Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio"

Transcript

1 Comune di Nerviano (MI) Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale Università di Pavia Prof. Ing. Paolo Ghilardi Revisione

2 INDICE Il problema idraulico nel Comune di Nerviano... 1 Il Fiume Olona nel Comune di Nerviano... 2 Il Torrente Bozzente nel Comune di Nerviano Perimetrazione delle aree a differenti livelli di pericolosità idraulica Tavole di delimitazione delle zone a differente livello di pericolosita idraulica Proposta di norme tecniche relativa alle zone a differente livello di rischio Appendice A - Il flusso di piena dell Olona nel comune di Nerviano Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio - Versione

3 Il problema idraulico nel Comune di Nerviano Il territorio comunale di Nerviano è attraversato dal fiume Olona e dal torrente Bozzente. Allo stato attuale entrambi i corsi d acqua sono in fase di sistemazione verso un nuovo assetto che riguarda praticamente il loro intero sviluppo e che è stato progettato dopo approfonditi studi di fattibilità effettuati da parte della Autorità di Bacino del Fiume Po. Proprio in base ai risultati di questi studi è possibile affermare che le opere in corso di realizzazione influiranno drasticamente sulla pericolosità idraulica dell Olona e del Bozzente. Sempre basandosi sui medesimi studi di fattibilità, è però chiaro che oggi sussiste un livello di rischio maggiore di quello che sarà raggiunto a sistemazione ultimata. Lo scopo principale del presente studio idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio (PGT) è proprio quello di quantificare il livello attuale di pericolosità dell Olona e del Bozzente, al fine di dotare il PGT di uno strumento che consenta di individuare le zone a differente grado di rischio idraulico. Data la varietà delle problematiche che riguardano l Olona e il Bozzente, nel seguito di questa relazione i due corsi d acqua verranno analizzati separatamente. Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio - Versione

4 Il Fiume Olona nel Comune di Nerviano L Olona è un corso d acqua che presenta molti tratti artificiali sia all interno dei confini del comune che lungo il suo intero percorso. Attualmente per l Olona sono state tracciate le fasce fluviali (fig. 1) che sono contenute e descritte nel Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) dell Autorità di Bacino del Fiume Po (Legge 18 maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6-ter). In particolare, queste fasce oggi suddividono la superficie comunale in due zone: la Fascia B di progetto, delimitata sulle tavole da una linea continua con punti, e la Fascia C, esterna alla precedente, che si estende fino al limite tracciato con alternanza di tratti e punti. Fig. 1 Estratto dalle Tavole di delimitazione delle fasce fluviali, Fogllo 117 SEZ. I - Legnano Olona 02 allegato al Piano stralcio per l'assetto Idrogeologico (PAI). Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

5 La fascia B di progetto deve il suo nome al fatto di essere relativa ad un assetto di progetto dell alveo che prevede tutta una serie di provvedimenti strutturali atti a contenere il fiume il più possibile all interno dell alveo principale, anche attraverso la riduzione delle attuali portate al colmo di piena per mezzo di opportune vasche di espansione poste nel tratto fluviale a monte di Nerviano. La fascia C invece delimita l area interessata dalla piena cosiddetta catastrofica, caratterizzata da un tempo di ritorno di 500 anni. Allo stato attuale, la mancata ultimazione della sistemazione fluviale in progetto impone, secondo le Norme di Attuazione del PAI e secondo la vigente normativa regionale (con particolare riferimento alla D.g.r.. n. 8/1566 del 22 dicembre 2005 e alla D.g.r. n. 8/7374 del 28 maggio 2008), l accertamento delle effettive condizioni di rischio idraulico. In mancanza di tale accertamento, e fino alla realizzazione delle opere in progetto, le medesime normative prevedono che vadano applicate, nella zona compresa fra il limite esterno della fascia B di progetto e il limite esterno della fascia C, le norme relative alle zone comprese nella fascia B. Per questo motivo l Amministrazione Comunale di Nerviano ha affidato al Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale dell Università di Pavia l esecuzione di un apposito studio idraulico di cui si riportano qui le principali conclusioni. Le portate di piena transitanti nell Olona a Nerviano La determinazione del valore della portata al colmo di piena in questo tratto dell Olona è resa complessa dalla grande urbanizzazione del bacino del fiume. Il bacino idrografico dell Olona risulta infatti composto da moltissimi sottobacini sia naturali che artificiali, e in gran parte costituiti da reti di drenaggio urbano al servizio di vaste aree urbane. Questa complessità influisce nettamente sulla formazione delle piene, determinando i tempi di percorrenza dei vari volumi di acqua giunti al suolo con le precipitazioni e le modalità del loro accumulo e rilascio temporanei, e va tenuta accuratamente in conto per stimare correttamente le portate di piena a Nerviano. Il problema è stato più volte affrontato nell ambito di studi tecnici effettuati per vari scopi.. In uno studio affidato alla DiZeta Ingegneria nel 1994 dal Magistrato per il Po di Parma è stata affrontata la redazione del progetto di massima dei lavori di riassesto idraulico-ambientale del Fiume Olona nel tratto compreso tra la località di Ponte Gurone (VA) e la presa Olona 1 del Canale Scolmatore delle Piene di Nord Ovest in località Castellazzo di Rho (MI). L incarico aveva lo scopo di individuare gli interventi necessari all adeguamento dell asta del Fiume Olona in rapporto ai deflussi naturali del bacino idrografico sotteso, tenendo in conto l idea di realizzare, proprio in località Ponte Gurone, una cassa di espansione per la laminazione delle portate di piena. Nella Relazione Idraulica del suddetto Progetto di massima per il riequilibrio idraulico-ambientale del Fiume Olona, predisposto dal Prof. Ing. Zampaglione e del Dr. Ing. Bernabei, è stata stimata la capacità di deflusso del corso d acqua nei vari tronchi in cui è stato suddiviso ai fini dello studio, e sono state definite due diverse portate, denominate portata limite e portata critica. La portata limite va intesa come quel valore che, nelle condizioni attuali, transita all interno dell alveo del fiume, senza che vi siano esondazioni. La portata critica rappresenta, per ogni tronco individuato, la massima portata che può transitare in alveo senza esondazioni in quei tratti di fiume lungo i quali risultano improponibili interventi di ricalibratura della sezione trasversale o di rialzo delle arginature esistenti: sono questi i casi in cui l Olona scorre all interno di nuclei abitati, in particolar modo quando è tombinato. Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

6 Si tratta in sostanza della prima indicazione per definire l ordine di grandezza dei valori da assegnare alle portate di progetto e, di conseguenza, l ordine di grandezza dei volumi da invasare in apposite casse di laminazione. Per quanto riguarda il comune di Nerviano, il citato studio individuava in m 3 /s la portata limite, in 60 m 3 /s la portata critica, e in 200 m 3 /s la portata idrologica con tempo di ritorno 100 anni. La portata idrologica è quella stimata applicando le normali metodologie adottate nei bacini naturali, e quindi senza tenere in alcun conto i forti effetti che le numerose infrastrutture presenti nel bacino possono avere sulla forma dell onda di piena e sul valore di picco della portata. I risultati di questo studio sono stati utilizzati nell ambito del successivo Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI), nel quale venivano individuate come portate di piena di riferimento quelle con tempo di ritorno 100 anni, assumendo però come valori quelli delle portate critiche individuate nell ambito dello studio della DiZeta ingegneria come le massime portate che possono transitare in alveo senza esondazioni, in quei tratti di fiume lungo i quali risultano improponibili interventi di ricalibratura della sezione trasversale o di rialzo delle arginature esistenti. La portata assunta come riferimento alla sezione del Ponte Canale Villoresi è così risultata pari a 59 m 3 /s. I differenti valori di portata sopra elencati sono stati considerati nello studio commissionato nel 2002 dal Comune di Nerviano Adeguamento dello Strumento Urbanistico Comunale in attuazione del PAI, a firma del Dr. Geol. Laudio Franzosi e del Dr. Ing. Massimo Croci, all interno del quale quale si è poi adottato un valore di portata di riferimento pari a 90 m 3 /s derivante dalla somma della portata critica individuata dalla DiZEta Ingegneria e dei contributi del bacino compreso tra Nerviano e Castellanza. Lo studio ha portato alla definizione delle Zone 3A e 3B ai sensi del D.G.R. 29/10/01 n. 7/6645, individuate come aree potenzialmente allagabili e che si estendono per una vasta parte del territorio comunale occupando praticamente l intera fascia C individuata dall Autorità di Bacino. Le problematiche di tipo idrologico e idraulico dell intero bacino del fiume Olona sono state approfondite nello Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro Olona, effettuato nel 2003 dalla ditta C.Lotti e Associati per incarico della Autorità di Bacino del Fiume Po e in base al quale sono stati predisposti gli interventi progettuali finalizzati a ridurre le condizioni di rischio e a contenere la piena di riferimento dell Olona all interno della fascia B di progetto riportata in fig. 1. Lo studio della Lotti ha tenuto conto anche di studi effettuati a livello locale lungo l asta dell Olona, con particolare riferimento allo Studio idrologico ed idraulico del Fiume Olona nel tratto cittadino compreso fra gli insediamenti industriali ex-cantoni e la zona Castello con valutazione degli interventi da apportare in conformità alle proposte di sistemazione della zona avanzate dal Comune Legnano, effettuato per conto del Comune di Legnano e della Provincia di Varese dal Prof. Ing. U. Maione (1997), e dello Studio idrologico ed idraulico del Fiume Olona nei pressi della Ditta Mazzucchelli 1849 S.p.A. e definizione degli interventi volti alla limitazione dei danni causati dalle alluvioni eseguito per conto della Ditta Mazzucchelli 1849 S.p.A. di Castiglione Olona (VA) dal Prof. Ing. U. Maione (1996), nel quale è anche contenuto un approfondito studio idrologico sulla pluviometria del bacino di monte e sui modelli di trasformazione afflussi-deflussi necessari a pervenire a corrette stime delle portate. Lo studio Lotti individua a Nerviano una portata centenaria idrologica, cioè stimata senza tenere conto di tutti gli elementi che interferiscono sull onda di piena in un bacino così densamente urbanizzato, pari a 200 m 3 /s, in accordo con gli studi precedenti. Nel medesimo studio si sottolinea però che a causa delle numerose esondazioni che si verificano sul territorio e ai numerosi manufatti che alterano il naturale regime del corso d acqua, procedendo verso valle lungo l asta principale si riduce progressivamente la possibilità di valutare Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

7 attendibilmente le onde di piena con modelli puramente idrologici. Pertanto i fenomeni di piena non possono essere rappresentati mediante il classico schema metodologico che, per i bacini idrografici naturali privi di significative espansioni, prevede l utilizzo in serie di un modello idrologico afflussi-deflussi di calcolo delle onde di piena di assegnato tempo di ritorno e di un modello idraulico di propagazione delle onde stesse lungo i diversi tratti del reticolo idrografico di interesse. Nel caso in oggetto occorre utilizzare un unico modello idrologico-idraulico che consenta di riprodurre contemporaneamente i diversi meccanismi di formazione delle piene nei sottobacini urbani ed extraurbani e i fenomeni propagatori che alterano le stesse onde di piena in funzione delle numerose limitazioni di sezione, spesso accompagnate da esondazioni.. In pratica, nello studio si è fatto riferimento a tre differenti tempi di ritorno degli eventi piovosi: 10, 100 e 500 anni, e per arrivare da questi alle onde di piena è stato adottato il modulo NAM del programma MIKE 11, realizzato dal DHI (Danish Hydraulic Institute). Tramite questo schema modellistico è stato tenuto conto del funzionamento dei molti sottobacini, sia naturali che urbani, che contribuiscono alla formazione delle piene del fiume Olona. Lungo l Olona l allagamento delle aree golenali avviene spesso tramite il superamento di un argine realizzato in terra oppure di una parete in materiale lapideo, per cui le simulazioni numeriche eseguite nello studio Lotti schematizzano la connessione tra alveo e golena per mezzo della equazione che determina il flusso in uno stramazzo a larga soglia. Le simulazioni sono state effettuate in regime transitorio, immettendo nella sezione di monte del Fiume Olona un idrogramma di assegnato tempo di ritorno derivante da una trasformazione afflussi-deflussi, mentre gli idrogrammi derivanti dai bacini residui vengono distribuiti lungo i tratti dell asta principale, tra due sezioni successive di chiusura dei sottobacini, e i contributi degli affluenti (Rio Bevera, Rio Vellone, e Rio Ranza) sono immessi concentrati nei punti di confluenza. Gli idrogrammi derivanti dagli scarichi urbani vengono immessi nelle sezioni in cui sono stati individuati i punti principali di recapito. Per quanto riguarda il territorio comunale di Nerviano, vengono qui riportati in tab. 1 i livelli idrici e le portate calcolate per i diversi tempi di ritorno considerati. Sezione 10.1 Nerviano Attravers. Canale. Villloresi 5 Pogliano Milanese Località Molino Aresi Q (m 3 /s) T 10 T 100 T 500 h (m Q h (m Q h (m s.l.m.) (m 3 /s) s.l.m.) (m 3 /s) s.l.m.) Tab. 1 Valori dei livelli idrici e delle portate di picco calcolati nello studio della ditta C.Lotti e Associati (2003). Nel medesimo studio sono inoltre calcolati, nelle medesime sezioni, gli idrogrammi di piena corrispondenti ai tre tempi di ritorno considerati (fig. 2). Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

8 Fig. 2 Idrogrammi di piena calcolati in corrispondenza dei tempi di ritorno 10, 100 e 500 anni. Figura tratta da Autorità di Bacino del Fiume Po, Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro Olona, Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

9 Il flusso di piena dell Olona a Nerviano L analisi della propagazione delle onde di piena calcolate nello studio dell Autorità di Bacino ha consentito di individuare all interno di esso, ovviamente con l assetto dell alveo esistente nel 2003, le eventuali insufficienze dei vari manufatti di attraversamento. Allo scopo, la fig. 3 riproduce parzialmente la tabella riassuntiva contenuta nella relazione del medesimo studio idraulico. Da essa si evince la grave insufficienza, nel 2003, dei ponti stradali di P.za Olona, Viale Giovanni XXIII, e del ponte stradale all interno della area industriale a sud di Nerviano, tale da provocare l esondazione del fiume, mentre risulta meno critica la situazione degli attraversamenti del Villoresi, di Via della Tessa e di Via Roma, anche se per tutti questi si verifica il funzionamento in pressione in corrispondenza del picco di piena. Fig. 3 Analisi delle insufficienze dei manufatti di attraversamento e dei tombini lungo il Fiume Olona per tempo di ritorno di 100 anni. La tabella è tratta da Autorità di Bacino del Fiume Po, Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro Olona, Lo studio riporta inoltre una mappatura delle aree soggette a inondazione con tempo di ritorno di 100 anni: nel territorio di Nerviano viene individuata una zona a monte del ponte all interno dell area industriale a sud, quasi interamente contenuta all interno dell area stessa, e una fascia, di larghezza decrescente da monte verso valle, compresa fra i ponti di Via della Tessa e di P.za Olona. Per inquadrare localmente il problema idraulico, e per tener conto di intercorse modifiche dell assetto dell alveo, nella attuale fase di adeguamento degli strumenti urbanistici si è provveduto a nuove simulazioni del flusso di piena dell Olona a Nerviano. Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

10 La base geometrica iniziale è stata fornita dalla Autorità di Bacino del Fiume Po, e consiste nelle sezioni rilevate al fine dello studio effettuato dalla Lotti e precedentemente riassunto. Una sintesi delle principali caratteristiche delle sezioni è riportata in tab. 2. Sezione Manufa o (M) o Terreno (T) Note Livello idrico T=100 Rel. Lotti (m s.l.m.) Progressiva (km) T bis T T T T T M Ponte stradale polo ricerca T T M Ponte stradale Viale Giovanni XXIII T T bis T T M Ponte stradale Via Roma M Ponte stradale P.za Olona M Ponte Via della Tessa T T T M Ponte Canale Villoresi T M bis T T T bis T T T M Tab. 2 Sezioni geometriche fornite dalla Autorità di Bacino del Fiume Po (Rilievi anno 2002). Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

11 Sulla base di questi dati si è predisposto un modello per la simulazione della corrente sia in moto permanente che in moto vario. La geometria è stata modificata per tenere conto del rifacimento del ponte di P.za Olona, la cui nuova struttura è realizzata in modo tale da interferire meno col flusso di piena. Per l analisi in moto vario si è imposto nella sezione di monte, corrispondente al ponte canale Villoresi, l idrogramma di piena ricavato dalla relazione dello studio Lotti e riportato in fig. 2. I risultati ottenuti (cfr. Appendice 1) sono sostanzialmente in accordo con quelli dello studio di fattibilità dell Autorità di Bacino del Fiume Po, con alcune lievi differenze dovute principalmente all aggiornamento della rappresentazione del territorio. Il calcolo ha confermato buona parte delle esondazioni all interno dell area industriale a monte del relativo ponte, mentre le esondazioni a monte di via Giovanni XXIII dovrebbero essere evitate dai rialzi arginali realizzati dopo il Il ponte di Via Roma presenta un funzionamento in pressione ma senza esondazione. Il rifacimento del ponte di P.za Olona rimuove l importante effetto di rigurgito creato dalla precedente struttura migliorando così la situazione del tratto a monte, nel quale fra l altro è stata rialzata di recente la sommità del muro che costituisce la sponda sinistra immediatamente a monte del ponte. Il ponte canale Villoresi provoca un grande ostacolo alla corrente e, conseguentemente, un importante effetto di rigurgito che si ripercuote per un lungo tratto verso monte influenzando il livello idrico fino a poca distanza dalla sezione in cui il fiume entra nel territorio comunale di Nerviano. Le simulazioni in moto permanente sono state effettuate con particolare riferimento alla portata di picco centenaria (104 m 3 /s), con risultati del tutto analoghi a quelli dei calcoli in regime transitorio. Conclusioni sul problema idraulico del Fiume Olona Sono stati eseguiti studi e approfondimenti per quantificare il rischio idraulico nel territorio comunale di Nerviano, con particolare riferimento alla zona a tergo del limite di progetto tra la Fascia B e la Fascia C del PAI. I risultati hanno permesso di identificare le criticità incontrate dal flusso di piena della corrente dell Olona, e di ottenere le indicazioni utili ad una nuova perimetrazione delle zone a rischio di esondazione. Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

12 Il Torrente Bozzente nel Comune di Nerviano Anche il Torrente Bozzente è caratterizzato da una grande complessità idraulica, strettamente legata alla intensa urbanizzazione che è stata accompagnata dalla realizzazione di numerose opere interferenti con la corrente allo scopo di ridurre il rischio di allagamenti oppure di captare le acque per destinarle a vari utilizzi. A differenza dell Olona, il Bozzente non è dotato delle fasce fluviali A, B e C; è invece parzialmente interessato da una ampia zona I, cioè una zona definita dal PAI vigente come a rischio molto elevato. La perimetrazione di questa area è riportata nella tavola 070-LO-MI allegata all Atlante cartografico perimetrazioni delle aree a rischio idrogeologico molto elevato (RME) annesso al PAI (fig. 3). Anche nel caso del Bozzente, lo studio più aggiornato risulta essere il già citato Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua naturali e artificiali all interno dell ambito idrografico di pianura Lambro Olona, effettuato nel 2003 dalla ditta C.Lotti e Associati per incarico della Autorità di Bacino del Fiume Po e in base al quale sono stati predisposti gli interventi progettuali finalizzati a ridurre le condizioni di rischio e a contenere la piena di riferimento del torrente Bozzente. Lo studio evidenzia come lungo l asta del Bozzente si alternano aree fortemente antropizzate in cui i reticoli fognari di drenaggio delle acque meteoriche urbane sono spesso gli unici ad assicurare, nei limiti della loro potenzialità, lo smaltimento delle acque di piena verso i ricettori, ed aree agricole e boschive, adibite storicamente alla laminazione delle piene. Sono presenti innumerevoli restringimenti di sezione, ponti e attraversamenti, traverse e soglie di fondo e alcuni tratti tombinati, tutti con significativa influenza sul comportamento idraulico delle correnti fluviali, in particolare sulla formazione verso monte di condizioni di rigurgito e di eventuali esondazioni che modificano la forma e la cronologia delle onde di piena oltre che i valori delle portate. Come nel caso del fiume Olona, le onde di piena non possono quindi calcolarsi con modelli puramente idrologici, ma devono derivare da una simulazione integrata idrologico idraulica che coniughi i modelli idrologici adottati per calcolare le onde di piena confluenti dai sottobacini contribuenti con il modello idraulico dell asta principale. In base alle considerazioni esposte, lo studio della Autorità di Bacino ha calcolato livelli e portate per vari tempi di ritorno (10, 100 e 500 anni, cfr. Tab. 3), e parimenti determinato gli idrogrammi di piena, fra cui (fig. 4) quello nella sezione appena a monte del ponte canale Villoresi vicino alla località Villanuova. Sezione Descrizione Livello (m) T 10 T 100 T 500 Portata (m3/s) Livello (m) Portata (m3/s) Livello (m) Portata (m3/s) Sez.1 Ferrovie Nord Milano - Mozzate Sez.27 SS 527 Rescaldina-Uboldo BZ23 Canale Villoresi - Nerviano Derivazione in Olona località Biringhello -Rho BZ01 Immissione tombino di Rho Tabella 3 - Livelli idrici e portate in alcune sezioni del Torrente Bozzente, così come calcolati nello studio della C.Lotti e Associati (2003). Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

13 Fig. 4 Idrogrammi di piena nella sezione immediatamente a monte del ponte canale Villoresi. Le elaborazioni numeriche mostrano che l allagamento più importante è provocato dal sifone di attraversamento del Canale Villoresi. In questa zona, a causa della sezione ristretta del sottopasso, si vengono a creare ampie aree allagate, a cui contribuisce anche il ponticello sulla strada che collega Lainate all abitato di Villanuova, poco a monte del Canale Villoresi. Al contrario, nel tratto immediatamente a valle dell attraversamento del Canale Villoresi non risultano possibili allagamenti di particolare entità fino al deviatore in Olona in corrispondenza dell abitato di Biringhello. Il Bozzente in questo tratto scorre a cielo aperto e risulta canalizzato con sezione media di 5 metri di larghezza e con sponde alte 2 metri. Con riferimento alle sezioni riportate nella Tav. 11, il profilo di piena del Bozzente è sintetizzato in tab. 4. Sezione Descrizione Livello T10 (m) Livello T100 (m) Livello T500 (m) Canale Villoresi - Nerviano Tabella 4 - Livelli idrici in alcune sezioni del Torrente Bozzente, così come calcolati nello studio della C.Lotti e Associati (2003). Nel tratto a valle del Villoresi si segnala però la presenza di una ampia zona I, che nel PAI caratterizza le aree a rischio molto elevato di allagamenti, che si estende lateralmente all alveo inciso fino, in media, a un centinaio di metri dalle sponde. Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

14 Conclusioni sul problema idraulico del Torrente Bozzente La situazione del Torrente Bozzente è in rapida evoluzione, essendo già in corso d opera vari interventi fra quelli progettati al fine di ridurre il rischio di allagamenti. I più recenti studi basati sull assetto attuale del torrente evidenziano come la possibilità di allagamenti sia circoscritta alle zone immediatamente a monte del Villoresi, almeno per quanto riguarda il territorio comunale di Nerviano. Il torrente non è dotato di fasce fluviali; tuttavia, nella perimetrazione delle aree a rischio idraulico occorre tenere conto della presenza di una estesa zona I stabilita nel PAI e che dovrebbe essere rimossa una volta realizzati gli interventi di mitigazione del rischio oggi in progetto o in fase esecutiva. Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

15 PERIMETRAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTI LIVELLI DI PERICOLOSITA IDRAULICA Le verifiche idrauliche hanno permesso la determinazione dei vari livelli di pericolosità idraulica a cui è soggetto il territorio comunale. In accordo ai disposti delle vigenti normative, e con particolare riferimento alla D.g.r. 28 maggio n. 8/7374, le aree soggette alla esondazione dell'olona e del Bozzente sono state classificate nelle categorie elencate nel seguito in ordine di pericolosità idraulica decrescente. Con l eccezione della Zona I (PAI) e della Fascia C (PAI), le zone sono denominate con numeri che coincidono alla relativa classe di rischio ( 3 sta per classe.di rischio R3 e 4 per R4 ). Fiume Olona Zona 4a: coincide con la fascia A del Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI), ed è praticamente coincidente con la Fascia B di progetto nel tratto di Olona che scorre nel territorio comunale. Zona 3a: esterna alla zona 4a, è la zona interessata dalle inondazioni provocate dall'olona in concomitanza di un ipotetico evento di piena con tempo di ritorno 100 anni, coincidente con l evento di piena di riferimento adottato nel PAI. In questa zona l allagamento è caratterizzato d quote d acqua praticamente identiche a quelle del flusso principale della corrente. Zona 3b: è la zona, a tergo del limite di fascia B di progetto, interessata con tempo di ritorno 100 anni da fenomeni di allagamento caratterizzati da tiranti dell ordine di poche decine di centimetri e/o da velocità contenute entro i limiti della fascia B PAI. A differenza della zona 3a, nella zona 3b il pelo libero raggiunge quote generalmente inferiori a quelle del flusso principale nell alveo del fiume. Zona 3c: esterna alla zona 3b, è potenzialmente interessata da fenomeni di allagamento con altezze d acqua e velocità molto modeste in concomitanza a eventi di piena con tempo di ritorno 100 anni. Fascia C: stabilita dal vigente PAI, è esterna a tutte le precedenti e estesa fino al limite riportato nelle corrispondenti tavole PAI. E allagata in occasione di ipotetici eventi di piena con tempo di ritorno pari a 500 anni. Torrente Bozzente Zona 4a: è la fascia in cui defluisce la piena con tempo di ritorno pari a 100 anni, ed è tracciata con criteri del tutto analoghi a quelli della Fascia A del PAI. Zona I: è una area che il PAI vigente definisce a rischio molto elevato. La perimetrazione di quaesta area fu effettuata a suo tempo secondo le procedure citate nel vigente PAI ed è riportata Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

16 nella tavola 070-LO-MI allegata all Atlante cartografico perimetrazioni delle aree a rischio idrogeologico molto elevato (RME) annesso al PAI. Zona 3a10: esterna alla zona 4a, è la zona interessata dalle inondazioni provocate dal Bozzente in concomitanza di un ipotetico evento di piena con tempo di ritorno 10 anni. Zona 3a: esterna alla zona 3a10, è la zona interessata dalle inondazioni provocate dall'olona in concomitanza di un ipotetico evento di piena con tempo di ritorno 100 anni, coincidente con l evento di piena di riferimento adottato nel PAI. In questa zona l allagamento è caratterizzato da quote d acqua praticamente identiche a quelle del flusso principale della corrente. Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

17 TAVOLE DI DELIMITAZIONE DELLE ZONE A DIFFERENTE LIVELLO DI PERICOLOSITA IDRAULICA Nelle Tavv. 1, 2, 3 e 4 riportate nel seguito sono rappresentate le zone 4a, 3a, 3a10, 3b, 3c. Le Tavv. 5 e 6 riproducono, per quanto riguarda le aree nel territorio comunale di Nerviano, la cartografia PAI relativa alla Fascia C, mentre la Tav. 7 riproduce la cartografia PAI relativa alla Zona I. Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

18 Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

19 Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

20 Comune di Nerviano - Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Versione

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE U UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corsoo di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Tesi di Laurea MODELLAZIONE NUMERICA DELLA PROPAG GAZIONE DELL'

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli