Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Impianti e Sistemi Aerospaziali CALCOLO D IMPIANTO IDRAULICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Impianti e Sistemi Aerospaziali CALCOLO D IMPIANTO IDRAULICO"

Transcript

1 Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Impianti e Sistemi Aerospaziali CALCOLO D IMPIANTO IDRAULICO 1

2 1. Premessa La presente relazione riporta il calcolo della rigidezza del comando idraulico rappresentato in figura 1, in termini di momento di cerniera per unità di rotazione, per concentrazioni d azoto nell olio idraulico dello 0% e del 5%, assumendo come volume di riferimento 1 l e come area del martinetto 10 cm 2, e scegliendo in modo ragionevole eventuali dati mancanti. Figura 1 Inoltre, si richiede di calcolare, per l impianto idraulico rappresentato in figura 2, la portata fornita dalla pompa, la velocità di estrazione dello stelo e la perdita di carico concentrata che bisogna introdurre nel circuito per ridurre ad un terzo la velocità calcolata precedentemente. Sotto ipotesi che lungo il circuito di mandata ci siano solo perdite distribuite e che non ci siano perdite lungo il circuito di ritorno, sono note la pressione nominale fornita di una pompa a cilindrata variabile (costante e pari a 1000 psi), la lunghezza della tubazione di mandata (10 m) ed il suo diametro (0,005 m), il diametro interno della camera del cilindro del martinetto (0,025 m), la viscosità del fluido (0,02425 kg/ms) e la sua densità (850 kg/m 3 ) ed una forza F (2250 N) che si oppone, dall esterno, alla fuoriuscita dello stelo del martinetto a seguito dell azionamento della valvola di distribuzione. Figura 2 2

3 Viene inoltre fornita la seguente tabella che riporta la concentrazione del volume in dipendenza della concentrazione di gas. 3

4 2. Indice 1. Premessa 2 2. Indice 4 3. Elenco dei simboli 5 4. Descrizione del problema e metodo di risoluzione Rigidezza del comando idraulico Portata fornita dalla pompa Velocità di estrazione dello stelo Perdita di carico concentrata da introdurre 6 5. Dati del problema 7 6. Calcolo e risultati Rigidezza del comando idraulico 7 6.2Portata fornita dalla pompa Velocità di estrazione dello stelo Perdita di carico concentrata da introdurre 8 7. Riassunto risultati 9 4

5 3. Elenco Dei Simboli X Rigidezza del comando idraulico [Nm] b braccio [m] p 1 Pressione Nominale [Pa] p 2 Pressione sul martinetto [Pa] L t Lunghezza tubazione di mandata [m] D t Diametro tubazione di mandata [m] D m Diametro cilindro del martinetto [m] μ Viscosità fluido idraulico [Kg/ms] ρ Densità fluido idraulico [Kg/m 3 ] F Forza esercitata sul martinetto [N] Q Portata fornita dalla pompa [l/min] V t Velocità fluido tubazione di mandata [m/s] V c Velocità estrazione stelo [m/s] p c Perdita di carico concentrata [Pa] 4. Descrizione del problema e metodo di risoluzione Viene richiesto di calcolare la rigidezza del comando idraulico rappresentato in figura 1, in termini di momento di cerniera per unità di rotazione, per concentrazioni di azoto nell olio idraulico dello 0% e del 5%, assumendo come volume di riferimento 1 l e come area del martinetto 10 cm 2. In riferimento alla figura 2 invece, fornita la pressione nominale di una pompa a cilindrata variabile, la lunghezza della tubazione di mandata ed il relativo diametro, il diametro interno della camera del cilindro del martinetto, la viscosità e la densità del fluido idraulico e la forza F che, dall esterno, si oppone alla fuoriuscita dello stelo del martinetto a seguito dell azionamento della valvola di distribuzione, si chiede di calcolare, nella situazione di velocità di estensione costante e nell ipotesi che lungo il circuito di mandata ci siano solo perdite distribuite e che non ci siano perdite lungo il circuito di ritorno, la portata fornita dalla pompa, la velocità di estrazione dello stelo e la perdita di carico concentrata che bisogna introdurre nel circuito per ridurre ad un terzo la velocità precedentemente calcolata. 4.1 Rigidezza del comando idraulico Dalle tabelle, con i valori di concentrazioni di azoto nell olio idraulico forniti nel testo, si ricava il valore della concentrazione di volume scegliendo un opportuno salto di pressione. In questo modo si ricava il modulo di comprimibilità: La rigidezza del comando idraulico si ricava dunque: 5

6 4.2 Portata fornita dalla pompa Dalla pressione nominale dell impianto e dalla pressione esercitata dalla forza F sul martinetto ricavo il salto di pressione Supponendo il moto nelle tubazioni sia laminare posso ricavare posso ricavare : e da: dalla quale possiamo ricavare la velocità del fluido nelle tubazioni: Il valore della portata fornita dalla pompa sarà dunque: 4.3 Velocità di estrazione dello stelo Dalla portata fornita dalla pompa possiamo ricavare la velocità di estrazione dello stelo: 4.4 Perdita di carico concentrata da introdurre nel sistema Definendo si ha: dalla quale possiamo ricavare che la perdita concentrata da introdurre è: 6

7 5. Dati del problema 5.1 Dati generali (esercizio 1): Concentrazioni di azoto nell olio idraulico Volume di riferimento Area del martinetto 5.2 Parametri dell impianto (esercizio 2): Pressione nominale dell impianto Lunghezza tubazione di mandata Diametro tubazione di mandata Diametro camera del cilindro del martinetto 5.2.1Dati generali: Viscosità fluido idraulico Densità fluido idraulico Forza agente sul martinetto 6. Calcoli e Risultati 6.1 Rigidezza del comando idraulico: Legame densità pressione in termini volumetrici: Dalle tabelle abbiamo: 7

8 La rigidezza in termini di momento di cerniera per unità di rotazione: Supponendo 6.2 Portata fornita dalla pompa Supponendo laminare il moto nelle tubazioni: Il valore della portata fornita dalla pompa sarà dunque: 6.3 Velocità di estrazione dello stelo 6.4 Perdita di carico concentrata da introdurre nel sistema Definiamo e ricaviamo la perdita concentrata da introdurre: 8

9 7. Riassunto risultati 7.1 Rigidezza del comando idraulico Vg/Vtot Δp [Mpa] ΔV/V β [Mpa] Rigidezza comando idraulico [Nm] 0 5 0, , , , , ,05 5 0, , , , , Portata fornita dalla pompa, velocità di estrazione dello stelo e perdita di carico concentrata Portata fornita dalla pompa Q 8,3 l/min Velocità di estrazione dello stelo vc 0,3 m/s Perdita di carico concentrata Δpc 1,534 Mpa 9

Valvole di regolazione

Valvole di regolazione Valvole di Regolazione Valvole di regolazione Sono attuatori che servono a modulare la portata di fluido (liquido o gassoso) nei circuiti idraulici Diffusissime nel controllo di processo industriale (es:

Dettagli

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar.

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar. HQ3 Descrizione generale Pompa a palette a cilindrata fissa, idraulicamente bilanciata, con portata determinata dal tipo di cartuccia utilizzato e dalla velocità di rotazione. La pompa è disponibile in

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

Introduzione alla oleodinamica

Introduzione alla oleodinamica Introduzione alla oleodinamica CIRCUITI OLEOIDRAULICI Gli impianti oleoidraulici sono sistemi di trasmissione di energia nei quali il vettore è un fluido a limitata comprimibilità. Le funzioni principali

Dettagli

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO.

