CAP2. LEGISLAZIONE Autorità di Bacino del fiume Po. Progetto di Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI). Relazione generale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAP2. LEGISLAZIONE Autorità di Bacino del fiume Po. Progetto di Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI). Relazione generale."

Transcript

1 Bibliografia CAP2. LEGISLAZIONE Idrogeologico (PAI). Relazione generale. Idrogeologico (PAI). Relazione di sintesi. Idrogeologico (PAI). Norme di attuazione. Idrogeologico (PAI). Interventi sulla rete idrografica e sui versanti. Atlante dei rischi idraulici e idrogeologici. Inventario dei centri montani esposti a pericolo. Autorità di Bacino del fiume Po. Piano Stralcio delle Fasce Fluviali (PSFF).Relazione generale. Autorità di Bacino del fiume Po. Piano Stralcio delle Fasce Fluviali (PSFF). Norme di attuazione. Autorità di Bacino del fiume Po. Progetto di Piano Stralcio per il controllo dell Eutrofizzazione (PsE). Relazione generale.. Autorità di Bacino del fiume Po. Progetto di Piano Stralcio per il controllo dell Eutrofizzazione (PsE). Allegato 1 alla relazione generale. R.D.1775/33 Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici DPR 448/76 Esecuzione della convenzione relativa alle zone umide d importanza internazionale, soprattutto come habitat degli uccelli acquatici, firmata a Ramsar il 2 Febbraio

2 DPR 616/77 Attuazione della delega di cui all articolo 1 della legge 22 Luglio 1975, n 382 D.L. 312/85 Disposizioni urgenti per la tutela delle zone di particolare interesse ambientale L. 431/85 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge n 312/85-Legge Galasso L. 183/89 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo L 36/94 Disposizioni in materia di risorse idriche D. Lgs 152/99 Disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue e della direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole D. Lgs 258/00 Disposizioni correttive e integrative del Decreto legislativo 11 Maggio 1999 n 152, in materia di tutela delle acque dall inquinamento, a norma dell articolo 1, comma 4, della legge 24 Aprile 1998, n 12 Maglia, Santoloci. Il codice dell ambiente. Ed La turbina Siti internet consultati: reteambiente.it sinanet.it adbpo.it CAP3.IL FIUME ANAB-Associazione nazionale Architettura Bioecologica-Quaderni di architettura naturale. L acqua salvata. Utilizzo integrato in una prospettiva biourbanistica. A cura di E. R. Trevisiol e S. Parancola. Edicom Edizioni. Anselmo V. Dispense Benedini M., Gisotti G. Il dissesto idrogeologico. Cause, effetti e interventi a difesa del suolo. NIS La nuova Italia scientifica Benini G. Sistemazioni idraulico-forestali. Scienze forestali e ambientali. UTET. Di Fidio M. Ambiente Territorio. Tutela e gestione delle acque. Principi e metodi per una politica unitaria delle acque. Pirola Editore. Du Bois M.P. Le Rhône et les Rivières à lit affouillable. Mem. Doc. Ann. Pont et Chaussèes, n.5 vol. XVIII, 1879 Fabbri P. Assetto paesistico dei corsi d acqua. Flortecnica 6/99 639

3 Fabbri P. Il paesaggio fluviale. Una proposta di recupero ecologico della Dora Riparia. IPLA spa. Guerini Studio. Giussani G., Elementi di Ecologia Generale delle acque interne. Corso di Ecologia delle acque. CNR Istituto idrobiologico di Pallanza. Jansen P.P., Van Bendegom L., Van den Berg J. Principles of river engineering. The non-tidal alluvional river. Editorial Board. Libera V., Idrologia. Rete idrografica, Precipitazioni, Deflussi. Corso di Ecologia delle acque. CNR Istituto idrobiologico di Pallanza. Malcevschi S., L. G. Bisogni, A. Gariboldi. Reti ecologiche ed interventi di miglioramento ambientale- Ecological networks and habitat restoration. Il verde editoriale Maione U., Brath A. (a cura di). Politecnico di Milano. Programma di Istruzione Permanente. Dipartimento di Ingegneria Idraulica, ambientale e del Rilevamento. Moderni criteri di sistemazione degli alvei fluviali.. Atti del corso di aggiornamento. Ottobre Editoriale BIOS. Manuale ANPA. IFF Indice di funzionalità fluviale. Meyer-Peter e., Favre H., Einstein A. Neuereversuch resultate uber den geschiebetrieb. Schweiz. Bauzutung Vol.103, n 13, 1934 Paoletti A. Lezioni di Idraulica Fluviale. A.A politecnico di Milano. Istituto di Idraulica Pezzoli A., Appunti del Corso di Idrologia Tecnica. A.A Politecnico di Torino Regione Emilia-Romagna. Manuale tecnico di ingegneria naturalistica. Centro di formazione professionale Malaguti Ravera O. Critique of concepts and techniques regarding biological indicators. Boll. Zool. n.42 Schiara M. Appunti del corso di Idraulica Fluviale. A.A Politecnico di Torino Tesi di Laurea Politecnico di Torino Scopi A. Dall analisi della evoluzione storica e del rischio attuale una proposta di riassetto idraulico per il tratto terminale del torrente Orco. Facoltà di Ingegneria. Tesi di Dottorato Politecnico di Torino Comoglio C. Compatibilità e gestione ambientale dei prelievi idrici da corsi d acqua naturali. Dottorato in Ingegneria Ambientale. 640

4 Siti internet consultati: adbpo.it pipam.com novanet.it CAP4. INGEGNERIA NATURALISTICA IRES-Istituto Ricerche Economico-Sociali del Piemonte. Progetto Po. Tutela e valorizzazione del fiume in Piemonte. Rosenberg&Sellier Regione Autonoma della Valle D Aosta. Piano di intervento per la valorizzazione paesaggistica e turistica dell area fluviale della Dora Baltea compresa tra i comuni di Villeneuve e di Saint Vincent Regione Emilia-Romagna. Manuale tecnico di ingegneria naturalistica. Centro di formazione professionale Malaguti Regione Liguria- Assessorato Edilizia, Energia e Difesa del Suolo. Opere e tecniche di ingegneria naturalistica e recupero ambientale Zeh H. Tecniche di ingegneria naturalistica. Il verde editoriale Tesi di laurea - Politecnico di Torino Andrea Verucchi. Fasce fluviali del torrente Orco: valorizzazione delle valenze naturalistiche con tecniche di bioingegneria Cristiano Savoretto. Fasce fluviali del torrente Orco: utilizzazione agricola del suolo con tecniche di intervento di ingegneria naturalistica CAP5. RETI ECOLOGICHE Atti convegno su Valorizzazione delle risorse naturali e delle tradizioni locali per uno sviluppo sostenibile Enna, Giugno Prodotti e tecnologie ecocompatibili per l agricoltura e la tutela ambientale. Dossier WWF. Reti ecologiche. a cura di A. Paolella Franco D. Paesaggio, reti ecologiche ed agroforestazione. Il ruolo dell ecologia del paesaggio e dell agroforestazione nella riqualificazione ambientale e produttiva del paesaggio. Il verde editoriale Ingegnoli, Pignatti. L ecologia del paesaggio in Italia. Città Studi edizioni Malcevschi S., L. G. Bisogni, A. Gariboldi. Reti ecologiche ed interventi di miglioramento ambientale- Ecological networks and habitat restoration. Il verde editoriale Zavalloni G. La scuola ecologica. Esperienze e proposte per educare all ambiente. Macro Edizioni 641

5 Zavalloni G., Castellucci. Impariamo a conoscere il fiume e la sua bioregione. Macro Edizioni CAP5. AREE VERDI Bruschi S. M. Di Giovine. Il verde pubblico- Tipologie, progetti, attuazione, normative tecniche, gestione NIS La nuova Italia scientifica Castrignanò G. Progettare il verde in ambito fluviale.. Flortecnica 6-99 Il vivaista Cosmacini. Il parco urbano e fluviale delle Basse di Stura a Torino. Pianificazione e recupero ambientale. Flortecnica 6-99 Il vivaista Dinetti M. Infrastrutture ecologiche. Manuale per progettare e costruire le opere urbane e extraurbane nel rispetto della conservazione della biodiversità Il verde editoriale Marchetti L eutrofizzazione. Un processo degenerativo delle acque Ed. FrancoAngeli CAP6. ECOSISTEMI FILTRO Andreottola G., Bonomo L., Poggiali L., Zaffarono C. A methodology for the estimation of unit nutrient and organic loads from domestic and non-domestic sources. European Water Pollution Control. Bisogni. Ecosistemi Filtro della Val Trebbia. Atti del convegno FAST 2000, Milano. Bonomo L., G. Pastorelli Recenti tendenze nella depurazione delle acque reflue: innovazioni tecnologiche e di processo. Corso di aggiornamento in Ingegneria Sanitaria, Politecnico di Milano Bonomo L., Pastorelli G.. Processi di depurazione: richiami teorici e rassegna delle principali applicazioni. Corso di aggiornamento in Ingegneria Sanitaria, Politecnico di Milano Borin, Razzara, Zuin. Chiare fresche e dolci acque ACER 2/1999 CCS Aosta srl, Verdi srl, Fitotecnologie applicate sas, Sitos spa. Prodotti e tecnologie ecocompatibili per l agricoltura e la tutela ambientale. Atti convegno su Valorizzazione delle risorse naturali e delle tradizioni locali per uno sviluppo sostenibile Enna, Giugno 2000 Chierici. Principi di funzionamento e aspetti gestionali di un sistema a flusso subsuperficiale con piante radicate, Corso di aggiornamento in Ingegneria Sanitaria, Politecnico di Milano Ciugani G., Capri E., Trevisan M. Una tecnica di disinquinamento ecocompatibile ed emergente: piante spazzine per disinquinare. L informatore Agrario 25/

6 De Fraja Frangipane E. Impianti di depurazione per piccole comunità. in Ingegneria Ambientale-Quaderni n.4 Egaddi. Fitodepurazione: caratteristiche dei sistemi utilizzabili in Italia. Atti del convegno FAST 2000, Milano. Ferrari, Ghezzi. Le siepi in campagna. Edagricole Gersberg R.M., Elkins S.R., Lyons S.R., Goldman C.R., Role of aquatic plants in wastewater treatments by artificial wetlands. in Water Research n.20 Giovannetti G. Relazione sul tipo di piante stabilizzate con batteri GPG e funghi specifiche per la fitodepurazione. Centro Colture Specializzate CCS, Aosta Garcia, Gonzales, Notario. Rimozione degli indicatori batterici dell inquinamento e di materiale organico con phillipsite. Università di La Laguna, Tenerife Garuti. La fitodisidratazione dei fanghi di depurazione. Atti del convegno FAST 2000, Milano Kadlec, Knight. Treatment wetlands. LEWIS Maglia, Santoloci. Il codice dell ambiente. Ed La turbina Malcevschi S., L. G. Bisogni, A. Gariboldi. Reti ecologiche ed interventi di miglioramento ambientale- Ecological networks and habitat restoration. Il verde editoriale Masi, Pucci. Impianti di fitodepurazione di Gorgona (LI), Spannocchia (SI) e Pentolina (SI). Atti del convegno FAST 2000, Milano. Masotti. Depurazione delle acque. Calderini Regione Lombardia. Quaderno per la gestione del verde pubblico-gli alberi e gli arbusti. Fondazione Minoprio Rivoira G., Porcheddu A. La fitodepurazione di acque reflue. L informatore agrario 26/96 Romagnolli. Fitodepurazione un metodo naturale per depurare le acque. LIVING LIFE Territori dell abitare 8/2000 Sutherland Hill. Managing habitats for conservation. CAMBRIDGE Passaglia E., Casalicchio G. Zeoliti naturali e loro utilizzazione in agricoltura. in Flortecnica n. 7/8 Pescari, Liparesi. Sistema di fitodepurazione come trattamento di terzo stadio in comune di Bentivoglio (BO). Atti del convegno FAST 2000, Milano. Piermarini, Volpe, Vismara. Bacini ad evapotraspirazione totale. Atti del convegno FAST 2000, Milano Susini. Piante acquatiche e palustri per vasche e laghetti. Edagricole. Vismara. Depurazione biologica. HOEPLI 643

7 Vismara, Pajardi. Fitodepurazione con macrofite. Politecnico di Milano Biologi italiani 2/98 Vismara, Torretta Stagni biologici. Atti del convegno FAST 2000, Milano. Tesi di laurea - Politecnico di Torino Antona Raffaella. Ecosistemi filtro: impianti multistadio con fitodepurazione Genta Marzia. Applicazione della fitodepurazione per l affinamento delle acque reflue ricadenti in Area sensibile Turrisi Antonella. Verifica sperimentale della capacità di adsorbimento dei materiali siderurgici per il controllo del fosforo Siti internet consultati: Giardinaggio.it Pacifici-net/biologia Iridra.it CAP7. SVILUPPO SOSTENIBILE Anpa Linee Guida per le agende 21 Locali. Manuale Anpa 2000 Atti delle Giornata Mondiale dell Ambiente 1999 e 2000 Fondazione Lombardia per l ambiente. Guida Europea all Agenda 21 locale la sostenibilità ambientale: linee guida per l azione locale. Edizione italiana a cura di Stefano Pareglio. ICLEI Provincia di Torino. Agenda XXI. Proposta di piano d azione per la sostenibilità ambientale della Provincia di Torino. Ambienteitalia, TO. Provincia di Torino. Atti del Forum di Agenda 21 Siti internet visitati: agenda21.it: -V Programma Quadro -Agenda 21 -Agenda 21 cap 28 -Agenda 21 Locale -Agenda Rapporto sulla biodiversità -Carta di Hannover, Aalborg, Lisbona, -Carta di Ferrara, Genova, Firenze CAP7. SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE Ambiente e Territorio -Sistemi di Gestione Ambientale. Guida all applicazione della norma UNI EN ISO e introduzione al Regolamento Emas. A cura dell AICQ (Associazione Piemontese per la Qualità). Il sole24ore. ANPA (Agenzia Nazionale per la Protezione dell Ambiente). Linee guida per l applicazione del Regolamento CEE 1836/93 (EMAS) e della norma ISO da 644

8 parte della Piccola e Media Impresa. Dipartimento Strategie Integrate, Promozione, Comunicazione. Settore Qualità Ambientale delle Imprese. Biondi V. L audit ambientale. Ambiente e Territorio. Golder Associates Geoanalysis srl. Sistemi di gestione ambientale (Emas-ISO 14001) Linee guida per imprese del settore industriale. Regolamento CEE n 1836/93 del consiglio del 29 Giugno 1993 sull adesione volontaria delle imprese del settore industriale a un sistema comunitario di ecogestione e audit Regolamento CEE n 761/2001 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 marzo 2001 sull adesione volontaria delle organizzazioni a un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS) UNI EN ISO Normativa internazionale WWF Piemonte e Provincia di Torino. Implementazione dei sistemi di gestione ambientale nelle aree protette. Linee guida per l applicazione della norma UNI EN ISO al Parco provinciale del Lago di Candia. CAP8. CASO DI STUDIO Idrogeologico (PAI). Interventi sulla rete e sui versanti. Caratteri paesistici e beni naturalistici, storico culturali, ambientali. Idrogeologico (PAI). Linee generali di assetto idrogeologico e quadro degli interventi. Bacino dell Orco. Autorità di Bacino del fiume Po. Piano Stralcio delle Fasce Fluviali (PSFF). Criteri per la valutazione della compatibilità idraulica delle infrastrutture pubbliche e di interesse pubblico all interno delle fasce A e B. A cura del servizio pesca. Proposta di modello di determinazione della qualità ambientale dei corsi d acqua con parametri idrologici e biologici. Provincia di Torino. Assessorato caccia e pesca. Bonfanti P., Colombo A., Urani C., Cantelli D., Camatini M. Markers biologici per la valutazione della qualità delle acque. Aria- Acqua giugno/luglio 1997 Cerap (Centro di Ricerche Assicurative e Previdenziali dell Università Bocconi). A cura di G. Forestieri. Risk management: strumenti e politiche per la gestione dei rischi puri d impresa. Egea. Capitolo 7, di G. Bertolini. Un approfondimento del processo di gestione: il caso del rischio ambientale. 645

9 Crest (Centro Ricerche in Ecologie e Scienze del Territorio). A cura di N. Pinna Pintor. Sistema delle aree protette della fascia fluviale del Po. Tratto cuneese. Qualità biologica delle acque del reticolo idrografico del bacino del Po sotteso alla confluenza con il torrente Pellice (territorio della Provincia di Cuneo). Crest (Centro Ricerche in Ecologie e Scienze del Territorio). A cura di Pascale M., Perosino G.C., P.Pintor N.,Spina F. Sistema delle aree protette della fascia fluviale del Po. Tratto cuneese. Gestione delle risorse idriche superficiali e della fauna acquatica del bacino del Po sotteso alla confluenza con il Pellice (Teritorio della Provincia di Cuneo). Crest (Centro Ricerche in Ecologie e Scienze del Territorio). A cura di Badino G., Forneris G., Lodi E., Ostacoli G., Perosino G.C. Il piano di gestione delle risorse idriche del bacino dell Orco. Rapporto di sintesi. Provincia di Torino. Assessorato all ambiente, caccia e pesca (servizio acque). Crest (Centro Ricerche in Ecologie e Scienze del Territorio). A cura di N. Pinna Pintor. Risorse idriche del bacino dell Orco. Volume ottavo. Qualità biologica delle acque. Provincia di Torino. Assessorato all ambiente, caccia e pesca (servizio acque). Direzione Pianificazione Risorse Idriche. Piano Direttore delle Risorse Idriche. Regione Piemonte Enea. Gestione ambientale. Linee guida. Applicare la norma UNI EN ISO nelle aree protette. Ghetti P.F. (1997). Maunale di applicazione. Indice Biotico Esteso (IBE). I macroinvertebrati nel controllo della qualità degli ambienti di acque correnti. Provincia Autonoma di Trento. Agenzia Provinciale per la protezione dell ambiente. Trento. Provincia di Torino. Risorse idriche superficiali dei principali bacini della Provincia di Torino. Regione Piemonte. Indice Biotico Esteso. Analisi multivariata dei dati raccolti in Piemonte negli anni Assessorato all ambiente. Collana Ambiente n.18. Regione Piemonte. Direzione Pianificazione delle risorse idriche. Disciplinare tecnico. Indagini e studi finalizzati alla predisposizione del Piano di Tutela delle acque di cui al Decreto Legislativo 152/99. Regione Piemonte. Assessorato Ambiente. Settore Politiche di Prevenzione, Tutela e Risanamento Ambientale. Criteri tecnici per l individuazione ed il recupero delle aree degradate e per la sistemazione e rinaturalizzazione di sponde ed alvei fluviali 646

10 e lacustri, procedura amministrativa per la concessione di tributi regionali (L.R. 2 novembre 1982, n.32, artt.2 e 12). VollenWeider R.A. Fonti di azoto e fosforo responsabili dei fenomeni di eutrofizzazione. Seminario Internazionale sui fenomeni di eutrofizzazione lungo le coste dell Emilia Romagna. Bologna, febbraio

PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino

PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino Allegato 1 Analisi dei corsi d'acqua provinciali e delle Attività Estrattive nelle

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE

IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE IL SISTEMA AUTODEPURANTE DEL FIUME La sostanza organica che raggiunge un corso d acqua, sia essa di origine naturale come foglie, escrementi e spoglie di animali,

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane

Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane Contenuti della Guida Tecnica per la progettazione e gestione dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue urbane Dott.ssa Silvana Salvati ISPRA Documento approvato con Delibera

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Patrocinio Confindustria Foggia Foggia 21/11/2006 Relatore: Ing. Dario Tricoli PROGRAMMA

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo»

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» Ing. Stefano Minà Dipartimento di Riqualificazione Fluviale 00 IL PROGETTO LIFE - Nasce

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P.

TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P. TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P. G. Caricato 1 & V. Telesca 2 1 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente di Basilicata 2 Università degli Studi della Basilicata,

Dettagli

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. N. 1449 IN 30/11/2012 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA RICHIAMATI: il

Dettagli

Altopascio 21.01.2011 PIANO PLURIENNALE ECONOMICO-SOCIALE della R.N.P. LAGO DI SIBOLLA

Altopascio 21.01.2011 PIANO PLURIENNALE ECONOMICO-SOCIALE della R.N.P. LAGO DI SIBOLLA Riserva Naturale Provinciale Lago di Sibolla Altopascio 21.01.2011 CHE COSA E IL PPSE? l. n. 394/ 91 legge quadro sulle aree protette ha la finalità di promuovere e sostenere iniziative atte a favorire

Dettagli

Progetto di riqualificazione integrata e partecipata del Fiume Mincio (estratto)

Progetto di riqualificazione integrata e partecipata del Fiume Mincio (estratto) Proposte operative relative all attività di /realizzazione di interventi Pilota cosi come prevista del progetto Cariplo da ag. 21 ad az. 21. Nella fase di predisposizione del progetto da candidare al Bando

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE NORME DI ATTUAZIONE I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE LA RETE ECOLOGICA...2 Definizioni: la rete ecologica...2 La rete ecologica di livello provinciale...2 Cartografia...3 Finalità e obiettivi...3

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

Rapporto sullo stato dell irrigazione in Piemonte. a cura di Raffaellla Zucaro e Stefano Trione

Rapporto sullo stato dell irrigazione in Piemonte. a cura di Raffaellla Zucaro e Stefano Trione Rapporto sullo stato dell irrigazione in Piemonte a cura di Raffaellla Zucaro e Stefano Trione INEA 2011 Istituto Nazionale di Economia Agraria Programma Interregionale Monitoraggio dei sistemi irrigui

Dettagli

Difendersi dai fiumi o difendere i fiumi?

Difendersi dai fiumi o difendere i fiumi? Difendersi dai fiumi o difendere i fiumi? Rinaturazione e buono stato ecologico dei corsi d'acqua la campagna WWF Liberafiumi Andrea Agapito Ludovici 23 maggio 2014 Quanti disastri questi ultimi 50: Vajont

Dettagli

Consorzio del Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline

Consorzio del Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE PER N. 6 ESPERTI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO, DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE E DEL PIANO DI RISANAMENTO URBANISTICO

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO La realizzazione di interventi per la fitodepurazione delle acque

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013 Accordo di Programma tra Ministero della Tutela del Territorio e del Mare e Regione Lombardia per la mitigazione del rischio idrogeologico Convenzione per la progettazione e realizzazione dell intervento

Dettagli

Curriculum Vitae Dott. Geol. Claudio Geranio. nato il 08/03/1970 ad Imperia, con Studio in Via Carducci n. 61, 18100 Imperia.

Curriculum Vitae Dott. Geol. Claudio Geranio. nato il 08/03/1970 ad Imperia, con Studio in Via Carducci n. 61, 18100 Imperia. Curriculum Vitae Dott. Geol. Claudio Geranio DATI ANAGRAFICI CLAUDIO GERANIO nato il 08/03/1970 ad Imperia, con Studio in Via Carducci n. 61, 18100 Imperia. STUDI e TITOLI: anno accademico 1996/97: Laurea

Dettagli

Consulenza ambientale. Febbraio 2009

Consulenza ambientale. Febbraio 2009 Febbraio 2009 e l ambiente Don't blow it - good planets are hard to find. Time Magazine ha una visione globale e trasversale delle problematiche ambientali e supporta i propri clienti in diverse aree strategiche:

Dettagli

- PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA - CONSULENZA TECNICO-ECONOMICA

- PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA - CONSULENZA TECNICO-ECONOMICA SERVIZI DI INGEGNERIA NEL SETTORE DELL IDRAULICA URBANA (ACQUEDOTTI, FOGNATURE, IMPIANTI DI DEPURAZIONE), DELLE SISTEMAZIONI FLUVIALI E DELL ASSETTO IDROGEOLOGICO - PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO

Dettagli

I Contratti di Fiume in Piemonte

I Contratti di Fiume in Piemonte I Contratti di Fiume in Piemonte Elena Porro Direzione Ambiente Roma, 25 novembre 2014 I Contratti di Fiume in Piemonte : quale diffusione? FIUME Torrente Orba Torrente Sangone Torrente Belbo Torrente

Dettagli

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento 2 ciclo di pianificazione 2015-2021 Piano Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: possibili integrazioni con il Piano di Gestione

Dettagli

COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA ALLEGATO 6 NORMATIVA

COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA ALLEGATO 6 NORMATIVA COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA ALLEGATO 6 NORMATIVA Misura 1.1. L.36/1994 Realizzazione del sistema idrico integrato. D.Lgs 152/1999 Disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI

LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI Il significato della VAS nella pianificazione di bacino Grazia Brunetta Politecnico di Torino grazia.brunetta@polito.it Corso

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw. Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw Medi: 1000 Pe < 5000 kw Grandi: Pe 5000 kw

Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw. Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw Medi: 1000 Pe < 5000 kw Grandi: Pe 5000 kw IMPIANTI A BIOMASSA - FILIERA DEI COMBUSTIBILI LIQUIDI AMBITI DI Siti UNESCO - candidature in atto Core zone Siti UNESCO - candidature in atto buffer zone Beni Paesaggistici PRINCIPALI DISPOSIZIONI DI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali III Le esperienze nei piani provinciali e comunali 2 PARTE III L invarianza idraulica delle trasformazioni urbanistiche nel contesto della VAS di Davide Broccoli, Leonardo Giorgi, Paolo Mazzoli e Alberto

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 25 DEL 22.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 25 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G

Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G Istituto Professiona Settore Servizi per l Agricoltura e lo Sviluppo Rura 08038 SORGONO (NU) Corso IV Novembre tel 0784 621001 fax 0784

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Convegno formativo sulla protezione civile per gli Enti Locali 2 Luglio 2010 Centro Incontri Provincia di Cuneo IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

mariella.obinu@provincia.or.it 1.giugno.1979 al 1.ottobre.1986 PROVINCIA DI ORISTANO LABORATORIO DI IGIENE E PROFILASSI - VIA DIAZ- Oristano

mariella.obinu@provincia.or.it 1.giugno.1979 al 1.ottobre.1986 PROVINCIA DI ORISTANO LABORATORIO DI IGIENE E PROFILASSI - VIA DIAZ- Oristano C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome MARIA OBINU Via Don Bosco n.3 Oristano Telefono Ufficio 0783 314404 3293609327 Fax Ufficio 0783 314443 E-mail istituzionale Cittadinanza

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI

PROFILI PROFESSIONALI A S S O C I A Z I O N E I T A L I A N A S C I E N Z E A M B I E N T A L I C O M I T A T O S C I E N T I F I C O S E G R E T E R I A S O C I O L A U R E A T O E S P E R T O PROFILI PROFESSIONALI I profili

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. ESPOSITO Nicola. n.esposito@regione.campania.it ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Nome. Data di nascita 14 OTTOBRE 1957

INFORMAZIONI PERSONALI. ESPOSITO Nicola. n.esposito@regione.campania.it ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Nome. Data di nascita 14 OTTOBRE 1957 M O D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ESPOSITO Nicola Data di nascita 14 OTTOBRE 1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale INGEGNERE REGIONE CAMPANIA Funzionario,

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

S INTESI DEI RISULTATI

S INTESI DEI RISULTATI S INTESI DEI RISULTATI I risultati delle analisi biologiche sono riassunti nella pagina successiva, dove sono riportate una carta con l indicazione delle classi di qualità raggiunte dalle stazioni monitorate

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 COMUNE DI PORTALBERA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 2f Fascicolo Valutazione Ambientale StrategicaVAS del DdP RAPPORTO AMBIENTALE

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

Tempi del Paesaggio, tempi del turismo, intorno al Lago di Viverone

Tempi del Paesaggio, tempi del turismo, intorno al Lago di Viverone POLITECNICO DI TORINO II FACOLTA DI ARCHITETTURA Tesi Di Laurea Tempi del Paesaggio, tempi del turismo, intorno al Lago di Viverone Provincia di Biella, Torino e Vercelli Comuni di Azeglio, Piverone, Viverone

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

rapporto irrigazione RAPPORTO SULLO STATO DELL IRRIGAZIONE IN LOMBARDIA MONITORAGGIO DEI SISTEMI IRRIGUI DELLE REGIONI CENTRO SETTENTRIONALI

rapporto irrigazione RAPPORTO SULLO STATO DELL IRRIGAZIONE IN LOMBARDIA MONITORAGGIO DEI SISTEMI IRRIGUI DELLE REGIONI CENTRO SETTENTRIONALI Istituto Nazionale di Economia Agraria PROGRAMMA INTERREGIONALE MONITORAGGIO DEI SISTEMI IRRIGUI DELLE REGIONI CENTRO SETTENTRIONALI RAPPORTO SULLO STATO DELL IRRIGAZIONE IN LOMBARDIA rapporto irrigazione

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

E U C U R R I C U L U M

E U C U R R I C U L U M E U C U R R I C U L U M V I T A E E U R O P E A N F O R M A T INFORMAZIONI PERSONALI Nome FALLENI FABIO Telefono 0516599094 E-Mail Nazionalita fabio.falleni@provincia.bologna.it Italiana Data di nascita

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marina Pacchiani Data di Nascita 27/07/1953 Qualifica Dirigente a tempo determinato Amministrazione Comune di Mira Incarico attuale Dirigente Settore Urbanistica

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME ACCORDO OPERATIVO TRA Parco del Mincio (Soggetto Promotore) Regione Lombardia - STER Mantova Regione Veneto ERSAF ARPA Lombardia AIPo Provincia di Mantova, Provincia di Brescia, Provincia di Verona Amministrazioni

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Ingegneria Sanitaria Ambientale Previsione di Rischio Alluvione Progettazione Geotecnica Pianificazione Urbanistica Difesa del Territorio Sistemazioni Ambientali Trasporto degli Inquinanti Progettazione

Dettagli

"CONFERENZA SEMINARIO FORMATIVO

CONFERENZA SEMINARIO FORMATIVO Verso una gestione innovativa del Territorio nella Regione Marche Il contributo delle buone pratiche agroforestali e geologico-ambientali al governo del territorio ed alla prevenzione del dissesto idrogeologico

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Servizio nr. 6 Ambiente e Patrimonio GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE FORESTALI ED AMBIENTALI (ORDINAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE FORESTALI ED AMBIENTALI (ORDINAMENTO Presso la Facoltà di Agraria dell Università di Reggio Calabria è istituito il Corso di Laurea in Scienze forestali e ambientali. L iscrizione al Corso di Laurea è regolata in conformità alle leggi di

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008

LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008 LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008 Definizione La Valutazione di Impatto Ambientale rappresenta una procedura tecnico-amministrativa volta alla formulazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

LA FITODEPURAZIONE: UNA TECNOLOGIA DI DEPURAZIONE NATURALE

LA FITODEPURAZIONE: UNA TECNOLOGIA DI DEPURAZIONE NATURALE LA FITODEPURAZIONE: UNA TECNOLOGIA DI DEPURAZIONE NATURALE Patrizia Casarini, ARPA della Lombardia Dipartimento di Pavia AUTODEPURAZIONE In natura avvengono costantemente processi di depurazione naturale

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SSR/05/113691) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la direttiva 91/271/CEE, concernente il trattamento delle acque reflue urbane; - il D.Lgs. 11 maggio 1999, n. 152 "Disposizioni

Dettagli

PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI)

PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) Autorità di Bacino della Puglia PIANO DI BACINO STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Novembre 2005 TITOLO I PIANO DI BACINO DELLA REGIONE PUGLIA STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO...

Dettagli

Corsi di formazione e aggiornamento professionale, convegni, conferenze, tavole rotonde

Corsi di formazione e aggiornamento professionale, convegni, conferenze, tavole rotonde Corsi di formazione e aggiornamento professionale, convegni, conferenze, tavole rotonde 2008 Evento informativo Il Biologo Nutrizionista: dalla Teoria alla Pratica Torino, 07 marzo Evento informativo Il

Dettagli

Profili professionali

Profili professionali FONDO EUROPEO DI SVILUPPO. Prot N. _143 Rep. n. 9 del 10 gennaio 2014 Procedura di selezione comparativa pubblica per titoli per l affidamento di n. 8 incarichi di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli