Impianto idraulico. Capitolo 4 4.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianto idraulico. Capitolo 4 4.1"

Transcript

1 Caitolo 4 Imianto idraulico 4.1

2 4.1 Introduzione L'imianto idraulico è un imianto che consente la distribuzione di energia meccanica ed il suo controllo attraverso un fluido incomrimibile. Nell'imianto è necessaria una sezione di trasformazione di energia meccanica in energia idraulica, una rete di trasorto dotata degli oortuni organi di controllo e regolazione, ed utilizzatori che ritrasformano l'energia idraulica in energia meccanica. Gli imianti idraulici utilizzano fluidi incomrimibili e quindi allo stato liquido nelle condizioni di esercizio, in articolare oli minerali. I rincii fisici fondamentali su cui sono basati gli imianti idraulici risiedono nella meccanica dei fluidi er flussi interni. Occorre tenere resente che considerare i liquidi come incomrimibili è una semlificazione giustificata dalla scarsa comrimibilità. Nella grande maggioranza delle alicazioni ratiche è ossibile ignorare la comrimibilità, la comrimibilità erò esiste e diventa fondamentale er la comrensione del funzionamento di un imianto idraulico e er le valutazioni di stabilità e risosta in frequenza. Le caratteristiche fondamentali che rendono conveniente l'imiego del trasorto dell'energia attraverso un fluido incomrimibile sono: basso eso er unità di otenza installata alto rendimento della trasmissione grande flessibilità nell'installazione caacità di sostenere sovraccarichi senza danni alta affidabilità scarsa esigenza di manutenzione ordinaria bassa inerzia del sistema e quindi relativamente alta risosta in frequenza facilità di controllo gli asetti negativi sono : ossibilità di erdita dell'intero imianto er rottura di singoli comonenti difficoltà di sincronizzazione di iù attuatori i fluidi con caratteristiche migliori er l'imiego non sono totalmente resistenti al fuoco. 4.2 Generalità sugli imianti idraulici Un sistema idraulico è costituito da un gruo di generazione di ressione e ortata, una rete di distribuzione e collegamento, le utenze ed alcuni organi accessori. A bordo dei velivoli in genere l imianto idraulico comrende iù circuiti indiendenti. Anche quando il velivolo disone di iù imianti, questi sono normalmente fra loro searati, nel senso che non si ha assaggio di olio da uno all altro. Le utenze sono quindi suddivise fra i diversi circuiti indiendenti, ma le iù imortanti ossono essere ilotate in arallelo da iù circuiti. Per esemio il Boeing 747 ha l imianto formato da 4 circuiti comletamente indiendenti, ognuno dei quali otenziato da una oma azionata da uno dei 4 motori e, in alternativa, da una oma azionata da una turbinetta ad aria comressa. Le 4 turbinette sono 4.2

3 alimentate dall imianto neumatico con aria sillata dai comressori dei roulsori o dell APU. Ogni utenza è alimentabile da almeno 2 circuiti indiendenti. Raramente (ATR42) esiste la ossibilità di alimentazione incrociata dei diversi circuiti, nel caso il gruo di generazione di uno di essi vada in avaria. In alcuni casi (MD80) è invece ossibile che un circuito ne metta in ressione un altro che abbia la generazione in avaria, tramite un gruo reversibile motore idraulico - oma, quindi comunque senza mescolamento dei fluidi dei 2 circuiti. Di solito è imortante che arte dell imianto funzioni con velivolo a terra e motori senti (al limite con l APU in funzione), er le rove funzionali di alcune utenze, le oerazioni di carico e traino, ecc. Per i motivi visti nel caitolo 2, in genere un imianto idraulico di imiego aerosaziale viene realizzato a ressione costante; questa filosofia ermette anzitutto l attivazione in arallelo di un numero qualsiasi di utenze (ammesso che le ome siano in grado di fornire le ortate richieste) senza che interferiscano tra loro; inoltre si ossono dimensionare le varie utenze su un valore ben reciso di ressione (si tenga comunque resente che la ressione viene fissata su un valore nominale attorno al quale è definita una tolleranza; i vari comonenti devono oter lavorare nell intero camo di tolleranza revisto). Un arametro caratteristico da fissare nel rogetto di un imianto idraulico è quindi la ressione di alimentazione. Al fine di ridurre le dimensioni e quindi i esi di tutti i comonenti, è oortuno avere un valore il iù grande ossibile er la ressione; questo ovviamente comorta anche il vantaggio di dover elaborare minori ortate e quindi velocità minori nei tubi e minori erdite di carico. Naturalmente esistono dei limiti al valore di ressione utilizzabile, dovuti a roblemi di: comrimibilità; tenute delle guarnizioni; dimensioni troo iccole di alcuni comonenti. Anche se è ossibile ottimizzare il valore nominale di ressione, er motivi di convenienza economica, si referisce utilizzare valori standardizzati. La ressione nominale iù comunemente imiegata negli imianti idraulici aeronautici è di 21MPa (3000 si, 210 kg/cm 2 ), ma er esemio il Tornado ed il Concord hanno l imianto a 28 MPa, il Cessna Citation a 10.5 MPa. Sono comunque allo studio imianti lavoranti a ressioni decisamente sueriori secialmente er imiego in camo saziale. Come si vede dalla tabella seguente con una ressione di 21 MPa si raggiungono raidamente elevati valori di forza su martinetti anche di iccolo diametro: D [mm] F [N] Tab Forze realizzate in martinetti con ressione di 21 MPa La comrimibilità imlica un lavoro di comressione dato da: L 0 dv 0 V V d 0 V 1 d

4 e l introduzione di un elasticità esrimibile attraverso la rigidezza; in un martinetto di sezione A e corsa L: V Ax A F A A A x V AL L A all aumentare della ressione diminuisce l area necessaria e quindi la rigidezza, come L ure diminuisce la rigidezza all estendere del martinetto o se cala er la resenza di aria nel martinetto Generazione La generazione di ressione e ortata viene svolta dalle ome. Ogni circuito indiendente di bordo è alimentato da una o iù ome. Esse ossono essere azionate dai roulsori (attraverso dei riduttori), da motori elettrici dedicati, da turbine ad aria comressa, da elichette oste al vento relativo, oure manualmente dall equiaggio di bordo Distribuzione e collegamento La rete di distribuzione e collegamento è costituita da tubazioni, raccordi e valvole di comando e controllo Utenze Le utenze sono raresentate dagli attuatori, disositivi che trasformano l energia idraulica in meccanica. Gli attuatori ossono essere lineari (martinetti) o rotativi (motori idraulici). I rinciali utilizzatori a bordo dei velivoli sono: iersostentatori di bordo d uscita e d attacco; aerofreni; freni; equilibratori; alettoni; timoni; sterzo ruotino; inversori di sinta; ortello vano e carrello d atterraggio; ortelloni di ingresso Accessori Elementi accessori sono: accumulatori; filtri; guarnizioni; serbatoi; scambiatori di calore. 4.4

5 4.3 Pome idrauliche Esistono due rinciali categorie di ome idrauliche: ome volumetriche; ome fluidodinamiche. Le rime, raticamente le uniche usate negli imianti idraulici aerosaziali, sono anche dette a sostamento, oiché sono in grado di sostare un volume di fluido quasi indiendentemente dalla ressione a valle. Le ome volumetriche sono in grado di raggiungere le iù alte ressioni e quindi sono articolarmente adatte er imianti di trasmissione di otenza meccanica. Tiico esemio ne è la oma a istone. Le seconde conferisconno energia al fluido accelerandolo, un successivo rallentamento trasforma l energia cinetica acquisita in energia di ressione; ome di questo tio sono articolarmente indicate er imianti dedicati a trasferire fluido, come, ad esemio, gli imianti di alimentazione combustibile, Tiico esemio ne è la oma centrifuga. Per le ome volumetriche si uò definire una ortata volumetrica in uscita esressa da: Q nv V dove V è il volume sostato in un giro ed n il numero di giri nell unità di temo e V il rendimento volumetrico. Il rendimento volumetrico è dovuto alla comressione necessaria a ortare il fluido in ressione ed a eventuali trafilamenti all interno dalla oma. La otenza idraulica ceduta al fluido è ari alla ortata volumetrica erogata er il salto di ressione imosto al fluido: Q La otenza meccanica da fornire dovrà tenere conto di un rendimento: W i W m Wi G in cui è il rodotto di due rendimenti: G V m V rendimento volumetrico m rendimento meccanico 4.5

6 4.3.1 Poma a istoni Il caso iù semlice di oma a istoni è quella a istone singolo. Il movimento del istone, in genere realizzato manualmente o con un sistema a biella e manovella, singe il fluido dal cilindro verso il condotto di mandata ottenendo così una certa ortata. Se la sezione del cilindro è A, il volume sostato er una corsa x è V c Ax er effetto di eventuali trafilamenti e della comressione necessaria er ottenere la ressione di mandata, il volume sostato in uscita si riduce a V u Ax v La ortata volumetrica istantanea è: Q t dv dt u dx v A dt Fig. 4.1 Poma a istone Per avere una ortata costante con una oma del genere, occorrerebbe una velocità costante er una corsa infinita del istone. Non essendo questo realizzabile si deve ricorrere ad un moto alternato del istone, ottenibile ad esemio con un collegamento biella - manovella; in tal caso la velocità v(t) ha andamento sinusoidale, e così la ortata. E chiaro che all imbocco ed all uscita del istone ci dovranno Fig. 4.2 Portata in funzione del temo in oma a essere delle valvole che imediscano l inversione del flusso (valvole di non ritorno), e quindi la ortata avrà l andamento nel singolo istone con moto alternativo temo raresentato nel diagramma di figura, o dall esressione: Q 0 Ac sin t sin t Q v dove c è la velocità massima del istone. 0 sin t 0 4.6

7 Per ottenere una certa uniformità del flusso occorre utilizzare diversi cilindri equisfasati tra loro, ottenendo così una ortata data da: Q Ac v N 1 max sin t,0 dove i è lo sfasamento dell i-esimo istone, N il numero totale dei istoni ed il singolo contributo alla ortata è considerato solo er i valori ositivi del seno. La figura 4.3 mostra il risultato ottenuto nel caso di oma a 7 istoni. In ratica il numero di cilindri utilizzati è nella maggioranza dei casi 7 o 9, numero che comorta una sufficiente uniformità del flusso con un numero abbastanza limitato di cilindri. (E' da notare che una oma con un numero di cilindri disari resenta Fig. 4.3 Portata oma a 7 istoncini una irregolarità della ortata uguale a quella di una oma con un numero di cilindri doio). i Poma a istoni assiali Un tiico esemio di oma volumetrica è raresentato in figura 4.4. Si tratta di una oma a istoncini assiali che scorrono in un tamburo rotante; l estremità dei istoncini è vincolata ad un iattello inclinato; durante un giro del tamburo i istoncini sono così obbligati ad un moto alternativo. Il fatto che il tamburo sia rotante ermette di utilizzare un collettore fisso dotato di una iastra sulla quale sono ricavate due asole, una di mandata ed una di asirazione. Fig. 4.4 Esemio di oma a istoncini assiali 4.7

8 Nel disegno in esame il iattello è rotante attorno al rorio asse di simmetria, inclinato erò risetto all asse di rotazione del tamburo. In altri casi il iattello non è rotante e i istoncini sono collegati ad esso da attini. La corsa del singolo istoncino, e quindi la ortata dell intera oma, è direttamente legata all angolo tra i due assi; se esiste la ossibilità di variare l angolo fra l asse della oma ed il iattello, si realizza una oma a corsa, e quindi ortata, variabile Fig.4.5. Si ha in genere trafilamento di olio tra il tamburo e la iastra del collettore, tra istoni e cilindri e sesso si genera una lubrificazione forzata ai attini del iattello. Questi trafilamenti, sesso voluti er ottenere la lubrificazione, causano una erdita di ortata diendente dalla ressione a valle, ossia una riduzione del rendimento volumetrico. La curva caratteristica tiica di una oma volumetrica ideale mostra una ortata costante se è fissata la cilindrata della oma ed il numero di giri; in realtà il rendimento volumetrico cala al crescere della ressione, sia er i trafilamenti che er la comrimibilità, e si ha quindi una leggera diminuzione della ortata volumetrica al crescere della ressione. In ratica la ortata di una oma volumetrica viene esressa con: Q V nv dove n è il numero di giri nell unità di temo della oma e V la sua cilindrata comlessiva. Attualmente ossono essere realizzate ome a istoncini del eso di qualche kg in grado di fornire ressioni molto elevate (anche 50 MPa) con cilindrate iccolissime, girando a rm. A bordo dei velivoli si usano comunemente ome a 21 MPa, ortata di qualche decina di litri al minuto, con otenze che raggiungono facilmente decine di KW a qualche migliaio di giri al minuto. Fig. 4.5 Poma a cilindrata variabile Fig. 4.6 Trafilamenti tiici in ome a istoncini Fig. 4.7 Curva caratteristica di una oma volumetrica 4.8

9 4.3.3 Poma a istoni radiali E oco usata in camo aerosaziale, erché iù comlessa e meno versatile della recedente. La camma esterna ruota eccentricamente risetto al gruo ortaistoni, costringendo questi al moto alternato di asirazione e mandata. Si uò ottenere una ortata variabile cambiando l eccentricità con una costruzione iù comlessa di quella delle ome a istoncini assiali Poma a istoni in linea Non utilizzata in camo aeronautico, è costruita con cilindri in linea e istoni azionati attraverso un albero a gomiti. Consente di raggiungere facilmente grandi cilindrate e quindi grandi ortate. Fig. 4.8 Poma a istoncini radiali Poma a alette ad eccentrico E realizzata facendo ruotare un rotore ortaalette in modo eccentrico dentro ad una cavità cilindrica, le alette ossono scorrere radialmente. Durante la rotazione si ottengono camere a volume variabile che creano l asirazione e la mandata del fluido come nelle ome a istoni. Un roblema comune er questi disositivi è la tenuta sui fianchi e l usura delle alette. Queste sono sinte contro la suerficie esterna dalla forza centrifuga, che quindi aumenta all aumentare della velocità angolare. Sono macchine che consentono ressioni di esercizio Fig Poma a alette minori risetto alle ome a istoni, sono iù soggette ad usura, ma richiedono gradi di filtrazione meno sinti. E ossibile variare la ortata variando l eccentricità. 4.9

10 4.3.6 Poma ad ingranaggi E costituita da una camera in cui ingranano due ruote dentate controrotanti. Il liquido viene asirato nei vani che si creano tra i denti della singola ruota e la arete della cassa; quando arriva nella zona di mandata, i denti ingranano tra loro ed il liquido fuoriesce dai vani. Per roblemi di tenuta ai fianchi delle ruote e nella zona di ingranamento si ha un maggior decadimento del rendimento volumetrico; queste ome devono quindi essere usate er ressioni iù basse e non si restano a realizzare ome a ortata variabile. Si tratta eraltro di sistemi semlici, robusti, resistenti all usura e iù silenziosi. A bordo di velivoli sono utilizzate negli imianti di lubrificazione del motore. Fig Poma ad ingranaggi 4.4 Regolazione della ressione Come visto nel aragrafo recedente le ome volumetriche forniscono er loro natura una ortata, la ressione deriva da quanto resente a valle; in sostanza è la comrimibilità del fluido (o del gas di un eventuale accumulatore sulla linea di mandata) che determina la ressione in funzione della ortata generata e quella assorbita dall imianto. Un eccesso di ortata risetto a quanto richiesto dall imianto determina un aumento di ressione e viceversa una scarsità di ortata risetto a quanto richiesto determina un calo della ressione. Infatti: dv d V d 1 dv 1 Q i Q u dt V dt V Comressione Utilizzatori Qi Qu Fig Genesi della ressione Dato che gli imianti, er non avere interferenza fra le varie utenze, devono essere a ressione costante, sono indisensabili degli organi di regolazione che adeguino la ortata al valo- 4.10

11 re richiesto dalle utenze. Se ciò non si verifica la ressione nell imianto varia er la comrimibilità del fluido (con gradienti molto elevati) o del gas resente nel circuito. I sistemi di regolazione ossono essere fondamentalmente di due tii: a) si mantiene costante la ortata della oma e si aggiunge a valle una valvola di regolazione in modo che l'eccesso di ortata venga sillato e riortato nel serbatoio dell'olio; b) si introducono degli organi di regolazione che alterino il numero di giri o la cilindrata della oma in modo da avere la sola ortata necessaria all'imianto. Questa seconda tecnica richiede macchine iù comlesse, ma è ovviamente molto iù efficiente dal unto di vista energetico Regolazione tramite valvola regolatrice Questo tio di regolazione è indiendente dalla oma utilizzata, oiché agisce direttamente sulla ortata a valle della oma. Per mantenere costante la ressione si introduce a valle della oma una valvola regolatrice di ressione che rinvia al serbatoio l eccesso di ortata risetto a quanto richiesto dall imianto. La valvola ha un cursore mobile che, a seconda del valore di ressione dell imianto, cambia l aertura dell orifizio di scarico; l orifizio è semre aerto, ma la sua area diende dalla osizione di equilibrio del cursore soggetto all azione della ressione ilota contrastata da una molla recaricata. La osizione del cursore è retta dalle equazioni seguenti: mx A kx F ha 2 x x 0 La ortata rimandata al serbatoio è funzione delle ressioni a cavallo della valvola e dell aertura dell orifizio x Qs Q s f, x Fig Valvola regolatrice di ressione Tarando oortunamente il recarico della molla, in genere attraverso una manoola, è ossibile regolare la valvola su diversi valori di ressione. Le ossibili oscillazioni del cursore sono fortemente smorzate dalle erdite di carico lungo il condotto della ressione ilota. Per il funzionamento di questo sistema di regolazione occorre che vi sia semre un ricircolo di olio e la oma deve lavorare alla massima otenza richiesta dall imianto anche quando le esigenze sono minori. Questo comorta una erdita energetica e un riscaldamento dell olio. Questo sistema di regolazione è quindi conveniente solo quando la otenza assorbita dall imianto è nella maggioranza dei casi vicino alla massima e quando si vuole raidità di intervento della regolazione. 4.11

12 4.1.2 Regolazione tramite retroazione sulla oma Come osservato in recedenza, le ome a istoncini assiali forniscono ortate roorzionali alla corsa dei istoncini; variando l inclinazione del iattello è ossibile realizzare ome a cilindrata variabile, e quindi con ortata variabile. Se la variazione di ortata è controllata dalla ressione è così ossibile far funzionare la oma a ressione costante. A valle della oma si deriva una linea che orta la ressione ilota ad un iccolo cilindro con istone mobile; il istone trova l equilibrio in funzione della ressione dell imianto e della reazione della molla; al istone è collegato il iattello della oma, che verrà inclinato in modo che la oma realizzi la ortata, e quindi la ressione, richiesta. Q Vn v V n Ac n AD tan D E evidente che il metodo retroazionato è iù efficiente, anche se la oma è iù comlessa. Infatti il rimo metodo comorta uno α sreco di ortata e quindi di otenza, oiché la oma deve semre funzionare al massimo della ortata che uò essere richiesta dalle Fig Poma a cilindrata variabile utenze, mentre il secondo adatta la ortata erogata alla richiesta. D altro canto il rimo sistema è iù ronto nella risosta, ovvero ha transitori iù brevi quando si attaccano o staccano le varie utenze, oiché le inerzie in gioco sono minori. 4.5 Tubi Le tubazioni sono in acciaio inossidabile er le arti ad alta ressione, in alluminio er quelle a bassa ressione (sesso le linee di ritorno). Alcuni tratti sono realizzati in tubo flessibile se devono seguire il movimento di un organo. Esse devono avere sezioni adeguate in base al flusso d olio, essere il iù ossibile rettilinee e, nel caso di cambiamenti di direzione, avere ami raggi di curvatura. La scelta del diametro dei tubi è legata ad un comromesso tra eso ed entità di erdite di carico che ci si uò ermettere; valori indicativi delle velocità raccomandate nei vari tii di condotti sono: asirazione mandata ritorno 1.2 m/s 5.0 m/s 2.5 m/s Comunque le dimensioni ed i materiali di tubi e raccordi sono normalizzati. 4.12

13 4.6 Valvole Le valvole hanno la funzione fondamentale di controllare il circuito e ermettere l'introduzione dei comandi dei vari attuatori. Le rinciali tiologie di valvole sono: distributrici di comando di esclusione di non ritorno di sicurezza di sequenza regolatrici di ressione riduttrici di ressione a sola regolatrici di ortata Valvola distributrice La valvola distributrice ha un comando imosto dall'esterno, e in base ad esso collega in vari modi le diverse tubazioni che arrivano alla valvola stessa consentendo quindi l attuazione di una utenza. Essa è caratterizzata dal numero di vie (tubazioni collegate) e dal numero di osizioni. In figura è mostrata una valvola del tio assiale a cassetto a 4 vie e 3 osizioni, Il tio di comando uò essere manuale, idraulico, neumatico o elettromagnetico (elettrovalvole). In secial modo nel caso della valvola a cassetto è semlice collegare le estremità del cursore con un sistema meccanico, con una tubazione idraulica o neumatica, oure con un sistema a solenoide. Fig Valvola distributrice 4.13

14 Nella arte a destra in alto della figura è riortato il simbilo unificato, nel caso si comando con solenoidi. Nella casella dove aaiono i collegamenti esterni vengono riortati i collegamenti interni nella osizione di rioso, nelle caselle di fianco quelli che si hanno in base a comandi da sinistra o da destra. Come mostrato nelle immagini sotto un comando da sinistra rovoca un collegamento di P con A e B con R, un comando da destra un collegamento da P a B e da A a R Valvole di esclusione Equivalgono a distributori a due vie e due osizioni; servono a escludere o a inserire arte del circuito. Fig Valvola di esclusione Valvola di non ritorno Fig Valvola di non ritorno La valvola di non ritorno consente il flusso in un solo senso ed è quindi utilizzata er intercettare flussi di olio in direzioni non desiderate. E sostanzialmente costituita da un cursore tenuto in sede da una molla a bassa rigidezza. Esistono valvole di non ritorno ilotate che ossono essere forzate a ortarsi nella condizione di comunque chiusa o comunque aerta. Fig Valvole di non ritorno ilotate 4.14

15 4.6.4 Valvola di sicurezza La valvola di sicurezza interviene automaticamente er roteggere l'imianto da sovraressioni dell olio. La valvola è montata fra la tubazione di mandata alla rete di distribuzione e il serbatoio; normalmente la valvola è chiusa e si are se si suera di una certa entità il valore di ressione nominale. All aertura della valvola arte di fluido viene inviato al serbatoio deressurizzando quindi l imianto. Vengono tarate su valori del 20-40% sueriori a quelli di funzionamento nominale dell imianto, valori comunque ancora inferiori a quelli utilizzati er il dimensionamento a rottura. Queste valvole devono resentare una forte isteresi dato che la loro aertura deve avvenire con una ressione sueriore alla ressione nominale dell imianto, mentre la loro chiusura deve avvenire quando la ressione è scesa al valore nominale o oco al disotto di questa. Per ottenere l isteresi richiesta è indisensabile che l aertura venga comandata dall effetto della ressione su una certa area, ma che, aena aerta, la ressione agisca su un area maggiore. Fig Valvola di sicurezza La osizione del cursore della valvola è definita dall equazione: m x A kx 1 F 0 dove x non uò assumere valori negativi. La valvola si are quindi quando la ressione è tale da avere: a A 1 F 0 Aena la valvola si are la ressione tende a calare, mentre la forza esercitata dalla molla cresce, la valvola tenderebbe quindi a richiudersi. Se aena la valvola si are la ressione agisce su un area A 2 con A2 A1, essendo al limite della chiusura F0 ch A2 si ha: realizzando così l isteresi voluta. a A 1 F0 ch A2 A 1 ch a A

16 4.6.5 Valvola di sequenza Viene imiegata er comandare la sequenza di due o iù manovre; er esemio l estrazione carrello, che deve avvenire doo l aertura del ortello. E attivata idraulicamente ed è analoga alla valvola di sicurezza a cassetto, ma invece di scaricare in serbatoio alimenta un altra utenza. Fig Valvola di sequenza Quando il rimo martinetto raggiunge il fine corsa sueriore, la ressione nell imianto tende ad aumentare, ilotando l aertura della valvola di sequenza er l alimentazione del secondo martinetto Valvola riduttrice di ressione Questa viene utilizzata er eventuali utenze che richiedono ressioni minori di quella nominale dell imianto. Il cursore, contrastato dalla solita molla regolabile, sente come ressione ilota quella all uscita e trova una osizione di equilibrio che strozza iù o meno l alimentazione a tale utenza. Fig Valvola riduttrice di ressione 4.16

17 4.6.7 Valvola a sola o a navetta Viene installata a monte di utenze che ossono essere alimentate da due diversi circuiti idraulici, tiicamente quello di servizio e quello di emergenza. Come evidente dallo schema di figura, il cursore di questa valvola sente qual è l imianto con maggior ressione, ermettendogli di alimentare l utenza senza scaricare nell altro imianto. Fig Valvola a sola Valvole regolatrici di ortata La figura riorta lo schema di valvole er regolazione di ortata a soletta; entrambe sfruttano la caduta di ressione su una strozzatura er ottenere una differenza di ressione legata alla ortata da regolare, differenza di ressione che determina la osizione del cursore. Il rimo tio manda verso lo scarico l eccesso di ortata e ermette quindi di avere ortate nel unto 1 e 3 diverse fra loro. Il secondo tio, regolando la ortata in linea, richiede che la ortata in arrivo sia comatibile con quella regolata in uscita. Fig Valvole regolatrici di ortata 4.7 Servovalvole Sono delle valvole roorzionali, ossia in grado di variare in modo continuo ressioni o ortate, roorzionalmente ad un segnale di ingresso. Si tratta in genere di sistemi a due stadi, uno a bassa otenza che genera una differenza di ressione in grado di ilotare una valvola rinciale di alta otenza. Esisto- 4.17

18 no comunque anche valvole roorzionali con comando elettrico diretto. L elettrovalvola roorzionale è solitamente utilizzata in sistemi di controllo controreazionati, ermettendo di regolare osizione o velocità o forza esercitate dal martinetto Fig Schema di funzionamento servovalvola La figura 4.24 mostra l installazione di una servovalvola che aziona un martinetto, collegato ad un trasduttore di osizione che genera un segnale di retroazione er il controllo dell inut alla servovalvola stessa. Fig Servovalvola Lo schema della figura 4.25 raresenta un esemio semlice di valvola ilota di bassa otenza, con riortato il circuito idraulico equivalente. Si tratta di una valvola a doio ugello con otturatore mobile. I due ugelli sono alimentati con ressioni uguali S, ma l otturatore uò sostarsi verso uno dei due ostacolandone l uscita del flusso e quindi variando i valori delle ressioni A e B. 4.18

19 Fig Raresentazione schematica di una valvola ilota a doio ugello con otturatore mobile In condizioni di equilibrio i unti A e B non sillano ortata, ertanto si ha: S [ K1 K 2 ] Q A [ K1 (1 ) K 2 ] QB dove QA e QB sono le ortate nei due rami. K1, K2 e (1-)K2 sono i coefficienti di erdita di carico nelle strozzature e un arametro adimensionale che assume valori attorno allo 0.5 in funzione del livello di otturazione dell ugello; svolgendo qualche conto si ottiene: K 2 S K1 0 A K1 K 2 ( 1 ) K 2 S K1 0 B K ( 1 ) K 1 2 che sono uguali er = 0.5 (otturatore in mezzo tra i due ugelli). Se 0 è iccolo risetto a s e K1 grande risetto a K2, A e B variano quasi linearmente con. 4.19

20 L otturatore è azionato da un segnale di ingresso, tiicamente un segnale elettrico tradotto attraverso un solenoide in una coia che viene contrastata da una molla. Una corrente inviata al solenoide determina quindi una rotazione dell otturatore e di conseguenza una differenza fra le ressioni A e B che a sua volta determina uno sostamento del cursore del distributore. Introducendo una retroazione, ad esemio con un collegamento elastico fra l otturatore e il cursore come in figura 4.26 o misurando lo sostamento del cursore ed inviando al solenoide un segnale roorzionale alla differenza fra il comando e lo sostamento ottenuto, si ottiene un ritorno dell otturatore nella osizione neutra con uno sostamento del distributore roorzionale al segnale di ingresso. Comunemente col nome di servovalvola si indica tutto il gruo costituito da organo di comando, valvola ilota, valvola rinciale e circuito di retroazione. La valvola ilota viene di solito miniaturizzata, ed il comlesso diventa un sistema leggero e oco ingombrante. Il vantaggio notevole di questo sistema è anzitutto il fatto che, essendo a due stadi, necessita di un segnale di ingresso di bassa otenza. Fig Servovalvola 4.20

21 4.8 Martinetti I martinetti, o cilindri idraulici, sono il tio di motore iù semlice utilizzato in camo idraulico. Funzionalmente ossono essere a semlice o doio effetto, a seconda che il fluido di alimentazione rovveda allo sostamento in un solo senso o in entrambi, e a singolo o doio stelo. Lo stelo uò essere semlice o assante. L ancoraggio uò essere sullo stelo o sul coro cilindrico. Fig Martinetto a semlice stelo, a doio stelo, telescoico Un tio articolare è il martinetto telescoico, che ermette di ottenere elevate corse con minimi ingombri. I martinetti ermettono con grande facilità di realizzare comandi rettilinei con qualsiasi legge di moto, senza ricorrere a comlicati cinematismi. Va tenuto resente erò che essi resentano dei roblemi se devono lavorare trasmettendo carichi flettenti; si referisce quindi utilizzare martinetti con cerniere alle estremità trasmettendo solo carichi assiali. La forza esercitata da un martinetto è ottenuta dell effetto delle ressioni sulle facce del istone; è data quindi da: F P A P A A a C b C S dove Ac è la sezione del cilindro e As la sezione dello stelo. La resenza delle necessarie guarnizioni fra il cilindro e il istone e fra lo stelo e il fondello creano degli attriti er cui in realtà la forza ottenibile dal martinetto è minore di quella teorica; la forza efficace uò essere raresentata attraverso un rendimento: Fig.4.28 Forza su martinetto F e F dove er si ossono avere valori sueriori al 95%. Al moto del martinetto sono inoltre collegate le ortate nelle due camere dalle relazioni: Q A x Q A B C A C A x S 4.21

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Valvola di strozzamento e non ritorno

Valvola di strozzamento e non ritorno Valvola di strozzamento e non ritorno RI 79/0.09 Sostituisce: 0.06 /6 Tipi MG e MK Grandezze nominali da 6 a 0 Serie X Pressione d'esercizio massima 5 bar Portata max. 400 l/min. K564- Sommario Indice

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 10 V GN 10 serie 1X pressione d esercizio max. 210 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94

Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 10 V GN 10 serie 1X pressione d esercizio max. 210 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94 RI 26 864/05.02 Sostituisce: 2.95 Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 0 V GN 0 serie X pressione d esercizio max. 20 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94 tipo ZDRK 0 VP5-X/ Sommario Caratteristiche

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.-

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.- Aunti di acustica ratica N 10.- 0140114 Uso delle costanti di temo nella tecnica fonometrica.- B.Abrami bruno.abrami@tin.it 1.- Premessa generale.- Nell estate del 010, avendo litigato con la fidanzata,

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli