COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO"

Transcript

1

2 COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO SECOMIND S.r.l. PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA relativo alla ricollocazione dei diritti volumetrici su ambito privato, previsti dal Piano di Iniziativa Pubblica denominato TRP1 intervento di ricaduta della capacità edificatoria all esterno dell ambito di piano STUDIO DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA aprile 2013 GEOLAMBDA - Studio associato di geologia, geofisica e ingegneria per l ambiente e il territorio via A. Diaz, Codogno (LO) tel. e fax Gλ GEOLAMBDA

3 Indice 1. Premessa Breve descrizione delle opere in progetto Inquadramento territoriale e normativo Il Piano Territoriale Paesistico della Regione Lombardia La Rete Ecologica Regionale della Lombardia Il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Milano Il Piano di Governo del Territorio del Comune di Segrate Piano stralcio per l assetto idrogeologico (P.A.I.) Caratteristiche del bacino idrografico, assetto geometrico e caratteristiche morfologiche dell alveo Aspetti idrologici Livelli idrici di piena definiti nel P.A.I. e confronto con i risultati del modello bidimensionale Portate medie e portata di piena del Fiume Lambro ai fini della verifica idraulica Verifiche idrauliche tramite modello bidimensionale Accorgimenti tecnico costruttivi per la mitigazione del rischio idraulico Conclusioni Allegati

4 1. Premessa La presente relazione ha come obiettivo la verifica di compatibilità idraulica ai sensi della Direttiva 4 del Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico dell Autorità di Bacino del F. Po e ai sensi del vigente strumento urbanistico del Comune di Segrate (MI). Oggetto dello studio è il Piano Attuativo di Iniziativa Privata relativo alla ricollocazione dei diritti volumetrici su ambito privato, previsti dal Piano di Iniziativa Pubblica denominato TRP1 intervento di ricaduta della capacità edificatoria all esterno dell ambito di piano in Comune di Segrate (MI). L area si sviluppa in sinistra idrografica del F. Lambro; le opere oggetto di valutazione di compatibilità sono descritte nel dettaglio dagli elaborati allegati al Piano Attuativo a cui si rimanda. Il presente studio quindi si prefigge l obiettivo di quantificare gli eventuali effetti prodotti dalle opere in progetto nei confronti del corso d acqua interessato (Fiume Lambro). In particolare lo studio intende valutare i seguenti aspetti: Modifiche indotte sul profilo di inviluppo di piena; Riduzione della capacità d invaso; Interazione con le opere di difesa idrauliche; Modifiche indotte sulle caratteristiche materiali e paesaggistiche della regione fluviale; Condizioni di sicurezza dell intervento rispetto alla piena di riferimento. A tale scopo è stato sviluppato un modello idraulico bidimensionale al fine di analizzare e confrontare le caratteristiche idrauliche dell area oggetto di intervento nello stato di fatto e di progetto. Per effettuare le valutazioni sopra descritte sono state utilizzate le informazioni già disponibili nella cartografia allegata al P.A.I., allo Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro Olona redatto da C.Lotti e Associati per l Autorità di Bacino del Fiume Po nel Settembre 2003 e i rilievi topografici dell area d interesse eseguiti sia dalla Committenza che dallo scrivente Studio nel mese di febbraio Sono state quindi definite, con il modello bidimensionale, le altezze idrometriche generate da una piena con tempo di ritorno di 200 anni, valutate le modifiche indotte dal progetto sulla piena e definiti gli interventi di riduzione della vulnerabilità dell opera situata in area a rischio alluvionale. 2. Breve descrizione delle opere in progetto L ambito oggetto di intervento, si estende per una superficie di circa mq, ed è localizzato nel settore est del Comune di Segrate a confine con il Comune di Milano, tra l uscita della Tangenziale Est di Lambrate, su Via Cassanese in direzione Segrate, la Ex Innocenti in Via Caduti di Marcinelle a sud dell ambito in territorio di Milano, e a cavallo tra la Via Redecesio, la Via Rubattino e l innesto con la nuova Cassanese bis. 3

5 L intervento si inserisce in un ambito urbano non edificato, a confine ad est con il limitrofo quartiere di Redecesio, caratterizzato dalla presenza di insediamenti produttivi. La proposta progettuale intercetta aree di frangia, non edificate, poste lungo il confine con il comune di Milano, destinate ad usi diversi, che consentono di generare una barriera rispetto a Milano anche grazie allo sviluppo di aree verdi. Il progetto prevede una superficie lorda di pavimento (SLP) complessiva pari a mq , che deriva dal ridimensionamento della capacità edificatoria ammissibile all interno del CENTROPARCO, attraverso la possibilità di decollo e atterraggio, di alcune volumetrie, verso ambiti differenti, tra cui quello di proprietà, localizzato appunto tra la via Cassanese e via Rubattino (in Milano). Sull ambito insiste la presenza di una rete di rogge e canali irrigui: la Roggia Acquabella (tratto ovest-est) proviene da Milano e si sviluppa nella porzione nord quasi parallelamente alla Cassanese, per poi piegare verso sud. Il progetto prevede la conservazione del corso d acqua, senza optare ad interventi di tombinatura o deviazione. Essa verrà conservata per tutto il suo sviluppo, creando punti di scavalco veicolare e pedonale esclusivamente in prossimità dei soli attraversamenti. Altri canali irrigui presenti all interno dell ambito, di carattere semplicemente di servizio per la vecchia attività agricola ormai cessata, verranno invece dismessi e coperti, per lasciare spazio allo sviluppo del progetto. Il sistema infrastrutturale esistente verrà ridimensionato, con la dismissione della viabilità proveniente da est, esattamente da Via Lambretta, dall inizio dell ambito di intervento fino alla rotatoria esistente verso sud su via Redecesio. La stessa via Redecesio manterrà lo sviluppo esistente tra la rotatoria sud, su via Caduti di Marcinelle, e quella nord su via Cassanese. Saranno previsti quattro nuovi edifici, completamente autonomi e dotati dei servizi necessari per la piena funzionalità d ambito. Nella porzione nord-est, verrà insediato un nuovo impianto di rifornimento e un impianto di autolavaggio. La composizione architettonica dell intervento risulta articolata secondo quattro edifici a blocco, aventi caratteristiche commerciali-terziarie, con ampie aree attrezzate a parcheggio pubblico. L ambito di contorno è costituito da aree verdi di pertinenza ai singoli sub ambiti. Gli edifici hanno altezza massima fuori terra di circa 15 mt, senza nessuna previsione di parcheggi o cantine interrate. L intervento potrà essere sviluppato per sub-ambiti autonomi, dotati delle necessarie opere di urbanizzazioni, atte a garantire il pieno funzionamento del sub-ambito in oggetto. 4

6 Fig. 01: planivolumetrico di progetto 3. Inquadramento territoriale e normativo Come descritto già nel paragrafo precedente, l area oggetto d intervento si sviluppa tra la S.P. 103 Cassanese (a nord) e il complesso industriale dell ex Innocenti lungo Via Caduti di Marcinette. L area ricade tra quelle individuate a rischio alluvionale in quanto ubicata in sinistra idraulica del F. Lambro. Si evidenzia anche la presenza della tangenziale Est di Milano e dei cantieri delle nuove opere infrastrutturali (Bre.Be. Mi.) che interessano la zona. 5

7 Fig. 02: Individuazione della zona di interesse tratta da Google Earth. Fig. 03: Individuazione della zona di interesse e delle infrastrutture in fase di realizzazione 6

8 3.1 Il Piano Territoriale Paesistico della Regione Lombardia Il Piano Territoriale Paesistico della Regione Lombardia, componente del PTR, classifica l area di interesse nell unità tipologica di paesaggio Fascia bassa di pianura. La bassa pianura lombarda è un insieme territoriale non uniforme. Lo rivelano i suoi paesaggi appena si attraversa da sud a nord come da est a ovest la pianura. Varia la densità di alberi, il tipo di pianta, la forma delle cascine, la loro densità, la misura dei campi, il rapporto tra cascine isolate e centri comunali, il richiamo dei campanili, dei castelli, ecc. L area di interesse del presente studio è interessata da paesaggi delle fasce fluviali e da paesaggi delle colture foraggere. Gli indirizzi di tutela dei paesaggi delle fasce fluviali sono rivolti alla salvaguardia degli elementi geomorfologici, i quali sono importanti per diversificare una dominante paesaggistica di vasta, altrimenti uniforme pianura. Tale tutela deve essere riferita all intero spazio dove il corso d acqua ha agito, con terrazzi e meandri, con ramificazioni attive o fossili; oppure fin dove l uomo è intervenuto costruendo argini a difesa della pensilità. Delle fasce fluviali vanno protetti innanzitutto i caratteri di naturalità dei corsi d acqua, i meandri dei piani golenali, gli argini e i terrazzi di scorrimento. Particolare attenzione va assegnata al tema del rafforzamento e della costruzione di nuovi sistemi di arginatura o convogliamento delle acque, constatando la generale indifferenza degli interventi più recenti al dialogo con i caratteri naturalistici e ambientali. Va potenziata la diffusione della vegetazione riparia, dei boschi e della flora dei greti. Si tratta di opere che tendono all incremento della continuità verde lungo le fasce fluviali, indispensabili per il mantenimento di corridoi ecologici attraverso l intera pianura padana. Le attività agricole devono rispettare le morfologie evitando la proliferazione di bonifiche agrarie tendenti all alienazione delle discontinuità altimetriche. I paesaggi delle pianura irrigua sono cartograficamente distinti a seconda degli orientamenti colturali prevalenti (per quanto riguarda l area di interesse sono le colture foraggere). In questo caso gli indirizzi di tutela sono rivolti alla salvaguardia dei paesaggi della bassa pianura irrigua che vanno tutelati rispettandone la straordinaria tessitura storica e la condizione agricola altamente produttiva. Questa condizione presuppone una libertà di adattamento colturale ai cicli evolutivi propri dell economia agricola. Ciò va tenuto presente, ma nel contempo va assicurato il rispetto per l originalità del paesaggio nel quale si identifica tanta parte dell immagine regionale, della tradizionale prosperità padana. Si riportano di seguito gli estratti cartografici del Piano Paesaggistico della Regione Lombardia. L area in esame non è compresa in ambiti istituiti per la tutela della natura quali Parchi Regionali e non è sita nelle vicinanze della viabilità di interesse paesaggistico. Risulta rilevante la vicinanza del fiume Lambro, il quale è classificato come Corso d acqua fortemente inquinato; infatti la zona rientra nella fascia di rispetto dei corsi 7

9 d acqua tutelati ai sensi del D.Lgs. 42/2004. Poco più a sud è presente anche un sito contaminato di rilevanza nazionale. Piano Paesaggistico Regionale Tavola A. Ambiti geografici e unità tipologiche di paesaggio. Piano Paesaggistico Regionale Tavola B. Elementi identificativi e percorsi di interesse paesaggistico. 8

10 Piano Paesaggistico Regionale Tavola C. Istituzioni per la tutela della natura Paesaggistico Regionale Tavola D. Quadro di riferimento della disciplina paesaggistica regionale Piano Paesaggistico Regionale Tavola E. Viabilità di rilevanza paesaggistica 9

11 Piano Paesaggistico Regionale Tavola F. Riqualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione regionale Piano Paesaggistico Regionale Tavola G. Contenimento dei processi di degrado e qualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione regionale 10

12 Piano Paesaggistico Regionale Tavola Ic. Quadro sinottico tutele paesaggistiche di legge articoli 136 e 142 del D.Lgs. 42/04 11

13 3.2 La Rete Ecologica Regionale della Lombardia La Rete Ecologica Regionale, il cui disegno è stato approvato con deliberazione di Giunta Regione Lombardia n. 8/10962 del 30 dicembre 2009, è riconosciuta nel Piano Territoriale Regionale come infrastruttura prioritaria e pertanto costituisce strumento orientativo per la pianificazione regionale e locale. Il Piano Regionale fornisce indicazioni ai comuni per l attuazione della rete ecologica di livello locale in ambito di stesura dei Piani di Governo del Territorio. Fig.04: Estratto delle Rete Ecologica Regionale L area in oggetto ricade nelle immediate vicinanze del settore n. 72 Est Milano e nei corridoi regionali primari ad alta antropizzazione della Rete Ecologica Regionale (fiume Lambro). 12

14 3.3 Il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Milano Il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Milano attualmente vigente è stato approvato con la deliberazione del Consiglio Provinciale n. 55 del 14 ottobre Il Piano determina gli indirizzi generali di assetto del territorio provinciale, rispetto ai quali i Comuni sono chiamati a verificare la compatibilità dei loro strumenti urbanistici. Il PTCP adeguato alla L.R. 12/2005 è stato adottato dal Consiglio Provinciale nella seduta del 7 giugno 2012, con Deliberazione n. 16. Tra il PTCP vigente è quello adeguato alla L.R. 12/2005 non sono state riscontrate modifiche per l area in oggetto. Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale colloca l area in oggetto negli Ambiti golenali - Ciclo delle acque (art. 38) e nell Ambito del PTRA navigli Lombardi (DelCR n IX/72 del 16/11/2010). Si riportano di seguito gli estratti delle tavole del PTCP di Milano. Tavola 1: sistema infrastrutturale 13

15 Tavola 2: ambiti, sistemi ed elementi di rilevanza paesaggistica Tavola 3: ambiti, sistemi ed elementi di degrado o compromissione paesaggistica (art. 35) 14

16 Tavola 4: rete ecologica Tavola 5: ricognizione delle aree assoggettate a tutela 15

17 Tavola 7: difesa del suolo 16

18 3.4 Il Piano di Governo del Territorio del Comune di Segrate L area in oggetto, secondo la Tavola C8 Azzonamento del Documento di Piano del PGT del Comune di Segrate (di cui si riporta stralcio di seguito), è disciplinata dal Piano dei Servizi. Fig. 05: Documento di Piano - Tavola n. C8c: Azzonamento Come indicato dalla Tavola 3 Azzonamento del Piano dei Servizi (di cui si riporta stralcio di seguito) l area in oggetto ricade nelle aree verdi di riqualificazione ecologica. 17

19 Fig.06: Piano dei Servizi - Tavola n. 3: Azzonamento 18

20 Fig. 06: Tavola n. C10: Beni costitutivi del paesaggio piano paesaggistico comunale 19

21 Come si vede dalla Tavola 1 Caratteri geologici e geomorfologici della Componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT l area ricade nell unità geologica SISTEMA DI CANTÙ. Fig. 07: Tavola 1 Caratteri geologici e geomorfologici della Componente geologica, idrogeologica e sismica 20

22 Come si vede dalla Tavola 4 Vulnerabilità integrata degli acquiferi della Componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT l area ricade in zona a vulnerabilità dell acquifero ELEVATA. Fig. 08: Tavola 4 Vulnerabilità integrata degli acquiferi della Componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT 21

23 Come si vede dalla Tavola 8 Sintesi degli elementi conoscitivi della Componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT l area ricade in zona a rischio idraulico ELEVATO, MEDIO e MODERATO. Fig. 09: Tavola 8 Sintesi degli elementi conoscitivi della Componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT 22

24 La Tavola 9a Fattibilità geologica della Componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT definisce l area a rischio idraulico ELEVATO, MEDIO e MODERATO, quindi una Fattibilità con consistenti limitazioni. Fig. 10: Tavola 9a Fattibilità geologica della Componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT 23

25 Per completezza si riporta anche lo stralcio cartografico della Tavola R.05/2C Vincoli amministrativi e per la difesa del suolo del Piano dei Servizi del PGT del Comune di Milano secondo cui il RISCHIO IDRAULICO dell area adiacente a quella in esame risulta in classe R2 Rischio medio (art b.ll). Fig. 11: Tavola R.05/2C Vincoli amministrativi e per la difesa del suolo del Piano dei Servizi del PGT del Comune di Milano 24

26 3.5 Piano stralcio per l assetto idrogeologico (P.A.I.) Il Piano Stralcio per l assetto Idrogeologico (P.A.I.), adottato dall Autorità di Bacino del F. Po e approvato con D.P.C.M. del 24/05/2001 contiene le delimitazioni delle fasce fluviali per il fiume Lambro. La perimetrazione delle fasce del P.A.I. è descritta nella seguente figura 12 (estratta in stralcio dal P.A.I. Il tratto di Fiume Lambro interessato è compreso tra le sezioni 79 e 73.3, le sezioni nelle immediate vicinanze dell area in esame sono la 77 e la 76, per le quali il PAI prevede quote idrometriche per una piena con tempo di ritorno T=200 anni pari rispettivamente a 118,84 e 114,80 m s.l.m.. 25

27 Fig. 12: Piano stralcio per l'assetto Idrogeologico (PAI) - Interventi sulla rete idrografica e sui versanti (Legge 18 maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6-ter) Tavole di delimitazione delle fasce fluviali - FOGLIO 118 SEZ. II Milano Est LAMBRO 06 Lo Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro Olona redatto da C.Lotti e Associati per l Autorità di Bacino del Fiume Po nel Settembre 2003, ingloba la zona oggetto del presente studio in area allagabile con la piena con T=100 anni. 26

28 Fig. 13: Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua nell ambito di pianura Lambro - Olona Analisi idraulica - Autorità di Bacino del F. Po Cartografia di delimitazione delle aree allagabili e dell adeguatezza delle opere interferenti Fiume Lambro dicembre tav. LA-16 e LA

29 4. Caratteristiche del bacino idrografico, assetto geometrico e caratteristiche morfologiche dell alveo Il fiume Lambro ha origine nel Triangolo Lariano, nelle Prealpi racchiuse tra i due rami del lago di Como, in Comune di Magreglio a quota 1'300 m s.l.m. circa. Il corso d acqua prelacuale si sviluppa in direzione nordsud per un primo tratto sino a Canzo, in direzione est-ovest sino a Ponte Lambro e quindi nuovamente in direzione nord-sud sino al lago di Pusiano nel quale si immette, in Comune di Erba, a seguito della rettifica e della bonifica eseguita. All uscita dal lago di Pusiano il corso d acqua riprende andamento con direzione prevalente nord-sud e giunge a Villasanta, prima di attraversare il Parco di Monza, attraversando un fondovalle prevalentemente incassato. La zona che si estende dal Parco di Monza a Sesto San Giovanni fino alle porte di Milano è caratterizzata da un corso ricco di anse e meandri, incassato nell alveo ordinario dalla serie quasi continua di insediamenti circostanti, ma immerso in un alveo di massima piena ampio e coronato da un terrazzamento continuo ed evidente soprattutto in sponda destra. In questa zona le sponde del Lambro sono quasi ininterrottamente cinte da insediamenti abitativi e produttivi, per la maggior parte edificati entro l alveo di piena e quindi in aree sottratte alla naturale espansione del fiume. A questa parte ne segue una, ad Est di Milano, in cui il fiume scorre con pendenza modesta in campagna, in un alveo ordinario tendenzialmente rettilineo, contenuto in arginature artificiali che in talune zone ne impediscono l espansione nelle aree circostanti. Rispetto ad altri fiumi, il Lambro presenta un importante peculiarità: non riceve per un lungo tratto compreso tra Villasanta e l immissione del Redefossi afflussi naturali; in tale tratto sono presenti solamente affluenti di origine artificiale, costituiti dagli scaricatori di piena e dai terminali dei sistemi fognari comunali e consortili. Il bacino del Lambro può essere suddiviso sostanzialmente in quattro parti: - la prima parte del bacino (Lago), situata a monte del Lago di Pusiano, presenta numerosi piccoli corsi d acqua a regime torrentizio, con pendenze generalmente elevate (torrenti Lambretto, Valle di Rezzago, Foce, Ravella, Bistonda, Bova). Al termine di questa parte il fiume diminuisce la sua pendenza sino a confluire nel lago di Pusiano dove deposita notevoli quantità di detriti che ne caratterizzano il conoide; in tale porzione di bacino può anche essere incluso il bacino afferente al lago di Alserio che ha un comportamento simile al lago di Pusiano; - la seconda parte (Lambro naturale), compresa tra il Lago di Pusiano e il comune di Villasanta (a monte del comune di Monza), presenta versanti acclivi o mediamente acclivi ed è caratterizzato da urbanizzazione ridotta; in tale porzione del bacino sono presenti alcuni affluenti, tutti localizzati in sinistra idraulica, di cui i principali sono: Bevera di Molteno, Bevera di Veduggio, Bevera di Renate, Roggia Brovada, Roggia Pegorino e Roggia Molgorana; 28

30 - la terza parte (Lambro urbano), compreso tra il comune di Monza e la periferia sud-est di Milano, fino alla confluenza del Deviatore Redefossi (tratto d interesse del presente studio), presenta versanti pressoché pianeggianti ed un elevata urbanizzazione; il contributo di tale porzione di bacino è interamente derivante dagli scaricatori delle reti fognarie comunali e consortili; - la quarta parte del bacino (Lambro irriguo), compreso tra la confluenza con il Deviatore Redefossi e il fiume Po, è costituito da terreni pianeggianti nei quali è presente un vasto reticolo irriguo; all interno di tale bacino vi è la confluenza tra il Lambro e il Lambro Meridionale. Il deflusso della porzione denominata Lago è ovviamente influenzato dai fenomeni d invaso e svaso del Lago di Pusiano e del Lago di Alserio, pertanto tale porzione di bacino produce un idrogramma in ingresso al Lambro con picchi poco accentuati e durate delle onde di piena molto prolungate. Nella zona Lambro naturale i deflussi in ingresso al Lambro dipendono prevalentemente dalle caratteristiche geomorfologiche del bacino, mentre i deflussi della zona Lambro urbano risultano influenzati principalmente dalla capacità di smaltimento delle fognature comunali e consortili. Per quanto riguarda la zona Lambro irriguo, come riferito nell apposita relazione, i deflussi sono influenzati dal reticolo irriguo. La superficie complessiva del bacino del Lambro, chiuso alla confluenza con il Deviatore Redefossi, è pari a circa 553 km 2, dei quali 199 km 2 di aree urbane e 354 km 2 di aree extraurbane. 29

31 Fig Bacino idrografico del Fiume Lambro Estratta dal P.T.U.A., allegato 2 alla Relazione Generale 30

32 5. Aspetti idrologici Il Lambro presenta i caratteri tipici del fiume prealpino, ossia direzione regolare, portata modesta, variabilità e stagionalità delle portate dovuta anche all assenza di ghiacciai nel bacino di alimentazione. Nel bacino idrografico del fiume Lambro sono presenti diverse sezioni di misura: di seguito si riportano le caratteristiche. Tabella 1. Coordinate Gauss Boaga delle sezioni di calcolo e principali caratteristiche geomorfologiche dei sottobacini sottesi (tab del PTUA Reg. Lombardia) Tabella 2. Dati idrometrici disponibili per il bacino del Lambro (tab del PTUA Reg. Lombardia) 6. Livelli idrici di piena definiti nel P.A.I. e confronto con i risultati del modello bidimensionale Il progetto, come descritto precedentemente, prevede la ricollocazione dei diritti volumetrici su ambito privato, previsti dal Piano di Iniziativa Pubblica denominato TRP1 intervento di ricaduta della capacità edificatoria all esterno dell ambito di piano in Comune di Segrate (MI). Nelle tabelle allegate al P.A.I. sono riportati i profili di piena per tutti i corsi d acqua interessati dalla delimitazione delle fasce fluviali (tab. 3); lo stesso P.A.I., nell allegato 5, reca l ubicazione delle principali sezioni utilizzate per la definizione dell altezze di piena (fig. 15). L area oggetto di studio nelle vicinanze delle sezioni 77 e 76 ove le tabelle del P.A.I. prevedono rispettivamente un altezza idrometrica per una portata con tempo di ritorno di 200 anni di 118,84 e 114,80 m s.l.m. 31

33 Fig. 15. Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) - Interventi sulla rete idrografica e sui versanti (Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6ter - Adottato con deliberazione del Comitato Istituzionale n. 18 in data 26 aprile 2001)- 7. Norme di attuazione - Direttiva sulla piena di progetto da assumere per le progettazioni e le verifiche di compatibilità idraulica - Allegato 5 Portate e inviluppo del profilo idrico di piena di progetto per i corsi d acqua interessati dalla delimitazione delle fasce fluviali - Cartografia scala 1: tavola n

34 Tabella 3. Tabella 43 allegata a P.A.I. profilo di piena per il fiume Lambro. 33

35 Il piano campagna nell area dell intervento si sviluppa ad una quota compresa tra 114,50 e 115,50 m s.l.m.. Ne consegue che in caso di piena con T=200 anni, considerando i dati riportati nel PAI nella sezione più vicina, raggiungerebbero valori intorno ai 30 cm. Nell allegato 01 si riporta la tavola 16 elaborato 5.2.2_3_1N_LA_16 dello Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro Olona dalla quale si evince che il profilo di piena con T=200 anni per la medesima sezione presenta un tirante idrico di 116,99 m s.l.m.: secondo questa fonte l area in oggetto sarebbe interessata da un battente di 2,99 m. Le differenze di quota tra i due studi redatti dall Autorità di Bacino sono dettate dal fatto che il primo studio ha come base un modello monodimensionale: vista la morfologia complessa dell alveo del F. Lambro (con diverse discontinuità e manufatti) e delle zone limitrofi, non è attendibile l utilizzo di una quota estrapolata in modo uniforme alle aree esterne all alveo. Le quote dei tiranti idrici generati dalla piena con T=200 anni sono state quindi ricalcolate nel presente studio utilizzando un modello bidimensionale dettagliando la morfologia della zona: la descrizione del calcolo è riportata nel successivo capitolo 8, le quote dei tiranti idrici nell area oggetto di studio presentano valori tra i 1,20 m e 1,80 m rispetto all attuale piano campagna. 7. Portate medie e portata di piena del Fiume Lambro ai fini della verifica idraulica Per la determinazione delle portate medie annue si è fatto riferimento all Allegato 2 della Relazione generale del PTUA approvato dalla Regione Lombardia con DGR 29 marzo 2006 e all allegato 1 delle direttive per l adeguamento delle derivazioni al rilascio del D.M.V. approvate con D.G.R. 8/6232 del In particolare, la zona di interesse si trova a valle della sezione Brugherio. Le sezioni sono riportate nella seguente figura n. 16, tratta dalla Tavola 5 del PTUA. 34

36 Fig Estratto della Tavola 5 del PTUA Sezioni di calcolo dei corsi d acqua significativi con relativi valori di portata naturale e antropizzata e relativa legenda Si riportano nella figura n. 17 seguente gli andamenti mensili per la sezione di riferimento Lambro a Brugherio in termini percentuali rispetto alla corrispondente media annua e, nella successiva tabella n. 4, i valori delle portate medie mensili che ne derivano. 35

37 Fig Andamenti percentuali rispetto alla media annua delle portate medie mensili naturali per il Lambro a Biassono e utilizzati per la sezione di Brugherio. (Fig dell Allegato 2 alla Relazione generale del PTUA) Tabella 4. Portate medie mensili naturali calcolate alla sezione di Brugherio (m3/s) (Tab dell Allegato 2 alla Relazione generale del PTUA) Ai fini della verifica idraulica del presente Studio è stata considerata la portata di piena con T=200 anni facendo riferimento allo Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro Olona elaborati 5.2.2_3_2N_LA_16 (allegato 02) e /1/1R/LA1(Relazione descrittiva e di analisi dell attività Definizione delle portate di piena di riferimento ). 8. Verifiche idrauliche tramite modello bidimensionale Lo studio bidimensionale è stato redatto con lo scopo di valutare le eventuali modifiche indotte dal progetto sulla piena con T=200 anni. La base topografica utilizzata è il risultato dell'unione cartografica georeferenziata tra il rilievo fornito dalla Committenza, il rilievo eseguito con strumentazione GPS dallo scrivente Studio e l interpolazione in 3D delle sezioni allegate al PAI e allo studio del Inoltre sono state inserite le sagome degli edifici esistenti in sponda sinistra del F. Lambro per simulare lo stato di progetto degli edifici previsti nel plani-volumetrico proposto. 36

38 Costruita la base topografica sia dello stato di fatto che di progetto sono stati utilizzati due modelli di calcolo per l elaborazione dei dati: 1) SMS 11 di Aquaveo che ha permesso di rappresentare tramite un modello GIS tridimensionale la geometria (inserendo dati di fonti diverse) su cui basare i successivi calcoli. Con SMS sono stati creati anche gli elementi finiti (mesh) su cui è stata svolta tutta la modellazione, e infine, sono stati importati i risultati del modello idraulico per estrapolare le immagini allegate alla presente che permettono di visualizzare tali risultati. 2) BASEMENT, software sviluppato presso il Laboratorio di idraulica, idrologia e glaciologia (VAW) dell Istituto Federale Svizzero di Tecnologia (ETH) di Zurigo, per la simulazione numerica. Il modello di calcolo agli elementi finiti si basa sull equazioni di Saint Venant (SVE). L area oggetto dello studio è compresa tra le sezioni 76 e 77; il modello tuttavia è stato esteso dalla sezione 73.3 alla 81.5, utilizzate quali limiti delle condizioni al contorno di monte e di valle. Nelle figure successive si riporta la geometria così come estrapolata dal modello GIS tridimensionale (SMS) (figura 18) e gli elementi finiti (mesh) generati con il software. Nella figura 19 si riportano gli elementi finiti (mesh) estrapolati dal modello di calcolo SMS per la condizione di progetto e il dettaglio relativo l inserimento delle sagome degli edifici esistenti e in progetto nel software SMS. Si segnala che è stata modellizzata la condizione peggiore inserendo nel modello anche un riempimento volumetrico del lotto n. 5 come completamente edificato. Per descrivere la geometria della zona interessata sono stati utilizzati i seguenti dati di scabrezza: 0.03 per l alveo del Fiume Lambro; 0.06 per le zone di golena non urbanizzata 0.1 per il tessuto urbano ove non sono stati inseriti i singoli fabbricati. 37

39 Fig. 18: Area totale modellizzata con GIS tridimensionale (SMS) 38

40 Fig Area oggetto dello studio: geometria estratta dal modello GIS tridimensionale (SMS) 39

41 Fig Dettaglio degli edifici e delle opere in progetto inserite nel software SMS e relative mesh di calcolo 40

42 La condizione al contorno di monte utilizzata è l idrogramma di piena della portata con T=200 anni alla sezione LA81.5 (portata 325 mc/s), estrapolato dallo Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro- Olona elaborato 5.2.2/2/1R/LA1 analisi idraulica tabella 1. Fig. 21: Idrogramma alla sezione LA78, Ponte via Feltre, per T= 200 anni. Fig. 22: Idrogramma alla sezione LA74, ponte FFSS a Mialno per T=200 anni 41

43 Fig 23: Tabella 1 - Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro- Olona elaborato 5.2.2/2/1R/LA1 analisi idraulica confronto tra la portata idraulica, la portata compatibile e la portata idrologica (T=200 anni) Già lo Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro- Olona elaborato 5.2.2/2/1R/LA1 analisi idraulica evidenzia come nel tratto in esame l ampiezza delle esondazioni nelle zone pianeggianti provochi uno sfasamento dei colmi tra la portata in alveo e la portata laterale, tale da indurre una riduzione della portata idraulica al colmo in grado di transitare a valle. Questo è uno dei principali motivi per cui i risultati dello studio sopracitato si discostano da quelli pubblicati precedentemente nel PAI. La conformazione dell onda a valle è oltremodo determinata dalla sezione di controllo costituita dal ponte delle FFSS (LA73.3) a valle di Rubattino e dal rilevato ferroviario posto ad una quota non sormontabile. 42

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVIII - N. 6 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

MELFI. Città di Melfi

MELFI. Città di Melfi Comune di REGIONE BASILICATA PROVINCIA DI POTENZA MELFI Progetto per la realizzazione di una discarica per rifiuti speciali non pericolosi ed annesso impianto di trattamento da ubicarsi nel Comune di Melfi

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA PIANO PER LA VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA PAESISTICA DEGLI INTERVENTI EDILIZI ABUSIVI ESEGUITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli