RISCRITTURA DELLE EQUAZIONI DEL METODO DELL INVASO PER CURVE DI POSSIBILITA PLUVIOMETRICA A TRE PARAMETRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISCRITTURA DELLE EQUAZIONI DEL METODO DELL INVASO PER CURVE DI POSSIBILITA PLUVIOMETRICA A TRE PARAMETRI"

Transcript

1 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni RICRITTURA DELLE EUAZIONI DEL METODO DELL INAO PER CURE DI POIBILITA PLUIOMETRICA A TRE PARAMETRI ing. Mrtino Cerni. Premess Con queste note si intende resentre l generliione er le urve di ossiilità luviometri tre rmetri delle equioni risolutive del metodo dell invso, seondo l lssi formulione roost d Umerto Puini (923). Inftti nei mnuli di ostruioni idrulihe, o iù in generle nei testi he trttno di idruli, il metodo dell invso è qusi semre roosto suonendo he il legme tr l lte di ioggi h (mm) e l su durt t i l seguente form: h n τ [] dove e n sono i due rmetri dell urv di ossiilità luviometri rivti in se llo studio sttistio dei dti di ioggi misurti. Nelle riflessioni he seguono si utilierà invee un urv di ossiilità luviometri tre rmetri osì esress: h τ [2] ( + τ ) rà inoltre illustrto l uso di un semlie foglio di lolo Exel er l stim del volume di invso d reerire l fine di ssiurre l invrin idruli (ex DGR mggio 26 n.322 e ss.mm.ii.). Il modello di lolo, ome le telle e i grfii llegti soo esemlifitivo, fnno rori i risultti dello studio Anlisi regionlit delle reiitioni er l individuione di urve segnltrii di ossiilità luviometri di riferimento ommissionto dl Commissrio Delegto er l emergen idruli onseguente l evento del 26 settemre 27 (OPCM n. 362 del 8//27) ll soietà Nordest Ingegneri.r.l.. A tle studio, sriile fendone rihiest dl sito si rimnd er ogni duio o hirimento. L resentione del metodo dell invso, delle sue eulirità e dei suoi limiti srà ridott l minimo se non ddirittur trlsit: in lettertur sono disoniili trttioni di en iù mio resiro e on mggiore rofondimento didttio; l intento di queste gine è unimente quello di resentre uno strumento (le equioni, le telle e il semlie rogrmm) filmente utiliile dl rofessionist, sen erò trlsire le indiioni essenili er l su omrensione e er il suo orretto imiego. Puini, U. Il lolo dei nli di onifi, Il Monitore Tenio, N , Milno, 923. Lo studio estende i nli di onifi le intuiioni del Pldini (92) e del Fntoli (94) reltive l lolo dell ortt dell fogntur di Milno. uessivmente l Puini ltri insigni idrulii, ome uino, Mssri, Del Pr, Ongro, hnno erfeionto l esressione del oeffiiente udometrio del metodo dell invso. Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

2 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni In quest sede, quindi, i limiteremo riordre le iotesi di se e rilre muttis mutndis i ssggi logio mtemtii esosti on estrem hire nel mnule di Fognture (Ediioni Lireri Cortin, Pdov, 997) dei rofessori D Deo e Dtei (resso l Università degli tudi di Pdov), ui si rimnd nhe er l desriione delle vriili involontrimente introdotte sen l oortun definiione. 2. Il metodo dell invso Il metodo dell invso mette in eviden l effetto eseritto dll geometri dell rete e dgli invsi distriuiti nel ino nell formione dell ortt di ien, in rtiolre l loro funione regoltrie e limittrie dei deflussi. L ide ll se del metodo tre origine dll osservione dell reltà fisi nell qule, l verifirsi di un ioggi, ontemornemente l deflusso d un generi seione dell rete, vi è il riemimento dell rete sottes dll seione stess. uest lese onsiderione, he trdue l eviden he nessun deflusso otree verifirsi d un seione se nell rete monte non si immginsse un deguto volume d qu resonsile del rio idrulio neessrio er il moto, esrime il riniio di ontinuità (onservione dll mss) er le reti idrulihe. In ltri termini, in ogni istnte deve essere verifito il ilnio dei volumi nell rete sottes d un generi seione, er ui il volume d qu he, in un generio intervllo di temo, ffluise dl suolo ll rete è ri l volume he, nello stesso intervllo di temo, defluise dll seione e ll inremento del volume invsto, nello stesso temo, nell rete monte dell seione onsidert. Rissumendo on l hire e l univoità del linguggio mtemtio iò equivle orre: dove: dt dt + d [3] (t) rresent l ortt ffluente ll rete ll istnte t ( ioggi nett ), he uò esser esliitt osì: j essendo: f è il oeffiiente d fflusso, j l intensità dell ioggi e è l suerfiie solnte. (t) indi l ortt he defluise ttrverso l seione di hiusur del ino e diende dl volume invsto (t); d è l vriione del volume invsto (o svsto) monte dell seione nell intervllo temorle dt. Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

3 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni Assieme ll equione di ontinuità [3], l ltro rdine teorio su ui si s il metodo dell invso, ome ogni ltro modello idrulio deterministio seur di genesi onettule, è rresentto dll equione del moto 2 : y + s v g v v + i s g t f 2 v + K R H [4] essendo: y il tirnte d qu; s l siss; v l veloità medi; K il oeffiiente si sre seondo Gukler trikler; R H il rggio idrulio; i f l enden del fondo; g l elerione di grvità. Il metodo dell invso ssume un formulione ssi semlifit er l equione del moto: sono inftti ignorti i termini onvettivi e inerile ritenuti trsurili risetto gli ultimi due. i suone quindi he il fenomeno si lent evoluione risetto l temo e llo sio, osì d oter esser rossimto d un suessione di stti di moto uniforme. L [4] divent llor: v K R 2 3 H i f oure: v 2 3 ( A P) i A 2 3 A A K RH i f A K f [5] vendo indito on A l re dell seione liquid ( re gnt ), on P il erimetro gnto dell seione e on l esonente dell sl delle ortte (tiimente.5 er seioni erte e. er seioni hiuse). Rissumendo, il metodo dell invso semlifi l equione del moto, he rigore dovree esser trttto ome vrio, riduendol quell del moto uniforme [5] mentre l equione di ontinuità è esress trmite l equione dei sertoi [3]. A questi due resuosti oi si ggiungono le ltre iotesi oertive e semlifitive he sono: funionmento utonomo dell rete idruli: il deflusso tr i singoli tronhi dell rete ome ure dll rete l reiiente (reito finle) non è influento di livelli idrometrii vlle, non è lun vinolo 2 In idruli, il moto delle orrenti unidimensionli (ome nel so in esme) è governto dl sistem di equioni del De int ennt (87), ostituito dll equione dinmi, rivile dl riniio di onservione dell energi o dl riniio di onservione dell quntità di moto (II legge dell Meni), e dll equione di ontinuità o onservione dell mss. Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

4 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni di interruione o di limitione dell ortt e ogni elemento dell rete non uò esser rigurgitto dll elemento rievente; funionmento sinrono dell rete: durnte l ien, tutti gli elementi dell rete rggiungono ontemornemente lo stesso stto idrulio; moto uniforme: ome già illustrto iò signifi iotire he il elo liero nell rete trsli rllelmente l fondo e quindi, in rgione dell sinroni di funionmento, he oss esser istituito, seur on molte riserve, un legme linere tr l re A dell seione liquid e il volume invsto. rete iniilmente vuot: quest iotesi è frequentemente verifit in reti fognrie mentre trov ohi risontri er qunto onerne le reti di onifi e i orsi d qu nturli; ioggi di intensità ostnte. All lue di queste iotesi, il metodo dell invso si roone di fornire l esressione dell ortt di io, ovvero del orrisondente oeffiiente udometrio, he defluise ttrverso ogni ritrri seione di hiusur. i trtt quindi di integrre l [3], oortunmente omlett dll [5], e verifire se er un dt ioggi, di durt e intensità note, il ino si in grdo di invsre l qu ffluit, semre iotindo he l fflusso ll rete omini ll iniio dell ioggi e termini nell istnte estto in ui h fine l reiitione. Assumendo quindi, ome imosto dl moto uniforme, he il volume si linermente legto ll re A dell seione liquid, osti A e risettivmente l mssim re ed il mssimo volume si h: A [6] A Dll [5], se si indi on l ortt mssim he il nle uò ondurre, si h ossi: A A A ostituendo, grie ll [6], il rorto tr le ree A/A on quello tr i volumi / si ottiene: ed esliitndo il volume: Pertnto essendo er l [7]: [7] d d d dt d dt Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

5 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni l equione di ontinuità [3] diviene: ( d dt he orrisonde : dt ( [8] Indito oi on il rorto istntneo tr l ortt e l ioggi nett : e quindi e d d si uò eliminre il termine dll equione ottenendo: d dt ( ( d [9] Integrndo l [9] tr t e tt r (temo di riemimento) ovvero tr (ossi, istnte iniile) e / si h 3 : Indindo: t r dt ( ( ( d t r k k k + [] k k k + ξ () si giunge ll esressione del temo di riemimento: t r ( ξ () ξ () [] Riordndo or he l ioggi nett ossi l ortt he ffluise ll rete h l seguente esressione: j 3 L integrle seondo memro dell [] si semlifi grie ll sostituione: k k ( d k k ( d L osiione è leit erhé esiste l somm serie: inftti durnte l resit dell ond di ien l serie è uniformemente onvergente essendo <. Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

6 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx e he, in se ll urv di ossiilità luviometri [2] e er le iotesi ssunte, l intensità di ioggi 4 è dt d: ( ) h j τ +τ è ossiile esliitre l esressione dell durt t dell ioggi ome segue. j τ τ Infine utilindo l esressione di si ottiene: τ [2] i egugli or l esressione del temo di riemimento [] on quell del temo di ioggi [2] t r t, osì d oter orre e quindi esliitre l esressione dell ortt di io. () t r ξ τ [3] Con semlii ssggi mtemtii dll [3]: () ξ + si esliit : () + ξ [4] Dll [4] tenuto onto dell osiione / ossi / si riv l esressione del oeffiiente udometrio: 4 A rigore inftti l esressione riortt rresent l intensità medi di un ioggi di durt t.

7 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni u v u ξ () + Dove v / è il volume seifio invsto; riordinndo ulteriormente l esressione reedente si h: u ( v () + u) ( ) ξ [5] L [5] ermette di lolre il oeffiiente udometrio ssegnte le rtteristihe luviometrihe dll re (oeffiienti, e ) e le rtteristihe idrologihe e geometrihe del ino e dell su rete (f e v ); rest unimente d definire il vlore di. L soluione dell [5] v riert, in modo itertivo essendo l esressione imliit, segliendo il vlore di he rende mssimo il oeffiiente udometrio u. Per determinre il vlore di (diendente d j) he rende mssimo il oeffiiente udometrio si roede onendo l ondiione du/d ( inftti è l uni vriile). L ondiione di mssimo er il oeffiiente udometrio uò esser filmente individut numerimente, er esemio on il metodo dell sente (Regul Flsi). L [5] ovvimente rresent un generliione dell formul del oeffiiente udometrio seondo il metodo dell invso lolto rtire dll urv di ossiilità luviometri due rmetri []. Inftti ssumendo e -n e quindi: si h dll [5]: u h τ h n ( + τ ) τ n τ τ n n n ( v ξ () ) ( ) v ξ () n ( ) ( ) n n he è l usule esressione reeriile in lettertur (D Deo e Dtei, 997). 3. Aliione del metodo dell invso: lolo dei volumi d reerire i fini dell invrin idruli i sfrutt or l teori dell invso er stimre i volumi d reerire er ssiurre l invrin idruli (in termini di ortt mssim srit) di un qulsisi intervento sul territorio. Per fr questo si utilierà il metodo dell invso seondo uno shem logio inverso risetto quello sor resentto e lle onsuete liioni idrologihe. Inftti, nell rssi quotidin, il metodo dell invso è imiegto er stimre l ortt di io genert d un ino on ssegnte rtteristihe geometrihe e idrologihe: è noto quindi d riniio, ssieme d ltri rmetri, il volume di invso disoniile. Nel lolo dell invrin idruli invee è not riori l ortt mssim he si vuole srire (imost dlle ondiioni nte oerm del ino) mentre il volume di invso è l inognit d determinre. Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

8 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni Esliitndo dll [5] il volume di invso seifio si h: v ( ) u u [6] ξ () Assegnti i rmetri dell urv di ossiilità luviometri (, e ), il grdo di imermeiliione del terreno (f), l [6] 5 onsente di stimre il volume di invso seifio neessrio erhé il sistem srihi l mssimo l ortt orrisondente l oeffiiente udometrio imosto u. 3.2 Utilio del foglio di lolo Exel Nel semlie rogrmm di verifi llegto è imlementto il metodo sor illustrto. I dti in inut d inserire ur dell Utilitore sono: il Comune ll interno del ui territorio ride l mito in studio (menù tendin); il temo di ritorno (TR) on il qule svolgere le elorioni, tiimente 5 nni (menù tendin); l suerfiie dell mito (m 2 ); il oeffiiente di fflusso medio rtteristio dell mito; il vlore dell esonente dell sl delle ortte; il oeffiiente udometrio u imosto llo srio (tiimente l/s,h). Il rogrmm questo unto h tutti gli elementi er trovre l soluione: i risultti restituiti (oltre ll rietiione di dti in inut del Comune e del temo di ritorno) sono: i rmetri, e dell urv di ossiilità luviometri ssieme ll denominione dell on luviometri ll interno dell qule ride il Comune seleionto; il volume di invso seifio (m 3 /h); il volume di invso neessrio (m 3 ). 3.3 Esemio numerio A titolo eslitivo si resent un esemio dell imiego del foglio elettronio. i d lolre il volume neessrio er grntire l invrin idruli er un re di 7 m 2, medimente imermeilit (oeffiiente d fflusso f.6) situt nel Comune di enei. 5 Come er l esressione del oeffiiente udometrio [5] nhe in questo so isogn rierre numerimente il vlore di he mssimi u, nhe se on minor omliioni essendo quest volt l formul [6] esliit. Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

9 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni L ortt mssim mmess llo srio è di 7 l/s orrisondente d un oeffiiente udometrio di l/s, h. Il temo di ritorno rihiesto è 5 nni. i suong di invsre il volume ll interno delle ondotte di rolt e srio delle que meteorihe. eleionti il Comune (enei) e il temo di ritorno (5 nni) trmite i orrisondenti menù tendin e inseriti i vlori del oeffiiente d fflusso (f.6), del oeffiiente udometrio imosto llo srio ( l/s,h), dell esonente dell sl delle ortte (.) e dell suerfiie (7 m 2 ) il rogrmm restituise il seguente risultto: riete il Comune (enei) e il temo di ritorno (5 nni) imostti; individu, tr le quttro mroree omogenee dl unto di vist luviometrio nelle quli è stto suddiviso il territorio oggetto dell nlisi regionlit, quell ll qule rtiene il Comune (ZONA COTIERA E LAGUNARE); seleion i rmetri (39.7 mm min ), (6.4 min) e (.8) dell urv di ossiilità luviometri; lol i vlori del volume seifio (643 m 3 h ) e del volume d invso d reerire (45 m 3 ). Conludendo, er grntire il risetto dell invrin idruli in questo so il rogettist dovrà reerire lmeno 45 m 3 di volume di invso. INPUT Comune di enei Tr 5 nni f.6 u l/s,h. 7 m 2 OUTPUT on ostier e lgunre 39.7 mm min 6.4 min.8 se 643 m 3 h 45 m 3 Infine si dimostr ome lo stesso risultto oss esser ottenuto medinte l uso di semlii hi e telle, riortti nelle gine seguenti. Post sritum: A seond del livello di roteione Mro imostto in Exel, i rogrmmi otreero rihiedere di ilitre l eseuione delle mro. 4. Biliogrfi D Deo, L. e Dtei, C. Fognture, Ediioni Lireri Cortin, Pdov, 997. Fiume, A. Anlisi regionlit delle reiitioni er l'individuione di urve segnltrii di ossiilità luviometri di riferimento, Commissrio Delegto er l Emergen onernente gli eeionli eventi meteorologii del 26 settemre 27 he hnno olito rte del territorio dell Regione eneto. OPCM n. 362 del 8//27, enei, 29. Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

10 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni Zon ostier e lgunre - Tr 5 nni 39.7 [mm min - ] 6.4 [min].8 [-] Esonente dell sl delle ortte Comuni: Cmgn Lui, Cmolongo Mggiore, Cmonogr, Csle sul ile, Csier, Cvllino-Treorti, Chioggi, Dolo, Fiesso d'artio, Fosso', Mron, Mir, Mirno, Moglino eneto, Pinig, urto d'altino, ine, tr, enei. OLUME DI INAO PECIFICO [m 3 /h] NECEARIO PER OTTENERE L'INARIANZA IDRAULICA - METODO DELL'INAO f Coeffiiente udometrio imosto llo srio [l/s,h] Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

11 Risrittur delle equioni del metodo dell invso er urve di ossiilità luviometri tre rmetri Uffiio Pinifiione e viluo Nuove Oere ing. Mrtino Cerni olume di invso neessrio [m³/h] olumi di invso neessri er ottenere l'invrin idruli - Metodo dell'invso lori esressi in funione del oeffiiente di fflusso f e del oeffiiente udometrio imosto u llo srio Zon ostier lgunre - Tr 5 nni (CPP 3 rmetri) - eioni hiuse u2 l/s h u5 l/s h u l/s h u5 l/s h u2 l/s h u25 l/s h u3 l/s h u35 l/s h u4 l/s h u45 l/s h u5 l/s h Coeffiiente di fflusso medio f Consorio di onifi Aque Risorgive 374 ENEZIA i Rovereto, 2 C.F.: Tel Fx

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI. ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ERCIZI SURUFFINI

ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI. ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ERCIZI SURUFFINI Esercii dell leione di Alger di se ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ES ES ERCIZI SURUFFINI ERCIZI SULLE SEMPLIFICAZIONI DI FRAZIONI

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE:

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: DAI MODELLI TRADIZIONALI AI NUOVI APPROCCI REAL-TIME TEMPERATURE MINIMUM PREDICTION: FROM TRADITIONAL MODELS TO NEW APPROACHES Stefno Dll Nor 1, Emnuele

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)?

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)? 1. Qule ei metoi ell eleno è ppliile ll ossizione ell iio? Menio Iniezione Chimio A sintill 2. Qule elle seguenti frsi rigur l punzontur? È un lvorzione lo he non inue grne eformzione el pezzo È un lvorzione

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 UNITÀ DIDATTICA 7 CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE IN QUESTA UNITÀ IMPAREREMO... onosere le norme he regolno il iritto

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte. Risposta corretta: 1502 CHE COS'È UN BYTE?

1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte. Risposta corretta: 1502 CHE COS'È UN BYTE? 1501 QUL È L'UNITÀ DI MISUR PER MISURRE L PIENZ DELL'HRD DISK? a) it b) Kbyte c) Gigabyte 1502 HE OS'È UN YTE? a) Un insieme di 256 bit b) Un gruppo di 8 bit c) Un carattere che può assumere solo i valori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

SCHEDA TERRENI - GESIM

SCHEDA TERRENI - GESIM DATA 24/10/2014 ORA 14.56.09 UTENTE WS8 PAGINA 1 CONSOR06 CONSORZIO PER LO SVULUPPO INDUSTRIE PROVINCIA 80001270570 O COD.SOGGETTO CONTRIBUENTE CODICE FISCE PV INDIRIZZO D PARTITA FOGLIO PARTICELLA SUB

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco a, pensiero Chorus of Hebre Slaves from erdi s Nabuo a, pensiero, sull ali dorate; a, ti posa sui livi, sui olli, Ove olezzano tepide e molli L aure doli del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli