Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO"

Transcript

1 Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO 1995

2 Lambro 1998 Vettabbia Seveso 2001

3 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Olona Bozzente Canale Villoresi Corso artificializzato dell Olona Rho-Milano Deviatore Olona Scolmatore Nord-Ovest Naviglio di Bereguardo Ticinello Lura Guisa Seveso Vettabbia Lambro S. Lambro M. Olona Inferiore Orio Litta

4 Aspetti qualitativi Progetto Piano di Gestione (AdBPo) Carta tematica: natura corpi idrici fiume Olona: corpo idrico altamente modificato T. Bozzente, Lura e Olona Inf.: corpi idrici naturali

5 Aspetti qualitativi Progetto Piano di Gestione (AdBPo) Carta tematica: stato ambientale attuale F. Olona: scadente / pessimo T. Bozzente: pessimo T. Lura: pessimo / scadente Olona Inf.: moderato

6

7

8

9 il grande progetto rinascimentale che lega le acque del Ticino a quelle dell Adda secondo il Bruschetti costituisce l' opera superiore ad ogni altra nella storia dell'arte fra tutte quelle dello stesso genere eseguite in Italia al secolo XV

10

11 fine XIX sec fine XX sec

12 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano

13 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano Il sistema è costituito dai corsi d acqua naturali ancorché fortemente modificati non solo nell assetto delle loro sezioni di deflusso, ma anche nel loro stesso tracciato All interno degli ambiti urbanizzati (Milano e hinterland) è presente un forte grado di interconnessione tra i corsi d acqua e i sistemi fognari e di drenaggio urbano Nel settore a sud di Milano è presente un forte grado di interconnessione con il fitto reticolo irriguo; ne consegue che la delimitazione dei bacini idrografici perde significato rispetto all assetto idraulico dominato dai comprensori di irrigazione e di bonifica

14 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano Il sistema dei navigli interessa il territorio compreso tra il Ticino, l'adda, i laghi prealpini e il Po, ed è costituito da 140 km di canali. Oggi tale sistema è diviso in due sottoinsiemi: 1. Il sistema Ticino-Milano-Po, composto dal Naviglio Grande, dal Naviglio di Bereguardo e dal Naviglio di Pavia 2. Il sistema Adda-Lambro-Po, composto dal Naviglio di Paderno, da un tratto dell Adda e dal Naviglio Martesana.

15 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. I sistemi fognari e di drenaggio urbano Il Canale Scolmatore di Nord Ovest (C.S.N.O.) raccoglie a monte di Milano, mediante i suoi due tronchi denominati rispettivamente "Ramo Seveso" e "Ramo Olona", parte delle portate di piena del Seveso, dei torrenti delle Groane (Garbogera, Pudiga, Nirone e Guisa), del fiume Olona e dei suoi affluenti (Lura e Bozzente), e le recapita nel Deviatore Olona, in prossimità del nodo di Vighignolo (Comune di Settimo Milanese), e nel fiume Ticino in comune di Abbiategrasso. Il Deviatore Olona deriva dal nodo di Vighignolo le prime e più inquinate scolmature provenienti dal "Ramo Seveso" e dal "Ramo Olona" del C.S.N.O., in modo da salvaguardare il fiume Ticino, e le recapita nel Lambro Meridionale appena a monte del nodo idraulico di Conca Fallata

16 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano Il sistema irriguo è composto dalla fittissima rete di rogge e canali che si diramano non solo dai Navigli ma anche dal Canale Villoresi. I reticoli irrigui alimentati dai Navigli e dal Villoresi approvvigionano l intera pianura lombarda interclusa tra Ticino, Adda e Po e cioè uno dei territori agricoli più ricchi e produttivi d Europa.

17 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idraulico complessivo del sottobacino Lambro/Olona Ci sono 5 sistemi idraulici: 1. Il sistema fluviale 2. Il sistema dei Navigli 3. Il sistema dei canali scolmatori 4. Il sistema irriguo 5. I sistemi fognari e di drenaggio urbano I sistemi fognari e di drenaggio urbano delle città presenti nel sottobacino sono interconnessi con i corsi d acqua naturali e con i canali artificiali, soprattutto attraverso gli scaricatori di piena. Per quanto riguarda la città di Milano, si ha che l intero sistema fognario è suddiviso in tre sottobacini, ognuno dei quali afferente ad un impianto di depurazione: Milano Sud, Nosedo e Peschiera Borromeo.

18 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto geomorfologico Quattro unità morfologiche omogenee: 1. zona montuosa, prealpina (A); 2. zona collinare e delle cerchie moreniche (B); 3. zona dei terrazzi (pianalti) ferrettizzati (C); 4. zona della pianura strictu senso (D). B C A B A Formazione dei terrazzamenti fluviali nella unità D C D D Schema semplificato della struttura geologica della Pianura Padana C

19 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idrogeologico Spessore cumulativo dei depositi poroso-permeabili ed aree di ricarica diretta potenziale (Geologia degli Acquiferi Padani della Regione Lombardia, 2002) Olona Lambro Merid. Olona Inf. Lo spessore cumulativo dei depositi poroso-permeabili risulta più elevato in corrispondenza di due direttrici principali, orientate circa NW-SE e parallele. È verosimile che dette direttrici riflettano i percorsi delle antiche fiumane pleistoceniche superiore (würmiane), di pertinenza dei bacini di Olona, Lambro Meridionale e Lambro

20 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Assetto idrogeologico Olona ALTA PIANURA FASCIA DEI FONTANILI 1 = limite settentrionale storico 2 = limite settentrionale attuale desunto dalle carte delle isopieze della Provincia di Milano al marzo 2008 e dalla carta della soggiacenza al marzo = limite meridionale 1 2 FASCIA DEI FONTANILI 3 BASSA PIANURA Lambro Merid. Olona Inf. Ubicazione dei fontanili attivi nel 1977

21 Inquadramento generale dell ambito idrografico Lambro Olona Il tracciato della riconnessione fluviale (puntinato verde) insiste per la parte iniziale, compresa tra Rho e Settimo Milanese nord, in una zona in cui la falda freatica ha una soggiacenza relativamente elevata, maggiore di 5-10 metri. Il nuovo Olona andrà ad alimentare la falda. 1 Olona 2 ALTA PIANURA FASCIA DEI FONTANILI A partire dai settori meridionali del territorio di Settimo Milanese, il tracciato entra nella fascia dei fontanili, fino all incirca alla porzione settentrionale del territorio comunale di Zibido San Giacomo. Il nuovo Olona drenerà la falda. 3 BASSA PIANURA Per la restante parte meridionale il tracciato si sviluppa nella bassa pianura. Azione drenante fino Siziano, in cui la soggiacenza della prima falda è < 3 m Azione prevalentemente alimentante nella bassa pianura, tra Siziano e Vidigulfo, in cui la soggiacenza della prima falda è > 3 m Azione prevalentemente drenante tra Vidigulfo e Lardirago, in cui la soggiacenza della prima falda è < 3 m. Lambro Merid. Olona Inf.

22 Valorizzare i giacimenti patrimoniali i corsi d acqua come elementi identificativi di bacini in cui le reti che variamente si intrecciano in superficie e nel sottosuolo diventano matrici di riqualificazione paesaggistico/ambientale attraverso un doppio movimento : - restituire i corsi d acqua al territorio - restituire territorio ai corsi d acqua Regione Lombardia - IReR Bonifica, riconversione e valorizzazione ambientale del bacino dei fiumi Lambro, Seveso e Olona Linee orientative per un progetto integrato Progetto insediativo urbano-rurale Sottobacino Olona Lambro Quaderno INU n. 2, 1995 (a cura di A. Magnaghi) cercando di stabilire secondo un approccio partecipativo e di governance, una forte integrazione fra : - la pianificazione territoriale ai vari livelli (regionale, provinciale e comunale) - il PTUA (Programma di Tutela e Uso delle Acque) -le altre programmazioni di settore, in particolare il PAI e gli altri studi di AdBPo : - la programmazione agricola, delle aree protette e delle infrastrutture -la progettualità locale che opera con l obiettivo di restituire ai corsi d acqua la loro valenza storica di risorsa (produttiva, fruitiva, paesistica, culturale ecc.)

23 1995

24 2005

25 IL DEPURATORE DI NOSEDO

26 LA VALLE DELLA VETTABBIA RAGIONE INSEDIATIVA DI CHIARAVALLE

27 l eliminazione delle acque dal paesaggio urbano ha provocato non solo la perdita di un patrimonio storico culturale fondamentale ma anche una condizione di forte criticità del sistema idraulico

28 oggi ci sono i presupposti per un progetto in grado di rimettere a regime il sistema delle acque di Milano La situazione attuale La proposta

29

30 LA VALLE DELLA VETTABBIA RAGIONE INSEDIATIVA DI CHIARAVALLE

31 L ASSETTO ATTUALE DELL AREA E CIO CHE RESTA DELLA terra monasterii

32 RENDENDO VISIBILE CHIARAVALLE A GRANDE DISTANZA LA CIRIBICIACCOLA STABILISCE UNO STRETTO LEGAME CON IL TERRITORIO

33 L AREA CONSERVA GIACITURE DELL IMPIANTO ANTICO

34 LA FERROVIA (1867) NON PROVOCA SOLO LA DEFINITIVA DEMOLIZIONE DEI CHIOSTRI MA ANCHE UNA FORTE CESURA NELLE RELAZIONI TERRITORIALI

35 La regolarizzazione della Vettabbia L EMISSARIO DI NOSEDO (1890) REGOLARIZZA IL MARGINE ORIENTALE DELLA VALLE ASSUMENDO COME RIFERIMENTO LA TORRE NOLARE

36 LA CARA APPARIZIONE DELLA CIRIBICIACCOLA.

37 UN EVENTO EPOCALE : LA RINASCITA DELLA VETTABBIA DEPURATORE DI NOSEDO SCHEMA PLANIMETRICO DELL IMPIANTO

38 QUALITÀ DELLE ACQUE SUPERFICIALI PRIMA DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DEL SUD MILANO QUALITÀ DELLE ACQUE SUPERFICIALI DOPO DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DEL SUD MILANO

39 PROGETTO DELLE OPERE DI MITIGAZIONE E DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE DEL DEPURATORE DI NOSEDO : IL PARCO DELLA VETTABBIA ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO Marco Prusicki IDROGEOLOGIA, IDRAULICA Franco Zucchi Fiorenzo Innocenti Riccardo Massara ASPETTI ECOSISTEMICI E AGROFORESTALI Luca Bisogni Dario Pennati Sergio Malcevschi Alessandro Bianchi

40 1) riconosce e riconfigura la valle fluviale della Vettabbia/Seveso; 2) riesprime la centralità dell Abbazia e del borgo di Chiaravalle, rendendone riconoscibili, per quanto ancora possibile, le antiche relazioni con il territorio; 3) considera il polo depurativo come elemento fondamentale per la rigenerazione del sistema vallivo di bonifica; 4) recupera le acque depurate per uso irriguo, produttivo e paesistico; 5) riorganizza l attività agricola nell area con valenza ambientale; 6) favorisce il riassetto ecosistemico-multifunzionale dell intero ambito; 7) struttura un luogo fondamentale del sistema fruitivo, didattico e culturale del Parco Agricolo Sud Milano; 8) propone una molteplicità di funzioni per il recupero del patrimonio dell edilizia rurale interno all ambito di intervento.

41 IL SISTEMA DELLE ACQUE

42 IL SISTEMA AGROFORESTALE

43 IL SISTEMA DEI PERCORSI

44 I LUOGHI DEL PROGETTO : IL NOCETO

45 I LUOGHI DEL PROGETTO : IL SISTEMA DELLA ROGGIA ACCESSIO

46

47

48 I LUOGHI DEL PROGETTO : LO STAGNO DELL ACQUA RESA

49

50 I LUOGHI DEL PROGETTO : IL BOSCO UMIDO ( l ecosistema filtro)

51 I LUOGHI DEL PROGETTO : LA MARCITA DI CHIARAVALLE

52

53

54

55

56

57

58 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto GLI ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA PAESISTICA DEL BASSO MILANESE

59 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto SISTEMI DI PAESAGGIO la Vettabbia il Rile il Ticinello Il bosco di Chiaravalle il Cavo Taverna il Lambro Meridionale l ambito vallivo della Vettabbia l ambito agricolo del Cavo Taverna l ambito del Lambro Meridionale- Ticinello abbazia di Chiaravalle abbazia di Mirasole abbazia di Viboldone la via Emilia la via Ripamonti la via dei Missaglia Sesto Ulteriano Rozzano Opera

60 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto QUADRO DELLE TRASFORMAZIONI IN CORSO

61 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto UNA DIAGNOSI SULLO STATO DEL PAESAGGIO A F D B 1 Spostamento del tracciato ferroviario 2 Recupero Cava Tecchione C E G H 3 Recupero Fontanile Trinchè A-B Lotti di completamento del Piano Case C Ampliamento sede Istituto Europeo dei Tumori D Progetto di Città dello Sport E Opere di inserimento ambientale del depuratore di Nosedo F Intervento di espansione terziario-residenziale Santa Giulia G Intervento di espansione prevalentemente residenziale a San Donato Milanese H Laboratorio Quartieri Certosa e Di Vittorio a San Donato Milanese L Intervento di recupero e trasformazione residenziale nella frazione di Viboldone L CARTA DEI LIVELLI DI CRITICITA PAESISTICA E AMBIENTALE rapporto tra fattori di pressione e fattori di sensibilità

62 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO A 2 Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto LO SCENARIO STRATEGICO PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESISTICA DELLA VALLE DELLA VETTABBIA INTENDE CONTRIBUIRE ALLA COSTRUZIONE DI UN NUOVO PAESAGGIO COMPLESSO DI ALTA A QUALITA DEL BASSO MILANESE 1 IReR A Chiaravalle: la rinascita delle acque B 1 B 2 C1 C 2 B Sesto Ulteriano: la rinascita del suolo C Viboldone: la rinascita dei borghi IL PARCO DELLA VETTABBIA : CHIARAVALLE, SESTO ULTERIANO,VIBOLDONE

63 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto - IL PARCO DELLA VETTABBIA : CHIARAVALLE, LA RINASCITA DELLE ACQUE

64 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto IL PARCO DELLA VETTABBIA : CHIARAVALLE, LA RINASCITA DELLE ACQUE

65 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Promuovere interventi di valorizzazione del sistema delle acque e in particolare della Vettabbia attraverso riqualificazioni morfologiche associate a imboschimenti -Rafforzare la rete dei collegamenti ciclopedonali in particolare il sedime della ferrovia in dismissione anche per riconfigurare le aree di pertinenza dell Abbazia -Assegnare all agricoltura funzioni polivalenti, ecologiche e fruitive. -Incentivare la ricostruzione delle fasce ripariali lungo i corsi d acqua, il trattamento diffuso con elementi lineari arborei secondo le trame storiche -Utilizzare gli interventi di mitigazione di impatto ambientale della TAV per ricostruire una parte della trama storica dei filari -Creare fasce alberate (filari o siepi) lungo i margini della valle anche al fine di ridefinire i margini urbani incompiuti (in particolare prevedere un intervento di imboschimento nella fascia a sud della cascina Bagnolo)

66 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Promuovere interventi di valorizzazione del sistema delle acque e in particolare della Vettabbia attraverso riqualificazioni morfologiche associate a imboschimenti -Rafforzare la rete dei collegamenti ciclopedonali in particolare il sedime della ferrovia in dismissione anche per riconfigurare le aree di pertinenza dell Abbazia -Assegnare all agricoltura funzioni polivalenti, ecologiche e fruitive. -Incentivare la ricostruzione delle fasce ripariali lungo i corsi d acqua, il trattamento diffuso con elementi lineari arborei secondo le trame storiche -Utilizzare gli interventi di mitigazione di impatto ambientale della TAV per ricostruire una parte della trama storica dei filari -Creare fasce alberate (filari o siepi) lungo i margini della valle anche al fine di ridefinire i margini urbani incompiuti (in particolare prevedere un intervento di imboschimento nella fascia a sud della cascina Bagnolo) -Promuovere la definizione di un importante nodo della fruizione legato al recupero ambientale delle cave Tecchione, progettando unitariamente il recupero della cascina, i laghi di cava, le aree esterne, la riqualificazione del nodo idraulico all intersezione tra il Cavo Annoni e la Roggia Taverna, con interventi di imboschimento e il recupero del fontanile Trinchè; anche per creare un nodo del sistema di alto valore naturalistico e fruitivo -Creare al Mulino Nuovo un centro servizi per la zona industriale

67 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Promuovere interventi di valorizzazione del sistema delle acque e in particolare della Vettabbia attraverso riqualificazioni morfologiche associate a imboschimenti -Rafforzare la rete dei collegamenti ciclopedonali in particolare il sedime della ferrovia in dismissione anche per riconfigurare le aree di pertinenza dell Abbazia -Assegnare all agricoltura funzioni polivalenti, ecologiche e fruitive. -Incentivare la ricostruzione delle fasce ripariali lungo i corsi d acqua, il trattamento diffuso con elementi lineari arborei secondo le trame storiche -Utilizzare gli interventi di mitigazione di impatto ambientale della TAV per ricostruire una parte della trama storica dei filari -Creare fasce alberate (filari o siepi) lungo i margini della valle anche al fine di ridefinire i margini urbani incompiuti (in particolare prevedere un intervento di imboschimento nella fascia a sud della cascina Bagnolo) -Promuovere la definizione di un importante nodo della fruizione legato al recupero ambientale delle cave Tecchione, progettando unitariamente il recupero della cascina, i laghi di cava, le aree esterne, la riqualificazione del nodo idraulico all intersezione tra il Cavo Annoni e la Roggia Taverna, con interventi di imboschimento e il recupero del fontanile Trinchè; anche per creare un nodo del sistema di alto valore naturalistico e fruitivo -Creare al Mulino Nuovo un centro servizi per la zona industriale -Avviare iniziative per lo spostamento interramento degli elettrodotti in particolare delle linee trasversali

68 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto IL PARCO DELLA VETTABBIA : SESTO ULTERIANO, LA RINASCITA DEL SUOLO

69 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Promuovere azioni di controllo delle portate meteoriche in ambito urbano e di riqualificazione del ciclo dell acqua per ridurre le attuali criticità idrauliche (verde pensile sui tetti di edifici nuovi o esistenti, Stormwater wetland) -Riqualificare le fasce spondali del tratto della Vettabbia -Promuovere la realizzazione del parco della Campagnetta (aree ex canale navigabile), verificando l ipotesi di creazione di un ramo secondario della Vettabbia e migliorando le relazioni ciclopedonali a nord verso via Buozzi, il nuovo quartiere San Francesco, la Cascina Bagnolo e la Vettabbia, e a sud con l area della Cascina di Sesto Gallo -Potenziare le alberature nella fascia di salvaguardia tra la zona residenziale di Sesto e il tessuto produttivo utilizzando le aree verdi attrezzate già esistenti e il cavo Marocco -trattare i margini edificati incompiuti con filari di alberatura o siepi -Promuovere interventi di riqualificazione urbanistica e edilizia soprattutto della parte di tessuto produttivo di prima formazione (tra l autostrada e la Cascina Sesto Gallo) anche con cambi di destinazione d uso e sviluppando relazioni con la Vettabbia e con il parco della Campagnetta -Riorganizzare e riqualificare le sedi stradali e il sistema viario delle connessioni con la rete stradale principale -Incentivare progetti di restyling dei capannoni industriali e delle insegne in particolare lungo il tracciato autostradale -Incentivare comportamenti aziendali attenti alla qualità ambientale e alla riduzione dei carichi inquinanti (EMAS d area )

70 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto IL PARCO DELLA VETTABBIA : VIBOLDONE, LA RINASCITA DEI BORGHI

71 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Creare una fascia boscata lungo la Vettabbia e interventi morfologici differenziati puntuali sull alveo che contribuiscano anche al miglioramento della qualità delle acque depurate -Valorizzare le potenzialità paesistiche ambientali e fruitive del sistema delle rogge tra Mulino Torretta e Viboldone, avviando anche opere di rinaturalizzazione e di rafforzamento della vegetazione con costruzione di filari e macchie lungo il reticolo minore -Riqualificare la fascia fra la via Emilia e la ferrovia anche con il rafforzamento dei filari di alberatura -Incentivare la creazione di un sistema diffuso a densità differenziata di siepi e filari in rafforzamento della maglia storica anche finalizzati alla mitigazione delle infrastrutture -Creare una rete di percorsi ciclopedonali utilizzando e connettendo i tracciati, anche poderali e interpoderali esistenti, in particolare una strada parco ad anello al servizio dei borghi (viabilità/trasporto pubblico/percorso ciclopedonale) -Recuperare e riqualificare i borghi e l edilizia rurale con interventi di alta qualità ambientale (VIBOLDONE, MONTONE, MEZZANO, PEDRIANO, OCCHIO, SELMO, SESTOGALLO, Mulino Torretta, Mulino Vettabiolo) -Formare un area a parco pubblico tra la Cascina Sesto Gallo e Civesio/Civesino a nord del nuovo tratto viabilistico, in continuità con la Campagnetta -Valorizzare le potenzialità di connessione offerte dalla previsione di una nuova stazione ferroviaria del Servizio Ferroviario Regionale -Avviare iniziative per lo spostamento interramento degli elettrodotti in particolare delle linee trasversali.

72 REGIONE LOMBARDIA WP 4 PILOT ACTION AREA SUDMILANO IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto -Creare una fascia boscata lungo la Vettabbia e interventi morfologici differenziati puntuali sull alveo che contribuiscano anche al miglioramento della qualità delle acque depurate -Valorizzare le potenzialità paesistiche ambientali e fruitive del sistema delle rogge tra Mulino Torretta e Viboldone, avviando anche opere di rinaturalizzazione e di rafforzamento della vegetazione con costruzione di filari e macchie lungo il reticolo minore -Riqualificare la fascia fra la via Emilia e la ferrovia anche con il rafforzamento dei filari di alberatura -Incentivare la creazione di un sistema diffuso a densità differenziata di siepi e filari in rafforzamento della maglia storica anche finalizzati alla mitigazione delle infrastrutture -Creare una rete di percorsi ciclopedonali utilizzando e connettendo i tracciati, anche poderali e interpoderali esistenti, in particolare una strada parco ad anello al servizio dei borghi (viabilità/trasporto pubblico/percorso ciclopedonale) -Recuperare e riqualificare i borghi e l edilizia rurale con interventi di alta qualità ambientale (VIBOLDONE, MONTONE, MEZZANO, PEDRIANO, OCCHIO, SELMO, SESTOGALLO, Mulino Torretta, Mulino Vettabiolo) -Formare un area a parco pubblico tra la Cascina Sesto Gallo e Civesio/Civesino a nord del nuovo tratto viabilistico, in continuità con la Campagnetta -Valorizzare le potenzialità di connessione offerte dalla previsione di una nuova stazione ferroviaria del Servizio Ferroviario Regionale -Avviare iniziative per lo spostamento interramento degli elettrodotti in particolare delle linee trasversali

73 SAN GIULIANO MILANESE PGT LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO AGRICOLO URBANO DELLA VETTABBIA ottobre 2008

74 SAN GIULIANO MILANESE PGT LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO AGRICOLO URBANO DELLA VETTABBIA - ottobre ha 46 ha

75 SAN GIULIANO MILANESE PGT LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO AGRICOLO URBANO DELLA VETTABBIA ottobre Marco Prusicki, Francesca Simonetti IL SISTEMA DELLE ACQUE Interventi valorizzazione del sistema delle acque attraverso riqualificazioni morfologiche associate a rimboschimenti, incentivazione della ricostruzione delle fasce ripariali, in particolare: La Vettabbia. Interventi di rinaturalizzazione e ricostruzione delle fasce ripariali, finalizzati anche al miglioramento della qualità delle acque depurate e creazione, tra il tracciato ferroviario Alta Capacità e la Vettabbia nel tratto tra la cascina Montone e la cascina Occhiò, di un bosco planiziale. Il sistema roggia Mornera-cavo Pedriano : interventi di piantumazione per la creazione di una fascia di mitigazione dell autostrada. IL CUORE DEL PARCO Creazione di una zona del parco ad elevata fruizione tra il Molino Torretta, Civesino e Viboldone, con interventi di riqualificazione dei manufatti idraulici, interventi di piantumazione e imboschimento e realizzazione di attrezzature per l uso pubblico, coerenti con gli obiettivi di mantenimento e valorizzazione dei caratteri storici del paesaggio agrario GLI ACCESSI E I PERCORSI CICLOPEDONALI Realizzazione/riqualificazione dei punti di collegamento del parco con il tessuto urbano e la parte ad est della via Emilia Borgolombardo, collegamento con la dorsale verde di San Giuliano stazione ferroviaria esistente, collegamento con la città stazione ferroviaria di nuova realizzazione, collegamento con il polo commerciale e la zona del Parco della Battaglia con Molinazzo, collegamento con il sistema del Lambro (cascina Santa Brera) cascina Rampina, collegamento con il sistema del Lambro (Rocca Brivio) (già previsto dal PGTU) Creazione di un itinerario di fruizione ciclopedonale del parco integrando i tracciati già esistenti, dei quali si prevede la riqualificazione (in particolare il tracciato storico di collegamento Civesio-Pedriano), con alcuni brevi tratti di nuova realizzazione: Eventuale integrazione del sistema dei parcheggi tenendo conto di quelli esistenti e previsti IL FRONTE SULLA VIA EMILIA Riqualificazione della fascia compresa tra la via Emilia e la ferrovia storica (tratta Milano-Codogno), con interventi di piantumazioni, realizzazione di orti urbani, miglioramento dell assetto paesistico delle aree attualmente considerate degradate. I CAMPI AGRICOLI Mantenimento dell agricoltura con attribuzione di un ruolo multifunzionale per una gestione sostenibile delle attività agricole in termini di tutela della qualità delle acque e dei suoli agricoli, della salvaguardia della biodiversità e di valorizzazione del paesaggio agrario (attività agricole a basso impatto ambientale, mantenimento e incremento delle coltivazioni estensive) e incremento della vegetazione a siepe e filare per rafforzare gli orientamenti della maglia agricola storica e per aumentare l effetto di mitigazione paesistico e ambientale delle infrastrutture della mobilità

76 SAN GIULIANO MILANESE PGT LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO AGRICOLO URBANO DELLA VETTABBIA ottobre Marco Prusicki, Francesca Simonetti Il parco costirtuisce progetto di riqualificazione paesaggistica e ambientale in attuazione degli obiettivi : dell art.102 bis L.R. n. 12/2005 (Norme speciali relative alle aree limitrofe alle infrastrutture della mobilità ) del PTC del Parco Regionale Agricolo Sud Milano, relativi ai Territori agricoli di cintura metropolitana e alle zone di tutela e valorizzazione paesistica del Programma di sviluppo rurale (PSR) approvata dalla Commissione europea il 18 ottobre 2007 in particolare Asse 2 dell Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale (AQST) Contratto di fiume Seveso sottoscritto il 16 dicembre 2006 dal Comune di San Giuliano Milanese del Protocollo di Intesa per la progettazione e l accompagnamento del processo atto per la realizzazione del Progetto Abbazie - Programma di riqualificazione dei sistemi paesistici abbaziali di Chiaravalle, Mirasole, Monluè, Viboldone, Morimondo e della Certosa di Pavia nella pianura irrigua milanese, sottoscritto il 30 maggio 2008 dell azione pilota del progetto LOTO (Landscape Opportunities of Territorial Organization) promossa e coordinata dalla Regione Lombardia nell ambito del progetto di cooperazione transnazionale del 2005

77

78 2009

79 IReR Marco Prusicki, architetto Luca Bisogni, biologo Valentina Dotti, architetto Francesca Simonetti, architetto

80 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Olona Bozzente Canale Villoresi Corso artificializzato dell Olona Rho-Milano Deviatore Olona Scolmatore Nord-Ovest Naviglio di Bereguardo Ticinello Lura Guisa Seveso Vettabbia Lambro S. Lambro M. Olona Inferiore Orio Litta

81 Il progetto regionale di riconnessione del bacino dell Olona Regione Lombardia e Autorità di Bacino del fiume Po perseguono un ampia riqualificazione dell intero bacino fluviale attraverso la proposta di riconnessione dei corsi d acqua Olona, Bozzente e Lura con l Olona Inferiore e il Po, in modo da ritrovare gli antichi schemi di deflusso idrico in un ottica di alleggerimento del nodo idraulico di Milano e di traino verso la costituzione di una nuova valle di acque. Il progetto prevede la riqualificazione paesaggistico/ambientale della porzione di territorio delle valli di Olona e Lura tra i Comuni di Rho/Pero e i Comuni di Binasco/Lacchiarella, a partire dalla riqualificazione e riconfigurazione dei corsi d acqua del reticolo idrografico L intervento di riconnessione assume la valenza di Azione strategica pilota che si svilupperà all interno del processo partecipativo già avviato con la sottoscrizione dell Intesa 2007 tra Regione Lombardia, Comune di Milano, Province di Milano, Varese, Como, Monza e Brianza, Lecco, Lodi, Pavia per la governance delle trasformazioni paesaggistico-ambientali del sottobacino Olona/Lambro

82 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Autostrade Ferrovie Canale Villoresi Corso artificializzato dell Olona Rho-Milano Deviatore Olona Scolmatore Nord-Ovest Naviglio di Bereguardo Ticinello Olona Meridionale Olona Bozzente Lura Guisa Fiume Olona Torrente Lura Progetto di Riconnessione Olona-Lura come azione strategica di valenza strutturale per l intero bacino

83 Aspetti generali d impostazione e di svolgimento dello studio Finalità ed obiettivi Definire gli interventi volti a ricostruire il bacino proprio dell Olona fino alla confluenza naturale in Po, riconnettendo i fiumi Olona, Bozzente e Lura con l Olona Inferiore e quindi con il Po. Gli obiettivi strategici posti alla base della proposta di riconnessione sono principalmente i seguenti: riqualificazione dei corsi d acqua Olona, Bozzente e Lura e dei relativi ambiti fluviali, attraverso il recupero della continuità longitudinale dei corsi d acqua interrotta artificialmente in epoca storica riduzione delle portate di piena attualmente afferenti alla città di Milano con conseguente riduzione del rischio idraulico miglioramento della qualità dei corsi d acqua, anche attraverso l incremento della capacità autodepurativa dei corsi d acqua riqualificazione paesaggistica e ambientale della zona ovest del Comune di Milano (Muggiano) e di alcuni comuni della provincia milanese (Rho, Settimo Milanese, Cusago, Trezzano sul Naviglio, Zibido San Giacomo, Lacchiarella) recupero delle funzioni del reticolo irriguo dei cavi e dei fontanili incremento della vegetazione ripariale e delle fasce tampone (autodepurazione e biodiversità) trasformazione di vaste aree strategiche del territorio rurale e urbano in un nuovo sistema agroforestale multifunzionale con particolari valenze naturalistiche, ambientali, paesistiche, fruitive e turistiche integrazione dell approvvigionamento idrico per lo sviluppo del settore agricolo presente nell area Sud-Ovest della Provincia di Milano

84 1995

85 AMBITI, SISTEMI ED ELEMENTI DI RILEVANZA PAESAGGISTICA AMBITI, AREE, SISTEMI ED ELEMENTI DI DEGRADO PAESAGGISTICO L azione pilota per la riqualificazione paesaggistico-ambientale riconnessione dei corsi d acqua, ricomposizione del sistema irriguo e, più in generale,dell assetto territoriale riguarda l Unità di sottobacino Olona/Bozzente/Lura del sottobacino del Po Lambro-Olona, nel settore occidentale del sistema territoriale milanese RILEVANZE PAESAGGISTICO-AMBIENTALI DI TIPO: DEGRADO PAESAGGISTICO-AMBIENTALE IN ESSERE O A RISCHIO DOVUTO A: NATURALISTICO-AMBIENTALI Elevata presenza di risorgive Presenza diffusa di palealvei che testimoniano l originaria continuità del sistema idrografico principale dell Olona costituito da Olona superiore e Olona inferiore; Consistente presenza di spazi aperti/aree agricole interamente comprese nel Parco Sud Milano costituenti aree di supporto/elemento di primo livello della rete ecologica regionale, in parte considerati ambiti di rilevanza paesaggistica Presenza di due aree boscate residuali tutelate (riserva regionale fontanile nuovo e SIC bosco di Cusago) Presenza di cave in parte già recuperate STORICO-CULTURALI forte persistenza dell impianto antico della centuriazione del milanese (ager mediolanensis) che caratterizza sia gli orientamenti e gli elementi degli spazi aperti agricoli che la morfologia dei centri urbani e della parte ovest della città di Milano impostata sull asse del Lorenteggio (decumanus maximus -strada per Abbiategrasso) attraversamento in senso trasversale dell antico tracciato della strada per Vercelli attraversamento in senso trasversale del Naviglio Grande presenza di alcuni nuclei storici di maggiore consistenza nella parte a nord del Naviglio e di piccoli nuclei rurali diffusi nel restante territorio sulla maglia stradale minore presenza di parchi di eccezionale valore paesistico e fruitivo DISSESTI IDROGEOLOGICI / CALAMITA URBANIZZAZIONE forte presenza delle reti infrastrutturali della mobilità sia su gomma (A7, A4) che su ferro ( TAV, ferrovia) con effetti di frammentazione ecosistemica e d uso e cancellazione/omologazione elementi identitari formazione di conurbazioni sia lungo i tracciati di collegamento territoriale (in part.lungo la Vigevanese) che come saldatura di centri urbani (lungo la tangenziale) forte presenza di aree produttive e logistiche Scarsa qualità paesistico-ambientale delle opere idrauliche (Scolmatore di N-O, Derivatore Olona) presenza di ambiti di cave PRODUZIONE AGRICOLA Cerealicola e foraggera periurbana in parco sud e nei piani di cintura urbana sottoposta a pressioni insediative???? ABBANDONO presenza di alcuni ambiti di cava dismessi aree industriali in fase di riconversione (???italtel settimo milanese) CRITICITA AMBIENTALE inquinamento atmosferico Qualità delle acque

86 O L O N A Busto Arsizio Grandate Saronno S E V E S O L A M B R O Carugate Locate Melegnano Lacchiarella S.Angelo Lodigiano Si tratta di un area a fortissima dinamica di sviluppo

87 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura - Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Si tratta di un area a fortissima dinamica di sviluppo, dove le tendenze evolutive sono declinabili in riferimento a molti grandi progetti di trasformazione PLIS del bacino Olona- Bozzente-Lura Nuovi sistemi verdi multifunzionali Pedemontana Greenway del Villoresi Dorsale verde Parco Agricolo Sud Milano Proposta di piano di Cintura Urbana 1 Plis basso Olona rhodense Parco dei 5 comuni Parco delle risaie Progetto Abbazie PLIS valle fiume Po Percorsi Verdi nel Basso Pavese (Olona Inferiore) PTRA navigli IL PARCO DELLE RISAIE Parco vie acqua

88 O L O N A Grandate S E V E S O L A M B R O Aree sottoposte a maggiore pressione insediativa Busto Arsizio Saronno Pianura asciutta sopra il canale villoresi Carugate Pianura asciutta sotto al canale villoresi PROPOSTA DI VALORIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEL BACINO OLONA/LURA Pianura irrigua delle sorgenti Locate Melegnano Lacchiarella IN UN QUADRO DI RIASSETTO IDROGEOLOGICO COMPLESSIVO DELLA VALLE DELL OLONA S.Angelo Lodigiano Pianura irrigua limosa

89 PTCP Milano Aree di valorizzazione paesaggistica Progetto di riconnessione Lura Olona Parco Agricolo Sud Milano Zona di tutela e valorizzazione paesistica Parco Agricolo Sud Milano Zone di transizione tra aree della produzione agraria e zone di interesse naturalistico PTCP Milano Fasce fluviali paesaggistiche PLIS e Riserve Foreste di Pianura

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVIII - N. 6 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

LE CASCINE DI MILANO VERSO E OLTRE EXPO 2015

LE CASCINE DI MILANO VERSO E OLTRE EXPO 2015 LE CASCINE DI MILANO VERSO E OLTRE EXPO 2015 Un sistema di luoghi dedicati all agricoltura, all alimentazione, all abitare e alla cura del territorio Questo volume è la presentazione di Cascine Expo 2015,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano CIPPS Collina d Oro Grancia Lugano Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo www.pianscairolo.ch MASTERPLAN MASTE Pian Scairolo Polo di sviluppo strategico dell agglomerato del Luganese CIPPS Commissione

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ESAME PAESISTICO DEI PROGETTI

LINEE GUIDA PER L ESAME PAESISTICO DEI PROGETTI 1 LINEE GUIDA PER L ESAME PAESISTICO DEI PROGETTI Approvate con d.g.r. 8 novembre 2002 N. 7/11045, ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale Paesistico Regionale 1 2 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO

CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO Regione Piemonte Assessorato ai Beni Ambientali Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Gestione Beni Ambientali CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO 1 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA Premessa La proposta di un Disegno di Legge che abbia al centro il tema della bellezza trova le sue motivazioni in almeno due obiettivi principali che si vogliono

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli