicini, il Prof. Ugo Todaro, che insegnò Tecnica delle Bonifiche ed è noto per alcune importanti pubblicazioni sull argomento e il Prof. Ferdinando Paderi, laureatosi nel 1926 a Pisa, dove ancora si trovava il Prof. De Marchi. Paderi fu docente, nei vari anni accademici dal 1935 al 1940, di Costruzioni Idrauliche, Idraulica Fluviale e Montana, Impianti Speciali Idraulici e Idraulica Agraria e svolse diverse interessanti ricerche, alcune a carattere sperimentale, su vari argomenti di Idraulica e di Costruzioni Idrauliche, quali gli stramazzi in parete sottile, gli sfioratori laterali, il regime delle foci lagunari, gli acquedotti, la sistemazione dei bacini idrografici, i processi di potabilizzazione delle acque. A partire dal Novembre 1940, quando Di Ricco si trasferì a Roma, e per tutto il periodo bellico, restarono a insegnare a Pisa il Prof. Paderi e l Ing. Agostino Rastrelli, i quali tennero rispettivamente i corsi di Idraulica e Costruzioni Idraulica e di Idraulica Agraria e Impianti Speciali Idraulici. Ma in questo periodo le lezioni venivano tenute saltuariamente, mentre l attività di ricerca si interruppe pressoché completamente. Nell a.a fu chiamato a Pisa il Prof. Corrado Ruggiero, proveniente dall Università di Palermo, ma formatosi scientificamente all Università di Padova, il quale ha tenuto il corso di Idraulica per titolarietà e quello di Costruzioni Idrauliche per incarico ed è stato Direttore dell Istituto di Idraulica fino al 1967, quando fu collocato fuori ruolo. Ruggiero diede un grande impulso all attività di ricerca, soprattutto a carattere sperimentale, potenziando il laboratorio di Idraulica che si trovava all interno della nuova sede della Facoltà di Ingegneria, laboratorio che era molto più ampio ed aveva un circuito di alimentazione dei modelli di potenzialità ben maggiore rispetto a quello che a- veva creato De Marchi. Il nuovo laboratorio aveva infatti una superficie di circa 250 m 2 e disponeva di un circuito di alimentazione con carico costante, in grado di fornire una portata massima di 100 l/s. Ruggiero iniziò, sin dall immediato dopo guerra, pur tra le molte e gravi difficoltà che si incontravano in quel periodo, un intensa attività di ricerca sperimentale, a carattere sia puramente scientifico, sia applicativo, collaborando con le Amministrazioni locali alla risoluzione di importanti problemi connessi con la ricostruzione dopo la guerra. Della seconda metà del decennio furono tutte le ricerche sperimentali legate al comportamento idraulico dei nuovi ponti di Pisa da ricostruire (Ponte di Mezzo e Ponte al Politeama, oggi della Fortezza) e agli effetti di rigurgito provocati dalla permanenza nel tratto cittadino dell Arno delle macerie dovute alla distruzione dei vecchi ponti. Nello stesso periodo Ruggiero, fra i primi in Italia, diede inizio anche alle ricerche sperimentali nel settore dell Idraulica marittima, attrezzando in laboratorio una vasca per apposite esperienze, a pianta semicircolare del diametro di 5 m, all interno della quale riprodusse prima il litorale di Marina di Pisa e poi quello di Marina di Massa,

8 8 soggetti a intensi fenomeni erosivi, ancora oggi in atto. Le esperienze, a fondo mobile, miravano a individuare con più precisione le cause delle erosioni e a proporre gli interventi più idonei per contenerle. E interessante osservare come al termine di una delle due memorie sull argomento, presentata al Congresso Nazionale sui Porti tenutosi a Livorno nel 1950, Ruggiero concludesse con questa raccomandazione da mettere all O.d.G. del Congresso: Se la costruzione di un porto sporgente in spiaggia sottile è ritenuta necessaria, anzi indispensabile ai fini del traffico di una regione, lo studio delle opere portuali va condotto fin dall'inizio in modo da evitare o ridurre due ordini di danni: interramento del bacino portuale e corrosione del litorale sottoflutto. Per i porti già costruiti, lo Stato deve provvedere alla ricostruzione delle spiagge danneggiate, con le opere che la situazione e l esperienza potranno consigliare. Questa frase, che scaturì dalle esperienze su modello che provarono che il Porto di Carrara era stato la causa maggiore dell erosione del litorale di Marina di Massa, è ancora oggi, dopo 50 anni, di grande attualità. Sempre della fine degli anni 40 furono le ricerche di Ruggiero sulla utilizzazione del trasporto di fondo di un corso d acqua per la ricostruzione di una spiaggia in erosione, presentata nel 1948 al Congresso AIRH di Stoccolma e sulle propagazione delle onde di piena nei corsi d acqua, presentata nel 1949 al successivo Congresso AIRH di Grenoble. Dello stesso periodo furono le prime edizioni dei testi di Idraulica e di Costruzioni Idrauliche, editi in Pisa dalla Tip. Pellegrini, sui quali si sono per molti anni formati nelle discipline idrauliche gli Allievi dell Ateneo Pisano. La successiva attività professionale e di ricerca nel campo idraulico di Ruggiero a Pisa, travalica i limiti temporali che ci siamo imposti in questa sede. Si ricordano solo la sua notevole attitudine alla schematizzazione, alla semplificazione di importanti e complessi problemi idraulici, alla cui risoluzione pratica diede un notevole contributo in Toscana, spesso collaborando con illustri Colleghi, quali i Proff. Marzolo, Ferro, Lelli, Supino, Evangelisti. Non si può, inoltre, fare a meno di ricordare il decisivo contributo dato da Ruggiero alla realizzazione del nuovo Laboratorio di Idraulica, che fu inaugurato nel 1968, quando egli era fuori ruolo da un anno, anche se continuò a frequentare con regolarità l Istituto di Idraulica per molti anni ancora, proseguendo la sua attività di ricerca. Le Figure 7, 8 e 9 riportano alcuni dei modelli e delle relative esperienze condotte da Ruggiero. Figura 7. Onde generate all interno della vasca marittima.

9 Sulle ricerche di carattere idraulico presso l Università di Pisa 9 Figura 8. Modello del Fiume Arno nei pressi del Ponte al Politeama. Figura 9 Modello in vasca delle scogliere a difesa di Marina di Massa e rilievo delle isobate.

10 10 Figura 10 Esperienze sulle chiamate di sbocco. Fino alla fine degli anni 40 collaborarono con Ruggiero, il Prof. Paderi, che teneva il corso di Impianti Speciali Idraulici e continuò la precedente attività di ricerca, soprattutto sperimentale, interessandosi al fenomeno della chiamata di sbocco (Figura 10), ai fenomeni di efflusso e al profilo delle dighe tracimanti e il Prof. Pietro Celeste, che iniziò in quegli anni la sua attività di ricercatore, con le prime pubblicazioni sulla risoluzione economica delle reti idrauliche e sull impiego dei modelli nella progettazione delle opere marittime. Nel 1951 si laurearono a Pisa in Ingegneria Civile Sezione Idraulica Franco Sassoli e Vincenzo Marini, che iniziarono le loro ricerche subito dopo la laurea: il primo sarebbe successivamente diventato Prof. Ordinario di Idraulica e Direttore dell Istituto di I- draulica per molti anni; il secondo, dopo essere stato Direttore dell Ufficio Tecnico dell Ospedale S. Chiara di Pisa, sarebbe divento Prof. Associato di Ingegneria Sanitaria. BIBLIOGRAFIA Bortoli M. La Facoltà di Ingegneria dell Università di Pisa: contributi alla storia in occasione dell LXXX anniversario dell istituzione. Pacini Editore, Pisa, De Marchi G. Ricerche sperimentali eseguite nell Istituto di Idraulica e di Costruzioni Idrauliche della R. Scuola di Ingegneria di Pisa. L Energia Elettrica, De Marchi G. Ricerche sperimentali sulle dighe tracimanti. Annali dei Lavori Pubblici, luglio Pacinotti L. Esperienze e Principj di Idraulica Pratica. Tipografia Pier Accienne, Pisa Istituto di Idraulica del Politecnico di Milano, Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere, Associazione Idrotecnica Italiana. Atti del Simposio nel centenario della nascita di Giulio De Marchi, Milano 26 ottobre 1990, Ed. Bios.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE Il POLITECNICO di BARI Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura promuove ed organizza IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE (istituito ai sensi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Panoramica L'energia solare fa evaporare le nubi e la produzione

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale Prof. Benedetto Vertecchi che cosa! impareremo? 1-2 Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale 1 quali apporti concorrono a definire la conoscenza educativa? 3-4 la pedagogia sperimentale!

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di Cent anni di scienza del controllo Sergio Bittanti Politecnico di Milano Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Campi Elettromagnetici e Circuiti I Circuiti con accoppiamento magnetico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I Circuiti con accoppiamento magnetico Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Pavia Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettronica e Informatica Campi Elettromagnetici e Circuiti I Circuiti con accoppiamento magnetico Campi Elettromagnetici

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

Mappa del fiume Arno, acquerello di Carlo Quercioli, 2009.

Mappa del fiume Arno, acquerello di Carlo Quercioli, 2009. La maggior parte del popolo pisano vive dal fare il navicellaio e tirare l alzaia Mappa del fiume Arno, acquerello di Carlo Quercioli, 2009. Le località che sono state prese in considerazione per questa

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli