Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO"

Transcript

1 Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO 1995

2 Lambro 1998 Vettabbia Seveso 2001

3 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Olona Bozzente Canale Villoresi Corso artificializzato dell Olona Rho-Milano Deviatore Olona Scolmatore Nord-Ovest Naviglio di Bereguardo Ticinello Lura Guisa Seveso Vettabbia Lambro S. Lambro M. Olona Inferiore Orio Litta

4 Aspetti qualitativi Progetto Piano di Gestione (AdBPo) Carta tematica: natura corpi idrici fiume Olona: corpo idrico altamente modificato T. Bozzente, Lura e Olona Inf.: corpi idrici naturali

5 Aspetti qualitativi Progetto Piano di Gestione (AdBPo) Carta tematica: stato ambientale attuale F. Olona: scadente / pessimo T. Bozzente: pessimo T. Lura: pessimo / scadente Olona Inf.: moderato

6

7

8

9 il grande progetto rinascimentale che lega le acque del Ticino a quelle dell Adda secondo il Bruschetti costituisce l' opera superiore ad ogni altra nella storia dell'arte fra tutte quelle dello stesso genere eseguite in Italia al secolo XV

10

11 fine XIX sec fine XX sec

12 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano

13 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano Il sistema è costituito dai corsi d acqua naturali ancorché fortemente modificati non solo nell assetto delle loro sezioni di deflusso, ma anche nel loro stesso tracciato All interno degli ambiti urbanizzati (Milano e hinterland) è presente un forte grado di interconnessione tra i corsi d acqua e i sistemi fognari e di drenaggio urbano Nel settore a sud di Milano è presente un forte grado di interconnessione con il fitto reticolo irriguo; ne consegue che la delimitazione dei bacini idrografici perde significato rispetto all assetto idraulico dominato dai comprensori di irrigazione e di bonifica

14 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano Il sistema dei navigli interessa il territorio compreso tra il Ticino, l'adda, i laghi prealpini e il Po, ed è costituito da 140 km di canali. Oggi tale sistema è diviso in due sottoinsiemi: 1. Il sistema Ticino-Milano-Po, composto dal Naviglio Grande, dal Naviglio di Bereguardo e dal Naviglio di Pavia 2. Il sistema Adda-Lambro-Po, composto dal Naviglio di Paderno, da un tratto dell Adda e dal Naviglio Martesana.

15 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. I sistemi fognari e di drenaggio urbano Il Canale Scolmatore di Nord Ovest (C.S.N.O.) raccoglie a monte di Milano, mediante i suoi due tronchi denominati rispettivamente "Ramo Seveso" e "Ramo Olona", parte delle portate di piena del Seveso, dei torrenti delle Groane (Garbogera, Pudiga, Nirone e Guisa), del fiume Olona e dei suoi affluenti (Lura e Bozzente), e le recapita nel Deviatore Olona, in prossimità del nodo di Vighignolo (Comune di Settimo Milanese), e nel fiume Ticino in comune di Abbiategrasso. Il Deviatore Olona deriva dal nodo di Vighignolo le prime e più inquinate scolmature provenienti dal "Ramo Seveso" e dal "Ramo Olona" del C.S.N.O., in modo da salvaguardare il fiume Ticino, e le recapita nel Lambro Meridionale appena a monte del nodo idraulico di Conca Fallata

16 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano Il sistema irriguo è composto dalla fittissima rete di rogge e canali che si diramano non solo dai Navigli ma anche dal Canale Villoresi. I reticoli irrigui alimentati dai Navigli e dal Villoresi approvvigionano l intera pianura lombarda interclusa tra Ticino, Adda e Po e cioè uno dei territori agricoli più ricchi e produttivi d Europa.

17 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano I sistemi fognari e di drenaggio urbano delle città presenti nel sottobacino sono interconnessi con i corsi d acqua naturali e con i canali artificiali, soprattutto attraverso gli scaricatori di piena. Per quanto riguarda la città di Milano, si ha che l intero sistema fognario è suddiviso in tre sottobacini, ognuno dei quali afferente ad un impianto di depurazione: Milano Sud, Nosedo e Peschiera Borromeo.

18 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto geomorfologico Quattro unità morfologiche omogenee: 1. zona montuosa, prealpina (A); 2. zona collinare e delle cerchie moreniche (B); 3. zona dei terrazzi (pianalti) ferrettizzati (C); 4. zona della pianura strictu senso (D). B C A B A Formazione dei terrazzamenti fluviali nella unità D C D D Schema semplificato della struttura geologica della Pianura Padana C

19 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idrogeologico Spessore cumulativo dei depositi poroso-permeabili ed aree di ricarica diretta potenziale (Geologia degli Acquiferi Padani della Regione Lombardia, 2002) Olona Lambro Merid. Olona Inf. Lo spessore cumulativo dei depositi poroso-permeabili risulta più elevato in corrispondenza di due direttrici principali, orientate circa NW-SE e parallele. È verosimile che dette direttrici riflettano i percorsi delle antiche fiumane pleistoceniche superiore (würmiane), di pertinenza dei bacini di Olona, Lambro Meridionale e Lambro

20 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idrogeologico Olona ALTA PIANURA FASCIA DEI FONTANILI 1 = limite settentrionale storico 2 = limite settentrionale attuale desunto dalle carte delle isopieze della Provincia di Milano al marzo 2008 e dalla carta della soggiacenza al marzo = limite meridionale 1 2 FASCIA DEI FONTANILI 3 BASSA PIANURA Lambro Merid. Olona Inf. Ubicazione dei fontanili attivi nel 1977

21 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Il tracciato della riconnessione fluviale (puntinato verde) insiste per la parte iniziale, compresa tra Rho e Settimo Milanese nord, in una zona in cui la falda freatica ha una soggiacenza relativamente elevata, maggiore di 5-10 metri. Il nuovo Olona andrà ad alimentare la falda. 1 Olona 2 ALTA PIANURA FASCIA DEI FONTANILI A partire dai settori meridionali del territorio di Settimo Milanese, il tracciato entra nella fascia dei fontanili, fino all incirca alla porzione settentrionale del territorio comunale di Zibido San Giacomo. Il nuovo Olona drenerà la falda. 3 BASSA PIANURA Per la restante parte meridionale il tracciato si sviluppa nella bassa pianura. Azione drenante fino Siziano, in cui la soggiacenza della prima falda è < 3 m Azione prevalentemente alimentante nella bassa pianura, tra Siziano e Vidigulfo, in cui la soggiacenza della prima falda è > 3 m Azione prevalentemente drenante tra Vidigulfo e Lardirago, in cui la soggiacenza della prima falda è < 3 m. Lambro Merid. Olona Inf.

22 Valorizzare i giacimenti patrimoniali i corsi d acqua come elementi identificativi di bacini in cui le reti che variamente si intrecciano in superficie e nel sottosuolo diventano matrici di riqualificazione paesaggistico/ambientale attraverso un doppio movimento : - restituire i corsi d acqua al territorio - restituire territorio ai corsi d acqua Regione Lombardia - IReR Bonifica, riconversione e valorizzazione ambientale del bacino dei fiumi Lambro, Seveso e Olona Linee orientative per un progetto integrato Progetto insediativo urbano-rurale Sottobacino Olona Lambro Quaderno INU n. 2, 1995 (a cura di A. Magnaghi) cercando di stabilire secondo un approccio partecipativo e di governance, una forte integrazione fra : - la pianificazione territoriale ai vari livelli (regionale, provinciale e comunale) - il PTUA (Programma di Tutela e Uso delle Acque) -le altre programmazioni di settore, in particolare il PAI e gli altri studi di AdBPo : - la programmazione agricola, delle aree protette e delle infrastrutture -la progettualità locale che opera con l obiettivo di restituire ai corsi d acqua la loro valenza storica di risorsa (produttiva, fruitiva, paesistica, culturale ecc.)

23 1995

24 2005

25 IL DEPURATORE DI NOSEDO

26 LA VALLE DELLA VETTABBIA RAGIONE INSEDIATIVA DI CHIARAVALLE

27 l eliminazione delle acque dal paesaggio urbano ha provocato non solo la perdita di un patrimonio storico culturale fondamentale ma anche una condizione di forte criticità del sistema idraulico

28 oggi ci sono i presupposti per un progetto in grado di rimettere a regime il sistema delle acque di Milano La situazione attuale La proposta

29

30 LA VALLE DELLA VETTABBIA RAGIONE INSEDIATIVA DI CHIARAVALLE

31 L ASSETTO ATTUALE DELL AREA E CIO CHE RESTA DELLA terra monasterii

32 RENDENDO VISIBILE CHIARAVALLE A GRANDE DISTANZA LA CIRIBICIACCOLA STABILISCE UNO STRETTO LEGAME CON IL TERRITORIO

33 L AREA CONSERVA GIACITURE DELL IMPIANTO ANTICO

34 LA FERROVIA (1867) NON PROVOCA SOLO LA DEFINITIVA DEMOLIZIONE DEI CHIOSTRI MA ANCHE UNA FORTE CESURA NELLE RELAZIONI TERRITORIALI

35 La regolarizzazione della Vettabbia L EMISSARIO DI NOSEDO (1890) REGOLARIZZA IL MARGINE ORIENTALE DELLA VALLE ASSUMENDO COME RIFERIMENTO LA TORRE NOLARE

36 LA CARA APPARIZIONE DELLA CIRIBICIACCOLA.

37 UN EVENTO EPOCALE : LA RINASCITA DELLA VETTABBIA DEPURATORE DI NOSEDO SCHEMA PLANIMETRICO DELL IMPIANTO

38 QUALITÀ DELLE ACQUE SUPERFICIALI PRIMA DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DEL SUD MILANO QUALITÀ DELLE ACQUE SUPERFICIALI DOPO DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DEL SUD MILANO

39 PROGETTO DELLE OPERE DI MITIGAZIONE E DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE DEL DEPURATORE DI NOSEDO : IL PARCO DELLA VETTABBIA ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO Marco Prusicki IDROGEOLOGIA, IDRAULICA Franco Zucchi Fiorenzo Innocenti Riccardo Massara ASPETTI ECOSISTEMICI E AGROFORESTALI Luca Bisogni Dario Pennati Sergio Malcevschi Alessandro Bianchi

40 1) riconosce e riconfigura la valle fluviale della Vettabbia/Seveso; 2) riesprime la centralità dell Abbazia e del borgo di Chiaravalle, rendendone riconoscibili, per quanto ancora possibile, le antiche relazioni con il territorio; 3) considera il polo depurativo come elemento fondamentale per la rigenerazione del sistema vallivo di bonifica; 4) recupera le acque depurate per uso irriguo, produttivo e paesistico; 5) riorganizza l attività agricola nell area con valenza ambientale; 6) favorisce il riassetto ecosistemico-multifunzionale dell intero ambito; 7) struttura un luogo fondamentale del sistema fruitivo, didattico e culturale del Parco Agricolo Sud Milano; 8) propone una molteplicità di funzioni per il recupero del patrimonio dell edilizia rurale interno all ambito di intervento.

41 IL SISTEMA DELLE ACQUE

42 IL SISTEMA AGROFORESTALE

43 IL SISTEMA DEI PERCORSI

44 I LUOGHI DEL PROGETTO : IL NOCETO

45 I LUOGHI DEL PROGETTO : IL SISTEMA DELLA ROGGIA ACCESSIO

46

47

48 I LUOGHI DEL PROGETTO : LO STAGNO DELL ACQUA RESA

49

50 I LUOGHI DEL PROGETTO : IL BOSCO UMIDO ( l ecosistema filtro)

51 I LUOGHI DEL PROGETTO : LA MARCITA DI CHIARAVALLE

52

53

54

55

56

57

58 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto GLI ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA PAESISTICA DEL BASSO MILANESE

59 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto SISTEMI DI PAESAGGIO la Vettabbia il Rile il Ticinello Il bosco di Chiaravalle il Cavo Taverna il Lambro Meridionale l ambito vallivo della Vettabbia l ambito agricolo del Cavo Taverna l ambito del Lambro Meridionale- Ticinello abbazia di Chiaravalle abbazia di Mirasole abbazia di Viboldone la via Emilia la via Ripamonti la via dei Missaglia Sesto Ulteriano Rozzano Opera

60 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto QUADRO DELLE TRASFORMAZIONI IN CORSO

61 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto UNA DIAGNOSI SULLO STATO DEL PAESAGGIO A F D B 1 Spostamento del tracciato ferroviario 2 Recupero Cava Tecchione C E G H 3 Recupero Fontanile Trinchè A-B Lotti di completamento del Piano Case C Ampliamento sede Istituto Europeo dei Tumori D Progetto di Città dello Sport E Opere di inserimento ambientale del depuratore di Nosedo F Intervento di espansione terziario-residenziale Santa Giulia G Intervento di espansione prevalentemente residenziale a San Donato Milanese H Laboratorio Quartieri Certosa e Di Vittorio a San Donato Milanese L Intervento di recupero e trasformazione residenziale nella frazione di Viboldone L CARTA DEI LIVELLI DI CRITICITA PAESISTICA E AMBIENTALE rapporto tra fattori di pressione e fattori di sensibilità

62 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO A 2 Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto LO SCENARIO STRATEGICO PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESISTICA DELLA VALLE DELLA VETTABBIA INTENDE CONTRIBUIRE ALLA COSTRUZIONE DI UN NUOVO PAESAGGIO COMPLESSO DI ALTA A QUALITA DEL BASSO MILANESE 1 IReR A Chiaravalle: la rinascita delle acque B 1 B 2 C1 C 2 B Sesto Ulteriano: la rinascita del suolo C Viboldone: la rinascita dei borghi IL PARCO DELLA VETTABBIA : CHIARAVALLE, SESTO ULTERIANO,VIBOLDONE

63 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto - IL PARCO DELLA VETTABBIA : CHIARAVALLE, LA RINASCITA DELLE ACQUE

64 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto IL PARCO DELLA VETTABBIA : CHIARAVALLE, LA RINASCITA DELLE ACQUE

65 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Promuovere interventi di valorizzazione del sistema delle acque e in particolare della Vettabbia attraverso riqualificazioni morfologiche associate a imboschimenti -Rafforzare la rete dei collegamenti ciclopedonali in particolare il sedime della ferrovia in dismissione anche per riconfigurare le aree di pertinenza dell Abbazia -Assegnare all agricoltura funzioni polivalenti, ecologiche e fruitive. -Incentivare la ricostruzione delle fasce ripariali lungo i corsi d acqua, il trattamento diffuso con elementi lineari arborei secondo le trame storiche -Utilizzare gli interventi di mitigazione di impatto ambientale della TAV per ricostruire una parte della trama storica dei filari -Creare fasce alberate (filari o siepi) lungo i margini della valle anche al fine di ridefinire i margini urbani incompiuti (in particolare prevedere un intervento di imboschimento nella fascia a sud della cascina Bagnolo)

66 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Promuovere interventi di valorizzazione del sistema delle acque e in particolare della Vettabbia attraverso riqualificazioni morfologiche associate a imboschimenti -Rafforzare la rete dei collegamenti ciclopedonali in particolare il sedime della ferrovia in dismissione anche per riconfigurare le aree di pertinenza dell Abbazia -Assegnare all agricoltura funzioni polivalenti, ecologiche e fruitive. -Incentivare la ricostruzione delle fasce ripariali lungo i corsi d acqua, il trattamento diffuso con elementi lineari arborei secondo le trame storiche -Utilizzare gli interventi di mitigazione di impatto ambientale della TAV per ricostruire una parte della trama storica dei filari -Creare fasce alberate (filari o siepi) lungo i margini della valle anche al fine di ridefinire i margini urbani incompiuti (in particolare prevedere un intervento di imboschimento nella fascia a sud della cascina Bagnolo) -Promuovere la definizione di un importante nodo della fruizione legato al recupero ambientale delle cave Tecchione, progettando unitariamente il recupero della cascina, i laghi di cava, le aree esterne, la riqualificazione del nodo idraulico all intersezione tra il Cavo Annoni e la Roggia Taverna, con interventi di imboschimento e il recupero del fontanile Trinchè; anche per creare un nodo del sistema di alto valore naturalistico e fruitivo -Creare al Mulino Nuovo un centro servizi per la zona industriale

67 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Promuovere interventi di valorizzazione del sistema delle acque e in particolare della Vettabbia attraverso riqualificazioni morfologiche associate a imboschimenti -Rafforzare la rete dei collegamenti ciclopedonali in particolare il sedime della ferrovia in dismissione anche per riconfigurare le aree di pertinenza dell Abbazia -Assegnare all agricoltura funzioni polivalenti, ecologiche e fruitive. -Incentivare la ricostruzione delle fasce ripariali lungo i corsi d acqua, il trattamento diffuso con elementi lineari arborei secondo le trame storiche -Utilizzare gli interventi di mitigazione di impatto ambientale della TAV per ricostruire una parte della trama storica dei filari -Creare fasce alberate (filari o siepi) lungo i margini della valle anche al fine di ridefinire i margini urbani incompiuti (in particolare prevedere un intervento di imboschimento nella fascia a sud della cascina Bagnolo) -Promuovere la definizione di un importante nodo della fruizione legato al recupero ambientale delle cave Tecchione, progettando unitariamente il recupero della cascina, i laghi di cava, le aree esterne, la riqualificazione del nodo idraulico all intersezione tra il Cavo Annoni e la Roggia Taverna, con interventi di imboschimento e il recupero del fontanile Trinchè; anche per creare un nodo del sistema di alto valore naturalistico e fruitivo -Creare al Mulino Nuovo un centro servizi per la zona industriale -Avviare iniziative per lo spostamento interramento degli elettrodotti in particolare delle linee trasversali

68 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto IL PARCO DELLA VETTABBIA : SESTO ULTERIANO, LA RINASCITA DEL SUOLO

69 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Promuovere azioni di controllo delle portate meteoriche in ambito urbano e di riqualificazione del ciclo dell acqua per ridurre le attuali criticità idrauliche (verde pensile sui tetti di edifici nuovi o esistenti, Stormwater wetland) -Riqualificare le fasce spondali del tratto della Vettabbia -Promuovere la realizzazione del parco della Campagnetta (aree ex canale navigabile), verificando l ipotesi di creazione di un ramo secondario della Vettabbia e migliorando le relazioni ciclopedonali a nord verso via Buozzi, il nuovo quartiere San Francesco, la Cascina Bagnolo e la Vettabbia, e a sud con l area della Cascina di Sesto Gallo -Potenziare le alberature nella fascia di salvaguardia tra la zona residenziale di Sesto e il tessuto produttivo utilizzando le aree verdi attrezzate già esistenti e il cavo Marocco -trattare i margini edificati incompiuti con filari di alberatura o siepi -Promuovere interventi di riqualificazione urbanistica e edilizia soprattutto della parte di tessuto produttivo di prima formazione (tra l autostrada e la Cascina Sesto Gallo) anche con cambi di destinazione d uso e sviluppando relazioni con la Vettabbia e con il parco della Campagnetta -Riorganizzare e riqualificare le sedi stradali e il sistema viario delle connessioni con la rete stradale principale -Incentivare progetti di restyling dei capannoni industriali e delle insegne in particolare lungo il tracciato autostradale -Incentivare comportamenti aziendali attenti alla qualità ambientale e alla riduzione dei carichi inquinanti (EMAS d area )

70 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto IL PARCO DELLA VETTABBIA : VIBOLDONE, LA RINASCITA DEI BORGHI

71 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Creare una fascia boscata lungo la Vettabbia e interventi morfologici differenziati puntuali sull alveo che contribuiscano anche al miglioramento della qualità delle acque depurate -Valorizzare le potenzialità paesistiche ambientali e fruitive del sistema delle rogge tra Mulino Torretta e Viboldone, avviando anche opere di rinaturalizzazione e di rafforzamento della vegetazione con costruzione di filari e macchie lungo il reticolo minore -Riqualificare la fascia fra la via Emilia e la ferrovia anche con il rafforzamento dei filari di alberatura -Incentivare la creazione di un sistema diffuso a densità differenziata di siepi e filari in rafforzamento della maglia storica anche finalizzati alla mitigazione delle infrastrutture -Creare una rete di percorsi ciclopedonali utilizzando e connettendo i tracciati, anche poderali e interpoderali esistenti, in particolare una strada parco ad anello al servizio dei borghi (viabilità/trasporto pubblico/percorso ciclopedonale) -Recuperare e riqualificare i borghi e l edilizia rurale con interventi di alta qualità ambientale (VIBOLDONE, MONTONE, MEZZANO, PEDRIANO, OCCHIO, SELMO, SESTOGALLO, Mulino Torretta, Mulino Vettabiolo) -Formare un area a parco pubblico tra la Cascina Sesto Gallo e Civesio/Civesino a nord del nuovo tratto viabilistico, in continuità con la Campagnetta -Valorizzare le potenzialità di connessione offerte dalla previsione di una nuova stazione ferroviaria del Servizio Ferroviario Regionale -Avviare iniziative per lo spostamento interramento degli elettrodotti in particolare delle linee trasversali.

72 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Creare una fascia boscata lungo la Vettabbia e interventi morfologici differenziati puntuali sull alveo che contribuiscano anche al miglioramento della qualità delle acque depurate -Valorizzare le potenzialità paesistiche ambientali e fruitive del sistema delle rogge tra Mulino Torretta e Viboldone, avviando anche opere di rinaturalizzazione e di rafforzamento della vegetazione con costruzione di filari e macchie lungo il reticolo minore -Riqualificare la fascia fra la via Emilia e la ferrovia anche con il rafforzamento dei filari di alberatura -Incentivare la creazione di un sistema diffuso a densità differenziata di siepi e filari in rafforzamento della maglia storica anche finalizzati alla mitigazione delle infrastrutture -Creare una rete di percorsi ciclopedonali utilizzando e connettendo i tracciati, anche poderali e interpoderali esistenti, in particolare una strada parco ad anello al servizio dei borghi (viabilità/trasporto pubblico/percorso ciclopedonale) -Recuperare e riqualificare i borghi e l edilizia rurale con interventi di alta qualità ambientale (VIBOLDONE, MONTONE, MEZZANO, PEDRIANO, OCCHIO, SELMO, SESTOGALLO, Mulino Torretta, Mulino Vettabiolo) -Formare un area a parco pubblico tra la Cascina Sesto Gallo e Civesio/Civesino a nord del nuovo tratto viabilistico, in continuità con la Campagnetta -Valorizzare le potenzialità di connessione offerte dalla previsione di una nuova stazione ferroviaria del Servizio Ferroviario Regionale -Avviare iniziative per lo spostamento interramento degli elettrodotti in particolare delle linee trasversali

73 SAN GIULIANO MILANESE PGT LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO AGRICOLO URBANO DELLA VETTABBIA ottobre 2008

74 SAN GIULIANO MILANESE PGT LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO AGRICOLO URBANO DELLA VETTABBIA - ottobre ha 46 ha

75 SAN GIULIANO MILANESE PGT LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO AGRICOLO URBANO DELLA VETTABBIA ottobre Marco Prusicki, Francesca Simonetti IL SISTEMA DELLE ACQUE Interventi valorizzazione del sistema delle acque attraverso riqualificazioni morfologiche associate a rimboschimenti, incentivazione della ricostruzione delle fasce ripariali, in particolare: La Vettabbia. Interventi di rinaturalizzazione e ricostruzione delle fasce ripariali, finalizzati anche al miglioramento della qualità delle acque depurate e creazione, tra il tracciato ferroviario Alta Capacità e la Vettabbia nel tratto tra la cascina Montone e la cascina Occhiò, di un bosco planiziale. Il sistema roggia Mornera-cavo Pedriano : interventi di piantumazione per la creazione di una fascia di mitigazione dell autostrada. IL CUORE DEL PARCO Creazione di una zona del parco ad elevata fruizione tra il Molino Torretta, Civesino e Viboldone, con interventi di riqualificazione dei manufatti idraulici, interventi di piantumazione e imboschimento e realizzazione di attrezzature per l uso pubblico, coerenti con gli obiettivi di mantenimento e valorizzazione dei caratteri storici del paesaggio agrario GLI ACCESSI E I PERCORSI CICLOPEDONALI Realizzazione/riqualificazione dei punti di collegamento del parco con il tessuto urbano e la parte ad est della via Emilia Borgolombardo, collegamento con la dorsale verde di San Giuliano stazione ferroviaria esistente, collegamento con la città stazione ferroviaria di nuova realizzazione, collegamento con il polo commerciale e la zona del Parco della Battaglia con Molinazzo, collegamento con il sistema del Lambro (cascina Santa Brera) cascina Rampina, collegamento con il sistema del Lambro (Rocca Brivio) (già previsto dal PGTU) Creazione di un itinerario di fruizione ciclopedonale del parco integrando i tracciati già esistenti, dei quali si prevede la riqualificazione (in particolare il tracciato storico di collegamento Civesio-Pedriano), con alcuni brevi tratti di nuova realizzazione: Eventuale integrazione del sistema dei parcheggi tenendo conto di quelli esistenti e previsti IL FRONTE SULLA VIA EMILIA Riqualificazione della fascia compresa tra la via Emilia e la ferrovia storica (tratta Milano-Codogno), con interventi di piantumazioni, realizzazione di orti urbani, miglioramento dell assetto paesistico delle aree attualmente considerate degradate. I CAMPI AGRICOLI Mantenimento dell agricoltura con attribuzione di un ruolo multifunzionale per una gestione sostenibile delle attività agricole in termini di tutela della qualità delle acque e dei suoli agricoli, della salvaguardia della biodiversità e di valorizzazione del paesaggio agrario (attività agricole a basso impatto ambientale, mantenimento e incremento delle coltivazioni estensive) e incremento della vegetazione a siepe e filare per rafforzare gli orientamenti della maglia agricola storica e per aumentare l effetto di mitigazione paesistico e ambientale delle infrastrutture della mobilità

76 SAN GIULIANO MILANESE PGT LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO AGRICOLO URBANO DELLA VETTABBIA ottobre Marco Prusicki, Francesca Simonetti Il parco costirtuisce progetto di riqualificazione paesaggistica e ambientale in attuazione degli obiettivi : dell art.102 bis L.R. n. 12/2005 (Norme speciali relative alle aree limitrofe alle infrastrutture della mobilità ) del PTC del Parco Regionale Agricolo Sud Milano, relativi ai Territori agricoli di cintura metropolitana e alle zone di tutela e valorizzazione paesistica del Programma di sviluppo rurale (PSR) approvata dalla Commissione europea il 18 ottobre 2007 in particolare Asse 2 dell Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale (AQST) Contratto di fiume Seveso sottoscritto il 16 dicembre 2006 dal Comune di San Giuliano Milanese del Protocollo di Intesa per la progettazione e l accompagnamento del processo atto per la realizzazione del Progetto Abbazie - Programma di riqualificazione dei sistemi paesistici abbaziali di Chiaravalle, Mirasole, Monluè, Viboldone, Morimondo e della Certosa di Pavia nella pianura irrigua milanese, sottoscritto il 30 maggio 2008 dell azione pilota del progetto LOTO (Landscape Opportunities of Territorial Organization) promossa e coordinata dalla Regione Lombardia nell ambito del progetto di cooperazione transnazionale del 2005

77

78 2009

79 IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto

80 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Olona Bozzente Canale Villoresi Corso artificializzato dell Olona Rho-Milano Deviatore Olona Scolmatore Nord-Ovest Naviglio di Bereguardo Ticinello Lura Guisa Seveso Vettabbia Lambro S. Lambro M. Olona Inferiore Orio Litta

81 Il progetto regionale di riconnessione del bacino dell Olona Regione Lombardia e Autorità di Bacino del fiume Po perseguono un ampia riqualificazione dell intero bacino fluviale attraverso la proposta di riconnessione dei corsi d acqua Olona, Bozzente e Lura con l Olona Inferiore e il Po, in modo da ritrovare gli antichi schemi di deflusso idrico in un ottica di alleggerimento del nodo idraulico di Milano e di traino verso la costituzione di una nuova valle di acque. Il progetto prevede la riqualificazione paesaggistico/ambientale della porzione di territorio delle valli di Olona e Lura tra i Comuni di Rho/Pero e i Comuni di Binasco/Lacchiarella, a partire dalla riqualificazione e riconfigurazione dei corsi d acqua del reticolo idrografico L intervento di riconnessione assume la valenza di Azione strategica pilota che si svilupperà all interno del processo partecipativo già avviato con la sottoscrizione dell Intesa 2007 tra Regione Lombardia, Comune di Milano, Province di Milano, Varese, Como, Monza e Brianza, Lecco, Lodi, Pavia per la governance delle trasformazioni paesaggistico-ambientali del sottobacino Olona/Lambro

82 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Autostrade Ferrovie Canale Villoresi Corso artificializzato dell Olona Rho-Milano Deviatore Olona Scolmatore Nord-Ovest Naviglio di Bereguardo Ticinello Olona Meridionale Olona Bozzente Lura Guisa Fiume Olona Torrente Lura Progetto di Riconnessione Olona-Lura come azione strategica di valenza strutturale per l intero bacino

83 Aspetti generali d impostazione e di svolgimento dello studio Finalità ed obiettivi Definire gli interventi volti a ricostruire il bacino proprio dell Olona fino alla confluenza naturale in Po, riconnettendo i fiumi Olona, Bozzente e Lura con l Olona Inferiore e quindi con il Po. Gli obiettivi strategici posti alla base della proposta di riconnessione sono principalmente i seguenti: riqualificazione dei corsi d acqua Olona, Bozzente e Lura e dei relativi ambiti fluviali, attraverso il recupero della continuità longitudinale dei corsi d acqua interrotta artificialmente in epoca storica riduzione delle portate di piena attualmente afferenti alla città di Milano con conseguente riduzione del rischio idraulico miglioramento della qualità dei corsi d acqua, anche attraverso l incremento della capacità autodepurativa dei corsi d acqua riqualificazione paesaggistica e ambientale della zona ovest del Comune di Milano (Muggiano) e di alcuni comuni della provincia milanese (Rho, Settimo Milanese, Cusago, Trezzano sul Naviglio, Zibido San Giacomo, Lacchiarella) recupero delle funzioni del reticolo irriguo dei cavi e dei fontanili incremento della vegetazione ripariale e delle fasce tampone (autodepurazione e biodiversità) trasformazione di vaste aree strategiche del territorio rurale e urbano in un nuovo sistema agroforestale multifunzionale con particolari valenze naturalistiche, ambientali, paesistiche, fruitive e turistiche integrazione dell approvvigionamento idrico per lo sviluppo del settore agricolo presente nell area Sud-Ovest della Provincia di Milano

84 1995

85 AMBITI, SISTEMI ED ELEMENTI DI RILEVANZA PAESAGGISTICA AMBITI, AREE, SISTEMI ED ELEMENTI DI DEGRADO PAESAGGISTICO L azione pilota per la riqualificazione paesaggistico-ambientale riconnessione dei corsi d acqua, ricomposizione del sistema irriguo e, più in generale,dell assetto territoriale riguarda l Unità di sottobacino Olona/Bozzente/Lura del sottobacino del Po Lambro-Olona, nel settore occidentale del sistema territoriale milanese RILEVANZE PAESAGGISTICO-AMBIENTALI DI TIPO: DEGRADO PAESAGGISTICO-AMBIENTALE IN ESSERE O A RISCHIO DOVUTO A: NATURALISTICO-AMBIENTALI Elevata presenza di risorgive Presenza diffusa di palealvei che testimoniano l originaria continuità del sistema idrografico principale dell Olona costituito da Olona superiore e Olona inferiore; Consistente presenza di spazi aperti/aree agricole interamente comprese nel Parco Sud Milano costituenti aree di supporto/elemento di primo livello della rete ecologica regionale, in parte considerati ambiti di rilevanza paesaggistica Presenza di due aree boscate residuali tutelate (riserva regionale fontanile nuovo e SIC bosco di Cusago) Presenza di cave in parte già recuperate STORICO-CULTURALI forte persistenza dell impianto antico della centuriazione del milanese (ager mediolanensis) che caratterizza sia gli orientamenti e gli elementi degli spazi aperti agricoli che la morfologia dei centri urbani e della parte ovest della città di Milano impostata sull asse del Lorenteggio (decumanus maximus -strada per Abbiategrasso) attraversamento in senso trasversale dell antico tracciato della strada per Vercelli attraversamento in senso trasversale del Naviglio Grande presenza di alcuni nuclei storici di maggiore consistenza nella parte a nord del Naviglio e di piccoli nuclei rurali diffusi nel restante territorio sulla maglia stradale minore presenza di parchi di eccezionale valore paesistico e fruitivo DISSESTI IDROGEOLOGICI / CALAMITA URBANIZZAZIONE forte presenza delle reti infrastrutturali della mobilità sia su gomma (A7, A4) che su ferro ( TAV, ferrovia) con effetti di frammentazione ecosistemica e d uso e cancellazione/omologazione elementi identitari formazione di conurbazioni sia lungo i tracciati di collegamento territoriale (in part.lungo la Vigevanese) che come saldatura di centri urbani (lungo la tangenziale) forte presenza di aree produttive e logistiche Scarsa qualità paesistico-ambientale delle opere idrauliche (Scolmatore di N-O, Derivatore Olona) presenza di ambiti di cave PRODUZIONE AGRICOLA Cerealicola e foraggera periurbana in parco sud e nei piani di cintura urbana sottoposta a pressioni insediative???? ABBANDONO presenza di alcuni ambiti di cava dismessi aree industriali in fase di riconversione (???italtel settimo milanese) CRITICITA AMBIENTALE inquinamento atmosferico Qualità delle acque

86 O L O N A Busto Arsizio Grandate Saronno S E V E S O L A M B R O Carugate Locate Melegnano Lacchiarella S.Angelo Lodigiano Si tratta di un area a fortissima dinamica di sviluppo

87 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura - Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Si tratta di un area a fortissima dinamica di sviluppo, dove le tendenze evolutive sono declinabili in riferimento a molti grandi progetti di trasformazione PLIS del bacino Olona- Bozzente-Lura Nuovi sistemi verdi multifunzionali Pedemontana Greenway del Villoresi Dorsale verde Parco Agricolo Sud Milano Proposta di piano di Cintura Urbana 1 Plis basso Olona rhodense Parco dei 5 comuni Parco delle risaie Progetto Abbazie PLIS valle fiume Po Percorsi Verdi nel Basso Pavese (Olona Inferiore) PTRA navigli IL PARCO DELLE RISAIE Parco vie acqua

88 O L O N A Grandate S E V E S O L A M B R O Aree sottoposte a maggiore pressione insediativa Busto Arsizio Saronno Pianura asciutta sopra il canale villoresi Carugate Pianura asciutta sotto al canale villoresi PROPOSTA DI VALORIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEL BACINO OLONA/LURA Pianura irrigua delle sorgenti Locate Melegnano Lacchiarella IN UN QUADRO DI RIASSETTO IDROGEOLOGICO COMPLESSIVO DELLA VALLE DELL OLONA S.Angelo Lodigiano Pianura irrigua limosa

89 PTCP Milano Aree di valorizzazione paesaggistica Progetto di riconnessione Lura Olona Parco Agricolo Sud Milano Zona di tutela e valorizzazione paesistica Parco Agricolo Sud Milano Zone di transizione tra aree della produzione agraria e zone di interesse naturalistico PTCP Milano Fasce fluviali paesaggistiche PLIS e Riserve Foreste di Pianura

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Comune di Milano La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Dott.ssa Annalisa Gussoni Settore Attuazione Politiche Ambientali Comune di Milano Necessità di passare da politiche di tutela delle

Dettagli

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano D. Fossati U.O. Difesa del suolo Dalle esondazioni alla sicurezza idraulica

Dettagli

EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua

EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua Ing. Antonio Acerbo Verso Expo 2015 Dare l acqua-> moltiplicare il cibo: il ruolo e l impegno dei Consorzi di bonifica e di irrigazione Milano, 27 Novembre 2013 www.expo2015.org

Dettagli

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Dighe del PANPERDUTO (Somma Lombardo) Museo dell irrigazione PARABIAGO CASSANO D ADDA MONZA EXPO 2015 ABBIATEGRASSO LODI PAVIA

Dettagli

La nascita del Sistema

La nascita del Sistema La nascita del Sistema 1156 : Guglielmo da Guintellino comincia i lavori di un fossato per scopi di difesa militare intorno alle mura Romane in previsione dell invasione del Barbarossa (che in totale scenderà

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio Progetto Abbazie Programma di riqualificazione dei sistemi paesistici abbaziali di Chiaravalle, Mirasole, Monlue, Viboldone, Morimondo, e della Certosa di Pavia nella pianura irrigua milanese Stefano Agostoni

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente : i piani di intervento sulla rete dei canali Arch. Laura Burzilleri, Direttore Generale

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO Le politiche di bacino ed il contesto nel quale si colloca l intervento di laminazione di Bregnano-Lomazzo Dario Fossati Regione Lombardia DG

Dettagli

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 2) Procedere GRADUALMENTE alla riattivazione idraulica e paesaggistica del SISTEMA DEI NAVIGLI 3) Attraverso un PROGETTO DI FATTIBILITÀ

Dettagli

G i u g n o 2 0 1 3 AUTORITÀ AMBIENTALE DI REGIONE LOMBARDIA

G i u g n o 2 0 1 3 AUTORITÀ AMBIENTALE DI REGIONE LOMBARDIA G i u g n o 2 0 1 3 AUTORITÀ AMBIENTALE DI REGIONE LOMBARDIA 1 Autorità Ambientale regionale Filippo Dadone D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Elisabetta Pozzoli D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo

Dettagli

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014 Organismo di Sorveglianza Milano, 25giugno 2014 PAR-FSC 2007-2013 Linea di azione 1.4.1 Infrastrutture e tecnologie per la sicurezza idraulica (priorità per la messa in sicurezza dell area Expo, con valorizzazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

SEVESO IN COMUNE DI SENAGO(MI) MI-E-789

SEVESO IN COMUNE DI SENAGO(MI) MI-E-789 ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA SALVAGUARDIA IDRAULICA E LA RIQUALIFICAZIONE DEI CORSI D ACQUA DELL AREA METROPOLITANA MILANESE BACINO DEL TORRENTESEVESO: LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA VASCA DI LAMINAZIONE

Dettagli

GESTIONE DELLE CRITICITÀ ATTUALI E FUTURE DEL TERRITORIO DI EXPO 2015

GESTIONE DELLE CRITICITÀ ATTUALI E FUTURE DEL TERRITORIO DI EXPO 2015 GESTIONE DELLE CRITICITÀ ATTUALI E FUTURE DEL TERRITORIO DI EXPO 2015 In quale modo la massiccia urbanizzazione contribuisce al degrado idrico-ambientale di un territorio? Quali s de vengono poste agli

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

CAPITOLO 1. Idrografia, idrologia ed idrogeologia della valle del Fiume Lambro. Figura 2: Il tratto brianzolo del corso del Fiume Lambro

CAPITOLO 1. Idrografia, idrologia ed idrogeologia della valle del Fiume Lambro. Figura 2: Il tratto brianzolo del corso del Fiume Lambro CAPITOLO 1 Idrografia, idrologia ed idrogeologia della valle del Fiume Lambro Figura 2: Il tratto brianzolo del corso del Fiume Lambro Il Lambro ha le proprie sorgenti nell incontro tra i monti dei due

Dettagli

Milano metropoli rurale. Un progetto di valorizzazione delle acque per la neo-ruralizzazione del sistema territoriale milanese

Milano metropoli rurale. Un progetto di valorizzazione delle acque per la neo-ruralizzazione del sistema territoriale milanese Milano metropoli rurale. Un progetto di valorizzazione delle acque per la neo-ruralizzazione del sistema territoriale milanese SCIENZE DEL TERRITORIO Mariella Borasio, Marco Prusicki 1. Una strategia condivisa

Dettagli

Risorse naturali comuni

Risorse naturali comuni Aalborg Commitment 3 Ci impegniamo ad assumerci la piena responsabilità per la protezione, la conservazione e la disponibilità per tutti delle risorse naturali comuni. Lavoreremo quindi, in tutta la nostra

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008 OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO DEI PARCHI DEL PO E DELLA COLLINA TORINESE WORKING PAPER 06/2008 Un piano strategico per il fiume Po Dipartimento Interateneo Territorio Politecnico e Università di Torino INDICE

Dettagli

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Il PGT DI CINISELLO BALSAMO: UN PROGETTO DI CITTA ABITABILE

Dettagli

Il documento preliminare ha posto il seguente obiettivo generale per la Rete Ecologica provinciale:

Il documento preliminare ha posto il seguente obiettivo generale per la Rete Ecologica provinciale: RELAZIONE SULLA RETE ECOLOGICA Premessa Per la conservazione della natura in passato si è ritenuto sufficiente prevedere l istituzione di aree protette svincolate dal restante terrirorio quali isole dedicate

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO COMUNE DI STAGNO LOMBARDO PROVINCIA DI CREMONA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA SINTESI NON TECNICA (Allegato del Rapporto Ambientale) 26

Dettagli

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848)

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848) COMUNE DI BARLASSINA Provincia di MILANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/1566/05 Integrazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Lambro pulito, Lambro sicuro Contratto fiume Lambro settentrionale URBAN CENTER di Monza Milano, 7 marzo 2015 Ing. Gaetano LA MONTAGNA Responsabile

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il nuovo Piano di Governo del Territorio

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il nuovo Piano di Governo del Territorio Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il nuovo Piano di Governo del Territorio (PGT) di Milano La città di Milano come paradigma La città

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE NORME DI ATTUAZIONE I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE LA RETE ECOLOGICA...2 Definizioni: la rete ecologica...2 La rete ecologica di livello provinciale...2 Cartografia...3 Finalità e obiettivi...3

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

Tangenziale Nord. Insediamento urbano lineare. SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7. Parte I: Stato di fatto scala 1:5000. Legenda

Tangenziale Nord. Insediamento urbano lineare. SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7. Parte I: Stato di fatto scala 1:5000. Legenda Insediamento urbano lineare Tangenziale Nord SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7 CTG 01- Tutele e Vincoli Ambientali CTG 02- Emergenze culturali, storiche e paesaggistiche CTG 03- Rispetti e Limiti all'edificabilità

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

Studio per la riqualificazione fluviale del fiume Lambro nel Comune di Carate Brianza (opportunità Fiume Lambro 16 )

Studio per la riqualificazione fluviale del fiume Lambro nel Comune di Carate Brianza (opportunità Fiume Lambro 16 ) Studio per la riqualificazione fluviale del fiume Lambro nel Comune di Carate Brianza (opportunità Fiume Lambro 16 ) Azione Lambro 16 INDICE 1. PREMESSA 2. INDIRIZZI DI RIQUALIFICAZIONE E CONTENIMENTO

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Descrizione degli studi di fattibilità di quattro aree significative Giugno 2011 Aree interessate

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

CRITICITÀ E TENDENZE ATTUALI NELLA GESTIONE DELLE ACQUE URBANE

CRITICITÀ E TENDENZE ATTUALI NELLA GESTIONE DELLE ACQUE URBANE CRITICITÀ E TENDENZE ATTUALI NELLA GESTIONE DELLE ACQUE URBANE Alessandro Paoletti, Politecnico di Milano, Diiar, Sezione Cimi. Stefano Croci, Studio Paoletti Ingegneri Associati, Etatec, Milano. Nei territori

Dettagli

SRATEGIE PER LA GESTIONE DEI BACINI IDROGRAFICI E LA RIDUZIONE DEI RISCHI

SRATEGIE PER LA GESTIONE DEI BACINI IDROGRAFICI E LA RIDUZIONE DEI RISCHI 1 GREEN FORUM Dalle esondazioni alla sicurezza del territorio SRATEGIE PER LA GESTIONE DEI BACINI IDROGRAFICI E LA RIDUZIONE DEI RISCHI Tra Ticino e Adda: gli aspetti idraulici nella pianificazione di

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

S INTESI DEI RISULTATI

S INTESI DEI RISULTATI S INTESI DEI RISULTATI I risultati delle analisi biologiche sono riassunti nella pagina successiva, dove sono riportate una carta con l indicazione delle classi di qualità raggiunte dalle stazioni monitorate

Dettagli

Intorno alla città: il territorio si racconta San Donato Milanese e San Giuliano Milanese a.s. 2014/2015

Intorno alla città: il territorio si racconta San Donato Milanese e San Giuliano Milanese a.s. 2014/2015 Intorno alla città: il territorio si racconta San Donato Milanese e San Giuliano Milanese a.s. 2014/2015 Progetto di collaborazione tra Istituto Comprensivo Libertà, Scuola Secondaria di I Grado De Gasperi

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI PAVIA Comune di Badia Pavese. Presentazione proposta di P.g.t.

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI PAVIA Comune di Badia Pavese. Presentazione proposta di P.g.t. REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI PAVIA Comune di Badia Pavese V.a.s. Conferenza Conclusiva - 01 Dicembre 2010 Presentazione proposta di P.g.t. Relatori: Arch. Franco Gorrini Arch. Agostino Marinoni PIANO

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

COMUNE DI FIESCO Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano del PGT Sintesi non tecnica _ SnT TerrAria srl VAS

COMUNE DI FIESCO Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano del PGT Sintesi non tecnica _ SnT TerrAria srl VAS COMUNE DI FIESCO Provincia di Cremona_ Regione Lombardia Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano del PGT Sintesi non tecnica _ SnT Autorità procedente Amministrazione Comunale Autorità

Dettagli

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l 2015 MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 LE OPERE ESSENZIALI (FONDI STATALI EXPO) PRIVATI PREVISTI COMUNI PROVINCIA REGIONE INTERVENTI

Dettagli

Sommario. Elenco tavole

Sommario. Elenco tavole Sommario PARTE 1: CORSO E ANALISI DEL TORRENTE SEVESO 3 1 Premessa 6 2 Introduzione al corso 7 2.1 Il Programma Provinciale di riqualificazione dei corsi d acqua 7 2.2 Natura e fini del corso 7 2.3 Destinatari

Dettagli

La gestione sostenibile delle acque meteoriche

La gestione sostenibile delle acque meteoriche Seminario: La manutenzione dei collettori di fognatura per un moderno ed efficace sistema di drenaggio urbano prof. ing. Alessandro Paoletti Politecnico di Milano Centro Studi Idraulica Urbana Casa del

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dott. Massimo Lazzarini Direttore Area Programmazione ---- Padova 20 marzo 2013 Le acque del Comprensorio di

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

AREA SUD MILANO Uno scenario strategico di riqualificazione paesisitica del Basso Milanese

AREA SUD MILANO Uno scenario strategico di riqualificazione paesisitica del Basso Milanese AREA SUD MILANO Uno scenario strategico di riqualificazione paesisitica del Basso Milanese Marco Prusicki NOTA INTRODUTTIVA L azione pilota affronta il tema della gestione paesisticamente attenta delle

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

Piano di Governo del Territorio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del Documento di Piano

Piano di Governo del Territorio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del Documento di Piano COMUNE DI DAIRAGO PROVINCIA DI MILANO Piano di Governo del Territorio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del Documento di Piano RAPPORTO AMBIENTALE SINTESI NON TECNICA A cura di: Stefano Franco ingegnere

Dettagli

Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013

Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013 Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013 Al Comune di Azzano San Paolo Piazza IV Novembre Alla Autorità procedente Alla Autorità competente Cap. 24052 comuneazzanosanpaolo@pec.it Al Comune di Zanica Via Roma, 35

Dettagli

DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO. del 25.06.2015 Rep. Gen. n. 201/2015 Atti n. 160981\7.4\2009\244

DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO. del 25.06.2015 Rep. Gen. n. 201/2015 Atti n. 160981\7.4\2009\244 COPIA DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO del 25.06.2015 Rep. Gen. n. 201/2015 Atti n. 160981\7.4\2009\244 Oggetto: Comune di Milano. Valutazione di compatibilità condizionata con il PTCP ex L.R. 12/2005

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi di catering PARC Maria Pia Sparla Responsabile Servizio Valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI BOLLATE Provincia di MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE RELAZIONE

COMUNE DI BOLLATE Provincia di MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE RELAZIONE COMUNE DI BOLLATE Provincia di MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE D.G.R. 25 gennaio 2002 n. 7/7868, modificata dalla D.G.R. 1 agosto 2003 n. 7/13950 CRITERI PER L ESERCIZIO

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

PGT PIANO DI GOVERNO Comune di DEL TERRITORIO Pontoglio VAS 2 Valutazione Ambientale strategica Relazione Sintesi non tecnica Adozione Approvazione

PGT PIANO DI GOVERNO Comune di DEL TERRITORIO Pontoglio VAS 2 Valutazione Ambientale strategica Relazione Sintesi non tecnica Adozione Approvazione PGT PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Comune di Pontoglio VAS 2 Relazione Valutazione Ambientale strategica Sintesi non tecnica Sindaco Alessandro Seghezzi Responsabile di servizio Cesare Ghilardi Segretario

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

4.8 STIMA DEI COSTI DI GESTIONE DEGLI INTERVENTI DI LAMINAZIONE IN SCAVO... 157 5. CONCLUSIONI... 159

4.8 STIMA DEI COSTI DI GESTIONE DEGLI INTERVENTI DI LAMINAZIONE IN SCAVO... 157 5. CONCLUSIONI... 159 I N D I C E 1. PREMESSA... 7 2. SPECIFICITÀ DELL AMBITO IDROGRAFICO LAMBRO OLONA E DEL TORRENTE SEVESO... 10 2.1 INTRODUZIONE... 10 2.2 IL SISTEMA IDRAULICO MILANESE DEL BACINO LAMBRO - OLONA... 11 2.2.1

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino Autorità di bacino del fiume Tevere Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e

Dettagli

La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese

La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese Candidato: Cirone Gianpaolo (777261) Relatore: Prof. Bischetti Gian Battista Correlatore: Prof. Lassini Paolo Tutor: Dott. Besozzi Marco

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO DEFINITIVO

STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO DEFINITIVO TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO DEFINITIVO 4 Area di Comazzo, Merlino, Paullo, Settala, Tribiano, Zelo Buon Persico Febbraio 2010 La Società Tangenziale Esterna sta

Dettagli

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013 Accordo di Programma tra Ministero della Tutela del Territorio e del Mare e Regione Lombardia per la mitigazione del rischio idrogeologico Convenzione per la progettazione e realizzazione dell intervento

Dettagli

Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it

Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it Comune di Ranica Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it Settore Gestione Territorio e sue Risorse VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Dettagli

Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13

Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13 Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13 PRESENTAZIONE DEL VOLUME: L USO DEL SUOLO IN LOMBARDIA NEGLI ULTIMI 50 ANNI 29 settembre 2011, SALA GABER - Milano Relatore: Stefano Agostoni

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

I Contratti di Fiume in Piemonte

I Contratti di Fiume in Piemonte I Contratti di Fiume in Piemonte Elena Porro Direzione Ambiente Roma, 25 novembre 2014 I Contratti di Fiume in Piemonte : quale diffusione? FIUME Torrente Orba Torrente Sangone Torrente Belbo Torrente

Dettagli