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO. 3 00/ ID DFP POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le pompe DFP sono pompe a palette a cilindrata fissa, realizzate in quattro diverse grandezze, divise a loro volta in cinque dimensioni

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA Sede di Forlì IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA ELABORATO

Dettagli

Portate l/h. Perdite di carico lineari Pa/m. 54x2. 16,0 m/s. 14,0 m/s. 42x1,5. 12,0 m/s. 10,0 m/s. 35x1,5. 8,0 m/s. 6,0 m/s. 28x1,5. 5,0 m/s.

Portate l/h. Perdite di carico lineari Pa/m. 54x2. 16,0 m/s. 14,0 m/s. 42x1,5. 12,0 m/s. 10,0 m/s. 35x1,5. 8,0 m/s. 6,0 m/s. 28x1,5. 5,0 m/s. Portate l/h Appendice 1 Diagramma per la determinazione delle perdite di carico lineari OSSIGENO A 15 C Perdite di carico lineari Pa/m 3,0 m/s 4,0 m/s 54x2 5,0 m/s 42x1,5 6,0 m/s 35x1,5 28x1,5 8,0 m/s

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO Il moltiplicatore di pressione sfrutta una combinazione di aria/olio ottenendo notevoli pressioni. Il principio si basa sulla differenza della superficie dei due pistoni collegati tra di loro da un unico

Dettagli

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh 1 IDRAULICA Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO F S S PsxSxh h F p = pressione p = p = Ps S h/s = Ps h Ps = peso specifico S h = profondità P=0 P=Psxh h Andamento della pressione

Dettagli

Portata (Smc/h) U10 4500 U11 2500 U8 3000 U5 4000 U6 3500 U7 1500

Portata (Smc/h) U10 4500 U11 2500 U8 3000 U5 4000 U6 3500 U7 1500 POLITECNICO DI TORINO ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Seconda Sessione ANNO 2009 Settore INDUSTRIALE - Classe 33/S Ingegneria Energetica e nucleare Prova pratica del 14-01-2010

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

VALVOLE DI REGOLAZIONE

VALVOLE DI REGOLAZIONE VALVOLE DI REGOLAZIONE DIMENSIONAMENTO E SCELTA INTRODUZIONE Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire indicazioni, suggerimenti e formule per una corretta scelta delle valvole di controllo per processi

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio

INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio Importanza delle dimensioni delle valvole La scelta della dimensione delle valvole è molto

Dettagli

Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici

Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici Intensificatori ad alta pressione Cilindri idraulici Increase your fluid power INTENSIFICTORI DI PRESSIONE Gli intensificatori di pressione sono stati progettati per raggiungere con affidabilità una pressione

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

Economicità. Livello qualitativo costante Ripetibilità di posizionamento e bloccaggio stampo Bloccaggio con deformazioni minime

Economicità. Livello qualitativo costante Ripetibilità di posizionamento e bloccaggio stampo Bloccaggio con deformazioni minime Perché un sistema di cambio rapido degli stampi? Costi Cambio manuale stampi Convenienza! Cambio automatico stampi Alla base del nostro programma Sistemi per il bloccaggio ed il cambio degli stampi stanno

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

B.homelift. Continua >

B.homelift. Continua > B.homelift indice MERCATO DI RIFERIMENTO SOLUZIONE MASS MARKET NUOVA SOLUZIONE: B. HOME LIFT VANTAGGI B. HOME LIFT OPZIONI DI ACQUISTO B. HOME LIFT CARATTERISTICHE TECNICHE OVERVIEW Analisi del mercato

Dettagli

Impianto idraulico. Impianto idraulico AZIONAMENTO DI SISTEMI

Impianto idraulico. Impianto idraulico AZIONAMENTO DI SISTEMI Impianto idraulico 1 Impianto idraulico AZIONAMENTO DI SISTEMI 2 Caratteristiche positive Elevato rapporto potenza/peso Elevata accuratezza nel controllo Bassa inerzia, elevata risposta in frequenza Elevato

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE TECNICA CENNI DI PNEUMATICA Pressione: Pressione atmosferica: Pressione assoluta: Pressione relativa: È il rapporto tra una forza e la superficie su cui essa agisce. F (N) P= = Pa S (m )

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

Oleodinamica e Pneumatica. Obiettivi del Corso

Oleodinamica e Pneumatica. Obiettivi del Corso Obiettivi del Corso Fornire gli strumenti di base necessari per una corretta progettazione e per un uso razionale dei sistemi a fluido. Acquisire i principi di funzionamento dei principali componenti utilizzati

Dettagli

11 100/111 ID POMPE AD INGRANAGGI ESTERNI SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO. Senso di rotazione

11 100/111 ID POMPE AD INGRANAGGI ESTERNI SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO. Senso di rotazione 11 1/111 ID GP POPE AD INGRANAGGI ESTERNI PRINCIPIO DI FUNZIONAENTO e pompe GP sono pompe ad ingranaggi esterni a cilindrata fissa, con compensazione dei giochi assiali. Consentono di ottenere elevati

Dettagli

Sapienza - Università degli Studi di Roma

Sapienza - Università degli Studi di Roma TEMA N. 1 - Ingegneria Elettrotecnica/Energetica Macchine Elettriche Impianti Elettrici Un trasformatore trifase ha potenza nominale 100 kva, frequenza nominale 50Hz, rapporto di trasformazione 10 kv/400

Dettagli

DISPENSA DI PNEUMATICA

DISPENSA DI PNEUMATICA DISENS DI NEUMTIC 1 RESSIONE La pressione è una grandezza fisica derivata dal rapporto tra forza e superficie. L unità di misura internazionale della pressione è il ascal, anche se è più comodo utilizzare

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

La portata teorica corrisponde esattamente al volume fluido spostato dal pistone per il numero delle pistonate nell unità di tempo.

La portata teorica corrisponde esattamente al volume fluido spostato dal pistone per il numero delle pistonate nell unità di tempo. ISTRUZIONI CARATTERISTICHE GENERALI DELLE POMPE DOSATRICI Le pompe dosatrici sono pompe a movimento alternativo. La portata viene determinata dal movimento alternativo del pistone, azionato da un eccentrico

Dettagli

Tabella 1 dati di targa del trasformatore

Tabella 1 dati di targa del trasformatore Ingegnere sezione Industriale - I sessione 205 TEMA N. - Diploma di Ingegneria Elettrica Macchine Elettriche Un trasformatore trifase, le cui caratteristiche di targa sono indicate nella Tabella, alimenta

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO AD ACQUA: GENERALITÀ E COMPONENTI Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com

Dettagli

Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti

Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti Mercede Bergoglio e Gianfranco Molinar - CNR Torino (IMGC-CNR) Istituto di Metrologia G. Colonnetti Istituto di Metrologia G. Colonnetti

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

Decantazione. Ne= f(re);

Decantazione. Ne= f(re); TUTTI I «PROCESSI» DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI SONO SUDDIVISIBILI IN «OPERAZIONI UNITARIE» DETTE OPERAZIONI RAPPRESENTANO I MATTONI E POSSONO ESSERE VALUTATE INDIPENDENTEMENTE DAL PROCESSO IN CUI SONO INSERITE

Dettagli

Caratteristiche dei sistemi oleodinamici

Caratteristiche dei sistemi oleodinamici Caratteristiche dei sistemi oleodinamici Elevati valori di potenza trasferibile Semplicità dei macchinari Semplice trasformazione del moto lineare in rotatorio e vv Possibilità di controllare il movimento

Dettagli

Posizione di montaggio. Fluido idraulico. Temperatura di esercizio. Filtraggio. Messa in esercizio

Posizione di montaggio. Fluido idraulico. Temperatura di esercizio. Filtraggio. Messa in esercizio Codice fascicolo:997-400-10850 POMPA A PISTONI ASSIALE A PORTATA VARIABILE VDPP 60 VDPP 90 VDPP 110 VDPP 130 CODICE FAMIGLIA Posizione di montaggio Fluido idraulico Temperatura di esercizio Filtraggio

Dettagli

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Vieni a vederla dal 14 al 17 aprile al Pressa HC con motore a Risparmio Energetico Questa gamma di macchine di pressofusione è stata studiata per ottenere

Dettagli

CONDOTTE DI ADDUZIONE. Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro

CONDOTTE DI ADDUZIONE. Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro CONDOTTE DI ADDUZIONE Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro H 1 J Piezometrica Y H Y = J.L J = Cadente piezometrica Y = Carico disponibile L = Lunghezza della condotta Verifica di una condotta

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Progettazione di Valvole di Controllo della Pressione

Progettazione di Valvole di Controllo della Pressione Introduzione La scelta e il progetto delle valvole di controllo della pressione non è una scienza per pochi eletti. La procedura presentata permette di selezionare con un impegno relativamente ridotto

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti Allievi del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (VO) Testi delle esercitazioni per l Anno Accademico

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie A

Elettrovalvole a comando diretto Serie A > Elettrovalvole Serie A CATALOGO > Release 8.6 Elettrovalvole a comando diretto Serie A / vie - 3/ vie NC e NO Monostabili - bistabili (con memoria magnetica) Attacchi M5 - G1/8 - R1/8 - cartuccia ø4

Dettagli

Circuiti idraulici integrati

Circuiti idraulici integrati Circuiti idraulici integrati Ulteriori informazioni Il catalogo mostra il prodotto nelle configurazioni più comuni. Per informazioni più dettagliate o richieste particolari non a catalogo, contattare il

Dettagli

Freni idraulici Serie 43 1/10.05.01. Alesaggio ø 40 mm Regolazione in uscita o in rientro Funzione di Skip-Stop MOVIMENTO CARATTERISTICHE GENERALI

Freni idraulici Serie 43 1/10.05.01. Alesaggio ø 40 mm Regolazione in uscita o in rientro Funzione di Skip-Stop MOVIMENTO CARATTERISTICHE GENERALI CATALOGO > Release 8.6 > Freni Serie 43 Freni idraulici Serie 43 Alesaggio ø 40 mm Regolazione in uscita o in rientro Funzione di Skip-Stop I freni idraulici Serie 43 sono disponibili con diverse possibilità

Dettagli

ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Proporzionamento della trasmissione a cinghie Noti la potenza nominale P n del motore, il tipo di motore e di

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

Indice. 8 novembre 2015. 1 La similitudine idraulica per le pompe 2. 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3

Indice. 8 novembre 2015. 1 La similitudine idraulica per le pompe 2. 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3 8 novembre 2015 Indice 1 La similitudine idraulica per le pompe 2 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3 3 Pompe inserite in un impianto Esercizi 5 1 1 La similitudine idraulica per le pompe L applicazione

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE

PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Slides ricavate dal percorso per Perforatori Grande / Piccolo Diametro MECCANICA ELETTROMECCANICA

Dettagli

Motori idraulici Eaton XCEL Bassa velocità e Coppia elevata. XCEL Serie CH Prodotti preferenziali per l'europa

Motori idraulici Eaton XCEL Bassa velocità e Coppia elevata. XCEL Serie CH Prodotti preferenziali per l'europa Motori idraulici Eaton XCEL Bassa velocità e Coppia elevata XCEL Serie CH Prodotti preferenziali per l'europa 2 EATON Motori idraulici XCEL Serie CH Bassa velocità e coppia elevata E-MOLO-MR001-IT Aprile

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

SIMBOLI E UNITÀ DI MISURA

SIMBOLI E UNITÀ DI MISURA cm Q P3 = coefficiente di taglia = portata [kg] SIMBOLI E UNITÀ DI MISUR = somma delle masse della cabina, della arcata e delle funi lato cabina se esistenti [kg] Pr = massa dello stelo = Lp q + Pgs (N

Dettagli

TCA S.p.A. Soluzioni per le cesoie 2003/001

TCA S.p.A. Soluzioni per le cesoie 2003/001 La tecnologia delle valvole a cartuccia permette di concentrare qualsiasi numero di funzioni di controllo oleodinamiche in un solo blocco, dalla singola valvola per il controllo della discesa, al blocco

Dettagli

Cosa occorre sapere sui cilindri idraulici

Cosa occorre sapere sui cilindri idraulici Cosa occorre sapere sui cilindri idraulici Il presente capitolo serve da guida nella progettazione e nella scelta di cilindri idraulici. In esso si trovano chiarimenti tecnici e dati, formule per i calcoli,

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7

DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7 DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7 TITOLO DEL DOCUMENTO IMPIANTO DI PERFORAZIONE IDRAULICO G-25 DESCRIZIONE NUMERO DEL DOCUMENTO IDENTIFICAZIONE DEL FILE montata su camion 8 x 6, completa di pompa fango

Dettagli

PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER

PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER IDEALE PER L INSTALLAZIONE SU VEICOLI COMMERCIALI LEGGERI Azionamento della rotazione Ingranaggio a vite senza fine leggero e di facile manutenzione che consente

Dettagli

MASSA VOLUMICA o DENSITA

MASSA VOLUMICA o DENSITA MASSA VOLUMICA o DENSITA Massa volumica di una sostanza: è la massa di sostanza, espressa in kg, che occupa un volume pari a 1 m 3 1 m 3 di aria ha la massa di 1,2 kg 1 m 3 di acqua ha la massa di 1000

Dettagli

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE PERFORAZIONE A PERCUSSIONE Attrezzature e funzionamento L impianto è costituito da: un sistema di sollevamento (coppia di argani con frizione, funi di acciaio e torre); una a sonda cilindrica cava munita

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

DIVISORI DI FLUSSO "Serie XV 3" ITALIANO VERS:07-04-201 0

DIVISORI DI FLUSSO Serie XV 3 ITALIANO VERS:07-04-201 0 DIVISORI DI FLUSSO "Serie XV 3" ITALIANO VERS:07-04-201 0 VERS:20-02-2008 XV-D DIVISORE DI FLUSSO XV-G DIVISORE DI FLUSSO + MOTORE Questo modello è la versione standard dei divisori di flusso, divide semplicemente

Dettagli

Attuatori Idraulici Rotanti

Attuatori Idraulici Rotanti Attuatori Idraulici Rotanti Più di 35 anni d esperienza! Grazie a più di 35 anni d esperienza sul campo abbiamo fornito attuatori idraulici per una vastissima serie di applicazioni. Questo ci permette

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Con la denominazione Circuito aria comburente si intendono tre distinti sistemi: Sistema di ventilazione della sala macchine; Sistema di fornitura dell aria comburente; Circuito aria di sovralimentazione

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI IDRAULICI

INTRODUZIONE AI SISTEMI IDRAULICI INTRODUZIONE AI SISTEMI IDRAULICI Per molti secoli l energia idraulica dei fluidi è stata utilizzata dall uomo per svolgere le più disparate funzioni tra cui spingere i battelli, far ruotare i mulini e

Dettagli

MISURE DI PRESSIONE PRESSIONE

MISURE DI PRESSIONE PRESSIONE MISURE DI PRESSIONE 1 PRESSIONE Grandezza DERIVATA: pressione = forza area Grandezza di STATO: si ragiona in termini di differenze di pressione 2 PRESSIONE p pressione relativa (positiva) pressione atmosferica

Dettagli

Allegato B.16 - Schede interventi di manutenzione preventiva per Impianti di Condizionamento Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto della gara

Allegato B.16 - Schede interventi di manutenzione preventiva per Impianti di Condizionamento Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto della gara Allegato B.16 - Schede interventi di manutenzione preventiva per Impianti di Condizionamento Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto della gara Questi interventi di manutenzione preventiva devono essere eseguiti

Dettagli

LEZIONE 5-6 CALORE, ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE, IRRAGGIAMENTO) ESERCITAZIONI 3-4: SOLUZIONI

LEZIONE 5-6 CALORE, ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE, IRRAGGIAMENTO) ESERCITAZIONI 3-4: SOLUZIONI LEZIONE 5-6 CALORE, ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE, IRRAGGIAMENTO) ESERCITAZIONI 3-4: SOLUZIONI Esercizio 11 Una pentola contiene 2 kg di acqua ad una temperatura iniziale

Dettagli

INDICE da 5 a 12 da 13 a 14 da 18 a 27 da 29 a 34 da 35 a 36 da 39 a 40

INDICE da 5 a 12 da 13 a 14 da 18 a 27 da 29 a 34 da 35 a 36 da 39 a 40 INDICE Pagine Introduzione Descrizione generali 1 Schema di funzionamento 2 Scelta del sistema di guida idraulico 3 Schemi di assemblaggio per sistemi di guida idraulica 4 Sistemi di guida idraulica per

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

Meteo. Standard / Murali. Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso. Residenziale

Meteo. Standard / Murali. Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso. Residenziale Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso. Standard / Murali Residenziale Meteo Meteo: l esterna per eccellenza Estremamente affidabile, specifica per l esterno Meteo è una gaa

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

CALCOLO DELLE TUBAZIONI

CALCOLO DELLE TUBAZIONI CALCOLO DELLE TUBAZIONI Comune: Descrizione: Committente: Progettista impianti termici: San Paolo di Jesi (AN) Realizzazione di un edificio Microsoftware Michele Verdini pag. 1 Informazioni Generali Informazioni

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio

MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Un impianto di pompaggio ha la funzione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2010-2011

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2010-2011 Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 00-0 Esercizi di Fisica Tecnica ) Individuare sul diagramma P-v, punti e trasformazioni

Dettagli

CHINA MP FILTRI P.O. Box 418-008 Shanghai Phone: +86.21-57120700 Fax: +86.21-57127200 sales@mpfiltrichina.com

CHINA MP FILTRI P.O. Box 418-008 Shanghai Phone: +86.21-57120700 Fax: +86.21-57127200 sales@mpfiltrichina.com FMP 038 4-06-006 8:4 Pagina (,) New Headquarters : MP FILTRI S.p.A. Italy Via Maggio, n. 3 0060 Pessano con Bornago (Milano) Italy Tel. +39.0/9703. Fax +39.0/974497-974088 email: sales@mpfiltri.com http://www.mpfiltri.com

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Professor Alessandro De Stefano PROVINCIA DI TORINO Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Via VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA ITC PASCAL Via Carducci, n. 4 - GIAVENO

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 4 (5 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 4 (5 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica dei fluidi Fluidi e solidi Unità 4 (5 ore) Densità e pressione di un fluido Proprietà dei fluidi:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI OGGETTO: RIFACIMENTO DELLA RETE IDRICA DI VIA P. UMBERTO E CORSO UMBERTO I Acquedotto La rete idrica, è composta da condotte in pressione, poste a 1 m sotto il piano

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

RLM3 66 260/110 ID VALVOLA PER LA SELEZIONE DI VELOCITÀ RAPIDO/LENTO A COMANDO ELETTRICO SERIE 10. Q max (vedi tabella prestazioni)

RLM3 66 260/110 ID VALVOLA PER LA SELEZIONE DI VELOCITÀ RAPIDO/LENTO A COMANDO ELETTRICO SERIE 10. Q max (vedi tabella prestazioni) 66 260/110 ID RLM3 VLVOL ER L SELEZIONE DI VELOCIÀ RIDO/LENO COMNDO ELERICO VERSIONE MODULRE ISO 4401-03 (CEO 03) p max 250 bar Q max (vedi tabella prestazioni) INO DI OS ISO 4401-03-02-0-05 (CEO 4.2-4-03-250)

Dettagli

Progettazione e calcolo di

Progettazione e calcolo di Nicola Taraschi Progettazione e calcolo di * Calcolo delle reti aerauliche con il software CANALI * Le trasformazioni dell aria umida ed il software PSICRO * I ventilatori * Le batterie alettate ed il

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale Caldaia a condensazione a basamento con corpo in acciaio, camera di combustione in acciaio inossidabile Hoval UltraGas. Superfici di scambio secondarie

Dettagli

Regolatore di flusso a 2 vie

Regolatore di flusso a 2 vie RIES TECHNOLOGY s.r.l. Regolatore di flusso a vie RI /0.09 Sostituisce: 0.0 / Tipo FRM Grandezza nominale Serie X ressione d'esercizio massima bar ) ortata max. l/min. H+ Sommario Indice agina Caratteristiche

Dettagli

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO L esigenza di abbassare drasticamente i costi produttivi per rimanere competitivi sul mercato globale e la necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio

ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio È dato un pozzo con piano campagna H posto a 90 m s.l.m., dal quale l acqua è sollevata verso un serbatoio il cui pelo libero H

Dettagli

AVVERTENZE E SICUREZZE

AVVERTENZE E SICUREZZE AVVERTENZE E SICUREZZE SIMBOLI UTILIZZATI NEL SEGUENTE MANUALE ATTENZIONE: indica azioni alle quali è necessario porre particolare cautela ed attenzione PERICOLO: VIETATO: indica azioni pericolose per

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Serie ZAXIS-5 Versione con ridotto raggio di rotazione posteriore.

Serie ZAXIS-5 Versione con ridotto raggio di rotazione posteriore. Serie ZAXIS-5 Versione con ridotto raggio di rotazione posteriore. ESCAVATORE IDRAULICO Modello : ZX17U-5 ZX19U-5 Potenza nominale motore : 10,6 kw (14,2 HP) Peso operativo ZX17U-5 : 1.760 kg ZX19U-5 :

Dettagli

PERFORATRICI ORIZZONTALI "TO"

PERFORATRICI ORIZZONTALI TO PERFORATRICI ORIZZONTALI "TO" COSTRUZIONE TRIVELLE VERTICALI E ORIZZONTALI Via del Mercato, 9, 06129 Perugia, ITALY Telefono 075.500.39.68 - Fax 075.500.39.67 info@domenichinigroup.com - www.domenichinigroup.com

Dettagli

Componenti per sistemi a circolazione forzata. Componenti per sistemi a circolazione forzata. integrazione

Componenti per sistemi a circolazione forzata. Componenti per sistemi a circolazione forzata. integrazione Deltasol In un impianto solare, ci si affida alla gestione con centralina elettronica per la pompa abbinata ai pannelli solari e per eventualmente la partenza del generatore di calore per l integrazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO NAUTICO 2014 CORSO SPERIMENTALE Progetto NAUTILUS Indirizzo : APPARATI E IMPIANTI MARITTIMI Tema di : MACCHINE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi Roberto Lensi 3. Impianti per la cogenerazione Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 3. Impianti per la cogenerazione Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2003-04

Dettagli

MANUALE REVISIONE Indice:

MANUALE REVISIONE Indice: MANUALE REVISIONE Indice: 1.0 SMONTAGGIO GENERALE 1.1 SOSTITUZIONE OLIO 1.2 RIVALVOLARE IL PISTONE 1.3 REVISIONARE IL COVER 1.4 RIASSEMBLAGGIO 1.0 SMONTAGGIO GENERALE 1 Rimuovere la molla e il portamolla.

Dettagli

PERDITE di CARICO (Delta p) ASPIRAZIONE POMPA 1)Premessa. Cenni teorici. A-B-C

PERDITE di CARICO (Delta p) ASPIRAZIONE POMPA 1)Premessa.  Cenni teorici. A-B-C PERDITE di CARICO (Delta p) ASPIRAZIONE POMPA (Edizione del 3/2/2014) 1) Premessa 2) Cenni teorici 3) Tipologie di perdite di carico 4) Regime di flusso 5) Numero di Reynolds 6) Perdite di carico distribuite

Dettagli