1. RILEVANZA TERRITORIALE DEL SISTEMA DEI NAVIGLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. RILEVANZA TERRITORIALE DEL SISTEMA DEI NAVIGLI"

Transcript

1

2 IL LAVORO IN SINTESI 1. RILEVANZA TERRITORIALE DEL SISTEMA DEI NAVIGLI 2. FATTIBILITA archite=onico/urbanisdca del manufa*o con studio del tracciato e del suo funzionamento 3. viabilisdca e traspordsdca con studi proge*uali innova5vi/modifica5vi dello stato di fa*o 4. geologica, idrogeologica e idraulica - ria9vazione della navigazione con superamento dei nodi idraulici 5. economica con valutazione cos5/benefici 6. per fasi e progeq, al fine di collaborare nella fase di informazione e partecipazione nella ci=à COORDINATORE: Antonello Boa9 GRUPPO DI LAVORO: Emilio Ba9s5, Flavio Boscacci, Maurizio Brown, Roberto Camagni, Claudia Candia, Simone Carzaniga, Andrea Cassone, Elena Filoni, Giorgio Franchina, Alessandra Giannini, Giorgio Goggi, Veronica Indelicato, Paolo Inghilleri, Carlo*a Lamera, Antonio Lampugnani, Giada Longhi, Paolo Lubrano, Arianna Lugarini, Empio Malara, Ila Stefania Maltese, Marco Proverbio, Marco Prusicki, Nicola Rainisio, Eleonora Riva, Renzo Rosso, Guido Ros5, Maria Cris5na Sciandra, Ekaterina Soloma5n, Stefano Sibilla, Massimo Vadori, Umberto Vascelli Vallara.

3 IL REFERENDUM DEL GIUGNO 2011 Il quesito referendario e il risultato Volete voi che il Comune di Milano provveda alla risistemazione della Darsena quale porto della ci9à ed area ecologica e proceda gradualmente alla ria<vazione idraulica e paesaggis=ca del sistema dei Navigli milanesi sulla base di uno specifico percorso proge9uale di fa<bilità? (Quesito n 5 del Referendum consuldvo) A questa domanda hanno risposto SÌ ci=adini, pari al 49,09% dei milanesi e al 94,32% dei votan5 Un primo passo Nel 2012 la proposta è stata inserita, per la prima volta nella storia, in un documento ufficiale di Pianificazione del Territorio del Comune di Milano. Nel PGT si parla esplicitamente di riapertura graduale e/o parziale del sistema dei Navigli.

4 IL RUOLO STRATEGICO DEL SISTEMA DEI NAVIGLI A SCALA TERRITORIALE Planimetria schema5ca dell'idrovia Locarno- Milano- Venezia

5 IL RUOLO STRATEGICO DEL SISTEMA DEI NAVIGLI ALLA SCALA DELLA CITTA METROPOLITANA

6 UN SISTEMA MULTIVERSO CON ENORMI POTENZIALITA L ambito del Piano d Area dei Navigli Elementi ed ambiti di interesse paesaggistico e ambientale La rete ciclabile Il sistema insediativo Le fasce di tutela ambientale La navigabilità

7 L USO DEI SUOLI URBANIZZATI

8 IL SISTEMA AMBIENTALE

9 IL SISTEMA DELLA MOBILITA DOLCE

10 IL SISTEMA DELLA NAVIGABILITA

11 FATTIBILITA IDROGEOLOGICA Carta delle isopiezometriche Valori medi di soggiacenza e fascia dei fontanili Interconnessioni tra Navigli e superficie piezometrica. Minimo e massimo freatico Successioni litologiche presenti nel sottosuolo della città di Milano.

12 IL TRACCIATO DELLA RIAPERTURA DEI NAVIGLI MILANESI

13 LA SUDDIVISIONE DEL TRACCIATO IN TRATTI MARTESANA = m Lunghezza totale = m SAN MARCO = 902 m CERCHIA INTERNA = m VALLONE = 560 m

14 IL TRACCIATO E LE CONCHE Dieci conche, due storiche (Incoronata e Viarenna), due ricostruite sul sedime storico (Fatebenefratelli e via Senato), cinque di nuova realizzazione TEMPI DI CONCATA Compresi tra i 7 e i 10 minu5 conca Cassina de Pomm 13 minu5

15 TEMPI DI NAVIGAZIONE TEMPI DI NAVIGAZIONE 2 ore 20 minu5 in discesa (da Cassina de Pomm alla Darsena) 2 ore 40 minu5 in salita (dalla Darsena a Cassina de Pomm Esempi : CASSINA DE POMM- M2 GIOIA Discesa 40 Salita 53 PORTA NUOVA LAGHETTO DI SAN MARCO Discesa 24 Salita 35 SAN MARCO CA GRANDA Discesa 43 Salita 52 VIA SENATO BASILICA DI SAN LORENZO Discesa 35 salita 45

16 MR3: Pirelli Cas5glioni MR2 : Cagliero- Pirelli MR1: Cassina de Pomm- Cagliero MR4: IL PRIMO TRATTO DI VIA MELCHIORRE GIOIA (MR 1) Cas5glioni- Montegrappa 450 m Veduta di inizio Novecento della Conca di Cassina de Pomm costruita nel 1530 La conca 1 supera un dislivello di 2.81 m

17 MR1: Cassina de Pomm- Cagliero IL SECONDO TRATTO DI VIA MELCHIORRE GIOIA (MR 2) sezione prospe9ca MR3: Pirelli Cas5glioni MR2 : Cagliero- Pirelli m quota strada quota acqua sponda «verde» : i balconi sull acqua MR4: Cas5glioni- Montegrappa Dal punto di vista idraulico in via Carissimi è prevista la separazione del Seveso dal Martesana

18 MR2 : Cagliero- Pirelli MR1: Cassina de Pomm- Cagliero IL SECONDO TRATTO DI VIA MELCHIORRE GIOIA (MR 2) MR3: Pirelli Cas5glioni m MR4: Cas5glioni- Montegrappa modello di studio

19 MR1: Cassina de Pomm- Cagliero IL SECONDO TRATTO DI VIA MELCHIORRE GIOIA (MR 2.1) 450 m SEVESO (via Carissimi) MR3: Pirelli Cas5glioni MR2.2 : Carissimi- Pirelli MR2.1 : Cagliero - Carissimi 495 m conca 2 : supera un dislivello di 0,39 m tra*o tra via Cagliero e via Carissimi (sopra : pianta a quota acqua; so*o : pianta a quota strada) De*agli del modello di studio MR4: Cas5glioni- Montegrappa

20 IL SECONDO TRATTO DI VIA MELCHIORRE GIOIA (MR 2.2) M2 Gioia M3 Sondrio conca 3 : supera un dislivello di 0,45 m MR3: Pirelli Cas5glioni MR2.2 : Carissimi- Pirelli MR2.1 : Cagliero - Carissimi 888 m Palazzo Lombardia Hotel 4 stelle Auditorium la «cittadella» dei Salesiani tra*o tra via Carissimi e la stazione M2 Gioia (sopra : pianta a quota acqua; so*o : pianta a quota strada) SEVESO piano del ferro in galleria sopra il mezzanino della stazione M2 GIOIA in galleria so*o l edificio a ponte - sede uffici del Comune MR4: Cas5glioni- Montegrappa passaggio obbligato in corrispondenza di M2 Gioia SEVESO

21 MR1: Cassina de Pomm- Cagliero IL TERZO TRATTO DI VIA MELCHIORRE GIOIA (MR) SOLUZIONE A SOLUZIONE B Parco Biblioteca degli alberi - proge*o approvato MR2 : Cagliero- Pirelli Parco Biblioteca degli alberi - variante proposta MR3: Pirelli Cas5glioni MR4: Cas5glioni- Montegrappa m 340 m in galleria (3 minu5) 100 m a cielo aperto m in galleria (Islington s Tunnel Regent Canal /Londra = 878 m - Tunnel del Canal Saint Mar5n /Parigi = 2 km circa) Sezione soluzione B

22 IL TRATTO DI VIA SAN MARCO LA CONCA DELL INCORONATA Stato di fa*o Proge*o

23 IL TRATTO DI VIA SAN MARCO LA CONCA DELL INCORONATA

24 IL TRATTO DI VIA SAN MARCO IL LAGHETTO

25 IL TRATTO DI VIA SAN MARCO IL LAGHETTO IL MERCATO RIONALE S.MARCO

26 IL TRATTO DA VIA SAN MARCO A PIAZZA CAVOUR (SM e CN1) SOLUZIONE A SOLUZIONE B

27 1 IL TRATTO DELLA CERCHIA INTERNA (CN)

28 IL TRATTO DELLA CERCHIA INTERNA VIA SENATO Lo storico «balcone» del palazzo Viscon5 La reinterpretazione dell affaccio e le passerelle verdi

29 IL TRATTO DELLA CERCHIA INTERNA - VIA FRANCESCO SFORZA

30 IL TRATTO DELLA CERCHIA INTERNA VIA SANTA SOFIA e VIA MOLINO DELLE ARMI

31 IL TRATTO DELLA CERCHIA INTERNA SEZIONE DI VIA MOLINO DELLE ARMI VERSO PIAZZA VETRA

32 IL PROGETTO IN VIA CONCA DEL NAVIGLIO

33 IL TRATTO DA VIA CONCA DEL NAVIGLIO ALLA DARSENA (VL) SOLUZIONE A SOLUZIONE B

34 LA CONCA DI VIARENNA SOLUZIONE A SOLUZIONE B

35 IL FUNZIONAMENTO IDRAULICO DEL PROGETTO ALLA GRANDE SCALA LA NAVIGABILITA Naviglio Martesana Naviglio Grande Naviglio Pavese

36 IL FUNZIONAMENTO IDRAULICO DEL PROGETTO A MILANO Profilo altimetrico e idraulico del Naviglio riaperto Un imbarcazione per i navigli a Milano

37 LE FASI DI FUNZIONAMENTO IDRAULICO DEL PROGETTO A MILANO RECAPITO IN VETTABBIA Tracciato della tubazione

38 LA RIAPERTURA DEI NAVIGLI NEL SISTEMA DELLA MOBILITA MILANESE Flussi di traffico dell ora di punta del 2014 Flussi di traffico dello scenario PUMS 2024 (a Navigli riaperti)

39 LA RIAPERTURA DEI NAVIGLI NEL SISTEMA DELLA MOBILITA MILANESE Aumento e diminuzione dei flussi nello scenario PUMS a Navigli riaperti, rispetto allo scenario PUMS base Tracciato ipotetico di nuova linea di superficie Effetto M4 sull accessibilità al centro di Milano

40 LA RIAPERTURA DEI NAVIGLI NEL SISTEMA DELLA MOBILITA MILANESE stato di fatto progetto Sezione dopo via della Maggiolina

41 LA RIAPERTURA DEI NAVIGLI NEL SISTEMA DELLA MOBILITA MILANESE Sezione dopo via Castelfidardo Sezione sul Laghetto di San Marco

42 IPOTESI ALLA BASE DELLA VALUTAZIONE DEI COSTI E DEI BENEFICI COLLETTIVI Ripris5no di infrastru*ura idraulica pubblica, con mantenimento depotenziato - delle a*uali funzionalità di circolazione veicolare Cos5 di realizzazione a carico della colle9vità (con possibilità di intervento parziale del capitale privato) Benefici colle9vi derivan5 dal miglioramento urbano e ambientale e dall inves5mento pubblico

43 CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI COSTI Opere edilizie, comprensive di quelle per la deviazione del Seveso, per la con5nuità idraulica e per la risistemazione urbana: 222,8 mln euro Altri cos5 per opere provvisionali e imprevis5, spese tecniche e iva per un totale di 184,1 mln euro Costo complessivo: 406,9 mln euro

44 METODI ADOTTATI PER LA VALUTAZIONE DEI BENEFICI COLLETTIVI l aumento dei reddi5 interni derivante dall inves5mento pubblico (Tavola I/O regionale): 168,0 mln euro il metodo dei prezzi edonici : quan5fica i benefici colle9vi derivan5 dal miglioramento della qualità della vita e del paesaggio urbano a*raverso la valutazione che ne danno già oggi, implicitamente, i ci*adini residen5 (prezzi delle abitazioni meglio localizzate): 759,9 mln euro il metodo dei prezzi edonici per la valutazione degli impa9 sulle a9vità produ9ve commerciali esisten5 e nuove in conseguenza del miglioramento dell ambiente urbano: 66,9 mln euro

45 SINTESI COSTI/BENEFICI DELL INVESTIMENTO A. CosD dell invesdmento pubblico 406,9 mln di euro B. Incremento dei reddid per effe=o dell invesdmento C. Miglioramento della qualità urbana (udlità) D. Aumento della profi=abilità delle aqvità commerciali TOTALE BENEFICI QUANTIFICATI 168,0 mln euro 759,9 mln euro 66,9 mln euro 994,8 mln euro E. Disagi da eccesso d uso (movida) Già computa5 in C (valori al ne*o del disagio) F. Disagi da candere Difficilmente valutabili G. Rimodulazione della mobilità e accessibilità Riduzione di emissioni/ inciden5 da traffico lungo la cerchia H. Aumento di a=raqvità turisdca Significa5va ma non valutabile, in parte compresa in D I. Produzione termica e idroele=rica Vantaggi limita5 Riduzioni di accessibilità a*orno al centro

46 FUTURA MILANO ACQUATICA MILAN FUTURE MILANO RIAPRONO I NAVIGLI OMAGGIO A YVES KLEIN : DIVENTIAMO PESCI MILANO UN ESPLOSIONE DI VERDE ACQUALAND, MEDIOLANUM ACQUA - NAVIGLI IL CASTELLO SFORZESCO E LO ZOO SAFARI

47

IL LAVORO IN SINTESI

IL LAVORO IN SINTESI 1. Rilevanza territoriale del sistema dei navigli IL LAVORO IN SINTESI 2. Ipotesi di fattibilità architettonico/urbanistica del manufatto con studio del tracciato e del suo funzionamento. 3. Ipotesi di

Dettagli

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 2) Procedere GRADUALMENTE alla riattivazione idraulica e paesaggistica del SISTEMA DEI NAVIGLI 3) Attraverso un PROGETTO DI FATTIBILITÀ

Dettagli

La nascita del Sistema

La nascita del Sistema La nascita del Sistema 1156 : Guglielmo da Guintellino comincia i lavori di un fossato per scopi di difesa militare intorno alle mura Romane in previsione dell invasione del Barbarossa (che in totale scenderà

Dettagli

Le acque e i canali nel Piano Beruto

Le acque e i canali nel Piano Beruto Le acque e i canali nel Piano Beruto Il sistema dei Navigli, compreso tra il Ticino e l Adda, si forma nel corso di un lungo periodo storico che intercorre tra il XII e il XIX secolo. Sec. XII - XIII Sec.

Dettagli

EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua

EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua Ing. Antonio Acerbo Verso Expo 2015 Dare l acqua-> moltiplicare il cibo: il ruolo e l impegno dei Consorzi di bonifica e di irrigazione Milano, 27 Novembre 2013 www.expo2015.org

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente : i piani di intervento sulla rete dei canali Arch. Laura Burzilleri, Direttore Generale

Dettagli

Per informarvi correttamente il convegno si svolgerà in tre sezioni.

Per informarvi correttamente il convegno si svolgerà in tre sezioni. Conferenza Milano città porto Il convegno di oggi riguarda il recupero graduale dell idrovia Locarno Milano Venezia e il recupero della darsena come principale porto turistico di navigazione interna dell

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Riuso, restauro e riclassificazione del Naviglio da Milano al Ticino

Riuso, restauro e riclassificazione del Naviglio da Milano al Ticino Riuso, restauro e riclassificazione del Naviglio da Milano al Ticino Stefano Sibilla Ruben Palermo, Elisabetta Persi, Luca Modenese Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura DICAr Università di

Dettagli

Presidente Regione Lombardia On. Roberto Formigoni Piazza Città di Lombardia, 1 20124 MILANO

Presidente Regione Lombardia On. Roberto Formigoni Piazza Città di Lombardia, 1 20124 MILANO Spettabile EXPO 2015 SPA In persona del suo Amministratore Delegato Ing. Giuseppe Sala Via Rovello n. 2 20121 - MILANO e p.c. Presidente Regione Lombardia On. Roberto Formigoni Piazza Città di Lombardia,

Dettagli

www.naviglilombardi.it

www.naviglilombardi.it R egione Lombardia, nel corso degli ultimi anni, ha avviato un profondo cambiamento nella propria attività istituzionale, abbandonando progressivamente il ruolo di gestore tecnico amministrativo delle

Dettagli

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Dighe del PANPERDUTO (Somma Lombardo) Museo dell irrigazione PARABIAGO CASSANO D ADDA MONZA EXPO 2015 ABBIATEGRASSO LODI PAVIA

Dettagli

Lombardia in bicicletta Itinerari

Lombardia in bicicletta Itinerari Lombardia in bicicletta Itinerari R05 Il Naviglio Pavese Partenza: Milano, stazione P.ta Genova Arrivo: Pavia, stazione ferroviaria Lunghezza Totale (km): 37,2 Percorribilità: In bicicletta, a piedi Tempo

Dettagli

Programma 16/24 aprile 2010

Programma 16/24 aprile 2010 Programma 16/24 aprile 2010 I promotori ARCIDIOCESI DI MILANO Vicariato per la Cultura Main sponsor Sponsor Con il patrocinio di MILANO NEI CANTIERI DELL ARTE UN PROGETTO DI: Assimpredil Ance Associazione

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

CIVES_PASSEGGIATE DI QUARTIERE DARSENA - PORTA GENOVA -NAVIGLIO GRANDE

CIVES_PASSEGGIATE DI QUARTIERE DARSENA - PORTA GENOVA -NAVIGLIO GRANDE I TEMI valorizzare il ruolo dell acqua come componente del paesaggio urbano e come vettore di comunicazione e raccordo tra la città e la campagna lo spazio pubblico come qualità dell abitare e vivere i

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE CITTA DI ORBASSANO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO PRELIMINARE PROCEDURA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA MONITORAGGIO Redazione VAS Progetto: Valter Martino

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

EXPO MILANO 2015 Expo Milano 2015 1,1 milioni di metri quadri 20 milioni di visitatori Expo Milano 2015 Expo Milano 2015

EXPO MILANO 2015 Expo Milano 2015 1,1 milioni di metri quadri 20 milioni di visitatori Expo Milano 2015 Expo Milano 2015 EXPO MILANO 2015 Expo 2015 è l Esposizione Universale che l Italia ospita a, una vetrina mondiale in cui i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie in campo alimentare. Un area espositiva di

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura 2009 ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO TOR VERGATA ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO DELL AREA

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Ing. Danilo Campagna, danilo.campagna@mscassociati.it Ing. Alessandro Aronica, alessandro.aronica@mscassociati.it Se in passato

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

Indirizzi normativi per l invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri

Indirizzi normativi per l invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Giornata di studio Gestione Sostenibile delle Acque Meteoriche Urbane Indirizzi normativi per l invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Dario Fossati, Raffaele Occhi, Roberta Cotignola,

Dettagli

Progettisti: Arch. Marco Zaoli (Capogruppo) Arch. Roberto Ricci

Progettisti: Arch. Marco Zaoli (Capogruppo) Arch. Roberto Ricci PIANO URBANISTICO COMUNALE PSC POC RUE PUT K1 Sistema ambientale + K2 Sistema sociale + K3 Sistema economico COMUNE DI VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI PSC PIANO STRUTTURALE COMUNALE Sindaco: Giorgio Pruccoli

Dettagli

Gruppo di Lavoro PUBBLICO per la Verifica PARTECIPATA con i Cittadini del PROGETTO DEL PARCO

Gruppo di Lavoro PUBBLICO per la Verifica PARTECIPATA con i Cittadini del PROGETTO DEL PARCO Gruppo di Lavoro PUBBLICO per la Verifica PARTECIPATA con i Cittadini del PROGETTO DEL PARCO IL SITO Villa Sciarra Villa Celimontana Circo Massimo Parco della Resistenza Parco San Sebastiano Riserva

Dettagli

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI In collaborazione con Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città Emanuele

Dettagli

In barca per Milano, fra barcaioli e naviganti

In barca per Milano, fra barcaioli e naviganti I Navigli di ieri nel mondo di oggi Tour, Suoni e Visioni In barca per Milano, fra barcaioli e naviganti Riscoprire gli antichi Navigli lombardi, navigando nel cuore di Milano: «In fond cosa l è stó mar?

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

Comune di Cernusco sul Naviglio, Piano Governo del Territorio PGT Focus Group su ambiente e mobilità Martedì 2 dicembre ore 18.00 Biblioteca Civica

Comune di Cernusco sul Naviglio, Piano Governo del Territorio PGT Focus Group su ambiente e mobilità Martedì 2 dicembre ore 18.00 Biblioteca Civica Comune di Cernusco sul Naviglio, Piano Governo del Territorio PGT Focus Group su ambiente e mobilità Martedì 2 dicembre ore 18.00 Biblioteca Civica Resoconto dei temi discussi Martedì 2 dicembre si è svolto

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

MICHELE PERLINI. 70 ristrutturare

MICHELE PERLINI. 70 ristrutturare MICHELE PERLINI 70 ristrutturare Comfort a VERONA Ideatore del progetto Le Suite di Giulietta, prima CasaClima Welcome in Italia, l architetto Michele Perlini si è occupato sia della parte di disegno degli

Dettagli

IL DISTRETTO AGRICOLO MILANESE

IL DISTRETTO AGRICOLO MILANESE Comune di IL DISTRETTO AGRICOLO MILANESE 1 URMA Project workshop, 11th october 2013 - Sala Pirelli, Comune di MILANO CITTA RURALE SUPERFICIE AGRICOLA: 2.724 ha su sup. complessiva di 18.175 ha NUMERO IMPRESE

Dettagli

Street & Urban Lighting LED e Nuove tecnologie per la pubblica illuminazione. Città di Venezia. Assessore ai lavori pubblici Alessandro Maggioni

Street & Urban Lighting LED e Nuove tecnologie per la pubblica illuminazione. Città di Venezia. Assessore ai lavori pubblici Alessandro Maggioni Street & Urban Lighting LED e Nuove tecnologie per la pubblica illuminazione Padova - 10 Ottobre 2013 Città di Venezia Assessore ai lavori pubblici Alessandro Maggioni ILLUMINAZIONE PUBBLICA nella città

Dettagli

DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO. del 25.06.2015 Rep. Gen. n. 201/2015 Atti n. 160981\7.4\2009\244

DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO. del 25.06.2015 Rep. Gen. n. 201/2015 Atti n. 160981\7.4\2009\244 COPIA DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO del 25.06.2015 Rep. Gen. n. 201/2015 Atti n. 160981\7.4\2009\244 Oggetto: Comune di Milano. Valutazione di compatibilità condizionata con il PTCP ex L.R. 12/2005

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Rilettura dei Navigli tra Quattrocento e Cinquecento

Rilettura dei Navigli tra Quattrocento e Cinquecento Rilettura dei Navigli tra Quattrocento e Cinquecento Nel 400 e nel 500 Milano ha svolto in Europa un ruolo centrale nella costruzione dei canali e nella distribuzione delle acque per l irrigazione e per

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

LED 2009 TRACCE D ACQUA PROGETTO VINCITORE. LED - Light Exhibition Design. Comune di Milano. Comune di Milano

LED 2009 TRACCE D ACQUA PROGETTO VINCITORE. LED - Light Exhibition Design. Comune di Milano. Comune di Milano LED 2009 PROGETTO VINCITORE è un progetto di: PREMESSA [ ] batto col piede sull asfalto di via Francesco Sforza e dico: Vecchio Naviglio, ma ci sei davvero, qui sotto? Continui ad arrivare e a partire,

Dettagli

Urbino Futuro Srl. Centro polifunzionale e nodo di scambio Nuova Porta Santa Lucia. Inquadramento. Introduzione. Descrizione intervento.

Urbino Futuro Srl. Centro polifunzionale e nodo di scambio Nuova Porta Santa Lucia. Inquadramento. Introduzione. Descrizione intervento. Urbino Futuro Srl Centro polifunzionale e nodo di scambio Nuova Porta Santa Lucia INDICE: Inquadramento Introduzione Descrizione intervento Relazione Dati dimensionali Elaborati grafici illustrativi Rendering

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

Il Comune di Milano e i progetti in ambito rurale

Il Comune di Milano e i progetti in ambito rurale Il Comune di Milano e i progetti in ambito rurale 13 maggio 2014 Enrico Murtula Comune di Milano - Staff Assessorato Urbanistica, Edilizia Privata e Agricoltura 13 maggio 2014 Il Comune di Milano e i progetti

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 6 Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 15 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della

Dettagli

1 OGGETTO. 1.1 Cenni storici

1 OGGETTO. 1.1 Cenni storici 1 OGGETTO Il sig. BORRA Roberto, nato a Cuneo il 06 gennaio 1969, residente a Margarita via rovere 19, è proprietario di centralina elettrica sita in Margarita via rovere ed utilizzante le acque del canale

Dettagli

Venezia, 30 Settembre 2011

Venezia, 30 Settembre 2011 PALAZZO MOLIN VENEZIA Venezia, 30 Settembre 2011 INTRODUZIONE La Storia Palazzo Molin è situato nel centro storico di Venezia, lungo le Fondamenta Zattere al Ponte Longo ai civici 1410, 1411 e 1412. Realizzato

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

IC CASAL BIANCO DI ROMA PROGRAMMA DEL VIAGGIO DI ISTRUZIONE A MILANO EXPO 2015

IC CASAL BIANCO DI ROMA PROGRAMMA DEL VIAGGIO DI ISTRUZIONE A MILANO EXPO 2015 IC CASAL BIANCO DI ROMA PROGRAMMA DEL VIAGGIO DI ISTRUZIONE A MILANO EXPO 2015 2 27-30 OTTOBRE 2015 (SSIG) 27 OTTOBRE Ore 7,00: incontro e raduno di tutti i partecipanti alla S.F. di Roma Termini presso

Dettagli

Strutture turistico alberghiere selezionate e garantite Rainbow in Piemonte

Strutture turistico alberghiere selezionate e garantite Rainbow in Piemonte 1 Indice Strutture turistico alberghiere selezionate e garantite Rainbow in Piemonte 1.Torino alcune delle 364 strutture disponibili e selezionate Rainbow pag. 3 1.1.NH Collection Torino Piazza Carlina****

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento

ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento Aggiornamento e adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Variante al PTC1 ai sensi dell'art.

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ARREDO, DECORO URBANO E VERDE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ARREDO, DECORO URBANO E VERDE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ARREDO, DECORO URBANO E VERDE PROGRAMMA: Verde e Arredo Urbano Responsabile: Dott.ssa Giulia Amato (Direttore Centrale Arredo, Decoro

Dettagli

I QUARTIERI DI PADOVA E I PERCORSI PARTECIPATI SUL PAT

I QUARTIERI DI PADOVA E I PERCORSI PARTECIPATI SUL PAT Circoscrizione 5 Sud Ovest I QUARTIERI DI PADOVA E I PERCORSI PARTECIPATI SUL PAT Il Presidente del Quartiere Padova, 7 marzo 2008 Il Quartiere 5 e il Piano di Assetto del Territorio - PAT LA METODOLOGIA

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ESPERTI IN MATERIA DI TUTELA PAESAGGISTICO - AMBIENTALE E NELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (V.A.S.)

CORSO DI FORMAZIONE PER ESPERTI IN MATERIA DI TUTELA PAESAGGISTICO - AMBIENTALE E NELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (V.A.S.) CORSO DI FORMAZIONE PER ESPERTI IN MATERIA DI TUTELA PAESAGGISTICO - AMBIENTALE E NELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (V.A.S.) Presentazione: L Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

RIEPILOGO LAVORI IN CORSO SUL CANALE MARTESANA 2014 2015

RIEPILOGO LAVORI IN CORSO SUL CANALE MARTESANA 2014 2015 RIEPILOGO LAVORI IN CORSO SUL CANALE MARTESANA 2014 2015 INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL NAVIGLIO MARTESANA PER GARANTIRE LA FUNZIONALITÀ IDRAULICA E LE CONDIZIONI PER LA NAVIGABILITÀ. INTERVENTI

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

L archeologia del sottosuolo. Ricerche di Speleologia in Cavità Artificiali in Italia

L archeologia del sottosuolo. Ricerche di Speleologia in Cavità Artificiali in Italia F.N.C.A. Federazione Nazionale Cavità Artificiali www.fnca.teses.net L archeologia del sottosuolo. Ricerche di Speleologia in Cavità Artificiali in Italia a cura di: Matteo Grimoldi e Gianluca Padovan

Dettagli

Comune di Lissone Data: 01/12/2011. PGT adottato

Comune di Lissone Data: 01/12/2011. PGT adottato PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (PTCP) DI MONZA E BRIANZA SEGNALAZIONE PRESENTATA DA: OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA SEGNALAZIONE N. 1 A cura di: Associazione residenti condomini

Dettagli

I Navigli di Leonardo: un po di storia...

I Navigli di Leonardo: un po di storia... I Navigli di Leonardo: un po di storia... Prima dei Navigli Milano medio lanum sorge al centro della Pianura Padana, al vertice di tutte le principali vie di comunicazione del nord Italia. Nel passato,

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 1 Tavolo di lavoro: Sviluppo economico, formazione e lavoro Verbale della sessione del 2 luglio 2015 Presenti Amministrazione comunale Virginia Montrasio, assessore

Dettagli

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici Poste Italiane Spa Tassa pagata Invii senza indirizzo AUT. DC/DCI/PD/7919/00/CS del 27-10-00 A tutte le Famiglie del Comune di Curtarolo ESTATe 2008 APeRTI

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

PROGETTO di TOWN CENTRE MANAGEMENT per lo SVILUPPO e la PROMOZIONE del CENTRO STORICO di IMOLA

PROGETTO di TOWN CENTRE MANAGEMENT per lo SVILUPPO e la PROMOZIONE del CENTRO STORICO di IMOLA LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Dalla crisi un nuovo modello di sviluppo PROGETTO di TOWN CENTRE MANAGEMENT per lo SVILUPPO e la PROMOZIONE

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

Rilancio della cartografia geologica

Rilancio della cartografia geologica Silvio Seno Presidente Federazione Italiana di Scienze della Terra 1 Rilancio della cartografia geologica 7 th Euregeo, Bologna - Conferenza stampa 14 giugno 2012 2 Premessa 3 Perché ci servono informazioni

Dettagli

Te. 02.884.50208/9 Fax: 02.884.50062

Te. 02.884.50208/9 Fax: 02.884.50062 Segreteria Tecnica del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Piazzale Porta Pia 1 00100 Roma p.c.: Assessore ai Trasporti e Mobilità Prof. Goggi Assessore all Urbanistica e Edilizia Privata Dott.

Dettagli

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE 1 di 2 1 1 UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA RAGIONI DI INTERESSE Nascita ed evoluzione di un nuovo tipo edilizio Lettura

Dettagli

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio Progetto Abbazie Programma di riqualificazione dei sistemi paesistici abbaziali di Chiaravalle, Mirasole, Monlue, Viboldone, Morimondo, e della Certosa di Pavia nella pianura irrigua milanese Stefano Agostoni

Dettagli

ALLEGATO A1 SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT

ALLEGATO A1 SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT Provincia di Reggio Emilia ALLEGATO A1 alle Norme di PSC SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT Novembre 2006 DIRECTORY: 022001POVIGLIO_PIANOGENERALE2001/PSC 1 FILE: Norme_PSC_Allegato_A1_Schede_novembre2006.doc

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

Governo delle acque e del territorio

Governo delle acque e del territorio Governo delle acque e del territorio Indicazioni per una gestione comunale Sala Puerari Museo Civico Cremona 22/07/2010 1 Quadro Acque Cremona La realtà cremonese è interessata da un sistema delle acque

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI

PROFILI PROFESSIONALI A S S O C I A Z I O N E I T A L I A N A S C I E N Z E A M B I E N T A L I C O M I T A T O S C I E N T I F I C O S E G R E T E R I A S O C I O L A U R E A T O E S P E R T O PROFILI PROFESSIONALI I profili

Dettagli

SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA

SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA Mantova Ostiglia Vigasio Veronaa Veneto, Lombardia 5 giorni/4 notti Questo percorso sarà dedicato alla percorrenza del primo tratto dell antica

Dettagli

1. Dati personali C.F. RDZPLA52E15L736H

1. Dati personali C.F. RDZPLA52E15L736H CURRICULUM ing. Paolo ARDIZZON 1. Dati personali C.F. RDZPLA52E15L736H 1.1. Dati anagrafici: ARDIZZON Paolo nato a Venezia il 15.05.1952 1.2.Titoli di studio e professionali: P.IVA 03649730276 - Laurea

Dettagli

Finanziamento: Fondi propri ACER Importo finanziamento: 1.177.521,73 Inizio Lavori: 11/09/2003 Superficie Lotto: mq. 985,00 Superficie Utile: mq.

Finanziamento: Fondi propri ACER Importo finanziamento: 1.177.521,73 Inizio Lavori: 11/09/2003 Superficie Lotto: mq. 985,00 Superficie Utile: mq. LE ATTIVITA COSTRUTTIVE IN CORSO Comune di Rimini Nuova Sede Istituzionale dell Ente in Rimini Via Novelli Fondi propri ACER Importo finanziamento: 1.177.521,73 Inizio Lavori: 11/09/2003 Superficie Lotto:

Dettagli

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale 1. I limiti di consumo di suolo I Piani di governo del territorio (Pgt) sono sottoposti alla verifica di compatibilità rispetto al Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp), in attuazione

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI BORGOMANERO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI BORGOMANERO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI BORGOMANERO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE PROGETTO DEFINITIVO Adozione Deliberazione Programmatica: Delibera di Consiglio Comunale n. 3 del 30 gennaio

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

OGGETTO: Adesione alunni Viaggi e Visite d istruzione a.s. 2014/15

OGGETTO: Adesione alunni Viaggi e Visite d istruzione a.s. 2014/15 COMUNICATO N 186 DEL 12/03/15 Ai Sigg Coordinatori di classe Agli Alunni, Ai Genitori Scuola Secondaria di I grado Al sito web della scuola SEDE E PLESSO SCATURRO OGGETTO: Adesione alunni Viaggi e Visite

Dettagli