COMUNE DI OLGINATE Provincia di LECCO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI OLGINATE Provincia di LECCO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE"

Transcript

1 di Olginate (LC) COMUNE DI OLGINATE Provincia di LECCO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE ai sensi della D.G.R. 25 gennaio 2002 n. 7/7868, modificata dalla D.G.R. 1 agosto 2003 n. 7/13950 CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI POLIZIA IDRAULICA Sommario 1. PREMESSA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE RIFERIMENTI NORMATIVI CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI CORSI D ACQUA RETICOLO PRINCIPALE RETICOLO MINORE TABELLA RIASSUNTIVA DEL RETICOLO IDROGRAFICO INDIVIDUAZIONE DELLE FASCE DI RISPETTO INDIVIDUAZIONE DELLE FASCE DI RISPETTO PER IL RETICOLO PRINCIPALE INDIVIDUAZIONE DELLE FASCE DI RISPETTO PER IL RETICOLO MINORE INDIVIDUAZIONE DELLA FASCIA DI PROTEZIONE IDROGEOLOGICA NORMATIVA SUL RETICOLO IDROGRAFICO REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA

2 di Olginate (LC) Tavole Tav. 1 - Individuazione dei corpi idrici sulle cartografie ufficiali scale varie Tav. 2 - Individuazione del reticolo idrografico principale e minore e delle relative fasce di rispetto scala 1:5.000 Allegati di Olginate, Zonazione della pericolosità della conoide del Torrente Aspide e perimetrazione della aree soggette ad esondazione del Torrente Greghentino, Studio Idrogeotecnico Associato giugno 2003 (fornitura su CD). 2

3 di Olginate (LC) 1. PREMESSA In adeguamento alla D.G.R. 7/7868 del 25 gennaio 2002, modificata e integrata dalla D.G.R. n. 7/13950 del 1 agosto 2003, il di Olginate si è dotato di studio per l individuazione del reticolo idrografico principale e minore, redatto in prima versione in data settembre 2004 ed aggiornato in data maggio 2006 a seguito di espressione di parere da parte della Regione Lombardia Sede Territoriale di Lecco in data 26/01/2005 (Prot. Y ). La presente relazione costituisce l elaborato tecnico riguardante l individuazione del reticolo idrografico principale e minore, delle relative fasce di rispetto e recante le norme finalizzate a regolamentare l attività di polizia idraulica, così come indicato al punto 3 dell Allegato B della D.G.R. n. 7/13950 del 1 agosto 2003, aggiornato con le opportune modifiche ed integrazioni successivamente resesi necessarie. Con nota del 21/12/2007 prot. AD la Sede Territoriale di Lecco ha espresso parere favorevole al Regolamento di Polizia Idraulica del comune di Olginate, a condizione di apportare alcune modifiche di carattere normativo che sono state recepite nel presente documento. Esso dovrà essere oggetto di apposita variante allo strumento urbanistico a seguito di espressione del parere tecnico vincolante da parte della Sede Territoriale Regionale competente. 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI La D.G.R. 7/7868 del 25 Gennaio 2002 modificata dalla nuova D.G.R. n. 7/13950 del 1 agosto "Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni di polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore come indicato dall'art. 3 comma 114 della L.R. 1/2000" disciplina le modalità di individuazione del reticolo idrografico principale e, per differenza, del reticolo idrografico minore e individua il reticolo di corsi d acqua (canali di bonifica) gestiti dai Consorzi di Bonifica; stabilisce altresì il trasferimento ai Comuni delle funzioni relative alla polizia idraulica per il reticolo idrico minore, intesa come attività di controllo degli interventi di gestione e trasformazione del demanio idrico e del suolo in fregio ai corsi d acqua. L Allegato A alla citata delibera del 2003, riporta l elenco dei corsi d acqua costituenti il reticolo idrografico principale, sul quale, ai sensi L.R. 1/2000, la Regione Lombardia continuerà a svolgere l attività di polizia idraulica. 3

4 di Olginate (LC) In Allegato D alla D.G.R. n. 7/7868 del 2002 è riportato l elenco dei Canali gestiti dai Consorzi di Bonifica, ai quali, anche ai sensi della L.R. n. 7/03 Norme in materia di bonifica e irrigazione, sono demandate le funzioni concessorie e di polizia idraulica (gestione, manutenzione dei corsi d acqua e applicazione dei canoni regionali di Polizia Idraulica secondo l Allegato C alla delibera regionale). Tuttavia, così come indicato ai punti 16 e 19 della D.G.R. 7/7868 del 25 gennaio 2002, per tutte le attività di Polizia Idraulica sui corsi d acqua gestiti dai Consorzi di Bonifica e inseriti nel reticolo principale di cui all All. A (cfr. paragrafo successivo), dovranno essere richiesti dai Consorzi stessi i pareri di competenza alla Regione Lombardia tramite i Servizi Provinciali competenti, mentre resta di competenza dei Consorzi il calcolo e l introito dei canoni di polizia idraulica. La sopraccitata L.R. n. 7/2003, all art. 5 comma 5 e all art. 9 comma 3, così come modificata dalla L.R. n. 5 del 24 marzo art. 21, indica inoltre la possibilità di stabilire una convenzione tra i Consorzi di bonifica/consorzi di miglioramento fondiario di secondo grado e gli Enti locali per la gestione del reticolo idrico minore e, in generale, per la valorizzazione e la salvaguardia del territorio rurale. A seguito della sentenza del Tribunale delle Acque di Roma n. 91/2004, con delibera della Regione Lombardia n. 8/1239 del 30 novembre 2005 è stato individuato l elenco dei canali esclusi dal reticolo di competenza dei Consorzi di Bonifica, come determinato dalla sentenza 129/05, in quanto di proprietà privata. L Allegato B alla D.G.R. n. 7/13950 del 2003 fornisce i criteri e gli indirizzi ai comuni per l individuazione del reticolo idrografico minore e per l effettuazione delle attività di polizia idraulica. Il reticolo minore, individuato in base al regolamento di attuazione della L. 36/94, coincide con il reticolo idrico costituito da tutte le acque superficiali ad esclusione dei corpi idrici classificati come principali e di tutte le acque piovane non ancora convogliate in un corso d acqua. In particolare comprende tutti i corsi d acqua che rispondono ad almeno uno dei seguenti criteri: risultino individuabili sulle cartografie ufficiali (IGM, CTR) e/o siano indicati come demaniali nelle carte catastali; siano stati oggetto di interventi di sistemazione idraulica con finanziamenti pubblici. L elaborato tecnico, cui dovranno dotarsi i comuni in conformità e secondo le indicazioni date dalla direttiva, sarà costituito da una parte cartografica (con l indicazione del reticolo idrografico e delle relative fasce di rispetto) e da una parte normativa (con l indicazione delle attività vietate e soggette ad autorizzazione all interno delle fasce di rispetto). 4

5 di Olginate (LC) Tale elaborato dovrà essere oggetto di apposita variante allo strumento urbanistico e dovrà essere preventivamente sottoposto alla Sede Territoriale Regionale competente per l espressione di parere tecnico vincolante sullo stesso. Ai sensi della l.r. 5 gennaio 2000 n. 1 art.114 Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia. Attuazione del D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dallo Stato alle regioni ed agli enti locali in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59) modificata dalla l.r. 24 marzo 2004 n. 5 Modifica a leggi regionali in materia di organizzazione, sviluppo economico e territorio. Collegato ordinamentale 2004 art. 22, ai comuni sono trasferite le funzioni relative all adozione dei provvedimenti di polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore, limitatamente ai corsi d acqua indicati come demaniali in base a normative vigenti o che siano stati oggetto di interventi di sistemazione idraulica con finanziamenti pubblici. La D.G.R. 7/13950/2003, al punto 5.1 dell Allegato B, fornisce indicazioni in merito all individuazione delle fasce di rispetto fluviale. Esse devono derivare da studi di approfondimento, finalizzati alla perimetrazione delle aree di esondazione secondo le direttive di attuazione della L.R. 41/97 che fanno riferimento ai criteri PAI (studi obbligatori per il reticolo principale). In ogni caso l individuazione della fascia di rispetto deve tenere conto dei seguenti elementi: aree storicamente soggette ad esondazione; aree interessabili da fenomeni erosivi e di divagazione dell alveo; necessità di garantire una fascia di rispetto sufficiente a consentire l accessibilità al corso d acqua ai fini della sua manutenzione, fruizione e qualificazione ambientale. Al punto 5.2 della stessa direttiva vengono richiamati i riferimenti normativi sovraordinati (R.D. 523/1904, R.D. 368/1904, PAI) ed indicazioni generali relative ad alcuni interventi vietati e consentiti entro le fasce di rispetto; il complesso di tali norme costituisce il fondamentale riferimento cui potrà ricondursi la normativa contenente la definizione delle attività vietate e soggette ad autorizzazione comunale entro le fasce di rispetto. Infine l Allegato C alla D.G.R. 7/13950/2003 riporta i Canoni Regionali di Polizia Idraulica da applicarsi sia per il reticolo principale che minore. Con D.d.g. 3 agosto 2007 n sono state emanate le Linee Guida di Polizia Idraulica che forniscono indicazioni di carattere amministrativo e tecnico agli 5

6 di Olginate (LC) Enti competenti riguardanti l applicazione della normativa di polizia idraulica al demanio idrico compreso nel territorio della Regione Lombardia. 2.1 CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI CORSI D ACQUA L individuazione del reticolo idrografico del comune di Olginate ha previsto le seguenti fasi di lavoro e di raccolta dati: esame e confronto delle seguenti cartografie ufficiali (riportate in Tav. 1), così come indicato dalla d.g.r. 7/13950/03: cartografie dell'istituto Geografico Militare (IGM) in scala 1: tavoletta Oggiono; carta tecnica della Regione Lombardia (C.T.R.) in scala 1: fogli B4d5, B4e5, B5d1, B5e1, voli 1994; mappe cartacee del catasto terreni (1998) dell intero territorio comunale a scala 1:2.000 fornite dall Ufficio Tecnico Comunale. In Tav. 1, derivante dalla scansione di tali mappe, sono stati evidenziati i corpi idrici presenti ; sopralluoghi e rilevamenti sul reticolo idrografico nel territorio comunale finalizzati alla: verifica dello stato di fatto dei corsi d acqua rispetto alle cartografie ufficiali; osservazione delle caratteristiche fisiche (idrauliche e geomorfologiche) dei corsi d'acqua; osservazione e definizione su base morfologica dell'estensione delle aree che possono subire allagamento per esondazione e spaglio delle acque di piena; individuazione delle opere antropiche di attraversamento, regimazione, difesa spondale, immissione di tubazioni di scarico, tombinatura, ecc.; individuazione dei punti critici; rilevazione fotografica delle situazioni significative. Il complesso degli elementi tecnici, censiti o definiti in dettaglio durante la fase di rilevamento in campo, è stato considerato ai fini della determinazione delle fasce di rispetto dei corsi d'acqua. 2.2 RETICOLO PRINCIPALE Dal confronto con l Allegato A della D.G.R. 7/13950/2003, in territorio di Olginate il reticolo idrografico principale (cfr. Tav. 2) comprende: Num. progr. Denominazione Comuni interessati Tratto classificato come principale N. iscr. el. AAPP 6

7 di Olginate (LC) LC009 Fiume Adda LC011 Torrente Greghentino Robbiate, Paderno, Brivio, Airuno, Olgiate M., Valgreghentino, Olginate, Montemarenzo, Calolziocorte. Olginate, Valgreghentino Tutto il tratto scorrente in provincia a valle del ponte della ferrovia in Loc. Lavello Dallo sbocco alla strada per Ospedaletto Il fiume Adda nasce da sorgenti situate in Val Fraele, nei pressi dello spartiacque alpino di Alpisella (m 2285 s.l.m.) sulle Alpi Retiche ad ovest dello Stelvio. Percorre tutta la Valtellina ed entra nel lago di Como nei pressi di Colico. All uscita dal lago di Lecco, l Adda scorre largo e piatto, formando lungo il suo percorso due bacini lacustri - i laghi di Garlate ed Olginate ed entra in un territorio caratterizzato dalla presenza di cordoni morenici e terrazzi fluvioglaciali ( medio corso dell Adda ). La piana alluvionale si presenta ampia e con alveo quasi poco inciso nel tratto tra Olginate e Brivio. Nel tratto successivo, fino a circa Cassano d Adda, l alveo si inforra entro profonde scarpate (dislivelli di m in Robbiate) scavate entro i conglomerati e le arenarie del Ceppo ; a valle di Cassano d Adda (località Groppello d'adda), con la diminuzione della pendenza, il corso d'acqua tende ad assumere un andamento meandriforme con alveo localmente di tipo braided non sempre ben definito, entro una piana alluvionale molto ampia. A Castel Nuovo Bocca d'adda (CR), dopo un percorso di circa 300 Km dalle sorgenti, il fiume confluisce nella sponda sinistra del Po. All'uscita del lago di Lecco, il livello medio delle acque del fiume è a 199 m s.l.m. Il regime del fiume, dato il suo carattere alpino, può variare da 900 mc/s, nei periodi di massima piena, ai 30 mc/s nei periodi di magra. Il Fiume Adda percorre in direzione NW-SE e N-S il territorio comunale di Olginate, formando prima l omonimo lago di Olginate e, più a valle, un ampio meandro, con ansa rivolta ad occidente, in corrispondenza di una zona paludosa denominata Isola della Torre e Isolona del Serraglio, sita in comune di Brivio. Il fiume si sviluppa per una lunghezza di circa 5500 m e presenta una debole pendenza tra lo sbarramento costituito dalla Diga di Olginate e il limite comunale a sud. L alveo raggiunge l estensione massima (circa 700 m) in corrispondenza del lago di Olginate, mentre l estensione minima è presente nel tratto a valle del ponte ferroviario (50-60 m). Le sponde risultano quasi ovunque naturali, ad eccezione di alcuni tratti artificiali in corrispondenza del nucleo urbano. Il torrente Greghentino nasce nel territorio comunale di Valgreghentino, sulle pendici orientali del crinale che si estende dal M. Crocione a S. Genesio, 7

8 di Olginate (LC) raccogliendo le acque provenienti da Acquarata, dalla Valle della Pizza e dalla Val de Vai. Dopo aver attraversato il centro abitato di Valgreghentino, entra in territorio comunale di Olginate, dove infine sbocca nel fiume Adda in corrispondenza dei ponti della linea ferroviaria Milano-Lecco. Il corso d acqua si sviluppa in direzione Sud-Ovest Nord-Est ed ha una lunghezza complessiva pari a circa 5 km. Il corso d acqua presenta alveo a cielo aperto in terreno naturale nel tratto montano, mentre lo stato delle sponde in comune di Olginate è prevalentemente artificiale per la presenza di argini e di muri perimetrali in calcestruzzo degli edifici che costeggiano il corso d'acqua. A valle degli attraversamenti ferroviari il corso d'acqua è delimitato da argini in terra. Sono inoltre presenti alcune briglie (in calcestruzzo o in pietrame annegato in calcestruzzo) distribuite lungo il corso del torrente, sia in comune di Valgreghentino che di Olginate, in particolare in corrispondenza dell'attraversamento con la SP n. 72, dei ponti della linea ferroviaria Milano- Lecco e a monte dello sbocco in Adda, dove il fondo dell'alveo è in calcestruzzo. 2.3 RETICOLO MINORE Dall esame delle cartografie ufficiali, delle carte catastali fornite dall Ufficio Tecnico e dai rilievi effettuati in sito si sono individuati i corsi d acqua appartenenti al reticolo idrografico minore (Tav. 2). Il reticolo idrografico minore comprende il torrente Aspide, i corsi d acqua distribuiti sui versanti nord-orientale e sud del Monte Regina, i tratti di reticolo tombinati nel centro abitato e i corsi d acqua che interessano il dosso roccioso a sud di Ponte di Villa. Il torrente Aspide nasce dalle pendici del Monte Regina (820 m s.l.m.), attraversa il centro abitato di Olginate e sbocca nel lago di Garlate, immediatamente a valle della diga che separa i due laghi di Garlate ed Olginate. Il bacino del torrente Aspide sottende un area di 1,59 km2; al suo interno il corso d acqua si sviluppa in direzione Sud-Ovest Nord-Est per una lunghezza complessiva circa pari a 2,87 km. Lungo l'asta principale sono presenti diverse opere di difesa idraulica, quali muri di contenimento in calcestruzzo o a secco, gabbioni e traverse. Per alcuni tratti il fondo dell'alveo è in calcestruzzo e, a monte dello sbocco finale è presente un tratto tombinato, a valle del quale è stata realizzata una vasca di sedimentazione, del volume di ca. 10 mc. 8

9 di Olginate (LC) La rete idrografica presente lungo i versanti del Monte Regina è costituita da corsi d acqua con regime torrentizio, ad andamento parallelo, per lo più primari ad eccezione del sistema ben gerarchizzato presente sul versante meridionale (Val de Vai) con recapito entro il territorio comunale di Valgreghentino. I corsi d acqua dell ambito montano per la maggior parte confluiscono in vasche (Tav. 2) situate ai piedi del versante, generalmente ai bordi dell ambito urbanizzato (Via Albegno). Le vasche sono realizzate in calcestruzzo e sono generalmente costituite da due settori: - vasca di deposito; - vasca con griglie mobili (non presenti in tutte le vasche) e griglia zincata a due pannelli fissa. Sono dotate di recinzione esterna o di copertura grigliata. Le dimensioni sono variabili: generalmente lunghezza e larghezza sono dell ordine della decina di metri (8x3 m), la profondità è superiore al metro. A valle della griglia filtrante, le vasche sono collegate alle tubazioni interrate che costituiscono la rete fognaria urbana delle acque bianche. I tratti tombinati dell ambito urbano, compresi anche i tratti presunti e/o incerti, sono stati tracciati sulla base delle informazioni fornite dall Ufficio Tecnico Comunale e delle indicazioni desunte dalle vecchie carte catastali nelle quali è riportata l esistenza di corsi d acqua a cielo aperto. Le aste fluviali tombinate e non, costituiscono reticolo idrico minore ai sensi della D.G.R. 7/13950/2003, in quanto, pur non essendo in alcuni casi indicate nelle carte catastali, svolgono l importante funzione idraulica di smaltimento delle acque provenienti dagli impluvi montani, a valle delle vasche. 2.4 TABELLA RIASSUNTIVA DEL RETICOLO IDROGRAFICO Viene di seguito riportata la tabella (Tab. 1) riassuntiva del reticolo idrografico individuato nel comune di Olginate. La tabella comprende tutti i corsi d acqua soggetti a polizia idraulica. 9

10 di Olginate (LC) Tab. 1: tabella riassuntiva del reticolo idrografico principale e minore NUMERAZIONE DENOMINAZIONE/LOCALITÀ GESTORE RETICOLO PRINCIPALE RETICOLO MINORE D.G.R. 7/13950/03 Allegato A 1 - LC009 Fiume Adda Reg. Lombardia/AIPO SOGGETTO TITOLARE DELLA POLIZIA IDRAULICA Reg. Lombardia/AIPO 2 - LC011 Torrente Greghentino Reg. Lombardia Reg. Lombardia n. progressivo comunale 3 4 Loc. Gambate Torrente Aspide da 4.1 a 4.15 Bacino del T. Aspide 5 Da 5.1 a 5.4 Loc. Belvedere Loc. Belvedere 6 Valle di Pendegia 6.1 Loc. S. Maria la Vite Loc. S. Maria la Vite Loc. S. Maria la Vite NORMATIVA RIFERIMENTO DI 10

11 di Olginate (LC) NUMERAZIONE DENOMINAZIONE/LOCALITÀ 6.3 Loc. Albegno sup. 6.4 Loc. Parzanella 6.5 Zona Via Cantù 6.6 Loc. Gattinera Loc. Gattinera Loc. Gattinera Loc. Gattinera 6.7 Loc. Campagnola 7 Valle di Dozio 7.1 Valle della Stoppada Valle della Stoppada 7.2 Loc. Serigola 7.3 Valle di Cà del Lazzaro Valle di Cà del Lazzaro GESTORE SOGGETTO TITOLARE DELLA NORMATIVA RIFERIMENTO POLIZIA IDRAULICA DI 11

12 di Olginate (LC) NUMERAZIONE DENOMINAZIONE/LOCALITÀ Val De Vai 7.7 Ruscello Favello Ruscello Favello Ruscello Favello 7.8 Valle dei Foppelli 7.9 Valle dei Foppelli 7.10 Valle dei Foppelli Valle dei Foppelli 7.11 Valle dei Foppelli 7.12 Valle dei Puzzoli 7.13 Valle dei Puzzoli GESTORE SOGGETTO TITOLARE DELLA NORMATIVA RIFERIMENTO POLIZIA IDRAULICA DI 12

13 di Olginate (LC) NUMERAZIONE DENOMINAZIONE/LOCALITÀ 8 Loc. Serbatoio idrico Romano 9 Loc. Serbatoio idrico Romano 10 Loc. Cà Romano 11 Loc. Cà Romano 12 Loc. Fornasotto superiore 13 Loc. Ganzetta 14 Loc. Fornasotto superiore 14.1 Loc. Fornasotto superiore 14.2 Loc. Fornasotto superiore 14.3 Loc. Fornasotto superiore 15 Loc. Galoppo Stoppata 16 Loc. Lavello 17 Loc. Fornasetta inferiore GESTORE SOGGETTO TITOLARE DELLA NORMATIVA RIFERIMENTO POLIZIA IDRAULICA DI 13

14 di Olginate (LC) 3. INDIVIDUAZIONE DELLE FASCE DI RISPETTO Nei paragrafi seguenti vengono indicati i criteri utilizzati per la definizione delle fasce sia a livello di reticolo principale che minore. L individuazione cartografica delle fasce di rispetto è riportata in Tav. 2. Si evidenzia che la Tav. 2 costituisce l elaborato di cui al punto 3 della citata Delibera Regionale e dovrà essere oggetto di apposita variante allo strumento urbanistico. Tale elaborato dovrà essere preventivamente sottoposto alla Sede Territoriale Regionale competente per l espressione di parere tecnico vincolante sullo stesso. Le fasce di rispetto fluviale individuate ed approvate costituiranno le aree di riferimento per l attività di polizia idraulica (competenza regionale/aipo per il reticolo principale, comunale/comunità montana per il reticolo minore) e costituiranno altresì l area di applicazione dei canoni regionali, ai sensi dell Allegato C della D.G.R. 7/13950/ INDIVIDUAZIONE DELLE FASCE DI RISPETTO PER IL RETICOLO PRINCIPALE F. Adda Per il Fiume Adda, la fascia di rispetto fluviale con attività di polizia idraulica è stata graficamente tracciata tramite offset di 10 m rispetto al ciglio di sponda naturale/artificiale che delimita l alveo attivo, in riferimento al R.D. 523/1904 e al P.T.C.P. del Parco Regionale Adda Nord (D.G.R. 22/12/2000 n. 7/2869) (Tav. 2). Essa è soggetta alla normativa di polizia idraulica e costituisce area di applicazione dei canoni regionali di polizia idraulica ai sensi dell All. C della D.G.R. 7/13950/2003. T. Greghentino In considerazione delle problematiche di rischio idraulico attinenti al T. Greghentino, alla base della individuazione delle fasce fluviali dello stesso sono stati utilizzati i risultati dello studio di compatibilità idraulica eseguito dallo Scrivente e riportato in allegato al presente studio; l indagine idrologico-idraulica è stata finalizzata alla perimetrazione delle aree di esondazione per diversi tempi di ritorno 1. 1 Studio Idrogeotecnico Associato: Zonazione della pericolosità della conoide del Torrente Aspide e perimetrazione delle aree soggette ad esondazione del Torrente Greghentino di Olginate giugno

15 di Olginate (LC) L individuazione della fascia di rispetto ha tenuto in considerazione l estensione delle seguenti aree: area soggetta ad esondazione per un tempo di ritorno di 100 anni definita come Ee area a pericolosità di esondazione molto elevata; area estesa a 10 m rispetto al ciglio della sponda nei tratti ove l alveo è inciso (vincolo di inedificabilità ai sensi del R.D. 523/1904); area estesa a 4 m rispetto al piede esterno degli argini in terra. Il limite della fascia fluviale è determinato pertanto dall inviluppo massimo delle linee che sottendono le suddette aree e corrisponde al limite dell area Ee nei punti in cui tale linea è esterna rispetto alla linea che delimita l area dei 10 m, viceversa corrisponde al limite di inedificabilità laddove l area Ee è interna rispetto al limite stesso. Ai sensi del punto 3 della D.G.R. 7/13950, il presente studio ha definito pertanto l estensione della fascia di rispetto per il T. Greghentino (tratto di reticolo principale) e la normativa di polizia idraulica (cfr. capitolo 4). Tale fascia costituisce una proposta di perimetrazione che, una volta approvata dalla Struttura Regionale competente, potrà costituire l area di riferimento per lo svolgimento dell attività di polizia idraulica da parte della Sede Territoriale della Regione Lombardia. 3.2 INDIVIDUAZIONE DELLE FASCE DI RISPETTO PER IL RETICOLO MINORE In ambito montano le fasce di rispetto sono state individuate sulla base delle caratteristiche geomorfologiche dei singoli corsi d acqua connesse sia alla dinamica dei versanti che alla dinamica fluviale. In generale tali fasce si estendono a comprendere i versanti acclivi degli impluvi trattandosi di aree direttamente correlate agli alvei, in continua evoluzione geomorfologica e soggette a fenomeni di dissesto gravitativo e trasporto solido in alveo e comunque di estensione mai inferiore a 10 m. Localmente la fascia di rispetto è stata ampliata a comprendere porzioni di versante interessate da fenomeni di dissesto idrogeologico. In ambito urbanizzato l ampiezza della fascia di rispetto è stata ridotta a 4 m rispetto all alveo (da intendersi come 4 m dal ciglio di sponda o dal limite esterno della tubazione/manufatto di tombinatura), trattandosi di aste fluviali tombinate e/o canali a cielo aperto per lo smaltimento delle acque meteoriche: tale riduzione è motivata dalla presenza di opere idrauliche (vasche e griglie) finalizzate alla diminuzione del rischio di intasamento del canale con restringimento della sezione utile di deflusso. 15

16 di Olginate (LC) 3.3 INDIVIDUAZIONE DELLA FASCIA DI PROTEZIONE IDROGEOLOGICA Per il Fiume Adda, in corrispondenza del tratto meridionale ricadente entro il territorio comunale, è stata definita altresì una fascia di protezione idrogeologica (cfr. Tav. 2) che si estende all esterno della fascia di rispetto precedentemente individuata, interessando le aree storicamente soggette ad esondazione (anni 1993, 1997, 2002). Tale area riveste un carattere di tutela finalizzato alla manutenzione e riqualificazione dell ambito fluviale; essa è recepita all interno della tavola di fattibilità dello studio geologico di supporto alla pianificazione e corrisponde ad una classe di fattibilità 4fa (fattibilità con gravi limitazioni aggiornamento settembre 2004). 16

17 di Olginate (LC) 4. NORMATIVA SUL RETICOLO IDROGRAFICO Le attività di polizia idraulica riguardano il controllo degli interventi di gestione e trasformazione del demanio idrico e del suolo in fregio ai corpi idrici, allo scopo di salvaguardare le aree di espansione e di divagazione dei corsi d acqua e mantenere l accessibilità al corso stesso. I punti 5.2 e 6 di cui alla D.G.R. 7/13950/2003 All. B, indicano i principali riferimenti normativi e le prescrizioni di base per la definizione delle attività vietate o soggette ad autorizzazione comunale entro le fasce di rispetto fluviali. Il presente capitolo contiene il Regolamento comunale di polizia idraulica, mirato alla definizione delle attività vietate e consentite in relazione alle problematiche specifiche dei corsi d acqua insistenti sul territorio comunale. In esso sono contenuti tutti quegli elementi che consentiranno di regolamentare le attività in fregio ai corsi d acqua. 4.1 REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA Il presente regolamento è da considerarsi integrativo e non sostitutivo delle normative vigenti in materia di tutela ambientale e di gestione del territorio. ARTICOLO 1 Definizioni Demanio idrico Fanno parte del demanio pubblico tutte le acque sotterranee e le acque superficiali ad esclusione di quelle piovane non ancora raccolte in corsi d acqua od in cisterne ed invasi. Polizia idraulica Per polizia idraulica si intende l'attività di controllo degli interventi di gestione e trasformazione del demanio idrico e del suolo in fregio ai corpi idrici, allo scopo di salvaguardare le aree di espansione e di divagazione dei corsi d acqua e mantenere l accessibilità al corso stesso per la sua manutenzione, fruizione e riqualificazione ambientale. Le norme di polizia idraulica si applicano alle acque pubbliche. L esercizio delle attività di polizia idraulica (provvedimenti autorizzativi e concessori, calcolo dei canoni) sul reticolo principale individuato dall allegato A alla d.g.r. 7/13950/2003 compete alla Regione Lombardia. Per i tratti di corsi d acqua appartenenti al reticolo idrico principale di competenza dell AIPO Agenzia Interregionale del fiume Po, i provvedimenti autorizzativi sono di competenza dell AIPO stessa, mentre i provvedimenti concessori e il 17

18 di Olginate (LC) calcolo dei canoni di polizia idraulica, per gli stessi tratti, sono di competenza della Regione Lombardia. Nulla Osta Provvedimento con il quale l autorità idraulica verifica che non vi siano elementi ostativi a svolgere una determinata attività senza danno per il pubblico interesse. Ai sensi delle presenti norme il Nulla osta viene rilasciato per quelle attività di cui al successivo articolo 4 che ricadono in fascia di rispetto e non influiscono né direttamente né indirettamente sul regime del corso d acqua (es. recinzioni, pulizia e taglio piante, sfalcio d erba, difese radenti, ecc.). Tali attività non sono soggette al pagamento di alcun canone ai sensi della d.g.r. 7/7868/2002 come modificata dalla d.g.r. 7/13950/2003. Autorizzazione a soli fini idraulici Essa valuta la compatibilità dell intervento da eseguire con il buon regime delle acque. Necessaria quando riguarda gli interventi elencati tra le attività consentite con autorizzazione (cfr. articolo 4). L autorizzazione a soli fini idraulici, ai sensi delle presenti norme, prevede la stesura e sottoscrizione di apposito disciplinare e l emanazione di un decreto secondo i modelli di cui agli allegati C e D del D.d.g. n del 13/12/2002. Viene rilasciata dall autorità idraulica competente per tutti gli interventi di cui all Allegato C della d.g.r. n. 7/7868 del 25/01/2002 come modificata dalla d.g.r. n. 7/13950 del 1/08/2003 e riportati al successivo articolo 4. E soggetta al pagamento di un canone annuo. Concessione di occupazione di area demaniale Necessaria quando l intervento (soggetto per tipologia ad autorizzazione) comporta l occupazione di aree demaniali. Ai sensi delle presenti norme, la concessione di occupazione di area demaniale è comprensiva dell autorizzazione a soli fini idraulici e prevede la stesura e sottoscrizione di apposito disciplinare e l emanazione di un decreto secondo i modelli di cui agli allegati A e B del D.d.g. n del 13/12/2002. Viene rilasciata dall autorità idraulica competente per tutti gli interventi che comportino occupazione di area demaniale riportati all Allegato C della d.g.r. n. 7/7868 del 25/01/2002 come modificata dalla d.g.r. n. 7/13950 del 1/08/2003 ed è soggetta al pagamento di un canone annuo e di una imposta regionale come specificato al successivo articolo 7 (canoni di polizia idraulica). Sdemanializzazione Modificazione o ridefinizione dei limiti e vendita al privato delle aree demaniali. A tale riguardo si ricorda che le modalità operative da utilizzarsi per le procedure di sdemanializzazione sono quelle previste dalla d.g.r. 14 gennaio 2005, n. 7/ ARTICOLO 2 Fasce di rispetto 18

19 di Olginate (LC) Fascia di rispetto del reticolo idrico principale. In tale ambito sono ricomprese le aree di rispetto dei corsi d acqua classificati come principali nelle tabelle dell allegato A della d.g.r. n. 7/13950/2003 e nella tabella 1 del presente studio. F. Adda: essa comprende l alveo, le sponde e le aree di pertinenza del corso d acqua estesa ad una distanza minima di 10 m rispetto al ciglio della scarpata che delimita l alveo attivo. T. Greghentino: il limite della fascia fluviale è determinato dall inviluppo massimo delle linee che delimitano le seguenti aree: area soggetta ad esondazione per un tempo di ritorno di 100 anni definita come Ee area a pericolosità di esondazione molto elevata; area estesa a 10 m rispetto al ciglio della sponda nei tratti ove l alveo è inciso (vincolo di inedificabilità ai sensi del R.D. 523/1904); area estesa a 4 m rispetto al piede esterno degli argini in terra. Fascia di rispetto del reticolo idrico minore. In tale ambito sono ricomprese le aree di rispetto dei corsi d acqua classificati come minori nella tabella 1 del presente studio. In ambito montano le fasce di rispetto per i corsi d acqua classificati come reticolo minore si estendono a comprendere i versanti acclivi degli alvei, in continua evoluzione geomorfologica, per una distanza di 10 m rispetto all alveo attivo. Localmente la fascia di rispetto è stata ampliata a comprendere porzioni di versante interessate da fenomeni di dissesto idrogeologico. In ambito urbanizzato, per i tratti tombinati e/o i canali a cielo aperto per lo smaltimento delle acque meteoriche l ampiezza della fascia di rispetto è stata ridotta a 4 m rispetto all alveo (da intendersi come 4 m dal ciglio di sponda o dal limite esterno della tubazione/manufatto di tombinatura). In loco dovrà essere verificato puntualmente l effettivo stato dei luoghi per la determinazione, secondo i criteri precedentemente descritti, della posizione corretta del limite della fascia di rispetto, che risulta prevalente rispetto a quanto indicato graficamente nella tavola dell individuazione del reticolo idrografico e delle relative fasce di rispetto (Tav. 2). ARTICOLO 3 Attività vietate nelle fasce di rispetto Nelle fasce di rispetto individuate sono vietate le seguenti attività: nuove edificazioni; esecuzione di scavi e movimenti di terreno ad una distanza inferiore ai 4 m dal ciglio di sponda o dal piede esterno dell argine, fatto salvo per gli interventi espressamente autorizzati con le sole finalità di miglioramento / aumento della funzionalità idraulica del corso d acqua; asportazione di materiale litoide dall alveo dei torrenti; 19

20 di Olginate (LC) effettuazione di riporti se non finalizzati al mantenimento / miglioramento del regime idrico locale; deposito anche temporaneo di materiale di qualsiasi genere, compresi i residui vegetali, purché non funzionali agli interventi di manutenzione; tombinatura dei corsi d acqua; realizzazione di strutture trasversali (recinzioni permanenti e continue, muretti di contenimento) che possano ridurre / ostacolare il deflusso delle acque; realizzazione di strutture interrate (box, cantine, ecc.) in quanto a rischio di allagamento; realizzazione di pozzi disperdenti, serbatoi sopraterra ed interrati di carburante (gasolio o gas da riscaldamento); nuovi impianti di trattamento delle acque reflue, nonché l ampliamento degli impianti esistenti, fatto salvo l adeguamento degli stessi alle normative vigenti, anche a mezzo di eventuali ampliamenti funzionali; nuovi impianti di smaltimento, recupero e raccolta di rifiuti di qualsiasi tipo; coltivazioni erbacee non permanenti ed arboree per un ampiezza di almeno 10 m dal ciglio di sponda al fine di assicurare il mantenimento o ripristino di una fascia continua di vegetazione spontanea lungo le sponde dell alveo, con funzione di stabilizzazione e riduzione della velocità della corrente; realizzazione di nuove linee tecnologiche longitudinali entro gli alvei fluviali o in aree interessabili dall evoluzione geodinamica dello stesso. ARTICOLO 4 Attività consentite con autorizzazione Sono consentite le attività di seguito elencate, previa autorizzazione o nullaosta dell Ente Competente per le attività di polizia idraulica (cfr. tabella 1 riassuntiva del reticolo idrografico). Qualora l intervento soggetto ad autorizzazione comporti l occupazione di aree demaniali, è necessario anche il rilascio di concessione di occupazione di area demaniale. I decreti e i disciplinari tipo di polizia idraulica concernenti le autorizzazioni ai soli fini idraulici e le concessioni di aree demaniali da utilizzarsi da parte dell Ente Competente sono quelli approvati con D.d.g. 13 dicembre 2002 n Direzione Generale Territorio e Urbanistica Approvazione dei decreti e disciplinari tipo di polizia idraulica concernenti autorizzazioni ai soli fini idraulici e concessioni di aree demaniali d.g.r. n del 25 gennaio

TURATE Provincia di COMO

TURATE Provincia di COMO TURATE Provincia di COMO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE d.g.r. 25 gennaio 2002 n. 7/7868, modificata dalla d.g.r. 1 agosto 2003 n. 7/13950 CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 25 Settembre 2006 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

COMUNE DI COLICO. Provincia di Lecco RETICOLO IDRICO MINORE

COMUNE DI COLICO. Provincia di Lecco RETICOLO IDRICO MINORE STUDIO DI GEOLOGIA TECNICA ED AMBIENTALE Dott. Cristian Adamoli Via Villatico 11, - 23823 Colico (Lc) / 0341.933011 P.Iva 02471200135 - Cod. Fisc. DML CST 72R19 A745J COMUNE DI COLICO Provincia di Lecco

Dettagli

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque Legge regionale n.11, 29 aprile 2015 Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di 1 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO Regio decreto 523/1904 (testo unico sulle opere idrauliche) Legge

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA D.G.R. n. 7/7868 del 25/01/2002 della Regione Lombardia L.R. n.

Dettagli

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO COME DEFINITO DALLA D.G.R. 7/7868 del 25/01/2002 e s.m.i. Relazione tecnica illustrativa Maggio 2009 Aggiornamento: Marzo

Dettagli

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 )

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA A CURA DI: STUDIO

Dettagli

LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR)

LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR) LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR) -Progetto di variante edilizia al P.d.C.202/06 del 20/11/2007- RELAZIONE IDROGEOLOGICA AI SENSI

Dettagli

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848)

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848) COMUNE DI BARLASSINA Provincia di MILANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/1566/05 Integrazione

Dettagli

COMUNE DI BOLLATE Provincia di MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE RELAZIONE

COMUNE DI BOLLATE Provincia di MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE RELAZIONE COMUNE DI BOLLATE Provincia di MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE D.G.R. 25 gennaio 2002 n. 7/7868, modificata dalla D.G.R. 1 agosto 2003 n. 7/13950 CRITERI PER L ESERCIZIO

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

COMUNE DI BRANDICO REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA IDRAULICA

COMUNE DI BRANDICO REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA IDRAULICA Regione Lombardia Provincia di Brescia COMUNE DI BRANDICO RETICOLO IDRICO MINORE (ai sensi D.G.R. n.7/7868 del 25-01-2002, n.7/13950 del 01-08-2003, D.D.G. n. 8943 03-08-2007, D.G.R. n. 8/8127 del 01-10-2008)

Dettagli

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. N. 1449 IN 30/11/2012 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA RICHIAMATI: il

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia RETICOLO IDRICO MINORE DEL TERRITORIO COMUNALE - PARTE NORMATIVA - REV 00: FEBBRAIO 2008 REV 01: GIUGNO 2009 REV 02: MARZO 2010 P A PROFESSIONE AMBIENTE

Dettagli

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08.

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08. MARCA DA BOLLO Comune di Capannori (Prov. di Lucca) Al Sindaco del Comune di Capannori Piazza Aldo Moro, 1 55012 Capannori (LU) Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art.

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

IDROGEA SERVIZI s.r.l. Via Sanvito Silvestro 55 21100 Varese www.idrogea.com - Email: idrogea@idrogea.com

IDROGEA SERVIZI s.r.l. Via Sanvito Silvestro 55 21100 Varese www.idrogea.com - Email: idrogea@idrogea.com COMUNE DI ERBUSCO (Provincia di Brescia) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE D.G.R. 25 gennaio 2002 n. 7/7868, modificata dalla D.G.R. 1 agosto 2003 n. 7/13950 CRITERI PER L ESERCIZIO

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 191 ALLEGATO D CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 1. PREMESSA. Il presente documento, in attuazione della legge 1/2000, fornisce criteri e indirizzi ai comuni

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA IDRAULICA

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA IDRAULICA Comune di COSTA MASNAGA (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA IDRAULICA (ai sensi dell art. 3 comma 114, della L.R. 1/2000 e della D.G.R. VII/7868/2002 e s.m.i.) Il SINDACO INDICE CAPO PRIMO

Dettagli

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 1. Premessa. Il presente documento, in attuazione della legge 1/2000, fornisce criteri e indirizzi ai comuni per la ricognizione

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLLAMENTTO COMUNALLE DII POLLI IZZI IA IDRAULLI I ICA ai sensi della D.G.R. 7/7868 del 25.01.2002 e successiva D.G.R. 7/13950 del 01.08.2003 Pagina 1 di 35 INDICE

Dettagli

Il Consorzio di Bonifica delle Marche

Il Consorzio di Bonifica delle Marche Il Consorzio di Bonifica delle Marche CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE Caratteri generali Costituito e regolato dalla L.R. 17 giugno 2013 n. 13, di «riordino degli interventi in materia di bonifica e

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE E ATTIVITA DI POLIZIA IDRAULICA

RETICOLO IDRICO MINORE E ATTIVITA DI POLIZIA IDRAULICA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI BRUSAPORTO RETICOLO IDRICO MINORE E ATTIVITA DI POLIZIA IDRAULICA 1 Indice 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 3 2 DEFINIZIONI... 3 3 COMPETENZE... 4 4 OBIETTIVI E CRITERI... 6

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 25 ottobre 2012 n. IX/4287 RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI DI REGIONE LOMBARDIA E REVISIONE DEI CANONI DI

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano)

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/7374/08 Integrazioni

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

COMUNE DI CAMPARADA. Piazza Municipio, 01 20050 CAMPARADA (MI) RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI CAMPARADA. Piazza Municipio, 01 20050 CAMPARADA (MI) RELAZIONE TECNICA COMUNE DI CAMPARADA Piazza Municipio, 01 20050 CAMPARADA (MI) RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA REALIZZAZIONE DELLO STUDIO DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE DEL TERRITORIO COMUNALE DI CAMPARADA SECONDO QUANTO

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

Piano di Risanamento Fiume Lambro

Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano per l avvio e la messa a sistema delle attività di polizia idraulica Triuggio, Luglio 2013 INDICE 1. PREMESSA 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 4 2.1. Nazionale 4 2.2.

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale PROVINCIA DI ROMA Regolamento di disciplina del procedimento di autorizzazione alla realizzazione di opere idrauliche di competenza provinciale Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 36 del

Dettagli

ai sensi della D.G.R. 7/7868 del 25.01.2002 e successiva D.G.R. 7/13950 del 01.08.2003

ai sensi della D.G.R. 7/7868 del 25.01.2002 e successiva D.G.R. 7/13950 del 01.08.2003 Pagina 1 di 36 ai sensi della D.G.R. 7/7868 del 25.01.2002 e successiva D.G.R. 7/13950 del 01.08.2003 Pagina 2 di 36 INDICE!!! "" " #!! $ #!!!! %!!! ART. 14.1 OPERE DI ATTRAVERSAMENTO... 24 ART. 14.2 OPERE

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

COMUNE DI BRIVIO. Via Vittorio Emanuele II - 23883 Brivio Provincia di Lecco NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RELATIVE AL RETICOLO IDRICO MINORE

COMUNE DI BRIVIO. Via Vittorio Emanuele II - 23883 Brivio Provincia di Lecco NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RELATIVE AL RETICOLO IDRICO MINORE Consulenze Geologiche, Geotecniche e Ambientali di Antonio Galizzi Geologo COMUNE DI BRIVIO Via Vittorio Emanuele II - 23883 Brivio Provincia di Lecco NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RELATIVE AL RETICOLO

Dettagli

COMUNE DI ORSENIGO (CO)

COMUNE DI ORSENIGO (CO) Geologia Applicata, Geotecnica, Idrogeologia,Geologia Ambientale, Pianificazione Territoriale, Percorsi geologico-storico naturalistici Via Edison 18/a; 23875 Osnago (Lc) tel/fax 039-587201 Frazione Olgiasca

Dettagli

STUDIO DI DEFINIZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE

STUDIO DI DEFINIZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE Comuni di Ardesio, Castione della Presolana, Cerete, Clusone, Fino del Monte, Gandellino, Gorno, Gromo, Oltressenda Alta, Oneta, Onore, Parre, Ponte Nossa, Premolo, Rovetta, Songavazzo, Valgoglio, Villa

Dettagli

DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA

DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA Data Spettabile CONSORZIO DI BONIFICA RIVIERA BERICA Via Circonvallazione, 2 36040 SOSSANO (VI) Oggetto: Corsi d acqua pertinenti alla bonifica

Dettagli

Governo delle acque e del territorio

Governo delle acque e del territorio Governo delle acque e del territorio Indicazioni per una gestione comunale Sala Puerari Museo Civico Cremona 22/07/2010 1 Quadro Acque Cremona La realtà cremonese è interessata da un sistema delle acque

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI VINCOLO IDROGEOLOGICO (L.R. 39/2000 LEGGE FORESTALE DELLA TOSCANA Art. 40) Approvato con deliberazione

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE Norme di attuazione - Direttive di Piano 5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE approvata con deliberazione di C.I. n. 1 in data 15 aprile 1998

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA A SUPPORTO DEL P.G.T. Allegato n 3 NORME GEOLOGICHE DI PIANO

DEFINIZIONE DELLA COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA A SUPPORTO DEL P.G.T. Allegato n 3 NORME GEOLOGICHE DI PIANO COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO (MONZA E BRIANZA) DEFINIZIONE DELLA COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA A SUPPORTO DEL P.G.T. Allegato n 3 NORME GEOLOGICHE DI PIANO ADOZIONE PUBBLICATO ALL'ALBO

Dettagli

Difesa del Suolo in Abruzzo

Difesa del Suolo in Abruzzo Difesa del Suolo in Abruzzo Tematiche : Problemi concernenti la competenza reti di scolo particolare riferimento al c.d. reticolo minore. Aspetti normativi. L.R. n 19 n del 16/07/2013 Modifiche ed integrazioni

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

REGOLAMENTO NORMATIVO

REGOLAMENTO NORMATIVO STUDIO PEZZAGNO - Ingegneria civile idraulica Dott. Ing. Francesco PEZZAGNO Albo di Brescia n 960 - Dott. Ing. Paolo PEZZAGNO Albo di Brescia n 2706 Allegato n 2 Comune di Capriano del Colle Provincia

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE

A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE L intero territorio di Onore è stato oggetto di uno studio delle sue peculiari caratteristiche geologiche,

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO)

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO) Pratica Edilizia n.... Prot. n.. del.. DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO per SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA' Articolo 84, comma 2, L.R. n 1 del 3 gennaio 2005 e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque.

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque. 12/8 CONDIZIONAMENTI IDROGEOLOGICI 1. Il P.R.G.C. individua alla tav. P3a-b Carta di Sintesi geomorfologica le aree in cui le condizioni idrogeomorfologiche impongono limitazioni agli interventi consentiti

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO (CO)

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO (CO) COMUNE DI ALBESE CON CASSANO (CO) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE Di competenza comunale ai sensi della Del. G.R. n. 7/7868 del 25 /01/02 AREA Studi Ambientali dott. geol. Alessandro Ciarmiello

Dettagli

Studio geologico a supporto della pianificazione urbanistica

Studio geologico a supporto della pianificazione urbanistica Provincia di Brescia Studio geologico a supporto della pianificazione urbanistica Aggiornamento previsto dalla L.R. 11 marzo 2005 n 12 Regione Lombardia - Parere favorevole del 19/07/2013 prot 3129 Tit.

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino. Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po

Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino. Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po I principi della L. 183/89 Interdisciplinarietà: visione integrata delle dinamiche acqua suolo

Dettagli

--------------------------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------- D.P.R. 14 aprile 1993 "Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale." Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Comune di Calvenzano. Provincia di Bergamo. DETERMINAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE (ai sensi della DGR del 25 gennaio 2002 n.7/7868 e successive)

Comune di Calvenzano. Provincia di Bergamo. DETERMINAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE (ai sensi della DGR del 25 gennaio 2002 n.7/7868 e successive) Comune di Calvenzano Provincia di Bergamo Comune di Calvenzano Provincia di Bergamo RELAZIONE TECNICA Via Borfuro 2, Bergamo INDICE 1. Premessa 2 2. Introduzione alla normativa 6 3. Individuazione del

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2)

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) NORME GEOLOGICHE DI ATTUAZIONE (N.G.T.) IL GEOLOGO Dr Giovanni Bassi Settembre 2004 RIC-40-04

Dettagli

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000).

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000). Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Deposito Temporaneo di rifiuti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

Regolamento per la disciplina degli interventi ed attività nei corsi d acqua pubblica, loro pertinenze e negli ambiti di salvaguardia idraulica

Regolamento per la disciplina degli interventi ed attività nei corsi d acqua pubblica, loro pertinenze e negli ambiti di salvaguardia idraulica PROVINCIA DI PISA Dipartimento del Territorio Servizio Difesa del Suolo e Protezione Civile UO Idraulica Regolamento per la disciplina degli interventi ed attività nei corsi d acqua pubblica, loro pertinenze

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ;

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ; CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE PRODUTTIVA DEGLI AMBITI TERRITORIALI ESTRATTIVI (Art. 11 della L.R. 8 Agosto 1998, N. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze

Dettagli

NORME GEOLOGICHE PER LE AZIONI DI PIANO Giugno 2013 - Rev. 01

NORME GEOLOGICHE PER LE AZIONI DI PIANO Giugno 2013 - Rev. 01 Provincia di Pavia Regione Lombardia COMUNE DI TORRE BERETTI E CASTELLARO A cura di: COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA (ai sensi dell'art. 57 comma 1 della L.R. 12/2005 - DGR N. VIII/1566 del

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

COMUNE DI (PAVIA) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE RELAZIONE. maggio 2005

COMUNE DI (PAVIA) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE RELAZIONE. maggio 2005 COMUNE DI CASATISMA (PAVIA) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE RELAZIONE maggio 2005 Dr. ALBERTO MACCABRUNI - Geologo - via Roma, 15-27040 CASATISMA (PV) tel. 0383-891809; fax 891000; E-mail: macbruni@tin.it

Dettagli

Provincia della Spezia - Piano di Bacino Ambito 18 - Ghiararo

Provincia della Spezia - Piano di Bacino Ambito 18 - Ghiararo FINALITÀ, CONTENUTI ED ELABORATI DI PIANO... 2 Art. 1 - Finalità generali del Piano.... 2 Art. 2 - Ambito di applicazione.... 3 Art. 3 - Oggetto del Piano... 3 Art. 4 - Elaborati di Piano... 3 DISCIPLINA

Dettagli

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Prot. n. 5991 del 29 Novembre 2001 Oggetto : Servizio autorizzativo al cittadino: Linee guida per progetti riguardanti la viabilità montana e rurale Al Presidente della COMUNITA' DEL PARCO VALLO DELLA

Dettagli

Città di Cologno Monzese

Città di Cologno Monzese REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Città di Cologno Monzese PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PARZIALE DI ADEGUAMENTO ALLE FASCE P.A.I. Adottata con deliberazione di C.C. n. 39 del 14.12.2010 PIANO

Dettagli